AG21 forum Alta Umbria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AG21 forum Alta Umbria"

Transcript

1 Regione Umbria Agenda 21 Umbria Provincia di Perugia AG21 forum Umbria Città di Castello, Gualdo Tadino, Gubbio, Umbertide Citerna, Lisciano Niccone, Monte Santa Maria Tiberina, Montone, Pietralunga, San Giustino PIANO D AZIONE AMBIENTALE D AREA AG21 forum Umbria A cura di: Ecoazioni

2 Per produrre UNA TONNELLATA di Carta riciclata bastano: nessun albero litri d acqua kwh di energia elettrica Carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi litri d acqua kwh di energia elettrica Abbiamo scelto di stampare questo documento su carta riciclata Piano d Azione Ambientale d Area - AG21 Umbria 2

3 L'Agenda 21 dell' Umbria Nel corso del 2002 i Comuni di Città di Castello, Umbertide, Gubbio e Gualdo Tadino, hanno deciso di portare avanti un processo condiviso di A21L costituendosi come Forum dell Umbria all interno delle iniziative supportate dalla Regione Umbria e coordinato dal Cridea. Nel mese di Marzo 2004 si è conclusa la seconda fase del Forum di Agenda 21 dell Umbria completando così il lungo percorso di informazione e pianificazione partecipata, fino alla redazione del Piano d Azione. Il Forum dell Umbria nel corso del 2004 si è integrato con il Forum di AG21 promosso dalla Provincia di Perugia nei Comuni dell Alto Tevere, comprendente : Citerna, Lisciano Niccone, Monte Santa Maria Tiberina, Montone, Pietralunga e San Giustino. Il primo risultato di questa integrazione è il Piano d Azione che viene presentato come un documento unitario. L importante scelta di integrare le progettualità e coordinare le azioni da sviluppare, ha fatto si che questo Piano d Azione superasse il concetto di locale e si avviasse ad essere il Primo piano regionale di Area Vasta per l Umbria, in attuazione di un processo di Agenda 21, ricomprendendo 10 comuni, Kmq di territorio regionale e circa abitanti. Comune Abitanti Superficie (kmq) Citerna ,2 Città di Castello ,3 Gualdo Tadino ,2 Gubbio ,1 Lisciano Niccone ,5 Monte Santa Maria Tiberina ,0 Montone ,8 Pietralunga ,1 San Giustino ,7 Umbertide ,2 TOTALE ,0 Piano d Azione Ambientale d Area - AG21 Umbria 3

4 Obiettivi del Forum Obiettivo primario del Forum è di costituire una rete tra le città per la ricerca di approcci e soluzioni innovative nel settore delle politiche ambientali che un singolo Comune potrebbe isolatamente avere difficoltà ad attuare. La metodologia utilizzata per il Forum, vede nel lavorare insieme uno strumento prezioso attraverso il quale giungere all innalzamento della consapevolezza, per l individuazione delle criticità del territorio ed infine per la proposizione di idee, progetti ed azioni condivise da attivare concretamente. I principali obiettivi del Forum Umbria possono essere così sintetizzati: perseguire gli obiettivi di Agenda 21 Regionale per l Umbria nella prospettiva di uno sviluppo locale sostenibile; avviare un rapporto di coopianificazione d area vasta tra i Comuni; promuovere partenariati locali, facilitando strategie condivise ed azioni rivolte ai singoli Comuni; promuovere una economia ed una competitività basata sull identità locale e sulla qualità ambientale. Gli attori del Forum Il Forum è coordinato a livello istituzionale da una Cabina di Regia, di cui fanno parte gli Assessori all Ambiente dei 10 Comuni, la Regione Umbria, la Provincia di Perugia e si avvale della consulenza tecnico scientifica della società Ecoazioni di Gubbio. Hanno invece aderito al Forum rappresentanti di vari settori provenienti da tutte e 10 le comunità locali: Enti Pubblici, Associazioni Imprenditoriali e di Categoria, Associazioni Ambientaliste, Sindacati, Università, Scuole, Ordini professionali, Imprese locali e singoli cittadini, che hanno trovato nel Forum una occasione unica di poter aprire un dialogo su temi specifici, confrontarsi e trovare accordi sui progetti d interesse comune da realizzare. Alcuni momenti di lavoro dei Forum Piano d Azione Ambientale d Area - AG21 Umbria 4

5 I lavori dei Forum hanno riguardato le seguenti tematiche specifiche: forum Umbria TURISMO AGRICOLTURA AMBIENTE E ATTIVITA PRODUTTIVE ENERGIA MOBILITA SOSTENIBILE SISTEMI NATURALI E RISORSE IDRICHE forum Alto Tevere AGRICOLTURA E PRODOTTI LOCALI ARTIGIANATO TURISMO SOSTENIBILE Relativamente a questi temi è stato tracciato, grazie al contributo degli attori locali che hanno partecipato alle attività del Forum, un primo Programma Strategico in cui sono state individuate, partendo dalle criticità riscontrate nel territorio, le priorità d'azione e alcune idee progettuali condivise per lo sviluppo sostenibile dei settori trattati. Sulla base dei risultati del lavoro svolto in questa fase è stato poi elaborato il Piano Operativo d Area del Forum di Agenda 21 dell Umbria. Il Piano d Azione è stato integrato, per quanto riguarda le tematiche Agricoltura, prodotti locali e Turismo sostenibile con quanto emerso nel Forum di Agenda 21 per l Alto Tevere della Provincia di Perugia Il Piano d Azione che dovrà essere discusso ed approvato nei Consigli Comunali, ha indicato per ogni tema trattato priorità ed azioni specifiche. Le indicazioni del Piano d Azione costituiscono un punto di riferimento essenziale per la programmazione dello sviluppo del territorio dell Umbria. Alcune delle indicazioni emerse dal Piano sono state presentate, come patrimonio comune, alla discussione del Tavolo per lo Sviluppo. Piano d Azione Ambientale d Area - AG21 Umbria 5

6 La struttura del processo Il Processo di Agenda 21 d Area è strutturato su quattro livelli: conoscenza informazione/consapevolezza pianificazione partecipata attuazione e gestione Secondo questo programma sono stati attivati, studi, ricerche ambientali e socio-economiche e si sono svolti seminari informativi tematici nelle città, coinvolgendo complessivamente più di 400 partecipanti e 50 relatori. I temi affrontati nella prima fase del Forum sono stati: Agricoltura e prodotti locali, Turismo. In una seconda fase si sono affrontati temi più ambientali quali: Gestione sostenibile delle risorse idriche e dei sistemi naturali, Consumi energetici e energie rinnovabili, Ambiente ed attività produttive, Mobilità sostenibile. I partecipanti al Forum hanno lavorato divisi in laboratori tematici ed hanno individuato prima un Piano Strategico d Area contenente gli obiettivi e poi un Piano Operativo d Area contenente le azioni necessarie per realizzarli. Una parte del processo si è indirizzata alle giovani generazioni attraverso le scuole attivando il progetto Eco-schools, che è uno dei quattro programmi promossi dalla Commissione Europea e dalla FEE, Foundation for Environmental Education, nel campo della gestione, ed educazione alla sostenibilità ambientale. Il metodo di lavoro la partecipazione Partecipare alla vita pubblica ed al governo della città, per i territorio dell Umbria è un processo storico e radicato; fin dal medioevo infatti gli antichi Statuti comunali che con valore di legge regolavano ogni aspetto della vita di queste popolazioni, venivano redatti attraverso una fase articolata di partecipazione che coinvolgeva direttamente gli abitanti. La metodologia utilizzata per il Forum dell Umbria, è un adattamento dell European Awareness Scenario Workshop (EASW) che l Unione Europea con la D.G. XIII-D ha creato e patrocina fin da 1994, per fornire il suo appoggio ad azioni locali a livello europeo sul tema della sostenibilità. I partecipanti di un EASW, si confrontano per sviluppare visioni sul futuro della propria comunità e proporre come superare gli ostacoli che frenano il passaggio a modelli di sviluppo sostenibile. La metodologia mette in relazione i diversi interessi e bisogni che entrano in gioco per definire un progetto o un programma, fino alla proposizione di azioni indicando chiaramente il come ed il chi dovrà realizzarli. Piano d Azione Ambientale d Area - AG21 Umbria 6

7 legenda: Criticità: principali punti di debolezza e barriere allo sviluppo del settore riscontrate dai Forum. Obiettivi: finalità e programmi individuati per intervenire sulle criticità. Azioni: strumenti di attuazione e attività prioritarie individuate per realizzare gli obiettivi. Rilevanza per il Forum;: grado di preferenza espressa dai partecipanti al Forum: Medio/ Medio/Bassa Bassa Tempi di attuazione: stima del tempo necessario alla realizzazione dell azione individuata: breve medio/breve medio medio/lungo lungo fino a 6 mesi da 6 mesi a 18 anni da 18 mesi a 3 anni da 3 a 5 anni oltre i 5 anni Soggetti promotori: soggetti (enti pubblici e privati, aziende, consorzi, associazioni ambientaliste, ecc) che da un primo screening sono stati identificati come possibili attuatori delle azioni descritte o che hanno dichiarato una disponibilità a portare avanti i progetti. Piano d Azione Ambientale d Area - AG21 Umbria 7

8 SCHEDE AREE TEMATICHE GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE IDRICHE E DEI SISTEMI NATURALI AGRICOLTURA E PRODOTTI LOCALI AMBIENTE E ATTIVITA' PRODUTTIVE MOBILITA' SOSTENIBILE TURISMO CONSUMI ENERGETICI ED ENERGIE RINNOVABILI Piano d Azione Ambientale d Area - AG21 Umbria 8

9 GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE IDRICHE E DEI SISTEMI NATURALI I CRITICITÀ OBIETTIVI AZIONI RILEVANZA PER IL FORUM Ridotta valorizzazione dei siti minore di interesse naturalistico e culturale minori. Tutelare l integrità, promuovere la conoscenza e facilitare la fruizione dei siti di interesse naturalistico e culturale minori. 1.I Censimento dei siti di interesse naturalistico e culturale meno conosciuti e loro promozione per una corretta fruizione nell ottica della compatibilità ambientale. Realizzazione di materiale informativo, sia cartaceo che multimediale (web) e predisposizione dei servizi di supporto ad una loro fruizione escursionistica. 2.I Realizzazione di un sistema sentieristico integrato che aumenti l accessibilità ai siti e ne faciliti la loro messa a sistema, in modo da offrire una ampia rete di percorsi. Medio Medio Regione, Provincia, Comuni, GAL, Soprintendenza, Corpo forestale, Mass locali, Istituti scolastici. Corpo forestale, APT. 3.I Sviluppo di progetti legati all ambito fluviale, incentrati sulla tutela e sul ripristino del valore paesaggistico, connessi allo sviluppo di filiere turistico naturale. Bassa APT, Aziende Private, Mass. Presenza di cave dismesse e discariche abusive. Favorire la bonifica e/o la trasformazione funzionale delle cave dimesse e dei siti degradati. 4.I Elaborazione di linee guida per il riambientamento o trasformazione funzionale delle cave dismesse. Censimento delle discariche abusive e adozione di piani comunali per la loro bonifica. Medio/Lungo Regione, Provincia, Comuni, Società di consulenza, Aziende private. Bassa attenzione nella gestione dei boschi. Tutelare le aree boscate. 5.I Promozione di accordi e protocolli volontari con i proprietari delle aree boscate finalizzati ad assicurarne la preservazione (anche attraverso l adozione di pratiche correte di gestione e manutenzione) e a favorirne il reinsediamento ove danneggiate. Medio Regione, Provincia, Comuni, Corpo forestale, Aziende locali. Proprietari terrieri. Piano d Azione Ambientale d Area - AG21 Umbria 9

10 GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE IDRICHE E DEI SISTEMI NATURALI I CRITICITÀ OBIETTIVI AZIONI RILEVANZA PER IL FORUM Ridotta attenzione all interno dei programmi scolastici al tema dell'educazione ambientale ed alla conoscenza del territorio. Pochi fondi a disposizione. Aumentare la sensibilità e l attenzione da parte delle nuove generazione verso i temi ambientali e delle risorse idriche. 6.I Realizzazione di progetti da parte degli Istituiti scolastici incentrati sullo studio del valore delle risorse idriche e dell ambiente naturale locale e sulla sensibilizzazione alle buone pratiche per la loro tutela. Attivare processi strutturati di A21-Scolastica. Regione (CRIDEA) Istituti scolastici, Società di Consulenza, Mass locali. Bassa incisività delle politiche e delle strategie pubbliche finalizzate alla tutela delle risorse idriche e dei sistemi naturalistici. Aumentare la consapevolezza di amministratori e tecnici delle problematiche relative alla risorsa idrica e la conoscenza delle buone pratiche per un una loro corretta risoluzione. Coordinare le attività e le progettualità delle Amministrazioni locali, Provincia, Regione al fine di assicurare l adozione di strategie concertate ed efficaci di tutela della risorsa idrica nel territorio. 7.I Realizzazione di corsi di formazione e seminari di aggiornamento e approfondimento rivolti agli amministratori pubblici e ai tecnici i temi inerenti la risorsa idrica. Redazione di Piani intercomunali di Comunicazione sull'uso consapevole della risorsa idrica. 8.I Creazione di un tavolo permanente di concertazione per la promozione di procedure di certificazione di qualità del territorio (EMAS II ed ISO 14001) al fine di garantire una corretta gestione del ciclo delle acque. Comuni, ARPA, Società di Consulenza, Mass locali. Comuni, Provincia, Regione, Società di consulenza, Aziende Locali. Piano d Azione Ambientale d Area - AG21 Umbria 10

11 GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE IDRICHE E DEI SISTEMI NATURALI I CRITICITÀ OBIETTIVI AZIONI RILEVANZA PER IL FORUM Scarsa informazione alla cittadinanza locale sul tema della risorsa idrica. Garantire un informazione più incisiva rispetto a quella attuale, per tenere i cittadini costantemente informati e renderli consapevoli sull'uso corretto della risorsa idrica. 9.I Avvio di campagne informative che puntino ad aumentare la consapevolezza dei cittadini sul valore del patrimonio naturale dell Umbria e sull importanza che la risorsa idrica ha sul mantenimento della qualità di questo patrimonio. 10.I Incentivare la diffusione di spot su televisioni e giornali locali, riguardanti i problemi idrici del territorio e le pratiche per un uso corretto dell acqua. Bassa APT, Mass. APT, Mass. Riduzione del consumo dell acqua prelevata da fiumi e da pozzi. 11.I Distribuire ai cittadini un Decalogo sulle misure da adottare per poter ridurre il consumo di acqua a partire dalle proprie abitazioni. Società di consulenza, Umbra Acque, Associazioni ambientaliste. Scarsa tutela di sorgenti e acque di falda. Adozione di misure idonee a favorire una maggiore attenzione alle modalità di gestione delle fonti idriche. 12.I Cartografare le sorgenti per permetterne una corretta gestione a livello d area. 13.I Riduzione della presenza di inquinati in falda, attraverso il controllo delle attività che possono avere impatti significativi con la qualità delle acque. Bassa Medio Umbra Acque, Società di consulenza. ARPA, Umbra Acque, Società di Consulenza, Aziende private. Piano d Azione Ambientale d Area - AG21 Umbria 11

12 GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE IDRICHE E DEI SISTEMI NATURALI I CRITICITÀ OBIETTIVI AZIONI RILEVANZA PER IL FORUM Alterazione del sapore dell acqua dovuta all uso del cloro per la disinfezione. Promuovere l adozione di nuove tecniche per la disinfezione delle acque al fine di migliorarne la qualità. 14.I Promozione dell utilizzo delle tecniche integrate per la depurazione biologica delle acque. Bassa Medio Umbra Acque, Società di consulenza, Aziende private. - Basso coordinamento della progettualità esistente - percentuale di interventi che non hanno prodotto risultati apprezzabili o abbandonati. Garantire la continuità e l'efficacia dei progetti di rilevanza paesaggistica avviati. 15.I Adozione di un sistema di controllo e di monitoraggio dei progetti ambientali/ paesaggistici attivati e valorizzazione delle buone pratiche. Bassa Lungo Corpo Forestale, Associazioni Ambientaliste. Mancanza di una visione d insieme del territorio come sistema di area vasta. Promuovere progetti comuni di tutela del sistema naturalistico e delle acque in area vasta 16.I Promuovere progetti comuni all interno del Bacino Idrografico del Tevere ed integrare quelli già esistenti Regione, Provincia, Comuni, Comunità Montane. INDIRIZZI DI SOSTENIBILITÀ - Agenda 21 Capitolo 18 Proteggere la quantità e la disponibilità delle risorse idriche - D. lgs. 11 maggio 1999, n. 152 costituisce l'attuale "legge quadro" sulla tutela delle acque dall'inquinamento.si tratta del decreto legislativo che, in via generale, recepisce le direttive comunitarie 91/271/CEE sulle acque reflue urbane e 91/626/CEE sull'inquinamento da nitrati in agricoltura, ma che in realtà riordina la materia dell'inquinamento idrico alla luce di numerosi altri provvedimenti comunitari. Articolo 1(Finalità) lett. c) perseguire usi sostenibili e durevoli delle risorse idriche, con priorità per quelle potabili. - DPCM 24 maggio 2002 n Dichiarazione dello stato di emergenza nel territorio della Regione Umbria - DPCM 20 dicembre 2002 n. 303 Proroga dello stato di emergenza in relazione alla crisi di approvvigionamento idrico - L. n. 388/00 (art. 141, co. 4, Predisposizione del Piano Stralcio d Ambito nei settori depurazione e fognature); - L.R. n. 44 del 2/12/98 (norme per la tutela e lo sviluppo del patrimonio ittico regionale, la salvaguardia degli ecosistemi acquatici e l esercizio della pesca, in attuazione degli artt. 6 e 25 dello Statuto regionale, modif. e integr. Da L.R. n. 11 sell 11/02/00); Piano d Azione Ambientale d Area - AG21 Umbria 12

13 AGRICOLTURA E PRODOTTI LOCALI A CRITICITÀ OBIETTIVI AZIONI RILEVANZA PER I FORUM Umbria Alto Tevere Bassa diffusione delle conoscenze relative alle tecniche produttive biologiche e/o tradizionali. Difficoltà di accesso ai finanziamenti per il biologico da parte dei produttori. Aumentare la confidenza dei produttori locali con le tecniche produttive tipiche e tradizionali e biologiche. Aumentare la diffusione delle informazioni sulle opportunità di finanziamento per le produzioni biologiche. 1.A Organizzare seminari e riunioni informative su: - tecniche produttive tradizionali e biologiche - opportunità di finanziamento e incentivi alle attività produttive riguardanti prodotti tipici e biologici. Produzione di materiale informativo di facile divulgazione per i produttori e per la cittadinanza. Regione, Provincia, Comuni, Associazioni di categoria, Organismi di certificazione del biologico, Comunità Montana, CIA Umbria, Aziende Private, Mass locali. Limitata attenzione nel settore agricolo all'utilizzo razionale delle risorse ambientali. Promozione della conoscenza di tecniche e tecnologie per la chiusura dei cicli ambientali nella conduzione delle aziende agricole e artigiane. 2.A Produrre e diffondere materiale informativo sulle Buone Pratiche per l uso corretto delle risorse ambientali e per la diffusione della consapevolezza sui consumi idrici ed energetici nelle aziende agricole. 3.A Predisporre un programma di supporto alle aziende agricole e artigiane per l adozione dei sistemi di gestione della qualità ambientale (Certificazioni ISO e EMAS) e per la redazione di bilanci ambientali. - Medio Comuni, Aziende Private, Società di consulenza, Associazioni ambientaliste, Mass locali. Aziende private, Società di consulenza. 4.A Promuovere anche con finanziamenti specifici, interventi dimostrativi (progetti pilota) sull adozione di sistemi rinnovabili e scelte sostenibili nella conduzione delle aziende agricole e degli immobili rurali. - Medio AEA, Aziende private, Associazioni ambientaliste, Società di consulenza. Piano d Azione Ambientale d Area - AG21 Umbria 13

14 AGRICOLTURA E PRODOTTI LOCALI A CRITICITÀ OBIETTIVI AZIONI RILEVANZA PER I FORUM Umbria Alto Tevere 5.A Incrementare l'utilizzo di prodotti locali, biologici e/o OGM free negli enti pubblici (servizi mensa) rendendo visibile la scelta. - Medio Comunità Montana, CIA Umbria, Organismi di certificazione del biologico, Mass locali. Difficoltà nella commercializzazione sia sul mercato interno che esterno dei prodotti locali di qualità. Frammentazione delle aziende agricole e difficoltà di cooperazione. Promozione dei prodotti locali sia sul mercato interno che extraregionale. 6.A Promuovere la creazione di filiere locali legate alla produzione, distribuzione e commercializzazione dei prodotti agricoli biologici. 7.A Aprire punti informativi e vendita delle produzioni locali distribuiti sul territorio e al contempo favorire la creazione di percorsi tematici. Bassa Bassa Medio Comuni, Comunità Montane, Associazione di categoria, Aziende private. Comuni, Associazioni di categoria, Aziende private. 8.A Creare un marchio di qualità del territorio per le produzioni agricole dell Umbria riconosciuto anche all estero. Bassa Medio Regioni, Provincia, Comuni, CIA Umbria, Aziende private, GAL. Declino del girasole prodotto tipico" umbro. Differenziazione negli usi finali della produzione del girasole. 9.A Creare nuovi mercati per il girasole legati sia al settore energetico (biodisel) che all industria farmaceutica. Bassa Medio/Lungo Industrie, CIA Umbria, Aziende private, Comunità Montane. Piano d Azione Ambientale d Area - AG21 Umbria 14

15 AGRICOLTURA E PRODOTTI LOCALI A CRITICITÀ OBIETTIVI AZIONI RILEVANZA PER I FORUM Umbria Alto Tevere Bassa diversificazione delle produzioni agricole locali. Promozione sul territorio di nuove attività agro-terziarie a basso impatto ambientale. 10.A Creare nuove filiere produttive incentrate su fibre vegetali, alberi da frutta, piante tintorie ed erbe officinali con la possibilità anche di individuare produzioni per il mercato energetico. Medio/Lungo Comuni, Associazioni di categoria, CIA Umbria. 11.A Studiare le trame e le tracce del paesaggio storico/agricolo al fine di predisporre azioni di conservazione e valorizzazione. - Medio/Lungo Regione, Provincia, Comuni, Comunità Montane, Corpo forestale dello stato, Università. Scarsa territoriale. identificazione Riconoscimento del territorio come elemento vitale e fondamentale. 12.A Adottare normative comunali che disciplinino in modo dettagliato le possibilità e i limiti d'uso del territorio (carrying capacity). Medio Comuni, Corpo forestale dello stato, Università. 13.A Riscoprire e valorizzare le produzioni antiche e tradizionali attraverso l'elaborazione di un Atlante delle produzioni tipiche e tradizionali. * - Produttori, Associazioni di categoria. * Questa Azione è in fase di attivazione Piano d Azione Ambientale d Area - AG21 Umbria 15

16 AGRICOLTURA E PRODOTTI LOCALI A CRITICITÀ OBIETTIVI AZIONI Scarsa attenzione all impatto sull ambiente provocato dall'agricoltura convenzionale. Mancanza di mano d opera giovanile e scarso ricambio generazionale in agricoltura e nell artigianato tradizionale. Sostituzione progressiva delle colture impattanti. Riportare i giovani ai mestieri tradizionali (promuovere l arte del fare). 14.A Sostenere la conversione delle colture impattanti attraverso il supporto alla stipula di accordi di cooperazione tra produttori e la promozione di consorzi. 15.A Redigere regolamenti per ridurre l abuso di prodotti chimici e adottare protocolli per disciplinare l attività di monitoraggio e controllo. 16.A Creare uno Sportello per l agricoltura biologica e la riconversione ecologica del territorio. 17.A Potenziare il ruolo della formazione e della scuola al fine di innalzare la consapevolezza nei giovani verso le problematiche ambientali, l appartenenza al territorio e la riscoperta dei mestieri tradizionali. RILEVANZA PER I FORUM Umbria Medio/ Bassa Medio/ Bassa Alto Tevere Lungo - Medio - Medio CIA Umbria. Comuni, CIA Umbria, ARPA, Società di consulenza. Regione, Provincia, Comuni, Produttori, Associazioni di categoria, Associazioni ambientaliste, APT. Regione Umbria (CRIDEA), Provincia Comuni, Istituti Scolastici, Ass. di categoria, Imprenditori. Mancanza di recupero in agricoltura della componente organica dei rifiuti. Creare una stretta connessione tra la raccolta differenziata della materia organica e l'agricoltura. 18.A Utilizzare il compost ottenuto tramite la raccolta differenziata come concime in agricoltura. Bassa Bassa Medio Aziende di servizi, Associazioni di categoria. * Questa Azione è in fase di attivazione Piano d Azione Ambientale d Area - AG21 Umbria 16

17 AGRICOLTURA E PRODOTTI LOCALI A INDIRIZZI DI SOSTENIBILITÀ - Agenda 21 capitolo 14 Promuovere forme di agricoltura sostenibile - Protocollo di Kyoto Art. 2 punto iii) Promozione di forme sostenibili di agricoltura, alla luce delle considerazioni relative ai cambiamenti climatici. - Dichiarazione di Cork, Irlanda 7/9 novembre 1996: Punto 1 Preferenza rurale Lo sviluppo rurale sostenibile deve essere collocato al primo posto dell'agenda dell'unione Europea, e deve diventare il principio fondamentale che sottende tutta la politica rurale nel futuro immediato e dopo l'ampliamento. Questo tende a invertire il fenomeno dell'emigrazione rurale, a combattere la povertà, stimolando l'occupazione e l'uguaglianza di opportunità, e rispondendo alla crescente domanda di maggiore qualità salute, sicurezza, crescita personale e tempo libero, e migliorando il benessere rurale. Punto 4 La sostenibilità Le politiche dovrebbero promuovere lo sviluppo rurale che sostiene la qualità e la bellezza dei paesaggi rurali europei (risorse naturali, biodiversità e identità culturale), in modo da evitare che il loro uso da parte delle generazioni attuali pregiudichi le opzioni per le generazioni future. Nelle nostre azioni locali dobbiamo essere consapevoli delle nostre responsabilità globali - Piano di sviluppo rurale per l'umbria Gli obiettivi globali previsti nel Piano sono: ammodernamento e sviluppo sostenibile del sistema produttivo; qualificazione e certificazione delle produzioni alimentari a garanzia del consumatore; sviluppo occupazione e occupabilità, prioritariamente giovanile; tutela e valorizzazione dell ambiente del territorio e della biodiversità; mantenimento dei livelli demografici nei territori rurali. - Piano urbanistico territoriale dell'umbria "un duplice sistema di obiettivi: da una parte, la valorizzazione del settore produttivo agricolo attraverso una maggiore qualificazione delle produzioni e, quindi, una più incisiva presenza del prodotto tipico umbro sul mercato; dall'altra, la tutela e la valorizzazione dell'ambiente rurale in termini di incentivazione agli investimenti in favore delle popolazioni locali, di promozione di attività integrative al reddito, di tutela dell'ambiente naturale in quanto risorsa di elevato valore economico da conservare e capitalizzare". Piano d Azione Ambientale d Area - AG21 Umbria 17

18 PRINCIPALI INDICATORI SELEZIONATI DAL FORUM AGRICOLTURA E PRODOTTI LOCALI INDICATORI - AGRICOLTURA E PRODOTTI LOCALI Ai Obiettivo Indicatore PSR 2 Periodo di riferimento Stato delle conoscenze Qualità del dato 1.Ai Reddito agricolo pro-capite S 2000 ISTAT 5 censimento generale dell'agricoltura Aspetti socio economici 2.Ai Livello formativo degli agricoltori S Ai Agricoltori: sesso e età S 2000 ISTAT 5 censimento generale dell'agricoltura 4.Ai Educazione agraria e di gestione dell'impresa R Ai Numero di aziende biologiche certificate secondo il Regolamento CEE 2092/91 R 2003 Organismi di certificazione del biologico ICEA; BAC; QCEI; SUOLO E SALUTE; ecc, Camera di Commercio Aspetti di qualità 6.Ai Numero dei prodotti tipici registrati R Ai Numero dei prodotti biologici e punti vendita R 2003 Coldiretti Umbria, CIA Confederazione italiana agricoltori Umbria Organismi di certificazione del biologico: ICEA; BAC; QCEI; SUOLO E SALUTE; ecc. 8.Ai % di alimenti biologici prodotti e % di quelli consumati localmente S 2003 Organismi di certificazione del biologico: ICEA; BAC; QCEI; SUOLO E SALUTE; ecc. 9.Ai Aziende agricole con allevamenti a ciclo chiuso R 2000 ISTAT 5 censimento generale dell'agricoltura Sostanze Risorse 10.Ai Quantità di fitofarmaci e concimi venduti P Ai Qualità delle acque superficiali S Reti di monitoraggio ARPA Umbria Piano d Azione Ambientale d Area - AG21 Umbria 18

19 ... Altri Indicatori selezionati dal Forum... INDICATORI - AGRICOLTURA E PRODOTTI LOCALI Ai Obiettivo Indicatore PSR Periodo di riferimento Stato delle conoscenze Aspetti territoriali 12.Ai SAU Superficie agricola utilizzata / Superficie territoriale S 2000 ISTAT 5 censimento generale dell'agricoltura 13.Ai Livello di conservazione del Paesaggio agricolo R --- Piani Regolatori Generali Aspetti socio economici 14.Ai Bio-diversità S 2000/2003 Corpo forestale, Comunità montane, Piani di gestione SIC 15.Ai Occupazione in agricoltura S 2000 ISTAT 5 censimento generale dell'agricoltura 16.Ai % dei finanziamenti a disposizione in rapporto a quelli effettivamente utilizzati Aspetti di qualità 17.Ai Patrimonio architettonico rurale S 2002/2003 Sostanze R Soprintendenza per i beni architettonici e per il paesaggio, per il patrimonio storico, artistico e demo etnoantropologico per l'umbria 18.Ai Uso dei fertilizzanti P Ai Uso dei pesticidi P Risorse 20.Ai Uso delle risorse P 2003 Ministero dell'ambiente: Comitato per la vigilanza e l'uso delle risorse idriche 21.Ai Superficie adibita a: agricoltura intensiva S 2000 ISTAT 5 censimento generale dell'agricoltura Paesaggio 22.Ai Superficie adibita a: agricoltura estensiva S 2000 ISTAT 5 censimento generale dell'agricoltura 23.Ai Superficie adibita a: agricoltura biologica S 2000 ISTAT 5 censimento generale dell'agricoltura Piano d Azione Ambientale d Area - AG21 Umbria 19

20 CRITICITÀ OBIETTIVI AZIONI Difficoltà di comunicazione sulle effettive prestazioni ambientale delle imprese presenti sul territorio. Aumento della capacità comunicativa delle imprese in materia ambientale. AMBIENTE E ATTIVITA' PRODUTTIVE 1.P Creare un info-point intercomunale incaricato di raccogliere e mettere a disposizione della cittadinanza informazioni sulla situazione ambientale del territorio e sui risultati del monitoraggio dell impatto delle attività produttive. 2.P Supportare la comunicazione ambientale delle imprese del territorio attraverso la predisposizione di un sito web e di una newsletters che fungano da interfaccia con la comunità locale. RILEVANZA PER IL FORUM Medio/ P Comuni, ARPA, Associazioni di settore, Mass. Comuni, ARPA, Associazioni di settore, Mass. 3.P Utilizzare lo sportello unico per le attività produttive per fornire alle imprese le informazioni utili al miglioramento delle loro prestazioni ambientali. Medio/, Confindustria, Società di consulenza ambientale. Difficoltà delle imprese medio piccole a superare i costi e ad affrontare la complessità delle procedure di certificazione ambientale Attivazione di servizi finalizzati a promuovere gestioni eco-compatibili nelle attività produttive. 4.P Incentivare e facilitare l accesso alle procedure di certificazione ambientale (EMAS e ISO 14000) delle PMI, anche da un punto di vista economico. 5.P Promuovere attività di formazione destinate a migliorare la capacità auto-diagnostica e di autogestione del personale interno delle piccole e medie imprese dei principali distretti o settori produttivi. Aziende private, Società di consulenza Aziende private, Società di consulenza. Bassa efficienza energetica e mancato recupero del surplus energetico dei processi produttivi. Attivazione di una politica energetica sostenibile, attraverso sinergie tra pubbliche amministrazioni e privati per assicurare un uso razionale dell energia e la promozione delle energie rinnovabili. 6.P Promuovere finanziamenti locali che favoriscano l uso delle energie rinnovabili, impianti solari, coogenerazione, uso del fotofoltaico in copertura, al fine di rendere sostenibile anche distretti energivori. 7.P Facilitare l accesso ai fondi di finanziamento nazionali e regionali nel campo energetico. Regione, Provincia, Comuni, Istituti di Credito. Regione, Provincia, Comuni, Istituti di Credito, Società di consulenza. Piano d Azione Ambientale d Area - AG21 Umbria 20

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020 PROGRAMMAZIONE 2014 2020 Valutazione Ambientale Strategica Programma Operativo Regionale FESR Programma di Sviluppo Rurale FEASR Forum Pubblico e prima Conferenza di Valutazione Il Programma di Sviluppo

Dettagli

PSR 2014-2020. Ruolo dei Comuni Bologna 10 Aprile 2015

PSR 2014-2020. Ruolo dei Comuni Bologna 10 Aprile 2015 PSR 2014-2020 Ruolo dei Comuni Bologna 10 Aprile 2015 RUOLO DEI COMUNI Ente pubblico: Comune, Ente gestore Macro aree, Provincia,... Comune: 1) Beneficiario diretto 2) Partner 3) Programmatore / facilitatore

Dettagli

area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE

area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE Tabella A. area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Consistente pendolarismo caratterizzato da uno scarso uso del mezzo pubblico (gli

Dettagli

!"" #""$%&! #'$ " # &%"!$! ' &!"" &$)#$*!"!# + $!# &'$!$"!#$"$

! #$%&! #'$  # &%!$! ' &! &$)#$*!!# + $!# &'$!$!#$$ !"" #""$%&! #'$ % ( " # &%"!$! ' &!"" &$)#$*!"!# + $!# &'$!$"!#$"$ L anno duemilasette il giorno trenta del mese di maggio nella sala Informalavoro del Comune di Busalla, TRA Il Presidente in rappresentanza

Dettagli

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 4 dicembre 2001 modificato dal CdS del 2 aprile 2004 e dal CdS del 24 giugno 2004 PARTE GENERALE... 3 LA STRATEGIA DEL DOCUP: DAGLI

Dettagli

L integrazione degli strumenti per la sostenibilità. Monica Bertuccioli U.O.A. Sviluppo Sostenibile Provincia di Rimini

L integrazione degli strumenti per la sostenibilità. Monica Bertuccioli U.O.A. Sviluppo Sostenibile Provincia di Rimini L integrazione degli strumenti per la sostenibilità Monica Bertuccioli U.O.A. Sviluppo Sostenibile Provincia di Rimini Sviluppo Sostenibile sviluppo che offre servizi ambientali, sociali ed economici di

Dettagli

Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità

Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità ECORICE e le prospettive future Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità Mario Perosino Regione Piemonte Direzione Agricoltura mario.perosino@regione.piemonte.it ECORICE e le prospettive

Dettagli

Agenda Locale COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE

Agenda Locale COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE Agenda Locale 21 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE INDICE PREMESSA 3 ENERGIA 4 IL PIANO D AZIONE: L ENERGIA 5 1. COMUNICAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE...

Dettagli

Turismo sostenibile. rielaborazione da fonti ENEA a cura di Ing. Elisa Poggiali Gruppo di Coordinamento Agenda 21 "Terre di Siena"

Turismo sostenibile. rielaborazione da fonti ENEA a cura di Ing. Elisa Poggiali Gruppo di Coordinamento Agenda 21 Terre di Siena Turismo sostenibile rielaborazione da fonti ENEA a cura di Ing. Elisa Poggiali Gruppo di Coordinamento Agenda 21 "Terre di Siena" LE CRITICITA' DI UNO SVILUPPO TURISTICO INSOSTENIBILE Le condizioni di

Dettagli

FASE PARTECIPATIVA. INTERVISTA Cittadini / Turisti / Studenti. L impegno verso un futuro sostenibile. Arch. Lea Quintavalle

FASE PARTECIPATIVA. INTERVISTA Cittadini / Turisti / Studenti. L impegno verso un futuro sostenibile. Arch. Lea Quintavalle Piano d azione per l energia sostenibile FASE PARTECIPATIVA INTERVISTA Cittadini / Turisti / Studenti Progettista Consulente R.U.P. Coordinamento Ing. Bartolomeo Sciannimanica Arch. Lea Quintavalle Arch.

Dettagli

2. Chi può presentare domanda Possono presentare domanda le imprese e le società che possiedono i seguenti requisiti:

2. Chi può presentare domanda Possono presentare domanda le imprese e le società che possiedono i seguenti requisiti: UTILIZZO della MISURA 311 del PSR MISURA 311 B ENERGIA - Azione 1 Sistemi Verdi e Biodiversita : Diversificazione delle attività agricole, realizzazione di attività con fonti di energia rinnovabili MISURA

Dettagli

Criticità ambientale. Opportunità di finanziamento. Risultato atteso. Obiettivo. Azioni Scadenze Stakeholders coinvolti

Criticità ambientale. Opportunità di finanziamento. Risultato atteso. Obiettivo. Azioni Scadenze Stakeholders coinvolti Criticità Obiettivo Risultato atteso Azioni Scadenze Stakeholders coinvolti Opportunità di finanziamento Mancanza di (Emas, Ecolabel, ISO14001) presso le strutture turistiche. Aumentare il numero di certificazioni

Dettagli

Struttura e scelte del nuovo PSR

Struttura e scelte del nuovo PSR Incontro tecnico Sostenibilità ambientale dell'azienda agricola di domani Le misure del nuovo PSR Venerdì 12 settembre 2014 Ore 9,45 Tecnopolo di Reggio Emilia Piazzale Europa, 1 - Reggio Emilia Struttura

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

Una laurea: Bah!!! 2/2. Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi. Ti laurei. Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai

Una laurea: Bah!!! 2/2. Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi. Ti laurei. Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai Una laurea: Bah!!! Ti laurei Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai Fonte: Rapporto Almalaurea sull occupazione Una laurea: Bah!!! 1/2 Ma,

Dettagli

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione Individuazione delle misure di conservazione per i siti protetti della Rete Natura 2000 Indicazioni sulla gestione degli habitat e delle specie

Dettagli

SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO E RISCHI INDUSTRIALI

SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO E RISCHI INDUSTRIALI SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO E RISCHI INDUSTRIALI VISTA la legge 8 luglio 1986, n. 349, che ha istituito il Ministero dell Ambiente e ne ha definito le funzioni; VISTA la legge 3 marzo 1987,

Dettagli

DISTRETTO NEORURALE DELLE TRE ACQUE DI MILANO Agricoltura, ambiente e turismo tra Villoresi, Ticino e Naviglio Pavese

DISTRETTO NEORURALE DELLE TRE ACQUE DI MILANO Agricoltura, ambiente e turismo tra Villoresi, Ticino e Naviglio Pavese DISTRETTO NEORURALE DELLE TRE ACQUE DI MILANO Agricoltura, ambiente e turismo tra Villoresi, Ticino e Naviglio Pavese Manifesto per l adesione delle aziende Il Distretto Neorurale delle tre acque di Milano

Dettagli

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Attuazione dell impostazione LEADER

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Attuazione dell impostazione LEADER UNIONE EUROPEA Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Regione Puglia Attuazione dell impostazione LEADER Cos è il GAL? Il Gruppo di Azione Locale (GAL) è un gruppo formato da soggetti

Dettagli

Programma amministrativo

Programma amministrativo Programma amministrativo AMBIENTE E SOSTENIBILITA Riduzione dei rifiuti: Redazione del Piano Comunale per la Riduzione della Produzione dei Rifiuti. Il Piano è uno strumento necessario per individuare

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato PSR: fra competitività e diversificazione Stella Caden Servizio Agricoltura - PAT Trento, 6 marzo 2014 Fasi principali della Programmazione

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato Costruiamo la strategia: dall analisi di contesto ai fabbisogni Luca Cesaro INEA Trentino Alto Adige Trento, 6 marzo 2014 Fasi di

Dettagli

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI 8. SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE

Dettagli

Comune di Arluno. 21 Progetti

Comune di Arluno. 21 Progetti Comune di Arluno 21 Progetti Scheda di progetto 1/21 Tecnico settori urbanistica ed ecologia Piano regolatore generale con supervisione del PTCP e della VAS Tempi del progetto L intera comunità Il nuovo

Dettagli

Lo Sviluppo Rurale in Abruzzo nel 2014-2020

Lo Sviluppo Rurale in Abruzzo nel 2014-2020 Incontro con il Partenariato Lo Sviluppo Rurale in Abruzzo nel 2014-2020 Dall analisi alla costruzione della strategia Emanuele Blasi e Barbara Pancino Università degli Studi della Tuscia Viterbo Venerdì

Dettagli

BASE PROGRAMMATICA DELLA COALIZIONE PER IL RINNOVAMENTO DEL COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI 2015-2020

BASE PROGRAMMATICA DELLA COALIZIONE PER IL RINNOVAMENTO DEL COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI 2015-2020 ELEZIONI COMUNALI DI CIVIDALE DEL FRIULI DOMENICA 31 MAGGIO 2015 Candidato Sindaco: MASSIMO MARTINA Liste a sostegno: Partito Democratico Cittadini per Massimo Martina Sindaco Alternativa Libera Cividale

Dettagli

Sviluppo del territorio e dell economia locale

Sviluppo del territorio e dell economia locale ASSESSORATO ALLE POLITICHE AMBIENTALI Settore Punti di forza Punti di debolezza Rischi Opportunità Sviluppo del territorio e dell economia locale Buoni livelli di qualità della vita a livello socio-economico,

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010. DOMODOSSOLA 18 settembre 2015

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010. DOMODOSSOLA 18 settembre 2015 Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010 MISURA 19 CLLD LEADER LA SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO DOMODOSSOLA 18 settembre 2015 1 Piemonte PROGRAMMAZIONE 2007-2013 PSR 2007-2013 ASSE IV LEADER 13 GRUPPI

Dettagli

5.3.3.1.1 MISURA 311 Diversificazione verso attività non agricole

5.3.3.1.1 MISURA 311 Diversificazione verso attività non agricole 5.3.3.1 MISURE INTESE A DIVERSIFICARE L ECONOMIA RURALE 5.3.3.1.1 MISURA 311 Diversificazione verso attività non agricole Riferimenti normativi Articolo 53 del Regolamento CE n.1698/05. Articolo 35 del

Dettagli

GRUPPO AZIONE LOCALE BASSO TIRRENO COSENTINO Programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria 2007-2013 PSR 2007-2013 - ASSE 4 APPROCCIO LEADER

GRUPPO AZIONE LOCALE BASSO TIRRENO COSENTINO Programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria 2007-2013 PSR 2007-2013 - ASSE 4 APPROCCIO LEADER GRUPPO AZIONE LOCALE BASSO TIRRENO COSENTINO PSR 2007-2013 - ASSE 4 APPROCCIO LEADER Programma di Sviluppo Locale BASSO TIRRENO COSENTINO SCHEDA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA PRESENTAZIONE DI PROGETTI

Dettagli

il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR)

il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) Le priorità e le sfide da affrontare nella programmazione 2014-2020: il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) Claudio Sacchetto Assessore all Agricoltura e foreste e alla caccia e pesca

Dettagli

Agenda 21 Locale Casamarciano Sostenibile

Agenda 21 Locale Casamarciano Sostenibile . Comune di Casamarciano Regione Campania Agenda 21 Locale Casamarciano Sostenibile Questionario conoscitivo ed analisi percettiva della qualità dell ambiente e della situazione socio-economica nel Comune

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE Area Imprese Padova PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER IL VENETO 2007-2013 Obiettivi, strategie ed interventi 2013 Misura 112 Insediamento di giovani agricoltori e Pacchetto Giovani Il Pacchetto giovani

Dettagli

COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE

COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Commissione Europea Regione Puglia COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

Allegato C Classificazione dei settori di intervento

Allegato C Classificazione dei settori di intervento Allegato C Classificazione dei settori di intervento L'accluso elenco dei campi d'intervento dei Fondi strutturali, compilato ai sensi dell'articolo 36 della proposta di regolamento generale, intende fornire

Dettagli

2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato

2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato 2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato La VAS prevede l avvio di un sistema di monitoraggio dei caratteri territoriali. Obiettivo del monitoraggio è assicurare il controllo sugli impatti significativi

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

PROVINCIA DI KYOTO LE 7 SFIDE DELLA PROVINCIA DI ROMA

PROVINCIA DI KYOTO LE 7 SFIDE DELLA PROVINCIA DI ROMA PROVINCIA DI KYOTO LE 7 SFIDE DELLA PROVINCIA DI ROMA Il Piano d azione Provincia di Kyoto mette a sistema investimenti per oltre 400 milioni di euro sulle grandi reti della sostenibilità ambientale. Una

Dettagli

FEASR SVILUPPO RURALE 2014-2020. dott. agr. Filippo Sbuelz Venerdì 3.10.2014 Sede EnAIP Gorizia Via del Boschetto, 37

FEASR SVILUPPO RURALE 2014-2020. dott. agr. Filippo Sbuelz Venerdì 3.10.2014 Sede EnAIP Gorizia Via del Boschetto, 37 FEASR SVILUPPO RURALE 2014-2020 dott. agr. Filippo Sbuelz Venerdì 3.10.2014 Sede EnAIP Gorizia Via del Boschetto, 37 1) DOTAZIONE FINANZIARIA UE 95,3 MILIARDI EURO Italia 10,4 MILIARDI EURO + cofinanziamento

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

Andando Verso il Nuovo. Piano di Sviluppo Rurale della Toscana 2014 2020.

Andando Verso il Nuovo. Piano di Sviluppo Rurale della Toscana 2014 2020. Andando Verso il Nuovo Piano di Sviluppo Rurale della Toscana 2014 2020. Report - Attività Professionale Periodo di Spesa 2007 2013. Fondo F.E.A.S.R. Codice Fiscale e P.IVA 02035130513 - Via C. Concini

Dettagli

PSR 2014-2020. La Struttura e i contenuti del futuro programma. Bologna - luglio 2014

PSR 2014-2020. La Struttura e i contenuti del futuro programma. Bologna - luglio 2014 PSR 2014-2020 La Struttura e i contenuti del futuro programma Bologna - luglio 2014 IL QUADRO DI RIFERIMENTO Europa 2020: linee guida generali Quadro Strategico Nazionale (QSC), Position Paper, e l Accordo

Dettagli

La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013

La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013 La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013 Luigi Servadei Ministero Luogo e delle datapolitiche Agricole, D.G. Sviluppo Rurale Rete

Dettagli

MANUALE DEL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE ALLEGATO 13

MANUALE DEL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE ALLEGATO 13 Data: 7/12/2012 Ora e luogo: 14.30 - Comune VALUTAZIONI SUGLI ELEMENTI DEL SGA ANALIZZATI Evoluzione occorsa dalla precedente riunione relativamente allo scenario ambientale, alle attività dell organizzazione

Dettagli

COMUNE DI NIBIONNO. VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA Sistema di monitoraggio. Provincia di Lecco PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO

COMUNE DI NIBIONNO. VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA Sistema di monitoraggio. Provincia di Lecco PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO COMUNE DI NIBION PIA DI GOVER DEL TERRITORIO Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12 Elaborati riportanti in rosso le integrazioni e le modifiche apportate a seguito delle proposte di controdeduzione VALUTAZIONE

Dettagli

Master progettazione urbana sostenibile. L'organizzazione dell'impresa e del progetto Coopcasa a Brescia

Master progettazione urbana sostenibile. L'organizzazione dell'impresa e del progetto Coopcasa a Brescia Master progettazione urbana sostenibile L'organizzazione dell'impresa e del progetto Coopcasa a Brescia - Cooperativa e sostenibilità - Risorse umane e Coop casa Brescia Il bilancio sociale e il processo

Dettagli

GAL IL GAL PRESENTA I BANDI DELLE MISURE 311, 312, 313

GAL IL GAL PRESENTA I BANDI DELLE MISURE 311, 312, 313 GAL IL GAL PRESENTA I BANDI DELLE MISURE 311, 312, 313 BANDO MISURA 311 Diversificazione in attività non agricole La misura 413. 311 viene attivata per favorire la permanenza delle attività agricole laddove

Dettagli

Dati ambientali nelle città

Dati ambientali nelle città Dati ambientali nelle città A.Ferruzza I numeri che non ti aspetti. La funzione statistica dei comuni tra riforma e qualità dei servizi, Messina 26-27 settembre 2013 Dati ambientali nelle città: fabbisogni

Dettagli

I risultati del primo Piano Triennale di attuazione del PER

I risultati del primo Piano Triennale di attuazione del PER I risultati del primo Piano Triennale di attuazione del PER LA POLITICA ENERGETICA DELLA REGIONE La Regione Emilia-Romagna (in attuazione del nuovo art. 117 della Costituzione che definisce l energia materia

Dettagli

Piano Operativo di Animazione

Piano Operativo di Animazione ALLEGATO A Direzione Regionale Risorsa Umbria. Federalismo, Risorse Finanziarie Umane e Strumentali Piano Operativo di Animazione POR FESR 2007-2013 - ASSE III Efficienza Energetica e Sviluppo delle Fonti

Dettagli

Progettazione e realizzazione di laboratori per l innovazione e la sperimentazione INFEA. Dati generali

Progettazione e realizzazione di laboratori per l innovazione e la sperimentazione INFEA. Dati generali SCHEDA DI PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori per l innovazione e la sperimentazione INFEA Dati generali 1 Denominazione CEA capofila: Ente titolare: Indirizzo: Telefono:

Dettagli

AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA

AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA Area tematica: AMBIENTE URBANO Indice documento 1 Area tematica ambiente urbano: individuazione delle sessioni di lavoro 3 Richiesta prime indagine a campione sul

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Il PSR 2014-2020 della Toscana

Il PSR 2014-2020 della Toscana Il PSR 2014-2020 della Toscana Roberto Pagni Regione Toscana Conferenza: Le opportunità offerte dalla nuova programmazione dei PSR per lo sviluppo sostenibile delle aree rurali, IFOA-AIAB Perugia, 21 novembre

Dettagli

STILI DI VITA COSA SONO?

STILI DI VITA COSA SONO? STILI DI VITA COSA SONO? PICCOLE AZIONI PER GRANDI CAMBIAMENTI guardare le cose da un altro punto di vista incentivare una economia pensare a cosa solidale ci rende veramente felici rispettare l ambiente

Dettagli

La Valle. Progetto LIFE 04 EN/IT/000494 AGEMAS

La Valle. Progetto LIFE 04 EN/IT/000494 AGEMAS Comune di Feltre Comune di Pedavena Comune di Comune di Belluno Ponte nelle Alpi Comune di La Valle Progetto LIFE 04 EN/IT/000494 AGEMAS Integrazione di Agenda 21 ed EMAS in un ambito rurale e naturalistico

Dettagli

Il Piano della Provincia di Modena : prime indicazioni

Il Piano della Provincia di Modena : prime indicazioni Provincia di Modena Assessorato Ambiente e Sviluppo Sostenibile Il Piano della Provincia di Modena : prime indicazioni Verso il Piano di Risanamento della qualità dell aria Modena, 21 febbraio 2006 Sviluppo

Dettagli

Programma Assessori di riferimento Dirigenti di riferimento Motivazione delle scelte e finalità da conseguire

Programma Assessori di riferimento Dirigenti di riferimento Motivazione delle scelte e finalità da conseguire Programma 3 - Politiche per la sostenibilità Assessori di riferimento Guerrieri Guido, Cameliani Massimo Dirigenti di riferimento Vistoli Angela Motivazione delle scelte e finalità da conseguire Da tempo

Dettagli

CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE

CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE TECNICHE DI FACILITAZIONE APPLICATE AI PROCESSI DI ADESIONE A CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE Giuseppe Dodaro 14 maggio 2013 A COSA

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

FONDO EUROPEO AGRICOLO PER LO SVILUPPO RURALE (FEASR) PROGRAMMAZIONE 2014-2020. Consultazione online del partenariato - Le sottomisure del PSR

FONDO EUROPEO AGRICOLO PER LO SVILUPPO RURALE (FEASR) PROGRAMMAZIONE 2014-2020. Consultazione online del partenariato - Le sottomisure del PSR FONDO EUROPEO AGRICOLO PER LO SVILUPPO RURALE (FEASR) PROGRAMMAZIONE 2014-2020 Consultazione online del partenariato - Le sottomisure del PSR Indice dei contenuti 1. Premessa 2. Prima fase del percorso

Dettagli

ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI

ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI prof. ing. Politecnico di Torino - Dipartimento di Energetica - Gruppo di Ricerca TEBE Legislazione

Dettagli

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O Q U E S T I O N A R I O C O N O S C I T I V O P A R T E C I P A Z I O N E

Dettagli

- 20 % Emissioni di Gas serra 20 % La nuova pianificazione regionale. Consumi di energia primaria. Energia da Fonti Rinnovabili

- 20 % Emissioni di Gas serra 20 % La nuova pianificazione regionale. Consumi di energia primaria. Energia da Fonti Rinnovabili ALBA AUDITORIUM FONDAZIONE FERRERO IL RUOLO DEGLI ENTI LOCALI NEL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DEL PIANO 20/20/20 Agostino Ghiglia Assessore all energia La nuova pianificazione regionale Nel dicembre

Dettagli

Spunti emergenti dall esperienza ARPA Piemonte

Spunti emergenti dall esperienza ARPA Piemonte Convegno MONITORAGGIO, INFORMAZIONE E CONTROLLI AMBIENTALI PER LO SVILUPPO DELLA GREEN ECONOMY Roma, 23 novembre 2010 Spunti emergenti dall esperienza ARPA Piemonte Ing. Silvano Ravera Direttore Generale

Dettagli

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale BENVENUTO! In questo viaggio attraverso la Lombardia che si prepara ad Expo, potrai scoprire molte cose che forse ancora non sai della tua regione e della

Dettagli

E un'iniziativa sottoscritta dai Comuni europei che si impegnano a contribuire agli obiettivi della politica energetica comunitaria.

E un'iniziativa sottoscritta dai Comuni europei che si impegnano a contribuire agli obiettivi della politica energetica comunitaria. COS E IL PATTO DEI SINDACI? E un'iniziativa sottoscritta dai Comuni pei che si impegnano a contribuire agli obiettivi della politica energetica comunitaria. La ratifica del Patto impegna i Comuni a: Ridurre

Dettagli

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE ROMA UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE Relatore: Claudio Destro - Presidente Confagricoltura di Roma I nuovi orizzonti dell agricoltura multifunzionale di Roma Milano, 6 settembre 2015 Evoluzioni

Dettagli

La politica energetica della Provincia di Torino

La politica energetica della Provincia di Torino La politica energetica della Provincia di Torino il Programma Energetico Provinciale Sommario: La politica energetica provinciale: il quadro delle competenze Il percorso seguito nella definizione del Programma

Dettagli

5.3.3.1.1 Misura 311 - Diversificazione in attività non agricole. Diversificazione in attività non agricole. Codice di Misura 311

5.3.3.1.1 Misura 311 - Diversificazione in attività non agricole. Diversificazione in attività non agricole. Codice di Misura 311 5.3.3.1.1 Misura 311 - Diversificazione in attività non agricole Misura Diversificazione in attività non agricole Codice di Misura 311 Reg CE 1698/05 art. 52, lettera a) punto i); art. 53 Orientamenti

Dettagli

Strumenti per l attuazione delle Reti Ecologiche nella pianificazione regionale piemontese

Strumenti per l attuazione delle Reti Ecologiche nella pianificazione regionale piemontese Direzione Programmazione Strategica, Politiche Territoriali ed Edilizia Settore Pianificazione territoriale e paesaggistica WORKSHOP Strumenti per la realizzazione delle Reti Ecologiche: dalla pianificazione

Dettagli

Il CENTRO NAZIONALE per la PROMOZIONE delle FONTI RINNOVABILI di LEGAMBIENTE

Il CENTRO NAZIONALE per la PROMOZIONE delle FONTI RINNOVABILI di LEGAMBIENTE Il CENTRO NAZIONALE per la PROMOZIONE delle FONTI RINNOVABILI di LEGAMBIENTE 1 - IL CENTRO Il Centro Nazionale per la Promozione delle Fonti Energetiche Rinnovabili di Legambiente è nato nel 2004 con il

Dettagli

SULLE ATTIVITÀ DEL FORUM PRIMA RIUNIONE DEL FORUM - 26/01/2007 SECONDA RIUNIONE DEL FORUM - 23/02/2007 AVVIO DEI TAVOLI DI LAVORO MARZO 2007

SULLE ATTIVITÀ DEL FORUM PRIMA RIUNIONE DEL FORUM - 26/01/2007 SECONDA RIUNIONE DEL FORUM - 23/02/2007 AVVIO DEI TAVOLI DI LAVORO MARZO 2007 IL PUNTO SULLE ATTIVITÀ DEL FORUM PRIMA RIUNIONE DEL FORUM - 26/01/2007 SECONDA RIUNIONE DEL FORUM - 23/02/2007 AVVIO DEI TAVOLI DI LAVORO MARZO 2007 a cura di: Ivano Colombo e Raul Dal Santo IRIS Progetto

Dettagli

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio CoMoDo. Comunicare Moltiplica Doveri (art direction, grafica, fotografia Marco Tortoioli Ricci) Provincia di Terni in collaborazione con i Comuni della provincia Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21

Dettagli

L applicazione del Modello di Area Industriale Sostenibile (SIAM), il caso di studio dell area industriale di Molfetta (Ba)

L applicazione del Modello di Area Industriale Sostenibile (SIAM), il caso di studio dell area industriale di Molfetta (Ba) L applicazione del Modello di Area Industriale Sostenibile (SIAM), il caso di studio dell area industriale di Molfetta (Ba) Antonella Lomoro alomoro@eco-logicasrl.it, Patrizia Milano, Massimo Guido; Claudia

Dettagli

AGRI.LA. AGRICOLTURE AND LANDSCAPE (Audiovisivo)

AGRI.LA. AGRICOLTURE AND LANDSCAPE (Audiovisivo) Progetto Europeo AGRI.LA: Agricolture and Landscape sostegno a favore delle azioni d informazione sulla Politica Agricola Comune ai sensi del reg. CE n. 814/2000 del Consiglio del 17/04/2004. Progetto

Dettagli

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs.

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale Articolo 15, comma 1, d.lgs. 152/2006 Valutazione ambientale strategica del Piano regionale di miglioramento della

Dettagli

Il Piano di Sviluppo Rurale 2014 2020 per il miglioramento dei boschi

Il Piano di Sviluppo Rurale 2014 2020 per il miglioramento dei boschi Franco Licini Direzione opere pubbliche, difesa del suolo, economia montana e foreste Il Piano di Sviluppo Rurale 2014 2020 per il miglioramento dei boschi IL VALORE DEL BOSCO PER IL PAESAGGIO Giovedì

Dettagli

Tavoli tematici. Contributo. 2. Riferimento del contributo al tavolo tematico. Tavolo tematico sala 1 Contributo* sala 2 Contributo*

Tavoli tematici. Contributo. 2. Riferimento del contributo al tavolo tematico. Tavolo tematico sala 1 Contributo* sala 2 Contributo* VERSO LA STRATEGIA REGIONALE DELL INNOVAZIONE 2014-2020 Tavoli tematici Contributo 1 1. Dati proponente contributo Nome Cognome Ente/organizzazione di appartenenza UNIVERSITA DI PALERMO Telefono E_mail

Dettagli

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro Standard materiali di vita/ Benessere economico Salute/ Salute attivita' in collaborazione con i Comuni nel settore economico, produttivo, commerciale e turistico Servizi sanitari, di igiene e profilassi

Dettagli

ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: COME RACCOGLIERE LA SFIDA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO SINTESI DELL INTERVENTO

ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: COME RACCOGLIERE LA SFIDA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO SINTESI DELL INTERVENTO ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: COME RACCOGLIERE LA SFIDA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici Roma, 12-13 settembre 2007 SINTESI DELL INTERVENTO ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA:

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Ruolo dei comuni nell applicazione della legislazione energetica edilizia

Ruolo dei comuni nell applicazione della legislazione energetica edilizia 1 Ruolo dei comuni nell applicazione della legislazione energetica edilizia 2 Ruolo dei comuni REGOLAMENTAZIONE CONTROLLO - Redazione allegati energetico-ambientali ai regolamenti edilizi - Accertamenti

Dettagli

Esperienze dell Ufficio Mobilità Sostenibile della Provincia di Treviso. CREA, Fiera Verona 23-25 ottobre 2007

Esperienze dell Ufficio Mobilità Sostenibile della Provincia di Treviso. CREA, Fiera Verona 23-25 ottobre 2007 Esperienze dell Ufficio Mobilità Sostenibile della Provincia di Treviso CREA, Fiera Verona 23-25 ottobre 2007 In Italia la politica del mobility management fa riferimento al Decreto sulla mobilità sostenibile

Dettagli

Protocollo di valutazione a scala urbana

Protocollo di valutazione a scala urbana Protocollo di valutazione a scala urbana Andrea Moro CONTESTO DI RIFERIMENTO Enti pubblici attori fondamentali nella promozione dell edilizia sostenibile Necessità di strumenti di valutazione/rating a

Dettagli

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA Agenda di Bologna 27 gennaio 2012 1. L area Padano-Alpino-Marittima è caratterizzata da una notevole varietà

Dettagli

Aree Industriali nella Provincia di Ancona: Qualità Ambientale, Certificazione EMAS e. Codice Etico

Aree Industriali nella Provincia di Ancona: Qualità Ambientale, Certificazione EMAS e. Codice Etico Relazione Dott. Ing. Giacomo GIACOMINI Responsabile del Sistema di Gestione Ambientale Aree Industriali nella Provincia di Ancona: Qualità Ambientale, Certificazione EMAS e Codice Etico fiera di Rimini,

Dettagli

VADEMECUM CONSUMO SOSTENIBILE

VADEMECUM CONSUMO SOSTENIBILE VADEMECUM CONSUMO SOSTENIBILE INDICE PREMESSA I PRODOTTI ALIMENTARI PRODOTTI BIOLOGICI PRODOTTI LOCALI BENI DI CONSUMO 2 PREMESSA Ogni giorno, tutti noi consumiamo una quantità di prodotti per soddisfare

Dettagli

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Dimensione/dominio Funzioni Piano strategico Tema Descrizione Standard materiali di vita (reddito,consumi,ricchezz

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

FORUM PA 2007. Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente. Arch. Giovanna Rossi

FORUM PA 2007. Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente. Arch. Giovanna Rossi FORUM PA 2007 Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente Arch. Giovanna Rossi Roma maggio 2007 Riduzione delle emissioni inquinanti che derivano dai trasporti

Dettagli

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Laura Pedriali Settore Cooperazione transfrontaliera e programmazione integrata

Dettagli

CARTA DI LIPSIA sulle città europee sostenibili

CARTA DI LIPSIA sulle città europee sostenibili CARTA DI LIPSIA sulle città europee sostenibili adottata in occasione della riunione informale dei ministri per lo Sviluppo urbano e la coesione territoriale tenutasi a Lipsia il 24 e 25 maggio 2007 PREAMBOLO

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Altopascio 21.01.2011 PIANO PLURIENNALE ECONOMICO-SOCIALE della R.N.P. LAGO DI SIBOLLA

Altopascio 21.01.2011 PIANO PLURIENNALE ECONOMICO-SOCIALE della R.N.P. LAGO DI SIBOLLA Riserva Naturale Provinciale Lago di Sibolla Altopascio 21.01.2011 CHE COSA E IL PPSE? l. n. 394/ 91 legge quadro sulle aree protette ha la finalità di promuovere e sostenere iniziative atte a favorire

Dettagli

Franciacorta sostenibile/2 IL MONITORAGGIO NEL PERCORSO DELLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PGT

Franciacorta sostenibile/2 IL MONITORAGGIO NEL PERCORSO DELLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PGT Franciacorta sostenibile/2 Un progetto condiviso di monitoraggio IL MONITORAGGIO NEL PERCORSO DELLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PGT Iseo, venerdì 12 dicembre 2008 Maurizio Tira, ordinario di

Dettagli