Dialogo con Notenstein, ottobre Professor Dr. Gerd Gigerenzer, Testa o pancia?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dialogo con Notenstein, ottobre 2013. Professor Dr. Gerd Gigerenzer, Testa o pancia?"

Transcript

1 Professor Dr. Gerd Gigerenzer, Testa o pancia? In un mondo incerto non tutto è prevedibile. Intuito, pensiero statistico e regole semplici consentono di decidere meglio, anche nel mondo finanziario. mondo in cui innumerevoli influssi e fattori ricoprono un ruolo in cui non tutti i rischi sono prevedibili, e a questo punto la teoria delle probabilità e grandi quantità di dati non sono sufficienti le occorre di più, e precisamente buone intuizioni. Notenstein: Le decisioni si prendono sulla scorta di informazioni. Più la decisione è importante, più informazioni si raccolgono. Relazioni sulle esperienze acquisite e forum online aiutano a documentarsi. Commissioni di esperti consultano la letteratura specializzata, fanno valutazioni e redigono perizie. In presenza di problematiche (presumibilmente) quantificabili si alimentano con dati gli strumenti di analisi, si applicano algoritmi e, alla fine, modelli altamente complessi scodellano risultati inconfutabili. Ma lei sostiene che le decisioni intuitive sono spesse volte migliori degli approcci sistematici. Professor Gigerenzer, su cosa si può fare realmente affidamento quando occorre decidere, la testa o la pancia? Nel gioco della roulette tutti i rischi sono noti e non occorre alcuna intuizione. Gerd Gigerenzer: Immagini di recarsi stasera al casinò e di tentare la fortuna al tavolo verde. Alla roulette tutti i rischi sono noti e si può calcolare quanto si perderà senza doversi affidare all intuito. Ma quando lascia il casinò entra in un Solo pochi ammetterebbero pubblicamente, per paura, di decidere intuitivamente. Cos è l intuito? L intuito è una conoscenza sensoriale che affiora rapidamente alla coscienza, ha motivazioni profonde che sfuggono alla nostra consapevolezza e guida le nostre decisioni professionali e private. Le decisioni viscerali riposano sull esperienza personale, ma su un esperienza che non siamo in grado di verbalizzare, per cui sappiamo più di quanto possiamo dire. L intuito non è quindi arbitrio, un sesto senso o un ispirazione divina e non è neppure appannaggio delle sole donne anche gli uomini agiscono d intuito. Le intuizioni sono una forma di intelligenza inconsapevole. Quanto spesso i dirigenti assumono decisioni intuitive? Il più delle volte sono dirigenti sommersi da una caterva di informazioni contraddittorie e poco affidabili. Quando un manager calato in questa situazione avverte una sensazione viscerale e la segue, assume di fatto una decisione intuitiva. Ho chiesto ai dirigenti di una società quotata al DAX con quale frequenza decisioni professionali importanti si sono 1

2 Con quale frequenza i dirigenti assumono decisioni intuitive? Numero di persone 20 Membri di Consigli direttivi Direttori esecutivi 16 Responsabili di dipartimenti Responsabili di reparti Mai Talvolta Nel 50% dei casi rivelate alla fine decisioni intuitive. Il grafico evidenzia che in circa la metà dei casi si è fatto affidamento su sensazioni viscerali. Da notare che nessuno ha indicato di adottare sempre o mai decisioni dettate dall istinto, a conferma che testa e pancia sono ugualmente necessarie. Solo pochi però ammetterebbero pubblicamente di decidere intuitivamente. Per paura, poiché se qualcosa non va per il verso giusto si rischia di passare per ingenui se non si riesce a motivare la scelta, senza trascurare che per una decisione d intuito si deve rispondere in prima persona. A posteriori si cercano quindi dati per settimane, si compiono analisi statistiche o si incarica una società di consulenza di presentare all opinione pubblica la decisione intuitiva come una decisione oggettiva e pragmatica. E si spreca denaro, tempo e intelligenza. La nostra società ha un problema con l intuizione. Le decisioni intuitive senza conoscenza sfociano nell arbitrarietà. Spesso Sempre Decisioni intuitive Osservazione: autovalutazioni di 32 dirigenti di una società quotata al DAX. Fonte: G. Gigerenzer, «Risiko: Wie man die richtigen Entscheidungen trifft», Bertelsmann, 2013 Notenstein: Le buone decisioni sono quindi inscindibili dalla testa e dalla pancia. Se in difficili situazioni decisionali non ci lasciassimo guidare dall intuito, questa «conoscenza sensoriale» rimarrebbe inutilizzata, il fiume informativo non sarebbe fronteggiabile con il solo lavoro di riflessione e ci perderemmo nei particolari. Ma quanto anticipato significa anche che le intuizioni senza conoscenza portano inevitabilmente all arbitrarietà e che l esperienza accresce la qualità delle decisioni assunte intuitivamente. Spesso e volentieri la consulenza serve a razionalizzare ex post una decisione d impulso già adottata. Invero la consulenza può anche essere intesa come il ricorso all esperienza di una terza persona per poter decidere meglio (intuitivamente). Ma ancora un osservazione sul casinò: molti assimilano i mercati finanziari al gioco d azzardo, sia perché è venuta meno la relazione con l economia reale e i mercati finanziari appaiono come un virtuale mondo scintillante, sia perché la teoria finanziaria suggerisce che tutte le grandezze d influenza e probabilità sono ormai note come alla roulette o al black jack e quindi per aggiudicarsi il jackpot occorrerebbe soltanto applicare la strategia giusta. Ma va da sé che i mercati finanziari non funzionano così. Psicologia e istinto gregale, attacchi terroristici, catastrofi naturali o semplicemente la sola politica sconvolgono regolarmente i mercati al punto da renderli imprevedibili. Psicologia e istinto gregale, attacchi terroristici, catastrofi naturali o semplicemente la sola politica sconvolgono regolarmente i mercati. Gerd Gigerenzer: Talora si muove l appunto che le banche giochino d azzardo. Se soltanto fosse così! A questo punto si potrebbero infatti calcolare i rischi, come ancora avveniva ai «bei vecchi tempi» del modello di business 3-6-3: paga il 3 per cento d interessi, prendi il 6 per cento per i crediti, e ricorda di essere alle 3 al campo da golf. Ma dagli anni 80 in poi sviluppi come prodotti derivati complessi, crescente globalizzazione, pianificazione a brevissimo termine e scissione tra decisione e responsabilità hanno fatto lievitare l imprevedibilità. In questo mondo gravido di incertezze la classica teoria finanziaria ha fallito come soluzione, diventando piuttosto parte del problema. Se si fosse fatto affidamento sul buon intuito di un banchiere di provata esperienza anziché su modelli di rischio e rating ingannevoli, la crisi non si sarebbe verificata. Ricorda quando David Viniar di Goldman Sachs riferì delle ingenti perdite prodotte dagli eventi di sigma 25 del tutto inattesi (quindi eventi che sulla distribuzione probabilistica sono 25 deviazioni standard lontani dal valore atteso), e per di più per vari giorni di seguito? Secondo i consueti 2

3 modelli di rischio, un simile evento sarebbe così improbabile da non poterlo prevedere neppure una volta dal Big Bang. Questi modelli generano una certezza illusoria e destano l impressione che i rischi potrebbero essere espressi con una sola cifra senza dover comprendere molto del mondo reale della finanza. Il ruolo dell esperienza, consapevole o intuitiva, viene quindi messo in sordina e relegato in secondo piano. Se si avesse fatto affidamento sul buon intuito di un banchiere di provata esperienza anziché su modelli di rischio e rating ingannevoli, la crisi non si sarebbe verificata. A fronte di problemi complessi tendiamo sempre a cercare soluzioni complesse, il che può essere giusto e sensato quando siamo confrontati con rischi calcolabili, ma non lo è se vi sono molti aspetti imprevedibili. Facciamo un esempio: come investo una somma di denaro in fondi N? Per la sua risposta, ossia la teoria di portafoglio, Harry Markowitz è stato insignito del premio Nobel per l economia. Quando programmò di persona gli investimenti per la sua pensione, ricorse al suo modello di ottimizzazione, penseremmo noi. Invece no. Ha fatto affidamento su una semplice regola intuitiva: 1/N, ossia distribuisci in parti uguali il tuo denaro sulle opzioni N. In uno studio con sette problemi d investimento è emerso che in sei casi su sette 1/N è stata anche la soluzione effettivamente migliore. Nell incertezza le regole semplici sono spesse volte più efficaci, sicure e trasparenti della classica teoria finanziaria. Quanto anticipato vale in particolare quando la prevedibilità è difficile, si offrono numerose alternative e si dispone solo di piccole quantità di dati. Le regole semplici possono condurre gli investitori in un avventura temeraria, se la situazione finanziaria generale ad esempio il volume patrimoniale, l età e il fabbisogno di liquidità viene ignorata. Notenstein: 1/N suona bene, ma le cose non sono affatto così semplici! Forse testa e pancia si possono così abbinare, la regola è intuitiva, senza che si spenga la mente. Ma queste regole semplici possono condurre gli investitori in un avventura temeraria, se la situazione finanziaria generale ad esempio il volume patrimoniale, l età e il fabbisogno di liquidità (in gergo tecnico: la capacità di rischio) viene ignorata. Chi ha bisogno di denaro per finanziare l acquisto di una casa o deve fare affidamento su introiti continui nella quiescenza, non può permettersi seguendo ciecamente 1/N di investire in strumenti ad alto profilo di rischio lo stesso importo previsto per i prodotti a basso rischio. Se qualcosa non va per il verso giusto con gli investimenti rischiosi, la situazione si fa rapidamente spinosa. Nell investire va usata anzitutto la testa: occorre definire, o far definire, la propria capacità di rischio. Ma altrettanto importante è anche la propensione personale al rischio, che una volta ancora dipende dalla sensazione viscerale. Esistono persone temerarie che agiscono fedeli al motto «Chi non risica, non rosica» e operano con un forte indebitamento e un ampia concentrazione di rischi. Altre rifuggono il rischio e temono per la loro esistenza non appena l evoluzione del loro patrimonio segna un valore negativo. La stessa, apparentemente semplice regola verrebbe vissuta in modo del tutto dissimile da tipologie d investitori diverse e che non possono essere omogeneizzate. Occorre quindi fare il punto sulla capacità e la propensione al rischio prima di cominciare a investire e trovare un equilibrio prudente tra testa e pancia, giacché le regole semplici non sono sufficienti. E occorre altresì gestire le (proprie) aspettative con l ausilio di valori empirici storici. Occorre trovare un equilibrio prudente tra testa e pancia. Infine e come ultimo punto in assoluto bisogna riflettere attentamente e valutare quali sono le opzioni «N» realmente disponibili e ammissibili. Sono negoziabili, trasparenti, comprensibili? Ci sono truffatori a monte? L oro che compro è autentico o è solo piombo dipinto? E così via. Per l attuazione occorrono quindi elementi indicativi delle caratteristiche dei singoli investimenti. Alcune semplici osservazioni possono già rivelarsi istruttive, come esemplificato dal nostro grafico alla prossima pagina che riporta i rendimenti e le volatilità medi di alcune classi comuni di attivi. Spiccano le profonde differenze nelle oscillazioni di valore: i corsi delle azioni di paesi emergenti e delle materie prime evidenziano forti escursioni, mentre il saliscendi delle obbligazioni si mantiene entro limiti contenuti. Da notare nel grafico il vantaggioso rapporto rischio/rendimento delle obbligazioni, che hanno beneficiato di una tendenza ribassista dei tassi durata decenni. Quest ultima appartiene però ormai al passato, sicché nelle cifre si annidano anche alcune insidie. In linea generale si può comunque affermare che nel lungo periodo si intravede un rapporto positivo tra ri- 3

4 schio e rendimento e muovendo da questa base è quindi possibile comporre un portafoglio calibrato sulla capacità e propensione al rischio squisitamente personali dell investitore. Naturalmente entrano in gioco altri fattori ancora: liquidità, parametri aziendali, livelli di valutazione, indicatori di tendenza e dati macroeconomici forniscono informazioni preziose, anche quando si tratta semplicemente di indurre una decisione intuitiva informata. Meno rischio, meno rendimento Rendimento 15% 10% 5% Obbligazioni societarie Obbligazioni statali Azioni di paesi industrializzati Materie prime 0% 0% 5% 10% 15% 20% 25% Volatilità Osservazione: i valori medi si basano su dati dal al Fonti: Bloomberg, analisi Notenstein Le regole semplici sono assolutamente sensate e intese spesse volte a disciplinare l investitore. Nel caso 1/N si tratta senz ombra di dubbio del principio della diversificazione. La disciplina ci preserva dal lasciarci guidare eccessivamente da istinti primordiali come la paura e l avidità. Ma per l applicazione di una simile regola sono estremamente importanti il contesto e l esperienza, la regola in sé non è sufficiente. La disciplina ci preserva dal lasciarci guidare eccessivamente da istinti primordiali come la paura e l avidità. Azioni di paesi emergenti Immobili Gerd Gigerenzer: Le regole semplici sono spesso sottovalutate, a torto! Nella nostra ricerca abbiamo dimostrato che norme semplici possono essere superiori a calcoli complessi, e precisamente in condizioni di grande instabilità e imprevedibilità o quando occorre stimare numerosi parametri con campioni ridotti. Una teoria matematica, nota come dilemma Bias-Variance, illustra e chiarisce il fenomeno. Le regole semplici come 1/N possiedono un «bias», ossia non cercano affatto di stimare i numerosi parametri. Viceversa, Oro i modelli complessi (come la teoria del portafoglio di Markowitz) risentono di un altro errore, conosciuto come «varianza», ossia reagiscono con eccessiva sensitività alle caratteristiche casuali dei piccoli campioni. Un buon metodo previsionale deve dunque trovare un compromesso tra semplicità e complessità. In proposito Einstein si è così espresso: «Fate le cose nel modo più semplice possibile, ma senza semplificare.» La nostra ricerca mostra anche che le buone intuizioni riposano perlopiù su regole rapide e semplici che chiamiamo euristiche. La psicologia moderna muove di conseguenza dall assunto che i dirigenti dispongono di una «adaptive toolbox» con euristiche per rapportarsi alle persone e alle strategie che discendono dalla loro esperienza personale. Queste regole intuitive sono emerse in uno studio sui CEO delle principali società americane. Ne sono un esempio i principi «Hire well and let them do their job» e «First listen then speak»: sembrano elementari, ma plasmano il clima aziendale. «Hire well» produce qualità, e «let them do their job» infonde fiducia e consente l innovazione. Un buon metodo previsionale deve trovare un compromesso tra semplicità e complessità. Notenstein: Sensazione viscerale ed euristiche possono dunque rivelarsi un indicatore prezioso per noi, una voce interiore che ci mette in guardia mentre tutt intorno si festeggia, o che ci incoraggia quando regna il disincanto. Ma in questo risiede anche la difficoltà a venirne a capo. Che succede in realtà se un tassista racconta al suo cliente che adesso gli sembra il momento giusto per investire in azioni, ma il cliente percepisce l informazione come un segnale di allarme, se già un tassista pubblicizza le azioni? Quale sensazione va seguita a questo punto? Gerd Gigerenzer: A questo riguardo le sensazioni negative sono spesso più determinanti di quelle positive. Facciamo un esempio: i dirigenti di una banca discutono fino a notte inoltrata di una fusione. Alla fine sono tutti favorevoli, tranne uno che confessa di provare una sgradevole sensazione. Come si gestisce questo conflitto? Non esiste una soluzione magica, ma la ricerca ci dice cosa non si dovrebbe fare: chiedere al collega quali sono i motivi della sua sensazione negativa. Perché non lo saprà. Piuttosto si dovrebbe porre un altra domanda, e non a lui. Si tratta, tra noi, della persona con l esperienza in assoluto più vasta nel campo in 4

5 oggetto? In caso affermativo rinunciamo a porre altre domande e cerchiamo un altra possibilità d investimento. Viviamo in tempi di instabilità e imprevedibilità. Notenstein: «Keep it simple» recita dunque il motto e nel dubbio è bene prestare ascolto alla sensazione viscerale del più esperto. Il primo significa che è legittimo adottare parametri statistici a fini di orientamento, in particolare quando dal passato si possono trarre conclusioni per il futuro, quando ci muoviamo quindi in tempi «normali», stabili. In un simile contesto, l esperienza (ossia campioni ampi) rappresenta un sostegno importante per la formazione di aspettative e il processo decisionale. Per converso, se attraversiamo tempi di rivolgimenti i modelli previsionali perdono completamente di valore, sicché a questo punto sarebbe meglio affidarsi all intuito. Viviamo in tempi di instabilità e imprevedibilità. Nel 2008 il mondo è stato scosso dalla crisi finanziaria e da allora è connotato da una politica monetaria oltremodo espansiva e da tassi ai minimi storici. Non è dato sapere quale sarà l impatto futuro dell accumulo senza precedenti di debiti. Peraltro, anche i rapporti di forza globali sono cambiati: gli Stati Uniti hanno perso parte della loro forza di un tempo, l Europa vive di stenti. A questa situazione fanno da contrapposto le economie emergenti, prima fra tutte la Cina, che si affacciano con una consapevolezza del tutto nuova. Come devono affrontare gli investitori questa incertezza? Un rimedio consiste nell accettare innanzitutto l incertezza come tale. Può riuscire difficile e non è un messaggio facile da veicolare, tanto più che l aspettativa verso i consulenti è sovente un altra. Poi occorre definire gli scenari dei possibili percorsi evolutivi dell economia mondiale e dei mercati finanziari, tenendo in opportuna considerazione anche ciò che finora era impensabile. In seguito si deve tentare di prevedere quale andamento esprimerebbero le varie classi di attivi nei rispettivi scenari. E alla fine si decide affidandosi all intuito. Si rinuncia quindi ad assegnare probabilità ai singoli scenari e a comporre un portafoglio ottimale sulla base del modello. Questa procedura articolata in più fasi non è altro che un euristica, una scorciatoia del pensiero che semplifica il processo decisionale riducendo gli sforzi cognitivi. Ma alla fine il processo sfocia consapevolmente in una decisione viscerale (informata). In tempi d incertezza il compito prioritario del consulente d investimento potrebbe forse consistere nel creare le condizioni per indurre decisioni d intuito? Non pochi clienti si aspettano dal consulente certezze che non esistono. Gerd Gigerenzer: Non pochi clienti si aspettano dal consulente certezze che non esistono. Benjamin Franklin disse una volta che al mondo di sicuro ci sono soltanto la morte e le tasse. Eppure la ricerca ansiosa di certezza è ampiamente diffusa e caratterizza lo stesso rapporto tra medico e paziente. Quando un medico rivela sinceramente che il decorso della malattia è estremamente incerto, rischia che il paziente si rivolga a un altro medico che gli infonde poi l illusione della certezza. In passato si giurava su un oroscopo o si stipulavano assicurazioni contro tutto; oggi le tecnologie moderne sono diventate il veicolo dell illusione della certezza. Raccogliamo terabyte di informazioni per trasformare il nostro computer in una sfera di cristallo. Parliamo di «portafogli ottimali» dimenticandoci che viviamo in un mondo dominato dall incertezza, dove non tutto può essere calcolato. Quant è diffusa l illusione della certezza? Il grafico mostra che solo il 4 per cento dei tedeschi ritiene assolutamente sicuro un oroscopo professionale, ma quando si tratta di tecnologia moderna, la maggior parte crede che il risultato del test sia sicuro. Ma nessuno di questi test offre certezza. Su dieci donne con uno screening mammografico positivo ad esempio, solo una (!) è affetta da un carcinoma mammario, nove hanno un falso risultato positivo, ma questa situazione non viene di fatto spiegata alle donne interessate anche perché molti ginecologi non ne sono a conoscenza. I test dell HIV e altri test sono decisamente migliori, ma neppure questi esami sono sicuri. Quale test è assolutamente sicuro? Percentuale di coloro che ritengono assolutamente sicuro il test Oroscopo professionale 4% Mammografia 44% Test HIV 63% Impronta digitale 63% Test del DNA 78% Osservazione: i dati si basano su un campione rappresentativo di cittadini tedeschi. Fonte: G. Gigerenzer, «Risiko: Wie man die richtigen Entscheidungen trifft», Bertelsmann,

6 Raccogliamo terabyte di informazioni per trasformare il nostro computer in una sfera di cristallo. Al pari dell investitore, anche il medico attinge all esperienza e all intuito. Poniamo che un uomo arrivi al pronto soccorso lamentando vertigini e vomito e i medici sospettino un ictus. Il classico e veloce metodo «HINTS» è un esame clinico di un minuto al letto del paziente che richiede un medico esperto. L alternativa è una risonanza magnetica, che necessita di molto più tempo. Uno studio condotto su 101 pazienti ha rivelato che i medici esperti hanno identificato correttamente tutti e 76 i casi di ictus, mentre la risonanza magnetica non ne ha riconosciuti otto. L esperienza non può sempre essere sostituita dagli strumenti. La risonanza magnetica apporta più denaro alla clinica, ma meno sicurezza al paziente. Un problema della medicina moderna risiede nel fatto che i candidati medici fanno sempre più affidamento sui test ed esercitano sempre meno l occhio clinico e diagnostico. Notenstein: I ruoli di medici e consulenti d investimento sono senz altro comparabili. Se trasponiamo il suo giudizio al mondo finanziario, significa che i consulenti d investimento dovrebbero fare maggiormente affidamento sulla loro esperienza e intuizione anziché su modelli matematici, il che è essenziale soprattutto in prospettiva della situazione attuale. Dando una scorsa ai giornali si leggono numerose voci che, considerati i massimi storici raggiunti da vari indici azionari, come il DAX tedesco o lo S&P 500 statunitense, mettono in guardia da un imminente crollo Valutazione del mercato azionario 5'000 4'000 3'000 2'000 1' MSCI Europa (scala sinistra) Rapporto corso/utile medio Fonti: Bloomberg, analisi Notenstein Rapporto corso/utile (scala destra) dei corsi. Al tempo stesso gli attuali livelli di valutazione non lasciano presagire che le azioni sono sovrastimate, come illustrato dal nostro grafico sull esempio dei mercati azionari europei. Alla Notenstein ci preoccupiamo quindi meno dei massimi storici raggiunti dalle azioni. Piuttosto sono l esperienza e l intuito a metterci in guardia contro una potenziale e imminente minaccia nel segmento obbligazionario. Oggi il contesto è connotato da una politica monetaria ultra-accomodante e da tassi zero (quantomeno nel settore a breve termine). Nell affrontare l onere debitorio senza precedenti nel mondo occidentale, la politica persegue una strategia del tergiversare e dell attendere. Anziché spianare gradualmente la montagna di debiti e avviare riforme economiche, i politici si accontentano di procrastinare (con il fattivo appoggio delle banche centrali) sempre di più i problemi. La nostra voce interiore ci dice che queste non possono essere buone premesse per gli investimenti a reddito fisso. Nel tempo i tassi devono risalire e in parte questo processo è già iniziato, in particolare per i tassi a lungo termine, solo moderatamente controllabili dalle banche centrali. E se gli Stati cercano di liberarsi del peso dei loro debiti con strumenti non convenzionali, è giocoforza che ciò avvenga a scapito dei creditori inflazione, default, haircut eccetera sono solo alcuni esempi significativi. Per noi è evidente che sia argomenti razionali, sia l istinto invitano alla prudenza. Sia l esperienza che l intuito ci mettono in guardia contro una potenziale e imminente minaccia nel segmento obbligazionario. Ma torniamo all inizio del nostro colloquio. Lei ha affermato che si ha paura di ammettere pubblicamente decisioni intuitive. Piuttosto si presentano dei calcoli, anche se sono solo apparenti. Qual è il motivo? Gerd Gigerenzer: La chiave risiede nell interrogativo: cosa si può fare per avere più esperti e cittadini competenti sui rischi? La misura più efficace sarebbe di rivoluzionare le scuole, dove i nostri figli apprendono ancora la matematica della certezza, come geometria e trigonometria, e dimenticano poi quasi tutto. Sono buoni sistemi matematici, che però non aiutano a comprendere i rischi del mondo finanziario, della salute o dei media digitali. Perché non insegniamo ai giovani il pensiero statistico e come gestire saggiamente il denaro e la salute? 6

7 Il problema ha una valenza internazionale. Un quinto degli americani pensa di appartenere alla fascia della popolazione con il reddito più alto, e altrettanti credono che vi figureranno presto. La maggior parte dei clienti di banca italiani non associa il «rischio» a un opportunità, bensì a una perdita, per cui investono il loro denaro in un prodotto finanziario se il consulente conferma che è «sicuro» ed è possibile uscirne nel corso della durata. In Svizzera gli incentivi finanziari sono impostati in modo tale che medici e ospedali guadagnano tanto di più quanti più trattamenti inutili mettono in atto. Nel Canton Vaud si impianta il doppio di cateteri cardiaci rispetto al Canton San Gallo. Un utilità non comprovata. Il doppio di tonsillectomie a Basilea rispetto ai Grigioni. Il problema non è soltanto del comune cittadino, che non comprende che cosa gli succede. Anche molti esperti incontrano difficoltà a capire i rischi. Nelle nostre ricerche abbiamo dimostrato che circa il 75 per cento dei medici tedeschi e statunitensi sono analfabeti statistici e non comprendono correttamente i risultati dei loro test. Su 87 gestori di portafoglio statunitensi, solo tre hanno saputo calcolare la volatilità di un azione perlopiù è stata sottovalutata. La maggior parte dei clienti di banca italiani non associa il «rischio» a un opportunità, bensì a una perdita. a una metodica rigidamente razionale. Quali sono le implicazioni nell ottica dell investitore? Riepiloghiamo brevemente le conclusioni salienti: In situazioni decisionali in cui sono note tutte le grandezze d influenza e le probabilità (ad esempio nel gioco d azzardo) è possibile calcolare i valori attesi delle alternative. Il valore reale è tuttavia caratterizzato da incertezza e imprevedibilità, e questo vale non da ultimo per i mercati finanziari, dove per assumere buone decisioni occorre anche l intuito. L intuito non è arbitrio, bensì una forma di intelligenza inconsapevole. Le decisioni viscerali riposano sull esperienza personale, tuttavia nella nostra società l intuito fatica non poco a trovare un suo spazio. Si spende molta energia per motivare oggettivamente ex post una decisione d impulso per potersi poi sottrarre alla responsabilità, qualora qualcosa andasse male. La classica teoria finanziaria con i suoi modelli di rischio genera una certezza illusoria e scalza il ruolo dell intuito. Al tempo stesso i clienti si aspettano dal consulente certezze che non esistono. Le tesi del Professor Gigerenzer suggeriscono di accettare l incertezza come tale e di ridare maggior peso al proprio intuito. Penso che tutti noi politici, consulenti d investimento, medici e clienti dovremmo investire di più nella competenza sui rischi, poiché senza di essa mettiamo a repentaglio il nostro denaro e la nostra salute. Per affrontare ragionevolmente rischi e incertezze abbiamo bisogno di due competenze: il pensiero statistico e buone intuizioni, quindi testa e pancia. Notenstein: Professor Gigerenzer, la ringraziamo per questo interessante colloquio. Conclusioni di Notenstein Intuito, decisioni viscerali, regole generali: per tali cose sembra esserci poco spazio nell altamente complesso mondo finanziario. Il Professor Gigerenzer sostiene tuttavia l opinione (controintuitiva) che proprio in questo settore istinto e regole semplici possono portare a decisioni migliori rispetto Testa e pancia sono sempre e ugualmente necessarie. Nell investire come in altre situazioni decisionali complesse ci si dovrebbe attenere ad alcune semplici regole. Oggi in particolare i mercati finanziari sono gravidi d incertezze e i modelli di ottimizzazione tradizionali non sono necessariamente dei buoni consiglieri per definire la strategia d investimento. Regole empiriche, come ad esempio l approccio per scenari, forniscono potenzialmente risultati migliori. Il Dialogo con Notenstein vuole invitare a riflettere e a interrogarsi, analizzando criticamente e puntualmente le proprie opinioni. Qual è l utilità della consulenza d investimento? Quali benefici apporta un modus operandi sistematico nell investire? L invito a fare maggiore affidamento sull istinto e sulle sensazioni non rende obsoleti né l una né l altro. Con la sua esperienza, il consulente può fornire un aiuto davvero prezioso. Il metodo d investimento definisce linee guida per le decisioni d investimento, ha un effetto disciplinante e protegge da una pericolosa arbitrarietà. 7

8 Interlocutore di Notenstein Il Professor Dr. Gerd Gigerenzer è Direttore del Max Planck Institute for Human Development e dell Harding Center for Risk Literacy di Berlino. In precedenza è stato Direttore del Max Planck Institute for Psychological Research, professore all Università di Chicago e professore ospite alla School of Law dell Università della Virginia. Gigerenzer è membro dell Accademia delle scienze tedesca (Leopoldina), Dr. h.c. dell Università di Basilea e della Open University of the Netherlands nonché Batten Fellow alla Darden Business School dell Università della Virginia. È stato insignito di numerosi premi ed è autore di opere specializzate più volte premiate. Gigerenzer prepara manager, giudici federali statunitensi e medici tedeschi nell arte del decidere e ad affrontare rischi e incertezze. Interlocutori per Notenstein Il Dialogo con Notenstein è stato condotto dal Dr. Michael Zurkinden, Consulenza d investimento e gestione patrimoniale, in collaborazione con il Dr. Ivan Adamovich, responsabile Clientela privata internazionale e membro della Direzione Generale, Daniel Hubler, Consulenza d investimento e gestione patrimoniale, il Dr. Pascal Gisclon, Macro Research, e Lotti Gerber, Comunicazione. Dialogo con Notenstein Il Dialogo con Notenstein vuole stimolare a interrogarsi e a riflettere sulle tendenze economiche e sociali più significative del nostro tempo e a tematizzarne le possibili implicazioni per gli investitori. A scadenza bimestrale gli esperti di Notenstein si intrattengono a colloquio con una personalità del mondo economico o scientifico invitandola al dibattito e al confronto con i nostri riscontri e le nostre tesi con l obiettivo dichiarato di generare una conoscenza che possa, in ultima analisi, trovare applicazione anche nella pratica. Siamo aperti alle opinioni controverse che sono la linfa dello scambio di idee. Il Dialogo con Notenstein si svolge in forma di colloquio scritto sull arco di più giorni. Questa modalità di scambio consente di esplorare serenamente e a fondo argomenti d interesse, in un epoca spesse volte connotata da una sovrabbondanza disorientante di informazioni. Sigla editoriale Edizione Dialogo con Notenstein n. 9, ottobre 2013 Editore Notenstein Banca Privata SA, Bohl 17, casella postale, CH-9004 San Gallo, Servizio lettori Feedback e ordinazioni vanno inoltrati al sito o per posta. Oltre al Dialogo, la banca privata Notenstein pubblica il commento giornaliero Notenstein Brunch (in lingua tedesca) e più volte all anno la rivista d informazione Focus Asia. Fotografo Dietmar Gust ISSN Archivio I numeri pubblicati finora del Dialogo con Notenstein possono essere consultati sul sito «Naturalmente la storia non si ripete mai con le medesime modalità, tranne per chi soffre di incubi.» Prof. Harold James, Dialogo con Notenstein, agosto 2013 «Nella politica del welfare una soluzione universale è altrettanto improponibile quanto una taglia unica nell abbigliamento.» Dr. Gerhard Schwarz, Dialogo con Notenstein, giugno 2013 «In un senso più ampio la proprietà viene scardinata nell Occidente sovraindebitato.» Dr. h.c. Beat Kappeler, Dialogo con Notenstein, aprile 2013 «Gli Stati Uniti sono al verde. Non lo saranno fra 30, 15 o 5 anni. Lo sono adesso.» Prof. Dr. Laurence J. Kotlikoff, Dialogo con Notenstein, febbraio 2013 «Il franco ha contratto con l euro un matrimonio senza convenzione matrimoniale.» Prof. Dr. Thomas Straubhaar, Dialogo con Notenstein, dicembre 2012 «Le opportunità sono straordinarie. La popolazione mondiale continua a crescere e le persone in media vivono sempre più a lungo.» Dr. Severin Schwan, CEO Roche, Dialogo con Notenstein, ottobre 2012 «Verso i consulenti che predicono le evoluzioni di mercato nutro la stessa fiducia che ho nei rinati.» Prof. Dr. Reiner Eichenberger, Dialogo con Notenstein, giugno 2012 «Di fronte al mare di liquidità che le misure di politica monetaria, convenzionali e non, hanno creato, è alto il rischio di bolle.» Prof. Dr. Aymo Brunetti, Dialogo con Notenstein, aprile 2012 SAN GALLO BASILEA BERNA COIRA GINEVRA LOCARNO LOSANNA L UCERNA LUGANO SCIAFFUSA WINTERTHUR ZURIGO

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Evoluzione della fattura elettronica a livello internazionale e sua utilità

Evoluzione della fattura elettronica a livello internazionale e sua utilità Evoluzione della fattura elettronica a livello internazionale e sua utilità 6 settembre 2012 Bruno Koch Situazione iniziale tipica in una città campione Numero di abitanti: 100 000 Volume di fatture: ricevute

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Gli anziani e Internet

Gli anziani e Internet Hans Rudolf Schelling Alexander Seifert Gli anziani e Internet Motivi del (mancato) utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) da parte delle persone sopra i 65 anni in Svizzera

Dettagli

Le nostre proposte Advisory. La consulenza patrimoniale professionale

Le nostre proposte Advisory. La consulenza patrimoniale professionale Le nostre proposte Advisory La consulenza patrimoniale professionale Le nostre proposte Advisory la consulenza patrimoniale su misura per voi Cosa vi offriamo? Desiderate beneficiare di un monitoraggio

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Che cos è che non va? Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Mi dica almeno qualcosa sulle onde elettromagnetiche. La candidata, che poco fa non aveva saputo dire perché i fili della

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

4. L informazione finanziaria e il rapporto tra risparmiatori e intermediari

4. L informazione finanziaria e il rapporto tra risparmiatori e intermediari 4. L informazione finanziaria e il rapporto tra risparmiatori e intermediari Marco Liera Il semestre del silenzio-assenso sul TFR (ossia la prima metà del 2007) doveva rappresentare un occasione non solo

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente Cari Associati, abbiamo da poco celebrato a Napoli il ventennale del Congresso Fismad, appuntamento scientifico riconosciuto

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve La depressione può colpire chiunque Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve «Faccio fatica a prendere qualsiasi decisione, seppur minima. Addirittura facendo la spesa. Ho sempre paura di

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 Pag. 33 (diffusione:581000) La proprietà intellettuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Al vostro livello. Tre clienti tre storie di successo.

Al vostro livello. Tre clienti tre storie di successo. Al vostro livello. Tre clienti tre storie di successo. Reiner Gfeller. Responsabile Asset Management. Allianz Suisse Immobiliare SA. La Allianz Suisse Immobiliare SA collabora dal 2011 con Livit. L azienda

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

S.A.S. Principe Max von und zu Liechtenstein, CEO di LGT

S.A.S. Principe Max von und zu Liechtenstein, CEO di LGT Breve ritratto «Focalizzazione, continuità, prospettiva globale e l opportunità per i clienti di coinvestire con la proprietaria e i collaboratori ci hanno aiutato a sviluppare ulteriormente la nostra

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA.

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Raffello Cortina, Milano 2007 Benjamin Libet Il libro di Benjamin Libet ruota intorno alla problematica della relazione fra cervello ed esperienza

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli