Un laboratorio per la qualità del prodotti'madejn Salerno. La novità L'assessore Buonaiuto «Il centro agroalimentare diventa polo di ricerca"

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Un laboratorio per la qualità del prodotti'madejn Salerno. La novità L'assessore Buonaiuto «Il centro agroalimentare diventa polo di ricerca""

Transcript

1 ~.. ;,,~:;..., ~~~c_.~ -_~. L'aliInentazione lidi_t._ &.haw Un laboratorio per la qualità del prodotti'madejn Salerno La proposta della Giunta per tutelare in tempi rapidi il mercato ittico e agricolo Gianluca Sollazzo jjii;,'!i il' rf!l ti': 1 La novità L'assessore Buonaiuto «Il centro agroalimentare diventa polo di ricerca" Il Mattino di Salerno - 20/01/2011, TI provvedimento L'obiettivo: assicurare aj consumato~ ri una completa e corretta informazione sulle caratteristiche dei prodotti alimentari nonché rafforzare la prevenzione e la repressione delle frocli. L'efficacia: garantire in tempo reale i risultati di analisi microbiologiche. V ambizione: creare un polo di ricerca scienti.fic a sulle problematiche agroalimentari, magari in simbiosi con lnniversità e i plù importanti centri di studio alimentari. Il centro agroalimentare e ilmercato ittico rilandano la crociata per la 'tutela del foodmade in Salerno. Si parte da una novità che sarà discussa nella prossima riunione di Giunta di domani a Palazzo di Città. In cantiere c'è la proposta di creare nella strutnua del centro agroalimentare, nella zona industriale, un laboratorio sullo studio qualitativo dei prodotti alimentari, da quelli ittici a quelli agricoli. Novità in assoluto per II polo agroalimentare, comprendente anche il mercato ittico salernitano~ che l'amministrazione comunale conta dimettere in cantiere in tempi davvero brevissimi. Unanovimmaal contempounascelta di necessità in linea conle recentis~ sìine disposizioni approvate dalla ''1Comrnissìone Agricoltura della Camerainmerito alla tracciabilità della filiera agroalimentare. ((Qualità ed etichettatura obbligatoria per i prodotti agroalimentari», questo in sintesi il solco normativa imposto dal Govemo;nel qualeil Comune ha deciso di inserirsi in tempi da record. Anzi, la sensazione è che si siano bruciatli tempi. L'allestimento dellaboratorio di analisi e diricerca qualitativa del food salernitano, dal pesce all'ortofrutta, sarà allestito in poche settimane. In questi ottica il progetto sarà discusso domani in giunta coffillilale, ma tecnici del COIDllile e specialisti. del~ l' Aslsono già all' opera per approntare tutti gli accorgimenti tecnici basl~ lari per la creazione di un centro di ricerca. Nelle prossime ore'ad esempio saranno installati i primi micro~ scopiin un ambiente specifico giàindividuato all'interna del Centro Agroalimentare della zona industriale. Unprimo passo per arrivare alla L'obiettivo Si punta a garantire la tracci abilità contro ogni frode La tecnologia Gli specialisti dell'asl proporranno gli accorgimenti tecnici perillaborator'lo creazione di un autentico laboratorio di ricerca e di studi reso possibile grazie alla collaborazione con rasi. Pronta per scendere in camp9 llila scruera di veterinari che avràil èompito di tracciare qualità, composizione biologica e derivazione dellama~ teriaìttica e agricola pronta da mettere sulla tavola. (<Avremo unlaborato-. rio che ciconsentirà di studiare affonda ilprodotto, dal pesce all'ortaggio, risparmiando in tempo-erisorse: eviteremo infatti il trasporto del food in altri laboratori, poiché ne avremo uno nostro prop~o,in casa», annun- cial'assessore comunale al commercio, Alfonso Buonaiuto, che commenta positivamentela partenza del progetto che pone al centro il decollo dellaf1.u1zione diricerca e di analisi del CentroAgroalimentare salemitana. ((:8 una novità - aggiunge l'assessore ~ e allo stesso tempo un primo passo per la tr?-sfonnazione del centro agroalimei:!-tare del comune di Salerno da semplice luogo di compravendita conunerciale a un polo di dc.erca sui prodotti ittici e agricoli». Con un obiettivo di tutto rispetto: «Garantire il food made in S.alemo e /I preservarlo dalle frodi alimentari», dice Buonaiuto. Una proposta innovativa che si pone in linea anche con i principi della legge approvata nelle ultime ore dalla commissione agricoltura della Camera sulla tracciabilità e quindi le etichettature dei prodotti agroalimentari. Nello stesso laboratorio di ricerca agroalimentare targato Salerno si approfondiranno gli studi su alcune specie marine a rischio di estinzione, comela tartaroga caretta caretta, e gli standard micologici per ifunghi. Ij;) RIPRODUZIONE RISERVATA -/

2 Laura Cesarano Il claim scelto è categorico: «O è così, o non b. La disgiuntiva non lascia posto alle mezze misme. La mozzarella di bufala campana dop deve rilanciare la sua immagine perché la concorrenza è agguerrita e spietata. Ma prima di vedere la campagna in televisione - con le bufale in primo piano a fare da testimonial- passerà ancora del tempo. Colpa dei finanziamenti, spiegano al Consorzio, che non arrivano. li battage pubblicitario per ora percorre solo le strade, sotto forma di cartelloni sei metri per tre e manifesti pubblicitari sugli autobus e sulle pensiline delle fermate. Destinazione: tuttal'area della denominazione di origine protetta, vale a dire la Campania COn le province di Caserta e Salerno, parte delle province di Napoli e Benevento, il Lazio conle province dilatina, Frosinone e Roma, la Puglia con parte della provincia di Foggia e il Molise con il COffilUle di Venafro. Una partita che si gioca in casa, per ora. Mal'altra incontro importante si gioca al Nord, dove nuovi produttori sono pronti a dare battaglia, e sui mercati esteri. «Con i limitati fondi di bilancio del nostro consorzio -spiega"ilpresidente Luigi Chianese nella nota che annuncia l'avvio della nuova campagna pubblicitaria - abbiamo puntato a mettere in campo un' iniziativa rivolta innanzitutto ai nostri consumatori, quelli che risiedono nelle zone dove si produce mozzarella dop e che spesso non riescono a cogliere le differenze rispetto ai tanti tipi di mozzarella che offre il mercato». Solo i consumatori locali, dunque, leggeranno i tre slogan che accompagnano i cartelloni. «Solo latte di bufala, e non si fanno eccezioni»; «Ci mettiamo la faccia (delle bufale, ndr). Perché sappiamo tutto di loro». «Diecimila controlli all' anno. Per questo non ha uguali». La formula per affrontare la concorrenza è proprio questa. Offrire un prodotto supercertificato per lasciarsi definitivamente alle spalle gli scandali passati che hanno investito L'iniziativa Perora parte solo nell'area di produzione aspettando la pubblicità nazionale proprio le garanzie di qualità. Per fare questo il Consorzio stamettendo in campo "LUla rete dicontrolliincrociati con altri importanti gruppinazionali. lfurbi devono restare fuori, non solo perché danneggiano la salute del consumatore, ma anche perché un solo produttore disonesto può trascinare nel fango l'intero comparto evanificaretutto" Come dire, d'ora in poi controlli ancora più puntuali e severi per dare un contenuto sempre più sicmo e inattaccabile a quel marchio. A quei marchi, anzi, visto che il prodotto «certificato e garantito» ne presenta due: il simbolo del Consorzio di Tutela e quello emopeo della Denominazione di origine protetta. Un «nuovo corso» che coincide La campagna promozionale «o è così O non è», la mozzarella dichiara guerra alle imitazioni anche coni' arrivo, lo scorso settembre, del nuovo direttore del Consarzio, Antonio Lucisano, esperienze nel settore alimentare con Unilever e Cirlo, alla sua «prima volta» nella filiera bufalina. Intanto, i numeri del Consorzio crescono. È il quarto in Italia dopo quelli per la tutela del Grana, del Parmigiano e del Parma. Ed è il primo nel centrosud. Con WlO statuto completaillente rivoluzionato, il sodalizio vede ora aumentare le adesioni dei piccoli produttori e degli allevatori. La nuova iniziativa promozionale realizzata dal romano Gruppo Moccia è totalmente autofinanziata ed è costata, dicono dal Consorzio, ~(diverse decine dimigliaia di euro)). N ella stessa iniziativa anche illancio del nuovo sito internet 'WW'W.mozzarelladop.it, vivacizzato da curtosità, consigli su come acq uistare il prodotto, ricette e notizie storiche. E proprio la rete, per il momento, l'uiùco veicolo di informazione che valica in confini dell' area dop.aspettando gli spotsulle retinazionali. ~ RIPRODUZIONE RISERVATA - ~ La storia L'awio nell'81 poi i marchi Il Consorzio di tutela, costituito nel 1981, ha reso possibile l'ottenimento e la registrazione della denominazione di origine, necessaria alla tutela del prodotto. È il solo organismo riconosciuto dal ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali per la tutela, vigilanza, valorizzazione e promozione della dop Mozzarella di Bufala Campana. - 7"'~ ~~':_~.-~. -,:...: "-,... ~~ Il Mattino di Caserta - 24/01/2011 Il disciplinare Solo latte intero di bufala La mozzarella di bufala campana è l'unica mozzarella in commercio ad aver ottenuto il riconoscimento europeo della dop.ll disciplinare di produzioneapprovato sia dal ministero Italiano dell'agricoltura sia dall'unione Europea - prevede l'utilizzo di solo latte intero di bufala - oltre al caglio e saleproveniente da allevamenti presenti nella tradizionale zona di origine (centro-sud Italia: province di Caserta e Salerno, parte della provincia di Napoli e Benevento; comuni delle province di Latina, Frosinone e Roma; piccola parte della provincia di Foggia; comune di Venafro). - ~ ii I numeri 500 milioni di euro il fatturato Nel 2009 SOflO state prodotte circa tonnellate di Mozzarella di Bufala Campana di cui i117% esportato. Le province di Caserta e Salerno rappresentano circa il 90% della produzione certificata. 1 dati 2009: caseifici certificati 127. produzione dop t.. fatturato alla produzione 300 milioni di euro. fatturato al consumo 500 milioni di euro, addetti compreso indotto unità.

3 Lucisano: con nuove garanzie di qualità eccellenza assicurata Il Mattino di Caserta - 24/01/2011 L'intervista «La mozzarella di bufala è un prodotto di eccellenza. In Usa e in Giappone raggiunge i cento euro al chilo». Parole del nuovo direttore del Consorzio per la tutela della mozzarella di bufala campana dopi Antonio Lucisano. n «foie gras» campano. «Proprio così, ma dato per scontato». Nel senso che dovrebbe costare di più" «Quando parliamo di un prodotto certificato, dobbiamo considerare i costi di produzione. C'è poca consapevolezza del valore del prodotto, che esce dagli stabilimenti sotto i dieci euro»), ChemozzareUac'è ingiro~ «e è di tutto, dal misto vaccino al pizza cheese. Ma stiamo parlando di prodotti completamente diversi e non certificati. Abbiamo persino scoperto una IImozzarelladi bufalacampana l1 prodotta in Australia In questo senso, dovremmo prevedere un aumento del prezzo: illatte bufalina costa il triplo del lattevaccino». Pagare dipiù, main cambio di maggiori garanzie. I marchi sonoin grado di fornirle? <do sono qui da settembre e posso dire che in larghissima misura i cosiddetti scandali sono stati gonfiati e spesso erano privi di fondamento. Questo non significa che non dobbiamo vigilare. Anzi, stiamo stipulando accordi con altri consorzi di tutela, come l'asiago, peruninterscambio di vigilanza. Tutta la mia attività è impostata sui principi di trasparenza e intransigenza». D' orain poi, un prodotto sempre più garantito? <<È proprio in quest' ottica che parte la nuova campagna pubblicitaria. La strategia è intervenire sull' area di produzione per fare un' operazione di tipo educativo. Il valore aggiunto della dop è poco compreso». E per promuovere il prodotto certificato fuori dall'areale di produzione? «Avremo bisogno di sostegno. Ma siamo derelitti. In tv si vede la pubblicità di Grana e Parmigiano, non si vede la nostra. La Regione ha chiuso i rubinetti. E non siamo supportati dal ministero. E poi I nodi «Ministero e Regione non aiutano È il nostro foiegras: prezzi da rivedere» ci sono gli interessi dei produttoli del nord, che hanno scoperto che la produzione di mozzarella non entra nei vincoli delle quote latte e puntano a intensificare l'attività». Prossimo impegno, una campagna nazionale sulla dop1 «Ci aspettiamo che la Regione esca dalle secche in cui si trova e ci dia una mano. Per il momento partiamo con questa campagna locale, completamente finanziata dal Consorzio e senza alclll1 aiuto esterno». I.c.

4 Il Denaro - 25/01/2011 ~ Ministero delle Politiche agricole ~ Prodotti di qualità, incentivi a tutela del marchio ANTONELLA AUTERO Contributi per la valorizzazione della qualità dei prodotti agricoli e alimentari contraddistinti da marchio europeo.ll ntinistero delle Politiche agricole e forestali pubblica i criteri per l'accesso ai finanziamenti destinati a due diverse categorie di iniziative: promozione e valorizzazione dei prodotti attraverso la partecipazione a fiere e maillfestazioni; salvaguardia dell'immagine e tutela anche legale, sia in campo naiionale che internazionale. Le richieste di contributo devono essere presentate al Ministero entro il primo marzo e riguardare esclusivamente prodotti a indicazione geografica. Per ogni istanza potrà essere concesso un finanziamento massimo dagli 80 mila (per le iniziative di promozione) ai 270mila euro (per j progetti di tutela dell'immagine). Contributi: i criteri di assegnazione LE INIZIATIVE Nel dettaglio il ministero finanzia iniziative di promozione e valorizzazione che riguardano la partecipazione a fiere, convegni e manifestazioni e la realizzazione di interventi, da parte di Consorzi di tutela incaricati dal ministero della politiche agricole, da organismi di carattere associativo che lavorano alla valorizzazione dell'immagine e alntigliorarnento della qnalità dei pron Carciofo dipaestum e il limone Costa d'amalfi due marchi Igp riconosciuti aua Campania dotti caratterizzati dalle denominazioni di origine, dalle indicazioni geografiche e specialità tradizionali garantite. I progetti possono essere frnalizzati anche a una migliore produzione e alida più estesa divulgazione, conoscenza e informazione dei prodotti stessi. Non solo: i contributi regolamentati da Giancarlo Galan sono rivolti anche a iniziative riguardanti la salvaguardia dell'immagine e la tutela legale, sia in c~po nazionale che internazionale, predisposte da Consorzi di tutela incaricati dalministero delle politiche agricole nonché da altri organisnti di carattere associativo. DOMANDE Le domande di contributo dovranno riguardare esclusivamen- Corsie preferenziali Natura del richiedente, dando priorità ai Consorzi di tutela incaricati dal Mipaaf Prodotti che hanno ottenuto il riconoscimento comunitario da non più di due anni dalla data di presentazione dell"istanza Aggregazioni di Consorzi eia di Organismi di carattere associativo Collaborazione. fra più soggetti proponenti IConsorzi e/o Organismi as~ociativi aventi titolo) Realizzazione di iniziative-riguardanti più prodotti a indicazione geografica Corretta esecuzione di eventuali precedenti progetti realizzati con il contributo del Mipaa! Organismi che tutelano marchi registrati dal Mipaa! I:erogazione Le percentuali massime di contributo erogabili dal ministero non potranno superare l'importo massimo del 90 per cento dejla somma richiesta' Le istanze saranno am,messe a contributo nel limite degli stanziamenti di bilancio e comunque per un importo massimo di contributo, per ogni singola domanda. di 80 mila euro per le iniziative di promozione e di 270 mila per quelle di tutela dell'immagine Nell'erogazione dei contributi possono-essere concesse anticipazioni fino ad un massimo del 50 per cento dell'importo complessivo Nell'assegnazione delle risorse la Commissione esaminatrice teftà conto di precisi criteri., dando priorità ai Consorzi di tutela incaricab dalmipaaf; ai prodotti che te prodotti ad indicazione geografica che, alla data di presentazione della richiesta, hanno già ottenuto il riconoscimento europeo e nazionale; contenere la descrizione o il contenuto dell'iniziativache si intende realizzare e l'importo del finanziamento richiesto; contenere la dichiarazione di tutte le altre attività svolte in collaborazione con la pubblica amministrazione ed in par. ticolarecon ilministero delle politiche agricole. RISORSE Nell' assegnazione delle risorse la Commissione esaminatrice terrà conto di precisi criteii., dando priorità, nell'ordine, ai Consorzi di tutela incaricati dal Mipanf; ai prodotti che hanno ottenuto il riconoscimento comunitario da non più di due anni dalla data di presentazione dell'istanza; alle aggregazioni di Consorzi elo di organismi di carattere associativo; alla collaborazione, fra più soggetti proponenti (Consorzi e/o Organisnti associativi aventi titolo); alla realizzazione di iniziative riguardanti più prodotti a indicazione geografica; alla corretta esecuzione di eventuali precedenti progetti realizzati con il contributo del Mipaaf; e infme agli organisnti che tutelano marchi registrati dal Mipaaf. Le percentuali m&,ssime di contributo erogabili dal ministero non potranno 'superare l'importo massimo del 90 per centodella somma richiesta.

5 Il Denaro - 25/01/2011 ~ Europa. 1 ~ Alimentari, sull' etichetta l'italia darà battaglia II miillslm delle Politiche agricole Giancarlo Galan difende in Europa la legge italiana sull' etichettatura di origine che, dice, è "all' avanguardia", e annuncia battaglia diplomatica in De per la sua completa applicazione. "ll conunissario europeo - dice Galan - ha definito la legge italiana la strada del futuro con un solo difetto, quello di essere avanti di due anni rispetto al resto dell'europa". Galan ha quindi spiegato che la legge italiana comincera' ad essere applicata partendo dalla carne suina e dai prodotti lattiero caseari. Se Bruxelles avanzera' dei dubbi circa la compatibilità con il quadro comunitario, il ministro e' pronto a dare battaglia. ''La legge è stata approvata all'unanimita' dal Parlamento", ha ricordato. "Credo - ha proseguito il ministro - che agli italiani possa far piacere per una volta essere avanti a tutti gli altri" paesi De.

6 Petronilla Carillo Nellaseratadiierisonotomatiliberiset ~ dei nove manager arrestati a seguito dell'indagine dei carabinieri del Noe che ha portato in carcere un gruppo di dirigenti de La Doria. Tra questi anche il direttore generale Andrea Ferraioli. Aidomiciliari, invece, illegaleresponsabile e il direttore del laboratorio Ge.I.SA, Giovanni D'Ambrosia e Wigi Sorrentino. TI loro legale, l'avvocato Rocco Pecoraro, attende di vedere gli atti. n collegio dei magistrati, difatti, haritenuto che siano cessate le esigenze re 'strittive. La condotta illecita, limitata al solo periodo , è stata modificataerego1arizzatanel20lo. Inserataarrivaancheunanotastampa della società la quale, nell' esprimere la propria soddisfazione per la scarcerazlone, ribadisce (tl'oggettiva sproporzione tra la misura cautelare adottata e la minima entità dei fatti contestatb>. La Doriarlbadisce di aver sempre operato correttamente, confelida di riporre la massima fiducia nell' operato dellarnagistratura e confida in lula rapida con- Il fatto Uberisetle dei nove manager arrestati Andrea Ferraioli torna a casa clusione della vicenda con l'archiviazione. Quindi invita tutti a visionare sulproprio sito internet il codice etico di cui si è dotata. Andrea Ferraioli, Giuseppe CUomo, Sergio Amato, Giuseppe Milito, GaetanoDiDio,SusannaCUomotoman do dunque liberi. Tutti loro, come anche Giovanni D'Ambrosio e Luigi $orrentino, hanno chiarito la propria posi- zione, ieri mattina, dinanzi al couegio di magistrati della sezione del giudice per le indagini preliminari di Napoli. Ognuno per le proprie competenze: L'unico che non è stato ancorainterro.gato è Giuseppe Dinisi, gestore della Ecodirusi, la cava di Cerignola. L'imprenditore è ancora piantonato presso il reparto Cardiologia dell'ospedale di Foggia. Lesue condizioni migliorano e non destano, perilmomento preoccupazione. In particolare Andrea Ferraioli (assisti- 10 dall' awocato Antonio Samo, legale del Gruppo Doria) ha spiegato il per- ché della classificazione deirifiuti deri 'vanti dal lavaggio dei pomodori come «altrimenti non specificato)) e non carpe rifiuti organici. (<N'on ha fatto altro che ripetere ciò che dadue annistaspiegando agli inquirenti attraverso le sue memorie difensive», ha precisato illegale diferraioli. In pratica il direttore generale della Doriaha spiegato ai magistrati che il codi, cecere stato definito come «altrimenti non specificato» a seguito di una serie divalutazionieconsultazionifatteinsede aziendale con la collabomzione di espertidelsettore,nonultimoildocent~ dell'università di Panna, professore Stefano Maglia. E ciò perché la quantità di pomodoro che finiva all'interno dei fanghi è infinitesimale rispetto ai metri cubi di teniccio che veniva scaricato a seguito del lavaggio dei pomodori. Ferraioli avrebbe spiegato aigiudici che il comportamento aziendale eraimprontato anche su un'altra considerazione. Il procuratore Giandomenico Lepore, acapodella' procura di Napoli competente peri reati ambientali, aveva chiesto e ottenuto Il carcere per nove Indagati poi scarcerati ungiamo dopo Il Mattino di Salerno - 26/01/2011 La Doria, pomodori e rifiuti Il gip ordina: scarcerate tutti Un giorno djpo: {(Non ci sono esigenze cautelali». L'azienda: ora archivino Ovvero cheifanghi prodottinon sarebbero rifiuti organici inquanto non derivanti dal procedimento industriale'w lavorazione del pomodoro.lllegale aggiunge anche: (<La veridicità delle dichiarazioni rese dal direttore generale Ferraioli è stataaccertata dal collegio di giudici anche perché le dichiarazioni degli altri manager sono state perfettamente inlinea conle sue)). Giuseppe Milito, legale rappresentante e gestore dellaedil Cava, una delle due cave dove, dal 2008 al 2009, la Doriaha portato i fanghi derivanti dal lavaggio del pomodoro, durante l'interrogatorio di garanzia (dinanzi. al suo legale, l'avvocato Landi) ha invece sostenuto di aver inviato unalettera ai vertici dell'azienda di Angri subito dopo i primi sopralluoghi dei carabinieri del Noe proprio p er chiedere di riversare altrove i rifiuti, chiedendo 1'interruzione del rapporto. rapporto che di fatto è cessato appunto nei primimesi de c RIPRODUZIONE RISERVATA \

7 Il Mattino di Salerno - 26/01/2011 I dati Conserviero, il primato dell'export provinciale I Èl'agro noeerina sarnese il cuore pulsante della produzione conserviera italiana. È questo il «distretto del pomodoro,) chefada traino alle migliori produzioni Raliane. L'Anicavè invece la principale associazione del settore: 140 le aziende iscritte, la maggior partecampane,ma compaiono anche realtà produhivedi altre nove regioni e dialcune province. Una produzioneche,loscorso anno (sono questi gli uhimi dati registrati) ha lavorato quintali per un fatturato stimato (secondo "Anicav) intomoad un milione e riferiscono alla sola provincia di Salerno. La scorsa estate le esportazioni salemitane hanno registrato un importante primato nel settore detle esportazioni: il42.65 per cento dell'intero export provinciale erano i prodotti conservieri con ben 219 milioni di euro. Un bel risultato se si considera che questo comparto subisce le continue aggressioni da parte del mercato cinese che lancia (e talvora vende anche ad aziende salemitane compiacenti) il concentrato di pomodoro. I classici.. pelati)) sono il prodotto più conosciuto all'estero del made in ltaly. Tuttavia, se il settore è stato il primo per valore, è anche vero che ha subito una flessione pesantissima rispetto allo stesso periodo del 2009:25.milionidieuroin I meno. Le conserve hanno perso mercato in Africa (-21 milioni), in Europa (-4 milioni), mentre guadagnanotelteno in America (+3,5 milioni) e in Asia (un milione). Gallozzi: «Incredulo e solidale. parliamo di un marchio qualità» «Ho appreso conincredulltà - ha dichiarato il Presidente di Confindustria Salerno, Agostino Gallozzi - del provvedimento assunto dalla autorità giudiziaria nei confronti diandrea Periaioliedelmanagementde "La Doria Sp.fu). Esprimo la massima ed accorata solidarietà sul piano umano e personale alla famiglia FerraiQli, ad Andrea Ferraioli ed in particolare' all'amico e collega Antonio Ferraloli, con il quale in questi anni abbiamo condiviso azioni ed iniziative all'interno dell'associazione per 1& Il ptesidente "Con Antonio abbiamo condiviso sempre principi elici" convinta affermazione degli indiscutibili principi di correttezza legale, etica e sociale che devono caratterizzare l'attività imprenditoriale e la gestione concreta e quotidiana di ogni azienda sana e trasparente». «Sono certo -ha concluso Gallozzi - che la vicenda sarà al più presto chiarita anche in considerazione del prestigio nazionale ed internazionale che accompagna "La Doria", tra l'altro quotata in Borsa, uno dei principali riferimenti occupazionali ed industriali del nostro territorio, fiducioso nell' operato della magistratura che saprà senza dubbio tenere conto della necessità di giungere al più presto a risultanze certe ed inequivocabili rispetto all'oggetto delle indagini». Illegale Pecoraro: non c'era I nessun motivo I per alterare le analisi : «Aspetto di vedere gli atti prima di capire cosa sia SUcceSSOn. Rocco Pecoraro, legale di Giovanni O'Ambrosioe Lui~ Sorrentino rispettivamenteledale ' rappresentante e direttore del 'laboratorio del centro di analisi Ge.I.S~di via San Leonardo, prefensce non esprime pareri di merito. Nel corso dell'interrogatorio napoletano, 'i suoi assistiti, avevano entrambi riferito al collegio dei gip la stessa versione dei fatti. Ovvero che le analjsj di laboratorto commissionate da La Ooria erano state eseguite con rigore e non manomesse. Portando anche a giustificazionedelloro comportamento il fatto che si tratta di rilievi 'aciliedi minimo costo: appena 2OOeuro. «Non ci ' sarebbero stati motivi - spiega il loro avvocato - permodificarle... Una posizione che, evidentemente non ha convinto il collegio di ' magistrati i quali hanno ritenuto essere proprio quella certificazione «sbaglialau la causa principale dei problemi di sversamento dei rifiuti che non sono stati Classificati come speciali, così come richiesto dalla stessa legge. pe.car. «:IRIPAOOlJZIONEAISERVATA I

8 Il Mattino di Salerno - 26/01/2011 L'intervista Pancrazio: <<Adeguare la legge ogni regione fa in modo diverso» Il presidente dell'anicav: i produttori onnai fuggono dalla Camp~ia «Ho appreso con sorpresa dei prowedimenti assunti dal gip presso il Tribunale di Napoli nei confronti dei dirigenti de La Doria. Esprimo dunque, anorne mio per ~ sonale e dell' associazione, la pie~ nasolidarietà alla famiglia Ferraioli, di cui sono note le caratteristiche di correttezza e impegno sul fronte della legalità nella gestione dell'impresa». n presidente nazionale dell'anicavi Anmbale Pancrazio, di ritorno da Roma dove ha partecipato ad un incontro di Federalimentari, commentain questo modo la vicenda che vede al centro dell' azione della magistratura 1'azienda conserviera di Angri, società quotata in borsa e una delle principali realtà a livello nazionale ed inteinazionale del settore della trasformazione del pomodoro, nonché punto di riferimento sociale ed occupazionale per il territorio in cui opera. «Abbiamo fiducia nell' azione della magistratura - prosegue il presidente dell' associazione nazionale degli industriali conservieri - e perciò siamo convinti che in breve tempo l'intera vicenda si chiarirà e si andrà a una rapida conclusione». L'iniziativa della magistratura si riferisce all'interpretazione della nonna suirlfiuti e, inpartlcolare, alla codifica da attribuire alla cosiddetta terra di primo lavaggio: «ll problema è che la legge viene diversamenteinterpretataasecon- La legislazione "Le aziende pagano anche 100 euro a tonnellatre ( per accedere a discariche speciali» da dei territori e cisono ancheterritori che hanno una legislazione ambientale molto più semplice rispetto alla nostra. In Campania questo tipo di rifiuto e considerato speciale e va smaltito in un certo modo. E le aziende pagano anche 100 emo a tonnellata per portare i rifiuti in discariche speciali. In altre regioni è considerato un ammendante in agricoltura e quindi può essere smaltito con maggiore semplicità e a costi inferiori», Qual è la posizione dell' Anicav a riguardo! <<Abbiamo più volte sollevato que-. sto problema sia agli organismi di controllo che ai livelli politici e istituzionali per trovare una soluzione adeguata coerente conle leggi e conle esigenze delle imprese. Bisogna tutelare i produttori campani e consentire loro di poter lavorare bene e di essere competitivi anche congli altri produttori. Non dimentichiamo che è questa la terra del pomodoro. n ri,schio è che molte aziende, come,già sta accadendo decidano di delocalizzarsi e quindi di trasferire altrove la produzione abbandonando quello che da sempre è considerato il distretto del pomodoro per eccellenza», Come hanno reagito gli altri produttori? ' «È una situazione che ha lasciato tutti interdetti. C'è un'indagine della magistratura e preferiamo ilonesprirnerenessun tipo di commento. Se non quello relativo alla necessità di rivedere le legislatura. Non è stata per nessuno una bella notizia». pe.car. RIPRODUZIONERISERVATA

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

GIUSEPPE VADALÀ: ALIMENTI E AMBIENTE, COME GARANTIRNE LA SICUREZZA

GIUSEPPE VADALÀ: ALIMENTI E AMBIENTE, COME GARANTIRNE LA SICUREZZA GIUSEPPE VADALÀ: ALIMENTI E AMBIENTE, COME GARANTIRNE LA SICUREZZA a cura di ANNA MARIA CIUFFA Giuseppe Vadalà, responsabile della Divisione Sicurezza Agroalimentare e Agroambientale del Corpo forestale

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG)

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) EMAA 13/14 XII / 1 DO e IG protette da cosa? Il Regolamento

Dettagli

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA Bologna, 12 settembre 2008 Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità Denis Pantini Coordinatore di Area Agricoltura e Industria alimentare

Dettagli

Mozzarella di Bufala Campana DOP Studio di mercato

Mozzarella di Bufala Campana DOP Studio di mercato Mozzarella di Bufala Campana DOP Studio di mercato edizione 2008 Mozzarella di Bufala Campana DOP Studio di Mercato Il presente studio sul mercato della Mozzarella di Bufala Campana DOP è stato realizzato

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE Procedure per il controllo e la gestione delle irregolarità Lunedì 17 giugno 2013 Unioncamere Sala Convegni De Longhi Horti Sallustiani, Piazza

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298

Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298 Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi MINISTERO DELLA SANITÀ DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298 Regolamento per la determinazione dei criteri per il calcolo del valore di mercato degli animali abbattuti

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all Indagine Fort Knox Roma, 08 aprile 2014 Indagine Fort Knox Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. ALEMANNO RICCARDO Data di nascita 21/02/1971

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. ALEMANNO RICCARDO Data di nascita 21/02/1971 INFORMAZIONI PERSONALI Nome ALEMANNO RICCARDO Data di nascita 21/02/1971 Qualifica I Fascia Amministrazione ASL CASERTA (EX ASL 1 e 2) Incarico attuale Dirigente ASL I fascia - Unità Operativa Veterinaria

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

Società Agricola: Emon Agri

Società Agricola: Emon Agri Società Agricola: Emon Agri INTERVISTA AD UN AGRICOLTORE DELLA SOCIETA' AGRICOLA: Sul vostro logo c'è scritto che attuate una coltivazione virtuosa, ci può dire cosa si intende? Ci spiega: Per coltivazione

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Caciocavallo Silano DOP Studio di mercato

Caciocavallo Silano DOP Studio di mercato Caciocavallo Silano DOP Studio di mercato Edizione 2010 con il supporto tecnico-scientifico di Caciocavallo Silano DOP Studio di mercato Il presente studio sul mercato del caciocavallo silano DOP è stato

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI BANDO SVILUPPO DI RETI LUNGHE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE DELLE FILIERE TECNOLOGICHE CAMPANE - FAQ Frequent Asked Question : Azioni di sistema per l internazionalizzazione della filiera tecnologica

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME Associazione Provinciale di Ravenna ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME COME PENSARE ALLA PROPRIA IDEA D IMPRESA IN 5 STEP 1 STEP UNO RIFLESSIONI PER INDIVIDUARE LE BUSINESS IDEA ALCUNI MODI PER INDIVIDUARE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali Il Divulgatore n.10/2002 Sicurezza alimentare PARTENDO DALLA DOP Tr@ce.pig è un progetto di tracciabilità della filiera del suino pesante utilizzato come materia prima per i Prosciutti di Parma a Denominazione

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che vive con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola

L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola E' italiana la casa ad alta efficienza energetica campione del mondo che si è aggiudicata il primo posto

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, l 8 luglio 2015, ha approvato, con modificazioni, il seguente disegno di legge, già approvato dalla Camera dei deputati in un testo risultante

Dettagli

Energia: come rateizzare una bolletta di conguaglio Mediaset: continua la battaglia per il recupero del credito residuo

Energia: come rateizzare una bolletta di conguaglio Mediaset: continua la battaglia per il recupero del credito residuo Coordinato da Valeria Lai Agenzia Adiconsum - anno XX - n. 23-2 maggio 2008 Stampato in proprio in maggio 2008 In questo numero: Energia: come rateizzare una bolletta di conguaglio Mediaset: continua la

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Giornata dell Economia 2004

Giornata dell Economia 2004 Giornata dell Economia 2004 Premio Camera di Commercio Comunicato stampa n. 22 del 13 luglio 2004 La società ha bisogno oggi più che mai, dinanzi ad una congiuntura sfavorevole e all insicurezza determinata

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

G e s t i o n e U t e n z e C N R

G e s t i o n e U t e n z e C N R u t e n t i. c n r. i t G e s t i o n e U t e n z e C N R G U I D A U T E N T E Versione 1.1 Aurelio D Amico (Marzo 2013) Consiglio Nazionale delle Ricerche - Sistemi informativi - Roma utenti.cnr.it -

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

C è un Italia profonda che è pronta a cambiare il sistema e che chiede alla politica risposte immediate alla sua voglia di dare il meglio.

C è un Italia profonda che è pronta a cambiare il sistema e che chiede alla politica risposte immediate alla sua voglia di dare il meglio. RELAZIONE DEL PRESIDENTE ASSEMBLEA PUBBLICA Roma, 3 luglio 2014 L INDUSTRIA FARMACEUTICA IN ITALIA, UN ECCELLENZA EUROPEA. Autorità, cari Amici imprenditori, Signore e Signori, grazie di cuore per aver

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento?

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento? IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI A chi mi rivolgo? L' dell garantisce a tutti i soggetti interessati l'esercizio dei diritti d informazione e di accesso ai documenti amministrativi, e favorisce la conoscenza

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli