Stefano Mellini. Stella Rossa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Stefano Mellini. Stella Rossa"

Transcript

1

2

3 Stefano Mellini Stella Rossa

4 2006 Via Col di Lana, 23 Ravenna Tel. e fax ISBN X Illustrazione di copertina di Bruno Mattioli

5 LE PAROLE SONO DI TUTTI, ANCHE SE LE USANO IN POCHI. A NOI RESTA LA RABBIA E QUESTI MURI SCROSTATI È il testo di una scritta che compariva nel mio quartiere. Spero di essere riuscito a imprigionare in queste pagine un po della rabbia che ho rubato da quel muro. Perché col tempo ho imparato che la rabbia è un sentimento nobile, di gran lunga superiore all indifferenza, all ipocrisia, all egoismo. s.m.

6

7 Capitolo 1 Settembre di pioggia. Dalla finestra dello spogliatoio le voci si accavallano. Gocce tiepide, ancora estive, picchiettano sulla gomma della borsa: Stella Rossa! Lancio un occhiata pigra dall altra parte del campo. Qualche fesso che la domenica mattina non ha voglia di tirare calci alle lattine vuote per le vie del quartiere è già seduto sulle tribune di legno a tre gradini. Davanti al cancello con le inferriate verdi, Bomba bestemmia e dice che devo sbrigarmi perché sono l ultimo. «E spegni quella sigaretta, minchione, che non hai fiato neanche per farti una sega». Da quando ho memoria, Bomba è il custode di questo campo da calcio incastrato tra i palazzoni popolari. Lui non taglia l erba, pettina il campo, dice, ed è lì ad ogni ora, gesso in mano per le righe, palloni da gonfiare, maglie stese ad asciugare, straccio per scrostare il fango dalle piastrelle degli spogliatoi. È un solitario, Bomba, non so se per scelta o per destino. Sta di fatto che fuori da questo campo non lo incontra mai nessuno, chessò, per fare la spesa, comprare il giornale, bere un prosecco al bar. Vive solo, ed è il custode. Questo è quello che si sa di lui, ed è abbastanza. Stringo il filtro fra il pollice e il medio, sparo la sigaretta pochi centimetri sopra i suoi capelli bianchi. Mi assesta una pacca a mano aperta sulla nuca. «Tanto oggi ti bagni il culo in panchina». Chiude il cancello alle mie spalle ed entra nel suo sgabuzzino, un anfratto di cemento armato tappezzato di foto in bianco e nero, un paio di coppe su una mensola di legno, una cesta di palloni, una di casacche da allenamento, una pila di giornali porno. Nello spogliatoio gli altri si stanno cambiando, pantaloncini della divisa e camicia della sera prima, maglia Stella Rossa, jeans. 7

8 Le facce sono quelle di sempre, gente sbattuta dal sabato notte, col segno del cuscino stampato sulla faccia, gente che si sveglierà del tutto solo con le urla del mister. Sandro mi fa spazio sulla panca di legno. «Oggi comincia il campionato», sta strillando il mister, «e lo sapete cosa vuol dire?» Le pupille di Max sono ancora lievemente dilatate dall ecstasy, Luca ha la faccia bianca da vomito, Bisio sta pisciando birra sulla turca con la porta aperta e il culo verso la squadra. «Lo sapete o no?» Mimmo e Beppe scimmiottano l allenatore alle sue spalle. «Vuol dire che sono stufo di farmi prendere in giro da tutte le altre squadre della città!» Chiedo a Sandro come mai non c è Flash. Sandro incrocia i polsi imitando il gesto delle manette. Sussurro: «Quando?» «L altra sera, lo hanno beccato con venti grammi di fumo e se lo sono caricato». «Cazzo! E chi gioca a centrocampo?» Alza le spalle per dire che sono problemi del mister. L allenatore si volta verso la lavagna e continua a strillare. «Alle prime due sconfitte consecutive mollo tutto e la domenica vado a pesca!» Prende un gesso nuovo e lo fa stridere contro la superficie nera. Brividi fastidiosi sulla pelle. Il gesso si spezza, lui tira una madonna e continua a scrivere col mozzicone che gli resta fra le dita. Ancora un campionato, ancora Stella Rossa. Un altra serie di domeniche a pestare fango, a inzupparsi di pioggia, a sputare erba, a sudare sotto il sole. Da dieci anni, ogni volta che finisce il campionato io e Bruco ci guardiamo in faccia e diciamo: «È stato l ultimo. La prossima stagione non se ne parla neanche». Poi arriva la telefonata di Bomba, il custode, il 16 agosto alle otto di mattina, puntuale. Me lo immagino aprire il campo alle sette, la mattina dopo ferragosto, spargere le fontanelle a spruzzo sul prato seccato dal sole e tirare la leva dell irrigazione, un maniglione di metallo attaccato al muro che assomiglia all interruttore delle luci di un teatro. L acqua inizia a gorgogliare attra- 8

9 verso i tubi di plastica, e dopo qualche secondo una ventina di getti vengono sparati in aria simultaneamente. È l inizio di una nuova stagione. Bomba ha un telefono personale, fissato al muro con due ganci e chiuso con un lucchetto. Tira l ultima boccata alla sigaretta mentre osserva le fontanelle formare piccoli arcobaleni artificiali, spegne il filtro con il tacco della scarpa, toglie il lucchetto al telefono. Alcuni dicono che goda a farci saltare giù dal letto a quell ora di mattina, ghigno in faccia e rubrica in mano. No, io, Bruco e Bisio non c entriamo più niente con la Stella Rossa, con questi palazzoni di cemento, con il quartiere, con le sirene della polizia, con l ecstasy e la coca, con i pugni, le vetrine in frantumi, le bottiglie vuote. Da un bel po di tempo siamo da qualche altra parte. Però quel richiamo sembra irresistibile, la voce di Bomba che interrompe il sonno, che entra nelle nostre vite come un incubo lontano la prima calda mattina dopo ferragosto e sussurra: «Convocato!» Non dico niente, torno a letto e mi ributto sulle lenzuola sudate, mi giro dall altra parte e cerco nuovamente di dormire. Ma non è lo stesso sonno, non lo riacciuffo più così com era. Anche quest anno non ho detto no. Stella Rossa del cazzo Il mister elenca nomi e numeri, mentre disegna sulla lavagna un labirinto di linee che vorrebbero essere schemi di gioco. Poi entra il presidente, quello che sgancia gli euro dell iscrizione, quello che fa stampare a caratteri bianchi sulla maglia rossa la scritta Landi Alimenti. Il mister lo saluta con un attimo di deferente silenzio e poi riprende a far ballare il gesso impazzito. Formazione schierata. Appello dell arbitro e corsa a centrocampo. In tribuna tutte le facce note del quartiere, il maresciallo Sacco sotto l ombrello a braccetto della consorte, una decina di vecchietti del centro sociale, un paio di tossici, don Vincenzo e qualcuno del bar. Una trentina di persone in tutto. Gli aficionados di Stella Rossa. 9

10 Sono strane le prime partite di ogni campionato, di solito goffe, timorose. Passa un po di tempo prima di ricordarsi che per giocare si deve sudare, prima di poter di nuovo intuire i rimbalzi del pallone, i movimenti degli avversari. È come il primo giorno di scuola, quaderni bianchi, biro nuove, diario immacolato, profumo di stampa, ma la testa è altrove e la mano disabituata scrive a fatica. Il mister urla frasi senza senso e fuma una sigaretta dietro l altra. «È dalla prima partita che si vedono le squadre con le palle!» Di solito è un massacro, una mattanza. Vengono nel quartiere, chiudono con cura le loro belle macchine dopo aver estratto i frontalini degli stereo, scendono in campo e se ne vanno coi tre punti in tasca, sollevati all idea di non dover mettere più piede da queste parti per un altro campionato. Sportivamente, non facciamo paura a nessuno. Per tutto il resto, facciamo paura eccome. Il primo tempo si chiude a reti inviolate, ed è già un risultato. Negli spogliatoi qualcuno piscia, alcuni bevono, molti scatarrano nel cesso. Hamir se ne sta in silenzio sulla panca di legno, si concentra. Forte il ragazzo, l unico che potrebbe giocare in una squadra vera. Lo hanno richiesto diverse squadre di prima categoria, ma lui rifiuta sempre. Ostinatamente. «Chi te lo fa fare di restare a giocare qui? Non siamo mica in Marocco, Hamir, quelli pagano» Lui sorride tranquillo e alza il dito medio. Il cuore trotta impazzito nel petto. Sandro mi passa una bottiglia di plastica semivuota, la finisco a collo. Non abbiamo neanche la forza di fiatare, il mister continua a strillare per conto suo, non lo ascolta nessuno. Fuori non piove più, in cielo si è aperto un enorme squarcio sopra il campo. Ci guardiamo in faccia. Ma chi cazzo ce lo fa fare? Che si prendano i tre punti e si tolgano dalle palle. «Scusi, mister». Hamir alza la mano come a scuola. È il capitano, e lo è veramente. Mai un ammonizione, una protesta, un brutto fallo. Quando iniziano a volare i primi pugni succede 10

11 spesso si sposta sempre a qualche metro di distanza. Non si sporca le mani, dice che Allah ci ha dato le mani per lavorare e pregare, non per picchiare. «Mister, che ne dice se nel secondo tempo mi sposto a sinistra? Sono scarsi da quella parte». Il mister tira su i pantaloni della tuta a mezza pancia, si gratta la testa; Bisio alle sue spalle spara un rutto da artificiere. «Va bene! Rocco, tu ti sposti in mezzo e Sandro a destra». «No mister, lasciami stare», si lamenta Sandro, «il cuore non regge, non ne ho più voglia di correre, metti su Razzo che si allena sempre, non fuma e non gioca mai». Hamir mi batte una mano sulla spalla. «Ok», dico. «Ma non credo di arrivare alla fine, quando non ce la faccio più chiedo il cambio». Il mister mi guarda, sta per urlare qualcosa tipo sergente dei Marines, attributi, vincere e vinceremo e qualche altro slogan che usa da vent anni, ma Bomba dà due colpi alla porta dello spogliatoio. «In campo, che l arbitro aspetta solo voi». Il terzino che mi marca è grosso, coi capelli rossicci e le lentiggini, il viso tirato per lo sforzo. Lo guardo in faccia da vicino, lo fisso negli occhi. Fa il sostenuto, ma si vede che ha paura. In un contrasto mi si avvicina talmente che sento la sua puzza di sudore. La palla è alta, saltiamo insieme ma lui mi trattiene per la maglia. Gli allungo una gomitata sul naso. Prima ammonizione della stagione. Si mette le mani sul viso, ma non dice niente. Continuo a fissarlo mentre il suo compagno batte la punizione. Evita il mio sguardo. Dev essere uno studente o qualcosa del genere, di quelli che hanno le mani lisce e senza calli. Durante la settimana si potranno vantare di quanto sono stati coraggiosi a venire a giocare qua. «Avevano delle facce quelli, gente da coltelli e galera, da sbattere dentro e buttar via la chiave», e intanto mangiano un hamburger, coi libri posati sulla sedia a fianco. Mi fanno rabbia, non ci posso fare niente. Mi avvicino e gli dico con calma: «Bella la tua macchina; l hai chiusa bene?» Mi guarda come se l avessi appena menato. La palla è giù in difesa, tra i 11

12 piedi di Bruco, lontana una cinquantina di metri. Il gorilla con le lentiggini guarda il suo compagno, come a dire: Lo senti quello che sta dicendo?. L altro scrolla le spalle. «Non dargli retta». Bruco taglia tre quarti di campo con un lancio senza senso. Scatto in mezzo ai due difensori che stanno ancora pensando all antifurto della macchina. Salto un decimo di secondo prima di quello con le lentiggini. Sento l impatto del pallone sulla tempia, lo schiaccio a terra, la palla schizza sull erba bagnata al di là della difesa. Hamir è una gazzella nera che vola leggera verso il pallone, la sua maglia rossa sembra vuota, incurvata dal vento. Il portiere gli corre incontro ma è pesante, molto più pesante di Hamir. La gazzella gli scivola accanto col pallone incollato ai piedi, e la porta gli si spalanca davanti. Hamir si gira per un momento a fissare il corpo del portiere, steso sull erba in una posizione innaturale. Accarezza la palla col sinistro, la rete si gonfia, soffice. C è un attimo di silenzio. Cosa sta succedendo?, è la domanda stampata sul volto di tutti. Il maresciallo Sacco e il mister rompono il silenzio con un grido all unisono. Effetto stereo, uno sulla panchina l altro in tribuna, dalla parte opposta del campo. Sono tutti addosso ad Hamir. Io rimango imbambolato in mezzo ai due terzini immobili. Uno che ha sentito il grido stereofonico esce dal bar con un Campari in mano, un paio di ragazzini si affacciano da un balcone scrostato e don Vincenzo apre le mani verso il cielo. Non è un miracolo, ma qualcosa di molto simile. Il rosso con le lentiggini mi guarda con odio dall altra parte del centrocampo. Sorrido, mentre Sandro mi batte un cinque a mano aperta. Mancano venti minuti alla fine e la partita diventa cattiva, ma quando le partite diventano cattive c è una sola squadra in campo: Stella Rossa. Mi dà una sensazione molto simile alla tenerezza, vederci schiumare con la bava alla bocca. Stiamo qui, in mezzo alle scin- 12

13 tille, a tenerci stretti questi tre punti quasi fossero quelli che servono a pareggiare il destino. Il mister urla e si sbraccia impazzito, ogni due boccate isteriche getta la sigaretta e ne riaccende un altra. Nessuno lo caga ma continua a fare il duro, anche se si vede che il più incredulo è proprio lui. Max ha smaltito l ecstasy ma non l adrenalina, e si butta nei contrasti come un kamikaze. Bisio suda birra da tutti i pori ma non molla, Mimmo sgomita e calcia come un puledro nel recinto, Bruco salta due spanne più di tutti, Sandro cerca Hamir ogni volta che si trova la palla tra i piedi, Hamir la stoppa, la controlla, la difende con eleganza e la fa scivolare verso di me come una biglia sul velluto verde. Ce l ho tra i piedi quando l arbitro fischia tre volte. Fine partita. Qualcuno si abbraccia e qualcuno stringe la mano all arbitro. Io me ne sto fermo a godermi lo spettacolo. Mi giro verso la tribuna. Gli spettatori sono quasi il doppio di quando abbiamo cominciato, le voci nel quartiere ci mettono niente a circolare. Il maresciallo Sacco sta facendo il giro della recinzione per venire a complimentarsi negli spogliatoi; trascina con sé la moglie, sempre attaccata al braccio. Don Vincenzo se ne va verso l uscita con un paio di bambini che gli ronzano intorno alla tonaca, Spada gira dalla parte opposta con un cacciavite che gli sporge dalla tasca del giubbotto di jeans, la sigaretta penzoloni dalla bocca. È normale, è il momento migliore per fare una visita alle macchine degli ospiti. Per un attimo ci guardiamo negli occhi, Spada mi sorride. Scuoto la testa per dire no, lascia perdere per oggi. Si ferma, alza il pollice per dire che ha capito. In fondo hanno lasciato sul campo tre punti, non si può rubargli anche lo stereo Sfilo per ultimo davanti a Bomba, il custode, ancora impalato di fronte alla porta delle docce. Negli spogliatoi è pura euforia. Questa volta sotto la doccia ci vola anche il mister, vestito. Euforia Stella Rossa! 13

14 Capitolo 2 Quando entro in casa, svuoto la borsa da calcio direttamente nella lavatrice. Bianca fa i compiti con le gambe incrociate sulla poltrona, mia madre è uscita a fare scorta di alcol in qualche bar, mio fratello è sdraiato sul divano e dorme vestito. Rico è invecchiato in quest ultimo anno. La pancia gli esce dalla camicia sbottonata, è stempiato e gli sono comparsi i primi capelli bianchi. Lo guardo e mi fa schifo. Mi viene voglia di dargli un calcio mentre dorme. Lo guardo meglio, ha un occhio pesto e gonfio. Qualche bravo ragazzo mi ha preceduto. «Rocco, vuoi una mano?» chiede Bianca. Certe volte il sorriso e la disponibilità di Bianca mi smontano, ma più che altro mi fanno tenerezza. Se non ci fosse lei avrei fatto le valigie da un pezzo, sarei fuori da questo appartamento che l ufficio case popolari affitta alla signora Lalli Graziella, mia madre, in quanto capofamiglia di famiglia disagiata e priva del minimo eccetera eccetera. Avrei raccolto i miei stracci e sbattuto la porta così forte da far tremare tutti i vuoti di gin sotto il letto della capofamiglia. Invece Bianca è piovuta qui in mezzo a noi, e continua a sorridere come se vivessimo tutti insieme nella casetta dei sette nani. Aveva un anno quando ho fatto gli ultimi venti giorni di carcere della mia vita, nove anni fa. Non facevo altro che pensare a lei, speravo che mia madre e quel coglione di Rico non se la dimenticassero da qualche parte mentre erano impegnati ad autodistruggersi. Sentivo come una morsa stringere nel petto. Al processo mi guardavo alle spalle, nelle sedie vuote e mi dicevo: «Fa che non li veda entrare tutti e due insieme» perché, pensavo, per venire in tribunale a chi avrebbero affidato Bianca? 14

15 Il giudice mi condannò a un paio di mesi, ma poi sparò una serie di attenuanti per arrivare a venti giorni, il tutto in cinque minuti. L avvocato d ufficio, come nei film, si guadagnò il pane dicendo che si rimetteva alla corte. Io neanche li ascoltavo, me ne stavo girato verso il pubblico pregando di non vederli. Preghiere accolte, dato che non si vide né l una né l altro. Non capisco perché, ma Bianca è sempre attaccata al culo di Rico. Gli saltella intorno come un coniglietto, e non capisce che Rico è il lupo. L ultima volta che io e lui ci siamo rivolti la parola non erano belle parole Rico a petto nudo contava pezzi da cinquanta sul tavolo. Bianca glieli passava a uno a uno e lo guardava come fosse stato uno dei Lunapop. Il coglione fumava una canna e si vedeva che era soddisfatto, uno dei pochi affari andati bene. Non mi dava fastidio che Bianca in quel momento stravedesse per lui. Sono scattato quando ho visto le mani di Bianca che toccavano tutte quelle banconote stropicciate, le prendevano con cura una a una, le stiravano, le passavano tra le mani sporche di Rico. Sia chiaro, Rico fa la vita che vuole e per me va bene, nessun problema. Non mi va proprio di giudicarlo, tutti e due siamo nati e cresciuti qui, e io ho fatto anche di peggio. Ma Bianca è un altra storia. Lei ancora non lo sa che come ti giri ti sputano in faccia, e non c è nessuna fretta di farglielo capire. Ho detto a Bianca di andare in camera sua e ho buttato fuori lui, lasciandogli qualche segno sulla faccia. Ma lui, tanto, torna sempre. Nonostante abbia due anni più di me, è da parecchio che gioca a fare il duro senza avere la forza di reagire. Dal pianerottolo urla che non finisce lì, qualche vicino esce a vedere la scena, mia madre finge di piangere senza alzarsi dal letto, poi tutto torna come prima. Metto due dita di gin, scampate nel fondo di una bottiglia, dentro un bicchiere, aggiungo un po di succo d arancia e avvio la lavatrice. Il rumore dell accensione per un attimo sveglia Rico, che mi guarda e si gira dall altra parte. Mi siedo vicino alla pic- 15

16 cola e accendo una sigaretta fissando le matite colorate di Bianca: «Avete vinto, Rocco?» Me lo chiede con la penna in bocca, senza distogliere lo sguardo dal quaderno. «Sì, sembra incredibile ma ogni tanto succede» «Sul serio? Dai dai, racconta». Il coniglietto è proprio felice, le bastano queste piccole cose: non riesco a capire dove trovi tanti motivi di felicità nella vita che facciamo, però qualcosa di bello lo trova sempre. Le faccio una carezza sui capelli, perché non ho voglia di raccontare, bevo un sorso di gin e arancia e mi alzo, lei strizza gli occhi e continua coi compiti. È una domenica di sole strappata alla pioggia, una domenica da riempire in qualche modo. Mi affaccio sul terrazzo per finire la sigaretta. Getto il mozzicone dal terzo piano, la cicca disegna spirali e plana sulla strada. Mia madre entra in casa con una busta che tintinna, saranno un paio di bottiglie, le poggia sul tavolo vicino alle matite colorate e guarda per un attimo la schiuma nell oblò della lavatrice. Rico si alza stropicciato, borbotta qualcosa, fa una pisciata in bagno ed esce. Ecco, quando vedo queste cose mi sale dentro una rabbia che conosco bene: due bottiglie di gin fra i compiti di Bianca, la pisciata di Rico, la porta che sbatte. È una rabbia che devo gestire in ogni momento per non dare fuoco a tutto. Metto sul gas una pentola d acqua che sono le due, stappo un sugo pronto e guardo mia madre che barcolla verso la sua camera con una bottiglia in mano. «Mamma non mangia con noi?» «No, mamma mangia dopo». Bianca apparecchia, sposta i suoi compiti in un angolo del tavolo e stende mezza tovaglia a fiori tappezzata da macchie di unto e vino rosso. La tv accesa gracchia un sonnolento telegiornale. In un quarto d ora svuotiamo i piatti. Bianca li butta nel lavello, raccoglie la tovaglia e piazza di nuovo quaderno e matite colorate al centro del tavolo. La tv resta accesa, ogni tanto la piccola alza la testa e la guarda. Mi stendo sul divano al posto di Rico, sento ancora il 16

17 suo odore un po rancido. Prima di addormentarmi ripenso molte volte al gol di Hamir e alla faccia del terzino coi capelli rossi. In fondo le soddisfazioni non sono tante, e vale la pena di tenersele strette. 17

Lei e Lui. preparare la colazione. piangere disperatamente. pettinare i bambini. arrabbiarsi. dare l acqua alle piante. scrivere la lista della spesa

Lei e Lui. preparare la colazione. piangere disperatamente. pettinare i bambini. arrabbiarsi. dare l acqua alle piante. scrivere la lista della spesa 5 Lei e Lui 1 Chi fa cosa? Lavora con un compagno. Insieme guardate questa famiglia: lei, lui, un bambino e una bambina. È mattina, tutti si sono appena svegliati e si preparano per uscire. Secondo voi

Dettagli

Promo - I ragazzi geisha

Promo - I ragazzi geisha 1 Promo - I ragazzi geisha Valerio la Martire Davide Sono a Testaccio, questo è certo. Devo prendere un mezzo per rientrare e non ho tempo. Dietro gli occhiali che si appannano vedo facce sfocate e indistinte.

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ Proprietà letteraria riservata 2012 Screenpress Edizioni - Trapani ISBN 978-88-96571-42-2 È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE:

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: La frase la maestra scrive sulla lavagna Chiara una foto ai bambini fa Una torta prepara la mamma al cioccolato Giocano con la corda i ragazzi

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ ТЕСТ ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК ЗА VII КЛАС I. PROVA DI COMPRENSIONE DI TESTI ORALI Testo 1

Dettagli

GIOCHI DI SOCIALIZZAZIONE

GIOCHI DI SOCIALIZZAZIONE GIOCHI DI SOCIALIZZAZIONE CHI HA AVUTO, HA AVUTO Ciascun giocatore riceve cinque rettangoli di cartoncino delle dimensioni di una carta da gioco, su un lato dei quali scrive, in bella evidenza, il proprio

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

interni_benin.qxd 02/02/2007 9.52 Pagina 9

interni_benin.qxd 02/02/2007 9.52 Pagina 9 interni_benin.qxd 02/02/2007 9.52 Pagina 9 E dopo una settimana Judith ha detto: non puoi stare qui senza soldi e senza lavoro. Devi pagare il mangiare, il dormire. Devi lavorare. E per chi non ha documenti

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

Federico Platania Il primo sangue Copyright 2008 Via Col di Lana, 23 Ravenna Tel. 0544 401290 - fax 0544 1390153 www.fernandel.it fernandel@fernandel.it ISBN: 978-88-87433-89-0 Copertina di Riccardo Grandi

Dettagli

Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista

Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista Il punto di vista dell educatrice Pietro ha 20 mesi, già da 6 frequenta il Nido e il momento del pasto è vissuto con molta tensione: l

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

I.C. BALANGERO. scuola casa. e... Vivere in sicurezza a a. pag. 1

I.C. BALANGERO. scuola casa. e... Vivere in sicurezza a a. pag. 1 I.C. BALANGERO scuola casa Vivere in sicurezza a a pag. 1 e... FILASTROCCA SICURA Ecco arriva la bidella che ci suona la campanella, se sicuro vuoi entrare certo non devi accelerare. Ecco posa la cartella

Dettagli

I PREREQUISITI MOTORI DELL APPRENDIMENTO DELLA TECNICA * * * * * *

I PREREQUISITI MOTORI DELL APPRENDIMENTO DELLA TECNICA * * * * * * 21 Lunedì 26 Agosto, ore 13,00 Prof. MARCO TAMANTINI Premessa I PREREQUISITI MOTORI DELL APPRENDIMENTO DELLA TECNICA * * * * * * Il messaggio che vorrei lanciare è di porre in risalto l obiettivo di migliorare

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O Come va? 1 Trova nello schema le parti del corpo scritte di seguito e in orizzontale a cui si riferiscono le seguenti frasi. Le lettere rimaste completano l espressione indicata sotto. 1. Proteggila col

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT N E W S O U T H W A L E S HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION 1998 ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT 2 ITEM 1 PAOLO PAOLO Ieri ho avuto una bella sorpresa; ho ricevuto una lettera da Paolo.

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Testi d autore facilitati e semplificati per classi. plurilingue

Testi d autore facilitati e semplificati per classi. plurilingue Maria Ferrari Elisa Maggi Franca Marchesi Sportello Scuola per l integrazione alunni stranieri Bergamo ANTOLOGIA ITALIANO L2 Testi d autore facilitati e semplificati per classi plurilingue Questa raccolta

Dettagli

STEFANO PIEDIMONTE L innamoratore

STEFANO PIEDIMONTE L innamoratore STEFANO PIEDIMONTE L innamoratore Proprietà letteraria riservata 2016 Rizzoli / RCS Libri S.p.A., Milano Per accordo con Thèsis Contents S.r.l., Agenzia Letteraria, Firenze Milano ISBN 978-88-17-08685-1

Dettagli

- 1 reference coded [3,04% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,04% Coverage] - 1 reference coded [3,04% Coverage] Reference 1-3,04% Coverage ok, quindi qua, secondo te, è solo il vestito che identifica beh l amicizia e il modo di vestire. Voi,

Dettagli

Il maestro nuovo è tornato

Il maestro nuovo è tornato rob buyea Il maestro nuovo è tornato Traduzione di Beatrice Masini Rizzoli Titolo originale: Mr. Terupt Falls Again 2012 Rob Buyea Pubblicato per la prima volta negli Stati Uniti nel 2012 da Delacorte

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Chiavi. Unità 1. Tutti a scuola! 5. a. 2-due, b. 7-sette, c. 4-quattro, d. 10-dieci, e. 9- nove, f. 1-uno, g. 8-otto, h. 6-sei, i.

Chiavi. Unità 1. Tutti a scuola! 5. a. 2-due, b. 7-sette, c. 4-quattro, d. 10-dieci, e. 9- nove, f. 1-uno, g. 8-otto, h. 6-sei, i. Chiavi Chiavi del Libro dello studente Unità introduttiva. Ciao! Come ti chiami? Hamid, Paula, Simone, Edmond, Fang Fang 3. Hamid, terza B; Paula, terza B; Fang Fang, compagna; Edmond, terza B 4. Fang

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

CLINIC NAZIONALE MINIBASKET EASY BASKET

CLINIC NAZIONALE MINIBASKET EASY BASKET LA PALLA: MEZZO E/O METODO PER LO SVILUPPO DEGLI SCHEMI MOTORI DI BASE di Fabio Bagni Camminare per tutta la palestra, lontani l uno dall altro Camminare stando vicini Camminare all indietro, prima lontani,

Dettagli

Hai mai guidato una macchina?

Hai mai guidato una macchina? INDICE CAPITOLO UNO Al posto di guida 7 CAPITOLO DUE Un segreto sulla rabbia 13 CAPITOLO TRE Arrabbiarti ti aiuta a farti degli amici? 23 CAPITOLO QUATTRO Al fuoco, al fuoco! 27 CAPITOLO CINQUE Metodo

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE?

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE? SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 PROGETTO SCIENTIFICO di Marica Loppo Gruppo anni 5 LA MEMORIA è una GRANDE CASA in cui si depositano le informazioni recuperate con l aiuto dei sensi (LE FINESTRE)

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte.

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte. FRANCESCA CORSO di Edoardo Di Lorenzo FRANCESCA CORSO FONDATRICE Ho lavorato come assistente sociale al carcere di San Vittore e ho trovato dei bambini carcerati assieme alle mamme in un regime carcerario

Dettagli

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei.

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei. Mathilde tirò fuori l agenda e scrisse: «Il tizio seduto alla mia sinistra mi prende per i fondelli». Bevve un sorso di birra e lanciò un altra occhiata al vicino, un tizio immenso che da dieci minuti

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Anna Rinaldin Università Ca Foscari, Venezia. Aspetti dell «italiano scolastico» nei temi della scuola media

Anna Rinaldin Università Ca Foscari, Venezia. Aspetti dell «italiano scolastico» nei temi della scuola media Anna Rinaldin Università Ca Foscari, Venezia Aspetti dell «italiano scolastico» nei temi della scuola media Lettere in classe. Percorsi didattici del TFA di area letteraria della Sapienza, a cura di Paola

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Scuola dell infanzia Fornase Anno Scolastico 2007-08 Gruppo bambini di 5 anni Periodo gennaio-febbraio Ins. Gennari Manuela

Scuola dell infanzia Fornase Anno Scolastico 2007-08 Gruppo bambini di 5 anni Periodo gennaio-febbraio Ins. Gennari Manuela Scuola dell infanzia Fornase Anno Scolastico 2007-08 Gruppo bambini di 5 anni Periodo gennaio-febbraio Ins. Gennari Manuela - osservare consapevolmente i fenomeni e le cose di ogni giorno - raccontare

Dettagli

CERCHIO Tutti dicono che sono grasso, che non muovo neanche un passo. Se mi metti in cima a un sasso, vengo giù con grande spasso. Sono ciccio, un bombolone, gonfio, bonzo, un panettone, ma non perdo mai

Dettagli

1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE

1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE 1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE Si dicono un sacco di cose brutte sulle sigarette, ma la verità è che si fuma perché è piacevole. È piacevole aspirare il fumo con calma, è piacevole sentirlo impossessarsi dei

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

INTRODUZIONE. La ragazza

INTRODUZIONE. La ragazza 5 INTRODUZIONE La ragazza Il braccio era vicino al telefono. Forse la ragazza aveva cercato di chiamare qualcuno, ma poi non aveva avuto il tempo di farlo. I lunghi capelli neri scendevano sul viso e coprivano

Dettagli

TEST DI CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA PER IL RILASCIO DEL. (D. M. 4 Giugno 2010) Quaderno d esame del candidato

TEST DI CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA PER IL RILASCIO DEL. (D. M. 4 Giugno 2010) Quaderno d esame del candidato MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO G. GARIBALDI- VIA TODINI SCUOLA MATERNA ELEMENTARE E MEDIA XIII CENTRO TERRITORIALE

Dettagli

WWW.COPIONI.CORRIERESPETTACOLO.IT

WWW.COPIONI.CORRIERESPETTACOLO.IT Aldo, Giovanni e Giacomo Sketch del controllore (da 'Tel chi el telun) Aldo: Non c è bisogno che tira perché non è che scappo. Giovanni: Intanto ha allungato il passo. Aldo: Ho allungato il passo perché

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Il tempo e le stagioni

Il tempo e le stagioni Unità IV Il tempo e le stagioni Contenuti - Tempo atmosferico - Stagioni - Mesi - Giorni Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Roberto osserva L Orsoroberto guarda fuori dalla finestra e commenta il tempo atmosferico.

Dettagli

Portare fuori il cane credo sia solo una specie di alibi per poter evadere da quell appartamento troppo stretto per quella famiglia, per quelle urla

Portare fuori il cane credo sia solo una specie di alibi per poter evadere da quell appartamento troppo stretto per quella famiglia, per quelle urla Capitolo 1 L anziana signora mi guarda dalla finestra di fronte. Il suo esile corpo appoggiato con un braccio sul davanzale mi fa pensare a quanto amore e tenerezza può mettere una donna così in ogni suo

Dettagli

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais)

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) Quando la notte scende giu devo mi fidare Mi fidare su sta luce se ci sei E se ci sei tu in

Dettagli

ANNA PEIRETTI BRUNO FERRERO SINDONE BAMBINI RACCONTATA. Disegni di César

ANNA PEIRETTI BRUNO FERRERO SINDONE BAMBINI RACCONTATA. Disegni di César BRUNO FERRERO ANNA PEIRETTI La SINDONE RACCONTATA ai BAMBINI Disegni di César INSERTO REDAZIONALE DE L ORA DI RELIGIONE L OGGETTO più MISTERIOSO del MONDO G «uarda, è qui! C è scritto MUSEO!», grida Paolo.

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

TOPO FELICE, I GIOCHI E LA FATA

TOPO FELICE, I GIOCHI E LA FATA TOPO FELICE, I GIOCHI E LA FATA (Buio, musica, voce narrante inizia a raccontare) VOCE NARRANTE Questa è la storia di Felice, un topolino che vive in un parco meraviglioso. FELICE IL TOPOLINO VIVE IN QUESTO

Dettagli

GAIA: sono andata sotto nel mare e ho visto i pesciolini: sono stata molto sott acqua

GAIA: sono andata sotto nel mare e ho visto i pesciolini: sono stata molto sott acqua Questo progetto è rivolto al gruppo di bambini di cinque anni ed è finalizzato a creare un filo conduttore tra il tempo dell estate che si è conclusa e il ritorno a scuola. Un tempo quindi unico, non frammentato,

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2010-2011. Spazio per l etichetta autoadesiva

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2010-2011. Spazio per l etichetta autoadesiva Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2010-2011 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

- Siamo lontani - Andremo lontano. - Lontani - Nessuno ci avvicina

- Siamo lontani - Andremo lontano. - Lontani - Nessuno ci avvicina Voce fuori campo: Nell ora presente,noi siamo forse alla vigilia del giorno nel quale l Austri si butterà sulla Serbia e dall ora l Austria e la Germania gettandosi sui serbi e sui russi è l Europa in

Dettagli

LA RANA HA TRE MOTORI? di gabriele salvadori (aprile 2007)

LA RANA HA TRE MOTORI? di gabriele salvadori (aprile 2007) LA RANA HA TRE MOTORI? di gabriele salvadori (aprile 2007) Vi presento il fedele resoconto di una seduta di allenamento da me tenuta che è stata filmata e trascritta a partire dalle immagini video da Davide

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

E poi aggiunse - Non voglio giocare a pallamuso, è solo per la fontanella, giuro! Gli avversari_

E poi aggiunse - Non voglio giocare a pallamuso, è solo per la fontanella, giuro! Gli avversari_ Gli avversari_ (leggi la prima parte) Dopo un po che si allenavano, Zio Champion disse loro di fermarsi e di bere qualcosa, sgridandoli, quando scoprì che non avevano portato nulla da bere! - È importante

Dettagli

Progetto motorio DENTRO AL MIO CORPO SUCCEDE CHE

Progetto motorio DENTRO AL MIO CORPO SUCCEDE CHE Progetto motorio DENTRO AL MIO CORPO SUCCEDE CHE S. Andersen anno scolastico 2007/08 Gruppo bambini anni 5 Ins. Chinellato A. - Padoan M. Documentazione a cura di Chinellato A. Obiettivi formativi Avvio

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE 72 Lucia non lo sa Claudia Claudia Come? Avete fatto conoscenza in ascensore? Non ti credo. Eppure devi credermi, perché è la verità. E quando? Un ora fa.

Dettagli

La notte che mi sono spezzato Massimo Magon

La notte che mi sono spezzato Massimo Magon La notte che mi sono spezzato Massimo Magon Guidavo nel controviale. La ragazza allungava il braccio. Avevo tre macchine davanti e viaggiavamo compatti all andatura delle biciclette. Nelle corsie principali

Dettagli

Indice. Pasta per due... pag. 5. Scheda culturale - Le carte... pag. 42. Esercizi... pag. 45. Soluzioni degli esercizi... pag. 63

Indice. Pasta per due... pag. 5. Scheda culturale - Le carte... pag. 42. Esercizi... pag. 45. Soluzioni degli esercizi... pag. 63 Indice Pasta per due... pag. 5 Scheda culturale - Le carte... pag. 42 Esercizi... pag. 45 Soluzioni degli esercizi... pag. 63 Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma.

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione Fare sport: tra tradizione e innovazione Lo sai papa, che quasi mi mettevo a piangere dalla rabbia, quando ti sei arrampicato alla rete di recinzione, urlando contro l arbitro? Io non ti avevo mai visto

Dettagli

Borsa di studio/classe IV

Borsa di studio/classe IV 1 Borsa di studio/classe IV La storia va in fumetto Racconta la Storia di Clara dagli occhi grandi in un fumetto! 1. Riassumi la storia nelle scene che ti sembrano più importanti (per es. Clara che parla

Dettagli

La cenere di nessuna guerra è rimasta nel tuo posacenere! Tranquillo e aspira!

La cenere di nessuna guerra è rimasta nel tuo posacenere! Tranquillo e aspira! La cenere di nessuna guerra è rimasta nel tuo posacenere! Tranquillo e aspira! Tu non senti piangere i bambini che a piedi nudi corrono in questo circolo metallico e l'unico gas amaro che forse gira nella

Dettagli

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III ANNO SCOLASTICO II QUADRIMESTRE ALUNNO/A PROVE DI VERIFICA PERIODO: SECONDO

Dettagli

Vivere in sicurezza a scuola e... a casa

Vivere in sicurezza a scuola e... a casa ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CORIO Via Ponte Picca, 2 10070 CORIO (TO) iccorio@libero.it www.iccorio.altervista.org Vivere in sicurezza a scuola e... a casa 1 SOMMARIO TI SPIEGO LE PAROLE DIFFICILI

Dettagli