L EDITORIALE. Il 2010 è stato un anno di grande trasformazione per Telecom Italia. S i è potenziata

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L EDITORIALE. Il 2010 è stato un anno di grande trasformazione per Telecom Italia. S i è potenziata"

Transcript

1 SINCRONIZZANDO 1/ L EDITORIALE Il 2010 è stato un anno di grande trasformazione per Telecom Italia. S i è potenziata la nostra presenza in America Latina grazie al rilancio delle attività in Brasile e al consolidamento della partecipazione azionaria in Telecom Argentina, abbiamo realizzato importanti innovazioni sul business domestico di cui si parla diffusamente in questo numero di Sincronizzando. Abbiamo inoltre registrato un netto miglioramento nella struttura patrimoniale. I risultati sulla riduzione del debito, sul contenimento dei costi industriali, sull EBITDA, recentemente presentati alla comunità finanziaria e che saranno sottoposti all Assemblea degli Azionisti ci confermano che siamo sulla strada giusta. Nel complesso possiamo affermare che il progetto di risanamento e rilancio del Gruppo Telecom Italia procede secondo le tempistiche che ci eravamo dati, nonostante le rilevanti quanto inaspettate difficoltà che abbiamo incontrato sul nostro cammino e nonostante una delle peggiori situazioni macroeconomiche registrate dal dopo guerra a oggi. Il miglioramento della competitività delle nostre offerte di servizi ci ha permesso di registrare, nel corso del 2010, un numero di clienti di rete mobile in crescita e una riduzione dei clienti di telefonia fissa che si è attestata a livelli di molto inferiori rispetto a quelli registrati gli anni precedenti. La nostra presenza istituzionale ha segnato in questi giorni un altra tappa importante: abbiamo scelto di presentarci sui media con una campagna che sottolinea il ruolo leader che rivestiamo da oltre 60 anni nel Paese. Siamo però perfettamente consapevoli che non possiamo permetterci di abbassare la guardia. La situazione macroeconomica presenta ancora molte incertezze. Nei prossimi anni ci troveremo ad affrontare un mercato delle telecomunicazioni sempre più competitivo e dinamico nel quale si vanno affermando nuovi soggetti che adottano modelli di business certamente non consueti per gli operatori tradizionali. In ultimo l evoluzione delle abitudini di consumo dei nostri clienti dovranno essere sostenute con nuovi investimenti in infrastrutture di reti, proseguendo il percorso di digitalizzazione del Paese. Telecom Italia è oggi un Gruppo più solido: le nostre persone possono oggi guardare con serenità al futuro di cui possono continuare a essere attori fondamentali confermando l impegno, la responsabilità, la professionalità che ci hanno reso protagonisti della storia del Paese. Franco Bernabè

2 4

3 SINCRONIZZANDO 1/ MAXI CULTURA Telecom Italia è partner del MAXXI, il Museo nazionale delle Arti del XXI secolo di Roma, per il quale mette a disposizione know-how e infrastrutture tecnologiche avanzate. Grazie a questa partnership sono stati destinati, tramite contest interno, inviti ai colleghi del Lazio che hanno potuto così visitare il museo in una serata esclusiva, insieme a un accompagnatore. Dopo le visite milanesi organizzate a Villa Necchi Campiglio, al Museo Poldi Pezzoli e la mostra Art s Day realizzata presso la sede di Piazza Affari, continua l impegno di Telecom Italia per la diffusione della cultura e dell innovazione digitale nel nostro Paese. Sonia Casaro Fabrizio Ignesti

4 6 INDICE n PERSONE n PUNTI DI VISTA Fattore A 8 Storia di un successo, passo dopo passo. La conquista del controllo del Gruppo Telecom Argentina grazie al rigore e al rispetto delle regole di un team affiatato n UNO DI NOI Perché scegliere Telecom Italia? 14 Per la nostra affidabilità, serietà, eccellenza nel servizio: questa è la risposta chiara che dobbiamo dare al cliente perché la sua preferenza ricada su di noi. Ne parliamo con Marco Patuano, responsabile Domestic Market Operations n SESTANTE A fianco del Paese 18 I giovani sono il futuro, ma anche il presente. È per questo che Telecom Italia si impegna fin da subito a sostenere lo sviluppo della Rete come strumento di meritocrazia ed efficienza n INNOVAZIONE n TECNOLOGIA AL QUOTIDIANO La mia banda... suona in città 20 Fibra ottica fa rima con innovazione: Gianfranco Ciccarella responsabile di Attività Trasversali di Technology & Operations ci illustra quali sono i passi verso la Next Generation Access Network n STRUMENTI DI LAVORO Un luogo virtuale di dialogo, ascolto, networking 22 Nasce la Scuola di Relazioni Industriali di Telecom Italia, che vuole diventare sede permanente di confronto tra il mondo aziendale, le istituzioni e le associazioni di categoria n BUSINESS n FACCIAMO IL PUNTO SU... Sem fronteiras 26 Il rilancio e le prospettive di successo di TIM Brasil che opera nello scenario stimolante di un Paese in piena crescita n PERCHÉ L HO SCELTO Cubovision : tv e molto di più 30 E per di più arriva in versione nuova sia dal punto di vista tecnologico sia nell offerta di contenuti e servizi n LA FACCIA DI CHI CI METTE LA FACCIA Una questione di sicurezza! 32 I volti dei colleghi che hanno il difficile compito di fronteggiare situazioni di crisi ed emergenza per garantire sia la tutela fisica sia la salvaguardia del patrimonio intangibile dell azienda n IN COSA POSSO ESSERLE UTILE? Presenti nel futuro del Paese 38 Telecom Italia ha vinto un importante gara per fornire alla Pubblica Amministrazione soluzioni per servizi innovativi ai cittadini

5 SINCRONIZZANDO 1/ n A CARTE SCOPERTE Di casa in Borsa 40 Sono 11 i colleghi di Investor Relations che gestiscono la comunicazione finanziaria di Telecom Italia n LA PAROLA AL FILOSOFO n LO SPECCHIO DELL AZIENDA La questione della conoscenza: da Platone a Orwell passando per Darwin 42 L intervento di Armando Massarenti n COMMENTI n SCENARIO + cultura + crescita 44 I risultati del test PISA sulla valutazione degli studenti delle scuole superiori sono molto incoraggianti per Paesi come la Cina. E per noi? n REPORTAGE Sapere all italiana 48 Due grandi fotografi illustrano l aspetto quotidiano del vivere la cultura nel nostro Paese n C ERA UNA VOLTA I nostri antenati 52 Storia del fax e della segreteria telefonica: due invenzioni che restano ancora attuali. In un certo senso apripista del cellulare e di internet n QUESTIONE DI STILE Il mondo? Un forziere pieno di sorprese 56 Per saperle scoprire tutte è indispensabile aguzzare la vista e ricomporre con ingegno i dati accumulati. Perché no, prendendo ispirazione anche dalla pittura n MONDO n ECOSISTEMA Io imparo, l azienda è con te 58 La voglia di continuare ad apprendere non ha limiti di età. Per questo Telecom Italia ha lanciato sulla intranet una iniziativa di long life learning. Perché laurearsi, anche dopo gli anta, si può n MESTIERI IERI OGGI DOMANI Specialisti in comunicazione 60 Il flusso di informazioni, il dialogo con i media, il monitoraggio di ciò che i giornalisti scrivono di noi. Viaggio nel mondo dell Ufficio Stampa n VENITE DA NOI L oro d Italia 64 Continuiamo a scoprire grazie ai colleghi bellezze, curiosità, ricordi storici dell Italia. Questa volta andiamo in Sicilia, Liguria ed Emilia-Romagna n IL RACCONTO Il segreto dei tannini 66 Michela Murgia, vincitrice del Campiello, scrive in esclusiva per Sincronizzando un racconto sugli antichi saperi patrimonio di pochissimi

6 8 PERSONE PUNTI DI VISTA

7 SINCRONIZZANDO 1/ FATTORE A Come siamo riusciti a conquistare il controllo del Gruppo Telecom Argentina. La cronaca di un successo, per niente annunciato, raggiunto con rigoroso rispetto delle regole e un perfetto gioco di squadra che ha consentito a Telecom Italia di tornare a crescere a livello internazionale. Può sembrare un luogo comune, ma la storia della partecipazione di Telecom Italia in Argentina è paragonabile a un tango. Così si potrebbe sintetizzare la ricostruzione degli eventi raccontata dal team di Telecom Italia che ha saputo portare a casa un successo davvero importante: Andrea Mangoni, responsabile Administration, Finance and Control cui riferisce anche International Business, Nicola Verdicchio, responsabile International Legal Affairs, Guglielmo Noya, responsabile Mergers & Acquisitions e Patrizio Graziani, assistente dell Amministratore Delegato. Gli ingredienti di questo avvincente ballo ci sono tutti: il gioco delle parti, le forti emozioni, gli avvicinamenti e le improvvise separazioni. Ma, soprattutto, la passione degli interpreti nella perfetta esecuzione di movimenti calibrati e passi sapienti. MOSSA VINCENTE L ultimo giro di tango inizia nel 2003, il momento più buio della crisi finanziaria argentina. France Telecom lascia la partnership con Telecom Italia in Telecom Argentina, operatore originato dalla locale privatizzazione delle telecomunicazioni del 1990 e divenuto nel tempo un grande player continentale, proprio grazie al contributo di Telecom Italia. Il Gruppo, infatti, decide di sfidare la crisi: riconosciuta subito Telecom Argentina come una componente strategica della propria dimensione internazionale, stabilisce una nuova partnership con il Gruppo Werthein, importante gruppo economico locale. La mossa si rivela presto vincente e permette a Tele- A sinistra, Edificio Madero, il palazzo Telecom più importante a Buenos Aires. Sopra, da sinistra, Solange Barthe (Investor Relations Officer TA), Adrian Calaza (CFO TA), Franco Bertone (CEO TA), Pedro Inssusarry (Finance Director TA), Scott Cutler (Executive Vice President NYSE) durante il Closing Bell alla NYSE il 9 dicembre 2009, nel quindicesimo anniversario della quotazione di Telecom Argentina

8 10 PERSONE PUNTI DI VISTA com Italia, oltre che a traghettare Telecom Argentina fuori dalla crisi finanziaria, a porla addirittura alla guida della rinascita economica del Paese, contribuendo a quella moderna infrastruttura per le comunicazioni rivelatasi uno degli asset più importanti per la crescita dell'argentina negli ultimi anni. IL CONFRONTO SERRATO Ma come in un tango giunge il momento in cui i partner si confrontano, si misurano, si sfidano, tentano di imporsi e condurre la danza, così nel 2007 precisa Nicola Verdicchio quando il Governo argentino avvia le analisi sui presunti rischi per la concorrenza nel mercato argentino delle telecomunicazioni, conseguenti l acquisizione di una partecipazione indiretta in Telecom Italia da parte di Telefónica (che controlla il maggiore competitor di Telecom Argentina), vengono avviate nei confronti di Telecom Italia una serie di azioni giudiziali volte a impedire l esercizio di alcuni diritti contrattuali che le avrebbero consentito, di lì a poco, di ottenere il controllo completo dell operatore. Ne nasce, pertanto, un confronto serrato nelle aule di giustizia, mentre alcune autorità locali intravedono la possibilità di utilizzare le circostanze, tentando di far tornare Telecom Argentina in mani argentine, privando così Telecom Italia del suo legittimo ruolo nel controllo della società. Katia Carota TELECOM ARGENTINA IN NUMERI Miliardi ARS (peso argentino) Ricavi 10,6 12,2 14,7 EBITDA 3,3 3,9 4,6 PFN -0,9 0,5 1,2 Milioni di linee Fisso 4,0 4,1 4,1 ADSL 1,0 1,2 1,4 Mobile 14,4 16,3 18,2

9 SINCRONIZZANDO 1/ UNA STORIA DI SUCCESSO CHE CI UNISCE Siamo un operatore integrato con una partecipazione di mercato rilevante in tutti i segmenti nei quali operiamo: fisso, mobile, banda larga, dati, ICT e VAS. Siamo 15mila persone prevalentemente concentrate in Buenos Aires, Córdoba e Rosario in Argentina e Asunción in Paraguay. Operiamo 24 milioni di linee delle quali 18 milioni mobili. Quotiamo alla Borsa locale dove rientriamo tra le cinque principali società per capitalizzazione. Da oltre 15 anni siamo quotati alla New York Stock Exchange (NYSE), dove siamo in seconda posizione tra i 10 foreign issuers argentini e quarantunesimi tra i 77 latinoamericani. Le telecomunicazioni argentine sono il terzo mercato regionale dopo Brasile e Messico: vale 10 miliardi di dollari e mantiene tassi di crescita sostenuti pur avendo raggiunto livelli di penetrazione elevati. In Argentina la penetrazione del mobile è prossima al 130 per cento della popolazione e, nella regione, è seconda solo a quella dell Uruguay. La penetrazione della banda larga e della televisione via cavo, pari rispettivamente al 37 e 65 per cento delle unità residenziali, sono in assoluto le più alte della regione. Il mercato argentino delle telecomunicazioni è competitivo ed equilibrato nelle quote di partecipazione dei principali operatori tra i quali Telefónica/Movistar, Telmex/América Móvil e il gruppo media locale Clarín. Le nostre quote di mercato riferite ai principali concorrenti sono in crescita e hanno raggiunto il 47 per cento nel fisso, il 35 per cento nella banda larga e il 31 per cento nel mobile. Negli ultimi tre anni i dati (ICT, VAS e banda larga) hanno raggiunto il 35 per cento dei nostri ricavi con un tasso di crescita triplo dei servizi voce. Nel mobile i VAS, pari al 40 per cento dei ricavi al netto della vendita di terminali, segnano un primato regionale di Personal. Nel mercato locale la nostra quota di partecipazione negli smartphone è doppia di quella del concorrente più prossimo. Cresciamo più del mercato e questo ci consente di mantenere livelli di redditività soddisfacenti nonostante la pressione che inflazione e tassi di cambio esercitano sui nostri margini. In seguito al default sul nostro debito conseguente alla svalutazione del peso argentino nel 2002, abbiamo ristrutturato le nostre obbligazioni verso il mercato e onorato anticipatamente gli impegni assunti. Questo ci ha consentito di rilanciare gli investimenti e recuperare quote di mercato nei confronti della concorrenza. Diamo grande importanza ai processi di pianificazione, controllo dei costi e all efficienza operativa che nella nostra esperienza Da sinistra, Nicola Verdicchio, Guglielmo Noya, Andrea Mangoni

10 12 PERSONE PUNTI DI VISTA si sono dimostrati fattori decisivi di competitività, rafforzamento patrimoniale, reputazione e credibilità nel mercato. Crediamo che l integrazione tecnologica e organizzativa nella quale ci siamo impegnati con forza e determinazione ci renda più efficienti e competitivi nell offerta di valore ai nostri clienti. Investiamo con convinzione nel nostro capitale umano in progetti di comunicazione, formazione e sviluppo promuovendo equilibrio tra l ambito di lavoro e quello personale, rapporti aperti e trasparenti con i dipendenti e le organizzazioni sindacali. Manteniamo prezzi competitivi in relazione al potere d acquisto dei nostri clienti puntando a crescere con lo sviluppo di servizi a valore aggiunto, accesso e distribuzione di contenuti a terminali fissi e in mobilità. Abbiamo semplificato la struttura della nostra offerta commerciale con pacchetti di servizi che consentono ai clienti il controllo dei costi di comunicazione, incentivando il consumo di nuovi servizi e la percezione di valore. I nostri marchi Telecom per i prodotti di rete fissa residenziale e affari, Arnet per la banda larga e Personal per il mobile sono ben posizionati nel mercato, particolarmente nel segmento giovani e sono caratterizzati da innovazione e qualità. Abbiamo sviluppato un modello di business sostenibile che produce una crescita equilibrata di ricavi, margini e quote di mercato pur nel contesto di instabilità macroeconomica della regione. Con la soluzione dei conflitti degli ultimi anni e la posizione di controllo, è iniziata una nuova fase di sviluppo e integrazione che consentirà a Telecom Argentina di contribuire alla crescita e al consolidamento delle attività internazionali del Gruppo. È una prospettiva che, solo un anno fa, sembrava remota. Oggi, è una realtà e una storia di successo che ci unisce. Franco Bertone Chief Executive Officer di Telecom Argentina UNA RISPOSTA COLPO SU COLPO In un contesto tanto complesso quanto sfavorevole e quando già si intuiva la caduta e la fine del ballo e tutti presagivano l uscita dal Paese, Telecom Italia, senza perdere l'orientamento, con tenacia e perseveranza, ha risposto colpo su colpo agli attacchi portati nei confronti della società in ogni sede, confidando nell assoluta legittimità dei diritti del Gruppo e sostenendo parallelamente una strategia di azione basata sulla fermezza e sul rispetto delle regole. Questo atteggiamento di assoluta coerenza, che non è mutato neanche di fronte all emissione dell ordine delle autorità di dismettere l investimento di Telecom Italia in Argentina, ha dato finalmente i suoi frutti, quando il conflitto è giunto all'esame della Corte Suprema locale che, di fronte all evidenza delle ragioni di Telecom Italia, ha iniziato a smantellare i teoremi costruiti contro il nostro Gruppo. Proprio la conferma delle legittime posizioni di Telecom Italia e la coerente conduzione della linea strategica adottata, hanno consentito al Gruppo di uscire finalmente dall'angolo e trasformare la preannunciata ritirata in una straordinaria vittoria. UNA NUOVA INTESA Così sottolinea Andrea Mangoni nell assoluta riservatezza e in tempi estremamente rapidi, è stato possibile raggiungere una nuova intesa con il partner, basata su logiche di business e di mercato, e di ottenere finalmente il controllo di Telecom Argentina e la risoluzione definitiva di tutti i conflitti insorti. Questo è il racconto del lavoro impeccabile di un gruppo di colleghi, che con grande capacità hanno condotto Telecom Italia a trovare la soluzione che le permette, ora, di guidare le danze in Argentina. q Barbara Lucangeli In questa pagina, pubblicità di banda larga Arnet

11 SINCRONIZZANDO 1/ LA SUCURSAL ARGENTINA Da molti anni, l impegno del nostro Gruppo in Argentina è testimoniato dalla sua sede al 26esimo piano della Torre Catalinas: qui sono gli uffici della Sucursal di Telecom Italia a Buenos Aires, affidata a Ciro Di Cecio. La Sucursal cura in loco le relazioni con le istituzioni, affiancando il lavoro dei colleghi di Telecom Argentina. Qui spiega il responsabile il nostro Gruppo promuove iniziative di business che contribuiscono allo sviluppo del sistema Paese in cui opera. Tale sviluppo comporta l impiego di rilevanti risorse, umane, tecniche e finanziarie, necessarie a sostenere un business come quello delle telecomunicazioni. La recente storia relativa al controllo di Telecom Argentina continua Di Cecio rappresenta la conferma che gli obiettivi definiti dalle linee strategiche e dai piani di investimento trovano successo se si adottano comportamenti basati sulla conoscenza e sul rispetto delle regole del Paese e sul corretto e trasparente coinvolgimento di tutti gli stakeholder interessati, primi tra tutti le istituzioni locali. Fine primario è far percepire e apprezzare l impegno industriale di Telecom Italia come generatore di valore aggiunto per l intero sistema Paese. È in questo ambito afferma che si svolge la missione della Sucursal che, in stretto coordinamento operativo con le diverse funzioni aziendali di riferimento, ha l obiettivo di promuovere, sviluppare e affermare la reputazione e l immagine del nostro Gruppo in Argentina. E conclude: dal 26esimo piano della Torre Catalinas, si ammira un panorama straordinario. Come straordinariamente grande è la nostra voglia di impegnarci per cogliere ogni opportunità che questo meraviglioso Paese, l Argentina, promette.

12 14 PERSONE UNO DI NOI PERCHÉ SCEGLIERE TELECOM ITALIA? Quali sono i motivi che spingono i clienti a preferire un operatore di telecomunicazioni rispetto a un altro? Molto dipende dal posizionamento che ciascuno assume sul mercato competitivo. E i clienti sanno leggerlo e valutarlo. Nella scelta dei prodotti e servizi tutto si gioca su pochi elementi fondamentali che caratterizzano, come la carta d identità, gli operatori: l affidabilità e la serietà, l eccellenza del servizio, la convenienza economica in termini di promozioni e sconti, la chiarezza e la trasparenza. E ognuno fa le scelte che ritiene vincenti. Vediamo insieme a Marco Patuano, alla guida di Domestic Market Operations dalla fine del 2009, come si colloca Telecom Italia sulla scacchiera della concorrenza nel nostro Paese. Marco Patuano. Mi sento di dire che il 2010, oltre alle note criticità sulle performance economiche del mobile-consumer, presenta anche elementi che richiedono una lettura più articolata. Infatti si vedono segnali positivi anche sul mercato Domestico dove abbiamo attuato un vero e proprio riposizionamento strategico. Nel 2010, infatti, sono stati apportati importanti correttivi al nostro business. La buona notizia è che si stanno già vedendo i risultati. Stiamo recuperando la Customer Satisfaction nel Mobile Consumer, in particolare sui driver relativi all offerta e alla relazione. La stagione natalizia è andata bene: ci sono stati molti acquisti e si è rispettato il programma in quanto a terminali ed economics. Nei primi mesi di quest anno la tendenza si sta rafforzando: è migliorato il traffico e anche i ricavi.

13 SINCRONIZZANDO 1/ Sincronizzando. I servizi di telefonia mobile: nel 2010 Vodafone ha superato TIM per ricavi e minuti di traffico complessivo. I clienti che rimangono con TIM lo fanno soprattutto perché assicura una buona copertura di rete, ma la convenienza economica, gli sconti e promozioni sono i driver di scelta per i clienti di Vodafone, Wind e Tre (vedi tabella 2); nel caso di Vodafone è rilevante anche il fattore community, ossia avere amici e conoscenti che utilizzano questo gestore. Cosa stiamo facendo in concreto per riconquistare la leadership nel mobile? Patuano. Sul mobile, nel 2010 è stato fatto un indispensabile lavoro di rifondazione e riposizionamento: la profonda revisione delle politiche di offerta e le ingenti risorse investite per migliorare la comunicazione e l immagine dei punti vendita. È stato fatto un grande lavoro semplificando e razionalizzando l offerta: le parole chiave sono state semplicità, trasparenza e competitività, con approccio mirato e segmentato sui diversi target chiave (massivo, young, high-value ed etnico). Dalle ultime indagini sappiamo che la nostra offerta è ora percepita dai clienti come più chiara e trasparente. Abbiamo rivisitato i punti vendita, con un crash program che ha coinvolto tutte le strutture di vendita e molti settori aziendali. I nostri negozi sono ora più identificabili, situati in luoghi strategici, con un miglior ordine espositivo e sono orientati all implementazione di azioni di caring; abbiamo aperto nuovi negozi ma anche franchisee e siamo entrati in punti di vendita multibrand che possono sviluppare la base clienti con sostenibilità economica meno onerosa. Il 2011 porta anche nuove campagne di comunicazione. Il nuovo format sarà immediatamente riconoscibile, gradevole e capace di sostenere la frequenza ma soprattutto sarà costruito sulla centralità dell offerta. Sincronizzando. Veniamo al mercato del fisso: i clienti di Telecom Italia la riconoscono affidabile e seria, un punto di riferimento, Nella foto, Marco Patuano

14 16 PERSONE UNO DI NOI I MOTIVI DI SCELTA DEL GESTORE SECONDO PANEL WEB - TABELLA 1 - TARGET FISSO CONSUMER FISSO Principali motivi Telecom Italia Infostrada Fastweb Vodafone Ha una buona continuità della connessione, non cade/non si interrompe 18,7% 2,9% 12,2% 4,3% Offre offerte vantaggiose e adatte alle mie esigenze 18,3% 47,6% 28,2% 40,0% Ero stato già cliente di questo operatore e mi ero trovato bene 13,7% 6,5% 0,0% 6,1% È un azienda seria e affidabile 12,9% 1,8% 1,5% 7,8% Per le offerte integrate telefonia + navigazione internet 12,0% 28,8% 10,7% 15,7% Velocià di navigazione nel complesso 7,5% 1,2% 35,9% 3,5% I MOTIVI DI SCELTA DEL GESTORE SECONDO PANEL WEB - TABELLA 2 - TARGET MOBILE CONSUMER MOBILE Principali motivi TIM Vodafone Wind Tre Ha una buona copertura di rete 31,3% 13,1% 10,8% 3,4% Offre promo, tariffe vantaggiose e adatte a me 25,1% 37,4% 53,4% 56,4% Avevano questo operatore le persone con cui ho i maggiori contatti 12,3% 22,4% 10,8% 6,0% Ero stato già cliente di questo operatore e mi ero trovato bene 9,9% 7,7% 4,5% 0,9% Per le offerte integrate fonia e internet mobile 2,5% 1,0% 2,3% 7,7% Per le offerte integrate cellulare e tariffe convenienti 2,5% 0,6% 3,4% 10,3% Fonte: DMO.QPM.Surveys - Indagine quantitativa su panel clienti Telecom Italia e OLO - Gennaio Interviste web il gestore di sempre e le attribuiscono competenza e sicurezza tecnologica (per esempio sul funzionamento delle linee Adsl). Diverso è il posizionamento degli altri operatori. I clienti di Fastweb sono attratti dalla velocità elevata di navigazione e download/upload e dalle tariffe convenienti e adatte alle proprie esigenze. La convenienza e la possibilità di avere offerte integrate internet e fonia adatte alle proprie esigenze sono invece i driver principali di scelta per Infostrada e recentemente in maniera crescente anche per Vodafone (vedi tabella 1). Patuano. Sul mercato del fisso abbiamo registrato ottime performance nella prima parte dell anno, in termini di clienti, di difesa della quota di mercato e nella banda larga; negli ultimi mesi del 2010 invece siamo stati sotto attacco da parte della concorrenza che ha sfoderato un aggressività senza precedenti a base di sconti e riduzioni. In particolare dalle nostre indagini di mercato emerge che i clienti preferiscono i concorrenti proprio per questa proliferazione di tariffe scontate. Reagiremo con risolutezza, ma non con la logica del colpo su colpo nel terreno degli sconti, punteremo sulla qualità e l innovazione, anche perché dalle indagini risulta che i clienti ci reputano più affidabili. Nel fisso quindi faremo quanto è nel modus operandi di un operatore incumbent. Sincronizzando. La qualità è dunque il nostro punto fermo: nel 2010 abbiamo recuperato qualità in tutti i processi (Delivery, Assurance, Attivazione servizi/offerte, Customer Care) e in particolare nel Customer Care abbiamo raggiunto livelli mai ottenuti prima, prossimi all eccellenza, in termini di efficienza del servizio, vendita, soddisfazione e fidelizzazione dei clienti. Patuano. Effettivamente, e non siamo noi a dirlo: abbiamo ricevuto tutta una serie di riconoscimenti di enti italiani e internazionali. Innanzitutto la certificazione UNI EN 15838:2010 da parte dell ICIM (Ente di certificazione italiano) dei Contact Center 187 e 119 per la clientela ad alto valore e con servi-

15 SINCRONIZZANDO 1/ dirizzo strategico del Gruppo che pone il cliente al centro dell azienda attraverso l adozione di modelli di caring evoluti che hanno come obiettivo la valorizzazione del cliente e la costruzione di una relazione di reciproca soddisfazione. Sincronizzando. Per concludere, cosa ci attendiamo per il prossimo futuro? Perché un cliente fisso o mobile dovrebbe scegliere Telecom Italia? Patuano. Il nostro obiettivo è tornare a essere i primi in Italia nella telefonia mobile. Seguendo l evoluzione del mercato, andiamo verso un business model il cui elemento abilitante non saranno più la voce e gli sms ma internet su rete mobile. Infatti, se guardiamo l Europa e i Paesi con uno sviluppo della telefonia mobile paragonabile al nostro, si sta assistendo a una riduzione generalizzata delle tariffe dei servizi voce in mobilità e alla loro migrazione verso gli operatori low-cost. Il prezzo della voce in Europa è sceso di circa l 11 per cento, in Italia molto zi evoluti del fisso e del mobile, e siamo il primo operatore telefonico in Italia e tra i primi in Europa ad avere servizi di Customer Care certificati. Recentemente ci siamo aggiudicati anche due importanti premi nell edizione 2011 del Customer Management Multimedia Competence (CMMC): il primo per il miglior progetto innovativo realizzato con il Contact Center 187 per i servizi di telefonia fissa e, il secondo, per i brillanti risultati del Servizio Clienti 119 di TIM. Tutto questo rappresenta per la nostra azienda un importante risultato, ottenuto grazie a una serie di azioni di miglioramento basate su organizzazioni e processi efficienti, soluzioni tecnologiche innovative, la realizzazione di piattaforme tecnologiche all avanguardia e l investimento sulle persone in termini di competenze e motivazione. Quello dei servizi alla clientela è un compito non facile: ogni giorno ci sono seicentomila chiamate ai call center e tre milioni di contatti gestiti dai risponditori automatici, una massa di manovra imponente. Insomma sta dando i suoi frutti l'indi più, ci aggiriamo attorno al 35 per cento. La politica sui device mobili dice inequivocabilmente: smartphone. Se io fossi un cliente sceglierei Telecom Italia perché siamo i migliori, perché la nostra offerta è la migliore sul mercato in termini di qualità. Per rimanere primi sul mercato dobbiamo essere la scelta numero uno del cliente, non la più economica ma la migliore sul mercato. q Francesca Impecora Pietro Parente fotografie di Riccardo Adelini Sopra, da sinistra, Carlos Lambarri, Mario Ruggiero, Marco Patuano

16 18 PERSONE SESTANTE A FIANCO DEL PAESE La posizione di Telecom Italia per favorire i giovani e attrarre nuovi talenti. Lo sviluppo della Rete per la competitività del Paese. SVILUPPARE LE IDEE CONCRETAMENTE Per il 2011 le parole d ordine saranno: creatività, progettualità e determinazione. La creatività muove dalla conoscenza dell ambito di intervento e introduce innovazioni, incrementali o radicali, provando a osservare il problema da punti di vista diversi. Spesso la routine quotidiana soffoca il consolidamento di un idea, mentre le intuizioni meritano di essere approfondite. Progettualità per obiettivi ambiziosi, percorsi chiari, risultati concreti. Nel 2010 Telecom Italia ha portato avanti con professionalità e dedizione scelte consolidate e di frontiera. Vanno esplorate anche le immense opportunità presenti nelle praterie non digitali, come l istruzione o il turismo, in cui si possono giocare ruoli primari. Per il Censis l Italia non sta crescendo più perché gli Italiani hanno smesso di desiderare. Per Telecom Italia per tornare a desiderare si deve avere più fiducia nel futuro, una fiducia radicata sulla consapevolezza delle proprie capacità e sulla forza di portare avanti idee e azioni con determinazione. LA DOMANDA DI SERVIZI DIGITALI PER LO SVILUPPO DELLE RETI Nel nostro Paese sul fronte delle infrastrutture esiste l esigenza di eliminare il divario digitale, portando a tutti i cittadini e a tutte le imprese una connessione a banda larga. È un esigenza di democrazia e una condizione inderogabile alla diffusione di un ecosistema digitale. Le cose da fare sono ben conosciute. Sono indicate con chiarezza nel rapporto Servizi e Infrastrutture per l innovazione digitale di Confindustria, nel Piano e-gov 2012 del ministro Brunetta e anche nella Digital Agenda dell Unione Europea. Va accelerato il processo di dematerializzazione della Pubblica Amministrazione. Va poi incentivato il coinvolgimento di capitali privati in tutti i servizi pubblici che possono essere resi più efficienti grazie alla digitalizzazione dei processi. Vanno infine modificate le procedure di appalto per l acquisizione di sistemi complessi, come, per esempio, la sanità elettronica, trasformando la domanda pubblica in un vero driver di innovazione.

17 SINCRONIZZANDO 1/ LA DIGITALIZZAZIONE DELLE SCUOLE La strategia del Piano Nazionale Scuola Digitale del ministro Gelmini rappresenta la risposta adeguata alle esigenze di miglioramento della didattica attraverso le tecnologie ICT. Ed è proprio su questa visione strategica che si è ispirato il Protocollo d Intesa con il ministro Gelmini. Questo atto consolida un rapporto di collaborazione pluriennale che aveva visto un altra importante tappa già lo scorso anno con la firma di un altro Protocollo d Intesa per agevolare tecnologicamente gli studenti nell ambito dell iniziativa Io Studio. Telecom Italia è costantemente al fianco del Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca nella realizzazione di azioni volte a sostenere il processo di innovazione e di modernizzazione del sistema scolastico sia sul fronte didattico sia amministrativo. PER I GIOVANI TALENTI La realizzazione della rete di nuova generazione (NGN) è partita ormai da un paio d anni a Milano e a Roma. Telecom Italia però non si ferma a Milano e Roma e prosegue il suo progetto di sviluppo delle NGN con serietà, costanza e determinazione. Anche a Catania, Torino e Venezia abbiamo aperto i cantieri e iniziato la posa della fibra. In particolare, lo sviluppo della NGN a Catania rappresenta metaforicamente il nostro Ponte sullo stretto per unire una regione che presenta grandi potenzialità al resto d Italia. Catania è soprattutto una città in cui i giovani possono svolgere un ruolo di traino in termini di utilizzo e diffusione delle nuove tecnologie legate al mondo di internet. Catania è inoltre un area in cui già oggi esiste un grande fermento tecnologico, industriale ed economico generato dal polo tecnologico soprannominato Etna Valley. Con l insediamento di STMicroelectronics, Catania è già divenuta una realtà capace di attrarre giovani talenti e in qualche modo arginare la fuga di cervelli ampiamente diffusa a livello nazionale. MERITOCRAZIA ED EFFICIENZA La Rete stimola la comunicazione collettiva, genera sinergie, crea valore. Queste caratteristiche si riscontrano nei social network. I dati recentemente pubblicati da Nielsen Wire (riferiti a settembre 2010) rivelano che l utente italiano di social network mediamente dedica a questa attività circa sei ore mensili, quantità di tempo del tutto paragonabile a quella dei colleghi inglesi e statunitensi. Solo in Australia consumano di più. In Germania, dedicano a questa attività circa tre ore al mese. La crescita esponenziale di questo fenomeno non è e non può essere ignorata dal mondo delle imprese, che rispetto a questo devono rivedere le proprie strategie di vendita e di marketing. Il compito per noi tutti è rafforzare e sostenere il ruolo della Rete come strumento di meritocrazia e di efficienza. In un Paese come il nostro dove c è bisogno di trasparenza, di meritocrazia, di imparzialità, di obiettività, di valorizzazione dei talenti, di creare nuove opportunità e restituire la fiducia ai giovani la Rete non solo deve essere valorizzata ma deve essere messa più che mai al centro di qualsiasi operazione tesa a migliorare la competitività del Paese. a cura di Giulio Di Giacomo Guido Ponte Enrico Barella Fonte: interventi di Gabriele Galateri e di Franco Bernabè (2010)

18 20 INNOVAZIONE TECNOLOGIA AL QUOTIDIANO LA MIA BANDA... SUONA IN CITTÀ Qual è il programma Telecom Italia per la rete di nuova generazione in fibra ottica? Il come e il perché raccontati da Gianfranco Ciccarella, responsabile Attività Trasversali di Technology & Operations. In questi anni la fibra ottica si è andata diffondendo anche nel mercato residenziale con Corea del Sud e Giappone a fare da apripista. Anche in Italia oggi c è sete di fibra con l affermarsi dei servizi televisivi HD e 3D, dell e-commerce, dell ehealth e dell infomobilità in modalità social e con il diffondersi, nel contesto business, di innovative soluzioni ICT come il cloud computing. Per far fronte a queste nuove esigenze, Telecom Italia sta portando la fibra a migliaia di abitazioni. Nello specifico si prevede, entro il 2018, di collegare alla rete di nuova generazione circa 9 milioni di unità immobiliari, in linea con gli obiettivi dell Agenda Digitale della Commissione Europea, che prevede che le reti ultrabroadband raggiungano, entro il 2020, il 50 per cento della popolazione, ovvero oltre dieci milioni di famiglie. Oggi le città italiane già raggiunte dalla nuova rete ultra veloce di Telecom Italia sono Catania, Milano, Roma, Torino e Venezia, alle quali, a breve si aggiungeranno anche Bari, Bologna, Genova e Napoli. Ingegner Ciccarella, ci può delineare come Telecom Italia intenda realizzare queste nuove reti a prova di futuro? Il nostro obiettivo è di sostituire progressivamente su tutto il territorio nazionale l attuale infrastruttura di rete d accesso in rame con una nuova tutta in fibra ottica. Per dota- re il Paese della Next Generation Access Network (NGAN) abbiamo iniziato con il cablare le città più densamente popolate; poi passeremo alle altre. Questa innovazione, che non è un semplice divertissement tecnologico, ma una necessità per lo sviluppo del sistema Italia nel suo complesso, la realizziamo mixando due soluzioni tecnologiche: FTTH (Fibre To The Home), con la fibra ottica che arriva fin dentro il singolo appartamento, e FTTC (Fibre To The Cabinet), che prevede la fibra ottica dalla centrale fino all armadio ripartilinea in strada, e che sarà progressivamente trasformato in FTTH non appena la penetrazione degli accessi a larga banda sarà superiore al 25 per cento. A breve nelle nostre case avremo una nuova scatoletta, chiamata ONT (Optical Network Termination), su cui termina la fibra ottica e che si collega al router residenziale (Access Gateway) cui saranno attestati i vari dispositivi di comunicazione: dal pc, alla tv, agli elettrodomestici intelligenti. Portare fibra a tutte le case comporta fare scavi stradali, il che fa eco con disagi per la viabilità... A dire il vero fibra fa eco solo con innovazione. Telecom Italia sta utilizzando anche per gli scavi tecniche rivoluzionarie, che minimizzano i disagi stradali; se prima, per la rete in rame, si era costretti a effettuare scavi profondi circa 80 centimetri e

19 SINCRONIZZANDO 1/ Sopra, da sinistra, Luigi Cappiello e Francesco Breda alle prese con la posa di cavi in fibra ottica SEMPLICEMENTE GPON GPON (Gigabit-capable Passive Optical Network) è la nuova architettura in fibra ottica scelta da Telecom Italia per la rete fissa di nuova generazione. È una soluzione eco-sostenibile che, nel rispetto ambientale, comporta una limitata occupazione di spazi in centrale e una drastica riduzione dei consumi energetici (80 per cento in meno della larga banda attuale); consente inoltre l uso di tecniche di scavo innovative, che permettono di scavare e di ripristinare il manto stradale nella stessa giornata. Un altra caratteristica della GPON è che veicola, mediante l uso di ripartitori ottici in rete, il traffico di molte abitazioni (fino a 64) verso un unica fibra che arriva in centrale. Per queste sue specificità questa soluzione, adottata dall 86 per cento degli operatori al mondo, si contrappone alla più complessa soluzione PtP (Punto-Punto) che, prevedendo l assegnazione di una fibra per ogni utilizzatore, implica costi di realizzazione, gestione e manutenzione considerevoli. Per amor di metafora, è come se ciascuno di noi disponesse di una propria strada privata per recarsi per esempio da casa al lavoro (soluzione PtP), invece che utilizzare, con altri, una strada pubblica per lo stesso tragitto (soluzione GPON). La condivisione delle infrastrutture di rete, quindi, purché adeguatamente dimensionate, è più efficiente. Semplicemente. larghi almeno 40, oggi, con le micro e minitrincee, tutto si riduce a circa 30 centimetri di profondità e a 5-10 di larghezza. Peraltro, laddove siano già presenti infrastrutture ancora funzionali, come quelle del progetto Socrate, non è neppure necessario scavare! È anche grazie a queste rassicurazioni a tutela dell ambiente, che l ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) ha siglato con Telecom Italia l accordo per la realizzazione della NGAN. Ma quali sono le caratteristiche tecnologiche della nuova rete ottica di Telecom Italia? Per prima cosa vorrei precisare che l investimento in innovazione che Telecom Italia sta facendo non si circoscrive al solo tratto d accesso della rete fissa, ovvero dalla centrale a casa del cliente, ma interessa anche la rete di trasporto, ovvero i collegamenti tra le varie centrali, in modo da arrivare, nei prossimi anni, ad avere un backbone tutto Ip ultraveloce. Va da sé che Telecom Italia mira all ultrabroadband anche per la rete mobile; ne sono prova le nostre sperimentazioni in campo sulla rete LTE (Long Term Evolution), che eroga oltre 100 Mbit/s di banda. Garantire che tutte le nostre case siano a 100 Mbit/s è quindi lo sfidante obiettivo della NGAN di Telecom Italia. Per raggiungerlo abbiamo scelto la soluzione GPON (Gigabit-capable Passive Optical Network vedi box accanto, ndr), che oggi porta 2,5 Gbit/s in downlink e 1,25 Gbit/s in uplink per albero PON (e a breve 10/2,5 Gbit/s). Grazie all evoluzione della tecnologia, arriverà a fornire, sfruttando tecniche di multiplazione di lunghezza d onda, 1 Gbit/s simmetrico per cliente... insomma molto di più di quanto si possa desiderare! Ancora una domanda: perché Telecom Italia, come i principali operatori mondiali, ha deciso di investire così pesantemente nella fibra ottica? L evoluzione dei sistemi di comunicazione, che sempre più vede gli ambienti e gli oggetti comunicare tra loro e noi interagire dinamicamente con questi, richiede grande disponibilità di banda; già oggi per una videoconferenza ad alta definizione tra più persone abbiamo bisogno di una connessione a circa 20 Mbit/s. Telecom Italia ha scelto di investire in NGAN, anche perché il nostro Paese sia all avanguardia, il che non sarebbe possibile senza un infrastruttura di rete snella, specie dal punto di vista gestionale, e con risorse, ovvero capacità di connessione, direi, illimitate. Ma per essere più chiaro le rispondo: perché è inevitabile! q Michela Billotti Fabrizio Guarino fotografie di Domenico Giampà

20 22 INNOVAZIONE STRUMENTI DI LAVORO UN LUOGO VIRTUALE DI DIALOGO, Dallo scorso dicembre è operativa la Scuola di Relazioni Industriali di Telecom Italia che si propone di creare una sede permanente di confronto tra operatori del mondo aziendale, istituzionale e delle associazioni di categoria, favorendo il dialogo sociale. che è terminato ha registrato un intenso dibattito mediatico e una nuova attenzione sui temi delle relazioni industriali. Un di- L anno battito che dopo molto tempo ha abbandonato le consuete, ancora importanti, riflessioni sulle dinamiche salariali o previdenziali per affrontare un nodo irrisolto delle relazioni industriali italiane: la definizione di un modello di regole della rappresentanza dei lavoratori, la democrazia sindacale, la partecipazione dei lavoratori agli utili aziendali, come premiare il contributo del capitale umano nella crescita economica del Paese. È stato anche l anno di importanti manovre aziendali, alcune non ancora concluse, che hanno proposto diverse soluzioni al tema della competitività aziendale, dell efficienza e della ricerca del miglioramento della produttività. Telecom Italia ha deciso di percorrere la strada del dialogo e della partecipazione per trovare in modo socialmente sostenibile un bilanciamento fra esigenze di risanamento e di sviluppo. Una strada per bilanciare gli obiettivi economici e di competitività, coinvolgendo le persone, attraverso le rappresentanze sindacali, in un processo di trasformazione delle proprie competenze tramite programmi di riqualificazione. Anche in una situazione molto complessa, il dialogo ha dimostrato di funzionare.

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

E. Bisetto e D. Bordignon per

E. Bisetto e D. Bordignon per Personal Branding pensare, creare e gestire un brand a cura di E. Bisetto e D. Bordignon per Cosa significa Personal Branding Come si fa Personal Branding Come coniugare Brand Personale e Brand Aziendale

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS.

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. SMS: usali per raggiungere i tuoi contatti... con un click! Guida pratica all utilizzo degli sms pubblicitari L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. 2 SMS: usali

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Vodafone Case Study Pulitalia

Vodafone Case Study Pulitalia Quello con Vodafone e un vero è proprio matrimonio: un lungo rapporto di fiducia reciproca con un partner veramente attento alle nostre esigenze e con un account manager di grande professionalità. 1 Il

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30 11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI Il settore della PA è tra le priorità dell agenda

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

NUVOLA ROSA: 1.500 RAGAZZE ARRIVANO A MILANO DALL ITALIA E DAL MONDO PER ACCRESCERE LE PROPRIE COMPETENZE TECNICO-SCIENTIFICHE

NUVOLA ROSA: 1.500 RAGAZZE ARRIVANO A MILANO DALL ITALIA E DAL MONDO PER ACCRESCERE LE PROPRIE COMPETENZE TECNICO-SCIENTIFICHE NUVOLA ROSA: 1.500 RAGAZZE ARRIVANO A MILANO DALL ITALIA E DAL MONDO PER ACCRESCERE LE PROPRIE COMPETENZE TECNICO-SCIENTIFICHE Oggi aprono le pre-iscrizioni sul sito www.nuvolarosa.eu 150 corsi gratuiti,

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CBT E SUGARCRM INSIEME PER RISPONDERE ALLE ESIGENZE DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DELLE AZIENDE.

COMUNICATO STAMPA CBT E SUGARCRM INSIEME PER RISPONDERE ALLE ESIGENZE DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DELLE AZIENDE. COMUNICATO STAMPA CBT E SUGARCRM INSIEME PER RISPONDERE ALLE ESIGENZE DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DELLE AZIENDE. Milano, 31 gennaio 2013. Il Gruppo CBT, sempre attento alle esigenze dei propri clienti

Dettagli

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Esperienze di successo per un vantaggio competitivo 27 ottobre 2011 Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Raffaella Graziosi Project & Portfolio Manager ACRAF SpA Gruppo Angelini

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli