VALUTAZIONE DI RATING SOLLECITATO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VALUTAZIONE DI RATING SOLLECITATO"

Transcript

1 VALUTAZIONE DI RATING SOLLECITATO Il rating è stato sollecitato dalla controparte, o da suoi intermediari, e pertanto CRIF Rating Agency ha percepito un compenso a fronte dell esercizio analitico effettuato. Rating Summary: SEA S.p.A. 28 Febbraio 2014 BB+/stabile ELEMENTI CHIAVE DEL RATING Analista principale: Luigi Maccioccu, Rating Analyst Tel.: Analista secondario: Christian De Rose, Rating Analyst Tel.: Approvazione: Armando Guermandi, Presidente Comitato di Rating Data di prima pubblicazione del Rating: 28/02/2014 Data di pubblicazione dell ultima revisione del rating: Metodologia utilizzata: CRIF Rating Methodology: Emittenti Corporate; Validazione del rating CRIF; (http://www.creditrating.crif.com). CRIF Rating Agency assegna il rating sollecitato BB+ a SEA S.p.A. ( SEA ), società di servizi attiva nel settore della Consulenza Tecnica (Sicurezza, Qualità, Ambiente) e nella fornitura di servizi e soluzioni integrate per la gestione impianti di depurazione, bonifica, trattamento rifiuti. Il rating riflette la crescita dei ricavi nel medio termine e il posizionamento competitivo della società che, in un contesto dominato da operatori di grandi dimensioni, spesso fortemente integrati in senso verticale e con elevata standardizzazione dei servizi, persegue un approccio di servizio personalizzato ed integrato. Il rating fattorizza, inoltre, investimenti nei prossimi anni per circa 6 milioni, che SEA prevede di sostenere in qualità di Main Contractor per lo sviluppo di iniziative infrastrutturali nel settore ambientale sul territorio italiano, e la programmata emissione obbligazionaria dell importo massimo di 5 milioni, destinata a finanziarie in via prevalente gli investimenti. Le prospettive stabili riflettono le aspettative di CRIF Rating Agency circa la stabilizzazione del quadro normativoregolamentare del settore idricoambientale. Punti di forza 1. Diversificazione delle attività e della clientela. SEA presenta una tangibile diversificazione delle attività (servizi di consulenza, analisi di laboratorio, attività di realizzazione e gestione impianti di depurazione, bonifica e trattamento dei rifiuti) ponendosi come unico interlocutore, attraverso soluzioni integrate ad elevato contenuto tecnologico in materia di qualità, sicurezza, ambiente e gestione impiantistica. Pur realizzando una significativa quota di fatturato con una primaria Pubblica Amministrazione, la cui commessa pluriennale garantisce stabilità dei ricavi, la clientela presenta un equilibrato mix tra committenti pubblici e privati. 2. Portafoglio ordini e contratti di mediolungo termine. Il fatturato è garantito per circa un terzo dai ricavi per servizi di gestione degli impianti di depurazione, in concessione da parte di primarie Amministrazioni Pubbliche. La restante parte dei ricavi è riferita per oltre la metà a commesse pluriennali già contrattualizzate. CRIF Rating Agency ritiene che tale composizione del portafoglio ordini garantisca stabilità del giro d affari e consenta a SEA una più efficiente programmazione delle risorse finanziarie e umane. 3. Buone prospettive di sviluppo per la necessità di investimenti. Il settore idricoambientale presenta notevoli potenzialità di sviluppo connesse al comparto depurativo, rappresentato da impianti obsoleti (la stima di investimenti in Italia per i prossimi cinque anni si attesta, secondo l AEEG, a circa 25 miliardi) e al riordino del sistema nazionale di gestione dei rifiuti urbani, che potrebbero rappresentare opportunità di crescita per SEA. Tuttavia, nonostante le incombenti sanzioni comminate dalla Unione È vietata la riproduzione. 1 di 6 Rating Sollecitato

2 Europea, gli investimenti delle PA restano vincolati ai fondi stanziati dalla Comunità Europea ed ai tempi di assegnazione degli stessi alle autorità locali competenti, oltre che risultano fortemente influenzati dalle inefficienze burocratiche, da cui potrebbero derivare ritardi nelle tempistiche di esecuzione dei lavori ovvero nei pagamenti. Criticità 1. Esposizione finanziaria in peggioramento. La Posizione Finanziaria Netta (PFN) ha mostrato nel 2013 un peggioramento (attestandosi a 4,6 milioni) per il maggior ricorso all indebitamento bancario a breve termine per finanziare i ritardi negli incassi di crediti verso alcune Pubbliche Amministrazioni e l avanzamento lavori di una rilevante commessa. Secondo CRIF Rating Agency, la PFN dovrebbe crescere anche nel biennio a causa delle nuove risorse necessarie a finanziare gli investimenti, portando gli indici PFN/PN da circa 1x (triennio ) a circa 1,5x e PFN/Ebitda da circa 3x (triennio ) a 3,5x. 2. Inefficienze da sottodimensionamento. La strategia di servizio integrato e personalizzato perseguita da SEA non ha consentito, finora, il raggiungimento di significative economie di scala, anche in considerazione del limitato giro d affari. La marginalità risulta, infatti, influenzata dal costo del lavoro (elevato per la specializzazione e le competenze tecniche richieste al personale) e dai costi per servizi. Secondo CRIF Rating Agency, la crescita del fatturato, che dovrebbe raggiungere 2022 milioni nel con un Ebitda margin stabile intorno al 9%, dovrebbe contribuire a ridurre tali inefficienze grazie alla replicabilità dei progetti. 3. Potenziali rischi ambientali e legali. Il settore ambientale in Italia è regolamentato in maniera stringente da normative europee e nazionali (in particolare dal D.lgs. 152/06), visto il potenziale rischio ambientale derivante dall attività svolta dagli operatori del settore. Provvedimenti legali avversi potrebbero avere significativi impatti su strutture di ridotte dimensioni. Le competenze e l esperienza maturate da SEA nella valutazione e nel contenimento dei rischi ambientali, le certificazioni gestionali e di qualità acquisite, oltre alle coperture assicurative, dovrebbero mitigare tale rischio. PROFILO DELL EMITTENTE SEA nasce nel 1989 per iniziativa dell attuale azionista e il Gruppo PVB (inizialmente socio al 60%), operatore trentino nel settore energetico, con cui la società ha mantenuto rapporti di collaborazione per lo sviluppo di soluzioni industriali. Il capitale sociale di SEA è oggi interamente posseduto da MG & Partners S.p.A., holding con attività di indirizzo e coordinamento amministrativo e commerciale, la cui proprietà è suddivisa tra Luca Maurina (attuale Presidente del C.d.A. e A.D. di SEA) al 75%, e Anna Giovannini (25%). SEA è una società di consolidata esperienza specializzata nella consulenza tecnica e nella fornitura di servizi e soluzioni integrate, rivolte sia al settore pubblico (gestione in concessione di impianti di depurazione, trattamento rifiuti e valorizzazione energetica) sia al settore privato (consulenza sulla Qualità Sicurezza e Ambiente, governance, tracciabilità alimentare, analisi di laboratorio, medicina del lavoro). SEA controlla direttamente le seguenti società: Depurazione Occidentale S.c. a r.l. (51%), costituita nel 2000 è concessionaria per l Agenzia per la Depurazione (ADEP) della Provincia Autonoma di Trento (PAT) per il servizio di gestione e manutenzione degli impianti di depurazione nel bacino idrico occidentale del Trentino; Veneta Recuperi Ambiente S.r.l. (70%), costituita nel 2013 a seguito dell acquisizione del ramo d azienda di proprietà della Veneta Recuperi S.a.s. e relativo alla gestione in concessione di un impianto di trattamento rifiuti; Bio.Pol S.p.A. (51%), costituita nel 2013 (non ancora operativa) con il ruolo di subholding dedicata agli investimenti in progetti di realizzazione e gestione impianti di trattamento della frazione organica dei rifiuti urbani (Forsu) con conseguente recupero energetico; Sea Ecology Perù (55%), costituita nel 2012 a Lima (Perù), in collaborazione con partner locali, con finalità di costruzione e gestione di un impianto di trattamento rifiuti da realizzarsi in project financing (non ancora operativa). È vietata la riproduzione. 2 di 6 Rating Sollecitato

3 BUSINESS RISK Valore della Produzione (2013A) ( mln) Appalti e Soluzioni 10,6 69% Consulenza e Servizi 3,4 22% Laboratorio analisi 1,4 9% Totale 15,4 100% Fonte: dati forniti dalla società % All interno del comparto dei servizi inerenti qualità, sicurezza e ambiente (QSA) e gestione impianti, SEA è focalizzata sull offerta di soluzioni integrate altamente personalizzate, e pertanto attualmente non replicabili su larga scala. Il portafoglio clienti è costituito da enti pubblici (amministrazioni locali e loro emanazioni) e soggetti privati (piccole imprese industriali) che necessitano di soluzioni su misura per la depurazione e la gestione dei rifiuti. Il fatturato è realizzato in Italia, in particolare nella PAT, in Veneto, Sardegna e Sicilia. Recentemente la società ha intrapreso collaborazioni con operatori esteri (Romania, Libia, Perù) che dovrebbero consentire nel lungo termine l espansione sui mercati internazionali. Il business mix appare diversificato, con particolare vocazione alla consulenza e allo sviluppo di soluzioni innovative, e comprende principalmente le attività di Depurazione e Bonifica (tipicamente in appalto da enti pubblici), attività di Trattamento Rifiuti e Recupero Energetico (in fase di sviluppo), Consulenza in materia di QSA (adempimenti normativi, sistemi di governance, medicina del lavoro), Analisi di laboratorio (monitoraggio ambientale e tracciabilità alimentare). SEA si pone come Main Contractor nel settore idricoambientale, dotato di capacità relazionali tali da coordinare efficientemente i diversi attori coinvolti, al fine di cogliere le opportunità offerte dalla realizzazione e la gestione di impianti di depurazione e per trattamento rifiuti urbani (Forsu) e loro derivati (CSS) con loro valorizzazione energetica; su questo fronte la società può sfruttare sia le opportunità di ricavo derivanti dalla conduzione degli impianti (contratti di Operation & Maintenance O&M) sia le opportunità di cessione degli stessi a terzi soggetti. Il posizionamento strategico perseguito, poco attrattivo per i grandi operatori del settore idricoambientale, orientati alla realizzazione di grossi volumi con elevato livello di standardizzazione e gestione integrata verticalmente, riduce il rischio di potenziali nuovi entranti, soprattutto in Trentino in cui risulta essere ben radicata, e consente a SEA di proporsi come operatore nazionale grazie alle competenze e all esperienza maturate. CRIF Rating Agency ritiene che SEA presidi efficacemente i principali fattori critici di successo di questa nicchia: senza tralasciare il rispetto di elevati standard qualitativi, per i quali è dotata delle dovute certificazioni, SEA presenta riconosciute competenze e flessibilità operativa riuscendo a implementare soluzioni tarate sulle esigenze specifiche del singolo committente o contesto di riferimento, grazie alla consolidata esperienza sia consulenziale sia di gestione (oltre 60 impianti di depurazione gestiti in Trentino); data la particolare natura del settore idricoambientale, con vincoli normativi specifici e prevalenza di clientela pubblica, la società monitora attentamente i fattori esterni, quali la pubblicazione di bandi di gara per l aggiudicazione di appalti pubblici, l evoluzione della normativa di settore e lo stanziamento di fondi comunitari destinati a specifici interventi infrastrutturali; l approccio customer oriented rappresenta un vantaggio competitivo nelle relazioni con la clientela (pubblica o privata) di più ridotte dimensioni, maggiormente propensa all interazione con un unico interlocutore che possa offrire in maniera efficiente un ampio ventaglio di servizi integrati, permettendo alla società di cogliere anche le opportunità di crossselling. È vietata la riproduzione. 3 di 6 Rating Sollecitato

4 Mln FINANCIAL RISK Principali dati finanziari ( mln) 2013A 2012A 2011A VdP 15,4 13,8 13,7 Ebitda 1,4 1,2 1,3 Ebit 0,8 0,8 0,9 Utile/Perdita 0,5 0,4 0,5 CIN 9,0 7,1 7,3 PN 4,4 3,9 3,5 PFN 4,6 3,3 3,9 Fonte: Bilanci Individuali al 30 giugno 2013A 2012A 2011A Ebitda margin 8,9% 8,7% 9,7% Ebit margin 5,5% 5,6% 6,9% PFN/Ebitda 3,4 2,7 2,9 PFN/PN 1,0 0,8 1,1 Fonte: Bilanci Individuali al 30 giugno Lo scenario base di CRIF Rating Agency riflette lo sviluppo del fatturato a un CAGR del 15% circa nel periodo , che tiene conto dei ricavi già contrattualizzati fino al Gli investimenti previsti nel triennio (nuovi progetti funzionali allo sviluppo del giro d affari della società, concentrati in particolare nel primo anno) ammontano a circa 6 milioni e saranno finanziati attraverso nuovo debito (leasing, mutuo bancario e emissione obbligazionaria). CRIF Rating Agency stima che la gestione operativa corrente dovrebbe essere in grado di generare flussi di cassa positivi a parziale copertura del fabbisogno finanziario derivante dalle attività di investimento. La crescita del Valore della Produzione (VdP) nell ultimo triennio ( ), equivalente ad un CAGR del 6%, deriva dalla focalizzazione delle attività di SEA sulla fornitura di soluzioni integrate per la depurazione e la bonifica e dall effetto indotto da queste ultime sulle linee di attività tradizionali legate alla consulenza e alle analisi di laboratorio. Sebbene parte delle nuove iniziative previste nel periodo possa essere soggetta a ritardi derivanti dalle inefficienze burocratiche della Pubblica Amministrazione, CRIF Rating Agency ritiene che il fatturato di SEA prosegua il trend degli esercizi precedenti crescendo fino a 2022 milioni circa nel periodo , in virtù del portafoglio ordini che include commesse pluriennali già contrattualizzate. I dati semestrali al 31 dicembre 2013 mostrano, in assenza di fenomeni di stagionalità, un andamento tendenzialmente in linea rispetto al forecast 2014 elaborato dal management. L Ebitda, in leggera crescita nell ultimo triennio, si è attestato a 1,4 milioni nel 2013 (con un Ebitda margin pari al 9%), evidenziando al contempo la maggiore incidenza del costo del lavoro e dei costi per servizi (outsourcing per le lavorazioni esterne) dovuta principalmente ai maggiori investimenti necessari per sviluppare le linee di attività relative alla fornitura di soluzioni per depurazione, smaltimento rifiuti e bonifica. La fase di avvio delle nuove iniziative, i cui investimenti si concentrano nel 2014, si dovrebbe tradurre inizialmente in un Free Cash Flow Operativo (FCFO) negativo; la generazione di significativi flussi di cassa positivi è invece attesa, secondo le stime di CRIF Rating Agency, a partire dal Revenue Run Off per ASA La PFN di SEA ha mostrato un trend crescente nel triennio , attestandosi a 4,6 milioni a fine esercizio 2013 (30 giugno), a causa del maggior utilizzo delle linee di credito bancarie a revoca per finanziare i ritardi negli incassi di crediti verso alcune Pubbliche Amministrazioni e l avanzamento lavori di una rilevante commessa. La società dispone di un adeguato margine sulla disponibilità delle linee a breve concesse dagli Istituti bancari, che presentano utilizzi medi inferiori al 40% dell accordato, garantendosi un sufficiente buffer di liquidità per far fronte alle esigenze di capitale circolante. CRIF Rating Agency stima un ulteriore crescita della PFN fino a 6,5 milioni circa nel periodo , che dovrebbe attestare gli indici PFN/PN a circa 1,5x (da circa 1x nel triennio ) e PFN/Ebitda a circa 3,5x (da circa 3x) per effetto di: FY13 FY14 FY15 FY16 Appalti & Soluzioni Consulenza & Servizi Laboratorio analisi emissione di un prestito obbligazionario amortizing per un importo massimo di 5 milioni con scadenza a 5 anni (rate annuali costanti a partire dal 2015); 0,5 1,0 1,5 2,0 2,5 3,0 3,5 4,0 4,5 5,0 5,0 4,0 3,0 2,0 1,0 1,0 2,0 3,0 4,0 5,0 6,0 PFN ( mln) e indici di indebitamento FY11FY13 1,5 1,0 0,5 0,5 1,0 1,5 2,0 2,5 3,0 3,5 4,0 FY11A FY12A FY13A PFN (sx) PFN/PN (dx) PFN/EBITDA (dx) PFN e CCN ( mln) FY11FY13 FY11A FY12A FY13A PFN (sx) CCN (sx) PN (sx) leasing di circa 3 milioni acceso nel secondo semestre del 2013 per la realizzazione di un nuovo impianto di trattamento fanghi da depurazione; mutuo bancario di 1 milione e scadenza 5 anni, acceso nel secondo semestre del 2013, per finanziare l attività di realizzazione impianti di depurazione. I debiti finanziari a mediolungo termine (mutui, leasing e bond) hanno scadenza oltre il 2018, con un rimborso annuo medio di circa 1,8 milioni nel periodo La nuova finanza dovrebbe comportare inoltre un peggioramento dell Interest Coverage Ratio (pari 8x circa nel 2013, grazie al limitato ricorso alle linee di credito a breve e ad un equilibrato mix tra fonti proprie e fonti di terzi), che secondo le proiezioni di CRIF Rating Agency si dovrebbe attestare a 45x nel periodo È vietata la riproduzione. 4 di 6 Rating Sollecitato

5 DETTAGLIO RATING Azienda: SEA S.p.A. Codice fiscale: Tipologia di Rating: Rating Solicited sottoposto a monitoraggio Classe di Rating: BB+ Outlook/Credit Watch Outlook stabile Impresa caratterizzata da elementi di rischio di business e/o Descrizione Rating: finanziari che la espongono a condizioni economiche o di mercato maggiormente avverse rispetto all investment grade. Il rischio di default rimane comunque accettabile. Data di prima pubblicazione del Rating 28/02/2014 Data di pubblicazione dell ultima revisione del Rating Metodologia utilizzata: CRIF Rating Methodology: Emittenti Corporate (http://www.creditrating.crif.com) Modificato a seguito della comunicazione: No FONTI INFORMATIVE CONSULTATE al 07/02/2014 Visura Camerale ordinaria Procedure concorsuali Archivio protesti Informazioni da Tribunali e da Uffici di Pubblicità immobiliare Bilancio Individuale al 30/06/2013 Documentazione societaria di natura privata fornita dall impresa Altre informazioni pubbliche e proprietarie CLASSE DI RATING RISK ASSESSMENT AAA AAA Impresa stabile caratterizzata da un'eccellente situazione di equilibrio finanziario. Il rischio di default è estremamente basso AA A BBB BB B CCC D AA + AA AA A + A A BBB + BBB BBB BB + BB BB B + B B CCC D1 D2 Impresa caratterizzata da una solida capacità di rimborso. Il rischio di default è molto basso Impresa caratterizzata da un'elevata capacità di rimborso del debito, ma influenzabile da avverse situazioni economiche e finanziarie. Il rischio di default è basso Impresa caratterizzata da un'adeguata capacità di rimborsare il debito. Il rischio di default è contenuto benché legato agli andamenti di mercato Impresa caratterizzata da elementi di rischio di business e/o finanziari che la espongono a condizioni economiche o di mercato maggiormente avverse rispetto all'investment grade. Il rischio di default rimane comunque accettabile Impresa che rileva una struttura finanziaria vulnerabile. Il rischio di default è significativamente influenzato da avverse condizioni economiche e finanziarie Impresa caratterizzata da carenze rilevanti sotto il profilo finanziario, molto vulnerabile e dipendente prevalentemente dalle condizioni del contesto economico finanziario. Il rischio di default è significativo Presenza di informazioni pubbliche che evidenziano insolvenze e/o crediti allo stato inadempiuti Presenza di proceduta concorsuale o pregiudizievole per uno stato di insolvenza conclamato o temporaneo del soggetto Il default D1 può essere di natura selettiva qualora l inadempimento riguardi solo specifiche obbligazioni e CRIF non ritenga che tale situazione si estenda alla maggioranza/totalità delle obbligazioni. In questo caso il rating è indicato con D1S. È vietata la riproduzione. 5 di 6 Rating Sollecitato

6 DISCLAIMER Il rating attribuito da CRIF rappresenta l esito di un giudizio indipendente sull entità valutata. In accordo con la politica in materia di conflitto d interesse di CRIF, le persone intervenute nell attribuzione del rating risultano non avere conflitti d interesse con l entità valutata. Il rating è basato su informazioni di fonte pubblica, su informazioni disponibili sui siti aziendali e su eventuali altre informazioni confidenziali fornite dall impresa. Il rating è altresì basato su un quadro informativo giudicato completo ed affidabile dagli analisti di rating; in assenza dei requisiti di completezza e affidabilità, CRIF si astiene dall emettere il rating. CRIF non è tuttavia responsabile della veridicità delle informazioni utilizzate per l attribuzione del rating, sulle quali non svolge alcuna attività di audit né assume obbligazioni di verifiche indipendenti/due diligence. I rating di CRIF sono attribuiti sulla base delle linee guida metodologiche definite all interno di CRIF Rating Agency e sono il risultato di un lavoro collegiale, non potendo dunque essere ascritto alla responsabilità dei singoli analisti. Il rating è un opinione fornita da CRIF Rating Agency, sul merito di credito dell entità valutata e non costituisce in alcun modo raccomandazione a comprare, vendere o detenere titoli o altri strumenti finanziari emessi dalla stessa. CRIF si riserva il diritto di aggiornare o ritirare in qualsiasi momento i rating emessi, in accordo con le linee guida metodologiche e di processo definite all interno di CRIF Rating Agency. I rating di CRIF sono richiesti e remunerati dalle entità valutate, da soggetti terzi a questa riferiti o da investitori, ovvero assegnati dall agenzia di propria iniziativa laddove si ravvisi un interesse, ancorché indiretto, dal mercato. CRIF è manlevata dall utilizzo indiscriminato del Rating da parte del CLIENTE. È vietata la riproduzione. 6 di 6 Rating Sollecitato

VALUTAZIONE DI RATING SOLLECITATO

VALUTAZIONE DI RATING SOLLECITATO VALUTAZIONE DI RATING SOLLECITATO Il rating è stato sollecitato dalla controparte, o da suoi intermediari, e pertanto CRIF Rating Agency ha percepito un compenso a fronte dell esercizio analitico effettuato.

Dettagli

VALUTAZIONE DI RATING SOLLECITATO

VALUTAZIONE DI RATING SOLLECITATO VALUTAZIONE DI RATING SOLLECITATO Il rating è stato sollecitato dalla controparte, o da suoi intermediari, e pertanto CRIF Rating Agency ha percepito un compenso a fronte dell esercizio analitico effettuato.

Dettagli

CRIF RATING METHODOLOGY. Emittenti Corporate. Febbraio 2014. Emittenti Corporate. È vietata la riproduzione. Pag. 1 di 11 CRIF Rating Methodology

CRIF RATING METHODOLOGY. Emittenti Corporate. Febbraio 2014. Emittenti Corporate. È vietata la riproduzione. Pag. 1 di 11 CRIF Rating Methodology CRIF RATING METHODOLOGY Febbraio 2014 È vietata la riproduzione. Pag. 1 di 11 Sommario 1 IL RATING CRIF: DEFINIZIONI... 3 2 SCALA DI RATING... 6 3 IL PROCESSO DI ATTRIBUZIONE DEL RATING... 7 4 METODOLOGIA

Dettagli

VALUTAZIONE DI RATING SOLLECITATO

VALUTAZIONE DI RATING SOLLECITATO VALUTAZIONE DI RATING SOLLECITATO Il rating è stato sollecitato dalla controparte, o da suoi intermediari, e pertanto CRIF Rating Agency ha percepito un compenso a fronte dell esercizio analitico effettuato.

Dettagli

VALUTAZIONE DI RATING SOLLECITATO. Rating Summary: JSH GROUP S.P.A. 10 Gennaio 2014

VALUTAZIONE DI RATING SOLLECITATO. Rating Summary: JSH GROUP S.P.A. 10 Gennaio 2014 VALUTAZIONE DI RATING SOLLECITATO Il rating è stato sollecitato dalla controparte, o da suoi intermediari, e pertanto CRIF Rating Agency ha percepito un compenso a fronte dell esercizio analitico effettuato.

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating 18 Dicembre 2014 1 di 10 SOMMARIO 1. MOTIVAZIONE... 3 1.1. Consultazione... 4 1.2. Definizioni... 4 2. SCALE DI VALUTAZIONE...

Dettagli

B/Negativo. Rating Update. JSH Group S.p.A. Rating Rationale. Key Rating Factors. Rating Sensitivities. Settore Alberghiero / ITALIA FINANCIAL SUMMARY

B/Negativo. Rating Update. JSH Group S.p.A. Rating Rationale. Key Rating Factors. Rating Sensitivities. Settore Alberghiero / ITALIA FINANCIAL SUMMARY Rating Update JSH Group S.p.A. Settore Alberghiero / ITALIA FINANCIAL SUMMARY (EURm) 2014 PC 2013 2012 Ricavi 37,1 29,5 18,1 Ebitda 1,3 0,9 0,7 Interessi (0,4) (0,2) (0,1) Utile/Perdita 0,1 0,0 0,1 Debito

Dettagli

CRIF Rating Agency declassa Kinexia a B- e pone il rating in Credit Watch Negativo

CRIF Rating Agency declassa Kinexia a B- e pone il rating in Credit Watch Negativo CRIF Rating Agency declassa Kinexia a B- e pone il rating in Credit Watch Negativo Bologna, 19 Ottobre 2015 Ore 18:00 locali: CRIF Rating Agency ( CRIF ) ha abbassato il rating controparte di Kinexia S.p.A.

Dettagli

VALUTAZIONE DI RATING NON SOLLECITATO. Rating Summary: Telecom Italia S.p.A. 09 Settembre 2013

VALUTAZIONE DI RATING NON SOLLECITATO. Rating Summary: Telecom Italia S.p.A. 09 Settembre 2013 VALUTAZIONE DI RATING NON SOLLECITATO Il rating non è stato sollecitato dalla controparte, o da suoi intermediari, e pertanto CRIF Rating Agency non ha percepito alcun compenso a fronte dell esercizio

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE 27 Ottobre 2015 1 di 11 SOMMARIO 1 MOTIVAZIONE... 3 1.1 Consultazione... 4 1.2 Definizioni... 4 2 SCALA DI VALUTAZIONE... 7 2.1 Scala di Rating... 7 3 METODOLOGIA E RATING CRITERIA...

Dettagli

CRIF Rating Agency Il rating alle imprese italiane

CRIF Rating Agency Il rating alle imprese italiane CRIF Rating Agency Il rating alle imprese italiane Bologna, 19 giugno 2014 Valeria Ricciardi Associate Marketing & Business Development Crif Rating Agency Agenda 1. Perché dotarsi di rating e perché Crif

Dettagli

Executive Summary: Iacobucci HF Electronics S.p.A.

Executive Summary: Iacobucci HF Electronics S.p.A. VALUTAZIONE DI RATING SOLICITED 06 Novembre 2013 Executive Summary: Iacobucci HF Electronics S.p.A. RATING SOLICITED PROFILO DI IACOBUCCI HF ELECTRONICS S.P.A. Analista principale: Pietro Ragghianti, Rating

Dettagli

Analisi e valutazione del rischio di credito delle obbligazioni corporate

Analisi e valutazione del rischio di credito delle obbligazioni corporate Analisi e valutazione del rischio di credito delle obbligazioni corporate MiniBond e Rischi di Credito Mario Bottero MiniBond Specialist Milano, 11 Giugno 2014 Analisi e valutazione del rischio di credito

Dettagli

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND Introduzione ai MINI BOND AGENDA Mini bond: una nuova opportunità per le imprese Mini bond: inquadramento normativo, definizione, caratteristiche e beneficiari Motivazioni all emissione Vantaggi e svantaggi

Dettagli

PLT ENERGIA APPROVA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2015 FORTE CRESCITA DELLA MARGINALITA : EBITDA +15,7% ED EBIT +19,4%

PLT ENERGIA APPROVA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2015 FORTE CRESCITA DELLA MARGINALITA : EBITDA +15,7% ED EBIT +19,4% PLT ENERGIA APPROVA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2015 FORTE CRESCITA DELLA MARGINALITA : EBITDA +15,7% ED EBIT +19,4% Ricavi pari a 24,3 milioni di euro (9,8 milioni di euro al primo

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

Executive Summary: VALUTAZIONE DI RATING SOLICITED 28 Giugno 2013 RATING SOLICITED

Executive Summary: VALUTAZIONE DI RATING SOLICITED 28 Giugno 2013 RATING SOLICITED Executive Summary: VALUTAZIONE DI RATING SOLICITED 28 Giugno 2013 RATING SOLICITED PROFILO DELLA SOCIETA BBB- Kinexia S.p.A., società quotata nel segmento Small Cap di Borsa Italiana (il flottante rappresenta

Dettagli

Dai rating pubblici ai minibond Mauro Alfonso

Dai rating pubblici ai minibond Mauro Alfonso Dai rating pubblici ai minibond Mauro Alfonso Cerved Rating Agency Mini-bond, mercato dei capitali e le PMI italiane Il ruolo del rating pubblico Esistono le condizioni legislative e di mercato per un

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO DEI PROVENTI DA PARTECIPAZIONI: 47,3 MLN DI EURO (+22%)

COMUNICATO STAMPA RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO DEI PROVENTI DA PARTECIPAZIONI: 47,3 MLN DI EURO (+22%) COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 31 MARZO 2007: RICAVI AGGREGATI PRO-QUOTA E RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO DEI PROVENTI DA PARTECIPAZIONI IN FORTE CRESCITA RICAVI AGGREGATI PRO-QUOTA * :

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato 2014 Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.01.03 ANALISI DELLA STRUTTURA FINANZIARIA

Dettagli

LE DECISIONI STRATEGICHE DI ACQUISIZIONE- CESSIONE AZIENDALE

LE DECISIONI STRATEGICHE DI ACQUISIZIONE- CESSIONE AZIENDALE LE DECISIONI STRATEGICHE DI ACQUISIZIONE- CESSIONE AZIENDALE Prof. Massimo Saita Direttore Istituto Economia, Amministrazione e Politica Aziendale Università degli Studi di Milano Bicocca Professore ordinario

Dettagli

L opportunitàdel rating pubblico per le PMI

L opportunitàdel rating pubblico per le PMI L opportunitàdel rating pubblico per le PMI Mauro Alfonso Amministratore Delegato Cerved Rating Agency Milano, 3 dicembre 2014 Cerved Rating Agency S.p.A. Agenda Il rating La metodologia di rating corporate

Dettagli

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012 Gestione patrimoniale e finanziaria Investimenti e disponibilità Operatività 2012 Gruppo Unipol perimetro ante acquisizione Premafin Durante il 2012 le politiche di investimento hanno perseguito, in un

Dettagli

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI Indice Premessa situazione del mercato creditizio Contesto Normativo Minibond Cosa sono Vantaggi svantaggi Il mercato dei minibond Processo

Dettagli

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Società per Azioni Via Lucrezia Romana, 41/47-00178 Roma P. IVA, Codice Fiscale e n. di Iscrizione al Registro delle Imprese di Roma n. 04774801007 soggetta al controllo e coordinamento di ICCREA HOLDING

Dettagli

Il rating: come valutare le imprese. Mauro Alfonso Head of Rating Agency

Il rating: come valutare le imprese. Mauro Alfonso Head of Rating Agency Il rating: come valutare le imprese Mauro Alfonso Head of Rating Agency Agenda Il rating Cosa fare per ottenere un rating A cosa può servire un rating 2 Cosa è un rating Il rating è un opinione sulle capacità

Dettagli

Iccrea Banca S.p.A. II SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

Iccrea Banca S.p.A. II SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Iccrea Banca S.p.A. Società per Azioni Via Lucrezia Romana, 41/47-00178 Roma P. IVA, Codice Fiscale e n. di Iscrizione al Registro delle Imprese di Roma n. 04774801007 soggetta al controllo e coordinamento

Dettagli

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Erika Cresti Firenze, 18 ottobre 2013 Indice La gestione della variabile finanziaria Il rendiconto finanziario: normativa e principi contabili di riferimento

Dettagli

I GRANDI VIAGGI Approvati i risultati del I semestre 2011 In miglioramento EBITDA ed EBIT nel primo semestre

I GRANDI VIAGGI Approvati i risultati del I semestre 2011 In miglioramento EBITDA ed EBIT nel primo semestre Comunicato Stampa I GRANDI VIAGGI Approvati i risultati del I semestre 2011 In miglioramento EBITDA ed EBIT nel primo semestre Ricavi a 24,5 milioni (26,3 mln nel 2010) EBITDA 1 a -2,3 milioni (-4,0 mln

Dettagli

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE MINI BOND ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE CONTESTO DI RIFERIMENTO Nelle imprese italiane sono sovente riscontrabili bassi livelli di patrimonializzazione. Questo fenomeno porta quasi sempre a una

Dettagli

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO per passare all analisi del fabbisogno e della copertura finanziaria occorre terminare l analisi economica. i ricavi sono stati previsti nel dossier mercato alcuni costi sono

Dettagli

GRUPPO GABETTI PIANO STRATEGICO 2013-2016. 27 giugno 2013

GRUPPO GABETTI PIANO STRATEGICO 2013-2016. 27 giugno 2013 GRUPPO GABETTI PIANO STRATEGICO 2013-2016 27 giugno 2013 Disclaimer Il presente documento è stato predisposto da Gabetti Property Solutions S.p.A. ( Gabetti ) esclusivamente a fini informativi in relazione

Dettagli

Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB

Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB Chi siamo Consulenza di Investimento ADB Analisi Dati Borsa mette a disposizione dei suoi Clienti il know-how

Dettagli

Advam 1 Corporate Bonds Italy

Advam 1 Corporate Bonds Italy LOGO FONDO Workshop Gli investitori incontrano le imprese --- Emanuele Facile Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 Chi siamo Siamo un gruppo di professionisti con esperienza più che ventennale nella finanza

Dettagli

Il Gruppo Consultinvest

Il Gruppo Consultinvest Il Gruppo Consultinvest viene fondato nel 1988 per iniziativa di operatori qualificati del settore finanziario e di imprenditori modenesi attualmente presenti attivamente nella compagine sociale. Nel 2001

Dettagli

Progetto di Bilancio 2004

Progetto di Bilancio 2004 Progetto di Bilancio 2004 Magenta, 30 marzo 2005 Esercizio 2004 Dati consolidati Ricavi netti: 471 milioni di euro, rispetto ai 542 milioni di euro a fine 2003 (-13%). Margine operativo lordo: 45,2 milioni

Dettagli

Alerion Industries S.p.A. Relazione trimestrale al 31 marzo 2003

Alerion Industries S.p.A. Relazione trimestrale al 31 marzo 2003 Alerion Industries S.p.A. Relazione trimestrale al 31 marzo 2003 Indice pag. Premessa 3 Valore e costi della produzione consolidati 4 Posizione finanziaria netta consolidata 5 Note di commento 6 Stato

Dettagli

Fattori di rischio e incertezza

Fattori di rischio e incertezza Fattori di rischio e incertezza 39 PREMESSA Nel 2014 la controllante Snam S.p.A. ha istituito, alle dirette dipendenze dell Amministratore Delegato, l unità Enterprise Risk Management (ERM), al fine di

Dettagli

III SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

III SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Società per Azioni Via Lucrezia Romana, 41/47-00178 Roma P. IVA, Codice Fiscale e n. di Iscrizione al Registro delle Imprese di Roma n. 04774801007 soggetta al controllo e coordinamento di ICCREA HOLDING

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ROSSS: il CdA approva bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014

COMUNICATO STAMPA. ROSSS: il CdA approva bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 COMUNICATO STAMPA Scarperia (FI), 30 marzo 2015 ROSSS: il CdA approva bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Dati relativi al bilancio consolidato al 31 dicembre 2014 Ricavi

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO OPERATIVO ED EBITDA IN AUMENTO SOLIDA POSIZIONE FINANZIARIA

COMUNICATO STAMPA RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO OPERATIVO ED EBITDA IN AUMENTO SOLIDA POSIZIONE FINANZIARIA COMUNICATO STAMPA GRUPPO RATTI IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI RATTI S.P.A. HA APPROVATO LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2012 RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO

Dettagli

CRIF Rating Agency Il rating alle imprese del settore alimentare: processo ed elementi di valutazione. AICS Meeting Day Lazise, 21 maggio 2014

CRIF Rating Agency Il rating alle imprese del settore alimentare: processo ed elementi di valutazione. AICS Meeting Day Lazise, 21 maggio 2014 CRIF Rating Agency Il rating alle imprese del settore alimentare: processo ed elementi di valutazione AICS Meeting Day Lazise, 21 maggio 2014 Agenda 1. Il rating alle imprese nell attuale contesto economico-finanziario

Dettagli

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE Un decalogo per l impresa ODCEC Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Macerata e Camerino Confidi Macerata Società Cooperativa per Azioni Possiamo

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Basilea II Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II? Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il Gruppo Iren presenta l aggiornamento del Piano Industriale al 2015.

COMUNICATO STAMPA. Il Gruppo Iren presenta l aggiornamento del Piano Industriale al 2015. COMUNICATO STAMPA Il Gruppo Iren presenta l aggiornamento del Piano Industriale al 2015. Ebitda al 2015 di circa 670 milioni di euro, con una crescita media annua del 3,2%. Posizione finanziaria netta

Dettagli

TERNA: PRESENTATO IL PIANO STRATEGICO 2016-2019

TERNA: PRESENTATO IL PIANO STRATEGICO 2016-2019 TERNA: PRESENTATO IL PIANO STRATEGICO 2016-2019 IL NUOVO FRAMEWORK REGOLATORIO, L ACQUISIZIONE DELLA RETE FS E L ULTERIORE EFFICIENZA DEI PROCESSI CONSENTONO UNA NUOVA POLITICA DEI DIVIDENDI Centrati i

Dettagli

TAS: APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2011

TAS: APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2011 Milano, 10 maggio 2011 COMUNICATO STAMPA ex artt. 114 D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 e 66 del Regolamento Consob 11971/99 TAS: APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2011 Ricavi consolidati: 10,3 milioni

Dettagli

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Camera dei Deputati VI Commissione Finanze Audizione del Direttore Generale Pianificazione, Immobiliare e Diversificate Gruppo Unipol

Dettagli

Il factoring tra finanza e servizi

Il factoring tra finanza e servizi Il factoring tra finanza e servizi Intervento di Antonio De Martini Firenze, 6 febbraio 2007 Introduzione: il factoring in Italia In Italia la prima società di factoring nasce nel 1963. Il mercato italiano

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE FONDO PENSIONE APERTO CARIGE INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE I dati e le informazioni riportati sono aggiornati al 31 dicembre 2006. 1 di 8 La SGR è dotata di una funzione di Risk Management

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo semestre 2010

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo semestre 2010 Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo semestre 2010 Cagliari, 27 agosto 2010 Il Consiglio di Amministrazione di ha approvato i risultati al 30 giugno 2010. Risultato

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a)

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a) GRUPPO CARIPARMA CRÉDIT AGRICOLE: UTILE NETTO 2014 A 182 MILIONI (+21% A/A) TRAINATO DALLA GESTIONE OPERATIVA (+14% A/A); POSIZIONE PATRIMONIALE SOLIDA E LIVELLI PIÙ CHE ADEGUATI DI LIQUIDITÀ Il ha conseguito

Dettagli

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Il Comitato di Basilea Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi

Dettagli

Situazione indebitamento al 31.12.2009

Situazione indebitamento al 31.12.2009 Situazione indebitamento al 31.12.2009 Situazione indebitamento al 31.12.2009 A cura del Servizio Credito dell Assessorato della Programmazione, Bilancio, Credito e Assetto del Territorio Cagliari, Dicembre

Dettagli

**** Tel.: +39.02.29046441 Tel.: +39.02.7606741 Fax: +39.02.29046454 Fax: +39.02.76017251

**** Tel.: +39.02.29046441 Tel.: +39.02.7606741 Fax: +39.02.29046454 Fax: +39.02.76017251 Comunicato Stampa Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2013 Ricavi a 61,3 milioni (67,5 milioni nel 2012) EBITDA 1 a -2,1 milioni (-2,6 milioni nel 2012) EBIT 2 a -7,2 milioni (-8,0

Dettagli

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl. di Massimo Lazzari (*)

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl. di Massimo Lazzari (*) Turnaround Tecniche Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl di Massimo Lazzari (*) In questo sesto contributo verranno pubblicati i risultati di un osservatorio

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 20066-12-2015

Informazione Regolamentata n. 20066-12-2015 Informazione Regolamentata n. 20066-12-2015 Data/Ora Ricezione 16 Settembre 2015 15:48:48 AIM -Italia/Mercato Alternativo del Capitale Societa' : Elettra Investimenti S.p.A. Identificativo Informazione

Dettagli

Comunicato Stampa. Il Consiglio di Amministrazione di Ambromobiliare S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2013

Comunicato Stampa. Il Consiglio di Amministrazione di Ambromobiliare S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2013 Comunicato Stampa Il Consiglio di Amministrazione di Ambromobiliare S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2013 Ricavi netti 1.799 migliaia ( 1.641 migliaia al 30 giugno 2012)

Dettagli

Fondo Zenit Minibond. Fondo Minibond. La finanza italiana al servizio dell economia italiana

Fondo Zenit Minibond. Fondo Minibond. La finanza italiana al servizio dell economia italiana Fondo Minibond Fondo Zenit Minibond Fondo obbligazionario per investire nello sviluppo delle PMI italiane La finanza italiana al servizio dell economia italiana -Zenit SGR, i nostri valori INDIPENDENTI

Dettagli

Le imprese edili bresciane e la sfida del rating. Cinzia Dabrassi Prandi Università degli studi di Brescia Facoltà di Economia

Le imprese edili bresciane e la sfida del rating. Cinzia Dabrassi Prandi Università degli studi di Brescia Facoltà di Economia Le imprese edili bresciane e la sfida del rating Cinzia Dabrassi Prandi Università degli studi di Brescia Facoltà di Economia La sfida per le imprese edili Valorizzare i punti di forza delle imprese edili

Dettagli

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO ALLEGATO 3 POR SARDEGNA 2000-2006 MISURA 4.2 P.A. PER L IMPRESA: ANIMAZIONE, SERVIZI REALI, SEMPLIFICAZIONE, INFRASTRUTTURAZIONE SELETTIVA AZIONE 4.2.B SERVIZI REALI ALLE PMI PROGRAMMA SERVIZI PER IL POTENZIAMENTO

Dettagli

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO 23.12.2104 ORDINE DI SERVIZIO n. 33/14 AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO Con riferimento all Ordine di Servizio n. 26 del 19.11.2014, si provvede a definire l articolazione della funzione AMMINISTRAZIONE,

Dettagli

Nuove soluzioni di Factoring e nuovi rapporti con la Clientela

Nuove soluzioni di Factoring e nuovi rapporti con la Clientela Nuove soluzioni di Factoring e nuovi rapporti con la Clientela Intervento di Antonio De Martini Milano, 16 maggio 2006 Il vantaggio competitivo Principali elementi di soddisfazione: o Velocità e sicurezza

Dettagli

Il Rating Pubblico: una nuova leva di sviluppo per le PMI

Il Rating Pubblico: una nuova leva di sviluppo per le PMI Il Rating Pubblico: una nuova leva di sviluppo per le PMI Edoardo Romeo Cerved Group Cerved Group S.p.A. Il certificato dell affidabilità economico-finanziaria di un impresa si chiama Rating Pubblico Cosa

Dettagli

BB/Stabile. Rating Summary. Industrial SpA. Rating Rationale. Key Rating Factors. Manifattura / ITALIA FINANCIAL SUMMARY

BB/Stabile. Rating Summary. Industrial SpA. Rating Rationale. Key Rating Factors. Manifattura / ITALIA FINANCIAL SUMMARY Rating Summary Industrial SpA Manifattura / ITALIA FINANCIAL SUMMARY (EURm) 2014 2013 2012 Ricavi 132,8 102,6 58,6 Ebitda 15,1 11,5 10,8 Oneri Finanziari (OF) (2,0) (1,4) (0,6) Utile/(Perdita) 3,8 0,9

Dettagli

IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI

IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI 10 settembre 2014 RAPPORTO TRA IMPRESE ITALIANE E SISTEMA BANCARIO I prestiti bancari

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

LA NOSTRA STORIA Esperienza e professionalità. I VALORI Etica, qualità e impegno costante. I CLIENTI Attenzione alle esigenze del Cliente

LA NOSTRA STORIA Esperienza e professionalità. I VALORI Etica, qualità e impegno costante. I CLIENTI Attenzione alle esigenze del Cliente INDICE PAG. 2 LA NOSTRA STORIA Esperienza e professionalità PAG. 4 I VALORI Etica, qualità e impegno costante PAG. 6 I CLIENTI Attenzione alle esigenze del Cliente 1 PAG. 7 GLI OBIETTIVI Stabilità e continuità

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia. di Massimo Lazzari (*)

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia. di Massimo Lazzari (*) Tecniche Turnaround Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia Italiana SpA di Massimo Lazzari (*) Prosegue la serie di 10 contributi dedicati al turnaround come

Dettagli

Ruolo delle Obbligazioni Bancarie Garantite nella strategia di raccolta di Intesa Sanpaolo

Ruolo delle Obbligazioni Bancarie Garantite nella strategia di raccolta di Intesa Sanpaolo Ruolo delle Obbligazioni Bancarie Garantite nella strategia di raccolta di Intesa Sanpaolo Roma, Giugno 2007 Indice Introduzione Uso del CB: il merito di credito di partenza Uso del CB: entità/qualità

Dettagli

I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NEGLI ACCORDI TRA BANCHE E RETI DISTRIBUTIVE DI MUTUI IMMOBILIARI

I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NEGLI ACCORDI TRA BANCHE E RETI DISTRIBUTIVE DI MUTUI IMMOBILIARI I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NEGLI ACCORDI TRA BANCHE E RETI DISTRIBUTIVE DI MUTUI IMMOBILIARI Roma, 22 novembre 2011 Direzione Retail Funzione C.A.E. L EVOLUZIONE DEL SETTORE Gli ultimi cinque anni hanno

Dettagli

Domanda e offerta di credito

Domanda e offerta di credito 2/5/2013 Domanda e offerta di credito La situazione registrata nel 2012 in provincia di Nel 2012 si è registrata una contrazione della domanda di credito. Rispetto alla media regionale le imprese modenesi

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

Expert System: il CdA approva la Relazione Finanziaria al 30 giugno 2015

Expert System: il CdA approva la Relazione Finanziaria al 30 giugno 2015 Expert System: il CdA approva la Relazione Finanziaria al 30 giugno 2015 Prosegue la forte crescita internazionale per il consolidamento della leadership nell ambito del cognitive computing e dell analisi

Dettagli

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006 Contenuti, logiche ed effetti di Basilea 2 sulle PMI Le informazioni qualitative rilevanti ai fini del rating qualitativo: il controllo di gestione aziendale come elemento importante dei dati qualitativi

Dettagli

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI In un contesto ancora debole, il esprime una redditività in crescita continuando

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Sede Legale in Corso San Giorgio, 36 64100 Teramo Iscritta all Albo delle Banche al n. 5174 Capitale Sociale Euro 26.000.000,00 i.v. N.ro iscrizione nel Registro delle Imprese di Teramo 00075100677 CONDIZIONI

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 GIUGNO 2006: + 17% UTILE NETTO CONSOLIDATO

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 GIUGNO 2006: + 17% UTILE NETTO CONSOLIDATO COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 GIUGNO 2006: + 17% UTILE NETTO CONSOLIDATO RICAVI AGGREGATI: 1.706,2 MLN DI EURO, SOSTANZIALMENTE IN LINEA CON L ANNO PRECEDENTE RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO

Dettagli

L analisi dei flussi finanziari. 1. I flussi finanziari 1/5

L analisi dei flussi finanziari. 1. I flussi finanziari 1/5 focus modulo 4 lezione 50 La gestione finanziaria La correlazione tra investimenti e finanziamenti L analisi dei flussi finanziari 1. I flussi finanziari I flussi finanziari che hanno origine dall attività

Dettagli

1 SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE 2014/2015 RELATIVO AL PROGRAMMA DI EMISSIONE E DI OFFERTA DI. Obbligazioni Zero Coupon

1 SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE 2014/2015 RELATIVO AL PROGRAMMA DI EMISSIONE E DI OFFERTA DI. Obbligazioni Zero Coupon INTESA SANPAOLO S.P.A. Società iscritta all Albo delle Banche al n. 5361 Capogruppo del Gruppo Bancario Intesa Sanpaolo iscritto all Albo dei Gruppi Bancari Sede legale in Torino, Piazza San Carlo 156

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

La fusione tra servizio e qualità

La fusione tra servizio e qualità La fusione tra servizio e qualità esperienza e competenza Banca Aletti è dal 2001 il polo di sviluppo delle attività finanziarie del Gruppo Banco Popolare. All attività di Private Banking si affiancano

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

In particolare nel 2009 sono stati distribuiti dividendi alla Capogruppo per 51,4 /mln.

In particolare nel 2009 sono stati distribuiti dividendi alla Capogruppo per 51,4 /mln. Risultati ed andamento della gestione L esercizio in esame rileva un risultato economico positivo che conferma l equilibrio economico della Capogruppo nel compimento della propria attività di holding.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015 Società per Azioni con Sede Legale in Cagliari Viale Bonaria, 33 Codice fiscale e n di iscrizione al Registro delle Imprese di Cagliari 01564560900 Partita IVA 01577330903 Iscrizione all Albo delle Banche

Dettagli

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012)

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) La Holding chiude il 2013 con un utile di 0,5 milioni (perdita

Dettagli

FABBISOGNO DI FINANZIAMENTO

FABBISOGNO DI FINANZIAMENTO FABBISOGNO DI FINANZIAMENTO Fonti interne: autofinanziamento Fonti esterne: capitale proprio e capitale di debito Capitale proprio: deriva dai conferimenti dei soci dell azienda e prende il nome, in contabilità,

Dettagli

Lo strumento del leasing per il finanziamento delle energie rinnovabili

Lo strumento del leasing per il finanziamento delle energie rinnovabili Lo strumento del leasing per il finanziamento delle energie rinnovabili Marco Martorana, Energy Product Specialist Competence Center for Renewable Energies Roma, 23 Settembre 2010 UNICREDIT LEASING E LE

Dettagli

Progetto Rilancio: il caso Costruzioni SpA

Progetto Rilancio: il caso Costruzioni SpA Progetto Rilancio: il caso Costruzioni SpA di Massimo Lazzari, Davide Mondaini e Violante Battistella (*) In questo contributo verrà illustrato il caso di un impresa che, aderendo al Progetto Ri-Lancio,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio Generale nella seduta del 9 giugno 2014 e modificato dal Consiglio Generale nelle sedute del 13 luglio e del 28 settembre 2015 Regolamento

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: Le Linee guida del prossimo Piano Industriale pluriennale

Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: Le Linee guida del prossimo Piano Industriale pluriennale Milano, 5 Agosto 2011 COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: I dati consolidati del 1 semestre 2011 Le Previsioni 2011 Le Linee guida del prossimo Piano Industriale

Dettagli

Principali indici di bilancio

Principali indici di bilancio Principali indici di bilancio Descrizione Il processo di valutazione del merito creditizio tiene conto di una serie di indici economici e patrimoniali. L analisi deve sempre essere effettuata su un arco

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1 Valore della produzione pari ad Euro 3,1 milioni in linea rispetto al corrispondente

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI. Rapporto fiduciario

SCHEMA DI SINTESI. Rapporto fiduciario GESTIONED IMPRESA ACCESSO AL CREDITO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI APPROFONDIMENTI ESEMPI FASCICOLO BANCHE COME NUOVO STRUMENTO DI COMUNICAZIONE FINANZIARIA (valutazione del merito creditizio) La crescente

Dettagli