La rappresentazione del rischio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La rappresentazione del rischio"

Transcript

1 La rappresentazione del rischio Alcune evidenze empiriche Caterina Lucarelli Facoltà di Economia Università Politecnica delle Marche CONSOB - LUISS 4 giugno

2 La ricerca Le dimensioni della tolleranza al rischio Alcune evidenze su statistiche univariate Relazioni multivariate- cenni Evidenze empiriche collaterali- cenni Implicazioni operative ed istituzionali CONSOB - LUISS 4 giugno

3 La ricerca CONSOB - LUISS 4 giugno

4 Campione unico a livello internazionale: 445 individui esaminati (441 validi), stratificando professionisti (asset manager e trader) e non professionisti. Metodologia interdisciplinare ed analitica: test psico-fisiologico + questionario (45 minuti di osservazione per ogni soggetto, per oltre minuti di osservazione registrata in banca-dati). La ricerca Osservazione di indicatori di tolleranza al rischio a confronto (nuovi, in letteratura, e basati su quantificazioni non banali). Il rapporto complessivo è in corso di pubblicazione come: Lucarelli, Brighetti Risk tolerance in financial decision making. The economics and the neuroscience perspective, Palgrave MacMillan (UK),. CONSOB - LUISS 4 giugno

5 La ricerca Oggetto di studio: la tolleranza al rischio (risk tolerance) degli individui. La letteratura (Cordell, 2002; Grable, Davey and Roszkowski, 2005) ha definito la risk tolerance una combinazione tra: Risk attitude how much risk I choose to take Risk capacity how much risk I can afford to take CONSOB - LUISS 4 giugno

6 Le dimensioni della tolleranza al rischio UR: *** * Unbiased Biased BR: *** *** Fattori personali, socio-economici, demografici e culturali Risk tolerance Grado di soggettività: -contenuto: *** -strumenti di rilevazione: *** Decisioni Real-life RLR: * * Investimento Indebitamento Coscienti? Coerenti? CONSOB - LUISS 4 giugno

7 Metodologia interdisciplinare: Le dimensioni della tolleranza al rischio UR Unbiased risk tolerance TEST IGT + Skin Conductance Response (SCR) BR Biased (self-evaluated)= risk tolerance QUESTIONARIO Part 1- Test of Grable &Lytton, 99 Part 2- Barrat Impulsivity Scale (BIS) Part 3- General information RLR Real life risk tolerance CONSOB - LUISS 4 giugno

8 Le dimensioni della tolleranza al rischio UR Unbiased Risk livello di rischio soggettivo osservato in esperimento di laboratorio tenendo conto delle reazioni emotive 0 1 Soggetti con scarsa attrazione emotiva verso il rischio Soggetti con forte attrazione emotiva verso il rischio BR Biased Risk livello di rischio soggettivo auto-dichiarato in base a questionario 0 1 Soggetti che si auto-valutano non amanti del rischio Soggetti che si auto-valutano amanti del rischio CONSOB - LUISS 4 giugno

9 Le dimensioni della tolleranza al rischio RLA Real-life Attitude livello di rischio che si è assunto con le proprie decisioni di investimento, indebitamento ed assicurative (nella vita reale) 0 1 Soggetti che hanno preso decisioni finanziarie NON rischiose Soggetti che hanno preso decisioni finanziarie rischiose livello di rischio che si è in grado di sopportare, in RLC base alle proprie condizioni personali e familiari Real-life Capacity (nella vita reale) 0 1 Soggetti con capacità di sopportazione BASSA Soggetti con capacità di sopportazione ALTA 9

10 UR Unbiased Risk Stima panel (dinamico) che considera congiuntamente: dimensione di confronto tra individui i (cross- section): 441 validi dimensione temporale t (progressione delle scelte): 100 scelte dopo un periodo di trial (prime 20) [1] svant i,t : dummy svant variabile dipendente, che è pari ad 1 se il soggetto sceglie da mazzi svantaggiosi/rischiosi; 0 diversamente; svant i,t-1 : fattore autoregressivo di ordine 1 (un ritardo); ritardi maggiori ns; y i,t : variabile che controlla per la presenza di eventuali euristiche di gioco; pre i,t : valore SCR registrato nei cinque secondi precedenti la scelta; post i,t-1 : valore SCR registrato nei cinque secondi dopo la scelta appena compiuta; dwin i,t-1 t-5 : differenza monetaria di payoff tra la scelta appena compiuta e quella precedente; questa differenza viene calcolata sulla base di un sistema a rolling window fino a 5 scelte. CONSOB - LUISS 4 giugno

11 UR Unbiased Risk Dopo una serie di test di robustezza: Incluse 441 unità cross section Variabile dipendente: svant Coefficiente Errore Std. statistica z p-value Dsvant(-1) < *** const *** y e e pre < *** post_ < *** dwin_ e < *** dwin_ e < *** dwin_ e < *** dwin_ e e < *** dwin_ e e * Somma quadr. residui E.S. della regressione Test per errori AR(1): z = [0.0000] Test per errori AR(2): z = [0.1043] Test di sovra-identificazione di Sargan: Chi-quadro(76) = [0.2997] Test (congiunto) di Wald: Chi-quadro(9) = [0.0000] CONSOB - LUISS 4 giugno

12 UR Unbiased Risk Il modello dinamico che spiega la preferenza individuale tra scelte svantaggiose/rischiose o vantaggiose/non rischiose (ragione + emozioni): componente auto regressiva significativa (persistenza dei comportamenti); legame significativo e positivo con l attivazione cutanea anticipata (sento il rischio!); abs beta non trascurabile; legame significativo e negativo con l attivazione cutanea posticipata (meno ci si è attivati dopo la scelta precedente più si tende a scegliere una carta rischiosa); abs beta non trascurabile; la strategia di gioco (y), in termini di combinazione ragionata di carte, ha un effetto significativo e positivo, sebbene di modestissima intensità, ma solo per una finestra temporale molto breve (la combinazione delle ultime 4 carte, ovvero roll=1; per valori di roll>1, y non è più significativa); più persistente, invece, è l influsso delle differenze tra le vincite passate; per come è costruita la variabile dwin, indirettamente essa testimonia quando nel gioco una carta rischiosa genera una grossa perdita. L effetto di questo ricordo è lungo (si attenua in significatività dopo 5 scelte), la sua intensità è trascurabile ma il segno è positivo (il richiamo delle Sirene?). CONSOB - LUISS 4 giugno

13 UR Unbiased Risk L indicatore UR: È il valore mediano, per ogni individuo, dei valori stimati attraverso la [1] delle preferenze tra mazzi rischiosi (svant dummy=1) e non rischiosi (svant dummy=0) The UR indicator is confirmed of being a risk tolerance indicator because it unfolds both a risk attitude dimension (the rational choice, together with the somatic compulsion to it) and a risk capacity dimension (how richer or poorer you believe to be in relation to the past negative/positive monetary wins). Variable Obs Mean Std. Dev. Min Max UR CONSOB - LUISS 4 giugno

14 BR Biased Risk livello di rischio soggettivo auto-dichiarato in base a questionario Grable and Lytton test- GLT (Grable and Lytton, 1999) [2] S i is the score obtained by the subject i in the GLT; S max is the maximum score obtained by GLT (63); S min is the minum score obtained by GLT (20). Variable Obs Mean Std. Dev. Min Max BR CONSOB - LUISS 4 giugno

15 RLA Real-life Attitude livello di rischio che si è assunto con le proprie decisioni di investimento, indebitamento ed assicurative (nella vita reale) The RLA drivers were: 1) the risk weighed asset allocation of his/her investments (rla 1 ); 2) if he/her ever invested a considerable amount of money only for thrill (rla 2 ); 3) the level of risk of the past investment decisions (rla 3 ); 4) the level of risk of the present investment decisions (rla 4 ); 5) the highest level of tolerated financial losses (rla 5 ); 6) the degree of insurance coverage (rla 6 ); 7) the actions undertaken after the 2008 crisis (rla 7 ). Variable Obs Mean Std. Dev. Min Max rla CONSOB - LUISS 4 giugno

16 RLC Real-life Capacity The RLC drivers were: livello di rischio che si è in grado di sopportare, in base alle proprie condizioni personali e familiari (nella vita reale) 1) the relevance of familiar weight (rlc1); 2) the nature of the professional contract (rlc2); 3) the composition of the family income (degree of diversification) (rlc3); 4) the monthly income of the family (rlc4); 5) the real estate wealth (rlc5 and rlc6); 6) the financial wealth (rlc7); 7) the economical stress due to debt repayment (rlc8). Variable Obs Mean Std. Dev. Min Max rlc CONSOB - LUISS 4 giugno

17 Alcune evidenze su statistiche univariate Freq. % Trader Asset_manager Altre professioni Total Professioni finanziarie I professionisti della finanza hanno una attrazione emotiva verso rischio minore rispetto ai non professionals, sebbene si auto-dichiarino più amanti del rischio rispetto agli altri. CONSOB - LUISS 4 giugno

18 Freq. % CF medio basse CF medio alte Total Alcune evidenze su statistiche univariate Conoscenze finanziarie (CF) La attrazione emotiva verso rischio è maggiore nei soggetti con conoscenze finanziarie medio basse rispetto agli altri. Questa deduzione resiste anche dopo aver tenuto conto del livello di istruzione e della professione svolta. Gli stessi soggetti con conoscenze finanziarie inferiori, però, si auto-dichiarano meno amanti del rischio rispetto agli altri. CONSOB - LUISS 4 giugno

19 Relazioni multivariate- cenni CONSOB - LUISS 4 giugno

20 Evidenze empiriche collaterali- cenni Analisi delle caratteristiche qualitative (completezza, dettaglio) dei questionari MIFID impiegati da un campione significativo di intermediari Italiani (i primi 14 gruppi bancari assicurativi italiani che, in base a Rapporto Assogestioni 2009, coprono il 90% del mercato per patrimonio promosso) Stress test di coerenza di profilatura per tre questionario MIFID su un campione di circa 100 soggetti. Le prime evidenze mostrano segnali inquietanti. Analisi delle implicazioni psicologiche per scelte di sovraindebitamento. CONSOB - LUISS 4 giugno

21 Manteniamo prudenza interpretativa ma: La rappresentazione del rischio Implicazioni operative ed istituzionali - Abbiamo svolto, per mesi, svariati test di robustezza; -Se c è stato azzardo morale (ammesso e non concesso), TUTTI gli individui ne dovrebbero avere risentito in modo simile; quindi i confronti inter-individuali sono affidabili; È vero che gli individui sbagliano nel rappresentare sé stessi (UR diverso da BR), ma questo non ha rilevanza nelle scelte reali: quando essi decidono, agiscono coerentemente con la propria auto rappresentazione (BR spiega RLA e NON UR) Quindi, i questionari di profilatura sono FONDAMENTALI! Ma attenzione a come si costruiscono! CONSOB - LUISS 4 giugno

Tolleranza al rischio nelle decisioni di investimento: la prospettiva dell economia e delle neuroscienze

Tolleranza al rischio nelle decisioni di investimento: la prospettiva dell economia e delle neuroscienze Tolleranza al rischio nelle decisioni di investimento: la prospettiva dell economia e delle neuroscienze Prof.ssa Caterina Lucarelli Facoltà di Economia Università Politecnica delle Marche Prof. Gianni

Dettagli

Aspetti metodologici dell educazione finanziaria

Aspetti metodologici dell educazione finanziaria I Professionisti Certificati EFPA per una ducazione finanziaria corretta e consapevole del risparmiatore Aspetti metodologici dell educazione finanziaria Caterina Lucarelli Professore di Economia degli

Dettagli

La profilatura del rischio nel contesto della Direttiva MiFID: stato dell arte e prospettive future Nicoletta Marinelli Università degli Studi di Macerata Ricercatrice in Economia degli Intermediari Finanziari

Dettagli

L elicitazione delle preferenze verso il rischio e il tempo: una opportunità per la nuova mifid

L elicitazione delle preferenze verso il rischio e il tempo: una opportunità per la nuova mifid L elicitazione delle preferenze verso il rischio e il tempo: una opportunità per la nuova mifid Federico Perali Dipartimento di Scienze Economiche Università degli studi di Verona Scelte di Investimento

Dettagli

Differenze uomo donna

Differenze uomo donna Differenze uomo donna Una vastissima letteratura documenta che in numerosi domini, soprattutto nella sfera economica, donne e uomini differiscono sistematicamente. Dibattito intenso sul perché 1. Perché

Dettagli

La rilevazione della tolleranza al rischio nei questionari MiFID Le indicazioni della finanza comportamentale

La rilevazione della tolleranza al rischio nei questionari MiFID Le indicazioni della finanza comportamentale La rilevazione della tolleranza al rischio nei questionari MiFID Le indicazioni della finanza comportamentale Paola Soccorso Consob, Ufficio Studi Economici Outline I doveri dell intermediario e le tutele

Dettagli

FACOLTÀ DI ECONOMIA Soluzione della Prova di autovalutazione 2012 (primi 6 CFU) ANALISI STATISTICA PER L IMPRESA

FACOLTÀ DI ECONOMIA Soluzione della Prova di autovalutazione 2012 (primi 6 CFU) ANALISI STATISTICA PER L IMPRESA FACOLTÀ DI ECONOMIA Soluzione della Prova di autovalutazione 2012 (primi 6 CFU) ANALISI STATISTICA PER L IMPRESA NB Come potete vedere facendo la somma dei punteggi il numero di quesiti è superiore a quello

Dettagli

Analisi statistica delle funzioni di produzione

Analisi statistica delle funzioni di produzione Analisi statistica delle funzioni di produzione Matteo Pelagatti marzo 28 Indice La funzione di produzione di Cobb-Douglas 2 2 Analisi empirica della funzione di produzione aggregata 3 Sommario Con la

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

La rilevazione della tolleranza al rischio degli investitori

La rilevazione della tolleranza al rischio degli investitori La rilevazione della tolleranza al rischio degli investitori Nadia Linciano Ufficio Studi Economici Outline Il rischio è una grandezza soggettiva La tolleranza al rischio è una grandezza psicologica La

Dettagli

Conoscenze e competenze dei consulenti finanziari in tema di caratteristiche del cliente e valutazione di adeguatezza

Conoscenze e competenze dei consulenti finanziari in tema di caratteristiche del cliente e valutazione di adeguatezza Conoscenze e competenze dei consulenti finanziari in tema di caratteristiche del cliente e valutazione di adeguatezza Nadia Linciano Ufficio Studi Economici Outline I comportamenti degli investitori italiani

Dettagli

1 BREVE RIPASSO DEI TEST STATISTICI 2 I TEST STATISTICI NEI SOFTWARE ECONOMETRICI E IL P-VALUE 3 ESERCIZI DI ALLENAMENTO

1 BREVE RIPASSO DEI TEST STATISTICI 2 I TEST STATISTICI NEI SOFTWARE ECONOMETRICI E IL P-VALUE 3 ESERCIZI DI ALLENAMENTO I TEST STATISTICI E IL P-VALUE Obiettivo di questo Learning Object è ripassare la teoria ma soprattutto la pratica dei test statistici, con un attenzione particolare ai test che si usano in Econometria.

Dettagli

BANCA D ITALIA. Imprese femminili e credito. Donne, banche e sviluppo ABI, 25-26 settembre 2012

BANCA D ITALIA. Imprese femminili e credito. Donne, banche e sviluppo ABI, 25-26 settembre 2012 BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A Imprese femminili e credito Juri Marcucci Banca d Italia Donne, banche e sviluppo ABI, 25-26 settembre 2012 I lavori Che Genere di impresa? Differenziali di performance

Dettagli

Le Alte Professionalità: prospettive di sviluppo, servizi trasversali a supporto della persona e della Sua attività lavorativa

Le Alte Professionalità: prospettive di sviluppo, servizi trasversali a supporto della persona e della Sua attività lavorativa Le Alte Professionalità: prospettive di sviluppo, servizi trasversali a supporto della persona e della Sua attività lavorativa Roma, 12 Febbraio 2015 La professionalità e gli strumenti formativi nel settore

Dettagli

Determinazione delle condizioni di finanziamento in base al rischio di credito: alcune simulazioni numeriche

Determinazione delle condizioni di finanziamento in base al rischio di credito: alcune simulazioni numeriche Determinazione delle condizioni di finanziamento in base al rischio di credito: alcune simulazioni numeriche Prof. Jean-Marie BOUROCHE Direttore del Comitato Scientifico Internazionale CRIF Decision Solutions,

Dettagli

The effect of age on portfolio choice: evidence from an Italian pension fund

The effect of age on portfolio choice: evidence from an Italian pension fund The effect of age on portfolio choice: evidence from an Italian pension fund Giuseppe Cappelletti Giovanni Guazzarotti Pietro Tommasino Banca d Italia Seminari Mefop-Luiss - Roma 2010 Cappelletti, Guazzarotti,

Dettagli

Il Risk Management nelle SGR immobiliari tra regole e best practice

Il Risk Management nelle SGR immobiliari tra regole e best practice Il Risk Management nelle SGR immobiliari tra regole e best practice Gallipoli, Venerdì 2 luglio 2010 Claudio Giannotti Università LUM Laboratorio di Finanza immobiliare Dottorato di Ricerca in Banca e

Dettagli

INDICE. Introduzione... pag. 4. 1. Il mercato bancario e finanziario italiano: lo scenario competitivo e le prospettive evolutive...

INDICE. Introduzione... pag. 4. 1. Il mercato bancario e finanziario italiano: lo scenario competitivo e le prospettive evolutive... UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO Dottorato di ricerca in Economia delle istituzioni e dei sistemi aziendali ciclo XIX S.S.D: SECS-P/07 Gli investimenti non finanziari nel private banking: scelte

Dettagli

Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane

Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane IX Convention ABI 29 e 30 novembre 2005 Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane Giampaolo Gabbi Università degli Studi di Siena SDA Bocconi 1 Le fasi dell ORM nei progetti in essere

Dettagli

Regressione logistica. Strumenti quantitativi per la gestione

Regressione logistica. Strumenti quantitativi per la gestione Regressione logistica Strumenti quantitativi per la gestione Emanuele Taufer file:///c:/users/emanuele.taufer/dropbox/3%20sqg/classes/4a_rlg.html#(1) 1/25 Metodi di classificazione I metodi usati per analizzare

Dettagli

INDICE. Scienze bancarie, finanziarie e assicurative 2. Laurea magistrale in Economia dei mercati e degli intermediari finanziari 3

INDICE. Scienze bancarie, finanziarie e assicurative 2. Laurea magistrale in Economia dei mercati e degli intermediari finanziari 3 INDICE Scienze bancarie, finanziarie e assicurative 2 Laurea magistrale in Economia dei mercati e degli intermediari finanziari 3 Laurea magistrale in Banking and finance 6 Laurea magistrale in Scienze

Dettagli

LETTI PER VOI: "Selezione Avversa e Polizze Sanitarie"

LETTI PER VOI: Selezione Avversa e Polizze Sanitarie LETTI PER VOI: "Selezione Avversa e Polizze Sanitarie" a cura di Cinzia Di Novi Università del Piemonte Orientale, Dipartimento di Politiche Pubbliche e Scelte Collettive Lo stato di salute individuale

Dettagli

Altri metodi di costruzione di test. Metodo orientato al criterio, cenni su altri metodi

Altri metodi di costruzione di test. Metodo orientato al criterio, cenni su altri metodi Altri metodi di costruzione di test Metodo orientato al criterio, cenni su altri metodi Metodo orientato al criterio Gli item del test vengono selezionati in base alla loro capacità empirica di discriminare

Dettagli

INVESTMENT ADVISORY. Consulenza personalizzata per Investitori Privati

INVESTMENT ADVISORY. Consulenza personalizzata per Investitori Privati INVESTMENT ADVISORY Consulenza personalizzata per Investitori Privati Novembre 2015 ADB Analisi Dati Borsa SpA ADB - Analisi Dati Borsa SpA è una società di Consulenza in materia di Investimenti, fondata

Dettagli

NOTA PER LA COMPILAZIONE: OVE LE DOMANDE PROPONGANO UNA RISPOSTA CON OPZIONI PREDEFINITE, BARRARE QUELLA SCELTA. HEAD OFFICE ADRESS (Indirizzo)

NOTA PER LA COMPILAZIONE: OVE LE DOMANDE PROPONGANO UNA RISPOSTA CON OPZIONI PREDEFINITE, BARRARE QUELLA SCELTA. HEAD OFFICE ADRESS (Indirizzo) QUESTIONARIO PER L ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ CIVILE PROFESSIONALE DEL GRAFOLOGO NOTA PER LA COMPILAZIONE: OVE LE DOMANDE PROPONGANO UNA RISPOSTA CON OPZIONI PREDEFINITE, BARRARE QUELLA SCELTA

Dettagli

Curriculum Vitae CLAUDIO GIANNOTTI. Posizione attuale

Curriculum Vitae CLAUDIO GIANNOTTI. Posizione attuale Curriculum Vitae CLAUDIO GIANNOTTI Nato a Roma l 11 dicembre 1969 Indirizzi e-mail: giannotti@economia.uniroma2.it giannotti@lum.it Posizione attuale Professore Ordinario di Economia degli intermediari

Dettagli

GIANCARLO CAPOZZA Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Università degli Studi di Bari

GIANCARLO CAPOZZA Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Università degli Studi di Bari GIANCARLO CAPOZZA Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Università degli Studi di Bari SULLA STRUTTURA FINANZIARIA DI CONTRATTI ASSICURATIVI LINKED CON MINIMO GARANTITO SOMMARIO 1. Introduzione

Dettagli

La consulenza finanziaria del Gruppo Cariparma C.A.

La consulenza finanziaria del Gruppo Cariparma C.A. La consulenza finanziaria del Gruppo Cariparma C.A. La piattaforma a supporto delle scelte di investimento delle famiglie nel contesto di un grande Gruppo Bancario internazionale. Milano, 18 aprile 2013

Dettagli

I fondi riservati: prospettive e criticità

I fondi riservati: prospettive e criticità I fondi riservati: prospettive e criticità Claudio Cacciamani Università degli Studi di Parma Claudio.cacciamani@unipr.it Sala Capranichetta, Piazza di Montecitorio, 127 Roma Martedì, 18 gennaio 2010 1

Dettagli

La consulenza finanziaria nella prospettiva della MiFID2. L evoluzione del servizio di consulenza negli intermediari finanziari

La consulenza finanziaria nella prospettiva della MiFID2. L evoluzione del servizio di consulenza negli intermediari finanziari La consulenza finanziaria nella prospettiva della MiFID2 Tolleranza al rischio degli investitori, valutazione di adeguatezza e selezione degli investimenti L evoluzione del servizio di consulenza negli

Dettagli

Crisi e dintorni: Ripartiamo dalle analisi empiriche

Crisi e dintorni: Ripartiamo dalle analisi empiriche 1 / 22 Crisi e dintorni: Ripartiamo dalle analisi empiriche Marco Grazzi LEM, Scuola Superiore Sant Anna, Pisa Sant Anna Science Cafè Pisa 18 Giugno 2009 2 / 22 Crisi: le differenze di oggi rispetto al

Dettagli

4. LA RISCHIOSITÀ DELLE AZIONI BANCARIE NEL PERIODO 2000-2010

4. LA RISCHIOSITÀ DELLE AZIONI BANCARIE NEL PERIODO 2000-2010 56 4. LA RISCHIOSITÀ DELLE AZIONI BANCARIE NEL PERIODO 2000-2010 1. Introduzione Obiettivo di questo capitolo è valutare l andamento del rischio delle azioni bancarie negoziate nei principali mercati azionari

Dettagli

Sommario. Capitolo 1 Impiego della statistica per la gestione dell azienda 1. Capitolo 2 Disponibilità e produzione delle informazioni statistiche 19

Sommario. Capitolo 1 Impiego della statistica per la gestione dell azienda 1. Capitolo 2 Disponibilità e produzione delle informazioni statistiche 19 Prefazione XI Capitolo 1 Impiego della statistica per la gestione dell azienda 1 1.1 Premessa 1 1.2 Il ruolo della statistica a supporto del processo decisionale del manager 3 1.3 L impiego della statistica

Dettagli

«Consulenza Finanziaria e Private Banking: Le opportunità della nuova normativa»

«Consulenza Finanziaria e Private Banking: Le opportunità della nuova normativa» «Consulenza Finanziaria e Private Banking: Le opportunità della nuova normativa» Gianfranco Venuti Responsabile Private Banking e Wealth Management Milano, 25 novembre 2015 Principali novità previste dalla

Dettagli

Policy di pricing dei Prestiti Obbligazionari

Policy di pricing dei Prestiti Obbligazionari Policy di pricing dei Prestiti Obbligazionari Versione settembre 2012 La Comunicazione Consob 9019104 del 2 marzo 2009 ha imposto la necessità per le banche di definire un approccio che consenta di individuare

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DI SICUREZZA

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DI SICUREZZA La Sicurezza Informatica e delle Telecomunicazioni (ICT Security) VALUTAZIONE DEL LIVELLO DI SICUREZZA Auto Valutazione Allegato 1 gennaio 2002 Allegato 1 Valutazione del livello di Sicurezza - Auto Valutazione

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615. Insegnamento: 101507 - ECONOMIA APPLICATA. Anno regolamento: 2011 CFU:

Testi del Syllabus. Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615. Insegnamento: 101507 - ECONOMIA APPLICATA. Anno regolamento: 2011 CFU: Testi del Syllabus Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615 Anno offerta: 2013/2014 Insegnamento: 101507 - ECONOMIA APPLICATA Corso di studio: PE002 - SCIENZE POLITICHE Anno regolamento: 2011 CFU:

Dettagli

Indice della lezione. La finanza aziendale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA

Indice della lezione. La finanza aziendale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di Corporate Banking a.a. 2010-2011 (Professor Eugenio Pavarani) La stima del costo del capitale 1 Indice della lezione Il costo del capitale (=

Dettagli

1. acquisire piena consapevolezza dei propri bisogni finanziari prioritari e delle risorse (presenti e future) disponibili per raggiungerle;

1. acquisire piena consapevolezza dei propri bisogni finanziari prioritari e delle risorse (presenti e future) disponibili per raggiungerle; Adotta un metodo Come già detto precedentemente ancor prima di valutare la validità di un investimento si rende necessaria maturare la chiarezza degli intenti che ci prefiggiamo e la modalità da adottare

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA EDUCAZIONE FINANZIARIA

L IMPORTANZA DELLA EDUCAZIONE FINANZIARIA L IMPORTANZA DELLA EDUCAZIONE FINANZIARIA La Sicurezza Economica nell Età Anziana: Strumenti, Attori, Rischi e Possibili Garanzie. Courmayeur, 20 settembre 2008 Annamaria Lusardi Dartmouth College, NBER,

Dettagli

Relationship lending e default rate dei prestiti

Relationship lending e default rate dei prestiti Workshop sull attività di ricerca del Relationship lending e default rate dei prestiti Matteo Cotugno, Università di Bologna Valeria Stefanelli, Università Niccolò Cusano di Roma Giuseppe Torluccio, Università

Dettagli

Volontariato e criminalità in Italia: un analisi sui dati provinciali

Volontariato e criminalità in Italia: un analisi sui dati provinciali Volontariato e criminalità in Italia: un analisi sui dati provinciali Andrea Lasagni 1 (Università di Parma) 1. Introduzione Un numero crescente di studi in letteratura ha considerato il contributo economico

Dettagli

Indice della lezione. Per fare scelte coerenti in termini di Finanza Aziendale. La finanza aziendale. La stima del costo del capitale

Indice della lezione. Per fare scelte coerenti in termini di Finanza Aziendale. La finanza aziendale. La stima del costo del capitale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di pianificazione finanziaria Il costo del capitale è un tasso di attualizzazione Quale tasso di attualizzazione? Il Wacc La stima del costo del

Dettagli

Questionario Proposta RC Professionale Intermediari sezione B R.U.I.

Questionario Proposta RC Professionale Intermediari sezione B R.U.I. Questionario Proposta RC Professionale Intermediari sezione B R.U.I. (PI Proposal Form for Insurance Brokers enrolled under section B of the Register) ==================== La presente proposta è relativa

Dettagli

Test di restrizioni lineari nel MRLM: Esempi

Test di restrizioni lineari nel MRLM: Esempi Test di restrizioni lineari nel MRLM: Esempi Eduardo Rossi Università degli Studi di Pavia Corso di Econometria Marzo 2012 Rossi Test F: esempi 2012 1 / 23 Funzione di produzione Cobb-Douglas Esempio GDP

Dettagli

Orientamenti. Orientamenti su alcuni aspetti dei requisiti di adeguatezza della direttiva MiFID. 25 giugno 2012 ESMA/2012/387

Orientamenti. Orientamenti su alcuni aspetti dei requisiti di adeguatezza della direttiva MiFID. 25 giugno 2012 ESMA/2012/387 Orientamenti Orientamenti su alcuni aspetti dei requisiti di adeguatezza della direttiva MiFID 25 giugno 2012 ESMA/2012/387 Data: 25 giugno 2012 ESMA/2012/387 Sommario I. Ambito di applicazione 3 II. Definizioni

Dettagli

ANALISI DEI DATI EPIDEMIOLOGICI

ANALISI DEI DATI EPIDEMIOLOGICI ANALISI DEI DATI EPIDEMIOLOGICI Cenni di statistica Che cosa è la statistica Statistica descrittiva e statistica inferenziale Test statistici di ipotesi Intervalli di confidenza Analisi stratificata TEST

Dettagli

Microeconometria (Silvia Tiezzi) 01 aprile2011 Esercitazione

Microeconometria (Silvia Tiezzi) 01 aprile2011 Esercitazione Microeconometria (Silvia Tiezzi) 01 aprile2011 Esercitazione Esercizio 1 Si consideri il seguente modello ad effetti fissi con variabili binarie: + 1 2 a) supponete che N=3. Si mostri che i regressori

Dettagli

Anomalie nell utilizzo del contante e riciclaggio: Un analisi econometrica a livello comunale

Anomalie nell utilizzo del contante e riciclaggio: Un analisi econometrica a livello comunale Anomalie nell utilizzo del contante e riciclaggio: Un analisi econometrica a livello comunale ESTRATTO NON TECNICO DELLO STUDIO CASH PAYMENT ANOMALIES AND MONEY LAUNDERING: AN ECONOMETRIC ANALYSIS OF ITALIAN

Dettagli

Modelli statistici per l analisi dei dati e la valutazione d efficacia Il caso del Comune di Perugia

Modelli statistici per l analisi dei dati e la valutazione d efficacia Il caso del Comune di Perugia Modelli statistici per l analisi dei dati e la valutazione d efficacia Il caso del Comune di Perugia Alessandra Pelliccia Matteo Cataldi Matteo Filippo Donadi 0 AGENDA Fonti Descrizione dei dati Variabili

Dettagli

THE REAL EFFECT OF BANKING CRISES

THE REAL EFFECT OF BANKING CRISES THE REAL EFFECT OF BANKING CRISES Giovanni Dell Ariccia, Enrica Detragiache, Raghuram Rajan ECONOMIA MONETARIA INTERNAZIONALE Anno Accademico 2009/2010 Alessandro Paci Valentina Peruzzi Mariangela Scorrano

Dettagli

Applicazione alla domanda di sigarette (SW Par 12.4)

Applicazione alla domanda di sigarette (SW Par 12.4) Applicazione alla domanda di sigarette (SW Par 12.4) Perche ci interessa conoscere l elastica della domanda di sigarette? Teoria della tassazione ottimale: l imposta ottimale e l inverso dell elastica

Dettagli

ESPOSIZIONE RIASSUNTIVA DELLA TESI

ESPOSIZIONE RIASSUNTIVA DELLA TESI ESPOSIZIONE RIASSUNTIVA DELLA TESI L obiettivo principale della tesi (prima parte) è quello di individuare un idoneo criterio di stima del valore fondamentale delle banche commerciali. Il modello proposto

Dettagli

Dinamica negoziazioni su prodotti stranieri

Dinamica negoziazioni su prodotti stranieri Interactive Brokers presenta Dinamica negoziazioni su prodotti stranieri Alessandro Bartoli, Interactive Brokers Il webinar inizia alle 18:00 CET webinars@interactivebrokers.com www.ibkr.com/webinars Member

Dettagli

PROGRAMMA. Borse di studio riservate a elementi con orientamento nelle discipline economico-aziendali lett. A dell art.

PROGRAMMA. Borse di studio riservate a elementi con orientamento nelle discipline economico-aziendali lett. A dell art. PROGRAMMA Borse di studio riservate a elementi con orientamento nelle discipline economico-aziendali lett. A dell art. 1 del bando EVENTUALE TEST PRESELETTIVO su tutte le materie previste per la prova

Dettagli

Paolo Lauriola Direttore Struttura Tematica di Epidemiologia Ambientale ARPA EMILIA ROMAGNA

Paolo Lauriola Direttore Struttura Tematica di Epidemiologia Ambientale ARPA EMILIA ROMAGNA Paolo Lauriola Direttore Struttura Tematica di Epidemiologia Ambientale ARPA EMILIA ROMAGNA OBIETTIVI DELLO STUDIO Analizzare la percezione del rischio di incidente stradale di un campione di giovani prima

Dettagli

Ulteriori metodi per la stima di una singola equazione

Ulteriori metodi per la stima di una singola equazione 1 Materiali didattici: ANALISI E PREVISIONI NEI MERCATI FINANZIARI a.a. 2014-2015 DISPENSA N.3bis (APPENDICE alla dispensa n.3) Ulteriori metodi per la stima di una singola equazione (Prof. Giovanni Verga)

Dettagli

LA SOLVIBILITA DEL GARANTE NEL PRICING DELLE POLIZZE LINKED CON MINIMO

LA SOLVIBILITA DEL GARANTE NEL PRICING DELLE POLIZZE LINKED CON MINIMO LA SOLVIBILITA DEL GARANTE NEL PRICING DELLE POLIZZE LINKED CON MINIMO Paola Biffi Università Cattolica del Sacro Cuore Sede di Milano Ist. di Econometria e Matematica per le Decisioni Economiche, Finanziarie

Dettagli

Scienze XXXXX bancarie, finanziarie e assicurative FOTO. Facoltà di. Lauree magistrali. Milano a.a. 2013-2014. www.unicatt.it. Percorsi Formativi

Scienze XXXXX bancarie, finanziarie e assicurative FOTO. Facoltà di. Lauree magistrali. Milano a.a. 2013-2014. www.unicatt.it. Percorsi Formativi Percorsi Formativi Facoltà di Scienze XXXXX bancarie, finanziarie e assicurative FOTO Lauree magistrali www.unicatt.it Milano a.a. 2013-2014 www.unicatt.it INDICE Scienze bancarie, finanziarie e assicurative

Dettagli

Capitolo 7: Domanda con il reddito in forma di moneta

Capitolo 7: Domanda con il reddito in forma di moneta Capitolo 7: Domanda con il reddito in forma di moneta 7.1: Introduzione L unica differenza tra questo capitolo e il precedente consiste nella definizione del reddito individuale. Assumiamo, infatti, che

Dettagli

Private Wealth Management

Private Wealth Management Private Wealth Management 1 I team Gruppo Fideuram dedicati alla clientela Private 2 Risk Management Key Clients Gestioni Private Private Banker Le migliori professionalità del Gruppo Fideuram si uniscono

Dettagli

Analisi dei dati relativi all andamento del tasso Euribor dal 2005 al 2015

Analisi dei dati relativi all andamento del tasso Euribor dal 2005 al 2015 Analisi dei dati relativi all andamento del tasso Euribor dal 5 al 15 Dott David A ristei Dottssa M anuela G allo Università degli Studi di Perugia Premessa Le accuse di manipolazione dei tassi di interesse

Dettagli

RUOLO DEI CARE GIVERS

RUOLO DEI CARE GIVERS RUOLO DEI CARE GIVERS Antonella Surbone, MD PhD FACP Professor of Medicine New York University Novi Ligure, January 16 th, 2009 Demographics of ageing Elderly population in the US people > 65 are the

Dettagli

La Mission di UBI Pramerica

La Mission di UBI Pramerica La Mission di UBI Pramerica è quella di creare valore, integrando le competenze locali con un esperienza globale, per proteggere e incrementare la ricchezza dei propri clienti. Chi è UBI Pramerica Presente

Dettagli

Rating interni e controllo del rischio di credito

Rating interni e controllo del rischio di credito Rating interni e controllo del rischio di credito La valutazione del rischio delle operazioni di project finance Stefano Gatti Newfin Bocconi Milano, 31 marzo 2004 1 Agenda Introduzione: Basilea 2 e operazioni

Dettagli

Utilizzo degli ETF nella costruzione di portafogli diversificati e efficienti

Utilizzo degli ETF nella costruzione di portafogli diversificati e efficienti Utilizzo degli ETF nella costruzione di portafogli diversificati e efficienti Fausto Tenini - Analista Quantitativo presso Ufficio Studi MF-MilanoFinanza - Prof. presso Univ. Statale di Milano, facoltà

Dettagli

La tutela e gestione del risparmio in un mondo che cambia radicalmente. Luca Fiorani. Modena, 3 Giugno 2014

La tutela e gestione del risparmio in un mondo che cambia radicalmente. Luca Fiorani. Modena, 3 Giugno 2014 La tutela e gestione del risparmio in un mondo che cambia radicalmente Luca Fiorani Modena, 3 Giugno 2014 Un po di chiarezza Il promotore finanziario Il promotore finanziario (art. 31 del Testo Unico della

Dettagli

Note introduttive Il software econometrico Easy Reg è scaricabile gratuitamente da internet (http://econ.la.psu.edu/~hbierens/easyreg.

Note introduttive Il software econometrico Easy Reg è scaricabile gratuitamente da internet (http://econ.la.psu.edu/~hbierens/easyreg. Note introduttive Il software econometrico Easy Reg è scaricabile gratuitamente da internet (http://econ.la.psu.edu/~hbierens/easyreg.htm) Per importare i dati in Easy Reg bisogna: 1. Cambiare le impostazioni

Dettagli

Il nuovo player del risparmio gestito

Il nuovo player del risparmio gestito Il nuovo player del risparmio gestito I sentieri battuti sono per gli uomini battuti Eric Johnston La 3P Sim spa è una Società di Intermediazione Mobiliare. La Società nasce in risposta ai bisogni di

Dettagli

Regressione Lineare con un Singolo Regressore

Regressione Lineare con un Singolo Regressore Regressione Lineare con un Singolo Regressore Quali sono gli effetti dell introduzione di pene severe per gli automobilisti ubriachi? Quali sono gli effetti della riduzione della dimensione delle classi

Dettagli

IL CONTROLLO DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEL PORTAFOGLIO

IL CONTROLLO DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEL PORTAFOGLIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura Economica IL CONTROLLO DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEL PORTAFOGLIO ALESSANDRO BIANCHI 20 Novembre 2014 Indice Introduzione: cosa intendiamo

Dettagli

Il servizio di consulenza avanzata in materia di investimenti

Il servizio di consulenza avanzata in materia di investimenti Il servizio di consulenza avanzata in materia di investimenti Milano, 27 giugno 2013 Prof. Emanuele Maria Carluccio Prof. Paolo Antonio Cucurachi Le legittime esigenze del cliente Dal proprio consulente

Dettagli

BNI New Strategy. Gruppo Aviva. Offerta pubblica di sottoscrizione di BNI NEW STRATEGY, prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked.

BNI New Strategy. Gruppo Aviva. Offerta pubblica di sottoscrizione di BNI NEW STRATEGY, prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked. BNI New Strategy Offerta pubblica di sottoscrizione di BNI NEW STRATEGY, prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked. Il presente Prospetto Informativo completo si compone delle seguenti parti:

Dettagli

La valutazione dei titoli azionari mediante il Residual Income Model. Piacenza, 9 giugno 2008

La valutazione dei titoli azionari mediante il Residual Income Model. Piacenza, 9 giugno 2008 La valutazione dei titoli azionari mediante il Residual Income Model Piacenza, 9 giugno 2008 Breve bibliografia Il Residual Income Model (RIM), talvolta indicato come EBO dalle iniziali dei tre autori

Dettagli

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DELLE ALTRE FORME DI FINANZIAMENTO. Docente: Prof. Massimo Mariani

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DELLE ALTRE FORME DI FINANZIAMENTO. Docente: Prof. Massimo Mariani TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DELLE ALTRE FORME DI FINANZIAMENTO Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il costo del capitale stima del costo del capitale stima del costo del capitale di aziende operanti

Dettagli

Validazione dei sistemi di rating

Validazione dei sistemi di rating Validazione dei sistemi di rating Aspetti di business e metodologici III Convention Aifirm Milano, 18 Ottobre 2002 Agenda Il contesto di riferimento Le implicazioni di business e di processo Le implicazioni

Dettagli

Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE

Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza Modalità, Organizzazione e Procedure Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE A PREMESSA...2 1. Normativa di riferimento...2 D APPROPRIATEZZA...4

Dettagli

ANALISI DEL PROFILO DI RISCHIO DEGLI ISCRITTI E DEI POTENZIALI ADERENTI

ANALISI DEL PROFILO DI RISCHIO DEGLI ISCRITTI E DEI POTENZIALI ADERENTI Principal Prof. Gennaro Olivieri Partner scientifico Prof.ssa Paola Fersini Partners Giuseppe Melisi Annalisa Lenti Sede legale, amministrativa e operativa 00193 Roma Via Alberico II, 35 Tel./Fax: +39

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle famiglie 2007 Sessione Parallela A2 L efficienza nel credito

Dettagli

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche A13 Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale Il ruolo della funzione di risk management delle banche Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

Risk Management: la visione integrata dei rischi

Risk Management: la visione integrata dei rischi Risk Management: la visione integrata dei rischi ATEX Day FIRENZE, 11 luglio 2011 Mauro A. Del Pup Blog Risk Management: http://delpup.wordpress.com Risk management: una definizione I Rischi sono congeniti

Dettagli

IL VALORE ECONOMICO DELLA SCELTA UNIVERSITARIA Massimo Anelli e Giovanni Peri UC Davis e FRDB. 11 Dicembre 2013

IL VALORE ECONOMICO DELLA SCELTA UNIVERSITARIA Massimo Anelli e Giovanni Peri UC Davis e FRDB. 11 Dicembre 2013 IL VALORE ECONOMICO DELLA SCELTA UNIVERSITARIA Massimo Anelli e Giovanni Peri UC Davis e FRDB 11 Dicembre 2013 Laurea, Salario e Carriera Quali corsi di Laurea sono associati a migliori salari? Quali corsi

Dettagli

Uniplan 5 Bonus. Gruppo Aviva. Aviva S.p.A. Offerta al pubblico di UNIPLAN 5 BONUS prodotto finanziario-assicurativo di tipo Unit Linked.

Uniplan 5 Bonus. Gruppo Aviva. Aviva S.p.A. Offerta al pubblico di UNIPLAN 5 BONUS prodotto finanziario-assicurativo di tipo Unit Linked. Uniplan 5 Bonus Offerta al pubblico di UNIPLAN 5 BONUS prodotto finanziario-assicurativo di tipo Unit Linked. Scheda Sintetica Informazioni Generali Informazioni Specifiche Condizioni di Assicurazione

Dettagli

La determinazione dell equilibrio finanziario nelle imprese

La determinazione dell equilibrio finanziario nelle imprese La determinazione dell equilibrio finanziario nelle imprese La ricerca dell equilibrio fra teoria e vincoli Fabrizio Bencini Partner Kon Spa, dottore commercialista e revisore contabile Leonardo Filippini

Dettagli

CURRICULUM VITAE DI FABIOMASSIMO MANGO

CURRICULUM VITAE DI FABIOMASSIMO MANGO CURRICULUM VITAE DI FABIOMASSIMO MANGO INFORMAZIONI PERSONALI Cognome: Mango Nome: Fabiomassimo Data di nascita: 01.01.1970 Comune di Nascita: Castrovillari (CS) Nazionalità: italiana Telefono mobile:

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK16U

STUDIO DI SETTORE TK16U ALLEGATO 7 NOTA TECNICA E METODOLOGICA EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TK16U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L evoluzione dello Studio di Settore ha il fine

Dettagli

La realtà di Banca Aletti

La realtà di Banca Aletti CAPIRE CAPIRE E GESTIRE GESTIRE I RISCHI RISCHI FINANZIARI FINANZIARI Sistemi di risk management a confronto: La realtà di Banca Aletti Christian Donati Milano, 7 Novembre 2011 - Sala Convegni S.A.F. SCUOLA

Dettagli

Le distorsioni comportamentali e la consulenza finanziaria

Le distorsioni comportamentali e la consulenza finanziaria Le distorsioni comportamentali e la consulenza finanziaria 1. Il ruolo della consulenza finanziaria secondo la finanza comportamentale La finanza comportamentale individua nella consulenza lo strumento

Dettagli

La normativa regolamentare della consulenza finanziaria

La normativa regolamentare della consulenza finanziaria LA CONSULENZA FINANZIARIA La normativa regolamentare della consulenza finanziaria Edoardo Guffanti - Nunzia Melaccio Commissione Banche e Intermediari Finanziari ODEC Milano 22 marzo 2012 - Milano S.A.F.

Dettagli

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso PIANO DI STUDI Laurea in Economia, commercio internazionale e mercati finanziari (DM 270/04) L-33 Bachelor degree in Italian and in English (2 curricula in English) 1) CURRICULUM: Economia internazionale

Dettagli

Asset allocation and Mergers & Acquisitions. Prof. Gianluca Oricchio, PhD, CPA

Asset allocation and Mergers & Acquisitions. Prof. Gianluca Oricchio, PhD, CPA Asset allocation and Mergers & Acquisitions Prof. Gianluca Oricchio, PhD, CPA Asset allocation vs mergers & acquisitions: does it pay? Per saper effettuare una scalata di successo occorre conoscere le

Dettagli

La gestione tattica di un portafoglio target volatility

La gestione tattica di un portafoglio target volatility La gestione del Portfolio tattico e Money Management La gestione tattica di un portafoglio target volatility Relatore: Federico Pitocco Business Development Manager Morningstar Investment Management Europe

Dettagli

CONSULENZA AVANZATA Obiettivi e evoluzione del modello organizzativo. Convegno Sec - 22 ottobre 2010

CONSULENZA AVANZATA Obiettivi e evoluzione del modello organizzativo. Convegno Sec - 22 ottobre 2010 CONSULENZA AVANZATA Convegno Sec - 22 ottobre 2010 - Indice - - Premessa e benchmark di mercato - Come cambia il modello di relazione con il cliente - Come cambia il raccordo tra direzioni centrali e rete

Dettagli

Strategie alternative ai metodi sperimentali

Strategie alternative ai metodi sperimentali Strategie alternative ai metodi sperimentali 1. 2. I quasi-esperimenti (non sperimentali) prevedono la descrizione del fenomeno in esame. Il metodo descrive le variabili in esame, non prevede alcuna manipolazione

Dettagli

Asset Management Bond per residenti in Italia

Asset Management Bond per residenti in Italia Asset Management Bond per residenti in Italia Agosto 2013 1 SEB Life International SEB Life International (SEB LI www.seb.ie) società irlandese interamente controllata da SEB Trygg Liv Holding AB, parte

Dettagli

Elvira Anna Graziano. Curriculum Vitae

Elvira Anna Graziano. Curriculum Vitae Elvira Anna Graziano Curriculum Vitae DATI ANAGRAFICI Cognome e Nome Elvira Anna Graziano Data di nascita 06/02/1984 Luogo di nascita Cariati (CS) Residenza Via Beata Teodora, 14 87067 Rossano (CS) Domicilio

Dettagli

II sessione d esame per il conseguimento del Diploma uropean Financial Services D FS Venerdì 12 giugno 2009

II sessione d esame per il conseguimento del Diploma uropean Financial Services D FS Venerdì 12 giugno 2009 DEFS01 II sessione d esame per il conseguimento del Diploma uropean Financial Services D FS Venerdì 12 giugno 2009 Prova D FS 1 KNOWLEDGE 1 Il rischio specifico di un titolo azionario: 1. è quantificabile

Dettagli

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Un Fondo Comune può essere paragonato ad una cassa collettiva dove confluiscono i risparmi di una pluralità di risparmiatori. Il denaro che confluisce in questa

Dettagli

IL CAMPIONAMENTO NELLA REVISIONE CONTABILE

IL CAMPIONAMENTO NELLA REVISIONE CONTABILE Università RomaTre. Facoltà di Economia Federico Caffè Prof. Ugo Marinelli Anno Accademico 07-08 1 PREMESSA RACCOLTA SUFFICIENTI ED APPROPRIATI ELEMENTI PROBATIVI LA È SVOLTA IN BASE A VERIFICHE DI CAMPIONI

Dettagli