Stefano Mellini. Stella Rossa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Stefano Mellini. Stella Rossa"

Transcript

1

2

3 Stefano Mellini Stella Rossa

4 2006 Via Col di Lana, 23 Ravenna Tel. e fax ISBN X Illustrazione di copertina di Bruno Mattioli

5 LE PAROLE SONO DI TUTTI, ANCHE SE LE USANO IN POCHI. A NOI RESTA LA RABBIA E QUESTI MURI SCROSTATI È il testo di una scritta che compariva nel mio quartiere. Spero di essere riuscito a imprigionare in queste pagine un po della rabbia che ho rubato da quel muro. Perché col tempo ho imparato che la rabbia è un sentimento nobile, di gran lunga superiore all indifferenza, all ipocrisia, all egoismo. s.m.

6

7 Capitolo 1 Settembre di pioggia. Dalla finestra dello spogliatoio le voci si accavallano. Gocce tiepide, ancora estive, picchiettano sulla gomma della borsa: Stella Rossa! Lancio un occhiata pigra dall altra parte del campo. Qualche fesso che la domenica mattina non ha voglia di tirare calci alle lattine vuote per le vie del quartiere è già seduto sulle tribune di legno a tre gradini. Davanti al cancello con le inferriate verdi, Bomba bestemmia e dice che devo sbrigarmi perché sono l ultimo. «E spegni quella sigaretta, minchione, che non hai fiato neanche per farti una sega». Da quando ho memoria, Bomba è il custode di questo campo da calcio incastrato tra i palazzoni popolari. Lui non taglia l erba, pettina il campo, dice, ed è lì ad ogni ora, gesso in mano per le righe, palloni da gonfiare, maglie stese ad asciugare, straccio per scrostare il fango dalle piastrelle degli spogliatoi. È un solitario, Bomba, non so se per scelta o per destino. Sta di fatto che fuori da questo campo non lo incontra mai nessuno, chessò, per fare la spesa, comprare il giornale, bere un prosecco al bar. Vive solo, ed è il custode. Questo è quello che si sa di lui, ed è abbastanza. Stringo il filtro fra il pollice e il medio, sparo la sigaretta pochi centimetri sopra i suoi capelli bianchi. Mi assesta una pacca a mano aperta sulla nuca. «Tanto oggi ti bagni il culo in panchina». Chiude il cancello alle mie spalle ed entra nel suo sgabuzzino, un anfratto di cemento armato tappezzato di foto in bianco e nero, un paio di coppe su una mensola di legno, una cesta di palloni, una di casacche da allenamento, una pila di giornali porno. Nello spogliatoio gli altri si stanno cambiando, pantaloncini della divisa e camicia della sera prima, maglia Stella Rossa, jeans. 7

8 Le facce sono quelle di sempre, gente sbattuta dal sabato notte, col segno del cuscino stampato sulla faccia, gente che si sveglierà del tutto solo con le urla del mister. Sandro mi fa spazio sulla panca di legno. «Oggi comincia il campionato», sta strillando il mister, «e lo sapete cosa vuol dire?» Le pupille di Max sono ancora lievemente dilatate dall ecstasy, Luca ha la faccia bianca da vomito, Bisio sta pisciando birra sulla turca con la porta aperta e il culo verso la squadra. «Lo sapete o no?» Mimmo e Beppe scimmiottano l allenatore alle sue spalle. «Vuol dire che sono stufo di farmi prendere in giro da tutte le altre squadre della città!» Chiedo a Sandro come mai non c è Flash. Sandro incrocia i polsi imitando il gesto delle manette. Sussurro: «Quando?» «L altra sera, lo hanno beccato con venti grammi di fumo e se lo sono caricato». «Cazzo! E chi gioca a centrocampo?» Alza le spalle per dire che sono problemi del mister. L allenatore si volta verso la lavagna e continua a strillare. «Alle prime due sconfitte consecutive mollo tutto e la domenica vado a pesca!» Prende un gesso nuovo e lo fa stridere contro la superficie nera. Brividi fastidiosi sulla pelle. Il gesso si spezza, lui tira una madonna e continua a scrivere col mozzicone che gli resta fra le dita. Ancora un campionato, ancora Stella Rossa. Un altra serie di domeniche a pestare fango, a inzupparsi di pioggia, a sputare erba, a sudare sotto il sole. Da dieci anni, ogni volta che finisce il campionato io e Bruco ci guardiamo in faccia e diciamo: «È stato l ultimo. La prossima stagione non se ne parla neanche». Poi arriva la telefonata di Bomba, il custode, il 16 agosto alle otto di mattina, puntuale. Me lo immagino aprire il campo alle sette, la mattina dopo ferragosto, spargere le fontanelle a spruzzo sul prato seccato dal sole e tirare la leva dell irrigazione, un maniglione di metallo attaccato al muro che assomiglia all interruttore delle luci di un teatro. L acqua inizia a gorgogliare attra- 8

9 verso i tubi di plastica, e dopo qualche secondo una ventina di getti vengono sparati in aria simultaneamente. È l inizio di una nuova stagione. Bomba ha un telefono personale, fissato al muro con due ganci e chiuso con un lucchetto. Tira l ultima boccata alla sigaretta mentre osserva le fontanelle formare piccoli arcobaleni artificiali, spegne il filtro con il tacco della scarpa, toglie il lucchetto al telefono. Alcuni dicono che goda a farci saltare giù dal letto a quell ora di mattina, ghigno in faccia e rubrica in mano. No, io, Bruco e Bisio non c entriamo più niente con la Stella Rossa, con questi palazzoni di cemento, con il quartiere, con le sirene della polizia, con l ecstasy e la coca, con i pugni, le vetrine in frantumi, le bottiglie vuote. Da un bel po di tempo siamo da qualche altra parte. Però quel richiamo sembra irresistibile, la voce di Bomba che interrompe il sonno, che entra nelle nostre vite come un incubo lontano la prima calda mattina dopo ferragosto e sussurra: «Convocato!» Non dico niente, torno a letto e mi ributto sulle lenzuola sudate, mi giro dall altra parte e cerco nuovamente di dormire. Ma non è lo stesso sonno, non lo riacciuffo più così com era. Anche quest anno non ho detto no. Stella Rossa del cazzo Il mister elenca nomi e numeri, mentre disegna sulla lavagna un labirinto di linee che vorrebbero essere schemi di gioco. Poi entra il presidente, quello che sgancia gli euro dell iscrizione, quello che fa stampare a caratteri bianchi sulla maglia rossa la scritta Landi Alimenti. Il mister lo saluta con un attimo di deferente silenzio e poi riprende a far ballare il gesso impazzito. Formazione schierata. Appello dell arbitro e corsa a centrocampo. In tribuna tutte le facce note del quartiere, il maresciallo Sacco sotto l ombrello a braccetto della consorte, una decina di vecchietti del centro sociale, un paio di tossici, don Vincenzo e qualcuno del bar. Una trentina di persone in tutto. Gli aficionados di Stella Rossa. 9

10 Sono strane le prime partite di ogni campionato, di solito goffe, timorose. Passa un po di tempo prima di ricordarsi che per giocare si deve sudare, prima di poter di nuovo intuire i rimbalzi del pallone, i movimenti degli avversari. È come il primo giorno di scuola, quaderni bianchi, biro nuove, diario immacolato, profumo di stampa, ma la testa è altrove e la mano disabituata scrive a fatica. Il mister urla frasi senza senso e fuma una sigaretta dietro l altra. «È dalla prima partita che si vedono le squadre con le palle!» Di solito è un massacro, una mattanza. Vengono nel quartiere, chiudono con cura le loro belle macchine dopo aver estratto i frontalini degli stereo, scendono in campo e se ne vanno coi tre punti in tasca, sollevati all idea di non dover mettere più piede da queste parti per un altro campionato. Sportivamente, non facciamo paura a nessuno. Per tutto il resto, facciamo paura eccome. Il primo tempo si chiude a reti inviolate, ed è già un risultato. Negli spogliatoi qualcuno piscia, alcuni bevono, molti scatarrano nel cesso. Hamir se ne sta in silenzio sulla panca di legno, si concentra. Forte il ragazzo, l unico che potrebbe giocare in una squadra vera. Lo hanno richiesto diverse squadre di prima categoria, ma lui rifiuta sempre. Ostinatamente. «Chi te lo fa fare di restare a giocare qui? Non siamo mica in Marocco, Hamir, quelli pagano» Lui sorride tranquillo e alza il dito medio. Il cuore trotta impazzito nel petto. Sandro mi passa una bottiglia di plastica semivuota, la finisco a collo. Non abbiamo neanche la forza di fiatare, il mister continua a strillare per conto suo, non lo ascolta nessuno. Fuori non piove più, in cielo si è aperto un enorme squarcio sopra il campo. Ci guardiamo in faccia. Ma chi cazzo ce lo fa fare? Che si prendano i tre punti e si tolgano dalle palle. «Scusi, mister». Hamir alza la mano come a scuola. È il capitano, e lo è veramente. Mai un ammonizione, una protesta, un brutto fallo. Quando iniziano a volare i primi pugni succede 10

11 spesso si sposta sempre a qualche metro di distanza. Non si sporca le mani, dice che Allah ci ha dato le mani per lavorare e pregare, non per picchiare. «Mister, che ne dice se nel secondo tempo mi sposto a sinistra? Sono scarsi da quella parte». Il mister tira su i pantaloni della tuta a mezza pancia, si gratta la testa; Bisio alle sue spalle spara un rutto da artificiere. «Va bene! Rocco, tu ti sposti in mezzo e Sandro a destra». «No mister, lasciami stare», si lamenta Sandro, «il cuore non regge, non ne ho più voglia di correre, metti su Razzo che si allena sempre, non fuma e non gioca mai». Hamir mi batte una mano sulla spalla. «Ok», dico. «Ma non credo di arrivare alla fine, quando non ce la faccio più chiedo il cambio». Il mister mi guarda, sta per urlare qualcosa tipo sergente dei Marines, attributi, vincere e vinceremo e qualche altro slogan che usa da vent anni, ma Bomba dà due colpi alla porta dello spogliatoio. «In campo, che l arbitro aspetta solo voi». Il terzino che mi marca è grosso, coi capelli rossicci e le lentiggini, il viso tirato per lo sforzo. Lo guardo in faccia da vicino, lo fisso negli occhi. Fa il sostenuto, ma si vede che ha paura. In un contrasto mi si avvicina talmente che sento la sua puzza di sudore. La palla è alta, saltiamo insieme ma lui mi trattiene per la maglia. Gli allungo una gomitata sul naso. Prima ammonizione della stagione. Si mette le mani sul viso, ma non dice niente. Continuo a fissarlo mentre il suo compagno batte la punizione. Evita il mio sguardo. Dev essere uno studente o qualcosa del genere, di quelli che hanno le mani lisce e senza calli. Durante la settimana si potranno vantare di quanto sono stati coraggiosi a venire a giocare qua. «Avevano delle facce quelli, gente da coltelli e galera, da sbattere dentro e buttar via la chiave», e intanto mangiano un hamburger, coi libri posati sulla sedia a fianco. Mi fanno rabbia, non ci posso fare niente. Mi avvicino e gli dico con calma: «Bella la tua macchina; l hai chiusa bene?» Mi guarda come se l avessi appena menato. La palla è giù in difesa, tra i 11

12 piedi di Bruco, lontana una cinquantina di metri. Il gorilla con le lentiggini guarda il suo compagno, come a dire: Lo senti quello che sta dicendo?. L altro scrolla le spalle. «Non dargli retta». Bruco taglia tre quarti di campo con un lancio senza senso. Scatto in mezzo ai due difensori che stanno ancora pensando all antifurto della macchina. Salto un decimo di secondo prima di quello con le lentiggini. Sento l impatto del pallone sulla tempia, lo schiaccio a terra, la palla schizza sull erba bagnata al di là della difesa. Hamir è una gazzella nera che vola leggera verso il pallone, la sua maglia rossa sembra vuota, incurvata dal vento. Il portiere gli corre incontro ma è pesante, molto più pesante di Hamir. La gazzella gli scivola accanto col pallone incollato ai piedi, e la porta gli si spalanca davanti. Hamir si gira per un momento a fissare il corpo del portiere, steso sull erba in una posizione innaturale. Accarezza la palla col sinistro, la rete si gonfia, soffice. C è un attimo di silenzio. Cosa sta succedendo?, è la domanda stampata sul volto di tutti. Il maresciallo Sacco e il mister rompono il silenzio con un grido all unisono. Effetto stereo, uno sulla panchina l altro in tribuna, dalla parte opposta del campo. Sono tutti addosso ad Hamir. Io rimango imbambolato in mezzo ai due terzini immobili. Uno che ha sentito il grido stereofonico esce dal bar con un Campari in mano, un paio di ragazzini si affacciano da un balcone scrostato e don Vincenzo apre le mani verso il cielo. Non è un miracolo, ma qualcosa di molto simile. Il rosso con le lentiggini mi guarda con odio dall altra parte del centrocampo. Sorrido, mentre Sandro mi batte un cinque a mano aperta. Mancano venti minuti alla fine e la partita diventa cattiva, ma quando le partite diventano cattive c è una sola squadra in campo: Stella Rossa. Mi dà una sensazione molto simile alla tenerezza, vederci schiumare con la bava alla bocca. Stiamo qui, in mezzo alle scin- 12

13 tille, a tenerci stretti questi tre punti quasi fossero quelli che servono a pareggiare il destino. Il mister urla e si sbraccia impazzito, ogni due boccate isteriche getta la sigaretta e ne riaccende un altra. Nessuno lo caga ma continua a fare il duro, anche se si vede che il più incredulo è proprio lui. Max ha smaltito l ecstasy ma non l adrenalina, e si butta nei contrasti come un kamikaze. Bisio suda birra da tutti i pori ma non molla, Mimmo sgomita e calcia come un puledro nel recinto, Bruco salta due spanne più di tutti, Sandro cerca Hamir ogni volta che si trova la palla tra i piedi, Hamir la stoppa, la controlla, la difende con eleganza e la fa scivolare verso di me come una biglia sul velluto verde. Ce l ho tra i piedi quando l arbitro fischia tre volte. Fine partita. Qualcuno si abbraccia e qualcuno stringe la mano all arbitro. Io me ne sto fermo a godermi lo spettacolo. Mi giro verso la tribuna. Gli spettatori sono quasi il doppio di quando abbiamo cominciato, le voci nel quartiere ci mettono niente a circolare. Il maresciallo Sacco sta facendo il giro della recinzione per venire a complimentarsi negli spogliatoi; trascina con sé la moglie, sempre attaccata al braccio. Don Vincenzo se ne va verso l uscita con un paio di bambini che gli ronzano intorno alla tonaca, Spada gira dalla parte opposta con un cacciavite che gli sporge dalla tasca del giubbotto di jeans, la sigaretta penzoloni dalla bocca. È normale, è il momento migliore per fare una visita alle macchine degli ospiti. Per un attimo ci guardiamo negli occhi, Spada mi sorride. Scuoto la testa per dire no, lascia perdere per oggi. Si ferma, alza il pollice per dire che ha capito. In fondo hanno lasciato sul campo tre punti, non si può rubargli anche lo stereo Sfilo per ultimo davanti a Bomba, il custode, ancora impalato di fronte alla porta delle docce. Negli spogliatoi è pura euforia. Questa volta sotto la doccia ci vola anche il mister, vestito. Euforia Stella Rossa! 13

14 Capitolo 2 Quando entro in casa, svuoto la borsa da calcio direttamente nella lavatrice. Bianca fa i compiti con le gambe incrociate sulla poltrona, mia madre è uscita a fare scorta di alcol in qualche bar, mio fratello è sdraiato sul divano e dorme vestito. Rico è invecchiato in quest ultimo anno. La pancia gli esce dalla camicia sbottonata, è stempiato e gli sono comparsi i primi capelli bianchi. Lo guardo e mi fa schifo. Mi viene voglia di dargli un calcio mentre dorme. Lo guardo meglio, ha un occhio pesto e gonfio. Qualche bravo ragazzo mi ha preceduto. «Rocco, vuoi una mano?» chiede Bianca. Certe volte il sorriso e la disponibilità di Bianca mi smontano, ma più che altro mi fanno tenerezza. Se non ci fosse lei avrei fatto le valigie da un pezzo, sarei fuori da questo appartamento che l ufficio case popolari affitta alla signora Lalli Graziella, mia madre, in quanto capofamiglia di famiglia disagiata e priva del minimo eccetera eccetera. Avrei raccolto i miei stracci e sbattuto la porta così forte da far tremare tutti i vuoti di gin sotto il letto della capofamiglia. Invece Bianca è piovuta qui in mezzo a noi, e continua a sorridere come se vivessimo tutti insieme nella casetta dei sette nani. Aveva un anno quando ho fatto gli ultimi venti giorni di carcere della mia vita, nove anni fa. Non facevo altro che pensare a lei, speravo che mia madre e quel coglione di Rico non se la dimenticassero da qualche parte mentre erano impegnati ad autodistruggersi. Sentivo come una morsa stringere nel petto. Al processo mi guardavo alle spalle, nelle sedie vuote e mi dicevo: «Fa che non li veda entrare tutti e due insieme» perché, pensavo, per venire in tribunale a chi avrebbero affidato Bianca? 14

15 Il giudice mi condannò a un paio di mesi, ma poi sparò una serie di attenuanti per arrivare a venti giorni, il tutto in cinque minuti. L avvocato d ufficio, come nei film, si guadagnò il pane dicendo che si rimetteva alla corte. Io neanche li ascoltavo, me ne stavo girato verso il pubblico pregando di non vederli. Preghiere accolte, dato che non si vide né l una né l altro. Non capisco perché, ma Bianca è sempre attaccata al culo di Rico. Gli saltella intorno come un coniglietto, e non capisce che Rico è il lupo. L ultima volta che io e lui ci siamo rivolti la parola non erano belle parole Rico a petto nudo contava pezzi da cinquanta sul tavolo. Bianca glieli passava a uno a uno e lo guardava come fosse stato uno dei Lunapop. Il coglione fumava una canna e si vedeva che era soddisfatto, uno dei pochi affari andati bene. Non mi dava fastidio che Bianca in quel momento stravedesse per lui. Sono scattato quando ho visto le mani di Bianca che toccavano tutte quelle banconote stropicciate, le prendevano con cura una a una, le stiravano, le passavano tra le mani sporche di Rico. Sia chiaro, Rico fa la vita che vuole e per me va bene, nessun problema. Non mi va proprio di giudicarlo, tutti e due siamo nati e cresciuti qui, e io ho fatto anche di peggio. Ma Bianca è un altra storia. Lei ancora non lo sa che come ti giri ti sputano in faccia, e non c è nessuna fretta di farglielo capire. Ho detto a Bianca di andare in camera sua e ho buttato fuori lui, lasciandogli qualche segno sulla faccia. Ma lui, tanto, torna sempre. Nonostante abbia due anni più di me, è da parecchio che gioca a fare il duro senza avere la forza di reagire. Dal pianerottolo urla che non finisce lì, qualche vicino esce a vedere la scena, mia madre finge di piangere senza alzarsi dal letto, poi tutto torna come prima. Metto due dita di gin, scampate nel fondo di una bottiglia, dentro un bicchiere, aggiungo un po di succo d arancia e avvio la lavatrice. Il rumore dell accensione per un attimo sveglia Rico, che mi guarda e si gira dall altra parte. Mi siedo vicino alla pic- 15

16 cola e accendo una sigaretta fissando le matite colorate di Bianca: «Avete vinto, Rocco?» Me lo chiede con la penna in bocca, senza distogliere lo sguardo dal quaderno. «Sì, sembra incredibile ma ogni tanto succede» «Sul serio? Dai dai, racconta». Il coniglietto è proprio felice, le bastano queste piccole cose: non riesco a capire dove trovi tanti motivi di felicità nella vita che facciamo, però qualcosa di bello lo trova sempre. Le faccio una carezza sui capelli, perché non ho voglia di raccontare, bevo un sorso di gin e arancia e mi alzo, lei strizza gli occhi e continua coi compiti. È una domenica di sole strappata alla pioggia, una domenica da riempire in qualche modo. Mi affaccio sul terrazzo per finire la sigaretta. Getto il mozzicone dal terzo piano, la cicca disegna spirali e plana sulla strada. Mia madre entra in casa con una busta che tintinna, saranno un paio di bottiglie, le poggia sul tavolo vicino alle matite colorate e guarda per un attimo la schiuma nell oblò della lavatrice. Rico si alza stropicciato, borbotta qualcosa, fa una pisciata in bagno ed esce. Ecco, quando vedo queste cose mi sale dentro una rabbia che conosco bene: due bottiglie di gin fra i compiti di Bianca, la pisciata di Rico, la porta che sbatte. È una rabbia che devo gestire in ogni momento per non dare fuoco a tutto. Metto sul gas una pentola d acqua che sono le due, stappo un sugo pronto e guardo mia madre che barcolla verso la sua camera con una bottiglia in mano. «Mamma non mangia con noi?» «No, mamma mangia dopo». Bianca apparecchia, sposta i suoi compiti in un angolo del tavolo e stende mezza tovaglia a fiori tappezzata da macchie di unto e vino rosso. La tv accesa gracchia un sonnolento telegiornale. In un quarto d ora svuotiamo i piatti. Bianca li butta nel lavello, raccoglie la tovaglia e piazza di nuovo quaderno e matite colorate al centro del tavolo. La tv resta accesa, ogni tanto la piccola alza la testa e la guarda. Mi stendo sul divano al posto di Rico, sento ancora il 16

17 suo odore un po rancido. Prima di addormentarmi ripenso molte volte al gol di Hamir e alla faccia del terzino coi capelli rossi. In fondo le soddisfazioni non sono tante, e vale la pena di tenersele strette. 17

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

MA LE STELLE QUANTE SONO

MA LE STELLE QUANTE SONO LIBRO IN ASSAGGIO MA LE STELLE QUANTE SONO DI GIULIA CARCASI Alice Una vecchia canzone diceva: Tu sai tutto sulla realtà del mercato e qui io ammetto di essere negato. Ma a inventare quel che non c è io

Dettagli

perché non ballate? 5 Baciami. Baciami, tesoro, disse lei. Chiuse gli occhi. Lo teneva stretto. Lui dovette aprirle a forza le dita.

perché non ballate? 5 Baciami. Baciami, tesoro, disse lei. Chiuse gli occhi. Lo teneva stretto. Lui dovette aprirle a forza le dita. Perché non ballate? In cucina si riversò da bere e guardò la camera da letto sistemata sul prato davanti a casa. Il materasso era scoperto e le lenzuola a righe bicolore erano piegate sul comò, accanto

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER LEADER: 1. Colui che conduce o guida. 2. Colui che ha la responsabilità o il comando di altri. 3. Colui che ha influenza o potere. ESSERE LEADER: Innanzitutto avere una

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno.

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Sai Nonno: oggi abbiamo concluso le prove generali per lo spettacolo di fine d anno; credo proprio che ti piacerà, soprattutto il finale. Poco prima dell ultima

Dettagli

Se fossi... Nicole Pesce. Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone

Se fossi... Nicole Pesce. Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone Se fossi... Nicole Pesce Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone se fossi un coppa mi lascerei osservare da tutti, ed essere contenta di essere con te, te che mi

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega :

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : 1. Il titolo del racconto che leggerai è UNA STRANA STREGA, segna nel seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : Avere il naso aquilino Si no Possedere un pentolone Si no Essere sempre

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

piccola guerra perfetta

piccola guerra perfetta Primo giorno Hanno appena posato il dolce al centro del tavolo. Quant è brutto, pensa Rea e sorride tutta strana. Fra poco toglieranno la luce. La sua amica Nita la implora con lo sguardo e Rea la accontenta

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Tempi che corrono. Ore 8.30. Ore 8.32. Milano, giugno 2007

Tempi che corrono. Ore 8.30. Ore 8.32. Milano, giugno 2007 Milano, giugno 2007 Tempi che corrono Ore 8.30 Maria si siede al tavolo con la sua colazione: cappuccio, brioche e una spremuta d'arancia. Comincia a sfogliare il giornale, ma è distratta... Non dalla

Dettagli

E purtoppo Vivi ci prova

E purtoppo Vivi ci prova VOLUME 3 PER LA PROVA INVALSI Unità 14 L adolescenza E purtoppo Vivi ci prova Cognome Nome Classe Data CHI L HA SCRITTO? Kristina Dunker (1973). A 17 anni pubblica il suo primo libro per ragazzi. Si iscrive

Dettagli

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n.

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n. INDICE pag. FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMESSA 3 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA Under 14/12/10/ 8/ 6 TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5 TABELLA RIASSUNTIVA n. 2 6 REGOLAMENTO U14 8 REGOLAMENTO U12

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

La donna che si baciava con i lupi

La donna che si baciava con i lupi guido catalano La donna che si baciava con i lupi 2010 LeBolleBlu Edizioni 2014 Miraggi Edizioni www.miraggiedizioni.it Progetto grafico Miraggi Il disegno sulla copertina è di Gipi Finito di stampare

Dettagli

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Matteo Freddi L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Youcanprint Self-Publishing Titolo L arte di vincere al fantacalcio Autore Matteo Freddi Immagine di copertina a cura dell Autore ISBN 978-88-91122-07-0 Tutti

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Uno contro uno in movimento attacco

Uno contro uno in movimento attacco Uno contro uno in movimento attacco Utilizzando gli stessi postulati di spazio/tempo, collaborazioni, equilibrio analizziamo l uno contro uno in movimento. Esso va visto sempre all interno del gioco cinque

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande ELEMENTARE è elementare, mi creda... senz'altro elementare, mio caro. L'importante è non dare per scontate quelle cose che sono solo evidenti. L'evidenza, di per sé, non è sinonimo di verità. La verità

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

Photo Ma.Ma. Edition Minusio

Photo Ma.Ma. Edition Minusio Photo Ma.Ma. Edition Minusio Copyright 2007 Photo Ma.Ma. Edition Casella postale 1615 6648 Minusio / Ticino - Svizzera ISBN 978-88-902810-0-6 e-mail: photomama@tiomail.ch http://xoomer.alice.it/manuelamazzi

Dettagli