Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Progettazione e Sviluppo di un Servizio Web per la gestione del patrimonio multimediale del Comune di Cento Tesi di Laurea di: Daniele Vaccari Relatore: Chiar.mo Prof. Ing. Cesare Stefanelli Anno Accademico: 2006/2007

2

3 INDICE 1. Introduzione 1 2. Progetto Inventario Servizio Sistemi Informativi Obbiettivi del progetto La situazione preesistente Descrizione del servizio, specifiche e requisiti Accessibilità Progettazione del servizio Progetto e struttura della base dati Sistema di autenticazione Livelli di autorizzazione Struttura delle pagine web Progetto del layout Tecnologie utilizzate Apache (Web Server) Microsoft SQL Server (DBMS) Microsoft Active Directory XHTML CSS PHP (scripting server-side) Javascript (scripting client-side) Realizzazione della nuova applicazione Struttura dei dati Sistema d autenticazione e assegnazione diritti d accesso Architettura del File System Struttura dell applicazione Manuale d uso Ricerca oggetti Inserimento di un oggetto 50 1

4 4.5.3 Associazione attributi e categorie Impostazioni applicazione Assegnazione permessi Dismissione oggetti Accessibilità e stampa Test del servizio Conclusioni Riferimenti e bibliografia 65 2

5 Introduzione Negli ultimi anni Internet ha conosciuto una crescita esponenziale, in termini di utilizzatori e di maturità. Se all origine basava il suo funzionamento esclusivamente su elementi statici ora è un complesso molto più dinamico, potente e ricco di servizi; per fare un esempio immediato, si pensi ai molti portali disseminati per la Rete che offrono al visitatore informazioni e, appunto, servizi di vario genere o applicativi web (es. Web mail, blog). Un applicativo Web è un applicazione per Internet, a cui gli utenti accedono tramite un Web Browser, cioè un programma in grado di interpretare il codice HTML (e più recentemente XHTML) e visualizzarlo in forma di ipertesto, consentendo perciò la navigazione nel Web. Le pagine visualizzate dal browser sono generate in modo statico o dinamico a seconda della tipologia della risorsa che si va a visualizzare: tipicamente, per le applicazioni web, tale generazione avviene in modo dinamico. Il modello Client-Server, utilizzato dalla maggior parte delle applicazioni Web, permette a un qualsiasi Client (Web Browser) di effettuare una richiesta al Server, il quale ha il compito di gestire accessi simultanei a risorse condivise (come le basi di dati) e fornire risposte al Client. L applicazione web costituisce un modello che permette di portare i dati da un basso livello di astrazione, strutturati nel database, a un livello di astrazione più alto, comprensibile dagli utenti. Il Comune di Cento è uno dei più informatizzati d Italia ed è all avanguardia nell erogazione di servizi informatici. Dal suo portale è possibile accedere a molti servizi che di tanto in tanto vengono ampliati e arricchiti. È questo il caso de Inventario S.S.I., un applicazione web realizzata nella cornice di un tirocinio formativo universitario, svolto presso il Servizio Sistemi Informativi (SSI) del Comune di Cento che si occupa della gestione e amministrazione hardware e software della rete civica, dell amministrazione della intranet comunale, del portale del Comune, della gestione e realizzazione di servizi on-line e siti Web strettamente collegati al Comune. La scelta di realizzare il servizio Inventario S.S.I. attraverso un applicazione Web è stata fatta considerando la facilità con cui al giorno d oggi è possibile fruire di una 3

6 risorsa presente sul web, in quanto i requisiti (un elaboratore, un web browser e una connessione a Internet) sono alla portata di un bacino d utenza molto corposo e sempre più attento e capace di sfruttare la vasta gamma di tecnologie pensate per realizzare e accedere a contenuti web. Queste tecnologie facilitano da una parte il lavoro dello sviluppatore che, una volta impostata l architettura delle stesse, mantenendo separati contenuti e presentazione, può modificare indipendentemente l una o l altra; dall altra gli utenti del servizio implementato che, attraverso l interfaccia web, possono interrogare le base di dati e, in funzione dei risultati ottenuti, accedere alle informazioni richieste. Il servizio Inventario S.S.I. permette la gestione del patrimonio multimediale del Comune di Cento, cioè consente di catalogare tutti gli oggetti appartenenti al mondo dell informatica e dell elettronica di proprietà comunale. La differenza sostanziale tra l inventario generale del Comune e quello che si è realizzato risiede nella possibilità di catalogazione per categoria offerta da quest ultimo. Nella realizzazione del progetto si è cercato di prediligere una modularità degli elementi, cercando di creare dove possibile delle astrazioni che permettano all applicazione di funzionare indipendentemente dalle piattaforme sottostanti. Un importante requisito non funzionale riguarda l adeguamento dell applicazione a quelli che sono gli standard di accessibilità e usabilità previsti per le applicazioni Web utilizzate dalle Pubbliche Amministrazioni. In riferimento a questo punto si è cercato di privilegiare una struttura semplice e al tempo stesso efficace e un layout intuibile, accessibile anche a persone ipovedenti o diversamente abili, e il più possibile conforme a quello già utilizzato da applicazioni relative ad altri servizi, per facilitare l utilizzo dell applicazione stessa da parte di cittadini e dipendenti comunali. La progettazione del servizio è stata preceduta da una fase iniziale di interviste e colloqui, in cui sono state raccolte le specifiche e i requisiti che il servizio doveva rispettare, come ad esempio la necessità di mantenere la base dati esistente, vista la mole di dati contenuti in essa. 4

7 La prima operazione della fase di progettazione è stata quindi l analisi e la modifica della base dati, aggiungendo alle tabelle esistenti gli attributi essenziali e creando le tabelle necessarie per le nuove funzionalità dell applicazione. Il servizio sviluppato prevede un sistema d autenticazione, grazie al quale è possibile assegnare a ogni utente degli specifici diritti d accesso, grazie ai quali l applicazione consente all utente di fruire di certe funzionalità rispetto ad altre. L applicazione consente a tutti i livelli d autorizzazione di navigare all interno dell archivio, di effettuare ricerche secondo alcuni parametri quali categoria, locazione e attributo/caratteristica e di visualizzare delle statistiche di tipo generale sull archivio. La parte d amministrazione del servizio consente di gestire le categorie d oggetto, gli attributi che caratterizzano gli oggetti e l associazione fra questi. Anche l inserimento di un nuovo oggetto nell archivio è riservato agli utenti con diritti d amministratore, i quali possono anche modificarlo, dismetterlo e successivamente eliminarlo dall archivio. La dismissione infatti, non comporta l eliminazione dell oggetto, ma il trasferimento dello stesso dall archivio degli oggetti attivi a uno parallelo degli oggetti dismessi. La navigazione dell archivio degli oggetti dismessi è consentito soltanto agli amministratori del servizio, i quali possono usufruire anche di uno strumento di ricerca che ricalca quello dell inventario degli oggetti attivi, ma che offre anche altre possibilità di ricerca quali la data e la motivazione della dismissione. 5

8 6

9 2. Progetto Inventario Servizio Sistemi Informativi In questo capitolo viene presentato il progetto Inventario Servizio Sistemi Informativi, unitamente a quelli che sono i suoi obiettivi, la situazione preesistente e il passaggio dall applicazione precedente a quella attuale. Il processo che ha portato alla creazione dell applicativo, è stato diviso in tre fasi: progettazione; sviluppo; test. La fase iniziale di progettazione ha previsto un attenta analisi di quella che era la situazione in cui ci si trovava, valutando debolezze e mancanze dell applicazione utilizzata fino a quel momento e cercando di individuare le caratteristiche che avrebbe dovuto avere la nuova applicazione per poter sopperire a tali carenze e aggiungere nuove funzionalità. A tale scopo è stato organizzato un incontro con i committenti del lavoro, nonché utilizzatori del servizio, per raccogliere richieste, pareri e consigli su come dovesse essere l applicativo che si stava andando a sviluppare. Durante la fase di sviluppo successiva, per rendere l applicazione il più possibile attinente alle specifiche dei committenti sono stati pianificati altri momenti d incontro, per il sorgere di problematiche o per l introduzione di nuove funzionalità non considerate in precedenza. L ultima fase del progetto è stata quella di test, per verificare la stabilità e la sicurezza dell applicativo appena realizzato, nonché la resa su alcuni PC con caratteristiche differenti, per assicurarsi del pieno rispetto degli standard e dei criteri di accessibilità appositamente studiati per non ostacolare la reperibilità delle informazioni ai cittadini Obiettivi del progetto Il comune di Cento, come altri enti pubblici o aziende private, dispone di un inventario generale degli oggetti di proprietà comunale, censiti in esso senza compiere nessuna distinzione in base alla natura dell oggetto. 7

10 Parallelo a questo inventario, alcuni uffici comunali ne hanno istituito un altro che raccogliesse soltanto i dati relativi agli oggetti multimediali in uso presso la sede comunale, le delegazioni oppure nel territorio comunale. Per multimediali il comune intende tutti quegli oggetti appartenenti al mondo dell elettronica e dell informatica (es. stampanti, fax, PC), con eccezione per i dipendenti comunali, raccolti anch essi in quest inventario per identificare gli utilizzatori dei dispositivi censiti. Il progetto Inventario S.S.I. prevede lo sviluppo di un applicativo Web per la consultazione e gestione dell archivio del patrimonio multimediale. La concezione classica di archivio è quella di una lista d oggetti, identificati da un numero progressivo, indipendentemente dalla natura e le caratteristiche dell oggetto, mentre quest archivio basato sulla tipologia dell oggetto, deve essere dinamico, flessibile e permettere di seguire lo sviluppo tecnologico che, soprattutto nel mondo dell elettronica e dell informatica, è rapido e frenetico. L applicazione deve quindi fornire gli strumenti necessari per rendere l archivio atto ad accogliere oggetti di natura differente, frutto di sviluppi tecnologici non considerati durante la fase di progetto La situazione preesistente Il Comune di Cento, e più precisamente gli uffici: Servizio Sistemi Informativi (S.S.I.) e Servizio Informativo Territoriale (S.I.T.), si servivano di un servizio per la gestione del patrimonio multimediale, progettato a suo tempo, come applicazione integrante per ArcReader [ArcReader]. ArcReader è un software gratuito che permette la visualizzazione di mappe e piante di edifici, in questo caso degli immobili comunali distribuiti su tutto il territorio comunale, identificando con diverse icone i differenti tipi d oggetti, posizionati sulle planimetrie attraverso l assegnazione di coordinate cartesiane. Questo programma presentava però delle limitazioni, come la mancanza della possibilità di inserimento e modifica di un oggetto o la visualizzazione delle caratteristiche complete dell oggetto, quest ultima sopperita dalla fornitura di un link ipertestuale specifico per ogni oggetto. 8

11 Per questo motivo fu scelto di sviluppare un applicazione web per sopperire alle mancanze del programma stesso. Con l aumento di oggetti catalogati e con l acquisto di tipologie d oggetto, non previste in fase di sviluppo, gli uffici S.S.I. e S.I.T., si sono accorti che il servizio presentava delle forti limitazioni e delle lacune, come: Home Page non funzionale e mal strutturata (figura 1); mancanza di un modulo di ricerca; impossibilità di gestire gli accessi all applicazione e assegnare autorizzazioni a gruppi di utenti; mancanza di una sezione di amministrazione che permettesse di effettuare ampliamenti e correzioni senza agire manualmente sul database; mancanza di un sistema di registrazione accessi ed errori; interfaccia Web non rispettante le normative sull accessibilità e usabilità per la P.A.[Servizi Web P.A.]. Figura 1. Home Page del vecchio servizio 2.3. Descrizione del servizio, specifiche e requisiti La realizzazione di una nuova applicazione più performante e indipendente da altre applicazioni nasce dall esigenza di fornire un interfaccia il più possibile omogenea 9

12 rispetto a quella utilizzata da altri servizi Web già esistenti, con l intento di facilitarne l utilizzo da parte dei dipendenti comunali aventi già familiarità con altri servizi e nel rispetto delle regolamentazioni su accessibilità e usabilità delle applicazioni Web per le pubbliche amministrazioni, con l intento di permetterne l utilizzo anche a utenti diversamente abili e alla necessità di aggiungervi nuove funzionalità che migliorassero il servizio e rimediassero a tutte le carenze che la vecchia applicazione Inventario S.S.I. presentava. Dall incontro con i dipendenti degli uffici S.S.I. (Servizio Sistemi Informativi) e S.I.T. (Servizio Informativo Territoriale), è emerso che il servizio che si andava a creare, doveva disporre di due modalità d utilizzo, in base ai diritti d accesso associati all utente, una modalità di consultazione e una d amministrazione. Per quanto concerne la modalità di consultazione, si vuole che: gli utenti possano navigare all interno dell archivio, usufruendo degli strumenti forniti dal servizio per eseguire ricerche secondo alcuni parametri quali categoria, locazione e attributo/caratteristica; gli stessi possano visualizzare il dettaglio di un singolo oggetto; gli stessi possano visualizzare statistiche generali sull archivio; siano rispettate le normative relative all accessibilità e all usabilità. Quanto alla modalità d amministrazione, gode di tutte le caratteristiche della modalità consultazione, offrendo inoltre: inserimento e modifica di un oggetto; possibilità di modifica delle impostazioni del servizio; gestione delle tipologie d oggetto; gestione degli attributi/caratteristiche relativi alla singola tipologia d oggetto; gestione degli accessi all applicazione e assegnazione di autorizzazioni a gruppi di utenti; gestione dello storico degli oggetti; gestione degli edifici e dei locali a essi associati. Oltre a requisiti dal lato dell applicazione, sono stati definiti alcuni vincoli dal lato del sistema, come ad esempio l utilizzo della base dati preesistente, vista la mole di 10

13 dati da conservare, mantenendo invariata anche la struttura di determinate tabelle, utilizzate dal programma ArcReader per la rappresentazione degli oggetti nelle mappe. Infine si è voluto mantenere la possibilità di interazione fra ArcReader e la nuova applicazione, lasciando inalterato il metodo col quale questa interazione avveniva anche con la vecchia applicazione: un collegamento ipertestuale Accessibilità L accessibilità, in informatica, è la capacità di un dispositivo, di un servizio o di una risorsa d essere fruibile con facilità da una qualsiasi categoria d utente. Il termine è comunemente associato alla possibilità anche per persone con ridotta o impedita capacità sensoriale, motoria, o psichica (in termini generali disabile o diversamente abile sia temporaneamente sia stabilmente), di fruire dei sistemi informatici e delle risorse software a disposizione. Il termine ha trovato largo uso anche nel settore di Internet col medesimo significato. Nel web, un sito web accessibile facilita l accesso a individui con ogni tipo di disabilità, ma anche a individui non affetti da patologie. Più nello specifico: utilizza un codice semanticamente corretto, logico e validato secondo i parametri del W3C [W3C]; utilizza testi chiari, fluenti e facilmente comprensibili; utilizza testo alternativo per ogni tipo di contenuto multimediale; sfrutta titoli e link che siano sensati anche al di fuori del loro contesto (evitando, ad esempio, link su locuzioni come "clicca qui"); ha una disposizione coerente e lineare dei contenuti e dell interfaccia grafica. Inoltre dovrebbe essere compatibile col maggior numero di browser e PC e utilizzare colorazioni standard e ad alto contrasto. L applicazione corretta dei criteri di accessibilità deve permettere la lettura da parte di software detti screen reader specifici per ipovedenti o non vedenti del terminale video. 11

14 Esistono alcuni standard e alcune linee guida per definire l accessibilità. Le linee guida internazionalmente più diffuse per quanto riguarda il web sono le WCAG, Web Content Accessibility Guidelines della WAI [WAI], Web Accessibility Initiative (sezione del World Wide Web Consortium). In Italia per le nuove realizzazioni e le modifiche apportate dalla Pubblica amministrazione al proprio o ai propri siti web permettono di tenere conto (a pena della nullità dei contratti stipulati) della Legge Stanca (Legge 4 del 9 gennaio 2004, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale il 17 gennaio 2004), e successivamente resa operativa col decreto attuativo di fine Lo stesso identico obbligo è in carico, come contenuto nell art. 2 della legge, agli enti pubblici economici, alle aziende private concessionarie di servizi pubblici, alle aziende municipalizzate regionali, agli enti di assistenza e di riabilitazione pubblici, alle aziende di trasporto e di telecomunicazione a prevalente partecipazione di capitale pubblico e alle aziende appaltatrici di servizi informatici. L obbligo della applicazione della legge sussiste esclusivamente per i siti pubblici (o di interesse pubblico) mentre, sempre nell ambito pubblico le disposizioni di legge non si applicano ai sistemi informatici destinati ad essere fruiti da gruppi di utenti dei quali, per disposizione di legge, non possono fare parte persone disabili. Per quanto concerne l applicazione Inventario S.S.I. si è cercato di rispettare il più possibile le specifiche del WAI, in particolar modo: creando un layout semplice, fluido e dalle colorazioni ad alto contrasto; evitando l uso delle tabelle per la creazione della struttura del layout; fornendo la possibilità di gestire l intera applicazione da tastiera; evitando l uso di immagini per la realizzazione del layout; fornendo un testo alternativo a ogni immagine o icona; organizzando i form in maniera coerente e logica. Nell ambito dei form, cioè dei moduli compilabili per l inserimento dei dati, si è scelto di fornire sempre una descrizione generale del modulo e di associare un etichetta descrittiva a ogni campo. 12

15 Si è scelto inoltre di utilizzare codice client-side degradabile, cioè ripetuto anche lato server, per fornire lo stesso servizio anche a utenti che per vari motivi non possano usufruire dei vantaggi offerti dall esecuzione del codice client-side. Un esempio di ciò possono essere i controlli effettuati sulla validità dei dati inseriti nei campi di un generico form prima del loro invio alla pagina che li elaborerà, infatti questi controlli oltre a essere eseguiti lato client, vengono sempre ripetuti anche lato server Progettazione del Servizio Questo capitolo vuole illustrare quella che è l architettura del progetto, cioè la struttura su cui si basa l applicazione e grazie alla quale è stata realizzata. Tratta quindi del procedimento che ha portato alla definizione delle entità logiche coinvolte, alla creazione di una struttura dei dati nel database, alla gestione del sistema di autenticazione con assegnamento di specifici permessi a differenti gruppi di utenti, alla strutturazione delle pagine Web e dell interfaccia proposta dalle stesse. Si è cercato di realizzare l applicazione in modo modulare, cioè mantenendo separati quelli che sono i componenti della stessa in previsione di future modifiche, fornendo al tempo stesso una gerarchia di funzionalità, limitandone la visibilità all interno dell applicazione. Infatti vengono definite funzionalità comuni, accessibili a più livelli di autorizzazione, mentre funzionalità più specifiche, utilizzate solo in ambito di gestione o di amministrazione, vengono nascoste ai livelli inferiori di autorizzazione Progetto e struttura della base dati Uno dei requisiti fondamentali del progetto, prevedeva l utilizzo di Microsoft SQL Server come DBMS, vista la preesistenza di una base dati consistente da conservare, mantenendo invariata anche la struttura di determinate tabelle, utilizzate dal programma ArcReader per la rappresentazione degli oggetti nelle mappe. 13

16 Analizzando il database si è notato che esistevano sei tabelle, di cui tre contenevano informazioni sulle locazioni (edifici, piani, stanze), una sui servizi offerti, una sulla tipologia d oggetto e infine la principale conteneva tutte le entità oggetto. Nell incontro iniziale con i dipendenti degli uffici S.S.I. e S.I.T., sono stati messi in evidenza i difetti che la base dati preesistente aveva, in particolar modo il fatto che tutte le entità oggetto avessero gli stessi attributi, anche nel caso che la categoria d oggetto fosse diversa. Ne conseguiva che all atto dell inserimento venivano richiesti attributi non connessi con l oggetto, che poi comparivano anche nella scheda di dettaglio dell oggetto stesso come attributi vuoti (ad esempio il numero di telefono per una stampante). Secondo i dipendenti, questo problema rappresentava una grande limitazione per il servizio, aggravato dal fatto che l inserimento di un nuovo attributo e l associazione con una categoria d oggetto era possibile soltanto agendo direttamente sulla base dati e modificando il codice sorgente delle pagine d inserimento e di visualizzazione dell oggetto stesso. Viste le richieste e sentite le proposte di sviluppo, si è optato per una soluzione completamente dinamica e comodamente gestibile dal pannello d amministrazione, in cui fosse possibile aggiungere, modificare o eliminare le categorie d oggetto e gli attributi, creando poi le associazioni fra questi. Questa scelta si è riflessa sulla struttura del database con l inserimento di una nuova tabella che rappresentasse le entità attributi, relazionata con la tabella che rappresentava le entità categorie d oggetto attraverso un ulteriore tabella, visto che le relazioni potevano vedere una categoria associata a più attributi e un attributo a più categorie. La nuova tabella attributi, rappresenta i campi della tabella oggetto, di conseguenza tutte le operazioni di aggiunta ed eliminazione compiute su di essa si ripercuotono in ugual modo sui campi della tabella oggetto, rendendola quindi una tabella a struttura dinamica. Infine, per soddisfare tutti i requisiti del progetto, sono state create altre cinque tabelle disgiunte dalle preesistenti, col compito di contenere informazioni sugli 14

17 accessi, sulle destinazioni d uso dei locali, sui permessi assegnati agli utenti e delle liste d esclusione dal servizio. In figura 2 si può notare lo schema Entità-Relazione (Entity-Relationship), anche detto schema E-R del progetto. Figura 2. Schema E/R del progetto Sistema di autenticazione Il servizio Inventario S.S.I. prevede un meccanismo di autenticazione all accesso, per poter assegnare a ogni utente i diritti d utilizzo personali. L autenticazione viene delegata al web server che ricevendo username e password, li passa al controller di dominio, che, confrontandoli con le informazioni sugli account in suo possesso, fornisce o meno il consenso per l accesso alle risorse condivise della rete comunale. Tale struttura, oltre a proteggere le macchine della Intranet, permette di implementare un sistema di tipo Single Sign On (SSO), cioè una modalità di autenticazione che permette all utente di inserire le credenziali una sola volta, al momento dell accesso alla Intranet, avendo accesso a più applicativi 15

18 senza che il server chieda nuovamente l autenticazione; questo è possibile installando sul web server uno specifico modulo che realizza tale meccanismo. Per realizzare questo sistema è stato installato un modulo sul server web che mette a disposizione funzioni necessarie per l interazione tra il server web e il servizio di directory, dove risiedono le informazioni d accesso degli utenti che hanno accesso all intranet comunale. In questo modo, a meno di particolari impostazioni dell applicazione, tutti gli utenti che hanno accesso alla intranet possono, di conseguenza, accedere al servizio Livelli di autorizzazione A differenza dell applicazione esistente, dove il livello di autorizzazione era unico, visto che per accedere era necessario inserire un username e una password generica e uguale per tutti gli utenti, l applicativo che si è andati a realizzare prevede tre livelli di autorizzazione: non autorizzato; lettore; amministratore. L assegnazione di questi diritti d accesso è stata resa possibile grazie al nuovo sistema d autenticazione, che richiede le credenziali personali di ogni utente e non più quelle generiche. Il livello non autorizzato, può essere assegnato nel caso in cui il servizio sia fruibile nella modalità con Accesso limitato a un utente che non abbia nessun diritto specifico, altrimenti tutti gli utenti che hanno accesso alla intranet possono accedere al servizio con i diritti di lettore. La modalità lettore consente la libera consultazione dell archivio, fornendo gli strumenti per eseguire ricerche secondo alcuni parametri quali categoria, locazione e attributo/caratteristica, visualizzare il dettaglio di un singolo oggetto e le statistiche generali sull archivio. Infine la modalità amministratore consente il completo controllo dell applicazione, fornendo accesso a una sezione riservata dove è possibile gestire 16

19 le categorie degli oggetti, gli attributi associati ad ogni singola categoria, le locazioni degli oggetti, assegnare permessi e diritti d accesso all applicazione, abilitare o meno delle funzionalità (ad esempio: Accesso Limitato) e consultare i file di log degli accessi e degli errori verificatisi durante il funzionamento dell applicativo. L amministratore può inoltre gestire completamente la vita di un oggetto, dall inserimento in archivio, alla sua dismissione e successiva eliminazione, offrendo gli strumenti per la modifica degli attributi che lo caratterizzano. La funzione di ricerca offre inoltre, per questo livello d autenticazione, alcune possibilità aggiuntive su cui basare la ricerca di uno o più oggetti. Nonostante le specifiche attuali, concordate durante l incontro con gli utilizzatori del servizio, prevedessero soltanto i tre livelli d autorizzazione sopracitati, non ci si è preclusa la possibilità di crearne di nuovi, strutturando l applicazione in maniera congrua Struttura delle pagine web I principi generali secondo cui si basa una buona progettazione di un applicazione web insegnano a generare una nuova pagina web ogni qual volta si individua un nuovo contenuto semantico: in altre parole il significato di una pagina si deve distaccare da tutte le altre, mentre per ciò che riguarda contenuti simili è buona abitudine cercare di raggrupparli in un unica pagina differenziando i vari stati in cui si trova la stessa attraverso parametri passati in POST o in GET tra le pagine stesse. Oltre al rispetto di questi principi, si è cercato di ottimizzare il codice, individuando le parti simili (se non del tutto uguali) e inserendole in appositi file, inclusi successivamente laddove fossero necessari. Si è scelto di dividere le pagine in due sezioni distinte, temporalmente e logicamente successive: esecuzione codice server-side (PHP); fornitura pagina (X)HTML richiesta. Nella prima fase, vengono inclusi tutti i file necessari a fornire la pagina richiesta dall utente, vengono controllate le credenziali dell utente e, se necessario, stabilita 17

20 una connessione al database o ad Active Directory per le successive operazioni richieste. Elaborate tutte le informazioni e i dati, vengono chiuse le connessioni precedentemente stabilite, concludendo la prima fase. La fase successiva consiste nella creazione del flusso dati della pagina web, che compresso grazie all algoritmo Gzip, viene poi spedito all utente. La scelta di strutturare ogni pagina secondo questo schema, è stata fatta per avere una miglior gestione degli errori derivanti dall elaborazione iniziale e per ridurre il tempo di fornitura di una richiesta. Infatti se ad esempio si verificasse un errore nella lettura dal database, questo sarebbe già noto prima di cominciare a spedire la pagina web, offrendo la possibilità di reindirizzare l utente verso una pagina di servizio che lo informa di un possibile malfunzionamento Progetto del layout Il progetto del layout del servizio, è un punto fondamentale nello sviluppo di un applicativo web. Facilità e intuibilità d uso, rispetto per le specifiche relative all accessibilità, sono i punti cardine su cui si è basata la realizzazione dell interfaccia grafica, senza tralasciare un altro aspetto importante, ovvero l uso del tag <table> (le tabelle) non per realizzare l impaginazione delle pagine web, ma solo come aggregatrici di informazioni strettamente connesse tra loro. Quest ultimo aspetto oltre a influire in maniera diretta sul layout, riduce la dimensioni (in termini di Kbyte) delle pagine web, offrendo quindi un ulteriore vantaggio, quale un aumento, seppur modesto, di velocità di fruizione del servizio. Si è cercato di creare, per quanto possibile, un interfaccia simile agli altri servizi pubblicati sulla rete intranet, per facilitare l utilizzo dell applicazione stessa da parte dei dipendenti comunali. Per uniformare il layout tra le varie pagine e per renderlo facilmente modificabile o eventualmente sostituito, si è optato per l utilizzo di un template. Questo strumento è utilizzato per generare pagine web con struttura simile e definisce lo scheletro della pagina, cioè la disposizione dei vari contenuti all interno di 18

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

RedDot Content Management Server Content Management Server Non sottovalutate il potenziale della comunicazione online: usatela! RedDot CMS vi permette di... Implementare, gestire ed estendere progetti

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Appunti di Antonio Bernardo

Appunti di Antonio Bernardo Internet Appunti di Antonio Bernardo Cos è Internet Internet può essere vista come una rete logica di enorme complessità, appoggiata a strutture fisiche e collegamenti di vario tipo (fibre ottiche, cavi

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4)

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4) Guida al nuovo sistema di posta CloudMail UCSC (rev.doc. 1.4) L Università per poter migliorare l utilizzo del sistema di posta adeguandolo agli standard funzionali più diffusi ha previsto la migrazione

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

LA POSTA ELETTRONICA

LA POSTA ELETTRONICA LA POSTA ELETTRONICA Nella vita ordinaria ci sono due modi principali di gestire la propria corrispondenza o tramite un fermo posta, creandosi una propria casella postale presso l ufficio P:T., oppure

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata 1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata di Michele Diodati michele@diodati.org http://www.diodati.org Cosa significa accessibile 2 di 19 Content is accessible when it may be used by someone with

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO:

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO: ASTA IN GRIGLIA PRO Asta in Griglia PRO è un software creato per aiutare il venditore Ebay nella fase di post-vendita, da quando l inserzione finisce con una vendita fino alla spedizione. Il programma

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema Software 2 Insieme di istruzioni e programmi che consentono il funzionamento del computer Il software indica all hardware quali sono le operazioni da eseguire per svolgere determinati compiti Valore spesso

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Profilo Commerciale Collabor@

Profilo Commerciale Collabor@ Profilo Commerciale Collabor@ 1. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO E REQUISITI Collabor@ è un servizio di web conferenza basato sulla piattaforma Cisco WebEx, che consente di organizzare e svolgere riunioni web,

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Figura 1 - Schermata principale di Login

Figura 1 - Schermata principale di Login MONITOR ON LINE Infracom Italia ha realizzato uno strumento a disposizione dei Clienti che permette a questi di avere sotto controllo in maniera semplice e veloce tutti i dati relativi alla spesa del traffico

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

EndNote Web. Quick Reference Card THOMSON SCIENTIFIC

EndNote Web. Quick Reference Card THOMSON SCIENTIFIC THOMSON SCIENTIFIC EndNote Web Quick Reference Card Web è un servizio online ideato per aiutare studenti e ricercatori nel processo di scrittura di un documento di ricerca. ISI Web of Knowledge, EndNote

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP FileMaker Server 13 Pubblicazione Web personalizzata con PHP 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker

Dettagli

Posta Elettronica. Claudio Cardinali claudio@csolution.it

Posta Elettronica. Claudio Cardinali claudio@csolution.it Posta Elettronica Claudio Cardinali claudio@csolution.it Posta Elettronica: WebMail Una Webmail è un'applicazione web che permette di gestire uno o più account di posta elettronica attraverso un Browser.

Dettagli

Fatti trovare... Fatti preferire! Web Site» E-Commerce» Social Media» Web Marketing» Photo» Video» Graphic design

Fatti trovare... Fatti preferire! Web Site» E-Commerce» Social Media» Web Marketing» Photo» Video» Graphic design Fatti trovare... Fatti preferire! Web Site» E-Commerce» Social Media» Web Marketing» Photo» Video» Graphic design Come si trovano oggi i clienti? Così! ristorante pizzeria sul mare bel Perchè è importante

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Easy-TO è il software professionale per il Tour Operator moderno. Progettato e distribuito in Italia e all estero da Travel Software srl (Milano), un partner

Dettagli

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key.

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key. 1 Indice 1 Indice... 2 2 Informazioni sul documento... 3 2.1 Scopo del documento... 3 3 Caratteristiche del dispositivo... 3 3.1 Prerequisiti... 3 4 Installazione della smart card... 4 5 Avvio di Aruba

Dettagli

Portale di Ateneo. Corso per Web Developer. Alessandro Teresi

Portale di Ateneo. Corso per Web Developer. Alessandro Teresi AREA SERVIZI A RETE SISTEMA INFORMATIVO DI ATENEO SETTORE GESTIONE RETI, HARDWARE E SOFTWARE U.O. GESTIONE E MANUTENZIONE PORTALE DI ATENEO E DATABASE ORACLE Corso per Web Developer Portale di Ateneo Alessandro

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti Parallels Plesk Automation Primo trimestre, 2013 Domande tecniche più frequenti Questo documento ha come scopo quello di rispondere alle domande tecniche che possono sorgere quando si installa e si utilizza

Dettagli

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it izticket Il programma izticket permette la gestione delle chiamate di intervento tecnico. E un applicazione web, basata su un potente application server java, testata con i più diffusi browser (quali Firefox,

Dettagli

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA HOTSPOT Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA Hotspot è l innovativo servizio che offre ai suoi clienti accesso ad Internet gratuito, in modo semplice e veloce, grazie al collegamento

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE IN RETE

GUIDA DELL UTENTE IN RETE GUIDA DELL UTENTE IN RETE Memorizza registro di stampa in rete Versione 0 ITA Definizione delle note Nella presente Guida dell'utente viene utilizzata la seguente icona: Le note spiegano come intervenire

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi Il portafoglio VidyoConferencing Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi La qualità HD di Vidyo mi permette di vedere e ascoltare

Dettagli

AVCP Generatore di XML

AVCP Generatore di XML AVCP Generatore di XML Perché è necessario... 2 Come Funziona... 3 Appalto... 3 Indice... 5 Anagrafiche... 6 Lotto... 7 Partecipanti... 9 Partecipante in Solitario (Partecipante)... 9 Partecipante in Raggruppamento...

Dettagli

Nella sezione del sito come partecipare sono presenti tutte le istruzioni utili ad un nuovo utente di Obiettivo Infermiere.

Nella sezione del sito come partecipare sono presenti tutte le istruzioni utili ad un nuovo utente di Obiettivo Infermiere. Istruzioni esemplificate per Iscrizione e fruizione Corsi ECM FAD La nuovissima piattaforma proprietaria FAD Ippocrates3 adottata a partire da gennaio 2013 da SANITANOVA S.r.l., è in grado di dimensionare

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

Setup e installazione

Setup e installazione Setup e installazione 2 Prima di muovere i primi passi con Blender e avventurarci nel vasto mondo della computer grafica, dobbiamo assicurarci di disporre di due cose: un computer e Blender. 6 Capitolo

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

AlboTop. Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali

AlboTop. Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali AlboTop Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali Introduzione AlboTop è il nuovo software della ISI Sviluppo Informatico per la gestione dell Albo professionale dell Ordine Assistenti Sociali.

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL SITAR RS - SISTEMA INFORMATIVO TELEMATICO DEGLI APPALTI REGIONALI. della Regione Siciliana -

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL SITAR RS - SISTEMA INFORMATIVO TELEMATICO DEGLI APPALTI REGIONALI. della Regione Siciliana - Assessorato Regionale delle Infrastrutture e della Mobilità OSSERVATORIO REGIONALE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via Camillo Camilliani, 87 90145 PALERMO LINEE GUIDA PER L UTILIZZO

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli