Esaù, Giacobbe e altro. Modelli biblici nelle opere di Italo Svevo.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esaù, Giacobbe e altro. Modelli biblici nelle opere di Italo Svevo."

Transcript

1 Gabriele Antonini Esaù, Giacobbe e altro. Modelli biblici nelle opere di Italo Svevo. La bibliografia sveviana ha spesso ragionato con scrupolo sull'importanza delle origini ebraiche di Ettore Schmitz nella sua produzione letteraria 1 ; il dibattito critico in proposito ebbe inizio con il celebre saggio di Debenedetti intitolato Svevo e Schmitz, datato 1929, nel quale il critico e scrittore piemontese notava come nei personaggi sveviani ritroviamo, accennati, i segni fisionomici di quell astratto individuo psicologico, che per essere astratto non è meno cocente e vivo, delineato da Otto Weininger in Sesso e carattere, sotto il nome di ebreo (1945, 84) 2. In seguito a questo contributo si è venuta a creare un animata controversia critica sul tema; in questa sede ci limiteremo a ricordare le parole di Eugenio Levi che ha notato come questo tipo d Ebreo che inconsciamente si adombra nell eroe dei tre romanzi che Svevo ha scritto, rispettivamente, nel 1892, nel 1898 e nel 1923, va cercato fra gli Ebrei moderni d Occidente, quali tanti secoli di dispersione li hanno foggiati. [...] Non pare del tutto privo di fondamento il sostenere come qualcuno ha sostenuto che Israele non sia mai stato col suo tempo. [...] Del resto, anche se l Ebreo lo volesse, non potrebbe cancellarsi. Se pur gli riuscisse di camuffarsi del tutto da Ariano, la sua vecchia anima ebraica [...] l andrebbe a cercare. Ma altro è il non voler essere cancellati, e altro è aspirare a essere accolti per quel che si è nel grembo della società dei connazionali, senza sottintesi e senza riserve, da pari a pari. Ed è proprio questo il dono che a questi Ebrei è mancato. Non è mai venuta meno negli altri la tendenza a considerarli come dei diversi. [...] Ed è proprio questo il doloroso momento dell anima ebraica che affiora senza che bene lo scrittore se ne renda conto nella pagina di Svevo (1964, ). Se, come si può dedurre da questi pochi esempi, numerosi studi hanno indagato a fondo la questione del ruolo giocato dalle origini ebraiche del romanziere triestino all interno della sua produzione, con molta meno attenzione la critica ha invece cercato di capire se la conoscenza dei testi biblici del romanziere triestino possa aver lasciato degli echi nei suoi scritti. Tale aspetto ci pare di particolare interesse anche perché, non va dimenticato, il padre di Svevo ricopriva un ruolo di spicco all interno della comunità giudaica triestina; accettò infatti l elezione a Hatan Bereschit, che è una delle più importanti cariche ricoperte nel Tempio: l espressione significa sposo del principio, della genesi e indica una persona qualificata e autorevole, designata a leggere l inizio del Pentateuco (Camerino 1981, 2) 3. 1 A tal proposito rimandiamo al capitolo Italo Svevo scrittore ebraico in Camerino 1994 e al lavoro di De Angelis Vale forse la pena ricordare il profilo dell ebreo che Debenedetti ricava a partire dagli scritti di Weininger: L ebreo sarebbe dunque un diseredato di ogni felice istinto del vivere e privo di abbandono, a paragone con il tipo antitetico dell ariano; inoltre una instabile molteplicità del fondo morale lo renderebbe plastico, disponibile e deformabile a tutti gli urti; femminilmente passivo, come dice il Weininger, che alla donna nega, come si sa, immaginazione, intelligenza creatrice e moralità. Il personaggio che avevamo trovato nei romanzi di Svevo non è evidentemente lontano di qui (Debenedetti 1945, 85). 3 Il fatto è riportato da Elio Schmitz in un suo appunto di diario datato 27 settembre 1880: Papà fu eletto a Hadan Bereschid (sic) (Maier 1973, 237). 1

2 Tale situazione, quella di essere di origini ebraiche e per giunta figlio di un importante esponente della sinagoga triestina nonché lettore dei testi sacri, ci spinge a postulare una conoscenza sicuramente approfondita della Bibbia da parte di Svevo e ci induce a sospettare che tale competenza possa aver lasciato delle tracce nelle opere di Ettore Schmitz. Cercheremo quindi in questo lavoro di riflettere su alcuni passi dell autore triestino in cui è possibile ipotizzare un prelievo di elementi tratti dalla Sacra Scrittura. Abbiamo deciso di suddividere questo catalogo in due sezioni: una prima costituita da brani sveviani in cui il riamando a passi biblici o è manifestamente dichiarato oppure è così evidente da sottintendere la volontà dell autore di rendere esplicita la propria fonte; una seconda, invece, che comprende testi in cui il prelievo biblico viene investito da un processo di rielaborazione creativa che rende meno evidente la sua riconoscibilità. 1. Cominciamo con la famiglia dei richiami espliciti; il primo testo che prendiamo in esame, La corruzione dell anima, è uno scritto, a metà tra il saggio e l apologo, di difficile datazione, forse elaborato tra 1919 e , in cui Svevo propone un originale visione della nascita e dello sviluppo dell umanità: Il signor Iddio aveva conchiusa la sua opera di creazione. Stancatosi dall immane lavoro riposò dopo di aver detto: Io riposerò ma la creazione continuerà a ricreare se stessa. Io diedi all essere animato un anima e questa continuerà la mia opera (Svevo 2004c, 884). Sono due gli spunti che emergono dall analisi di queste poche righe. Innanzitutto il lapidario incipit che chiama direttamente in causa il Padre Eterno, elemento questo per nulla inusuale nella produzione sveviana: si possono ricordare in proposito l esordio di una delle favole dell autore triestino scritte nel dicembre 1897 Il signor Iddio si fede socialista (Svevo 2004b, 653) o alcuni frammenti narrativi Il padre eterno ebbe un giorno di buon umore e disse: Voglio liberare i cosidetti diseredati (Svevo 2004b, 774); Il Signore aveva finita l opera di creazione. Dichiarò agli animali che li lasciava liberi di scegliersi l elemento in cui volevano vivere (Svevo 2004b, 776) 5, a conferma di un certo interesse da parte di Svevo per apologhi di oggetto religioso seppur animati da uno spirito palesemente laico. L altro aspetto che richiama l attenzione del lettore è, ovviamente, l esplicito rimando all episodio biblico della Creazione. Ciò che colpisce è il contesto in cui tale riferimento viene calato; proseguendo con l analisi del testo si legge infatti: Le grandi e le piccole anime gridavano malcontente degli organismi in cui erano state rinchiuse e subito risultò che l anima era in primo luogo malcontento [ ]. E lentamente causa tale malcontento l organismo si trasformava accordando all anima brevi intervalli di soddisfazione. Ma non da tutti gli animali il processo continuò. Intanto qualcuno di essi appena uscito dalle mani del Creatore, proprio come era, [ ] s accontentò e si sprofondò nell acqua, nel fango o nell aria e si disse soddisfatto. Da lui col malcontento l anima era perita e continuò a vivere ma della vita più bassa non conoscendo che l assimilazione e la riproduzione e perdette la vita intensa, quella che segna il tempo. Rimase identico a se stesso definitivamente cristallizzato. 4 Per ciò che concerne la datazione del testo si veda la nota introduttiva di Federico Bertoni (Svevo 2004c, ). 5 All interno di questi scritti raccolti sotto il nome di Frammenti è possibile individuare un altro manifesto rimando ai Testi Sacri e in particolare al Libro di Gioele 4, 2-12: Nella valle di Giosafatte fu fatto il processo all uomo e si chiamarono a dire il proprio parere quali testimoni tutti gli animali (Svevo 2004b, 776). La medesima immagine ricorre anche in un giovanile articolo sveviano, Un individualista, pubblicato nell Indipendente il 20 ottobre 1886: I giudici della posterità hanno ad avere, se il desiderio di tutti quelli che l invocano si compie, l intelligenza che i nostri antenati attribuivano ai giudici della valle di Giosafat (Svevo 2004c, 1038). 2

3 Gli altri esseri intanto erano saturi di anima e di malcontento. Ma pochi fra loro seppero indefinitamente conservarla. Perché il successo è un gran seduttore. Certi animali crearono potenti organi d offesa, zanne, artigli e corna, altri per assaltare o per difendersi si fecero velocissimi e appresero anche a volare. Alcuni resistettero al freddo costruendosi delle pellicce sufficienti mentre altri seppero sfuggire i tempi freddi emigrando ad ogni mutamento di stagione (Svevo 2004c, ). Lo sfondo su cui si colloca il testo in questione è chiaramente di natura darwiniana (nelle righe successive a quelle da noi riportate farà la sua comparsa anche il malcontento e torvo uomo ): è però paradossale che questa rivisitazione delle teorie del padre dell evoluzionismo prenda le mosse da una riproposizione in chiave ironico-parodica del racconto della Creazione; molto pertinente in proposito ci pare il commento di Giuliana Minghelli: Here Svevo parodically combines the oldest story of origin the book of Genesis with its modern day counterpart the Darwinian theory of evolution in order to tell a secularized myth of a weak humanity that survived and put a strong claim on the future precisely by resisting the demands of nature (2002, 18-19). Ci pare emerga in maniera evidente da queste parole il modo di procedere di Svevo: l autore attinge al materiale delle Sacre Scritture non limitandosi a servirsene come fonte, ma lavorando su di esso, modificandolo, finanche intrecciandolo con altre teorie, giungendo così alla realizzazione di un nuovo testo che esige però per la sua piena comprensione il riconoscimento del materiale iniziale su cui è costruito 6. Quel che risulta da quest unione sincretica tra una visione del mondo (la teoria creazionista) e il suo opposto (l evoluzionismo) è il profilo di un autore che, per usare le parole di Montale, riflette al pari di pochissimi altri gli impulsi e gli sbandamenti dell anima contemporanea (Montale - Svevo 1966, 93). Proseguiamo ora con la proposizione di passi sveviani in cui è individuabile un esplicito riecheggiamento della Bibbia e ci soffermiamo in particolare sulla produzione sveviana posteriore alla Coscienza, nella quale ci pare di poter rilevare una più fitta occorrenza di episodi in cui si fa riferimento apertis verbis alle Sacre Scrittura. Una burla riuscita, racconto dal forte sapore autobiografico pubblicato per la prima volta nel 1928 su Solaria, ha come protagonista Mario Samigli 7, un letterato quasi sessantenne (Svevo 2004b, 1999) autore in gioventù di un romanzo, Una giovinezza, rimasto senza fortuna. Trovato un lavoro come impiegato, Mario continua a coltivare la sua passione per la letteratura che si manifesta nella produzione di brevi favole aventi come protagonisti dei passeri. La vita tutto sommato serena e tranquilla del Samigli, vissuta al fianco del fratello gottoso Giulio, viene sconvolta dal raggiro ordito ai suoi danni dal Gaia, commesso viaggiatore anch esso tentato in gioventù dalla letteratura, che lo illude di aver trovato un editore disposto a tradurre il suo romanzo in tedesco. Inizia così una finta contrattazione che termina con la vendita dei diritti di Una giovinezza per duecentomila corone; l assegno viene depositato in banca da Brauer, capoufficio e amico di Mario, che, su consiglio del cassiere, si garantisce il cambio della giornata. A questo punto la novella diviene la cronaca di un lungo periodo 6 Per ciò che concerne l opera in questione nel suo complesso, condivisibile ci pare il commento di Maxia: Egli svolge alcune considerazioni sull evoluzionismo che costituiscono un significativo esempio di trasformazione dall'interno in senso vitalistico-misticheggiante del discorso evoluzionistico. Le sue riflessioni si aggirano [ ] intorno ad una tipologia metafisica, nell ambito della quale il movimento è già dato, preesistente alla storia (1971, 97). 7 A sottolineare il fatto che la storia del protagonista del racconto è ispirata all esistenza del nostro autore basti ricordare che Samigli è uno dei nom de plume utilizzati da Ettore Schmitz. Lo stesso Svevo non ha fatto mistero del carattere autobiografico del racconto; nella lettera che il 2 giugno 1927 Svevo inviò al Paul Henri Michel, il traduttore in francese della Coscienza di Zeno per l editore Gallimard, possiamo leggere: Proprio mi sembra di essere divenuto Mario Samigli. Sogno di quel redoutable M. Gallimard che mandò a quel paese me e il mio romanzo, visto che neppur con un rigo prese mai l impegno di pubblicarlo (Svevo 1966, 857). 3

4 di trepidante attesa da parte di Mario che si concluderà con la tremenda scoperta della burla; il finale riserva comunque un lieto fine per il Samigli: in seguito al crollo di valore della moneta austriaca e grazie alla cautele sul cambio prese da Brauer, il protagonista del racconto sveviano guadagna settantamila lire che garantiscono a lui e al fratello una vita agiata. Ora noi ci soffermiamo sull episodio in cui il Samigli, il Gaia e il finto rappresentante dell editore Westermann si riuniscono intorno al tavolo per trattare le clausole della vendita del romanzo; nel giro di poche pagine troviamo per due volte ripetuto un riferimento, a metà tra il proverbio e la citazione, ad un celeberrimo episodio della Genesi: Il Gaia, Mario e il rappresentante di Westermann furono tanto puntuali che si trovarono insieme alla porta del caffè. Vi si trattennero parecchio perché vi costruirono una piccola torre di Babele (Svevo 2004b, 229). Attorno al tavolo, nel caffè a quell ora deserto, ci fu ancora un po di torre di Babele (Svevo 2004b, 231). Come si è detto in precedenza, il rimando è forse poco rilevante in quanto più vicino alla tradizione del motto popolare che a quella biblica; è tuttavia bene ricordare che, per quanto detto in apertura di queste riflessioni, è molto probabile che Svevo, riproponendo la forma proverbiale, avesse ben presente anche il significato profondo del passo veterotestamentario a cui tale detto rimanda. In questo senso potrebbe essere significativa la parziale inibizione alla comunicazione che colpisce Mario in seguito a questo incontro: l illusione della pubblicazione crea infatti numerosi problemi nei rapporti con il fratello Giulio e sta all origine di un blocco creativo del protagonista del racconto che cessa la produzione delle sue favole; va poi notato che, proprio come nel racconto biblico, i protagonisti di questa nuova Babele verranno dispersi per il mondo: conclusasi la guerra, il finto rappresentante di Westermann tornerà in Austria mentre il Gaia sarà per lungo tempo assente da Trieste a causa delle numerose visite ai suoi clienti dell Istria vicina (Svevo 2004b, ). Lasciamo Una burla riuscita e concentriamo le nostre attenzioni su Corto viaggio sentimentale: questa lunga novella (Svevo, in una lettera a Marie Anne Comnène, moglie di Benjamin Crémieux, la definì lunga come una serpe lunghissima, 1966, 768), probabilmente cominciata nel 1925 e rimasta incompiuta, è il resoconto del viaggio in treno da Milano a Trieste effettuato dall anziano protagonista del racconto, il signor Giacomo Aghios. Molto sommariamente il contenuto del racconto è il seguente: il signor Aghios, dopo aver salutato la moglie alla stazione, lascia Milano con una cospicua somma di denaro, trentamila lire, ben custodita nella tasca interna della sua giacca. Il viaggio assume agli occhi del protagonista i contorni della fuga dal soffocante mondo familiare. Il narratore commenta infatti: Il signor Aghios aveva bisogno di vita e perciò viaggiava solo. Si sentiva vecchio e ancora più vecchio accanto alla vecchia moglie e al giovane figliuolo. [ ] Ogni malessere che sentisse il signor Aghios lo diceva vecchiaia ma pensava che una parte di tale malessere gli venisse dalla famiglia. Sta bene che vecchio come ora egli non era mai stato, ma mai s era sentito oltre che vecchio anche tanta ruggine. E la ruggine proveniva sicuramente dalla famiglia, l ambiente chiuso ove c è muffa e ruggine (Svevo 2004b, 504). Nel corso di questo viaggio si susseguono diversi incontri, che rappresentano una divertita, ironica e affettuosa rappresentazione dei tipi umani (Maier 1961, 156): possiamo ricordare ad esempio il ragioniere Ernesto Borlini, ispettore viaggiante di una società d Assicurazioni, il giovane biondino Giacomo Bacis, che intrattiene a lungo il signor Aghios con il racconto delle sue vicissitudini amorose, e il vigoroso e forte gondoliere Bortolo. La narrazione si interrompe nel 4

5 momento in cui il protagonista si accorge di essere stato derubato di parte del denaro che portava con sé. Anche all interno di questo testo possiamo notare un evidente richiamo a un episodio biblico; ci troviamo nel tratto di viaggio tra Verona e Padova e nel mezzo della conversazione tra il signor Aghios e il ragioniere Ernesto Borlini. Quest ultimo sta descrivendo la stravaganza del suo figlio minore, Paolo detto Paulucci; le bizzarrie del fanciullo colpiscono molto il protagonista del testo in questione che non esita a definirlo il suo vero fratello (Svevo 2004b, 544) 8. Tra le varie stramberie riportate dal personaggio nella sua narrazione abbiamo la seguente: Mentre il suo fratellino maggiore camminava sicuro attaccato alla mano del padre, Paulucci si faceva sempre trascinare. Era come la moglie di Lot e guardava dietro a sé. Certo per vedere più a lungo le cose (Svevo 2004b, 544). Il rimando all episodio della Genesi è anche in questo caso evidente; tuttavia l interpretazione di tale richiamo non ci appare di immediata comprensione. Tradizionalmente il voltarsi indietro della moglie di Lot viene letto come simbolo della forza devastante e distruttiva del rimpianto; in questo contesto tale genere di esegesi non ci pare però calzante: non ci sono motivi infatti per interpretare come modello negativo il personaggio del piccolo Paulucci che anzi, come sottolineato in precedenza, suscita nel vecchio Aghios un sentimento di fratellanza spirituale. Per giungere alla corretta lettura del richiamo biblico vale forse la pena di porre attenzione a un altra figura infantile presente nel racconto sveviano; poco prima della partenza da Verona fa la sua comparsa nella carrozza una coppia di contadini che porta con sé la piccola figlia, la quale, alla partenza del treno, comincia a mostrare una certa agitazione: Il treno correva da una decina di minuti e la fanciullina si guardava intorno come se cercasse qualche cosa. Poi si piegò sul grembo della madre e mormorò: Mama, voio veder (Svevo 2004b, 540). A questo punto il signor Aghios non esista a concedere alla fanciulla il suo sedile a fianco del finestrino; lo stato d'animo della piccola tuttavia non muta neppure in seguito al cambio di posto: La piccina guardò la campagna che fuggiva e per qualche minuto stette silenziosa. Poi aderì con tutta la faccia al vetro e il signor Aghios sorrise perché intese che faceva così per vedere meglio. Indi si volse al padre piagnucolando: Mi voria veder. E no ti vedi? domandò il padre stupito. Mi no che no vedo! esclamò la fanciulla e volse alla madre i chiari occhi resi anche più chiari dalle lacrime che cominciavano a formarvisi. La madre accorse e sedette fra il padre e la bambina così che il signor Aghios dovette spostarsi ancora una volta per fare luogo, fatica che gli fu resa più facile da un cordiale: El scusa tanto! del contadino, mentre il Borlini lanciava un biasimo parlante traverso ai suoi occhiali. La madre domandò: Ma coss ti vol veder? No ti vedi tuto? La fanciullina scoppiò in pianto: No vedo el treno. Il Borlini scoppiò in una risata e i genitori risero anche loro un po imbarazzati dalla bestialità della figliuola. Il solo Aghios fu commosso. Egli solo sentiva e sapeva il dolore di non poter vedere se stesso come viaggiava (Svevo 2004b, 541). I due episodi, quello del piccolo Paulucci e della bambina veneta, sono in stretta relazione 8 Nel giro di poche righe Paulucci viene definito: suo vero fratello, fratello suo e caro, piccolo fratellino (Svevo 2004b, ). 5

6 tra loro: oltre ad avere entrambi come protagonisti due fanciulli, infatti, sono anche costruiti intorno al medesimo tema di fondo, l azione del vedere, già parzialmente introdotto al momento della partenza da Milano quando il signor Aghios si incanta a guardare il fumo che denso usciva dal camino di una locomotiva (Svevo 2004b, 511). È questo l'elemento che spinge i due giovani protagonisti verso quei comportamenti che agli occhi degli altri personaggi sembrano tanto ridicoli e che invece suscitano la commozione dell anziano protagonista del racconto 9. Tenendo presente questa considerazione, ci pare di poter affermare che il rimando all episodio biblico della moglie di Lot vada letto proprio alla luce dell importanza decisiva che il tema della vista ha all interno di Corto viaggio sentimentale; in questo senso riteniamo condivisibile l interpretazione che Caterina Verbaro dà del personaggio di Paulucci: Il racconto che il padre fa del bambino si costruisce significativamente attorno al topos dello sguardo distorto [ ]. Egli diventa per Aghios l alfiere del vedere ciò che è in ombra, portatore di un punto di vista straniato e fantasioso e, per ciò stesso, analitico e capace di vera conoscenza (2009, 109). Questo aspetto è molto significativo all interno della costruzione del racconto; prima dell inizio dell itinerario in treno il narratore aveva commentato: In viaggio bisognava conquistarsi degli amici perché altrimenti si percorre questa terra ch è la vera, la grande nostra patria col cipiglio dello straniero (Svevo 2004b, 508); ora, anche alla luce del riferimento al passo biblico di Lot, la scelta del signor Aghios è evidente: la sua amicizia va a tutti coloro che sanno guardare il mondo con uno sguardo originale. Possiamo quindi concludere che Svevo si serve in maniera faziosa della fonte biblica a cui fa riferimento: l allusione al testo della Genesi viene svuotata del suo significato morale e viene invece isolato all interno della narrazione biblica un unico particolare, quello della vista (peraltro sottolineata dalla frase riferita a Paulucci che chiude l episodio: Certo per vedere più a lungo le cose ), che viene assunto come elemento simbolo dell episodio veterotestamentario e come connotato predominante del piccolo Paulucci e dei personaggi che, come lui, hanno di tali rane (Svevo 2004b, 543), la figlia dei contadini e lo stesso signor Aghios. Continuiamo la nostra breve rassegna di tessere bibliche riecheggiate da Svevo prendendo in considerazione l'episodio che apre il Libro primo dei Re: Il re Davide era vecchio e avanzato negli anni e, sebbene lo coprissero, non riusciva a scaldarsi. I suoi ministri gli suggerirono: Si cerchi per il nostro re una vergine giovinetta, che assista il re o lo curi e dorma con lui; così il re nostro signore si scalderà. Si cercò in tutto il territorio di Israele una giovane bella e si trovò Abisag da Sunem e la condussero al re. La giovane era molto bella; essa curava il re e lo serviva, ma il re non si unì a lei (1Re 1, 1-4). Questo passo viene ricordato da Svevo in tre diverse sue opere, La novella del buon vecchio e della bella fanciulla, Corto viaggio sentimentale e La rigenerazione: E il terzo pensiero importante ch ebbe il vecchio sentendosi deliziosamente colpevole e deliziosamente giovane fu: La gioventù ritorna. L egoismo del vecchio è tanto grande che il suo pensiero non resta attaccato all oggetto del suo amore neppure per un istante senza ritornare subito a vedere se stesso. Quando vuole una donna ricorda re Davide che dalle giovinette si aspettava la gioventù (Svevo 2004b, 446). 9 A proposito di Paulucci rammentiamo anche questa frase del padre: Vedeva tutte le cose che non importavano, le automobili che passavano lontane e non quelle che minacciavano di schiacciarlo, e il palazzo alto e non la pietra su cui incespicava (Svevo 2004b, 542). 6

7 Oggidì era acquisito dalla scienza che le giovani e belle donne erano più necessarie ai vecchi che ai giovani. Naturalmente, oltre che la sorpassata legge morale perché a questa necessità sia corrisposto c era l ostacolo che anche alle giovani e belle donne era concessa la libertà di disporre di sé. Forse contro ogni giustizia perché per la loro giovinezza e per la loro bellezza esse alla libertà non sono preparate. Oggetti troppo preziosi, venivano distribuiti anche più ingiustamente dell oro stesso. Si conquistavano anche con un paio di mustacchi bene impomatati. Ai vecchi non si concedevano che in casi rarissimi: Gerontomania. Ma se si confermava quello che Woronoff e Stirnach asserivano? Meglio di loro sarebbe servita a ridestare nei vecchi organismi la memoria, l attività, la vita, una bellissima fanciulla o, più precisamente, una bellissima fanciulla alla settimana. Già i vecchi ebrei pensavano così e per tenere in vita re Davide, gli offersero una bella fanciulla. Ma egli non volle toccarla e dovette miseramente perire (Svevo 2004b, ). Tante volte i vecchi maiali hanno ragione. Nella mia lunga vita io l ho osservato. Il vecchio casto invece è più vecchio del vecchio maiale. Con te io sto splendidamente bene. (Stirandosi.) Gli ebrei diedero una donna al re Davide. Il quale non la volle e per questo perì miseramente (Svevo 2004c, 728). Il fatto che il medesimo passo biblico venga ripreso da Svevo in tre suoi lavori è cosa di per sé singolare, a conferma di un particolare interesse che l episodio deve aver suscitato nell immaginazione dell autore triestino. Le particolarità però non si limitano a questo; se si considera la trasposizione che viene fatta del racconto biblico nella Novella ci si accorge che essa si discosta in maniera significativa da quella degli altri due testi e dalla stessa narrazione veterotestamentaria: Svevo afferma, infatti, che era re Davide che dalle giovinette si aspettava la gioventù mentre nell episodio biblico sono i servitori del re a procurargli una fanciulla che si curi di lui e il re non ha con lei rapporti sessuali (cosa che nel testo sveviano non viene affermata ma a cui, velatamente, si allude). Come sono da interpretarsi tali discrepanze? Giuseppe Langella, a proposito della relazione che il sessantasettenne Zeno intrattiene con la ventiquattrenne tabaccaia Felicita nel Mio ozio, uno dei testi che compone la costellazione delle Continuazioni alla Coscienza di Zeno, commenta molto giustamente: L amore, dunque, viene piegato essenzialmente a una funzione di profilassi, fa parte integrante di un sistema preventivo di misure igieniche col quale Zeno cerca di resistere all invecchiamento, parandone i colpi e mitigandone, per quanto possibile, le conseguenze (1995, 133). E allargando il discorso agli altri testi dell ultimo Svevo in cui si riflette sull amore senile aggiunge: Per rendere ancora più casto e morale - o santo addirittura l uso geriatrico dell eros, Svevo ricorre persino a una citazione biblica autorevole e nobilitante, in cui peraltro le sue radici ebraiche, sempre più sotterranee nella sua opera, vengono inaspettatamente allo scoperto, come a dire, insomma, che tutta la sua cultura concorre a incanalare l esperienza senile dell amore in una prospettiva salutare. [ ] È sintomatico, del resto, che questo riferimento biblico torni anche, con singolare insistenza, nella Novella del buon vecchio e della bella fanciulla, nella Rigenerazione e in Corto viaggio sentimentale, gettando un ulteriore luce chiarificatrice se ce ne fosse bisogno sulla natura igienica del rapporto di Zeno con la tabaccaia (1995, ). Se ne deduce che questi personaggi sveviani vivono l amore per fanciulle più giovani di loro 7

8 come una pratica medica preventiva necessaria per tenere lontana la malattia della vecchiaia: è questa, quindi, la chiave di lettura attraverso la quale deve essere interpretato il riferimento biblico presente nelle opere dell autore triestino, nel quale i servi di Davide proponevano la vicinanza a una giovinetta come possibile cura alla sempre più prossima morte del re 10. Se è vero che questo tipo di lettura si adatta perfettamente a Corto viaggio sentimentale e a La rigenerazione (e forse spiega anche la secca conclusione che contraddistingue le due narrazioni: in entrambi i casi si dice che re Davide perì miseramente, volendo probabilmente porre l accento sugli eventi devastanti che possono derivare dal non seguire la cura indicata), testi nei quali la natura medica degli episodi è sottolineata dal riferimento alle ricerche di endocrinologia di Voronoff e Steinach volte a restituire energia agli organismi anziani mediante l innesto testicolare, ci pare che però abbia una minore attinenza con la narrazione della Novella, e, forse, a partire da questo elemento, possiamo provare a dare ragione delle discrepanze che abbiamo rilevato nella trasposizione dell episodio biblico inerente al re Davide. Giorgio Bárberi Squarotti ha giustamente fatto notare che il tema della Novella è, senza troppi infingimenti e tentativi di nascondere la verità del fatto o, almeno, di attenuarne la crudezza, quello del rapporto amoroso fra il vecchio e la giovane subito disponibile (Bárberi Squarotti 1994, 451). Il carattere del buon vecchio è quindi ben diverso da quello del signor Aghios e di Giovanni Chierici: il protagonista della Novella non si avvicina alla bella fanciulla con l intento medico di tenere lontana da sé la vecchiaia ma il suo comportamento è piuttosto guidato da un autentico impulso erotico. Guido Baldi ha ben sottolineato come dal fitto gioco che si instaura tra personaggio e narratore risulti che le giustificazioni avanzate dal vecchio per spiegare il suo approccio alla giovane alla guida del tram altro non siano che tentativi di nobilitare il semplice desiderio sessuale (2009, 68-69) 11. Così, ad esempio, quando il protagonista ipotizza che il suo impulso sia dettato dall occhio infantile della giovinetta (Svevo 2004b, 446) il narratore non esita a commentare: I vecchi quando amano passano sempre per la paternità e ogni loro abbraccio è un incesto di cui ha l acre sapore (Svevo 2004b, 446), ponendo in questo modo in primo piano la pulsione sessuale che guida il vecchio nelle sue azioni. Ancora più esplicita, se possibile, la confessione che il protagonista fa a sé stesso: Ecco una giovinetta ch io comprerò... se è in vendita (Svevo 2004b, 447). Guido Baldi sottolinea che da questi elementi traspare il cinismo del borghese che, spinto dal puro desiderio sessuale e da un egoistico bisogno di recuperare una vitalità perduta a causa della sottomissione di tutta la sua vita alla logica degli affari, valendosi della superiorità economica e sociale è pronto a sfruttare sessualmente la proletaria in situazione di indigenza, riducendola a merce da comprare (2009, 69). Se, come si è cercato di evidenziare, i motivi che muovono il vecchio sono da identificarsi nell attrazione sessuale che prova nei confronti della giovane, allora, a partire da questa constatazione, ci pare di poter dar ragione delle discrepanze che abbiamo rilevato a proposito della medesima citazione biblica nei tre testi a cui abbiamo fatto riferimento in precedenza: se in Corto viaggio sentimentale e in La rigenerazione l accento cade sul fine medico dell amore senile, nella 10 Il prologo tratteggia un immagine vivida del declino di Davide. Egli è costretto a rimanere a letto e a soffrire di gravi disturbi circolatori. La terapia proposta, cioè il contatto con il calore e la salute di una giovane vergine, è attestata anche nella letteratura medica del mondo greco. Anche la virilità del re è in questione: un re impotente sarebbe ritenuto non più adatto al governo. L osservazione laconica che il re non si unì a lei non è un commento sulla virtuosa continenza di Davide, ma una prova definitiva della sua infermità (Walsh-Begg 1997, 212). 11 In questo saggio Baldi sottolinea anche dal punto di vista formale gli aspetti peculiari che rendono La novella un unicum nel panorama della produzione sveviana. 8

9 Novella del buon vecchio e della bella fanciulla il nodo della questione si pone attorno al desiderio erotico del vecchio: per questo motivo l episodio biblico citato viene modificato, vengono esclusi dalla rievocazione i servi che proponevano a re Davide di unirsi ad Abisag per recuperare il suo calore e tutto il richiamo si avviluppa intorno all unico elemento funzionale alla narrazione, ovvero l amore tra un vecchio e una giovane. Non è un caso, inoltre, che nella Novella non si faccia riferimento alla morte di Davide: in questo caso non vi è alcun bisogno di sottolineare gli effetti che possono derivare dall astenersi dalla cura, e, al contrario, sarà proprio la relazione con la giovane a causare la morte del buon vecchio Passiamo ora alla seconda categoria di riecheggiamenti biblici a cui abbiamo accennato all inizio di questo studio e per farlo continuiamo a frequentare le pagine della Novella. Carlo Annoni, riflettendo sull'abitudine al bagno quotidiano (Svevo 2004b, 443) della bella fanciulla, ha avanzato questa ipotesi: L informazione viene infatti data troppe volte, in evidente spreco per le necessità diegetiche del testo, al punto da far nascere il sospetto, e più che il sospetto, di un allusione cifrata. Ci chiediamo: vorrà l'autore citare dal Libro di Daniele l episodio di Susanna al bagno o, detto più svevianamente e in accordo con una secolare tradizione, di Susanna e i vecchioni (da cui la filiazione del vecchione del quarto romanzo )? (Annoni 1993, 74-75). L ipotesi ci sembra stimolante e ci offre il destro per porre a fianco di questa tessera biblica un altra che può aver interagito con quella tratta dal Libro di Daniele nella composizione del personaggio della bella fanciulla. Si è riflettuto a lungo in precedenza sull episodio ricavato dal Libro primo dei re avente come protagonista Davide e inserito da Svevo all interno della Novella; può darsi che l insistenza con cui l autore triestino ricorda i bagni della protagonista femminile del racconto sia dovuta alla memoria anche di un altro passo biblico concernente l uccisore di Golia: Un tardo pomeriggio Davide, alzatosi dal letto, si mise a passeggiare sulla terrazza della reggia. Dall alto di quella terrazza egli vide una donna che faceva il bagno: la donna era molto bella di aspetto. Davide mandò a informarsi chi fosse la donna. Gli fu detto: "È Betsabea figlia di 12 Ricordiamo in conclusione che Clotilde Bertoni, in virtù di alcune discrepanze tematiche, strutturali e linguistiche contenute nel testo della Novella del buon vecchio e della bella fanciulla a confronto con le opere dell ultimo Svevo, tra cui anche le diverse modalità con cui viene riferito l episodio del Libro primo dei re, ha proposto di retrodatare il racconto e di collocarlo al tempo della composizione del terzo romanzo, o addirittura in epoca anteriore, intorno al 1919 (nel momento definito dal Profilo autobiografico di forte travolgente ispirazione ) (Svevo 2004b, 1151). Meno convincente risulta l interpretazione che la studiosa dà delle modalità con cui Svevo riporta l'episodio biblico, giustificate, ci pare di capire, con un difetto di memoria: L episodio è ricordato con maggiore precisione in Corto viaggio sentimentale [ ] e nella Rigenerazione (Svevo 2004b, 1158). Va poi segnalato che anche Gabriella Contini ha preso in considerazione, nelle sue riflessioni sull ultimo Svevo, questi riferimenti biblici, pur non soffermandosi sulle differenze: Vegliardo sottolinea una condizione umana che va oltre la vecchiaia, un territorio del tempo dove si procede a tentoni [...]. Alcune coincidenze con La novella del buon vecchio aiutano il lettore a definire meglio la sensazione iniziale di trovarsi di fronte a un vocabolo premeditatamente arcaico, dal gusto in qualche modo già noto, collegato ad altre situazioni già incontrate. La definizione buon vecchio, prima che il testo gratifichi il personaggio della sua perplessa ironia, lo relega in una remota e biblica solitudine. Dunque il vecchio partiva dal principio come la Bibbia ; [Il vecchio] quando vuole una donna ricorda il re Davide che dalle giovinette si aspettava la gioventù ; Dio mio! La Bibbia non è mica stata scritta invano! Doveva la gioventù obbedienza alla vecchiaia?. E il vecchione esala l ultimo anelito suo mentre stende le sue personali tavole della legge. Altre reminiscenze bibliche, più brutalmente desacralizzate nella Rigenerazione [...]. La parola patriarca circola indisturbata e inquietante per tutta l ultima opera di Svevo (1980, 24-25). Anche Giovanni Palmieri nella sua relazione Le sviste del buon vecchio nella novella sveviana della bella fanciulla tenuta nel corso del convegno oxoniense Italo Svevo and his legacy si è soffermato sul significato di questa citazione biblica all interno della novella sveviana. 9

10 Eliàm, moglie di Uria l Hittita". Allora Davide mandò messaggeri a prenderla. Essa andò da lui ed egli giacque con lei, che si era appena purificata dalla immondezza (2Sam 11, 2-4). Crediamo che sia possibile che il passo biblico segnalato da Annoni e quello che abbiamo noi qui sopra riportato, entrambi caratterizzati dalla presenza di una fanciulla nell atto di lavarsi, abbiano consuonato assieme come fonte della Novella: dal primo Svevo potrebbe aver ricavato il tema dell eros senile, dal secondo quello del rapporto sessuale consumato tra un uomo e una donna e da entrambi il motivo della fanciulla al bagno 13. Facciamo ora qualche passo indietro nella cronologia sveviana e spostiamoci all interno del racconto mutilo La buonissima madre. La breve narrazione tratta del matrimonio tra l ottima fanciulla (Svevo 2004b, 269) Amelia e il milionario (Svevo 2004b, 270) Emilio Merti, gravato da una zoppia causata si dice da una caduta dalle braccia della balia in seguito alla quale la sua gamba destra aveva cessato di crescere (Svevo 2004b, 271). Dall unione tra Amelia e Emilio nasce il piccolo Achille, anche lui afflitto dallo stesso problema anatomico del padre 14. L ultimo arrivato nella famiglia ha però vita breve e muore in seguito a un violento attacco di febbre; nel cuore di Amelia il posto lasciato vuoto da Achille viene presto occupato dalla piccola Bianca, una delle figlie del romano Carini, amico d affari del signor Merti venuto a soggiornare con tutta la famiglia per qualche giorno in casa di Amelia e Emilio. Anche questa maternità è però breve, in quanto Bianca dopo qualche tempo fa ritorno con i genitori a Roma; Amalia è tuttavia ben intenzionata ad avere della prole e a tal fine si concede segretamente al forte, bruno (Svevo 2004b, 276) signor Carini e da questa unione nasce la sanissima Donata. Ora, al fine del nostro studio a noi preme soffermarci sulla zoppia che affligge Emilio e il piccolo Achille: una fonte del peculiare marchio di famiglia può essere ricavata a partire dal nome del figlio della coppia protagonista del racconto, Achille, con un manifesto riferimento al tallone dell eroe omerico. A fianco di questa memoria esplicitata si può ipotizzarne anche una sottaciuta, quella al mito dello zoppo Edipo 15, peraltro evocato da un affermazione di Amelia riferita alla balia di Emilio che rimanda direttamente a uno degli episodi più noti della tragedia sofoclea: Oh! Se fossi stata sua madre pensò io le avrei strappati gli occhi (Svevo 2004b, 271). A questa coppia di rimandi di origine classica possiamo aggiungerne un altro, stavolta di natura biblica; dobbiamo anche in questo caso fare riferimento a un episodio del Libro secondo di Samuele: 13 Anche Langella ha proposto un ricco catalogo di passi sveviani che potrebbero nascondere una genesi biblica: Subito a inizio di capitolo, ci viene incontro una fantasia di Umbertino che palesemente rinvia alla decollazione del Battista [ ]. Inoltre, per una frase di Antonia, che dà fondo al proprio dolore di vedova, compiangendo la sua sventura enorme, la maggiore che sia mai toccata ad una donna, viene citato esplicitamente il libro di Giobbe. [ ] E non basta: la vicenda sentimentale così inconsueta di Antonia, la quale, innamoratasi di un uomo, dopo la sua tragica morte in guerra ne aveva sposato il fratello, e poi, perduto anche questo, il giorno stesso del funerale aveva ricevuto un indiretta proposta di matrimonio dal suo più fraterno amico, sembra ricalcata sul caso analogo, riferito dai sinottici, della donna che, rimasta vedova del primo marito, secondo quanto prescritto dalla legge mosaica, ne aveva sposato, uno dopo l altro, i sei fratelli. [ ] In un capitolo che prende le mosse proprio da un evento luttuoso (la morte di Valentino) può sorprendere, fra gli altri, un rimando all Apocalisse, che di tutti i libri della sacra scrittura è l escatologico per eccellenza? [ ] Nella Novella del buon vecchio e della bella fanciulla [ ] aveva citato il Siracide (3, 1-16) [...]. Nella scena culminante della Rigenerazione (II, XIV) [ ], in tema di tentazione era ricomparso l antico serpente dell Eden, in forma di braccio galeotto intorno alla vita della cameriera. Nel Mio ozio [ ] la stupida commedia che recitano Zeno e Misceli [ ] ricorda le reciproche cautele dei due anziani giudici del popolo che avevano tentato di insidiare Susanna (1995, ). Da segnalare anche l ipotesi di Giovanni Palmieri che ha proposto come ipotesto del finale della Coscienza di Zeno un passo dell Apocalisse (1997). 14 Facciamo notare che Svevo fa riferimento al tema della trasmissione ai figli di caratteri fisici acquisiti dai padri anche in uno breve testo autobiografico, La nascita di Francesco Schmitz, suscitato dalla supposizione (poi rivelatasi erronea) dell arrivo di un erede: Dubito che la mia dolorosa lotta non abbia impresso sul mio fisico dei segni avvilenti, degradanti che tramanderò a lui (Svevo 2004b, 711). 15 Si veda in proposito il commento di Clotilde Bertoni (Svevo 2004b, 1006). 10

11 Giònata, figlio di Saul, aveva un figlio storpio di ambedue i piedi. Egli aveva cinque anni, quando giunsero da Izreèl le notizie circa i fatti di Saul e di Giònata. La nutrice l aveva preso ed era fuggita, ma nella fretta della fuga il bambino era caduto e rimasto storpio. Si chiamava Merib-Bàal (2Sam 4,4). La parentela tra questo episodio biblico e quello sveviano è evidente: anche se alcuni elementi non sono perfettamente sovrapponibili, come ad esempio il fatto che il trauma coinvolga entrambi gli arti e non uno solo, il peculiare della balia disattenta che fa cadere a terra il piccolo è un riferimento troppo preciso per essere casuale. A partire da queste possibili fonti che abbiamo elencato, facciamo notare il particolare modo di procedere dell autore triestino, peraltro già evidenziato da Carlo Annoni nella sua illustrazione del collegium trilingue di Svevo (Annoni 1993), volto ad unire in una mescolanza sincretica elementi provenienti da diverse tradizioni letterarie: da una parte abbiamo le memorie classiche incarnate nei riferimenti ad Achille ed Edipo; dall altra un ascendenza biblica, con il rimando all episodio di Merib-Bàl. A tutto questo va infine aggiunto un ulteriore componente che rende, se possibile, ancora più originale l impasto di elementi amalgamato da Svevo; facciamo riferimento al forte contesto darwiniano che aleggia lungo tutto l episodio e che è ben sottolineato dal ricordo che suscita in Amelia la vista della gamba più corta di Emilio: Questo per un istante ricordò ad Amelia certi studi di Darwin sugli astici che hanno il lato destro più grosso del sinistro (Svevo 2004b, 271), aggiungendo così un ulteriore allusione alle già numerose presenti nel racconto. Proseguendo con le nostre riflessioni varchiamo ora i limiti dell Antico Testamento e prestiamo attenzione ai Vangeli. La decisione non deve stupire: è noto, infatti, che sebbene di origini ebraiche, Svevo si convertì, per accondiscendere a un desiderio della moglie Livia, al cattolicesimo; è quindi da darsi per certa, e probabilmente non solo per questo elemento biografico, la sua conoscenza dell intero catalogo dei Testi Sacri e non esclusivamente di quella parte che compone il canone ebraico 16. Prendiamo in esame un passo della prima stesura del racconto mutilo Marianno 17 : Ricordò sempre l'impressione che gli aveva fatto un libro di lettura che Adele e lui lessero da capo a fondo più volte. Era la storia di un ragazzo che aveva dato grandi dispiaceri a suo padre e che poi aveva voluto avere prontamente la sua parte di eredità e con quella s era allontanato dalla casa paterna. In poco tempo a forza di giuoco e di altre cose che il libro non diceva, era rimasto privo di tutto. Poi con il dolore era venuto il pentimento ed egli s era dato a lavora[re] indefessamente. Prima come manovale; poi inventò una macchina e con quella guadagnò milioni. Naturalmente quando ritornò con tutti quei denari al padre, costui lo accolse molto bene. E tutti furono felici (Svevo 2004b, 353). La prima parte del testo rivela in maniera inequivocabile una memoria della parabola evangelica del figliol prodigo (Lc 15, 11-32): i particolari della richiesta della propria parte di 16 Vale la pena ricordare che anche Zeno Cosini per un breve periodo della sua vita si interessa ai testi del Nuovo Testamento: Per qualche tempo mi dedicai agli studi di religione. Mi parve di riprendere lo studio che avevo iniziato alla morte di mio padre. Forse questa volta fu per un tentativo energico di avvicinarmi ad Augusta e alla sua salute. Non bastava andare a messa con lei; io dovevo andarci altrimenti, leggendo cioè Renan e Strauss, il primo con diletto, il secondo sopportandolo come punizione. Ne dico qui solo per rilevare quale grande desiderio m attaccasse ad Augusta. E lei questo desiderio non indovinò quando mi vide nelle mani i Vangeli in edizione critica. Preferiva l indifferenza alla scienza (Svevo 2004a, 800). Si ricordi inoltre che Renan fu oggetto di un articolo, La verità, scritto da Svevo e apparso sull Indipendente il 14 agosto 1884 (Svevo 2004c, ). Questo nome ritorna poi nel Profilo autobiografico (Svevo 2004b, 801), nel saggio Del sentimento in arte e negli articoli Un individualista e Per un critico (Svevo 2004c, 829, 1040, 1046). 17 Per ciò che concerne la vicenda redazionale del racconto si veda il commento di Clotilde Bertoni (Svevo 2004b). 11

12 eredità, dell abbandono della casa paterna, della vita dissoluta e del pentimento rimandano senza dubbio al racconto dell evangelista Luca. Sorprendente però è la continuazione della vicenda: nel caso del racconto letto da capo a fondo più volte da Marianno e dalla sorellastra Adele non abbiamo il ritorno alla casa paterna e la conseguente scena di perdono e riconciliazione, ma un esito ben diverso: il giovane protagonista si rimbocca le maniche e incomincia un lungo percorso di risalita che lo porta al successo e alla ricchezza. Solo a questo punto avviene il ricongiungimento con il padre che, visti i buoni risultati conseguiti dal figlio, non può che accoglierlo a braccia aperte. Anche in questa occasione crediamo emerga in maniera abbastanza evidente il sofisticato modo di procedere di Svevo: nella medesima occasione troviamo intessute insieme due tradizioni, quella proveniente dal Vangelo e quella nata intorno al mito del self-made-man, che si uniscono a formare un unicum del tutto originale. Ricordiamo poi che Claudio Magris, nelle sue riflessioni su Joseph Roth e la tradizione ebraico-orientale, ha sottolineato che la parabola del figliol prodigo incarna la consapevole sottomissione e autointegrazione in un ordine (1971, 34). Le variazioni che Svevo apporta a questo modello, considerate in quest ottica, appaiano ancora più significative: Marianno, come accade in ultima istanza al protagonista del racconto letto con la sorellastra Adele, non sogna tanto di fuggire dall opprimente universo chiuso in cui si trova a vivere, ma immagina piuttosto di ottenere il successo che gli permetta di integrarsi all interno di tale universo e di condurre un esistenza alla pari, e non da sottomesso, con gli altri componenti. Anche nella commedia Un marito possiamo individuare un riferimento evangelico, ancora una volta ricavato dal vangelo di Luca. Come noto l opera è completamente costruita intorno al dramma psicologico del protagonista, l avvocato Federico Arcetri, che anni addietro aveva ucciso la moglie Clara dopo averla scoperta con l amante e che ora si trova a rivivere la stessa situazione perché tormentato dal dubbio che l attuale coniuge, Bice, lo tradisca; la trama è ulteriormente complicata dalle vicende di un concittadino, tale Vincenzo Cerigni, che si macchia dello stesso delitto di Federico e di cui il protagonista, per coerenza con il proposito che lo condusse all uxoricidio, assume la difesa legale. All inizio del terzo atto, Alfredo Reali, vecchio amico di Federico e fratello di Bice, nomina un opuscolo scritto in gioventù dall Arcetri: Cercai e trovai un opuscolo pubblicato da lui poco dopo finiti gli studi. È magnifico di entusiasmo; contiene vera scienza enunciata da un poeta. La Morale scientifica. La citazione sotto il titolo è la sincera sintesi del lavoro: Molto sarà perdonato a chi molto ha amato, ma molto sarà perdonato anche a chi non ha amato affatto (Svevo 2004c, ). La citazione sotto il titolo riecheggia l episodio evangelico in cui Gesù rimprovera Simeone per non avergli offerto la stessa ospitalità indirizzatagli invece dalla peccatrice: E volgendosi verso la donna, disse a Simeone: Vedi questa donna? Sono entrato nella tua casa e tu non m hai dato l acqua per i piedi; lei invece mi ha bagnato i piedi con le lacrime e li ha asciugati con i suoi capelli. Tu non mi hai dato un bacio, lei invece da quando sono entrato non ha cessato di baciarmi i piedi. Tu non mi hai cosparso il capo di olio profumato, ma lei mi ha cosparso di profumo i piedi. Per questo ti dico: le sono perdonati i suoi molti peccati, poiché ha molto amato. Invece quello a cui si perdona poco, ama poco (Lc, 7, 44-47). La dipendenza del testo sveviano da quello evangelico appare indubitabile; e tuttavia non si può non notare che la seconda parte del sottotitolo dell opera di Federico Arcetri si discosta sensibilmente dal suo archetipo: nella commedia sveviana si afferma infatti che molto sarà perdonato anche a chi non ha amato affatto mentre nel vangelo di Luca si dice che quello a cui si perdona poco, ama poco. Discostandosi in questo modo dal modello, Svevo ha con tutta probabilità voluto mettere ancor più in evidenza il dramma interiore di Federico: come sottolineato 12

13 dallo stesso Reali, il protagonista della commedia appartiene alla schiera di coloro che molto amarono (Svevo 2004c, 350) (anche se, evidentemente, il sentimento di Federico è un sentimento malato che lo porta all uxoricidio e a venerare poi per il resto della vita lo moglie defunta); alla schiera di chi non ha amato affatto, a causa del suo tradimento, appartiene invece Clara, a cui, per quanto l omicidio e i sistemi di negazione messi in atto da Federico possano far pensare il contrario, tutto è stato perdonato, come testimonia il profondo affetto che il protagonista ha conservato per la prima moglie e che lo porta a trascurare pesantemente Bice. Volgiamo ora la nostra attenzione al terzo romanzo dell autore triestino: tra i numerosi contributi di critica sveviana che hanno cercato di indagare le fonti di cui si sarebbe servito Svevo nella stesura della Coscienza di Zeno, uno statuto certamente particolare spetta al saggio di Gabriella Moretti apparso sulla Rivista di letteratura italiana circa quindici anni fa (1995), nel quale l autrice segnala una serie di elementi che mettono in stretta relazione alcuni episodi narrati da Zeno nelle sue memorie scritte come preludio alla psico-analisi (Svevo 2004a, 625) alle vicende bibliche del patriarca Giacobbe. Riportiamo schematicamente di seguito il catalogo dei punti di contatto tra i due racconti segnalati dalla Moretti: 1) Zeno, come Giacobbe, è un sognatore; 2) le vicende che legano Zeno al suocero, Giovanni Malfenti, sono assimilabili ai rapporti che intercorrono nella Genesi tra Giacobbe e Labano: Prima ancora di conoscere le figlie, poi, il personaggio Zeno incontra il futuro suocero Malfenti, l uomo attivo, il commerciante astuto cui si accompagna per tentare di imparare i segreti del commercio e del gioco della Borsa. Come Giacobbe va a lavorare presso il suo parente, così Zeno si accompagna a Malfenti [...] che non si perita di imbrogliare o tentare di imbrogliare l ingenuo Zeno, che però, per caso o per benedizione (proprio come il biblico Giacobbe), riesce poi ad avere degli inaspettati successi commerciali (Moretti 1995, 148); 3) come Giacobbe prende moglie lontano dalle sue terre natali, così Zeno, per via dell iniziale del suo nome, al momento dell ingresso nella casa delle figlie che avevano tutte l iniziale in a dichiara di sentirsi come se stesse per prendere moglie lontano dal [suo] paese (Svevo 2004a, ); 4) la coppia di sorelle della Coscienza di Zeno Augusta-Ada ricorda quella biblica Lia- Rachele: sia Augusta che Lia infatti soffrono di un disturbo agli occhi e non sono oggetto delle mire matrimoniali dei personaggi maschili che invece si innamorano delle loro sorelle Ada e Rachele; 5) Come Giacobbe sposò Lia per uno scambio di persona, credendola, nel buio della cerimonia nuziale, la sorella Rachele, così Zeno Cosini [...] fa una dichiarazione d amore ad Augusta, credendola Ada, durante il buio di una seduta spiritica (Moretti 1995, 150); 6) la lotta ingaggiata da Zeno con Guido per il possesso di Ada ricorda, almeno nelle conseguenze subite dal protagonista, lo scontro di Giacobbe con l angelo: Così come Giacobbe lottò con l angelo [...] e ne riportò una lesione all anca e al nervo sciatico, così Zeno durante la rivalità con Guido [...] comincia a soffrire di un dolore d origine nervosa a un anca, e verrà curato appunto al nervo sciatico (Moretti 1995, 152). Le analogie segnalate dall autrice tra il racconto di Zeno e le storie di Giacobbe appaiono molto convincenti e, come lei stessa afferma, troppe e troppo precise per dirsi casuali (Moretti 1995, 154); in questo nostro scritto proveremo ad ampliare queste osservazioni e cercheremo di indicare altri punti della Coscienza nei quali è possibile individuare una memoria dei capitoli della Genesi dedicati alla narrazione delle vicende del patriarca bilico. Per prima cosa, ci soffermiamo sul primo punto sottolineato dalla Moretti, la propensione, comune sia a Zeno sia a Giacobbe, al sogno. Per fare questo prendiamo in considerazione la seconda parte della quarta visione onirica presente nel romanzo, il cosiddetto sogno di Basedow: Poi ci fu un intervallo di notte vuota. Indi, subito, Ada ed io ci trovavamo soli sulla più erta scala che ci fosse nelle nostre tre case, quella che conduce alla soffitta della mia villa. 13

14 Ada era posta per alcuni scalini più in alto, ma rivolta a me ch ero in atto di salire, mentre lei sembrava volesse scendere. Io le abbracciavo le gambe e lei si piegava verso di me non so se per debolezza o per essermi più vicina. Per un istante mi parve sfigurata dalla sua malattia, ma poi, guardandola con affanno, riuscivo a rivederla come m era apparsa alla finestra, bella e sana. Mi diceva con la sua voce soda: Precedimi, ti seguo subito! Io, pronto, mi volgevo per precederla correndo, ma non abbastanza presto per non scorgere che la porta della mia soffitta veniva aperta pian pianino e ne sporgeva la testa chiomata e bianca di Basedow con quella sua faccia fra timorosa e minacciosa (Svevo 2004a, 962). Questo passo della Coscienza è uno dei più conosciuti e dibattuti dalla critica; secondo Lavagetto questo sogno andrebbe letto come il centro di tutti i racconti onirici presenti nel romanzo, come quello a cui tutti gli altri sono collegati e attorno a cui ruotano, sia pure a distanze variabili (1975, 94). La critica ha già ravvisato al suo interno la presenza di diverse tracce letterarie; tra le analisi più puntuali ricordiamo quella di Giovanni Palmieri secondo il quale il modello letterario della prima parte del sogno è certamente l incubo manzoniano di Don Rodrigo: fra Cristoforo, in veste di terribile ammonitore, appare nel sogno del reprobo come un vecchio con la barba bianca, e la gente che gli sta intorno porta vestiti laceri che lasciano intravedere le macchie e i bubboni della peste 18. Per la seconda parte del sogno è necessario ricorrere invece a Freud [ ] secondo cui l atto di salire e scendere le scale è rappresentazione simbolica dell atto sessuale (Palmieri 1994, 305) 19. Oltre ai giusti rilievi manzoniani e freudiani avanzati da Palmieri crediamo che possa aver avuto un ruolo nella composizione di questo passo sveviano anche la celebre visione onirica di Giacobbe a Betel: Giacobbe partì da Bersabea e si diresse verso Carran. Capitò così in un luogo, dove passò la notte, perché il sole era tramontato; prese una pietra, se la pose come guanciale e si coricò in quel luogo. Fece un sogno: una scala poggiava sulla terra, mentre la sua cima raggiungeva il cielo; ed ecco gli angeli di Dio salivano e scendevano su di essa. Ecco il Signore gli stava davanti e disse: Io sono il Signore, il Dio di Abramo tuo padre e il Dio di Isacco. La terra sulla quale tu sei coricato la darò a te e alla tua discendenza. (Gen 28, 18 Riportiamo la prima parte della visione onirica: Ecco il sogno: eravamo in tre, Augusta, Ada ed io che ci eravamo affacciati ad una finestra e precisamente alla più piccola che ci fosse stata nelle nostre tre abitazioni, cioè la mia, quella di mia suocera e quella di Ada. Eravamo cioè alla finestra della cucina della casa di mia suocera che veramente si apre sopra un piccolo cortile mentre nel sogno dava proprio sul Corso. Al piccolo davanzale c era tanto poco spazio che Ada, che stava in mezzo a noi tenendosi alle nostre braccia, aderiva proprio a me. Io la guardai e vidi che il suo occhio era ridivenuto freddo e preciso e le linee della sua faccia purissime fino alla nuca ch io vedevo coperta dei suoi riccioli lievi, quei riccioli ch io avevo visti tanto spesso quando Ada mi volgeva le spalle. Ad onta di tanta freddezza (tale mi pareva la sua salute) essa rimaneva aderente a me come avevo creduto lo fosse quella sera del mio fidanzamento intorno al tavolino parlante. Io, giocondamente, dissi ad Augusta (certo facendo uno sforzo per occuparmi anche di lei): Vedi com è risanata? Ma dov è Basedow?. Non vedi?, domandò Augusta ch era la sola fra di noi che arrivasse a guardare sulla via. Con uno sforzo ci sporgemmo anche noi e scorgemmo una grande folla che s avanzava minacciosa urlando. Ma dov è Basedow? domandai ancora una volta. Poi lo vidi. Era lui che s avanzava inseguito da quella folla: un vecchio pezzente coperto di un grande mantello stracciato, ma di broccato rigido, la grande testa coperta di una chioma bianca disordinata, svolazzante all aria, gli occhi sporgenti dall orbita che guardavano ansiosi con uno sguardo ch io avevo notato in bestie inseguite, di paura e di minaccia. E la folla urlava: Ammazzate l untore! (Svevo 2004a, pp ). 19 Oltre a quelle segnalate da Palmieri, un altra possibile fonte dell episodio onirico è stata individuata da Carlo Annoni che, dopo averne ravvisato gli echi manzoniani, ha messo in relazione questo sogno del romanzo sveviano con il finale dell Ernani di Verdi: Svevo ricorda e riusa l ordine secondo il quale il librettista di Verdi scandisce in tre tempi le didascalie verso la climax finale dell opera, la sua stretta luttuosa: a. Elvira (Ada) sale alla camera nuziale; b. Ernani (Zeno) si avvia per raggiungere la donna; c. Silva (Cosini padre) appare in cima allo scalone (1994, 73). 14

15 10-13). In entrambi gli episodi onirici, quello di Zeno e quello di Giacobbe, possiamo rintracciare la presenza di una simbologia comune, rivista, nel caso del romanzo, secondo i dettami della psicoanalisi: innanzitutto la scala, che nella Coscienza, come giustamente sottolineato da Palmieri, si riveste freudianamente anche di un ulteriore significato, quello dell atto sessuale 20 ; simile nei due sogni è anche l apparizione improvvisa di una figura: nel caso del patriarca biblico si tratta di Dio, mentre, nel romanzo, della rappresentazione onirica del morbus Basedowii che ha colpito Ada. A suggerire una possibile parentela tra le due figure contribuiscono alcuni elementi: innanzitutto gli abiti regali stracciati attribuiti a Basedow nella prima parte del sogno 21 che lo connotano come figura di un sovrano decaduto, iconografia che per l ateo Svevo lettore di Nietzsche può forse essere ricondotta a quella di Dio; inoltre la testa chiomata e bianca di Basedow rimanda alla bianca chioma ricciuta (Svevo 2004a, 667) del padre di Zeno 22, figura (quella del procreatore), che, a sua volta, potrebbe rimandare a quella del Creatore 23. Proviamo ora a integrare le osservazioni di Gabriella Moretti coinvolgendo nella nostra analisi un altro personaggio che ricopre un ruolo fondamentale nei capitoli della Genesi dedicati a Giacobbe: Esaù. Possiamo ipotizzare, infatti, che le figure bibliche dei fratelli-oppositori figli di Isacco e Rebecca trovino qualche eco all interno della Coscienza nella coppia di cognati-antagonisti Zeno-Guido. Cominciamo col dire che la possibilità di leggere la storia delle relazioni tra il Cosini e lo Speier come la narrazione delle vicende di due fratelli è autorizzata dal romanzo stesso: innanzitutto perché i due sono sposati a due sorelle e quindi, per legge, fratelli; si può poi ricordare che alcuni studi hanno sottolineato i legami che intercorrono tra la figura del fratello naturale di Zeno come compare nei sogni del capitolo Psico-analisi e quella del marito di Ada: ad esempio, Teresa De Lauretis ha fatto notare che l invidia provata da Zeno per il fratello che può godere della presenza della madre mentre lui è costretto a recarsi a scuola (Svevo 2004a, ) e la sua volontà castratoria nei confronti del germano che si manifesta nell atto di sottrargli il cucchiaio (Svevo 2004a, 1053), trova[no] riscontro nell impulso di Zeno di uccidere Guido per avere Ada tutta per sé (De Lauretis 1976, 106); è infine una battuta di Augusta rivolta a Zeno dopo la morte di Guido a confermare questa parentela: Tu sei stato un fratello per lui (Svevo 2004a, 1032). A partire da questa valutazione proviamo a considerare come la figura di Esaù, fratello di Giacobbe, possa aver lasciato delle tracce in quella di Guido, fratello di Zeno. Nel racconto della Genesi, Esaù, fin dalla sua prima apparizione, viene caratterizzato da alcuni particolari: Uscì il primo, rossiccio e tutto come un mantello di pelo, e fu chiamato Esaù (Gen 25, 25). La descrizione biblica pone quindi l accento su due tratti distintivi: la folta peluria e il colore rosso. Rimandiamo ad un successivo momento le riflessioni sul secondo particolare e ci concentriamo momentaneamente sul primo; per farlo prendiamo in considerazione la descrizione che Zeno dà di Guido al momento della sua prima comparsa nel romanzo: Era un bellissimo giovine: le labbra naturalmente socchiuse lasciavano vedere una bocca di denti bianchi e perfetti. L occhio suo era vivace e espressivo e, quando s era 20 Scale, scale a pioli, scalinate e rispettivamente il fare le scale, tanto in salita quanto in discesa, sono rappresentazioni simboliche dell atto sessuale (Freud 1971, 326). 21 Era lui che s avanzava nella folla: un vecchio pezzente coperto di un grande mantello stracciato, ma di broccato rigido, (Svevo 2004, 962). Cfr. nota A suggerire un identificazione tra il sovrano decaduto Basedow e il padre contribuiscono anche gli insegnamenti di Freud: L imperatore e l imperatrice (re e regina) di solito rappresentano in realtà i genitori di chi sogna (Freud 1971, 325). 23 Sappiamo innanzitutto che Dio è un sostituto del padre, o più precisamente è un padre che è stato innalzato, oppure, ancora, è una copia del padre, così come il padre è stato visto e vissuto nell infanzia, dal singolo nella sua infanzia personale, e dal genere umano, nella sua preistoria, come padre dell orda primordiale (Freud 1977, 539). 15

16 scoperto il capo, avevo potuto vedere che i suoi capelli bruni e un po ricciuti, coprivano tutto lo spazio che madre natura aveva loro destinato, mentre molta parte della mia testa era stata invasa dalla fronte (Svevo 2004a, 735). Possiamo individuare in queste poche righe una prima tessera testuale che accomuna la coppia Zeno-Guido a quella biblica: così come Esaù è peloso mentre Giacobbe è glabro, a tal punto da doversi rivestire le mani e il collo con le pelli dei capretti al momento di presentarsi davanti a Isacco per chiedere la benedizione al posto del fratello, allo stesso modo Guido presenta una folta e riccia chioma mentre Zeno è quasi completamente privo di capelli. Continuiamo a percorrere il racconto biblico; pochi versetti più avanti la Genesi ci riferisce della crescita dei due fratelli: I fanciulli crebbero ed Esaù divenne abile nella caccia, un uomo della steppa, mentre Giacobbe era un uomo tranquillo, che dimorava sotto le tende (Gen 25, 27). Ci pare che questi particolari trovino riscontro nel capitolo del romanzo dedicato all associazione commerciale tra i due cognati: Per vari giorni alla settimana, Guido non si faceva neppur vedere in ufficio perché s era appassionato alla caccia e alla pesca. Io, invece, dopo il mio ritorno, per qualche tempo vi fui assiduo, occupatissimo nel mettere a giorno i libri (Svevo 2004a, ). Anche in questo luogo testuale è plausibile ipotizzare un riuso da parte di Svevo di alcuni elementi prelevati dal racconto biblico: infatti sia Esaù che Guido sono dei cacciatori, a differenza dei rispettivi fratelli che invece disprezzano tale pratica (all invito rivoltogli da Guido di prendere parte con lui a una battuta di caccia Zeno commenta: Egli m invitò a caccia e a pesca. Io aborro la caccia e decisamente mi rifiutai di accompagnarvelo, Svevo 2004, 937); inoltre, proprio come Giacobbe rimane sotto le tende mentre Esaù esce per la caccia, allo stesso modo, quando Guido decide di darsi all arte venatoria, Zeno si rintana nel proprio ufficio, luogo che fino a quel momento aveva sempre disertato per portare avanti la propria relazione con Carla. Proseguiamo ora nella nostra lettura affiancata prendendo in considerazione un altro celebre episodio della Genesi che vede protagonisti i due figli di Isacco: facciamo riferimento ai versetti in cui Giacobbe, guidato dalla madre Rebecca, si traveste da Esaù e si presenta al cospetto del padre per ottenere la benedizione al posto del fratello. Ci pare che questa scena sia riverberata nella Coscienza in un passo anche in questo caso tratto dal settimo capitolo: Parlammo insieme per molte ore, ma la proposta del Nilini di proseguire nel gioco iniziato da Guido, arrivò in ultimo, poco prima del mezzodì e fu subito accettata da me. L accettai con una gioia tale come se così fossi riuscito di far rivivere il mio amico. Finì che io comperai a nome del povero Guido una quantità di altre azioni dal nome bizzarro: Rio Tinto, South French e così via (Svevo 2004a, 1033). Ecco quindi anche nel romanzo una scena di sostituzione tra i due personaggi: così come Giacobbe veste i panni di Esaù per ottenere la benedizione del padre, allo stesso modo Zeno assume l identità del defunto cognato e acquista azioni a nome suo al fine di recuperare il capitale perso dalla ditta. Paragonabili nei due racconti ci paiono anche le modalità con cui si sviluppa la scena. In entrambi i casi, infatti, possiamo rilevare la presenza di un aiutante che suggerisce ai protagonisti l idea della sostituzione e li assiste nello svolgimento del loro piano: nel caso biblico è Rebecca, madre di Giacobbe e Esaù, ad architettare l episodio e a predisporre tutto in modo che il travestimento non venga scoperto (è lei a preparare la vivanda saporita da servire a Isacco, a rivestire Giacobbe con le vesti del fratello e a ricoprire le sue mani e il suo collo con le pelli dei capretti); nel caso del romanzo invece è Nilini a consigliare a Zeno l idea dell acquisto delle azioni e a recarsi alla Borsa a svolgere tale pratica. Questo passo del romanzo ci offre anche l occasione 16

17 per riprendere una questione che avevamo lasciata aperta in precedenza: si è detto che nel racconto della Genesi fin dai primi versetti, oltre alla folta peluria, il narratore biblico evidenzia un altro particolare legato ad Esaù: il colore rosso. Questo tratto peculiare è peraltro rimarcato nel celebre episodio della vendita della primogenitura: Una volta Giacobbe aveva cotto una minestra di lenticchie; Esaù arrivò dalla campagna ed era sfinito. Disse a Giacobbe: Lasciami mangiare un po di questa minestra rossa, perché io sono sfinito. Per questo fu chiamato Edom (Gen 25, 29-30). Ci pare possibile ipotizzare che anche questa caratteristica fisica abbia lasciato un ricordo, seppur sapientemente celato, nella Coscienza; a nostro modo di vedere questa possibile eco va individuata nel nome di uno dei due titoli finanziari acquistati da Zeno in vece di Guido: Rio Tinto. Il nome bizzarro di queste azioni aveva già avuto l onore di una precedente apparizione nel romanzo: dobbiamo retrocedere all episodio in cui, per far fronte alle difficoltà commerciali in cui si era imbattuta la nuova casa commerciale dei due cognati, il marito di Ada decide di giocare in Borsa. Zeno, che ne era completamente all oscuro, viene informato di questa scelta di Guido da una visita del Nilini, venuto a mettere al corrente il signor Speier dell andamento di certe azioni di cui gli aveva suggerito l acquisto e che invece il cognato del protagonista aveva rifiutato: Del resto era venuto solo per raccontare a Guido che certe azioni dallo strano nome di Rio Tinto e di cui egli a Guido aveva consigliato l acquisto il giorno prima sì, proprio ventiquattr ore prima erano quel giorno balzate in alto di circa il dieci per cento (Svevo 2004a, 999). L insistenza con cui il narratore sottolinea nelle due circostanze, la seconda 24 delle quali rimarcata dall uso del corsivo, la particolarità del nome di queste azioni (che, si badi, sono in entrambi i casi legate al personaggio di Guido, sebbene formalmente nella seconda occorrenza siano acquistate da Zeno) lascia pensare che dietro a tale titolo azionario si celi un indizio che l autore vuole suggerire al lettore: ci pare probabile che questo messaggio camuffato vada cercato nel significato in spagnolo di queste parole, fiume rosso, espressione che per il suo riferimento cromatico potrebbe voler suggerire un collegamento tra la figura di Esaù e quella di Guido. A conferma di questa ipotesi va detto che, per quanto al narratore Zeno questo nome potesse suonare strano e bizzarro, lo stesso effetto non doveva avere alle orecchie di Guido che, ricordiamo, aveva padre argentino e che quindi conosceva perfettamente lo spagnolo 25. Alcuni spunti che ci spingono a muoverci verso questa interpretazione ci pare siano offerti anche dalle due circostanze in cui Svevo nomina questo titolo azionario. Come si è detto in precedenza, nella sua prima occorrenza nel romanzo il nome Rio Tinto entra in relazione con Guido in seguito a un affare offertogli da Nilini; ci pare interessante notare che anche Esaù assume il nome di Edom (il rosso) alla conclusione di un affare, la vendita della primogenitura. La seconda comparsa delle azioni in questione avviene invece nel mezzo di quella che noi abbiamo definito una scena di sostituzione; anche in questo caso la collocazione ci appare tutt altro che casuale: se Giacobbe, fingendosi il 24 Facciamo riferimento all ordine di questi episodi nel romanzo e non a quello da noi riproposto nelle nostre osservazioni. 25 Facciamo infine notare che Svevo può aver ricavato direttamente dalla sua vita di commerciante questo nome: Rio Tinto Company Limited, infatti, è una compagnia che nasce a Londra nel 1873 per sfruttare le risorse minerarie della provincia spagnola dell'huelva. Per una breve storia della compagnia si vada all indirizzo internet: Il fatto che questa compagnia fosse realmente attiva ai tempi di Svevo non pare un ostacolo a un interpretazione che cerchi di leggere dietro tale nome un significato simbolico. La decisione del triestino di soffermarsi su questo titolo azionario fra i molti da lui conosciuti rappresenta, al contrario, uno stimolo ulteriore per indagare i motivi di tale scelta. 17

18 fratello, si era presentato al cospetto del padre come cacciatore (offrendogli dei capretti da allevamento al posto della cacciagione richiesta da Isacco) e ricoperto di pelo, Zeno, simulandosi Guido, acquista le azioni dal nome bizzarro che rimandano al colore rosso, facendo suo l unica marca peculiare di Esaù di cui non si era impossessato Giacobbe. Valicando i limiti della Coscienza di Zeno, è poi possibile notare che questi particolari riferiti dal narratore biblico che caratterizzano i due figli di Isacco tornano frequentissimamente nelle opere di Svevo e lungo tutto il corso della sua produzione. Consideriamo ad esempio il primo racconto noto dell autore triestino: Una lotta. I protagonisti della breve narrazione sono il celebre poeta Arturo Marchetti e l altro altrettanto celebre però quale lottatore, schermitore, cultore dello sport (Svevo 2004b, 7) Ariodante Chigi che si contendono l amore della bella Rosina; molto interessanti alcuni tratti distintivi che caratterizzano i due personaggi: di Arturo si sottolinea la bellezza del suo volto, senza pelo, purtroppo (Svevo 2004b, 7); di Ariodante invece si rimarca la perizia nell arte venatoria: ciarlava con molta scienza di cani e cavalli (Svevo 2004b, 9). Spostandoci nei testi dell'ultimo Svevo, tali caratteristiche oppositive tra i personaggi rimangono costanti: in Una burla riuscita il protagonista Mario è caratterizzato fisicamente da una canizie che si estende a tutto il suo pelo (Svevo 2004b, 220), mentre dell'antagonista Gaia si dice che a cinquant'anni i suoi capelli bianchi avevano un candore che rifletteva la luce come se fosse stato metallico (Svevo 2004b, 219); ancora più significativa la descrizione dell aiutante del Gaia nella sua burla, il finto rappresentante dell'editore Westermann: nonostante sia calvo, anche questo personaggio può essere ascritto alla categoria dei pelosi per via dell abbigliamento con cui si presenta all appuntamento concordato per trattare la vendita del romanzo giovanile di Mario: La sua pelliccia dal collare ricco, di pelo di foca, era la cosa più importante di tutto l individuo, e molto più importante della giacca e dei calzoni sdruciti che si intravedevano. Non fu mai deposta, anzi riabbottonata subito dopo che s era dovuta schiudere per dar l accesso ad una tasca interna. L alto collare coronò sempre la faccina fornita di una barbetta e di mustacchi radi e fulvi sotto ad una testa radicalmente calva. Ed un altra cosa Mario osservò: il tedesco si teneva tanto rigido nella pelliccia in cui era sepolto, che ogni suo movimento appariva angoloso (Svevo 2004b, ). Quello del pelo non è l unico particolare di Esaù attribuito al rappresentante di Westermann; Svevo non dimentica infatti di fare un breve cenno anche al colore che contraddistingue il fratello di Giacobbe: La calvizie del tedesco, che gli era rivolta come una faccia muta, cieca e priva di naso, era molto seria, perché le mancavano gli organi per ridere. Anzi pelle rossa sporcata da qualche pelo fulvo era tragica (Svevo 2004b, 234). Torniamo ora alla Coscienza per notare come le due scene di sostituzione che abbiamo affiancato nel percorso della nostra lettura si possano prestare a ulteriori riflessioni: ci pare interessante notare, infatti, che equiparabili, a nostro modo di vedere, sono anche gli esiti che derivano da tali scambi d identità. Il racconto biblico ci dice che Giacobbe riuscirà a ottenere la benedizione del padre e a usurpare il posto del fratello (ricordiamo che Giacobbe vuol dire soppiantatore, Gen 27, 36); Zeno invece procederà al recupero di tre quarti del passivo della ditta e in virtù di questo successo economico sancirà definitivamente la sua superiorità rispetto a Guido. Nel caso del romanzo, la benedizione che certifica la vittoria di Zeno viene enunciata direttamente da Ada: Così hai fatto in modo ch egli è morto proprio per una cosa che non ne valeva la pena! (Svevo 2004a, 1042). E ancora poco dopo: Guardavo ai tuoi rapporti con tua moglie e li invidiavo. Mi parevano migliori di quelli 18

19 ch egli mi offriva. Ti sono grata di non essere intervenuto al funerale perché altrimenti non avrei neppur oggi compreso nulla. Così invece vedo e intendo tutto. Anche che io non l amai: altrimenti come avrei potuto odiare persino il suo violino, l espressione più completa del suo grande animo? (Svevo 2004a, 1043). Le parole di Ada sono inequivocabili: la vittoria di Zeno è indiscutibile, sia dal punto di vista degli affari ( è morto proprio per una cosa che non ne valeva la pena! ) sia da quello degli affetti ( Guardavo ai tuoi rapporti con tua moglie e li invidiavo ), fino a indurre la secondogenita di casa Malfenti a negare ogni sentimento per il defunto marito e a cancellare per sempre quella prima vittoria ottenuta da Guido ai danni del Cosini grazie alla sua abilità col violino 26. Tirando le fila del discorso possiamo quindi concludere che anche Zeno, come Giacobbe, riesce nell impresa di soppiantare dal suo posto il fratello-oppositore aggiudicandosi il titolo, come Ada aveva affermato già prima della morte del marito, di migliore uomo della [...] famiglia (Svevo 2004a, 987). Da quanto abbiamo detto finora ci pare che si possa concludere che le figure archetipiche che sono state assunte da Svevo come modello nell ideazione dei personaggi di Guido e Zeno siano i fratelli figli di Isacco Esaù e Giacobbe. Se la nostra impressione è giusta crediamo che l individuazione di tale fonte imponga una revisione di parte degli studi di natura psicoanalitica che hanno preso in considerazione le relazioni che intercorrono tra i due cognati del romanzo sveviano. Gran parte della critica ha infatti letto i rapporti tra il Cosini e lo Speier alla luce del complesso edipico da cui il primo sarebbe afflitto; in altre parole Guido non sarebbe altro che una delle tante maschere dietro la quale si celerebbe la figura del padre. Ad esempio Franco Petroni interpreta così gli avvenimenti che chiudono le memorie scritte da Zeno come preludio alla psicoanalisi: Guido rovinato e ridotto al rango di paria in casa Malfenti; Ada che considera il marito un bambino bisognoso di protezione; lui, Zeno, miglior uomo della famiglia [...]. Zeno per un momento sembra aver vinto la sua battaglia con l ombra del padre: la sostituzione è avvenuta, il padre ormai è lui (1977, 278). Ancor più orientato verso una lettura edipica il commento di Gioanola: La rivalità [...] risprofonda nella clandestinità dell inconscio e ritorna a pascersi delle predilette fantasie sadico-distruttive, dirette contro i portatori simbolici della sessualità adulta, Guido, il rivale per eccellenza, e Ada, la donna per lui. Tutto il lungo capitolo Storia di un associazione commerciale è il luogo di una sfida non più condotta sul piano dei rapporti reali, che sono anzi intonati alla più dichiarata delle amicizie, ma su quello dei fantasmi ostili [...]: l imago paterna continua ad essere il vero oggetto immaginario di questo libro del padre che è la Coscienza (1995, 308). Se però, come abbiamo cercato di dimostrare in precedenza, la coppia Zeno-Guido riverbera in controluce quella Giacobbe-Esaù allora ci pare più corretto parlare a proposito delle relazioni tra i due cognati di un ostilità non legata al complesso edipico ma di una più generica rivalità tra fratelli in contesa tra loro per l affetto genitoriale 27 ; in sostanza, quindi, a Guido spetta il ruolo del 26 Ci pare che il critico che più di ogni altro abbia sottolineato come, da quanto emerge dal romanzo, Zeno debba essere considerato come la figura vincente all interno della narrazione sia Giuseppe Langella: Quest altra opposizione esemplare, con il cognato millantatore, completa il quadro trionfale dei successi di Zeno. [ ] Tutte queste circostanze sono disseminate ad arte lungo il romanzo perché alla fine risalti l abilità del protagonista, che s impone non soltanto sui ciarlatani come Guido, ma anche su gente del mestiere, ottimamente reputata, scostandosi dai loro insegnamenti (Langella 1992, ). 27 Il bambino piccolo non ama necessariamente i suoi fratelli, spesso palesemente non li ama affatto. È indubbio che egli odia in essi i propri concorrenti, ed è noto quanto spesso questo atteggiamento permanga ininterrottamente per 19

20 germano mentre il ruolo del padre è, a nostro avviso, da attribuirsi ad Ada. Più volte la critica ha sottolineato come la bella Malfenti possa nascondere uno dei tanti fantasmi paterni che terrorizzano Zeno: ricordiamo ad esempio l opinione di Giuditta Rosowsky, secondo la quale Ada correspond plutôt à un substitut du père, puisque, comme lui, elle apparaît sérieuse, sévère et absolument dépourvue d humour (1970, 56); dello stesso giudizio è anche Elio Gioanola: Ada è donna paterna (1995, 292). Tale interpretazione è supportata dalle stesse parole del romanzo: Sembra dunque ch io non abbia subito vista tutta la grazia e tutta la bellezza di Ada e che mi sia invece incantato ad ammirare altre qualità ch io le attribuii di serietà e anche di energia, insomma, un po mitigate, le qualità che io amavo nel padre suo (Svevo 2004a, 698). È inoltre molto significativo il fatto che le parole scritte nel suo memoriale da Zeno al momento di descrivere la partenza di Ada per l Argentina Ecco che essa ci abbandonava e che mai più avrei potuto provarle la mia innocenza (Svevo 2004a, 683) ricordino in maniera inequivocabile quelle annotate alla morte del padre io non potevo più provargli la mia innocenza! (Svevo 2004a, 1047) 28. Se c è più di un elemento che può spingere il lettore a vedere in Ada una figura paterna nei confronti di Zeno, crediamo che una simile riflessione possa essere allargata anche al personaggio di Guido: il fatto che la bella Malfenti sia la vera detentrice del potere paterno e che invece Guido si trovi in una posizione subalterna rispetto ad essa ci pare confermato da alcune vicende del romanzo. Come primo elemento ricordiamo che, dopo il tracollo economico della ditta Speier & C., Guido si rivolgerà alla moglie per risolvere le sue difficoltà. Le titubanze di Ada di fronte alla possibilità di cedere parte del proprio patrimonio in favore del marito lo spingeranno a mettere in scena due falsi suicidi, il secondo dei quali conclusosi in tragedia. Il potere economico è uno degli attributi che più contraddistinguono la figura paterna 29 ; lo stato di superiorità che Ada dimostra in questo settore la dipingono inequivocabilmente come imago patris anche nei confronti del marito. L atteggiamento paternalistico della primogenita Malfenti in relazione al suo sposo è poi chiaramente espresso da questa battuta che la donna rivolge a Zeno: È un ragazzo e bisogna trattarlo come tale (Svevo 2004, 1022). Non va infine dimenticato che c è più di un elemento nel romanzo che spinge a vedere come figure strettamente correlate Ada e il padre di Guido: per prima cosa si ricorderà il fatto che il vecchio Speier e la nuora godono di uno status di superiorità economica nei confronti del figlio/marito in quanto, l uno fin dal principio, l altra, come molti anni, fino al tempo della maturità e persino più in là ancora (Freud 1976, 373). Le relazioni fraterne sono prese in considerazione da Freud anche nell Interpretazione dei sogni (Freud 1971, ). 28 Cfr. Saccone 1973, pp Ricordiamo a questo proposito anche le parole di Camerino: Il mondo dei padri è quello stesso dei padroni, dei borghesi, degli assimilati, dei giudici, degli accusatori, dei funzionari, dei parassiti; degli amministratori di morale, di religione, di virtù domestica (Camerino 1996, 23). In base a questa riflessione ci pare evidente che all interno del nucleo familiare fondato da Ada e da Guido il ruolo del padre va affidato alla donna: è lei a incarnare, dal punto di vista sia economico sia morale ; Guido invece, oltre a rappresentare con i suoi fallimenti e i suoi tradimenti il trasgressore di questo codice, appare nel romanzo come l uomo (il figlio) oppresso dalla legge della moglie (il padre). Celebri sono le manifestazioni di insofferenza dello Speier nei confronti della famiglia nel capitolo Storia di un associazione commerciale: Quando Guido voleva farmi ridere, camminava su e giù per l ufficio battendosi il tempo con le parole: Una moglie... due bambini... due balie! (Svevo 2004a, 953). Noti anche i tentativi di Guido di tenersi alla larga da questo mondo; proponiamo ad esempio questo dialogo tra Ada e Zeno: Mi stese con grande affetto la mano: Già lo so, mi disse tu approfitti di ogni istante per venir a riveder tua moglie e la tua bambina. [...] Interpretai le parole che m aveva indirizzate quale un rimprovero rivolto a Guido, e bonariamente risposi che Guido, quale proprietario della ditta, aveva maggiori responsabilità delle mie che lo legavano all ufficio. Mi guardò indagatrice per assicurarsi ch io parlavo sul serio. Ma pure disse mi sembra che potrebbe trovare un po di tempo per sua moglie e i suoi figli (Svevo 2004a, 955). 20

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

[Pagina 1] [Pagina 2]

[Pagina 1] [Pagina 2] [Pagina 1] Gradisca. 2.10.44 Rina amatissima, non so se ti rivedrò prima di morire - in perfetta salute - ; lo desidererei molto; l'andarmene di là con la tua visione negli occhi sarebbe per me un grande

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE Assemblea Nazionale Missio Giovani Roma, 10 aprile 2011 SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE 1. STORIE DI UOMINI L immagine da cui partiamo è esplicitamente riferita all esperienza di Paolo: 15 Ma quando

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 Dal Vangelo secondo Giovanni 9, 1.6-9.13-17.34-38 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita. Sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

Incontrare il Signore in famiglia.

Incontrare il Signore in famiglia. temi pastorali Incontrare il Signore in famiglia. GIAMPAOLO DIANIN* Padova Se la fede è la storia di un grande amore, è nella famiglia - in cui oggi si vive una sorta di indifferenza - che essa deve essere

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde 1 STRUTTURA FABULA: Primi esperimenti del Dr Jekyll -Jekyll nasce nel 18.. Jekyll ha divergenze con Lanyon -Poole comincia a lavorare come maggiordomo da Jekyll nel 1860 circa Jekyll scopre la dualità

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

5. DOV'È L'AGNELLO PER L'OLOCAUSTO? Il sacrificio di Isacco Genesi 22,1-14

5. DOV'È L'AGNELLO PER L'OLOCAUSTO? Il sacrificio di Isacco Genesi 22,1-14 5. DOV'È L'AGNELLO PER L'OLOCAUSTO? Il sacrificio di Isacco Genesi 22,1-14 1.LA STORIA Il capitolo 22 del libro della Genesi è uno dei testi fondamentali nell Antico Testamento. Il testo appartiene ad

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Nel ventre pigro della notte audio-ebook

Nel ventre pigro della notte audio-ebook Silvano Agosti Nel ventre pigro della notte audio-ebook Dedicato a quel po di amore che c è nel mondo Silvano Agosti Canti Nel ventre pigro della notte Edizioni l Immagine Nel ventre pigro della notte

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

L ALFABETO DELLA LEGALITA

L ALFABETO DELLA LEGALITA L alfabeto, che sta alla base dell acquisizione di ogni lingua, diventa, in questo nostro giornalino, il punto di partenza per la conoscenza di quei valori fondamentali che è indispensabile interiorizzare

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

L'intuizione e la sua difficile realizzazione

L'intuizione e la sua difficile realizzazione P. Maranesi - Facere misericordiam FRANCESCO, I LEBBROSI E I SUOI FRATI: L'intuizione e la sua difficile realizzazione FRANCESCO CI PARLA DELLA SUA CONVERSIONE Il Testamento di Francesco potrebbe essere

Dettagli

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43)

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) Parrocchia S. M. Kolbe Viale Aguggiari 140 - Varese Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) 1. PREGHIAMO INSIEME Salmo 80 (79) 1 Al maestro del coro. Su «Il giglio della testimonianza».

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli