Quaderno. Grillo. Riciclo. del. per la scuola primaria. REGIONE CALABRIA Assessorato alle Politiche dell Ambiente POR CALABRIA UNIONE EUROPEA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quaderno. Grillo. Riciclo. del. per la scuola primaria. REGIONE CALABRIA Assessorato alle Politiche dell Ambiente POR CALABRIA UNIONE EUROPEA"

Transcript

1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA Assessorato alle Politiche dell Ambiente il Quaderno del Grillo POR CALABRIA Riciclo per la scuola primaria

2 Presentazione a cura dell Assessore all Ambiente della Regione Calabria On. Diego Tommasi La gestione dei rifiuti è oggi uno dei principali problemi della nostra civiltà. I moderni stili di vita e l imposizione di modelli di consumo improntati sull usa e getta, di fatto, hanno determinato l aumento massiccio del quantitativo di rifiuti prodotti. Risultato: in molte realtà proprio la gestione dei rifiuti è all origine di criticità ambientali e in alcune città lo smaltimento dei rifiuti, si è trasformato in una vera e propria emergenza. La normativa comunitaria e quella nazionale, in considerazione del fatto che gran parte del materiale che finisce nell immondizia può tornare a nuova vita, impone l organizzazione di un servizio di smaltimento integrato, ovvero un organizzazione che prediliga la differenziazione, il recupero e il riciclo dei rifiuti. L obiettivo è duplice: da una parte ridurre drasticamente il quantitativo di rifiuti destinati alle discariche, dall altro trasformare vetro, alluminio, plastica, carta, ferro e la così detta frazione umida in risorsa, reinserendole nei vari cicli produttivi o trasformandole in altro. Nelle politiche di gestione dei rifiuti, di primaria importanza è la riduzione a monte. L eliminazione degli imballaggi, laddove è possibile, la predilezione di prodotti sfusi e non confezionati, determina un abbattimento quantitativo del materiale destinato a finire nei cassonetti. Il ruolo del cittadino nelle scelte di acquisto dei prodotti è fondamentale: nei supermercati della grande distribuzione, optare per alimenti, frutta e verdura non confezionati contribuisce in maniera considerevole a ridurre i quantitativi di rifiuti pro capite. Da qui l esigenza di sensibilizzare cittadini in relazione sia alle scelte di acquisto e sia alla partecipazione ai programmi di raccolta differenziata che prevedono modalità di cooperazione come il porta a porta. L ampiezza degli scenari in gioco in tema di rifiuti richiede che l intera società si faccia carico di queste sfide, facendo leva, in primis, sulle nuove generazioni. L obiettivo, in senso lato, resta quello di contribuire a rendere i giovani protagonisti del loro futuro, perché sappiano operare le scelte che li attendono in maniera critica e consapevole. La formazione di coscienze critiche ed ecologiche, nell ottica di un educazione permanente e di un istruzione interdisciplinare è l obiettivo che ci prefiggiamo di raggiungere e per il quale stiamo lavorando coinvolgendo le scuole ed, in generale, i presidi educativi presenti sul territorio. In quest ambito si colloca la presente iniziativa, interamente dedicata all educazione, alla formazione e all informazione sullo sviluppo sostenibile, con particolare attenzione agli stili di vita ecologici, alle buone pratiche di gestione dei rifiuti e al loro intimo legame con la crescita di responsabilità e partecipazione di cittadini e organismi istituzionali. Più specificamente, l azione divulgativa messa in campo ha inteso dotare le istituzioni scolastiche del territorio ed i loro principali attori di un valido strumento pedagogico-didattico in materia di rifiuti, in grado di stimolare la riflessione, il confronto e, se possibile, l impegno anche personale per costruire e sentirsi parte di un mondo più umano, giusto, solidale e sostenibile. Per far si che ciò avvenga, è necessario che questi percorsi siano integrati armonicamente nella progettazione didattica quotidiana, perché svolgano appieno la loro funzione sussidiaria all insegnamento. La scuola, del resto, è il contesto che meglio si presta ad essere laboratorio, ovvero luogo nel quale bambini e ragazzi - e perché no - anche i loro educatori, possono avviare un confronto con l ambiente in cui vivono, attraverso esperienze concrete, con le quali scoprire in prima persona la complessità del reale e maturare la necessità di interrogarsi sui fenomeni per capirne il significato. Le grandi trasformazioni si realizzano solo a seguito di un profondo cambiamento di mentalità e di comportamenti che proprio nella riconversione delle pratiche quotidiane e nella predilezione di azioni consapevoli e sostenibili, trovano i migliori alleati per vincere una sfida che appartiene a tutti.

3 Testo di Brunilde Gambaro Comitato di redazione ed Editing Fabrizio Orsomarso, Carmine Passarelli, Fausto Orsomarso Luigi Oliverio, Biagio Oliverio, Giada Passarelli, Marina Machì Illustrazioni Giuseppe Franco Impaginazione e grafica Alessandro Sardone, Gabriele Morelli, Massimo Barberio, Francesco Spinelli Organizzazione generale ATI, Plane Srl, Orsa Sas Copyright 2008 Regione Calabria, Assessorato Politiche dell Ambiente Finito di stampare nel mese di Marzo dell anno 2008 Presso la Stabilimento tipografico De Rose, Montalto, Cs I contenuto del presente volume riflette l opinione dell autore. La Commissione Europea non è responsabile dell uso che potrebbe esserne fatto. STAMPATO SU CARTA RICICLATA

4 INDICE Un potere molto speciale La storia dei rifiuti Il mondo dei rifiuti La trasformazione dei rifiuti Il riciclo Un giro nel quartiere Riconoscere i materiali Imparare divertendosi La favola E' tempo di eco-rilassarci

5 I rifiuti a casa nostra La gravità della distrazione I vostri genitori I materiali usa e getta Un breve riepilogo Conclusioni

6 UN POTERE MOLTO SPECIALE Cari bambini, questo quaderno servirà a farvi conoscere un potere molto speciale, che ognuno di voi possiede e alcuni già usano. Quando qualcuno vi domanda Cosa vuoi fare da grande? a questa domanda cosa vi piace rispondere? E vi è mai successo 3

7 di cambiare idea? Sapete, non è raro cambiare i propri progetti e spesso ciò avviene perché esistono i sogni e le possibilità per realizzarli. 4

8 La strada che sceglierete per diventare grandi è molto importante e sarà più bella e meno difficile se userete i vostri poteri. Vi siete mai chiesti cosa potrebbe succedere se la vostra mamma o il vostro 5

9 papà smettessero di prendersi cura di voi? Se smettessero di lavare i vostri vestiti, di cambiare le lenzuola, di aiutarvi nella cura quotidiana, di riordinare la vostra camera e lavare le stoviglie con le quali fate colazione, pranzo, merenda e cena? 6

10 Succederebbe che dopo pochi giorni la vostra camera sarebbe irriconoscibile, non ci sarebbero più tazze per la colazione, né piatti per il pranzo, né vestiti da indossare, ma solo lenzuola sporche tra le quali dormire. 7

11 Se tutto ciò non succede è perché i vostri genitori usano alcuni dei loro poteri: l'amore e il rispetto. Ognuno di voi è in possesso di una specie di bacchetta magica, una bacchetta che vi permetterà di vivere meglio e di fare tanti progetti per il futuro. Non dimenticate mai che il 8

12 rispetto per noi e per gli altri dipende solo ed esclusivamente dalle nostre azioni e dai nostri comportamenti. Se diamo acqua alla terra, da essa riceveremo solo ciò che di buono può darci: tanti fiori e tanti buoni frutti. 9

13 LA STORIA DEI RIFIUTI Circa cinque milioni d'anni fa, l'uomo è comparso sulla Terra vivendo in piccoli gruppi nei villaggi, e mantenendo l'equilibrio naturale delle risorse, poiché i pochi rifiuti che si producevano erano completamente riciclati, cioè riutilizzati. Il cibo avanzato serviva come pasto per tenere a bada gli 10

14 animali che si avvicinavano al villaggio, così come i resti di una vecchia capanna o i poveri abiti non più usati, servivano per costruire villaggi sempre più sicuri da alluvioni e da animali feroci. 11

15 Le prime città nacquero nel 5000 a.c. e da allora, la maggior parte delle famiglie che vivevano sia in città che in campagna, si abituarono a riciclare oggetti, evitando qualsiasi tipo di spreco, considerato che le cose inutili e, quindi, da buttare erano veramente poche. Infatti, ad esempio, i vestiti venivano usati da più persone, passavano ai più 12

16 poveri o ai più piccini, e venivano anche ricuciti e trasformati per creare dei pannolini. La cenere veniva usata come detersivo per lavare piatti e vestiti. 13

17 Alla fine del 1700, la nascita delle industrie nei paesi più ricchi della Terra, cambiò molte cose. I prodotti usciti dalle fabbriche avevano un costo inferiore rispetto ai prodotti fatti in casa, così le condizioni di vita dell'uomo gradatamente migliorarono. Incominciarono pertanto ad aumentare i rifiuti. 14

18 Il rifiuto più diffuso era ancora la cenere, ma già il vetro e i metalli erano scartati in quantità non trascurabili. 15

19 Dopo la seconda guerra mondiale la situazione dei rifiuti si aggravò progressivamente con la nascita della civiltà dei consumi. Iniziarono ad aumentare in modo preoccupante le produzioni di materiale organico, vetro, carta e prodotti nuovi come la plastica 16

20 e altri rifiuti provenienti dalle industrie. 17

21 Gli agenti atmosferici, insieme ad alcuni microrganismi, non riescono a trasformare da soli questi enormi quantitativi di rifiuti e l'equilibrio tra i tempi della natura e quelli dell'uomo sono pericolosamente compromessi. Molti dei nuovi rifiuti, come la 18

22 plastica appunto, non sono biodegradabili, l'ambiente naturale non riesce a trasfomarli o i tempi di smaltimento naturali sono lunghissimi, a volte praticamente impossibili, poiché non c'è più equilibrio tra i tempi della natura e quelli dell'uomo. 19

23 IL MONDO DEI RIFIUTI Avete mai notato per strada, magari andando a scuola, dei cassonetti pieni di sacchetti di rifiuti? Questo purtroppo succede molto spesso. Il vero problema è che, in molti casi, quelle buste verranno solo spostate da un'altra parte. Tutto ciò significa che esistono luoghi dove tutti i sacchetti, di 20

24 intere città, vengono depositati. Riuscite ad immaginarlo? 21

25 È come se tutti i piatti da lavare, i calzini sporchi, le lenzuola usate, gli incarti delle merendine e tutto ciò che ogni giorno gettate nella vostra pattumiera, venissero messi nella vostra stanza. Probabilmente dopo pochissimi giorni nessuno potrebbe più dormirci, tanto meno giocarci. Tutto questo potrebbe accadere anche nel mondo in cui viviamo. 22

26 Sicuramente vi starete chiedendo se i poteri a vostra disposizione possano risolvere o attenuare questo problema. Allora, cosa potreste fare di così importante per cambiare le cose? 23

27 Sicuramente, vedendo altri bimbi giocare, se loro non vi facessero entrare nel gruppo e partecipare, vi sentireste esclusi ed offesi. Allora, perché rinunciare a partecipare alla salvezza dei vostri luoghi e del vostro futuro? Perché non imparare a riconoscere i rifiuti e a trasformarli in qualcosa di veramente utile? 24

28 LA TRASFORMAZIONE DEI RIFIUTI Nulla si crea e niente viene distrutto, ma tutto si ricicla. Plastica, vetro, carta e alluminio, pile e poi ancora, mele e foglie di lattuga, non andrebbero mai gettate nella spazzatura senza fare attenzione. 25

29 Nonostante la vostra giovane età, sarete in grado di fare grandi cose per contribuire alla pulizia dell'ambiente che vi circonda. Quando si parla di rifiuti, i bambini non sono gli unici a sbagliare. Spesso anche gli adulti cadono in errore, magari per distrazione o perché vanno di fretta. Leggere insieme ai vostri genitori il contenuto di questo 26

30 quaderno vi aiuterà a capire meglio e a fargli delle tiratine d'orecchie quando vi accorgerete che non sono stati abbastanza attenti! Partiamo col dire che diversi tipi di rifiuti hanno la capacità magica di trasformarsi. Sapete, per esempio, che le bottiglie di plastica possono diventare dei bellissimi maglioni? E ancora che i vostri vecchi 27

31 quaderni possono essere trasformati in carta nuova e anche colorata? Sembra impossibile, ma è così! Guardate con attenzione e giocate con me nel mondo del riciclaggio! 28

32 vecchi cartoni = nuovi giornali 29

33 vecchie bottiglie + vecchi di plastica contenitori di plastica = nuova panchina 30

34 vecchie + lattine vecchie pentole = nuovi binari 31

35 IL RICICLO Molte cose che gettiamo via in un unico sacchetto riuscirebbero ad avere una seconda vita se le mettessimo al posto giusto. Prendiamo ad esempio un tappo di sughero: provate, con la fantasia, a trasformarlo in una bellissima barchetta! 32

36 Sapete com'è facile trasformare in un castello incantato il cartoncino della carta da casa? 33

37 Riciclare significa proprio questo: rendere utile e bella una cosa che normalmente avreste gettato via. Per questo ci sono tanti modi e tante cose da riciclare, bisogna solo imparare a riconoscerli. Osservate ora con attenzione i miei consigli, vi spiegherò come utilizzare il vostro magico potere. 34

38 UN GIRO NEL QUARTIERE Una delle prime cose da fare è un bel giro per il nostro quartiere. Approfittiamo di una bella giornata di sole e usciamo a dare un'occhiata all'ambiente che ci circonda. Anzi, facciamo qualcosa di più utile, una specie di diario! Proviamo a contare nel percorso da casa a scuola quanti di questi 35

39 oggetti troviamo per strada in un posto che non è il loro e poi rispondiamo alle domande qui di seguito : Quante cose di carta hai visto? 36

40 Quanti cose di plastica hai visto? Quante cose di vetro hai visto? 37

41 Quante cose di legno hai visto? Quante cose di alluminio hai visto? 38

42 Gli oggetti a cui ti abbiamo chiesto di far attenzione sono fatti di materiali molto speciali. Gettarli insieme alle altre cose o, peggio, abbandonarli per strada, significa non approfittare del dono che possiedono e cioè il dono di trasformarsi in qualcosa di utile e bello! 39

43 Chi non presta attenzione nel gettare nel posto giusto questi materiali, considerati speciali, commette un'azione sbagliata. Facciamo un esempio coloratissimo. Abbiamo dei contenitori di tipo diverso. 40

44 Un esempio molto facile si può fare con le scatole dei vostri giocattoli. 41

45 Esiste un contenitore che permetterà a quella scatola di essere riciclata e quindi di diventare nuovamente un oggetto utile invece di essere gettato via. La scatola è fatta di carta o di cartone ed è quello il nome da cercare sul contenitore, il nome del 42

46 materiale. Basta quindi prendere la vostra scatola, metterla nel bidoncino ed augurarle buon viaggio! Magari un giorno diventerà la pagina di un importante giornale o una bella lettera d'amore! 43

47 I materiali di cui abbiamo parlato non sono gli unici che si possono riciclare. Facciamo attenzione: di che materiale sono, ad esempio, le bucce di una banana? Quelle di una patata? Gli scarti di ciò che mangiamo? Può sembrare complicato, ma non è affatto così! Tutte queste cose che vengono direttamente dalla natura, 44

48 devono tornare alla natura e possono essere utilizzate in modo molto semplice, per esempio come fertilizzante, per concimare campi e giardini. 45

49 RICONOSCERE I MATERIALI Non è sempre facile per voi bambini riconoscere un materiale. Sapete ad esempio di cosa è fatto il contenitore del rossetto della mamma? O ancora la scatola dei cereali? Ce ne sono alcuni facili da individuare, altri un po' meno. 46

50 Proviamo, con questo simpatico gioco, ad individuare i materiali di cui sono fatte le cose che usiamo tutti i giorni. Basta collegare con una linea gli oggetti al cassonetto in cui andrebbero gettati. 47

51 48

52 49

53 Non è poi così difficile distinguere i materiali ed è importantissimo imparare a farlo. I rifiuti, se non vengono messi al posto giusto, possono rimanere sulla terra e inquinarla anche per sempre. Prova a raccontarci una tua esperienza: un episodio della tua vita in cui ti sei accorto, per la prima volta, quanto brutto fosse 50

54 un paesaggio in cui comparivano oggetti gettati via da qualcuno, oggetti che secondo te possono danneggiare o aver danneggiato quel paesaggio. Potrebbe essere una gita in montagna o al mare, o anche al parco. Descrivici cosa hai visto e fai le tue riflessioni. 51

55 52

56 In ogni lavoro che si rispetti, è fondamentale il gioco di squadra per ottenere un buon risultato. Come i giocatori di calcio, ognuno ha il suo ruolo e tutti sono importanti, il portiere, il difensore, l'attaccante. 53

57 Allo stesso modo, tu e i tuoi compagni, potete fare cose molto divertenti ed importanti insieme. I vostri maestri saranno un po' come gli allenatori della squadra ed ognuno di voi avrà una funzione nel gioco. 54

58 IMPARARE DIVERTENDOSI Esiste un gioco molto divertente che potete organizzare tutti insieme. Ciò che dovete fare con i vostri insegnanti, è organizzare cinque bellissime giornate da passare all'aperto. 55

59 Basta scegliere dei luoghi da esplorare e decidere il tema della spedizione! Ogni giorno potrete scegliere un diverso materiale, ci sarà quindi il giorno della carta, quello del legno, quello della plastica, del vetro e ancora quello dell acciaio. Potrete dividervi in squadre con nomi speciali come quelli dei cartoni animati o con nomi di animali, e alla fine della giornata 56

60 decretare la squadra vincitrice, quella cioè che avrà trovato più materiale inerente al tema dell'escursione. La cosa più importante, alla fine di ogni appuntamento, sarà però quella di scrivere un bel racconto, una relazione sui materiali trovati e i luoghi in cui sono stati abbandonati. Cosa ne pensate? 57

61 Non è la prima volta che vi viene chiesto cosa ne pensate, il perché è semplice: è molto importante avere un vostro aiuto, perché non solo siete degli scolari, ma siete anche e soprattutto cittadini dei vostri luoghi e, quindi, avete il diritto di esprimere la vostra opinione e di fare sentire la vostra voce, contribuendo a migliorare l'ambiente che vi circonda. 58

62 Magari la relazione più carina potrebbe, con l'aiuto dei vostri insegnanti, essere fatta recapitare al Sindaco della vostra città! 59

63 La Favola... 60

64 61

65 C'era una volta... PULILANDIA Esisteva un tempo, un posto molto lontano, una collina molto strana. Poche persone abitavano alle sue pendici e mai nessuno straniero si era avvicinato al piccolo centro. C'erano strane leggende che si raccontavano su quei posti. 62

66 63

67 Lì vicino c'era infatti un bellissimo paesino, chiamato Pulilandia, dove vivevano tanti bambini ai quali non era permesso superare il confine ed avvicinarsi troppo alla strana collina. Si raccontava che, molti e molti anni prima, un gruppo di uomini di Pulilandia, usciti per una battuta di caccia, si era, non volendo, allontanato troppo e spinto oltre i confini, ai piedi 64

68 della collina. All'improvviso una terribile folata di vento maleodorante li aveva travolti e spazzati via. Dopo molti giorni, erano tornati feriti e non riuscivano a respirare bene. Tutto ciò che ricordavano era solo quell'odoraccio e nulla più. Un bel giorno un gruppo di bambini poco obbedienti aveva fissato un incontro dopo la scuola. Si erano radunati nel 65

69 capanno degli attrezzi dietro l'edificio. Erano in otto 66

70 ed avevano un progetto: un'escursione segreta al di là del confine. Naturalmente, nessuno aveva detto ai propri genitori la verità e con una scusa erano riusciti ad organizzarsi ed allontanarsi da Pulilandia. Dopo una prolungata chiacchierata lungo il tragitto, già qualcuno aveva manifestato le prime paure: E se ci dovesse succedere qualcosa? 67

71 Chi darebbe l'allarme, chi saprebbe dove cercarci? disse Tommy, il più piccolo del gruppo. Gli altri si guardarono pensierosi: in effetti era proprio vero ciò che diceva il loro amico, così decisero di dividersi. Quattro di loro sarebbero andati oltre il confine, gli altri quattro li avrebbero aspettati fino alle cinque e, se non li avessero visti tornare, 68

72 sarebbero andati a cercare aiuto o avrebbero avvisato i loro genitori. Si era deciso che sarebbero stati estratti a sorte i quattro destinati al viaggio. I bambini avevano raccolto otto bastoncini, di cui quattro corti e quattro più lunghi. 69

73 Ognuno di loro ne aveva estratto uno dalla mano di Checco, e così chi aveva estratto i più corti era destinato a partire. Avevano conservato le merende di scuola e portavano con loro anche due piccole bottiglie d'acqua. Alle 13 in punto avevano salutato i loro amici e si erano avviati percorrendo il primo tratto di strada, correndo quasi piegati, per non dare nell'occhio. 70

74 Gli altri quattro erano rimasti al capanno con molta preoccupazione. Fabrizio aveva tirato un sospiro e aveva detto: Secondo me questa volta l'abbiamo fatta proprio grossa. Gli altri non se l'erano sentita di dire nulla. Fabrizio aveva ragione e l'odore del pericolo era già nell'aria. 71

75 Intanto i quattro si erano messi in cammino lungo un sentiero che diventava sempre più fitto di alberi e sempre più in salita. Uno di loro, Carmine, aveva iniziato a piagnucolare: Ragazzi, non sarebbe il caso di tornare indietro. Secondo me siamo ancora in tempo, potremmo dire di essere arrivati a destinazione e 72

76 73

77 di non aver trovato nulla di interessante!. Fausto, che era il più convinto del gruppo, non aveva manifestato le sue paure e faceva la parte del duro: Smettila di piagnucolare come una femminuccia, se non te la senti puoi tornare indietro. Noi proseguiremo, vero ragazzi? Gli altri avevano risposto di sì ma in maniera poco convinta. 74

78 Il buio avanzava ed iniziava a fare freddo. 75

79 Avevano deciso di fermarsi ai piedi di un albero per consumare la loro colazione. Si erano seduti ed in silenzio avevano iniziato a mangiare. Dopo aver fatto merenda ed aver conservato con cura negli zainetti gli scarti del cibo, ad un certo punto una folata di vento li aveva fermati, non perché fosse fredda, ma perché portava con sé un odore così cattivo che li disgustò a tal 76

80 punto da non riuscire più a muovere un passo. Tutti e quattro iniziarono a tossire forte, non riuscivano a smettere. 77

81 Alessandro provò così a distribuire un po' d'acqua ai suoi amici, ma questo non bastò a sedare la loro tosse. L'odore era talmente forte che quasi toglieva il respiro. 78

82 79

83 Decisero allora, nonostante le loro forze fossero messe a dura prova dalla tosse, di rimettersi in cammino seguendo una stradina stretta e sporca. 80

84 Da subito saltò ai loro occhi la differenza con le strade della loro città, sempre così pulite e profumate. 81

85 Dopo tante lamentele e colpi di tosse, Carmine si sciolse irrimediabilmente in un pianto che coinvolse immediatamente anche gli altri. Ormai però i quattro erano più vicini al traguardo che alla partenza, e la voglia di continuare era comune. Dalla loro posizione potevano già scorgere le case del piccolo centro oltre la strana collina. Erano disposte in modo molto 82

86 disordinato e sembrava fossero molto vecchie. Dopo dieci minuti di cammino, con Carmine che piangeva, Alessandro che tentava di infondere coraggio, e Fabrizio e Fausto al limite della sopportazione, erano così giunti a destinazione. Lo spettacolo era orribile. Mosche e insetti dappertutto, sacchetti dell'immondizia sparsi in ogni dove, le strade sommerse di 83

87 rifiuti. Poco più avanti dei ragazzi giocavano a calcio con una bottiglia di plastica, tra un colpo di tosse e l'altro. I quattro amici erano esterrefatti da uno spettacolo così raccapricciante. Nel frattempo, a Pulilandia, i loro genitori 84

88 li aspettavano all'uscita di scuola. 85

89 Non vedendoli arrivare insieme ai compagni, avevano subito dato l'allarme. Gli insegnanti avevano chiesto agli altri ragazzi se avessero loro notizie, finché Tommy, ormai esausto, decise di confessare tutto. Immediatamente gli adulti si misero in cammino alla volta del posto indicato da Tommy. 86

90 Una lunga corsa li portò lì, mentre nel frattempo i loro figli, in preda ad una tosse soffocante, avevano chiesto aiuto ai bambini e agli abitanti del posto. Molta gente si era radunata ad ascoltarli e a prestare loro aiuto. In una piazzetta si ritrovarono così alcuni cittadini di Pulilandia e la gente del piccolo centro sporco oltre la strana collina. 87

91 Sembrava si fossero incontrati per la prima volta due mondi diversi: da una parte gli abitanti di Pulilandia, profumati, ben vestiti, ben nutriti; 88

92 dall'altra gli abitanti del piccolo centro, puzzolenti, sporchi in viso e mal vestiti. Entrambi non credevano ai loro occhi, e, scrutandosi l'un l'altro, si chiedevano: 89

93 Ma perché siamo così diversi? Tutto si trasformò in una accesa discussione in cui i cittadini di Pulilandia, cercando di tenere lontani gli abitanti del piccolo centro sporco, chiedevano a gran voce il perché della loro sporcizia. Fu allora che da una piccola fontana al centro della piazzetta saltò fuori un piccolo grillo, il quale portava disegnata sul petto una grande R. 90

94 Smettetela di discutere, intimò subito il piccolo animaletto. E tu chi sei? chiese un bambino del piccolo centro sporco. Sono Grillo Riciclo, rispose l'animaletto, vi dirò io il perché di tante differenze e vi spiegherò come rispettarvi l'un l'altro e l'ambiente che vi circonda, aggiunse. Dal racconto del Grillo si scoprì allora che a Pulilandia, 91

95 città in cui l'amore e il rispetto per l'ambiente accomunava tutti, c'erano meno persone ammalate, che la gente era più felice, che i bambini e il loro futuro erano più al sicuro. Il solo fatto che ognuno aiutasse la comunità a rimanere pulita e ordinata facendo il minimo sforzo faceva di loro delle persone soddisfatte e felici. Anche i disegni che i ragazzi di Pulilandia facevano a 92

96 scuola erano più colorati ed esprimevano serenità. La gente del posto rimase in silenzio a riflettere su tutto ciò. Guardandosi intorno, quel che vedevano era sporcizia e tristezza. Una città sporca è una città infelice, concluse il Grillo, e rivolgendosi agli abitanti e ai bambini di Pulilandia, disse loro: Aiutate questa gente a migliorare il loro ambiente, 93

97 94

98 95

99 mostrate loro le vostre strade, le vostre case, i vostri paesaggi, il vostro modo di vivere, di giocare e di amare la natura, e di colpo sparì. Che ne dite di una bella gita?, esclamò subito un cittadino di Pulilandia rivolgendosi agli abitanti del piccolo centro oltre la strana collina. Tutti a Pulilandia!! risposero in coro. Una volta lì, i cittadini di 96

100 Pulilandia accolsero i loro ospiti con una grande festa e spiegarono loro il modo in cui riuscivano a tenere così pulita la loro città. La nuova amicizia fece in modo che le comunità iniziarono una collaborazione per rendere migliore anche l'altro piccolo centro. Il lavoro non fu facile e la gente del posto all'inizio dovette faticare molto per rimettersi al passo. 97

101 98

102 Ma gli uomini di Pulilandia insegnarono loro che le cose più difficili sono proprio quelle che danno maggiore soddisfazione nel risultato. Nel giro di poco tempo il piccolo centro sporco vide la luce. Tutti i bambini inaugurarono la nuova piazza con tanti dolcini e tanta musica e alla nuova città fu dato il nome di Profulandia. 99

103 Ah dimenticavo i bambini che si allontanarono senza il permesso dei genitori ebbero una sonora punizione, quella non inquina 100

104 È TEMPO DI ECO-RILASSARCI! 101

105 Unisci i puntini dal numero 1 al numero 53 per scoprire quale rifiuto dà fastidio al nostro amico Grillo Riciclo! 102

106 PUNTINI DA UNIRE 103

107 Trova il percorso per gettare ogni rifiuto nel cassonetto giusto. 104

108 LABIRINTO 105

109 106

110 I RIFIUTI A CASA NOSTRA Capita spesso che, quando siamo in casa, decidiamo di dare una mano alla mamma. Beh, forse non capita proprio così spesso! Ma nel vostro piccolo, avete imparato a mantenere ordine tra le cose, ogni tanto, in camera, mettete a posto i giochi. Per dare il vostro contributo, 107

111 per esempio, quando fate merenda al pomeriggio, gettate la carta del panino o l'incarto della merendina nella pattumiera, questo è giusto! 108

112 Il discorso che abbiamo fatto sui materiali, però, deve partire proprio da casa. Se l'incarto della merendina è di plastica, è corretto, secondo voi, gettarlo nella pattumiera insieme alla carta? Ovviamente No. 109

113 Anche se il vostro gesto era spinto da un buon proposito, bisogna fare un po' di attenzione. La cosa più giusta sarebbe avere in casa diverse buste - contenitori in cui poter dividere le cose che non ci servono più. 110

114 111

115 LA GRAVITA' DELLA DISTRAZIONE Abbandonare i rifiuti è un gesto molto grave, la natura paga l'incoscienza dei nostri gesti per tantissimo tempo. Lo sapevate che. 112

116 una bottiglia di plastica impiega dai 100 ai 1000 anni ad essere smaltita se non viene riciclata? Una bottiglia di vetro impiegherà oltre 4000 anni, un filtro di sigaretta 10 anni, una gomma da masticare 5 anni, 113

117 una scatola di polistirolo 5 anni, una buccia di banana 4 settimane, un giornale 1 mese. 114

118 115

119 Le cose purtroppo non sono diverse se i rifiuti vengono gettati in mare. 116

120 Non credete sia orribile arrivare in spiaggia, dopo tanti mesi di scuola, e camminare su una sabbia sporca e piena di robaccia portata dalle onde? 117

121 Una cosa importante da capire è che vivere in un mondo pulito rende tutti più felici: gli uomini, i pesci, i fiori, le piante... costruirne uno insieme non è impossibile. Abbiamo già fatto l'esempio dell'incarto delle vostre merendine, la plastica con cui sono avvolte non deve essere depositata insieme ad altri rifiuti, se non in quelli dello 118

122 stesso materiale. Quando siamo a scuola, grazie all'aiuto dei nostri insegnanti, potremmo raccogliere insieme con i nostri compagni i materiali in maniera corretta. Pensiamo non solo agli incarti delle merende, ma anche alla plastica delle penne che non usiamo più, ai vecchi quaderni senza fogli disponibili, ai resti dei nostri spuntini. 119

123 Se vi state chiedendo di che materiale sono le cose che mangiamo, sappiate che si tratta di rifiuti organici. Questi, come dicevamo, possono tornare alla natura e anche in un modo molto utile. I rifiuti organici vengono riutilizzati per i concimi e fanno in modo che le piante e i fiori continuino a crescere e siano sempre più belli e profumati. 120

124 Questo avviene grazie al compostaggio : i resti di cibo andrebbero dunque gettati in una compostiera. 121

125 122

126 I VOSTRI GENITORI Passano intere giornate a spiegarvi cosa è giusto e cosa non lo è. Sono le persone più importanti, capaci di occuparsi di voi sempre ed in ogni momento, ma non per questo non potrete fargli notare qualche piccolo errore. Spesso per fretta o per distrazione, gli adulti scelgono le vie più comode per le piccole 123

127 faccende domestiche, scegliendo di utilizzare materiali non sempre appropriati. Facciamo qualche esempio. 124

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Comune di Padova Assessorato all Ambiente AcegasAps Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Le 3 Zone di raccolta nel Quartiere 1 Centro Tipo di Rifiuto Cosa conferire Cosa non conferire

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

"IMPARIAMO A RICICLARE"

IMPARIAMO A RICICLARE COLLEGIO ARCIVESCOVILE Castelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE "IMPARIAMO A RICICLARE" (progetto di durata annuale) Anno scolastico 2008/2009 Classi terze e quarte - Scuola primaria FINALITA' Il Progetto

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Bollette più leggere. Bollette più leggere..aria più pulita.aria più pulita Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Ostellato 28 maggio 2004 A scuola di ecologia

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE per Lecco e provincia Sacco VIOLA Frazione secca multimateriale L IMPIANTO DI SELEZIONE DEL SACCO VIOLA I sacchi provenienti dalla raccolta, caricati su un nastro trasportatore,

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Via San Marco 217 37050 Isola Rizza (Vr) Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE API Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

conquista il mondo in pochi minuti!

conquista il mondo in pochi minuti! conquista il mondo in pochi minuti! Il gioco di conquista e sviluppo più veloce che c è! Il gioco si spiega in meno di 1 minuto e dura, per le prime partite, non più di quindici minuti. Mai nessuno ha

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER LEADER: 1. Colui che conduce o guida. 2. Colui che ha la responsabilità o il comando di altri. 3. Colui che ha influenza o potere. ESSERE LEADER: Innanzitutto avere una

Dettagli

Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare. È Natale ogni volta che... di Madre Teresa di Calcutta

Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare. È Natale ogni volta che... di Madre Teresa di Calcutta Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare Nell antica Grecia, Socrate era stimato avere una somma conoscenza. Un giorno, un conoscente incontrò il grande filosofo e disse: "Socrate, sapete

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

Leonia Le città invisibili di Italo Calvino

Leonia Le città invisibili di Italo Calvino La città di Leonia rifà se stessa tutti i giorni: ogni mattina la popolazione si risveglia tra lenzuola fresche, si lava con saponette appena sgusciate dall'involucro, indossa vestaglie nuove fiammanti,

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI)

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) STORIE PICCINE PICCIO' (dai 2 ai 5 anni) Una selezione di storie adatte ai piu' piccoli. Libri per giocare, libri da guardare da gustare e ascoltare. Un momento di condivisione

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli