Gestione delle problematiche ambientali e vantaggi per le imprese. (http:\\www.ambiente.it)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gestione delle problematiche ambientali e vantaggi per le imprese. (http:\\www.ambiente.it)"

Transcript

1 Gestione delle problematiche ambientali e vantaggi per le imprese. (http:\\www.ambiente.it) APPROCCIO PRO-ATTIVO E VANTAGGI ECO-COMPATIBILITÀ Esistono diversi modelli di gestione della variabile ambientale all'interno dell'impresa, tra i quali se ne possono comunque individuare quattro principali: modello manageriale avanzato, modello manageriale adattivo, modello manageriale delle buone intenzioni, modello manageriale passivo. Al primo corrisponde la cosiddetta impresa pro-attiva che riesce ad usufruire di notevoli vantaggi competitivi legati alla sua scelta di eco-compatibilità. MODELLO MANAGERIALE AVANZATO Al modello manageriale avanzato corrisponde l'impresa cosiddetta pro-attiva (che può essere anticipativa o addirittura innovativa), che riconosce nella variabile "ambiente" un fattore critico di successo ed un'importante leva competitiva e che, nei confronti della normativa, si pone nelle condizioni di superarla con standards di performance migliori di quelli in essa previsti. A tale modello appartengono soprattutto imprese di medie e grandi dimensioni, internazionalizzate, con importanti quote di fatturato all'estero e che operano in contesti molto dinamici in tema ambientale. Esse hanno capacità di anticipazione rispetto alla produzione legislativa nazionale in quanto il loro orizzonte normativo di riferimento è prevalentemente sovranazionale. Esse adottano nelle varie sedi possedute in Paesi diversi le più severe regole in vigore in uno qualsiasi di essi, anticipando quindi in alcuni la normativa nazionale. Tuttavia anche alcune imprese di piccole e medie dimensioni caratterizzate da una forte flessibilità e da una management giovane e dinamico stanno utilizzando una politica ambientale aggressiva e di nicchia. Alcune imprese pro-attive sono molto innovative ed hanno l'ambizioso obiettivo di minimizzare progressivamente l'impatto sull'ambiente, sino quasi ad annullarlo. Ciò nella convinzione che nel lungo periodo i benefici delle loro politiche saranno superiori ai costi in quanto esse non fanno che anticipare l'inevitabile evoluzione delle legislazioni ambientali, ottenendo forti vantaggi nei confronti dei concorrenti. In tutte le imprese appartenenti a tale modello viene attivata la R&S (Ricerca e Sviluppo) per individuare soluzioni di prodotto o di processo anticipative o completamente innovative. In generale si compiono una serie di sforzi per: - la progettazione e lo sviluppo di prodotti "verdi", ossia eco-compatibili che richiedono spesso relazioni integrate con fornitori e clienti; - introdurre tecnologie pulite, ossia tecnologie che rispetto alle altre prevalenti in un certo periodo, hanno un ridotto impatto sull'ambiente; - riciclare le acque reflue industriali; - recuperare scarti/sfridi di produzione;

2 - attuare il più possibile il contenimento dei consumi di energia; - effettuare una attenta selezione dei trasportatori e degli smaltitori; - modificare il packaging (materiali usati per il confezionamento) per renderlo maggiormente eco-compatibile; - utilizzare imballaggi riutilizzabili; - sostituire i materiali con altri non tossici, più riciclabili/rinnovabili; - ricercare con attenzione nuove opportunità nel mercato delle materie prime seconde per la vendita di scarti, sfridi, parti di prodotti usati, non riutilizzabili internamente; - comunicare all'esterno gli interventi ambientali effettuati ed i miglioramenti ottenuti. Le principali strategie ambientali utilizzabili da tali imprese infatti possono essere: strategie di prodotto o di mercato con le quali esse puntano alla progettazione e promozione di prodotti ecologici ossia di quei prodotti la cui produzione, distribuzione, consumo ed eliminazione al termine della loro vita utile, avvengono nel rispetto dell'ambiente. Tali strategie richiedono una forte azione di marketing e sono tipiche delle grandi imprese che producono per il consumo finale. Alcune di esse cercano di sfruttare la caratteristica di ecocompatibilità dei loro prodotti come strumento di differenziazione attraverso l'ecolabel, ossia il marchio comunitario di qualità ecologica secondo quanto previsto dal Regolamento CEE 880/92, che rappresenta uno strumento volontario per certificare la qualità ecologica dei propri prodotti. strategie di processo che consistono nell'uso di tecnologie pulite le quali, attraverso modifiche di processo, consentono l'uso razionale ed il risparmio di materie prime e risorse ambientali (energia, aria, acqua, suolo) e la riduzione di emissioni, scarichi e rifiuti. I problemi che l'impresa può incontrare per la loro introduzione sono legati, oltre che ai costi, alle "performance" ed alla "user-friendliness". Per "performance" si fa riferimento all'efficienza, all'efficacia, alla flessibilità ed alle prestazioni qualitative della tecnologia. Per "user-friendliness" si intende la facilità dell'introduzione e dell'uso. Molte tecnologie infatti spesso sono rigettate semplicemente perché sconvolgono le routine di produzione, i metodi di lavoro, richiedono nuove capacità ed abilità ecc.. Le tecnologie di abbattimento al contrario normalmente possono essere incorporate facilmente nei processi di produzione esistenti richiedendo modesti cambiamenti. strategie di immagine e comunicazione con le quali le imprese cercano di far conoscere il loro impegno e le loro politiche ambientali al fine di ottenere un'immagine "verde" presso i consumatori ed un migliore rapporto con le pubbliche amministrazioni, le banche, le società di assicurazione, ecc.. Le strategie di immagine e comunicazione naturalmente si associano a quelle di prodotto e di processo. Infatti proporre un'immagine "verde" senza un reale impegno ambientale può essere per l'impresa un'arma a doppio taglio e può produrre pericolosi effetti "boomerang". Gli strumenti utili ai fini dell'immagine e della comunicazione sono i bilanci ambientali, le certificazioni (Ecolabel, ISO 14000), la dichiarazione ambientale prevista dall'emas e naturalmente quelli caratteristici del marketing quali la pubblicità, la promozione, le pubbliche relazioni e la sponsorizzazione. strategie di alleanza le quali prevedono un impegno comune a livello settoriale nel raggiungimento degli obiettivi globali di tutela e vengono di solito promosse dalle associazioni di categoria (es. Programma "Responsible Care" di Federchimica). La frammentazione delle conoscenze in campo ambientale e la necessità di una preparazione, sia sua temi specifici, sia su problemi generali, infatti rende necessaria la collaborazione tra imprese, lo scambio di know how, di metodologie e di esperienze. Le imprese del modello avanzato inoltre utilizzano strumenti specifici quali l'analisi del ciclo di vita (meglio nota come "Life Cycle Analysis", LCA), i bilanci ambientali, il benchmarking (ossia il confronto con altre situazioni in materia ambientale) ed i Sistemi di Gestione Ambientale (SGA). Il sistema di gestione di un'impresa pro-attiva è fortemente orientato in senso ambientale per cercare di ottenere dei vantaggi competitivi sostenibili nel medio-lungo periodo.

3 Tale modello ha una diffusione ancora limitata anche se è in fase di crescita soprattutto in seguito alla spinta da parte delle pubbliche istituzioni attraverso campagne di sensibilizzazione sui temi ambientali, forme di incentivazione economica dei comportamenti pro-attivi, l'applicazione del principio "chi inquina paga" nella normativa ambientale (basti pensare al Decreto n.22 del febbraio '97 per quanto riguarda gli imballaggi), ecc.. MODELLO MANAGERIALE ADATTIVO Tale modello identifica l'impresa reattiva, preoccupata sostanzialmente di rispettare quello che la regolamentazione ambientale le impone, con una buona dotazione di strumenti, ma senza spingersi oltre nelle proprie prestazioni, con interventi che potrebbero essere anche onerosi. L'impresa cerca di minimizzare gli sforzi per la riduzione dell'impatto sull'ecosistema conseguente alla sua attività, adeguandosi ai limiti di volta in volta imposti dalla normativa, dai clienti, dai fornitori, dall'opinione pubblica, ecc.. Con riferimento ai prodotti essa modifica componenti e materiali unicamente per rispettare la normativa, così come introduce miglioramenti ambientali nei processi solo quanto sono obbligatori ed improrogabili. Il comportamento reattivo finora descritto, che anche è il più diffuso, non è da ritenersi adeguato e sufficiente per garantire la competitività e la redditività dell'impresa nel medio e lungo periodo. Essa infatti potrebbe incontrare dei problemi anzitutto in seguito ad un'evoluzione della normativa sempre più veloce e non sempre prevedibile in quanto i tempi a disposizione per adeguasi potrebbero essere inferiori a quelli necessari; secondariamente a causa del crearsi di obsolescenze anticipate ed inaspettate degli impianti prodotte dall'avanzamento nelle tecnologie ambientali. Tutto ciò in aggiunta al rischio di presentarsi sui mercati come un soggetto di ritardo e con un'immagine ambientale meno positiva rispetto ai concorrenti. MODELLO MANAGERIALE DELLE BUONE INTENZIONI Esso è proprio dell'impresa incerta la quale possiede un buon grado di cultura e sensibilità ambientale ma non ha i mezzi tecnici o finanziari per farvi seguire un concreto impegno ambientale, tanto che diventa difficile lo stesso rispetto delle leggi. Sono soprattutto imprese di piccole dimensioni, con una proprietà e/o un management caratterizzati da una notevole sensibilità ambientale e dalla intuizione della necessità di trasformare l'ambiente in una possibilità o addirittura in una opportunità. Ciò nonostante non riescono a modificarne la gestione. Vista la grande diffusione nel nostro Paese di imprese di piccole dimensioni, molte delle quali possono essere considerate appartenenti a questo modello, i pubblici poteri stanno cercando di realizzare delle iniziative di supporto agli sforzi ambientali di tali imprese per consentire loro di trasformarsi in imprese pro-attive dando un notevole contributo allo sviluppo sostenibile. Per questo le istituzioni pubbliche stanno introducendo (e questa tendenza aumenterà nei prossimi anni) forme di incentivazione economica dei comportamenti ecocompatibili come sgravi fiscali, contributi in conto capitale, semplificazioni amministrative, ecc. per spingere le imprese verso il rispetto dell'ambiente. MODELLO MANAGERIALE PASSIVO Tale modello si riferisce all'impresa indifferente che, approfittando delle lacune del sistema di gestione delle politiche ambientali, continua a comportarsi come se l'ambiente fosse solo un vincolo da superare in qualsiasi modo, in una logica in cui il profitto (di breve periodo) è lo scopo unico dell'esistenza dell'impresa. Essa non intende introdurre cambiamenti per migliorare la gestione ambientale e percepisce l'ambiente come un problema o una minaccia per il proprio posizionamento competitivo. Il suo sistema di gestione non è orientato in senso ambientale. Sono soprattutto imprese di piccole e piccolissime dimensioni che non ricevono pressioni e

4 sollecitazioni dai loro committenti e che riescono con facilità a sfuggire ai controlli ed alle sanzioni. I comportamenti passivi nei confronti dell'ambiente finora descritti possono creare notevoli problemi di sopravvivenza alle imprese, specie se operanti in settori con criticità ambientale media o alta, in quanto i vincoli normativi sono sempre più stringenti, i controlli stanno divenendo man mano più incisivi, i problemi di accettabilità sociale dell'impresa assumono una rilevanza crescente. Ci sono inoltre elevati rischi anche sul mercato legati all'immagine aziendale, soprattutto in presenza di imprese concorrenti pro-attive. VANTAGGI DELL'ADOZIONE DI UN APPROCCIO PRO-ATTIVO Una gestione eco-compatibile da un lato può produrre maggiori spese ma dall'altro può garantire moltissimi benefici notevolmente superiori alle prime quali: - minori costi per rispettare la normativa a tutela dell'ambiente; - minori costi di smaltimento dei rifiuti e minori consumi di risorse; - minori costi legati agli incidenti ambientali ed alle sanzioni; - migliore immagine verso i clienti; - migliori rapporti con i lavoratori; - migliori rapporti con le autorità pubbliche e la popolazione locale; - migliori rapporti con le banche; - minori premi di assicurazione; - migliori relazioni con gli azionisti; - maggior valore dell'azienda in caso di vendita, fusione, ecc. della stessa; - maggiori possibilità di ottenere agevolazioni finanziarie, incentivi economici, semplificazioni o vantaggi nelle procedure amministrative. Tra i benefici elencati sono di particolare interesse i migliori rapporti con una serie di stakeholders quali clienti, banche, società di assicurazione, azionisti, ecc., soprattutto quando l'impresa fornisce all'esterno delle precise garanzie circa il suo impegno e la sua compatibilità ambientale. Tuttavia anche la riduzione dei cosiddetti "costi del non ambiente", come quelli causati da inefficienze, incidenti, sanzioni, ecc., non sono da sottovalutare. Minori costi per rispettare la normativa a tutela dell'ambiente Il punto di osservazione prevalente delle problematiche ambientali è stato tradizionalmente quello giuridico. In un sistema economico come il nostro caratterizzato da un rilevante uso della normativa quale strumento di comando, controllo e sanzione nella politica ambientale, prevale un atteggiamento di adattamento agli standards legislativi. In Italia la proliferazione legislativa è ingente, continua, mal coordinata e la discrezionalità interpretativa delle autorità è molto ampia creando un clima di notevole incertezza. Può risultare quindi utile per le imprese agire in una prospettiva di anticipazione della normativa per ridurre la dipendenza da forme di estemporaneità legate ai meccanismi legislativi e politicoamministrativi. L'anticipazione consente di poter programmare gli interventi necessari secondo i tempi di investimento caratteristici delle imprese, senza dover sottostare all'imposizione di vincoli che diventano operativi con scadenze troppo ravvicinate. L'impresa può così sottrarsi a problemi di liquidità legati alla necessità di effettuare delle spese improvvise, impreviste o incerte nell'ammontare, migliorando la gestione finanziaria. Inoltre per poter adottare le soluzioni tecniche migliori e meno onerose applicando i tradizionali criteri di economicità, vanno evitate situazioni di particolare urgenza e scadenze incombenti. Infine va constatato che a volte le tecnologie pulite che consentono di ridurre a monte la produzione di fattori inquinanti, possono essere meno costose di quelle di abbattimento applicate a valle dei processi produttivi per togliere gli inquinanti una volta prodotti e per ridurre i

5 quantitativi e/o la pericolosità dei rifiuti. Di conseguenza molto spesso è preferibile agire in una logica preventiva piuttosto che agire in una logica di risanamento. Minori costi di smaltimento dei rifiuti e minori consumi di risorse (materie prime, energia, ecc.) Per lo smaltimento dei rifiuti le imprese devono sostenere dei costi spesso rilevanti. Anzitutto deve essere pagato il servizio fornito dall'impresa di smaltimento ed il trasporto e secondariamente il tributo speciale per lo smaltimento in discarica (L. n. 549 del 28 dicembre 1995 e circolare Ministero delle finanze n. 190/E del 24 luglio 1996) il cui ammontare viene fissato con legge regionale (all'interno di un range definito da fonte statale) per kg di rifiuti. Il costo per lo smaltimento rifiuti risulta pertanto variabile da Regione a Regione e particolarmente alto in quelle "in emergenza rifiuti". Molto spesso quindi i costi di smaltimento sono più alti dei costi di recupero e riciclaggio. L'impresa pro-attiva cerca di ridurre i rifiuti da essa prodotti in tutte le fasi, operando "alla fonte" attraverso la sostituzione di alcuni fattori produttivi, la modifica dei processi, la riformulazione dei prodotti, l'introduzione di miglioramenti tecnici e gestionali. Inoltre essa cerca di realizzare il cosiddetto "remanufacturing" ovvero riparare, rilavorare, reinserire nel processo produttivo parti e componenti scartate in seguito a difetti qualitativi. Infine si attiva per riciclare o riusare residui come materie prime seconde. Attraverso tali attività vengono ridotti i quantitativi dei rifiuti destinati allo smaltimento finale e quindi i relativi costi. Lo sforzo di compatibilità ambientale, nei modelli di comportamento avanzati (pro-attivi), si traduce normalmente anche in un miglioramento dell'efficienza sull'intero arco delle prestazioni aziendali e quindi in un minor consumo di risorse. Attraverso il recupero, il riciclaggio, il riutilizzo di scarti, sfridi, parti componenti, imballaggi si possono risparmiare i costi di acquisto dei materiali. Quando non è conveniente il recupero per l'utilizzo all'interno dell'impresa può esserlo la vendita a terzi di scarti, sfridi, ecc. oppure delle materie e dei prodotti riciclati, pur dovendo sostenere costi di separazione e trasformazione. Si possono inoltre introdurre tecnologie e processi che assorbono un minore quantità di energia. In molti casi può essere conveniente il riutilizzo di acque reflue dopo averle sottoposte ad idonei trattamenti per la rimozione degli inquinanti ed il ripristino di un livello qualitativo adeguato. Minori costi legati agli incidenti ambientali ed alle sanzioni L'introduzione di sistemi di prevenzione produce come risultato quello di evitare costi spesso rilevanti e di solito non controllabili conseguenti al verificarsi di eventi indesiderati. La cattiva gestione dell'ambiente (molte imprese non rispettano neanche gli standards di legge intenzionalmente o per incompetenza degli addetti) sottopone l'impresa ad un costante rischio di sanzioni amministrative o addirittura penali, compromettendone a volte la stessa sopravvivenza. Le sanzioni per la violazione della normativa ambientale sono piuttosto pesanti ed inoltre a differenza di quanto accade in materia di sicurezza non è previsto l'istituto della prescrizione. Oltre alla sanzione esiste per l'impresa il problema della responsabilità civile per danni ambientali. In Italia con l'art. 18 della Legge n. 349 del 1986 (Legge istitutiva del Ministero dell'ambiente) sono state introdotte regole generali di responsabilità per colpa e di responsabilità individuale per danno all'ambiente. Tale regola della responsabilità individuale significa che in caso di concorso nello stesso evento dannoso ciascuno risponde nei limiti della propria responsabilità individuale. Esistono comunque alcune leggi ambientali precedenti che fissano regole di responsabilità oggettiva per alcuni settori particolari (inquinamento di acque marine da idrocarburi, settore nucleare, danni causati da oggetti spaziali). Il concetto di responsabilità oggettiva naturalmente è molto più oneroso di quello per colpa obbligando al risarcimento del danno anche in assenza della prima. Migliore immagine verso i clienti Le imprese pro-attive migliorano i loro rapporti con i clienti sia nel caso che producano per il consumo finale sia che siano imprese sub-fornitrici.

6 Nei mercati e nei settori che presentano un'elevata sensibilità verso le tematiche ambientali emergono delle barriere all'entrata legate all'impegno ambientale delle imprese. Le imprese esportatrici in particolare risentono delle condizioni di penetrabilità dei mercati esteri di destinazione dei prodotti e delle regole che ne disciplinano l'accesso. Ad esempio nel caso della Germania attraverso la eco-etichetta sui prodotti, "l'angelo blu", e del "punto verde" sugli imballaggi si sono di fatto introdotti dei vincoli cui le imprese che esportano sul mercato tedesco devono sottostare. Non è forse possibile affermare che ogni impresa leader in campo ambientale è necessariamente un'impresa leader nel proprio mercato concorrenziale, perché molteplici sono i fattori che concorrono al risultato, ma si può sicuramente sostenere che nessuna impresa che desideri conquistare e mantenere posizioni di vantaggio competitivo può, e soprattutto potrà evitare di misurarsi con l'obiettivo della qualità ambientale. Una strada che sembra particolarmente produttiva per soddisfare al massimo le esigenze della clientela (e che dovrà essere necessariamente seguita almeno dalle imprese produttrici di beni di consumo durevoli) è quella di estendere il servizio ben dopo la fase della vendita e dell'assistenza post-vendita, per ricomprendervi anche la consulenza ambientale e soprattutto il ritiro dei prodotti a fine vita ed il successivo smontaggio, riciclo e corretto smaltimento delle parti non riciclabili. Per quanto riguarda le imprese sub-fornitrici molto dipende dal comportamento e dalla politica ambientale dei loro committenti. Va sottolineato che molte grandi aziende stanno utilizzando il loro potere di acquisto con i fornitori medio-piccoli per migliorare le loro prestazioni ambientali complessive e la loro immagine. La richiesta di cambiamento si sposta dunque verso i fornitori che in virtù della loro minore dimensione, sono mediamente più flessibili, dinamici e possono più tempestivamente adottare le modifiche organizzative, procedurali e comportamentali necessarie a migliorare le prestazioni ambientali. In tal caso per l'impresa sub-fornitrice il miglioramento della gestione ambientale diventa una condizione per la conservazione del rapporto con il committente. Migliori rapporti con i lavoratori Il maggior impegno dell'impresa per il rispetto dell'ambiente può contribuire a favorire una maggiore motivazione e partecipazione dei lavoratori, sempre più sensibili alle problematiche ambientali in quanto anche consumatori, cittadini, genitori, ecc.. Inoltre i problemi ambientali sono strettamente connessi con quelli relativi alla sicurezza dei lavoratori nei luoghi di lavoro. Per fare un esempio dei rifiuti tossici o infiammabili accantonati nello stabilimento in maniera scorretta, in seguito ad una cattiva gestione dell'ambiente all'interno dell'impresa, possono determinare anche un aumento dei rischi per la salute e sicurezza dei dipendenti, come il rischio di incendio o il rischio di contatto o inalazione di sostanze nocive. Di conseguenza nelle imprese più attive nei due campi il lavoratore trova un clima più favorevole, si sente più coinvolto, più rispettato e tutelato. Da questo possono derivare una maggiore motivazione, un maggior spirito di collaborazione, una maggiore disponibilità ed una maggiore produttività. Migliori rapporti con le autorità pubbliche e la popolazione locale Le imprese che compiono notevoli sforzi per migliorare le loro prestazioni ambientali, specie se tali sforzi sono documentati e comunicati all'esterno, determinano un atteggiamento favorevole delle autorità pubbliche e della popolazione locale. Di conseguenza ogni iniziativa o richiesta dell'impresa vengono normalmente accolte con un maggior favore. I rapporti con la pubblica amministrazione possono essere più snelli e meno burocratizzati. La stessa procedura di V.I.A. (valutazione di impatto ambientale, cfr. D.P.R ) può essere semplificata. Un'impresa impegnata nel miglioramento continuo delle proprie prestazioni ambientali (ad es. in quanto certificata ISO 14001) infatti deciderà di realizzare un nuovo

7 progetto di investimento solamente se questo è in linea con l'obbiettivo precedente mentre in caso contrario arriverebbe ad accantonarlo o almeno modificarlo. Quindi difficilmente incorrerebbe nel rischio che, dopo aver iniziato la procedura di V.I.A e sostenuto i relativi costi, in particolare quelli per lo S.I.A (studio di impatto ambientale), l'opera non possa essere realizzata in seguito al diniego delle autorità competenti, dovuto in buona parte all'opposizione delle popolazioni interessate. Inoltre un'impresa pro-attiva, specie se munita di certificazione ambientale, difficilmente verrebbe vista come un soggetto suscettibile di comportamenti negativi nei confronti dell'ambiente e ciò può contribuire ad evitare un atteggiamento di difesa della popolazione locale o di negazione da parte delle pubbliche autorità. Migliori rapporti con le banche Le condizioni di credito, in particolare il tasso di interesse e l'ammontare del prestito concesso, variano al variare del grado di rischiosità del cliente. Il bilancio di esercizio dell'impresa, composto da conto economico, stato patrimoniale e nota integrativa, viene attentamente valutato dagli Istituti di credito a tale scopo. Tuttavia da esso non si evince con chiarezza la gestione ambientale dell'impresa, alla quale possono essere legate passività latenti e costi futuri imprevisti. Le imprese che redigono il bilancio ambientale, ossia un documento specifico che descrive gli sforzi compiuti dall'impresa per raggiungere l'eco-compatibilità nell'ottica di una maggiore trasparenza verso l'esterno, che dimostrano l'impegno per il miglioramento continuo delle prestazioni ambientali e che mostrano una immagine ambientale positiva, offrono maggiori garanzie di non incorrere in problemi di redditività o di liquidità legati ai rischi ambientali, e normalmente ottengono migliori condizioni di credito. Gli Istituti di credito come anche gli obbligazionisti ed ogni altro tipo di finanziatori saranno disposti ad accordare tassi di interesse più bassi all'impresa quando essa dimostra ad esempio con la certificazione ambientale e/o la dichiarazione ambientale che la sua rischiosità ambientale è inferiore a quella delle altre imprese concorrenti. Naturalmente tali vantaggi dipendono anche dalla sensibilità e dalla cultura ambientale della banca, e quindi del suo top management, ma anche dei suoi operatori in generale. Minori premi di assicurazione Le società di assicurazione sono sempre più attente alle tematiche di gestione dei rischi ambientali. In alcuni casi infatti essi sono enormemente determinanti nella vita dell'impresa come nel caso di attività industriali rientranti nel D.P.R. n. 175 del 17 maggio 1988, il quale sottopone tali attività ad una disciplina molto severa in quanto caratterizzate da alto rischio di danno per i lavoratori e per l'ambiente esterno. In generale comunque le imprese pro-attive godendo di una migliore immagine, riescono ad avere migliori rapporti con le società di assicurazione ed ad essere considerate più affidabili e quindi meno rischiose. Ciò naturalmente si riflette sulla sfera economica attraverso l'ottenimento di minori premi di assicurazione. Nel caso delle assicurazioni valgono le stesse considerazioni fatte nel paragrafo precedente per le banche. Va tuttavia precisato che in materia assicurativa le conseguenze della gestione ambientale sono molto più immediate e dirette di quelle sul credito. La considerazione della variabile ambientale da parte del soggetto assicuratore è molto meno legata al discorso della sensibilità e cultura ambientale e molto più ad un discorso di necessità alimentata da precisi e significativi riscontri pratici. Migliori relazioni con gli azionisti La gestione ambientale dell'impresa ha normalmente delle conseguenze sulla gestione economica e finanziaria per i motivi già illustrati in precedenza. Quindi anche gli azionisti (naturalmente nel caso di S.p.a. e S.a.p.a.) possono essere interessati alla gestione ambientale della società. Il loro interesse varia a seconda della loro cultura ambientale, del settore di appartenenza

8 dell'impresa e della dimensione della società. In ogni caso una buona immagine ambientale contribuisce a delle buone quotazioni di borsa ed in generale al favore degli investitori quando soprattutto l'impegno ambientale si traduce in un aumento di competitività ed in migliori risultati economici di medio e lungo periodo. Gli azionisti avrebbero bisogno (come d'altronde ciascuno degli altri principali stakeholders come le banche, le società di assicurazione, ecc.) di informazioni ad hoc sulla gestione ambientale dell'impresa. Tuttavia fino ad oggi le imprese hanno preferito divulgare dei rapporti molto generali sulle emissioni, sul consumo di energia e di acqua, ecc. e raramente è stato creato un collegamento tra informazioni ambientali ed informazioni di tipo economico. L'accertamento della compatibilità ambientale degli stabilimenti realizzata mediante eco-audit (verifiche ambientali) rassicura gli azionisti circa il valore del patrimonio aziendale e costituisce una garanzia di redditività sia nel breve che nel lungo periodo. Maggior valore dell'azienda In caso di eventuali acquisizioni o fusioni la variabile ambientale sta diventando sempre di più un fattore fondamentale che può modificare di diversi ordini di grandezza il valore di un'azienda. In molti casi le imprese interessate fanno effettuare delle vere e proprie valutazioni del sito produttivo, chiamate Due Diligence (trattasi di una tipologia di audit ambientale), per verificare l'esistenza di diseconomie ambientali significative, che potrebbero essere latenti e determinare ingenti costi imprevisti nel futuro. Inoltre vi sono molti esempi che illustrano come essere i primi ad imboccare un certo percorso, apparentemente incerto, come quello della responsabilizzazione e trasparenza ambientale, garantisca risultati notevolmente superiori alle aspettative. I "first comers" possono usufruire di consistenti vantaggi competitivi conseguenti al perseguimento di strategie avanzate in contesti in cui l'atteggiamento dei concorrenti sia prevalentemente difensivo. In caso di acquisizioni, fusioni, ecc. il know how, le metodologie, le esperienze possedute dall'impresa oggetto dell'operazione potrebbero arricchire notevolmente l'acquirente, l'incorporante o il nuovo soggetto nascente dalla fusione. Di conseguenza il fattore ambientale è fondamentale nella determinazione del valore dell'azienda da acquisire o con la quale realizzare la fusione. Maggiori possibilità di ottenere agevolazioni finanziarie, incentivi economici, semplificazioni o altri vantaggi nelle procedure amministrative La politica ambientale si sta orientando sempre di più verso gli incentivi economici per incoraggiare investimenti ed iniziative a favore dell'ambiente. Sempre di più le leggi e le disposizioni con cui si erogano agevolazioni finanziarie prevedono come presupposto o elemento di favore il completo rispetto delle leggi in materia ambientale o l'adesione a norme volontarie quali il Regolamento EMAS e le norme ISO Inoltre altre disposizioni prevedono specifici finanziamenti in conto capitale (a fondo perduto) per gli investimenti a favore dell'ambiente. Molto probabilmente in futuro la politica economica italiana si orienterà ancora di più in senso ambientale, viste le esperienze di altri Paesi del Nord Europa come la Germania, la Danimarca, la Norvegia, ecc. dove gli incentivi economici per il miglioramento della gestione dell'ambiente sono molto sviluppati. Ciò al fine di evitare che le imprese italiane si presentino sul mercato europeo e mondiale come dei soggetti di ritardo e quindi per difendere la competitività del nostro Sistema-Paese. Anche in materia di procedure amministrative l'eco-compatibilità consente di avere vantaggi, semplificazioni, agevolazioni. Un esempio di agevolazione per dimostrato impegno ambientale dell'impresa è la previsione del D.Lgs. n. 152 del maggio 1999 sulla tutela delle acque il quale all'art.23, comma 2 recita: "tra più domande concorrenti per usi industriali è preferita quella del richiedente che aderisce al sistema ISO ovvero al sistema di cui al regolamento CEE n. 1836/93 sull'adesione volontaria delle imprese del settore industriale a un sistema comunitario di ecogestione e audit".

9

Economia dell ambiente

Economia dell ambiente Economia dell ambiente Impresa e ambiente Elisa Montresor 2008-2009 1 Ambito aziendale L integrazione dell ambiente con gli obiettivi dell impresa Strategie d acquisto e produzione Bilancio ambientale

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA ALLA COMPETITIVITÀ AMBIENTALE PER LE IMPRESE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA ALLA COMPETITIVITÀ AMBIENTALE PER LE IMPRESE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA ALLA COMPETITIVITÀ AMBIENTALE PER LE IMPRESE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ECO-INNOVAZIONE E COMPETITIVITÀ AMBIENTALE... 3 L APPROCCIO PRO-ATTIVO DELL

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE DALLA NORMA ISO 14001 AL REGOLAMENTO EMAS II

I SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE DALLA NORMA ISO 14001 AL REGOLAMENTO EMAS II Scheda di lettura di:... matr. 18055 GIUSEPPE LEPORE, MARIA CAPRARO I SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE DALLA NORMA ISO 14001 AL REGOLAMENTO EMAS II SOMMARIO Autore Bibliografia dell autore Questioni poste

Dettagli

13.3 Sistemi di gestione ambientale

13.3 Sistemi di gestione ambientale 13.3 Sistemi di gestione ambientale 13.3.1 La certificazione ambientale Il continuo incremento della produzione industriale e l espansione delle aree urbane comportano un aumento della pressione antropica

Dettagli

Eco-efficienza e strategie per un'ecologia industriale a cura di Ing. Elisa Poggiali Gruppo di Coordinamento Agenda 21 "Terre di Siena"

Eco-efficienza e strategie per un'ecologia industriale a cura di Ing. Elisa Poggiali Gruppo di Coordinamento Agenda 21 Terre di Siena Eco-efficienza e strategie per un'ecologia industriale a cura di Ing. Elisa Poggiali Gruppo di Coordinamento Agenda 21 "Terre di Siena" Secondo il WBCSD (World Business Council for Sustainable Development),

Dettagli

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE)

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) 1. Cosa significa gestione ambientale? La gestione ambientale è l individuazione ed il

Dettagli

Principi di politica ambientale

Principi di politica ambientale Principi di politica ambientale a. Il principio chi inquina paga (polluters payers principle) Se l inquinamento ambientale crea una divergenza tra costo privato e costo sociale (l esternalità), un criterio

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE E UN LUSSO PER IL NOSTRO COMUNE

LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE E UN LUSSO PER IL NOSTRO COMUNE LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE E UN LUSSO PER IL NOSTRO COMUNE O E UNA REALE ESIGENZA DI TUTELA DEI CITTADINI? La salvaguardia dell'ambiente ha visto in questi ultimi anni una costante crescita di sensibilità

Dettagli

Codice di Condotta per i Partner Ducati

Codice di Condotta per i Partner Ducati DUCATI MOTOR HOLDING S.P.A. Società a Socio Unico Società soggetta all attività di Direzione e Coordinamento di AUDI AG Codice di Condotta per i Partner Ducati Premesse Ducati Motor Holding S.p.A. ( Ducati

Dettagli

Gli strumenti volontari e le politiche ambientali di seconda generazione

Gli strumenti volontari e le politiche ambientali di seconda generazione Gli strumenti volontari e le politiche ambientali di seconda generazione APAT Ing. Rocco Ielasi Responsabile Servizio Interdip. Certificazioni Ambientali Le motivazioni del cambiamento L esigenza di introdurre

Dettagli

Le certificazioni ambientali EMAS ed ISO 14000

Le certificazioni ambientali EMAS ed ISO 14000 Le certificazioni ambientali EMAS ed ISO 14000 Università di Palermo, Facoltà di Giurisprudenza 30 maggio 2007 Avv. Salvatore Mancuso Mancuso L interesse alla produzione industriale Interesse pubblico

Dettagli

BANDO RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA (CSR) 2008 RACCOLTA DI BUONE PRASSI DI IMPRESE IMPEGNATE IN PERCORSI DI RESPONSABILITA SOCIALE

BANDO RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA (CSR) 2008 RACCOLTA DI BUONE PRASSI DI IMPRESE IMPEGNATE IN PERCORSI DI RESPONSABILITA SOCIALE BANDO RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA (CSR) 2008 RACCOLTA DI BUONE PRASSI DI IMPRESE IMPEGNATE IN PERCORSI DI RESPONSABILITA SOCIALE PREMESSA La responsabilità sociale d impresa (CSR) può essere definita

Dettagli

Gli schemi finanziari utilizzabili per le attività di R&S

Gli schemi finanziari utilizzabili per le attività di R&S Il settore strategico delle acque: come l innovazione chimica può aumentarne la sostenibilità Gli schemi finanziari utilizzabili per le attività di R&S Stefano Toffanin Ferrara, 21 maggio 2010 Quartiere

Dettagli

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi concorrenti. IL VANTAGGIO COMPETITIVO NASCE DA FONTI ESTERNE E/O

Dettagli

POLITICA AZIENDALE PER LA GESTIONE DEL SISTEMA INTEGRATO

POLITICA AZIENDALE PER LA GESTIONE DEL SISTEMA INTEGRATO POLITICA AZIENDALE PER LA GESTIONE DEL SISTEMA INTEGRATO L'ultimo decennio il panorama della ristorazione collettiva è stato, per Serenissima Ristorazione SpA come per le aziende che operano nel medesimo

Dettagli

SDS IMPRESA DELLA CONOSCENZA SRL

SDS IMPRESA DELLA CONOSCENZA SRL La salvaguardia dell'ambiente ha visto in questi ultimi anni una costante crescita di sensibilità da parte di tutti i soggetti interessati. Anche il mondo industriale si sta rendendo conto che gestire

Dettagli

Andrea Martelli IL PRINCIPIO DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE NEL DIRITTO AMBIENTALE INTERNAZIONALE, COMUNITARIO E ITALIANO

Andrea Martelli IL PRINCIPIO DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE NEL DIRITTO AMBIENTALE INTERNAZIONALE, COMUNITARIO E ITALIANO Udine, 16 dicembre 2005 L edilizia sostenibile per il Comune di Udine Andrea Martelli IL PRINCIPIO DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE NEL DIRITTO AMBIENTALE INTERNAZIONALE, COMUNITARIO E ITALIANO 1. Premessa Benché

Dettagli

Policy in materia di salute, sicurezza e ambiente

Policy in materia di salute, sicurezza e ambiente Policy in materia di salute, sicurezza e ambiente Policy globale di Novartis 1 marzo 2014 Versione HSE 001.V2.IT 1. Introduzione Il nostro obiettivo in Novartis è essere all'avanguardia nei temi della

Dettagli

I vantaggi di una impresa eco - efficiente

I vantaggi di una impresa eco - efficiente I vantaggi di una impresa eco - efficiente Diminuiscono Impatti ambientali Incidenti Rischi di contenziosi Costi assicurativi Costi di smaltimento Aumentano Coinvolgimento operatori Immagine per le parti

Dettagli

Il valore delle Certificazioni Ambientali nelle Pubbliche Amministrazioni: Sistemi di Gestione Ambientale e semplificazioni Amministrative

Il valore delle Certificazioni Ambientali nelle Pubbliche Amministrazioni: Sistemi di Gestione Ambientale e semplificazioni Amministrative Il valore delle Certificazioni Ambientali nelle Pubbliche Amministrazioni: Sistemi di Gestione Ambientale e semplificazioni Amministrative 15 Convegno di Igiene Industriale Corvara 03 aprile 2009 M. Mengoli,

Dettagli

DOSSIER DI APPROFONDIMENTO GIURIDICO

DOSSIER DI APPROFONDIMENTO GIURIDICO IX LEGISLATURA AREA GIURIDICO-LEGISLATIVA Servizio per l'assistenza giuridico-legislativa in materia di attività economico produttive e di territorio e ambiente DOSSIER DI APPROFONDIMENTO GIURIDICO Argomento:

Dettagli

L impatto sull ambiente delle atti

L impatto sull ambiente delle atti L ALTA VELOCITÀ PASSA DA REGGIO EMILIA I sistemi di gestione ambientale E LA NORMATIVA VOLONTARIA PAOLO MONTIN* *Geosolution - Padova L impatto sull ambiente delle atti vità produttive ha acquisito, negli

Dettagli

I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+

I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+ 3 Workshop di R&S Opportunità finanziarie per la ricerca delle Imprese Chimiche nei settori energetici e ambientali I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+ Stefano Toffanin Milano,

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO - SALONE DEL CONSIGLIO L IVA nell Unione europea: una nuova cultura fiscale di impresa LA POSIZIONE DEL MONDO

CAMERA DI COMMERCIO - SALONE DEL CONSIGLIO L IVA nell Unione europea: una nuova cultura fiscale di impresa LA POSIZIONE DEL MONDO GENOVA - 30 GIUGNO 2009 - ORE 9.30 CAMERA DI COMMERCIO - SALONE DEL CONSIGLIO L IVA nell Unione europea: una nuova cultura fiscale di impresa LA POSIZIONE DEL MONDO IMPRENDITORIALE SULLA FATTURAZIONE ELETTRONICA

Dettagli

Corso di Economia Aziendale ed Estimo Rurale

Corso di Economia Aziendale ed Estimo Rurale Corso di Economia Aziendale ed Estimo Rurale C.so di Laurea STAG O (S.Severo) Lezione n.1: a) Richiami di concetti di teoria dell'impresa; b) Le strategie aziendali; c) Stima delle colture arboree da frutto

Dettagli

Corporate Social Responsability

Corporate Social Responsability Corporate Social Responsability elemento strategico per il successo dell impresa Il significato La Corporate Social Responsability, in italiano Responsabilità Sociale delle Imprese, può essere definita

Dettagli

QUALITA AMBIENTALE DI ORGANIZZAZIONI, IMPRESE E PRODOTTI

QUALITA AMBIENTALE DI ORGANIZZAZIONI, IMPRESE E PRODOTTI QUALITA DI ORGANIZZAZIONI, IMPRESE E PRODOTTI OBIETTIVI INDICATORI Descrivere l evoluzione della sensibilità ambientale delle organizzazioni e delle imprese e la trasparenza nella comunicazione con il

Dettagli

Marketing, competitività e sviluppo sostenibile: la parola al management

Marketing, competitività e sviluppo sostenibile: la parola al management Marketing, competitività e sviluppo sostenibile: la parola al management V Convegno Annuale Società Italiana Marketing Milano, 3 e 4 Ottobre 2008 Struttura del campione 20,64 9,96 5,34 5,34 12,1 27,05

Dettagli

ACQUSTI PUBBLICI SOSTENIBILI

ACQUSTI PUBBLICI SOSTENIBILI Alla scoperta degli ACQUSTI PUBBLICI SOSTENIBILI Lugano 9 marzo 2006 Ing. Andrea Rigato Sviluppo sostenibile Vari significati, attribuiti in ambiti diversi Definizione più comune (e accettata) Uno sviluppo

Dettagli

Le certificazioni ambientali. Sistemi di gestione ambientale - ISO 14001 - EMAS Certificazione ambientale di prodotto - Ecolabel - Marchi nazionali

Le certificazioni ambientali. Sistemi di gestione ambientale - ISO 14001 - EMAS Certificazione ambientale di prodotto - Ecolabel - Marchi nazionali Le certificazioni ambientali Sistemi di gestione ambientale - ISO 14001 - EMAS Certificazione ambientale di prodotto - Ecolabel - Marchi nazionali Evoluzione storica L attenzione alle questioni ambientali

Dettagli

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2001 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE)

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2001 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) COMUNE DI GREVE IN CHIANTI Provincia di Firenze Servizio nr. 6 Ambiente e Patrimonio GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2001 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) 1.

Dettagli

Il servizio zerozerotoner : cos è e come funziona. Il problema Aziendale del Trattamento dei Residui Esausti di Stampa LOGO E CONTATTI

Il servizio zerozerotoner : cos è e come funziona. Il problema Aziendale del Trattamento dei Residui Esausti di Stampa LOGO E CONTATTI LOGO E CONTATTI RIVENDITORE AUTORIZZATO Il problema Aziendale del Trattamento dei Residui Esausti di Stampa Il servizio zerozerotoner : cos è e come funziona. Versione EU_1.4 Sommario 1) OBIETTIVI DI QUESTO

Dettagli

PREMESSA. La norma ISO 50001, Energy management systems - Requirements with guidance for use, è stata sviluppata dall ISO Project Committee ISO/PC 242

PREMESSA. La norma ISO 50001, Energy management systems - Requirements with guidance for use, è stata sviluppata dall ISO Project Committee ISO/PC 242 PREMESSA. L'esigenza di una gestione più attenta e razionale dell'energia ha spinto diverse nazioni ad elaborare standard nazionali volontari, tra le quali anche gli Stati Uniti con MSE 2000:2005, introducendo

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DEL PREMIO La Sardegna verso la green economy

AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DEL PREMIO La Sardegna verso la green economy ASSESSORATO DELLA DIFESA DELL AMBIENTE Direzione Generale dell Ambiente Servizio della Sostenibilità Ambientale, Valutazione Impatti e Sistemi Informativi (SAVI) AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DEL

Dettagli

Certificazione Ambientale ISO14001. Ottobre 2008

Certificazione Ambientale ISO14001. Ottobre 2008 ertificazione Ambientale ISO14001 Ottobre 2008 La certificazione ISO 14001 La certificazione ISO 14001 di un Sistema di gestione ambientale è la dichiarazione di un ente certificatore, accreditato dal

Dettagli

All. 2. Profili professionali

All. 2. Profili professionali Profili professionali All. 2 Commerciale energie rinnovabili Mansioni La figura professionale individuata è un tecnico-commerciale con una specifica conoscenza del mercato e del territorio su cui opera.

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE STATALE LEARDI PROGETTO SCUOLE CHE FANNO LA DIFFERENZA CSR. Classe 3 B AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING

ISTITUTO SUPERIORE STATALE LEARDI PROGETTO SCUOLE CHE FANNO LA DIFFERENZA CSR. Classe 3 B AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING ISTITUTO SUPERIORE STATALE LEARDI PROGETTO SCUOLE CHE FANNO LA DIFFERENZA CSR Classe 3 B AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Anno Scolastico 2012-2013 1 LA CORPORATE SOCIAL RESPONSIBILITY (CSR) Partendo

Dettagli

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA)

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ATTIVITA FORMATIVE GRUPPO 0 FORMAZIONE PROPEDEUTICA DI BASE Generale Elementi di analisi matematica e geometria analitica Elementi di fisica Elementi

Dettagli

Le barriere all entrata

Le barriere all entrata Le barriere all entrata Derivano da: maggiori i costi minori ricavi della nuova entrante rispetto alle imprese già presenti nel settore Le nuove entranti devono considerare: Condizioni d ingresso: ostacoli

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ Il caso in esame di un impresa che opera nella maglieria maschile, mette in evidenza una debolezza della prestazione in due fattori competitivi chiave (qualità

Dettagli

Approcci aziendali alla sicurezza sul lavoro Analisi dei rischi di safety

Approcci aziendali alla sicurezza sul lavoro Analisi dei rischi di safety Approcci aziendali alla sicurezza sul lavoro Analisi dei rischi di safety dott. Matteo Rossi Le istanze sociali e gli indirizzi strategici La gestione delle problematiche di safety incide sulla redditività

Dettagli

Gli argomenti del corso

Gli argomenti del corso La gestione integrata HSE dott. Matteo Rossi Gli argomenti del corso ANALISI DELLE FUNZIONI PRIMARIE DELL IMPRESA LA GESTIONE INTEGRATA HSE LA GESTIONE AMBIENTALE LA SICUREZZA AZIENDALE (LEGGE 626/94)

Dettagli

IL CONTROLLO AMBIENTALE DEL CANTIERE EDILIZIO

IL CONTROLLO AMBIENTALE DEL CANTIERE EDILIZIO Corso di Project Management, Gestione OO.PP e Cantiere - C prof. Renato G. Laganà IL CONTROLLO AMBIENTALE DEL CANTIERE EDILIZIO LA NORMA ISO 14001/2015 Il cantiere e l ambiente Il cantiere a differenza

Dettagli

Servizi per l ambiente

Servizi per l ambiente F Servizi per l ambiente Sono diversi i servizi che si stanno sviluppando a supporto di un cambiamento organizzativo delle aziende e del modo di produrre, anche in questo caso nel segno di un minore impatto

Dettagli

Le imprese della trasformazione vitivinicola nei confronti di certificazioni, marchi collettivi e denominazioni di origine

Le imprese della trasformazione vitivinicola nei confronti di certificazioni, marchi collettivi e denominazioni di origine Panel agroalimentare Indagini monografiche Panel Agroalimentare Ismea Le imprese della trasformazione vitivinicola nei confronti di certificazioni, marchi collettivi e denominazioni di origine Ottobre

Dettagli

The new outsourcing wave: multisourcing

The new outsourcing wave: multisourcing EVOLUZIONE DEI MODELLI DI OUTSOURCING La pratica dell outsourcing, cioè del trasferire all esterno dell azienda singole attività, processi o infrastrutture è in voga da tempo, e negli anni ha dimostrato

Dettagli

Prot. N. Del. DUE DILIGENCE AMBIENTALE. ENVIRONMENTAL SITE ASSESSMENT:

Prot. N. Del. DUE DILIGENCE AMBIENTALE. ENVIRONMENTAL SITE ASSESSMENT: Partita Iva 02128960065 Pagina n 1 di pagine 13 Prot. N Del. DUE DILIGENCE AMBIENTALE. ENVIRONMENTAL SITE ASSESSMENT: L'ambiente, con i suoi vincoli, le sue leggi, l'attenzione che suscita nell'opinione

Dettagli

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu IL PIANO DI MARKETING NOTE tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu 1 Because its purpose is to create a customer, the business has two - and only two - functions:

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese La strategia e la gestione ambientale dott. Matteo Rossi Benevento, 12 febbraio 2008 Gli argomenti del corso ANALISI DELLE FUNZIONI PRIMARIE DELL IMPRESA LA GESTIONE INTEGRATA

Dettagli

Strumenti di miglioramento: la certificazione ambientale

Strumenti di miglioramento: la certificazione ambientale Strumenti di miglioramento: la certificazione ambientale La spirale perversa LEGGI SOCIALI ED AMBIENTALI PIÙ RESTRITTIVE POLITICI INDUSTRIA PERCEZIONE NEGATIVA DEGLI STAKEHOLDER PRESSIONE PER UNA MIGLIORE

Dettagli

Strumenti di eco-innovazione. Il processo di eco-innovazione nelle imprese. Gli strumenti ENEA per l eco-innovazione nelle PMI.

Strumenti di eco-innovazione. Il processo di eco-innovazione nelle imprese. Gli strumenti ENEA per l eco-innovazione nelle PMI. Strumenti di eco-innovazione Il processo di eco-innovazione nelle imprese. Gli strumenti ENEA per l eco-innovazione nelle PMI. Francesca Cappellaro Laboratorio LCA&Ecodesign Bologna, 28 aprile 2010 Contesto

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

Belowthebiz idee in rete

Belowthebiz idee in rete Le 5 forze di Porter Nella formulazione di una strategia un passo fondamentale è la definizione e lo studio delle principali caratteristiche del settore in cui si opera. Lo schema di riferimento più utilizzato

Dettagli

La metodologia LCA e le fonti rinnovabili di energia

La metodologia LCA e le fonti rinnovabili di energia La metodologia LCA e le fonti rinnovabili di energia Università di Palermo Dipartimento di Ricerche Energetiche ed Ambientali Perché LCA applicata alle rinnovabili? Riconducibile principalmente ad obiettivi:

Dettagli

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI CHE COS È IL SISTEMA FINANZIARIO? È l insieme organizzato di mercati, intermediari e strumenti finanziari Il suo funzionamento avviene in un contesto di regole e controlli: la quarta componente strutturale

Dettagli

Punto 5.c all ordine del giorno del V Comitato di Sorveglianza

Punto 5.c all ordine del giorno del V Comitato di Sorveglianza UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA INFORMATIVA SULLA PROPOSTA DI MODIFICA DEL PROGRAMMA OPERATIVO A SEGUITO DELLE MODIFICHE INTERNE ALL ASSE III E ALL ASSE V (obiettivo specifico V.3)

Dettagli

di Teresa Tardia Marketing e vendite >> Marketing e management

di Teresa Tardia Marketing e vendite >> Marketing e management IL BILANCIO COME STRUMENTO DI MARKETING di Teresa Tardia Marketing e vendite >> Marketing e management Con le nuove metodologie e analisi che tendono a rilevare la relazione dell impresa con il suo ambiente

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

,17(59(172 'U*LXVHSSH=$'5$ 'LUHWWRUH*HQHUDOH $VVRFLD]LRQH%DQFDULD,WDOLDQD

,17(59(172 'U*LXVHSSH=$'5$ 'LUHWWRUH*HQHUDOH $VVRFLD]LRQH%DQFDULD,WDOLDQD ,17(59(172 'U*LXVHSSH=$'5$ 'LUHWWRUH*HQHUDOH $VVRFLD]LRQH%DQFDULD,WDOLDQD La capacità di crescere e creare valore per le banche nell ambito della new economy passa attraverso una serie di scelte strategiche

Dettagli

Le certificazioni ambientali come forma di assicurazione della Qualità di Amalia Lucia Fazzari e Alessandro Pomponi

Le certificazioni ambientali come forma di assicurazione della Qualità di Amalia Lucia Fazzari e Alessandro Pomponi Pubblicato il: 2 luglio 2012 Tutti i diritti riservati. Tutti gli articoli possono essere riprodotti con l'unica condizione di mettere in evidenza che il testo riprodotto è tratto da www.qtimes.it Registrazione

Dettagli

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output Vantaggio di costo Un'impresa ha un vantaggio di costo se i suoi costi cumulati per realizzare tutte le attività generatrici di valore sono più bassi di quelli dei suoi concorrenti" Porter Costo fisso

Dettagli

XVII Master in Marketing Management Project Work

XVII Master in Marketing Management Project Work XVII Master in Marketing Management Project Work GREEN MARKETING Baveno 14/02/2014 Letizia Marzulli Roberta Pazienza Serena Zammartini Vito Macaddino COS È IL GREEN MARKETING? Un APPROCCIO DEL MARKETING

Dettagli

Imprese edili: innovare per crescere

Imprese edili: innovare per crescere Imprese edili: innovare per crescere Peculiarità operative del settore e trend evolutivi Il settore dell edilizia sta attraversando una fase di profonda trasformazione, sia dal punto di vista dell organizzazione

Dettagli

conviene Certificarsi

conviene Certificarsi Provincia di Rimini Certificarsi conviene Le certificazioni ISO 14001 ed EMAS e il marchio ECOLABEL sono un vantaggio competitivo per le imprese che li adottano. Da oggi ottenerle è più facile grazie ai

Dettagli

DAI SISTEMI DI GESTIONE AI NUOVI MODELLI ORGANIZZATIVI A RETE: Quali scenari per il settore costruzioni civili?

DAI SISTEMI DI GESTIONE AI NUOVI MODELLI ORGANIZZATIVI A RETE: Quali scenari per il settore costruzioni civili? CONVEGNO AICQ DAI SISTEMI DI GESTIONE AI NUOVI MODELLI ORGANIZZATIVI A RETE: Quali scenari per il settore costruzioni civili? Roma, 22 novembre 2010 Spunti per l'intervento L'impresa ed i sistemi di gestione

Dettagli

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ GENERALITÀ 1 / 10 Sommario Generalità 1 Politica della Qualità 3 DECALOGO DELLA QUALITÀ 4 Politica Ambientale PREVENZIONE 7 FORMAZIONE CULTURA ED ATTEGGIAMENTO 8 COMUNICAZIONE 8 COLLABORAZIONE CON FORNITORI

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

3x3 buone ragioni per Emas. Incrementa le performance ambientali con il migliore standard di gestione ambientale

3x3 buone ragioni per Emas. Incrementa le performance ambientali con il migliore standard di gestione ambientale 3x3 buone ragioni per Emas Incrementa le performance ambientali con il migliore standard di gestione ambientale 1 2 3 4 5 6 7 8 9 INDICE INTRODUZIONE 3X3 BUONE RAGIONI PER EMAS INTRODUZIONE pag. 1 EMAS

Dettagli

COME FARE PER: decidere se estendere l'attività a monte del processo

COME FARE PER: decidere se estendere l'attività a monte del processo autore dell articolo: Cianca Fabrizio - Ma.Ve.Co-Consulting (Consulente, Progettista e Docente di Programmi Formativi Area Marketing, Vendita e Comunicazione. Socio AIF Associazione Italiana Formatori.

Dettagli

Introduzione alla responsabilità sociale delle imprese (CSR) per le piccole e medie imprese

Introduzione alla responsabilità sociale delle imprese (CSR) per le piccole e medie imprese Introduzione alla responsabilità sociale delle imprese (CSR) per le piccole e medie imprese Questa guida è stata messa a punto come parte della campagna di sensibilizzazione paneuropea in materia di CSR,

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa Relazione illustrativa La direttiva 2010/30/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19 maggio 2010 concernente l indicazione del consumo di energia e di altre risorse dei prodotti connessi all energia,

Dettagli

Aree Industriali nella Provincia di Ancona: Qualità Ambientale, Certificazione EMAS e. Codice Etico

Aree Industriali nella Provincia di Ancona: Qualità Ambientale, Certificazione EMAS e. Codice Etico Relazione Dott. Ing. Giacomo GIACOMINI Responsabile del Sistema di Gestione Ambientale Aree Industriali nella Provincia di Ancona: Qualità Ambientale, Certificazione EMAS e Codice Etico fiera di Rimini,

Dettagli

Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE

Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE Il successo delle aziende, oggi, dipende dalla collaborazione e dalle partnership con altre organizzazioni. Emergono sempre di più le reti di organizzazioni. Oggi

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO

GUIDA DI APPROFONDIMENTO WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO I SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COSA È UN SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE... 3 OBIETTIVI DI UN SISTEMA

Dettagli

IL DIRITTO COMUNITARIO DELL AMBIENTE NELL EVOLUZIONE DEL TRATTATO UE

IL DIRITTO COMUNITARIO DELL AMBIENTE NELL EVOLUZIONE DEL TRATTATO UE IL DIRITTO COMUNITARIO DELL AMBIENTE NELL EVOLUZIONE DEL TRATTATO UE Il Trattato di Roma del 1957 non conteneva alcuna esplicita menzione di competenze comunitarie nel settore ambientale. La crescente

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI Divisione VIII PMI e Artigianato Indagine

Dettagli

Aiuto di Stato n. N208/2003 - ITALIA Regione Emilia Romagna Ecoincentivi per il settore delle imprese

Aiuto di Stato n. N208/2003 - ITALIA Regione Emilia Romagna Ecoincentivi per il settore delle imprese COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 19.12.2003 C(2003) 5275 Oggetto: Aiuto di Stato n. N208/2003 - ITALIA Regione Emilia Romagna Ecoincentivi per il settore delle imprese Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO Con

Dettagli

Simulazione di seconda prova scritta

Simulazione di seconda prova scritta Simulazione di seconda prova scritta Economia aziendale di Luisa Menabeni Pianificazione, programmazione aziendale e controllo di gestione; nuove formule strategiche, controllo strategico, calcolo dei

Dettagli

POLITICHE PER LA TUTELA DELL AMBIENTE

POLITICHE PER LA TUTELA DELL AMBIENTE POLITICHE PER LA TUTELA DELL AMBIENTE REDATTRICE: Francesca Casalotti Le proposte di legge esaminate nel corso del 2013 dalla Sesta Commissione in materia di ambiente e successivamente approvate dal Consiglio

Dettagli

La scelta della strategia di marketing

La scelta della strategia di marketing LA SCELTA DELLA STRATEGIA DI L obiettivo che l impresa deve perseguire in questa fase è quello di individuare la strategia di marketing che sia in grado di offrire all impresa il mezzo per realizzare i

Dettagli

Il concetto di strategia ha subito nel tempo un'evoluzione, così sintetizzabile:

Il concetto di strategia ha subito nel tempo un'evoluzione, così sintetizzabile: La pianificazione strategica nelle Pmi: criticità e prospettive L'innovazione è un fattore critico di successo e di competitività: per il lancio o il restyling di prodotti possono essere utilizzate tecniche

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 4 della Legge Costituzionale n.185/2005 e l articolo 6 della Legge Qualificata n.186/2005; Promulghiamo

Dettagli

Bologna, 13 Aprile 2010. Marco Ottolenghi, ERVET

Bologna, 13 Aprile 2010. Marco Ottolenghi, ERVET Bologna, 13 Aprile 2010 Marco Ottolenghi, ERVET Emas III iter e struttura Lo scorso 22 Dicembre si è concluso il lungo iter di revisione ( ) del Regolamento EMAS con la pubblicazione del Regolamento 1221/2009

Dettagli

Capitolo 2 STRATEGIA, PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA ED EFFICACIA

Capitolo 2 STRATEGIA, PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA ED EFFICACIA Capitolo 2 STRATEGIA, PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA ED EFFICACIA Il ruolo della direzione strategica nella progettazione organizzativa Un organizzazione viene creata per raggiungere un determinato scopo.

Dettagli

CHIEDE. acquisto di impianti/attrezzature per sistema informatico/comunicazionale e aumento competitività

CHIEDE. acquisto di impianti/attrezzature per sistema informatico/comunicazionale e aumento competitività 1 Appendice n. 3 DOMANDA DI AMMISSIONE PER L ASPIRANTE IMPRENDITORE ALLE AGEVOLAZIONI DI CUI ALLA LEGGE 949/52 ART. 37 E ALLA LEGGE REGIONALE 23/09 ART. 43 COME DISCIPLINATA DALLA DELIBERA DELLA GIUNTA

Dettagli

Come fare un piano di marketing

Come fare un piano di marketing Come fare un piano di marketing Marketing strategico e operativo Definizione Un Un piano di di marketing è un un piano finanziario arricchito di di informazioni su su origini e destinazioni dei dei flussi

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 7. LA POLITICA DI PREZZO Può essere che un impresa progetti la propria strategia di marketing mix

Dettagli

Ruolo dei distributori/importatori di sostanze chimiche sul territorio nazionale, in un'ottica di mercato globale.

Ruolo dei distributori/importatori di sostanze chimiche sul territorio nazionale, in un'ottica di mercato globale. Ruolo dei distributori/importatori di sostanze chimiche sul territorio nazionale, in un'ottica di mercato globale. Compiti, sfide e necessità di supporto Roma, 25 ottobre 2007 dott. Giorgio BONETTI - Presidente

Dettagli

Strumenti per l'eco-efficienza e l'eco-qualità delle imprese a cura di Ing. Elisa Poggiali Gruppo di Coordinamento Agenda 21 "Terre di Siena"

Strumenti per l'eco-efficienza e l'eco-qualità delle imprese a cura di Ing. Elisa Poggiali Gruppo di Coordinamento Agenda 21 Terre di Siena Strumenti per l'eco-efficienza e l'eco-qualità delle imprese a cura di Ing. Elisa Poggiali Gruppo di Coordinamento Agenda 21 "Terre di Siena" I sistemi di certificazione ambientale consentono alle organizzazioni

Dettagli

EcoDesigne Sistemi di Gestione dell Energia Gian Piero Zattoni

EcoDesigne Sistemi di Gestione dell Energia Gian Piero Zattoni EcoDesigne Sistemi di Gestione dell Energia Gian Piero Zattoni Workshop Chi Siamo EQO S.r.l. da oltre 10 anni riunisce professionisti provenenti da diversi settori e con differenti esperienze professionali,

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 09/035/CR/C10 INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 1. Le ripercussioni

Dettagli

I differenti ruoli nel progetto SEPA (Single Euro Payments Area)

I differenti ruoli nel progetto SEPA (Single Euro Payments Area) ABI SPIN 2006 SWIFT ITALY I fattori del cambiamento Regolamentazione e competizione I differenti ruoli nel progetto SEPA (Single Euro Payments Area) Antonio Finocchiaro Vice Direttore generale della Banca

Dettagli

COLLEGIO SINDACALE E ASSETTO ORGANIZZATIVO AZIENDALE NUOVI SPUNTI DI LAVORO DAL CNDCEC

COLLEGIO SINDACALE E ASSETTO ORGANIZZATIVO AZIENDALE NUOVI SPUNTI DI LAVORO DAL CNDCEC COLLEGIO SINDACALE E ASSETTO ORGANIZZATIVO AZIENDALE NUOVI SPUNTI DI LAVORO DAL CNDCEC 1. Linee guida operative Il documento promulgato nel maggio del 2015 a cura della commissione Collegio Sindacale dell

Dettagli

LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI PROCESI INDUSTRIALI

LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI PROCESI INDUSTRIALI UN AZIENDA CON MENO INFORTUNI, MENO INQUINAMENTO, PIU RISPARMIO ENERGETICO SOSTENIBILITA' E BUSINESS LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI PROCESI INDUSTRIALI Prof. Ing. Cesare Saccani DIEM - Università degli

Dettagli