Presentazione dell Associazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Presentazione dell Associazione"

Transcript

1 Unione Italiana Consulenti Ambientali Presentazione dell Associazione Giulia Ciaramelli Presidente UNICA Unione Italiana Consulenti Ambientali Sede Nazionale: via G. Rossa 39 Ponte San Nicolò (PD) Tel Fax UNÌCA Unione Italiana Consulenti Ambientali Fondata come Associazione Professionale Italiana dei Consulenti Ambientali, da statuto. che svolgono attività di consulenza nel campo della salvaguardia ambientale. Imprese Enti governativi Cittadini Unione Italiana Consulenti Ambientali - Istituzionale 2 1

2 Scopi istituzionali Promozione e valorizzazione dell attività e della professionalità del Consulente Ambientale Programma di certificazione Riconoscimento giuridico della professione del Consulente Ambientale Formazione ed aggiornamento di livello europeo Nuovi prodotti (Ecomapping, EMAS Easy ) Partecipazione a progetti multiregionali Network tematici Diffusione delle Buone Pratiche Collegamento diretto con istituzioni europee Unione Italiana Consulenti Ambientali - Istituzionale 3 Mission: essere elementi di un network Collaborare con associazioni, enti, istituti di cultura ed istruzione, organismi pubblici e privati, nazionali ed internazionali per la promozione e la realizzazione di iniziative di studio, di ricerca e di confronto di esperienze professionali Unione Italiana Consulenti Ambientali - Istituzionale 4 2

3 Valori Competenza tecnica Trasparenza Etica Coerenza Portatori dei valori dello Sviluppo Sostenibile Unione Italiana Consulenti Ambientali - Istituzionale 5 Vision Integrare gli aspetti ambientali nel cuore delle attività aziendali delle PMI, nelle politiche di gestione del territorio, nelle aspettative dei cittadini in un modo coerente ed efficiente dal punto di vista economico Non abbiamo paura del cambiamento Unione Italiana Consulenti Ambientali - Istituzionale 6 3

4 Collegamento all Europa UNICA rappresenta l Italia in Eco-Counselling Europe Rete europea di organizzazioni coinvolte nella prevenzione e nella protezione ambientale, fondata nel 1991 con sede a Bruxelles e Vienna Obiettivi: Sostenere il processo di Sviluppo Sostenibile a livello dei cittadini, dei comuni e delle piccole e medie imprese. Creazione di reti eco-consulenza Unione Italiana Consulenti Ambientali - Istituzionale 7 Eco-Counselling Europe Un osservatorio privilegiato per conoscere gli sviluppi della politica ambientale europea Un occasione per presentare agli iscritti le esperienze più interessanti e spesso sconosciute, realizzate negli altri Paesi Europei Una porta aperta per promuovere e collaborare in progetti cofinanziati dalla Comunità Europea Unione Italiana Consulenti Ambientali - Istituzionale 8 4

5 Eco-Counselling Europe: board Jean-Francois Vallés ASFEC - Association Francaise des Eco-Conseillers France Christian Schrefel ECE - Austria Giulia Ciaramelli UNICA Italy Marcel van Meesche ABECE Belgian Association of Ecocousellors Belgium Kamila Kanichovà STEP Sit Ekologickych Poraden Czech Republic Inse Ewen BFUB Bundesverband für Umweltberatung Deutschland Germany Unione Italiana Consulenti Ambientali - Istituzionale 9 Network per la diffusione delle buone pratiche Heinz Engel è l ideatore di EMAS Easy ed è un guru u mondiale dello Sviluppo Sostenibile Partner di UNICA e collegamento ai programmi UE più avanzati e concreti per lo Sviluppo Sostenibile Coinvolto nei piani di sviluppo regionali dei nuovi paesi UE, in Asia e in Sud America Unione Italiana Consulenti Ambientali - Istituzionale 10 5

6 Cooperazione internazionale per l alta formazione specifica In collaborazione con AEIDL,, Association Européenne pour l'information sur le Développement Local, ha gestito il portale LEADER oggi comunicazione LIFE + e LIFE III progettazione del corso: Ambiente e Finanziamenti Europei. Come conoscere e realizzare Programmi Ambientali. Unione Italiana Consulenti Ambientali - Istituzionale 11 UNICA organizzazione attuale Organizzazione distribuita con un Coordinamento Nazionale e Gruppi di Azione Territoriali (da Catania a Padova!) Segreteria: PADOVA Precedente BOLOGNA Presidente: NAPOLI Precedente FIRENZE È un problema molto complesso da gestire! Unione Italiana Consulenti Ambientali - Istituzionale 12 6

7 Linee principali di attività Progetto di Certificazione: Il riconoscimento della figura professionale del Consulente Ambientale. Permanent Work Group, Lobby, conferences and communications (magazine ComUNICA) Sviluppo di progetti/programmi nazionali e Internazionali (Analisi del fabbisogno, Partenariato) Formazione e sensibilizzazione territoriale Creare opportunità di lavoro in team per i soci Esiste un Regolamento Interno per la gestione del turn over Unione Italiana Consulenti Ambientali - Istituzionale 13 Partecipazione a forum per lo sviluppo Bruxelles - International Seminar The Framework of the first Belgian National Week of Sustainable Develoment. Pescara Meeting Confindustria La gestione Ambientale come opportunità per le imprese. Unione Italiana Consulenti Ambientali - Istituzionale 14 7

8 Attività italiane Vallecrosia: workshop on Sostainable Development Prato: Partnership with Industrial District for EMAS applications training Roma: Partnership with FEDERLAZIO for environmental projects Padova: The Court recognizes the figure of effective membership of UNICA for the registration to the board of the court-counsultants Bologna: Permanent work-team on ECO-counselling profile. Pescara: EMAS diffusion with ARTA (Regional Agency for Environmental Protection) Napoli: Training course EGRELÌ (PON Alta Formazione) Amantea: Teacher s group for Training course (PON Alta Formazione) Siracusa: CIAPI Renewable Energy and EMAS Easy training Unione Italiana Consulenti Ambientali - Istituzionale 15 Diffusione alle tematiche ambientali e dello sviluppo sostenibile L impatto ambientale delle emissioni atmosferiche provenienti da impianti di riscaldamento - Catania, Maggio 2000 (organizzato dalla Provincia di Catania) Aspetti ambientali nella contabilità sociale - Firenze, Aprile 2000 (organizzato da ReFes Rete Fiorentina per l economia solidale) Ecomapping come strumento per il pre-audit nel processo della certificazione ambientale. Progetto ASPI (Agenzia per lo sviluppo della piccola impresa), organizzato dall ente certificatore CERTITEC e la camera di commercio di Napoli, Aprile 2000 L applicazione della legislazione ambientale nella gestione dei rifiuti. Corso di formazione per gli operatori ecologici, organizzato dalla Provincia di Firenze Maggio 1999 Unione Italiana Consulenti Ambientali - Istituzionale 16 8

9 Corso di formazione EGRELÌ Esperta in Gestione Rifiuti negli Enti Locali e nelle Imprese Soggetto Proponente del Progetto Alta Formazione MIUR Ministero Istruzione Università Ricerca avviso 4391/2001 Docenti Tutti Soci UNICA Tematica difficile su soggetti difficili Allievi 20 (tutti soggetti molto competitivi!) Uditori 3 (!!!!) Interdisciplinarietà molto spinta Solo pratica (954 ore di formazione) Sistema di monitoraggio dei docenti (!!) e dell aula Riconosciuto nelle Eccellenze del PON! Unione Italiana Consulenti Ambientali - Istituzionale 17 EGRELI: il sistema di Monitoraggio e Valutazione Soggetto Erogante Valutazione del progetto Riconoscimento della best practice Utilizzando i dati forniti dall attuatore Studio di fattibilità Elaborazione progetto Valutazione ex-ante Inizio Valutazione in itinere Fine Valutazione ex-post Soggetto Attuatore Garantire la Qualità dell intervento Analisi delle richiesta del bando Rispondenza al contesto socioeconomico Individuare punti forza/debolezza Unione Italiana Consulenti Ambientali - Istituzionale 18 9

10 Elementi che qualificano il progetto come buona pratica del FSE Adeguatezza e completezza del quadro logico progettuale e attuativo Rilevanza del tema di policy trattato Disponibilità e chiarezza delle informazioni disponibili Unione Italiana Consulenti Ambientali - Istituzionale 19 Programmi Europei Tune Up! Diffusione EMAS per INEM Programma Leonardo da Vinci ECO STAND FOR Unione Italiana Consulenti Ambientali - Istituzionale 20 10

11 ECO STAND FOR Determinazione dello standard di Qualità dell ECO-consulente e delle conoscenze e competenze che devono essere incluse nel suo percorso formativo UNICA è stata responsabile del WP6 Evaluation and Quality Standard, team leader dell Assessment del Trial Course tenuto a Šlapanice (Brno) e coordinatore del meeting italiano (Formia). Unione Italiana Consulenti Ambientali - Istituzionale 21 Il trial cou rse in Republica Ceca Unione Italiana Consulenti Ambientali - Istituzionale 22 11

12 Il meetin ng italiano di Formia Unione Italiana Consulenti Ambientali - Istituzionale 23 Diffusione di EMAS EMAS Promotion of Eco-Management and Audit Scheme (EMAS II) and its business benefits in Southern Europe (Italy, Spain, Portugal, Greece), in collaborazione con INEM, cofinanziato dalla DG Ambiente della Commissione Europea 2001: Network Ecomapping - International ECOMAPPING Workshop, organizzato da Eco Counselling Europe, Bruxelles Unione Italiana Consulenti Ambientali - Istituzionale 24 12

13 TUNE-UP Implementazione delle politiche per l efficienza energetica nei programmi di formazione nel settore pubblico e privato. Sviluppo di un modulo-pilota Train the Trainers per la formazione professionale all interno del progetto transnazionale TUNE-UP (programma comunitario SAVE) in collaborazione con Eco-Counselling Europe. Unione Italiana Consulenti Ambientali - Istituzionale 25 Iscrizione Non è semplice! Non basta versare la quota di iscrizione ma si devono rispettare dei requisiti Diversa valutazione per: I professionisti Le aziende sostenitrici Unione Italiana Consulenti Ambientali - Istituzionale 26 13

14 Categorie di soci: i professionisti Identificazione del gruppo tematico di competenza Documentazione dimostrante t gli studi, l esperienza, i risultati e gli anni di attività Procedura di valutazione L iscrizione non è automatica con la domanda! C è un gruppo di valutazione Identità: il timbro e l indirizzo da usare obbligatoriamente per le attività per l associazione. Iscrizione = certificazione del curriculum Unione Italiana Consulenti Ambientali - Istituzionale 27 Il progetto di certificazione Localizzazione E-Learning, Aula, Laboratori Requisiti Standards Europei progetto Leonardo da Vinci - ECO STANDS FOR - Percorso Formativo Competenze di base specifiche socio-comunicative Corsi certificati UN.I.C.A. Formazione elemento distintivo e di aggiornamento Il riconoscimento della professionalità del Consulente Ambientale o Eco Consulente certificazione di UN.I.C.A. Esame Lobbying per il riconoscimento istituzionale Certificazione Istituzionale Unione Italiana Consulenti Ambientali - Istituzionale 28 14

15 L ECO Consulente (ECO STAND FOR) Comunicatore e Facilitatore Approccio più da EDUCATORE e INTERMEDIATORE di sviluppo territoriale Codice Etico far sapere come si lavora Gestore di conflitti Maggiore enfasi suicommunication skills Conoscenze tematiche: Poco di TUTTO TUTTO di poco Metodica di aggiornamento continuo sviluppo piattaforma e-learning Rispetto delle diversità di genere Unione Italiana Consulenti Ambientali - Istituzionale 29 Il MIUR sostiene lo sviluppo del progetto Si è svolto a Roma il 4 febbraio 2011, presso la sede del Ministero del Università e della Ricerca, MIUR, un meeting programmatico del progetto Il riconoscimento della figura professionale del Consulente Ambientale. È lo start-up della nuova fase del programma, fase scaturita da ECOMONDO 2010 e caratterizzata dalla concordanza tra gli interessi di diversi interlocutori (imprese, enti governativi e politica nazionale) e gli obiettivi programmatici dell Associazione. Unione Italiana Consulenti Ambientali - Istituzionale 30 15

16 Categorie di soci: le imprese sostenitrici L iscrizione Liscrizione prevede la sottoscrizione del Patto delle Imprese per lo Sviluppo Sostenibile Enfasi sull etica e la correttezza aziendale Progetto di Identità e Reputazione delle Aziende con processi ECO SOSTENIBILI Visibilità attraverso gli strumenti e i piani di comunicazione dell Associazione Spazio per le best practices sul sito di UNICA un banner di riconoscimento Audit di Due Diligence ambientali scontati, svolti da C.A. certificati UNICA Programmazione annuale di eventi pubblici orientati alla comunicazione del proprio p impatto ambientale e delle modalità di gestione seguite Per le aziende che scelgono l audit presentazione di una storia sulla propria buona pratica (ogni anno 1 b.p. diversa) nell ambito degli eventi pubblici di comunicazione Confronto sulle tematiche ambientali attraverso il forum di UNICA e i Gruppi di Azione Territoriale Elenco speciale sul sito per le aziende esemplari di UNICA Unione Italiana Consulenti Ambientali - Istituzionale 31 Riferimento: Iniziativa ECAP PMI 70% di tutto l inquinamento industriale nell UE. ECAP: le leggi ambientali dovrebbero prendere in considerazione la specificità ità delle PMI progettare la legislazione l i in modo tale che il carico amministrativo della conformità sia minimizzato ECAP: Gli obiettivi della legislazione ambientale Comunitaria non devono essere pregiudicati da bassi livelli di conformità ( nessuno sconto per le PMI!) ECAP: Migliore Regolamentazione: Semplificare e migliorare la regolamentazione, Aumento della comprensione dei requisiti Riduzione dei carichi amministrativi non necessari ECAP Action plan: SGA su misura per le PMI Uso di EMAS in clusters o distretti industriali di PMI Strumenti EMAS per le PMI saranno ulteriormente sviluppati ed applicati su più larga scala Il carico amministrativo di EMAS sulle PMI sarà ulteriormente ridotto. Unione Italiana Consulenti Ambientali - Istituzionale 32 16

17 Esempio di Azione Territoriale: Progetto Abruzzo EMAS-Winery Applicazione di EMAS Easy ad un cluster di imprese dello stesso settore con la condivisione di risorse aderenza ai principi di ECAP Ridurre drasticamente i costi Validare un metodo di applicazione EMAS efficace ma che sia applicabile alle PMI 50% del progetto è rivolto a comunicare la positività delle imprese Coinvolgere gli enti di controllo (il Comitato EMAS è un osservatore) Stimolare le prospettive della governance territoriale Unione Italiana Consulenti Ambientali - Istituzionale 33 Progetto IFA-Med Istituto di Formazione Ambientale per lo Sviluppo Sostenibile del Mediterraneo Focal Point sull integrazione della Ricerca e della Formazione Ambientale nella Comunicazione Sociale e nella Governance cambiare la percezione Nasce sull esperienza dell Istituto di Namur, Institut Eco-Conseil. Presentato Sostegno ARPA e MIUR Sviluppo del partenariato in Veneto, nel Lazio e in Sicilia Unione Italiana Consulenti Ambientali - Istituzionale 34 17

Presentazione dell Associazione

Presentazione dell Associazione Unione Italiana Consulenti Ambientali Presentazione dell Associazione Giulia Ciaramelli Presidente UNICA Unione Italiana Consulenti Ambientali Sede Nazionale: via Atri 23 80138 Napoli Tel. 081.544,70,12

Dettagli

UNICA e i Sistemi di Gestione Ambientale

UNICA e i Sistemi di Gestione Ambientale I Consulenti Ambientali: professionisti Garanti di sostenibilità 5 novembre 2103 - Rimini Sala Cedro Hall Ovest Unione Italiana Consulenti Ambientali UNICA e i Sistemi di Gestione Ambientale Giulia Ciaramelli

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa Dott.ssa Elisabetta Grigoletto Sezione Formazione Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro Berlino 2014 1 Il progetto interregionale Creazione

Dettagli

Il Programma LLP - Leonardo da vinci e il nuovo Programma Erasmus for All (2014 2020) Relatore: Franca Fiacco

Il Programma LLP - Leonardo da vinci e il nuovo Programma Erasmus for All (2014 2020) Relatore: Franca Fiacco Il Programma LLP - Leonardo da vinci e il nuovo Programma Erasmus for All (2014 2020) Relatore: Franca Fiacco Fonte: Comunicazione Commissione europea al Parlamento, al Consiglio, al Comitato economico

Dettagli

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE I SERVIZI DI ACCOMPAGNAMENTO ALLE IMPRESE PER LA PARTECIPAZIONE AI BANDI Ludovico Monforte EURODESK Brussels

Dettagli

Tavola rotonda. 3. Governance e strumenti del Piano innovazione e ricerca. Dr. Francesco Bongiovanni. Roma 10 luglio 2014

Tavola rotonda. 3. Governance e strumenti del Piano innovazione e ricerca. Dr. Francesco Bongiovanni. Roma 10 luglio 2014 Tavola rotonda 3. Governance e strumenti del Piano innovazione e ricerca Roma 10 luglio 2014 Dr. Francesco Bongiovanni Cosa intendiamo con il termine governance? L insieme di azioni che consentono la realizzazione

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013

Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013 Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013 La Piattaforma europea dedicata ai professionisti dell edilizia sostenibile Iscriviti ed entra a far parte del nostro network www.construction21.eu Unioncamere del Veneto

Dettagli

Che cosa facciamo. Il Forum per la Finanza Sostenibile si occupa di:

Che cosa facciamo. Il Forum per la Finanza Sostenibile si occupa di: Chi siamo Il Forum per la Finanza Sostenibile è un Associazione senza scopo di lucro nata nel 2001. È un organizzazione multistakeholder; ne fanno parte sia operatori del mondo finanziario che soggetti

Dettagli

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità 3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità Obiettivo globale 6 - Promuovere politiche di mobilità transnazionale e di cooperazione

Dettagli

Servizi per il turismo e la cultura

Servizi per il turismo e la cultura Servizi per il turismo e la cultura Servizi per il turismo e la cultura Il meglio dell Italia cresce ogni giorno insieme a noi. Marketing del territorio Siamo un network di professionisti che integrano

Dettagli

INIZIATIVA TESI. ISACA VENICE promuove le best practice proposte da ISACA e la collaborazione fra le Università e le Imprese del triveneto

INIZIATIVA TESI. ISACA VENICE promuove le best practice proposte da ISACA e la collaborazione fra le Università e le Imprese del triveneto INIZIATIVA TESI ISACA VENICE promuove le best practice proposte da ISACA e la collaborazione fra le Università e le Imprese del triveneto In linea con la sua mission e con le indicazioni del Comitato Strategico,

Dettagli

Comitato di Sorveglianza Roma, 20 giugno 2014

Comitato di Sorveglianza Roma, 20 giugno 2014 Supporto alla definizione e attuazione delle politiche regionali di ricerca e innovazione (Smart Specialisation Strategy Regionali) Comitato di Sorveglianza Roma, 20 giugno 2014 Indice La Smart Specialisation

Dettagli

Il ruolo e le responsabilità del Punto di Contatto Nazionale di LIFE

Il ruolo e le responsabilità del Punto di Contatto Nazionale di LIFE Il ruolo e le responsabilità del Punto di Contatto Nazionale di LIFE Dott.ssa Stefania Betti Punto di Contatto Nazionale LIFE Ministero dell Ambiente della Tutela del Territorio e del Mare Direzione generale

Dettagli

La nuova logica di realizzazione dei progetti. Fabio Girotto Regione Lombardia

La nuova logica di realizzazione dei progetti. Fabio Girotto Regione Lombardia La nuova logica di realizzazione dei progetti Fabio Girotto Regione Lombardia LE SCELTE STRATEGICHE DEL NUOVO PROGRAMMA Obiettivo Tematico 1 Priorità d investimento 1b (rapporti tra imprese e mondo della

Dettagli

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE Il progetto In Pratica Idee alla pari e alcuni esempi di pratiche realizzate e di esperienze regionali di successo IRS Istituto per la Ricerca

Dettagli

La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799

La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799 Convegno sulla Sicurezza delle Informazioni La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799 Giambattista Buonajuto Lead Auditor BS7799 Professionista indipendente Le norme

Dettagli

This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme

This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme Obiettivi dell incontro Il percorso Cosa è stato fatto Opportunità di visibilità

Dettagli

SPORTELLO EUROPA COMUNE DI FONTE NUOVA PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO

SPORTELLO EUROPA COMUNE DI FONTE NUOVA PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO SPORTELLO EUROPA Comune di Fonte Nuova COMUNE DI FONTE NUOVA PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO I nostri uffici si trovano in via Palombarese 225 presso la delegazione del Comune di Fonte Nuova e sede del Centro

Dettagli

In rete con l Europa

In rete con l Europa In rete con l Europa L AZIENDA E IL GRUPPO DI LAVORO PROMETEO, Servizi integrati per lo Sviluppo Locale, è una società di servizi nata dalla sinergia di un team di professionisti altamente qualificati

Dettagli

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE)

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) 1. Cosa significa gestione ambientale? La gestione ambientale è l individuazione ed il

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA C U R R I C U L U M V I T A E

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA C U R R I C U L U M V I T A E C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Emanuele Indirizzo Via del Ponte di Pantano, 25e Telefono 3299310050 Fax E-mail emanuele.morello@gmail.com Nazionalità Italiana Data di nascita

Dettagli

HOW CLUSTERS CONTRIBUTE TO THE SMART SPECIALIZATION STRATEGIES

HOW CLUSTERS CONTRIBUTE TO THE SMART SPECIALIZATION STRATEGIES HOW CLUSTERS CONTRIBUTE TO THE SMART SPECIALIZATION STRATEGIES Dr. Giorgio Martini New cluster concepts for cluster policies in Europe 18th September 2014 Scuola Grande San Giovanni Evangelista, Venice

Dettagli

Figure Professionali «Eco-innovazioni»

Figure Professionali «Eco-innovazioni» Figure Professionali «Eco-innovazioni» ESPERTO DI ECO-CERTIFICAZIONI GREEN JOBS Formazione e Orientamento INTRODUZIONE DI CONTESTO E LEGAME CON I CONCETTI DI ECO-INNOVAZIONE Le cosiddette certificazioni

Dettagli

OQR TREND. Territori e Regioni insieme per lo sviluppo locale

OQR TREND. Territori e Regioni insieme per lo sviluppo locale OQR TREND Territoires et Régions ensemble pour le development local Territori e Regioni insieme per lo sviluppo locale Vincenzo Petruso Regione Siciliana - Ufficio Speciale per la Cooperazione Decentrata

Dettagli

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività Pag. 24 / 69 2 2.1 SCOPO Formalizzare e rendere noti a tutte le parti interessate, i valori ed i principi che ispirano il modello EcoFesta Puglia a partire dalla sua ideazione. 2.2 PRINCIPI Il sistema

Dettagli

POR FESR 2007-2013 Accordo Sardegna Veneto

POR FESR 2007-2013 Accordo Sardegna Veneto POR FESR 2007-2013 Accordo Sardegna Veneto Progetto di Cooperazione interregionale Sardegna - Veneto 2 PECULIARITA DELL AZIONE Prima esperienza in Italia di sperimentazione del principio di integrazione

Dettagli

Corso di SPECIALIZZAZIONE ESPERTO IN GESTIONE E SVILUPPO DELLA SICUREZZA SUL LAVORO IN AMBITO LOGISTICO E PORTUALE

Corso di SPECIALIZZAZIONE ESPERTO IN GESTIONE E SVILUPPO DELLA SICUREZZA SUL LAVORO IN AMBITO LOGISTICO E PORTUALE Ente realizzatore SCUOLA NAZIONALE TRASPORTI E LOGISTICA Corso di SPECIALIZZAZIONE ESPERTO IN GESTIONE E SVILUPPO DELLA SICUREZZA SUL LAVORO IN AMBITO LOGISTICO E PORTUALE CATALOGO INTERREGIONALE ALTA

Dettagli

PRINCIPIO: A. TRASPARENZA & LEGALITÀ RESPONSABILE:

PRINCIPIO: A. TRASPARENZA & LEGALITÀ RESPONSABILE: Piano d azione PRINCIPIO: A. TRASPARENZA & LEGALITÀ RESPONSABILE: Diego Florian STATUS 1. Promuovere forme di collaborazione a norma di legge, rispettando tutte le norme in materia di contratti, sicurezza

Dettagli

P.A. in tema di rinnovabili. Franco Colombo Presidente CONFAPI Varese

P.A. in tema di rinnovabili. Franco Colombo Presidente CONFAPI Varese Sinergie i tra aziende private e P.A. in tema di rinnovabili Franco Colombo Presidente CONFAPI Varese La sfida industriale dell energia rinnovabile Tecnologie a basso impatto ambientale ancora poco competitive

Dettagli

La Valutazione Ambientale Strategica per le città sostenibili: esperienze di collaborazione istituzionale e contenimento del consumo di suolo

La Valutazione Ambientale Strategica per le città sostenibili: esperienze di collaborazione istituzionale e contenimento del consumo di suolo Direzione per le Valutazioni Ambientali La Valutazione Ambientale Strategica per le città sostenibili: esperienze di collaborazione istituzionale e contenimento del consumo di suolo LE COMPETENZE IN MATERIA

Dettagli

Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia

Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia http://poloinnovazione.cc-ict-sud.it Luciano Mallamaci, ICT-SUD Direttore Tecnico ICT Sud Program Manager Polo

Dettagli

APRE Veneto: struttura e servizi. Unioncamere del Veneto Filippo Mazzariol 14 novembre 2013 Lamezia Terme

APRE Veneto: struttura e servizi. Unioncamere del Veneto Filippo Mazzariol 14 novembre 2013 Lamezia Terme APRE Veneto: struttura e servizi Unioncamere del Veneto Filippo Mazzariol 14 novembre 2013 Lamezia Terme APRE Veneto Mandato nazionale come sportello regionale dell Agenzia per la Promozione della Ricerca

Dettagli

adatta formazione sviluppo e formazione storia, attività, obiettivi

adatta formazione sviluppo e formazione storia, attività, obiettivi adatta formazione sviluppo e formazione storia, attività, obiettivi ENTE ACCREDITATO DALLA REGIONE VENETO ai sensi della Legge Regionale n. 19 del 09/08/2002 per la FORMAZIONE CONTINUA CODICE ENTE: 4034

Dettagli

NIUKO. Company profile

NIUKO. Company profile NIUKO Company profile Il gruppo Le attività Ricerca e Sviluppo Progetti Speciali Servizi formativi e supporto alle imprese e alle persone Fòrema è la società per la formazione e lo sviluppo d impresa del

Dettagli

Soluzioni. per le Imprese CHINA

Soluzioni. per le Imprese CHINA Soluzioni per le Imprese CHINA Il nostro team Fondazione Italia Cina e Camera di Commercio Italo Cinese hanno raggiunto un accordo di integrazione e hanno dato vita ad un unica sezione per l erogazione

Dettagli

Licenza d uso: Associazione BRAINS - Imprese per giovani menti

Licenza d uso: Associazione BRAINS - Imprese per giovani menti 2 CHE COS È BOB? BOB è la prima Banca Internazionale del Capitale Intellettuale per Giovani Menti. 3 CHE COS È BOB? La Banca BOB ha due casseforti, una per le business ideas e una per i profili professionali

Dettagli

Gli Sportelli Informativi Territoriali REACH: Best Practice della Rete italiana EEN

Gli Sportelli Informativi Territoriali REACH: Best Practice della Rete italiana EEN Gli Sportelli Informativi Territoriali REACH: Best Practice della Rete italiana EEN Paolo Guazzotti Confindustria Piemonte EEN - Enterprise Europe Network Protocollo d intesa tra il Ministero dello Sviluppo

Dettagli

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 1 - CODICE PROGETTO 4.1.1- IL POLO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO SPECIALIZZAT O NEI SETTORI DELLE PRODUZIONI VITICOLE, ENOLOGICHE, DELLE GRAPPE E DELLE ACQUAVITI DI CONEGLIANO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE ETICA AZIENDALE Approvato dal Consiglio di Amministrazione di ETIFOR srl il 14 marzo 2014

SISTEMA DI GESTIONE ETICA AZIENDALE Approvato dal Consiglio di Amministrazione di ETIFOR srl il 14 marzo 2014 SISTEMA DI GESTIONE ETICA AZIENDALE Approvato dal Consiglio di Amministrazione di il 14 marzo 2014 Premessa ETIFOR è un azienda che offre servizi specializzati nell ambito della Responsabilità Sociale

Dettagli

La creazione di impresa spin-off al CNR

La creazione di impresa spin-off al CNR Terza Giornata InFormativa Progetto BioTTasa Area della Ricerca del CNR Palermo, 30 giugno 2014 La creazione di impresa spin-off al CNR Relatore: Daniela La Noce Progetto Finanziato dal Ministero dello

Dettagli

CORSO IN EUROPROGETTAZIONE

CORSO IN EUROPROGETTAZIONE CORSO IN EUROPROGETTAZIONE Vuoi operare con i fondi strutturali? Vuoi diventare un esperto di Europrogettazione? Vuoi operare con i programmi di finanziamento comunitari? Partecipa al corso in EUROPROGETTAZIONE

Dettagli

CORSO IN EUROPROGETTAZIONE

CORSO IN EUROPROGETTAZIONE CORSO IN EUROPROGETTAZIONE Vuoi operare con i fondi strutturali? Vuoi diventare un esperto di Europrogettazione? Vuoi operare con i programmi di finanziamento comunitari? Partecipa al corso in EUROPROGETTAZIONE

Dettagli

Distretti agricoli in Regione Lombardia

Distretti agricoli in Regione Lombardia Distretti agricoli in Regione Lombardia Attività dei distretti (finalità, ruolo, opportunità), meccanismo di accreditamento in Regione Lombardia Roberto Daffonchio Distretti agricoli Distretti rurali >

Dettagli

Smeralda Consulting & Associati srl è una società di servizi alle imprese e alla pubblica amministrazione che nasce dalla collaborazione consolidata

Smeralda Consulting & Associati srl è una società di servizi alle imprese e alla pubblica amministrazione che nasce dalla collaborazione consolidata Smeralda Consulting & Associati srl è una società di servizi alle imprese e alla pubblica amministrazione che nasce dalla collaborazione consolidata di un gruppo di professionisti. La società, sorta per

Dettagli

Vulnerabilità dei sistemi informatici Modelli e tecniche per l'assessment e il management del rischio

Vulnerabilità dei sistemi informatici Modelli e tecniche per l'assessment e il management del rischio Tecnologie ICT per le Piccole e Medie Imprese Ciclo di Seminari sulle Tecnologie ICT per le Piccole e Medie Imprese Vulnerabilità dei sistemi informatici Modelli e tecniche per l'assessment e il management

Dettagli

Le Opportunità e i Finanziamenti Previsti dai Programmi Diretti Europei e dal POR Sicilia 2014/2020

Le Opportunità e i Finanziamenti Previsti dai Programmi Diretti Europei e dal POR Sicilia 2014/2020 Patrocinio del Comitato delle Regioni Europee Patrocinio del Comitato Economico e Sociale Europeo Le Opportunità e i Finanziamenti Previsti dai Programmi Diretti Europei e dal POR Sicilia 2014/2020 31

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

INNOVA NET Bando per partecipanti alla selezione di 10 Idee d impresa

INNOVA NET Bando per partecipanti alla selezione di 10 Idee d impresa INNOVA NET Bando per partecipanti alla selezione di 10 Idee d impresa TRAINING AND INNOVATION UNIVERSITY CONSORTIUM POLYTECHNIC OF BARI UNIVERSITY OF PATRAS ARTICOLO 1 Finalità e oggetto Nell'ambito del

Dettagli

PO REGIONE PUGLIA FESR 2007-2013: Strategia regionale per la Ricerca e l Innovazione Descrizione Assi e Azioni

PO REGIONE PUGLIA FESR 2007-2013: Strategia regionale per la Ricerca e l Innovazione Descrizione Assi e Azioni Newsletter n.74 Aprile 2010 Approfondimento_22 PO REGIONE PUGLIA FESR 2007-2013: Strategia regionale per la Ricerca e l Innovazione Descrizione Assi e Azioni Assi Asse 1 - Asse 2 - Asse 3 - Asse 4 - Sostegno

Dettagli

Programma operativo Italia - Malta 2007 2013 Cooperazione transfrontaliera

Programma operativo Italia - Malta 2007 2013 Cooperazione transfrontaliera Programma operativo Italia - Malta 2007 2013 Cooperazione transfrontaliera Base giuridica Oggetto (obiettivo generale) Con decisione C/2008/7336 il 27 novembre 2008 la Commissione Europea ha approvato

Dettagli

Dialogare con il cliente esterno ed interno per un miglior servizio al cittadino. Giusi Miccoli - Amministratore Unico ASAP

Dialogare con il cliente esterno ed interno per un miglior servizio al cittadino. Giusi Miccoli - Amministratore Unico ASAP Dialogare con il cliente esterno ed interno per un miglior servizio al cittadino Giusi Miccoli - Amministratore Unico ASAP CHI È ASAP ASAP Società in house della Regione Lazio Finalità Formazione del personale

Dettagli

PROGETTO WIT. Descrizione del progetto. Susanna Galli, Provincia di Milano. I partner: Settore Welfare, terzo settore, Sostegno fragilità e disabilità

PROGETTO WIT. Descrizione del progetto. Susanna Galli, Provincia di Milano. I partner: Settore Welfare, terzo settore, Sostegno fragilità e disabilità Settore Welfare, terzo settore, Sostegno fragilità e disabilità The European Commission as the Contracting Authority PROGETTO WIT WHITE TASK FORCE ON THE DEVELOPMENT OF SKILLS OF THE SOCIAL WELFARE PROFESSIONALS

Dettagli

Obiettivo Competitività regionale e occupazione CRITERI PER LA DEFINIZIONE DELL AMMISSIBILITÀ E DELLA FINANZIABILITÀ DELLE OPERAZIONI PROPOSTE

Obiettivo Competitività regionale e occupazione CRITERI PER LA DEFINIZIONE DELL AMMISSIBILITÀ E DELLA FINANZIABILITÀ DELLE OPERAZIONI PROPOSTE Obiettivo Competitività regionale e occupazione CRITERI PER LA DEFINIZIONE DELL AMMISSIBILITÀ E DELLA FINANZIABILITÀ DELLE OPERAZIONI PROPOSTE Programma operativo della Fondo Europeo di Sviluppo Regionale

Dettagli

KEN PARKER SISTEMI s.r.l.

KEN PARKER SISTEMI s.r.l. KEN PARKER SISTEMI s.r.l. UN PARTNER PER L EUROPA UNA RISORSA PER L ENERGIA E PER L AMBIENTE Sede Amministrativa ed Operativa: Via Carlo Conti Rossini, 95 00147 Roma Tel.: +39 06 93578047 Fax.:+39 06 93578048

Dettagli

Progetto Mattone Internazionale Il Patto per l internazionalizzazione dei SSR: impegni dei livelli regionali"

Progetto Mattone Internazionale Il Patto per l internazionalizzazione dei SSR: impegni dei livelli regionali Regione Siciliana Assessorato della Salute Progetto Mattone Internazionale Il Patto per l internazionalizzazione dei SSR: impegni dei livelli regionali" Roma 12-13 febbraio 2014 Dirigente Area Interdipartimentale

Dettagli

DLM Partners making people make the difference

DLM Partners making people make the difference Milano, 26/05/2016 VERBALE RIUNIONE ASSOCIATI Ai termini dell art. 20 dell atto costitutivo dell Associazione Professionale, gli associati riuniti in data odierna hanno determinato e stabilito all unanimità

Dettagli

Lo sviluppo sostenibile e la responsabilità delle Imprese

Lo sviluppo sostenibile e la responsabilità delle Imprese IISS Eugenio Bona Biella 11 novembre 2015 Roberto Ramasco, Fondazione Sodalitas Lo sviluppo sostenibile e la responsabilità delle Imprese www.sodalitas.it Definizione di Responsabilità Sociale d Impresa

Dettagli

Il contributo del Programma Leonardo da Vinci al Lifelong Learning e le prospettive per la nuova fase di programmazione

Il contributo del Programma Leonardo da Vinci al Lifelong Learning e le prospettive per la nuova fase di programmazione From the Lifelong Learnig Programme to Erasmus for All Investing in high quality education and training Istituto di Istruzione Superiore Crescenzi Pacinotti di Bologna 24 maggio 2013 Il contributo del

Dettagli

L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA

L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA Programma Strategico Regionale per la Ricerca, l Innovazione ed il Trasferimento Tecnologico per la IX legislatura 2011-2013 L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA Cinzia Felci Direttore Programmazione Economica Ricerca

Dettagli

Imprenditori innovativi incontrano menti creative di giovani universitari

Imprenditori innovativi incontrano menti creative di giovani universitari Imprenditori innovativi incontrano menti creative di giovani universitari Finalità dell iniziativa MImprendoItalia propone una competizione nazionale tra team multidisciplinari di studenti impegnati a

Dettagli

Services Portfolio «Energy Management» Servizi per l implementazione dell Energy Management

Services Portfolio «Energy Management» Servizi per l implementazione dell Energy Management Services Portfolio «Energy Management» Servizi per l implementazione dell Energy Management 2015 Summary Chi siamo Il modello operativo di Quality Solutions Contesto di riferimento Framework Lo standard

Dettagli

MARA GUALANDI APRE Punto di Contatto Nazionale Scienza nella Società gualandi@apre.it

MARA GUALANDI APRE Punto di Contatto Nazionale Scienza nella Società gualandi@apre.it MARA GUALANDI APRE Punto di Contatto Nazionale Scienza nella Società gualandi@apre.it Cooperazione m 32,365 Idee m 7460 Persone m 4728 Infrastrutture m 1700 PMI m 1336 7PQ 2007-2013 Coop. Internazionale

Dettagli

Il Project Manager nelle Organizzazioni Non Profit e nelle Imprese Sociali

Il Project Manager nelle Organizzazioni Non Profit e nelle Imprese Sociali ALTA SCUOLA IMPRESA E SOCIETÀ Il Project Manager nelle Organizzazioni Non Profit e nelle Imprese Sociali VII edizione 13 marzo - 3 luglio 2015 Università Cattolica del Sacro Cuore ALTIS, Alta Scuola Impresa

Dettagli

APRE Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea Chiara Pocaterra

APRE Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea Chiara Pocaterra APRE Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea Chiara Pocaterra Punto di Contatto Nazionale Tema 2 Prodotti Alimentari, Agricoltura e Pesca e Biotecnologie 7PQ Tema 5 Energia Programma EURATOM Competitiveness

Dettagli

LA COOPERAZIONE SANITARIA INTERNAZIONALE DELLA REGIONE SARDEGNA

LA COOPERAZIONE SANITARIA INTERNAZIONALE DELLA REGIONE SARDEGNA LA COOPERAZIONE SANITARIA INTERNAZIONALE DELLA REGIONE SARDEGNA NORMATIVA Legge Regionale 11 aprile 1996, n. 19 Norme in materia di cooperazione con i Paesi in via di sviluppo e di collaborazione internazionale

Dettagli

Il Programma LIFE+ in Italia. Giuliana Gasparrini. Focal Point Nazionale

Il Programma LIFE+ in Italia. Giuliana Gasparrini. Focal Point Nazionale Il Programma LIFE+ in Italia Giuliana Gasparrini Focal Point Nazionale Lo Strumento finanziario comunitario LIFE+ È l unico strumento finanziario pluriennale dedicato all ambiente, mediante il quale la

Dettagli

Per maggiori informazioni: http://www.altaformazioneinrete.it - sezione: UTENTI

Per maggiori informazioni: http://www.altaformazioneinrete.it - sezione: UTENTI RICHIEDI UN VOUCHER ALLA TUA REGIONE E PARTECIPA GRATUITAMENTE AI CORSI DI SPECIALIZZAZIONE PROMOSSI da ESSENIA UETP University Enterprise Training Partnership - Salerno PREVISTE VISITE GUIDATE E STAGE

Dettagli

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete FONDO SOCIALE EUROPEO IN SINERGIA CON IL FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE POR 2014 2020 Ob. Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione

Dettagli

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale 1 1 1. Premessa La seguente proposta di modello nasce dopo un attività di confronto tra i rappresentanti

Dettagli

Pianificazione territoriale e sviluppo economico

Pianificazione territoriale e sviluppo economico LIFE AMBIENTE ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE L ENERGIA E L AMBIENTE Pianificazione territoriale e sviluppo economico PROVINCIA DI ROVIGO INIZIATIVE IMMOBILIARI INDUSTRIALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

Dettagli

La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale

La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale Azienda leader nel campo della nutrizione, della salute e del benessere, Nestlé ambisce a migliorare

Dettagli

3 La Struttura Organizzativa per l erogazione dei Servizi del Polo

3 La Struttura Organizzativa per l erogazione dei Servizi del Polo 3 La Struttura Organizzativa per l erogazione dei Servizi del L articolazione gestionale dei servizi del è esplicitata in dettaglio nella tabella di seguito riportata, nella quale si specificano anche

Dettagli

TORINOSMARTCITY. ROMA - 9 Febbraio 2012

TORINOSMARTCITY. ROMA - 9 Febbraio 2012 TORINOSMARTCITY DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY: IL PERCORSO DELLA CITTA DI TORINO ROMA - 9 Febbraio 2012 1 LE TAPPE 29 gennaio 2008 nell ambito della seconda edizione della Settimana Europea dell energia

Dettagli

Progetto L Europrogettazione a Scuola: opportunità di studio, lavoro e formazione nell U.E.

Progetto L Europrogettazione a Scuola: opportunità di studio, lavoro e formazione nell U.E. Progetto L Europrogettazione a Scuola: opportunità di studio, lavoro e formazione nell U.E. SPERIMENTAZIONE IN MATERIA DI ORIENTAMENTO AL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, ISTRUZIONE IN AMBITO EUROPEO

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente

PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente BANDO PER IL SOSTEGNO DI PROGETTI PER LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE 1. Oggetto e finalità L Assessorato all Ambiente

Dettagli

IL CONTESTO: LE EVIDENZE LA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE

IL CONTESTO: LE EVIDENZE LA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE PREMESSA IL PROGETTO DI SEGUITO ESPOSTO E IL RISULTATO DEL LAVORO DI UN COMITATO di PROGETTO COMPOSTO DAI SEGUENTI PARTNER: Fondazione La Fornace dell Innovazione Cooperativa Sociale IL SESTANTE Consulmarc

Dettagli

Salvatore De Falco, Università degli Studi di Roma Sapienza ; Carlo Pacella, Università degli Studi di Roma Sapienza.

Salvatore De Falco, Università degli Studi di Roma Sapienza ; Carlo Pacella, Università degli Studi di Roma Sapienza. BREVE PRESENTAZIONE La società Sinergica S.p.A. è stata fondata nell anno 2005 per iniziativa di alcuni docenti dell Università Sapienza. Tutte le attività sono coordinate da un board costituito dai Proff.:

Dettagli

MANI TESE. Report dell incontro

MANI TESE. Report dell incontro MANI TESE Laboratorio di idee sulla cooperazione internazionale 20 settembre - ore 15.00 17.30 Napoli, Fiera dei Beni Comuni, presso la Mostra d'oltremare Via Kennedy n. 54 Report dell incontro Programma:

Dettagli

Programma di Export Temporary Management

Programma di Export Temporary Management Programma di Export Temporary Management Aree di intervento Business Strategies, grazie ad una solida esperienza acquisita negli anni, eroga servizi nell ambito dell Export Temporary Management finalizzati

Dettagli

I risultati del Progetto Mattone Internazionale - PMI Pasqualino Rossi, Ministero della salute

I risultati del Progetto Mattone Internazionale - PMI Pasqualino Rossi, Ministero della salute I risultati del Progetto Mattone Internazionale - PMI Pasqualino Rossi, Ministero della salute 02 LUGLIO 2015 Roma Il contesto di riferimento sul quale, nei suoi 5 anni di attività, il PMI ha costruito

Dettagli

Eccelsa Final Conference

Eccelsa Final Conference Il ruolo del Cluster nel supportare le PMI verso percorsi di compliance e di eccellenza ambientale Fortezza da Basso, Viale Filippo Strozzi,1 - Firenze Eccelsa Final Conference Conformità normativa, competitività

Dettagli

Tale processo ha determinato la richiesta di standard produttivi e qualitativi più elevati ed una più facile tracciabilità di filiera.

Tale processo ha determinato la richiesta di standard produttivi e qualitativi più elevati ed una più facile tracciabilità di filiera. 2 Nel corso degli anni, sono progressivamente cambiate, nei consumatori, le abitudini d acquisto e la natura dei consumi dei prodotti alimentari. La figura del consumatore si è evoluta in maniera evidente,

Dettagli

REGIONE ABRUZZO/ARAEN

REGIONE ABRUZZO/ARAEN / Dott. Ing. Alessandra Santini SEE Sustainable Energy Europe CAMPAGNA ENERGIA SOSTENIBILE PER L EUROPA Energia sostenibile per l'europa è un'iniziativa della Commissione europea varata nel quadro del

Dettagli

I SUMP (Sustainable Urban Mobility Plan) come strumento di integrazione delle politiche di mobilità

I SUMP (Sustainable Urban Mobility Plan) come strumento di integrazione delle politiche di mobilità Workshop: op la accab ciclabilità in ambito btouba urbano I SUMP (Sustainable Urban Mobility Plan) come strumento di integrazione delle politiche di mobilità Reggio Emilia, 17 novembre 2011 Patrizia Malgieri

Dettagli

LIFELONG LEARNING PROGRAMME. Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento

LIFELONG LEARNING PROGRAMME. Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento LIFELONG LEARNING PROGRAMME Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento permanente, o Lifelong Learning Programme (LLP), è stato istituito con decisione del Parlamento europeo e del

Dettagli

Le best practices di Trend dalla governance al progetto. Quale futuro nella nuova programmazione europea?

Le best practices di Trend dalla governance al progetto. Quale futuro nella nuova programmazione europea? Le best practices di Trend dalla governance al progetto. Quale futuro nella nuova programmazione europea? alessandro.cavalieri@regione.toscana.it mariachiara.montomoli@regione.tosca Bruxelles, 10 luglio

Dettagli

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 Piano di comunicazione 2015 Indice Premessa 3 Azioni di comunicazione 3 Azione propedeutica: definizione dell immagine

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

ACCADEMIA DI PROGETTAZIONE SOCIALE MAURIZIO MAGGIORA

ACCADEMIA DI PROGETTAZIONE SOCIALE MAURIZIO MAGGIORA Un nuovo modo di vivere la progettazione sociale... ACCADEMIA DI PROGETTAZIONE SOCIALE MAURIZIO MAGGIORA Diventare «progettista sociale esperto» Torino, 14 marzo 2013 Agenda Accademia di Progettazione

Dettagli

Percorsi formativi di alta specializzazione finanziati dalla Regione Lazio

Percorsi formativi di alta specializzazione finanziati dalla Regione Lazio Percorsi formativi di alta specializzazione finanziati dalla Regione Lazio Ente gestore: Formare S.r.l. (Centro di ricerca e formazione della Federlazio) Codice corso 1165 Strategie e strumenti di gestione

Dettagli

PROGETTO AMBIENTE OBIETTIVO

PROGETTO AMBIENTE OBIETTIVO OBIETTIVO Promuovere i principi dello Sviluppo sostenibile, attraverso diverse attività di formazione, informazione e studio, che saranno al servizio dei soci Fast e di enti pubblici e privati interessati.

Dettagli

YOUTH TRAINING PROGRAM

YOUTH TRAINING PROGRAM YOUTH TRAINING PROGRAM COMPETENZE IN AZIONE www.expo2015.org 1 PERCHE EXPO MILANO 2015? PERCHE LO YOUTH TRAINIG PROGRAM? Expo 2015 è un ambiente molto stimolante Coinvolge moltissime professioni Mette

Dettagli

PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UN MODELLO MANAGERIALE PER LA GESTIONE DEL FENOMENO DEI BENI CONFISCATI

PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UN MODELLO MANAGERIALE PER LA GESTIONE DEL FENOMENO DEI BENI CONFISCATI PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UN MODELLO MANAGERIALE PER LA GESTIONE DEL FENOMENO DEI BENI CONFISCATI Secondo i dati dell ANBSC (Agenzia Nazionale per l Amministrazione e la Destinazione dei Beni Sequestrati

Dettagli

Una rete nazionale nel Sociale: la partnership Banca Etica e STAR-T

Una rete nazionale nel Sociale: la partnership Banca Etica e STAR-T Presentazione adatta alla formazione a distanza MoodleMoot Italia 2006, Alessandria 6-7 Aprile Una rete nazionale nel Sociale: la partnership Banca Etica e STAR-T Barra di navigazione START A cura di Barbolini

Dettagli

Finanziamenti per i gemellaggi Lecce, 14 ottobre 2011. Dott.ssa Rita Sassu ECP Europe for Citizens Point

Finanziamenti per i gemellaggi Lecce, 14 ottobre 2011. Dott.ssa Rita Sassu ECP Europe for Citizens Point Finanziamenti per i gemellaggi Lecce, 14 ottobre 2011 Dott.ssa Rita Sassu ECP Europe for Citizens Point Come preparare un buon progetto Idoneità dell applicant e dei parnter Validità della rete di partenariato

Dettagli

Master annuale di secondo livello Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie. a.a. 2011-2012 IUAV - ARPAV

Master annuale di secondo livello Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie. a.a. 2011-2012 IUAV - ARPAV Master annuale di secondo livello Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie a.a. 2011-2012 IUAV - ARPAV Obiettivi del master Migliorare il grado di percezione, interpretazione, gestione e comunicazione

Dettagli

CORSO DI PERFEZIONAMENTO PROJECT MANAGEMENT PER LA MONTAGNA METODOLOGIE E STRUMENTI DI GESTIONE DI UN PROGETTO

CORSO DI PERFEZIONAMENTO PROJECT MANAGEMENT PER LA MONTAGNA METODOLOGIE E STRUMENTI DI GESTIONE DI UN PROGETTO CORSO DI PERFEZIONAMENTO PROJECT MANAGEMENT PER LA MONTAGNA METODOLOGIE E STRUMENTI DI GESTIONE DI UN PROGETTO 46 10 44 N 10 19 48 E In attuazione dell Accordo di Programma tra MIUR e UNIVERSITA DEGLI

Dettagli

Corso di formazione Finanziamenti per lo sviluppo della produzione nel settore pesca

Corso di formazione Finanziamenti per lo sviluppo della produzione nel settore pesca 2FISH: Inclusione delle professioni di servizio alla Pesca nel sistema dell Istruzione e Formazione Grant Contract 517846-LLP-1-2011-1-DK- LEONARDO-LMP Corso di formazione Finanziamenti per lo sviluppo

Dettagli