PRIMO FORUM RISCHIO SANITARIO VERSO UN NUOVO MODELLO DI SANITA? FIRENZE, 27 MARZO Paolo De Angelis Università Sapienza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRIMO FORUM RISCHIO SANITARIO VERSO UN NUOVO MODELLO DI SANITA? FIRENZE, 27 MARZO 2015. Paolo De Angelis Università Sapienza"

Transcript

1 PRIMO FORUM RISCHIO SANITARIO VERSO UN NUOVO MODELLO DI SANITA? FIRENZE, 27 MARZO 2015 Paolo De Angelis Università Sapienza

2 OBIETTIVI E AGENDA Obiettivo Definire un modello attuariale di pricing per le tariffe RCG Medical Malpractice (MMP), coerente con i principi Solvency II. Agenda - Breve panoramica sulla letteratura di riferimento; - Il rischio Medical Malpractice nel contesto dei principi Solvency II; - Il modello per il Fair Value e l approccio multifase; - Struttura tipo del Database; - Esperimento sui Dati 2

3 APPROFONDIMENTI BIBLIOGRAFICI Nordman, Cermak, McDaniel (2004), Medical Malpractice Insurance Report: a study of a market conditions and potential solutions to the recent crisis Werner, Modlin (2010), Basic Ratemaking il volume pone l attenzione sulla natura di tipo long tail che caratterizza le assicurazioni MMP e sulla necessità di utilizzare tecniche attuariali mirate a catturare tale natura. Cooil (1991), Using medical malpractice data to predict the frequency of claims: a study of Poisson process models with random effects Viscusi, Born (2005), Damages caps, insurability and the performance of mediacl malpractice insurance Marsh (2010), Medmal Claims Italia, II edizione. indagine conoscitiva. Boccadoro, De Angelis (2012), ( a cura di), Sanità Pubblica e Assicurazioni. Il Fair Price del Rischio di Medical Malpractice, CEDAM, ISBN: Bonetti et al. (2014), Criteri di analisi progetto Ricerca Bocconi. valutazione delle scelte assicurative nelle aziende sanitarie, 3

4 IL RISCHIO MMP NEL CONTESTO SOLVENCY II Coerentemente con i principi Solvency II, l impostazione seguita per il pricing si basa sul concetto di Fair Value (FV) della garanzia assicurativa. Best Estimate + Risk Margin = Fair Value della Passività (Rischi Non-Hedgeable) La Best Estimate (BE) corrisponde alla media dei flussi di cassa futuri ponderati con le rispettive probabilità, tenendo conto del valore temporale del denaro attraverso una struttura per scadenza dei tassi di interesse risk-free più uno spread per il premio di illiquidità; il Risk Margin (RM) è quella componente della passività che, in aggiunta alla Best Estimate,consente all impresa di far fronte alle obbligazioni assicurative. 4

5 APPROCCIO GENERALE PER IL CALCOLO DEL FAIR VALUE Nell ipotesi in cui il modello di pricing sia costruito su j variabili tariffarie (la cui generica è indicata con i) e ogni variabile tariffaria assuma un numero m i di modalità (la cui generica modalità della variabile i è indicata con k i ), allora il fair value può essere sintetizzato dalla seguente espressione: FV k i k, k,..., k,..., k BE k, k,..., k,..., k RM i 1,2,... j ; 1 2 i j 1 2 1,2,..., m i i j avendo indicato con α il percentile per il calcolo del Risk Margin 5

6 APPROCCIO GENERALE PER IL CALCOLO DEL FAIR VALUE Distribuzione del danno Best-Estimate Risk-Margin Media Percentile- FV k, k,..., k,..., k BE k, k,..., k,..., k RM ; 1 2 i j 1 2 i j 6

7 IL RISCHIO MMP NEL CONTESTO SOLVENCY II: IL MODULO NON LIFE UNDERWRITING RISK Ai fini del calcolo del fair value, le imprese considerano tutti i rischi quantificabili cui sono esposte; l approccio proposto da Solvency II è di tipo modulare. Nel conteso delle assicurazioni MMP, particolare rilievo assume il modulo Non-Life Underwriting Risk (NL). Il non-life underwriting risk è il rischio derivante da tutte le obbligazioni assicurative danni, in relazione agli eventi coperti e ai processi coinvolti nella gestione del business. Il NL considera 4 fonti di rischio: 1. Premium Risk; 2. Reserve Risk; 3. Lapse Risk (non considerato nel caso MMP); 4. Cat Risk. 7

8 IL RISCHIO MMP NEL CONTESTO SOLVENCY II: IL MODULO NON LIFE UNDERWRITING RISK Premium Risk: Rischio di tariffazione sui nuovi contratti e sui contratti esistenti ancora attivi nell anno successivo, ovvero il rischio che i premi relativi ai nuovi contratti più la riserva premi iniziale siano insufficienti a coprire il costo dei sinistri più le spese generate dei contratti. In tale rischio è implicitamente ricompreso anche il rischio spese (Expense Risk) legato alla volatilità dell ammontare delle spese. Reserve Risk: Rischio di riservazione derivante dalle oscillazioni dei pagamenti sinistri sia nel timing che nell importo; in altri termini, rischio di insufficienza della riserva sinistri accantonata alla data di valutazione rispetto ad un orizzonte temporale di 1 anno. Poiché il processo di liquidazione dei sinistri MMP si protrae su un orizzonte temporale di medio lungo termine il Reserve risk assume un ruolo di primaria importanza. Cat Risk: Rischio di perdite o di variazioni sfavorevoli nel valore delle passività assicurative derivanti dall elevata incertezza nelle ipotesi per la determinazione dei premi e per la costituzione di riserve tecniche a causa di eventi estremi o eccezionali ovvero caratterizzati da bassa frequenza ed elevato importo del danno. E legato sia a catastrofi naturali sia a catastrofi provocate dall uomo. 8

9 IL RISCHIO MMP NEL CONTESTO SOLVENCY II: SUB- MODULE PREMIUM & RESERVE RISK Nell approccio standard proposto da Solvency II, il capitale necessario a coprire le perdite eventuali derivanti dal Premium Risk e dal Reserve Risk è pari a: NL Premium&Re serve V avendo indicato con: exp N 0,995 1 ( log( 2 1) 2 1) -V il volume complessivo in termini di premi e riserve; -σ la misura della variabilità complessiva dovuta alla componente premi e alla componente riserve -N 0,995 il quantile al 99,5% di una normale Standard. 9

10 UN MODELLO ATTUARIALE PER IL PRICING DEI RISCHI MMP: APPROCCIO MULTIFASE Il modello di pricing proposto segue un approccio di tipo multifase, articolato come segue: 1.Costruzione della base dati sui rischi assicurati, per l identificazione a priori del rischio. 2.Costruzione della base dati sui sinistri. 3.Definizione e costruzione di ratios tecnici su dati storici. 4.Implementazione di un modello di analisi multivariata per la selezione delle variabili tariffarie; in particolare a)cluster analyis dei rischi in portafoglio, al fine di costruire classi omogenee di rischio; b)modello lineare generalizzato, per stimare all interno di ogni classe di rischio il costo sinistri atteso e la frequenza sinistri attesa per le unità appartenenti ad ogni classe. 5. Classificazione a priori di un nuovo rischio in uno dei cluster identificati; 6. Pricing del rischio secondo il modello adottato. 10

11 BASE DATI RISCHI IDEALE Le informazioni sui rischi di cui si dovrebbe disporre riguardano 4 macro aree: STRUTTURE - Tipologia di Azienda Assicurabile (ASL, Struttura sanitaria, Casa di cura privata,etc); - Classificazione delle strutture per tipologia di assistenza erogata e specialità clinica; - Numero di strutture afferenti ad ogni Azienda. POSTI LETTO -Numero di posti letto, per tipologia di degenza (es. ordinaria, day hospital, etc) e per disciplina (es. CardioChirurgia, Ematologia, etc); -Numero medio dei giorni di degenza. PERSONALE -Numero medici e paramedici, per specializzazione e anzianità di servizio; -Informazioni sulla numerosità del personale non sanitario. LOGISTICA -Presenza di apparecchiature tecnico biomediche di diagnosi e cura, presenti in ogni struttura; -Numero sale operatorie e reparti; -Numero camere iperbariche, unità mobili di rianimazioni, etc. 11

12 BASE DATI SINISTRI IDEALE Le informazioni sui sinistri di cui si dovrebbe disporre riguardano 3 macro aree: INFORMAZIONI SUL SINISTRO DATA DI ACCADIMENTO; DATA DI DENUNCIA; STATO DEL SINISTRO. COSTI DEL SINISTRO DATA LIQUIDAZIONE; IMPORTO DEL DANNO RICHIESTO; IMPORTO DEL DANNO LIQUIDATO; IMPORTO DEL DANNO A RISERVA. CAUSALE DEL SINISTRO STRUTTURA COINVOLTA; SPECIALITA CLINICA: PERSONALE COINVOLTO; LUOGO DI ACCADIMENTO DEL SINISTRO. 12

13 COSTRUZIONE RATIOS TECNICI Acquisita la base dati rischi e sinistri, è possibile definire alcuni indicatori tipici del mercato assicurativo danni e alcuni indicatori sanitari per la valutazione dell attività ospedaliera: Indicatori statistico-assicurativi: Tempo di esposizione al rischio; Numero sinistri; Importo liquidato; Importo a riserva; Frequenza; Costo medio per sinistro; Costo medio per rischio assicurato. Indicatori statistico-sanitari: Indicatori basati sui dati di movimento dei pazienti: Degenza media - DM; Indice di occupazione dei posti letto - IO; Indice di rotazione del posto letto - IR; Indicatori basati sui sistemi di classificazione dei pazienti: Indice comparativo di performance - ICP; Indice di case-mix - ICM. 13

14 MODELLO PER IL PRICING La determinazione del premio è ottenuta come prodotto tra la frequenza e il costo medio, entrambi funzione dei valori assunti dalle variabili tariffarie considerate. Le variabili tariffarie, le relative modalità e i parametri a queste associate che caratterizzano il rischio possono essere identificati attraverso specifiche tecniche statistiche di tipo multivariato. P( ) Freq( ) CM ( ) Premio Frequenza Costo Medio,,..., 1 2 i,..., n : Set di variabili tariffarie e n: N. variabili tariffarie i,...,, i1 i2 im i dove m i : N.di modalità per l i - esima variabile tariffaria 14

15 MODELLO DI REGRESSIONE PER IL PRICING Ai fini della determinazione dei parametri di personalizzazione che caratterizzano il singolo rischio è usuale ricorrere ad analisi statistiche di tipo regressivo multivariato (GLM). Tali analisi consentono di esprimere una relazione tra una variabile dipendente (Y) e un set di variabili Indipendenti x, x,..., 1 2 x i,..., x n Y: Variabile di risposta - numero di sinistri, per il modello Frequenza; - costo del singolo sinistro, per il modello Costo Medio. g( Y ) 0 1 x 1 i x i n x n Funzione link Parametro comune a tutti i rischi (intercetta) Parametro relativo i-esima variabile che fornisce il differenziale rispetto all intercetta Valore assunto dall iesima variabile Componente erratica del modello 15

16 MODELLO DI ANALISI MULTIVARIATA CLUSTER ANALYSIS Cluster Analysis: tecnica statistica che permette di raggruppare un insieme ampio di unità statistiche, sulle quali sono state rilevate diverse grandezze, in un numero ridotto di sottoinsiemi, tipicamente definiti gruppi, in modo tale che essi risultino mutualmente esclusivi; il raggruppamento è realizzato prendendo come indice di riferimento una misura di distanza tra unità campionarie. Popolazione Gruppo 1 Gruppo 2 Gruppo k 16

17 SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO 17

18 BASE DATI RISCHI: FONTE MINISTERO DELLA SALUTE Alcune delle informazioni utili alla costruzione della base dati rischi ideale sono reperibili dal Ministero della Salute e aggiornati al 2007 (http://www.salute.gov.it/servizio/sezsis.jsp?label=usl) Vengono forniti i dati statistici relativi all'assistenza di base territoriale, al personale dipendente e alle strutture di ricovero e cura presenti nel territorio di ciascuna Azienda Sanitaria Locale. Lo studio è stato realizzato partendo dall'elaborazione dei dati del Sistema Informativo Sanitario raccolti attraverso la rete di collegamento fra le Aziende Sanitarie, le Regioni ed il Ministero della Salute. In particolare sono riportate informazioni circa: Il personale; Le strutture; I posti letto e i reparti, con dettaglio circa la percentuale di utilizzo; Gli indici statistici sanitari più comuni; La popolazione residente (età infantile, età adulta, anziani) del territorio in cui opera la struttura considerata. 18

19 BASE DATI RISCHI: FONTE MINISTERO DELLA SALUTE Sono disponibili ai fini della costruzione delle principale variabili tariffarie i seguenti archivi in formato elettronico Excel: Case di cura accreditate presenti nel territorio della ASL Dati di struttura e di attività dei reparti presenti in ciascuna struttura di ricovero pubblica Strutture di ricovero pubbliche presenti nel territorio della ASL Strutture e attività ASL 19

20 BASE DATI RISCHI: FONTE MINISTERO DELLA SALUTE Nel file Case di cura accreditate presenti nel territorio della ASL sono disponibili le seguenti principali informazioni: Codice struttura Denominazione struttura Comune struttura Posti letto previsti N reparti previsti Posti letto utilizzati N reparti utilizzati Totale personale Medici Infermieri Ricoveri Giornate di degenza Giornate disponibili Codice tipo struttura Regione Codice ASL 20

21 BASE DATI RISCHI: FONTE MINISTERO DELLA SALUTE Nel file Dati di struttura e di attività dei reparti presenti in ciascuna struttura di ricovero pubblica sono disponibili le seguenti principali informazioni: Regione Codice ASL Codice struttura Codice tipo struttura Sottotipo struttura Tipo struttura Codice disciplina Disciplina Posti letto Day Hospital, Posti letto Day Surgery, Posti letto degenza ordinaria Posti letto utilizzati Dimessi, Dimessi 1 gg, Dimessi chirurgici Giornate di degenza, Giornate di degenza preoperatorie, Degenza media ordinaria, Degenza media preoperatoria Interventi chirurgici Giornate disponibili ICM, Indice entropia, Tasso utilizzo struttura, ICM struttura, Indice entropia struttura. 21

22 BASE DATI RISCHI: FONTE MINISTERO DELLA SALUTE Nel file Strutture di ricovero pubbliche presenti nel territorio della ASL sono disponibili le seguenti informazioni: Codice struttura Denominazione struttura Posti letto previsti N reparti previsti Posti letto utilizzati N reparti utilizzati Totale personale Medici Infermieri Ricoveri Giornate di degenza Giornate disponibili Codice tipo struttura Regione Codice ASL 22

23 BASE DATI RISCHI: FONTE MINISTERO DELLA SALUTE Nel file Strutture e attività ASL sono disponibili le seguenti i principali informazioni: Codice Azienda Sanitaria Locale Regione Residenti in Età Infantile Residenti in Età Adulta Residenti Anziani Totale Residenti Centro Unificato di Prenotazione Tipo 1, Centro Unificato di Prenotazione Tipo 2 Servizio Trasporto per Centro Dialisi Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata Unità Mobile di Rianimazione Totale medici Totale pediatri Ambulatori e Laboratori Consultorio Materno Infantile SERT Numero medio punti di guardia medica Numero medio medici titolari Totale Interventi a Domicilio 23

24 SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO: INFORMAZIONI SUL CAMPIONE RISCHI Il campione utilizzato per testare il modello è composto da 29 strutture singole e da 18 ASL (cui afferiscono 90 strutture), per un totale di 119 strutture sanitarie, oggetto di copertura di tipo RCT/RCO con decorrenza tra il e il Rispetto alle indicazioni desunte dal Ministero della Salute del 2007, il campione rappresenta le seguenti percentuali: Distribuzione campione Strutture Distribuzione campione ASL Strutture non campionate Strutture campione ASL non campionate ASL campione 11% 18% 82% 89% 24

25 SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO INFORMAZIONI SUL CAMPIONE SINISTRI Sul medesimo campione dei rischi è disponibile la base dati dei sinistri denunciati con seguito sino al , per un totale di sinistri, con le seguenti informazioni di dettaglio: Data Denuncia Data Accadimento Data Liquidazione Causale: RCT Fabbricati, Sanità, Comuni, Altri Enti Pubblici, Altri Professionisti, Altre Cause; RCO Altre cause Pagato Indennizzi Pagato Spese Riserva Indennizzi 25

26 SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO INFORMAZIONI SUL CAMPIONE Dettaglio dei residenti (totali e del campione), distribuiti sulle regioni le cui ASL e/o strutture rientrano nel campione Residenti nel territorio delle ASL Residenti nel territorio delle ASL Censite dal Ministero Residenti nel territorio delle ASL del campione 26

27 MODELLO DI ANALISI MULTIVARIATA CLUSTER ANALYSIS Classificazione Classi ospedaliere : La tecnica di clustering utilizzata per una classificazione a priori delle strutture in gruppi omogenei rispetto a indicatori sanitari è basata sul metodo di Ward ed effettuata sul complesso delle strutture osservate sul Database del Ministero. L algoritmo è stato implementato utilizzando la distanza di Manhattan (o città a blocchi) tra le strutture ospedaliere, misurata sui seguenti indici (disponibili nella base dati del Ministero): ICM (Case Mix) Indice di Entropia Tasso di utilizzo struttura La classificazione mediante il modello multivariato ha ridotto il numero di strutture in 4/5 gruppi. Classificazione Area geografica : È stata inoltre effettuata una classificazione per macro-aree geografiche (Nord, Centro, Sud) delle strutture sanitarie, allo scopo di utilizzare a pieno le informazioni disponibili del campione sinistri. 27

28 CLUSTER ANALYSIS - INDICI UTILIZZATI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE ICM (indice case mix): Indice che esprime la complessità dei casi trattati dall unità operativa/ospedale in rapporto alla complessità media dell insieme delle unità operative/ospedali italiani. Valori superiori all unità indicano una complessità della casistica superiore a quella di riferimento. Indice di entropia: Indice assoluto che misura l eterogeneità della ripartizione dei dimessi nei vari DRG. Si ha la minima eterogeneità quando tutti i dimessi presentano lo stesso DRG, viceversa si ha la massima eterogeneità quando i dimessi sono ripartiti fra i vari DRG in parti uguali. Tasso di utilizzo struttura: Rapporto fra le Giornate di degenza effettuate e le Giornate disponibili (numero di giornate di degenza potenziali nell'ipotesi che i posti letto siano utilizzati per l'intero periodo di rilevazione), espresso in forma percentuale. 28

29 SELEZIONE DELLE VARIABILI TARIFFARIE Le variabili tariffarie utilizzate per implementare i modelli di tipo GLM rispettivamente per la frequenza e il costo medio, sono state identificate attraverso un analisi multivariata di tipo Stepwise Regression che consente di escludere le variabili non esplicative del fenomeno oggetto di analisi. Si riportano nel seguito le variabili tariffarie selezionate rispettivamente per i 2 modelli richiamati: Modello Frequenza Posti letto previsti N. reparti previsti N. Reparti utilizzati Totale personale Medici Infermieri Ricoveri Giornate di degenza Giornate disponibili Degenza media DM Indice di occupazione dei posti letto - IO Indice di rotazione del posto letto - IR Intervallo di turn-over - IT Classe ospedaliera Area Geografica Modello Costo Medio Posti letto previsti N. reparti previsti N. Reparti utilizzati Totale personale Infermieri Giornate di degenza Giornate disponibili Degenza media DM Indice di occupazione dei posti letto - IO Indice di rotazione del posto letto - IR Classe ospedaliera Area Geografica 29

30 CONFRONTO TRA BASE DATI MINISTERO E CAMPIONE SULLE VARIABILI TARIFFARIE Ministero Campione media dev stand media dev stand Posti letto previsti N. reparti previsti N. Reparti utilizzati Totale personale Medici Infermieri Ricoveri Giornate di degenza Giornate disponibili DM IO IR IT

31 CONFRONTO TRA BASE DATI MINISTERO E CAMPIONE SULLE VARIABILI TARIFFARIE Ministero Campione Classe ospedaliera Numero strutture Numero strutture A 256 A 14 B 157 B 9 C 189 C 7 D 49 D 2 E (ASL) 0 E 18 Area Geografica Nord Centro Sud

32 RISULTATI SPERIMENTALI SUL CAMPIONE CLASSI OSPEDALIERE Su ogni rischio presente nel campione di stima è stato calcolato il premio annuo equo e i premi annui al Fair Value con differenti livelli di percentile. Di seguito si riportano, con riferimento ai cluster definiti in tariffa, i relativi valori medi per unità di rischio censita nel cluster - classe ospedaliera. Classe Best Estimate FV 75 FV 90 FV 95 A B C D E (ASL) Classe Best Estimate FV 75 FV 90 FV 95 Min Max Min Max Min Max Min Max A B C D E (ASL)

33 Premio Annuo RISULTATI SPERIMENTALI SUL CAMPIONE Fair Value - Classi Ospedaliere A B C D E (ASL) Best Estimate FV FV FV

34 RISULTATI SPERIMENTALI SUL CAMPIONE AREA GEOGRAFICA Best Estimate FV 75 FV 90 FV 95 Sud Centro Nord Classe Best Estimate FV 75 FV 90 FV 95 Min Max Min Max Min Max Min Max Sud Centro Nord

35 Premio Annuo RISULTATI SPERIMENTALI SUL CAMPIONE Fair Value - Area Geografica Sud Centro Nord Best Estimate FV FV FV

36 RISULTATI SPERIMENTALI SULLA BASE DATI DEL MINISTERO Per ogni struttura sanitaria pubblica presente nella base dati ministeriale è stato calcolato il premio annuo equo (Best Estimate). Di seguito si riportano, con riferimento ai cluster definiti in tariffa, i relativi valori complessivi per la combinazione classe ospedaliera/area geografica. Area geografica Tot Importi in euro Classi Ospedaliere A B C D Tot Nord Centro Sud

37 CONCLUSIONI IL PROCESSO DI TARIFFAZIONE PROPOSTO: PUNTI DI FORZA: Sistema di tariffazione RISK BASED APPROACH. Ordinamento per classi di rischio STRUTTURE SANITARIE/PUBBLICHE Identificazione di DISTRIBUZIONI DI PROBABILITA DEL DANNO compatibili con processi di trasferimento/ripartizione del rischio su più layer (Consorzi assicurativi PUBBLICO-PRIVATO). PUNTI DI DEBOLEZZA: Disponibilità di un DB sinistri ad elevato spettro informativo e riferito ad un orizzonte temporale di osservazione ampio. 37

38 RINGRAZIO PER LA CORTESE ATTENZIONE 38

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria Ufficio VI

Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria Ufficio VI Rapporto annuale sull attività di ricovero ospedaliero Dati SDO 2012 Dicembre 2013 Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti D.M. 12-12-2001 Sistema di garanzie per il monitoraggio dell'assistenza sanitaria. Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 febbraio 2002, n. 34, S.O. IL MINISTRO DELLA SALUTE di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011

VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011 VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011 1 RAPPRESENTARE I DATI: TABELLE E GRAFICI Un insieme di misure è detto serie statistica o serie dei dati 1) Una sua prima elementare elaborazione può

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Rilevazione ed analisi statistica dei dati nazionali

Rilevazione ed analisi statistica dei dati nazionali Castel San Pietro Terme, 9 maggio 2014 Rilevazione ed analisi statistica dei dati nazionali Ruggeri Denis Docente sezione ospedaliera IIS Castelli Brescia, collaboratore MIUR per il portale nazionale della

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

PREMESSA. La GIUNTA della Camera di Commercio di Brescia

PREMESSA. La GIUNTA della Camera di Commercio di Brescia DISCIPLINARE TECNICO E AMMINISTRATIVO VERIFICAZIONE PERIODICA DI ESECUZIONE DELLA PREMESSA L art. 11 del T.U. delle leggi sui pesi e sulle misure, approvato con R. D. 23 agosto 1890 n. 7088, stabilisce

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Introduzione Agenda La misura del valore: i fattori che influenzano il valore di un azienda

Dettagli

4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA)

4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA) 4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA) L analisi della varianza è un metodo sviluppato da Fisher, che è fondamentale per l interpretazione statistica di molti dati biologici ed è alla

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VM40B

STUDIO DI SETTORE VM40B A L L E G AT O 15 NOTA INTEGRATIVA (NUOVI INDICATORI DI COERENZA ECONOMICA) STUDIO DI SETTORE VM40B ANALISI DELLA COERENZA Per lo studio di settore VM40B sono previsti ulteriori specifici indicatori di

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VM48U

STUDIO DI SETTORE VM48U A L L E G AT O 21 NOTA INTEGRATIVA (NUOVI INDICATORI DI COERENZA ECONOMICA) STUDIO DI SETTORE VM48U ANALISI DELLA COERENZA Per lo studio di settore VM48U sono previsti ulteriori specifici indicatori di

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

3. Confronto tra medie di due campioni indipendenti o appaiati

3. Confronto tra medie di due campioni indipendenti o appaiati BIOSTATISTICA 3. Confronto tra medie di due campioni indipendenti o appaiati Marta Blangiardo, Imperial College, London Department of Epidemiology and Public Health m.blangiardo@imperial.ac.uk MARTA BLANGIARDO

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

Comunicazioni obbligatorie e altri archivi amministrativi: dati e indicatori sul buon lavoro Luigi Fabbris

Comunicazioni obbligatorie e altri archivi amministrativi: dati e indicatori sul buon lavoro Luigi Fabbris Comunicazioni obbligatorie e altri archivi amministrativi: dati e indicatori sul buon lavoro Luigi Fabbris Università di Padova Comstat Schema della presentazione 1. Il progetto PLUG_IN 2. Il buon lavoro

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria

Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria 1/24 NORMATIVA DI RIFERIMENTO Decreto Legislativo 30.12.1992, n. 502 (e successive modificazioni ed integrazioni); Legge 23 dicembre

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 6 IAS 19: Benefici per i dipendenti Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011 2012 24 aprile 2012

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Manuale Utente IMPORT IATROS XP

Manuale Utente IMPORT IATROS XP Manuale Utente IMPORT IATROS XP Sommario Prerequisiti per l installazione... 2 Installazione del software IMPORT IATROS XP... 2 Utilizzo dell importatore... 3 Report della procedura di importazione da

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Metodi statistici per l economia (Prof. Capitanio) Slide n. 4. Materiale di supporto per le lezioni. Non sostituisce il libro di testo

Metodi statistici per l economia (Prof. Capitanio) Slide n. 4. Materiale di supporto per le lezioni. Non sostituisce il libro di testo Metodi statistici per l economia (Prof. Capitanio) Slide n. 4 Materiale di supporto per le lezioni. Non sostituisce il libro di testo Dipendenza di un carattere QUANTITATIVO da un carattere QUALITATIVO

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 MINIMI ED ALTRI ISTITUTI ECONOMICI 130 euro al 5 livello; 112 euro al 3 livello; 132 euro in media Tranche: 1/1/ 13 35 euro; 1/1/ 14 45 euro; 1/1/ 15 50 euro Conglobamento

Dettagli

General Linear Model. Esercizio

General Linear Model. Esercizio Esercizio General Linear Model Una delle molteplici applicazioni del General Linear Model è la Trend Surface Analysis. Questa tecnica cerca di individuare, in un modello di superficie, quale tendenza segue

Dettagli

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove?

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? Anna Prenestini SDA Bocconi Area Public Policy and Management 09 ottobre 2012 1 Un futuro da scrivere

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 = 1

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 = 1 Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 Capitolo 3. L'analisi della varianza. Il problema dei confronti multipli. La soluzione drastica di Bonferroni ed il test

Dettagli

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA SVILUPPO DI METODI DECONVOLUTIVI PER L INDIVIDUAZIONE DI SORGENTI INDIPENDENTI

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono strutture dove possono essere erogate prestazioni terapeutiche riconducibili al profilo professionale del fisioterapista

Dettagli

Un po di terminologia

Un po di terminologia La classificazione dei pazienti: non solo DRGs Un po di terminologia Dati: simboli con cui si rappresenta la realtà (numeri, date, caratteri, intere parole). Codifica: è la rappresentazione sintetica del

Dettagli

Incontro con ASSOBIOMEDICA Roma, 07 maggio 2012

Incontro con ASSOBIOMEDICA Roma, 07 maggio 2012 Il sistema BD/RDM: integrazione dei Dispositivi medico diagnostici in vitro La rilevazione degli IVD Incontro con ASSOBIOMEDICA Roma, 07 maggio 2012 Agenda Le attuali modalità di notifica per i dispositivi

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

IL PERCORSO NASCITA IN TOSCANA:

IL PERCORSO NASCITA IN TOSCANA: IL PERCORSO NASCITA IN TOSCANA: DAI DATI ALLE SCELTE La valutazione dei risultati delle aziende territoriali toscane a cura di: Sabina Nuti Direttore Laboratorio Management e Sanità Scuola Superiore Sant'Anna

Dettagli

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business Portfolio Management GUARDIAN Solutions The safe partner for your business Swiss-Rev si pone come società con un alto grado di specializzazione e flessibilità nell ambito di soluzioni software per il settore

Dettagli

Oggetto: Reporting Solvency II Fase preparatoria. Istruzioni sulla trasmissione di informazioni all IVASS.

Oggetto: Reporting Solvency II Fase preparatoria. Istruzioni sulla trasmissione di informazioni all IVASS. Roma, 4 dicembre 2014 Prot. n. 51-14-001771 All.ti n. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI Alle Imprese capogruppo LORO SEDI Alle Rappresentanze per l Italia

Dettagli

51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI

51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO NORMATIVA E POLITICHE DI VIGILANZA Roma 15 aprile 2014 Prot. n. All.ti n. 1 51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI Alle Alle Imprese capogruppo

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Percorsi didattici, interdisciplinari ed innovativi per la Statistica Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Presidente Federazione Europea delle Società Nazionali di Statistica Scuola Estiva di Matematica

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating articolo n. 3 giugno 2014 Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating MASSIMILIANO MARI Responsabile Acquisti, SCANDOLARA s.p.a. Realizzare un sistema di rating costituisce un attività

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvata con delibera del C.d.A. del 29/10/2007 Aggiornata con delibera del C.d.A. del 26/11/2008 21/10/2009 29/10/2010 24/01/2011 04/06/2012 18/11/2013

Dettagli