REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE"

Transcript

1 Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. FIALE Aldo - Presidente - Dott. GRAZIOSI Chiara - Consigliere - Dott. PEZZELLA Vincenzo - Consigliere - Dott. SCARCELLA Alessio - rel. Consigliere - Dott. MENGONI Enrico - Consigliere - ha pronunciato la seguente: sentenza sul ricorso proposto da: - M.A., n. (OMISSIS); REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE avverso la sentenza della Corte d'appello di MILANO in data 10/02/2014; visti gli atti, il provvedimento denunziato e il ricorso; udita la relazione svolta dal consigliere Alessio Scarcella; udite le conclusioni del Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. FIMIANI Pasquale, che ha chiesto dichiararsi inammissibile il ricorso; udite, per il ricorrente, le conclusioni dell'avv. G. Torti, che ha chiesto accogliersi il ricorso. Svolgimento del processo 1. M.A. ha proposto appello avverso la sentenza della Corte d'appello di MILANO emessa in data 10/02/2014, depositata in data 5/03/2014, con cui veniva parzialmente riformata la sentenza del tribunale di MILANO del 31/10/2012, dichiarando non doversi procedere nei suoi confronti in ordine alle condotte di cui al D.Lgs. n. 74 del 2000, art. 2, per l'esercizio 2004 e per quelle di cui al D.Lgs. n. 74 del 2000, art. 8, per l'esercizio 2005, e rideterminando la pena nella misura di anni 2 di reclusione per i residui addebiti di concorso nell'emissione (D.Lgs. n. 74 del 2000, art. 8, limitatamente all'esercizio 2006) e concorso nell'utilizzazione (D.Lgs. n. 74 del 2000, art. 2, limitatamente agli esercizi 2005 e 2006) di fatture per operazioni inesistenti; l'impugnata sentenza confermava, nel resto, le statuizioni del primo giudice quanto alle pene accessorie inflitte D.Lgs. n. 74 del 2000, ex art. 12.

2 2. Con il ricorso, proposto dal difensore fiduciario - procuratore speciale cassazionista Avv. G. Torti, vengono dedotti due motivi, di seguito enunciati nei limiti strettamente necessari per la motivazione ex art. 173 disp. att. c.p.p Deduce, con il primo motivo, il vizio di cui all'art. 606 c.p.p., lett. b) ed e), per inosservanza od erronea applicazione dell'art. 110 c.p., D.Lgs. n. 74 del 2000, artt. 2 ed 8, sub specie per la mancanza di prova delle condotte criminose concorsuali attribuite al ricorrente e per la mancanza di prova dell'elemento soggettivo (dolo specifico) in capo al ricorrente, nonchè, infine, per la mancata o erronea valutazione delle dichiarazioni testimoniali e delle dichiarazioni rese dal ricorrente in sede dibattimentale, con conseguente violazione del principio del ragionevole dubbio. La censura investe l'impugnata sentenza per aver la Corte d'appello attribuito la responsabilità penale a titolo di concorso nei reati contestati al ricorrente, quale consulente fiscale della società BEVIMEX s.r.l. e tenutario delle scritture contabili della stessa, in assenza di prova degli elementi oggettivi e soggettivi dei reati rubricati nonchè per la mancata ed erronea valutazione delle dichiarazioni rese dal ricorrente medesimo e di quelle del teste assistito D., con violazione del principio del ragionevole dubbio; dopo aver richiamato in ricorso alcuni passaggi argomentativi dell'impugnata sentenza (pagg. 4/5) il ricorrente sostiene che le conclusioni cui è pervenuta la Corte territoriale non sarebbero assolutamente condivisibili, avendo contestato la difesa l'affermazione del primo giudice che si era limitato a presumere che il ricorrente, per il solo ruolo rivestito di consulente fiscale della società e tenutario delle relative scritture contabili, avesse contribuito consapevolmente ed intenzionalmente a rafforzare il proposito criminoso dei concorrenti, senza evidenziare nè provare le specifiche condotte poste in essere dal ricorrente medesimo; gli elementi istruttori, ad avviso del ricorrente, ne avrebbero invece dimostrato l'assoluta estraneità, in forza delle dichiarazioni del predetto teste assistito e delle dichiarazioni rese dal medesimo ricorrente che non sarebbero state tenute in considerazione o sarebbero state mal interpretate dai giudici; nessuna prova, in particolare, sussisterebbe in atti circa il dolo specifico normativamente richiesto ai fini della punibilità del ricorrente, essendo invero emerso che l'unico ad occuparsi delle fatture Bevimex s.r.l. era il solo amministratore di fatto D. che, dopo averle redatte, provvedeva a consegnarle alle impiegate dello studio CED s.a.s. del M. ai fini della registrazione; peraltro, si aggiunge in ricorso, dal dibattimento sarebbe emersa la correttezza delle scritture contabili tenute dallo studio del ricorrente; quanto, nello specifico, alle violazioni contestate, con riferimento al D.Lgs. n. 74 del 2000, art. 8, non emergerebbe quale sia stata la concreta condotta che il ricorrente avrebbe tenuto in relazione al concorso nel reato in questione, non essendo stato il M. ad occuparsi delle fatture contestate, nè potendo ritenersi sufficiente l'affermazione contenuta in sentenza secondo cui, alla luce dell'antieconomicità delle operazioni poste in essere dalla società (antieconomicità che viene contestata a pag. 7), il ricorrente avrebbe coadiuvato con le proprie conoscenze tecniche la condotta illecita degli amministratori concorrendo ad emettere negli anni di imposta in contestazione fatture per operazioni inesistenti; quanto, poi, alla contestata violazione del concorso del ricorrente nel D.Lgs. n. 74 del 2000, art. 2, si sostiene che il ricorrente si sarebbe limitato a redigere le dichiarazioni modello unico SC relative ai periodi di imposta in contestazione, sulla base delle fatture consegnate dal D., come pure aveva provveduto a redigere i bilanci di esercizio 2004/2005 sulla base della documentazione e delle istruzioni fornite dall'amministratore D. nonchè infine, quanto al bilancio di esercizio 2006, si sarebbe limitato a recepire la documentazione e le informazioni fornite dal nuovo amministratore della Bevimex s.r.l., A. A.M.; orbene, si osserva in ricorso, se è vero che rientra certamente tra i compiti del tenutario delle scritture contabili redigere le suddette dichiarazioni Modello Unico SC, tuttavia ciò non significa che, in assenza di prove certe, la mera stesura di tali dichiarazioni sulla base della documentazione fornita dagli amministratori della società comporti il concorso in tale delitto, nè del resto risulterebbe in sentenza quale sia stato l'apporto effettivo criminoso del ricorrente nei confronti dei concorrenti (suggerire, istigare, segnalare, stimolare o istruire i concorrenti);

3 quanto, ancora, all'elemento soggettivo (dolo specifico), il ricorrente sostiene che gli elementi istruttori avrebbero escluso che le condotte da questi tenute fossero state poste con il fine di evadere o consentire a terzi di evadere le imposte sui redditi o l'iva, non potendo confondersi l'asserita consapevolezza in capo al ricorrente della qualifica di società interposta o cartiera della Bevimex s.r.l. con la consapevolezza e la volontà di dare un contributo causale all'attività criminosa dei concorrenti e di perseguire il fine di evadere o consentire a terzi di evadere le imposte; la Corte territoriale, infine, non avrebbe motivato circa la scarsa credibilità delle dichiarazioni rese dalla coimputata A. (essendo stata smentita persino la sua affermazione di aver sottoscritto l'atto pubblico di acquisto delle quote) e non avrebbe preso in considerazione o avrebbe comunque mal interpretato le dichiarazioni del ricorrente e del teste assistito D.; infine, dopo aver riportato il passaggio motivazionale della sentenza impugnata circa la sussistenza dell'elemento psicologico esistente in capo al ricorrente, ritiene che la stessa non colga nel segno, in quanto i giudici di appello si sarebbero dovuti spingere oltre le vantazioni contenute in sentenza, in quanto non sarebbe sufficiente affermare che il ricorrente fosse consapevole che la Bevimex s.r.l. era una società cartiera, che la stessa vendeva sottocosto e che in sede quantomeno di redazione dei bilanci egli avrebbe dovuto rendersi conto della situazione in quanto soggetto qualificato e professionalmente preparato, elementi, questi che - secondo il ricorrente - non sarebbero sufficienti per ritenerlo responsabile, con violazione del principio del ragionevole dubbio Deduce, con il secondo motivo, il vizio di cui all'art. 606 c.p.p., lett. e), sotto il profilo della contraddittorietà e manifesta illogicità della motivazione quanto alla ritenuta responsabilità penale del ricorrente. La censura investe l'impugnata sentenza per aver la Corte d'appello ritenuto il ricorrente responsabile dei reati contestati unicamente sulla base del fatto che questi, dalla data di costituzione della Bevimex s.r.l. e sino al 31/05/2006, fosse il consulente fiscale e tenutario delle scritture contabili della società; la responsabilità, in sostanza, sarebbe stata affermata sulla scorta della presunzione che il ricorrente, nella veste di consulente fiscale e tenutario delle scritture contabili della predetta società, dovesse aver contribuito intenzionalmente e consapevolmente alla realizzazione dei fatti delittuosi contestati, agevolando e rafforzando il proposito criminoso dei concorrenti, il tutto però in assenza di elementi probatori atti a dimostrare la concreta partecipazione del ricorrente alle condotte criminose oggetto di contestazione; nel far ciò, i giudici territoriali avrebbero omesso di valutare attentamente le condotte del ricorrente e di dar conto delle ragioni per le quali le produzioni documentali e le dichiarazioni testimoniali rese in favore del ricorrente non dovessero ritenersi idonee e credibili; il ricorrente prosegue le censure illustrando le ragioni per le quali non poteva ritenersi che la Bevimex s.r.l. potesse considerarsi una società cartiera, contestando a tal proposito gli elementi invece valorizzati dai giudici del merito (assenza di una struttura commerciale; mancanza di informazioni da cui desumere l'esistenza di immobilizzazioni materiali o immateriali e di costi di produzione; mancato versamento dell'iva a debito; rivendita dei bovini a società italiane ad un prezzo inferiore mediamente, rispetto alle fatture prese in considerazione, del 5,9% a quello d'acquisto: v. pagg. 16/20 del ricorso); tali elementi, secondo il ricorrente, non sarebbero stati presi in considerazione dai giudici di appello, omettendo di motivare sugli stessi quantomeno per evidenziarne l'irrilevanza, ciò che integrerebbe il vizio motivazionale denunciato, essendosi limitato il giudice d'appello a recepire in modo acritico gli elementi valorizzati dal primo giudice; altra omissione denunciata riguarderebbe la mancata valutazione da parte della Corte d'appello delle condotte effettivamente tenute dal ricorrente nonchè la mancata enunciazione dei motivi per i quali le produzioni documentali e le dichiarazioni provenienti dall'imputato e quelle rese a favore di quest'ultimo dall'amministratore di fatto D. non sarebbero

4 idonee e credibili (v., in particolare pagg. 21/22 del ricorso, in cui si sintetizza quanto dichiarato dal D.); altro profilo di doglianza motivazionale investe la sentenza per essere i giudici di appello caduti in contraddizione tra quanto dichiarato dal teste D. e quanto da essi affermato a proposito della responsabilità del ricorrente, non avendo specificato l'esatto apporto concorsuale del ricorrente rispetto alle condotte contestate, criticando il passaggio motivazionale (riportato a pag. 22 del ricorso) in cui il giudice di primo grado sintetizzava le dichiarazioni del D., osservando il ricorrente che le poche righe dedicate desterebbero perplessità in considerazione dell'importanza degli elementi emersi dalla deposizione del teste che dimostrerebbero l'estraneità totale del ricorrente; ancora, si censura in ricorso, la motivazione dei giudici di appello non descriverebbe nemmeno i contorni precisi delle effettive condotte concorsuali del ricorrente, soprattutto laddove si consideri che la tenuta delle scritture contabili effettuata dal ricorrente presso il suo studio sarebbe risultata formalmente corretta; il ricorrente, poi, ponendosi una serie di quesiti (v. pag. 25 del ricorso) ritiene che agli stessi i giudici di appello non abbiano risposto, non ritenendo sufficiente quanto esposto nel passaggio della motivazione, pure riportato in ricorso, in ordine alla sussistenza dell'elemento psicologico del reato, ancora una volta sottolineando come egli sia stato ritenuto responsabile sulla base della sola veste di consulente fiscale e tenutario delle scritture contabili della società "cartiera" Bevimex s.r.l., senza invece considerare che il solo fatto di aver portato a termine il proprio incarico non può essere ritenuto sufficiente a far ritenere provato il ruolo di concorrente dal ricorrente nei reati contestati; sarebbe, in definitiva, mancata qualsiasi motivazione in ordine all'esistenza ed alla delimitazione della condotta concorsuale, come imposta dalla giurisprudenza di legittimità, attribuendosi la responsabilità al medesimo sulla semplice posizione o ruolo rivestito, in altri termini imputandogli un obbligo di controllo che sarebbe invece estraneo al suo operato professionale, nel momento in cui, quale consulente fiscale, ha verificato la regolarità della tenuta della contabilità e della formazione dei bilanci; in assenza, dunque, di un qualsivoglia atteggiamento di cooperazione o di consenso da parte del professionista rispetto alle condotte contestate all'amministratore di fatto ed al legale rappresentante della Bevimex s.r.l., non sarebbe stato possibile addivenire ad un giudizio di condanna, non potendo - si ribadisce in ricorso (pag. 29) - il solo adempimento degli obblighi a lui affidati come professionista sulla base della documentazione fornitagli dagli amministratori della società costituire agevolazione e rinforzo del proposito criminoso dei concorrenti nel reato; risulterebbe, infine, totalmente sfornita di prova la sussistenza del dolo, ossia del comportamento illecito del D. e B. che operavano per Bevimex s.r.l., ciò che denoterebbe come il ricorrente si sarebbe limitato soltanto a svolgere il proprio incarico professionale, senza però prendere parte consapevolmente ed intenzionalmente alle condotte contestate, tantomeno agevolando e rafforzando il proposito criminoso dei concorrenti. Motivi della decisione 3. Il ricorso è inammissibile per genericità e, comunque, per manifesta infondatezza. 4. Deve, preliminarmente, osservarsi che l'esame dei motivi di ricorso consente di rilevare che gli stessi si presentano come una mera riproposizione dei motivi di appello. Ciò sarebbe sufficiente già, di per sè, a renderli inammissibili, atteso che, la semplice illustrazione operata degli stessi consente di verificare l'assenza di qualsiasi seria critica alla struttura della motivazione dell'impugnata sentenza, con cui il ricorrente, proponendo le illustrate doglianze, evita seriamente di confrontarsi, non avanzando alcuna critica al percorso logico - argomentativo sviluppato dai giudici di appello. Ed invero, è pacifico nella giurisprudenza di questa Corte che è inammissibile il ricorso per cassazione fondato su motivi non specifici, ossia generici ed indeterminati, che ripropongono le stesse ragioni già esaminate e ritenute infondate dal giudice del gravame o che risultano carenti

5 della necessaria correlazione tra le argomentazioni riportate dalla decisione impugnata e quelle poste a fondamento dell'impugnazione (v. tra le tante: Sez. 4, n del 09/02/ dep. 16/05/2012, Pezzo, Rv ). 5. I motivi di impugnazione sono, in ogni caso, inammissibili perchè manifestamente infondati. Seguendo l'ordine sistematico imposto dalla struttura dell'impugnazione di legittimità i motivi possono essere congiuntamente trattati, attesi gli evidenti profili di omogeneità sottesi alle doglianze mosse dal ricorrente avverso la sentenza impugnata, contestando in estrema sintesi il M. il percorso logico - argomentativo attraverso il quale, da un lato, la società Bevimex è stata ritenuta dai giudici una società "cartiera" e, dall'altro, egli è stato ritenuto concorrente nella consumazione dei reati contestati per il fatto di essere stato il consulente fiscale e il tenutario delle scritture contabili della "cartiera". Come detto, ambedue i motivi sono manifestamente infondati Orbene, al fine di valutarne l'inammissibilità è sufficiente, anzitutto, dare atto delle argomentazioni esposte nella sentenza di primo grado (motivazione che, com'è noto, attesa la natura di doppia conforme, ben può integrarsi con quella d'appello) che confuta con logica argomentativa ineccepibile la tesi difensiva secondo cui la società Bevimex non poteva essere considerata una "cartiera". Limitando questa Corte l'esame ai soli passaggi argomentativi tacciati di mancanza o illogicità motivazionale, è sufficiente ricordare gli elementi valutati dal primo giudice a sostegno di tale natura della società: a) la società aveva un mero domicilio postale presso una società apposita, non aveva sede operativa, nè personale nè beni strumentali ed era priva di struttura commerciale; b) a fronte di un fatturato che dal 2004 (data di costituzione) al 2006 era risultato crescente fino ad oltre ,00 Euro, la Bevimex non aveva provveduto al versamento di un Euro all'erario; c) la società aveva come esclusivo fornitore una società francese e come clienti quattro società italiane, distribuite nel meridione d'italia; d) dall'esame delle fatture d'acquisto era emerso che ad ogni fattura di acquisto presso la società francese senza applicazione d'imposta, conseguiva il giorno successivo una fattura di vendita per lo stesso numero di bovini, rivenduti ad un prezzo inferiore rispetto a quello di acquisto, nella misura media del 5,9% ed i capi erano direttamente trasportati dalla Francia alle società destinatarie della fattura emesse dalla Bevimex; e) l'annotazione di fatture per operazioni inesistenti era stata effettuata per le somme risultanti dai capi di imputazione quanto agli anni di imposta indicati, con illegittimo computo in detrazione di IVA nella dichiarazione annuale e, parimenti, l'emissione di fatture per o.i. in favore delle società clienti era avvenuto per gli importi indicati nell'imputazione. I giudici di appello, poi, nel confutare le doglianze difensive sul punto della natura di "cartiera" della Bevimex, hanno ribadito che la società presentava tutti gli indici rivelatori di frode fiscale per emissione di false fatture (assenza di sedi operative adeguate; inconsistenza di trattative commerciali con operatori della "cartiera"; esistenza al contempo di rapporti diretti tra la società intracomunitaria cedente e l'effettiva cessionaria dei beni; date estremamente ravvicinate delle operazioni, evidenza di operazioni commerciali caratterizzate dal c.d. "costo inverso", cioè con pagamento che dalla società effettiva acquirente retroceda alla interposta e da questa alla società effettiva cedente); detti elementi, osservavano i giudici di appello, emergevano nella loro chiarezza nel caso della Bevimex, osservando peraltro - così mostrando di prendere apertamente posizione su un motivo dedotto nell'atto in appello che il ricorrente asserisce

6 invece essere stato pretermesso o comunque mal interpretato - come, malgrado la natura dell'attività esercitata dalla società, di mera intermediazione, potesse postulare una minima organizzazione di mezzi, le operazioni dalla stessa società allestite rientrassero a pieno titolo nel c.d. missing trader o frode carosello, cioè in un sistema fraudolento che prevede la creazione di ditte individuali o società dalla vita brevissima, intestate a prestanome, prive di una sede reale ed operativa, che svolgono il ruolo di interposte negli scambi effettuati tra operatori comunitari da un lato (da cui si acquista in regime di esenzione IVA), e nazionali dall'altro, con il preciso intento di frodare l'erario attraverso la realizzazione di un'operazione fittizia in forza della quale gli effetti dell'operazione si realizzano solo in capo all'interponente, a condizioni per esso di particolare favore (al punto che, osservano i giudici di appello, con evidente riferimento al caso della Bevimex, che il prezzo a cui viene ceduto il bene è inferiore di norma a quello a cui era stato acquistato, con creazione di un credito IVA illegittimo), e con evasione da parte della società interposta, c.d. cartiera, delle imposte Ad analogo approdo deve pervenirsi con riferimento alla seconda delle censure mosse, con cui il M. contesta il percorso logico - argomentativo attraverso cui i giudici di appello hanno ritenuto il medesimo corresponsabile dei reati contestati, sol per essere stato il ricorrente il consulente fiscale e tenutario delle scritture contabili della "cartiera". La manifesta infondatezza del relativo motivo, infatti, emerge dalla lettura, anzitutto, della sentenza di primo grado, in cui il giudice evidenzia come delle condotte poste in essere anche il M. dovesse risponderne in concorso quale consulente fiscale della società, avendo questi fornito un contributo intenzionale e consapevole alla realizzazione dei fatti criminosi, agevolando e rafforzando il proposito criminoso dei concorrenti; sul punto, osserva il primo giudice, così delineando la componente soggettiva richiesta, egli era consapevole delle caratteristiche della società, del suo modus operandi, e registrava le fatture in entrata ed in uscita, a suo dire curando unicamente che la società evidenziasse aver conseguito un utile per poter garantire all'amministratore il suo compenso; inoltre, aggiunge il primo giudice, questi aveva ampiamente collaborato con la coppia B.- D. in altri ambiti, provvedendo a reperire agli stessi un acquirente per la società dopo circa due anni di attività, allorquando dopo una fisiologica vita della società interposta, era giunto per i gestori il momento di coinvolgere estranei per sottrarsi alle conseguenze dei propri atti (si sottolinea nella motivazione che il T., non volendo figurare in proprio, avrebbe coinvolto quale effettiva intestataria la A.A.M.). A ciò, poi, si aggiunge quanto argomentato dai giudici di appello in sede di confutazione delle deduzioni difensive di cui all'atto di appello; in particolare, i giudici meneghini, dopo aver richiamato la giurisprudenza formatasi con riferimento alla responsabilità del consulente fiscale, sottolineano come, nel caso in esame, ricorresse la piena consapevolezza da parte del ricorrente della particolare natura delle operazioni messe in atto dalla Bevimex, indicando puntualmente gli elementi idonei a sorreggere il dolo normativamente richiesto per la punibilità del M. medesimo: a) l'imputato ha ben considerato le particolarità della fatturazione consistente nell'emissione immediata di fatture di vendita dal contenuto identico a quelle di acquisto e di ammontare minore; b) ha, nei confronti di soggetti stranieri, ignari della legislazione fiscale italiana, curato praticamente tutti gli aspetti della costituzione della società, della contabilità e dei bilanci; c) seppure non responsabile dell'omissione dei versamenti di imposte (che peraltro egli "organizzava" solo quanto al calcolo ed ai modelli di versamento, lasciando ovviamente l'incombente del versamento all'amministratore, così destituendo la Corte territoriale il relativo motivo di censura proposto in appello e riproposto davanti a questa Corte), egli aveva modo di verificare, negli esercizi successivi al primo, che i versamenti di imposte non vi erano stati;

7 d) anche dopo la revoca dell'incarico dagli amministratori francesi, egli si è adoperato nel loro interesse per reperire acquirenti della società, ben consapevole da un lato che essa doveva essere abbandonata dagli originari gestori e che poteva essere utilizzata anche dai nuovi per operazioni illecite. In definitiva, dunque, concludono i giudici territoriali, quanto sopra è sufficiente per ritenere che, nei confronti di un soggetto professionalmente esperto quale il M., gli elementi indicati corrispondono alla piena conoscenza dell'intento fraudolento della fatturazione e del conseguente recepimento in bilancio di documenti irregolari, dal chiarissimo scopo, per i titolari della società, di frode fiscale. L'aver, dunque, proseguito nella consulenza e nella prestazione dei servizi anche dopo il primo esercizio, pur a fronte di evidenti segnali di irregolarità nelle operazioni svolte e della documentata evasione delle imposte, corrisponde - per i giudici della Corte d'appello - ad una condotta interamente connotata dal dolo generico, sufficiente all'integrazione da parte del ricorrente dei reati oggetto di contestazione. 6. A fronte di tale percorso logico - argomentativo, del tutto coerente con le emergenze processuali e immune dagli evocati vizi motivazionali, le censure difensive, oltre a distinguersi per la loro genericità (come già ricordato), si caratterizzano per la loro manifesta infondatezza, in quanto - lungi dal prospettare i denunciati vizi, soprattutto motivazionali, evocati - si risolvono, in realtà, nel tentativo di chiedere a questa Corte di sovrapporre un nuovo giudizio di merito a quello già. convincentemente espresso dai giudici di primo e di secondo grado, operazione com'è noto del tutto inibita in questa sede di legittimità; del resto, osserva il Collegio, che questo sia lo scopo dell'impugnazione proposta lo si desume dalla tecnica espositiva ed argomentativa impiegata dal ricorrente, che fonda le proprie doglianze su censure che si rivolgono alla criticata "apparenza" motivazionale, (o alla non condivisione, "trincerata" sotto il vizio di illogicità motivazionale, da parte del ricorrente medesimo degli approdi ricostruttivi e valutativi operati dalla Corte territoriale). E' infatti evidente, ad esempio, come le doglianze si focalizzino sulla presunta sottovalutazione da parte della Corte territoriale delle dichiarazioni del teste assistito D. e di quelle rese dal medesimo ricorrente o, ancora, della documentazione prodotta. Così argomentando, tuttavia, il ricorrente perde di vista quanto autorevolmente affermato dalle Sezioni Unite di questa Corte, le quali hanno ribadito che non può essere proposta come vizio di motivazione mancante o apparente la deduzione di sottovalutazione di argomenti difensivi che, in realtà, siano stati presi in considerazione dal giudice o comunque risultino assorbiti dalle argomentazioni poste a fondamento del provvedimento impugnato (Sez. U, n del 29/05/ dep. 29/07/2014, Repaci e altri, Rv ). A ciò, poi, va aggiunto che, essendo poste le censure su singoli passaggi motivazionali estrapolati dalla decisione (come su singoli stralci di deposizioni richiamate in sentenza), le stesse non si mostrano altresì rispettose del principio dell'autosufficienza del ricorso, avendo questa Corte già più volte affermato che il ricorso per cassazione con cui si lamenta la mancanza, contraddittorietà o manifesta illogicità della motivazione per l'omessa valutazione di circostanze acquisite agli atti non può limitarsi, pena l'inammissibilità, ad addurre l'esistenza di atti processuali non esplicitamente presi in considerazione nella motivazione del provvedimento impugnato ovvero non correttamente od adeguatamente interpretati dal giudicante, ma deve, invece: a) identificare l'atto processuale cui fa riferimento; b) individuare l'elemento fattuale o il dato probatorio che da tale atto emerge e che risulta incompatibile con la ricostruzione svolta nella sentenza; c) dare la prova della verità dell'elemento fattuale o del dato probatorio invocato, nonchè della effettiva esistenza dell'atto processuale su cui tale prova si fonda; d) indicare le ragioni per cui l'atto

8 inficia e compromette, in modo decisivo, la tenuta logica e l'intera coerenza della motivazione, introducendo profili di radicale "incompatibilità" all'interno dell'impianto argomentativo del provvedimento impugnato (v. tra le tante: Sez. 6, n del 02/12/ dep. 22/12/2010, Damiano, Rv ). La frammentazione delle censure attraverso l'atomistica critica di singoli passaggi della motivazione, ancora, dimentica che il giudizio sulla motivazione deve tener conto del complesso degli elementi argomentativi e valutativi sviluppati dalla Corte d'appello, e che l'indagine di legittimità sul discorso giustificativo della decisione ha un orizzonte circoscritto, dovendo il sindacato demandato alla Corte di cassazione essere limitato - per espressa volontà del legislatore - a riscontrare l'esistenza di un logico apparato argomentativo sui vari punti della decisione impugnata, senza possibilità di verificare l'adeguatezza delle argomentazioni di cui il giudice di merito si è avvalso per sostanziare il suo convincimento, o la loro rispondenza alle acquisizioni processuali. Esula, infatti, dai poteri della Corte di cassazione quello di una "rilettura" degli elementi di fatto posti a fondamento della decisione, la cui valutazione è, in via esclusiva, riservata al giudice di merito, senza che possa integrare il vizio di legittimità la mera prospettazione di una diversa, e per il ricorrente più adeguata, valutazione delle risultanze processuali (per tutte: Sez. U, n del 30/04/ dep. 02/07/1997, Dessimone e altri, Rv ; Sez. U, n. 24 del 24/11/ dep. 16/12/1999, Spina, Rv ; Sez. U, n del 24/09/ dep. 10/12/2003, Petrella, Rv ). Ulteriore riflessione, non adeguatamente ponderata dal ricorrente all'atto della formulazione delle censure di omesso esame dei motivi di appello, è che il giudice d'appello non ha nemmeno l'obbligo di motivare puntualmente su tutte le censure, risultando disattese quelle incompatibili con la struttura logico - argomentativa della decisione nel suo complesso, avendo più volte affermato questa Corte che l'obbligo di motivazione del giudice dell'impugnazione non richiede necessariamente che egli fornisca specifica ed espressa risposta a ciascuna delle singole argomentazioni, osservazioni o rilievi contenuti nell'atto d'impugnazione, se il suo discorso giustificativo indica le ragioni poste a fondamento della decisione e dimostra di aver tenuto presenti i fatti decisivi ai fini del giudizio, sicchè, quando ricorre tale condizione, le argomentazioni addotte a sostegno dell'appello, ed incompatibili con le motivazioni contenute nella sentenza, devono ritenersi, anche implicitamente, esaminate e disattese dal giudice, con conseguente esclusione della configurabilità del vizio di mancanza di motivazione di cui all'art. 606, comma primo, lett. c), cod.proc.pen. (v., tra le tante: Sez. 1, n del 18/06/ dep. 12/09/2014, Amaniera ed altri, Rv ). Del resto, come già esposto nei paragrafi che precedono, con riferimento ai profili di doglianza mossi, la Corte territoriale ha motivato adeguatamente e puntualmente sia quanto alla qualificazione di cosiddetta "cartiera" della Bevimex, sia quanto alla correità del professionista M., specificando le ragioni della configurabilità in capo al medesimo del dolo normativamente richiesto Con particolare riferimento, peraltro, alla attribuibilità psicologica dei fatti al M., inoltre, quanto sostenuto dai giudici di merito non si sottrae solo alle censure di tipo motivazionale, ma risulta del tutto conforme a diritto. Ed invero, la giurisprudenza di questa Corte, sul punto, ha affermato che in tema di emissione di fatture per operazioni inesistenti, oggi prevista dal D.Lgs. 10 marzo 2000, n. 74, art. 8, il regime derogatorio previsto dal successivo art.9, se esclude la possibilità di concorso reciproco fra i reati previsti dagli artt. 2 (dichiarazione fraudolenta mediante

9 utilizzazione di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti) e art. 8 (emissione di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti), non introduce per questa seconda ipotesi delittuosa alcuna deroga ai principi generali in tema di concorso di persone nel reato fissati dall'art. 110 c.p. (Sez. 3, n del 01/06/ dep. 12/07/2001, Torturo B, Rv che, in applicazione di tale principio, ha ritenuto corretta la decisione del giudice di merito che aveva configurato il concorso ex art. 110 c.p., tra il commercialista e l'emittente delle fatture; v. anche la richiamata Sez. 3, sentenza n del 2013, Proserpi, non massimata). Osserva, sulla questione, il Collegio che corretto appare l'aver argomentato la Corte d'appello sull'elemento psicologico del reato in termini di agevolazione e rafforzamento del proposito criminoso dei concorrenti, con ciò escludendo l'attribuzione al medesimo di una mera responsabilità "di posizione", ossia sol per la veste di consulente fiscale e tenutario delle scritture contabili. Ed infatti, il principio ha notevole rilevanza proprio nell'ambito della figura di "frode fiscale" mediante utilizzazione di fatture per operazioni inesistenti, ossia nel reato di "dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti". Premesso infatti che detto reato, in ossequio ai principi di concreta offensività per gli interessi dell'erario tracciato dalla legge delega, si consuma nel momento di presentazione della dichiarazione dei redditi, sono note invece le vicissitudini che in tema di momento perfezionativo del reato hanno travagliato la vecchia figura di cui alla L. n. 516 del 1982, art. 4, lett. d), il cui momento consumativo si realizzava indubbiamente al momento dell'utilizzazione della fattura, id est al momento della sua annotazione nella contabilità, ma che per certa giurisprudenza costituiva un reato di carattere permanente, perpetuandosi la sua consumazione sino al momento in cui fosse possibile l'utilizzazione della falsa documentazione (e cioè fino alla data di presentazione della dichiarazione), mentre per altri costituiva reato a consumazione istantanea Orbene, nell'ipotesi in cui (come sovente succede e come il ricorrente ha sostenuto in ricorso) il professionista si veda affidare il solo compito di redigere la dichiarazione sulla base dei documenti annotati in contabilità direttamente dal contribuente e si renda conto, al momento di predisporre la dichiarazione, che una fattura passiva si riferisce ad operazioni inesistenti, non v'è alcun dubbio che questi concorra con il "cliente" (nella specie, la società "cartiera") nel reato redigendo la dichiarazione, mentre sotto il vigore della precedente normativa, ove si fosse seguita la tesi del reato a consumazione istantanea (posto che, in caso diverso, il suo comportamento agevolatore che si fosse inserito durante la fase di consumazione del reato permanente sarebbe stato considerato vero e proprio concorso: Sez. 1, n del 27/09/ dep. 11/10/1995, Foglia ed altri, Rv ), i suoi rischi penali sarebbero rimasti circoscritti, sussistendo gli elementi di cui agli artt. 378 o 379 c.p., nell'ambito del reato di favoreggiamento. Ma la struttura dell'illecito penale, per come elaborato dal D.Lgs. n. 74 del 2000, rende invece del tutto coerente la tesi del concorso, concorso peraltro "colorato" soggettivamente dal dolo normativamente richiesto sulla base degli inequivoci elementi descritti dai giudici di merito e in precedenza richiamati, che deponevano logicamente per la consapevolezza del M. di concorrere nella realizzazione della frode fiscale da parte degli amministratori della "cartiera". 6. Il ricorso dev'essere, conclusivamente, dichiarato inammissibile. Segue, a norma dell'art. 616 c.p.p., la condanna del ricorrente al pagamento delle spese del procedimento e, non emergendo ragioni di esonero, al pagamento a favore della Cassa delle ammende, a titolo di sanzione pecuniaria, di una somma che si stima equo fissare, in Euro 1.000,00 (mille/00). 7. Solo per completezza, va precisato che i reati per cui si procede non possono essere dichiarati estinti per prescrizione, atteso che la stessa - tenuto conto dei periodi di sospensione valutabili ex

10 art. 159 c.p. (dall'11/11/2011 all'11/01/2012 per rinvio motivato da legittimo impedimento del difensore; dal 16/05 al 18/07/2012, per legittimo impedimento difensivo determinato da concomitante impegno professionale) che spostano il termine massimo di prescrizione dei reati, rispettivamente, al 2/09/2014 ed al 2/09/2015, quanto all'art. 2 e al 14/08/2014 quanto all'art. 8 - sarebbe maturata (fatta eccezione, come detto, per l'art. 2, relativo all'esercizio 2006), in data successiva alla pronuncia della sentenza di appello (10/02/2014). Ed è pacifico che l'inammissibilità del ricorso per cassazione dovuta alla manifesta infondatezza dei motivi non consente il formarsi di un valido rapporto di impugnazione e preclude, pertanto, la possibilità di rilevare e dichiarare le cause di non punibilità a norma dell'art. 129 c.p.p. (Sez. U, n. 32 del 22/11/ dep. 21/12/2000, De Luca, Rv ; nella specie si trattava della prescrizione del reato maturata successivamente alla sentenza impugnata con il ricorso, come nel caso esaminato da questa Corte). P.Q.M. La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali e della somma di Euro 1.000,00 in favore della Cassa delle ammende. Così deciso in Roma, nella Sede della Suprema Corte di Cassazione, il 11 febbraio Depositato in Cancelleria il 11 maggio 2015

Corte di Cassazione, Sezione 3 penale. Sentenza 22 maggio 2015, n. 21463. Data udienza 10 febbraio 2015 REPUBBLICA ITALIANA

Corte di Cassazione, Sezione 3 penale. Sentenza 22 maggio 2015, n. 21463. Data udienza 10 febbraio 2015 REPUBBLICA ITALIANA Corte di Cassazione, Sezione 3 penale Sentenza 22 maggio 2015, n. 21463 Data udienza 10 febbraio 2015 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezione Lavoro civile. Sentenza 24 marzo 2010, n. 7045

Corte di Cassazione, Sezione Lavoro civile. Sentenza 24 marzo 2010, n. 7045 www.unicolavoro.ilsole24ore.com Corte di Cassazione, Sezione Lavoro civile Sentenza 24 marzo 2010, n. 7045 Integrale Sanzioni disciplinari - trasferimento del lavoratore per giustificato motivo tecnico,

Dettagli

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan-

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan- Civile Sent. Sez. 1 Num. 26065 Anno 2014 Presidente: SALVATORESALVAGO Relatore: Data pubblicazione: SENTENZA sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA GRAZIA Elettivamente

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO).

CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO). CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO). CASS. CIV., SEZ. II, 8 NOVEMBRE 2010, N. 22653. Le parti che firmano un contratto preliminare possono stabilire che entro il termine fissato dallo stesso il promittente

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico?

Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico? Accertamento sintetico Art. 38, dpr 29/9/73, n. 600; artt. 2727 e 2729 cc; artt. 4 e 5, D.Lgs. 10/3/00, n. 74 Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico? di Alessandro Traversi* L'accertamento

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA Massima:...Al riguardo, infatti, non si ravvisa alcun deficit motivazionale a carico della valutazione della Commissione di gara, che ha precisato l impossibilità di tenere conto delle indicazioni fornite

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Consiglio di Stato n. 1757 del 27/03/2013

Consiglio di Stato n. 1757 del 27/03/2013 MASSIMA nell appalto integrato, il concorrente alla gara è l appaltatore, il quale deve dimostrare il possesso dei requisiti professionali previsti nel bando per la redazione del progetto esecutivo in

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

DECISIONE. contro. per la riforma

DECISIONE. contro. per la riforma 1 di 8 04/05/2009 8.00 REPUBBLICA ITALIANA N.2401 Reg.Sent. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2009 IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE N.4481 Reg.Ric. Sezione Quinta Anno 2008 ha pronunciato la

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE Art. 1. (Giurisdizione penale) - 1. La giurisdizione penale è esercitata dai giudici previsti dalle leggi di ordinamento

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

FONDI FINITIMI: LO SONO SOLO QUELLI CONFINANTI O ANCHE QUELLI SEPARATI DA ALTRO FONDO?" Riccardo MAZZON

FONDI FINITIMI: LO SONO SOLO QUELLI CONFINANTI O ANCHE QUELLI SEPARATI DA ALTRO FONDO? Riccardo MAZZON FONDI FINITIMI: LO SONO SOLO QUELLI CONFINANTI O ANCHE QUELLI SEPARATI DA ALTRO FONDO?" Riccardo MAZZON P&D.IT In relazione al compiuto significato della locuzione fondi finitimi, ci si è chiesti se quest

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

avverso la sentenza della Corte d'appello di Lecce (sez. di Taranto), emessa in data 7.2.2003;

avverso la sentenza della Corte d'appello di Lecce (sez. di Taranto), emessa in data 7.2.2003; Cass. pen. Sez. VI, (ud. 03-06-2004) 02-08-2004, n. 33162 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA PENALE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott.

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

RESPONSABILITÀ CIVILE - PADRONI E COMMITTENTI IN GENERE.

RESPONSABILITÀ CIVILE - PADRONI E COMMITTENTI IN GENERE. RESPONSABILITÀ CIVILE - PADRONI E COMMITTENTI IN GENERE. CASS. CIV., SEZ. III, 13 LUGLIO 2011, N. 15394. Gli enti sportivi sono tenuti a tutelare la salute degli atleti anche attraverso la prevenzione

Dettagli

La dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti

La dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti 2 La dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti SOMMARIO 1. I soggetti attivi. Continuità normativa con la previgente fattispecie. 2. La condotta. 3.

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - N. RS Anno 2009 N.7088 RGR Anno 1996 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n.7088

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

S E N T E N Z A N. 318/A/2013. nei giudizi in materia di responsabilità amministrativa iscritti ai nn. 4279

S E N T E N Z A N. 318/A/2013. nei giudizi in materia di responsabilità amministrativa iscritti ai nn. 4279 R E P U B B L I C A I T A L I A N A In nome del Popolo Italiano LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE D APPELLO PER LA REGIONE SICILIANA composta dai magistrati: dott. Salvatore CILIA dott. Salvatore

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Consiglio di Stato n. 4778 del 10.09.2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato

Consiglio di Stato n. 4778 del 10.09.2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato La giurisprudenza prevalente è difatti attestata che l incameramento della cauzione provvisoria ai sensi dell art. 48 cit. è una conseguenza sanzionatoria del tutto automatica del provvedimento di esclusione,

Dettagli

avverso la sentenza in data 19 dicembre 2002 della Corte di appello di Genova;

avverso la sentenza in data 19 dicembre 2002 della Corte di appello di Genova; Cass. pen. Sez. VI, (ud. 08-04-2004) 23-06-2004, n. 28344 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA PENALE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott.

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 1 Num. 22580 Anno 2014 Presidente: SALVAGO SALVATORE Relatore: GENOVESE FRANCESCO ANTONIO Data pubblicazione: 23/10/2014 Cron.225;20 SENTENZA Rep. 39(4 sul ricorso 24811-2007 proposto

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

I mezzi di impugnazione

I mezzi di impugnazione 4 I mezzi di impugnazione SOMMARIO 1. L appello previsto dall art. 310 c.p.p. 2. Il ricorso per Cassazione previsto dall art. 311 c.p.p. 2.1. La impossibilità di scelta per la difesa del c.d. ricorso per

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Ambito dell'accesso REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AGLI ATTI ED AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DELL'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA (G.U.R.S. n. 28 del 20/06/2008)

Dettagli

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 6 dicembre 2006, ha adottato la seguente delibera:

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 6 dicembre 2006, ha adottato la seguente delibera: Problematiche relative alla nuova formulazione dell art. 2 Legge Guarentigie. Interpretazione del nuovo testo dell'art. 2 L.G., così come modificato dal D.L.vo n. 109/2006 (Risoluzione del 6 dicembre 2006)

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

PART-TIME VERTICALE E LAVORO STAGIONALE La stagionalità pluriennale non implica pluralità di contratti di lavoro di Clarenza Binetti

PART-TIME VERTICALE E LAVORO STAGIONALE La stagionalità pluriennale non implica pluralità di contratti di lavoro di Clarenza Binetti PART-TIME VERTICALE E LAVORO STAGIONALE La stagionalità pluriennale non implica pluralità di contratti di lavoro di Clarenza Binetti Corte di Cassazione Sez. lavoro Sentenza 28 ottobre 2009 n. 22823 (Pres.

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE [STUDIO avv. Paola Ferrari ] info@studiolegaleferrari.it per Pronto Soccorso fimmg lombardia QUESITO: Mi è arrivata una notifica di violazione amministrativa

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

ISTRUZIONI PRATICHE. relative ai ricorsi diretti e alle impugnazioni

ISTRUZIONI PRATICHE. relative ai ricorsi diretti e alle impugnazioni ISTRUZIONI PRATICHE relative ai ricorsi diretti e alle impugnazioni La presente edizione coordina le istruzioni pratiche relative ai ricorsi diretti e alle impugnazioni adottate il 15 ottobre 2004 (GU

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI LA LEGGE nr. 53/1994 La legge 53/1994 ha inserito nel nostro ordinamento la facoltà, per gli avvocati, di notificare gli atti giudiziari. Consentendo

Dettagli

SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI QUESITI RICORRENTI E RISPOSTE DI ESPERTI QUALIFICATI

SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI QUESITI RICORRENTI E RISPOSTE DI ESPERTI QUALIFICATI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI NOVITA INTRODOTTE DALL' UNICO TESTO NORMATIVO SULLA SICUREZZA SUL LAVORO (D.Lgs. 81/08) QUESITI RICORRENTI E RISPOSTE DI ESPERTI QUALIFICATI I quesiti sul Decreto 81/08: sugli

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli