[ Bilancio sociale 2013 ]

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "[ Bilancio sociale 2013 ]"

Transcript

1 [ Bilancio sociale 2013 ] Il presente bilancio sociale è redatto in conformità alle Linee guida regionali per il bilancio di sostenibilità delle PMI Toscane (rendicontazione socio-ambientale, livello 1). Un azienda di successo lascia il segno, ma nessuna traccia sull ambiente

2 Alberi, persone e storie da tutto il mondo Let s green the planet

3 Indice 1. L identità dell impresa 4 2. Il governo d impresa 6 3. Identificazione e coinvolgimento degli stakeholder Clienti Fornitori Popolazione locale nei siti di progetto Popolazione sul territorio fiorentino 9 4. Le performance di sostenibilità Performance economica Performance sociale Dipendenti Clienti: generalità Clienti: composizione Clienti: controlli e certificazioni di qualità Fornitori: generali Fornitori: composizione Fornitori: caratteristiche e certificazioni Istituzioni e Pubblica Amministrazione Finanziatori Performance ambientale Politiche ambientali attuate e descrizione dei sistemi di gestione adottati Risorse utilizzate Impatto sull ambiente Quantità totale di rifiuti smaltiti, con evidenza dei quantitativi riciclati Mitigazione impatto ambientale 21

4 1. L identità dell impresa Treedom S.r.l. è una start up costituita nel maggio 2010, che opera nel mercato della consulenza ambientale e dei crediti di carbonio, sulla base dei principi delineati dal Protocollo di Kyoto. La società è stata fondata da un team di giovani professionisti con una vasta esperienza nel settore della green economy. La mission aziendale di Treedom si riassume nei seguenti punti: compensare su base volontaria le emissioni di CO₂ di individui, imprese ed istituzioni, promuovendo e realizzando progetti di riforestazione in zone degradate del pianeta; apportare benefici sociali nei siti di progetto, attraverso il coinvolgimento diretto delle comunità locali, garantendo la sicurezza alimentare e stimolando la microimprenditorialità rurale; offrire alle imprese una serie di servizi per affermare la propria responsabilità sociale ed ambientale, contribuendo così a rafforzare l immagine dei loro brand; sensibilizzare gli individui sulle tematiche ambientali, attraverso la loro partecipazione diretta ad iniziative per la salvaguardia del pianeta; contribuire alla crescita del mercato volontario dei crediti di carbonio, attraverso un sistema di certificazione e di monitoraggio innovativo e trasparente.

5 Essendo una società operante in attività di riforestazione realizzati in Paesi in Via di Sviluppo, i valori guida dell operato di Treedom sono: sviluppo sostenibile, tutela dell ambiente, salvaguardia forestale, tutela dalla persona, protezione della salute, sicurezza alimentare, equità e uguaglianza, compartecipazione, onestà, diligenza, trasparenza. Il disegno strategico di Treedom prevede la creazione e lo sviluppo di un marketplace, che sia luogo di incontro tra tutti coloro che esprimono una domanda di ambiente, cioè che desiderano ridurre e compensare le emissioni di CO2 legate al loro stile di vita e/o alle loro attività economico/produttive; tutti coloro che offrono un servizio benefico all ambiente realizzando attività di afforestazione/riforestazione e che, fino ad oggi, non hanno ottenuto nessuna forma di remunerazione per tali attività. Dal 2010 la società è cresciuta costantemente e nel 2012 ha parto una società controllata in America, Treedom Inc., con sede a Santa Monica, California. Nel 2012 Treedom ha promosso la creazione di Donaction Onlus, associazione che sta sviluppando un portale per promuovere il crowdfunding del settore no profit. Nel 2012 Treedom ha sviluppato il primo prodotto fisico, la treebox, un papercraft per costruire un albero di Natale ed addobbarlo con materiale di riciclo.

6 2. Il governo d impresa La società è costituita con la forma giuridica di società a responsabilità limitata con un capitale sociale di interamente versato, più una riserva di La compagine sociale è formata da sette soci, con età media inferiore ai 40 anni. I soci sono tutti laureati ed hanno una notevole esperienza nel settore ambientale e dello sviluppo sostenibile. La compagine sociale è costituita da: Tommaso Speroni, 33% del capitale sociale, 25 anni, laureato in Economia dello sviluppo; Federico Garcea, 27% del capitale sociale, 30 anni, laureato in Scienze Politiche ed economiche; Tommaso Signorini, 18% del capitale sociale, 29 anni, laureato in Scienze motorie; Lorenzo Martelletti, 4% del capitale sociale, 37 anni, laureato in Ingegneria ambientale; Vittorio Picello, 6% del capitale sociale, 46 anni, IED. Carlo Volpi, 5% del capitale sociale, 60 anni, laureato in psicologia; Riccardo Alessandrini, 4% del capitale sociale, 35 anni, laureato in Economia. La società è amministrata da: Federico Garcea, presidente del CDA e rappresentante legale, in carica dal 7 Luglio 2011;

7 Tommaso Speroni, amministratore delegato e rappresentante legale, in carica dal 7 Luglio La gestione operativa della società è affidata a: Federico Garcea, CEO, responsabile dell amministrazione della società, dei rapporti istituzionali e dei rapporti con i clienti; Tommaso Speroni, CTO, responsabile delle attività forestali, della metodologia e del sito web; Il Consiglio di Amministrazione si riunisce regolarmente per analizzare i risultati ottenuti, evidenziare le criticità, programmare le attività successive e valutare nuove idee e proposte emerse. Il Consiglio di Amministrazione ha convocato 3 assemblee dei soci durante il 2013 per informare tutta la compagine sullo sviluppo delle attività e per svolgere tutte le funzioni riservate all assemblea. 3. Identificazione e coinvolgimento degli stakeholder I principali portatori d interesse che gravitano intorno all attività d impresa di Treedom possono essere riassunti nelle seguenti categorie: clienti, fornitori, popolazione locale nei siti di progetto, popolazione sul territorio fiorentino. Per ciascuna categoria di seguito vengono indicate le principali aspettative e come la società opera per soddisfare le loro istanze.

8 3.1 Clienti Fino ad oggi Treedom ha avuto sia clienti B2C che B2B. I clienti B2C sono individui che, per questioni etiche ed ambientali, decidono volontariamente di acquistare crediti di carbonio generati attraverso attività di riforestazione per compensare le proprie emissioni di CO2. Le aspettative di tali clienti, che fino ad oggi non hanno avuto grandi poteri di controllo sull azione intrapresa, sono quelle di investire in qualcosa di reale, efficace contro la lotta al cambiamento climatico e duraturo. Treedom si impegna a soddisfare tali esigenze attraverso la creazione di un servizio unico, basato su una metodologia di certificazione e di monitoraggio grazie alla quale il singolo albero, georeferenziato e fotografato, è assegnato univocamente al singolo utente. Come di seguito specificato, tutti gli alberi sono segnati in apposito registro e sono individuati da precise coordinate geografiche. I clienti B2B sono imprese che acquistano crediti di carbonio prevalentemente per questioni di responsabilità ambientale e di green marketing. Tale categoria di stakeholder si aspetta da un investimento ambientale di ottenere uno strumento per dimostrare il proprio impegno ambientale e sociale, attraverso cui sostenere campagne di green marketing e le proprie politiche promozione e commercializzazione. Per soddisfare tali esigenze, Treedom offre ai clienti B2B un certificato ufficiale dove si attesta il numero di alberi piantati e la quantità di CO2 stoccata. Inoltre, come specificato di seguito, Treedom offre vari servizi finalizzati a dare visibilità all azione intrapresa dai propri clienti (comunicati stampa, creazione di pagine personali sul portale assegnazione alberi da parte dei nostri clienti ad utenti finali, etc). 3.2 Fornitori I fornitori di Treedom sono ONG che, in proprio o in collaborazione con cooperative locali, realizzano attività di riforestazione su piccola e media scala in zone degradate del pianeta. Fino ad oggi i progetti forestali di piccole e medie dimensioni non hanno avuto accesso al mercato del carbonio. Infatti, migliaia di progetti di afforestazione/riforestazione (A/R) vengono portati avanti nel mondo da organizzazioni non governative, enti pubblici e cooperative con notevoli difficoltà, finanziati da sovvenzioni statali o internazionali per un dato periodo di tempo. Spesso, al termine di tale periodo, sono costrette a cessare le proprie attività per mancanza di ulteriori entrate economiche.

9 I principali ostacoli per i soggetti interessati a vendere crediti di carbonio sono: elevati costi di certificazione; mancanza di un intermediario che li mettesse in contatto con potenziali acquirenti. L obiettivo di Treedom è proprio quello di creare un canale di accesso al mercato per tali soggetti, per far sì che il loro impegno ambientale sia accompagnato da congruo sviluppo economico. A tal fine Treedom sta creando il già citato marketplace, dove tali soggetti, dopo aver usufruito gratuitamente dei corsi di formazione per l utilizzo della nostra metodologia di piantumazione, certificazione e monitoraggi, potranno direttamente vendere gli alberi piantati all interno dei progetti realizzati con la nostra collaborazione. 3.3 Popolazione locale nei siti di progetto Ultima, ma non per questo meno importante, categoria di portatori di interesse è rappresentata dalle popolazioni autoctone che vivono nei luoghi dove Treedom ed i suoi fornitori realizzano le attività di riforestazione. La popolazione locale spesso vive in condizioni altamente disagiate. Andando ad operare in tali contesti, Treedom ha premura di coinvolgere quanto più attivamente la popolazione locale nelle attività, ed in particolare gli uomini per le attività forestali e le donne per le attività in vivaio. Inoltre i frutti degli alberi vengono lasciati alla popolazione locale; questo, se da un lato contribuisce a garantire la sicurezza alimentare, dall altro agisce come motore per la micro-imprenditorialità locale, innescando ad esempio la lavorazione dei prodotti (da parte delle cooperative femminili) da immettere nel circuito equo e solidale. Treedom inoltre si attiva per fare formazione gratuita nei siti di progetto e per stimolare la creazione di cooperative locali, al fine di permettere ai piccoli produttori di ottenere un maggior potere di mercato nei rapporti con le istituzioni locali. 3.4 Popolazione sul territorio fiorentino Treedom ha organizzato 2 iniziative sul territorio fiorentino per sensibilizzare la cittadinanza e apportare un beneficio diretto sul territorio dove opera. In occasione della Giornata Mondiale dell Ambiente 2012, promossa dalle Nazioni Unite, Treedom, in collaborazione con NoDump, ha realizzato un installazione artistica a Firenze alberi hanno regalato abbracci in tutte le lingue del mondo, coinvolgendo artisti, cittadini, turisti, stampa, istituzioni, social networks e sponsor.

10 Inoltre, grazie al contributo del Gruppo L Espresso, Treedom ha piantato 312 alberi all interno della Scuola I.T.C. Barsanti, coinvolgendo gli studenti e sensibilizzandoli sulle tematiche ambientali attraverso 2 giornate dedicate agli alberi e all ambiente.

11 4. Le performance di sostenibilità 4.1 Performance economica Nell esercizio 2013 è stato realizzato un fatturato di , corrispondente ad un totale di circa alberi venduti. Di tale fatturato, il 95% è derivato dalle transazioni concluse con i clienti B2B, ed il rimanente 5% dalle transazioni concluse on line con clienti B2C. Il bilancio della società sarà chiuso in positivo, considerando che durante l esercizio sono stati effettuati numerosi investimenti, principalmente in sviluppo web, sviluppo progetti di riforestazione e marketing. I costi sostenuti nel 2013 si possono dividere in due categorie principali: Costi dei crediti di carbonio, alberi: , che sono stati pagati ai fornitori per la piantumazione degli alberi e l originazione dei crediti di carbonio. Il modello prevede infatti una divisione paritetica dei ricavi con i fornitori partner dei progetti di riforestazione. I fornitori garantiscono inoltre che tutto il ricavato verrà reinvestito in opere sociali e di sviluppo nei paesi dove operiamo congiuntamente. Costi operativi: , divisi tra costi amministrativi, di gestione, marketing, vendite e ricerca.

12 4.2 Performance sociale Dipendenti Ad oggi Treedom ha 3 lavoratori dipendenti, 2 soci lavoratori, 7 collaboratori a progetto e 1 assegno di ricerca finanziati con l Università degli Studi di Firenze. Allo stato attuale è in esame il piano d investimento da realizzare nei prossimi tre esercizi sociali ( ). Tale piano d investimento prevede l assunzione a tempo indeterminato di sette nuove figure professionali dipendenti; la scelta ricadrà preferibilmente sui giovani, con particolare riguardo per figure professionali femminili( che sono già il 53% del personale di Treedom), al fine di contribuire ad alleviare il problema della disoccupazione giovanile e della discriminazione femminile nel mondo del lavoro. Tali figure verranno inserite in un contesto accogliente e dinamico, saranno affiancate nella fase di apprendimento ed avranno la possibilità di frequentare programmi di specializzazione che verranno interamente finanziati dalla società. Treedom crede infatti che investire nella crescita professionale dei propri dipendenti sia non solo una grande prospettiva per i risultati dell impresa, ma soprattutto un investimento nella persona umana e nella società civile. Il personale di Treedom è direttamente coinvolto nel processo decisionale della società, attraverso una serie di strumenti di confronto e indirizzo, tra cui un brain storming settimanale e corporate weekend Clienti: generalità La società offre alle imprese ed agli individui una serie di strumenti per quantificare le proprie emissioni di CO2 ed adottare una serie di misure per ridurre e compensare queste emissioni. Infine pianifichiamo con il cliente una serie di iniziative per garantire la massima trasparenza, dare visibilità all azione intrapresa e sensibilizzare gli utenti finali. Il processo attraverso portiamo avanti le relazioni con i nostri clienti si compone delle seguenti fasi: a) Analisi preliminare accettabilità cliente I clienti che si rivolgono a noi sono oggetto di un analisi preliminare circa le loro performance ambientali da parte della nostra Commissione Scientifica e del management. Non è nostro interesse lavorare con clienti che abbiano provocato danni all ambiente, a meno che questi non abbiano cambiato totalmente la loro politica ambientale e si siano impegnati in azioni concrete di riqualificazione e bonifica. Inoltre lo spirito aziendale prevede di compensare le emissioni di clienti che abbiano attuato o che siano comunque interessati ad attuare varie misure per ridurre preventivamente quanto più possibile le proprie emissioni, e che quindi esprimano una sensibilità ambientale non solo a posteriori per finalità di green washing, ma anche a priori.

13 b) Accounting Una volta verificate le condizioni per procedere, si stabilisce con il cliente un piano di lavoro, che deve necessariamente iniziare con l accounting dell impronta ecologica delle sue attività; a tal fine vengono richiesti al cliente una serie di dati e parametri aziendali per procedere con il calcolo. Questo servizio viene realizzato in forma totalmente gratuita; riteniamo infatti che la gratuità del servizio di calcolo della carbon footprint sia un modo per incentivare chiunque ad avvicinarsi alle tematiche ambientali ed a riflettere su quale sia l impatto delle attività svolte quotidianamente, sul lavoro come nella vita privata. Il calcolo delle emissioni viene generalmente effettuato seguendo la UNI ISO (Specifiche e guida, al livello dell organizzazione, per la quantificazione e la rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra e della loro rimozione) e utilizzando come standard di riferimento fonti internazionalmente riconosciute e utilizzate dal settore come: Greenhouse gas (GHG) conversion factors (DEFRA: Department for Environment, Food and Rural Affairs, GB); The Greenhousegas Protocol (World Research Institute & World Business Council for Sustainable Development); 2010 National Footprint Accounts. c) Proposta per la riduzione e compensazione delle emissioni A seguito dell analisi dei dati ricevuti viene redatto un documento (inviato sempre gratuitamente al cliente) con tutte le informazioni relative alla metodologia ed al calcolo della carbon footprint e con l accounting delle emissioni. In tale documento vengono poi suggerite una serie di misure atte a contenere e ridurre la propria impronta di carbonio. La prima analisi verrà presa come riferimento o base line per monitorare le emissioni degli anni successivi e portare avanti le misure per la riduzione delle emissioni stesse. Infine, nel documento viene fatta una proposta relativa alla compensazione delle emissioni che non si sono potute evitare alla fonte. Ai nostri clienti offriamo così la possibilità di annullare parzialmente o totalmente (a seconda delle loro preferenze e possibilità) il loro impatto ambientale attraverso la piantumazione di alberi in zone degradate del pianeta. Nella proposta viene dettagliata la misura dell intervento in termini di alberi, crediti di carbonio e superficie riforestata, così come il costo dell intervento. Infine vengono dettagliati tutti i servizi inclusi nella proposta, come di seguito esplicitato.

14 d) Compensazione delle emissioni A seguito di eventuali richieste di chiarimento, modifiche ed integrazioni effettuate specificatamente per soddisfare particolari esigenze o curiosità del cliente, ed in caso di accettazione dell offerta, inizia la fase di compensazione vera e propria. Prendono avvio le attività di riforestazione all interno del progetto realizzato nel Paese prescelto dal cliente, ossia la piantumazione del numero e delle specie di alberi pattuite. Gli alberi piantati vengono univocamente assegnati al cliente e segnati nell apposito Registro Alberi. Contestualmente vengono generati un determinato numero di crediti di carbonio volontari (VER), che vengono regolarmente iscritti nel corrispondente Registro Crediti (sui Registri si veda di seguito). e) Rilascio certificato CO2Neutral L azione intrapresa dal cliente viene attestata attraverso il rilascio del Certificato CO2Neutral, che può essere utilizzato ad uso ufficiale da parte del cliente qualora voglia dimostrare ai vari stakeholder il proprio impegno ambientale. Nel certificato vengono specificate le seguenti informazioni: individuo/società che ha ottenuto il certificato; tonnellate di CO2 compensate e loro tipologia (consumi domestici, trasporti, attività produttive etc.); numero alberi piantati; Paese e progetto all interno del quale sono piantati gli alberi; anno di riferimento dell azione intrapresa. f) Comunicazione e partecipazione Sul sito di Treedom viene creato un account personale del cliente. In tale modo gli alberi vengono piantati a nome del cliente stesso e vanno a costituire la sua foresta personale, visibile da chiunque sul nostro sito. Viene poi offerta tutta l assistenza per la sensibilizzazione di eventuali utenti finali. Infatti il cliente può scegliere di regalare a sua volta i suoi alberi ad altri (per esempio ai propri fornitori o clienti). In tal caso, Treedom offre supporto gratuito per l assegnazione degli alberi a terzi, sempre coerentemente con l idea che sia importante avvicinare quante più persone possibili al problema della sostenibilità sociale ed ambientale. Treedom si impegna per dare la massima visibilità ai propri clienti, offrendo il supporto necessario per pubblicizzare e comunicare l iniziativa, ad esempio attraverso comunicati stampa, concessione gratuita del marchio CO2Neutral, realizzazione di brochure e di vario materiale informativo, integrazione dei rispettivi portali web, realizzazione di eventi di lancio delle iniziative etc.

15 g) Fatturazione e feedback Infine, a seguito della fatturazione, Treedom invita sempre i propri clienti a fornire un feedback su quanto realizzato insieme. Ciò con la molteplice finalità di fornire pubblicamente a tutti gli stakeholder informazioni sul nostro modo di operare, di confrontarci con noi stessi e di innescare un processo di miglioramento continuo dei nostri servizi sulla base di quanto suggerito, richiesto o apprezzato da parte dei nostri clienti Clienti: composizione Sin dai primi mesi di attività sono stati acquisiti clienti di elevato calibro, tra i quali Enel, Actavis S.p.a., Axa Monte dei Paschi di Siena, H&M, Volkswagen, Eataly, Feltrinelli Clienti: controlli e certificazioni di qualità Al fine di assicurare ai nostri clienti la veridicità e la permanenza della loro azione, Treedom ha sviluppato una propria metodologia di monitoraggio e di certificazione dei crediti. Ogni albero piantato viene georeferenziato, cioè viene associato a precise coordinate geografiche, fotografato, caricato su google maps e assegnato univocamente ad un utente. In tal modo, ciascun utente ha la possibilità di individuare esattamente il proprio albero nonché seguirne la crescita nel tempo, grazie alle foto che vengono periodicamente aggiornate e pubblicate. Presso la sede societaria sono tenuti due registri ufficiali, il registro alberi e il registro crediti, a richiesta liberamente consultabili da chiunque vi abbia interesse. Nel registro alberi sono segnati tutti i singoli alberi. Per ciascun albero vengono indicate le seguenti informazioni: ID albero specie arborea coordinate geografiche data di trapianto a terra quantitativo di CO2 stoccata (numero VER generati dall albero) ID utente a cui l albero è stato assegnato foto albero. Nel registro crediti invece vengono segnate le informazioni relative ad i crediti (VER) venduti, ossia: ID utente che ha acquistato il credito;

16 ID albero che ha generato il credito. Come già detto, al fine di assicurare la massima trasparenza e tracciabilità del nostro operato, i registri sono liberamente consultabili da chiunque ne faccia richiesta Fornitori: generali Treedom adotta una politica relativa alla selezione dei fornitori del tutto coerente con i valori ed i principi sociali ed ambientali che animano l operato aziendale. I potenziali fornitori, prima di diventare effettivi, devono dimostrare di possedere a loro volta precisi requisiti di responsabilità ambientale e sociale. Ad oggi Treedom conta cinque fornitori principali: COSPE Onlus, AVSI Onlus, Cooperativa Beppe Montana (Libera Terra), Berl, Irad. Tali fornitori, svolgendo attività di riforestazione (anche in collaborazione con terzi) in zone disagiate del pianeta, applicano la metodologia di Treedom; in questo modo gli alberi vengono da noi monitorati, certificati, e messi in vendita. Si tratta quindi di fornitori di alberi. COSPE è un associazione privata, laica e senza scopo di lucro. Fin dalla sua nascita, nel 1983, opera nel sud del mondo, in Italia e in Europa per il dialogo interculturale, lo sviluppo equo e sostenibile, i diritti umani, la pace e la giustizia tra i popoli. Cospe è oggi impegnato nella realizzazione di oltre 100 progetti in circa 30 paesi nel mondo. I principali settori di intervento sono i seguenti: cooperazione e solidarietà internazionale, educazione allo sviluppo, interculturalità e diritti di cittadinanza plurale, formazione contro il razzismo e sostegno a politiche di pari opportunità, sovranità alimentare, diritti delle donne ed equità di genere, lavoro ed inclusione economica e sociale, diritti dell infanzia e dell adolescenza. Cospe ha adottato una Carta dei Principi, ed i principali valori a cui si ispira sono: diversità, solidarietà, autonomia, democrazia e partecipazione, correttezza e trasparenza, efficacia e qualità dell azione, pianificazione ed efficienza. La Fondazione AVSI è una organizzazione non governativa, ONLUS, nata nel 1972 e impegnata con oltre 100 progetti di cooperazione allo sviluppo in 38 paesi del mondo di Africa, America Latina e Caraibi, Est Europa, Medio Oriente, Asia. AVSI opera nei settori socio-educativo, sviluppo urbano, sanità, lavoro, agricoltura, sicurezza alimentare e acqua, energia e ambiente, emergenza umanitaria e migrazioni. La sua missione è promuovere la dignità della persona attraverso attività di cooperazione allo sviluppo con particolare attenzione all educazione, nel solco dell insegnamento della Dottrina Sociale Cattolica. L'associazione Libera Terra nasce nel 1995 con l'intento di sollecitare la società civile nella lotta alle mafie e promuovere legalità e giustizia. Al momento Libera Terra è un coordinamento di oltre 1600 associazioni, gruppi, scuole, realtà di base, territorialmente impegnate per costruire sinergie politico-culturali e organizzative capaci di diffondere la

17 cultura della legalità. Libera Terra nasce con l'obiettivo di valorizzare territori stupendi ma difficili, partendo dal recupero sociale e produttivo dei beni liberati dalle mafie per ottenere prodotti di alta qualità attraverso metodi rispettosi dell'ambiente e della dignità della persona. Inoltre, svolge un ruolo attivo sul territorio, coinvolgendo altri produttori che condividono gli stessi principi e promuovendo la coltivazione biologica dei terreni. I prodotti di Libera Terra sono in vendita presso le Botteghe dei Sapori e dei Saperi di Libera, presso le Coop, le botteghe equo e solidali, attraverso i cittadini organizzati in GAS. Bio Energy Resources Ltd (BERL), fondata in Malawi nel 2006, sta realizzando una produzione sostenibile di biocombustibile. Il progetto coinvolge migliaia di piccoli agricoltori per piantare la jatropha curcas. I semi prodotti da questi alberi vengono raccolti e lavorati per produrre olio vegetale di jatropha. L olio viene mescolato con diesel o con paraffina per alimentare rispettivamente motori diesel e lampadealla paraffina. I residui dei semi vengono utilizzati come fertilizzanti. Il valore aggiunto di questo progetto sta nel fatto che la piantumazione avviene in colture consociate, e non in monocolture, come purtroppo spesso accade per la produzione di biocombustibili. Infatti, all interno del progetto Berl, gli alberi di jatropha vengono piantati come siepe attorno a colture agricole, quali mais e manioca. In questo modo la jatropha, oltre alla sua funzione produttiva, svolge un importante ruolo di protezione delle colture, costituendo una barriera naturale contro gli animali. La produzione di biocombustibili viene così realizzata in totale rispetto della biodiversità e degli equilibri locali. IRAD è un ente pubblico di ricerca posto sotto la supervisione tecnica del Ministero della Ricerca Scientifica e Innovazione del Camerun. Le sue numerose unità regionali svolgono attività tecnico-scientifiche per la ricerca agricola. Dal momento che, secondo le proiezioni, poco più della metà della popolazione totale del paese vive in zone rurali e si occupa di attività agricole, pastorali o forestali, e che le analisi dei profili di povertà mostrano come in Camerun si sia agli inizi di un fenomeno rurale, i progetti di IRAD sono orientati allo sviluppo di nuove tecnologie al fine di migliorare la sicurezza alimentare e ridurre la mancanza di risorse degli agricoltori locali in tutto il Camerun. IRAD ha così deciso di svolgere in collaborazione con Treedom un progetto di piantumazione di alberi di cacao che coinvolge numerosi villaggi della Regione Centrale. Le quattro direttrici di intervento di IRAD, coerentemente con i propri obiettivi, sono le seguenti: Sviluppo di varietà ad alto rendimento di tutte le colture alimentari coltivate nel paese;

18 Ricerca di soluzioni per le malattie delle colture alimentari e parassiti; Miglioramento dei sistemi agricoli basati su colture alimentari;ù Sviluppo di tecniche di trasformazione dei prodotti alimentari per aggiungere valore e migliorare la vita di conservazione delle colture alimentari, in modo da incrementare i ricavi dei produttori agricoli Fornitori: composizione Tutte le attività di riforestazione vengono realizzate su terreni che non sono di proprietà di Treedom né dei suoi fornitori, ma di cooperative locali che, grazie ad un rapporto diretto con le amministrazioni locali, ottengono l affidamento dei terreni. La scelta di realizzare le attività su terreni da noi NON ottenuti in concessioni è motivata dalla nostra volontà di lasciare la terra ai legittimi proprietari, ossia alla popolazione locale. Il problema di land grabbing infatti è tristemente diffuso: le aree degradate del pianeta sono sempre più oggetto di speculazioni e di appropriamento da parte di multinazionali, per impiantare business da cui solitamente la popolazione locale è esclusa. Il business di Treedom si basa invece sulla riappropriazione delle terre da parte delle comunità autoctone e sul loro coinvolgimento diretto nelle attività di riforestazione implementate dai nostri fornitori, attraverso libera formazione, aperta a chiunque sia interessato. In questo modo, Treedom si propone l obiettivo di stimolare la micro imprenditorialità rurale Fornitori: caratteristiche e certificazioni Relativamente a riconoscimenti ed accreditamenti, COSPE è: iscritto al registro delle Organizzazioni Non Governative (ONG) presso il Ministero Affari Esteri ai sensi della Legge n 49/87 con DM n 1988/128/004196/4 del 4/09/1988; iscritto in data 04/08/2000 con il n A/36/2000/Fi alla prima sezione del Registro delle associazioni e degli enti che svolgono attività a favore degli immigrati, ai sensi dell articolo 54 del decreto del Presidente della Repubblica 31/08/1999, n 394; dal 2001 è il National Focal Point italiano di RAXEN (Rete di Informazione Europea sul Razzismo e la Xenofobia); iscritto al registro Regionale delle Associazioni di Promozione Sociale sezione Provincia di Firenze in data 26/11/2003; dal 2004 ha ottenuto ogni anno la certificazione del bilancio di esercizio; iscritto dal 19/05/2005 al n 54 del Registro delle associazioni e degli enti che svolgono attività nel campo della lotta alle discriminazioni istituito presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per le Pari Opportunità UNAR;

treedom let s green the planet

treedom let s green the planet Via di Mezzo 10r 50121 Firenze Tel./Fax: 055 0503228 Email: info@treedom.net Skype: treedom.srl facebook.com/co2neutral www.treedom.net treedom let s green the planet indice treedom 3 CO 2 neutral 5 eventi

Dettagli

Tende 2011-2012 ALLA RADICE IL FATTORE UMANO. Haiti. un centro educativo

Tende 2011-2012 ALLA RADICE IL FATTORE UMANO. Haiti. un centro educativo Tende 2011-2012 ALLA RADICE DELLO SVILUPPO: IL FATTORE UMANO Haiti. Ricostruire l umano: un centro educativo per ragazzi Campagna Tende 2011-2012 I PROGETTI DA SOSTENERE: Kenya. Anche nella carestia del

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

LA FONDAZIONE AVSI 4.000.000 beneficiari diretti La sua missione è promuovere la dignità della persona

LA FONDAZIONE AVSI 4.000.000 beneficiari diretti La sua missione è promuovere la dignità della persona LA FONDAZIONE AVSI La Fondazione AVSI è un organizzazione non governativa, ONLUS, nata nel 1972 e impegnata con oltre 100 progetti di cooperazione allo sviluppo in 37 paesi del mondo di Africa, America

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE ETICA AZIENDALE Approvato dal Consiglio di Amministrazione di ETIFOR srl il 14 marzo 2014

SISTEMA DI GESTIONE ETICA AZIENDALE Approvato dal Consiglio di Amministrazione di ETIFOR srl il 14 marzo 2014 SISTEMA DI GESTIONE ETICA AZIENDALE Approvato dal Consiglio di Amministrazione di il 14 marzo 2014 Premessa ETIFOR è un azienda che offre servizi specializzati nell ambito della Responsabilità Sociale

Dettagli

Tutte a scuola! Miglioramento dell accesso scolastico e della qualità educativa offerta alle giovani della regione di Oromia - Etiopia

Tutte a scuola! Miglioramento dell accesso scolastico e della qualità educativa offerta alle giovani della regione di Oromia - Etiopia Tutte a scuola! Miglioramento dell accesso scolastico e della qualità educativa offerta alle giovani della regione di Oromia - Etiopia Il progetto si sviluppa nella città di Meki, situata a 135 km da Addis

Dettagli

IL VALORE DELLA FIDUCIA. STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY

IL VALORE DELLA FIDUCIA. STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY IL VALORE DELLA FIDUCIA STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY SOSTENIBILITA La sostenibilità rappresenta una grande opportunità per le imprese,

Dettagli

Limitare la Water e la Carbon Footprint: un impegno verso l ambiente

Limitare la Water e la Carbon Footprint: un impegno verso l ambiente Limitare la Water e la Carbon Footprint: un impegno verso l ambiente 05 Aprile 2013 Contenuti Carbon Footprint delle organizzazioni e di prodotto (ISO 14064 e PAS 2050/ISO 14067) Misurare l importa idrica

Dettagli

Le cooperative di Libera Terra L uso sociale dei beni confiscati per uno sviluppo credibile

Le cooperative di Libera Terra L uso sociale dei beni confiscati per uno sviluppo credibile Le cooperative di Libera Terra L uso sociale dei beni confiscati per uno sviluppo credibile Aprile 2014 Valentina Fiore - Consorzio Libera Terra Mediterraneo cooperativa sociale ONLUS CONTENUTI Progetto

Dettagli

MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA

MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA Il Gruppo tematico Politiche ambientali e educazione chiede a tutte le realtà del Terzo Settore di impegnarsi per un futuro sostenibile e propone:

Dettagli

DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE CARTA DEGLI INTENTI

DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE CARTA DEGLI INTENTI DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE CARTA DEGLI INTENTI MODENA, GIUGNO 2006 Pagina 1 di 6 Premessa Questo documento nasce dalla volontà di formalizzare l avvio di una rete di soggetti operanti, a vario titolo,

Dettagli

L educazione è proprio prendere l altro e dire: Vieni con me, camminiamo insieme. Ma il valore non lo metto io, il valore ce l hai già.

L educazione è proprio prendere l altro e dire: Vieni con me, camminiamo insieme. Ma il valore non lo metto io, il valore ce l hai già. Campagna Tende 2012-2013 COSTRUENDO UN BENE PER TUTTI UGANDA Ultimazione della scuola secondaria Luigi Giussani a Kampala L educazione è proprio prendere l altro e dire: Vieni con me, camminiamo insieme.

Dettagli

VER: VOLUNTARY EMISSION REDUCTION

VER: VOLUNTARY EMISSION REDUCTION VER: VOLUNTARY EMISSION REDUCTION La VER è un azione volontaria che ha lo scopo di ridurre la propria impronta di carbonio (CO2), principale causa dell effetto serra. La VER viene attivata da Aziende sensibili

Dettagli

BILANCIO SOCIALE 2002 CENTRO DI SOLIDARIETÀ DI FAENZA DELLA C.d.O.

BILANCIO SOCIALE 2002 CENTRO DI SOLIDARIETÀ DI FAENZA DELLA C.d.O. BILANCIO SOCIALE 2002 CENTRO DI SOLIDARIETÀ DI FAENZA DELLA C.d.O. 02 Perché un bilancio sociale La funzione del bilancio sociale è quella di rappresentare, come è noto, la realtà complessiva di un opera

Dettagli

UN FUTURO MIGLIORE PER I PICCOLI PRODUTTORI

UN FUTURO MIGLIORE PER I PICCOLI PRODUTTORI UN FUTURO MIGLIORE PER I PICCOLI PRODUTTORI PROGRAMMA QUADRO SVILUPPO ECONOMICO LOCALE CHI SIAMO La Fondazione Giovanni Paolo II per il dialogo, la cooperazione e lo sviluppo nasce come risultante del

Dettagli

GREEN GLOBE BANKING AWARD 2008 C È UN PATRIMONIO CHE CI STA PARTICOLARMENTE A CUORE.

GREEN GLOBE BANKING AWARD 2008 C È UN PATRIMONIO CHE CI STA PARTICOLARMENTE A CUORE. GREEN GLOBE BANKING AWARD 2008 C È UN PATRIMONIO CHE CI STA PARTICOLARMENTE A CUORE. 1 Una Banca attenta all ambiente: la Politica Ambientale Nel quadro delle attività di responsabilità sociale e ambientale,

Dettagli

Educazione per tutti Costruzione scuola secondaria Maurice Otunga Sesto stato di avanzamento lavori

Educazione per tutti Costruzione scuola secondaria Maurice Otunga Sesto stato di avanzamento lavori Se vuoi costruire una nave non chiamare la gente che procura il legno, che prepara gli attrezzi necessari, non distribuire compiti, non organizzare il lavoro. Prima invece sveglia negli uomini la nostalgia

Dettagli

L Azienda. Corporate Climate Responsibilty Obiettivi, Costi e Benefici. Fatturato: 2010: 120 Mio 2011: 135 Mio 2012: 27 Mio 2013: 300 Mio.

L Azienda. Corporate Climate Responsibilty Obiettivi, Costi e Benefici. Fatturato: 2010: 120 Mio 2011: 135 Mio 2012: 27 Mio 2013: 300 Mio. Corporate Climate Responsibilty Obiettivi, Costi e Benefici Andrea Ronchi Business Development Manager Torino, 4 Dicembre 2013 www.ecoway.it Member of: EcoWay L Azienda Anno di costituzione: 2003 Prima

Dettagli

CARBON FOOTPRINT ANALYSIS

CARBON FOOTPRINT ANALYSIS CARBON FOOTPRINT ANALYSIS PROFILO AzzeroCO 2 è una società di consulenza energetico-ambientale creata da Legambiente, Kyoto Club e Ambiente Italia. Accreditata come ESCo (Energy Service Company), analizza

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile ANA-ANAP, Associazione Nazionale Audioprotesisti e Associazione Nazionale Audioprotesisti Professionali Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile Milano, 21/10/2014

Dettagli

Prodotti SCA con certificazione forestale

Prodotti SCA con certificazione forestale Prodotti SCA con certificazione forestale PE FC /05-33-132 Promoting Sustainable Forest Management www.pefc.org PERCHÈ È IMPORTANTE? La certificazione forestale rappresenta l anello di congiunzione tra

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

Per valorizzare e dare visibilità alle iniziative di responsabilità sociale, stimolando l innovazione e contribuendo allo sviluppo della CSR

Per valorizzare e dare visibilità alle iniziative di responsabilità sociale, stimolando l innovazione e contribuendo allo sviluppo della CSR Per valorizzare e dare visibilità alle iniziative di responsabilità sociale, stimolando l innovazione e contribuendo allo sviluppo della CSR Il Sodalitas Social Award acquista respiro europeo Promuovere

Dettagli

Acqua per i bambini del Rwanda REPORT DI AGGIORNAMENTO ANNO 2010 DISTRETTI DI GATSIBO E GICUMBI, RWANDA

Acqua per i bambini del Rwanda REPORT DI AGGIORNAMENTO ANNO 2010 DISTRETTI DI GATSIBO E GICUMBI, RWANDA Acqua per i bambini del Rwanda REPORT DI AGGIORNAMENTO ANNO 2010 DISTRETTI DI GATSIBO E GICUMBI, RWANDA [ ] gli affamati devono essere saziati, i nudi vestiti, i malati curati in vista della guarigione,

Dettagli

Il ruolo delle ESCo: Energy Service Company.

Il ruolo delle ESCo: Energy Service Company. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO EFFICIENZA ENERGETICA. OPPURTUNITÀ PER IMPRESE E PROFESSIONISTI. Il ruolo delle ESCo: Energy Service Company. Claudio G. Ferrari Presidente Federesco 9 GIUGNO

Dettagli

Progetto NuovisPazzi. Recupero Spazi ad uso Pubblico a Mombello. Ente Promotore: ASSOCIAZIONE BRUCALIFFO LIMBIATE

Progetto NuovisPazzi. Recupero Spazi ad uso Pubblico a Mombello. Ente Promotore: ASSOCIAZIONE BRUCALIFFO LIMBIATE Progetto NuovisPazzi Recupero Spazi ad uso Pubblico a Mombello Ente Promotore: ASSOCIAZIONE BRUCALIFFO LIMBIATE Luogo: Padiglione Lavanderia, Ex O.P. Antonini di Limbiate ( Loc. Mombello) Premessa: Non

Dettagli

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso PROGETTO ORTO SOLIDALE Orto del Sorriso INDICAZIONI GENERALI DEL PROGETTO: Il progetto di Orto Solidale Orto del Sorriso nasce dal desiderio di riscattare il termine LAVORO dandogli una valenza positiva.

Dettagli

PROGETTO SCUOLA EXPO MILANO 2015. Vademecum Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Settembre 2014

PROGETTO SCUOLA EXPO MILANO 2015. Vademecum Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Settembre 2014 PROGETTO SCUOLA EXPO MILANO 2015 Vademecum Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Settembre 2014 1. Premessa L Esposizione Universale del 2015, che avrà come tema centrale Nutrire il Pianeta, Energia

Dettagli

Quantificazione e rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra relativi alla 3ª CONFERENZA INTERNAZIONALE SU DECRESCITA, SOSTENIBILITA ED

Quantificazione e rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra relativi alla 3ª CONFERENZA INTERNAZIONALE SU DECRESCITA, SOSTENIBILITA ED Quantificazione e rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra relativi alla 3ª CONFERENZA INTERNAZIONALE SU DECRESCITA, SOSTENIBILITA ED EQUITA SOCIALE Introduzione La Carbon Footprint misura

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 1 Il quarto Quadro strategico del Fondo regioni, di insicurezza alimentare

Dettagli

La prima piattaforma italiana di crowdfunding per la realizzazione di green infrastructures

La prima piattaforma italiana di crowdfunding per la realizzazione di green infrastructures La prima piattaforma italiana di crowdfunding per la realizzazione di green infrastructures 1 COME NASCE OPEN GAIA OPEN GAIA nasce dall esperienza maturata attraverso il progetto LIFE+ GAIA cofinanziato

Dettagli

SOSTENIBILE S.r.l. CONSULENZA STRATEGICA PER LA SOSTENIBILITA

SOSTENIBILE S.r.l. CONSULENZA STRATEGICA PER LA SOSTENIBILITA SOSTENIBILE S.r.l. CONSULENZA STRATEGICA PER LA SOSTENIBILITA CHI SIAMO Un team formato da professionisti esperti di marketing, comunicazione e CSR, che ha scelto di mettere al servizio della sostenibilità

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PREMESSA La società attuale non solo ci invita a pensarci e a pensare in termini di globalità e di globalizzazione, ma ci chiede anche

Dettagli

dello specifico ciclo produttivo ed una maggiore sensibilizzazione sulla rilevanza delle attività agricole nell ecosistema naturale ed ambientale e

dello specifico ciclo produttivo ed una maggiore sensibilizzazione sulla rilevanza delle attività agricole nell ecosistema naturale ed ambientale e Nel periodo 2000-2010 1 in Italia è stata registrata una riduzione dell 8% della Superficie Agricola Totale (che include i terreni produttivi e quelli non produttivi di un azienda agricola), una riduzione

Dettagli

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI di Confindustria 19 giugno 2014 1 Il presente Codice, approvato dalla Assemblea straordinaria di Confindustria del 19 giugno 2014, è parte integrante dello Statuto

Dettagli

Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità

Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità ECORICE e le prospettive future Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità Mario Perosino Regione Piemonte Direzione Agricoltura mario.perosino@regione.piemonte.it ECORICE e le prospettive

Dettagli

Azioni di Economia Solidale verso il Distretto maceratese

Azioni di Economia Solidale verso il Distretto maceratese Azioni di Economia Solidale verso il Distretto maceratese I prezzi non dovrebbero essere fissati al livello più basso possibile, ma a quello sufficiente per fornire ai produttori degli standard adeguati

Dettagli

LEGGE REGIONALE 11 dicembre 2013, n. 39

LEGGE REGIONALE 11 dicembre 2013, n. 39 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 166 del 17-12-2013 41605 LEGGE REGIONALE 11 dicembre 2013, n. 39 Tutela delle risorse genetiche autoctone di interesse agrario, forestale e zootecnico. IL

Dettagli

ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale!

ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale! ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale! Indice dei contenuti ActionAid Italia Giornata Mondiale per la Giustizia Sociale ActionAid e la Giustizia Sociale Progetto Etiopia Aziende in azione per

Dettagli

LA NUOVA PAC 2014-2020

LA NUOVA PAC 2014-2020 GRUPPO 2013 LA NUOVA PAC 2014-2020 Un analisi delle proposte della Commissione A cura di Fabrizio De Filippis Contributi di: Ferdinando Albisinni, Giovanni Anania, Giuseppe Blasi, Vasco Boatto, Gabriele

Dettagli

L idea. Sostenibilità. Sostenibilità economica. ambientale. Sostenibilità. sociale

L idea. Sostenibilità. Sostenibilità economica. ambientale. Sostenibilità. sociale COMPANY PROFILE 2013 L idea Green to Green srl è una società di servizi energetici nata nel 2013 dalla volontà di 3 professionisti del settore che hanno voluto trasferire le competenze maturate in una

Dettagli

MONDO NUOVO // MERCATO DELLE ENERGIE RINNOVABILI // AZIENDA // IMPEGNO SOCIALE // CORPORATE GOVERNANCE // OBIETTIVI DI CRESCITA // 14COMPANY PROFILE

MONDO NUOVO // MERCATO DELLE ENERGIE RINNOVABILI // AZIENDA // IMPEGNO SOCIALE // CORPORATE GOVERNANCE // OBIETTIVI DI CRESCITA // 14COMPANY PROFILE 20 MONDO NUOVO // MERCATO DELLE ENERGIE RINNOVABILI // AZIENDA // IMPEGNO SOCIALE // CORPORATE GOVERNANCE // OBIETTIVI DI CRESCITA // 14COMPANY PROFILE 4 UN MONDO NUOVO 5 VISION Sogniamo un mondo nuovo,

Dettagli

Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale

Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale Disposizioni attuative per l anno 2012 Il quadro di riferimento La Cooperazione

Dettagli

Analisi CSR per NaturaSì

Analisi CSR per NaturaSì Analisi CSR per NaturaSì Marzo 2006 L analisi della responsabilità sociale il nostro modello...1 Le fasi del processo di analisi...2 Analisi della responsabilità sociale per NaturaSì...3 NaturaSì: informazioni

Dettagli

SETTIMANA DELL ENERGIA ENERGIA DELLA PROVINCIA DI SIENA

SETTIMANA DELL ENERGIA ENERGIA DELLA PROVINCIA DI SIENA SETTIMANA DELL ENERGIA ENERGIA DELLA PROVINCIA DI SIENA POLO SCIENTIFICO, TECNOLOGICO E PRODUTTIVO DELLE ENERGIE RINNOVABILI E DELL EFFICIENZA EFFICIENZA ENERGETICA ANALISI PROPOSTE PERVENUTE AL 20 GENNAIO

Dettagli

PARCHI PER PERCHÈ IL PIANETA RESPIRI.

PARCHI PER PERCHÈ IL PIANETA RESPIRI. PARCHI PER PERCHÈ IL PIANETA RESPIRI. INSIEME PER UN GRANDE PROGETTO Giampiero Sammuri, Presidente Federparchi Europarc Italia Con il progetto Parchi per Kyoto abbiamo voluto dare vita ad un iniziativa

Dettagli

RELAZIONE DI SOSTENIBILITÀ 2013. Abstract

RELAZIONE DI SOSTENIBILITÀ 2013. Abstract RELAZIONE DI SOSTENIBILITÀ 203 Abstract Il 203 è stato un anno ancora pesantemente influenzato da una profonda crisi economica e finanziaria, i cui effetti hanno minato la stabilità di molte famiglie e

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

VADEMECUM CONSUMO SOSTENIBILE

VADEMECUM CONSUMO SOSTENIBILE VADEMECUM CONSUMO SOSTENIBILE INDICE PREMESSA I PRODOTTI ALIMENTARI PRODOTTI BIOLOGICI PRODOTTI LOCALI BENI DI CONSUMO 2 PREMESSA Ogni giorno, tutti noi consumiamo una quantità di prodotti per soddisfare

Dettagli

IL GREEN LAND SOCIAL HOUSING : per L IDENTITA TERRITORIALE e SOCIOECONOMICA

IL GREEN LAND SOCIAL HOUSING : per L IDENTITA TERRITORIALE e SOCIOECONOMICA IL GREEN LAND SOCIAL HOUSING : il SISTEMA AGROALIMENTARE come RISORSA per L IDENTITA TERRITORIALE e SOCIOECONOMICA VERSO Gennaio 2014 A cura di: Fondazione Cogeme Onlus Federazione Provinciale Coldiretti

Dettagli

F A Q. CHI è COOPI CHE TIPO DI ATTIVITA' REALIZZA COOPI ALL'ESTERO?

F A Q. CHI è COOPI CHE TIPO DI ATTIVITA' REALIZZA COOPI ALL'ESTERO? F A Q CHI è COOPI COOPI - Cooperazione Internazionale è un'organizzazione non governativa italiana laica e indipendente fondata nel 1965. COOPI è un'associazione ufficialmente riconosciuta dal Ministero

Dettagli

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020 PROGRAMMAZIONE 2014 2020 Valutazione Ambientale Strategica Programma Operativo Regionale FESR Programma di Sviluppo Rurale FEASR Forum Pubblico e prima Conferenza di Valutazione Il Programma di Sviluppo

Dettagli

CONCORSO PER PARTECIPARE GRATUITAMENTE AL FORUM

CONCORSO PER PARTECIPARE GRATUITAMENTE AL FORUM CONCORSO PER PARTECIPARE GRATUITAMENTE AL FORUM Il presente concorso offre a 30 imprese l opportunità di partecipare gratuitamente al Forum CompraVerde BuyGreen di Milano ed è rivolto a tutte le micro,

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: COME RACCOGLIERE LA SFIDA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO SINTESI DELL INTERVENTO

ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: COME RACCOGLIERE LA SFIDA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO SINTESI DELL INTERVENTO ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: COME RACCOGLIERE LA SFIDA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici Roma, 12-13 settembre 2007 SINTESI DELL INTERVENTO ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA:

Dettagli

Schema di decreto interministeriale sul sistema nazionale di certificazione per biocarburanti e bioliquidi

Schema di decreto interministeriale sul sistema nazionale di certificazione per biocarburanti e bioliquidi Schema di decreto interministeriale sul sistema nazionale di certificazione per biocarburanti e bioliquidi Introduzione. RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il presente schema di decreto è previsto dall articolo 2,

Dettagli

Una panoramica sull organizzazione dei Programmi di finanziamento a gestione diretta dell Unione Europea. Marco Canton

Una panoramica sull organizzazione dei Programmi di finanziamento a gestione diretta dell Unione Europea. Marco Canton Una panoramica sull organizzazione dei Programmi di finanziamento a gestione diretta dell Unione Europea Marco Canton Politiche UE Programmi Assistenza Esterna Programmi Tematici Gestione centralizzata

Dettagli

Scheda di partecipazione Quarta edizione

Scheda di partecipazione Quarta edizione Scheda di partecipazione Quarta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

31 dicembre 2010. 14 marzo 2010. Non è stabilita alcuna scadenza per la presentazione delle richieste

31 dicembre 2010. 14 marzo 2010. Non è stabilita alcuna scadenza per la presentazione delle richieste Soggetti finanziatori Progetto Scadenza ALLEANZA ASSICURAZIONI Iniziative che hanno come scopo: 1. progetti di formazione e/o inserimento professionale dei giovani finalizzati all'uscita da situazioni

Dettagli

CarboMark as an opportunity for exploitation of forests and wood products to offset CO2 emissions

CarboMark as an opportunity for exploitation of forests and wood products to offset CO2 emissions Carbomark LIFE07 ENV/IT/000388 CarboMark as an opportunity for exploitation of forests and wood products to offset CO2 emissions Alessandro Peressotti Centro Congressi Torino Incontra 15/16 Novembre 2011

Dettagli

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA IL PROJECT LEASING per IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA NUOVE opportunità di sviluppo PER LA TUA IMPRESA nel settore dell Energia 1 GLI IMPIANTI DI COGENERAZIONE La cogenerazione, CHP (Combined

Dettagli

La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale

La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale Azienda leader nel campo della nutrizione, della salute e del benessere, Nestlé ambisce a migliorare

Dettagli

AGENDA LIFEGATE ENERGIA CLIENTI

AGENDA LIFEGATE ENERGIA CLIENTI AGENDA 1 2 LIFEGATE ENERGIA CLIENTI 3 1 1.1 Chi siamo 1.2 Punti di forza 1.3 Cosa facciamo LIFEGATE Il punto di riferimento per lo sviluppo sostenibile. LIFEGATE 1 LA SOSTENIBILITÀ È L UNICA CHIAVE PER:

Dettagli

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY 1 Quasi dimezzate rispetto al 2009 le imprese che considerano la Corporate Responsibility come parte integrante della

Dettagli

CARTA ETICA DEL TURISMO SCOLASTICO

CARTA ETICA DEL TURISMO SCOLASTICO Hanno promosso la redazione della carta i seguenti soggetti: CARTA ETICA DEL TURISMO SCOLASTICO La gita, uno dei rituali scolastici più amati dagli studenti, si rivela spesso come momento di discrepanza

Dettagli

Zanardi Bio Social coltivare, produrre, distribuire e lavorare

Zanardi Bio Social coltivare, produrre, distribuire e lavorare Zanardi Bio Social coltivare, produrre, distribuire e lavorare ZANARDI BIO raggruppa 4 progetti e una vasta rete di attori del territorio attivi nell inclusione sociale, nella promozione di uno stile di

Dettagli

Il Project Manager nelle Organizzazioni Non Profit e nelle Imprese Sociali

Il Project Manager nelle Organizzazioni Non Profit e nelle Imprese Sociali ALTA SCUOLA IMPRESA E SOCIETÀ Il Project Manager nelle Organizzazioni Non Profit e nelle Imprese Sociali VII edizione 13 marzo - 3 luglio 2015 Università Cattolica del Sacro Cuore ALTIS, Alta Scuola Impresa

Dettagli

Risultati 2012 e obiettivi futuri

Risultati 2012 e obiettivi futuri Strategia Risultati 2012 e obiettivi futuri Lo scenario economico mondiale vive ancora in un clima di incertezza. Ciò nonostante, nel 2012, il Gruppo Enel ha conseguito gli obiettivi indicati al mercato,

Dettagli

Bando 2014.3 EXPOniamoci con il supporto operativo del Consorzio Sistema Bibliotecario Nord Ovest

Bando 2014.3 EXPOniamoci con il supporto operativo del Consorzio Sistema Bibliotecario Nord Ovest Bando 2014.3 EXPOniamoci con il supporto operativo del Consorzio Sistema Bibliotecario Nord Ovest 1. PROMOTORE E FINALITÀ DEL BANDO In connessione con la manifestazione EXPO2015 si intende favorire lo

Dettagli

GRUPPO BILANCIO SOCIALE CSR UPDATE. 24 novembre 2014. Giuseppe Chiappero

GRUPPO BILANCIO SOCIALE CSR UPDATE. 24 novembre 2014. Giuseppe Chiappero GRUPPO BILANCIO SOCIALE CSR UPDATE 24 novembre 2014 Giuseppe Chiappero PILLOLE DI ATTUALITA OBAMA - 12 NOVEMBRE 2014 STORICO ACCORDO CINA USA RILANCIO DELLE POLITICHE PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE PAPA FRANCESCO

Dettagli

Andando Verso il Nuovo. Piano di Sviluppo Rurale della Toscana 2014 2020.

Andando Verso il Nuovo. Piano di Sviluppo Rurale della Toscana 2014 2020. Andando Verso il Nuovo Piano di Sviluppo Rurale della Toscana 2014 2020. Report - Attività Professionale Periodo di Spesa 2007 2013. Fondo F.E.A.S.R. Codice Fiscale e P.IVA 02035130513 - Via C. Concini

Dettagli

LE ESPOSIZIONI UNIVERSALI ED EXPO MILANO 2015

LE ESPOSIZIONI UNIVERSALI ED EXPO MILANO 2015 LE ESPOSIZIONI UNIVERSALI ED EXPO MILANO 2015 3 Cosa è una Esposizione Universale Da oltre 100 anni, le Esposizioni Universali hanno un posto d eccellenza nell'educazione dei cittadini, del mondo e nel

Dettagli

OPPORTUNITÀ DI FINANZA AGEVOLATA DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 PER GLI INVESTIMENTI NELL AGRICOLTURA IN ROMANIA

OPPORTUNITÀ DI FINANZA AGEVOLATA DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 PER GLI INVESTIMENTI NELL AGRICOLTURA IN ROMANIA OPPORTUNITÀ DI FINANZA AGEVOLATA DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 PER GLI INVESTIMENTI NELL AGRICOLTURA IN ROMANIA A cura di: Adriana Zecchetto 20 Febbraio 2014 www.boscoloromania.ro 1 Contesto della programmazione

Dettagli

MECCANISMO DI CONTROLLO DELLA VENDITA AI CLIENTI FINALI DI

MECCANISMO DI CONTROLLO DELLA VENDITA AI CLIENTI FINALI DI DCO 26/09 MECCANISMO DI CONTROLLO DELLA VENDITA AI CLIENTI FINALI DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Documento per la consultazione Mercato di incidenza: energia elettrica 27 luglio 2009 Premessa

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA Osservatorio del Paesaggio per il Monferrato Casalese Osservatorio del Paesaggio per il Monferrato e l Astigiano Osservatorio del Paesaggio Alessandrino Osservatorio del Paesaggio

Dettagli

attività da loro intraprese.

attività da loro intraprese. IMQ Green Network IMQ Green Network Sempre più il green sembra andare di pari passo con la redditività. Lo ha dimostrato anche l edizione 2011 del Carbon Disclosure Project Global 500. Il Rapporto annuale

Dettagli

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010 Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud Università Ca Foscari Venezia, 10 febbraio 2010 Premesse In riferimento all obiettivo di sensibilizzare ed educare allo sviluppo

Dettagli

La sostenibilità nei trattamenti di bonifica. Elena Sezenna

La sostenibilità nei trattamenti di bonifica. Elena Sezenna La sostenibilità nei trattamenti di bonifica "Green" e Sostenibile di cosa si tratta? 2 Green Si prefigge di ridurre al minimo l'impatto ambientale di un'attività (inclusi gas serra e altre emissioni in

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPATTO AMBIENTALE UMBRIA TRASH 2010]

VALUTAZIONE DELL IMPATTO AMBIENTALE UMBRIA TRASH 2010] www.ecocongress.it / info@ecocongress.it RESPONSABILE DELLA DIVISIONE SCIENTIFICA Dott. Flavio Scrucca scrucca@ecocongressi.it [VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL IMPATTO AMBIENTALE UMBRIA TRASH 2010] 2010 Relazione

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE NEL SETTORE AGROALIMENTARE VALORIZZAZIONE DEL PRODOTTO. Cremona 22 Ottobre 2014

LA CERTIFICAZIONE NEL SETTORE AGROALIMENTARE VALORIZZAZIONE DEL PRODOTTO. Cremona 22 Ottobre 2014 LA CERTIFICAZIONE NEL SETTORE AGROALIMENTARE VALORIZZAZIONE DEL PRODOTTO Cremona 22 Ottobre 2014 Standard sicurezza alimentare: trend nazionale e internazionale PREMESSA Certificazione nel settore agro-alimentare

Dettagli

AlpCoRe ALPI COMPETITIVE E RESPONSABILI

AlpCoRe ALPI COMPETITIVE E RESPONSABILI AlpCoRe ALPI COMPETITIVE E RESPONSABILI CARTA D IDENTITÀ DELL AZIENDA Nome azienda * Partita IVA, codice identificativo* Indirizzo* Telefono e Fax* Referente aziendale* E-mail referente aziendale* Settore

Dettagli

Art. 1 - Definizione di Sostegno a Distanza (SaD) di minori e giovani a. b. c. Art. 2 - Altre definizioni

Art. 1 - Definizione di Sostegno a Distanza (SaD) di minori e giovani a. b. c. Art. 2 - Altre definizioni Direzione Generale per il Terzo settore e le Formazioni sociali Sostegno a Distanza - SaD AGENZIA PER LE ONLUS - Linee guida per il sostegno a distanza di minori e giovani ACQUISITE dalla Direzione Generale

Dettagli

ECCO GLI ARGOMENTI PER L'ANNO PROSSIMO

ECCO GLI ARGOMENTI PER L'ANNO PROSSIMO co NSUMO CRITICO PDOTTI BIOLOGIC!E A KM ZERO colt rvramo INSIEME PIANTEO FFICINALI ECCO GLI ARGOMENTI PER L'ANNO PROSSIMO BIODIVERSITA INTERAZIONE PIANTE-ANIMALI CATENE ALIMENTARI NELLA LOTTA BIOLOGICA

Dettagli

6 Il Valore della Sostenibilità. Il valore della sostenibilità

6 Il Valore della Sostenibilità. Il valore della sostenibilità 6 Il Valore della Sostenibilità Il valore della sostenibilità Il Valore della Sostenibilità 7 Strategia e approccio GRI - G4: 1 In Snam sostenibilità e creazione di valore sono concetti fortemente legati.

Dettagli

Onestà, lealtà e correttezza. Solidarietà. Tolleranza. Trasparenza. Responsabilità. Non proselitismo

Onestà, lealtà e correttezza. Solidarietà. Tolleranza. Trasparenza. Responsabilità. Non proselitismo 1. INTRODUZIONE Il presente Codice Etico (di seguito: Codice ) è un documento ufficiale di Annulliamo la Distanza ONLUS (di seguito anche solo AnlaDi o Associazione ), approvato dal Consiglio Direttivo

Dettagli

Descrizione del progetto

Descrizione del progetto Descrizione del progetto Costituzione di una cooperativa scolastica per la realizzazione di: Interventi di riprogettazione e riqualificazione degli spazi verdi dei diversi plessi scolastici dell Istituto,

Dettagli

Eco-efficienza e strategie per un'ecologia industriale a cura di Ing. Elisa Poggiali Gruppo di Coordinamento Agenda 21 "Terre di Siena"

Eco-efficienza e strategie per un'ecologia industriale a cura di Ing. Elisa Poggiali Gruppo di Coordinamento Agenda 21 Terre di Siena Eco-efficienza e strategie per un'ecologia industriale a cura di Ing. Elisa Poggiali Gruppo di Coordinamento Agenda 21 "Terre di Siena" Secondo il WBCSD (World Business Council for Sustainable Development),

Dettagli

Il marchio di sostenibilità ambientale

Il marchio di sostenibilità ambientale Giunta Regionale Direzione Programmazione, innovazione e competitività dell'umbria Ambito di coordinamento: Imprese e lavoro Servizio Politiche per il credito e Internazionalizzazione delle imprese Il

Dettagli

BSI Group Italia 8901 Sostenibilità degli eventi

BSI Group Italia 8901 Sostenibilità degli eventi BSI Group Italia 8901 Sostenibilità degli eventi 1 Chi è BSI 2 BSI nasce nel 1901 in Inghilterra come primo ente di normazione al mondo, riconosciuto dalla corona britannica e oggi, a più di 100 anni dalla

Dettagli

Scheda di partecipazione Quinta edizione

Scheda di partecipazione Quinta edizione Scheda di partecipazione Quinta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato Costruiamo la strategia: dall analisi di contesto ai fabbisogni Luca Cesaro INEA Trentino Alto Adige Trento, 6 marzo 2014 Fasi di

Dettagli

Curriculum aziendale. Euroconsult s.a.s.

Curriculum aziendale. Euroconsult s.a.s. Curriculum aziendale Euroconsult s.a.s. aggiornato al 26/04/2011 Dati anagrafici Ragione sociale: Euroconsult s.a.s. Data di costituzione: 14 febbraio 1994 Rappresentante legale: ing. Armando Cannata Partita

Dettagli

Rassegna Stampa luglio 2010

Rassegna Stampa luglio 2010 Rassegna Stampa luglio 2010 IL Settimanale di Latina 3 luglio 2010 La Provincia di Latina 1 luglio 2010 Latina Oggi 2 luglio 2010 L energia pulita arriva dalle campagne dell agro pontino Domani a Borgo

Dettagli

"Educhiamo(ci) alla sostenibilità" Laboratori di educazione al consumo consapevole, al riuso, al riciclo

Educhiamo(ci) alla sostenibilità Laboratori di educazione al consumo consapevole, al riuso, al riciclo "Educhiamo(ci) alla sostenibilità" Laboratori di educazione al consumo consapevole, al riuso, al riciclo Nell anno scolastico 2011-12 appena concluso, gli studenti di numerose scuole di Roma e del Lazio

Dettagli

La responsabilità sociale d impresa in pillole

La responsabilità sociale d impresa in pillole La responsabilità sociale d impresa in pillole Contenuti - RSI: definizione ed evoluzione storica - RSI: da teoria a prassi d impresa - RSI: i benefici e gli strumenti 2 La definizione UE di RSI La responsabilità

Dettagli

Land Grabbing La necessità di una disciplina legale internazionale. Matteo Manfredi Neolaureato in giurisprudenza Università Cattolica di Milano

Land Grabbing La necessità di una disciplina legale internazionale. Matteo Manfredi Neolaureato in giurisprudenza Università Cattolica di Milano Land Grabbing La necessità di una disciplina legale internazionale Matteo Manfredi Neolaureato in giurisprudenza Università Cattolica di Milano Land Grabbing Un attività ambigua: Consiste in acquisizioni

Dettagli

La formazione. Master Gem edizione 2014

La formazione. Master Gem edizione 2014 La formazione per la Green economy Master Gem edizione 2014 Cosa è Master Gem Corso di alta formazione ad indirizzo specialistico in materia di green economy (energie rinnovabili, efficientamento e risparmio

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE STATALE LEARDI PROGETTO SCUOLE CHE FANNO LA DIFFERENZA CSR. Classe 3 B AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING

ISTITUTO SUPERIORE STATALE LEARDI PROGETTO SCUOLE CHE FANNO LA DIFFERENZA CSR. Classe 3 B AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING ISTITUTO SUPERIORE STATALE LEARDI PROGETTO SCUOLE CHE FANNO LA DIFFERENZA CSR Classe 3 B AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Anno Scolastico 2012-2013 1 LA CORPORATE SOCIAL RESPONSIBILITY (CSR) Partendo

Dettagli