Immobile di Antonella Mattei (keiko) Published by ZeugmaPad at Smashwords Copyright 2015 ZeugmaPad. Smashwords Edition, License Notes

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Immobile di Antonella Mattei (keiko) Published by ZeugmaPad at Smashwords Copyright 2015 ZeugmaPad. Smashwords Edition, License Notes"

Transcript

1 Immobile di Antonella Mattei (keiko) Published by ZeugmaPad at Smashwords Copyright 2015 ZeugmaPad Smashwords Edition, License Notes Thank you for downloading this free ebook. You are welcome to share it with your friends. This book may be reproduced, copied and distributed for non-commercial purposes, provided the book remains in its complete original form. If you enjoyed this book, please return to Smashwords.com to discover other works by this author. Thank you for your support.

2 Questo racconto è opera della fantasia. Nomi, personaggi, luoghi e avvenimenti sono il prodotto dell inventiva dell autore o, se reali, sono utilizzati in modo fittizio. Ogni riferimento a fatti o persone viventi è del tutto casuale. I matrimoni senza amore sono orribili. Ma vi è qualcosa di peggiore di un matrimonio assolutamente senza amore. È il matrimonio in cui vi sono amore, fedeltà, devozione, ma solo da una parte: uno dei due cuori si spezzerà sicuramente. Oscar Wilde Non mi va, non mi va di riempire e comporre di nuovo queste borse come un rituale ancestrale, un puzzle con scadenze annuali, valigie che ancora conservano granelli di sabbia antica nelle pieghe e il sentore di mare e salsedine. Non mi va di recitare ancora per un estate il ruolo di tua moglie, compagna di un percorso che ormai diverge. Tu, a questo punto, sei così lontano che misurare in anni luce la nostra distanza sarebbe riduttivo. Dove sei andato? Dove si materializza l amore perduto? Ti ho cercato ovunque, in tutti i modi, ma sei diventato ormai impercettibile, evanescente, come un ombra, il movimento leggero di una tenda sospinta dal lieve zefiro fresco. A volte percepisco il profumo del tuo dopobarba. Ti parlo, mi guardi, ma non ci sei. Sei altrove. In un luogo tra il nulla e il niente in cui non potrò mai raggiungerti, perché hai interrotto ogni collegamento. Piego con cura e sistemo in valigia la tua polo azzurra, quella che tanto ti piace e con i jeans sta benissimo; esalta l abbronzatura. Staremo distesi sotto lo stesso sole, lo stesso cielo, la stessa sabbia, ma non saremo insieme, solo affiancati, come due persone qualunque in una striscia di terra troppo frequentata. Non è nato all improvviso questo distacco: è stato lento, graduale, sottile ma doloroso, come un coltello che gira e rigira dentro le viscere. Ho fatto di tutto per riportarti da me e sono inesorabilmente scivolata nell abisso della depressione. Ho preso un periodo di pausa solo per me: dovevo pensare, dovevo capire. Possibile trovare un punto d incontro tra la Fossa delle Marianne e l Everest? Esiste un modo, una possibilità per tornare ad averti come una persona e non un ectoplasma? Quell estate, ricordo benissimo, sono partita da sola per il Trentino, non è stato facile decidere di lasciarti, ma le cose facili a me non piacciono: preferisco andare sempre controvento. Mi torna alla mente sempre. Come fosse ieri. Come fosse oggi. Socchiudo gli occhi, mi vedo, riesco persino a sentire i profumi Era estate, la seggiovia saliva lentamente in quota, oltrepassava le cime degli abeti che oscillavano languide, mentre il vento sibilava leggero nelle orecchie. Me ne stavo seduta su un sasso che emergeva a stento dalla neve, in cima a un ghiacciaio; intorno a me solo vette ancora più alte e, sopra, ancora solo cielo. Inalavo profondamente dal naso e cristalli di ghiaccio mi salivano alle narici portando sentori di terra, neve e resina; abbassai lo sguardo e un movimento rapido catturò la mia attenzione, furtivi ammassi di pelo bruno entravano e uscivano veloci da tane sotterranee. Presi il binocolo e scoprii, meravigliata e incredula, che erano timide marmotte, sorridevo deliziata dalla scena. Un suono stridulo attirò lo sguardo verso

3 l alto, una vela d ali nere girava in tondo sopra le marmotte. Mi stesi leggera sulla neve sprofondando, guardavo il cielo; le nuvole bianche, spumose come panna montata, e l aquila che volteggiava abbassandosi sempre più. Forse ero ancora viva, forse quel dolore che scavava nel cuore e nelle ossa avrebbe cessato di crescere d intensità, forse c era ancora spazio per me in questo mondo. E forse ancora spazio per noi. Ma era tanto tempo fa. Inizio spesso i miei vagabondaggi mentali con: C era una volta Una volta c eravamo noi, pazzi uno dell altro, febbrili se non potevamo unirci in un tempo infinitesimale, i nostri pensieri viaggiavano all unisono, i nostri corpi si fondevano voraci in uno solo e i nostri cuori i nostri cuori avevano lo stesso battito. Dove sono andati quei due ragazzi? Dove è finita tutta quella passione? Possibile che sia rimasta solo cenere dentro un vecchio piatto? Nostro figlio ci osserva, giudica, pensa che io sia afflitta dalla sindrome di Penelope; ma tu non sei Ulisse, non manchi da casa da oltre dieci anni, non stai solcando mari tempestosi e terre insidiose. Sei qui con me, ma dove? Anche lui pensa tu sia così: immobile. I ricordi tornano come quei ritornelli che ti entrano nella testa e non se ne vanno più per giorni. Tra un costume sbiadito, le infradito fluò e i miei caftani da hippy, non posso non pensarci. Mi siedo sul bordo del letto, il fresco delle lenzuola appena lavate lenisce il calore sulle gambe, magre e nervose come allora. E sono di nuovo lì, come trasportata da una finestra spazio-temporale. Quante notti, quante lune, quanto cielo. Mi ricordo. E tu, ricordi? È l alba di un giorno qualunque, l insonnia, con cui combatto da tutta la vita, mi fa compagnia; l ho accettata come si accetta una compagna silenziosa e saggia. Esco sul balcone, è buio pesto, non sono ancora le cinque. L aria gelida di gennaio rende tutto ovattato, le finestre intorno sono ben serrate, nessuna luce trapela. Bene, è quello che volevo. Il buio quasi totale rende ancora più splendente Venere Lucifera, la stella del mattino che a quest ora sviluppa la sua massima luminosità e ne prende il nome: portatrice di luce. Sembra così vicina da poterla toccare con la mano e ghiacciarti le dita con la sua luce gelida; mi capita spesso di alzarmi a un ora assurda solo per poterla guardare, splendente e intoccabile. Non puoi avvicinarla ma non riesci a toglierle gli occhi di dosso. Ti fissa altezzosa e maliarda, ti toglie il respiro con la potenza che emana, e quando ti sei perduta nel suo splendore, ai primi chiarori dell alba, si allontana inesorabile. Perde la sua luce prepotente e sparisce in alto nel cielo, mentre il nostro pianeta impietoso le volta le spalle. Questa notte sono più insonne di altre, esco sul balcone quando il buio si taglia ancora col coltello; l aria è talmente gelida che il torace fa fatica a immetterla nei polmoni. Mi chiudo più stretto il giubbotto di pile sul pigiama, rientro in casa per prendere una sciarpa e me la avvolgo sulle spalle. Passo davanti alla stanza di mio figlio, il suo respiro è profondo, lo zaino buttato per terra è già pronto per il giorno che arriverà. I jeans spiegazzati riposano sopra la spalliera di una sedia, le scarpe da ginnastica gettate agli angoli della stanza, le foto di costellazioni attaccate al muro, alternate a bellezze da calendario. I grossi tomi di astronomia posati sulla scrivania denotano tutto il potenziale di cui è dotato. Chiudo la porta per non disturbarlo, anche se mi succede spesso di avvertire la sua presenza silenziosa alle mie spalle, sul terrazzo all alba. Allora ascolto estasiata le mille spiegazioni che m impartisce sulle stelle, gli asteroidi, i pianeti e tutto l universo visibile. Rimango incantata, capisco la metà delle cose che dice, ma rimirare le stelle insieme a lui è una

4 delle poche ragioni della mia vita. Esco di nuovo sul balcone, fumetti di vapore mi escono dalla bocca, metto le mani sotto le ascelle per scaldarle un po e alzo il viso al cielo. Eccola lì. Altera. Indifferente ai miseri tormenti umani. Intoccabile. Vorrei essere io quell astro e guardare le miserie umane con lo stesso distacco per poi allontanarmi con noncuranza. Stasera la Luna invidiosa scosta le nubi per farsi ammirare e la notte si rischiara di una luce pallida ed evanescente. Lo scintillio di Venere perde un poco di splendore, solo il tempo di abituare gli occhi al bagliore della Luna. Nascosta tra i rami degli alberi una civetta avvisa della sua presenza; tutti odiano le civette, io invece le adoro. Sono creature discrete, silenziose, molte notti ho passato in compagnia di una pennuta presenza. Non portano sfortuna come molti sostengono, come si fa a credere a queste idiozie. Rimiro per un ultima volta quello spettacolo celestiale e rientro in casa, nel nostro letto. Sono ghiacciata, tu nel dormiveglia te ne accorgi e mi abbracci, socchiudo gli occhi respirando quel calore che mi scalda più il cuore che il corpo. Torno in me, nella mia pelle, non c è più la Luna, non è inverno, non ci sei tu. Finisco di riempire queste stupide borse piene di abiti che non userò mai: al mare sono una specie di selvaggia, i capelli spettinati, le lunghe tuniche di lino a coprire la pelle diafana in luoghi poco frequentati e selvaggi come me. Metto insieme pinne, maschere e boccagli e chiudo definitivamente una borsa. La morsa allo stomaco mi fa piegare in due dal dolore, mio figlio si ferma sullo stipite della porta, mi guarda silenzioso e chiude la sua borsa piena di libri e con pochissimi abiti. Come me. Essenziale. Eppure so con certezza che non c è nessun'altra donna, è solo che quella scintilla si è esaurita, si è spenta. Non so cosa darei per poterla riaccendere, ma suppongo che non esistano formule magiche, solo la volontà. Io le ho provate tutte, ma mi sembra di parlare con il vento. Sembra che tu non soffra, mi dici che è normale, la normale evoluzione di un rapporto di coppia, ma io non voglio questa involuzione, voglio essere felice. E lo voglio insieme a te. Non dobbiamo esistere per forza d inerzia. Rivoglio quello che la vita mi ha tolto. Oppure oppure non voglio più niente. Sono già alcuni giorni che ci troviamo in questo pezzo di terra e mare che tanto amiamo, pineta e sabbia e cielo e acqua a perdita d occhio. Ho una forte inquietudine che mi divora, anche se mangio, rido e scherzo, quella lama mi trapassa sempre più l anima. O forse l anima ce l ho sulla pelle, perché ti vedo lontano, ci sei, ma non hai intenzione di far collaborare anche il tuo cervello. Stanotte l ho passata sulla terrazza a guardare il cielo, ma Venere non c era, si fa vedere solo d inverno e solo in una determinata direzione. Qui non mi so orientare. Il richiamo del mare mi ha distratto: ruggiva e mormorava, poi cantava, a volte taceva. Che sia io l Ulisse perduto? A giorno fatto ero così scossa che non capivo nemmeno mi stessi chiedendo quale maschera indossare. Forse hai pensato che avessi preso troppa valeriana. In realtà non avevo fatto altro che riflettere. Sono stesa sotto il sole implacabile di luglio; la spiaggia è quella che amo: poco frequentata, difficile da raggiungere. Lasciata la macchina ci si deve inoltrare in una fitta macchia mediterranea per circa un chilometro seguendo un sentiero, passando sotto i possenti pini marittimi piegati dal vento sembra di entrare in un altra dimensione, uno spazio incantato. Il frinire incessante delle cicale fa da sottofondo a rumori improvvisi, fruscii incorporei dietro imponenti cespugli di rosmarino, fronde smosse da presenze

5 invisibili, lunghissimi aculei d istrici lasciati sul terreno rivelano la presenza di una vita notturna laboriosa e forse impetuosa. Lungo il sentiero s incontrano persone che fanno jogging, vanno in bici o riposano tranquille e i nitriti dei cavalli uniti alle loro orme sul cammino raccontano di passeggiate d uomini e animali. Alla fine del sentiero succede qualcosa di magico. La terra battuta s interrompe d improvviso e lascia il posto a un piccolo dirupo, sotto il quale inizia la spiaggia vera e propria. Gli occhi abbandonano il verde e la terra, l odore di resina e animali selvatici e si lasciano catturare dalla veduta di mare e cielo in un tutt uno a perdita d occhio. In lontananza, quasi al limite dell orizzonte, un insieme di piccole isole crea un gioco di correnti che dona al mare un incredibile varietà di blu. Gabbiani volano rasentando l acqua o se ne stanno semplicemente a galla lasciandosi trasportare, turbini bianchi e neri sorvolano stridendo la sabbia, decine e decine di piccole rondini in cerca di cibo. Non un bar o una cabina, nessun tipo d insediamento umano. È un posto per pochi eletti, per chi decide di godere unicamente del cielo, del vento e del mare. Io ho bisogno di tutto questo come l ossigeno, non potrei stare in nessun altro posto; il pensiero di avere accanto un ombrellone con gente che parla, fuma, usa il cellulare come si trovasse nel salotto di casa, mi rende insofferente. Chi frequenta questa spiaggia cerca le stesse cose sicuro di trovarle. Niente costumi alla moda, odore dolciastro e nauseante di lozioni solari, niente chiacchiere da bar. Oggi, a parecchi metri di distanza, un gruppo di ragazzi stranieri ride sommessamente e prepara le pinne, una giovane famiglia cerca di far addormentare una bimba dai capelli color del sole e un ragazzo gioca in riva al mare col suo cane. Osservo mio figlio disteso poco lontano. I capelli nerissimi e mossi sono spettinati dalla brezza marina tanto non si pettina mai, come me le gambe lunghissime, magre e nervose, le mani adagiate lungo i fianchi uguali alle mie, così sottili che sembrano doversi spezzare. Il corpo, plasmato da anni di attività agonistica è asciutto e muscoloso, la carnagione, già scura, è adesso color cioccolato. La bocca carnosa e sensuale, ereditata dal padre, si muove silenziosa ripetendo il canto che gli arriva nelle orecchie dalle cuffiette dell ipod. Passano delle ragazze, dietro i miei occhiali scurissimi osservo il loro sguardo malizioso e le loro risatine, si soffermano un po, ridono a voce più alta e si allontanano ancheggiando palesemente. Sorrido. Giro la testa per guardare più indietro e incontro il tuo sguardo che mi sorride prima di ricominciare le parole crociate. Accendo il mio ipod e mi metto più comoda, con la schiena rialzata per guardarmi intorno. Una coppia attira la mia attenzione, non sembrano appartenere al target del posto. La donna cammina traballando issata su zatteroni da discoteca, l improbabile copricostume di seta cangiante e maculata stride come le unghie sul vetro; gli strass, che circondano i suoi occhiali da sole, li fanno sembrare dei catarifrangenti. L abbronzatura color cuoio conciato, regalo di estenuanti sedute di solarium, le evidenzia le rughe, ma deve essere intorno ai cinquanta, le unghie finte lunghe oltre quattro centimetri rendono la sua gestualità quasi aliena. Allunga la mano in cerca di sostegno dal suo compagno, che imbraccia ad armacollo un ombrellone in contrasto con la polo dal coccodrillo ben in vista. Ai piedi scarpe da vela, che lasciano intendere una personalità del tipo vorrei ma non posso. La stabilità della donna è resa più precaria dalla borsa trasparente, delle dimensioni di un trolley, portata come una Kelly di Hermes. Immagino custodisca i suoi prodotti di bellezza e un innumerevole e imprecisato agglomerato di oggetti: riviste di gossip, tre o quattro cellulari, salviette disinfettanti e flaconi di spray contro ogni specie di insetto volante o strisciante. Usciti indenni da un'ardua discesa sulla sabbia degna della fatica di Ardito Desio riescono ad approdare in un posto che sembra soddisfarli, ma si guardano intorno smarriti. Dopo aver aperto l ombrellone e disteso gli asciugamani con la griffe bene in vista, si tolgono gli abiti abbagliando i vicini: i gioielli che indossano possono far concorrenza al tesoro della Casa Reale Inglese. La collana di lui, spessa come il collare di un rottweiler, gli fa pendere sul petto, tristemente depilato,

6 una croce di Cristo e il simbolo della sua squadra del cuore; braccialetti di varia foggia accompagnano un orologio, magnum ma non subacqueo, nonché un anello da mignolo a forma di leone con gli occhi di rubino. La sua compagna non può essere da meno, orecchini a cerchio dove un pappagallo potrebbe comodamente riposare. Comincia un rito che varrebbe la pena di contemplare, anche pagando. Lui, come un sultano, si distende sul prezioso asciugamano, mentre lei inizia a cospargerlo di una crema diversa per ogni zona del corpo. Presto i loro teli si riempiono di ogni genere di boccetta, flacone e barattolo. La gestualità è fortemente esasperata, i risolini maliziosi e i massaggi unti denotano il loro bisogno di farsi guardare. Come se non bastasse, lei si muove a favore di altri occhi, facendo sfoggio di uno spettacolare bikini maculato modello dietro liceo davanti museo abbinato a una fascia impreziosita di paillettes per raccogliere la chioma ossigenata e cotonata. Poi il rito si ripete al contrario. Lei viene massaggiata e amalgamata come la pasta sfoglia, emettendo una serie di mugolii che sarebbero ridicoli se non fossero patetici. D improvviso il gioco godurioso viene interrotto da una suoneria che assomiglia a un orchestrina messicana, i due si guardano in una muta domanda: chi prende il cellulare? Al momento sfuggirebbe dalle loro mani anche un cactus. La suoneria aumenta di volume come il suo ritmo, l immane borsa nasconde il telefonino tra gli altri suoi simili, i due si agitano sgusciando come anguille tra giornali, flaconi, oli e misteriose borsettine. I ragazzi stranieri ormai sghignazzano senza più nascondersi. La coppia è chiaramente imbarazzata, conscia dell ilarità generata, maledice l albergatore e i suoi consigli su quella spiaggia sperduta e da pezzenti. I due ripongono a fatica tutti i loro averi nel borsone, asciugandosi le mani nei preziosi teli griffati. L ombrellone, richiuso in fretta e imbracciato, lascia una striscia diagonale di unto sulla polo. Se ne vanno mentre l orchestrina messicana continua a seguirli dentro la fitta pineta. Questo è quel che si dice sentirsi fuori posto. La spiaggia si riappropria della sua identità e si offre di nuovo ai suoi ospiti. Mio figlio si è alzato dal telo, sta giocando con il cane e il suo padrone in riva al mare, il vento mi porta le loro voci; parlano in tedesco. Sono felice che il mio ragazzo stia bene in qualsiasi posto, la cultura lo aiuta a interagire con le persone ma sono ancora più felice che amiamo lo stesso mare, lo stesso cielo, le stesse stelle. Mi sdraio, chiudo gli occhi e mi arriva nelle orecchie la voce profonda di un interprete che amo; sta cantando per una donna parole dolcissime. È una registrazione live, la musica della Duke Orchestra è potente, l intensità della voce arriva dritta al cuore; se qualcuno mi fosse stato vicino come alla protagonista della canzone forse la mia strada sarebbe stata meno aspra, meno faticosa da percorrere. Assaporo un lento dolore dentro lo stomaco, godo assurdamente di quella malinconia, sfioro il tasto repeat e la musica ricomincia. Ascolto ancora più attentamente le parole. Inizia dicendo: Questo è per te. So benissimo che è per gli spettatori paganti di un teatro, ma se fossero davvero per me? Cosa sarebbe successo se qualcuno mi avesse detto che le stelle cadono giù dal cielo ogni volta che cammino e c è sempre qualcuno vicino a me? Non lo saprò mai, non è più tempo per porsi domande, non si può mai tornare indietro. Che peso ha l assenza? Specialmente quando il soggetto è fisicamente presente davanti a te? Inizia un altra melodia, come ci godo a farmi del male. La colonna sonora del film Lezioni di piano mi riempie le orecchie e il cuore. Michael Nyman è riuscito a tradurre in musica stati d animo che conosco alla perfezione, la disperata richiesta d aiuto di una donna muta è identica alla mia sofferenza di fronte all assoluta immobilità emotiva che devo affrontare. La musica mi trascina lontano, le scene del film mi scorrono sotto le palpebre chiuse, due grosse lacrime rotolano lungo le guance,

7 lascio che scivolino via, vicino alla bocca e poi giù sotto al mento, per sparire inghiottite dalla sabbia. Il brano che mi provoca quel forte turbamento è finito; non spengo nemmeno l ipod, mi tolgo gli auricolari e li butto sulla sabbia insieme agli occhiali da sole, prendo la maschera e mi dirigo verso il mare. L acqua è fresca, quasi fredda, limpida più del solito, mi sistemo la maschera ben stretta dietro la nuca e m immergo. Il fondale è della stessa sabbia scura, la forte presenza di ferro la rende quasi nera; banchi di piccoli pesci mi scivolano intorno e furtivi granchi sgattaiolano veloci in cerca di un riparo. Riemergo per prendere aria e vedo sulla superficie, poco distante, alcuni gabbiani occupati a pescare; voglio guardarli da sotto e m immergo di nuovo cercando le sagome degli uccelli. Li osservo, distorti dal vetro della maschera; sono stupendi mentre affondano il becco e la testa per catturare le prede, inalo ancora aria e procedo a rana per diverse bracciate, forse troppe perché mi accorgo che il fondale sembra distante anni luce dalle mie gambe. Il mare, poco mosso, forma delle piccole onde rapide che, per chi non è esperto nel nuoto, creano difficoltà per riprendere aria. Riemergo, mi sono spinta più lontano di quanto potessi; ho perso anche il mio punto di riferimento. Non ho tenuto conto delle forti correnti e mi ritrovo spostata di alcune decine di metri. Stranamente non ho paura, in un altra vita il panico mi avrebbe vinta, mentre ora resto lì, in balia della corrente come i gabbiani. Sembra un mondo perfetto: il cielo turchese velato da nubi di zucchero filato, il vento leggero che porta con sé suoni e odori straordinari, l acqua che mi racchiude e mi attira promettendomi una pace che quel coltello nelle viscere mi toglie. Un idea malsana m assale, ma in fondo so che è sempre esistita dentro di me; ricordo perfettamente quante notti sono rimasta con gli occhi spalancati pensando quale fosse il male minore, ricordo le mie albe solitarie e gelide a interrogare una stella lontana e silente, unica confidente di dubbi e domande senza risposte. Sarebbe davvero tremendo finire così? Adesso, senza dolore, lasciarsi finalmente trasportare, non opporre più resistenza; mettere a tacere tutto, non porsi più dilemmi, non elemosinare attenzioni. Far finta che davvero sia una naturale evoluzione la fine di un amore. Forse ne vale la pena. Forse, alla fine, una piccola parte di me potrà stare vicino a quella stella, lassù nel cielo. Mi tolgo la maschera, la guardo galleggiare e allontanarsi mentre il mare decide la sua sorte; prendo aria e torno sotto, l acqua salata brucia forte gli occhi ma non li chiudo, devo vedere tutto finché posso. Non sono abituata a immergermi senza maschera, l acqua s insinua impertinente nel naso; non oppongo alcun tipo di resistenza, solo qualche colpo di gambe per andare sempre più giù. Butto fuori l aria dalla bocca per cercare di sollevare l oppressione del torace; il fondale sembra più vicino, ma guardando verso l alto mi rendo conto che mi sono allontanata. Mi sto lasciando andare, è come un viaggio all indietro nel tempo, il destino decide per me. Sto affogando. Tutt intorno solo acqua, conchiglie, qualche pesce e null altro. La pressione sul torace è diventata insopportabile, tanto vale aprire la bocca e finire in fretta; anche la vista comincia ad annebbiarsi, immagini evanescenti mi appaiono davanti. Improvvisamente il panico mi travolge: annaspo, cercando inutilmente un po di aria, scalcio con tutta la forza che mi rimane e spingo verso l alto producendo un piccolo vortice di bollicine e sabbia che cela una sagoma sconosciuta e ancora irreale. Spingo ancora più forte con le gambe verso quella forma, mentre gli occhi sono ormai quasi ciechi; allungo un braccio e una mano forte afferra il mio polso trascinandomi in alto, verso la superficie. Il primo respiro sembra quello di un neonato, tutta l aria del mondo è mia, poi riprendo il mio ritmo regolare e mi accorgo che, lentamente, sto guadagnando la riva abbracciata a mio figlio che tiene infilata al polso la mia maschera. Ci sediamo sulla sabbia, lui inganna la paura con un sorriso, senza farmi domande, persino sotto la selvaggia abbronzatura

8 trapela un pallore inconsueto; gli appoggio la testa sulla spalla e riposo scaldandomi al calore feroce del sole, poi mi guardo intorno e tu sei lì. Immobile. Sorseggio un caldissimo vin brulé, è un balsamo per il corpo e l anima. Il rifugio è pieno di persone gioiose in cerca di calore e spirito alcolico, sorrido mentre la cameriera mi consiglia una torta di mirtilli appena fatta, che mangio con gusto. Dei turisti austriaci mi coinvolgono in un brindisi del quale non capisco una parola ma che condivido con gioia. Mi allontano dalla folla, mi siedo a un tavolino in disparte davanti a una veduta mozzafiato e ti penso. Ormai avrai capito benissimo che, in fondo, chiedevo sempre e solo una cosa. Amore. Siamo grandi, quasi troppo ormai, sapremo e potremo entrambi perdonare i nostri errori. Ti sto aspettando, se vorrai; il biglietto per il treno è lì, sopra il comò e la camera del nostro solito albergo è prenotata per due. Sono sicura che domani arriverai e sono certa che saprai dove cercarmi. Sarò lì, sopra quel masso che sporge a stento dalla neve e guarderò il volo delle aquile, inebriandomi di vento e cielo, con la consapevolezza che, per volare così in alto, si ha sempre bisogno di vento contrario.

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Promo - I ragazzi geisha

Promo - I ragazzi geisha 1 Promo - I ragazzi geisha Valerio la Martire Davide Sono a Testaccio, questo è certo. Devo prendere un mezzo per rientrare e non ho tempo. Dietro gli occhiali che si appannano vedo facce sfocate e indistinte.

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Tensioni Max Pedretti NEL NOME DEL MALE copyright 2010, caosfera www.caosfera.it soluzioni grafiche e realizzazione Max Pedretti NEL NOME DEL MALE PROLOGO

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

1 Premio sez. Poesia. C era una volta.

1 Premio sez. Poesia. C era una volta. 1 Premio sez. Poesia C era una volta. C era una volta una bimba adorabile ben educata e un sorriso invidiabile. Nulla le mancava, tutto poteva, una vita da sogno conduceva. C era una volta un bimbo adorabile

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Disciplina: Scienze Livello: A2 Gruppo 3 Autori: Belfi Antonella, Bolzan Luana, Papi Michela Prerequisiti: comprensione linguistica livello A2 per alunni

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

LEZIONE 2 NUOTO L AMBIENTAMENTO SCOPERTA DELL AMBIENTE ACQUATICO E IL SUPERAMENTO DELLA PAURA

LEZIONE 2 NUOTO L AMBIENTAMENTO SCOPERTA DELL AMBIENTE ACQUATICO E IL SUPERAMENTO DELLA PAURA LEZIONE 2 NUOTO L AMBIENTAMENTO SCOPERTA DELL AMBIENTE ACQUATICO E IL SUPERAMENTO DELLA PAURA L ambientamento acquatico è il riuscire a stare in acqua con la stessa tranquillità e naturalezza con cui si

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Dark alice in wonderland

Dark alice in wonderland Dark alice in wonderland Laura D Agostino DARK ALICE IN WONDERLAND racconto Ad Elisa, Ciasky, Ary e al mio Bianconiglio Per aver sempre creduto in me TUTTE LE CANZONI FINISCONO MA E UN BUON MOTIVO PER

Dettagli

che ancora avvertivo in me e nell aria. Quanto visto continuava a punteggiare il nero delle palpebre e della stanza: forse impressioni nervose la cui

che ancora avvertivo in me e nell aria. Quanto visto continuava a punteggiare il nero delle palpebre e della stanza: forse impressioni nervose la cui Arturo Lini LUCI La casa dove da tanti anni abito è posta sulle prime pendici di una delle molte colline che fiancheggiano e si aprono sul paesaggio versiliese fatto di diverse cittadine, una accanto all

Dettagli

Commemorazione degli adolescenti suicidi Raccolta di poesie di Giulia Venturini

Commemorazione degli adolescenti suicidi Raccolta di poesie di Giulia Venturini Commemorazione degli adolescenti suicidi Raccolta di poesie di Giulia Venturini 1 editoriale Ieri ho sofferto il dolore, non sapevo che avesse una faccia sanguigna, le labbra di metallo dure, una mancanza

Dettagli

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ Proprietà letteraria riservata 2012 Screenpress Edizioni - Trapani ISBN 978-88-96571-42-2 È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata

Dettagli

UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI. adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e

UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI. adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e si va Il paese della RABBIA 1. Dove si sente la rabbia 2. Io mi arrabbio quando 3. Cosa mi aiuta 4.

Dettagli

La commovente storia di Fabiola a C è Posta per te : rivediamola

La commovente storia di Fabiola a C è Posta per te : rivediamola La commovente storia di Fabiola a C è Posta per te : rivediamola La splendida storia d amore di Ferruccio e Fabiola, due coniugi brindisini, ha fatto commuovere tutta l Italia. Ieri sera, i due sono stati

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

IO NON RESTO ALLA FINESTRA Le note son finite, sollevo le mani dai tasti bianchi e neri e poi rimango così. Fermo. Con la schiena curvata in avanti e

IO NON RESTO ALLA FINESTRA Le note son finite, sollevo le mani dai tasti bianchi e neri e poi rimango così. Fermo. Con la schiena curvata in avanti e IO NON RESTO ALLA FINESTRA Le note son finite, sollevo le mani dai tasti bianchi e neri e poi rimango così. Fermo. Con la schiena curvata in avanti e i capelli che sfiorano la tastiera, guardo ad occhi

Dettagli

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ ТЕСТ ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК ЗА VII КЛАС I. PROVA DI COMPRENSIONE DI TESTI ORALI Testo 1

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Inchiostro in libertà

Inchiostro in libertà Autopubblicati Inchiostro in libertà di Roberto Monti Ci sono parole nascoste in noi, elementi celati negli angoli invisibili dell anima. Fondamenta per la logica umana Abbiamo tutti il diritto ai nostri

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

Chiara e Findarfin SMS ROMANTICI. per tutte le occasioni. Simonelli electronic Book

Chiara e Findarfin SMS ROMANTICI. per tutte le occasioni. Simonelli electronic Book Chiara e Findarfin SMS ROMANTICI per tutte le occasioni SeBook Simonelli electronic Book Tre pensieri prima dei sogni: il primo per i tuoi occhi dolci, il secondo per il tuo viso delicato, il terzo per

Dettagli

INTRODUZIONE. La ragazza

INTRODUZIONE. La ragazza 5 INTRODUZIONE La ragazza Il braccio era vicino al telefono. Forse la ragazza aveva cercato di chiamare qualcuno, ma poi non aveva avuto il tempo di farlo. I lunghi capelli neri scendevano sul viso e coprivano

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Gigisland I edizione 2011 Luigi Giulio Bonisoli Responsabile della pubblicazione: Luigi Giulio Bonisoli Riferimenti web: www.melacattiva.com www.scribd.com/luigi Giulio

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO FAMIGLIA Famiglia è un insieme di persone che riescono a scaldarti il cuore; ti aiutano a passare i momenti peggiori, sanno sempre che fare, sanno

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

Le gru In volo per la felicità

Le gru In volo per la felicità Le gru In volo per la felicità Lenuta Virlan LE GRU In volo per la felicità Racconto www.booksprint Edizioni.it Copyright 2015 Lenuta Virlan Tutti i diritti riservati Ai mei tre figli Alexandru, Andreea

Dettagli

Quasi stelle di Marcella Bettini

Quasi stelle di Marcella Bettini Quasi stelle di Marcella Bettini Illustrazione di Simonetta Fratini Quasi-stelle C era una volta una casa con tante finestre con le persiane verdi a pallini blu che, quando si aprivano, sembravano ali

Dettagli

su di me sul filo d erba che ora lo vedo è prostrato sul ciglio della strada ed il verde di quel filo d erba si mescola con la polvere che ora non è

su di me sul filo d erba che ora lo vedo è prostrato sul ciglio della strada ed il verde di quel filo d erba si mescola con la polvere che ora non è malinconianuda sono qui nuda appesa al chiodo della mia malinconia di questa mia grande malinconia che è qui presente incolmabile immensa e mi tiene prigioniera il capo reclinato i capelli sciolti e biondi

Dettagli

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con LEZIONE 1 ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. (conoscersi) venti giorni fa a

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

Non credevo alle Apparizioni di Medjugorje

Non credevo alle Apparizioni di Medjugorje Non credevo alle Apparizioni di Medjugorje È il 5 giugno 1997. Mio padre da anni è molto malato, tanto da essere stato giudicato non operabile dai medici dell ospedale dove si è curato fino ad oggi. Il

Dettagli

Borsa di studio/classe IV

Borsa di studio/classe IV 1 Borsa di studio/classe IV La storia va in fumetto Racconta la Storia di Clara dagli occhi grandi in un fumetto! 1. Riassumi la storia nelle scene che ti sembrano più importanti (per es. Clara che parla

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

Il Regalo di Natale più bello

Il Regalo di Natale più bello Il Regalo di Natale più bello This ebook is distributed under Creative Common License 3.0 http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/3.0/ You are free to copy, distribute and transmit this work under

Dettagli

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado Esplorare e abitare il territorio con il cuore: esercizi di training sensoriale Siamo veramente «presenti» ai luoghi che abitiamo

Dettagli

Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato.

Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato. Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato. ........ In ogni situazione occorre prestare molta attenzione. Se tanti pericoli

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

ISOLA DELLE MERAVIGLIE

ISOLA DELLE MERAVIGLIE SFONDO INTEGRATORE: Giramondo è uno strano personaggio, ama divertirsi e conoscere paesi lontani per vedere se e quanto sono diversi dal suo. Propone ai bambini uno scambio: loro guideranno Giramondo alla

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

Italo Testa. 11 m o n o l o g h i

Italo Testa. 11 m o n o l o g h i Italo Testa Non ero io 11 m o n o l o g h i HGH 2010 HGH 2010 Hosted Gammm Hosting thanks to the Author for allowing this publication (hosting) non ero io 11 m o n o l o g h i 1 non ero io, non vedi,

Dettagli

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Francesco Chiarini SENZA TANTI PERCHÈ, BEVO CAFFÈ E ANNAFFIO LE PIANTE poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesco Chiarini Tutti i diritti

Dettagli

FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO

FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO INTRODUZIONE Le attività proposte in preparazione all incontro con il Vescovo Gianni hanno il loro orizzonte più ampio nei contenuti della

Dettagli

La storia di Gocciolina

La storia di Gocciolina La storia di Gocciolina Gocciolina viveva in un lago alpino, in una splendida valle verdeggiante. Guardava sempre il cielo e sognava di volare. Ah! Se avessi ali per volare, viaggerei per mari e per valli

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

Sono Nato Per Essere Veloce

Sono Nato Per Essere Veloce 01 - Nato Per Essere Veloce roppo veloce sta correndo la mia vita troppo veloce scorre via la musica musica selvaggia? furiosa adrenalina frenetico sussulto, incontrollabile rumore Sono Nato Per Essere

Dettagli

Scuola dell infanzia Fornase Anno Scolastico 2007-08 Gruppo bambini di 5 anni Periodo gennaio-febbraio Ins. Gennari Manuela

Scuola dell infanzia Fornase Anno Scolastico 2007-08 Gruppo bambini di 5 anni Periodo gennaio-febbraio Ins. Gennari Manuela Scuola dell infanzia Fornase Anno Scolastico 2007-08 Gruppo bambini di 5 anni Periodo gennaio-febbraio Ins. Gennari Manuela - osservare consapevolmente i fenomeni e le cose di ogni giorno - raccontare

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO La mia mamma La mia mamma con la giacca in mano, sempre pronta a portarmi ovunque sia, con gli occhioni color terra. Io la guardo e penso a tante

Dettagli

LA VERA STORIA DI OCCHIO PIDOCCHIO

LA VERA STORIA DI OCCHIO PIDOCCHIO Elisa Fabemoli LA VERA STORIA DI OCCHIO PIDOCCHIO Ovvero come sensibilizzare genitori, insegnanti, educatori e bambini su un problema che tormenta i pensieri dentro e sopra le nostre teste 1 In una scuola

Dettagli

L AZIONE DI DIFFUSIONE

L AZIONE DI DIFFUSIONE L AZIONE DI DIFFUSIONE 28 Messaggio, 4 marzo 1951 La volontà del Figlio Vedo una luce intensa e odo: Eccomi di nuovo. Attraverso la luce vedo la Signora. Dice: Guarda bene e ascolta quello che ho da dirti.

Dettagli

LA LETTERATURA ITALIANA FACILITATA: UNA PROPOSTA DI LETTURA Annalisa Sgobba

LA LETTERATURA ITALIANA FACILITATA: UNA PROPOSTA DI LETTURA Annalisa Sgobba CAPITOLO PRIMO RE E STELLA DEL CIELO Re e stella del cielo Il mio nome è uno dei miei primi successi. Ho subito imparato (è stato lui, mi sembra, il primo che mi ha detto questo), che Arturo è una stella:

Dettagli

da Somiglianze (1976) LA LUCE SULLE TEMPIE

da Somiglianze (1976) LA LUCE SULLE TEMPIE da Somiglianze (1976) LA LUCE SULLE TEMPIE Che strano sorriso vive per esserci e non per avere ragione in questa piazza chi confida e chi consola di colpo tacciono è giugno, in pieno sole, l abbraccio

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

1 Alunno Preferisco non imparare nulla ma essere libero.

1 Alunno Preferisco non imparare nulla ma essere libero. Prigionieri di ombre Quando il ragionare dei bambini diventa scrittura teatrale. Si tratta di rifare un cammino già fatto. Riprendere quanto già detto, e non soltanto nella forma scritta, bensì nelle espressioni,

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

2013 Editrice ZONA È VIETATA ogni riproduzione e condivisione totale o parziale di questo file senza formale autorizzazione dell editore.

2013 Editrice ZONA È VIETATA ogni riproduzione e condivisione totale o parziale di questo file senza formale autorizzazione dell editore. 2013 Editrice ZONA È VIETATA ogni riproduzione e condivisione totale o parziale di questo file senza formale autorizzazione dell editore. Non farmi morire di Nicoletta Betti ISBN 978-88 6438-360-6 Collana

Dettagli

Quando eravamo scimmie

Quando eravamo scimmie Quando eravamo scimmie Zio, è vero che tu insegni antro... non mi ricordo più come si chiama. Antropologia, sì è vero Chiara. Mi spieghi cos è? Che non è mica tanto chiaro. Sedetevi qui, anche tu, Elena.

Dettagli

DOMANDA APERTA: COSA TI PIACE DEL CELLULARE a me del cellulare piace tutto a me il cellulare non piace ma in alcune occasioni, per esempio se fai un

DOMANDA APERTA: COSA TI PIACE DEL CELLULARE a me del cellulare piace tutto a me il cellulare non piace ma in alcune occasioni, per esempio se fai un a me del cellulare piace a me il cellulare non piace ma in alcune occasioni, per esempio se fai un incidente è molto utile a me il cellulare piace ma me lo prendono solo a 12 anni. La cosa più bella è

Dettagli

Diario di ventun giorni

Diario di ventun giorni Diario di ventun giorni Tutti i giorni Al mattino appena ti svegli: Ringrazia per essere vivo/a e per la nuova giornata positiva che stai per vivere. Immagina la giornata e i vari impegni. Alzati e, mentre

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

I bambini e le bambine di classe 1^ B

I bambini e le bambine di classe 1^ B I bambini e le bambine di classe 1^ B Editrice Scuola Primaria Anna Frank Garlate a.s. 2013-2014 1 I bambini e le bambine di classe 1^ B IL FILO DELLE STORIE Editrice Scuola Primaria Anna Frank Garlate

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli