Esami di Stato conclusivi del corso di studi. ( L. 425/97 D.P.R. 323/98 Art. 5.2 )

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esami di Stato conclusivi del corso di studi. ( L. 425/97 D.P.R. 323/98 Art. 5.2 )"

Transcript

1 Esami di Stato conclusivi del corso di studi ( L. 425/97 D.P.R. 323/98 Art. 5.2 )

2 IL DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO (Regolamento, art. 5) Tale documento rappresenta il testo elaborato dai docenti del Consiglio di classe, che testimonia il percorso formativo compiuto dalla classe nell ultimo anno. Esso esplicita Presentazione e Profilo professionale della classe i contenuti (vedi i programmi svolti allegati); i metodi, i mezzi, gli spazi e i tempi del percorso formativo (vedi relazioni finali); i criteri e gli strumenti di valutazione adottati (vedi relazioni finali); gli obiettivi raggiunti (vedi relazioni finali); Modalità di recupero dei debiti formativi; Simulazione terza prova scritta e griglia di valutazione. Alternanza Scuola Lavoro. Proposte di griglie per le prove scritte e per il colloquio pluridisciplinare Il Documento verrà affisso all albo dell Istituto e consegnato in copia a ciascun candidato. ALLEGATI: Programmi dettagliati delle singole discipline Testi delle simulazioni Terza prova Griglie per la valutazione della 1^ - 2^ - 3^ prova e del colloquio 1. PROFILO PROFESSIONALE DEL TECNICO DEI SERVIZI AZIENDALI Il tecnico della gestione aziendale è in possesso di una valida cultura di base e di una preparazione professionale che gli consentono sicure competenze operative nell'elaborazione della scrittura, nonché nello svolgimento di mansioni esecutive di ufficio, anche con margini di autonomia operativa, con prestazioni che assicurino il funzionamento efficiente dei vari uffici. In particolare l'operatore della gestione aziendale svolge compiti di redazione della corrispondenza ordinaria, anche in due lingue straniere, di protocollo e di archivio, di compilazione di documenti, di esecuzione e di rielaborazione delle rilevazioni contabili di gestione aziendale e di videoscrittura sull'elaboratore elettronico. La polivalenza e la flessibilità della sua preparazione offrono una garanzia di adeguamento alle esigenze del mondo del lavoro e di aderenza alla dinamica della riconversione lavorativa. E una figura professionale capace di intervenire attivamente nella gestione e controllo dell'azienda. Le sue competenze professionali, polivalenti e flessibili, scaturiscono da un corso di studi che assicura una buona cultura generale, sviluppa capacità logico-espressive, fornisce conoscenze delle strutture organizzative e dei meccanismi operativi aziendali. E' in grado di organizzare e gestire l'azienda con l'ausilio dell'informatica e dell'office automation. Nell'area di specializzazione del 4 e 5 anno approfondisce i self - professionali, effettua simulazioni aziendali e entra direttamente in contatto con il mondo del lavoro attraverso esperienze di stage. Prospettive: Impiego in aziende ed enti pubblici: uffici amministrativi e contabili, studi di liberi professionisti, notai, avvocati, commercialisti. Proseguimento degli studi con iscrizione ai corsi di qualsiasi facoltà universitaria.

3 COMPOSIZIONE DELLA CLASSE N. COGNOME NOME CREDITI 2011/2012 A.S. CREDITI 2012/2013 A.S. 1 Aiello Jennifer * Ariosta Rosetta Bartoletta Emanuela * Maruca Miceli Giulia 5 5 Mazzotta Anastasia Popescu Alexandra * Rocca Yilenia Spizzirri Maria Vittoria * Sposato Maria Teresa Stellitano Rosy Stranges Enza * Torchia Morena Vaccaro Angela 6 5 ( *) = Alunne promosse con debito PROFILO DELLA CLASSE AL 9 MAGGIO 2014 La classe V B è composta da 13 ragazze, quasi tutte pendolari in quanto residenti in piccoli paesi o frazioni del comprensorio lametino. Le alunne, provenienti dalla stessa Quarta, hanno seguito lo stesso percorso fin dal primo anno, con gli stessi insegnanti di quasi tutte le discipline, eccetto due poiché una si è inserita all inizio del terzo anno, l altra nel quarto. Sono state solidali e compatte nei loro comportamenti di fronte alle proposte scolastiche: nella partecipazione agli incontri formativi, alle varie conferenze, alle gite didattiche, ai viaggi d istruzione, organizzati nell ambito della programmazione scolastica. La frequenza è stata in genere regolare, salvo alcune giornate di vacanza che hanno preso arbitrariamente di tanto in tanto. Nei confronti degli insegnati si sono mostrate corrette e rispettose; non tutte e non sempre però hanno mantenuto, nella pratica, quanto promesso o manifestato a parole.

4 Per quanto concerne l applicazione allo studio è da rilevare che essa non è stata sempre costante né nel corso dei cinque anni, né durante quest ultimo percorso. In alcune discipline un buon numero di alunne hanno evidenziato buone capacità di apprendimento, interesse e partecipazione attiva, tuttavia l impegno nella rielaborazione personale dei contenuti è stato saltuario ed, in diversi casi, scarso e superficiale, maggiormente in alcune materie nelle quali, nel primo quadrimestre, più di un alunna ha ottenuto risultati insufficienti ed, a tutt oggi, le lacune non sono state pienamente colmate da tutte, nonostante gli insegnanti abbiano attuato pause didattiche, semplificazioni e strategie varie per permettere loro un totale recupero, in termini di interessi e di profitto, per conseguire una preparazione finale discreta o sufficiente. Molte si sono accontentate del minimo, ed altre non hanno ancora superato tutte le difficoltà poiché perseverano nei loro atteggiamenti di svogliatezza e di superficialità. Per costoro tuttavia, il Consiglio di classe non lesinerà, finché sarà possibile, ulteriori interventi mirati ad un loro totale recupero. Lo svolgimento delle attività, in tutte le discipline, ha subito ritardi e più o meno lievi riduzioni sia per la negligenza delle alunne, sia per la loro partecipazione alle varie attività extracurriculari, compreso il Progetto di Alternanza Scuola- Lavoro che, nonostante apportino contributi positivi alla loro formazione, hanno rallentano e accorciato la trattazione dei contenuti delle singole programmazioni disciplinari. E da sottolineare pure la scarsa partecipazione dei genitori alla vita scolastica dei propri figli, anche durante gli incontri Scuola Famiglia. OBIETTIVI FORMATIVI: 1. Acquisizione di comportamenti adeguati alla vita scolastica; frequenza assidua, attiva partecipazione al dialogo educativo, correttezza nei rapporti interpersonali; 2. Maturazione e rafforzamento dell'autostima; fiducia nelle proprie capacità; 3. Acquisizione dell'abitudine di risolvere i conflitti attraverso il dialogo e la discussione; 4. Acquisizione della consapevolezza di eventuali atteggiamenti di dipendenza e sottomissione nei confronti di compagni pseudo - leder; 5. Acquisizione di un metodo di studio adeguatamente sistematico ed autonomo; 6. Acquisizione di coerenza e costanza nell'impegno 7. Acquisizione della capacità di autovalutazione. STRATEGIE MESSE IN ATTO PER IL SUPPORTO ED IL RECUPERO DEI DEBITI FORMATIVI Nel corrente anno scolastico, data l esiguità dei fondi a disposizione, il Collegio docenti ha deliberato sia per il primo quadrimestre sia per il secondo, il recupero nelle ore curriculari effettuata dagli stessi docenti delle varie discipline secondo le metodologie che ognuno ha ritenuto più idonee. INIZIATIVE COMPLEMENTARI/INTEGRATIVE La classe ha partecipato a diversi Convegni e dibattiti su temi attinenti al settore e a visite guidate. In particolare ha fatto le seguenti esperienze: - Giornata di orientamento universitario presso l UNICAL di Cosenza. - Visita al Salone dello Studente dell Agroalimentari di Lamezia Terme. - Orientamento organizzato da Orienta Calabria presso il Parco Peppino Impastato di Lamezia Terme. - Orientamento dello I E D. - Visita aziendale a Cittanova: aziende Stocco & Stocco e Molino Pastificio Anselmo.

5 - Incontro dibattito con la Guardia di Finanza. - Conferenza Roberta Lanzino. - Conferenza Fisco-Scuola. - Incontro con Gregorio Corigliano. - Conferenza-spettacolo su Shakespeare. METODOLOGIE MESSE IN ATTO Nel corso dell anno, ogni insegnante ha finalizzato la propria attività didattica e formativa al raggiungimento degli obiettivi prefissati secondo un impostazione dinamica, ossia pronta alla verifica a alla retroattività, ogni qualvolta se ne sia presentata la necessità, per il completamento del processo formativo degli allievi. In generale sono state utilizzate: Lezioni frontali scambi e confronto di idée Dialogo aperto - Lezioni partecipative, compiti scritti, Correzioni di esercizi assegnati per casa, riflessioni e discussione di gruppo sugli eventuali errori commessi - Pause didattiche, rivolte a tutta la classe, per favorire l apprendimento delle tematiche più complesse - Percorsi individualizzati STRUMENTI DI OSSERVAZIONE, DI VERIFICA E DI VALUTAZIONE GRIGLIE D'OSSERVAZIONE DEL COMPORTAMENTO E DEL PROCESSO DI APPRENDIMENTO 1) Monitoraggio delle assenze; 2) Monitoraggio delle eventuali note disciplinari; 3) Monitoraggio dei comportamenti relazionali tra gli stessi allievi e tra allievi ed insegnanti. 4) Monitoraggio della partecipazione al dialogo educativo. STRUMENTI PER LA VERIFICA FORMATIVA 1) Questionari; 2) Verifiche scritte e orali; 3) Test a risposta semplice e multipla vero o falso; STRUMENTI PER LA VERIFICA SOMMAVA 1) Prove strutturate e semi-strutturate; 2) Giudizio globale che ha tenuto tenga in conto non solo della qualità e quantità dei contenuti, ma anche della partecipazione, dell impegno dimostrati e degli atteggiamenti tenuti in classe. FATTORI PRESI IN CONSIDERAZIONE PER LA VALUTAZIONE PERIODICA E FINALE(con riferimento alla situazione individuale di partenza, alla classe, ad un criterio assoluto) 1) Acquisizione dei contenuti disciplinari rispetto alla situazione di partenza; 2) Maturazione delle capacità e delle abilità conseguenti agli interventi didattici proposti; 3) Acquisizioni di attitudini, capacità e competenze; 4) Interesse, impegno, partecipazione alle attività.

6 DEFINIZIONE DI CRITERI COMUNI PER LA CORRISPONDENZA TRA VOTI E LIVELLI DI CONOSCENZA E ABILITÀ Voto 2-3: partecipazione passiva al lavoro scolastico; scarse conoscenze; carenza delle abilità richieste ; Voto 4: conoscenza superficiale e frammentaria ; Voto 5: acquisizione parziale dei contenuti; Voto 6: conoscenza degli argomenti principali ed essenziali, comprensione abbastanza adeguata delle relazioni fra gli elementi studiati. Voto 7-8: impegno continuo e partecipazione attiva, conoscenze approfondite e complete; Voto9-10: impegno costante ed interessato, conoscenze complete, senso critico, abilità cognitive e logiche. ATTIVITÀ DIDATTICHE SVOLTE Per ciò che concerne le specifiche attività curricolari si rinvia ai programmi svolti delle singole discipline, allegati al presente documento. MODULO INTERDISCIPLINARE: Il lavoro ( dal punto di vista economico, giuridico, storico ed etico -morale); discipline coinvolte: Economia, Storia, Diritto e Religione. E stato realizzato il seguente corso di Alternanza Scuola- Lavoro: Addetto ai fatti amministrativi contabili delle piccole e medie imprese AREA PROFESSIONALIZZANTE La classe, nell ambito dell area professionalizzante, ha seguito il seguente corso: Addetto ai fatti amministrativi contabili delle piccole e medie imprese presso l Agenzia delle Entrate e la sede dell INPS, organizzato in funzione dei bisogni formativi del territorio e delle imprese, allo scopo di fare acquisire ai partecipanti: 1. Conoscenze delle problematiche gestionali delle aziende; 2. esperienza di etica del lavoro, di adattamento alle diverse situazioni, di rispetto dei tempie delle mansioni affidate. FASI E ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO 1^ fase: presentazione del Progetto ai Corsisti = 2 ore 2^ fase: lezioni teoriche = 14 ore a cura dei Docenti interni per approfondimenti e integrazioni di programma in preparazione degli stage. 3^ fase: Stage = 50 ore 4^ fase: monitoraggi intermedi = 2 ore nei quali gli studenti rientrano in classe per monitorare le varie esperienze 5^ fase: verifica finale con elaborazione di Questionari a Studenti e Tutors aziendali valutazione delle relazioni individuali degli studenti. TOTALE = ORE = 66 OBIETTIVI DEL PROGETTO La finalità del progetto è stata quella di fornire agli allievi i supporti teorici e metodologici necessari al completamento della formazione scolastica, diretta all inserimento nella realtà turistica produttiva, un settore del mercato del lavoro che, si ritiene, necessiti di personale specializzato e

7 perciò in grado, nel prossimo futuro, di agevolare le possibilità occupazionali degli studenti coinvolti. SIMULAZIONI DELLA TERZA PROVA SCRITTA. Durante il corso dell anno sono state effettuate due simulazioni della terza prova scritta, con quesiti a risposta multipla (Tipologia B) e quesiti a risposta singola (Tipologia C). Prima simulazione : nel mese di marzo Seconda simulazione: nel mese di Maggio Discipline coinvolte: Storia, Diritto, Economia Aziendale, Lingua Inglese, Informatica. Obiettivi: conoscenza e comprensione degli argomenti oggetto della prova Durata della prova: 100 minuti MATERIE: ITALIANO E STORIA CONSUNTIVO DELLE ATTIVITA PROFILO DELLA CLASSE Le tredici alunne che compongono la Quinta B T.G.A. sono state insieme per i cinque anni del corso tranne due che, arrivate all inizio del terzo e del quarto, si sono inserite perfettamente nel gruppo classe. Io ho seguito la loro graduale e globale crescita e posso dire che sono state in genere cordiali e rispettose nei confronti degli insegnanti, ma non sempre tutte corrette e ligi alle regole scolastiche, soprattutto per quanto concerne la partecipazione attiva alla trattazione dei vari argomenti che è stata irregolare, a volte superficiale e, in alcuni casi, scarsa ( non soltanto nell ultimo anno). Poche, perciò, hanno raggiunto le conoscenze e le abilità necessarie per poter affrontare al meglio e con sicurezza le prove finali; alcune, pur avendone le capacità, non si sono applicate adeguatamente e con metodo personale per affinare ed approfondire le conoscenze, hanno condotto uno studio piuttosto mnemonico e superficiale, raggiungendo appena la sufficienza; mentre poche alunne, fin dall inizio, hanno dato poca importanza alle discipline e si sono mostrate indolenti ed apatiche, rinviando di giorno in giorno l applicazione allo studio degli argomenti, per cui non hanno ancora conseguito nemmeno gli obiettivi minimi. OBIETTIVI FORMATIVI. 1) Acquisizione di comportamenti adeguati alla vita scolastica: frequenza assidua, attiva partecipazione al dialogo educativo, correttezza nei rapporti interpersonali ; 2) maturazione e rafforzamento dell autostima : fiducia nelle proprie capacità; 3) acquisizione dell abitudine di risolvere i conflitti attraverso il dialogo e la discussione 4) acquisizione della consapevolezza di eventuali atteggiamenti di dipendenza e sottomissione nei confronti di compagni pseudo leader; 5) acquisizione di un metodo di studio adeguatamente sistematico ed autonomo; 6) acquisizione di coerenza e costanza nell impegno; 7) acquisizione della capacità di autovalutazione. OBIETTIVI SPECIFICI: 1) Saper rapportare il testo alla propria esperienza e formulare un motivato giudizio critico; 2) Comprendere il ruolo dell autore nel suo contesto storico sociale ;

8 3) Saper condurre una lettura diretta del testo, collocandolo in un quadro di confronto e di relazioni ampie ; 4) Saper affrontare con consapevolezza ed autonomia ogni tipo di lettura ; 5) Saper produrre testi scritti utilizzando adeguate tecniche e linguaggi specifici ; 6) Saper esporre in maniera adeguata i vari contenuti e le proprie esperienze. 7) Saper riconoscere, analizzare e produrre alcune particolari tipologie testuali (Abilità linguistiche): 8) Saper progettare e produrre testi espositivi ed argomentativi - (costruzione del tema-saggio); Saper redigere un saggio breve - Saper redigere un articolo di giornale. 9) Attualmente solamente pochi alunni hanno raggiunto pienamente gli obiettivi di cui sopra, poiché hanno seguito con una certa assiduità le varie attività, cercando di decodificare ed interiorizzare i messaggi culturali ; altri, meno pronti nella comprensione e nella rielaborazione personale dei contenuti, sono insicuri ed impacciati nell esprimersi con linguaggio appropriato; un gruppo di allievi, infine, non ha ancora dato segni di ripresa e continua ad ignorare le sollecitazioni dell insegnante verso un serio impegno nello studio perciò, per il momento, non ha conseguito risultati positivi. CONTENUTI ITALIANO: 1. Prospettive storiche e culturali del Novecento europeo; (Caratteri generali; La lezione del Novecento) 2. Il decadentismo (Caratteri generali, genesi del Decadentismo, Romanticismo e Decadentismo, La poetica, Il Decadentismo in Italia). Lettura: L estetismo di Dorian Gray di Oscar Wilde 3. Giovanni Pascoli (La biografia, il pensiero, la poetica del Fanciullino, classicismo e decadentismo in Pascoli, analisi delle opere, motivi struttura e forme della poesia pascoliana). Analisi delle opere: X Agosto Lavandare Novembre Arano Il gelsomino notturno 4. Gabriele D Annunzio (La biografia, il pensiero, analisi delle opere). Analisi delle opere: L Incipit da Il piacere L eroe da Novelle della Pescara La pioggia nel pineto I pastori Comporre al buio. 5. Luigi Pirandello (La biografia, il pensiero, genesi culturale e biografica del pensiero di Pirandello, vecchio e nuovo nel pensiero di Pirandello, la poetica dell umorismo, analisi delle opere, il teatro, il linguaggio e lo stile, validità dell opera di Pirandello, breve storia della critica). Analisi delle opere: La carriola L umorismo - 6. Italo Svevo.( La biografia, I tre grandi romanzi, Le opere minori, Svevo nella storia della critica) Analisi delle opere: L ultima sigaretta La conflagrazione finale. 7. Poeti e scrittori tra ottocento e novecento: l Ermetismo (caratteri generali dell Ermetismo, contenuti e forme, la poesia ermetica e il fascismo, la poesia ermetica e il pubblico ). 8. Eugenio montale:( Cenni biografici, la poetica, la divina indifferenza, Ossi di seppia, Le occasioni, Le ultime raccolte, confronti, le opere in prosa). Analisi delle opere: Non chiederci la parola - Meriggiare pallido e assorto - Spesso il male di vivere ho incontrato - La casa dei doganieri - Cigola la carrucola nel pozzo Non recidere forbice quel volto. 9. Giuseppe Ungaretti: ( Cenni biografici, la poetica, lo svolgimento dei contenuti e delle forme, le impressioni di guerra, una forma libera e antiretorica, l ultimo Ungaretti, considerazioni conclusive, Le radici della poesia, L esperienza della guerra, La ricerca poetica successiva). Analisi delle opere: Veglia - Fratelli Soldati - La madre.

9 COMPITI SVOLTI IN CLASSE AL 15 MAGGIO 2014: 1 quadrimestre N 03. (di Italiano) 2 quadrimestre N 03. (di Italiano) 1 quadrimestre N 01 (di Storia) 2 quadrimestre N 01 (di Storia) MATERIALI ED ATTREZZATURE: Libri di testo, fotocopie. TESTO ADOTTATO: Italiano: PROF. IT (Testi e Storia letteraria) di E. Magliozzi C. Attalienti G. Cotroneo M. Gallo - -E. Messina CASA EDITRICE: Fratelli Ferraro CONTENUTI STORIA: 1. L età dei nazionalismi. L Italia umbertina L età giolittiana. L emigrazione italiana Venti di guerra La Prima guerra mondiale 2. La Notte della democrazia Il dopoguerra La Rivoluzione sovietica Il fascismo Lo stalinismo La Grande Depressione Il nazismo 3. Ricostruire nell equilibrio del terrore La Seconda guerra mondiale La Guerra parallela dell Italia TESTO ADOTTATO: IL GUSTO DELLA STORIA (L età del disordine mondiale). Di Vittoria Calvani EDITORE: Arnoldo Mondatori MATERIA: INFORMATICA GESTIONALE Le alunne hanno dimostrato differenti atteggiamenti nella conduzione dello studio in classe ed a casa. Anche se talune dimostrano di avere buone capacità di apprendimento, i risultati sono stati raggiunti in ragione dell impegno profuso, in diversi casi al limite della sufficienza. In considerazione di ciò ho proposto i contenuti della disciplina in modo assai lento per consentire a chi ha mancato di ottemperare ai propri obblighi di studio a casa di poter comunque seguire la progressione logica degli apprendimenti. Il primo periodo didattico è stato dedicato allo studio della metodologia per la progettazione e realizzazione di basi di dati, in tale contesto è stato possibile verificare gli apprendimenti tramite la somministrazione di esercizi che essendo stati ripetuti un notevole numero di volte e formulati in modo assai semplice hanno portato a valutazioni anche molto positive. Nota dolente è stata invece la verifica orale degli apprendimenti di tipo più concettuale nel primo periodo e soprattutto nel secondo periodo didattico. Maggiormente nel

10 secondo periodo in quanto i contenuti disciplinari programmati per questa parte dell anno scolastico sono stati più spiccatamente discorsivi. OBIETTIVI Gli obiettivi posti ad inizio anno sono state raggiunti in modo per lo più sufficiente, con qualche eccezione di maggiore positività. Le alunne sono state stimolate ad analizzare i cambiamenti che l'informatizzazione delle attività ha prodotto nella gestione d'azienda e gli sviluppi di tali cambiamenti in continuo divenire per il rapido evolversi delle tecnologie informatiche. In questa ottica gli obiettivi si possono così sintetizzare: - conoscenza dell'organizzazione e della gestione delle basi di dati; - conoscenza del Sistema Informativo Aziendale e del Sistema Informatico; - conoscenza delle infrastrutture di rete nelle aziende e per la Pubblica Amministrazione. METODOLOGIE In classe è stata adotta la tradizionale lezione frontale con l uso della lavagna, impiegando metodi a carattere espositivo e sperimentale, inoltre sono state tenute alcune lezioni dimostrative con l uso del computer in classe riguardanti il DBMS Access con la speranza di interessare maggiormente le alunne e l obiettivo di far loro conseguire apprendimenti pratici in cui applicare le conoscenze teoriche. VERIFICHE E VALUTAZIONE Nel corso dei due periodi didattici sono state effettuate verifiche scritte e alcune verifiche orali per consentire la valutazione dell apprendimento dell alunna. STRUMENTI PER LA VERIFICA FORMATIVA: Domande dal posto per verificare l'adeguatezza del metodo e degli strumenti; valutazione della partecipazione e degli interventi durante le ore di lezione. STRUMENTI PER LA VERIFICA SOMMATIVA: Prove scritte sotto forma di test a risposta multipla o aperta, risoluzione di problemi ed interrogazioni orali che hanno evidenziato sia i risultati raggiunti che i progressi nell'apprendimento rispetto ai livelli precedenti. LIBRO DI TESTO E STRUMENTI USATI: A. Lorenzi F. Gallizioli La gestione dei dati aziendali - Atlas Laboratorio informatico: Software: Microsoft Access Contenuti Modulo 1: I database - Le basi di dati - Le fasi di progettazione di una base di dati - Il modello concettuale dei dati: il modello E/R - Entità, attributi, associazioni - Tipi di associazioni - Il modello logico relazionale - La derivazione delle relazioni dal modello E/R al modello logico - Le operazioni relazionali: Selezione, Proiezione, Congiunzione

11 Modulo 2: Il DBMS Access - Le caratteristiche di Access - La creazione del database - La creazione delle tabelle - Le associazioni tra le tabelle - accenni sull ambiente QBE per la costruzione delle interrogazioni Modulo 4: Il sistema informativo aziendale - Sistema informativo e sistema informatico - I profili professionali dell'informatica - Le applicazioni informatiche per l azienda - Problemi di sicurezza nei sistemi informatici Modulo5: Reti per l'azienda e la pubblica amministrazione - Le infrastrutture di rete nelle aziende - Il commercio elettronico - I servizi finanziari in rete Altre parti del programma ancora da svolgere: Problemi di sicurezza sulle reti - La crittografia - La firma digitale - L e-government: strumenti e tecnologie per l amministrazione digitale - I reati informatici OBIETTIVI PREFISSATI: INGLESE CONOSCENZE: -Acquisizione di uso autonomo della lingua straniera e di una competenza comunicativa a livello medio in accordo con gli standard professionali suggeriti dalla U.E - contenuti concernenti la civiltà straniera con punti di raccordo con la propria cultura - introduzione alla letteratura inglese mediante lettura di testi brevi con autori moderni - elementi significativi del mondo economico e del commercio - fraseologia e lessico della transazione commerciale e ITC COMPETENZE - comprendere le idee principali e i particolari significativi di testi orali su una varietà di argomenti - recupero e potenziamento delle abilità linguistiche - ampliamento del linguaggio tecnico CAPACITA - Produrre in modo comprensibile e quanto più possibile corretto testi scritti di carattere quotidiano e specifico - Esprimersi con una sufficiente o discreta comprensibilità su argomenti di carattere quotidiano e tecnico (microlingua) OBIETTIVI CONSEGUITI: Gli obiettivi disciplinari sono stati raggiunti in modo diversificato. La classe si colloca su livelli mediamente mediocri. Solo pochi alunni hanno raggiunto gli obiettivi prefissati in modo adeguato. Parte degli allievi, invece, ha raggiunto una preparazione incompleta. Infine la preparazione di alcuni alunni risulta frammentaria e lacunosa STRUMENTI: Libro di testo, fotocopie, laboratorio linguistico.

12 METODO: Metodologia flessibile con alternanza di lezioni frontali, lettura di testi, conversazione e lavori di gruppo, attività comunicative libere. Attività di laboratorio. Il piano di lavoro è stato mirato allo sviluppo delle quattro abilità linguistiche fondamentali: ascoltare, parlare, leggere, scrivere. E stata scelta una progressione "a spirale" modulare per temi, cercando di allargare gli stessi temi, secondo una sempre maggiore creatività linguistica. Sono state approfondite le abilità scritte e orali, ritornando anche sulla microlingua affrontata nelle classi precedenti. Sono stati, altresì, ripresi e ampliati gli aspetti socioculturali, storici e geografici studiati durante l'anno scorso. La riflessione sulla lingua non è stata limitata all'aspetto grammaticale, ma ha interessato i modi di esprimersi in funzione alla situazione di chi parla e chi ascolta. Per quanto concerne lo studio della letteratura, considerando che viene iniziato in questa classe si è dovuto necessariamente fare delle scelte dei contenuti e degli autori tenendo conto del primo approccio e quindi sono stati privilegiati testi brevi o di media lunghezza di diverse forme letterarie. Ogni unità didattica ha avuto quattro momenti fondamentali: la comprensione, l'esposizione, il reimpiego e la verifica. Si è lavorato, comunque in stretta collaborazione con il consiglio di classe, in modo di stabilire i collegamenti trasversali tra le discipline. VERIFICHE E VALUTAZIONI: Tenendo presente i livelli di partenza ed i ritmi di apprendimento, per ogni singolo alunno, si è valutato l impegno, l interesse ed i progressi compiuti. Le verifiche proposte sono state di tipo oggettivo e soggettivo, constatando giornalmente e periodicamente l acquisizione dei contenuti proposti. Le verifiche svolte sono state effettuate attraverso test, interrogazioni, esercitazioni scritte e discussioni in classe. CONTENUTI SVOLTI MODULO 1 (Rafforzamento grammaticale) Unità di completamento e revision work MODULO 2 (Aspetti teorici e normativi del mondo commerciale) Fundamental of Commerce. Commerce and Trade - The production process The factors of production Kind of commodities The contract of sale - Trade (home trade - foreign trade import trade export trade wholesale and retail Aids to trade) Goods and service.- Visible and invisible trade. The balance of trade and the balance of payments - Marketing Business organisation Sole proprietor Partnership limited companies.- Cooperative societies. The impact of Information technology on Business MODULO 3 (Principali canali della comunicazione commerciale) Business letters The purpose and the general format - A full business transaction. (Enquiries, Replies) The plan of letters - Applying for a Job -The Curriculum Vitae The Telephone Memos Fax - . MODULO 4 (IL Regno Unito: aspetti storici, geografici, istituzionali e culturali) - The British Isles: The Land Highlands and Lowlands Rivers and lakes The climate.- The British People - London Parliament Britain s government - European Union - Globalization

13 - The industrial revolution. The Great war MODULO 5 (Letteratura inglese) Literary genres: Features of narrative text: novels and short story - setting, plot, narration, description, dialogue, the point of view. The rise and the development of the novel- The Victorian Age C. Dickens. The anti Victorian reaction: O. Wilde (The picture of Dorian Gray).The modern age Historical and social background - Modernism Joyce Poetry - The poetry of the 1930s) W.H. Auden (Refugee Blues). Drama - Shakespeare MODULO 6 (Information Technology) The Internet History & Definition Browsers and Search Engines Messages, Mail and Attachments - Getting on line Servers Providers Web Pages IT and the information revolution. RELIGIONE OBIETTIVI CONSEGUITI: Presa di coscienza dei grandi interrogativi sul mondo, sulla vita dell uomo, sul male per ricercare la radice ultima del proprio essere personale e il senso dell infinito della vita; Conoscenza delle problematiche etiche concernenti i problemi del lavoro e del progresso scientifico nei vari settori: la posizione cristiana; Conoscenza della realtà Chiesa presente nella società contemporanea e del suo impegno a favore della promozione umana; Capacità di introdurre nella propria vita morale il dinamismo di un miglioramento continuo, cercando di realizzare progressivamente i valori più alti: libertà, giustizia, solidarietà e responsabilità. CONTENUTI: Modulo 1: Etica Cristiana ed Etica Ambientale Unità 1 La questione ambientale: la difesa del pianeta; Problema ecologico come problema della qualità della vita; Uso delle risorse e rispetto della natura come dimensione dello sviluppo. Unità 2 L ecologia umana: la famiglia, il primo habitat da promuovere Modulo 2: Ricerca del senso della vita Unità 1: Le difficoltà della vita L antropocentrismo esasperato: la realizzazione di sé La vita è un cammino Modulo 3: Il lavoro Unità 1: Il lavoro come problema oggi Per nuove centralità Il lavoro come edificazione METODI DI INSEGNAMENTO Le lezioni in aula sono state prevalentemente frontali; i diversi argomenti sono stati sviluppati a livello di conversazione, stimolando gli alunni a partecipare con le proprie riflessioni. MEZZI E STRUMENTI DI LAVORO I mezzi sono stati: il libro di testo, fotocopie di articoli giornalistici e qualche documento del Magistero della Chiesa.

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

Documento del 15 maggio

Documento del 15 maggio Educazione&Scuola Documento del 15 maggio Esempi prodotti da: 1. Seminario presidi - Piemonte 2. IRRSAE del Veneto 3. IPSS "Bartolomeo Montagna" di Vicenza 4. IPSIA "Duca d'aosta" di Roma 5. ITSCG "Pier

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6.

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6. CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI Ambito Disciplinare 6 Programma d'esame CLASSE 75/A - DATTILOGRAFIA, STENOGRAFIA, TRATTAMENTO TESTI E DATI Temi

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli