Consulenza ambientale. Febbraio 2009

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Consulenza ambientale. Febbraio 2009"

Transcript

1 Febbraio 2009

2 e l ambiente Don't blow it - good planets are hard to find. Time Magazine ha una visione globale e trasversale delle problematiche ambientali e supporta i propri clienti in diverse aree strategiche: Educazione Acqua e sua salvaguardia Energie Rinnovabili e' stata fondata nel 2007 da un gruppo di ricercatori universitari specializzati in ecologia e da consulenti e professionisti attivi nel settore delle energie rinnovabili. clienti sono aziende e privati cittadini, Investitori e Utilities, Scuole e Università, Pubbliche Amministrazioni e ONG; con loro identifichiamo opportunità e strutturiamo progetti che realizzano benefici ambientali, sociali ed economici. 2

3 offre servizi di consulenza nel settore della gestione e della valutazione Le competenze interne coprono argomenti di attualità in campo gestisce interamente la progettazione, realizzazione e promozione dell attività di consulenza I consulenti di sono biologi, ecologi e consulenti aziendali con esperienza in Centri di Ricerca e Università, in modo da garantire un corretto approccio scientifico alle attività proposte si avvale anche della consulenza e della collaborazione di tecnici esterni garantendo il giusto approccio a seconda delle diverse attività e competenze necessarie per permettere standard di qualità elevati per le consulenze offerte 3

4 Valutazione della qualità ecologica Gestione degli ambienti acquatici Analisi chimico-fisiche e microbiologiche con metodiche standard APAT-IRSA (2003) Caratterizzazione idromorfologica e degli habitat fisici a diverse scale spaziali (CARAVAGGIO, River Habitat Survey, IFF e schede di dettaglio dedicate) Applicazione di indici biotici e studio della struttura delle comunità degli Elementi Biologici di Qualità definiti dalla Direttiva Europea (Macroinvertebrati, Diatomee, Macrofite e Pesci) Realizzazione di Studi di Impatto Ambientale e valutazioni Valutazione dell'impatto degli scarichi sul corpo idrico ricettore; Determinazione e valutazione dei flussi minimi vitali (DMV) Piani di gestione degli ambienti acquatici; Creazione e gestione di banche dati e di applicativi per la gestione Formazione tecnicoscientifica Formazione tecnica nel settore idrico orientata ad pubblici (ARPA, Università) e privati (società di consulenza, studi associati) Oltre ad attività di formazione frontale organizza workshop, tavole rotonde e congressi Bandi Supporto individuazione e partecipazione (e.g. scrittura progetti, esecuzioni lavori in qualità di subcontractor o partner) a bandi di finanziamento di enti pubblici, fondazioni etc. italiani ed europei 4

5 Valutazione della qualità ecologica Analisi chimicofisiche e microbiologiche Principali parametri misurati con metodiche standard APAT-IRSA (2003) Livello di Inquinamento da Macrodescrittori (LIM; D.Lgs. 152/99) Organic Pollution Descriptor (OPD; Water Framework Directive) Idromorfologia e habitat fisici Applicazione del metodo CARAVAGGIO (ex River Habitat Survey) e calcolo degli indici di diversificazione dell habitat (HQA) condizioni idrauliche locali (LRD), alterazione morfologica (HMS) e dell uso del terrritorio (LUI) Indice di Funzionalita Fluviale schede di dettaglio dedicate Componente biologica Campionamento di macroinvertebrati bentonici con metodiche WFD compliant (Buffagni & Erba, 2007) e con metodi tradizionali (I.B.E., Ghetti, 1987) Identificazione di dettaglio (genere e/o specie) per i principali gruppi tassonomici di macroinvertebrati (e.g. Efemerotteri, Plecotteri e Tricotteri) e a livello di ordine/famiglia per l intera comunità Calcolo di metriche biologiche e di indici di classificazione (e.g. STAR_ICMindex) 5

6 Gestione degli ambienti acquatici Impatto Realizzazione di Studi di Impatto Ambientale e valutazioni d'incidenza secondo la normativa nazionale e regionale Valutazione dell'impatto degli scarichi sul corpo idrico ricettore con l'utilizzo di indici di qualità in linea con la normativa vigente Determinazione e valutazione dei flussi minimi vitali (DMV) Determinazione degli impatti legati alle alterazioni idromorfologiche Gestione Piani di gestione degli ambienti acquatici Individuazione di possibili di interventi di recupero in funzione del tipi di impatto individuato (e.g. rinaturalizzazione delle fasce riparie. Recupero degli habitat fluviali) Banche dati e software Creazione e gestione di banche dati e di applicativi per la gestione Individuazione dei software più idonei per l elaborazione dei dati e il trattamento statistico dei dati Eventuale creazione di software dedicati per il trattamento dei dati 6

7 Formazione tecnico-scientifica Formazione tecnica Formazione tecnica nel settore idrico orientata ad pubblici (ARPA, Università) e privati (società di consulenza, studi associati). Corsi di divulgazione e aggiornamento per insegnanti ed educatori ambientali Workshop, tavole rotonde e congressi Organizzazione di workshop, tavole rotonde e congressi Organizzazione di serate divulgative su temi legati all acqua. 7

8 Bandi Individuazione bandi Ricerca di bandi a livello nazionale ed internazionale Partecipazione a eventi presentazione bandi Verifica requisiti e sviluppo di idee progettuali Partecipazione bandi /Network di partner italiani ed europei nel settore pubblico e privato Progettazione, Project management e competenze tecniche specifiche Esecuzioni lavori in qualità di subcontractor o partner 8

9 Lo staff di David Giordano Armanini: Laurea in Scienze Biologiche presso l Università Statale di Milano e Dottore di Ricerca in Scienze Naturalistiche e Ambientali. Ha partecipato a diversi progetti di ricerca Europei sull implementazione della legislazione Europea e sui potenziali effetti dei cambiamenti climatici ed ha effettuato consulenza ambientali per conto di CNR, UK Environment Agency e diversi organismi pubblici (Province, ARPA e Università) e privati. Marina Trentin: Laurea in Scienze Ambientali presso l Università Ca Foscari di Venezia e Master in Uso del Territorio e Gestione delle Acque nei Paesi in via di sviluppo presso l Università Bicocca di Milano. Ha una pluriennale esperienza di pianificazione, organizzazione, implementazione e valutazione di progetti in Italia e in Paesi in Via di Sviluppo. Ha effettuato consulenze nel settore per e.g. Intermon Oxfam, COSV INGO e Istituto Oikos NGO Daniele Demartini: Laureato in Scienze Biologiche presso l università degli studi di Milano, collabora con l istituto di Ricerca sulle Acque, CNR-IRSA. Ha partecipato a numerosi progetti europei aventi come tema l implementazione della Direttiva Europea sulle Acque. Sfruttando la propria lunga esperienza di educatore Scout coi ragazzi, ha condotto numerosi laboratori didattici, aventi come argomento l acqua e altre problematiche ambientali (e.g. energie rinnovabili), in scuole della Lombardia e del Nord Italia. 9..assieme a: Nicolo Gavazzi, Marianna Rusconi, Elisa Stocchetti e Roberto Talso.

10 Via Gran Sasso, , Milano Italia 27 Sutherland Place W2 5BZ, London United Kingdom

I CORSI D ACQUA PRINCIPALI

I CORSI D ACQUA PRINCIPALI Dipartimento di Milano Sede di Parabiago I CORSI D ACQUA PRINCIPALI DELLA PROVINCIA DI M ILANO Classificazione e caratterizzazione biologica basata sui macroinvertebrati bentonici Monitoraggio 2001-2003

Dettagli

I dati di ARPAV del monitoraggio delle acque interne

I dati di ARPAV del monitoraggio delle acque interne I dati di ARPAV del monitoraggio delle acque interne Filippo Mion RETI DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELLE ACQUE SAI predispone i piani di monitoraggio e raccoglie e valuta i risultati dei monitoraggi

Dettagli

Simone Ciadamidaro, Maria Rita Minciardi, Gian Luigi Rossi ENEA Laboratorio di Ecologia UTTS-ECO - Centro Ricerche ENEA di Saluggia

Simone Ciadamidaro, Maria Rita Minciardi, Gian Luigi Rossi ENEA Laboratorio di Ecologia UTTS-ECO - Centro Ricerche ENEA di Saluggia Sperimentazione di Linee guida per la valutazione della compatibilità ambientale degli impianti idroelettrici sull ecosistema fluviale in ambiente montano Simone Ciadamidaro, Maria Rita Minciardi, Gian

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Biologiche

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Biologiche UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Biologiche VALUTAZIONE DELL IMPORTANZA DEL CARATTERE LENTICO-LOTICO PER LE BIOCENOSI ACQUATICHE

Dettagli

Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento

Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento DIREZIONE LL. PP., CICLO IDRICO INTEGRATO, DIFESA DEL SUOLO E DELLA COSTA, PROTEZIONE CIVILE Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento Le attività della Regione

Dettagli

Curriculum formativo e professionale ALLEGATO n. 17

Curriculum formativo e professionale ALLEGATO n. 17 INFORMAZIONI PERSONALI Nome CASINO NATALE Indirizzo n 4, Via Lussemburgo, 03010 Alatri, Frosinone Telefono fisso 0775 407451 Telefono cellulare 3383600380 Fax 0775407451 E-mail natale.casino@arpalazio.it;

Dettagli

S INTESI DEI RISULTATI

S INTESI DEI RISULTATI S INTESI DEI RISULTATI I risultati delle analisi biologiche sono riassunti nella pagina successiva, dove sono riportate una carta con l indicazione delle classi di qualità raggiunte dalle stazioni monitorate

Dettagli

Stato ecologico dei principali corsi d'acqua nel territorio della provincia di Vicenza (classificazione SECA e SACA).

Stato ecologico dei principali corsi d'acqua nel territorio della provincia di Vicenza (classificazione SECA e SACA). Stato ecologico dei principali corsi d'acqua nel territorio della provincia di Vicenza (classificazione SECA e SACA). BACINO CORPO IDRICO COMUNE STATO AMBIENTALE 2000 2001 2002 2003 2004 2005 Adige T.

Dettagli

Piano Regionale di Tutela delle Acque del Friuli Venezia Giulia

Piano Regionale di Tutela delle Acque del Friuli Venezia Giulia Associazione Imprenditori Idroelettrici del Friuli Venezia Giulia Monitoraggio dei corsi d'acqua per la realizzazione e la gestione delle derivazioni Palazzo Torriani, Udine, 20 settembre 2013 Piano Regionale

Dettagli

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it L istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e le persone che agiscono per conto dell Istituto non sono responsabili per l uso che può essere fatto delle informazioni contenute

Dettagli

PROTOCOLLO PER IL CAMPIONAMENTO DEI PARAMETRI FISICO-CHIMICI A SOSTEGNO DEGLI ELEMENTI BIOLOGICI NEI CORSI D ACQUA SUPERFICIALI

PROTOCOLLO PER IL CAMPIONAMENTO DEI PARAMETRI FISICO-CHIMICI A SOSTEGNO DEGLI ELEMENTI BIOLOGICI NEI CORSI D ACQUA SUPERFICIALI PROTOCOLLO PER IL CAMPIONAMENTO DEI PARAMETRI FISICO-CHIMICI A SOSTEGNO DEGLI ELEMENTI BIOLOGICI NEI CORSI D ACQUA SUPERFICIALI La realizzazione dei metodi per il campionamento e l analisi degli elementi

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE IN REGIONE PIEMONTE

ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE IN REGIONE PIEMONTE ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE 5 DETTAGLI E MISURE Direttiva 79/409/CEE sugli uccelli selvatici e successivi atti

Dettagli

MASTER I LIVELLO SECOND CYCLE PROGRAM OCCUPATIONAL AND ENVIRONMENTAL RISK MANAGEMENT

MASTER I LIVELLO SECOND CYCLE PROGRAM OCCUPATIONAL AND ENVIRONMENTAL RISK MANAGEMENT UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MESSINA Dipartimento di Scienze dell Ambiente, della Sicurezza, del Territorio, degli Alimenti e della Salute (S.A.S.T.A.S.) Sez. Medicina del Lavoro MASTER I LIVELLO SECOND CYCLE

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione. Docente di Chimica e chimica industriale

Ministero della Pubblica Istruzione. Docente di Chimica e chimica industriale F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Anna Maria Brambilla ARPA Lombardia Dipartimento di Como Telefono 031/2743914 E-mail a.brambilla@arpalombardia.it Nazionalità

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DEL FRIULI VENEZIA GIULIA AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DEL FRIULI VENEZIA GIULIA CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE DEI PROGETTI DI DERIVAZIONE IDRICA SUI CORSI D ACQUA SUPERFICIALI. VALUTAZIONE

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

A TU PER TU CON IL PIANETA MARE

A TU PER TU CON IL PIANETA MARE Aurora Polare Sede legale: Viale Sapri 24/A Marina di Ravenna (RA) 48122 Italy C.F.92081660398.com A TU PER TU CON IL PIANETA MARE MODULI DIDATTICI DI EDUCAZIONE AMBEINTALE DEDICATI ALLE SCUOLE SECONDARIE

Dettagli

LIFE+ P.A.R.C. Petromyzon And River Continuity

LIFE+ P.A.R.C. Petromyzon And River Continuity LIFE+ P.A.R.C. Petromyzon And River Continuity Foto: Borrini Il sito di progetto è il SIC IT 1343502 Parco della Magra Vara che coincide per gran parte con il territorio del Parco di Montemarcello-Magra

Dettagli

DIRETTIVA 2000/60/EC (WFD) CONDIZIONI DI RIFERIMENTO PER FIUMI E LAGHI CLASSIFICAZIONE DEI FIUMI SULLA BASE DEI MACROINVERTEBRATI ACQUATICI

DIRETTIVA 2000/60/EC (WFD) CONDIZIONI DI RIFERIMENTO PER FIUMI E LAGHI CLASSIFICAZIONE DEI FIUMI SULLA BASE DEI MACROINVERTEBRATI ACQUATICI ISSN:1974-8345 numero speciale 2008 DIRETTIVA 2000/60/EC (WFD) CONDIZIONI DI RIFERIMENTO PER FIUMI E LAGHI CLASSIFICAZIONE DEI FIUMI SULLA BASE DEI MACROINVERTEBRATI ACQUATICI Parti di testi, tabelle e

Dettagli

Scienze. Facoltà di. Via Brecce Bianche Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071/2204512

Scienze. Facoltà di. Via Brecce Bianche Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071/2204512 Via Brecce Bianche Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071/2204512 Facoltà di Scienze Corsi di Laurea Triennale in: SCIENZE BIOLOGICHE SCIENZE DEL CONTROLLO AMBIENTALE E DELLA PROTEZIONE CIVILE Corsi di Laurea

Dettagli

MONITORAGGIO BIOLOGIO FIUME ISONZO 2009-2010

MONITORAGGIO BIOLOGIO FIUME ISONZO 2009-2010 Palmanova, v. Cairoli 14 MONITORAGGIO BIOLOGIO FIUME ISONZO 2009-2010 06.12.2012 DIPARTIMENTO PROVINCIALE DI GORIZIA ARPA FVG Relatori: Luigi Del Zotto - Bruno Zanolin 1 Palmanova, v. Cairoli 14 Il D.Lsg.

Dettagli

La Strategia della Regione Sicilia Sergio Marino Direttore Generale di ARPA Sicilia

La Strategia della Regione Sicilia Sergio Marino Direttore Generale di ARPA Sicilia Tavola rotonda: L ISPRA e il Sistema Paese sui temi della Biodiversità La Strategia della Regione Sicilia Sergio Marino Direttore Generale di ARPA Sicilia Obiettivo strategico: tutelare la Biodiversità

Dettagli

Corpi Idrici Significativi secondo il D.Lgs 152/99 Normativa vigente fino al 2008

Corpi Idrici Significativi secondo il D.Lgs 152/99 Normativa vigente fino al 2008 Corpi Idrici Significativi secondo il D.Lgs 152/99 Normativa vigente fino al 2008 COSA SONO Il D.Lgs. 152/99 e s.m.i. definisce corpi idrici "significativi" i corpi idrici, superficiali e sotterranei,

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE SULLA RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE

CORSO DI FORMAZIONE SULLA RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE PARCO REGIONALE DELLA VALLE DEL LAMBRO DIPARTIMENTO DI RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE CORSO DI FORMAZIONE SULLA RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE Monza, 12 aprile 2013 Caso Studio LAMBRO DESCRIZIONE CASO STUDIO Inquadramento

Dettagli

Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Scienze della Vita e dell Ambiente MASTER INTERNAZIONALE DI PRIMO LIVELLO IN.

Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Scienze della Vita e dell Ambiente MASTER INTERNAZIONALE DI PRIMO LIVELLO IN. Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Scienze della Vita e dell Ambiente MASTER INTERNAZIONALE DI PRIMO LIVELLO IN Biologia Marina REGOLAMENTO Art. 1 Istituzione del corso di Master L Università

Dettagli

MANAGEMENT PLAN. SITO DI PROGETTO: SIC IT1343502 Parco della Magra Vara - Provincia della Spezia

MANAGEMENT PLAN. SITO DI PROGETTO: SIC IT1343502 Parco della Magra Vara - Provincia della Spezia MANAGEMENT PLAN TITOLO PROGETTO: Petromyzon And River Continuity ACRONIMO: P.A.R.C. SITO DI PROGETTO: SIC IT1343502 Parco della Magra Vara - Provincia della Spezia BENEFICIARIO COORDINATORE: Ente Parco

Dettagli

Dighe e territorio. Benefici e problemi: una possibile soluzione

Dighe e territorio. Benefici e problemi: una possibile soluzione Dighe e territorio Benefici e problemi: una possibile soluzione Mario Trogni Bolzano, 15 maggio 2014 La Società Costituzione 1 giugno 2010 60% 40% 1 Il maggiore produttore dell Alto Adige Produzione media

Dettagli

5. APPLICAZIONE DELL ANALISI STATISTICA AD ALCUNI RISULTATI ANALITICI SIGNIFICATIVI.

5. APPLICAZIONE DELL ANALISI STATISTICA AD ALCUNI RISULTATI ANALITICI SIGNIFICATIVI. 5. APPLICAZIONE DELL ANALISI STATISTICA AD ALCUNI RISULTATI ANALITICI SIGNIFICATIVI. 5.1. Correlazione fra coliformi fecali ed Escherichia coli. Le normative relative alla definizione della qualità igienico-sanitaria

Dettagli

IL FIUME: IL PIU GRANDE DEPURATORE NATURALE

IL FIUME: IL PIU GRANDE DEPURATORE NATURALE IL FIUME: IL PIU GRANDE DEPURATORE NATURALE IL SISTEMA AUTODEPURANTE DEL FIUME La sostanza organica che raggiunge un corso d acqua, sia essa di origine naturale come foglie, escrementi e spoglie di animali,

Dettagli

ATTIVITA ARPA NELLA GESTIONE DELLA RETE DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SUPERFICIALI. Piano di monitoraggio triennio 2012-2014

ATTIVITA ARPA NELLA GESTIONE DELLA RETE DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SUPERFICIALI. Piano di monitoraggio triennio 2012-2014 ATTIVITA ARPA NELLA GESTIONE DELLA RETE DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SUPERFICIALI Piano di monitoraggio triennio 2012-2014 Data: Dicembre 2011 A cura di: Antonietta Fiorenza Piano di monitoraggio delle

Dettagli

Procedura di Valutazione Interna

Procedura di Valutazione Interna LIFE Project Number Inception Report - ANNEX Covering the project activities from 01/01/2012 to 31/08/2012 Reporting Date LIFE+ PROJECT NAME or Acronym

Dettagli

INDICE. Bacino del fiume Tagliamento I

INDICE. Bacino del fiume Tagliamento I Bacino del fiume Tagliamento I INDICE 4 - RETI DI MONITORAGGIO ISTITUITE AI FINI DELL ARTICOLO 8 E DELL ALLEGATO V DELLA DIRETTIVA 2000/60/CE E STATO DELLE ACQUE SUPERFICIALI, DELLE ACQUE SOTTERRANEE E

Dettagli

INTERVENTI PER IL MIGLIORAMENTO DELLE ACQUE E DEGLI HABITAT NELLA VALLE DEL LAMBRO LIFE11 ENV/IT/004 «Lambrovivo»

INTERVENTI PER IL MIGLIORAMENTO DELLE ACQUE E DEGLI HABITAT NELLA VALLE DEL LAMBRO LIFE11 ENV/IT/004 «Lambrovivo» INTERVENTI PER IL MIGLIORAMENTO DELLE ACQUE E DEGLI HABITAT NELLA VALLE DEL LAMBRO LIFE11 ENV/IT/004 «Lambrovivo» Ing. Stefano Minà Dipartimento di Riqualificazione Fluviale 00 IL PROGETTO LIFE - Nasce

Dettagli

Comunicare il Turismo Sostenibile

Comunicare il Turismo Sostenibile UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA DIPARTIMENTO DI SOCIOLOGIA E RICERCA SOCIALE Comunicare il Turismo Sostenibile Master di primo livello Università degli Studi di Milano-Bicocca a.a. 2012-2013 /

Dettagli

Contratto di fiume L esperienza umbra del Clitunno Marroggia Topino IX^ CONFERENZA ORGANIZZATIVA ANBI VENEZIA

Contratto di fiume L esperienza umbra del Clitunno Marroggia Topino IX^ CONFERENZA ORGANIZZATIVA ANBI VENEZIA Contratto di fiume L esperienza umbra del Clitunno Marroggia Topino IX^ CONFERENZA ORGANIZZATIVA ANBI VENEZIA 19, 20, 21 marzo 2014 Consorzio Bonificazione Umbra - Spoleto Definizione del Contratto di

Dettagli

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette Piano di gestione dei bacini idrografici delle Alpi Orientali Bacino del fiume Lemene Capitolo 3 Bacino del fiume Lemene INDICE 3. CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE PROTETTE... 1 3.1. AREE PER L ESTRAZIONE

Dettagli

PROFILI PROFESSIONALI

PROFILI PROFESSIONALI A S S O C I A Z I O N E I T A L I A N A S C I E N Z E A M B I E N T A L I C O M I T A T O S C I E N T I F I C O S E G R E T E R I A S O C I O L A U R E A T O E S P E R T O PROFILI PROFESSIONALI I profili

Dettagli

L'utilizzo della modellistica idrologica ed idrodinamica da parte del sistema delle Agenzie Ambientali RISULTATI DELL'ATTIVITÀ DI RICOGNIZIONE

L'utilizzo della modellistica idrologica ed idrodinamica da parte del sistema delle Agenzie Ambientali RISULTATI DELL'ATTIVITÀ DI RICOGNIZIONE SIMULARE CONVIENE! I modelli ambientali strumento di previsione e pianificazione L'utilizzo della modellistica idrologica ed idrodinamica da parte del sistema delle Agenzie Ambientali RISULTATI DELL'ATTIVITÀ

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE E RISANAMENTO DI SITI CONTAMINATI

CARATTERIZZAZIONE E RISANAMENTO DI SITI CONTAMINATI 1 CARATTERIZZAZIONE E RISANAMENTO DI SITI CONTAMINATI Livello II - A.A. 2014-2015 Edizione III Presentazione Il Master si prefigge di fornire le competenze teoriche ed applicative necessarie per trattare

Dettagli

Il CSDU - Centro Studi idraulica Urbana. Gruppo Deflussi Urbani Costituito nel 1984. Centro Studi Idraulica Urbana

Il CSDU - Centro Studi idraulica Urbana. Gruppo Deflussi Urbani Costituito nel 1984. Centro Studi Idraulica Urbana Il CSDU - Centro Studi idraulica Urbana Gruppo Deflussi Urbani Costituito nel 1984 Centro Studi Idraulica Urbana Costituito nel 1992, dal 2014 ha sede presso il DICATAM dell Università degli Studi di Brescia

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore)

CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore) CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore) PROGETITO FORMATIVO MODULO 1 PRESENTAZIONE DEI PARCHI ED AREE PROTETTE (8 ore) Definizione dei concetti di Parco,

Dettagli

sara.chiussi@gmail.com

sara.chiussi@gmail.com SARA CHIUSSI CURRICULUM VITAE Nome Indirizzo CHIUSSI SARA RESIDENZA E DOMICILIO: LARGO TULLO PAPOTTI 5 43015 NOCETO (PR) Telefono CELL. 340-7314175 sara.chiussi@gmail.com E-mail Nazionalità ITALIANA Data

Dettagli

4.3 Depuratore di Calavino e rio omonimo.

4.3 Depuratore di Calavino e rio omonimo. 4.3 Depuratore di Calavino e rio omonimo. 4.3.1 Impianto di depurazione. In questa sezione vengono descritte la localizzazione, la configurazione ed il funzionamento del depuratore biologico in studio

Dettagli

Monitoraggio corsi d acqua 2003-2006

Monitoraggio corsi d acqua 2003-2006 Monitoraggio corsi d acqua 2003-2006 Firenze - 18 dicembre Susanna Cavalieri - ARPAT 1 Blu Verde Giallo Arancio Rosso ottimo buono sufficiente scadente pessimo Codice Corso d'acqua SECA media arrotondata

Dettagli

Il quadro europeo per la conservazione della natura e della biodiversità: Natura 2000. Merijn Biemans

Il quadro europeo per la conservazione della natura e della biodiversità: Natura 2000. Merijn Biemans Il quadro europeo per la conservazione della natura e della biodiversità: Natura 2000 Merijn Biemans Eurosite Introduzione: una rete paneuropea fondata nel 1989 circa 70 membri (governativi e ONG) staff

Dettagli

I NUOVI ISTITUTI TECNICI

I NUOVI ISTITUTI TECNICI Istituto Tecnico Industriale Statale Liceo Scientifico Tecnologico Ettore Molinari Via Crescenzago, 110/108-20132 Milano - Italia tel.: (02) 28.20.786/ 28.20.868 - fax: (02) 28.20.903/26.11.69.47 Sito

Dettagli

GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza

GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza ECOLOGIA I 9 marzo 2013 Mariella Nicastro Parco Regionale della Valle del Lambro CHE COS E L ECOLOGIA Se lo chiedete a tre professori,

Dettagli

La prima certificazione per la tutela della biodiversità in agricoltura. www.biodiversityfriend.org

La prima certificazione per la tutela della biodiversità in agricoltura. www.biodiversityfriend.org La prima certificazione per la tutela della biodiversità in agricoltura www.biodiversityfriend.org Nel corso del 2010, dichiarato dalle Nazioni Unite Anno Internazionale della Biodiversità, WBA onlus

Dettagli

Master annuale di secondo livello Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie. a.a. 2011-2012 IUAV - ARPAV

Master annuale di secondo livello Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie. a.a. 2011-2012 IUAV - ARPAV Master annuale di secondo livello Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie a.a. 2011-2012 IUAV - ARPAV Obiettivi del master Migliorare il grado di percezione, interpretazione, gestione e comunicazione

Dettagli

EnviCons. Profilo Aziendale e Campi di Attività

EnviCons. Profilo Aziendale e Campi di Attività EnviCons Profilo Aziendale e Campi di Attività EnviCons Srl Headquarters: Lungo Po Antonelli 21 10153, Torino P.IVA: 10189620015 Telefono: (+39) 011.81.28.684 Fax: (+39) 011.81.27.528 Web: www.envicons.com

Dettagli

STUDIO A SUPPORTO DELLA REDAZIONE DEL PIANO DI GESTIONE DELLA RETE DI RISERVE DELLA SARCA

STUDIO A SUPPORTO DELLA REDAZIONE DEL PIANO DI GESTIONE DELLA RETE DI RISERVE DELLA SARCA STUDIO A SUPPORTO DELLA REDAZIONE DEL PIANO DI GESTIONE DELLA RETE DI RISERVE DELLA SARCA Analisi della qualità idromorfologica, della gestione delle portate e dei sedimenti nel bacino della Sarca, alto,

Dettagli

COMPETENZE DI CONTESTO (Capacità)

COMPETENZE DI CONTESTO (Capacità) DENOMINAZIONE POSIZIONE: CODICE POSIZIONE: TIPO DI POSIZIONE: STRUTTURA ORGANIZZATIVA DI APPARTENENZA: AREA SETTORIALE DI APPARTENENZA: FAMIGLIA PROFESSIONALE DI APPARTENENZA: GRADUAZIONE POSIZIONE: FINALITÀ

Dettagli

Corso di PErFEZioNAMENTo IMPRESA SOCIALE: IMPRENDITORIALITÀ, GESTIONE E STRUMENTI DI FINANZIAMENTO

Corso di PErFEZioNAMENTo IMPRESA SOCIALE: IMPRENDITORIALITÀ, GESTIONE E STRUMENTI DI FINANZIAMENTO Corso di PErFEZioNAMENTo Anno Accademico 2015 2016 IMPRESA SOCIALE: IMPRENDITORIALITÀ, GESTIONE E STRUMENTI DI FINANZIAMENTO DIREZIONE: Paula Benevene; Laura Michelini COMITATO SCIENTIFICO: Gennaro iasevoli,

Dettagli

WATERFORLIFE LIFEFORWATER

WATERFORLIFE LIFEFORWATER PROVINCIA DI VICENZA IMPLEMENTAZIONE DI UNA STRATEGIA PARTECIPATA DI RISPARMIO IDRICO E RICARICA ARTIFICIALE PER IL RIEQUILIBRIO QUANTITATIVO DELLA FALDA DELL'ALTA PIANURA VICENTINA. ERSO UN CONTRATTO

Dettagli

SERVIZI ECOSISTEMICI E TERRITORI AGROFORESTALI

SERVIZI ECOSISTEMICI E TERRITORI AGROFORESTALI SERVIZI ECOSISTEMICI E TERRITORI AGROFORESTALI Pierluca GAGLIOPPA 1 Rossella GUADAGNO 2 SUNTO I territori agricoli e forestali hanno un indiscutibile valore per quanto producono in termini di biomasse

Dettagli

S mi m n i a n rio i Deflu l s u si Urba b ni n

S mi m n i a n rio i Deflu l s u si Urba b ni n Il csdu - Centro Studi Idraulica Urbana Gruppo Deflussi Urbani Costituito nel 1984 Centro Studi Idraulica Urbana Costituito nel 1992, ha sede presso il Politecnico di Milano 17 soci fondatori e effettivi

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

MANAGEMENT E RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA

MANAGEMENT E RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 XI Edizione MANAGEMENT E RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA DIRETTORI: Prof.ssa Helen Alford e Prof. Luigino Bruni COMITATO SCIENTIfICO: Leonardo

Dettagli

Informazioni legali ISPRA - Elaborazione grafica Coordinamento editoriale: ISPRA

Informazioni legali ISPRA -  Elaborazione grafica Coordinamento editoriale: ISPRA Informazioni legali Il Consiglio Federale, istituito presso l ISPRA con il compito di promuovere lo sviluppo coordinato del Sistema Agenziale (ISPRA/ARPA/APPA) nonché per garantire omogeneità nello svolgimento

Dettagli

Come si creano i talenti? Lo stato della Formazione Universitaria in Italia

Come si creano i talenti? Lo stato della Formazione Universitaria in Italia : la professione del futuro Come si creano i talenti? Lo stato della Formazione Universitaria in Italia Prof. Fabrizio Dallari Direttore del Centro di Ricerca sulla Università Carlo Cattaneo LIUC 1 1 I

Dettagli

MArine Coastal Information SysTEm Un sistema gestionale a supporto dei Parchi Marini

MArine Coastal Information SysTEm Un sistema gestionale a supporto dei Parchi Marini MArine Coastal Information SysTEm Un sistema gestionale a supporto dei Parchi Marini Sara Venturini,, Giorgio Fanciulli, Sara Costa, Paolo Povero AZIONE 6 AMP PORTOFINO - DISTAV Genova, 27 Marzo 2013 Sottoprogetto

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari

Università degli Studi di Cagliari UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA Università di Cagliari Università di Sassari P.O.R FESR 2007-2013 REGIONE SARDEGNA - ASSE VI COMPETITIVITÀ, LINEE DI ATTIVITA 6.1.2C; 6.2.1C; 6.2.1.D. PROGETTO INNOVA.RE

Dettagli

RAVENNA STUDIA L AMBIENTE

RAVENNA STUDIA L AMBIENTE RAVENNA STUDIA L AMBIENTE Laurea in SCIENZE AMBIENTALI ALTRE TRIENNALI Laurea Magistrale in ANALISI E GESTIONE DELL AMBIENTE Erasmus Mundus Master in Water and Coastal Management DOTTORATO IN SCIENZE AMBIENTALI

Dettagli

PERCORSO EXECUTIVE IN MANAGEMENT PUBBLICO A.A. 2015-2016

PERCORSO EXECUTIVE IN MANAGEMENT PUBBLICO A.A. 2015-2016 PERCORSO EXECUTIVE IN MANAGEMENT PUBBLICO A.A. 2015-2016 Negli ultimi anni le amministrazioni pubbliche, e in particolar modo le Regioni, sono coinvolte in un processo di forte cambiamento dettato dalla

Dettagli

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente AREA TEMATICA: Gestione e certificazione ambientale di sistema

Dettagli

La sostenibilità negli atenei: il contesto internazionale e un caso italiano. Sottotitolo: imparare facendo, educare dando il buon esempio.

La sostenibilità negli atenei: il contesto internazionale e un caso italiano. Sottotitolo: imparare facendo, educare dando il buon esempio. La sostenibilità negli atenei: il contesto internazionale e un caso italiano Sottotitolo: imparare facendo, educare dando il buon esempio. Educare alla sostenibilità - San Michele All'Adige, 27 ottobre

Dettagli

INCONTRI CON IL MARE

INCONTRI CON IL MARE INCONTRI CON IL MARE Progetti didattici per le scuole 2011-2012 2012 Fondazione Cetacea Onlus Centro di Educazione Ambientale Via Torino 7/A- 47838 Riccione Tel.0541/691557-fax 0541/475830 www.fondazionecetacea.org

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2013-2014 MANAGEMENT E RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2013-2014 MANAGEMENT E RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2013-2014 X Edizione MANAGEMENT E RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA DIRETTORI: Prof.ssa Helen Alford e Prof. Luigino Bruni COMITATO SCIENTIfICO: Roberto

Dettagli

Aracnofauna della Sardegna

Aracnofauna della Sardegna Consorzio 21 Edificio 2- Polaris Programma Master and Back Loc. Piscina Manna 09010 Pula Programma di Tirocinio: Aracnofauna della Sardegna 1. Soggetto Proponente (Operante in Sardegna) Ragione Sociale:

Dettagli

Febbraio Agosto 2011. Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma)

Febbraio Agosto 2011. Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma) Febbraio Agosto 2011 Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma) Universita` Cattolica del Sacro Cuore Facolta` di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Sede di Brescia CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFERMIERISTICA

Dettagli

Spazio Alpino ad ALPI365!

Spazio Alpino ad ALPI365! Newsletter Italia n 3/2009 ACP Alpine Contact Point ITALIA DG Territorio e Urbanistica Via Sassetti, 32/2 20124 Milano Tel. +39 02 6765 5356 Fax +39 02 6765 6716 E-mail: spazio_alpino@regione.lombardia.it

Dettagli

IMMERSIONI SICURE IN VASCA E MARE

IMMERSIONI SICURE IN VASCA E MARE IMMERSIONI SICURE IN VASCA E MARE Buone Prassi per lo svolgimento in sicurezza delle attività subacquee di ISPRA e delle Agenzie Ambientali I contenuti delle buone prassi Genova 25 marzo 2014 Massimiliano

Dettagli

CINECA - partner per l innovazione l Pubblica Amministrazione Locale

CINECA - partner per l innovazione l Pubblica Amministrazione Locale CINECA - partner per l innovazione l della Pubblica Amministrazione Locale Forlì,, 22 ottobre 2008 Alan Buda Indice Chi è CINECA La Mission Esigenze degli Enti Locali La risposta del CINECA Benefici Attesi

Dettagli

Gestione forestale e mantenimento di uno stato di conservazione soddisfacente nei siti Natura 2000

Gestione forestale e mantenimento di uno stato di conservazione soddisfacente nei siti Natura 2000 Accademia Italiana di Scienze Forestali - Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga Valutazione ambientale dei progetti di interventi selvicolturali e dei piani di gestione forestale AMATRICE -

Dettagli

XVII Master in Marketing Management Project Work

XVII Master in Marketing Management Project Work XVII Master in Marketing Management Project Work GREEN MARKETING Baveno 14/02/2014 Letizia Marzulli Roberta Pazienza Serena Zammartini Vito Macaddino COS È IL GREEN MARKETING? Un APPROCCIO DEL MARKETING

Dettagli

MASTER A CHI È INDIRIZZATA QUESTA INIZIATIVA? PERCHÉ MASTER IN ALTO APPRENDISTATO? QUANTO COSTA ALL AZIENDA E AL LAUREATO? QUANDO E DOVE?

MASTER A CHI È INDIRIZZATA QUESTA INIZIATIVA? PERCHÉ MASTER IN ALTO APPRENDISTATO? QUANTO COSTA ALL AZIENDA E AL LAUREATO? QUANDO E DOVE? MASTER UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO MASTER IN ALTO APPRENDISTATO PROCESSI PRODUTTIVI CHIMICO-BIOLOGICI Monitoraggio, sicurezza, tecnologia, qualità e sostenibilità Progetto di Master Universitario

Dettagli

PROGETTO AMBIENTE OBIETTIVO

PROGETTO AMBIENTE OBIETTIVO OBIETTIVO Promuovere i principi dello Sviluppo sostenibile, attraverso diverse attività di formazione, informazione e studio, che saranno al servizio dei soci Fast e di enti pubblici e privati interessati.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN INGEGNERIA CHIMICA DELLA DEPURAZIONE DELLE ACQUE E DELLE ENERGIE RINNOVABILI A.A. 2012/13 Livello II Informazioni generali Rinnovo Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL

Dettagli

LE CARATTERISTICHE DEL CORSO

LE CARATTERISTICHE DEL CORSO LE CARATTERISTICHE DEL CORSO Obiettivo dei corsi è fornire opportunità di specializzazione nel campo della green economy, proprie di figure professionali nei settori dell'ingegneria, dell'architettura

Dettagli

Brescia, 11 febbraio 2012

Brescia, 11 febbraio 2012 Brescia, 11 febbraio 2012 Universita` Cattolica del Sacro Cuore Facolta` di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Sede di Brescia CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Requisiti per l ammissione al Corso di Laurea

Dettagli

Elementi di criticità nella progettazione di una rete di monitoraggio delle acque correnti superficiali in Sicilia

Elementi di criticità nella progettazione di una rete di monitoraggio delle acque correnti superficiali in Sicilia Elementi di criticità nella progettazione di una rete di monitoraggio delle acque correnti superficiali in Sicilia Marta Finocchiaro Arpa Sicilia ST CATANIA Giornate di Studio PIANI DI MONITORAGGIO AMBIENTALE

Dettagli

SVILUPPO CREATIVO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO I - A.A. 2015-2016 EDIZIONE II

SVILUPPO CREATIVO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO I - A.A. 2015-2016 EDIZIONE II SVILUPPO CREATIVO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO I - A.A. 2015-2016 EDIZIONE II Presentazione Un Master per i mestieri della cultura Un anno dopo la triennale, con una forte componente professionale,

Dettagli

MANAGEMENT E RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA

MANAGEMENT E RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2015 2016 XII Edizione MANAGEMENT E RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA DIRETTORI: Prof.ssa Helen Alford e Prof. Luigino Bruni COMITATO SCIENTIfICO: Helen

Dettagli

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA CIVILE (Classe Ingegneria Civile)

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA CIVILE (Classe Ingegneria Civile) 139 CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA CIVILE (Classe Civile) Referente del Corso di Laurea - Prof. Giovanni Vannucchi (Tel. 0/479621 e-mail: giovan@dicea.unifi.it.) OBIETTIVI FORMATIVI Il corso

Dettagli

Corso di Formazione su Valutazione d Impatto Ambientale (VIA) Sala Conferenze ISPRA, via V. Brancati 48, Roma - Ottobre-Novembre 2012

Corso di Formazione su Valutazione d Impatto Ambientale (VIA) Sala Conferenze ISPRA, via V. Brancati 48, Roma - Ottobre-Novembre 2012 Corso di Formazione su Valutazione d Impatto Ambientale (VIA) Sala Conferenze ISPRA, via V. Brancati 48, Roma - Ottobre-Novembre 2012 ANALISI DELLA COMPONENTE AMBIENTE IDRICO Saverio Venturelli - Ingegnere

Dettagli

Programma UE LIFE 2014-2020. Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima

Programma UE LIFE 2014-2020. Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima Programma UE LIFE 2014-2020 Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima Regolamento UE n. 1293/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio dell 11 dicembre 2013 istituisce il Programma per l ambiente

Dettagli

MASTER BREVE EFFICIENTAMENTO ENERGETICO IN EDILIZIA STORICA E AREE D INTERESSE PAESAGGISTICO: progettazione tecnologie materiali

MASTER BREVE EFFICIENTAMENTO ENERGETICO IN EDILIZIA STORICA E AREE D INTERESSE PAESAGGISTICO: progettazione tecnologie materiali Buona parte degli interventi edilizi per i prossimi anni è destinata a riguardare edifi ci storici o collocati all interno di beni paesaggistici, con vincoli che scaturiscono da normative complesse. Sempre

Dettagli

Osserviamo il presente, guardando al futuro

Osserviamo il presente, guardando al futuro Laboratori Hera Osserviamo il presente, guardando al futuro Hera Laboratori 2 company profile Un sistema di controlli per aziende ed enti pubblici Il sistema laboratori del Gruppo Hera rappresenta una

Dettagli

INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO

INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO Ingegneria Sanitaria Ambientale Previsione di Rischio Alluvione Progettazione Geotecnica Pianificazione Urbanistica Difesa del Territorio Sistemazioni Ambientali Trasporto degli Inquinanti Progettazione

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail CROCI EDOARDO VIA CADAMOSTO, 7 20129 MILANO 0229401227 (casa), 320/0767267

Dettagli

Sesso Femminile Data di nascita 01/01/1984 Nazionalità Italiana. Tirocinante presso laboratorio di analisi biomediche

Sesso Femminile Data di nascita 01/01/1984 Nazionalità Italiana. Tirocinante presso laboratorio di analisi biomediche INFORMAZIONI PERSONALI Ripari Vanessa viale Alcide De Gasperi, 1, 63074 San Benedetto del Tronto (Italia) 3470153607 073583067 ripari.vanessa@gmail.com www.vanessaripari.it Skype vanessa_ripari Google

Dettagli

COMUNE DI VERBANIA PROVINCIA DEL V.C.O

COMUNE DI VERBANIA PROVINCIA DEL V.C.O COPIA DELL ORIGINALE Deliberazione n 77 in data 30/04/2014 COMUNE DI VERBANIA PROVINCIA DEL V.C.O Verbale di Deliberazione del Commissario Straordinario (assunta con i poteri della Giunta Comunale) Oggetto:

Dettagli

g.santoro@arpacampania.it

g.santoro@arpacampania.it C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Amministrazione Struttura Incarico SANTORO GIANCARLO Collaboratore Professionale Sanitario Esperto ARPA Campania via Vicinale S. Maria

Dettagli

1. Un Percorso per l Inserimento Lavorativo per i laureandi

1. Un Percorso per l Inserimento Lavorativo per i laureandi 1. Un Percorso per l Inserimento Lavorativo per i laureandi Il Programma PIL dell Università di Ferrara è stato attivato inizialmente (a.a. 2001-02): - come un Corso formativo universitario parallelo allo

Dettagli

CURRICULUM VITAE Lucio Lucadamo. - 1986 : Laurea in Scienze Biologiche conseguita presso l Università Federico II di Napoli.

CURRICULUM VITAE Lucio Lucadamo. - 1986 : Laurea in Scienze Biologiche conseguita presso l Università Federico II di Napoli. CURRICULUM VITAE Lucio Lucadamo Data di nascita : 15/02/1961 Luogo di nascita : Avellino Tel: 0984/492952 Fax : 0984/492986 e-mail : lucio.lucadamo@unical.it - 1986 : Laurea in Scienze Biologiche conseguita

Dettagli

Spike Information Security Awareness Program. Daniele Vitali Senior Security Consultant

Spike Information Security Awareness Program. Daniele Vitali Senior Security Consultant Spike Information Security Awareness Program Daniele Vitali Senior Security Consultant Information Security Awareness NIST Special Publication 800-16 Awareness is not training. The purpose of awareness

Dettagli

La riqualificazione ambientale dei canali Stato dell arte e quesiti per il futuro Ing. Marco Monaci Direttore Tecnico CIRF CIRF Centro Italiano per la Riqualificazione Fluviale Associazione culturale tecnico-scientifica

Dettagli

PROPOSTA DI CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE MARINO COSTIERE DEL VENETO TRIENNIO 2010-2012 (D.Lgs. 152/2006 e ss.mm.ii.)

PROPOSTA DI CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE MARINO COSTIERE DEL VENETO TRIENNIO 2010-2012 (D.Lgs. 152/2006 e ss.mm.ii.) PROPOSTA DI CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE MARINO COSTIERE DEL VENETO TRIENNIO 2010-2012 (D.Lgs. 152/2006 e ss.mm.ii.) Rapporto tecnico A.R.P.A.V. - Direzione Area Tecnico-Scientifica Dipartimento Provinciale

Dettagli

Nuova centrale idroelettrica con derivazione ad acqua fluente sul Torrente Viona INDICE 1 GENERALITA 2 2 ATTREZZATURE E SISTEMI DI GESTIONE 3

Nuova centrale idroelettrica con derivazione ad acqua fluente sul Torrente Viona INDICE 1 GENERALITA 2 2 ATTREZZATURE E SISTEMI DI GESTIONE 3 INDICE 1 GENERALITA 2 2 ATTREZZATURE E SISTEMI DI GESTIONE 3 3 CONDIZIONI DI RISCHIO E POSSIBILI INCIDENTI 5 3.1 CONDIZIONI DI RISCHIO 5 3.2 POSSIBILI INCIDENTI 5 3.3 RIFIUTI ED EMISSIONI PRODOTTE 6 4

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli