PROGETTO TRAGUARDI. Analisi sui costi ammissibili ai Fondi Strutturali nelle Regioni Obiettivo 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO TRAGUARDI. Analisi sui costi ammissibili ai Fondi Strutturali nelle Regioni Obiettivo 1"

Transcript

1 PROGETTO TRAGUARDI BBBBBBBBBBB Analisi sui costi ammissibili ai Fondi Strutturali nelle Regioni Obiettivo 1

2 ,QGLFH INTRODUZIONE... 4 &DSLWROR 0HWRGRORJLDGLULOHYD]LRQH 1.1 L APPROCCIO METODOLOGICO GLI STRUMENTI... 7 &DSLWROR 4XDGUR1RUPDWLYRFRPXQLWDULR 2.1 I REGOLAMENTI COMUNITARI N. 1685/2000, N. 1145/2003 E N. 448/ Costi reali Oneri finanziari e di altro genere e spese legali Acquisto di materiale usato Acquisto di terreni Acquisto di beni immobili IVA e altri tributi ed oneri Fondi di capitali di rischio e Fondi per mutui Locazione finanziaria ( Leasing ) Spese sostenute nella gestione ed esecuzione dei Fondi Strutturali UN ESEMPIO DI APPLICAZIONE DEI REGOLAMENTI DA PARTE DELLA COMMISSIONE EUROPEA: LE INIZIATIVE FINANZIATE IN BASE ALL ARTICOLO 6 DEL FONDO SOCIALE EUROPEO Costi diretti Costi indiretti Spese non ammissibili Contributo finanziario Garanzia finanziaria &DSLWROR $SSOLFD]LRQHGHL5HJRODPHQWL&RPXQLWDULDOLYHOORQD]LRQDOH 3.1 IL FONDO SOCIALE EUROPEO - FSE I costi ammissibili e la realizzazione degli interventi cofinanziati dai Fondi Schematizzazione per tipologia di azione delle principali categorie di costo ammissibili al finanziamento da parte del FSE La Circolare del Ministero del Lavoro n. 41/2003 relativa al FSE IL FONDO EUROPEO PER LO SVILUPPO REGIONALE - FESR

3 3.2.1 Gli interventi previsti dal PON Sviluppo Imprenditoriale Locale: la misura 1 Industria &DSLWROR 0RGDOLWjXWLOL]]DWHGDOOH5HJLRQL2ELHWWLYRSHUXQLIRUPDUVLDL 5HJRODPHQWL&RPXQLWDUL 4.1 LE PRINCIPALI CATEGORIE DI COSTI AMMISSIBILI AL FINANZIAMENTO DA PARTE DEL FESR E DEL FSE NEI COMPLEMENTI DI PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI OBIETTIVO REGOLAMENTI, DIRETTIVE E CIRCOLARI ATTUATIVE La Regione Campania La Regione Puglia La Regione Basilicata La Regione Calabria La Regione Siciliana La Regione Sardegna &RQFOXVLRQL 1. ALCUNE PROBLEMATICHE EMERSE NEI DIVERSI TERRITORI REGIONALI ELEMENTI DI ATTENZIONE DEL FESR E DEL FSE ALLEGATO A - CONFRONTO TRA REGOLAMENTO N. 1145/2003 E REGOLAMENTO N. 448/

4 INTRODUZIONE Il delicato equilibrio tecnico-politico che sostiene l implementazione dei Fondi Strutturali trova nella tematica dei costi ammissibili una criticità che si sostanzia nella mutua influenza esercitata dagli aspetti di SROLF\ dei programmi e da quelli squisitamente finanziari e gestionali. I Regolamenti approvati dal Consiglio il 21 giugno 1999 [in particolare il Regolamento (CE) 1260/1999, art. 1] hanno definito la struttura portante degli aiuti strutturali alle Regioni e ai gruppi sociali svantaggiati e quindi delle modalità di attuazione della politica di coesione economica e sociale, già delineati in Agenda Le prospettive di allargamento dell Unione Europea e il perseguimento degli obiettivi di coesione, in un contesto di competizione globale, costituiscono, com è noto, i due ambiti di riferimento all interno dei quali si sviluppa il dibattito sulle possibilità offerte da tali strumenti finanziari riguardo all accrescimento dell efficacia delle politiche pubbliche, locali e nazionali, messe in campo nei settori di riferimento. In questo ambito il passaggio alla Programmazione ha chiaramente messo in evidenza ciò che, con l allargamento a 27 Stati membri, diverrà una inderogabile necessità e cioè che l intervento dell Unione sostenga i fattori in grado di promuovere la competitività globale e di contribuire a ridurre i profondi squilibri che caratterizzano il suo territorio, vale a dire gli investimenti nel capitale materiale ed umano. Questo significa favorire la convergenza delle regioni dell UE intervenendo in quattro ambiti prioritari (Commissione europea, 2001): dotare permanentemente i territori di infrastrutture materiali di alto livello in grado di contribuire allo sviluppo economico; sviluppare una forza lavoro di qualità, vale a dire dotata di livelli di istruzione adeguati alla domanda e in condizione di aggiornare le proprie conoscenze e competenze lungo tutto l arco della vita lavorativa; investire nella conoscenza e nelle nuove tecnologie della comunicazione, sviluppando anche un approccio che integri le varie dimensioni dell istruzione, della formazione, della ricerca, dello sviluppo e dell innovazione; migliorare l interazione fra le imprese, specialmente le PMI, e i Centri di ricerca, le Università e gli Organismi pubblici di ricerca. La complessità e l ambizione di un tale disegno strategico si riflette necessariamente sul versante della strumentazione finanziaria dei Fondi stessi e ha visto nell ampliamento del ventaglio di azioni finanziabili da parte del Fondo Sociale Europeo il segnale più marcato del passaggio dalla vecchia alla nuova programmazione 2. 1 La prima parte di questa introduzione fa ampio riferimento al contributo di Pietro Checcucci /D SROLWLFD GL FRHVLRQH HXURSHD H OH QXRYH IRUPH GHOOD FLWWDGLQDQ]D GL IURQWH DOOH VILGH GHOOD JOREDOL]]D]LRQH, pubblicato sul n. 49 di Europa e Mezzogiorno, settembre L Obiettivo 3, comprendente interventi finanziari in regioni non interessate dall Obiettivo 1, ha fornito il quadro di riferimento politico per l insieme delle azioni a favore delle risorse umane sul territorio nazionale di uno Stato membro, fatte salve le specificità regionali. In quanto tale, esso presenta un legame specifico con la Strategia Europea per l Occupazione, alla cui attuazione il 4

5 La necessità di fare il punto sulle modalità utilizzate dalle Autorità di Gestione regionali dell Obiettivo 1 per sfruttare appieno le opportunità offerte dai Fondi trova quindi nell argomento dei costi ammissibili un punto di passaggio obbligato. Il legame stretto tra gli aspetti finanziari e contabili e quelli legati ai contenuti delle Azioni discende infatti dalla constatazione, già avanzata per tempo in altra sede 3, che possa essere proprio il timore della non riconoscibilità di alcune tipologie di costi a costituire un ostacolo nei confronti dell intrapresa di interventi di nuovo tipo, ai quali si rischierebbe di privilegiare modelli di intervento ormai consolidati (come la formazione tradizionale). Non si tratta di compiere un semplice esercizio di valutazione su informazioni gestionali consolidate, poichè la materia risulta tutt altro che stabilizzata, considerando che il Regolamento (CE) N. 1145/2003 della Commissione è stato sospeso all atto della sua entrata in vigore ed è stato sostituito dal Regolamento n. 448/2004. I due Regolamenti differiscono solo per alcuni aspetti, come si evidenzia nell Allegato A alla presente Analisi. Il Regolamento n. 448/2004, sostituendo il precedente Regolamento (CE) n. 1685/2000 che aveva costituito il punto di riferimento per il dibattito nazionale, costituisce attualmente la base del Quadro Normativo comunitario. E quindi ad esso che occorre fare riferimento per elaborare analisi di procedure e strumenti in dotazione alle Autorità, tenendo conto del fatto che la sua recente adozione comporterà verosimilmente un necessario periodo di preparazione e adeguamento. L esame delle modalità adottate nella gestione dei costi ammissibili, rientra pienamente nell Ambito di riferimento del partenariato 4. E in questo quadro che - facendo salve le implicazioni che discendono dalla riforma del Titolo V della Costituzione e le prerogative di autonomia organizzativa della PA locale - vanno ricercate a livello nazionale le possibilità di favorire il miglioramento continuo delle SHUIRUPDQFH, anche e soprattutto per mezzo della valorizzazione delle esperienze più originali ed efficaci. Il presente documento raccoglie gli esiti di una prima indagine condotta a livello regionale, circa le modalità adottate dalle Autorità di Gestione per la definizione delle tipologie di costi ammissibili al cofinanziamento del FSE e del FESR. Dopo il primo Capitolo metodologico, in cui vengono descritte le tecniche di rilevazione utilizzate per la raccolta della documentazione regionale, nel Capitolo 2 viene operata una sommaria ricostruzione del Quadro Normativo di riferimento comunitario che, senza alcuna pretesa di esaustitvità, opera un breve raffronto fra la Decisione n. C (97) 1035/6 del 23 aprile 1997 che modifica le decisioni di approvazione dei Quadri Comunitari di Sostegno, dei Documenti unici di Programmazione e delle iniziative comunitarie prese nei confronti dell Italia Fondo Sociale Europeo deve contribuire, nell ambito degli orientamenti annuali messi a punto dalla Commissione. Nell ambito della sua funzione di intervento specifico sulle risorse umane, all interno della Programmazione dei Fondi Strutturali, il Fondo Sociale Europeo è stato dotato di cinque campi di applicazione che sono diventati, nella struttura di programma italiana, altrettanti Assi prioritari di intervento. 3 Francesco Gagliardi, Luciano Galetti,, FRVWL DPPLVVLELOL DO )RQGR 6RFLDOH (XURSHR, in Quaderni di Tecnostruttura, n. 1, Anno 1, 2000, p Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, &RVWL DPPLVVLELOL DO ILQDQ]LDPHQWR GHO )RQGR 6RFLDOH (XURSHR 3UHVD G DWWR GHO &RPLWDWR GL 6RUYHJOLDQ]D ± 4&6 QHOOD VHGXWD GHO, Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Roma, maggio 2002., pp

6 (Decisione denominata SEM 2000), i Regolamenti (CE) N. 1685/2000 e (CE) N. 1145/2003 della Commissione. Nel Capitolo 3 vengono analizzati alcuni esempi di applicazione a livello centrale dei Regolamenti comunitari per il FSE e per il FESR. Il Capitolo 4 illustra i risultati dell analisi dei Complementi di Programmazione, dei Regolamenti regionali e di altro materiale (bandi, guide, formulari etc.) condotta al fine di riassumere gli orientamenti delle Autorità di Gestione in merito alle attività e alle tipologie di costi considerati ammissibili, in relazione all articolazione dei progetti, alle modalità di rendicontazione, alla giustificazione e prova delle spese, all eventuale identificazione esplicita di costi inammissibili. Nello stesso ambito vengono anche illustrati, ove disponibili, i riferimenti normativi nazionali e comunitari utilizzati dalle Autorità di Gestione. Il Capitolo 5 completa il precedente, ricapitolando i problemi principali riscontrati e le soluzioni adottate a livello delle Autorità di Gestione, senza ovviamente entrare nel merito dell opportunità delle decisioni regionali. Nel Capitolo conclusivo viene operata la comparazione tra i riscontri e le soluzioni adottati a livello di Autorità di Gestione, senza ovviamente entrare nel merito dell opportunità delle decisioni regionali e vengono formulate alcune raccomandazioni per gli ulteriori sviluppi del progetto. 6

7 &DSLWROR 0HWRGRORJLDGLULOHYD]LRQH Le modalità di gestione delle spese ammissibili da parte dei Fondi Strutturali assume particolare rilevanza in sede di progettazione degli interventi e, naturalmente, di rendicontazione in corso d opera o a conclusione degli stessi. Per questa ragione si è scelto di affiancare all analisi condotta sui documenti di programmazione, una rilevazione sul campo, il cui argomento riguardasse nello specifico le modalità utilizzate dalle Autorità di Gestione regionali dell Obiettivo 1 per uniformarsi alla normativa comunitaria. 1.1 L APPROCCIO METODOLOGICO Accanto all analisi desk dei Regolamenti nazionali e dei Complementi di Programmazione Regionali, si è proceduto ad una rilevazione di campo. La raccolta di informazioni sul campo aveva come obiettivo principale quello di descrivere le modalità con le quali le Autorità di Gestione dell Obiettivo 1 stanno rendendo operative le indicazioni contenute nei documenti di Programmazione, per quanto riguarda l ammissibilità delle spese. In particolare la fase iniziale ha previsto la raccolta di normative e regolamenti regionali e di altro materiale (bandi, guide, formulari etc.) idonei a riassumere gli orientamenti delle Autorità di Gestione in merito a: attività ammissibili; specifiche tipologie di costi ammissibili (ammortamento, contributi in natura, oneri finanziari ecc.); rendicontazione, giustificazione e prova delle spese; costi inammissibili. 1.2 GLI STRUMENTI Lo strumento più importante della ricognizione era rappresentato dall intervista ai Referenti regionali specifici, finalizzata alla rilevazione delle seguenti problematiche: problematiche relative ai costi ammissibili che la Regione ha affrontato (magari insieme al suo ufficio legislativo) e risolto (si pensi ad esempio all Iva o al problema dell IRAP); la documentazione e la normativa comunitaria assunta come quadro di riferimento nella predisposizione degli atti e delle procedure inerenti l ammissibilità dei costi; la documentazione e la normativa nazionale assunta come quadro di riferimento (non necessariamente obbligatorio) nella predisposizione degli atti e delle procedure inerenti l ammissibilità dei costi; 7

8 verifica se l argomento dei costi ammissibili sia stato oggetto di esame da parte dei valutatori indipendenti e con quali risultati. 8

9 &DSLWROR 4XDGUR1RUPDWLYRFRPXQLWDULR 2.1 I REGOLAMENTI COMUNITARI N. 1685/2000, N. 1145/2003 E N. 448/2004 &RVWLUHDOL Rispetto a SEM 2000 (Scheda n. 4 Precisazioni sul concetto di costi reali ), il Regolamento (CE) n. 1685/2000 ha reso più agevole la pratica del subappalto per quanto riguarda l ammissibilità dei costi originati nell ambito del subappalto medesimo, eliminando due vincoli: il divieto del subappalto oltre i due livelli e la necessità che il subappalto sia giustificato 5. Le condizioni di ammissibilità dell ammortamento, contenute nel testo di SEM 2000, sono sostanzialmente equivalenti alle condizioni riportate nel paragrafo 1.5 della Norma n. 1 del Regolamento 1685/ Per quanto riguarda i contributi in natura, SEM 2000 prevedeva la riconoscibilità solo in termini di cofinanziamento nazionale pubblico e privato e non in termini di copertura del cofinanziamento comunitario. Tale impostazione è apparsa ribaltata nel Regolamento 1685/ Nel caso delle spese generali, l impostazione data da SEM 2000 e dal Regolamento 1685/2000 risulta equivalente 8. Stante questo quadro, il Regolamento 448/2004 che sostituisce il Regolamento 1145/ : precisa che, nel caso dei regimi di aiuto ai sensi dell art. 87 del Trattato e di aiuti concessi da Organismi designati dagli Stati membri, per pagamenti effettuati dai beneficiari finali si intendono finanziamenti versati ai singoli destinatari ultimi ( ) dagli Organismi che concedono l aiuto, cioè gli enti pubblici o privati che eseguono la singola operazione (par. 1.2); per i contributi in natura precisa che, nel caso di apporto di terreni o immobili, il loro valore può essere criticato anche da un Ente ufficiale abilitato (non più da organismo autorizzato) (par.1.7 d); precisa altresì che i contributi in natura possono essere considerati spese ammissibili a condizione che si applichino, all occorrenza, le disposizioni delle norme 4 (Acquisto di materiale usato), 5 (Acquisto di terreni) e 6 (Acquisto di beni immobili) dello stesso regolamento (par. 1.7 f); precisa che le disposizioni relative ad ammortamento, contributi in natura e spese generali si applicano ai singoli destinatari nel caso dei regimi di aiuto ai 5 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, &RVWLDPPLVVLELOLDOILQDQ]LDPHQWRGHO)RQGR VRFLDOHHXURSHR, cit., pp Ibidem, pp Ibidem, pp Ibidem, p In allegato riproduce documento che confronta i due regolamenti 9

10 sensi dell art. 87 del Trattato e di aiuti concessi da Organismi designati dagli Stati membri (par. 1.9); precisa che sia i pagamenti intermedi che quelli a saldo effettuati dai beneficiari finali devono essere comprovati da fatture quietanzate o documenti contabili aventi forza probatoria equivalente (par. 2.1.); precisa altresì che il par. 2.1 lascia impregiudicate le disposizioni del Regolamento (CE) n. 445/2002 relativamente al settore forestale (par. 2.2); nel caso di appalti pubblici dispone che i pagamenti intermedi e quelli a saldo effettuati dai beneficiari finali devono essere comprovati da fatture quietanzate rilasciate secondo le disposizioni dei contratti sottoscritti (par. 2.3). In tutti gli altri casi, inclusa la concessione di sovvenzioni pubbliche, i pagamenti devono essere comprovati mediante le spese effettivamente sostenute dai destinatari ultimi degli aiuti (includendo ammortamento, contributi in natura e spese generali) (par. 2.3). I due Regolamenti, relativamente alla FRQWDELOL]]D]LRQH GHOOH HQWUDWH risultano equivalenti. 2QHULILQDQ]LDULHGLDOWURJHQHUHHVSHVHOHJDOL Le disposizioni contenute in SEM 2000 e nel Regolamento 1685/2000 risultavano praticamente equivalenti, ad esclusione delle spese per garanzie bancarie, che nelle previdenti disposizioni risultavano ammissibili solo nel caso di sovvenzioni globali 10. Il Regolamento 1145/2003 aggiunge agli oneri finanziari ammissibili le spese per le operazioni finanziarie transnazionali nel quadro di PEACE II e delle iniziative comunitarie (INTERREG III, LEADER+, EQUAL e URBAN II), previa detrazione degli interessi creditori percepiti sugli acconti (par. 1). $FTXLVWRGLPDWHULDOHXVDWR SEM 2000 escludeva che nel caso del FSE l acquisto di materiale usato potesse essere oggetto di cofinanziamento. Indicava viceversa come sovvenzionabile per tutta la durata dell azione l ammortamento di materiale usato (Scheda n. 12 Acquisto di materiale usato ) 11. I due Regolamenti 1685/2000 e 1145/2003 risultano equivalenti nel permettere invece tale fattispecie, per la quale indicano le condizioni. $FTXLVWRGLWHUUHQL SEM 2000 indicava tale spesa come inammissibile per il FSE (Scheda n. 13 Acquisto di terreni ). A tale riguardo le formulazioni equivalenti contenute prima nel Regolamento 1685/2000 e nel successivo 1145/2003, hanno rappresentato una importante innovazione Ibidem, p Ibidem, p Ibidem, p

11 $FTXLVWRGLEHQLLPPRELOL SEM 2000 indicava tale spesa come inammissibile per il FSE (Scheda n. 14 Acquisto di beni immobili ). Anche a tale riguardo le formulazioni equivalenti contenute prima nel Regolamento 1685/2000 e poi nel successivo 1145/2003, hanno rappresentato una importante innovazione 13.,9$HDOWULWULEXWLHGRQHUL Le formulazioni contenute in SEM 2000 e nel Regolamento 1685/2000 possono essere considerate equivalenti, tranne che per la precisazione introdotta da quest ultimo che in nessun caso il cofinaziamento comunitario può superare la spesa ammissibile totale, IVA esclusa 14. A tale proposito il Regolamento 1145/2003 introduce alcune precisazioni: la natura privata o pubblica del beneficiario finale o del destinatario ultimo non è presa in considerazione nel determinare se l IVA costituisca una spesa ammissibile (par. 1); l IVA non recuperabile dal beneficiario finale o dal destinatario ultimo in forza di norme nazionali specifiche costituisce spesa ammissibile solo qualora tali norme siano interamente compatibili con la sesta direttiva 77/388 CEE del Consiglio sull IVA (par. 2); il cofinanziamento comunitario non può superare la spesa totale ammissibile al netto dell IVA, fatte salve le disposizioni dell articolo 29, paragrafo 6 del regolamento generale, riguardanti le Azioni innovative e l Assistenza Tecnica (par. 4). )RQGLGLFDSLWDOLGLULVFKLRH)RQGLSHUPXWXL Il Regolamento 1145/2003 dispone che i Fondi possono investire solo in PMI nella fase della loro creazione, nelle prime fasi di sviluppo (inclusa la costituzione del capitale d avviamento e non più di crescita, come compare nel precedente Regolamento) o nella fase di espansione e solo in attività che i gestori del Fondo giudicano potenzialmente redditizie (non più economicamente efficienti) (par. 2.5). Nell ambito delle raccomandazioni il Regolamento 1145/2003 introduce ugualmente il concetto di operazione redditizia e non più economicamente efficiente in relazione alle dimensioni del Fondo e all ampiezza della fascia di soggetti cui esso si rivolge (par. 3.3). Relativamente ai )RQGL GL *DUDQ]LD, rispetto al Regolamento 1685/2000, il Regolamento 1145/2003 introduce il concetto di attività redditizia e non più economicamente efficiente fra le condizioni per il cofinanziamento da parte dei Fondi Strutturali (par. 2.4). 13 Ibidem, p Ibidem, p

12 Il Regolamento 448/2004 aggiunge ai pagamenti effettuati dai beneficiari finali anche i versamenti erogati ai Fondi di capitale di rischio, ai Fondi per mutui e ai Fondi di garanzia (inclusi i Fondi di partecipazione in capitale di rischio) (par. 1.3). /RFD]LRQHILQDQ]LDULD³/HDVLQJ Rispetto a SEM 2000 (Scheda n. 20 /HDVLQJ ), il Regolamento 1685/2000 ha visto venire meno le differenziazioni stabilite per il FSE rispetto ai Fondi strutturali. L ammissibilità dei costi connessi al leasing viene quindi sottoposta alle stesse condizioni previste per la generalità degli altri Fondi Strutturali, sia nel caso di aiuto concesso attraverso il concedente che di aiuto all utilizzatore 15. I due Regolamenti 1685/2000 e 1145/2003 risultano anche in questo caso sostanzialmente equivalenti. 6SHVHVRVWHQXWHQHOODJHVWLRQHHGHVHFX]LRQHGHL)RQGL6WUXWWXUDOL Il Regolamento 1685/2000 ha ampliato i casi di ammissibilità e semplificato i riferimenti di quanto previsto dalla SEM 2000 (Scheda n. 22 Spese delle amministrazioni pubbliche, compresi gli stipendi dei funzionari degli Stati membri ) 16. Il Regolamento 1145/2003 ha innovato il precedente escludendo esplicitamente dalle spese ammissibili connesse alla preparazione, selezione, valutazione e sorveglianza dell intervento e delle operazioni le spese riguardanti l acquisto e l installazione di sistemi informatici per la gestione, sorveglianza e valutazione (par. 2.1). Relativamente all DPPLVVLELOLWj GHOOH VSHVH LQ ULIHULPHQWR DO OXRJR GHOO RSHUD]LRQH,idue Regolamenti risultano equivalenti. 15 Ibidem, p Ibidem, pp

13 2.2 UN ESEMPIO DI APPLICAZIONE DEI REGOLAMENTI DA PARTE DELLA COMMISSIONE EUROPEA: LE INIZIATIVE FINANZIATE IN BASE ALL ARTICOLO 6 DEL FONDO SOCIALE EUROPEO &RVWLGLUHWWL Una chiara indicazione sui costi ammissibili al Fondo Sociale Europeo può essere individuata nei bandi gestiti dalla Commissione Europea. L articolo 6 del Regolamento relativo al FSE, infatti, consente di finanziare azioni a carattere innovativo attraverso le quali si cerca di promuovere nuove strategie e di identificare esempi di buona pratica che possano contribuire, a loro volta, a migliorare la realizzazione delle azioni finanziate dal FSE. In questo caso, i Progetti sono direttamente presentati alla Commissione Europea, che definisce i costi ammissibili e disciplina le procedure relative alla rendicontazione dei costi. Le azioni devono avere portata transnazionale, vale a dire devono coinvolgere organizzazioni di almeno due Stati membri dell UE 15 mentre è auspicata la partecipazione dei paesi in via di adesione. Il Regolamento Generale statuisce che le misure innovative devono essere attuate in modo semplice e trasparente e conformemente ai principi di una sana gestione finanziaria. Il Fondo Sociale Europeo ( ) può finanziare azioni innovative entro un tetto di 0,40 % della dotazione annuale del FSE. Le attività finanziate comprendono: studi, progetti pilota e progetti di dimostrazione, scambi di esperienze. La Commissione provvede a finanziare i progetti, a seguito di inviti pubblici a presentare proposte pubblicati nella Gazzetta Ufficiale della Comunità Europea (GUCE); l avviso individua di norma l importo minimo e massimo dell aiuto finanziario (di solito tra e 3 milioni di euro), nonché la percentuale del cofinanziamento. La Commissione non eroga sovvenzioni per l intero costo dei progetti. I promotori devono recare il loro contributo all operazione. Il contributo del FSE non copre né i costi non ammissibili, né i costi che si sarebbero dovuti comunque sostenere anche se il progetto non venisse realizzato. Se il progetto risulta, a seguito di valutazione, ammesso a finanziamento, viene concluso, tra Commissione e soggetto attuatore, un contratto (accordo di sovvenzione), che definisce i diritti e le obbligazioni delle parti, conformemente al Vademecum sulla gestione delle sovvenzioni della Commissione Europea. L allegato tecnico e finanziario della guida del richiedente che accompagna l Avviso relativo alle azioni innovative finanziate a titolo dell articolo 6 del regolamento relativo al Fondo Sociale Europeo individua i costi ammissibili e non ammissibili all iniziativa. 13

14 Il bilancio che accompagna il progetto deve essere adeguatamente pareggiato: i due totali (entrate e uscite) devono essere identici, in quanto le entrate disponibili (ivi compresa la sovvenzione richiesta alla Commissione) dovranno finanziare le spese previste. Le uscite si riferiscono unicamente all attuazione del progetto. Il bilancio di previsione (preventivo) deve prevedere costi GLUHWWL R LQGLUHWWLossia le spese direttamente generate dal progetto e indispensabili alla sua realizzazione. I costi diretti ammissibili sono i seguenti: 3HUVRQDOH Costi del personale assegnato al progetto. Sono proporzionati al: numero di persone da retribuire nel quadro del progetto (a tempo pieno/parziale); attività e funzioni da svolgere. I costi del personale vengono calcolati in base al trattamento economico o agli stipendi lordi, maggiorati degli oneri/contributi sociali e degli altri costi compresi nella retribuzione, escluse tutte le altre spese. I costi salariali sono calcolati in base al numero di persone, numero di giorni, tariffa giornaliera applicata e dovranno essere basati su un totale massimo di 220 giornate lavorative l anno (20 giornate al mese). Essi non devono superare i normali stipendi e gli altri oneri a carico del candidato, né dovranno essere superiori alle tariffe generalmente applicate sul mercato per lo stesso tipo di servizio. Non sono ammissibili le spese del personale che sarebbero state sostenute anche se il progetto non fosse stato attuato. 9LDJJL Sono ammissibili le spese di YLDJJLR DOORJJLR H VRJJLRUQR necessarie per l attuazione del progetto. Tali spese vanno calcolate sulla base di costi unitari accettabili. Dovranno naturalmente essere specificati in dettaglio i viaggi, scopo di ciascun viaggio, numero degli spostamenti, destinazioni, mezzi di trasporto utilizzati e numero di persone. I costi per le diarie sono consentiti solo alle persone residenti a oltre 100 km di distanza dal luogo in cui ha luogo la riunione o dove si svolge l attività e coprono le spese di alloggio, i pasti, le pause caffè e i trasporti locali. I costi sono pagati dietro presentazione delle pezze giustificative corrispondenti, tra cui ricevute e matrici dei mezzi utilizzati. Le spese dei rappresentanti dei paesi che non appartengono all Unione Europea sono a carico del promotore del progetto. Tali costi sono inammissibili e non rientrano pertanto nel bilancio del progetto. Per quanto riguarda i rappresentanti dei paesi in via di adesione/nuovi Stati membri è ammesso, fino ad oggi, solo il rimborso per la partecipazione a seminari, conferenze e scambi di personale che hanno luogo negli Stati membri EU 15 e sono organizzati da promotori di progetti negli Stati membri EU 15. Saranno considerate ammissibili solo le spese associate a tali attività. 14

15 Il calcolo dei costi degli spostamenti in aereo si effettua utilizzando come parametro di riferimento le tariffe economiche. L utilizzo del trasporto aereo è consentito solo per distanze superiori agli 800 km per un andata e ritorno e a 400 km per la sola andata. Per le altre modalità di trasporto, la tariffa di riferimento è quella del biglietto ferroviario di prima classe. Le spese di alloggio e le diarie (pasti, pause caffè e trasporti locali) sono rimborsate in base al costo della vita in ciascun paese. 6HUYL]LDWWLYLWj Sono ammissibili i costi delle SXEEOLFD]LRQL direttamente attinenti alle attività previste nel programma di lavoro e riprodotte diversamente che per semplice fotocopia. Tali costi sono presi in considerazione solo se ad essi sono allegati una descrizione e un preventivo (numero di pagine, copie e lingue previste, per ogni pubblicazione). Le WUDGX]LRQL possono essere considerate costi diretti ammissibili nel caso in cui siano commissionate all esterno. I costi di traduzione devono comprendere le seguenti informazioni: numero di lingue tradotte, numero di pagine, tariffa applicata per pagina (30 righe per pagina).,frvwlglhvshuwl HVHUYL]LHVWHUQLincludono i costi che implicano il VXEDSSDOWR di parti delle attività del progetto fino a un PDVVLPR GHO GHO FRVWR WRWDOH dello stesso. Ogni servizio svolto da terzi, non partner del progetto, come incarico specifico una tantum connesso con il progetto, è considerato subappalto.,o VXEDSSDOWR q FRQVHQWLWR XQLFDPHQWH TXDORUD LO SHUVRQDOH GHO SURJHWWR QRQ GLVSRQJD GHOOH QHFHVVDULHFRPSHWHQ]H. Le regole e le procedure che si applicano all aggiudicazione degli appalti sono le seguenti : a) Per contratti di subappalto di un importo non superiore a EURO, il promotore può commissionare i lavori a un fornitore di sua scelta. Tuttavia, anche in questo caso, la Commissione raccomanda di sondare il mercato e di consultare almeno tre fornitori. b) Per appalti compresi tra e EURO, è necessario un contratto stipulato tra promotore e fornitore. È possibile un accordo in via amichevole, ma si raccomanda vivamente di sondare il mercato, consultando almeno tre fornitori; c) Per contratti superiori a EURO va organizzata una gara d appalto ristretta con un elenco minimo di cinque fornitori scelti per le loro qualifiche speciali; d) Per contratti di subappalto di valore superiore a EURO è necessario ottenere prima della firma/entrata in vigore del contratto per iscritto l accordo esplicito della Commissione. Non sono tuttavia consentiti più di due livelli di subappalto oppure subappalti ingiustificati che non comportino alcun valore aggiunto, né contratti tramite intermediari/consulenti il cui importo da versare è espresso in percentuale dell importo cofinanziato o sulla base di una stima dei costi. Qualora una stima dei costi dei servizi richiesti venga inizialmente accettata, il contratto dovrà 17 Le soglie indicate hanno valore fino al 1 gennaio

16 precisare che la fattura finale riguarderà i costi reali quali precedentemente definiti e che il contraente fornirà le prove delle spese sostenute se il promotore le richiede. Non sono soggetti alle regole sul subappalto attività e compiti svolti dai partner del progetto (come è precisato nelle lettere di intenti/impegno). 7XWWDYLD QRQ q FRQVHQWLWRSUHVHQWDUHQHOSURJHWWR FRPHSDUWQHUQRUPDOLIRUQLWRULGLEHQLH GL VHUYL]L DO ILQH GL DJJLUDUH OH UHJROH LQ TXHVWLRQH la Commissione, ad esempio, non considera appropriato inserire come partner i seguenti fornitori di beni e di servizi: consulenti, indipendenti, organizzatori di conferenze, traduttori, interpreti, esperti in tecnologia dell informazione, imprese che offrono servizi informatici, case editrici, etc. Già nel preventivo occorre indicare chiaramente nella stima di bilancio la natura esatta dei compiti che si intende dare in subappalto e spiegarne le ragioni. Nel concludere contratti con l esterno, il promotore deve assicurarsi della competitività delle offerte presentate da potenziali contraenti e aggiudicare l appalto all offerta economicamente più vantaggiosa. Vanno rispettati in questo caso i principi della trasparenza e della parità di trattamento dei potenziali contraenti al fine di evitare ogni conflitto d interessi. 5HYLVLRQH FRQWDELOH HVWHUQD: un revisore contabile (controllore esterno) indipendente, abilitato, designato dal beneficiario, deve verificare i rendiconti finanziari sottoposti alla Commissione nelle relazioni interinale e finale (vedasi anche il Capitolo 4). Il revisore non si limiterà a verificare il rispetto della Legislazione Nazionale e delle norme contabili, ma accerterà anche che per l insieme delle spese siano rispettate le disposizioni amministrative sull ammissibilità delle spese di progetti a titolo dell articolo 6 del regolamento FSE.,QWHUSUHWDULDWR: è ammesso quando sono stati specificati tutti i singoli elementi, in particolare il numero delle lingue previste, il numero degli interpreti e il numero dei giorni della prestazione.,o FRPSHQVR JLRUQDOLHUR DPPHVVR SHU XQ LQWHUSUHWH QRQ SXz VXSHUDUH L HXUR, spese di viaggio e soggiorno comprese qualora l interprete non viva sul posto (gli interpreti devono essere assunti sul posto, per quanto possibile). Le spese di viaggio e di soggiorno degli interpreti saranno coperte dalla sovvenzione solo se è impossibile assumerli sul posto e se è specificata la ragione di tale impossibilità. &RVWL GHOOH FRQIHUHQ]H sono riconosciuti i costi per le conferenze/i seminari previsti nel programma di lavoro, sulla base della scheda conferenza e scheda spese: la scheda FRQIHUHQ]H dovrà essere compilata per ciascuna conferenza/per ciascun seminario previsto con più di 50 partecipanti. Sulla scheda VSHVH dovranno figurare solo i costi globali delle conferenze. 0RQLWRUDJJLR H YDOXWD]LRQHil promotore e/o i partner del progetto stessi o un esperto esterno possono effettuare il monitoraggio in-itinere e la valutazione del progetto. È importante stabilire fin dalla fase iniziale di presentazione della domanda il tipo di sistema di monitoraggio e di valutazione che si intende 16

17 applicare, le risorse che saranno necessarie (in termini di tempo, qualifiche, costi, etc.) e il ricorso ad un eventuale aiuto esterno. 6SHVHGLJHVWLRQH Le spese di DIILWWR GHL ORFDOLXIILFL sono calcolate sulla base dei principi, delle norme e dei metodi contabili in vigore nell organizzazione attuatrice dell iniziativa e in applicazione della Legislazione Nazionale. Le spese di affitto dei locali per lo svolgimento delle attività, che sarebbero state sostenute anche se il progetto non fasse stato realizzato, non sono ammissibili e non saranno considerate come costi del progetto. In caso di acquisto di DWWLYLILVVL, è preso in considerazione solo l ammortamento annuale. / DPPRUWDPHQWR è ammissibile solo per un determinato periodo o è ammesso l ammortamento lineare su tre anni per nuove attrezzature tecniche. Per le attrezzature esistenti, l ammortamento è ammesso solo se tali attrezzature hanno meno di tre anni e non sono state del tutto ammortizzate. Esempio di calcolo dell ammortamento XQDIRWRFRSLDWULFHDFTXLVWDWDQHOGHOYDORUHGL¼ DPPRUWDPHQWRVXWUHDQQL ¼DQQR XWLOL]]RGLDWWUH]]DWXUHSHULOSURJHWWRSHUXQSHULRGRGLVHLPHVL DPPRUWDPHQWRDPPLVVLELOH¼ ¼ Le spese per FRPSXWHU H DWWUH]]DWXUH DXGLRYLVLYH coprono solo l impiego specifico, che dovrà essere giustificato nella descrizione del progetto. Le spese da imputare al progetto verranno calcolate sulla base di costi/prezzi di mercato accettabili (costi unitari) e/o è limitata al valore di ammortamento annuale nel periodo in questione. Il WDVVRGLDPPRUWDPHQWRDQQXRper computer e strumenti audiovisivi di valore LQIHULRUHD¼non può superare il e per attrezzature di valore SDUL R VXSHULRUHD¼LO I costi complessivi di attrezzature informatiche e audiovisive non possono superare il GHO FRVWR WRWDOH GHO SURJHWWR, salvo in casi eccezionali qualora debitamente motivati e soggetti ad autorizzazione preliminare. &RVWLLQGLUHWWL I costi indiretti sono VSHVHFRVWLJHQHUDOL generati dallo svolgimento delle attività previste dal programma di lavoro. Non possono superare il 7% dei costi diretti ammissibili. 7DOLFRVWLFRPSUHQGRQROHVSHVHSHUDUWLFROLGLFDQFHOOHULDGLIRWRFRSLHVSHVH SRVWDOL WHOHIRQLFKH H ID[ SHU O HODERUD]LRQH GDWL ULVFDOGDPHQWR HOHWWULFLWj H RJQLDOWUDVSHVDQHFHVVDULDDOFRUUHWWRVYROJLPHQWRGHOSURJHWWR. Dovrà essere fornita una dettagliata spiegazione del tipo di spese imputate e dei metodi di calcolo applicati. 17

18 Se l organizzazione che presenta la propria candidatura riceve già una sovvenzione d esercizio dalla Commissione, non potrà imputare costi generali al progetto. 6SHVHQRQDPPLVVLELOL Sono inammissibili e QRQ sono accettate le seguenti spese: spese che sarebbero state sostenute anche se il progetto non fosse stato attuato; spese non incluse nel bilancio approvato; spese non giustificate da pezze corrispondenti; spese sostenute da terzi e non rimborsate dall organizzazione beneficiaria; spese sostenute al di fuori dell UE 15 o da partner o da partecipanti provenienti da paesi non appartenenti all UE 15, ad eccezione delle spese sostenute da partecipanti dei paesi candidati/nuovi Stati membri in relazione alle attività menzionate al punto 64 di cui sopra; costi di trasporto sul tragitto casa-lavoro; IVA, salvo nel caso in cui il promotore possa dimostrare che non è in grado di recuperarla; una riserva per imprevisti; spese indirette ammissibili superiori al 7% dell importo totale dei costi diretti ammissibili; il costo d acquisto di infrastrutture, compresi edifici, terreni e macchinari usati (salvo l ammortamento annuale dei macchinari acquistati); utile da capitale; debiti, interessi passivi, debiti dubbi; accantonamenti per perdite o potenziali passivi futuri, ivi inclusi gli accantonamenti per rischi di cambio; spese manifestamente inutili in rapporto al progetto o giudicate eccessive o insensate; spese non attinenti al progetto; spese sostenute al di fuori del periodo di esecuzione; spese dichiarate in rapporto a un altra azione o programma già finanziato dalla Comunità. &RQWULEXWRILQDQ]LDULR Il candidato, i suoi partner e/o terze parti sono tenuti a IRUQLUH XQ FRQWULEXWR ILQDQ]LDULRLQGHQDURSDULDOPHQRDO.,O FRQWULEXWR LQ GHQDUR è la spesa effettiva, ossia un flusso finanziario rintracciabile nella contabilità scritta del promotore, dei partner o di terzi. La messa a disposizione di un funzionario retribuito da un Amministrazione pubblica o di un impiegato di una Società o di un organizzazione nel quadro del progetto è considerata come un contributo in contanti in quanto essa implica una spesa identificabile nei conti di tale Amministrazione, Società o organizzazione. Tuttavia, il beneficiario deve poter dimostrare in chiari termini tramite fogli di presenza, ad esempio, le ore di lavoro dedicate dal funzionario o dall impiegato in questione al progetto finanziato. 18

19 Anche nel caso in cui una terza parte metta a disposizione una sala di riunioni e ne sostenga le spese di affitto, questo è considerato contributo in denaro in quanto inseribile nei costi diretti ammissibili del progetto. Tuttavia, se un terzo mette a disposizione una sala di riunioni (ad esempio, nei suoi locali), ma ciò non comporta alcuna spesa, si tratterà piuttosto di un contributo in natura che non può essere preso in considerazione nel bilancio del progetto. Ogni UHGGLWR JHQHUDWR GDO SURJHWWR durante la sua attuazione (ad esempio tramite la vendita di pubblicazioni o diritti di iscrizione alle conferenze) va dichiarato ed è considerato come reddito diretto del progetto. Tali entrate saranno dedotte dai costi del progetto e il contributo comunitario sarà ricalcolato e ridotto di conseguenza. Ciò significa che il contributo comunitario potrà essere calcolato, ad esempio nel seguente modo: [FRVWLWRWDOLGHOSURJHWWR±HQWUDWH Il richiedente deve fare una previsione dell ammontare del reddito generato dal progetto sotto forma di LQWHUHVVL R DOWUL SURILWWL percepiti sui prefinanziamenti versati dalla Commissione e includere questo ammontare nel bilancio di previsione. Anche il promotore di un progetto selezionato deve dichiarare tale reddito. *DUDQ]LDILQDQ]LDULD A fronte di prefinanziamenti elevati della Commissione (superiori a euro) deve essere costituita una garanzia finanziaria.,o FRVWR GHOOD JDUDQ]LD ILQDQ]LDULDqFRQVLGHUDWRXQDVSHVDDPPLVVLELOHed è calcolato sulla base degli importi che il promotore è tenuto a pagare nel corso del progetto. La Commissione accetta una garanzia rilasciata da un autorità pubblica purché questa si impegni a garantire per il progetto conformemente alle disposizioni del modello di garanzia stabilito dalla Commissione. Per ridurre il costo della garanzia, il beneficiario può stipulare un contratto con il garante che gli consenta di modificare l importo in funzione del pagamento dei prefinanziamenti. In altri termini, invece di coprire fin dall inizio il 70% del contributo comunitario, è consigliato al beneficiario di coprire unicamente il primo prefinanziamento fino al momento in cui si richieda il secondo prefinanziamento. 19

20 &DSLWROR $SSOLFD]LRQHGHL5HJRODPHQWLFRPXQLWDULDOLYHOORQD]LRQDOH 3.1 IL FONDO SOCIALE EUROPEO - FSE, FRVWL DPPLVVLELOL H OD UHDOL]]D]LRQH GHJOL LQWHUYHQWL FRILQDQ]LDWL GDL )RQGL La gestione finanziaria operativa del FSE si articola essenzialmente all incrocio fra le attività definite ammissibili in sede di Regolamento 18 e le spese ammissibili che risultano, per ciascuna delle aree di intervento previste, dal Regolamento 1145/2003, sinora esaminato. A tale proposito occorre ricordare tuttavia come, a giudizio dei Servizi della Commissione europea, sia opportuno sottolineare il carattere di sussidiarietà dei costi per beni d investimento rispetto a quelli riconducibili alla categoria di aiuti alle persone, ritenuti di fatto prioritari in relazione all impegno del FSE 19. La precisazione è strettamente connessa alla sinergia che, in particolar modo nell ambito dell Obiettivo 1 di cui trattiamo, viene sviluppata da FESR e FSE, perchè lascia di fatto al primo Fondo il compito di intervenire a coprire i costi di investimento infrastrutturale (soprattutto in caso di sovrapposizione fra Ob. 2 e Ob. 3). Completa però il quadro il distinguo introdotto dal servizio giuridico della Commissione stessa, laddove afferma che il ricorso al FSE per interventi a favore delle strutture sia possibile sia in Ob. 2 che in Ob. 1, ove esista uno stretto ed evidente legame fra tale intervento e quello in favore delle persone 20. 6FKHPDWL]]D]LRQH SHU WLSRORJLD GL D]LRQH GHOOH SULQFLSDOL FDWHJRULH GL FRVWRDPPLVVLELOLDOILQDQ]LDPHQWRGDSDUWHGHO)6( La schematizzazione ripercorre le tipologie di Azioni tratte dall art. 3 del Regolamento 1784/ $LXWLDOOHSHUVRQH Istruzione e formazione professionale (compreso orientamento e consulenza). In aggiunta alle ripartizioni dei costi propri della formazione, per così dire, tradizionale (costi insegnanti, costi allievi, funzionamento ecc.) l ampliamento della missione del FSE dovrebbe sostenere l ammissibilità di voci di costo funzionali alla realizzazione di interventi più flessibili e più aderenti alle esigenze dei destinatari, fra i quali 22 : bonus formativi individuali (voucher); 18 Regolamento (CE) 1794/99 del Parlamento europeo e del Consiglio del 12 luglio 1999, art Francesco Gagliardi, /H SROLWLFKH SHU OR VYLOXSSR GHOOH ULVRUVH XPDQH LQ (XURSD LO UXROR GHO QXRYR)RQGRVRFLDOHHXURSHR, Il Mulino, Bologna, 2001, pp Ibidem, l autore ne deduce l introduzione di elementi di discrezionalità, soprattutto in quelle situazioni in cui FSE e FESR possano operare contestualmente. 21 Per la stesura del presente paragrafo si è fatto ampio riferimento al testo dell articolo di Francesco Gagliardi e Luciano Galetti, cit, pp Ibidem, pp

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO Direzione centrale lavoro, formazione, commercio e pari opportunità Servizio programmazione e gestione interventi formativi

Dettagli

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo VADEMECUM Finanziamenti diretti europei Come redigere un progetto di successo redazione: Petra Sevvi, Renata Tomi Info Point Europa della Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Europa Ufficio

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 17 febbraio 1982, n. 46 che, all articolo 14, ha istituito il Fondo speciale rotativo per l innovazione tecnologica; Visto il decreto-legge 22 giugno

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007) e successive modificazioni e integrazioni, che prevede che il Ministro

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

LINEE GUIDA SULL AMMISSIBILITÀ DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

LINEE GUIDA SULL AMMISSIBILITÀ DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI RETE RURALE NAZIONALE Commissione Europea 2 0 0 7-2 0 1 3 LINEE GUIDA SULL AMMISSIBILITÀ DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE DI SVILUPPO Direzione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

Direzione Generale dell Industria

Direzione Generale dell Industria PO R FESR 2007-2013 A sse VI C om petitività- Linee di attività 6.2.2.i) e 6.2.3.a) D eliberazione della G iunta Regionale n. 51/25 del 24.09.2008 Interventi per favorire l'innovazione del sistem a delle

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI FSE 2007-2013 A cura della Direzione Istruzione Formazione Professionale Lavoro Allegato a alla dd. n. 608 del

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

VADEMECUM PER LE ATTIVITÀ DI RENDICONTAZIONE E CONTROLLO DI I LIVELLO

VADEMECUM PER LE ATTIVITÀ DI RENDICONTAZIONE E CONTROLLO DI I LIVELLO VADEMECUM PER LE ATTIVITÀ DI RENDICONTAZIONE E CONTROLLO DI I LIVELLO Realizzato con i contributi del PON GOVERNANCE e AT (FESR) 2007/2013. Progetto di Assistenza tecnica alle Regioni dell obiettivo Convergenza

Dettagli

P.A.R. F.A.S. REGIONE TOSCANA Linea di Azione 1.1.a.3 SOSTEGNO A PROGETTI DI RICERCA IN MATERIA DI SCIENZE SOCIO ECONOMICHE E UMANE

P.A.R. F.A.S. REGIONE TOSCANA Linea di Azione 1.1.a.3 SOSTEGNO A PROGETTI DI RICERCA IN MATERIA DI SCIENZE SOCIO ECONOMICHE E UMANE P.A.R. F.A.S. REGIONE TOSCANA Linea di Azione 1.1.a.3 SOSTEGNO A PROGETTI DI RICERCA IN MATERIA DI SCIENZE SOCIO ECONOMICHE E UMANE LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE versione 3-24.01.2011 1 PREMESSA...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

AVVISO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER IL COFINANZIAMENTO A PROGETTI STRATEGICI DI R&S IN MATERIA DI ICT, E MECCANICA AVANZATA

AVVISO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER IL COFINANZIAMENTO A PROGETTI STRATEGICI DI R&S IN MATERIA DI ICT, E MECCANICA AVANZATA PAR FAS 2007-2013 Azione 1.2.1 (ex linea 1.1 P.I.R. 1.1.B) PROMOZIONE DELLA RICERCA INDUSTRIALE, DEL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO, DELLO SVILUPPO PRECOMPETITIVO; VALORIZZAZIONE DELLA RICERCA E INNOVAZIONE

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI BANDO SVILUPPO DI RETI LUNGHE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE DELLE FILIERE TECNOLOGICHE CAMPANE - FAQ Frequent Asked Question : Azioni di sistema per l internazionalizzazione della filiera tecnologica

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

IL BUDGET. Che cos è il budget.

IL BUDGET. Che cos è il budget. IL BUDGET Che cos è il budget. Ogni progetto deve possedere una sostenibilità economica che permette la realizzazione delle attività e il raggiungimento degli obiettivi. Questa sostenibilità economica

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

MODULO DI CANDIDATURA

MODULO DI CANDIDATURA MODULO DI CANDIDATURA Gentile Signora/Egregio Signore, troverà in allegato la candidatura di [nome del fornitore di servizi] in risposta all invito a manifestare interesse relativo ai fornitori di dati

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

(Atti legislativi) DIRETTIVE

(Atti legislativi) DIRETTIVE 28.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 94/1 I (Atti legislativi) DIRETTIVE DIRETTIVA 2014/23/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 26 febbraio 2014 sull aggiudicazione dei contratti

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Progetti per l Inclusione Sociale

Progetti per l Inclusione Sociale Unione Europea Fondo Sociale Europeo Repubblica Italiana ASSESSORADU DE S'IGIENE E SANIDADE E DE S'ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE, SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Direzione Generale delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Nota introduttiva I percorsi formativi che prevedono in esito il rilascio di un certificato di qualifica professionale

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO P.G. 58467/2012 Data firma: 13/07/2012 Data esecutività: 20/07/2012

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Bari, LORO SEDI

REGIONE PUGLIA. Bari, LORO SEDI Prot. n. Area Politiche per la promozione della salute, delle persone e delle pari opportunità Servizio Politiche Benessere sociale e pari opportunità Bari, Ai Soggetti beneficiari dei finanziamenti di

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

PROGRAMMI OPERATIVI NAZIONALI 2007-2013 Obiettivo "Convergenza"

PROGRAMMI OPERATIVI NAZIONALI 2007-2013 Obiettivo Convergenza UNIONE EUROPEA Direzione Generale Occupazione e Affari Sociali e Pari Opportunità Direzione Generale Politiche Regionali MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Dipartimento per la Programmazione

Dettagli

LINEE GUIDA. per l'attuazione delle iniziative cofinanziate dai Fondi Strutturali Europei 2007-2013 da parte degli Enti in house del MIUR

LINEE GUIDA. per l'attuazione delle iniziative cofinanziate dai Fondi Strutturali Europei 2007-2013 da parte degli Enti in house del MIUR LINEE GUIDA per l'attuazione delle iniziative cofinanziate dai Fondi Strutturali Europei 2007-2013 da parte degli Enti in house del MIUR Versione 1 Marzo 2011 Prot. n. AOODGAI 4564 del 01.04.2011 v Sito

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

POR FESR ABRUZZO 2007 2013. BANDO ATTIVITÀ VI.1.3. a) Sostegno alla coesione sociale nell area del cratere Nuove strutture turistiche

POR FESR ABRUZZO 2007 2013. BANDO ATTIVITÀ VI.1.3. a) Sostegno alla coesione sociale nell area del cratere Nuove strutture turistiche REGIONE ABRUZZO DIREZIONE SVILUPPO DEL TURISMO, POLITICHE CULTURALI Servizio Investimenti Pubblici Politiche Turistiche POR FESR ABRUZZO 2007 2013 BANDO ATTIVITÀ VI.1.3. a) Sostegno alla coesione sociale

Dettagli

Avviso di aggiudicazione di appalti Settori speciali. Sezione I: Ente aggiudicatore. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto

Avviso di aggiudicazione di appalti Settori speciali. Sezione I: Ente aggiudicatore. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto 1/ 14 ENOTICES_alessiamag 14/11/2011- ID:2011-157556 Formulario standard 6 - IT Unione europea Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea 2, rue Mercier, L-2985 Luxembourg

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

1. Finalità pag. 2. 2. Definizioni. 3. Proposte. 4. Promotori. 5. Linee di intervento. 6. Dotazione finanziaria

1. Finalità pag. 2. 2. Definizioni. 3. Proposte. 4. Promotori. 5. Linee di intervento. 6. Dotazione finanziaria LE FIERE PER LA COMPETITIVITA E LO SVILUPPO DEL TESSUTO IMPRENDITORIALE LOMBARDO. INVITO A PRESENTARE PROGETTI DI INNOVAZIONE ED INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA FIERISTICO REGIONALE 1. Finalità pag.

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli