L ECONOMIA raccontata ai bambini 5. Gellindo Ghiandedoro in cerca di lavoro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ECONOMIA raccontata ai bambini 5. Gellindo Ghiandedoro in cerca di lavoro"

Transcript

1 L ECONOMIA raccontata ai bambini 5 Gellindo Ghiandedoro in cerca di lavoro 1

2 Pensiero nascosto Quella mattina tiepida di primavera Gellindo Ghiandedoro si svegliò al suono della terza sveglia e balzò dal letto per correre a spegnere le altre quattro. Aprì i battenti della finestrella che dava sul prato e respirò a pieni polmoni l aria profumata di fiori. Era proprio un bel posto, il suo Bosco delle Venti Querce! Fece colazione, si lavò i dentoni e s impomatò l enorme coda con due tubetti interi di gel ultra-forte, dandole quel giorno la forma di una bella nuvola cicciottona e vaporosa. Adesso sono pronto per affrontare il mondo! esclamò Gellindo, guardandosi allo specchio prima di uscire dalla tana. Mise la zampetta sul pomolo della porta, fece per girare e aprire, quando un improvviso peso al cuore gli tolse quasi il fiato. Un pensiero oscuro gli bloccò la bocca dello stomaco, il ricordo di un incubo notturno gli mise addosso un po d ansia, l impressione che qualcosa non andasse per il verso giusto lo costrinse a fermarsi sulla porta, mentre il malessere di un pensiero nascosto lo obbligò a grattarsi il ciuffo in testa 2

3 Chissà perché non mi ricordo quel che stavo pensando ieri sera, prima di addormentarmi! disse Gellindo ad alta voce. Ehilà, Tisana la Dolce, dove stai saltellando di buon mattino? Sto correndo al boschetto qui sopra, per raccogliere di buon mattino alcune gemme di pino che mi servono per un decotto contro la tosse Posso venire ad aiutarti? strillò Gellindo chiudendo la porta della tana e raggiungendo l amica. Quante gemme ti servono? Otto gemme sono sufficienti, ma devono essere staccate dai rami più alti dei pini, quelli che ricevono tutta la luce del sole Ma se non venivo io, come facevi tu, da sola, a saltellare fin lassù in cima? Eh che vuoi che sia: avrei chiesto aiuto a qualche uccellino, oppure a un ghiro mezzo addormentato. Però se ci sei tu, ad aiutarmi nel lavoro, sono cont La v o r o o o o! urlò Gellindo bloccandosi in mezzo alla strada. Ecco cosa mi ero dimenticato: ieri sera, prima di addormentarmi, ho fatto a me stesso la promessa di trovarmi un lavoro! Oggi stesso! E perché, poi? Devi proprio? Beh, a dire il vero no, non mi serve un lavoro. Ho già tutto quello di cui ho bisogno e anche un gruzzoletto custodito alla Cassa Rurale per i momenti di necessità No, lavorare non mi servirebbe, ma siccome lo fanno tutti! Tutti hanno un lavoro: Casoletta alla latteria, tu nel tuo orto di erbe medicinali, Rosso-Verde-Giallo dirige il traffico, Passion di Fiaba deve inventare almeno una fiaba al giorno da raccontare la sera agli amici, Din Dòndolo tiene pulita la chiesa del Villaggio, Abbecedario fa scuola agli spaventapulcini E io chi sono? No no: Gellindo Ghiandedoro da oggi comincia lavorare! E che lavoro ti piacerebbe? chiese Tisana la Dolce, riprendendo a saltellare in direzione del boschetto dei pini. Ecco, non lo so Forse, potrei Mah, secondo te che lavoro potrebbe piacere a uno scoiattolo? Tisana la Dolce giunse proprio in quel momento ai piedi di un pino alto fino al cielo e si fermò ai suoi piedi. Ad esempio potresti salire fin lassù e raccogliermi otto belle gemme 3

4 fresche di giornata! Vorresti dire che potrei diventare un tuo un tuo aiutante? balbettò Gellindo, che non osava credere d aver già trovato un lavoro. Da oggi potrei dire a tutti che sono l Aiutante di Tisana la Dolce? Che quello è il mio lavoro? D accordo acconsentì la spaventapasseri con un sorriso. Non avevo previsto di assumere qualcuno che mi desse una mano, ma va bene: Gellindo, tu sei il mio nuovo collaboratore! Da subito? Da adesso? Come no: anzi, arrampicati veloce e portami le gemme che ci servono! Cento lavori: uno Il lavoro di aiutante di Tisana la Dolce durò meno di una giornata intera, che Gellindo passò su e giù per gli alberi dei dintorni a raccoglier foglie e rametti di quercia, a strappar cortecce di nocciòlo, a far mazzolini d erba medica e a riempir sacchetti con foglie di lavanda selvatica Poi, per tutto il pomeriggio il poveretto dovette sudare vicino al fuoco per tener sotto controllo i decotti che gorgogliavano nelle pentole e nei pentolini di rame e solo verso a sera Ecco, Gellindo: per oggi abbiamo terminato esclamò Tisana la Dolce togliendosi il grembiule. Anzi no: prendi la scopa, pulisci per terra, riordina tutti quei vasetti che sono sul tavolo e mettili nella credenza in ordine di grandezza, dal più piccolo al più grande. Quando hai finito, corri alla fontana a prendere un po d acqua, così preparo la camomilla per il vecchio Empedocle: quando è pronta gliela porti, lo saluti a nome mio e, non appena torni, ti darò due soldi di paga per il lavoro di oggi! Poi ci rivediamo domani mattina all alba, ché andiamo a fare una capatina al ruscello qui sotto, in cerca di carotine selvatiche per una torta che voglio regalare a Casoletta Per carità: non che due soldi di paga fossero pochi, anzi: quel che era troppo, invece, era il lavoro! Ma scusa, Tisana, mormorò Gellindo mentre scopava per terra, 4

5

6 tu lavori così tanto tutti i giorni? Sempre, dall alba al tramonto? Sette giorni la settimana? Sei giorni, caro mio: la domenica la dedico a rimetter ordine in casa e a far visita agli amici! Ascolta disse allora lo scoiattolo smettendo per un attimo di riordinare i vasetti nella credenza, se ti dico una cosa, poi non ti offendi? E cosa vorresti dirmi? Che forse provo a cambiar lavoro! buttò lì Gellindo, diventando rosso per l agitazione. Tisana la Dolce ammutolì, rimase silenziosa per alcuni istanti e poi con un dolce sorriso si chinò a baciare l amico sulla fronte. Tu puoi fare tutto quel che vuoi, amico mio! Oggi hai provato a lavorare con me, e questi sono i tuoi due soldi di paga. Domani prova pure con qualcun altro e dopodomani con altri ancora, e vedrai che prima o poi troverai il lavoro che fa per te! Due Fu così che per Gellindo Ghiandedoro, la mattina dopo, cominciò una vera e propria giostra di lavori da far girare quasi la testa. Maestro Abbecedario, che ne diresti se oggi vengo ad aiutarti a far scuola agli spaventapulcini? E quale materia ti piacerebbe insegnare? Potrei ad esempio potrei insegnare ai tuoi scolari come ci si orienta nel bosco! Bene rispose Abbecedario, chiudendo il libro di matematica e rivolgendosi ai dieci spaventapulcini seduti sui banchi di scuola. Oggi basta aritmetica e niente lezione di storia degli Spaventapasseri famosi, perché il nostro amico scoiattolo vi insegnerà a non perdervi quando camminate in un bosco. Gellindo: tocca a te! Dunque ehm, allora fate attenzione: quando camminate in un bosco e arrivate a un bivio, vedrete una strada che va a destra e una che gira a sinistra. Va bene? Avete capito? Allora vuol dire che fin qui non ci siamo persi: se prendete la strada di destra, fate attenzione al ritorno, 6

7 perché quel bivio lo vedrete diverso e potreste sbagliar strada. Per evitare di perdervi, se all andata avete girato a sinistra, quando tornerete a casa, giunti al bivio, prendete la strada di destra no, cioè, scusatemi, la strada di sinistra e girate poi a destra ma quando sarete a casa, forse no, anzi... Si g h! Se continua così, a casa non ci arriverete mai! St o p! intervenne Abbecedario, quando si accorse che la sua presenza metteva in difficoltà Gellindo. Sapete cosa dovete fare, adesso? Lasciate i libri sul banco e andate a fare una passeggiata qui attorno accompagnati dal vostro nuovo insegnante. Vedrete che a Gellindo verrà senz altro in mente quale strada scegliere, quando si ritorna a casa Quella sera, ahimè, gli Spaventapasseri del Villaggio attesero fin dopo notte che gli spaventapulcini e Gellindo facessero ritorno a casa e dovettero muoversi Abbecedario, Quantobasta e Candeloro per andare a recu pe rarli al di là del ruscello, oltre il Bosco delle Venti Querce. Dopo che i piccoli ebbero abbracciato i loro genitori in lacrime e furono tornati sani e salvi ognuno nel proprio orto, Abbecedario prese in un angolo Gellindo, gli mise due soldi in mano e Bisogna sempre scoprire quali sono i propri limiti, caro il mio scoiattolo. Tu sei bravo e sei volonteroso, ma in quanto a orientamento ti perderesti dal tuo letto alla porta di casa, perciò ti saluto e domani cerca qualcos altro da fare! Tre Quantobasta, a me sono sempre piaciute le bottigliette di vetro di tutti i colori, i bilancini d ottone piccoli piccoli, i pestelli per tritare le erbe Mi prenderesti con te come aiutante? Quantobasta non aveva bisogno di alcun aiuto, nella sua farmacia, ma siccome all occorrenza era bravo a fare anche il medico, l infermiere, il barbiere e il meccanico D accordo, Gellindo: sei assunto come aiutante farmacista, così quando qualcuno mi chiama per il mal di pancia, per aggiustargli il tosaerbe o per accorciargli il ciuffo dei capelli, ci sarà qualcuno che tiene 7

8

9 aperta la farmacia I guai cominciarono di lì a un paio d ore quando, rimasto solo in negozio, Gellindo vide entrare Chiomadoro. Ciao, Gellindo: ho sentito che hai un nuovo lavoro, oggi! Mi daresti uno shampo per capelli biondi? Ai tuoi ordini, Chiomadoro! esclamò Gellindo, che si precipitò allo scaffale nel quale erano allineati tutti gli shampo della bottega. Dunque: vuoi uno shampo a presa rapida, uno shampo per capelli tinti, uno shampo per capelli secchi, uno shampo per capelli storti, uno shampo per capelli unti, uno shampo per capelli secchi, uno shampo per capelli corti, per capelli lunghi, per capelli medi, a riccioli, annodati, con pulci, senza pulci, di fieno, di paglia, di Fé r m a t i! Di paglia, i miei capelli sono di paglia Bene, però vuoi uno shampo per paglia chiara, per paglia scura, per paglia stagionata, per paglia a strisce, per paglia a boccoli, per Al t! Vorrei uno shampo per capelli di paglia a boccoli! Allora questo è lo shampo che fa per te esclamò soddisfatto Gellindo, consegnando a Chiomadoro un vasetto sul quale c era scritto: Shampo per capelli di paglia a boccoli p i c c o l i Siccome, però, i capelli di Chiomadoro erano di paglia a boccoli grandi!, lo shampo ebbe un effetto disastroso su quella bella capigliatura Ai u t o o o o o! Qu a n t o b a s t a a a a, g u a r d a c o m e si s o n o r i d o t t i i m i e i s t u p e n d i c a p e l l i! si mise a strillare di lì a poco la povera Chiomadoro, saltellando fino alla farmacia con una massa di capelli arruffati e diritti in testa! Lo so che sei stato sfortunato, Gellindo disse quella sera Quantobasta, dopo aver chiuso i battenti della farmacia, ma forse il lavoro di farmacista non fa per te! Ecco qui due soldi di paga e vedrai che domani sarai più fortunato! 9

10

11 Quattro Din Dòndolo, sono certo che il tuo è un lavoro che fa per me! Mi assumeresti come aiutante? Sono un campanaro nato, io! Non c è problema, Gellindo, anche perché ho il lavoro che fa per te. Vedi queste due corde? disse Din Dòndolo, dopo aver accompagnato lo scoiattolo nel campanile della chiesetta del Villaggio. La corda sottile è quella della campanella dei quarti d ora; la corda più grossa, invece, è attaccata alla campana delle ore. Allora: tra un po saranno le otto e un quarto Ecco, guardami e ascolta Din Dòndolo afferrò la corda grossa e al momento giusto Do n- n n ( Uno! urlò Din Dòndolo) Do n n n (Due!) Do n n n (Tre!) Do n n n (Quattro!) Do n n n (Cinque!) Do n n n (Sei!) Do n n n (Sette!) Do n n n (E otto!) Afferrò poi la corda più sottile e Di n n n Ecco, hai visto? Abbiamo avvisato l intero villaggio che sono esattamente le otto e un quarto. Fra un quarto d ora toccherà a te: dovrai tirare otto volte la corda grossa e due volte quella sottile e così via, per tutta la giornata Ma è semplicissimo esclamò Gellindo battendo le zampette di gioia. Aveva finalmente trovato un lavoro intelligente, utile, divertente e soprattutto facile! Facile? Mah Quando fu il momento di battere le dieci e mezzo, Gellindo s attaccò alla fune grossa e cominciò a tirare e contare a voce alta Uno! Due Tre Ma tre l avevo già detto, o no? Be, lo dico adesso: Tre! E poi quattro Quattro però mi sembra di non averlo detto e allora: Quattro Cinque! Insomma, quando gli spaventapasseri del Villaggio contarono i rintocchi del campanile Ma come fanno a essere le ventisette e sei quarti! esclamarono sbalorditi, e scoppiò una sommossa: si radunarono tutti in piazza e chiamarono a gran voce Din Dòndolo, che arrivò di corsa con gli occhi fuori dalla testa. Scusatemi, amici, il fatto è che Gellindo Ghiandedoro 11

12

13 Non dirci che hai assunto Gellindo come aiuto-cam pa na ro!! esclamarono gli Spaventapasseri. Il fatto è che, poverino, lui stamattina mi ha chiesto Allora è tutto chiaro: lascia perdere e non arrabbiarti troppo con lui! È un pasticcione, quello scoiattolo, ma è nostro amico, e un amico simpatico per giunta! Come è andata, oggi, Din Dòndolo? chiese quella sera Gellindo, che non aveva il coraggio di guardare quell altro negli occhi. Secondo me poteva andare peggio rispose il campanaro, annodando le funi delle due campane. Potevi suonare le quarantotto e dodici quarti, oppure il mezzodì con settantasette rintocchi grossi e ventiquattro piccoli No no: vedrai che con l esperienza le cose miglioreranno e e questi sono i tuoi due soldi di paga. Domani mattina Domattina è meglio che cambi lavoro, vero? Beh, ecco, quasi quasi io direi di sì! sussurrò Din Dòndolo, abbracciando forte forte il suo amico scoiattolo. Cinque Rosso-Giallo-Verde, che ne diresti se ti aiutassi a regolare il traffico del Villaggio? chiese la mattina dopo Gellindo, andando a svegliare lo spaventapasseri vigile urbano. Che traffico vuoi che ci sia, nel nostro Villaggio rispose Rosso- Giallo-Verde. Nessuno qui ha l automobile e l unico pericolo per i pedoni è la bicicletta color argento con cui Bellondina ogni tanto va a fare i suoi giretti Comunque sappi che il lavoro del vigile urbano non è solo quello di dirigere il traffico: noi aiutiamo i vecchietti ad attraversare la strada, accorriamo quando c è un incendio, aiutiamo i bambini a tornare a casa senza perdersi, recuperiamo le cose che gli altri lasciano in giro Ecco un idea, Gellindo: potresti aiutarmi a raccogliere i portafogli, i cappelli o gli occhiali che gli Spaventapasseri dimenticano sui muretti o sulle panchine. Il tuo compito sarà quello di restituire gli oggetti smarriti a casa dei rispettivi proprietari! Fu così che da quel giorno Gellindo Ghiandedoro divenne il re cuperatore ufficiale del Villaggio degli Spaventapasseri. Si appostò in 13

14 piazza nascondendosi dietro all angolo di una casa e si mise a osservare tutti quelli che passavano di lì, pronto a intervenire se qualcuno avesse perso qualcosa un fazzoletto, un cappellino, una pipa Dopo tre ore di inutile attesa Certo che mi sono scelto un lavoro proprio barboso, eh! si lamentò Gellindo, che proprio in quell istante vide Paciocco, lo spaventapasseri che non s arrabbiava mai, appoggiare il giornale arrotolato sull orlo della fontana per sistemarsi un po la vecchia giacchetta che gli pendeva di lato. Gellindo gli piombò alle spalle, afferrò la Gazzetta degli Spaventapasseri e scappò via urlando: Se vuoi riavere il giornale che hai lasciato in giro, torna a casa ché io ti aspetto là! Paciocco, che stava ancora mettendosi a posto la giacchetta, si girò e vide lo scoiattolo scappar via con il suo giornale in mano. Ma non si arrabbiò, perché lui era un tipo proprio tranquillo. Piano piano, invece, zampettò fino al suo orto, dove trovò ad attenderlo Gellindo con il giornale in mano. E Paciocco lo ringraziò, perfino, per la premura dimostrata e per il bel pensiero! Andò però peggio, poco dopo, con Pagliafresca: arrivò in piazza sfoggiando la sua nuova pipa di ciliegio, se la tolse di bocca, l appoggiò con cura al davanzale di una finestra lì accanto e si piegò per bere un lungo sorso d acqua alla fontana. Quando si tirò su e si girò la pipa non c era più! Sparita dal davanzale in meno di mezzo secondo! Ma com era possibile? Certo che era possibile, perché in fondo alla piazza Gellindo lo stava a guardare con la pipa in mano! Caro il mio Pagliafresca esclamò lo scoiattolo con un sorrisetto felice, tu hai lasciato in giro la pipa e io te la riporto, ma a casa tua! Così m ha detto di fare Rosso-Verde-Giallo e io obbedisco! Ci volle tutta la pazienza di Empedocle e la dolcezza di Mangiatorte per calmare un Pagliafresca infuriato. Questa volta non gliela faccio passare liscia, a quello lì! Una bella sculacciata non gliela toglie nessuno! Ma cosa dici! lo rimproverò bonariamente Empedocle. È pur sempre un nostro amico, no? E agli amici bisogna voler bene! Aspetta, 14

15

16 invece: vado a parlare con Rosso-Giallo-Verde e forse riusciremo a fargli cambiar lavoro Caro Gellindo sospirò quella sera Rosso-Giallo-Verde, mettendo due soldi di paga in mano allo scoiattolo, penso che dovrai dire addio alla tua carriera di vigile urbano e di recuperatore ufficiale di oggetti smarriti! Non è una professione che fa per te, anche se devo dire che mi hai obbedito esattamente, forse troppo! Ma domani sarai più fortunato, ne sono certo Sei Saresti contenta, Casoletta, se oggi venissi a lavorare da te in latteria? Un colpo al cuore fece tremare le mani della povera spaventapasseri: da alcuni giorni Casoletta stava seguendo da lontano le peripezie di Gellindo e tutti i guai combinati lavorando qui e là. «E adesso tocca a me pensò senza fiato. Dovevo immaginarmelo che, prima o poi». Va bene, Gellindo: ho proprio bisogno di qualcuno che mescoli il latte sul fuoco per trasformarlo in buon formaggio. Ti faccio vedere come si fa e cominci subito! Ecco: non era quel che si dice un bel lavoro, un lavoro di concetto, un lavoro impegnativo, insomma Con il mestolo in mano e un grembiule bianco sul davanti, Gellindo se ne stava in piedi sul bordo del focolare e mescolava, mescolava, mescolava, mescolava Il fatto è che con tutto quel mescolare in tondo in tondo in tondo lentamente le palpebre dello scoiattolo divennero pesanti come il piombo, finché gli occhi si spalancarono come ipnotizzati. Dire che Gellindo s addormentò di sasso con il mestolo in mano è dir poco, visto che il nostro amico, non appena scivolò nel sonno, si piegò in avanti e Spluffff! cadde senza un lamento nel latte tiepido che attendeva di diventar formaggio! Casoletta lo ripescò di lì a pochi minuti, sentendo che qualcuno annaspava sputacchiando nel pentolone. Lo ripulì in silenzio, lo asciugò dal latte e gli tolse il mestolo di mano. 16

17

18 Mi dispiace, Gellindo esclamò a malincuore Casoletta, ma nemmeno il lattaio è un lavoro che fa per te! Questi sono i due soldi promessi e ti auguro d esser più fortunato, domani! Il lavoro giusto Còntolo era intento a mettere in fila, uno sopra l altro, una lista eterna di numeri, quando la campanella della porta della Cassa Rurale del Villaggio suonò argentina, annunciando l arrivo del primo cliente di quel giorno. Ehilà, chi si vede! esclamò lo spaventapasseri-ragioniere, vedendo Gellindo farsi avanti col musetto triste. Come mai quell aria da scoiattolo bastonato? Sono venuto a depositare questi dodici soldi sul mio conto Dodici soldi sono tanti Come li hai guadagnati? Facendo sei lavori diversi in sei giorni! Bravo, hai quasi battuto un record, sai? Ti riferisci al record della sfortuna, vero? Al record di quelli a cui va tutto storto! Ecco qua i miei dodici soldi: méttili con gli altri e non se ne parli più! e fece per andarsene. Aspetta, aspetta Hai fretta di andartene? Non vuoi fermarti a far due chiacchiere? Cosa vuoi chiacchierare rispose Gellindo. Una sera sono andato a dormire con l idea che sarebbe stato bello cominciare a lavorare Mi sarebbe andato bene qualsiasi lavoro, e invece ho solo combinato un guaio dietro l altro. Già, mi hanno detto qualcosa a questo proposito mormorò Cóntolo. Però c è da dire che forse non hai ancora trovato il lavoro che fa per te! Si tratta di avere costanza, di non abbattersi alle prime difficoltà E secondo te dovrei distruggere il Villaggio degli Spaventapasseri, dovrei dar fuoco al Bosco delle Venti Querce e restare senza amici, prima di trovare finalmente un lavoro che fa per me? Beh, non tutte queste cose assieme, però io non mi arrenderei Sai dirmi quanto fa dieci per due? chiese Cóntolo, cambiando tono di voce 18

19 e diventando all improvviso serio. Ve n t i rispose Gellindo senza nemmeno pensarci. E quaranta diviso otto? Ci n q u e. Ottantuno diviso nove? No v e. Venti più quindici meno otto più uno? Ve n t o t t o calcolò Gellindo in meno di mezzo secondo. Diviso quattro? Se t t e rispose senza alcuna indecisione. Solo a quel punto, di fronte a quel Se t t e che gli era sgorgato dal cuore e che aveva esclamato senza esitazione, Gellindo capì d esser finalmente arrivato nel posto giusto! Erano i numeri, il suo pane! Era far di conto, il suo lavoro! Era la Cassa Rurale del Villaggio, il luogo in cui avrebbe potuto finalmente lavorare senza combinare guai! Gellindo: sei assunto all istante come aiutante cassiere, con uno stipendio di venti soldi la settimana! Non vi dico la felicità, lo stupore e l incredulità con cui Gellindo accolse la notizia. E non vi sto nemmeno a dire le urla, gli strilli e i pianti di gioia con cui lo scoiattolo corse per tutto il Villaggio a dare la bella notizia! Ci sarà da fidarsi, d ora in poi, ad andare alla Cassa Rurale? sussurrò Palosghembo rivolgendosi a Lingualunga, lo spaventapasseri che sapeva tutto di tutti, che era al corrente dei misteri e di tutti i segreti dei dintorni, che conosceva le cose ancor prima che accadessero! A me hanno riferito che qualcuno, parlando in gran segreto, ha confidato di nascosto a qualcun altro che Gellindo avrebbe pagato dodici soldi nuovi di zecca, pur di essere assunto come aiuto-cassiere! buttò lì Lingualunga con l aria di chi la sapeva ancor più lunga In realtà Gellindo, da quel giorno, si trasformò nello scoiattolo più felice della Valle di Risparmiolandia e nell aiuto-cassiere più bravo e premuroso di tutte le Casse Rurali della Valle. Cóntolo gli spiegò ogni cosa, della banca. Gli parlò dei soldi depositati da chi voleva conservarli nel tempo e dei soldi dati in prestito a chi ne 19

20 aveva bisogno; gli spiegò degli interessi, e cioè di quei soldini in più che venivano aggiunti a tutti i conti correnti e a tutti i libretti di risparmio dei vari spaventapasseri e dei vari spaventapulcini Ma sì: anche i più piccoli possono avere un loro libretto di risparmio, nella nostra Cassa gli disse qualche giorno dopo Cóntolo. E sei così bravo e simpatico, che sarai proprio tu, piccolo scoiattolo, a spiegare d ora in poi ai bambini perché è importante risparmiare, perché è utile pensare al nostro futuro e perché è bello farlo tutti assieme in una Cassa Rurale! E queste che cosa sono? esclamò Gellindo prendendo in mano alcune tesserine di plastica. Quelle sono le carte di credito e le tessere del Bancomat Sono sistemi per poter andare in giro senza tanti soldi in tasca, evitando rischio di perderli o di farteli rubare. Inserisci le tesserine del Bancomat nelle macchinette giuste, e riceverai le banconote che desideri, oppure consegni la carta di credito al negoziante presso il quale hai fatto una spesa, e paghi senza denaro in mano! Automaticamente quello che prelevi dal Bancomat oppure quello che paghi con la carta di credito viene tolto dal tuo conto corrente, e il gioco è fatto! Gellindo Ghiandedoro era entusiasta di quel nuovo lavoro. Accoglieva tutti i clienti sempre con un sorriso sulle labbra; aiutò il vecchio Empedocle a compilare le carte con cui ordinava un bonifico per pagare l affitto dell orto in cui viveva; diede una mano a Casoletta, per ricevere un prestito dalla Cassa Rurale, grazie al quale ingrandì la latteria e si comprò una macchina nuova per fare le cioccolate; fu Gellindo a convincere Cóntolo a regalare alla piccola scuola di Abbecedario uno scatolone pieno di libri di fiabe da leggere, matite colorate, fogli per dipingere e una fotocopiatrice nuova di zecca Pensate un po : introdusse anche un sistema automatico per pagare le bollette Perché gli spaventapasseri devono scomodarsi ogni mese per venire a pagare la luce, l acqua e le spese dei rifiuti? propose Gellindo al suo capo-cassiere. Basta che ci lascino la loro firma e ci penseremo noi, automaticamente, a pagare ogni mese quel che sarà necessario, prele- 20

21

22 vando i soldi dal loro conto corrente Avete mai visto uno scoiattolo finalmente felice? Avreste dovuto esserci, ieri sera, ad aspettare Gellindo su, al vecchio albero del Bosco delle Venti Querce, al termine di una giornata di lavoro. L avreste sentito arrivare fischiettando gioioso in compagnia di Bellondina; l avreste visto salutare Brigida la civetta, grattare la pancia alla talpa Mele senda, agitare la mano per dar la buonanotte alla bella spaventapasseri sua amica che tornava al Villaggio e chiudersi finalmente nella tana per il meritato riposo. Nel pieno della notte, poi, se vi foste avvicinati alla finestrella della camera da letto, avreste sentito Gellindo Ghiandedoro parlare nel sonno, anzi: cantilenare una filastrocca allegra Uno non è nessuno Due puzza come un bue Tre è forte come quel re Quattro e Cinque si fa prima a dir che non fanno rima Sei mi chiede se ci sei Sette lo si taglia a fette Otto è piccolo e tracagnotto Nove sta fermo anche quando si muove e se col Dieci mangi pasta e ceci, solo con lo Zero ti dirò chi ero! 22

23 fine della quinta puntata (nella prossima puntata Gellindo Ghiandedoro e il cugino Bollicino ) 23

24 5. I prodotti bancari Come mettere i soldi in banca ll giorno in cui decidi di portare i tuoi risparmi in banca, devi anche stabilire in quale modo vuoi che la banca te li custodisca e li faccia fruttare. Il Libretto di risparmio, per te che sei minorenne, è la forma più semplice e immediata per mettere i soldi al sicuro. Su questo libretto, una specie di quadernetto che la banca ti consegna e ti porti a casa, vengono annotati tutti i versamenti che fai, ovvero tutti i risparmi che consegni alla banca, ma anche tutti i soldi che prelevi quando devi fare qualche spesa particolare: ad esempio quando decidi di comprarti proprio con i tuoi risparmi quel nuovo bellissimo gioco Ricordati che se perdi il Libretto, devi avvisare subito la banca, perché così il tuo tesoro ti verrà trasferito su un altro libretto per metterlo nuovamente al sicuro. I tuoi genitori, invece, tra le varie forme di deposito di soldi in banca, avranno senz altro scelto quella di aprire un conto corrente, un conto cioè contrad distinto da un numero, sul quale vanno a confluire i risparmi della famiglia e i guadagni (lo stipendio ), ma dal quale richiedendolo possono essere automaticamente detratte anche le varie spese famigliari, come le bollette della luce, del telefono, l affitto della casa Grazie all estratto conto, un foglio che riassume le entrate/uscite (guadagni/spese) e il saldo (conto finale), i tuoi genitori hanno sempre una panoramica sulla propria situazione finanziaria. È un po l evoluzione del quadernetto sul quale la tua nonna annotava giornalmente le spese, per non trovarsi con brutte sorprese alla fine del mese. 24

25 I soldi... c è chi li chiama così Ancora oggi, in Italia, i soldi vengono indicati con termini dialettali o nomignoli. Eccone alcuni ma anche a te, magari, ne vengono in mente degli altri. Prova ad aggiungerli a questo elenco: Banconote; Baiocchi; Bezzi; Capitale; Cartamoneta; Cash; Con qui bus; Contante; Cucuzze; Denaro; Dindi; Dinero; Liquidi; Malloppo; Palanche; I vantaggi del correntista Sul denaro depositato sul conto corrente, ovviamente, i tuoi genitori ricevono dalla ban ca gli interessi: una specie di piccola ricompensa per aver prestato i propri soldi. Ma non solo. Ogni correntista è così che si chiama chi ha un conto corrente ha infatti diritto a diversi vantaggi, ed è per questo che tutte le banche devono essere chiare nel mostrare ai clienti le offerte dei propri servizi e, soprattutto, la loro totale sicurezza. Tra questi, ad esempio, insieme al conto corrente i tuoi genitori possono chiedere di avere anche il Libretto degli assegni, la tessera per il Bancomat e una o più carte di credito. L assegno, entrato in circolazione in Italia nel 1882, è un foglietto che sostituisce il denaro al momento del pagamento; oggi, però, il suo posto è 25 preso spesso dalle carte di pagamento. Va compilato correttamente in ogni sua parte data e luogo, cifra da pagare, nome del beneficiario (chi riceve il denaro), firma del correntista (chi paga) e presentandolo in qualsia si banca questo viene trasformato in denaro, purché non sia a vuoto (si dice anche scoperto ); la cifra indicata sull assegno deve infatti essere sempre inferiore alla somma che il correntista ha sul proprio conto. Un assegno è invece inutiliz za bi le se, mostrando la scritta non trasferibile, viene presentato in banca da una persona diversa dal bene fi cia rio. Un altra forma di pagamento senza il passaggio diretto delle banconote, soprattutto quando la cifra risulta piuttosto alta, è quella rappresentata dal bonifico che, tradotto, significa trasferimento di denaro da un conto corrente (quello di chi paga) a un altro conto (quello di chi riceve i soldi).

26 5. I prodotti bancari Il denaro elettronico Con sempre più frequenza, dunque, i pagamenti vengono oggi eseguiti con le carte elettroniche, tesserine di plastica che, tramite una memoria, permettono a speciali apparecchi di lettura i Pos (Point of sale, punti vendita in inglese) che avrai visto al supermercato quando vai a fare la spesa con la mamma di riconoscerne il codice segreto (PIN) e prelevare così il denaro direttamente dal conto corrente al quale la tessera è collegata. Ve ne sono di tanti tipi: la tessera Bancomat, ad esempio, che per le Casse Rurali si chiama Globo, Il distributore di soldi Nella tua regione, così come in Italia e in Europa, te ne sarai accorto anche tu, si vive in modo sempre più tecnologico. Un esempio lo troviamo nello sportello Bancomat, un servizio bancario automatizzato che funziona 24 ore su 24 e senza la presenza dell impiegato. Quest invenzione, che ha notevolmente ridotto le code di clienti in banca, consente di prelevare denaro fino a una certa quantità stabilita dalla banca, di conoscere le spese e le entrate sul proprio conto, di pagare la ri carica del cellulare e molto altro 26 è una carta che però ha un limite di prelievo più basso rispetto alle carte di credito. Con queste ultime, i cui nomi più famosi sono quelli di CartaSì, American Express, il titolare (proprietario) della carta può fare acquisti nei negozi, pagare il pranzo al ristorante, i pedaggi ai caselli dell autostrada, la vacanza al mare all agenzia di viaggi... senza però, anche in questo caso, superare un limite massimo di spesa; periodicamente riceverà il resoconto di quanto speso in Italia ed eventualmente all estero. Le Casse Rurali, per evitare che voi ragazzi andiate in giro con tanti soldi in tasca, anche per motivi di sicurezza ha inventato la carta prepagata Ri-carica: il pieno lo potete fare in banca con una somma prefissata. Non svelare mai a nessuno il numero di codice segreto della tua carta e, come per il Libretto di risparmio, ricordati che, se la perdi o ti viene rubata, con una telefonata al numero indicato al momento della consegna, puoi subito bloccarne l utilizzo da parte di estranei.

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Quando al mattino Gellindo si sveglia al suono della prima

Dettagli

Gellindo Ghiandedoro e la scopa della signora Fabene Befana

Gellindo Ghiandedoro e la scopa della signora Fabene Befana Gellindo Ghiandedoro e la scopa della signora Fabene Befana I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Era proprio destino che quell anno dal cielo cadessero

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

La principessa dal dente smarrito

La principessa dal dente smarrito La principessa dal dente smarrito LA VALLE DELLE MILLE MELE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER DISEGNO DA FARE IL SOGGETTO POTREBBE ESSERE LAMPURIO COL MAL DI DENTI Come mai quel visino così

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Gellindo Ghiandedoro e il Natale senza regali

Gellindo Ghiandedoro e il Natale senza regali Gellindo Ghiandedoro e il Natale senza regali I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Quel che sto per raccontarvi accadde un po di tempo fa, la notte esatta

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone A Neretta piace molto andare a scuola. Anche i suoi amici della Compagnia del Cuore d Oro che frequentano la sua classe vanno volentieri. Ma le cose, all inizio di quest anno, non andavano troppo bene.

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno.

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. NONNO: Sera a tutti. MAMMA: Ciao papà. CASA DI CHARLIE In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. CHARLIE: Ciao nonno. NONNA: Ciao caro. MAMMA: La zuppa

Dettagli

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti INVALSI. Anno Scolastico 2009 2010

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti INVALSI. Anno Scolastico 2009 2010 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca INVALSI Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione PROVA ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

Dettagli

1 - Africa: l aquila e la tartaruga

1 - Africa: l aquila e la tartaruga 1 - Africa: l aquila e la tartaruga Le FIABE AFRICANE di Okombo - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Le FIABE AFRICANE di Okombo Sono così simpatici, gli spaventapasseri del Villaggio di Risparmiolandia,

Dettagli

Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato.

Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato. Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato. ........ In ogni situazione occorre prestare molta attenzione. Se tanti pericoli

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: Ciao Renata.

Dettagli

Le avventure di un perfetto topo di campagna (5)

Le avventure di un perfetto topo di campagna (5) Le avventure di un perfetto topo di campagna (5) I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Riassunto delle tre puntate precedenti. Ratto Robaccio e sua moglie

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e Natale a Sonabilandia Era la mattina di Natale e a Sonabilandia, un paesino dove tutti sono sempre felici, non c'era buon umore e in giro non si vedeva neanche un sorriso; questo perché in tutte le case

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Scopri come i grandi investitori hanno posto le basi per il loro successo. Tutto quello che devi assolutamente conoscere prima

Dettagli

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto.

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. 1) studente abita a Firenze. 3) Io conosco città italiane.

Dettagli

A mio figlio, John Edward Clements

A mio figlio, John Edward Clements A mio figlio, John Edward Clements Titolo originale: The report card Traduzione di Elisa Puricelli Guerra 2004 Andrew Clements 2005 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Bur ragazzi giugno 2014 ISBN

Dettagli

AL CENTRO COMMERCIALE

AL CENTRO COMMERCIALE AL CENTRO COMMERCIALE Ciao Michele, come va? Che cosa? Ciao Omar, anche tu sei qua? Sì, sono con Sara e Fatima: facciamo un giro per vedere e, forse, comprare qualcosa E dove sono? Voglio regalare un CD

Dettagli

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE:

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: La frase la maestra scrive sulla lavagna Chiara una foto ai bambini fa Una torta prepara la mamma al cioccolato Giocano con la corda i ragazzi

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini Pinocchio Indice illustrato CAPITOLO 1 Tutto comincia con un pezzo di legno............. 7 CAPITOLO 2 Quando un burattino ha fame.... 17 CAPITOLO 3 Il Gran

Dettagli

8 - Vado, spavento e torno

8 - Vado, spavento e torno 8 - Vado, spavento e torno Robinia, storia di un APPRENDISTA STREGA - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Robinia, storia di un APPRENDISTA STREGA Lunedì (ottavo giorno) Quando Robinia si svegliò

Dettagli

Denti nuovi per il vecchio Empedocle

Denti nuovi per il vecchio Empedocle Denti nuovi per il vecchio Empedocle I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Si può sapere, Empedocle, cos hai combinato? esclamò Casoletta nel vedere l

Dettagli

LATERINA PICCOLI TURISTI A SPASSO NEL CASTELLO DI. Guida turistica per bambini

LATERINA PICCOLI TURISTI A SPASSO NEL CASTELLO DI. Guida turistica per bambini PICCOLI TURISTI A SPASSO NEL CASTELLO DI LATERINA Guida turistica per bambini A cura della Scuola dell infanzia di Laterina, in collaborazione con il Comune di Laterina e l associazione culturale La Rocca

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

2 Scegli otto colori diversi e colora allo stesso modo le coppie di aggettivi contrari.

2 Scegli otto colori diversi e colora allo stesso modo le coppie di aggettivi contrari. Scheda 1 Nome:... Cognome:... Classe:... Gli aggettivi qualificativi 1 Completa le frasi con l aggettivo appropriato, come nell esempio. pigra bugiarda curiosa generosa fortunata coraggiosa tranquilla

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners ( Section I Listening) Transcript Familiarisation Text Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai? Ehh Francesco! Sono stata

Dettagli

TOPO FELICE, I GIOCHI E LA FATA

TOPO FELICE, I GIOCHI E LA FATA TOPO FELICE, I GIOCHI E LA FATA (Buio, musica, voce narrante inizia a raccontare) VOCE NARRANTE Questa è la storia di Felice, un topolino che vive in un parco meraviglioso. FELICE IL TOPOLINO VIVE IN QUESTO

Dettagli

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale Discorso indiretto - o n 1 Trasformare il discorso diretto in indiretto 1. "Che cosa fai?". Mi chiese che cosa. 2. "Sono venuto a saperlo per caso". Disse a saperlo per caso. 3. "Per favore, telefoni a

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore 2013 ad est dell equatore vico orto, 2 80040 pollena trocchia (na) www.adestdellequatore.com info@adestdellequatore.com [uno] Milano. Un ufficio

Dettagli

Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia

Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto - Prova n.1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento.

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

II Circolo didattico Castelvetrano

II Circolo didattico Castelvetrano Progetto continuità Scuola dell infanzia Scuola primaria Anno Scolastico 2011/2012 Passo dopo passo II Circolo didattico Castelvetrano È molto importante curare nella scuola il passaggio tra ordini diversi,

Dettagli

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI Da quando il signor Bartolomeo aveva perso tutti i suoi capelli era diventato molto triste. Dapprima i capelli erano diventati grigi e avevano iniziato a diradarsi. Poi

Dettagli

MACARIOPOLI POLLUTION CITY? Racconto con immagini realizzato dagli studenti della Classe I B della Scuola Secondaria di I Grado di San Macario

MACARIOPOLI POLLUTION CITY? Racconto con immagini realizzato dagli studenti della Classe I B della Scuola Secondaria di I Grado di San Macario MACARIOPOLI O POLLUTION CITY? Racconto con immagini realizzato dagli studenti della Classe I B della Scuola Secondaria di I Grado di San Macario La Terra sembra essere divisa in due parti Una di queste

Dettagli

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati Le storie di Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati 1 Un messaggio scontato FIRENZE, IN UN POMERIGGIO D INVERNO. MATILDE È NELLA SUA CAMERA. Uffa! Ma quando finiscono questi compiti? Sono quasi le

Dettagli

Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti

Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti Va bene diventare cameriere però, mangiare tutto quel cibo e bere prima, durante e dopo il pasto è esagerato! Per fortuna che

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Hai mai guidato una macchina?

Hai mai guidato una macchina? INDICE CAPITOLO UNO Al posto di guida 7 CAPITOLO DUE Un segreto sulla rabbia 13 CAPITOLO TRE Arrabbiarti ti aiuta a farti degli amici? 23 CAPITOLO QUATTRO Al fuoco, al fuoco! 27 CAPITOLO CINQUE Metodo

Dettagli

Destinazione 13. Buongiorno Maria!

Destinazione 13. Buongiorno Maria! Destinazione 13 Buongiorno Maria! Mmmm... Oh Mari! Ohi! Tutto bene? Ciao Leonardo! Come va la vita? Mio piccolo amico! Mio piccolo amico? No eh? No! No, no! Giochi con i pupazzetti, sei troppo gentile

Dettagli

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry I NONNI Obiettivo: riconoscere il sentimento che ci lega ai nonni. Attività: ascolto e comprensione di racconti, conversazioni guidate. Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry Quando Roberto

Dettagli

COSA FARE PER NON CADERE IN QUESTA TRUFFA? Non fidarti degli sconosciuti che ti fermano per strada e non dare mai loro denaro, per nessun motivo.

COSA FARE PER NON CADERE IN QUESTA TRUFFA? Non fidarti degli sconosciuti che ti fermano per strada e non dare mai loro denaro, per nessun motivo. ATTENTO ALLA TRUFFA! Sei appena stata in Banca a ritirare denaro o in Posta per prendere la pensione. All uscita ti si avvicinano una o più persone sconosciute che ti mostrano un tesserino e ti dicono:

Dettagli

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny لش حن لطح ح ل ة ر كام ل ك يالني IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny traduzione italiana riga per riga, parola per parola curata da Pier Luigi Farri plfarri@vbscuola.it 1 Due buoni fratelli. Sciantah

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

Quasi stelle di Marcella Bettini

Quasi stelle di Marcella Bettini Quasi stelle di Marcella Bettini Illustrazione di Simonetta Fratini Quasi-stelle C era una volta una casa con tante finestre con le persiane verdi a pallini blu che, quando si aprivano, sembravano ali

Dettagli

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con LEZIONE 1 ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. (conoscersi) venti giorni fa a

Dettagli

Video Articolo_Come farsi un bersaglio per smettere di correre dietro ai clienti

Video Articolo_Come farsi un bersaglio per smettere di correre dietro ai clienti Video Articolo_Come farsi un bersaglio per smettere di correre dietro ai clienti Ciao Sono Loris Comisso Creatore del Programma Professionista Libero l unico sistema per smettere di lavorare 15 ore al

Dettagli

Gellindo Ghiandedoro e i sogni nel cassetto

Gellindo Ghiandedoro e i sogni nel cassetto Gellindo Ghiandedoro e i sogni nel cassetto I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Cosa volete che vi dica? Ognuno di noi ha un sogno nel cassetto, un desiderio,

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Esercizi pronomi accoppiati

Esercizi pronomi accoppiati Esercizi pronomi accoppiati 1. Rispondete secondo il modello: È vero che regali una casa a Marina?! (il suo compleanno) Sì, gliela regalo per il suo compleanno. 1. È vero che regali un orologio a Ruggero?

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI EURO RUN: IL GIOCO www.nuove-banconote-euro.eu ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI Anna e Alex sono compagni di classe e amici per la pelle. Si trovano spesso coinvolti in avventure mozzafiato e anche

Dettagli

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI EURO RUN: IL GIOCO www.nuove-banconote-euro.eu ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI - 2 - Anna e Alex sono compagni di classe e amici per la pelle. Si trovano spesso coinvolti in avventure mozzafiato e

Dettagli

VADO A SCUOLA CON LO SCUOLABUS. Servizi Scolastici Integrativi Comunali TRASPORTO SCOLASTICO

VADO A SCUOLA CON LO SCUOLABUS. Servizi Scolastici Integrativi Comunali TRASPORTO SCOLASTICO VADO A SCUOLA CON LO SCUOLABUS Servizi Scolastici Integrativi Comunali TRASPORTO SCOLASTICO Vado a scuola con lo Scuolabus Vado con lo Scuolabus alla scuola dell infanzia o alla scuola primaria Se non

Dettagli

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO La mia mamma La mia mamma con la giacca in mano, sempre pronta a portarmi ovunque sia, con gli occhioni color terra. Io la guardo e penso a tante

Dettagli

Destinazione 11. Ciao Maria!

Destinazione 11. Ciao Maria! Destinazione 11 Ciao Maria! Ciao Luca! Guarda oggi ho un regalino per te eh. No, ma veramente? No, non dovevi, ma oggi non è Natale, non è il mio compleanno, non è San Valentino, perché? Ma dai non c è

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Io l ho risolta. dritte di conciliazione da genitore a genitore

Io l ho risolta. dritte di conciliazione da genitore a genitore Io l ho risolta così dritte di conciliazione da genitore a genitore La fretta e l ansia già di prima mattina Il problema: essere di corsa, e in ritardo, già alle otto di mattina. Sveglia alle 7.30, mezz

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

DI TUTTI I COLORI Dicembre 2015

DI TUTTI I COLORI Dicembre 2015 Anno scolastico 2015/2016 anno II DI TUTTI I COLORI Dicembre 2015 Siamo finalmente ritornati, non ci credevate più eh!!!, Invece ci siamo. Siamo pronti per ricominciare, per raccontarvi i primi giorni

Dettagli