Immobile di Antonella Mattei (keiko) Published by ZeugmaPad at Smashwords Copyright 2015 ZeugmaPad. Smashwords Edition, License Notes

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Immobile di Antonella Mattei (keiko) Published by ZeugmaPad at Smashwords Copyright 2015 ZeugmaPad. Smashwords Edition, License Notes"

Transcript

1 Immobile di Antonella Mattei (keiko) Published by ZeugmaPad at Smashwords Copyright 2015 ZeugmaPad Smashwords Edition, License Notes Thank you for downloading this free ebook. You are welcome to share it with your friends. This book may be reproduced, copied and distributed for non-commercial purposes, provided the book remains in its complete original form. If you enjoyed this book, please return to Smashwords.com to discover other works by this author. Thank you for your support.

2 Questo racconto è opera della fantasia. Nomi, personaggi, luoghi e avvenimenti sono il prodotto dell inventiva dell autore o, se reali, sono utilizzati in modo fittizio. Ogni riferimento a fatti o persone viventi è del tutto casuale. I matrimoni senza amore sono orribili. Ma vi è qualcosa di peggiore di un matrimonio assolutamente senza amore. È il matrimonio in cui vi sono amore, fedeltà, devozione, ma solo da una parte: uno dei due cuori si spezzerà sicuramente. Oscar Wilde Non mi va, non mi va di riempire e comporre di nuovo queste borse come un rituale ancestrale, un puzzle con scadenze annuali, valigie che ancora conservano granelli di sabbia antica nelle pieghe e il sentore di mare e salsedine. Non mi va di recitare ancora per un estate il ruolo di tua moglie, compagna di un percorso che ormai diverge. Tu, a questo punto, sei così lontano che misurare in anni luce la nostra distanza sarebbe riduttivo. Dove sei andato? Dove si materializza l amore perduto? Ti ho cercato ovunque, in tutti i modi, ma sei diventato ormai impercettibile, evanescente, come un ombra, il movimento leggero di una tenda sospinta dal lieve zefiro fresco. A volte percepisco il profumo del tuo dopobarba. Ti parlo, mi guardi, ma non ci sei. Sei altrove. In un luogo tra il nulla e il niente in cui non potrò mai raggiungerti, perché hai interrotto ogni collegamento. Piego con cura e sistemo in valigia la tua polo azzurra, quella che tanto ti piace e con i jeans sta benissimo; esalta l abbronzatura. Staremo distesi sotto lo stesso sole, lo stesso cielo, la stessa sabbia, ma non saremo insieme, solo affiancati, come due persone qualunque in una striscia di terra troppo frequentata. Non è nato all improvviso questo distacco: è stato lento, graduale, sottile ma doloroso, come un coltello che gira e rigira dentro le viscere. Ho fatto di tutto per riportarti da me e sono inesorabilmente scivolata nell abisso della depressione. Ho preso un periodo di pausa solo per me: dovevo pensare, dovevo capire. Possibile trovare un punto d incontro tra la Fossa delle Marianne e l Everest? Esiste un modo, una possibilità per tornare ad averti come una persona e non un ectoplasma? Quell estate, ricordo benissimo, sono partita da sola per il Trentino, non è stato facile decidere di lasciarti, ma le cose facili a me non piacciono: preferisco andare sempre controvento. Mi torna alla mente sempre. Come fosse ieri. Come fosse oggi. Socchiudo gli occhi, mi vedo, riesco persino a sentire i profumi Era estate, la seggiovia saliva lentamente in quota, oltrepassava le cime degli abeti che oscillavano languide, mentre il vento sibilava leggero nelle orecchie. Me ne stavo seduta su un sasso che emergeva a stento dalla neve, in cima a un ghiacciaio; intorno a me solo vette ancora più alte e, sopra, ancora solo cielo. Inalavo profondamente dal naso e cristalli di ghiaccio mi salivano alle narici portando sentori di terra, neve e resina; abbassai lo sguardo e un movimento rapido catturò la mia attenzione, furtivi ammassi di pelo bruno entravano e uscivano veloci da tane sotterranee. Presi il binocolo e scoprii, meravigliata e incredula, che erano timide marmotte, sorridevo deliziata dalla scena. Un suono stridulo attirò lo sguardo verso

3 l alto, una vela d ali nere girava in tondo sopra le marmotte. Mi stesi leggera sulla neve sprofondando, guardavo il cielo; le nuvole bianche, spumose come panna montata, e l aquila che volteggiava abbassandosi sempre più. Forse ero ancora viva, forse quel dolore che scavava nel cuore e nelle ossa avrebbe cessato di crescere d intensità, forse c era ancora spazio per me in questo mondo. E forse ancora spazio per noi. Ma era tanto tempo fa. Inizio spesso i miei vagabondaggi mentali con: C era una volta Una volta c eravamo noi, pazzi uno dell altro, febbrili se non potevamo unirci in un tempo infinitesimale, i nostri pensieri viaggiavano all unisono, i nostri corpi si fondevano voraci in uno solo e i nostri cuori i nostri cuori avevano lo stesso battito. Dove sono andati quei due ragazzi? Dove è finita tutta quella passione? Possibile che sia rimasta solo cenere dentro un vecchio piatto? Nostro figlio ci osserva, giudica, pensa che io sia afflitta dalla sindrome di Penelope; ma tu non sei Ulisse, non manchi da casa da oltre dieci anni, non stai solcando mari tempestosi e terre insidiose. Sei qui con me, ma dove? Anche lui pensa tu sia così: immobile. I ricordi tornano come quei ritornelli che ti entrano nella testa e non se ne vanno più per giorni. Tra un costume sbiadito, le infradito fluò e i miei caftani da hippy, non posso non pensarci. Mi siedo sul bordo del letto, il fresco delle lenzuola appena lavate lenisce il calore sulle gambe, magre e nervose come allora. E sono di nuovo lì, come trasportata da una finestra spazio-temporale. Quante notti, quante lune, quanto cielo. Mi ricordo. E tu, ricordi? È l alba di un giorno qualunque, l insonnia, con cui combatto da tutta la vita, mi fa compagnia; l ho accettata come si accetta una compagna silenziosa e saggia. Esco sul balcone, è buio pesto, non sono ancora le cinque. L aria gelida di gennaio rende tutto ovattato, le finestre intorno sono ben serrate, nessuna luce trapela. Bene, è quello che volevo. Il buio quasi totale rende ancora più splendente Venere Lucifera, la stella del mattino che a quest ora sviluppa la sua massima luminosità e ne prende il nome: portatrice di luce. Sembra così vicina da poterla toccare con la mano e ghiacciarti le dita con la sua luce gelida; mi capita spesso di alzarmi a un ora assurda solo per poterla guardare, splendente e intoccabile. Non puoi avvicinarla ma non riesci a toglierle gli occhi di dosso. Ti fissa altezzosa e maliarda, ti toglie il respiro con la potenza che emana, e quando ti sei perduta nel suo splendore, ai primi chiarori dell alba, si allontana inesorabile. Perde la sua luce prepotente e sparisce in alto nel cielo, mentre il nostro pianeta impietoso le volta le spalle. Questa notte sono più insonne di altre, esco sul balcone quando il buio si taglia ancora col coltello; l aria è talmente gelida che il torace fa fatica a immetterla nei polmoni. Mi chiudo più stretto il giubbotto di pile sul pigiama, rientro in casa per prendere una sciarpa e me la avvolgo sulle spalle. Passo davanti alla stanza di mio figlio, il suo respiro è profondo, lo zaino buttato per terra è già pronto per il giorno che arriverà. I jeans spiegazzati riposano sopra la spalliera di una sedia, le scarpe da ginnastica gettate agli angoli della stanza, le foto di costellazioni attaccate al muro, alternate a bellezze da calendario. I grossi tomi di astronomia posati sulla scrivania denotano tutto il potenziale di cui è dotato. Chiudo la porta per non disturbarlo, anche se mi succede spesso di avvertire la sua presenza silenziosa alle mie spalle, sul terrazzo all alba. Allora ascolto estasiata le mille spiegazioni che m impartisce sulle stelle, gli asteroidi, i pianeti e tutto l universo visibile. Rimango incantata, capisco la metà delle cose che dice, ma rimirare le stelle insieme a lui è una

4 delle poche ragioni della mia vita. Esco di nuovo sul balcone, fumetti di vapore mi escono dalla bocca, metto le mani sotto le ascelle per scaldarle un po e alzo il viso al cielo. Eccola lì. Altera. Indifferente ai miseri tormenti umani. Intoccabile. Vorrei essere io quell astro e guardare le miserie umane con lo stesso distacco per poi allontanarmi con noncuranza. Stasera la Luna invidiosa scosta le nubi per farsi ammirare e la notte si rischiara di una luce pallida ed evanescente. Lo scintillio di Venere perde un poco di splendore, solo il tempo di abituare gli occhi al bagliore della Luna. Nascosta tra i rami degli alberi una civetta avvisa della sua presenza; tutti odiano le civette, io invece le adoro. Sono creature discrete, silenziose, molte notti ho passato in compagnia di una pennuta presenza. Non portano sfortuna come molti sostengono, come si fa a credere a queste idiozie. Rimiro per un ultima volta quello spettacolo celestiale e rientro in casa, nel nostro letto. Sono ghiacciata, tu nel dormiveglia te ne accorgi e mi abbracci, socchiudo gli occhi respirando quel calore che mi scalda più il cuore che il corpo. Torno in me, nella mia pelle, non c è più la Luna, non è inverno, non ci sei tu. Finisco di riempire queste stupide borse piene di abiti che non userò mai: al mare sono una specie di selvaggia, i capelli spettinati, le lunghe tuniche di lino a coprire la pelle diafana in luoghi poco frequentati e selvaggi come me. Metto insieme pinne, maschere e boccagli e chiudo definitivamente una borsa. La morsa allo stomaco mi fa piegare in due dal dolore, mio figlio si ferma sullo stipite della porta, mi guarda silenzioso e chiude la sua borsa piena di libri e con pochissimi abiti. Come me. Essenziale. Eppure so con certezza che non c è nessun'altra donna, è solo che quella scintilla si è esaurita, si è spenta. Non so cosa darei per poterla riaccendere, ma suppongo che non esistano formule magiche, solo la volontà. Io le ho provate tutte, ma mi sembra di parlare con il vento. Sembra che tu non soffra, mi dici che è normale, la normale evoluzione di un rapporto di coppia, ma io non voglio questa involuzione, voglio essere felice. E lo voglio insieme a te. Non dobbiamo esistere per forza d inerzia. Rivoglio quello che la vita mi ha tolto. Oppure oppure non voglio più niente. Sono già alcuni giorni che ci troviamo in questo pezzo di terra e mare che tanto amiamo, pineta e sabbia e cielo e acqua a perdita d occhio. Ho una forte inquietudine che mi divora, anche se mangio, rido e scherzo, quella lama mi trapassa sempre più l anima. O forse l anima ce l ho sulla pelle, perché ti vedo lontano, ci sei, ma non hai intenzione di far collaborare anche il tuo cervello. Stanotte l ho passata sulla terrazza a guardare il cielo, ma Venere non c era, si fa vedere solo d inverno e solo in una determinata direzione. Qui non mi so orientare. Il richiamo del mare mi ha distratto: ruggiva e mormorava, poi cantava, a volte taceva. Che sia io l Ulisse perduto? A giorno fatto ero così scossa che non capivo nemmeno mi stessi chiedendo quale maschera indossare. Forse hai pensato che avessi preso troppa valeriana. In realtà non avevo fatto altro che riflettere. Sono stesa sotto il sole implacabile di luglio; la spiaggia è quella che amo: poco frequentata, difficile da raggiungere. Lasciata la macchina ci si deve inoltrare in una fitta macchia mediterranea per circa un chilometro seguendo un sentiero, passando sotto i possenti pini marittimi piegati dal vento sembra di entrare in un altra dimensione, uno spazio incantato. Il frinire incessante delle cicale fa da sottofondo a rumori improvvisi, fruscii incorporei dietro imponenti cespugli di rosmarino, fronde smosse da presenze

5 invisibili, lunghissimi aculei d istrici lasciati sul terreno rivelano la presenza di una vita notturna laboriosa e forse impetuosa. Lungo il sentiero s incontrano persone che fanno jogging, vanno in bici o riposano tranquille e i nitriti dei cavalli uniti alle loro orme sul cammino raccontano di passeggiate d uomini e animali. Alla fine del sentiero succede qualcosa di magico. La terra battuta s interrompe d improvviso e lascia il posto a un piccolo dirupo, sotto il quale inizia la spiaggia vera e propria. Gli occhi abbandonano il verde e la terra, l odore di resina e animali selvatici e si lasciano catturare dalla veduta di mare e cielo in un tutt uno a perdita d occhio. In lontananza, quasi al limite dell orizzonte, un insieme di piccole isole crea un gioco di correnti che dona al mare un incredibile varietà di blu. Gabbiani volano rasentando l acqua o se ne stanno semplicemente a galla lasciandosi trasportare, turbini bianchi e neri sorvolano stridendo la sabbia, decine e decine di piccole rondini in cerca di cibo. Non un bar o una cabina, nessun tipo d insediamento umano. È un posto per pochi eletti, per chi decide di godere unicamente del cielo, del vento e del mare. Io ho bisogno di tutto questo come l ossigeno, non potrei stare in nessun altro posto; il pensiero di avere accanto un ombrellone con gente che parla, fuma, usa il cellulare come si trovasse nel salotto di casa, mi rende insofferente. Chi frequenta questa spiaggia cerca le stesse cose sicuro di trovarle. Niente costumi alla moda, odore dolciastro e nauseante di lozioni solari, niente chiacchiere da bar. Oggi, a parecchi metri di distanza, un gruppo di ragazzi stranieri ride sommessamente e prepara le pinne, una giovane famiglia cerca di far addormentare una bimba dai capelli color del sole e un ragazzo gioca in riva al mare col suo cane. Osservo mio figlio disteso poco lontano. I capelli nerissimi e mossi sono spettinati dalla brezza marina tanto non si pettina mai, come me le gambe lunghissime, magre e nervose, le mani adagiate lungo i fianchi uguali alle mie, così sottili che sembrano doversi spezzare. Il corpo, plasmato da anni di attività agonistica è asciutto e muscoloso, la carnagione, già scura, è adesso color cioccolato. La bocca carnosa e sensuale, ereditata dal padre, si muove silenziosa ripetendo il canto che gli arriva nelle orecchie dalle cuffiette dell ipod. Passano delle ragazze, dietro i miei occhiali scurissimi osservo il loro sguardo malizioso e le loro risatine, si soffermano un po, ridono a voce più alta e si allontanano ancheggiando palesemente. Sorrido. Giro la testa per guardare più indietro e incontro il tuo sguardo che mi sorride prima di ricominciare le parole crociate. Accendo il mio ipod e mi metto più comoda, con la schiena rialzata per guardarmi intorno. Una coppia attira la mia attenzione, non sembrano appartenere al target del posto. La donna cammina traballando issata su zatteroni da discoteca, l improbabile copricostume di seta cangiante e maculata stride come le unghie sul vetro; gli strass, che circondano i suoi occhiali da sole, li fanno sembrare dei catarifrangenti. L abbronzatura color cuoio conciato, regalo di estenuanti sedute di solarium, le evidenzia le rughe, ma deve essere intorno ai cinquanta, le unghie finte lunghe oltre quattro centimetri rendono la sua gestualità quasi aliena. Allunga la mano in cerca di sostegno dal suo compagno, che imbraccia ad armacollo un ombrellone in contrasto con la polo dal coccodrillo ben in vista. Ai piedi scarpe da vela, che lasciano intendere una personalità del tipo vorrei ma non posso. La stabilità della donna è resa più precaria dalla borsa trasparente, delle dimensioni di un trolley, portata come una Kelly di Hermes. Immagino custodisca i suoi prodotti di bellezza e un innumerevole e imprecisato agglomerato di oggetti: riviste di gossip, tre o quattro cellulari, salviette disinfettanti e flaconi di spray contro ogni specie di insetto volante o strisciante. Usciti indenni da un'ardua discesa sulla sabbia degna della fatica di Ardito Desio riescono ad approdare in un posto che sembra soddisfarli, ma si guardano intorno smarriti. Dopo aver aperto l ombrellone e disteso gli asciugamani con la griffe bene in vista, si tolgono gli abiti abbagliando i vicini: i gioielli che indossano possono far concorrenza al tesoro della Casa Reale Inglese. La collana di lui, spessa come il collare di un rottweiler, gli fa pendere sul petto, tristemente depilato,

6 una croce di Cristo e il simbolo della sua squadra del cuore; braccialetti di varia foggia accompagnano un orologio, magnum ma non subacqueo, nonché un anello da mignolo a forma di leone con gli occhi di rubino. La sua compagna non può essere da meno, orecchini a cerchio dove un pappagallo potrebbe comodamente riposare. Comincia un rito che varrebbe la pena di contemplare, anche pagando. Lui, come un sultano, si distende sul prezioso asciugamano, mentre lei inizia a cospargerlo di una crema diversa per ogni zona del corpo. Presto i loro teli si riempiono di ogni genere di boccetta, flacone e barattolo. La gestualità è fortemente esasperata, i risolini maliziosi e i massaggi unti denotano il loro bisogno di farsi guardare. Come se non bastasse, lei si muove a favore di altri occhi, facendo sfoggio di uno spettacolare bikini maculato modello dietro liceo davanti museo abbinato a una fascia impreziosita di paillettes per raccogliere la chioma ossigenata e cotonata. Poi il rito si ripete al contrario. Lei viene massaggiata e amalgamata come la pasta sfoglia, emettendo una serie di mugolii che sarebbero ridicoli se non fossero patetici. D improvviso il gioco godurioso viene interrotto da una suoneria che assomiglia a un orchestrina messicana, i due si guardano in una muta domanda: chi prende il cellulare? Al momento sfuggirebbe dalle loro mani anche un cactus. La suoneria aumenta di volume come il suo ritmo, l immane borsa nasconde il telefonino tra gli altri suoi simili, i due si agitano sgusciando come anguille tra giornali, flaconi, oli e misteriose borsettine. I ragazzi stranieri ormai sghignazzano senza più nascondersi. La coppia è chiaramente imbarazzata, conscia dell ilarità generata, maledice l albergatore e i suoi consigli su quella spiaggia sperduta e da pezzenti. I due ripongono a fatica tutti i loro averi nel borsone, asciugandosi le mani nei preziosi teli griffati. L ombrellone, richiuso in fretta e imbracciato, lascia una striscia diagonale di unto sulla polo. Se ne vanno mentre l orchestrina messicana continua a seguirli dentro la fitta pineta. Questo è quel che si dice sentirsi fuori posto. La spiaggia si riappropria della sua identità e si offre di nuovo ai suoi ospiti. Mio figlio si è alzato dal telo, sta giocando con il cane e il suo padrone in riva al mare, il vento mi porta le loro voci; parlano in tedesco. Sono felice che il mio ragazzo stia bene in qualsiasi posto, la cultura lo aiuta a interagire con le persone ma sono ancora più felice che amiamo lo stesso mare, lo stesso cielo, le stesse stelle. Mi sdraio, chiudo gli occhi e mi arriva nelle orecchie la voce profonda di un interprete che amo; sta cantando per una donna parole dolcissime. È una registrazione live, la musica della Duke Orchestra è potente, l intensità della voce arriva dritta al cuore; se qualcuno mi fosse stato vicino come alla protagonista della canzone forse la mia strada sarebbe stata meno aspra, meno faticosa da percorrere. Assaporo un lento dolore dentro lo stomaco, godo assurdamente di quella malinconia, sfioro il tasto repeat e la musica ricomincia. Ascolto ancora più attentamente le parole. Inizia dicendo: Questo è per te. So benissimo che è per gli spettatori paganti di un teatro, ma se fossero davvero per me? Cosa sarebbe successo se qualcuno mi avesse detto che le stelle cadono giù dal cielo ogni volta che cammino e c è sempre qualcuno vicino a me? Non lo saprò mai, non è più tempo per porsi domande, non si può mai tornare indietro. Che peso ha l assenza? Specialmente quando il soggetto è fisicamente presente davanti a te? Inizia un altra melodia, come ci godo a farmi del male. La colonna sonora del film Lezioni di piano mi riempie le orecchie e il cuore. Michael Nyman è riuscito a tradurre in musica stati d animo che conosco alla perfezione, la disperata richiesta d aiuto di una donna muta è identica alla mia sofferenza di fronte all assoluta immobilità emotiva che devo affrontare. La musica mi trascina lontano, le scene del film mi scorrono sotto le palpebre chiuse, due grosse lacrime rotolano lungo le guance,

7 lascio che scivolino via, vicino alla bocca e poi giù sotto al mento, per sparire inghiottite dalla sabbia. Il brano che mi provoca quel forte turbamento è finito; non spengo nemmeno l ipod, mi tolgo gli auricolari e li butto sulla sabbia insieme agli occhiali da sole, prendo la maschera e mi dirigo verso il mare. L acqua è fresca, quasi fredda, limpida più del solito, mi sistemo la maschera ben stretta dietro la nuca e m immergo. Il fondale è della stessa sabbia scura, la forte presenza di ferro la rende quasi nera; banchi di piccoli pesci mi scivolano intorno e furtivi granchi sgattaiolano veloci in cerca di un riparo. Riemergo per prendere aria e vedo sulla superficie, poco distante, alcuni gabbiani occupati a pescare; voglio guardarli da sotto e m immergo di nuovo cercando le sagome degli uccelli. Li osservo, distorti dal vetro della maschera; sono stupendi mentre affondano il becco e la testa per catturare le prede, inalo ancora aria e procedo a rana per diverse bracciate, forse troppe perché mi accorgo che il fondale sembra distante anni luce dalle mie gambe. Il mare, poco mosso, forma delle piccole onde rapide che, per chi non è esperto nel nuoto, creano difficoltà per riprendere aria. Riemergo, mi sono spinta più lontano di quanto potessi; ho perso anche il mio punto di riferimento. Non ho tenuto conto delle forti correnti e mi ritrovo spostata di alcune decine di metri. Stranamente non ho paura, in un altra vita il panico mi avrebbe vinta, mentre ora resto lì, in balia della corrente come i gabbiani. Sembra un mondo perfetto: il cielo turchese velato da nubi di zucchero filato, il vento leggero che porta con sé suoni e odori straordinari, l acqua che mi racchiude e mi attira promettendomi una pace che quel coltello nelle viscere mi toglie. Un idea malsana m assale, ma in fondo so che è sempre esistita dentro di me; ricordo perfettamente quante notti sono rimasta con gli occhi spalancati pensando quale fosse il male minore, ricordo le mie albe solitarie e gelide a interrogare una stella lontana e silente, unica confidente di dubbi e domande senza risposte. Sarebbe davvero tremendo finire così? Adesso, senza dolore, lasciarsi finalmente trasportare, non opporre più resistenza; mettere a tacere tutto, non porsi più dilemmi, non elemosinare attenzioni. Far finta che davvero sia una naturale evoluzione la fine di un amore. Forse ne vale la pena. Forse, alla fine, una piccola parte di me potrà stare vicino a quella stella, lassù nel cielo. Mi tolgo la maschera, la guardo galleggiare e allontanarsi mentre il mare decide la sua sorte; prendo aria e torno sotto, l acqua salata brucia forte gli occhi ma non li chiudo, devo vedere tutto finché posso. Non sono abituata a immergermi senza maschera, l acqua s insinua impertinente nel naso; non oppongo alcun tipo di resistenza, solo qualche colpo di gambe per andare sempre più giù. Butto fuori l aria dalla bocca per cercare di sollevare l oppressione del torace; il fondale sembra più vicino, ma guardando verso l alto mi rendo conto che mi sono allontanata. Mi sto lasciando andare, è come un viaggio all indietro nel tempo, il destino decide per me. Sto affogando. Tutt intorno solo acqua, conchiglie, qualche pesce e null altro. La pressione sul torace è diventata insopportabile, tanto vale aprire la bocca e finire in fretta; anche la vista comincia ad annebbiarsi, immagini evanescenti mi appaiono davanti. Improvvisamente il panico mi travolge: annaspo, cercando inutilmente un po di aria, scalcio con tutta la forza che mi rimane e spingo verso l alto producendo un piccolo vortice di bollicine e sabbia che cela una sagoma sconosciuta e ancora irreale. Spingo ancora più forte con le gambe verso quella forma, mentre gli occhi sono ormai quasi ciechi; allungo un braccio e una mano forte afferra il mio polso trascinandomi in alto, verso la superficie. Il primo respiro sembra quello di un neonato, tutta l aria del mondo è mia, poi riprendo il mio ritmo regolare e mi accorgo che, lentamente, sto guadagnando la riva abbracciata a mio figlio che tiene infilata al polso la mia maschera. Ci sediamo sulla sabbia, lui inganna la paura con un sorriso, senza farmi domande, persino sotto la selvaggia abbronzatura

8 trapela un pallore inconsueto; gli appoggio la testa sulla spalla e riposo scaldandomi al calore feroce del sole, poi mi guardo intorno e tu sei lì. Immobile. Sorseggio un caldissimo vin brulé, è un balsamo per il corpo e l anima. Il rifugio è pieno di persone gioiose in cerca di calore e spirito alcolico, sorrido mentre la cameriera mi consiglia una torta di mirtilli appena fatta, che mangio con gusto. Dei turisti austriaci mi coinvolgono in un brindisi del quale non capisco una parola ma che condivido con gioia. Mi allontano dalla folla, mi siedo a un tavolino in disparte davanti a una veduta mozzafiato e ti penso. Ormai avrai capito benissimo che, in fondo, chiedevo sempre e solo una cosa. Amore. Siamo grandi, quasi troppo ormai, sapremo e potremo entrambi perdonare i nostri errori. Ti sto aspettando, se vorrai; il biglietto per il treno è lì, sopra il comò e la camera del nostro solito albergo è prenotata per due. Sono sicura che domani arriverai e sono certa che saprai dove cercarmi. Sarò lì, sopra quel masso che sporge a stento dalla neve e guarderò il volo delle aquile, inebriandomi di vento e cielo, con la consapevolezza che, per volare così in alto, si ha sempre bisogno di vento contrario.

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini P O R T O L I O UN TEMPO GHIACCIATO Tra le nevi perenni della Groenlandia per ritrovare se stessi. Il racconto di una fuga verso il Nord, in un luogo pieno di luce e di spazio, dove svegliarsi ogni giorno

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.)

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.) Attorno alla Rupe Attorno alla rupe orsù lupi andiam d'akela e Baloo or le voci ascoltiam del branco la forza in ciascun lupo sta del lupo la forza del branco sarà. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

MA LE STELLE QUANTE SONO

MA LE STELLE QUANTE SONO LIBRO IN ASSAGGIO MA LE STELLE QUANTE SONO DI GIULIA CARCASI Alice Una vecchia canzone diceva: Tu sai tutto sulla realtà del mercato e qui io ammetto di essere negato. Ma a inventare quel che non c è io

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Nel ventre pigro della notte audio-ebook

Nel ventre pigro della notte audio-ebook Silvano Agosti Nel ventre pigro della notte audio-ebook Dedicato a quel po di amore che c è nel mondo Silvano Agosti Canti Nel ventre pigro della notte Edizioni l Immagine Nel ventre pigro della notte

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Relazione sull incontro con Massimo Volante Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Il ciclo della vita di una stella (1) Protostella (2b) Nana bruna (2a) Stella (3) Gigante rossa Sono esaurite le

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

piccola guerra perfetta

piccola guerra perfetta Primo giorno Hanno appena posato il dolce al centro del tavolo. Quant è brutto, pensa Rea e sorride tutta strana. Fra poco toglieranno la luce. La sua amica Nita la implora con lo sguardo e Rea la accontenta

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

L ultima cosa che ho visto

L ultima cosa che ho visto L ultima cosa che ho visto Cinzia Politi L ULTIMA COSA CHE HO VISTO www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Nome Autore Tutti i diritti riservati Dedicato a Sara, una giovane, grande donna CAPITOLO

Dettagli