BENVENUTI. Introduzione alla norma SIA 118/262. CFP-SSIC TI: martedì 30 maggio 2006

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BENVENUTI. Introduzione alla norma SIA 118/262. CFP-SSIC TI: martedì 30 maggio 2006"

Transcript

1 BENVENUTI Introduzione alla norma SIA 118/262 CFP-SSIC TI: martedì 30 maggio 2006

2 PROGRAMMA INTRODUZIONE NORMA SIA 118/262 Introduzione generale 10 Ing. Anastasia Confronto diretto SIA 220 SIA 118/ Ing. Gerosa Differenze CPN 313 CPN Ing. Anastasia Opere comprese nell offerta 5 Ing. Gerosa

3 SIA 118/262 CONTENUTO E SCOPO DELLA NORMA La SIA 118/262 fa parte della serie di norme Condizioni generali per la costruzione (CGC). Quale complemento alla norma SIA 118 Condizioni generali per l esecuzione dei lavori di costruzione essa contiene regole dettagliate riguardanti stipulazione, contenuto e allestimento di contratti per lavori di costruzione e nell ambito delle strutture portanti (parte generale) e nell ambito delle costruzione di calcestruzzo (parte specifica). Questa norma assume quindi valore legale solo se le parti contraenti la designano quale parte integrante nel loro contratto. Le CGC hanno lo scopo di regolamentare i diritti e gli obblighi del committente e dell imprenditore in modo tale che le specifiche dell opera descritte nelle norme tecniche o richieste dal committente vengano rispettate in modo efficiente.

4 SIA 118/262 BASI PER I CONTRATTI D APPALTO Oltre alla parte tecnica, le norme tecniche della SIA fino ad oggi contenevano sovente anche una parte amministrativa. Al fine di creare delle basi unitarie per i contratti d appalto relative ai lavori di costruzione, le regole contrattuali contemplate finora nella parte amministrativa delle norme tecniche vengono ora pubblicate separatamente come norme SIA 118/XXX Condizioni generali per la costruzione (CGC). Parallelamente, il Centro svizzero di studio per la razionalizzazione della costruzione (CRB) elimina tutte regole contrattuali basate sulle norme SIA contenute nel Catalogo delle posizioni normalizzate (CPN). Tali regole vengono integrate nelle CGC.

5 SIA 118/262 CONDIZIONI GENERALI PER LE COSTRUZIONI IN CLS In questo modo per l allestimento dei contratti d appalto riguardanti i lavori di costruzione si ha a disposizione il seguente sistema di base composto da tre tipi di documenti univoci: Condizioni generali La norma SIA 118 contiene regole che, per la maggior parte, sono adatte per qualsiasi categoria di lavoro. Le CGC si basano sulla norma SIA 118 e contengono regole complementari per le singole categorie di lavoro e disposizioni che completano la descrizione delle prestazioni del CPN. Alcune CGC comprendono singole regole che sostituiscono quelle corrispondenti contenute nella norma SIA 118, inadeguate alla categoria di lavoro trattata. Le regole CGC che sostituiscono quelle della norma SIA 118 sono riportate alla cifra 0.2 e nel testo sono designate come tali. Descrizione delle prestazioni Il CPN contiene descrizioni di prestazioni preformulate utilizzabili per l allestimento di elenchi prestazioni. Disposizioni particolari e basi di calcolo Il CPN 102 contiene istruzioni per la formulazione delle condizioni speciali subordinate all opera ai sensi dell art. 7, cpv. 2, cifra 2 della norma SIA 118. Il CPN 103 contiene istruzioni per la definizione delle basi di calcolo dei costi ai sensi dell art. 62 della norma SIA 118.

6 SIA 118/262 CAMPO DI APPLICAZIONE IN GENERALE In questa norma per committente si intendono anche i progettisti e gli altri specialisti da lui incaricati e per imprenditore anche i subappaltatori e i fornitori da lui incaricati. La SIA 118/262 è concepita per i contratti d appalto stipulati nell ambito di un organizzazione facente capo a imprenditori incaricati singolarmente di prestazioni specifiche. Se questa norma è destinata a essere integrata in contratti d impresa generale, le sue disposizioni verranno adattate alle circostanze mediante un documento contrattuale di rango superiore. Per motivi di chiarezza, il testo di questa norma indica sempre le funzioni nella forma maschile. Questi termini si applicano anche alle donne che occupano le stesse funzioni.

7 SIA 118/262 CAMPO DI APPLICAZIONE INTEGRAZIONE NEI DOCUMENTI CONTR. La SIA 118/262, come pure la norma SIA 118, sono giuridicamente vincolanti solo se dichiarate quali parti integranti del contratto. Ciò vale in fase di allestimento dei documenti per l appalto (testo del documento contrattuale previsto) e durante la stesura definitiva del contratto d appalto. Nell ordine di priorità delle componenti del contratto secondo la norma SIA 118, art. 7 e art. 21, la norma SIA 118/262 Condizioni generali per costruzioni di calcestruzzo fa parte delle «altre norme» della SIA. In caso di contraddizione la norma SIA 118 ha quindi priorità.

8 SIA 118/262 Entrata in vigore: 1 aprile 2004 Sostituisce: la parte amministrativa della norma SIA 162 Costruzioni in calcestruzzo, edizione 1993, la norma SIA 220 Costruzioni in calcestruzzo Prestazioni e prescrizioni di misurazione edizione 1992 La norma SIA 320 Vorfabrizierte Betonelemente, edizione 1978 le parti riguardanti l esecuzione della costruzione in calcestruzzo della norma SIA 222 Gerüste Leistung und Lieferung, edizione Adeguamenti CPN Unificazione CPN 141, 313 e 241 nel nuovo CPN 241 (2004)

9 SIA 118/262 DOCUMENTAZIONE SBV-SHOP SIA 118/262 SIA 118/263 CGC di acciaio SIA 118/265 CGC di legno SIA 118/266 CGC di muratura Tedesco o francese: Commentario sulla norma SIA 118/262 Commentario sulla norma SIA 118/266

10 SITUAZIONE NORMATIVA < oggi Norme, disposizioni amministrative Norme, disposizioni tecniche Norme, disposizioni amministrative Norme, disposizioni tecniche SIA 118 SIA 118 SIA 162 SIA 118/262 SIA 262 SIA V177 SIA 118/266 SIA 266 SIA 220 SIA 320 SIA 190 SIA 118/267 SIA 267 CGC SIA 191 CPN 141 CPN 241 CPN 241 CPN 313

11 118/262 (NUOVA) SIA 220 (VECCHIA) Legenda: Nessuna modifica Modifica significativa SIA 220 (vecchia) SIA (nuova) 02 Regolamenti da considerare Norma SIA 117, Norma SIA 118, Norma SIA 162 Norma SIA 162/1, Raccomandazione SIA 414/10 Non si trova un indicazione precisa ma nel titolo della norma si legge: Disposizioni contrattuali generali per le norme SIA 262 Costruzioni di calcestruzzo SIA 264 Costruzioni miste acciaio-calcestruzzo 7 PRESTAZIONI E PRESCRIZIONI DI MISURAZIONE 7.1 Appalti e offerte 1 CONTRATTO D APPALTO 7.11 Generalità 1.1 Concorso d appalto Per elaborare il capitolato, si raccomanda di usare il catalogo delle posizioni normalizzate CPN Costruzione. Il testo delle singole posizioni del CPN non deve essere modificato Il committente può allestire l elenco prestazioni e i formulari per le basi di calcolo in base al CPN il quale tiene conto delle norme emanate dalle associazioni professionali.

12 118/262 (NUOVA) SIA 220 (VECCHIA) SIA 220 (vecchia) SIA (nuova) 7.12 Calcestruzzo Il capitolato rispettivamente le condizioni particolari dell oggetto da costruire devono contenere le seguenti indicazioni: 8.2 Offerta dell imprenditore Qualità della superficie del calcestruzzo non casserato secondo l'appendice A3, a meno che questa non sia da eseguirsi grezza Calcestruzzo Prestazioni comprese: messa in opera e cura del calcestruzzo secondo le regole dell arte (in mancanza di regole precise: durante 5 giorni), compresa la regolarizzazione delle superfici orizzontali con una pendenza unilaterale massima del 5% Regole di retribuzione La qualità della superficie del calcestruzzo viene retribuita secondo posizioni specifiche (v. all. D)

13 118/262 (NUOVA) SIA 220 (VECCHIA) SIA 220 (vecchia) SIA (nuova) 7.12 Calcestruzzo Il capitolato rispettivamente le condizioni particolari dell oggetto da costruire devono contenere le seguenti indicazioni: Le condizioni per i termini minimi di disarmo, se questi differiscono con le disposizioni della norma SIA Concorso d appalto Per le casserature vanno considerati: termini per il disarmo a temperature ambientali estreme secondo cifra Regole di retribuzione I provvedimenti particolari da attuare in caso di temperature inferiori a 5 C o superiori a 30 C vengono retribuiti separatamente. (CPN 241, pos. 780 e 820) Le prescrizioni per i rinforzi e le puntellazioni di elementi già gettati (per esempio solette nell'edilizia) aventi lo scopo di riprendere i carichi di elementi di calcestruzzo fresco gettati successivamente Concorso d appalto Per i ponteggi e le centinature vanno considerate: -puntellazione di elementi di calcestruzzo già gettati per la ripresa dei carichi di elementi di calcestruzzo gettati successivamente (p. es. solette nell edilizia).

14 118/262 (NUOVA) SIA 220 (VECCHIA) SIA 220 (vecchia) SIA (nuova) 7.13 Casseri 8.1 Concorso d appalto Nel testo di capitolato andranno specificati i casi di esigenze di precisione maggiorata rispetto alla raccomandazione SIA 414/ Per le casserature vanno considerati: -tolleranze dimensionali relative alle esigenze particolari l differenti tipi di casseratura sono da descrivere in posizioni separate, ciò vale in particolare per le casserature speciali quali: -casserature di pareti non aventi un appoggio diretto (altezza superiore a 0,5 m misurata a partire dalla base dell'appoggio) -casserature di risparmi e di aperture -casserature di riprese di getto, di giunti di ritiro o di dilatazione -casserature inclinate o casserature rastremate -casseratura di forma speciale per superfici sghembe o a curvatura semplice o sferica Per le casserature vanno considerati: -genere e tipo di casseratura -sistema di casseratura (casserature fisse, rampanti o scorrevoli, sistema di collegamento) Casserature Prestazioni comprese: -esecuzione di raccordi obliqui, inclinati o arrotondati, senza fatturazione separata degli scarti di cassero che ne derivano -casseratura di spigoli interni o esterni, angoli e raccordi con tagli obliqui Per i generi di casseratura si fanno le distinzioni seguenti (vedi anche allegato B) -. Le esigenze particolari quali casseratura persa, casseratura senza possibilità di appoggio diretto (oltre 0,5 al di sopra della base di appoggio) o casseratura senza perforazioni per elementi di collegamento passanti vengono retribuite separatamente.

15 118/262 (NUOVA) SIA 220 (VECCHIA) SIA 220 (vecchia) SIA (nuova) 7.2 Prestazioni comprese nell offerta 7.21 Generalità 1 Contratto d appalto Il prelievo di campioni di materiale e il confezionamento di provini secondo le norme SIA 118 e Compiti delle parti contraenti Preparazione dell esecuzione L imprenditore assolve i compiti seguenti: -allestisce il piano di verifica Esecuzione -sorveglia l esecuzione (controlli relativi all esecuzione secondo il piano di verifica) -provvede alla gestione per la qualità impartendo istruzioni per i lavori Gestione per la qualità Per la retribuzione delle prestazioni dell imprenditore nell ambito della gestione per la qualità valgono le seguenti regole: -le misure necessarie per conduzione dei processi sono comprese nei prezzi delle singole attività -Le verifiche supplementari ordinate dal committente che vanno oltre le condizioni generali vengono retribuite separatamente.

16 118/262 (NUOVA) SIA 220 (VECCHIA) SIA 220 (vecchia) SIA (nuova) 7.2 Prestazioni comprese nell offerta 7.22 Calcestruzzo 8.2 Offerta dell imprenditore L umidificazione del calcestruzzo nei primi cinque giorni dal getto Prestazioni comprese: messa in opera e cura del calcestruzzo secondo le regole dell arte (in mancanza di regole precise: durante 5 giorni), compresa la regolarizzazione delle superfici orizzontali con una pendenza unilaterale massima del 5% La chiusura dei buchi dovuti ai distanziatori del cassero Prestazioni comprese: Otturazione dei fori causati dai distanziatori della casseratura mediante tappi in materia sintetica Il trattamento dei nidi di ghiaia Nessuna indicazione! La regolarizzazione delle superfici orizzontali o pendenti unilateralmente fino ai 3% Prestazioni comprese: messa in opera e cura del calcestruzzo secondo le regole dell arte (in mancanza di regole precise: durante 5 giorni), compresa la regolarizzazione delle superfici orizzontali con una pendenza unilaterale massima del 5%.

17 118/262 (NUOVA) SIA 220 (VECCHIA) SIA 220 (vecchia) SIA (nuova) 7.2 Prestazioni comprese nell offerta 7.23 Casseratura 8.4 Regole di retribuzione L'appoggio e la puntellazione della casseratura Gli elementi costruttivi e portanti che danno la forma al cassero e che ne sono parte integrante sono considerati casseri La pulizia e il trattamento dei casseri e dei giunti di ripresa prima del getto Pt. 1 Offerta dell imprenditore Prestazioni comprese: Pulitura e trattamento preliminare dei casseri, compresi i corpi per la formazione di risparmi e le superfici di raccordo La controfreccia data ai casseri a compensazione della loro deformazione e di quella della puntellazione Pt. 7 Controfreccia della casseratura nella misura in cui è necessaria per la compensazione della sua deformazione e di quella di puntellazione Le puntellazioni provvisorie nel caso di disarmo anticipato di elementi portanti compreso lo smontaggio e la rimessa in opera dei puntelli Nessuna indicazione!

18 118/262 (NUOVA) SIA 220 (VECCHIA) SIA 220 (vecchia) SIA (nuova) 7.2 Prestazioni comprese nell offerta 8.2 Offerta dell imprenditore 7.24 Armatura Armatura La fornitura e posa di distanziatori per garantire la sufficiente copertura di calcestruzzo Prestazioni comprese: -Legatura e fissaggio dell armatura, fornitura e posa di distanziatori copriferro ATTENZIONE! Incongruenza fra testo tedesco/francese e italiano: nell originale non si parla di copriferro, ma solo di distanziatori. Se non sono presenti distanziatori a cavalletto, a gabbia, ecc. è necessario chiarire con il progettista, altrimenti, in base all art. 10 della norma SIA 118, sono da includere nel prezzo dell offerta Precompressione L'eliminazione dei tubetti d'iniezione e areazione Nessuna indicazione!, salvo: -smaltimento di residui (acciaio di precompressione, guaine,materiale di iniezione, ecc.)

19 118/262 (NUOVA) SIA 220 (VECCHIA) SIA 220 (vecchia) SIA (nuova) 7.3 Prestazioni non comprese nell offerta 7.31 Generalità Le misure di sicurezza supplementari verso terzi Nessuna indicazione! Le misure speciali per l'evacuazione delle acque meteoriche e di falda tramite pompe, fosse, tetti d'emergenza, coperture ecc Regole di retribuzione Lo smaltimento delle acque meteoriche non viene retribuito separatamente, a condizione che esso possa avvenire senza l impiego di misure particolari (pompe, trattamenti chimici, fosse di drenaggio, ecc.) La fornitura, la messa in opera e il fissaggio di elementi in getto quali elementi per rifugi, ancoraggi,elementi di separazione o isolazione, tubi, zanche ecc. Nessuna indicazione! L'immurazione, la chiusura e il rinzaffo di risparmi, giunti e scanalature Offerta dell imprenditore Calcestruzzo Prestazioni non comprese: -chiusura, getto, sigillatura o rappezzatura con intonaco di risparmi, giunti e scanalature. (CPN 241 pos. 774)

20 118/262 (NUOVA) SIA 220 (VECCHIA) SIA 220 (vecchia) SIA (nuova) 7.3 Prestazioni non comprese nell offerta 8.2 Offerta dell imprenditore La sigillatura o il riempimento dei giunti di lastre posate nei casseri Casseri: Prestazioni non comprese: -adattamento della casseratura e sigillatura dei giunti in corrispondenza di elementi costruttivi o di risparmi inseriti nella casseratura La protezione delle opere dalla sporcizia o danni provocati da terzi Calcestruzzo Prestazioni non comprese: -provvedimenti particolari per la protezione delle opere da sporcizia e da danneggiamenti da parte di terzi Le misure di protezione dal gelo e lo sgombero della neve su esplicito ordine della direzione lavori nel caso di impossibilità di interruzione dei lavori Regole di retribuzione I provvedimenti particolari da attuare in caso di temperature inferiori a 5 C o superiori a 30 C vengono retribuiti separatamente.

21 118/262 (NUOVA) SIA 220 (VECCHIA) SIA 220 (vecchia) SIA (nuova) 7.3 Prestazioni non comprese nell offerta 7.32 Calcestruzzo L'impiego di una granulometria speciale degli inerti o l'uso di cementi speciali e additivi su ordine della direzione lavori Il committente deve definire le specifiche relative al beton (prestazione garantita o a composizione) L applicazione di uno strato di malta di cemento prima della ripresa del getto Nessuna indicazione Le misure speciali atte ad impedire la formazione sulla superficie del calcestruzzo di macchie di ruggine dovute aile intemperie o a interruzioni del lavoro ordinate dalla direzione dei lavori Offerta dell imprenditore Calcestruzzo Prestazioni non comprese: -provvedimenti particolari attia evitare colorazioni del calcestruzzo dovute allo scorrimento di acque contenti, ruggine, durante i periodi di interruzione causati da intemperie o ordinate dal committente l lavori in calcestruzzo non previsti che si trovano ai di fuori della portata della gru o degli elevatori o dell'impianto di betonaggio oppure i lavori ordinati successivamente allo smontaggio delle installazioni di cantiere Nessuna indicazione! Definizione nuovo prezzo con DL, in caso di mancato accordo viene retribuito a regia. Art. 87, 88,90 SIA 118

22 118/262 (NUOVA) SIA 220 (VECCHIA) SIA 220 (vecchia) SIA (nuova) 7.3 Prestazioni non comprese nell offerta 7.32 Calcestruzzo Il maggior profilo di calcestruzzo nel caso di getto senza cassero, contro terra o roccia Per il getto contro terra, roccia, murature esistenti e simili viene calcolata la quantità di calcestruzzo fornita La regolarizzazione di superfici inclinate unilateralmente più del 3% o a inclinazione multilaterale, compresa la regolarizzazione delle superfici orizzontali con una pendenza unilaterale massima del 5% Il trattamento speciale delle superfici di giunti di ripresa espressamente ordinati ( ) Manca l indicazione! L imprenditore ha diritto ad una retribuzione per il trattamento speciale di tutte le fughe o giunti di ripresa!

23 118/262 (NUOVA) SIA 220 (VECCHIA) SIA 220 (vecchia) SIA (nuova) 7.3 Prestazioni non comprese nell offerta 7.33 Casseri La controfreccia data aile casserature a compensazione delle deformazioni elastiche e plastiche,salvo indicazioni particolari nel capitolato Casseri: Prestazioni non comprese: -controfreccie richieste dal committente, non previste nei documenti di appalto La svalutazione o la riparazione del materiale per la casseratura dovute a perforazioni non previste Casseri: Prestazioni non comprese: -minor valore dei casseri danneggiati da fori ordinati dal committente e non previsti nei documenti di appalto L'allontanamento e di chiodi e di altro materiale di fissaggio posati da terzi nella casseratura Calcestruzzo Prestazioni non comprese: -rimozione di chiodi e di ganci di fissaggio lasciati da altri imprenditori che si presentano sulla superficie disarmata del calcestruzzo.

24 118/262 (NUOVA) SIA 220 (VECCHIA) SIA 220 (vecchia) SIA (nuova) 7.3 Prestazioni non comprese nell offerta 7.34 Armatura La fornitura e posa di distanziatori, cavalletti di sostegno, raccordi d'armature ecc Armatura: L armatura viene retribuita secondo posizioni specifiche: -armature speciali Il maggior onere per la posa e la lavorazione di armatura supplementare su ordine della direzione dei lavori Nessuna indicazione! (CPN pos. 512/515) l supplementi per numero di posizioni, per piccoli quantitativi e per la lavorazione speciale Nessuna indicazione! (CPN pos. 512) l raccordi speciali e la saldatura dei ferri d'armatura Armatura: Prestazioni non comprese: collegamenti che trasmettono gli sforzi.

25 118/262 (NUOVA) SIA 220 (VECCHIA) SIA 220 (vecchia) SIA (nuova) 7.3 Prestazioni non comprese nell offerta 7.35 Precompressione La fornitura e posa dei supporti per i cavi e i relativi ferri di montaggio trasversali e longitudinali Precompressione Prestazioni comprese: -tracciamento, posa e fissaggio dei cavi di precompressione (compresi i tubi di iniezione e di sfiato), secondo le indicazioni relative al sistema di precompressione Il sistema di precompressione viene retribuito secondo posizioni specifiche: -distanziatori e dispositivi di supporto La posa di guaine per l'inserimento di ulteriori cavi Il sistema di precompressione viene retribuito secondo posizioni specifiche: -posa in due tappe (guaine e cavi separatamente)

26 118/262 (NUOVA) SIA 220 (VECCHIA) SIA 220 (vecchia) SIA (nuova) 7.4 Prescrizioni di misurazione 7.41 Beton Gli elementi di calcestruzzo vengono misurati con il loro volume effettivo senza deduzione per attraversamenti Per gli elementi costruttivi casserati vale il volume secondo i piani Il calcestruzzo è computato senza dedurre i seguenti volumi per: -le armature, i cavi di precompressione e relative guaine Per gli elementi costruttivi casserati vale il volume secondo i piani. -i risparmi, le aperture e nicchie inferiori o uguali a 0.08 m I risparmi, le scanalature, gli elementi in getto e simili di volume < a 0,10 m3 non vengono dedotti. -le scanalature, canali, battute, condotte, elementi in getto ecc. fino a 0.04 m3/m compresi -le lastre continue in getto inferiori o uguali a 0.04 m3/m. Nessuna indicazione, solo Se il trattamento di superfici è eseguito separatamente, le superfici di raccordo per gli elementi soprastanti vengono computate; superfici di aperture inferiori o uguali a 2.0 m2 non vengono dedotte. Nessuna indicazione!

27 118/262 (NUOVA) SIA 220 (VECCHIA) SIA 220 (vecchia) SIA (nuova) 7.4 Prescrizioni di misurazione 7.42 Casseri Le casserature si computano secondo le superfici di calcestruzzo effettive, sviluppate Di regola, viene misurata la superficie del calcestruzzo casserata Altezza di casseratura Per le casserature vanno considerati: -condizioni per la lunghezza e l altezza delle tappe di getto Altezza di puntellazione altezza di puntellamento da 1,51 a 3,00 m: nessuna suddivisione inferiore a 1,51 m o superiore a 3,00 m: suddivisioni di 0,50 m Deduzioni Non vengono dedotti i risparmi, le aperture, le nicchie, le scanalature con una superficie inferiore o uguale a 2.0 m2, se il lato più lungo non supera i 3.0 m Per le casserature di pareti e di solette, le aperture con una superficie < 2,0 m2 non vengono dedotte. Per le feritoie questa regola vale solo per una lunghezza < 3,0 m Nei seguenti casi non vengono dedotti dai computi metrici i ritagli di casseratura aventi una superficie inferiore o uguale a 1.0 m2. -pareti: ritagli per travi ed architravi -. Nessuna indicazione! Vale

28 118/262 (NUOVA) SIA 220 (VECCHIA) SIA 220 (vecchia) SIA (nuova) 7.4 Prescrizioni di misurazione 7.42 Casseri Supplementi Nell elenco prestazioni bisognerebbe evitare posizioni che prevedono dei supplementi generali da aggiungere ai computi. In caso di necessità, vanno previste delle posizioni supplementari che contemplando le difficoltà oppure le prestazioni che sono difficilmente valutabili Diversi Le casserature laterali ai di sopra di aperture la cui superficie è superiore a 2.0 m2 sono da considerare come casserature di travi,. App. B Appendice B Casseratura di elementi portanti situati sotto la solette e che con essa ne fanno corpo. Deve essere puntellata per resistere alla massa del calcestruzzo fresco. (5)

29 118/262 (NUOVA) SIA 220 (VECCHIA) SIA 220 (vecchia) SIA (nuova) 7.4 Prescrizioni di misurazione 7.42 Casseri Gli elementi in getto per battute di porte e finestre, intagli sgocciolatoi, liste, scuretti, angolari per smussi fino ad una sezione di 0.02 m2 sono computati in supplemento Terminologia tecnica Elemento posato prima del getto (p. es. elementi di collegamento, di ancoraggio, ecc.). Prestazioni comprese: -fornitura e posa di listelli triangolari e di inserti per gocciolatoi fino a 30 x30 mm -esecuzione di raccordi obliqui, inclinati o arrotondati, senza fatturazione separata degli scarti di cassero che ne derivano Per i generi di casseratura si fanno le distinzioni seguenti: -casseratura per risparmi, nicchie, scanalature e intradossi Di regola, viene misurata la superficie del calcestruzzo casserata Le casserature di sponda e di bordi di aperture sono computate con un altezza rispettivamente larghezza minima di 0.2 m Nessuna indicazione! Viene considerata la superficie strettamente necessaria di cassero! Le casserature di sponda e di parapetti di scale sono computate con un'altezza minima di 0.30 m. Nessuna indicazione! Viene considerata la superficie strettamente necessaria di cassero!

30 118/262 (NUOVA) SIA 220 (VECCHIA) SIA 220 (vecchia) SIA (nuova) 7.4 Prescrizioni di misurazione 7.43 Armatura Il peso delle armature è determinato dalle liste La massa dell armatura viene determinata in base alle liste dei ferri aggiornate È possibile accordarsi per una liquidazione in base aile fatture del fornitore Il computo può essere eseguito anche in base alla massa risultante dai bollettini di consegna del fornitore (p.es. quando viene utilizzato acciaio inossidabile) Non si riconosce alcun supplemento per tolleranze di laminazione. Nessuna indicazione! 7.44 Precompressione App.1 Terminologia relativa aile prescrizioni di misurazione App. B Generi di casseratura App.2 Commento aile prescrizioni di misurazione abrogato App.3 Qualità della superficie non casserata del calcestruzzo App. D Qualità della superficie non casserata del calcestruzzo App.4 Qualità delle superfici del calcestruzzo appena disarmato App. C Tipi di casseratura App.5 Bibliografia

31 CPN313 CPN241 Tutte le prestazioni, che nel vecchio CPN erano contemplate quali supplementi alle posizioni, sono diventate delle posizioni vere e proprie! Pos. CPN 313 D/92 Pos. CPN 241 D/ Supplemento per il riempimento successivo con calcestruzzo dei giunti di ritiro nelle fondazioni e nelle platee. Con il necessario lavoro di pulizia. Supplemento per il riempimento successivo con calcestruzzo dei giunti di ritiro nelle fondazioni e nelle platee. Con il necessario lavoro di pulizia Calcestruzzo per chiusura di giunti di ritiro. Fornitura, messa in opera e costipamento. In platee di fondazione e solette. 311 Supplemento di prezzo per diametro massimo del grano mm 16 anziché mm Maggior dosaggio (supplemento) CP kg 25 Calcestruzzo a composizione (deve essere descritto) Supplemento per lavori di calcestruzzo Autobetoniera Strato di malta di cemento sui giunti di ripresa. Misurato quale supplemento Spessore cm Calcestruzzo fine in corrispondenza dei giunti di lavoro. Fornitura e messa in opera Calcestruzzo CEM kg/m3 400, d da mm 51 a 100.

32 CPN313 CPN241 Pos. CPN 313 D/92 Pos. CPN 241 D/ Supplemento alle pos. da 451 a 453 per cassero inclinato. Inclinazione fino a mass. 5:1. Computo: superficie inclinata casserata. 232 Casseri per pareti e muri di sostegno, inclinati. 462 Supplemento per distanziatori, senza fori passanti. Computo: superficie di una sola faccia Retribuzioni speciali per qualsiasi tipo di cassero Distanziatori e dispositivi di fissaggio, senza fori passanti. 463 Supplemento per cassero perso di parete 370 Retribuzioni speciali per qualsiasi tipo di cassero 371 Casseri persi. 466 Supplemento per cassero dei giunti di ritiro nelle pareti eseguito successivamente. 381 Casseri per la chiusura di giunti di ritiro. 517 Supplemento alle pos. 511 e 512 per altezza di puntellazione fino a cm 150 dei casseri di sottovista per rampe e pianerottoli. Per la pos. 511 fa stato l'altezza di puntellazione media misurata verticalmente per ogni rampa Casseri per rampe di scale diritte. Altezza di puntellamento fino a m 1,50. Larghezza rampa fino a m 1,50. Spessore rampa fino a m 0,20. Alzate fino a m 0,18. Altezza di puntellamento da m 1,51 a 3,50. Larghezza rampa m2 fino a m 1,50. Spessore rampa fino a m 0,20. Alzate fino a m 0,18.

33 CPN313 CPN241 Pos CPN 313 D/92 Supplemento per controfreccia di soletta portante in una direzione. Supplemento per controfreccia di solette portanti in due direzioni. Nastro per l'impermeabilizzazione di giunti di ripresa e di dilatazione. Compresi i lavori supplementari ai casseri e all'armatura. Computo: lunghezza nastro misurata in asse. Pos. CPN 241 D/ Casseri per faccia inferiore orizzontale di solette. Spessore soletta fino a m 0,35, con controfreccia. Secondo il piano... Non nel cap. 241 (nuovo in cap. 172) Supplemento per isolante termico in getto. Sigillatura giunto del pannello con nastro adesivo. Pannello a battuta Isolante termico nei casseri di parete. Isolante termico sui casseri di soletta. Isolante termico sui casseri di testata di pareti e di solette, nei casseri di travi, di travi rovesce e simili. 676 Risparmio rettangolare, sezione fino a cm o profondità fino a cm 50. Indennizzo doppio per risparmi obliqui. 414 Risparmi, nicchie, scanalature e simili, esecuzione particolare. (deve essere descritto) 714 Supplemento per acciaio d'armatura Acciaio B500A, fornitura e posa. Grado di lavorazione 1 (normale) Grado di lavorazione 2 (multipla) Grado di lavorazione S (accresciuta)

34 CPN313 CPN241 Pos CPN 313 D/92 Cassero di sottovista per rampe di scale diritte Cassero di sponda per rampe di scale diritte Cassero per alzate Pos. CPN 241 D/ Casseri per rampe di scale diritte Con cassero di testata da un lato Con cassero di testata da ambedue i lati Senza cassero di testata Cassero di sottovista per pianerottoli. Quale larghezza pianerottolo viene definita la misura del lato minore Cassero di sponda per pianerottoli Casseri per pianerottoli di scale Con cassero di testata. Senza cassero di testata.

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE TOP SOL TOP BRIDGE E S S E D I V I S I O N E INFRASTRUTTURE E D INF IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI giulianedmp SOLUZIONI COSTRUTTIVE PER L EDILIZIA giulianedmp TOP SOL / TOP BRIDGE Impalcati

Dettagli

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN PER SOLAI MONODIREZIONALI skyrail sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE w w w. g e o p l a s t. i t SOLAI 02 VISION Con la Sapienza di costruisce

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Obiettivo I lavoratori e i loro superiori conoscono le otto regole vitali da rispettare sistematicamente nell edilizia Formatori Assistenti, capi

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

Solai osservazioni generali

Solai osservazioni generali SOLAI Struttura orizzontale posta ad ogni piano di un edificio. Ha lo scopo di sostenere il proprio peso, dei pavimenti, delle pareti divisorie e dei carichi di esercizio. Per orizzontamento si intende

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

Guida tecnica alla progettazione dell IMPERMEABILIZZAZIONE

Guida tecnica alla progettazione dell IMPERMEABILIZZAZIONE Guida tecnica alla progettazione dell IMPERMEABILIZZAZIONE 8 1 4 6 7 8 7 1 4 2 Guida tecnica alla progettazione dell IMPERMEABILIZZAZIONE INTRODUZIONE MAPEI, azienda leader mondiale nella produzione di

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché?

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Klaus Pfitscher Relazione 09/11/2013 Marchio CE UNI EN 14351-1 Per finestre e porte pedonali Marchio CE UNI EN 14351-1

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

Sistema per il Ripristino delle Strutture Interrate PRODOTTI PER IMPERMEABILIZZARE

Sistema per il Ripristino delle Strutture Interrate PRODOTTI PER IMPERMEABILIZZARE Sistema per il Ripristino delle Strutture Interrate PRODOTTI PER IMPERMEABILIZZARE Il Ripristino DELLE Strutture Interrate NIDI DI GHIAIA E DISTANZIATORI PLASTICI RIPRESE DI GETTO Strutture Interrate RIPRESE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net ........... COMUNITA' MONTANA MUGELLO Oggetto dei lavori: REALIZZAZIONE DI NUOVO LOCALE TECNICO - I DIACCI II LOTTO Progettista: Geom. Francesco Minniti COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 2 LOTTO - COMPUTO METRICO

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica 1 Ambito operativo e inquadramento normativo Tenuto conto del rilevante impatto che gli eventi sismici,

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote Opere Provvisionali Linee guida per il montaggio e smontaggio di ANVVFC,, Presidenza Nazionale, dicembre 2008 pag 1 Il DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 (Pubblicato sulla G.U del 30 aprile 2008)

Dettagli

Sistema FS Uno Istruzione di montaggio. 1 Generalità 2. 2 Palificazione 3. 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4. 4 Elenco dei componenti 6

Sistema FS Uno Istruzione di montaggio. 1 Generalità 2. 2 Palificazione 3. 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4. 4 Elenco dei componenti 6 Sistema FS Uno Istruzione di montaggio CONTENUTO Pagina 1 Generalità 2 2 Palificazione 3 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4 4 Elenco dei componenti 6 5 Rappresentazione esplosa del sistema

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMUNE DI ROMBIOLO PROVINCIA DI VIBO VALENTIA PROGETTO ESECUTIVO: Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA Progettista: VISTO: Comune di Rombiolo Via

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

ALLEGATO A. DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Comune di Napoli PROVINCIA DI NAPOLI

ALLEGATO A. DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Comune di Napoli PROVINCIA DI NAPOLI ALLEGATO A Comune di Napoli PROVINCIA DI NAPOLI Provincia Area Edilizia di Scolastica Na Ufficio Specialistico Tecnico Edilizia Scolastica 1 DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile

Dettagli

SERIE TK20 MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano

SERIE TK20 MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano SERIE MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano PAG. 1 ESPLOSO ANTA MOBILE VISTA LATO AUTOMATISMO PAG. 2 MONTAGGIO GUARNIZIONE SU VETRO (ANTA MOBILE E ANTA FISSA) Attrezzi e materiali da utilizzare per il montaggio:

Dettagli

kerabuild jet Code E591 2008/08 pagina 1/5

kerabuild jet Code E591 2008/08 pagina 1/5 recupero calcestruzzo MALTE TECNOLOGICHE STRUTTURALI ad alta resistenza chimica LINEA costruzioni kerabuild Malta tecnologica strutturale colabile monocomponente per inghisaggi a rapida messa in servizio.

Dettagli

Sicurezza nei lavori in quota linee Vita

Sicurezza nei lavori in quota linee Vita Sicurezza nei lavori in quota linee Vita Enrico Bernardi e Michele Cannata www.anticaduta.com* Le necessità di manutenzione oppure di accesso a vario titolo ad una coperutra determinano importanti problemi

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMUNE DI ROMBIOLO PROVINCIA DI VIBO VALENTIA PROGETTO ESECUTIVO: Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA Progettista: VISTO: Comune di Rombiolo Via

Dettagli

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi www.metrawindows.it THEATRON Linea GLASS Sistemi per Balconi METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati

Dettagli

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 n ordine codice descrizione un. mis. quantità pr. unit. importo 1 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli)

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SCHEDA TECNICA N 25 PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 4. 5 8 7 E-mail:

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CASERTA SETTORE TECNICO UFFICIO PROGETTAZIONE INTERVENTI E.R.S. E M.O. LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA EDILE ELENCO PREZZI UNITARI RESP. UFFICIO

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE N NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI elastico e resistenza a trazione, per il riempimento degli scavi effettuati nel

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

Guide Guide su rotelle, guide su sfera Quadro, e sistema di estrazione portatastiere

Guide Guide su rotelle, guide su sfera Quadro, e sistema di estrazione portatastiere Guide Guide su rotelle, guide su sfera Quadro, e sistema di estrazione portatastiere Sommario Kit di assemblaggio InnoTech 2-3 Guida Quadro 6-7 Guide su sfere 8-11 Guide su rotelle 12-13 Portatastiere

Dettagli

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 ISOLATORI ELASTOMERICI ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 INTRODUZIONE CERTIFICAZIONI Nel 1992 FIP Industriale ha ottenuto la certificazione CISQ-ICIM per il Sistema di Assicurazione Qualità in conformità

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Montaggio su tetto piano

Montaggio su tetto piano Montaggio su tetto piano Avvertenze generali Con la crescente diffusione dei sistemi fotovoltaici, oltre a dimensioni elettriche, durata, tempi di garanzia ecc., anche i dettagli di montaggio assumono

Dettagli

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE FINSTRAL Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE 2 Oscuramento e protezione visiva nel rispetto della tradizione Le persiane, oltre al loro ruolo principale di elemento

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

6.1 6.2 6.3 STAGIONATURA E DISARMO DISARMO E TEMPISTICHE MATURAZIONE DEI GETTI E PROTEZIONE FINITURE SUPERFICIALI

6.1 6.2 6.3 STAGIONATURA E DISARMO DISARMO E TEMPISTICHE MATURAZIONE DEI GETTI E PROTEZIONE FINITURE SUPERFICIALI Il calcestruzzo e le strutture armate Stagionatura e disarmo INDICE 6.1 6.3 DISARMO E TEMPISTICHE FINITURE SUPERFICIALI 6 STAGIONATURA E DISARMO 6.2 MATURAZIONE DEI GETTI E PROTEZIONE STAGIONATURA E DISARMO

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

LE CADUTE DALL ALTO E

LE CADUTE DALL ALTO E LE CADUTE DALL ALTO E LA RESPONSABILITÀ DEGLI AMMINISTRATORI A.U. Salvatore Ruocco Lecce, 15 febbraio 2014 PROGRAMMA 1) Rischio caduta: normativa e soggetti coinvolti 2) UNI EN 795 e dispositivi di ancoraggio

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

Titolo I NORME TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE, ESECUZIONE E COLLAUDO DEGLI EDIFICI IN MURATURA

Titolo I NORME TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE, ESECUZIONE E COLLAUDO DEGLI EDIFICI IN MURATURA D.M.LL.PP. del 20/11/1987 Norme tecniche per la progettazione, esecuzione e collaudo degli edifici in muratura e per il loro consolidamento. Art. 1. Sono approvate le integrazioni e le rettifiche apportate

Dettagli

Il vetro nell architettura

Il vetro nell architettura Opuscolo tecnico Il vetro nell architettura upi Ufficio prevenzione infortuni Uso sicuro del vetro nell edilizia Nell architettura moderna il vetro non è utilizzato soltanto per le finestre, bensì come

Dettagli

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Istruzioni per l'installazione TempsensorAmb-IIT110610 98-0042610 Versione 1.0 IT SMA Solar Technology AG Indice Indice 1 Avvertenze su queste istruzioni.....................

Dettagli

LINEE VITA UNI EN 795 - SISTEMI ANTICADUTA - DPI LINEE VITA QUALITÀ, TECNOLOGIA E INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLA SICUREZZA

LINEE VITA UNI EN 795 - SISTEMI ANTICADUTA - DPI LINEE VITA QUALITÀ, TECNOLOGIA E INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLA SICUREZZA LINEE VITA UNI EN 795 - SISTEMI ANTICADUTA - DPI LINEE VITA QUALITÀ, TECNOLOGIA E INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLA SICUREZZA LINEE VITA E LE CADUTE DALL ALTO In Italia le cadute dall alto costituiscono il

Dettagli

Guide a sfere su rotaia

Guide a sfere su rotaia Guide a sfere su rotaia RI 82 202/2003-04 The Drive & Control Company Rexroth Tecnica del movimento lineare Guide a sfere su rotaia Guide a rulli su rotaia Guide lineari con manicotti a sfere Guide a sfere

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI ELENCO PREZZI UNITARI PER COSTRUZIONE E MANUTENZIONE RETI ACQUA, RETI FOGNARIE E IMPIANTI DI ALLACCIAMENTO UTENZA Distretto Operativo OPER / COORD / SUP EDIZIONE 02 / 2012 SOCIETÀ ACQUE POTABILI p.a. C.so

Dettagli

INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA

INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA OPERE PROVVISIONALI CRITERI GENERALI Le opere di pronto intervento hanno lo scopo di garantire condizioni di sicurezza nelle strutture oggetto

Dettagli

Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20 mm

Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20 mm CT LISCIATURE C40-F10 A2 fl CONFORME ALLA NORMA EUROPEA Nivorapid EN 13813 Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20

Dettagli

Il ripristino. delle facciate

Il ripristino. delle facciate Il ripristino delle facciate C.P. MK 715110 (I) 10/10 Il ripristino delle facciate SEDE MAPEI SpA Via Cafiero, 22-20158 Milano Tel. +39-02-37673.1 Fax +39-02-37673.214 Internet: www.mapei.com E-mail: mapei@mapei.it

Dettagli

profili per il fai da te

profili per il fai da te Profilpas S.p.A. profili in alluminio anodizzato (con etichetta codice a barre) lunghezza m.1 lunghezza m.2 misure argento argento piatto 12x2 10100 10104 15x2 10108 10112 20x2 10116 10120 25x2 10124 10128

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura Premessa Fra le strutture di legno, le capriate reticolari costituiscono un tipo di costruzione diffuso che sfruttano pienamente i vantaggi potenziali

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso QUANDO ISOLARE DALL INTERNO L isolamento dall interno delle pareti perimetrali e dei soffitti rappresenta, in alcuni contesti edilizi e soprattutto nel caso di ristrutturazioni, l unica soluzione perseguibile

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

MANUALE POSA IN OPERA E MANUTENZIONE FINESTRE, PORTEFINESTRE, PORTE, SCORREVOLI

MANUALE POSA IN OPERA E MANUTENZIONE FINESTRE, PORTEFINESTRE, PORTE, SCORREVOLI MANUALE POSA IN OPERA E MANUTENZIONE FINESTRE, PORTEFINESTRE, PORTE, SCORREVOLI Premessa 1. I materiali per la posa. 2. Il falso telaio. 3. Il fissaggio del serramento. 4. Istruzioni per la posa in opera

Dettagli

Il corretto approccio per l isolamento dall interno e dall esterno

Il corretto approccio per l isolamento dall interno e dall esterno Seminario 8 novembre 2012 Die Naturkraft aus Schweizer Stein Il corretto approccio per l isolamento dall interno e dall esterno Mirko Galli Arch. Dipl. ETH physarch sagl, Viaganello FLUMROC AG Postfach

Dettagli

ALLEGATO R ELENCO PREZZI

ALLEGATO R ELENCO PREZZI A r c h i t e t t o R i n a l d i n i E t t o r e R a v e n n a, V i a l e d e l l a L i r i c a n. 4 3 T e l 0 5 4 4 405979 F a x 0 5 4 4 272644 comm. part. Emissione Spec foglio di Mar2014 COMMITTENTE:

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Resistenza a compressione (EN 196-1) 80 N/mm 2 Resistenza a flessione (EN 196-1) 17 N/mm 2 Densità 1,65 Kg/dm 2

Resistenza a compressione (EN 196-1) 80 N/mm 2 Resistenza a flessione (EN 196-1) 17 N/mm 2 Densità 1,65 Kg/dm 2 MIT-SE Plus 300 e 400 Ancorante Chimico Strutturale Vinilestere/Epossiacrilato certificato ETA/CE DESCRIZIONE Mungo MIT-SE Plus è un ancorante chimico strutturale ad alte prestazioni e rapido indurimento,

Dettagli