L ECONOMIA raccontata ai bambini 5. Gellindo Ghiandedoro in cerca di lavoro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ECONOMIA raccontata ai bambini 5. Gellindo Ghiandedoro in cerca di lavoro"

Transcript

1 L ECONOMIA raccontata ai bambini 5 Gellindo Ghiandedoro in cerca di lavoro 1

2 Pensiero nascosto Quella mattina tiepida di primavera Gellindo Ghiandedoro si svegliò al suono della terza sveglia e balzò dal letto per correre a spegnere le altre quattro. Aprì i battenti della finestrella che dava sul prato e respirò a pieni polmoni l aria profumata di fiori. Era proprio un bel posto, il suo Bosco delle Venti Querce! Fece colazione, si lavò i dentoni e s impomatò l enorme coda con due tubetti interi di gel ultra-forte, dandole quel giorno la forma di una bella nuvola cicciottona e vaporosa. Adesso sono pronto per affrontare il mondo! esclamò Gellindo, guardandosi allo specchio prima di uscire dalla tana. Mise la zampetta sul pomolo della porta, fece per girare e aprire, quando un improvviso peso al cuore gli tolse quasi il fiato. Un pensiero oscuro gli bloccò la bocca dello stomaco, il ricordo di un incubo notturno gli mise addosso un po d ansia, l impressione che qualcosa non andasse per il verso giusto lo costrinse a fermarsi sulla porta, mentre il malessere di un pensiero nascosto lo obbligò a grattarsi il ciuffo in testa 2

3 Chissà perché non mi ricordo quel che stavo pensando ieri sera, prima di addormentarmi! disse Gellindo ad alta voce. Ehilà, Tisana la Dolce, dove stai saltellando di buon mattino? Sto correndo al boschetto qui sopra, per raccogliere di buon mattino alcune gemme di pino che mi servono per un decotto contro la tosse Posso venire ad aiutarti? strillò Gellindo chiudendo la porta della tana e raggiungendo l amica. Quante gemme ti servono? Otto gemme sono sufficienti, ma devono essere staccate dai rami più alti dei pini, quelli che ricevono tutta la luce del sole Ma se non venivo io, come facevi tu, da sola, a saltellare fin lassù in cima? Eh che vuoi che sia: avrei chiesto aiuto a qualche uccellino, oppure a un ghiro mezzo addormentato. Però se ci sei tu, ad aiutarmi nel lavoro, sono cont La v o r o o o o! urlò Gellindo bloccandosi in mezzo alla strada. Ecco cosa mi ero dimenticato: ieri sera, prima di addormentarmi, ho fatto a me stesso la promessa di trovarmi un lavoro! Oggi stesso! E perché, poi? Devi proprio? Beh, a dire il vero no, non mi serve un lavoro. Ho già tutto quello di cui ho bisogno e anche un gruzzoletto custodito alla Cassa Rurale per i momenti di necessità No, lavorare non mi servirebbe, ma siccome lo fanno tutti! Tutti hanno un lavoro: Casoletta alla latteria, tu nel tuo orto di erbe medicinali, Rosso-Verde-Giallo dirige il traffico, Passion di Fiaba deve inventare almeno una fiaba al giorno da raccontare la sera agli amici, Din Dòndolo tiene pulita la chiesa del Villaggio, Abbecedario fa scuola agli spaventapulcini E io chi sono? No no: Gellindo Ghiandedoro da oggi comincia lavorare! E che lavoro ti piacerebbe? chiese Tisana la Dolce, riprendendo a saltellare in direzione del boschetto dei pini. Ecco, non lo so Forse, potrei Mah, secondo te che lavoro potrebbe piacere a uno scoiattolo? Tisana la Dolce giunse proprio in quel momento ai piedi di un pino alto fino al cielo e si fermò ai suoi piedi. Ad esempio potresti salire fin lassù e raccogliermi otto belle gemme 3

4 fresche di giornata! Vorresti dire che potrei diventare un tuo un tuo aiutante? balbettò Gellindo, che non osava credere d aver già trovato un lavoro. Da oggi potrei dire a tutti che sono l Aiutante di Tisana la Dolce? Che quello è il mio lavoro? D accordo acconsentì la spaventapasseri con un sorriso. Non avevo previsto di assumere qualcuno che mi desse una mano, ma va bene: Gellindo, tu sei il mio nuovo collaboratore! Da subito? Da adesso? Come no: anzi, arrampicati veloce e portami le gemme che ci servono! Cento lavori: uno Il lavoro di aiutante di Tisana la Dolce durò meno di una giornata intera, che Gellindo passò su e giù per gli alberi dei dintorni a raccoglier foglie e rametti di quercia, a strappar cortecce di nocciòlo, a far mazzolini d erba medica e a riempir sacchetti con foglie di lavanda selvatica Poi, per tutto il pomeriggio il poveretto dovette sudare vicino al fuoco per tener sotto controllo i decotti che gorgogliavano nelle pentole e nei pentolini di rame e solo verso a sera Ecco, Gellindo: per oggi abbiamo terminato esclamò Tisana la Dolce togliendosi il grembiule. Anzi no: prendi la scopa, pulisci per terra, riordina tutti quei vasetti che sono sul tavolo e mettili nella credenza in ordine di grandezza, dal più piccolo al più grande. Quando hai finito, corri alla fontana a prendere un po d acqua, così preparo la camomilla per il vecchio Empedocle: quando è pronta gliela porti, lo saluti a nome mio e, non appena torni, ti darò due soldi di paga per il lavoro di oggi! Poi ci rivediamo domani mattina all alba, ché andiamo a fare una capatina al ruscello qui sotto, in cerca di carotine selvatiche per una torta che voglio regalare a Casoletta Per carità: non che due soldi di paga fossero pochi, anzi: quel che era troppo, invece, era il lavoro! Ma scusa, Tisana, mormorò Gellindo mentre scopava per terra, 4

5

6 tu lavori così tanto tutti i giorni? Sempre, dall alba al tramonto? Sette giorni la settimana? Sei giorni, caro mio: la domenica la dedico a rimetter ordine in casa e a far visita agli amici! Ascolta disse allora lo scoiattolo smettendo per un attimo di riordinare i vasetti nella credenza, se ti dico una cosa, poi non ti offendi? E cosa vorresti dirmi? Che forse provo a cambiar lavoro! buttò lì Gellindo, diventando rosso per l agitazione. Tisana la Dolce ammutolì, rimase silenziosa per alcuni istanti e poi con un dolce sorriso si chinò a baciare l amico sulla fronte. Tu puoi fare tutto quel che vuoi, amico mio! Oggi hai provato a lavorare con me, e questi sono i tuoi due soldi di paga. Domani prova pure con qualcun altro e dopodomani con altri ancora, e vedrai che prima o poi troverai il lavoro che fa per te! Due Fu così che per Gellindo Ghiandedoro, la mattina dopo, cominciò una vera e propria giostra di lavori da far girare quasi la testa. Maestro Abbecedario, che ne diresti se oggi vengo ad aiutarti a far scuola agli spaventapulcini? E quale materia ti piacerebbe insegnare? Potrei ad esempio potrei insegnare ai tuoi scolari come ci si orienta nel bosco! Bene rispose Abbecedario, chiudendo il libro di matematica e rivolgendosi ai dieci spaventapulcini seduti sui banchi di scuola. Oggi basta aritmetica e niente lezione di storia degli Spaventapasseri famosi, perché il nostro amico scoiattolo vi insegnerà a non perdervi quando camminate in un bosco. Gellindo: tocca a te! Dunque ehm, allora fate attenzione: quando camminate in un bosco e arrivate a un bivio, vedrete una strada che va a destra e una che gira a sinistra. Va bene? Avete capito? Allora vuol dire che fin qui non ci siamo persi: se prendete la strada di destra, fate attenzione al ritorno, 6

7 perché quel bivio lo vedrete diverso e potreste sbagliar strada. Per evitare di perdervi, se all andata avete girato a sinistra, quando tornerete a casa, giunti al bivio, prendete la strada di destra no, cioè, scusatemi, la strada di sinistra e girate poi a destra ma quando sarete a casa, forse no, anzi... Si g h! Se continua così, a casa non ci arriverete mai! St o p! intervenne Abbecedario, quando si accorse che la sua presenza metteva in difficoltà Gellindo. Sapete cosa dovete fare, adesso? Lasciate i libri sul banco e andate a fare una passeggiata qui attorno accompagnati dal vostro nuovo insegnante. Vedrete che a Gellindo verrà senz altro in mente quale strada scegliere, quando si ritorna a casa Quella sera, ahimè, gli Spaventapasseri del Villaggio attesero fin dopo notte che gli spaventapulcini e Gellindo facessero ritorno a casa e dovettero muoversi Abbecedario, Quantobasta e Candeloro per andare a recu pe rarli al di là del ruscello, oltre il Bosco delle Venti Querce. Dopo che i piccoli ebbero abbracciato i loro genitori in lacrime e furono tornati sani e salvi ognuno nel proprio orto, Abbecedario prese in un angolo Gellindo, gli mise due soldi in mano e Bisogna sempre scoprire quali sono i propri limiti, caro il mio scoiattolo. Tu sei bravo e sei volonteroso, ma in quanto a orientamento ti perderesti dal tuo letto alla porta di casa, perciò ti saluto e domani cerca qualcos altro da fare! Tre Quantobasta, a me sono sempre piaciute le bottigliette di vetro di tutti i colori, i bilancini d ottone piccoli piccoli, i pestelli per tritare le erbe Mi prenderesti con te come aiutante? Quantobasta non aveva bisogno di alcun aiuto, nella sua farmacia, ma siccome all occorrenza era bravo a fare anche il medico, l infermiere, il barbiere e il meccanico D accordo, Gellindo: sei assunto come aiutante farmacista, così quando qualcuno mi chiama per il mal di pancia, per aggiustargli il tosaerbe o per accorciargli il ciuffo dei capelli, ci sarà qualcuno che tiene 7

8

9 aperta la farmacia I guai cominciarono di lì a un paio d ore quando, rimasto solo in negozio, Gellindo vide entrare Chiomadoro. Ciao, Gellindo: ho sentito che hai un nuovo lavoro, oggi! Mi daresti uno shampo per capelli biondi? Ai tuoi ordini, Chiomadoro! esclamò Gellindo, che si precipitò allo scaffale nel quale erano allineati tutti gli shampo della bottega. Dunque: vuoi uno shampo a presa rapida, uno shampo per capelli tinti, uno shampo per capelli secchi, uno shampo per capelli storti, uno shampo per capelli unti, uno shampo per capelli secchi, uno shampo per capelli corti, per capelli lunghi, per capelli medi, a riccioli, annodati, con pulci, senza pulci, di fieno, di paglia, di Fé r m a t i! Di paglia, i miei capelli sono di paglia Bene, però vuoi uno shampo per paglia chiara, per paglia scura, per paglia stagionata, per paglia a strisce, per paglia a boccoli, per Al t! Vorrei uno shampo per capelli di paglia a boccoli! Allora questo è lo shampo che fa per te esclamò soddisfatto Gellindo, consegnando a Chiomadoro un vasetto sul quale c era scritto: Shampo per capelli di paglia a boccoli p i c c o l i Siccome, però, i capelli di Chiomadoro erano di paglia a boccoli grandi!, lo shampo ebbe un effetto disastroso su quella bella capigliatura Ai u t o o o o o! Qu a n t o b a s t a a a a, g u a r d a c o m e si s o n o r i d o t t i i m i e i s t u p e n d i c a p e l l i! si mise a strillare di lì a poco la povera Chiomadoro, saltellando fino alla farmacia con una massa di capelli arruffati e diritti in testa! Lo so che sei stato sfortunato, Gellindo disse quella sera Quantobasta, dopo aver chiuso i battenti della farmacia, ma forse il lavoro di farmacista non fa per te! Ecco qui due soldi di paga e vedrai che domani sarai più fortunato! 9

10

11 Quattro Din Dòndolo, sono certo che il tuo è un lavoro che fa per me! Mi assumeresti come aiutante? Sono un campanaro nato, io! Non c è problema, Gellindo, anche perché ho il lavoro che fa per te. Vedi queste due corde? disse Din Dòndolo, dopo aver accompagnato lo scoiattolo nel campanile della chiesetta del Villaggio. La corda sottile è quella della campanella dei quarti d ora; la corda più grossa, invece, è attaccata alla campana delle ore. Allora: tra un po saranno le otto e un quarto Ecco, guardami e ascolta Din Dòndolo afferrò la corda grossa e al momento giusto Do n- n n ( Uno! urlò Din Dòndolo) Do n n n (Due!) Do n n n (Tre!) Do n n n (Quattro!) Do n n n (Cinque!) Do n n n (Sei!) Do n n n (Sette!) Do n n n (E otto!) Afferrò poi la corda più sottile e Di n n n Ecco, hai visto? Abbiamo avvisato l intero villaggio che sono esattamente le otto e un quarto. Fra un quarto d ora toccherà a te: dovrai tirare otto volte la corda grossa e due volte quella sottile e così via, per tutta la giornata Ma è semplicissimo esclamò Gellindo battendo le zampette di gioia. Aveva finalmente trovato un lavoro intelligente, utile, divertente e soprattutto facile! Facile? Mah Quando fu il momento di battere le dieci e mezzo, Gellindo s attaccò alla fune grossa e cominciò a tirare e contare a voce alta Uno! Due Tre Ma tre l avevo già detto, o no? Be, lo dico adesso: Tre! E poi quattro Quattro però mi sembra di non averlo detto e allora: Quattro Cinque! Insomma, quando gli spaventapasseri del Villaggio contarono i rintocchi del campanile Ma come fanno a essere le ventisette e sei quarti! esclamarono sbalorditi, e scoppiò una sommossa: si radunarono tutti in piazza e chiamarono a gran voce Din Dòndolo, che arrivò di corsa con gli occhi fuori dalla testa. Scusatemi, amici, il fatto è che Gellindo Ghiandedoro 11

12

13 Non dirci che hai assunto Gellindo come aiuto-cam pa na ro!! esclamarono gli Spaventapasseri. Il fatto è che, poverino, lui stamattina mi ha chiesto Allora è tutto chiaro: lascia perdere e non arrabbiarti troppo con lui! È un pasticcione, quello scoiattolo, ma è nostro amico, e un amico simpatico per giunta! Come è andata, oggi, Din Dòndolo? chiese quella sera Gellindo, che non aveva il coraggio di guardare quell altro negli occhi. Secondo me poteva andare peggio rispose il campanaro, annodando le funi delle due campane. Potevi suonare le quarantotto e dodici quarti, oppure il mezzodì con settantasette rintocchi grossi e ventiquattro piccoli No no: vedrai che con l esperienza le cose miglioreranno e e questi sono i tuoi due soldi di paga. Domani mattina Domattina è meglio che cambi lavoro, vero? Beh, ecco, quasi quasi io direi di sì! sussurrò Din Dòndolo, abbracciando forte forte il suo amico scoiattolo. Cinque Rosso-Giallo-Verde, che ne diresti se ti aiutassi a regolare il traffico del Villaggio? chiese la mattina dopo Gellindo, andando a svegliare lo spaventapasseri vigile urbano. Che traffico vuoi che ci sia, nel nostro Villaggio rispose Rosso- Giallo-Verde. Nessuno qui ha l automobile e l unico pericolo per i pedoni è la bicicletta color argento con cui Bellondina ogni tanto va a fare i suoi giretti Comunque sappi che il lavoro del vigile urbano non è solo quello di dirigere il traffico: noi aiutiamo i vecchietti ad attraversare la strada, accorriamo quando c è un incendio, aiutiamo i bambini a tornare a casa senza perdersi, recuperiamo le cose che gli altri lasciano in giro Ecco un idea, Gellindo: potresti aiutarmi a raccogliere i portafogli, i cappelli o gli occhiali che gli Spaventapasseri dimenticano sui muretti o sulle panchine. Il tuo compito sarà quello di restituire gli oggetti smarriti a casa dei rispettivi proprietari! Fu così che da quel giorno Gellindo Ghiandedoro divenne il re cuperatore ufficiale del Villaggio degli Spaventapasseri. Si appostò in 13

14 piazza nascondendosi dietro all angolo di una casa e si mise a osservare tutti quelli che passavano di lì, pronto a intervenire se qualcuno avesse perso qualcosa un fazzoletto, un cappellino, una pipa Dopo tre ore di inutile attesa Certo che mi sono scelto un lavoro proprio barboso, eh! si lamentò Gellindo, che proprio in quell istante vide Paciocco, lo spaventapasseri che non s arrabbiava mai, appoggiare il giornale arrotolato sull orlo della fontana per sistemarsi un po la vecchia giacchetta che gli pendeva di lato. Gellindo gli piombò alle spalle, afferrò la Gazzetta degli Spaventapasseri e scappò via urlando: Se vuoi riavere il giornale che hai lasciato in giro, torna a casa ché io ti aspetto là! Paciocco, che stava ancora mettendosi a posto la giacchetta, si girò e vide lo scoiattolo scappar via con il suo giornale in mano. Ma non si arrabbiò, perché lui era un tipo proprio tranquillo. Piano piano, invece, zampettò fino al suo orto, dove trovò ad attenderlo Gellindo con il giornale in mano. E Paciocco lo ringraziò, perfino, per la premura dimostrata e per il bel pensiero! Andò però peggio, poco dopo, con Pagliafresca: arrivò in piazza sfoggiando la sua nuova pipa di ciliegio, se la tolse di bocca, l appoggiò con cura al davanzale di una finestra lì accanto e si piegò per bere un lungo sorso d acqua alla fontana. Quando si tirò su e si girò la pipa non c era più! Sparita dal davanzale in meno di mezzo secondo! Ma com era possibile? Certo che era possibile, perché in fondo alla piazza Gellindo lo stava a guardare con la pipa in mano! Caro il mio Pagliafresca esclamò lo scoiattolo con un sorrisetto felice, tu hai lasciato in giro la pipa e io te la riporto, ma a casa tua! Così m ha detto di fare Rosso-Verde-Giallo e io obbedisco! Ci volle tutta la pazienza di Empedocle e la dolcezza di Mangiatorte per calmare un Pagliafresca infuriato. Questa volta non gliela faccio passare liscia, a quello lì! Una bella sculacciata non gliela toglie nessuno! Ma cosa dici! lo rimproverò bonariamente Empedocle. È pur sempre un nostro amico, no? E agli amici bisogna voler bene! Aspetta, 14

15

16 invece: vado a parlare con Rosso-Giallo-Verde e forse riusciremo a fargli cambiar lavoro Caro Gellindo sospirò quella sera Rosso-Giallo-Verde, mettendo due soldi di paga in mano allo scoiattolo, penso che dovrai dire addio alla tua carriera di vigile urbano e di recuperatore ufficiale di oggetti smarriti! Non è una professione che fa per te, anche se devo dire che mi hai obbedito esattamente, forse troppo! Ma domani sarai più fortunato, ne sono certo Sei Saresti contenta, Casoletta, se oggi venissi a lavorare da te in latteria? Un colpo al cuore fece tremare le mani della povera spaventapasseri: da alcuni giorni Casoletta stava seguendo da lontano le peripezie di Gellindo e tutti i guai combinati lavorando qui e là. «E adesso tocca a me pensò senza fiato. Dovevo immaginarmelo che, prima o poi». Va bene, Gellindo: ho proprio bisogno di qualcuno che mescoli il latte sul fuoco per trasformarlo in buon formaggio. Ti faccio vedere come si fa e cominci subito! Ecco: non era quel che si dice un bel lavoro, un lavoro di concetto, un lavoro impegnativo, insomma Con il mestolo in mano e un grembiule bianco sul davanti, Gellindo se ne stava in piedi sul bordo del focolare e mescolava, mescolava, mescolava, mescolava Il fatto è che con tutto quel mescolare in tondo in tondo in tondo lentamente le palpebre dello scoiattolo divennero pesanti come il piombo, finché gli occhi si spalancarono come ipnotizzati. Dire che Gellindo s addormentò di sasso con il mestolo in mano è dir poco, visto che il nostro amico, non appena scivolò nel sonno, si piegò in avanti e Spluffff! cadde senza un lamento nel latte tiepido che attendeva di diventar formaggio! Casoletta lo ripescò di lì a pochi minuti, sentendo che qualcuno annaspava sputacchiando nel pentolone. Lo ripulì in silenzio, lo asciugò dal latte e gli tolse il mestolo di mano. 16

17

18 Mi dispiace, Gellindo esclamò a malincuore Casoletta, ma nemmeno il lattaio è un lavoro che fa per te! Questi sono i due soldi promessi e ti auguro d esser più fortunato, domani! Il lavoro giusto Còntolo era intento a mettere in fila, uno sopra l altro, una lista eterna di numeri, quando la campanella della porta della Cassa Rurale del Villaggio suonò argentina, annunciando l arrivo del primo cliente di quel giorno. Ehilà, chi si vede! esclamò lo spaventapasseri-ragioniere, vedendo Gellindo farsi avanti col musetto triste. Come mai quell aria da scoiattolo bastonato? Sono venuto a depositare questi dodici soldi sul mio conto Dodici soldi sono tanti Come li hai guadagnati? Facendo sei lavori diversi in sei giorni! Bravo, hai quasi battuto un record, sai? Ti riferisci al record della sfortuna, vero? Al record di quelli a cui va tutto storto! Ecco qua i miei dodici soldi: méttili con gli altri e non se ne parli più! e fece per andarsene. Aspetta, aspetta Hai fretta di andartene? Non vuoi fermarti a far due chiacchiere? Cosa vuoi chiacchierare rispose Gellindo. Una sera sono andato a dormire con l idea che sarebbe stato bello cominciare a lavorare Mi sarebbe andato bene qualsiasi lavoro, e invece ho solo combinato un guaio dietro l altro. Già, mi hanno detto qualcosa a questo proposito mormorò Cóntolo. Però c è da dire che forse non hai ancora trovato il lavoro che fa per te! Si tratta di avere costanza, di non abbattersi alle prime difficoltà E secondo te dovrei distruggere il Villaggio degli Spaventapasseri, dovrei dar fuoco al Bosco delle Venti Querce e restare senza amici, prima di trovare finalmente un lavoro che fa per me? Beh, non tutte queste cose assieme, però io non mi arrenderei Sai dirmi quanto fa dieci per due? chiese Cóntolo, cambiando tono di voce 18

19 e diventando all improvviso serio. Ve n t i rispose Gellindo senza nemmeno pensarci. E quaranta diviso otto? Ci n q u e. Ottantuno diviso nove? No v e. Venti più quindici meno otto più uno? Ve n t o t t o calcolò Gellindo in meno di mezzo secondo. Diviso quattro? Se t t e rispose senza alcuna indecisione. Solo a quel punto, di fronte a quel Se t t e che gli era sgorgato dal cuore e che aveva esclamato senza esitazione, Gellindo capì d esser finalmente arrivato nel posto giusto! Erano i numeri, il suo pane! Era far di conto, il suo lavoro! Era la Cassa Rurale del Villaggio, il luogo in cui avrebbe potuto finalmente lavorare senza combinare guai! Gellindo: sei assunto all istante come aiutante cassiere, con uno stipendio di venti soldi la settimana! Non vi dico la felicità, lo stupore e l incredulità con cui Gellindo accolse la notizia. E non vi sto nemmeno a dire le urla, gli strilli e i pianti di gioia con cui lo scoiattolo corse per tutto il Villaggio a dare la bella notizia! Ci sarà da fidarsi, d ora in poi, ad andare alla Cassa Rurale? sussurrò Palosghembo rivolgendosi a Lingualunga, lo spaventapasseri che sapeva tutto di tutti, che era al corrente dei misteri e di tutti i segreti dei dintorni, che conosceva le cose ancor prima che accadessero! A me hanno riferito che qualcuno, parlando in gran segreto, ha confidato di nascosto a qualcun altro che Gellindo avrebbe pagato dodici soldi nuovi di zecca, pur di essere assunto come aiuto-cassiere! buttò lì Lingualunga con l aria di chi la sapeva ancor più lunga In realtà Gellindo, da quel giorno, si trasformò nello scoiattolo più felice della Valle di Risparmiolandia e nell aiuto-cassiere più bravo e premuroso di tutte le Casse Rurali della Valle. Cóntolo gli spiegò ogni cosa, della banca. Gli parlò dei soldi depositati da chi voleva conservarli nel tempo e dei soldi dati in prestito a chi ne 19

20 aveva bisogno; gli spiegò degli interessi, e cioè di quei soldini in più che venivano aggiunti a tutti i conti correnti e a tutti i libretti di risparmio dei vari spaventapasseri e dei vari spaventapulcini Ma sì: anche i più piccoli possono avere un loro libretto di risparmio, nella nostra Cassa gli disse qualche giorno dopo Cóntolo. E sei così bravo e simpatico, che sarai proprio tu, piccolo scoiattolo, a spiegare d ora in poi ai bambini perché è importante risparmiare, perché è utile pensare al nostro futuro e perché è bello farlo tutti assieme in una Cassa Rurale! E queste che cosa sono? esclamò Gellindo prendendo in mano alcune tesserine di plastica. Quelle sono le carte di credito e le tessere del Bancomat Sono sistemi per poter andare in giro senza tanti soldi in tasca, evitando rischio di perderli o di farteli rubare. Inserisci le tesserine del Bancomat nelle macchinette giuste, e riceverai le banconote che desideri, oppure consegni la carta di credito al negoziante presso il quale hai fatto una spesa, e paghi senza denaro in mano! Automaticamente quello che prelevi dal Bancomat oppure quello che paghi con la carta di credito viene tolto dal tuo conto corrente, e il gioco è fatto! Gellindo Ghiandedoro era entusiasta di quel nuovo lavoro. Accoglieva tutti i clienti sempre con un sorriso sulle labbra; aiutò il vecchio Empedocle a compilare le carte con cui ordinava un bonifico per pagare l affitto dell orto in cui viveva; diede una mano a Casoletta, per ricevere un prestito dalla Cassa Rurale, grazie al quale ingrandì la latteria e si comprò una macchina nuova per fare le cioccolate; fu Gellindo a convincere Cóntolo a regalare alla piccola scuola di Abbecedario uno scatolone pieno di libri di fiabe da leggere, matite colorate, fogli per dipingere e una fotocopiatrice nuova di zecca Pensate un po : introdusse anche un sistema automatico per pagare le bollette Perché gli spaventapasseri devono scomodarsi ogni mese per venire a pagare la luce, l acqua e le spese dei rifiuti? propose Gellindo al suo capo-cassiere. Basta che ci lascino la loro firma e ci penseremo noi, automaticamente, a pagare ogni mese quel che sarà necessario, prele- 20

21

22 vando i soldi dal loro conto corrente Avete mai visto uno scoiattolo finalmente felice? Avreste dovuto esserci, ieri sera, ad aspettare Gellindo su, al vecchio albero del Bosco delle Venti Querce, al termine di una giornata di lavoro. L avreste sentito arrivare fischiettando gioioso in compagnia di Bellondina; l avreste visto salutare Brigida la civetta, grattare la pancia alla talpa Mele senda, agitare la mano per dar la buonanotte alla bella spaventapasseri sua amica che tornava al Villaggio e chiudersi finalmente nella tana per il meritato riposo. Nel pieno della notte, poi, se vi foste avvicinati alla finestrella della camera da letto, avreste sentito Gellindo Ghiandedoro parlare nel sonno, anzi: cantilenare una filastrocca allegra Uno non è nessuno Due puzza come un bue Tre è forte come quel re Quattro e Cinque si fa prima a dir che non fanno rima Sei mi chiede se ci sei Sette lo si taglia a fette Otto è piccolo e tracagnotto Nove sta fermo anche quando si muove e se col Dieci mangi pasta e ceci, solo con lo Zero ti dirò chi ero! 22

23 fine della quinta puntata (nella prossima puntata Gellindo Ghiandedoro e il cugino Bollicino ) 23

24 5. I prodotti bancari Come mettere i soldi in banca ll giorno in cui decidi di portare i tuoi risparmi in banca, devi anche stabilire in quale modo vuoi che la banca te li custodisca e li faccia fruttare. Il Libretto di risparmio, per te che sei minorenne, è la forma più semplice e immediata per mettere i soldi al sicuro. Su questo libretto, una specie di quadernetto che la banca ti consegna e ti porti a casa, vengono annotati tutti i versamenti che fai, ovvero tutti i risparmi che consegni alla banca, ma anche tutti i soldi che prelevi quando devi fare qualche spesa particolare: ad esempio quando decidi di comprarti proprio con i tuoi risparmi quel nuovo bellissimo gioco Ricordati che se perdi il Libretto, devi avvisare subito la banca, perché così il tuo tesoro ti verrà trasferito su un altro libretto per metterlo nuovamente al sicuro. I tuoi genitori, invece, tra le varie forme di deposito di soldi in banca, avranno senz altro scelto quella di aprire un conto corrente, un conto cioè contrad distinto da un numero, sul quale vanno a confluire i risparmi della famiglia e i guadagni (lo stipendio ), ma dal quale richiedendolo possono essere automaticamente detratte anche le varie spese famigliari, come le bollette della luce, del telefono, l affitto della casa Grazie all estratto conto, un foglio che riassume le entrate/uscite (guadagni/spese) e il saldo (conto finale), i tuoi genitori hanno sempre una panoramica sulla propria situazione finanziaria. È un po l evoluzione del quadernetto sul quale la tua nonna annotava giornalmente le spese, per non trovarsi con brutte sorprese alla fine del mese. 24

25 I soldi... c è chi li chiama così Ancora oggi, in Italia, i soldi vengono indicati con termini dialettali o nomignoli. Eccone alcuni ma anche a te, magari, ne vengono in mente degli altri. Prova ad aggiungerli a questo elenco: Banconote; Baiocchi; Bezzi; Capitale; Cartamoneta; Cash; Con qui bus; Contante; Cucuzze; Denaro; Dindi; Dinero; Liquidi; Malloppo; Palanche; I vantaggi del correntista Sul denaro depositato sul conto corrente, ovviamente, i tuoi genitori ricevono dalla ban ca gli interessi: una specie di piccola ricompensa per aver prestato i propri soldi. Ma non solo. Ogni correntista è così che si chiama chi ha un conto corrente ha infatti diritto a diversi vantaggi, ed è per questo che tutte le banche devono essere chiare nel mostrare ai clienti le offerte dei propri servizi e, soprattutto, la loro totale sicurezza. Tra questi, ad esempio, insieme al conto corrente i tuoi genitori possono chiedere di avere anche il Libretto degli assegni, la tessera per il Bancomat e una o più carte di credito. L assegno, entrato in circolazione in Italia nel 1882, è un foglietto che sostituisce il denaro al momento del pagamento; oggi, però, il suo posto è 25 preso spesso dalle carte di pagamento. Va compilato correttamente in ogni sua parte data e luogo, cifra da pagare, nome del beneficiario (chi riceve il denaro), firma del correntista (chi paga) e presentandolo in qualsia si banca questo viene trasformato in denaro, purché non sia a vuoto (si dice anche scoperto ); la cifra indicata sull assegno deve infatti essere sempre inferiore alla somma che il correntista ha sul proprio conto. Un assegno è invece inutiliz za bi le se, mostrando la scritta non trasferibile, viene presentato in banca da una persona diversa dal bene fi cia rio. Un altra forma di pagamento senza il passaggio diretto delle banconote, soprattutto quando la cifra risulta piuttosto alta, è quella rappresentata dal bonifico che, tradotto, significa trasferimento di denaro da un conto corrente (quello di chi paga) a un altro conto (quello di chi riceve i soldi).

26 5. I prodotti bancari Il denaro elettronico Con sempre più frequenza, dunque, i pagamenti vengono oggi eseguiti con le carte elettroniche, tesserine di plastica che, tramite una memoria, permettono a speciali apparecchi di lettura i Pos (Point of sale, punti vendita in inglese) che avrai visto al supermercato quando vai a fare la spesa con la mamma di riconoscerne il codice segreto (PIN) e prelevare così il denaro direttamente dal conto corrente al quale la tessera è collegata. Ve ne sono di tanti tipi: la tessera Bancomat, ad esempio, che per le Casse Rurali si chiama Globo, Il distributore di soldi Nella tua regione, così come in Italia e in Europa, te ne sarai accorto anche tu, si vive in modo sempre più tecnologico. Un esempio lo troviamo nello sportello Bancomat, un servizio bancario automatizzato che funziona 24 ore su 24 e senza la presenza dell impiegato. Quest invenzione, che ha notevolmente ridotto le code di clienti in banca, consente di prelevare denaro fino a una certa quantità stabilita dalla banca, di conoscere le spese e le entrate sul proprio conto, di pagare la ri carica del cellulare e molto altro 26 è una carta che però ha un limite di prelievo più basso rispetto alle carte di credito. Con queste ultime, i cui nomi più famosi sono quelli di CartaSì, American Express, il titolare (proprietario) della carta può fare acquisti nei negozi, pagare il pranzo al ristorante, i pedaggi ai caselli dell autostrada, la vacanza al mare all agenzia di viaggi... senza però, anche in questo caso, superare un limite massimo di spesa; periodicamente riceverà il resoconto di quanto speso in Italia ed eventualmente all estero. Le Casse Rurali, per evitare che voi ragazzi andiate in giro con tanti soldi in tasca, anche per motivi di sicurezza ha inventato la carta prepagata Ri-carica: il pieno lo potete fare in banca con una somma prefissata. Non svelare mai a nessuno il numero di codice segreto della tua carta e, come per il Libretto di risparmio, ricordati che, se la perdi o ti viene rubata, con una telefonata al numero indicato al momento della consegna, puoi subito bloccarne l utilizzo da parte di estranei.

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri

Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri In caso di rapina in un pubblico esercizio Mantieni la massima calma ed esegui prontamente ciò che viene chiesto dai rapinatori. Non prendere

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

BUONE AZIONI PER RISPARMIARE

BUONE AZIONI PER RISPARMIARE BUONE AZIONI PER RISPARMIARE A cura del Servizio Socio Assistenziale della Comunità Alta Valsugana e Bersntol in collaborazione con i dipendenti delle Casse Rurali di Pergine Valsugana, Caldonazzo, Levico

Dettagli

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega :

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : 1. Il titolo del racconto che leggerai è UNA STRANA STREGA, segna nel seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : Avere il naso aquilino Si no Possedere un pentolone Si no Essere sempre

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

3- Dove e come posso richiederla ed attivarla?

3- Dove e come posso richiederla ed attivarla? FAQ ITALO PIU 1- Cos è la Carta Italo Più? 2- Cosa puoi fare con Italo Più? 3- Dove e come posso acquistarla? 4- Quanto costa? 5- Come posso ricaricare la carta? 6- Dove posso controllare il saldo ed i

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

BIANCOENERO EDIZIONI

BIANCOENERO EDIZIONI RACCONTAMI BIANCOENERO EDIZIONI Titolo originale: The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886 Ringraziamo Giulio Scarpati che ha prestato la sua voce per questo progetto. Consulenza scientifica al

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

MA LE STELLE QUANTE SONO

MA LE STELLE QUANTE SONO LIBRO IN ASSAGGIO MA LE STELLE QUANTE SONO DI GIULIA CARCASI Alice Una vecchia canzone diceva: Tu sai tutto sulla realtà del mercato e qui io ammetto di essere negato. Ma a inventare quel che non c è io

Dettagli

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso.

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso. Deutsche Bank Easy. Guida all uso. . Le caratteristiche. è il prodotto di Deutsche Bank che si adatta al tuo stile di vita: ti permette di accedere con facilità all operatività tipica di un conto, con

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno.

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Sai Nonno: oggi abbiamo concluso le prove generali per lo spettacolo di fine d anno; credo proprio che ti piacerà, soprattutto il finale. Poco prima dell ultima

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

ANCHE QUEST ANNO È GIÀ NATALE

ANCHE QUEST ANNO È GIÀ NATALE ANCHE QUEST ANNO È GIÀ NATALE Il percorso didattico dedicato al Natale ha la finalità di far vivere con maggiore consapevolezza le tradizioni natalizie, dando un significato appropriato ai simboli del

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

un gioco di acquisti e costruzioni

un gioco di acquisti e costruzioni un gioco di acquisti e costruzioni Creato da Ben Haskett Illustrazioni di Derek Bacon La storia........ 2 Obiettivo del gioco........ 3 Componenti... 3 Preparazione..... 4 Come giocare...... 6 Carte costruzione.........

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così:

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: in una bella giornata di ottobre, quando la mia migliore amica Sabrina

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

conquista il mondo in pochi minuti!

conquista il mondo in pochi minuti! conquista il mondo in pochi minuti! Il gioco di conquista e sviluppo più veloce che c è! Il gioco si spiega in meno di 1 minuto e dura, per le prime partite, non più di quindici minuti. Mai nessuno ha

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Una libera pensatrice.

Una libera pensatrice. Passato prossimo/imperfetto 1 Leggi il testo e scegli il verbo corretto. Una libera pensatrice. In primavera, quando l aria si riscaldava/si è riscaldata e è diventata/diventava piacevole, noi bambini

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano?

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? 1. Sofia ha appena ricevuto un e-mail con questo titolo: Se mi dai una mano, arrivo! Secondo te, di che cosa parla il messaggio? Discutine con un compagno.

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... Come accade per tutte quelle aziende che servono in ogni momento

Dettagli

INDICE. 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3. 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10. 3. Come acquistare on line Pag. 14

INDICE. 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3. 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10. 3. Come acquistare on line Pag. 14 INDICE Carte Prepagate istruzioni per l uso 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10 3. Come acquistare on line Pag. 14 4. Come creare il 3D security Pag. 16 5. Collegamento

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli