[ Bilancio sociale 2013 ]

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "[ Bilancio sociale 2013 ]"

Transcript

1 [ Bilancio sociale 2013 ] Il presente bilancio sociale è redatto in conformità alle Linee guida regionali per il bilancio di sostenibilità delle PMI Toscane (rendicontazione socio-ambientale, livello 1). Un azienda di successo lascia il segno, ma nessuna traccia sull ambiente

2 Alberi, persone e storie da tutto il mondo Let s green the planet

3 Indice 1. L identità dell impresa 4 2. Il governo d impresa 6 3. Identificazione e coinvolgimento degli stakeholder Clienti Fornitori Popolazione locale nei siti di progetto Popolazione sul territorio fiorentino 9 4. Le performance di sostenibilità Performance economica Performance sociale Dipendenti Clienti: generalità Clienti: composizione Clienti: controlli e certificazioni di qualità Fornitori: generali Fornitori: composizione Fornitori: caratteristiche e certificazioni Istituzioni e Pubblica Amministrazione Finanziatori Performance ambientale Politiche ambientali attuate e descrizione dei sistemi di gestione adottati Risorse utilizzate Impatto sull ambiente Quantità totale di rifiuti smaltiti, con evidenza dei quantitativi riciclati Mitigazione impatto ambientale 21

4 1. L identità dell impresa Treedom S.r.l. è una start up costituita nel maggio 2010, che opera nel mercato della consulenza ambientale e dei crediti di carbonio, sulla base dei principi delineati dal Protocollo di Kyoto. La società è stata fondata da un team di giovani professionisti con una vasta esperienza nel settore della green economy. La mission aziendale di Treedom si riassume nei seguenti punti: compensare su base volontaria le emissioni di CO₂ di individui, imprese ed istituzioni, promuovendo e realizzando progetti di riforestazione in zone degradate del pianeta; apportare benefici sociali nei siti di progetto, attraverso il coinvolgimento diretto delle comunità locali, garantendo la sicurezza alimentare e stimolando la microimprenditorialità rurale; offrire alle imprese una serie di servizi per affermare la propria responsabilità sociale ed ambientale, contribuendo così a rafforzare l immagine dei loro brand; sensibilizzare gli individui sulle tematiche ambientali, attraverso la loro partecipazione diretta ad iniziative per la salvaguardia del pianeta; contribuire alla crescita del mercato volontario dei crediti di carbonio, attraverso un sistema di certificazione e di monitoraggio innovativo e trasparente.

5 Essendo una società operante in attività di riforestazione realizzati in Paesi in Via di Sviluppo, i valori guida dell operato di Treedom sono: sviluppo sostenibile, tutela dell ambiente, salvaguardia forestale, tutela dalla persona, protezione della salute, sicurezza alimentare, equità e uguaglianza, compartecipazione, onestà, diligenza, trasparenza. Il disegno strategico di Treedom prevede la creazione e lo sviluppo di un marketplace, che sia luogo di incontro tra tutti coloro che esprimono una domanda di ambiente, cioè che desiderano ridurre e compensare le emissioni di CO2 legate al loro stile di vita e/o alle loro attività economico/produttive; tutti coloro che offrono un servizio benefico all ambiente realizzando attività di afforestazione/riforestazione e che, fino ad oggi, non hanno ottenuto nessuna forma di remunerazione per tali attività. Dal 2010 la società è cresciuta costantemente e nel 2012 ha parto una società controllata in America, Treedom Inc., con sede a Santa Monica, California. Nel 2012 Treedom ha promosso la creazione di Donaction Onlus, associazione che sta sviluppando un portale per promuovere il crowdfunding del settore no profit. Nel 2012 Treedom ha sviluppato il primo prodotto fisico, la treebox, un papercraft per costruire un albero di Natale ed addobbarlo con materiale di riciclo.

6 2. Il governo d impresa La società è costituita con la forma giuridica di società a responsabilità limitata con un capitale sociale di interamente versato, più una riserva di La compagine sociale è formata da sette soci, con età media inferiore ai 40 anni. I soci sono tutti laureati ed hanno una notevole esperienza nel settore ambientale e dello sviluppo sostenibile. La compagine sociale è costituita da: Tommaso Speroni, 33% del capitale sociale, 25 anni, laureato in Economia dello sviluppo; Federico Garcea, 27% del capitale sociale, 30 anni, laureato in Scienze Politiche ed economiche; Tommaso Signorini, 18% del capitale sociale, 29 anni, laureato in Scienze motorie; Lorenzo Martelletti, 4% del capitale sociale, 37 anni, laureato in Ingegneria ambientale; Vittorio Picello, 6% del capitale sociale, 46 anni, IED. Carlo Volpi, 5% del capitale sociale, 60 anni, laureato in psicologia; Riccardo Alessandrini, 4% del capitale sociale, 35 anni, laureato in Economia. La società è amministrata da: Federico Garcea, presidente del CDA e rappresentante legale, in carica dal 7 Luglio 2011;

7 Tommaso Speroni, amministratore delegato e rappresentante legale, in carica dal 7 Luglio La gestione operativa della società è affidata a: Federico Garcea, CEO, responsabile dell amministrazione della società, dei rapporti istituzionali e dei rapporti con i clienti; Tommaso Speroni, CTO, responsabile delle attività forestali, della metodologia e del sito web; Il Consiglio di Amministrazione si riunisce regolarmente per analizzare i risultati ottenuti, evidenziare le criticità, programmare le attività successive e valutare nuove idee e proposte emerse. Il Consiglio di Amministrazione ha convocato 3 assemblee dei soci durante il 2013 per informare tutta la compagine sullo sviluppo delle attività e per svolgere tutte le funzioni riservate all assemblea. 3. Identificazione e coinvolgimento degli stakeholder I principali portatori d interesse che gravitano intorno all attività d impresa di Treedom possono essere riassunti nelle seguenti categorie: clienti, fornitori, popolazione locale nei siti di progetto, popolazione sul territorio fiorentino. Per ciascuna categoria di seguito vengono indicate le principali aspettative e come la società opera per soddisfare le loro istanze.

8 3.1 Clienti Fino ad oggi Treedom ha avuto sia clienti B2C che B2B. I clienti B2C sono individui che, per questioni etiche ed ambientali, decidono volontariamente di acquistare crediti di carbonio generati attraverso attività di riforestazione per compensare le proprie emissioni di CO2. Le aspettative di tali clienti, che fino ad oggi non hanno avuto grandi poteri di controllo sull azione intrapresa, sono quelle di investire in qualcosa di reale, efficace contro la lotta al cambiamento climatico e duraturo. Treedom si impegna a soddisfare tali esigenze attraverso la creazione di un servizio unico, basato su una metodologia di certificazione e di monitoraggio grazie alla quale il singolo albero, georeferenziato e fotografato, è assegnato univocamente al singolo utente. Come di seguito specificato, tutti gli alberi sono segnati in apposito registro e sono individuati da precise coordinate geografiche. I clienti B2B sono imprese che acquistano crediti di carbonio prevalentemente per questioni di responsabilità ambientale e di green marketing. Tale categoria di stakeholder si aspetta da un investimento ambientale di ottenere uno strumento per dimostrare il proprio impegno ambientale e sociale, attraverso cui sostenere campagne di green marketing e le proprie politiche promozione e commercializzazione. Per soddisfare tali esigenze, Treedom offre ai clienti B2B un certificato ufficiale dove si attesta il numero di alberi piantati e la quantità di CO2 stoccata. Inoltre, come specificato di seguito, Treedom offre vari servizi finalizzati a dare visibilità all azione intrapresa dai propri clienti (comunicati stampa, creazione di pagine personali sul portale assegnazione alberi da parte dei nostri clienti ad utenti finali, etc). 3.2 Fornitori I fornitori di Treedom sono ONG che, in proprio o in collaborazione con cooperative locali, realizzano attività di riforestazione su piccola e media scala in zone degradate del pianeta. Fino ad oggi i progetti forestali di piccole e medie dimensioni non hanno avuto accesso al mercato del carbonio. Infatti, migliaia di progetti di afforestazione/riforestazione (A/R) vengono portati avanti nel mondo da organizzazioni non governative, enti pubblici e cooperative con notevoli difficoltà, finanziati da sovvenzioni statali o internazionali per un dato periodo di tempo. Spesso, al termine di tale periodo, sono costrette a cessare le proprie attività per mancanza di ulteriori entrate economiche.

9 I principali ostacoli per i soggetti interessati a vendere crediti di carbonio sono: elevati costi di certificazione; mancanza di un intermediario che li mettesse in contatto con potenziali acquirenti. L obiettivo di Treedom è proprio quello di creare un canale di accesso al mercato per tali soggetti, per far sì che il loro impegno ambientale sia accompagnato da congruo sviluppo economico. A tal fine Treedom sta creando il già citato marketplace, dove tali soggetti, dopo aver usufruito gratuitamente dei corsi di formazione per l utilizzo della nostra metodologia di piantumazione, certificazione e monitoraggi, potranno direttamente vendere gli alberi piantati all interno dei progetti realizzati con la nostra collaborazione. 3.3 Popolazione locale nei siti di progetto Ultima, ma non per questo meno importante, categoria di portatori di interesse è rappresentata dalle popolazioni autoctone che vivono nei luoghi dove Treedom ed i suoi fornitori realizzano le attività di riforestazione. La popolazione locale spesso vive in condizioni altamente disagiate. Andando ad operare in tali contesti, Treedom ha premura di coinvolgere quanto più attivamente la popolazione locale nelle attività, ed in particolare gli uomini per le attività forestali e le donne per le attività in vivaio. Inoltre i frutti degli alberi vengono lasciati alla popolazione locale; questo, se da un lato contribuisce a garantire la sicurezza alimentare, dall altro agisce come motore per la micro-imprenditorialità locale, innescando ad esempio la lavorazione dei prodotti (da parte delle cooperative femminili) da immettere nel circuito equo e solidale. Treedom inoltre si attiva per fare formazione gratuita nei siti di progetto e per stimolare la creazione di cooperative locali, al fine di permettere ai piccoli produttori di ottenere un maggior potere di mercato nei rapporti con le istituzioni locali. 3.4 Popolazione sul territorio fiorentino Treedom ha organizzato 2 iniziative sul territorio fiorentino per sensibilizzare la cittadinanza e apportare un beneficio diretto sul territorio dove opera. In occasione della Giornata Mondiale dell Ambiente 2012, promossa dalle Nazioni Unite, Treedom, in collaborazione con NoDump, ha realizzato un installazione artistica a Firenze alberi hanno regalato abbracci in tutte le lingue del mondo, coinvolgendo artisti, cittadini, turisti, stampa, istituzioni, social networks e sponsor.

10 Inoltre, grazie al contributo del Gruppo L Espresso, Treedom ha piantato 312 alberi all interno della Scuola I.T.C. Barsanti, coinvolgendo gli studenti e sensibilizzandoli sulle tematiche ambientali attraverso 2 giornate dedicate agli alberi e all ambiente.

11 4. Le performance di sostenibilità 4.1 Performance economica Nell esercizio 2013 è stato realizzato un fatturato di , corrispondente ad un totale di circa alberi venduti. Di tale fatturato, il 95% è derivato dalle transazioni concluse con i clienti B2B, ed il rimanente 5% dalle transazioni concluse on line con clienti B2C. Il bilancio della società sarà chiuso in positivo, considerando che durante l esercizio sono stati effettuati numerosi investimenti, principalmente in sviluppo web, sviluppo progetti di riforestazione e marketing. I costi sostenuti nel 2013 si possono dividere in due categorie principali: Costi dei crediti di carbonio, alberi: , che sono stati pagati ai fornitori per la piantumazione degli alberi e l originazione dei crediti di carbonio. Il modello prevede infatti una divisione paritetica dei ricavi con i fornitori partner dei progetti di riforestazione. I fornitori garantiscono inoltre che tutto il ricavato verrà reinvestito in opere sociali e di sviluppo nei paesi dove operiamo congiuntamente. Costi operativi: , divisi tra costi amministrativi, di gestione, marketing, vendite e ricerca.

12 4.2 Performance sociale Dipendenti Ad oggi Treedom ha 3 lavoratori dipendenti, 2 soci lavoratori, 7 collaboratori a progetto e 1 assegno di ricerca finanziati con l Università degli Studi di Firenze. Allo stato attuale è in esame il piano d investimento da realizzare nei prossimi tre esercizi sociali ( ). Tale piano d investimento prevede l assunzione a tempo indeterminato di sette nuove figure professionali dipendenti; la scelta ricadrà preferibilmente sui giovani, con particolare riguardo per figure professionali femminili( che sono già il 53% del personale di Treedom), al fine di contribuire ad alleviare il problema della disoccupazione giovanile e della discriminazione femminile nel mondo del lavoro. Tali figure verranno inserite in un contesto accogliente e dinamico, saranno affiancate nella fase di apprendimento ed avranno la possibilità di frequentare programmi di specializzazione che verranno interamente finanziati dalla società. Treedom crede infatti che investire nella crescita professionale dei propri dipendenti sia non solo una grande prospettiva per i risultati dell impresa, ma soprattutto un investimento nella persona umana e nella società civile. Il personale di Treedom è direttamente coinvolto nel processo decisionale della società, attraverso una serie di strumenti di confronto e indirizzo, tra cui un brain storming settimanale e corporate weekend Clienti: generalità La società offre alle imprese ed agli individui una serie di strumenti per quantificare le proprie emissioni di CO2 ed adottare una serie di misure per ridurre e compensare queste emissioni. Infine pianifichiamo con il cliente una serie di iniziative per garantire la massima trasparenza, dare visibilità all azione intrapresa e sensibilizzare gli utenti finali. Il processo attraverso portiamo avanti le relazioni con i nostri clienti si compone delle seguenti fasi: a) Analisi preliminare accettabilità cliente I clienti che si rivolgono a noi sono oggetto di un analisi preliminare circa le loro performance ambientali da parte della nostra Commissione Scientifica e del management. Non è nostro interesse lavorare con clienti che abbiano provocato danni all ambiente, a meno che questi non abbiano cambiato totalmente la loro politica ambientale e si siano impegnati in azioni concrete di riqualificazione e bonifica. Inoltre lo spirito aziendale prevede di compensare le emissioni di clienti che abbiano attuato o che siano comunque interessati ad attuare varie misure per ridurre preventivamente quanto più possibile le proprie emissioni, e che quindi esprimano una sensibilità ambientale non solo a posteriori per finalità di green washing, ma anche a priori.

13 b) Accounting Una volta verificate le condizioni per procedere, si stabilisce con il cliente un piano di lavoro, che deve necessariamente iniziare con l accounting dell impronta ecologica delle sue attività; a tal fine vengono richiesti al cliente una serie di dati e parametri aziendali per procedere con il calcolo. Questo servizio viene realizzato in forma totalmente gratuita; riteniamo infatti che la gratuità del servizio di calcolo della carbon footprint sia un modo per incentivare chiunque ad avvicinarsi alle tematiche ambientali ed a riflettere su quale sia l impatto delle attività svolte quotidianamente, sul lavoro come nella vita privata. Il calcolo delle emissioni viene generalmente effettuato seguendo la UNI ISO (Specifiche e guida, al livello dell organizzazione, per la quantificazione e la rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra e della loro rimozione) e utilizzando come standard di riferimento fonti internazionalmente riconosciute e utilizzate dal settore come: Greenhouse gas (GHG) conversion factors (DEFRA: Department for Environment, Food and Rural Affairs, GB); The Greenhousegas Protocol (World Research Institute & World Business Council for Sustainable Development); 2010 National Footprint Accounts. c) Proposta per la riduzione e compensazione delle emissioni A seguito dell analisi dei dati ricevuti viene redatto un documento (inviato sempre gratuitamente al cliente) con tutte le informazioni relative alla metodologia ed al calcolo della carbon footprint e con l accounting delle emissioni. In tale documento vengono poi suggerite una serie di misure atte a contenere e ridurre la propria impronta di carbonio. La prima analisi verrà presa come riferimento o base line per monitorare le emissioni degli anni successivi e portare avanti le misure per la riduzione delle emissioni stesse. Infine, nel documento viene fatta una proposta relativa alla compensazione delle emissioni che non si sono potute evitare alla fonte. Ai nostri clienti offriamo così la possibilità di annullare parzialmente o totalmente (a seconda delle loro preferenze e possibilità) il loro impatto ambientale attraverso la piantumazione di alberi in zone degradate del pianeta. Nella proposta viene dettagliata la misura dell intervento in termini di alberi, crediti di carbonio e superficie riforestata, così come il costo dell intervento. Infine vengono dettagliati tutti i servizi inclusi nella proposta, come di seguito esplicitato.

14 d) Compensazione delle emissioni A seguito di eventuali richieste di chiarimento, modifiche ed integrazioni effettuate specificatamente per soddisfare particolari esigenze o curiosità del cliente, ed in caso di accettazione dell offerta, inizia la fase di compensazione vera e propria. Prendono avvio le attività di riforestazione all interno del progetto realizzato nel Paese prescelto dal cliente, ossia la piantumazione del numero e delle specie di alberi pattuite. Gli alberi piantati vengono univocamente assegnati al cliente e segnati nell apposito Registro Alberi. Contestualmente vengono generati un determinato numero di crediti di carbonio volontari (VER), che vengono regolarmente iscritti nel corrispondente Registro Crediti (sui Registri si veda di seguito). e) Rilascio certificato CO2Neutral L azione intrapresa dal cliente viene attestata attraverso il rilascio del Certificato CO2Neutral, che può essere utilizzato ad uso ufficiale da parte del cliente qualora voglia dimostrare ai vari stakeholder il proprio impegno ambientale. Nel certificato vengono specificate le seguenti informazioni: individuo/società che ha ottenuto il certificato; tonnellate di CO2 compensate e loro tipologia (consumi domestici, trasporti, attività produttive etc.); numero alberi piantati; Paese e progetto all interno del quale sono piantati gli alberi; anno di riferimento dell azione intrapresa. f) Comunicazione e partecipazione Sul sito di Treedom viene creato un account personale del cliente. In tale modo gli alberi vengono piantati a nome del cliente stesso e vanno a costituire la sua foresta personale, visibile da chiunque sul nostro sito. Viene poi offerta tutta l assistenza per la sensibilizzazione di eventuali utenti finali. Infatti il cliente può scegliere di regalare a sua volta i suoi alberi ad altri (per esempio ai propri fornitori o clienti). In tal caso, Treedom offre supporto gratuito per l assegnazione degli alberi a terzi, sempre coerentemente con l idea che sia importante avvicinare quante più persone possibili al problema della sostenibilità sociale ed ambientale. Treedom si impegna per dare la massima visibilità ai propri clienti, offrendo il supporto necessario per pubblicizzare e comunicare l iniziativa, ad esempio attraverso comunicati stampa, concessione gratuita del marchio CO2Neutral, realizzazione di brochure e di vario materiale informativo, integrazione dei rispettivi portali web, realizzazione di eventi di lancio delle iniziative etc.

15 g) Fatturazione e feedback Infine, a seguito della fatturazione, Treedom invita sempre i propri clienti a fornire un feedback su quanto realizzato insieme. Ciò con la molteplice finalità di fornire pubblicamente a tutti gli stakeholder informazioni sul nostro modo di operare, di confrontarci con noi stessi e di innescare un processo di miglioramento continuo dei nostri servizi sulla base di quanto suggerito, richiesto o apprezzato da parte dei nostri clienti Clienti: composizione Sin dai primi mesi di attività sono stati acquisiti clienti di elevato calibro, tra i quali Enel, Actavis S.p.a., Axa Monte dei Paschi di Siena, H&M, Volkswagen, Eataly, Feltrinelli Clienti: controlli e certificazioni di qualità Al fine di assicurare ai nostri clienti la veridicità e la permanenza della loro azione, Treedom ha sviluppato una propria metodologia di monitoraggio e di certificazione dei crediti. Ogni albero piantato viene georeferenziato, cioè viene associato a precise coordinate geografiche, fotografato, caricato su google maps e assegnato univocamente ad un utente. In tal modo, ciascun utente ha la possibilità di individuare esattamente il proprio albero nonché seguirne la crescita nel tempo, grazie alle foto che vengono periodicamente aggiornate e pubblicate. Presso la sede societaria sono tenuti due registri ufficiali, il registro alberi e il registro crediti, a richiesta liberamente consultabili da chiunque vi abbia interesse. Nel registro alberi sono segnati tutti i singoli alberi. Per ciascun albero vengono indicate le seguenti informazioni: ID albero specie arborea coordinate geografiche data di trapianto a terra quantitativo di CO2 stoccata (numero VER generati dall albero) ID utente a cui l albero è stato assegnato foto albero. Nel registro crediti invece vengono segnate le informazioni relative ad i crediti (VER) venduti, ossia: ID utente che ha acquistato il credito;

16 ID albero che ha generato il credito. Come già detto, al fine di assicurare la massima trasparenza e tracciabilità del nostro operato, i registri sono liberamente consultabili da chiunque ne faccia richiesta Fornitori: generali Treedom adotta una politica relativa alla selezione dei fornitori del tutto coerente con i valori ed i principi sociali ed ambientali che animano l operato aziendale. I potenziali fornitori, prima di diventare effettivi, devono dimostrare di possedere a loro volta precisi requisiti di responsabilità ambientale e sociale. Ad oggi Treedom conta cinque fornitori principali: COSPE Onlus, AVSI Onlus, Cooperativa Beppe Montana (Libera Terra), Berl, Irad. Tali fornitori, svolgendo attività di riforestazione (anche in collaborazione con terzi) in zone disagiate del pianeta, applicano la metodologia di Treedom; in questo modo gli alberi vengono da noi monitorati, certificati, e messi in vendita. Si tratta quindi di fornitori di alberi. COSPE è un associazione privata, laica e senza scopo di lucro. Fin dalla sua nascita, nel 1983, opera nel sud del mondo, in Italia e in Europa per il dialogo interculturale, lo sviluppo equo e sostenibile, i diritti umani, la pace e la giustizia tra i popoli. Cospe è oggi impegnato nella realizzazione di oltre 100 progetti in circa 30 paesi nel mondo. I principali settori di intervento sono i seguenti: cooperazione e solidarietà internazionale, educazione allo sviluppo, interculturalità e diritti di cittadinanza plurale, formazione contro il razzismo e sostegno a politiche di pari opportunità, sovranità alimentare, diritti delle donne ed equità di genere, lavoro ed inclusione economica e sociale, diritti dell infanzia e dell adolescenza. Cospe ha adottato una Carta dei Principi, ed i principali valori a cui si ispira sono: diversità, solidarietà, autonomia, democrazia e partecipazione, correttezza e trasparenza, efficacia e qualità dell azione, pianificazione ed efficienza. La Fondazione AVSI è una organizzazione non governativa, ONLUS, nata nel 1972 e impegnata con oltre 100 progetti di cooperazione allo sviluppo in 38 paesi del mondo di Africa, America Latina e Caraibi, Est Europa, Medio Oriente, Asia. AVSI opera nei settori socio-educativo, sviluppo urbano, sanità, lavoro, agricoltura, sicurezza alimentare e acqua, energia e ambiente, emergenza umanitaria e migrazioni. La sua missione è promuovere la dignità della persona attraverso attività di cooperazione allo sviluppo con particolare attenzione all educazione, nel solco dell insegnamento della Dottrina Sociale Cattolica. L'associazione Libera Terra nasce nel 1995 con l'intento di sollecitare la società civile nella lotta alle mafie e promuovere legalità e giustizia. Al momento Libera Terra è un coordinamento di oltre 1600 associazioni, gruppi, scuole, realtà di base, territorialmente impegnate per costruire sinergie politico-culturali e organizzative capaci di diffondere la

17 cultura della legalità. Libera Terra nasce con l'obiettivo di valorizzare territori stupendi ma difficili, partendo dal recupero sociale e produttivo dei beni liberati dalle mafie per ottenere prodotti di alta qualità attraverso metodi rispettosi dell'ambiente e della dignità della persona. Inoltre, svolge un ruolo attivo sul territorio, coinvolgendo altri produttori che condividono gli stessi principi e promuovendo la coltivazione biologica dei terreni. I prodotti di Libera Terra sono in vendita presso le Botteghe dei Sapori e dei Saperi di Libera, presso le Coop, le botteghe equo e solidali, attraverso i cittadini organizzati in GAS. Bio Energy Resources Ltd (BERL), fondata in Malawi nel 2006, sta realizzando una produzione sostenibile di biocombustibile. Il progetto coinvolge migliaia di piccoli agricoltori per piantare la jatropha curcas. I semi prodotti da questi alberi vengono raccolti e lavorati per produrre olio vegetale di jatropha. L olio viene mescolato con diesel o con paraffina per alimentare rispettivamente motori diesel e lampadealla paraffina. I residui dei semi vengono utilizzati come fertilizzanti. Il valore aggiunto di questo progetto sta nel fatto che la piantumazione avviene in colture consociate, e non in monocolture, come purtroppo spesso accade per la produzione di biocombustibili. Infatti, all interno del progetto Berl, gli alberi di jatropha vengono piantati come siepe attorno a colture agricole, quali mais e manioca. In questo modo la jatropha, oltre alla sua funzione produttiva, svolge un importante ruolo di protezione delle colture, costituendo una barriera naturale contro gli animali. La produzione di biocombustibili viene così realizzata in totale rispetto della biodiversità e degli equilibri locali. IRAD è un ente pubblico di ricerca posto sotto la supervisione tecnica del Ministero della Ricerca Scientifica e Innovazione del Camerun. Le sue numerose unità regionali svolgono attività tecnico-scientifiche per la ricerca agricola. Dal momento che, secondo le proiezioni, poco più della metà della popolazione totale del paese vive in zone rurali e si occupa di attività agricole, pastorali o forestali, e che le analisi dei profili di povertà mostrano come in Camerun si sia agli inizi di un fenomeno rurale, i progetti di IRAD sono orientati allo sviluppo di nuove tecnologie al fine di migliorare la sicurezza alimentare e ridurre la mancanza di risorse degli agricoltori locali in tutto il Camerun. IRAD ha così deciso di svolgere in collaborazione con Treedom un progetto di piantumazione di alberi di cacao che coinvolge numerosi villaggi della Regione Centrale. Le quattro direttrici di intervento di IRAD, coerentemente con i propri obiettivi, sono le seguenti: Sviluppo di varietà ad alto rendimento di tutte le colture alimentari coltivate nel paese;

18 Ricerca di soluzioni per le malattie delle colture alimentari e parassiti; Miglioramento dei sistemi agricoli basati su colture alimentari;ù Sviluppo di tecniche di trasformazione dei prodotti alimentari per aggiungere valore e migliorare la vita di conservazione delle colture alimentari, in modo da incrementare i ricavi dei produttori agricoli Fornitori: composizione Tutte le attività di riforestazione vengono realizzate su terreni che non sono di proprietà di Treedom né dei suoi fornitori, ma di cooperative locali che, grazie ad un rapporto diretto con le amministrazioni locali, ottengono l affidamento dei terreni. La scelta di realizzare le attività su terreni da noi NON ottenuti in concessioni è motivata dalla nostra volontà di lasciare la terra ai legittimi proprietari, ossia alla popolazione locale. Il problema di land grabbing infatti è tristemente diffuso: le aree degradate del pianeta sono sempre più oggetto di speculazioni e di appropriamento da parte di multinazionali, per impiantare business da cui solitamente la popolazione locale è esclusa. Il business di Treedom si basa invece sulla riappropriazione delle terre da parte delle comunità autoctone e sul loro coinvolgimento diretto nelle attività di riforestazione implementate dai nostri fornitori, attraverso libera formazione, aperta a chiunque sia interessato. In questo modo, Treedom si propone l obiettivo di stimolare la micro imprenditorialità rurale Fornitori: caratteristiche e certificazioni Relativamente a riconoscimenti ed accreditamenti, COSPE è: iscritto al registro delle Organizzazioni Non Governative (ONG) presso il Ministero Affari Esteri ai sensi della Legge n 49/87 con DM n 1988/128/004196/4 del 4/09/1988; iscritto in data 04/08/2000 con il n A/36/2000/Fi alla prima sezione del Registro delle associazioni e degli enti che svolgono attività a favore degli immigrati, ai sensi dell articolo 54 del decreto del Presidente della Repubblica 31/08/1999, n 394; dal 2001 è il National Focal Point italiano di RAXEN (Rete di Informazione Europea sul Razzismo e la Xenofobia); iscritto al registro Regionale delle Associazioni di Promozione Sociale sezione Provincia di Firenze in data 26/11/2003; dal 2004 ha ottenuto ogni anno la certificazione del bilancio di esercizio; iscritto dal 19/05/2005 al n 54 del Registro delle associazioni e degli enti che svolgono attività nel campo della lotta alle discriminazioni istituito presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per le Pari Opportunità UNAR;

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Guida 2014 Attività & Progetti

Guida 2014 Attività & Progetti Guida 2014 Attività & Progetti Sommario pag. Premessa... 4 Obiettivo di questa GUIDA... 4 Lista Progetti... 4 Referenti Progetti... 5 I. Progetto UN FIOCCO IN AZIENDA... 6 Benefici del Programma II. Progetto

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Leadership in Energy and Environmental Design

Leadership in Energy and Environmental Design LEED Leadership in Energy and Environmental Design LEED è lo standard di certificazione energetica e di sostenibilità degli edifici più in uso al mondo: si tratta di una serie di criteri sviluppati negli

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC Gestione forestale sostenibile Tutto quello che bisogna sapere Sommario 1. Che cosa si intende per gestione

Dettagli

Vivi un mondo accessibile con Abiliatour. www.abiliatour.it

Vivi un mondo accessibile con Abiliatour. www.abiliatour.it Vivi un mondo accessibile con Abiliatour www.abiliatour.it Che cos è Abiliatour O.N.L.U.S. L Associazione Abiliatour O.N.L.U.S. ha come scopo principale l assistenza e l aiuto alle persone disabili e alle

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN NOI CON GLI ALTRI CAMERUN Solidarietà e cooperazione come valori fondanti per le nuove generazioni Promosso da: Fondazione Un cuore si scioglie onlus, in collaborazione con la Regione Toscana e Mèta cooperativa

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Società Agricola: Emon Agri

Società Agricola: Emon Agri Società Agricola: Emon Agri INTERVISTA AD UN AGRICOLTORE DELLA SOCIETA' AGRICOLA: Sul vostro logo c'è scritto che attuate una coltivazione virtuosa, ci può dire cosa si intende? Ci spiega: Per coltivazione

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Lavorare con la. buone pratiche. Lavorare con la natura. métiers seront verts

Lavorare con la. buone pratiche. Lavorare con la natura. métiers seront verts Kate Holt / WWF-UK Lavorare con la natura. Quand tous Dati les e buone pratiche métiers seront verts Maria Antonietta Quadrelli Ufficio Transforming Culture WWF Italia 24 Aprile 2015 Quand tous les métiers

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Presentazione dei risultati del progetto e prospettive future dr. Antonio Biasi

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. Termini d uso aggiuntivi di Business Catalyst Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. L uso dei Servizi Business Catalyst è soggetto

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Federesco Le Energy Service Company La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Seminario Strumenti, opportunità e potenzialità dell efficienza energetica a supporto del sistema locale

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli