Greg Iles Una faccenda privata

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Greg Iles Una faccenda privata"

Transcript

1 Greg Iles Una faccenda privata Traduzione di Marco Amato

2 Titolo originale dell opera: Third Degree 2007 by Greg Iles All rights reserved. Questo romanzo è un opera di fantasia. Personaggi e situazioni sono invenzioni dell autore o hanno lo scopo di conferire veridicità alla narrazione e sono quindi utilizzati in modo fittizio. Qualsiasi analogia con fatti, eventi, luoghi e persone, vive o scomparse, è puramente casuale. I Edizione Piemme Bestseller, giugno EDIZIONI PIEMME Spa Milano - Via Tiziano, Anno Edizione Stampa: Mondadori Printing Spa - Stabilimento NSM - Cles (TN)

3 Capitolo 1 Ancora nel limbo tra il sonno e la veglia, Laurel allungò la mano e la infilò tra la sponda del letto e il materasso, cercando di riconnettersi con il mondo. Il metallo freddo del cellulare le provocò un brivido e un attimo dopo era completamente sveglia, mentre voltava lentamente la testa sul cuscino... Al suo fianco il letto era vuoto. Sembrava che suo marito Warren non ci avesse neppure dormito. Resistendo all impulso di controllare se ci fossero messaggi, nascose di nuovo il cellulare, poi scese dal letto e a passi silenziosi raggiunse rapidamente la porta della camera. Il corridoio era deserto, ma dei rumori, come degli strani colpi, provenivano dallo studio. Laurel sgusciò lungo il corridoio e si affacciò nella grande stanza. Sull altro lato del vasto open space, nella zona-studio, vide Warren in piedi davanti alla libreria. A terra, davanti a lui c era una mezza dozzina di libri di medicina, altri stavano sul divano di pelle rossa lì accanto. Restò a guardare mentre Warren, piuttosto arrabbiato, prese dalla libreria altri volumi, sei o sette alla volta, per ammucchiarli a casaccio sul divano. Aveva i capelli biondi arruffati e indossava gli stessi abiti del giorno prima. Forse stanotte non era andato davvero a letto. Normalmente Laurel si sarebbe preoccupata, ma oggi socchiuse gli occhi, sollevata, e si affrettò a tornare verso la camera. 7

4 Quando entrò nel bagno, un nodo le stringeva alla gola. Per giorni aveva rinviato quella decisione, sperando di poterla evitare, ma ormai non le restava altra scelta. Era determinata ad andare fino in fondo, anche se parte di lei resisteva a quell idea. La mente, pensò, è capace di tutto pur di negare o sorvolare su certe realtà. In ginocchio davanti al lavandino, frugò nell armadietto, prese una busta della farmacia Walgreens e la portò nel cubicolo dove stava il water. Poi chiuse a chiave la porta, aprì la busta e prese una scatola di assorbenti da cui estrasse il piccolo astuccio di cartone che vi aveva nascosto il giorno prima, e su cui c era scritto test di gravidanza. Con dita tremanti strappò la bustina di plastica e prese uno stick che le ricordò quello che l aveva gettata nel panico a diciannove anni. Stranamente, era più spaventata adesso di quanto non lo fosse stata allora, quando ancora non era sposata. Tenendo lo stick tra le gambe, cercò invano di urinare. Qualcuno era entrato nel bagno? Uno dei bambini? Non sentendo respiri o rumori di passi, si sforzò di pensare ad altro: si concentrò sull incontro genitori-insegnanti programmato per quel giorno. Mentre i suoi pensieri andavano alle madri ansiose che avrebbe dovuto affrontare più tardi, tolse lo stick finalmente bagnato, poi chiuse gli occhi e cominciò a contare. Rimpianse di non aver portato con sé il cellulare. Era già una follia lasciarlo in camera con Warren in giro... ma tenerlo in casa era anche peggio. Il cellulare che Laurel chiamava il clone era un secondo telefono, identico a quello di famiglia, ma intestato a qualcun altro, in modo che a Warren non arrivassero le bollette. Era un sistema perfetto per le comunicazioni riservate, sempre che Warren non vedesse contemporaneamente entrambi i cellulari. Ma, nonostante quel pericolo, Laurel non riusciva a separarsi dal clone, anche se da cinque settimane non riceveva messaggi. 8

5 Laurel si accorse di aver contato per più di trenta secondi e aprì gli occhi. Lo stick aveva un aspetto più grazioso di quelli usati ai tempi del college, con un minuscolo display simile a quelli delle calcolatrici tascabili da quattro soldi. Non era più necessario riuscire a distinguere le sfumature di colore per sapere se c eri rimasta. Sotto i suoi occhi, in nitide lettere blu sullo sfondo grigio, apparve la scritta incinta. Laurel restò a guardare, in attesa che comparisse un non, prima di quella parola. Una speranza puerile, perché parte di lei conosceva già la verità senza bisogno di test: i seni troppo sensibili, la stessa nausea di quando era stata in attesa del suo secondo figlio. Mentre il nuovo slogan che pubblicizzava il test, Il test che non sbaglia mai, le risuonava in testa, continuava ad aspettare. Aveva sentito quelle parole almeno venti volte nelle ultime settimane, cinguettate in tv durante le stupide sit-com per bambini o i polizieschi che guardava Warren, mentre lei aspettava disperatamente che le arrivassero le mestruazioni. La scritta sullo stick non cambiava. Laurel cominciò a scuoterlo come faceva sua madre con il termometro, quando era bambina. incinta! Stava trattenendo il fiato da quando era apparsa quella parola sul display. Se non fosse stata seduta sul water sarebbe caduta a terra svenuta. Si appoggiò al muro, il volto freddo. Le salì in gola un singhiozzo e le suonò estraneo, come se qualcuno stesse piangendo oltre la porta. «Mamma?» disse Grant, il figlio di nove anni. «Sei tu?» Laurel cercò di rispondere, ma non riuscì a dire una parola. Mentre si copriva la bocca con le dita ancora tremanti, sul volto scorrevano le lacrime. «Mamma?» chiese la voce dietro la porta. «Va tutto bene?» Laurel riusciva a intravedere la piccola sagoma di Grant attraverso la griglia della porta. No tesoro, non va bene. Sono qui seduta sul water e sto per perdere la testa. 9

6 «Papà!» urlò Grant, senza muoversi. «Mi sa che la mamma si sente male.» Non mi sento male, piccolo, mi sta solo crollando addosso questo dannato mondo... «Sto bene tesoro» disse Laurel con voce strozzata. «Sto benissimo. Te li sei già lavati i denti?» Silenzio. «Hai la voce strana.» Laurel sentì che il peggio stava passando e che l istinto di sopravvivenza stava avendo la meglio. Lo shock del test di gravidanza l aveva emotivamente scossa, e aveva paura di perdere il controllo. Ma poi all improvviso, la gravidanza divenne una questione puramente accademica, un piccolo elemento da vagliare nella lunga lista dei sotterfugi quotidiani. Undici mesi di adulterio l avevano allenata a certi ignobili espedienti. Certo che la situazione era incredibile: avevano interrotto la relazione cinque settimane prima, senza ripensamenti; e adesso, ironia della sorte, era incinta. Ficcò lo stick nell astuccio, lo rimise nella scatola di assorbenti, che riinfilò nella busta. Dopo averla sistemata dietro il water, tirò lo sciacquone e si alzò. Grant stava aspettando oltre la porta. S immaginava la sua espressione vigile, pronta a cogliere qualsiasi segno d inquietudine della madre. Negli ultimi mesi Laurel aveva visto spesso quel viso attento, e ogni volta si sentiva trafitta dal senso di colpa. Grant sapeva che sua madre stava attraversando un momento difficile; lo sapeva meglio di suo padre, perché era molto più perspicace. Laurel si asciugò le lacrime, poi afferrò la maniglia, imponendo alle proprie mani di non tremare. La routine, pensò. La routine ti salverà. Recita la tua solita parte e nessuno noterà niente. Devi tornare a fare la brava mogliettina... Aprì la porta sorridendo. Grant, con indosso solo la maglietta da skateboard, teneva lo sguardo fisso verso di lei come un esperto in interrogatori. Aveva gli occhi di Laurel e la faccia di suo padre, ma la somiglianza si faceva ogni giorno 10

7 meno spiccata. Negli ultimi tempi Grant sembrava crescere con la rapidità di un cucciolo. «Beth si è svegliata?» gli chiese. «Ricordati che prima di uscire dobbiamo ripassare la lezione di ortografia.» Grant annuì, innervosito, senza staccare gli occhi dal volto della madre. «Hai le guance arrossate» notò. La voce, solitamente melodiosa, era fredda, sospettosa. «Ho fatto un po di flessioni per gli addominali.» Grant arricciò le labbra, rimuginando sulla spiegazione. «Hai fatto quelle facili o quelle difficili?» «Quelle difficili.» Laurel approfittò della perplessità di Grant per sgusciargli accanto e raggiungere il mobiletto. Si infilò una vestaglia di seta sopra la camicia da notte e imboccò il corridoio, diretta in cucina. «Puoi andare a vedere se Beth si è alzata?» disse a Grant. «Io intanto preparo la colazione.» «Papà fa delle cose strane» disse Grant turbato. Provando qualcosa di molto simile alla paura, Laurel si fermò e si voltò, fissando quella esile sagoma in piedi sulla soglia della camera. «Che vuoi dire?» chiese, voltandosi verso il figlio. «Sta buttando all aria il suo studio.» Ripensò a Warren che prendeva i libri dagli scaffali. «Credo che si tratti semplicemente di quella faccenda delle tasse di cui ti abbiamo parlato. È una cosa molto stressante, tesoro.» «Ma cos è un accertamento?» «È quando il governo vuole essere sicuro che hai pagato tutti i soldi che gli devi.» «E perché devi dare dei soldi al governo?» Laurel si sforzò di sorridere. «Per poter pagare le strade e i ponti e... l esercito, e cose del genere. Ne abbiamo già parlato, tesoro.» Grant sembrava poco convinto. «Papà dice che ti prendono i soldi così poi la gente pigra non deve lavorare. E così si 11

8 fa visitare dal dottore gratis, mentre la gente che lavora deve pagare.» Laurel non sopportava che Warren sfogasse davanti ai bambini le sue frustrazioni professionali. Non capiva che i bambini sono delle spugne? Assorbono qualsiasi cosa. O forse lo capiva? «Papà mi ha detto che sta cercando qualcosa» proseguì Grant. «E ti ha spiegato che cosa?» «Un pezzo di carta.» Laurel tentava di concentrarsi sulla conversazione, anche se il suo problema continuava ad assillarla. «Gli ho detto che volevo aiutarlo» continuò Grant con tono offeso. «Ma lui mi ha sgridato.» Laurel si sentì ancora più confusa. Non era da Warren comportarsi così. Come non lo era restare alzato tutta la notte con indosso i vestiti del giorno prima. Forse la faccenda dell accertamento era più grave di quanto le aveva fatto credere. Anche se non era niente in confronto alla propria situazione, quella sì che era una catastrofe. A meno che... No, pensò con angoscia, anche quella sarebbe una catastrofe. Si chinò e baciò Grant sulla fronte. «Hai dato da mangiare a Christy?» «Certo» rispose con ostentato orgoglio. Christy era la cagnetta dei bambini, una Welsh Corgi sempre più sovrappeso. «Adesso per favore vai a vedere se tua sorella è sveglia, tesoro. Io vado a preparare la colazione.» Grant annuì e Laurel si alzò. «Che ne dici di un french toast?» Le rivolse un sorrisetto forzato. «Facciamo due?» «Okay.» Laurel, quella mattina, non aveva alcuna voglia di incrociare lo sguardo di Warren. Di solito non doveva farlo. Il più 12

9 delle volte lui usciva presto per farsi dagli otto agli ottanta chilometri in bicicletta, un hobby che praticava in maniera ossessiva, e che occupava una bella fetta del suo tempo. Altre volte usciva presto per il turno di mattina in ospedale, mentre lei preparava i bambini per la scuola. Ma oggi, visto che Warren non si era neppure fatto la doccia, probabilmente sarebbe rimasto a casa finché lei non fosse uscita. Le tornò in mente la busta di Walgreens. C era una probabilità su un milione che Warren la notasse e ancora meno che vi guardasse dentro. Eppure, a volte, lo sciacquone perdeva acqua e smetteva solo muovendo la leva del galleggiante. Warren era assillato da queste cose. E se si fosse rimboccato le maniche per risolvere il problema? Chinandosi, avrebbe visto la busta, e magari l avrebbe gettata via con rabbia... Sono le cose da niente quelle che ti fregano. Danny glielo aveva detto tante di quelle volte che le era rimasto ben impresso nella mente. Parlava per esperienza: da adultero e da ex pilota da combattimento. Dopo un attimo di esitazione, Laurel tornò rapidamente in bagno, aprì una delle finestre, e gettò fuori la busta, che cadde dietro i cespugli. L avrebbe recuperata prima di andare a scuola, per poi buttarla nel cassonetto di qualche stazione di servizio. Mentre richiudeva la finestra, diede un occhiata al prato: un ampia distesa di erba bagnata di rugiada, delineata da alberi di pecan, che con l arrivo della primavera stavano mettendo le foglie. Era praticamente impossibile che qualcuno l avesse vista mentre svolgeva quella rapida operazione di smaltimento ; la loro casa sorgeva su un terreno di circa quattro ettari e quella degli Elfman, la più vicina su quel lato, distava almeno duecento metri, separata da una fitta vegetazione. Qualche volta Laurel aveva visto il vicino tagliare l erba lungo il confine della proprietà, ma era ancora troppo presto per quel genere di lavori. Prima che il peso psicologico della gravidanza la facesse ripiombare nei suoi pensieri, Laurel indossò dei pantaloni 13

10 neri a tre quarti e una camicetta di seta bianca, poi si truccò a tempo di record. Mentre si metteva l eye-liner, si rese conto di evitare il proprio sguardo almeno quanto quello di suo marito. Si allontanò dallo specchio per darsi un ultima controllata e il senso di colpa la travolse. Aveva esagerato con il trucco nel vano tentativo di nascondere i segni del pianto. Il volto che la fissava dallo specchio era quello di una bambolona, come la definivano sprezzantemente, in privato, parecchie donne. A causa della sua bellezza, sottovalutavano il suo lavoro, la sua energia, la sua dedizione alle buone cause... tutto. Di solito se ne fregava di ciò che pensava la gente, specie quelle streghe che spettegolavano continuamente su di lei. Ma oggi il test di gravidanza aveva confermato le loro più feroci insinuazioni. «Ma come cavolo ho fatto a ridurmi così?» sussurrò rivolta al proprio riflesso. L espressione di biasimo nei suoi grandi occhi verdi divenne insostenibile. Scacciò quei pensieri, poi si voltò e si affrettò lungo il corridoio, pronta ad affrontare la sua famiglia. I bambini avevano quasi terminato di fare colazione prima che Warren si affacciasse dallo studio. Laurel aveva lavato la padella e stava per voltarsi verso il tavolo di granito, dove i bambini finivano di mangiare i french toast, quando sorprese gli occhi cerchiati di Warren che la fissavano dalla soglia. Non si era rasato e quella leggera ombra sul mento e sulle guance gli dava un aria stranamente intensa. Aveva le occhiaie e l espressione del viso non lasciava trapelare nulla, a parte un vago rancore, che lei attribuì all avversione per i funzionari delle tasse. Laurel inarcò le sopracciglia, come a chiedergli tacitamente se voleva che lo raggiungesse per fare due chiacchiere, ma lui scosse la testa. «Se la terra continua a scaldarsi, l oceano comincerà a bollire, come quando prepari le uova sode con il tonno?» chiese Beth, la figlia di sei anni. 14

11 «No, testolina» la rassicurò Laurel. «Basta anche solo una minima variazione di temperatura a far sciogliere tutto quel ghiaccio al polo nord e al polo sud. E questo potrebbe avere gravi conseguenze per la gente che vive sulla costa.» «In realtà,» disse Warren dalla soglia dello studio, con una voce profonda che giungeva distintamente attraverso la grande stanza «prima o poi l oceano finirà davvero per bollire.» Beth aggrottò le sopracciglia e si voltò dall altra parte. «Il sole» disse Warren «prima o poi si surriscalderà e si espanderà in un enorme palla di fuoco. L oceano comincerà a bollire e a evaporare come acqua in una pentola messa sul fuoco.» «Davvero?» chiese Beth, angosciata. «Certo. E poi...» «Papà sta parlando di una cosa che accadrà tra milioni di anni» intervenne Laurel, chiedendosi cosa diavolo era saltato in testa a Warren di raccontare certe cose. Beth ne sarebbe rimasta turbata per giorni. «Per allora la tua propro-pro-pro-pro-pronipote sarà già morta e sepolta. Per cui non c è niente da preoccuparsi.» «Una supernova!» urlò Grant. «È così che si chiama una stella che esplode, giusto?» «Giusto» disse Warren compiaciuto. «Che figata ragazzi!» disse Grant. «È tipico dei maschi» spiegò Laurel a Beth. «Per loro, la fine del mondo è una figata.» Nonostante il suo stato d animo, Laurel fu tentata di lanciare a Warren un occhiataccia, ma quando tornò ad alzare lo sguardo lui era sparito di nuovo nello studio. Altri rumori annunciarono che Warren aveva ricominciato a cercare. In qualsiasi altro giorno sarebbe andata da lui, gli avrebbe chiesto cosa stava facendo e forse lo avrebbe anche aiutato. Ma non oggi. Grant scese dallo sgabello e aprì il suo zaino. Laurel si 15

12 sentì gratificata: si era messo a ripassare la lezione di ortografia senza che lei glielo avesse chiesto. Beth, seduta su una delle sedie della cucina, si stava mettendo le scarpe. Dovevano essere allacciate entrambe esattamente allo stesso modo: una specie di rituale compulsivo-ossessivo che a volte poteva provocare crisi di panico. Laurel si sentiva in colpa quando le altre mamme si lamentavano del fatto che portare i bambini a scuola la mattina era un incubo. I suoi figli si preparavano come se inserissero il pilota automatico, assecondando il ritmo di una routine così rigidamente stabilita da farle pensare che lei e Warren dovevano avere una segreta propensione all autoritarismo. D altronde per un insegnante per ragazzi disabili come lei gestire due bambini senza problemi di natura psico-motoria era una cosa da niente. Forse dovrei andare da lui nello studio? tornò a chiedersi. Non è così che si comporterebbe una brava moglie? Esprimere la propria preoccupazione, offrire un aiuto. Ma Warren non voleva essere aiutato in queste faccende. Il suo lavoro di medico era qualcosa che riguardava solo lui. Era chiaramente preoccupato per l accertamento, eppure, pensò Laurel, il suo sguardo l aveva profondamente turbata. Da mesi Warren non la fissava così. Sembrava che le stesse deliberatamente concedendo quello spazio che lei aveva richiesto. Warren non le aveva mai prestato attenzione perché, in realtà, lei non voleva essere vista, e lui non voleva vedere. Un tacito accordo, un reciproco rifiuto della realtà, del quale erano diventati entrambi esperti. «Faremo tardi» disse Grant. «Hai ragione» concordò Laurel senza neanche guardare l orologio. «Muoviamoci.» Aiutò Beth a infilarsi lo zaino sulle spalle, poi prese il computer portatile e la borsa e si diresse alla porta che dava sul garage. Con la mano già sulla maniglia ormai era quasi fuori! lanciò un occhiata dietro di sé, quasi aspettandosi 16

13 gli occhi di Warren fissi su di lei, ma riuscì a scorgere solo le sue gambe. Era salito su una scaletta per frugare tra gli scaffali più alti della libreria. Tirò un sospiro di sollievo e condusse i bambini alla sua auto. Grant andò a sedersi davanti Beth arrivava sempre troppo tardi ma Laurel gli fece cenno di mettersi dietro anche lui, e fu ricompensata da un sorriso della figlia e un grugnito indispettito del figlio. I bambini si erano già allacciati le cinture di sicurezza, quando Laurel finse di ricordarsi qualcosa: «Mi devo essere dimenticata di chiudere l irrigatore del prato, ieri sera». «Vado a controllare!» urlò Grant, slacciandosi la cintura. «No, ci vado io» disse Laurel risoluta, scendendo dall auto. Spinse il pulsante sulla parete e s infilò sotto la porta del garage mentre si sollevava, poi andò rapidamente dietro casa. Recuperata la busta, l avrebbe infilata nel bagagliaio, per sbarazzarsene poi nel corso della giornata, in una stazione di servizio o in un supermercato. (Lo scorso anno aveva fatto la stessa cosa con un biglietto di San Valentino, un mazzo di rose e qualche lettera.) Mentre camminava tra i cespugli, una voce femminile la chiamò: «Ehi, Laurel!». Si bloccò e guardò in direzione della voce. Parzialmente nascosta da alcuni cespugli di bosso, era inginocchiata una donna con un cappello di paglia e dei guanti. Bonnie Elfman aveva una settantina d anni, ma ne dimostrava molti di meno, e per qualche ragione aveva scelto proprio quella mattina per sistemare l aiuola al confine della sua proprietà. «Sto aggiungendo qualche iris» gridò Bonnie. «E tu che fai?» Sto recuperando un test di gravidanza positivo così che mio marito non lo trovi. «Devo aver lasciato aperto l irrigatore» rispose. «Saranno dolori con la bolletta dell acqua» disse Bonnie alzandosi e dirigendosi verso Laurel. Laurel ebbe un fremito di terrore. Come se non bastasse, da dietro l angolo della casa spuntò Christy correndo all im- 17

14 pazzata, alla disperata ricerca di qualcuno che giocasse con lei. Anche se Laurel avesse già raccolto la busta, il cane con un balzo gliela avrebbe strappata di mano. Scrutò la siepe con ostentata preoccupazione, poi fece un ampio gesto in direzione della vicina. «Sì, credo anch io! Adesso devo scappare, Bonnie. I bambini mi aspettano in macchina.» «Ci penso io a trovare l irrigatore e a controllare» promise Bonnie. Il cuore di Laurel batteva come una grancassa. «Non devi disturbarti! Davvero. Pensavo di averlo lasciato qui in giardino, ma mi sono ricordata ora di averlo rimesso nel ripostiglio. E non stare troppo al sole. Fa già un gran caldo per essere aprile.» «Non ti preoccupare. Più tardi pioverà» affermò Bonnie con la sicurezza di un oracolo. «E si rinfrescherà. Quando rientrerai da scuola, ti farà comodo una giacca.» Laurel alzò lo sguardo verso il sole, che risplendeva in un cielo limpido. «Se lo dici tu... Ci vediamo più tardi.» Bonnie sembrava offesa per quella fuga di Laurel. Sicuramente avrebbe preferito starsene lì a spettegolare per una mezz ora. Laurel sapeva per esperienza che, come la maggior parte delle malelingue, Bonnie Elfman era tanto sollecita nel diffondere pettegolezzi sul suo conto quanto lo era nel farle confidenze su qualcun altro. «Merda!» imprecò Laurel tornando di corsa verso il garage. La busta avrebbe dovuto aspettare il suo ritorno da scuola. Christy la seguiva zampettando: almeno il cane non avrebbe creato problemi. Ma Bonnie Elfman non si sarebbe allontanata da lì per un bel po. Laurel pregò che quella vecchia ficcanaso restasse nella sua proprietà fino alla fine della giornata di scuola. 18

15 Capitolo 2 Laurel si fermò davanti alla scuola e diede un bacio a Beth. Oggi di turno al portone c era la signorina Lacey. Aiutò la bambina a scendere dall auto, mentre Grant balzò fuori, come una scimmietta in fuga da una gabbia dello zoo, per sfrecciare dentro la scuola alla ricerca degli amichetti. Laurel si assicurò che la signorina Lacey avesse accompagnato Beth fin oltre il portone, poi fece il giro e parcheggiò nello spazio a lei riservato, a fianco dell edificio per studenti disabili. Era una specie di scatola di mattoni, due aule, un bagno e un ufficio, ma era sempre meglio di ciò che la scuola di Athens Point aveva offerto negli ultimi cinquant anni agli studenti disabili, cioè niente. L edificio era stato costruito grazie alla generosa donazione di un geologo della zona, che aveva un nipote con un leggero ritardo mentale. Laurel lanciò un occhiata al computer e alla borsa, che durante il viaggio erano rimasti sotto i piedi di Beth, ma non li prese. Non si decideva a spegnere il motore. Temeva di non riuscire ad affrontare ciò che l aspettava. I suoi studenti erano già abbastanza impegnativi, ma i colloqui con i genitori lo erano ancor di più. Inoltre il primo incontro previsto per la giornata sarebbe stato con la moglie del suo ex amante. Era insopportabile pensare di stare di fronte a Starlette 19

16 McDavitt sapendo di essere incinta di suo marito. Ma ormai era troppo tardi per cercare di annullare il colloquio. Si accorse che stava piangendo solo quando sentì sulle labbra il sapore delle lacrime. Il problema, in realtà, era l incertezza di non sapere chi fosse il padre del bambino. Molto probabilmente era di Danny. Avevano smesso di vedersi da più di un mese, ma nelle ultime tre settimane passate insieme dopo le ultime mestruazioni avevano fatto l amore parecchie volte. Dopo la fine della storia con Danny, Laurel aveva avuto solo un paio di rapporti sessuali con Warren. Non che le fosse piaciuto, ma doveva pur farlo se voleva tentare un riavvicinamento. D altronde non c erano alternative, considerata la scelta di Danny. Che cosa doveva fare? Mollare Warren per andare a vivere da sola in uno squallido appartamento, circondata da altri divorziati, ad aspettare un uomo che forse non sarebbe mai arrivato? Non era una prospettiva allettante neanche prima della gravidanza. Ora poi... Non era neppure sicura che una gravidanza capitata mentre prendeva la pillola potesse arrivare a termine. Doveva dare un occhiata su internet e togliersi il dubbio, ma quella curiosità era incompatibile con il suo netto rifiuto della realtà. Ancora non riusciva a credere di essere incinta. Santo cielo, prendeva la pillola. Sicura al novantotto per cento! Che il suo caso fosse compreso in quel due per cento? In passato aveva avuto sfortuna in più di un occasione, ma mai così. Tutta colpa di quel virus, probabilmente. Il mese scorso aveva contratto chissà come una gastroenterite virale, la stessa che aveva imposto la quarantena a molte navi da crociera. La cnn aveva detto che il virus si era diffuso in tutto il paese. Laurel aveva letto che, a causa del contagio, l organismo tendeva a espellere la progestina contenuta nella pillola anticoncezionale. E siccome il mese scorso aveva fatto l amore quasi ogni giorno, la gravidanza era fin dall inizio quasi una certezza. Appoggiò la fronte sul volante, lasciandosi sfuggire un 20

17 singhiozzo. Aveva sempre creduto di essere una donna forte, ma stavolta il destino e la sfortuna ma anche la sua ingenuità avevano congiurato per trasformare in realtà l eventualità di crescere un figlio illegittimo come se fosse del marito. Non riusciva ad accettarlo. Forse ci sono donne che stanno facendo la stessa cosa, obiettò una voce nella sua testa. Proprio qui, in questa città. Cercando di non pensare all imminente incontro con Starlette, Laurel cominciò a considerare le varie possibilità. La condanna eterna a un matrimonio senza amore, le faceva sentire quel bambino, invece figlio dell amore, come l unico appiglio a una vita degna di questo nome. Ma come poteva portarsi dentro una menzogna del genere? Era stato già abbastanza difficile fingere anche nelle situazioni meno importanti, gestire quei piccoli sotterfugi inevitabili in una relazione extraconiugale. Per Laurel il fascino del proibito era durato più o meno tre settimane, dopo di che le menzogne avevano iniziato a provocarle una specie di nausea. Ogni bugia alimentava il bisogno di altre bugie bugie e sottobugie, come le chiamava Danny che spuntavano una dopo l altra, come le teste di un Idra. E, nonostante ciò, Laurel si era impegnata per sostenere l immagine di un apparente normalità. Era diventata così brava che mentire ormai le veniva spontaneo. La slealtà le consumava l anima, ma continuava a mentire, disperatamente, bisognosa dell amore che solo Danny McDavitt poteva darle. Questa volta però l inganno non riguardava solo lei. Avrebbe costretto anche suo figlio a vivere di bugie fin dalla nascita. Tutta la sua vita sarebbe stata una menzogna. Per non parlare di Warren. Avrebbe provato vero amore per il bambino, oppure avrebbe sentito quel piccolo intruso come un estraneo in casa sua? Qualcosa di inspiegabile e al tempo stesso profondamente sbagliato. Un odore sconosciuto e inquietante. Il segno di una dissonanza genetica. Uno strano 21

18 brivido ogni volta che accarezzava il bambino, il quale non avrebbe potuto assomigliare a Warren, se non per un improbabile coincidenza. Laurel conosceva una donna che aveva vissuto un esperienza simile. Kelly Rowland, una compagna di università, era rimasta incinta dopo un incontro occasionale, nonostante avesse una relazione stabile da tre anni. Il fidanzato era un bravo ragazzo, un tipo giudizioso, piuttosto anonimo. Non bellissimo ma benestante; in poche parole, il marito ideale per una studentessa dell Università del Mississippi. Kelly aveva sempre insistito perché il fidanzato usasse il preservativo quando facevano sesso, e Laurel era rimasta stupita quando Kelly una sera, al ritorno da una festa di laurea, era finita a letto con uno studente un tipo incredibilmente sexy che giocava a calcio senza prendere alcuna precauzione. Ma quando Kelly scoprì di essere incinta, si limitò ad anticipare la data del matrimonio, a organizzare la sua festa di laurea e a non pentirsi mai del proprio gesto. I due erano sposati da tredici anni e vivevano a Houston. Il ricordo dell amica non le fu d aiuto, però. Ma allora qual era l alternativa? L aborto? Come poteva rinunciare al figlio di un uomo che amava davvero? E se anche si fosse convinta a fare quel passo, come spiegare al marito le ragioni dell aborto? Puoi farlo senza dire niente a tuo marito, suggerì il suo cinico istinto di sopravvivenza. Laurel era terrorizzata all idea di dover affrontare un picchetto di militanti antiabortisti per andare a sedersi, da sola, nella sala d aspetto di una clinica fuori città. Avrebbe dovuto allontanarsi di almeno due o tre stati per non correre il rischio di essere riconosciuta, e anche in questo caso il medico avrebbe potuto... Una mano bussò al finestrino. Si scostò dal vetro, come fosse stata minacciata da un ladro, poi vide che si trattava di Diane Rivers, un insegnante di terza, che la stava chiamando, allarmata. Diane era una tipica bellezza del Sud, dalla folta chioma e dal cuore d oro; 22

19 aveva solo quarantatré anni, ma sembrava una donna d altri tempi. Laurel aveva visto delle foto in cui Diane da giovane, fasciata in un body di lustrini sfavillanti, faceva volteggiare il bastone da majorette durante una gara tra college. Laurel si asciugò le lacrime sulla spalla, sporcando di mascara la camicetta di seta, poi premette il pulsante e il vetro si abbassò con un debole ronzio. «Che succede, cara?» chiese Diane. «Ti senti bene?» Ti sembro una che si sente bene? rispose Laurel tra sé. Del resto, che altro possono chiederti quando ti trovano seduta in macchina a piangere? Certe sue colleghe si sarebbero entusiasmate nel sorprenderla in quello stato, ma Diane non era una di loro. Era una donna sincera. «Credo che stia per venirmi un attacco di emicrania» disse Laurel. «Ho avuto quelle avvisaglie, hai presente?» «Oh, Gesù!» disse Diane preoccupata. «Eppure era da un sacco di tempo che non ti succedeva.» «Da più di un anno.» Da quando mi sono messa con Danny, osservò Laurel. «Pensi di farcela con i colloqui? Se avessi avuto lezione, avrei potuto occuparmi io della tua classe, ma non saprei che dire ai genitori.» «Tra un po starò meglio» la rassicurò Laurel, chinandosi per raccogliere la borsa e il computer. «A volte, nonostante le avvisaglie, il mal di testa non arriva. La chiamano emicrania silenziosa. Speriamo che sia così.» Diane scosse la testa. «Povera... ma non hai con te quel farmaco che fa passare tutto? Come si chiama?» «Sumatriptan? Era da tempo che non mi succedeva e ho smesso di portarmelo in borsa.» Diane la fissò con uno sguardo di materna disapprovazione. «Lo so» disse Laurel scendendo dall auto. «Sono una stupida.» «Perché non fai un salto allo studio di Warren?» sugge- 23

20 rì Diane. «Così ti fai dare quelle iniezioni. Altrimenti che vantaggio c è ad avere un marito medico? Io posso coprirti finché non torni. I miei studenti sanno che me li mangio vivi, se si comportano male.» A Laurel venne da ridere. Le occhiatacce di Diane potevano paralizzare il ragazzino più scatenato a cento metri di distanza. Dopo aver chiuso l auto, Laurel si avviò verso la scuola. «Vedrai che mi passa, sta tranquilla. Ho solo avuto la sensazione di svenire, tutto qui.» «Ma se stavi piangendo per il dolore.» «No, è stato solo un momento di sconforto. Credevo di essermi liberata dall emicrania. Ecco perché piangevo. È dura affrontare la realtà.» «Hai ragione, è proprio dura» confermò Diane abbassando la voce e ridacchiando come una brava moglie anni Cinquanta a cui è sfuggita una parolaccia. Strinse il polso di Laurel, che stava per entrare. Quel gesto aveva qualcosa di stranamente rassicurante. Laurel sentì l impulso di raccontare tutto a quella donna più anziana di lei, ma non lo fece. Diane, nonostante le sue onorevoli intenzioni, non poteva aiutarla. Difficilmente avrebbe provato simpatia per una poco di buono che tradiva il marito tra l altro, suo medico curante e che era così stupida da restare incinta. Laurel le fece cenno che andava tutto bene, poi si avviò verso l aula, da cui giungevano gli schiamazzi dei bambini nel pieno della loro energia mattutina. L assistente aveva portato i bambini a giocare in cortile. Laurel si sedette al tavolo rotondo dove era solita fare i colloqui. In quelle occasioni, di solito i genitori avevano la sensazione di essere sotto esame, mentre la forma di quel tavolo li faceva sentire partecipi all educazione dei figli. Laurel si occupava di un gruppo di undici bambini, forse troppi, visto che poteva contare su una sola assistente. Ma Athens Point era una piccola città, le famiglie non avevano molta 24

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

A mio figlio, John Edward Clements

A mio figlio, John Edward Clements A mio figlio, John Edward Clements Titolo originale: The report card Traduzione di Elisa Puricelli Guerra 2004 Andrew Clements 2005 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Bur ragazzi giugno 2014 ISBN

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

UN SORRISO PER GUARIRE

UN SORRISO PER GUARIRE UN SORRISO PER GUARIRE Mi chiamo Giulia, ho 24 anni e questa è la mia storia. Fino ai 14 anni la mia vita è stata serena, sono sempre stata una bambina vivace, piena di vita, tutti mi definivano un vulcano

Dettagli

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione.

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione. Prologo Cardinale Lorenzo detto u tuzz cioè «la testata» era un rapinatore, specializzato in banche e uffici postali. Lui e i suoi complici avevano una tecnica semplice e molto efficace: rubavano un auto

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore. ... stanno arrivando... cosa????... le vacanze!!! Inserto N. 2 2008 Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

Eventuali riferimenti a nomi, cose, fatti o persone, sono puramente

Eventuali riferimenti a nomi, cose, fatti o persone, sono puramente Notte di Capodanno Eventuali riferimenti a nomi, cose, fatti o persone, sono puramente casuali Nicola Gargano NOTTE DI CAPODANNO racconto A mia moglie Amore, una piccola parola che racchiude un universo

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE CAPITOLO II DON ABBONDIO NON RIUSCÌ AD ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE NON SI POTEVANO CELEBRARE

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

PAZIENTE: Le ho mai parlato della mania delle foto? CLINICO: No. PAZIENTE: Adesso era un periodo che non ci pensavo più, ma ho passato dei mesi con

PAZIENTE: Le ho mai parlato della mania delle foto? CLINICO: No. PAZIENTE: Adesso era un periodo che non ci pensavo più, ma ho passato dei mesi con PAZIENTE: Le ho mai parlato della mania delle foto? CLINICO: No. PAZIENTE: Adesso era un periodo che non ci pensavo più, ma ho passato dei mesi con questa mania di fare sempre fotografie ai bambini: e

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ Proprietà letteraria riservata 2012 Screenpress Edizioni - Trapani ISBN 978-88-96571-42-2 È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud Paolo DÊAmbrosio La finestra sul mare una storia del Sud Paolo D Ambrosio La finestra sul mare Proprietà letteraria riservata 2011 Paolo D Ambrosio Kion Editrice, Terni Prima edizione luglio 2011 ISBN

Dettagli

john boyne il bambino con il pigiama a righe

john boyne il bambino con il pigiama a righe john boyne il bambino con il pigiama a righe 3 Proprietà letteraria riservata 2006 by John Boyne 2007 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07962-4 Titolo originale dell opera: The Boy in the Striped

Dettagli

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei.

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei. Mathilde tirò fuori l agenda e scrisse: «Il tizio seduto alla mia sinistra mi prende per i fondelli». Bevve un sorso di birra e lanciò un altra occhiata al vicino, un tizio immenso che da dieci minuti

Dettagli

Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista

Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista Il punto di vista dell educatrice Pietro ha 20 mesi, già da 6 frequenta il Nido e il momento del pasto è vissuto con molta tensione: l

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

1. Queste mele sono. a. buonissime b. meno buonissime c. più buonissime. 2. La sua auto è mia. a. nuovissima b. più nuova della c.

1. Queste mele sono. a. buonissime b. meno buonissime c. più buonissime. 2. La sua auto è mia. a. nuovissima b. più nuova della c. QUARTA MEDIA RIPASSO DI GRAMMATICA / LESSICO E FUNZIONI SCEGLI LA FORMA CORRETTA. 1. (a) Quello uomo (b) Quell'uomo (c) quel uomo è stato un famoso atleta. 2. Il mio ufficio è vicino (a) alla stazione

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

C eraunavoltaunpaiodicalzini

C eraunavoltaunpaiodicalzini C eraunavoltaunpaiodicalzini C era una volta un paio di calzini. Marta e Paolo erano i nomi di questi due calzini. Si erano conosciuti, innamorati e litigati per anni. Ora abitavano in via Cassetto n.

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Copyright 2010 Tiziana Cazziero

Copyright 2010 Tiziana Cazziero Voltare Pagina Copyright 2010 Tiziana Cazziero Tiziana Cazziero VOLTARE PAGINA Romanzo Al mio compagno, la persona che mi sopporta nei miei momenti bui. PRIMA PARTE Buongiorno mamma. Buongiorno a te

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI Da quando il signor Bartolomeo aveva perso tutti i suoi capelli era diventato molto triste. Dapprima i capelli erano diventati grigi e avevano iniziato a diradarsi. Poi

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

Andrea Bajani La mosca e il funerale

Andrea Bajani La mosca e il funerale nottetempo Andrea Bajani La mosca e il funerale nottetempo Con la gente che piange io non so mai come fare. Non so come si fa a farla smettere. Certa gente è capace. Dice una parola, una sola, e gli altri

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado Esplorare e abitare il territorio con il cuore: esercizi di training sensoriale Siamo veramente «presenti» ai luoghi che abitiamo

Dettagli

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore 2013 ad est dell equatore vico orto, 2 80040 pollena trocchia (na) www.adestdellequatore.com info@adestdellequatore.com [uno] Milano. Un ufficio

Dettagli

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Quando al mattino Gellindo si sveglia al suono della prima

Dettagli

Borsa di studio/classe IV

Borsa di studio/classe IV 1 Borsa di studio/classe IV La storia va in fumetto Racconta la Storia di Clara dagli occhi grandi in un fumetto! 1. Riassumi la storia nelle scene che ti sembrano più importanti (per es. Clara che parla

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny لش حن لطح ح ل ة ر كام ل ك يالني IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny traduzione italiana riga per riga, parola per parola curata da Pier Luigi Farri plfarri@vbscuola.it 1 Due buoni fratelli. Sciantah

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

Lei e Lui. preparare la colazione. piangere disperatamente. pettinare i bambini. arrabbiarsi. dare l acqua alle piante. scrivere la lista della spesa

Lei e Lui. preparare la colazione. piangere disperatamente. pettinare i bambini. arrabbiarsi. dare l acqua alle piante. scrivere la lista della spesa 5 Lei e Lui 1 Chi fa cosa? Lavora con un compagno. Insieme guardate questa famiglia: lei, lui, un bambino e una bambina. È mattina, tutti si sono appena svegliati e si preparano per uscire. Secondo voi

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

Il maestro nuovo è tornato

Il maestro nuovo è tornato rob buyea Il maestro nuovo è tornato Traduzione di Beatrice Masini Rizzoli Titolo originale: Mr. Terupt Falls Again 2012 Rob Buyea Pubblicato per la prima volta negli Stati Uniti nel 2012 da Delacorte

Dettagli

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno.

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. NONNO: Sera a tutti. MAMMA: Ciao papà. CASA DI CHARLIE In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. CHARLIE: Ciao nonno. NONNA: Ciao caro. MAMMA: La zuppa

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

Un mondo che neanche immagini

Un mondo che neanche immagini Un mondo che neanche immagini Federica Bracale UN MONDO CHE NEANCHE IMMAGINI romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Federica Bracale Tutti i diritti riservati Come sarebbe bello dire per caso.

Dettagli

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE FEBBRAIO 2014 ANNO III N. 7 SCUOLA PRIMARIA STATALE DI GRANTORTO AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE Questo numero parla di un argomento un po scottante : IL BULLISMO! I PROTAGONISTI LA VITTIMA Nel mese

Dettagli

Vuoi andartene presto? No, voglio avere il tempo di innamorarmi di tutto... E piango perché tutto è così bello e così breve.

Vuoi andartene presto? No, voglio avere il tempo di innamorarmi di tutto... E piango perché tutto è così bello e così breve. Il contrario della solitudine «Vivrò per l amore, il resto dovrà cavarsela da solo» furono le parole di Marina il giorno della sua laurea, l ultima volta in cui la vedemmo. Il contrario della solitudine

Dettagli

INTRODUZIONE. La ragazza

INTRODUZIONE. La ragazza 5 INTRODUZIONE La ragazza Il braccio era vicino al telefono. Forse la ragazza aveva cercato di chiamare qualcuno, ma poi non aveva avuto il tempo di farlo. I lunghi capelli neri scendevano sul viso e coprivano

Dettagli