Bianchi Duccio Via Luigi Razza, Milano cel ( uff)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bianchi Duccio Via Luigi Razza, 2 20129 Milano 334 2295010 cel (02 277441 uff)"

Transcript

1 CV - SINTESI INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Bianchi Duccio Via Luigi Razza, Milano cel ( uff) Fax Nazionalità Italiana Data di nascita CF BNCDCC59B25D612L P.IVA ESPERIENZA LAVORATIVA Date (da a) Principali mansioni e responsabilità DAL 1985 AD OGGI Dal 2010 svolge attività di consulenza in materia di pianificazione e di ristrutturazione aziendale nel settore della gestione dei rifiuti. Socio fondatore è stato direttore e amministratore delegato (fino al 2009) prima di Istituto di ricerche Ambiente Italia (dal 1989) e poi (dal 1995) di Ambiente Italia srl, una delle principali società nazionali di consulenza e pianificazione ambientale. Dal 1985 (fino al 1989 per Nuova Ecologia Toscana e altre società) ha svolto attività professionale nel campo della pianificazione ambientale e in particolare della pianificazione dei rifiuti e del reporting ambientale. E' attualmente advisor tecnico dell'ato Toscana Costa (province di Massa-Carrara, Lucca, Pisa e Livorno) per la costituzione del gestore unico e di Sogir per la la costituzione della società inhouse di gestione dei rifiuti ed è stato advisor tecnico per la costituzione di SEI (gestore unico dell'ato Toscana Sud, province di Arezzo, Siena e Grosseto). Ha coordinato attività di ricerca in materia di pianificazione della gestione dei rifiuti (piani regionali, tra cui Regione Toscana, piani provinciali fra i quali quelli delle province di Milano e Torino, piani per Ato e consorzi), consulenza scientifica nello sviluppo dei servizi per enti locali e aziende ed attività di ricerca in particolare nel campo della valutazione ambientale ed economica dei sistemi di gestione dei rifiuti e di riciclo, curando la periodica pubblicazione del rapporto "Riciclo Ecoefficiente" con i principali consorzi di recupero degli imballaggi. E' membro della Commissione sulla Tariffa Rifiuti e gli strumenti economici del Ministero Ambiente ed ha fatto parte di commissioni ministeriali (Comitato Ecolabel e Ecoaudit, Comitato sulle Fonti rinnovabili ed efficienza energetica) e regionali, è stato esperto Ministero del Tesoro per la valutazione dei programmi dei Fondi Strutturali nel settore rifiuti e aree inquinate. Ha collaborato con Anpa e Osservatorio Nazionale Rifiuti per alcuni rapporti annuali sulla gestione dei rifiuti e per studi specifici sugli imballaggi, le raccolte differenziate, l'analisi tecnicoeconomica dei sistemi di gestione. Ha svolto studi e ricerche sulla qualità ambientale dei processi, l'applicazione di tecnologie pulite, l'impiego di strumenti di gestione ambientale, le politiche di prodotto, la diffusione della LCA-Life Cycle Analysis nei processi decisionali d impresa e le sue implicazioni per le politiche ambientali. In materia di reporting ambientale e di processi partecipati ha collaborato all attività di Ambiente Italia per la realizzazione di numerosi rapporti sullo stato dell'ambiente a livello locale e dei Piani d'azione locale per l'attuazione delle Agende 21 per Regioni,

2 Province e Comuni, ha partecipato agli studi per il nuovo Piano Nazionale Sviluppo Sostenibile e per la Conferenza Nazionale Energia e Ambiente. E coordinatore per Ambiente Italia del rapporto annuale Ambiente Italia ed è stato ideatore e coordinatore del rapporto sulla qualità ambientale delle città Ecosistema Urbano pubblicato dal Sole24ore. Ha svolto attività di docenza nei master del Politecnico di Torino, Politecnico di Milano, Formez, Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa E autore di numerose pubblicazioni tecnico-scientifiche, tra le più recenti: Riciclo eco-efficiente (Edizioni Ambiente, 2012). Laureato con lode con tesi geografica su Gli effetti delle politiche di tutela dell inquinamento presso la facoltà di lettere e filosofia dell Università di Firenze. Autorizzo il trattamento dei dati personali ai sensi del D. lgs. 196/03 Milano, 03/12/2014 In fede (duccio bianchi) Seguono allegati con dettaglio

3 ALLEGATI ESPERIENZE LAVORATIVE IN MATERIA DI GESTIONE DEI RIFIUTI (AGGIORNATO OTTOBRE 2014) Ato Toscana Costa, Advisor tecnico per Piano Straordinario e affidamento gestore unico Agenzia Regionale Recupero Risorse, Supporto tecnico alla predisposizione Piano di gestione dei rifiuti della Regione Toscana Sogir Advisor tecnico gara per affidamento servizi di gestione integrata dei rifiuti area lodigiana Cial, 2014 Studio sulla filiera economica del riciclo di alluminio Fondazione Symbola, 2014 Waste-End. Modello di gestione dei rifiuti per l'economia circolare Ambiente Italia, 2014 Consulenza per attività di progettazione a supporto di varie aziende EC-ECO Innovation, Coordinatore scientifico analisi ambientali nel progetto RECALL (Recycling of Complex AHP waste through a first time application of patented treatment process and demonstration of sustainable business model) SEI Toscana, 2013 Progettazione operativa dei servizi del gestore unico di ambito Toscana Sud Fater, Analisi tecnico-economica e analisi ambientale dello sviluppo dei servizi di raccolta e riciclo di PSA (prodotti sanitari assorbenti) Conai, Comieco e altri consorzi, Performances e scenari economici, energetici e ambientali dell'industria italiana del riciclo Provincia Arezzo, Grosseto, Siena, Piano Interprovinciale di gestione dei rifiuti Sienambiente ed altre 4 aziende di gestione dei rifiuti, Predisposizione Progetto Industriale per costituzione società di gestione dei rifiuti di Ambito Ato Toscana Costa Advisor tecnico gara per affidamento servizio di gestione integrata dei rifiuti con procedura PPI Agenzia Regionale Recupero Risorse, 2011 Prestazioni tecniche e ambientali, costi economici e integrazione tariffaria di sistemi avanzati di raccolta differenziata Irpet Toscana, 2011

4 Rapporto Osservatorio Regionale del riciclo Federambiente 2010 Documento verso il programma nazionale di prevenzione Funzione: collaborazione (strumenti di policy e pianificazione; sintesi del rapporto) ARRR, Rapporto osservatorio gestione dei rifiuti e riciclo Provincia Pisa, Massa-Carrara, Lucca e Livorno, Piano interprovinciale ATO Costa Sienambiente, CSA, CSAI, Aisa, Coseca, Casentino Servizi, Piano industriale di gestione dei servizi e riorganizzazione Cial, Cna, Cobat, Comieco, Coou, Corepla, Federambiente, Fise, MP Ambiente, 2008 Il riciclo ecoefficiente. Performance e scenari economici, ambientali ed energetici Enia, Valutazione ambientale alternative di gestione dei rifiuti AEM Brescia, Studi sulla prevenzione dei rifiuti Funzione collaborazione (strumenti di policy e strumenti economici;: sintesi degli studi) PROVINCIA DI LUCCA, Piano provinciale di gestione dei rifiuti PROVINCIA DI TRENTO, 2005 Revisione Piano dei rifiuti speciali Funzione: collaborazione COMIECO, COREPLA, RILEGNO, CIAL ED ALTRI CONSORZI, 2005 Aspetti ed effetti economici, ambientali ed energetici del sistema del riciclo in Italia PROVINCIA DI TRENTO, 2004 Revisione Piano dei Rifiuti pericolosi Funzione: collaborazione FORMEZ Sviluppo e adeguamento sistema SMAR (software pianificazione e lca di sistemi di gestione dei rifiuti) e attività di e- learning ATO 3 PISA, Commissione consultiva per analisi tecnico economica di fattibilità delle varie ipotesi e degli scenari futuri di un possibile nuovo sistema di smaltimento Funzione: membro PROVINCIA DI TRENTO, 2003

5 Commissione di studio e valutazione per la bioessiccazione dei rifiuti Funzione: membro TOROC, 2003 Piano di gestione dei rifiuti per le Olimpiadi invernali di Torino 2006 coordinatore AZIENDA REGIONE RECUPERO RISORSE, FIRENZE, 2002 Rapporto sulla Minimizzazione e prevenzione dei rifiuti ATO 6, Piano Industriale di Ambito funzione: collaborazione ANPA, Studio e ricerca per la definizione di un quadro di riferimento di obiettivi e misure per la prevenzione dei rifiuti, in particolare di imballaggio AZIENDA REGIONE RECUPERO RISORSE, FIRENZE, 2000 Studio per la definizione di standard tecnico-economici dei servizi di igiene urbana PROVINCIA DI TORINO, Consulenza per l attuazione del Programma Provinciale PROVINCIA DI TORINO, Attuazione del programma provinciale di organizzazione della gestione dei rifiuti ECODECO, PAVIA, 2000 Valutazione economica dei danni ambientali derivanti da un impianto di gestione dei rifiuti a Lacchiarella NOVAMONT SPA, 1999 Indagine sugli effetti economici delle modalità di conferimento nei processi di compostaggio ANPA, 1999 Supporto alla predisposizione del Rapporto annuale sulla gestione dei rifiuti in Italia AZIENDA REGIONALE RECUPERO RISORSE, FIRENZE, Piano di gestione dei rifiuti urbani e assimilati per la Provincia di Pisa ANPA, Predisposizione di Rapporti Tecnici per la redazione del Programma Generale di Prevenzione e Gestione degli Imballaggi e del Rapporto Annuale Gestione Rifiuti AZIENDA REGIONALE RECUPERO RISORSE, FIRENZE, 1998 Piano di gestione dei rifiuti speciali e pericolosi per la Regione Toscana ENEA, 1998 Indagine sul riciclo dei materiali

6 ARPA EMILIA ROMAGNA, 1998 Studio sulla gestione imballaggi per il Piano Provinciale di Ravenna PROVINCIA DI TORINO, Programma provinciale di gestione dei rifiuti PROVINCIA DI TORINO, 1998 Studi sulla gestione dei RSU nelle aree montane ENEA-DIPARTIMENTO AMBIENTE, 1998 Utilizzo del codice SMAR per verifiche relative al piano di smaltimento dei rifiuti del bacino Pistoia-Prato-Empoli REGIONE MARCHE, Piano regionale di gestione dei rifiuti funzione: responsabile area di progetto PROVINCIA DI LUCCA, 1997 Piano provinciale di gestione dei rifiuti SECAM, SONDRIO, 1997 Valutazione tecnico-economica di fattibilità di un impianto di conversione energetica per Rdf a livello di bacino PROVINCIA DI ASTI, 1997 Definizione e completamento della proposta di programma sullo smaltimento dei rifiuti nel periodo PROVINCIA DI BIELLA, 1997 Minimizzazione della produzione di rifiuti nell'industria tessile PROVINCIA DI VERCELLI, Studi a supporto del Programma provinciale di gestione dei rifiuti: definizione dello scenario tecnologico e territoriale integrato e localizzazione di massima degli impianti di trattamento e smaltimento ECOCERVED, BOLOGNA, 1997 Valutazione dati MUD 1995 EDITORIALE ECO, ROMA, 1997 Rapporto sugli effetti occupazionali del decreto Ronchi REGIONE TOSCANA, 1996 Piano regionale di gestione dei rifiuti PROVINCIA DI VICENZA, 1996 Piano provinciale di gestione dei rifiuti solidi urbani

7 PROVINCIA DI VITERBO, 1996 Programma provinciale di gestione dei rifiuti solidi urbani PROVINCIA DI BIELLA, 1996 Programma provinciale di gestione dei rifiuti solidi urbani AMA, ROMA 1996 Strategie e scenari di gestione dei rifiuti PROVINCIA DI MILANO, 1996 Azioni di ricerca relative al trattamento dei rifiuti residui funzione: collaborazione REGIONE MARCHE, 1996 Schema preliminare del piano regionale di gestione dei rifiuti funzione: collaborazione PROVINCIA DI MILANO, 1995 Attuazione del Piano di gestione provinciale dei rifiuti solidi urbani IRER, 1995 Valutazione progetti Frisl per i rifiuti COMUNE DI VICENZA, 1995 Piano di gestione dei rifiuti solidi urbani EDISON SPA, 1995 Strategie di sviluppo nella produzione energetica da residui e rifiuti PROVINCIA DI BERGAMO, Individuazione d'area impianto a tecnologia complessa di Caravaggio funzione: responsabile analisi tecnologica, sistema dei flussi, bilancio ambientale REGIONE LOMBARDIA, Utilizzazione energetica dei rifiuti e delle biomasse FILSE, 1994 Recupero e riduzione dei rifiuti:stato dell'arte e tendenze (nell'ambito del piano di raccolta differenziata e recupero della Regione Liguria) dello studio specifico PROVINCIA DI MILANO, Piano di gestione provinciale dei rifiuti solidi urbani ISTITUTO PER L'AMBIENTE, 1993 Le politiche di gestione dei rifiuti industriali nelle regioni italiane, autore

8 ASM BRESCIA, 1993 Bilancio ambientale preliminare di scenari di gestione dei rifiuti COMMISSIONE AMBIENTE E TERRITORIO CAMERA DEI DEPUTATI, Gruppo di esperti per la revisione della normativa sui rifiuti ISPE-MINISTERO DELL'AMBIENTE, 1992 Programma di azione del settore "Rifiuti" per: "Piano decennale per l'ambiente del Ministero dell'ambiente" REGIONE TOSCANA, Piano regionale di bonifica delle aree contaminate generale IRVA, 1992 Progettazione di sistemi di raccolta differenziata funzione: co-autore ISTITUTO AMBIENTE ITALIA, 1991 Evoluzione della produzione di imballaggi e gestione dei rifiuti GRUPPO FERRUZZI 1990 Politiche e metodologie di risanamento delle aree contaminate COOPERATIVA ECOLOGIA, 1990 Metodologie di risk assessment per le aree contaminate funzione: collaboratore CNR PFE II, 1990 Metodologie di V.I.A. per il trattamento dei rifiuti funzione: collaboratore FIORENTINAMBIENTE, 1990 Sperimentazione di raccolta differenziata multimateriale funzione: collaboratore (nell'ambito di Nuova Ecologia Toscana) PROVINCIA DI FIRENZE 1989, 1990, 1991 Analisi dell'evoluzione della raccolta differenziata (nell'ambito di Nuova Ecologia Toscana) REGIONE TOSCANA Preselezione e di recupero di risorse da rifiuti solidi urbani: analisi delle tecnologie, situazione internazionale e nazionale, scenari di sviluppo., co-autore (nell'ambito di Nuova Ecologia Toscana) REGIONE BASILICATA 1989 Piano Regionale di raccolta differenziata funzione: co-autore REGIONE SARDEGNA, 1989 Piano regionale di raccolta differenziata funzione: collaboratore (nell'ambito di Nuova Ecologia Toscana) ASSOCIAZIONI INTERCOMUNALE VALDARNO, 1987 Piano di raccolta differenziata

9 funzione: co-autore (nell'ambito di Nuova Ecologia Toscana) VARI ENTI PUBBLICI E PRIVATI, 1987, 1988, 1989,1990 Progetti e schede di valutazione tecnico-economico per la raccolta differenziata. funzione: collaboratore (nell'ambito di Nuova Ecologia Toscana)

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010 La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la quarta annualità un indagine

Dettagli

La produzione di rifiuti urbani in Italia

La produzione di rifiuti urbani in Italia La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER 1 RIFIUTI OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE APRILE 2010 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la terza annualità un indagine

Dettagli

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE FEBBRAIO 2012

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE FEBBRAIO 2012 La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE FEBBRAIO 2012 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la quinta annualità un indagine

Dettagli

Il mercato immobiliare residenziale ed il fabbisogno di abitazioni

Il mercato immobiliare residenziale ed il fabbisogno di abitazioni Il mercato immobiliare residenziale ed il fabbisogno di abitazioni Prot.n. DC130060 Firenze 25 novembre 2013 Firenze 25 novembre 2013 1. Motivazioni di mercato e valutazioni sull investimento in abitazioni

Dettagli

REGIONE UFFICIO INCARICO LIVELLO

REGIONE UFFICIO INCARICO LIVELLO ABRUZZO DR ABRUZZO AREA DI STAFF AL DIRETTORE REGIONALE ABRUZZO DR ABRUZZO CENTRO DI ASSISTENZA MULTICANALE DI PESCARA ABRUZZO DR ABRUZZO DIRETTORE REGIONALE AGGIUNTO 1 ABRUZZO DR ABRUZZO UFFICIO ACCERTAMENTO

Dettagli

PROVINCIA DI ANCONA 7 Settore Assetto del Territorio e Ambiente - Area Tutela dell Ambiente -

PROVINCIA DI ANCONA 7 Settore Assetto del Territorio e Ambiente - Area Tutela dell Ambiente - BIBLIOGRAFIA Piano Provinciale Gestione Rifiuti Pag. 355 Piano Provinciale Gestione Rifiuti Pag. 356 BIBLIOGRAFIA GUIDA EUROPEA ALL'AGENDA 21 LOCALE - Fondazione Lombardia per l'ambiente - Milano, 1999

Dettagli

PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI PREVENZIONE, RICICLO E RECUPERO

PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI PREVENZIONE, RICICLO E RECUPERO PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI PREVENZIONE, RICICLO E RECUPERO Il PRB e il coinvolgimento degli attori Il percorso di ascolto e consultazione degli stakeholder

Dettagli

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO -

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO Previnet è in grado di mettere a disposizione dei propri clienti un network

Dettagli

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso Chieti L'Aquila Pescara Teramo Matera Potenza Catanzaro Cosenza Crotone 3 7 3 5 6 4 5 7 6 A03 CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE A06 COSTRUZIONI E TECNICO A07 DISCIPLINE ECONOMICO-AZIENDALI 3 A09 DISCIPLINE

Dettagli

Michele Rasera. Dati personali - Nato a Treviso il 07/09/1965.

Michele Rasera. Dati personali - Nato a Treviso il 07/09/1965. Michele Rasera Dati personali - Nato a Treviso il 07/09/1965. Istruzione - Diploma di Perito Chimico Industriale conseguito nel 1984 presso L'Istituto Tecnico Industriale E. Fermi di Treviso; - Iscritto

Dettagli

L Accordo Quadro Anci-Conai e la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio

L Accordo Quadro Anci-Conai e la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio Levanto, 9 luglio 2015 L Accordo Quadro Anci-Conai e la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio Pierluigi Gorani Area Rapporti con il Territorio Gli imballaggi Una parte del problema 2 La crescita del

Dettagli

Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale

Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale EDIZIONE SETTEMBRE 2010 INDICE 1 CARATTERISTICHE DELLA SPERIMENTAZIONE... 3 2 CONDIZIONI DI ACCESSO ALLA

Dettagli

PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI PREVENZIONE, RICICLO E RECUPERO

PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI PREVENZIONE, RICICLO E RECUPERO PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI PREVENZIONE, RICICLO E RECUPERO milioni di t 10.0 9.0 8.0 7.0 6.0 5.0 4.0 3.0 2.0 1.0 0.0 La produzione dei rifiuti in Toscana 1998-2011

Dettagli

Tabelledettaglioscuolasecondaria.xls Secondaria di I grado

Tabelledettaglioscuolasecondaria.xls Secondaria di I grado PIEMONTE ALESSANDRIA A028 EDUCAZIONE ARTISTICA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA A032 EDUCAZIONE MUSICALE NELLA SCUOLA MEDIA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA A033 EDUCAZIONE TECNICA NELLA SCUOLA MEDIA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA

Dettagli

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI ABRUZZO - MOLISE UFFICIO ISPETTIVO DI PESCARA Pescara, Chieti, L'Aquila, Teramo, Campobasso, Isernia Via Latina n.7 -. 65121 Pescara Telefono 06 5793.3110

Dettagli

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano A cura dell Area Professionale Statistica L Automobile Club d Italia produce ormai da molti anni la pubblicazione Localizzazione degli Incidenti

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I contratti di rete Il monitoraggio sui Contratti di rete di Unioncamere, su dati Infocamere, mette in

Dettagli

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute ABRUZZO Case di cura / Ospedali / Day-Surgery CHIETI e provincia L'AQUILA e provincia PESCARA e provincia Centri diagnostici /Poliambulatori/Studi

Dettagli

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata Mobilità professionale personale ATA profilo professionale DSGA Destinatari dei corsi di di cui all'art. 7 CCNI 3.12.29 - art. 1, comma 2, sequenza contrattuale 25.7.28 - (ex art. 48 CCNL/27) DSGA Personale

Dettagli

Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese

Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese 17 giugno 2013 Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese I dati desk sul credito alle imprese Dall avvento della crisi (dal 2008 in poi) l andamento dei prestiti alle imprese italiane

Dettagli

I rifiuti solidi: introduzione

I rifiuti solidi: introduzione I rifiuti solidi: introduzione Definizione sostanze od oggetti (rientranti in un definito elenco a norma di legge) di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi Strategie di

Dettagli

Elenco Libri Biblioteca sede di via Bombrini - GE rifiuti

Elenco Libri Biblioteca sede di via Bombrini - GE rifiuti Elenco Libri Biblioteca sede di via Bombrini - GE Codice Titolo Primo autore ISBN/ISSN Data 4059 La classificazione dei pericolosi; II edizione Benassai, Sergio 978-88-89260-47-0 2013 4038 Sistri come

Dettagli

Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015

Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015 Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015 Dopo un ulteriore incremento dell 1% il prezzo medio in Italia si attesta a 8,5 euro al mese Forti oscillazioni nei centri minori, pressoché

Dettagli

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria.

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria. Risorse Umane ed Organizzazione Relazioni Industriali Alle Segreterie Nazionali delle OO.SS. SLC-CGIL SLP-CISL UIL-POST FAILP-CISAL CONFSAL. COM.NI UGL-COM.NI Roma, 2 dicembre 2009 OGGETTO: Verbale di

Dettagli

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00012 AREA: Ambiente e Territorio Settore di interesse: Ambiente Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO

MINISTERO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica PRESSO LE SOCIO-RIABILITATIVE ALLE DATE DEL 31 MARZO E 30 GIUGNO 2002

Dettagli

SINTESI DELLO STUDIO

SINTESI DELLO STUDIO SINTESI DELLO STUDIO CARO AFFITTI E COSTO PER LA CASA: DIFFICOLTA DA RISOLVERE Maggio 2009 Nel II semestre 2008 le famiglie italiane per pagare l affitto della casa in cui vivono hanno impiegato il 26,4%

Dettagli

Sfide e opportunità nel settore dei rifiuti

Sfide e opportunità nel settore dei rifiuti Sfide e opportunità nel settore dei rifiuti Luglio 203 Arthur D. Little S.p.A. www.adlittle.com Corso Monforte, 54 2022 Milan Italy Phone +39 02 6737 6 Fax +39 02 6737 625 Via Sardegna, 40 0087 Rome Italy

Dettagli

Breve sintesi - 2012

Breve sintesi - 2012 Breve sintesi - 2012 L Italia e l Europa nel 2012 Nel 2010 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha proclamato un nuovo decennio di iniziative per la Sicurezza Stradale 2011-2020 al fine di ridurre

Dettagli

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00012 AREA: Ambiente e Territorio Settore di interesse: Ambiente Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso

Dettagli

PARTE A) Quadro normativo di riferimento

PARTE A) Quadro normativo di riferimento PARTE A) Quadro normativo di riferimento INDICE 1. NORMATIVA COMUNITARIA... 1 1.1 Lo stato della normativa... 1 1.2 Le politiche e le opzioni gestionali... 2 2. IL CONTESTO NAZIONALE DELLA GESTIONE DEI

Dettagli

SMART CITY INDEX. La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena

SMART CITY INDEX. La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena SMART CITY INDEX La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena Lo Smart City Index Al fine di misurare il livello di smartness di una città, Between ha creato lo Smart City Index, un ranking delle

Dettagli

Il Sistema CONAI e la gestione dei rifiuti di imballaggio

Il Sistema CONAI e la gestione dei rifiuti di imballaggio Il Sistema CONAI e la gestione dei rifiuti di imballaggio Perugia, 27 febbraio 2009 Elisabetta Bottazzoli Area Rapporti con il Territorio CONAI Il modello del COnsorzio NAzionale per il recupero degli

Dettagli

Riciclo TECNICO D IMPIANTI. Figure professionali «La gestione integrata dei rifiuti» DI CONFERIMENTO TRATTAMENTO E RECUPERO

Riciclo TECNICO D IMPIANTI. Figure professionali «La gestione integrata dei rifiuti» DI CONFERIMENTO TRATTAMENTO E RECUPERO Figure professionali «La gestione integrata dei rifiuti» Riciclo TECNICO D IMPIANTI DI CONFERIMENTO GREEN JOBS Formazione e Orientamento TECNICO D IMPIANTI DI CONFERIMENTO, Descrizione attività Un impianto

Dettagli

X^ INDAGINE NAZIONALE A CAMPIONE SULLE TARIFFE DEL SERVIZIO IDRICO NAZIONALE

X^ INDAGINE NAZIONALE A CAMPIONE SULLE TARIFFE DEL SERVIZIO IDRICO NAZIONALE FEDERCONSUMATORI NAZIONALE C.R.E.E.F. CENTRORICERCHE ECONOMICHE, EDUCAZIONE, FORMAZIONE X^ INDAGINE NAZIONALE A CAMPIONE SULLE TARIFFE DEL SERVIZIO IDRICO NAZIONALE 26 aprile 2012 10 Indagine Nazionale

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

Allegato di Piano 1 Quadro normativo e conoscitivo

Allegato di Piano 1 Quadro normativo e conoscitivo Allegato di Piano 1 Quadro normativo e conoscitivo Sommario Premessa 4 1. Rifiuti 5 1.1 Normativa di riferimento 5 1.2 Quadro conoscitivo 11 1.2.1 I rifiuti prodotti in Toscana 12 Il sistema impiantistico

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Prospetto Informativo on line Ricevuta del prospetto Soggetto che effettua la comunicazione 011 - Consorzi e Gruppi di imprese (art. 31, d.lgs. 276/2003)

Dettagli

affittare casa è sempre più conveniente, prezzi giù -4,7% nel 2014

affittare casa è sempre più conveniente, prezzi giù -4,7% nel 2014 affittare casa è sempre più conveniente, prezzi giù -4,7% nel 2014 il prezzo medio ora è di 8,4 euro al metro quadro cali generalizzati nei principali centri: bene padova (1,6), tengono meglio roma (0,1%)

Dettagli

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo ABRUZZO ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo Tel.: 338 7339896 mail: fabrizio.andriano@gmail.com BASILICATA DANIELE RAFFAELE & FIGLI sas Provincia: Potenza Tel.: 335 6226928 mail:

Dettagli

ACCORDO QUADRO ANCI-CONAI 2009/2013. Indagine conoscitiva settembre 2013

ACCORDO QUADRO ANCI-CONAI 2009/2013. Indagine conoscitiva settembre 2013 ACCORDO QUADRO ANCI-CONAI 2009/2013 Indagine conoscitiva settembre 2013 1 Indagine conoscitiva In vista del rinnovo dell Accordo ANCI-CONAI ha promosso un indagine conoscitiva di alcuni aspetti del vigente

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R

F O R M A T O E U R O P E O P E R F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E La sottoscritta Cinzia Vuoto, nata il 28/04/1962 a Modena e residente a Castelverde ( Cr) in Piazza Caduti di Cefalonia n. 1 DICHIARA

Dettagli

V A L E N T I N A C I P R I A N O

V A L E N T I N A C I P R I A N O C U R R I C U L U M V I T A E V A L E N T I N A C I P R I A N O QUALIFICHE PROFESSIONALI Abilitazione alla professione di Ingegnere Novembre 1996 Iscrizione all Albo degli Ingegneri della Provincia di

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE ----------- IL DIRETTORE GENERALE Decreto n.5 VISTO il Contratto collettivo nazionale del Comparto scuola, sottoscritto il 26/05/99, ed in particolare l art.34, che ha delineato il profilo di Direttore

Dettagli

Dati ambientali nelle città Gestione dei rifiuti urbani Anno 2007

Dati ambientali nelle città Gestione dei rifiuti urbani Anno 2007 8 maggio 2009 Dati ambientali nelle città Gestione dei rifiuti urbani Anno 2007 L'Istat presenta i dati sulla gestione dei rifiuti urbani derivanti dall indagine Dati ambientali nelle città che ha coinvolto

Dettagli

CURRICULUM VITAE. STUDI: Diploma di Perito Industriale Elettrotecnico, I.T.I.S. Magistri Cumacini di Como (anno scolastico 1974/1975) votazione 42/60

CURRICULUM VITAE. STUDI: Diploma di Perito Industriale Elettrotecnico, I.T.I.S. Magistri Cumacini di Como (anno scolastico 1974/1975) votazione 42/60 Peverelli p.i. Marco Via Carcano, 88/B 22031 Albavilla (Co) Tel +39 031 628990 Cell. +39 335 6416991 e-mail marco.peverelli@sileaspa.it m.peverelli@libero.it Cod. Fisc. PVRMRC55T18C933J CURRICULUM VITAE

Dettagli

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011 ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011 A CURA DELL AREA PROFESSIONALE STATISTICA FEBBRAIO 2012 A.G. ANDAMENTO MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA

Dettagli

Allegato Tecnico. Normativa ambientale di riferimento e adempimenti per i porticcioli turistici e i campi da golf. Autore. Direzione Scientifica ARPAL

Allegato Tecnico. Normativa ambientale di riferimento e adempimenti per i porticcioli turistici e i campi da golf. Autore. Direzione Scientifica ARPAL LIFE 04 ENV/IT/000437 PHAROS LINEE GUIDA per La predisposizione di sistemi di gestione ambientale secondo i requisiti del Regolamento EMAS II di strutture turistiche importanti (Porticcioli Turistici e

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ITALIA POPOLAZIONE Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 11 A. Le idee importanti l L Italia è uno Stato con 20 regioni e 103 province l In Italia ci sono molte città. Le

Dettagli

07-12-000181 SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI SEZIONE STUDI E STATISTICA

07-12-000181 SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI SEZIONE STUDI E STATISTICA SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI Roma 27 giugno 2012 Prot. n. All.ti n. 07-12-000181 12 Alle Imprese di assicurazione autorizzate all esercizio del ramo R.C. auto con sede legale in Italia LORO

Dettagli

La gamma completa di prodotti/servizi Cribis in convenzione e la relativa scontistica sono riportate di seguito:

La gamma completa di prodotti/servizi Cribis in convenzione e la relativa scontistica sono riportate di seguito: SINTESI CONVENZIONE Cribis D&B è una società di di Business Information e supporto decisionale nata dall acquisizione da parte di CRIF, gruppo globale che si occupa di sistemi di informazioni creditizie

Dettagli

AGRIGENTO Ass. Amministrativo 584 561 23 2 ALESSANDRIA Ass. Amministrativo 332 307 25 2 ANCONA Ass. Amministrativo 451 380 71 5 AREZZO Ass. Amministrativo 337 270 67 5 ASCOLI PICENO Ass. Amministrativo

Dettagli

AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco

AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco http://www.agimeg.it/?p=2768 AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco Giochi 2012, Milano la provincia dove si è giocato di più. In sole 4 province finisce il 25% delle giocate Sul podio anche

Dettagli

Consumo carburanti (litri procapite) % autovetture cilindrata > 2.000 cc 20.511,2 2.725 1.134 519,1 7,33 61,71 5,89 0,41 0,44

Consumo carburanti (litri procapite) % autovetture cilindrata > 2.000 cc 20.511,2 2.725 1.134 519,1 7,33 61,71 5,89 0,41 0,44 LA CLASSIFICA REGIONALE Il confronto tra reddito disponibile e i sette indicatori di consumo nel 2008 Posizione REGIONI Reddito disponibile (euro procapite) Consumi alimentari (euro) Consumo energia elettrica

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane;

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane; Prot. n. 29228 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle

Dettagli

Si riporta una sintesi dei risultati

Si riporta una sintesi dei risultati Le filiere del recupero degli imballaggi in Lombardia Lucia Rigamonti, Mario Grosso, Michele Giugliano L analisi del ciclo di vita (Life Cycle Assessment LCA) consente una visione globale della filiera

Dettagli

ECO. LAN. S.p.a. è una società pubblica costituita da 53 Comuni per un complessivo di circa 160.000 abitanti.

ECO. LAN. S.p.a. è una società pubblica costituita da 53 Comuni per un complessivo di circa 160.000 abitanti. ECO. LAN. S.p.a. è una società pubblica costituita da 53 Comuni per un complessivo di circa 160.000 abitanti. 2 LA ECO. LAN. S. P.A. SI OCCUPA DI SMALTIMENTO, RACCOLTA E TRASPORTO DEI RIFIUTI (SERVIZI

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Nazionalità MATTEO LOMBARDI Italiana Data di nascita 24 settembre 1969 Iscritto all Elenco speciale dell

Dettagli

Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza

Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza 2 Rapporto Famiglia-reddito-casa A cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Novembre 2008 1 INDICE Nota introduttiva pag. 3 Dati demografici pag. 4 Tabella

Dettagli

3 mag 10 mag 17 mag 24 mag 31 mag. La ricerca ha inviato 2.904 totale visite su 1.966 parole chiave

3 mag 10 mag 17 mag 24 mag 31 mag. La ricerca ha inviato 2.904 totale visite su 1.966 parole chiave www.ecotras.com Parole chiave 01/mag/2010-31/mag/2010 Rispetto a: Sito Visite 200 200 100 100 0 0 3 mag 10 mag 17 mag 24 mag 31 mag La ricerca ha inviato 2.904 totale visite su 1.966 parole chiave Uso

Dettagli

1,5% Infrastrutture di base Indice di infrastrutture economiche

1,5% Infrastrutture di base Indice di infrastrutture economiche PRATO Valori medi 21-25 della media 1999-23 e 2-24. (Italia = 1) Umano e le politiche per migliorare il (Siemens-Ambrosetti, 23) Lucca, Siena, PratoArezzo, Livorno Massa Carrara, Pistoia Pisa Grosseto

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA QUALITÀ DELLA VITA DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SULLA QUALITÀ DELLA VITA DELLE IMPRESE OSSERVATORIO SULLA QUALITÀ DELLA VITA DELLE IMPRESE La struttura imprenditoriale Report 2 / 2012 1862-2012 150 anni per lo sviluppo Camera di Commercio Forlì-Cesena UFFICIO STATISTICA E STUDI OSSERVATORIO

Dettagli

La termovalorizzazione: situazione attuale e prospettive future

La termovalorizzazione: situazione attuale e prospettive future La termovalorizzazione: situazione attuale e prospettive future Simona Calà Antonio Messia Claudia Potena Debora Renzoni Luca Rizzitelli Abstract Obiettivo di questo lavoro è valutare la possibilità di

Dettagli

MONOGRAFIE. Classificazione dei Comuni Italiani in base al Livello di attenzione per il Rischio Idrogeologico. Servizio per la Difesa del Territorio

MONOGRAFIE. Classificazione dei Comuni Italiani in base al Livello di attenzione per il Rischio Idrogeologico. Servizio per la Difesa del Territorio Classificazione dei Comuni Italiani in base al Livello di attenzione per il Rischio Idrogeologico MONOGRAFIE A cura del Servizio valutazione impatto ambientale, informazione ai cittadini e per la relazione

Dettagli

Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 2011

Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 2011 GRAFICI STATISTICI Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 211 RAMI VITA - Premi lordi contabilizzati per ramo di attività e per tipologia di premio: 73.869 milioni di euro Malattia,

Dettagli

La valenza strategica della gestione ambientale

La valenza strategica della gestione ambientale Camera di Commercio di Ancona La valenza strategica della gestione ambientale 10 marzo 2008, 14.30-18.30 Antonio Tencati Università Bocconi antonio.tencati@unibocconi.it Stefano Pogutz Università Bocconi

Dettagli

Company Profile. Giugno 2015

Company Profile. Giugno 2015 Company Profile Giugno 2015 Caratteristiche della società Profilo societario AGENIA è una società di consulenza aziendale composta da un team di esperti professionisti, che coniuga un elevata competenza

Dettagli

Tabelle tecniche. First for Steam Solutions

Tabelle tecniche. First for Steam Solutions Tabelle tecniche First for Steam Solutions E X P E R T I S E S O L U T I O N S S U S T A I N A B I L I T Y I NOSTRI PRODOTTI Apparecchiature per vapore e aria compressa scaricatori di condensa filtri ed

Dettagli

Centro studi MatER. Il Caso di Studio del Legno

Centro studi MatER. Il Caso di Studio del Legno Centro studi MatER Materia & Energia da Rifiuti Il Caso di Studio del Legno Riciclaggio e Ciclo di Recupero 10 Dicembre 2013 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. IL RICICLAGGIO DEL LEGNO...3 3. IL RUOLO DI RILEGNO...5

Dettagli

A GENOVA I GIOVANI VIVONO MEGLIO

A GENOVA I GIOVANI VIVONO MEGLIO Tel. 0392807521 0392807511 Gli under 30 italiani e la qualità della vita per provincia A GENOVA I GIOVANI VIVONO MEGLIO Nel capoluogo ligure gli under 30 hanno più opportunità a livello lavorativo e più

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Nazionalità MATTEO LOMBARDI Italiana Data di nascita 24 settembre 1969 Iscritto all Elenco speciale dell Ordine dei Geologi della Regione

Dettagli

A CURA DELL OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DI. c è un nido? RILEVAZIONE ANNUALE SUi costi e numero degli ASILI NIDO in italia

A CURA DELL OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DI. c è un nido? RILEVAZIONE ANNUALE SUi costi e numero degli ASILI NIDO in italia A CURA DELL OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DI c è un nido? RILEVAZIONE ANNUALE SUi costi e numero degli ASILI NIDO in italia Settembre 2015 Asili nido comunali Dossier a cura dell Osservatorio prezzi &

Dettagli

progetto, collaboratore)

progetto, collaboratore) progetto, collaboratore) Gestione ambientale nelle Pubbliche Amministrazioni Supporto alla Regione Emilia Romagna per la conservazione e lo sviluppo delle infrastrutture verdi e dei servizi ecosistemici

Dettagli

TRASPARENZA E INFORMAZIONE: IL CASO DI COMUNI E REGIONI

TRASPARENZA E INFORMAZIONE: IL CASO DI COMUNI E REGIONI TRASPARENZA E INFORMAZIONE: IL CASO DI COMUNI E REGIONI Analisi della UIL sui siti internet dei Comuni Capoluogo di Provincia e delle Regioni Roma Agosto 2008 UIL- Servizio Politiche Territoriali TRASPARENZA

Dettagli

Reti, convenzioni e altre forme di collaborazione: esiti del monitoraggio

Reti, convenzioni e altre forme di collaborazione: esiti del monitoraggio Reti, convenzioni e altre forme di collaborazione: esiti del monitoraggio a cura della cabina di regia della rete Qualità e sviluppo dei licei musicali e coreutici Gruppo di Lavoro Curricolo verticale

Dettagli

DOSSIER FOTOGRAFIA: imprese e import/export di strumenti ottici e attrezzature fotografiche a Milano, in Lombardia e in Italia nel 2006

DOSSIER FOTOGRAFIA: imprese e import/export di strumenti ottici e attrezzature fotografiche a Milano, in Lombardia e in Italia nel 2006 DOSSIER FOTOGRAFIA: imprese e import/export di strumenti ottici e attrezzature fotografiche a Milano, in Lombardia e in Italia nel A cura della Camera di commercio di Milano Imprese attive nel settore

Dettagli

RISTORANTI ETNICI. Quanti sono e dove sono?

RISTORANTI ETNICI. Quanti sono e dove sono? L INFLUSSO DELLA CUCINA ETNICA SULLE ABITUDINI ALIMENTARI DEGLI ITALIANI L integrazione alimentare coinvolge di più i giovani e i residenti al Nord e al Centro A Milano, Prato e Trieste la maggiore presenza

Dettagli

1. GLI OBBIETTIVI DELL OSSERVATORIO RIFIUTI - OPR 2. L INTRODUZIONE DELLA PIATTAFORMA RIFIUTI

1. GLI OBBIETTIVI DELL OSSERVATORIO RIFIUTI - OPR 2. L INTRODUZIONE DELLA PIATTAFORMA RIFIUTI PIATTAFORMA RIFIUTI ARGOMENTI: 1. GLI OBBIETTIVI DELL OSSERVATORIO RIFIUTI - OPR 2. L INTRODUZIONE DELLA PIATTAFORMA RIFIUTI 3. I RISULTATI DA RAGGIUNGERE 4. CONCLUSIONI 1. GLI OBBIETTIVI DELL OSSERVATORIO

Dettagli

Decreto del Ministero dello Sviluppo economico 19 giugno 2015

Decreto del Ministero dello Sviluppo economico 19 giugno 2015 Decreto del Ministero dello Sviluppo economico 19 giugno 2015 Individuazione dei bacini d'utenza ad alta densita' territoriale soggetti a maggiorazione del contributo dovuto ai sensi del decreto 19 aprile

Dettagli

Distributori RCS Education

Distributori RCS Education Distributori RCS Education ABRUZZO Bookservice S.r.l. Gross Ancona Via Albertini 36 60131 Ancona Tel: 071 2861810 Fax: 071 2861642 Email: bookserv@tin.it BASILICATA per la provincia di: Matera CE.DI. Puglia

Dettagli

AREZZO GROSSETO SIENA

AREZZO GROSSETO SIENA AREZZO GROSSETO SIENA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA (VAS) DEL PIANO INTERPROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ED ASSIMILATI E DEI RIFIUTI SPECIALI ANCHE PERICOLOSI DELL ATO TOSCANA SUD Rapporto

Dettagli

LA PREVENZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI NELLA PIANIFICAZIONE REGIONALE

LA PREVENZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI NELLA PIANIFICAZIONE REGIONALE LA PREVENZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI NELLA PIANIFICAZIONE REGIONALE PIANO d AZIONE per la RIDUZIONE dei RIFIUTI urbani (P.A.R.R.) L.R. 26/03 stabilisce che: art. 14 il sistema regionale di gestione

Dettagli

anche operatori del recupero ed associazioni della filiera cartaria.

anche operatori del recupero ed associazioni della filiera cartaria. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI Carta dei Servizi 3 Premessa Per assicurare il riciclo degli imballaggi, in Italia è operativo un sistema consortile costituito da sei Consorzi di filiera, uno per

Dettagli

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

Studi e ricerche sull economia dell immigrazione. Ingresso degli stranieri in Italia Anno 2010. Estratto dal

Studi e ricerche sull economia dell immigrazione. Ingresso degli stranieri in Italia Anno 2010. Estratto dal Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Ingresso degli stranieri in Italia Anno 2010 Estratto dal Rapporto annuale sull economia dell immigrazione, edizione 2011 edito da Il Mulino Introduzione

Dettagli

Giorgio Ghiringhelli. Membro del collegio dei Probi Viri. Presidente Commissione Controllo impianto di compostaggio

Giorgio Ghiringhelli. Membro del collegio dei Probi Viri. Presidente Commissione Controllo impianto di compostaggio INFORMAZIONI PERSONALI Giorgio Ghiringhelli Via dei Mille 1, 21052 Busto Arsizio (VA), Italy +39 0331 777991 +39 340 5861394 giorgioghiringhelli@gmail.com, ghiringhelli@arsambiente.it, ad@accam.it, gghringhelli@liuc.it

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome CAMPANA GIORGIA Indirizzo Via Severino Ferrari n 8 Bologna Telefono 348 2330407 E-mail campana@cogruppo.it Nazionalità italiana Data

Dettagli

I primi effetti delle misure sul credito: dopo TLTRO e QE una prima inversione di tendenza

I primi effetti delle misure sul credito: dopo TLTRO e QE una prima inversione di tendenza 8 giugno 2015 I primi effetti delle misure sul credito: dopo TLTRO e QE una prima inversione di tendenza Premessa: quadro dei dati desk e andamento del credit crunch Dall avvento della crisi economica

Dettagli

Il giorno 26 Gennaio dell'anno 2010, presso la Regione Toscana sono presenti,

Il giorno 26 Gennaio dell'anno 2010, presso la Regione Toscana sono presenti, PROTOCOLLO DI INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, REVET S.p.A E COREPLA PER IL MIGLIORAMENTO E L INCREMENTO DEL RICICLAGGIO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGI MISTI IN PLASTICA Il giorno 26 Gennaio dell'anno 2010, presso

Dettagli

SCHEDA DI ADESIONE AL PROGETTO LINGUE 2000 ANNO SCOLASTICO 2000/2001 (da inviare al Provveditorato entro il 30/09/2000)

SCHEDA DI ADESIONE AL PROGETTO LINGUE 2000 ANNO SCOLASTICO 2000/2001 (da inviare al Provveditorato entro il 30/09/2000) Lettera circolare n 195/2000 Allegato 1/1 SCHEDA DI ADESIONE AL PROGETTO LINGUE 2000 ANNO SCOLASTICO 2000/2001 (da inviare al Provveditorato entro il 30/09/2000) 1. DATI GENERALI DELLA SCUOLA DATI ANAGRAFICI

Dettagli

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3]

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] COMUNE DI AGLIANO TERME Provincia di Asti RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] 1 A. MODELLO GESTIONALE E ORGANIZZATIVO (ART. 8 D.P.R. n.158/1999, comma 3, lettera

Dettagli

MODULO LOCALE. Quotidiani e periodici con diffusione locale

MODULO LOCALE. Quotidiani e periodici con diffusione locale MODULO LOCALE Quotidiani e periodici con diffusione locale ABRUZZO Chieti Centro (il) - ed. Chieti Lanciano-Vasto L Aquila Centro (il) - ed. l'aquila Avezzano Sulmona Pescara Centro (il) Pescara Centro

Dettagli

CAPITOLO 4 - LA PROGRAMMAZIONE D EMERGENZA

CAPITOLO 4 - LA PROGRAMMAZIONE D EMERGENZA CAPITOLO 4 - LA PROGRAMMAZIONE D EMERGENZA 4.1 IL PIANO DEGLI INTERVENTI PRIORITARI L Ordinanza n. 2983/99, all art. 1, nominava il Presidente della Regione siciliana commissario delegato per la predisposizione

Dettagli

Raccogliere e riciclare in qualità e quantità per realizzare una gestione veramente sostenibili dei rifiuti

Raccogliere e riciclare in qualità e quantità per realizzare una gestione veramente sostenibili dei rifiuti Raccogliereericiclareinqualitàequantitàperrealizzareunagestioneveramente sostenibilideirifiuti UmbertoArena ProfessoreordinariodiImpiantidiTrattamentodeirifiutisolidi DipartimentodiScienzeAmbientali SecondaUniversitàdiNapoli

Dettagli

107/2015 e al D.D.G. 767/2015 Diffida ad adempiere.

107/2015 e al D.D.G. 767/2015 Diffida ad adempiere. RACCOMANDATA A/R Spett. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA in persona del ministro pro tempore Viale Trastevere 76/A 00153 - ROMA OGGETTO: Domanda di ammissione alle Fasi del piano

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

CRISI Confartigianato: La crisi del credito costa alle imprese 13,8 miliardi l anno

CRISI Confartigianato: La crisi del credito costa alle imprese 13,8 miliardi l anno NOTA PER LA STAMPA Roma, 17 aprile 2009 CRISI Confartigianato: La crisi del credito costa alle imprese 13,8 miliardi l anno Le imprese italiane pagano un prezzo sempre più alto per la crisi del credito:

Dettagli

Raccolta e riciclo dell Alluminio Allegato Tecnico CiAl

Raccolta e riciclo dell Alluminio Allegato Tecnico CiAl CiAl Consorzio Imballaggi Alluminio N. Registro I-000492 Raccolta e riciclo dell Alluminio Allegato Tecnico CiAl Giuseppina Carnimeo Consorzio Imballaggi Alluminio Bergamo, 31 maggio 2012 Il Consorzio

Dettagli

Confartigianato lancia l allarme sommerso: in Italia 640.000 abusivi

Confartigianato lancia l allarme sommerso: in Italia 640.000 abusivi Confartigianato lancia l allarme sommerso: in Italia 640.000 abusivi Calabria e Crotone maglia nera per il lavoro irregolare Primato positivo per Emilia Romagna e Bolzano L economia sommersa arruola un

Dettagli

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA MONITORAGGIO SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI E SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DESTINATA AL RICICLAGGIO Per poter premiare le situazioni più virtuose nella gestione

Dettagli