Progetto Sovvenzione Distrettuale Rotary Foundation Visione futura

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto Sovvenzione Distrettuale Rotary Foundation Visione futura"

Transcript

1 ROTARY INTERNATIONAL Distretto SICILIA - MALTA Club di RAGUSA Progetto Sovvenzione Distrettuale Rotary Foundation Visione futura 1

2 Il Rotary Club di Ragusa, in collaborazione con la Caritas diocesana di Ragusa, ha ottenuto nell anno rotariano una Sovvenzione Distrettuale della Rotary Foundation Visione Futura per lo svolgimento di un progetto che ha avuto luogo nei Comuni di Ragusa e Santa Croce Camerina dall ottobre 2013 e fino all aprile del Il progetto ha assegnato a 6 scuole della diocesi di Ragusa una borsa di studio di 2.000,00 per ciascuna scuola, da destinare alle attività previste nel piano di lavoro. Il progetto ha operato su due aree di intervento tra le molte contemplate dal bando della Rotary Foundation. Quelle prescelte dal gruppo di progettazione sono state: Pace e prevenzione/risoluzione dei conflitti e Alfabetizzazione ed educazione di base. Si è ritenuto che l analisi del contesto territoriale ragusano, dove risiedono un gran numero di cittadini non italiani e dove giungono migliaia di profughi in fuga da guerre e persecuzioni, dimostrasse quanto impellente fosse questa necessità. Sinteticamente, le azioni progettuali hanno previsto: un certo numero di ore di sostegno linguistico, sociale e psicologico, per alunni immigrati appena giunti in provincia di Ragusa e da inserire nelle classi; un percorso di 21 ore rivolto ad alunni di ogni nazionalità sul tema dell'intercultura, della pace e della risoluzione pacifica dei conflitti; la fornitura di alcuni kit scolastici per alunni italiani e stranieri in difficoltà economica; un intervento specialistico sull educazione interculturale rivolto ai docenti e ai genitori. Gli Istituti beneficiari del progetto sono stati: Istituto Comprensivo Psaumide di Camarina, Santa Croce Camerina (scuola primaria e secondaria di primo grado) (n. 2 Borse di studio); Istituto Comprensivo G. Pascoli, Ragusa (scuola primaria e secondaria di primo grado) (n.2 borse di studio); Scuola Media Statale Vann Antò, Ragusa (n.1 borsa di studio); Istituto Magistrale Statale G.B. Vico, Ragusa. (n.1 borsa di studio) 2

3 Interventi sull area Pace e prevenzione/risoluzione dei conflitti Il progetto si proponeva di affrontare il tema dell intercultura non più, come tradizionalmente si è fatto in ambito nazionale negli ultimi 20 anni, nell ottica del riconoscimento dei diritti dei nuovi arrivati per una migliore integrazione, ma con l obiettivo di rendere consapevoli i ragazzi dei meccanismi della diversità, del punto di vista e dello stereotipo, così da creare un salutare incidente mentale tra ciò che si pensa essere vero e quello che la realtà mostra di essere dopo l apprendimento dei processi attraverso cui ciascuno di noi si costruisce un opinione. Si è proposta quindi, commisurandola alle età dei ragazzi coinvolti, una visione integrata delle culture che coinvolge allo stesso tempo e sullo stesso piano italiani e stranieri, ospiti ed ospitanti, in quanto tutti portatori di diversità e tutti unici. Il percorso era stato pensato per articolarsi in 7 incontri di 3 ore ciascuno con la metodologia dell educare nella relazione in cui l utilizzo di dinamiche, simulazioni e giochi di ruolo, il setting (inteso come l organizzazione degli spazi) informale, la scelta di impostare la lezione come un incontro/confronto e non come lezione frontale ex cathedra, diventano le leve su cui spingere per favorire l acquisizione di tecniche interculturali come strumento quotidiano. I risultati attesi erano quelli di favorire la capacità di distinguere la persona dal problema in modo da evitare giudizi personali; l abilità nel saper cogliere le ragioni dell altro; imparare a strutturare critiche costruttive ed evitare il linguaggio giudicante; cercare l interesse comune piuttosto che la vittoria ad ogni costo; uscire dalla logica delle posizioni 3

4 per entrare in quella dei reciproci vantaggi. Per questo il corso ha utilizzato l educazione interculturale come strumento di risoluzione dei conflitti. Lo svolgimento del progetto ha portato a delle richieste variabili per ogni istituto coinvolto, sulle basi delle necessità di ciascuno. Poiché l intercultura è un sistema per definizione aperto, gli operatori hanno accettato di buon grado di sperimentare anche altre modalità, inizialmente impreviste, vivendo con curiosità la proposta di cornici altre rispetto alla formulazione progettuale e accettando di buon grado di misurarsi con l imponderabile, sapendo, come si insegna nel corso che ho bisogno dell altro per conoscermi, nelle relazioni so che l altro mi può sempre spiazzare e ne gioisco! La Scuola Media Vann Antò di Ragusa è stata l unica che si è attenuta alle richieste iniziali dello staff di esecuzione del progetto. Alla Vann Antò, infatti, il percorso è stato seguito da un gruppo di trentuno studenti individuati dalle insegnanti di lettere tra le nove terze medie presenti nell anno scolastico nell Istituto scolastico ragusano. A seguire le sei lezioni (cinque in aula, secondo il setting previsto, ed una presso la sede del Progetto Famiglia Amica che aderisce alla rete nazionale del Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati) sono stati Vincenzo La Monica e Jenny Campagnolo, responsabili dei percorsi nelle scuole per la Caritas e, per il Rotary, i due tutor ingegner Giuseppe Cicero e dottor Saro Distefano. A parte il primo degli incontri, nel quale hanno partecipato tutti gli alunni delle nove terze classi (in due incontri presso l Aula Magna dell Istituto di via Leoncavallo), i successivi sono stati condotti in una aula della scuola con la presenza, non costante ma significativa, di alcune insegnanti dell Istituto (Cappello, Rizza, Criscione, Ventura). Nel corso del primo incontro i tutor Giuseppe Cicero e Saro Distefano hanno illustrato gli scopi e le finalità del Rotary International interagendo con gli alunni che hanno mostrato grande interesse per le attività portate avanti dal Rotary sia a livello locale che internazionale. Quanto è emerso (ed in parte supportato dalle schede anonime consegnate agli alunni e restituite debitamente compilate) è che l argomento intercultura latu sensu è stato perfettamente recepito dagli alunni. Sin dalle prime ore di incontri, gli studenti presenti in aula (e l assunto vale sia per gli italiani sia per i non italiani, presenti in buona percentuale) hanno mostrato un notevole interesse per un argomento a loro non del tutto ignoto. Anzi. Non pochi di loro hanno mostrato di 4

5 essere a conoscenza, ed in alcuni casi anche approfondita, della tematica che include l accoglienza e la diversità, la paura del diverso e la possibilità/necessità del confronto e della sua utilità. Nessuno ha mostrato tendenze estreme verso la separazione tra le etnie nel mentre in molti hanno dichiarato e dimostrato di conoscere la genesi e soprattutto gli sviluppi dei cosiddetti flussi migratori nei quali alcuni di loro si sono trovati coinvolti. In tal senso la testimonianza di rifugiati invitati a partecipare dalla Caritas è stata di estrema utilità per far comprendere o far comprendere meglio cosa spinge un africano o un mediorientale ad affrontare pericoli e difficoltà per giungere in Europa, sovente per l ingresso rappresentato proprio dalla nostra Provincia. Alla Vann Antò il corso di Intercultura si è svolto senza alcun significativo intoppo, con la preziosa collaborazione delle insegnanti e del personale amministrativo della Scuola. Tra gli alunni si è registrato un notevole interesse, come attesta anche la verificata volontà di partecipazione al corso da parte di alunni che ne erano rimasti fuori. Anche considerando che la scuola media ragusana Vann Antò, per tutta una serie di motivi (insiste in un quartiere semi-periferico e con bassa presenza di forestieri, almeno rispetto alla Pascoli; non è un istituto comprensivo e di conseguenza nelle iscrizioni alle prime classi risente molto della scelta a suo favore da parte di famiglie della media ed alta borghesia cittadina) presenta una percentuale bassa di alunni non italiani, rimane tuttavia perfettamente chiaro che il corso in parola ha avuto svolgimento normale ed esito, almeno all apparenza, di ottima levatura. Particolarmente interessante è stata la scelta delle insegnanti (in linea con le finalità del progetto) di riprendere durante le normali lezioni scolastiche gli argomenti trattati negli incontri pomeridiani. In questo caso i ragazzi che hanno frequentato il corso sono divenuti nel contempo oggetto della formazione e soggetto educativo per la collettività dei pari in un processo di educazione a cascata che ricorda da vicino il metodo d intervento della peer education (educazione tra pari) i cui destinatari prevalenti sono proprio gli adolescenti. A causa del ruolo che il gruppo dei pari gioca in questa fase del ciclo di vita in cui i cambiamenti da gestire sono molti e profondi, si pensa che una educazione che giunga da un proprio coetaneo possa essere più efficace e, nel caso in questione, il valore dell educazione è soprattutto quello preventivo di atteggiamenti di chiusura o, nei peggiori dei casi, di xenofobia e razzismo. 5

6 Per quanto riguarda L Istituto Comprensivo Giovanni Pascoli, il corso è stato tenuto sempre da Vincenzo La Monica e Jenny Campagnolo, mentre la partecipazione dei tutor soci rotariani è stata assicurata dal dottor Carmelo Arezzo e dall ingegnere Antonella Leggio. Nell incontro al quale ho partecipato ricorda Carmelo Arezzo - presentare sia pure con le difficoltà di un uditorio particolarmente giovane, bambini delle elementari, il senso della presenza del Rotary nel mondo, ha evidenziato come un processo di integrazione di visione positiva della interculturalità può trovare nel riferimento diretto alla internazionalità del club Rotary e più in generale dei clubs service una sponda particolarmente efficace. Da sottolineare aggiunge Antonella Leggio il senso di arricchimento per noi soci, trasmesso dall entusiasmo e dalla partecipazione con cui i ragazzi hanno accolto e vissuto il progetto e dalla professionalità con cui è stato gestito. La scuola Pascoli conta, nel Plesso Ecce Homo, una notevole presenza di famiglie di nazionalità non italiana. In alcune classi la percentuale di alunni stranieri supera il 40%. Come si legge nella Relazione del Dirigente Scolastico relativa al programma annuale 2014 il bisogno formativo emerso è certamente collegato all integrazione delle diversità, alla conoscenza delle identità culturali e alla promozione della comunione sociale ispirata ai valori del rispetto, della tolleranza, della cooperazione, per costruire una società dialogica e accogliente. Consapevoli dell importante opportunità che il progetto rotariano forniva loro, i responsabili scolastici individuati dal dirigente prof. Rosario Pitrolo per seguire il progetto hanno richiesto una rimodulazione del corso sull intercultura per poter consentire di partecipare, oltre che agli alunni dell ultimo anno della scuola media, anche agli alunni di due quinte classi elementari e di una quarta elementare. La proposta di lavorare con bambini così piccoli e in un numero così grande (si trattava di circa 60 alunni) ha comportato una profonda rimodulazione degli argomenti e sostanziali modifiche al programma e alla metodologia. Il primo è stato estremamente semplificato, soffermandosi quasi esclusivamente sul tema delle diversità, del rispetto del punto di vista altrui, dell importanza dell amicizia e delle alleanze e dell utilizzo della fantasia e della creatività. La metodologia ha subito una decisa virata verso il gioco, con la proiezione di cartoni animati, la produzione di disegni e cartelloni, lo svolgimento di giochi di movimento, seppur nell inadeguatezza del setting. La sala a disposizione, infatti, era quella dell Aula Magna scolastica, con la disposizione classica ad 6

7 auditorium che è stata scompaginata tutte le volte che è stato possibile, ma che inevitabilmente, per la presenza di numerose sedie, ha intralciato qualche attività. La risposta dei bambini, che appartenevano ad otto nazionalità differenti, è stata superiore ad ogni aspettativa anche per merito delle maestre, ovviamente presenti durante le ore di corso, che hanno recepito gli stimoli ricevuti nelle ore di formazione per riportarli nelle ore di lezione in classe e restituirli volta per volta ai formatori in uno scambio arricchente per tutti gli attori in gioco. Il lavoro con il gruppo dei ragazzi di terza media è stato ugualmente proficuo. Il programma è stato accorciato in virtù delle minori ore a disposizione, ma sono stati proposti tutti gli argomenti previsti. La maggiore difficoltà operativa è stata quella relativa al numero di partecipanti. Le due classi di scuola media presenti al plesso Ecce Homo contavano, infatti, 36 alunni, un numero superiore a quello considerato ideale (25) ma non tale da consentire agevolmente una selezione come nel caso della scuola Vann Antò. Superato questo ostacolo che ha pregiudicato solo relativamente il buon esito del corso, resta da aggiungere che le lezioni, tenutesi nelle ore scolastiche, hanno riscosso, secondo la somministrazione del questionario di gradimento anonimo, un livello di gradimento del 97% con un 87% dei ragazzi che hanno dichiarato di sentirsi più che soddisfatti (30%) o del tutto soddisfatti (57%). Gli argomenti che hanno trovato percentuali maggiori di gradimento sono stati quelli relativi all intercultura e alla mondialità (rispettivamente 87% e 80% di dichiarazione di alta soddisfazione degli argomenti proposti). 7

8 L Istituto Comprensivo Psaumide di Santa Croce Camerina ricalca, in molti casi amplificandole, le caratteristiche della scuola Pascoli di Ragusa. La percentuale di alunni non italiani è molto alta (si pensi che a Santa Croce una nuova nascita su tre appartiene a genitori stranieri) ed è possibile trovare in una stessa classe diversi livelli di integrazione. La prof.ssa Giovanna Campo, dirigente dell Istituto, ha aderito con grande entusiasmo alla proposta progettuale, dimostrando grande convinzione nelle possibilità del corso. Per questo motivo, dopo le due lezioni introduttive rivolte a tutti gli alunni delle quattro terze medie, ha richiesto di poter assicurare il corso di intercultura a tutti, senza selezionare i 25 alunni richiesti. È stata una scelta che ha comportato delle obiettive difficoltà che sono state preventivamente discusse insieme alla dirigente e che si è deciso di affrontare ugualmente, preferendo lasciare comunque qualche traccia formativa in tutti gli alunni, piuttosto che garantire una formazione completa solo a pochi. Il corso è stato così dimezzato nella sua durata per poter essere offerto ad un numero di ragazzi che è rimasto quasi doppio rispetto a quello considerato ottimale, poiché i due gruppi interessati erano composti ciascuno da circa 45 ragazzi. Gli incontri sono stati condotti da Vincenzo La Monica e Jenny Campagnolo, mentre il socio rotariano di riferimento è stata la dottoressa Maria Ragusa. Nei due gruppi la percentuale di alunni stranieri era in media superiore al 20% e in alcuni casi erano molto visibili fenomeni di esclusione e 8

9 rifiuto dell altro. Per questo le attività hanno insistito prevalentemente sul tema del valore delle differenze, sul rispetto delle culture altre, sull importanza del pensiero libero da condizionamenti soprattutto nei concetti di giusto e sbagliato che, probabilmente per abitudini scolastiche, agiscono pesantemente sui ragazzi. Lo sforzo è stato sicuramente premiato da interventi pertinenti ed osservazioni intelligenti giunte da più parti dai ragazzi che sembravano maggiormente interessati a queste tematiche. Non si può nascondere, tuttavia, che l alto numero di partecipanti e la loro giovane età ha reso difficile soprattutto il passaggio dal momento del gioco a quello delle riflessioni inerenti al gioco, facendo perdere qualche significativo momento di crescita e di scambio. È stato anche molto difficile riuscire a vincere alcuni meccanismi di resistenza che colpivano i ragazzi di più recente immigrazione, la cui condizione sarà meglio illustrata nel report relativo alla seconda area di intervento del progetto. Altra difficoltà nello svolgimento delle attività è stato il setting. Avevamo a disposizione l Aula Magna della scuola che si è rivelata all avanguardia e funzionale (anche grazie alla disponibilità del personale non scolastico) per la proiezione di video e cartoni animati, ma che presentava la disposizione classica ad auditorium che favoriva la dispersione dei ragazzi ed impediva una disposizione più informale dei posti a sedere. Solo nell ultima lezione, approfittando di una giornata primaverile, si è potuta svolgere un attività conclusiva all aperto. L esperienza nella scuola Psaumide di Santa Croce è stata in definitiva molto utile dal punto di vista dell osservazione delle dinamiche di integrazione, non solo scolastiche, ma crediamo abbia lasciato tracce significative solo in una parte dei ragazzi coinvolti, rimanendo più superficiale negli altri. L Istituto Magistrale Statale G.B. Vico prevede, per il triennio del corso di scienze umane, alcuni stage formativi sui temi sociali. Visto l elaborato progettuale, il corso di studi particolarmente attento al sociale e la maggiore maturità degli alunni coinvolti, si è pensato di modulare una proposta per la scuola sui seguenti temi: un corso sull intercultura per gli alunni delle terze classi, un corso sulla risoluzione dei conflitti sociali con un focus sulla casa e sull'abitare per gli alunni delle quarte classi e un corso sull'educazione alla pace e alla legalità per gli alunni delle quinte classi. La Caritas ha affidato i tre stage a vari formatori, mentre i tutor individuati dal Rotary sono stati l ingegner Francesco Minardi, la dottoressa Giovanna Licitra e il dottor Francesco Randazzo che hanno partecipato all incontro iniziale e conclusivo di tutti e tre gli stage. 9

10 Nel dettaglio il percorso sull intercultura ha coinvolto due classi per un totale di 51 alunni. I conduttori dello stage sono stati Vincenzo La Monica, Maria Rita Busacca e Francesca Greco. Il lavoro, organizzato secondo la collaudata metodologia attiva, che prevede un momento di riscaldamento da svolgere all aperto, l utilizzo di esercizi e giochi di ruolo a cui seguono riflessioni guidate ed esempi pratici ha fornito - su un livello di maggiore complessità rispetto alle analoghe proposte rivolte ai ragazzi più piccoli - nuove conoscenze sui meccanismi mentali ed emotivi (ad esempio lo stereotipo ed il punto di vista) che ci fanno percepire la realtà. Altro obiettivo che si può dire essere stato più che raggiunto è stato quello di acquisire tecniche per cercare soluzioni creative dei conflitti e vivere in contesti multiculturali. Non da trascurare, infine, così come rilevato verbalmente dagli stessi alunni, la possibilità di sperimentare in prima persona tematiche che prima dello stage erano rimaste solo teoriche. L ottimo riscontro ottenuto dallo stage sia nelle verbalizzazioni dei ragazzi che nelle schede anonime di monitoraggio è da attribuirsi sicuramente al lavoro propedeutico svolto in classe dai docenti e da una spiccata predisposizione che quasi tutti i partecipanti hanno mostrato con una grande disponibilità a mettersi in gioco in un contesto nuovo, che imponeva loro di esporsi. Tra i punti di debolezza del progetto è risultato predominante quello relativo alla richiesta di un contatto con situazioni reali, soprattutto con migranti per testimonianze e casi studio. Il setting non ideale ha portato i conduttori a riformulare tutte quelle attività che richiedevano divisioni di spazi e ampia libertà di movimento. A quest ultimo ostacolo si è ovviato con attività svolte all aperto che, però, hanno risentito delle condizioni climatiche non sempre ottimali. 10

11 Tra i punti di forza è emerso un grande spirito di collaborazione ed è risultata, anche a detta degli insegnanti, particolarmente stimolante ed efficace l interazione tra le due classi. In questo senso il grande numero di partecipanti (tra cui due ragazzi con disabilità) non ha influito sulla riuscita del percorso, proprio grazie alla particolare sensibilità degli alunni e ai temi proposti che li hanno evidentemente portati alla riflessione e all empatia. Positiva è stata anche la scelta di bilanciare i momenti teorici con quelli dinamici e divertenti. Come riportato in qualche scheda di monitoraggio: mi è piaciuto molto metterci in discussione, dialogare in modo costruttivo su tematiche interessanti e molto complesse. Abbiamo esposto le nostre riflessioni senza avere timore di sbagliare o di venire giudicati. Oppure: mi è piaciuto il modo in cui abbiamo interagito, tra di noi e con gli operatori, ragionando su tematiche fondamentali non solo per chi lavora nel sociale, ma anche semplicemente per vivere in società. Le attività sono state, nel complesso, piuttosto coinvolgenti e hanno di certo contribuito ad aprire le nostre menti. A conclusione di questo stage è possibile, grazie alla somma di tutti i questionari di monitoraggio, poter stilare un breve report statistico sul gradimento della proposta interculturale effettuata per il Vico e per le due scuole secondarie di primo grado di Ragusa, per un totale di circa 120 partecipanti. Riguardo alla soddisfazione complessiva del corso emerge che un ragazzo su due si dice completamente soddisfatto dell esperienza e che i livelli alti o altissimi di gradimento riportano una percentuale dell 87% dei partecipanti, mentre l insoddisfazione è relegata al 2% della popolazione coinvolta. Progetto Rotary Foundation. Soddisfazione Complessiva del corso sull intercultura. Particolare rilievo va riferito al dato sulla chiarezza dei formatori che ha raggiunti livelli di piena soddisfazione per il 70% degli alunni e di soddisfazione alta per un altro 25%. 11

12 Progetto Rotary Foundation. Chiarezza dei formatori del corso sull intercultura Lo stage formativo proposto alle quarte classi del Liceo di Scienze Sociali G. B. Vico, denominato I Tetti colorati ed avente come oggetto la risoluzione dei conflitti sociali, con il focus sulla casa e sull abitare, è stato rivolto a 3 classi per un totale di 59 studenti. A condurre lo stage Vincenzo La Monica, Jenny Campagnolo e Anita Adamo, operatori della Caritas diocesana, e Laura Sgarlata, giovane architetto in servizio civile nazionale per la Caritas. Si è attivato un percorso che, partendo dal concetto pieno di dimora, ha fatto emergere l importanza delle implicazioni psicologiche, sociali, fisiche che la casa porta con sé. L approccio che si è adottato è quello proprio della psicologia di comunità: l abitazione come luogo di contatto con il mondo esterno, opportunità di socialità e di integrazione, in special modo rispetto alle persone e alle famiglie che soffrono condizioni di povertà e fragilità sociale. Rispetto al fine della prevenzione dei conflitti sociali, l emersione agli occhi della comunità delle aree di vulnerabilità interne ad essa, può comportare il rafforzamento dei legami spesso flagili che molte famiglie vivono: in una condizione di precarietà economica e di ingresso nella povertà, infatti, relazioni comunitarie di pace, paritarie, non giudicanti e improntate al rispetto, possono essere trampolino verso il miglioramento o voragine verso l impoverimento e il disagio. Nel primo giorno i ragazzi sono stati condotti alla consapevolezza delle dimensioni della vita umana che dalla dimora dipendono: aspetti di relazione dell uomo con se stesso, con la famiglia, con i conoscenti, con la comunità. Il fatto di avere una casa dà il senso di occupare un luogo e quindi di avere dei diritti, di potercela fare. A partire dall esperienza della propria casa, si sono analizzate le funzioni dei vari ambienti domestici, attribuendo agli spazi fisici le relative 12

13 implicazioni relazionali e funzionali. I ragazzi hanno realizzato in maniera congiunta una pianta dell abitazione tipo, alla quale hanno attribuito le funzioni e le opportunità relazionali. Il secondo giorno si è posta l attenzione sulla povertà, quale fenomeno multidimensionale, complesso e pluriforme. In esso il bisogno abitativo comporta un carico di deprivazione in termini di possibilità e di benessere, con dimensioni importanti nel territorio ragusano. A partire da un esperimento di deprivazione della casa costruita il giorno prima, e quindi al venire meno delle relative funzioni dell abitazione, i ragazzi hanno compreso gli effetti del vivere in una casa non adeguata e non sicura. Le immagini proiettate di case deprivate del nostro territorio hanno scosso molto la coscienza dei ragazzi. Si è giunti a definire gli abitanti di queste case senza dimora, non forzando i termini: secondo l Osservatorio europeo sull homelessness, infatti, una persona è considerata senza dimora quando versa in uno stato di povertà materiale e immateriale, che è connotata dal forte disagio abitativo, cioè dall impossibilità e/o incapacità di provvedere autonomamente al reperimento e al mantenimento di un abitazione in senso proprio. Infine sono state analizzate le possibilità di intervento rispetto al problema dell homelessness. I ragazzi hanno ipotizzato possibili risposte al problema dell esclusione sociale e, in particolare, del bisogno abitativo. Si è giunti alla necessità di un concetto espanso di persona, che superi i facili stereotipi legati al disagio sociale e apra ad interventi centrati sulle risorse degli individui e sulla loro libertà di scelta. Tale visione, insieme con l approccio di comunità, è tra i perni del modello di intervento sociale di contrasto alle povertà estreme denominato Housing First (la casa prima di tutto). L intervento formativo sulla metodologia dell Housing first è stato tenuto da Marco Iazzolino, appositamente chiamato da Roma, dove è segretario della FIOPSD Federazione Italiana degli Organismi per le Persone Senza Dimora. Grazie al progetto, i ragazzi hanno avuto l opportunità di ascoltare le più recenti tendenze sociali per risolvere il problema dell abitare. Housing first è un approccio relativamente recente, adottato per la prima volta negli Stati Uniti negli anni 90 e usato nell ambito di programmi e politiche riguardanti persone senza dimora. A differenza degli approcci gradualistici ancora predominanti in molti paesi e che richiedono alle persone senza dimora di dare prova di essere pronti ad essere inseriti in una casa prima che venga loro offerto un alloggio stabile di lungo periodo, i progetti basati 13

14 sull Housing First inseriscono le persone senza fissa dimora direttamente all interno di alloggi, fornendo loro supporto sociale e multidisciplinare a partire dalla casa. Lo stage è stato partecipato dagli studenti in maniera molto attiva: nei vari momenti di rielaborazione dell esperienza formativa sono emersi contenuti profondi che rivelano un atteggiamento di empatia rispetto al problema. L individuazione degli stereotipi, di cui inconsapevolmente i giovani erano portatori, in capo ai cosiddetti poveri è stato un risultato fra i più importanti. L approccio che rispetta le scelte delle persone in stato di necessità, utile per non imporre percorsi standard, è stata probabilmente la conquista più durevole dello stage, insieme ad uno sguardo più consapevole sulla realtà sociale della città in cui gli studenti vivono. Il percorso su pace e legalità è stato seguito dai formatori Angelo Milazzo e Stefania Pace. Gli alunni che hanno partecipato appartenevano a 2 classi per un totale di 35 partecipanti. L idea che ha motivato lo stage è stata quella di saldare i concetti di libertà e legalità con la corresponsabilità, ossia una rinnovata capacità di mettersi nei panni degli altri. Prima della legalità, è infatti la prossimità il fondamento della giustizia sociale. Solo recuperando il linguaggio dei rapporti umani, riusciremo a parlare di nuovo insieme quello delle leggi. Gli argomenti affrontati sono stati: 1) la legalità come mezzo: giustizia sociale e corresponsabilità; 2) imparare il linguaggio dei rapporti umani: dal bene personale al bene comune; 3) l illegalità e la corruzione: minacce allo sviluppo del nostro paese e ai beni comuni; 4) cittadinanza attiva e lavoro: lavoro come bene comune, e auto imprenditorialità nei giovani (modulo che ha visto la partecipazione degli operatori del progetto Policoro). Quest ultimo aspetto è stato anche ripreso dai soci rotariani intervenuti rimandando alle attività rivolte ai giovani dal club sia dal punto di vista della formazione (incontri con esperti, convegni e conferenze) sia della partecipazione (Interact e Rotaract). Come hanno notato i tutor: gli studenti del G.B. Vico hanno dimostrato di partecipare attivamente, corrispondendo sia agli input offerti dai formatori del progetto e dai loro stessi insegnati tutor scolastici, ma anche agli input dati dai soci Rotary, tutor del progetto per la scuola G.B. Vico. A riguardo e in considerazione dei benefici registrati, si esprime l augurio che il progetto torni ad essere approvato e a potersi ripetere ancora per la fascia d età degli studenti di cui 14

15 si relaziona e per altri istituti di pari grado. Della forte motivazione in loro riscontrata a relazionarsi, con semplicità e disponibilità, in modalità tale da superare gli ostacoli che spesso si frappongono tra loro stessi e nei rapporti con gli insegnati e con l esterno in generale, superando i condizionamenti di tipo culturale che si riscontrano nella vita reale, ne è prova la consapevolezza, espressa attraverso il riempimento di una valigia virtuale da portare sempre con sé nel cammino futuro, dei valori e dei sentimenti che è bene osservare e sentire in ogni attimo della loro esistenza. Riguardo all esperienza complessiva dello stage e al significato che esso riveste per l Istituto G. B. Vico, è giunto anche un contributo della professoressa Celestina Rimoldi, referente individuata dalla scuola per i percorsi formativi: A conclusione delle attività realizzate nell ambito del percorso Stage rivolto alle classi del secondo biennio del Liceo Economico Sociale e alle classi quinte del Liceo di Scienze Sociali G. B. Vico di Ragusa, è possibile affermare che gli alunni hanno risposto con motivato interesse e personale partecipazione a quanto proposto da esperti e docenti interni, rilevando, in tal modo, una valida corrispondenza tra l offerta educativa e i loro bisogni formativi. Nella fattispecie, per quanto riguarda il laboratorio Nessuno è straniero, avente ad oggetto la sensibilizzazione alla tematica dell intercultura al fine di promuovere il superamento di pregiudizi e stereotipi, la suddivisione degli alunni in gruppi di lavoro ha messo in mostra le loro capacità organizzative ed il loro talento, senza evidenziare gerarchie. La metodologia laboratoriale si è rivelata valida anche mettendo in evidenza le sfumature e le differenze di linguaggio ed una capacità da parte degli alunni di cogliere aspetti diversi o inattesi rispetto a quanto loro proposto, manifestando un autentico piacere della condivisione con l altro, che va al di là di rigidi schemi predisposti. Gli alunni sono stati ricettivi, collaborativi, ed hanno tratto tutti gli aspetti positivi degli incontri, dando pure suggerimenti concreti affinché la scuola riproponga anche in altre classi lo stesso progetto. Relativamente alle classi quarte impegnate nella ricerca sociale: I tetti colorati, avente ad oggetto la divulgazione del modello europeo dell Housing first, ovvero una proposta operativa in cui la casa è precondizione verso l autonomia, il lavoro sulla dimora è stato inteso come rete di relazioni e rapporti, mettendo al centro la persona e le sue fatiche, mentre intorno opera una rete di supporto ed accompagnamento che si prende carico e promuove integrazione con i servizi socio sanitari e con la comunità locale. Gli studenti sono stati chiamati a conoscere attori e temi dell abitare sociale, conoscere tecniche di riduzione della conflittualità ed equivoci interculturali nelle relazioni di vicinato. Hanno appreso come funziona il Sostegno abitativo, sociale, relazionale e di integrazione sulla casa. 15

16 L opportunità offerta dallo stage alle classi quinte del Liceo di Scienze Sociali, che hanno affrontato il tema: Verso la democrazia inclusiva, è stata quella di conoscersi, di maturare uno spirito costruttivo di incontro, dialogo e solidarietà e di promuovere l imparare a vivere insieme. Il modello formale che ne consegue vede l alunno come protagonista, portatore di interessi, di bisogni formativi, di un profilo intellettuale, da identificare per poterlo potenziare e valorizzare. Tutta l esperienza svolta testimonia la valida e proficua collaborazione, ormai decennale, dell Istituto G. B. Vico con gli operatori Caritas, che nel tempo hanno reso possibile, superando di fatto gli ostacoli, la formazione di numerosi studenti in perfetta sinergia con tutti gli attori sociali coinvolti. Gli obiettivi proposti sono stati pertanto raggiunti, confermando di volta in volta le scelte adeguate e formulandone di nuove in un processo di crescita reciproca e continua. Quest anno è stato determinante, per l effettiva realizzazione dello stage, il coinvolgimento della Rotary Foundation - attraverso il Rotary Club di Ragusa che ha condiviso le finalità promosse dal progetto mediante il coinvolgimento e l osservazione partecipante dei tutor designati. Inoltre, poiché lo stage si è tenuto in orario antimeridiano e fuori sede (Vescovado), sono stati coinvolti i Consigli di Classe, che hanno così testimoniato la propria disponibilità e partecipazione. L ultima azione prevista nell area Pace e prevenzione/risoluzione dei conflitti è stata quella della formazione a genitori ed insegnanti. Il percorso è stato tenuto da Carlo Palanti, mediatore culturale del Forum dell intercultura di Roma, e ha coinvolto 25 tra genitori ed insegnanti sul tema della proposta interculturale come un processo basato sull'incontro, la conoscenza, lo scambio e la trasformazione. Anche alla platea di adulti sono state offerte tecniche relazionali di decostruzione degli stereotipi e dei pregiudizi attraverso dinamiche di decentramento, rispetto e ascolto, in un processo di avvicinamento dell'altro per affrontare in maniera creativa i conflitti. 16

17 17

18 Interventi sull area Alfabetizzazione ed educazione di base Il progetto ha previsto come primo intervento il sostegno materiale per quei ragazzi in situazione di indigenza economica attraverso la fornitura di 45 kit scolastici (diari, penne, colori, quaderni, cancelleria etc..), divisi equamente nelle scuole Vann Antò, Pascoli e Psaumide di Santa Croce Camerina. Al di là dell aspetto assistenziale volto a tranquillizzare le situazioni più urgenti, il progetto prevedeva di fornire un sostegno agli istituti scolastici mediante un equipe di mediazione linguistica e culturale supportata dalle figure dell assistente sociale e dello psicologo. L equipe, composta dall assistente sociale Anita Adamo, dalle psicologhe Barbara Buscemi ed Eva Barone, dalla pedagogista Francesca Greco e dalle mediatrici culturali Mariam Zahavi e Rosangela Puglisi, ha operato nelle tre scuole interessate dal progetto per garantire un servizio di sostegno socio psico pedagogico e un processo di familiarizzazione, termine che si preferisce ad alfabetizzazione, per bambini ed adolescenti di recente immigrazione, così da favorire forme di parità e di integrazione linguistica e culturale. Per una pura casualità l intervento progettuale si è inserito nei mesi in cui veniva a mancare, perché non rifinanziato, nelle scuole di Ragusa e Santa Croce Camerina, l equipe socio-psico-pedagogica. Pertanto il lavoro delle operatrici Caritas, inizialmente pensato come affiancamento e completamento rispetto a quello dell equipe, si è rivelato sostitutivo o, come ha detto un dirigente scolastico, una vera e propria ancora di salvezza per le scuole interessate dal progetto rotariano. Presso l'istituto Comprensivo G. Pascoli di Ragusa il lavoro di mediazione linguistica e culturale ha riguardato 6 alunni (3 alla primaria e 3 alla secondaria di primo grado, tutti di seconda media). Le nazionalità erano rumena, albanese, marocchina e dominicana. Si trattava di alunni 18

19 stranieri arrivati da poco in Italia che si trovano ad un livello principiante e A1 del portfolio europeo delle lingue. Per gli alunni della seconda media è stato programmato un piano didattico personalizzato per favorire il loro inserimento in classe e per permettere loro di comprendere e utilizzare un lessico base, o quantomeno più comune, e padroneggiare le strutture morfo-sintattiche della lingua italiana. Per svolgere l attività didattica è stato seguito il programma per alunni non italofoni che è stato fornito alla mediatrice dai docenti di italiano. Le ore a disposizione si sono rivelate poche, soprattutto se raffrontante ai problemi già ipotizzati in fase progettuale e confermati dall operatrice Caritas. Si è scelto di lavorare su alcune difficoltà che gli stranieri spesso incontrano nella lingua italiana: l utilizzo delle doppie (problema molto comune per rumeni ed arabi poiché, nelle loro lingue, la doppia consonante è fenomeno assente o comunque molto raro), la pronuncia e anche le differenze e il significato delle parole con la doppia consonante o meno, sulle congiunzioni, sulla coniugazione dei verbi regolari e irregolari, i tempi (passato, presente e futuro), gli ausiliari, i pronomi combinati, anche attraverso la lettura di brani, la produzione scritta e gli esercizi sui vari argomenti svolti. Con l alunno di nazionalità marocchina (frequentante la quinta elementare) si è lavorato sull uso degli articoli, sulla coniugazione dei verbi al passato, presente e futuro, sulla lettura e sul dettato. Un buon lavoro è stato svolto anche su due alunni in seconda elementare che hanno dimostrato maggiore voglia di interagire e conoscere. Non si può nascondere, tuttavia, che gli alunni presentano ancora grosse difficoltà di apprendimento. In definitiva, il tempo a disposizione per la mediazione è servito, purtroppo, soltanto per un introduzione rispetto alle esigenze e quindi il vantaggio che ne hanno tratto gli alunni è stato, per forza di cose, limitato. Si avverte sicuramente il bisogno di una figura alla quale rapportarsi con fiducia, con la quale costruire un percorso didattico più completo e che quindi li segua più a lungo e a più lungo termine. Per quanto maestre e professoresse, per i casi di competenza, abbiano svolto un lavoro egregio, avendo peraltro classi intere che, come è normale, assorbono già tutta la loro attenzione, essere accompagnati in questo percorso da una persona esterna che non sia lo stesso docente scolastico è fondamentale per gli alunni stranieri, anche per fornire loro stimoli e guide con metodologie adatte ad un percorso sia didattico che comportamentale. L intervento psicologico è stato rivolto ad un gruppo classe di prima media, formato da 18 alunni, 9 maschi e 9 femmine, segnalato da docenti della scuola. Il motivo della segnalazione è inerente a problematiche comportamentali dell intero gruppo classe. L intervento è stato svolto in maniera congiunta tra la 19

20 psicologa e la pedagogista. L atteggiamento dei ragazzi e dei docenti nei confronti dell intervento e dell operatore durante gli incontri è stato di disponibilità, apertura e collaborazione. Sono stati svolti sei incontri con il gruppo classe durante i quali sono emerse le difficoltà riscontrate dai membri del gruppo, è stato sostenuto il processo di consapevolezza, la verbalizzazione e gestione delle emozioni, il confronto e la condivisione, l educazione al dialogo e al rispetto reciproco, la gestione del conflitto, l individuazione di strategie funzionali alla risoluzione dei problemi. L osservazione diretta delle dinamiche intercorse fra gli alunni ha contribuito a restituire in modo più concreto il quadro problematico di una classe nella quale emergono fenomeni di aggressività verbale e non, scarsa scolarizzazione, incapacità di riconoscere i ruoli, episodi di bullismo, forte conflittualità. Attraverso dinamiche strutturate si è pertanto fatto prendere consapevolezza, all intera classe, dei disagi che il gruppo vive, e si è offerta la possibilità di gestire gli eccessi mediante un regolamento (con relativi premi e sanzioni) stabilito dagli alunni stessi. La gestione degli incontri, avvenuti sempre mediante il metodo del circle time, ha fatto riscontrare non poche difficoltà nella comunicazione e nella capacità di ascolto, che in molti casi hanno anche inficiato la buona riuscita delle attività. Durante gli incontri, comunque, i ragazzi hanno stilato un regolamento interno di classe e stabilito sanzioni e premi per le relative norme comportamentali. Si sono svolti, anche se non previsti nel progetto, due incontri di cui uno con i docenti, come momento di condivisione delle difficoltà riscontrate nella gestione del gruppo classe ed individuazione di strategie funzionali per la relazione educativa, l altro con i genitori, come momento di confronto e condivisione delle difficoltà riscontrate nel ruolo genitoriale in rapporto alla fase evolutiva adolescenziale dei propri figli ed individuazione di strategie funzionali per la relazione educativa. Presso la scuola elementare l intervento è stato rivolto a due bambine segnalate dalle maestre. In un primo caso la segnalazione era inerente a problematiche comportamentali. Per il secondo caso la segnalazione era inerente a difficoltà presenti nell andamento scolastico. Per ciascuno dei due casi sono stati effettuati due incontri di osservazione in cui si è osservato il comportamento della bambina in classe durante le ore di lezione e 4 incontri individuali in cui è stata sostenuta l autostima e la sfera affettiva tramite identificazione, riconoscimento, verbalizzazione e gestione delle emozioni. Durante gli incontri si è dato spazio anche all ascolto delle difficoltà riscontrate dalle maestre referenti nella relazione con la bambina e al termine dell intervento sono state fornite alle insegnanti indicazioni nella gestione della relazione educativa attraverso un rinforzo delle modalità educative funzionali già presenti e la modifica di quelle disfunzionali. L atteggiamento delle bambine e delle maestre referenti nei confronti dell operatore durante gli incontri è stato di estrema disponibilità, apertura e collaborazione. 20

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci

RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci di Sorbolo-Mezzani a.s. 2013-2014 PREMESSA Essere alfabetizzati nella nostra lingua costituisce un buon indicatore,

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE-

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE- 13 ISTITUTO COMPRENSIVO "Albino LUCIANI" RIONE GAZZI FUCILE - 98147 MESSINA (ME) Codice Fiscale 80007440839 - Codice Meccanografico MEIC86100G Telefono 090687511 - Fax 090680598 - E-Mail: meic86100g@istruzione.it

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli