Case Law Italy (IT) 14

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Case Law Italy (IT) 14"

Transcript

1 Tribunale Bari, , Lavopa v. Soc. Inditel S.p.A. Relevant Provisions (European and National Law) Directive 85/577/EEC, Directive 98/27/EC; Art. 10 (Law 15 January 1992, n. 50), Art bis (Italian Civil Code) Keywords: Published: Giur. It. 2002, 1192 Headnotes: 1. The notion of consumer under the Law 15 January 1992, n. 50 (to protect the consumer in respect of contracts negotiated away from business premises) should be determined having regard to the objective criteria. Thus, the subjective considerations of the parties, unless they have been expressly indicated the contract, are not relevant for this purpose. The article 10 of the Law 15 January 1992, n. 50 is a mandatory provision and thus it may not be derogated by the parties. When the good or service indicated in the contract could serve both for personal and professional use, in order to determine the prevalent use, the Court should decide by considering the circumstances of the case, for instance: the kind of the good and/or the service indicated in the contract and the nature of the agreement. Summary: Facts: Mr. Lavopa sued before the Tribunale di Bari the company Inditel S.p.A. in order to obtain a declaration that he has validly exercised the right of cancellation from the contract of sale of hardware and software products. Mr. Lavopa has exercised such right after he has discovered that the price indicated in the contract was different from the one he agreed on. In the contract, the plaintiff affirmed that he buys such products for professional use only and that, as a consequence, the right of cancellation under the Law 15 January 1992, n. 50 did not apply. Mr. Lavopa asked to the Tribunale di Bari to declare that, notwithstanding the existence of such clause, the 15 January 1992, n. 50 applies in the case and thus that he has correctly exercised the right of cancellation. Reasons: The controversy was about the interpretation of the article 10 of the Law 15 January 1992, n. 50 and, particularly, about the possibility to derogate it. The Court also defined the notion of consumer and trader for the purposes of the Law that protects the consumer in respect of contracts negotiated away from business premises. On the first point, the Court stated that the article 10 is mandatory and thus that any clause of derogation should be considered as null and void. Secondly, the Tribunale di Bari confirmed that the notion of consumer in the contracts nego- Template IPR Verlag GmbH Munich

2 tiated away from business premises should be defined havind regard to the objective criteria and that the subjective considerations of the parties are not relevant for this purpose. Moreover, when the good or service indicated in the contract could serve both for personal and professional use, the Court should decide by considering the circumstances, for instance: the kind of good or service in question and the nature of the agreement. Judgment Text: TRIBUNALE BARI, 31 agosto RUFFINO Giudice. - Lavopa (avv. Sgobba) - Inditel s.p.a. (avv. Stella) Consumatore (Contratti del) - Nozione - Contratti negoziati fuori dei locali commerciali - Scopo professionale - Beni con natura ambivalente o promiscua - Prevalenza - Sussistenza (D. Lgs. 15 gennaio 1992, n. 50, art. 2). Consumatore (Contratti del) - Nozione - Contratti negoziati fuori dei locali commerciali - Clausole contrastanti con la legge - Nullità (D. Lgs. 15 gennaio 1992, n. 50, art. 10). La nozione di consumatore nei contratti stipulati fuori dai locali commerciali va interpretata secondo parametri obiettivi; rimanendo indifferenti le intenzioni del contraente persona fisica. Senza che abbiano rilievo le intenzioni circa la destinazione dell'acquisto eventualmente dichiarate. Pertanto, qualora il bene o il servizio oggetto del contratto abbia destinazione ambivalente o promiscua, si deve ritenere che una persona fisica agisca per uno scopo estraneo alla propria attività professionale ogni qualvolta il bene o il servizio oggetto del contratto sia idoneo, secondo un criterio di normalità ed avuto. riguardo al tipo di contratto e alle circostanze concrete dell'al/are, ti soddisfare meglio o più largamente, esigenze diverse da quelle normalmente riconducibili all'esercizio della professione di chi ne compie l'acquisto. Sono nulle ai sensi dell'art. 10 del D, Lgs. 15 gennaio 1992, n. 50, le clausole inserite in un contratto stipulato fuori dai locali commerciali, aventi ad oggetto la prefigurazione della destinazione del bene o del servizio all'attività professionale svolta dall'acquirente o la non applicabilità del predetto decreto. Omissis. - Nel merito, il punto «chiave» della controversia sta nello stabilire se al contratto per cui è causa e, pili in particolare, al diritto di recedere da quel contratto, invocato dall'attore, possa applicarsi la disciplina speciale dei contratti negoziati fuori dai locali commerciali di cui al D.lgs n. 50 o quella di diritto comune. Così inquadrato il thema decidendum, gli elementi di fatto utili alla decisione che si ricavano dalle risultanze di causa, sostanzialmente concentrate nelle allegazioni difensive incontestate e nelle produzioni documentali di parte, sono i seguenti: (a) in data , un operatore pubblicitario di una società torinese denominata Inditel ed autoqualificantesi come «azienda distributrice di programmi professionali su C.D. e di servizi telematici "ON UNE"», recatosi nei locali, in Bari, sede della società Lavopa Giovanni & C. s.a.s., titolare di un esercizio commerciale per la vendita al dettaglio di articoli da regalo,. bomboniere, casalinghi e oggetti preziosi, ove l'attore, socio accomandatario, svolgeva la sua ordinaria attività di lavoro, sottopose a quest'ultimo l'acquisto di materiale informa- Template IPR Verlag GmbH Munich

3 tico; (b) l'attore sottoscrisse cosi un modello prestampato su carta intestata Inditel, riempito con i suoi dati personali, nel quale, da un lato, autorizzava la convenuta all'invio «con spedizione gratuita» di alcuni prodotti informatici (elencati ai punti da A ad H) e, dall' altro, dava il suo consenso ad un «contratto di abbonamento a n. 10 compact disk di aggiornamento interdisciplinare con contenuti di carattere tecnico, scientifico, economico, fiscale, medico, giuridico, informatico, commerciale, letterario di cui,tura generale e accesso ai servizi telematici integrati per l'intero periodo dell'abbonamento», che dovevano essergli inviati in ragione di uno all' anno, a partire dall' anno successivo alla sottoscrizione del contratto; (e) il corrispettivo della vendita era fissato in lire , contestualmente versate a mezzo di assegno bancario, ed in ulteriori lire , I.V.A. esclusa, da versare in unica soluzione alla ricezione del materiale, oltre le spese di spedizione annuale di ciascun compact disk, pari a lire , e le spese di installazione del materiale fornito, pari a lire , oltre i.v.a.; (d) nel contratto si prevedeva che ad esso, in quanto «rivolto ad un pubblico di imprenditori commerciali e di liberi professionisti», non fosse applicabile la disciplina di cui al d.lgs. n. 50/1992 (clausola sub 3); (e) infine, al di sopra della sottoscrizione dell'acquirente, poi ripetuta per approvazione e- spressa di varie clausole ai sensi degli artt c.c., vi era, in caratteri molto ridotti, la dichiarazione del sottoscrittore «di esercitare la professione di commerciante e che pertanto la sottoscrizione del presente contratto è finalizzata all' esercizio di detta mia attività professionale»; (f) con lettera racc. a/ r del , ricevuta il , il Lavopa, invocando gli artt. 6, 8 e 10 del d.lgs. 50/1992, comunicava alla Inditel la propria volontà di esercitare il diritto di recesso dal contratto del e richiedeva la restituzione della somma di lire , versata a mezzo a/b. Tali essendo i dati fattuali che devono ritenersi certi e comprovati nel presente giudizio, la possibilità di sussumere la vicenda di causa sotto la disciplina speciale dei contratti negoziati fuori dai locali commerciali dipende esclusivamente dalla configurabilità in capo all'attore della qualità di «consumatore», stante l'obiettiva evidenza degli altri presupposti sostanziali necessari ad innescare l'applicazione del citato decreto legislativo n. 50/1992 e, in particolare: - della qualità di «operatore commerciale» ex art. 2 rivestita dall' altra parte, in quanto persona giuridica addivenuta all'affare, a mezzo di una persona fisica agente per suo conto, nell'ambito della propria attività commerciale; - dell'oggetto del contratto, certamente rientrante nell'ampia "formula di fornitura di beni» contemplata dall'art. 1; - delle modalità di negoziazione, conformi all'ipotesi delineata dallo stesso art. 1, letto a), con specifico riferimento alla conclusione del contratto, effettivamente avvenuta «durante la visita dell'operatore commerciale sul posto di lavoro del consumatore o nei locali nei quali il consumatore si trovi... per motivi di lavoro». Template IPR Verlag GmbH Munich

4 Passando dunque alla verifica dell'unico presupposto sostanziale realmente in contestazione, la qualità di «consumatore» del compratore, deve anzitutto rilevarsi che, secondo l'art. 2 d. lgs. cit., tale è la persona fisica che, in relazione ai.contratti o alle proposte contrattuali disciplinati dal presente decreto, agisce per scopi che possono considerarsi estranei alla propria attività professionale». Posto che non è contestabile, alla luce del documento contrattuale ed in particolare della firma e della sottostante indicazione dei dati personali dell' attore, che il Lavopa concluse il contratto de quo in proprio, ossia come contraente-persona fisica, e non in nome e per, conto della società di cui era legale rappresentante, il problema della configurabilità ella qualità di «consumatore» si con,centra qui nell'accertare l'inerenza o l'estraneità dello scopo, per cui il compratore agi, alla sua attività professionale o imprenditoriale, nella specie il commercio di casalinghi ed articoli da regalo. Non ignora il giudicante il fervente dibattito, soprattutto dottrinale, che tuttora investe il tema - peraltro in continua espansione normativa, soprattutto sulla traccia «obbligata» segnata dal legislatore comunitario - della nozione di «consumatore», ormai immanente ad una tipologia a sé stante di contratti emersa «di prepotenza» dalla realtà economico-sociale ed accomunante, per la considerevole analogia se non per la sostanziale medesimezza del contenuto, una serie nutrita di discipline legislative, di genere e di specie (oltre al citato art. 2 d. lgs. n. 50/1992; l art bis del codice civile; l'art. 121 d. lgs. 385/1993, in tema di credito al consumo; l'art. 11. n. 281/1998, sui diritti dei consumatori e degli utenti; l'art. 1 d. lgs. 427/1998, in tema di contratti di acquisto di c.d. multiproprietà; l'art. 1 d. lgs. n. 185/1999, in tema di contratti a distanza); dibattito del quale, pur non potendosi riproporre in questa sede i passaggi o analizzare le pieghe teoriche, appare nondimeno opportuno utilizzare, negli ovvi limiti della rilevanza per il caso di specie, quegli esiti pili largamente accettati e, per cosi dire, giuridicamente pili rassicuranti sul piano interpretativo. Superata la soglia soggettiva di accesso alla figura normativamente eletta, mediante la positiva verifica della veste di persona fisica assunta nell' affare (1'estensibilità della disciplina speciale a soggetti-non persone fisiche, pure ammessa in legislazioni di altri paèsi ma e- sclusa dal chiaro tenore letterale della norma nazionale, ha sinora prodotto soltanto un dubbio di costituzionalità, arenatosi però su una pronuncia di manifesta inammissibilità: rispettivamente, di Giud. pace L'Aquila e di Corte cost n. 282), il nodo da sciogliere risiede essenzialmente nell'individuazione dell'esatta portata della formula «agire per scopi che possono considerarsi. estranei alla propria attività professionale», con cui il legislatore delimita il campo di azione negoziale entro il quale il contraente-persona fisica cessa di essere un quivis per venire in considerazione come «consumatore» e diventare cosi destinatario - come si dirà tra breve, anche oltre le sue intenzioni - della normativa protezionistica elaborata per tutelare, in una ben determinata situazione negoziale (la c.d. contrattazione «porta a porta»), i suoi interessi «meritevoli», selezionati come tali in ragione della costituzionale posizione di debolezza rispetto all'altro contraente, operatore commerciale di professione. Premesso dunque che nella realtà giuridica il «consumatore» non preesiste all'affare, ma è ritenuto tale dall'ordinamento soltanto se, versando nella condizione soggettiva minima legittimante di persona fisica, compie un determinato tipo di atti in una determinata situazione ambientale (aspetto, quest'ultimo, rilevante nel quadro specifico di riferimento del d. lgs. n. 50/1992 e non anche in quello della sovraordinata disciplina codicistica generale dei «contratti del consumatore»), la verifica dell' estraneità o meno agli scopi professionali di chi «a sorpresa» si trovi a contrattare con un operatore commerciale costituisce oggetto di un giu- Template IPR Verlag GmbH Munich

5 dizio che, ad onta della connotazione almeno tendenzialmente «interiorizzante» prima facie suggerita dal parametro legale dello «scopo», non pur non essere condotto in base a criteri obiettivi. Ciò per una pluralità di ragioni esegetiche, in parte esogene ed in parte endogene alla norma da interpretare: 1) la direttiva comunitaria n. 85/577/CEE, di cui il d.lgs. n. 50/1992 costituisce attuazione, parla di «uso», e non di scopo, estraneo all' attività professionale del contraente persona fisica, offrendo cosi all'interprete un elemento di valutazione che, in quanto riferito ad un fatto immediatamente percepibile nella realtà fenomenica, siccome emergente non solo e non tanto dal personale rapporto che l'utilizzatore instauri o dichiari di voler instaurare con il bene (o il servizio) acquistato, ma anche e soprattutto dalle caratteristiche proprie, strutturali e funzionali, di quel bene (o servizio), si presenta, se non-intrinsecamente oggettivo, almeno agevolmente oggettivabile; ne consegue che, nel doveroso rispetto del principio ormai ripetutamente affermato dalla Corte di Giustizia delle Comunità Europee, secondo"cui il giudice nazionale, nell'applicare il proprio diritto, deve interpretarlo quanto pili è possibile alla -luce della lettera e dello scopo della direttiva, a prescindere dal fatto che si tratti di norme ad essa precedenti o successive (fra le altre, sent , causa C-91/92, Faccini-Dori, , causa C-334/92, Wagner Miret e , causa C-106/89, Marleasing), l'interprete dell'art. 2 lett. a) d.lgs. n. 50/1992 non può non tenere conto dell'impostazione in chiave oggettiva della definizione comunitaria di «consumatore»; 2) dal dettato dello stesso art. 2, lett. a) cito si ricava che gli scopi dell' atto rilevanti in funzione della configurabilità del contraente-consumatore non sono quelli da quest'ultimo soggettivamente perseguiti, ma quelli «che possono considerarsi» estranei alla sua attività professionale, ossia che appaiano tali in base ad un giudizio «terzo» ed obiettivo; in altre parole, l'espressione normativa appena evidenziata è, in ragione della sua chiara costruzione letterale in termini impersonali, sufficientemente significativa della necessità di condurre la verifica sulla natura non professionale dell' atto negoziale al di fuori della sfera soggettiva del consumatore; 3) non è dubitabile che l'eventuale piano soggettivo dell'indagine circa lo scopo, professionale o di consumo, effettivamente perseguito dall'interessato al bene (o al servizio), oltre a presentarsi estremamente ardua e delicata nel caso in cui l'intenzione della parte non sia stata adeguatamente esternata (per esempio, mediante specifiche dichiarazioni rese in fase di trattative o riportate nel documento scritto avente valore contrattuale, finirebbe per far dipendere da scelte personali del singolo contraente il soddisfa cimento delle peculiari finalità di interesse pubblico e generale, e perciò non disponibili dai privati, sottese alla normativa in commento; tale normativa, costituente solo una maglia della più estesa ed organica trama legislativa, nazionale e sovranazionale, sulla tutela del consumatore, della quale ovviamente condivide la filosofia ispiratrice e gli obiettivi, si colloca ed assume rilievo - come è stato efficacemente sottolineato - «in una prospettiva nella quale la conformazione del diritto dei contratti alla personalità economica dei soggetti, diviene strumento per la realizzazione, secondo criteri di effettività, dei principi di libertà sanciti nel trattato di Roma»; sicché, in definitiva, il rifiuto di letture individualizzanti e mutevoli della nozione di «consumatore» risponde anche alla necessità per l'interprete di rispettare la ratio legis dell'intera disciplina di riferimento, nella quale l'obiettivo generale, comune a tutta la normativa protezionistica in materia ed individuabile nel riequilibrio della posizione di inferiorità in cui normalmente si trova il consumatore in ambito negoziale, viene esaltato dalle peculiarità della diffusissima prassi della contrattazione a domicilio (e delle ipotesi assimilate, come le vendite televisive o attra- Template IPR Verlag GmbH Munich

6 verso strumenti informatici e telematici), caratterizzata dal fatto, ulteriormente penalizzante per il soggetto debole, che quest'ultimo, di fronte all'iniziativa delle trattative assunta dall'operatore commerciale professionale, è, di regola, impreparato e non ha spesso la possibilità di confrontare la qualità ed il prezzo che gli vengono proposti con altre offerte (tanto viene espressamente evidenziato dal quarto considerando del preambolo della dir. CEE n. 85/577, con l'inevitabile ricaduta sull'interpretazione teleologica della norma nazionale). Stabilito che la sussistenza della qualità di «consumatore», secondo la definizione datane dall'art. 2, lett. a), d. lgs. 50/1992, deve essere accertata in base a valutazioni di carattere oggettivo dello scopo non professionale dell'atto (in tal senso è pure Pret. Bologna, , soc. Cipritex c. soc. Iac), senza che abbiano rilievo le intenzioni del contraentepersona fisica eventualmente diverse, viene automaticamente superato l'ostacolo apparente costituito dalla dichiarazione, inserita nel testo dell accordo contrattuale scritto, con cui la parte afferma di 'avere agito per finalità attinenti all' esercizio della sua attività professionale. Dichiarazioni di tal fatta, a prescindere dalla più che evidente non spontaneità (testimoniata, nel caso in esame, dall'inserimento con caratteri minuscoli nel modello di regolamento contrattuale preconfezionato da parte dell' operatore commerciale), mirano ad inibire quel riscontro «terzo» ed oggettivo delle condizioni per attribuire la qualifica di «consumatore» ad uno dei contraenti, che, viceversa, la lettera e la ratio della legge impongono all'interprete, giusta le considerazioni sopra svolte. Ne discende che quelle dichiarazioni, in quanto potenzialmente contrastanti con le emergenze obiettive circa la ricorrenza di uno scopo non professionale, devono considerarsi non semplicemente prive di effetti ovvero irrilevanti ai fini dell' accertamento rimesso al giudice in ordine alla qualità soggettiva dei contraenti (cosi secondo Pret. Milano , Dal Prà c. soc. Imw; , Manzoni c. soc. Imw; , Bamberghi c. soc. Iac International co.), ma radicalmente invalide, atteso che l'art. 10 d.lgs. n. 50/1992 sanziona di nullità ogni pattuizione in contrasto con le disposizioni dallo stesso decreto introdotte. Non diversamente deve poi ritenersi per quanto riguarda le clausole espresse di esclusione dell' applicabilità della disciplina in materia di contratti conclusi fuori dai locali commerciali (in perfetta «coerenza» con il complessivo disegno elusivo delle finalità legislative di protezione del consumatore, nella specie perseguito dalla società convenuta, le condizioni del contratto per cui è causa contengono pure una clausola di tal genere), le quali si sostanziano, fra l'altro, in un'implicita rinuncia da parte del consumatore al diritto di recesso, che l'art. 10 cit. definisce invece «irrinunciabile». Resta a questo punto da stabilire su quali elementi concreti di valutazione debba costruirsi la verifica in senso obiettivo dello scopo non professionale del consumatore. Tenuto conto della costruzione in negativo della definizione legislativa e dell'inevitabile effetto ampliativo della portata applicativa che ne consegue, oggettivare un giudizio sullo scopo non professionale dell' acquisizione di un bene o di un servizio significa, a parere del giudicante, decidere se, secondo un criterio di normalità, quel bene o quel servizio si presti - principalmente alla luce delle sue caratteristiche, ma senza escludere la potenziale rilevanza del tipo di contratto concluso e di altre eventuali circostanze concrete dell' affare - a soddisfare utilità o interessi diversi da quelli normalmente riconducibili all'attività professionale di chi ne compie l'acquisto. Se nessuna difficoltà pongono gli acquisti di beni o di servizi tipicamente di consumo, in Template IPR Verlag GmbH Munich

7 quanto necessariamente o tendenzialmente destinati all'uso personale o domestico (si pensi all'articolo sportivo o all'abbonamento ad una rete televisiva), problema tic a ed incerta può sembrare l'obiettiva individuazione dell' estraneità all' esercizio della professione in relazione a beni o a servizi di uso ambivalente o promiscuo (cioè professionale e non), la cui pili efficace esemplificazione può trarsi proprio dalla fattispecie oggetto del presente giudizio: l'acquisto di materiale informatico, come computers e prodotti software a, largo spettro applicativo. Va esclusa la percorribilità di soluzioni radicali, pure suggestivamente prospettate in dottrina, tendenti a far rientrare nella sfera negoziale protetta del consumatore anche gli atti volti al cosiddetto consumo del professionista, ossia riguardanti l'acquisto di beni o di servizi cosiddetti strumentali (quali, per l'appunto, i computers ed una gran quantità dei prodotti dell'informatica), con i quali il professionista non realizza in via diretta ed immediata i suoi o- biettivi professionali, ma dei quali egli si serve per realizzarli. Non si riuscirebbe invero, per questa via, a giustificare adeguatamente l'estranèità all' «attività professionale», che, in difetto di indicazioni normative restrittive, non può non intendersi in senso generale ed omnicomprensivo, si da includere anche gli aspetti lato sensu organizzati vi, cui devono ascriversi gli acquisti dei beni strumentali: si tratta perciò di atti in relazione ai quali, proprio perché comunque inerenti ad una determinata professione ossia ad un campo dell'agire umano, in qualche misura, sempre specialistico, non è ingiusto presumere (o pretendere), da parte di chi vi dedica il proprio lavoro, un certo grado di profondità delle conoscenze commerciali e quindi di preparazione precostituita all'affare, ancorché «a sorpresa». Per mantenere il giudizio sul piano necessario dell' oggettività e dell' adeguatezza al caso concreto, tenendo tuttavia presente il dettato normativo che lo conforma, pare allora ragionevole dare spazio ad un criterio di prevalenza dell' oggettiva destinazione del bene o del servizio ambivalente o promiscuo, nel senso che l'estraneità all' attività professionale dovrà ritenersi ogni qualvolta sia ravvisabile l'idoneità del bene o del servizio 'stesso, secondo le sue caratteristiche obiettive o altre circostanze concrete dell'affare, a soddisfare meglio o più largamente (su piani dunque qualitativi o quantitativi) esigenze diverse da quelle riconducibili all' esercizio della professione di chi lo acquista. Nel caso che ci occupa, il prodotto venduto dalla Inditel al Lavopa, pur capace di offrire alcune utilità aventi una precipua possibilità di sfruttamento nell' ambito dell' attività di lavoro svolta dal convenuto, di professione commerciante (quali l'abbonamento ad Internet e la pubblicazione di una pagina web, da comporsi però a cura dell'acquirente), certamente non esauriva in quell'ambito le sue obiettive potenzialità di impiego ed, anzi, appariva prevalentemente destinato a soddisfare interessi «diversi», presumibilmente di carattere personale o familiare, laddove si pensi, da un lato, che il cosiddetto «aggiornamento interdisciplinare» su cd-rom, venduto in,combinazione con il computer, si presentava con contenuti estesi pressoché all'intero scibile umano e, dall' altro, che l' hardware fornito si connotava per un potenza operativa tale da eccedere le verosimili necessità professionali dell' attore, che, come è stato documentalmente comprovato in giudizio, era già dotato, al tempo della conclusione del contratto, di un sia pure modésto sistema informatizzato di gestione delle vendite e del magazzino, da considerarsi tuttavia adeguato alle limitate esigenze organizzative di un'attività commerciale, sostanzialmente di ambito «rionale», non particolarmente sviluppata (nel 1997, all' esercizio intestato alla s.a.s. Lavopa Giovanni & C. non risultava addetto personale dipendente, secondo la «visura camerale» prodotta), né complessa (vendita al dettaglio di casalinghi ed articoli da regalo). Le osservazioni che precedono confortano il giudizio riassuntivo di estraneità dell'affare all'attività professionale dell'attore, il quale, dunque, concluse il contratto nelle vesti di «consumatore». Template IPR Verlag GmbH Munich

8 Tanto gli conferiva, in forza dell'espressa previsione legislativa di cui all'art. 4 d. 19s. n. 50/1992, il diritto di recesso, che egli, in effetti, correttamente esercitò nelle forme ed entro i termini fissati dall' art. 6, mediante la comunicazione scritta a mezzo racc. a/r inviata il (giorno immediatamente successivo alla sottoscrizione del contratto) e ricevuta dalla Inditel il Perfezionatosi il recesso e sciolto ogni vincolo contrattuale fra le parti, ai sensi dell'art. 8 d.lgs. cito sorse in capo al consumatore receduto il diritto alla restituzione della somma versata in acconto (lire ), che l'altra parte avrebbe dovuto soddisfare, essendone stata espressamente richiesta, entro trenta giorni dalla comunicazione di cui all'art. 6. In conclusione è fondata tanto la pretesa di accertamento del legittimo esercizio del diritto di recesso, quanto quella di restituzione dell'acconto versato alla venditrice. Template IPR Verlag GmbH Munich

Case Law Italy(IT) Nr. 62

Case Law Italy(IT) Nr. 62 Tribunale di Venezia, 27.09.2006, S.P. c. Soc. F. Relevant Provisions (European and National Law) Directive 85/577, Directive 97/7, Directive 93/13 ; Art. 33, par. 2, letter (u), and Art. 63 of the Italian

Dettagli

Il rapporto tra ITALPROTEZIONE S.r.l. e l'acquirente è regolamentato dalla seguente norma.

Il rapporto tra ITALPROTEZIONE S.r.l. e l'acquirente è regolamentato dalla seguente norma. DIRITTO DI RECESSO Il rapporto tra ITALPROTEZIONE S.r.l. e l'acquirente è regolamentato dalla seguente norma. D.Lgs. 15 gennaio 1992 n. 50 (in G.U. del 3-2-1992, n. 27) Attuazione della direttiva CEE n.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

3. Il servizio di ricezione e trasmissione di ordini

3. Il servizio di ricezione e trasmissione di ordini Le specificità dei singoli servizi. Offerta fuori sede e tecniche di comunicazione a distanza 161 3. Il servizio di ricezione e trasmissione di ordini Per la prestazione del servizio di ricezione e trasmissione

Dettagli

Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis)

Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis) Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis) Decreto Legge 25 gennaio 2007 Misure urgenti per la tutela dei consumatori, la promozione della concorrenza,

Dettagli

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE INFORMA. Circolare informativa - ottobre 2009 Materia Giuridica: Mediazione tipica e mediazione atipica: i nuovi profili di responsabilità delineati dalla pronuncia della Cassazione civile 14.07.2009 n.

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali CIRCOLARE N. 8/E Direzione Centrale Pubblicità immobiliare e affari legali Roma, 4 marzo 2015 OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali 2 INDICE Premessa... 3 1. Il decreto di

Dettagli

OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali

OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali CIRCOLARE N. 8/E Direzione Centrale Pubblicità immobiliare e affari legali Roma, 4 marzo 2015 OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali 2 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. IL DECRETO

Dettagli

L internazionalizzazione delle imprese attraverso il consignment stock. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com

L internazionalizzazione delle imprese attraverso il consignment stock. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com L internazionalizzazione delle imprese attraverso il consignment stock. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com Tra i contratti d impresa, il consignment stock agreement, o più semplicemente

Dettagli

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009 CIRCOLARE N. 46/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 3 novembre 2009 OGGETTO: Deducibilità dei costi derivanti da operazioni intercorse tra imprese residenti ed imprese domiciliate fiscalmente

Dettagli

Tribunale di Milano Sez. XII, sentenza n. 11798 del 29 ottobre 2012, Giudice ORSENIGO *** ** ***

Tribunale di Milano Sez. XII, sentenza n. 11798 del 29 ottobre 2012, Giudice ORSENIGO *** ** *** FACTORING La legittimità della clausola contrattuale sulla revoca della garanzia del pro soluto nel caso di contestazioni, da parte del debitore ceduto, sulle forniture effettuate dal cedente a cura di

Dettagli

RISOLUZIONE N. 94/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 94/E QUESITO RISOLUZIONE N. 94/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 dicembre 2013 OGGETTO: Cessione all esportazione - operazione, fin dalla sua origine, concepita in vista del definitivo trasferimento della proprietà

Dettagli

Corte di Appello di Genova - 27 maggio 2011 n. 545 - Pres. De Angelis - Rel. Ponassi M. A. (Avv. Bennati) - INPS (Avv. Capurso).

Corte di Appello di Genova - 27 maggio 2011 n. 545 - Pres. De Angelis - Rel. Ponassi M. A. (Avv. Bennati) - INPS (Avv. Capurso). Lavoro (rapporto di) Contratto a progetto - Mancanza del requisito della specificità del progetto - Effetto legale automatico di conversione in rapporto di lavoro subordinato. Corte di Appello di Genova

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Pietro Sirena Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato dalla Banca

Dettagli

Compravendita internazionale : quale legge si applica? Qual è il giudice competente a giudicare?

Compravendita internazionale : quale legge si applica? Qual è il giudice competente a giudicare? Compravendita internazionale : quale legge si applica? Qual è il giudice competente a giudicare? La realtà commerciale del settore dei beni di consumo tecnici e tecnologici è caratterizzata dalla commercializzazione

Dettagli

In linea generale, l impresa collettiva è quella

In linea generale, l impresa collettiva è quella UNIBAS ECONOMIA AZIENDALE -Diritto commerciale 2013/14 IMPRESA COLLETTIVA E SCOPI ASSOCIATIVI In linea generale, l impresa collettiva è quella - esercitata in comune da più soggetti; - nella titolarità

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELLA riunione odierna, in presenza del prof. Francesco Pizzetti, presidente, del dott.

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELLA riunione odierna, in presenza del prof. Francesco Pizzetti, presidente, del dott. IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELLA riunione odierna, in presenza del prof. Francesco Pizzetti, presidente, del dott. Giuseppe Chiaravalloti, vice presidente, del dott. Mauro Paissan

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 Gli indici della natura subordinata del rapporto di lavoro Relazione dell Avv. Paolo Valla * * * Traccia dei casi da trattare Controversia

Dettagli

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale)

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) CAMERA DEI DEPUTATI XI Commissione (Lavoro pubblico e privato) (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) 27 novembre 2013 AUDIZIONI ABI 2013 AUDIZIONI ABI - 2013 Le proposte

Dettagli

RISOLUZIONE N. 354/E

RISOLUZIONE N. 354/E RISOLUZIONE N. 354/E Roma, 06 dicembre 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Interpello n. 954-578/2007 Art. 10 DPR 26 ottobre 1972, n. 633 ALFA S.p.A. La Direzione Regionale.. ha trasmesso

Dettagli

DIRITTO COMMERCIALE GLI STRUMENTI FINANZIARI PARTECIPATIVI

DIRITTO COMMERCIALE GLI STRUMENTI FINANZIARI PARTECIPATIVI DIRITTO COMMERCIALE GLI STRUMENTI FINANZIARI PARTECIPATIVI La disciplina che riguarda le modalità e le condizioni di emissione e circolazione, i diritti che essi attribuiscono e le eventuali conseguenze

Dettagli

RISOLUZIONE N. 1/2008

RISOLUZIONE N. 1/2008 PROT. n. 29463 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: RISOLUZIONE N. 1/2008 Direzione dell Agenzia Mutui posti in essere da Enti, istituti, fondi e casse previdenziali nei confronti di propri dipendenti

Dettagli

FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi?

FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi? FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi? a cura di Carolina Teruggi Il factoring è un contratto atipico, che in quanto tale non esaurisce i suoi effetti in una semplice

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 175/E

RISOLUZIONE N. 175/E RISOLUZIONE N. 175/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12/08/2003 Oggetto: Istanza di interpello - Art. 67 e 71 TUIR Deducibilità ammortamenti finanziari e svalutazione crediti in caso di

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE IV SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE IV SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE IV nella persona del dott. Pier Paolo Lanni ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile iscritta

Dettagli

DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. di NICOLA LOFRANCO

DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. di NICOLA LOFRANCO DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA di NICOLA LOFRANCO Con la sentenza n. 29/2015 del 7 gennaio 2015 la Corte d Appello

Dettagli

Presentazione. Contratto tipo di vendita di elettrodomestici. presso il domicilio del consumatore.

Presentazione. Contratto tipo di vendita di elettrodomestici. presso il domicilio del consumatore. Presentazione Contratto tipo di vendita di elettrodomestici presso il domicilio del consumatore. I) Gli elettrodomestici sono apparecchi o utensili (prodotti di telefonia, televisori, lettori CD e DVD,

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale..... Presidente Avv. Bruno De Carolis Membro designato dalla Banca d'italia Avv. Alessandro Leproux.. Membro designato dalla Banca d'italia

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it LE DEROGHE LEGALI E CONVENZIONALI ALL EFFICACIA DEL CONTRATTO: l art.1372 c.c. ed il principio pacta sunt servanda

www.ildirittoamministrativo.it LE DEROGHE LEGALI E CONVENZIONALI ALL EFFICACIA DEL CONTRATTO: l art.1372 c.c. ed il principio pacta sunt servanda LE DEROGHE LEGALI E CONVENZIONALI ALL EFFICACIA DEL CONTRATTO: l art.1372 c.c. ed il principio pacta sunt servanda A cura di CLAUDIA CARICASOLE Ai sensi dell art. 1372 c.c. il contratto, quale esplicazione

Dettagli

IL GRUPPO EUROPEO DI INTERESSE ECONOMICO (G.E.I.E.)

IL GRUPPO EUROPEO DI INTERESSE ECONOMICO (G.E.I.E.) IL GRUPPO EUROPEO DI INTERESSE ECONOMICO (G.E.I.E.) Sommario: - 1. Riferimenti legislativi. - 2. Definizione del GEIE. - 3. Le condizioni e le modalità di costituzione. - 4. Gli organi del GEIE. - 5. Iscrizione

Dettagli

La territorialità IVA dei servizi

La territorialità IVA dei servizi 065609CFC0709_642a646.qxd 25-06-2009 17:19 Pagina 642 La territorialità IVA dei servizi Le modifiche introdotte dalla direttiva 2008/8/Ce Sandro Cerato Greta Popolizio Partners Studio Sinthema Vicenza,

Dettagli

NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO

NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO Trib. Rimini 2.2.2012 commento e testo Giovanni FRANCHI P&D.IT Questa volta è stato il Tribunale

Dettagli

La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.

La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex. La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com La Corte Costituzionale, nell ormai lontano 1965, fu chiamata a pronunciarsi

Dettagli

Introduzione al commercio elettronico

Introduzione al commercio elettronico Introduzione al commercio elettronico Definizioni di commercio elettronico Comunicazione della Commissione europea al parlamento europeo, al Consiglio, al comitato economico e sociale ed al comitato delle

Dettagli

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società CIRCOLARE N. 2 DEL 29 GENNAIO 2010 DIRITTO SOCIETARIO Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società www.assonime.it ABSTRACT Questa circolare illustra le novità

Dettagli

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 ART. 15 DEL D.P.R. 29 SETTEMBRE 1973, N. 601. FATTISPECIE NEGOZIALI CONTENENTI CLAUSOLE CHE INFLUISCONO SULLA DURATA DELL OPERAZIONE DI FINANZIAMENTO. PROBLEMATICHE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 113 /E

RISOLUZIONE N. 113 /E RISOLUZIONE N. 113 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 novembre 2011 OGGETTO: Interpello - articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Trattamento tributario dell attività di mediazione svolta ai sensi

Dettagli

Il Consiglio ATTO DI SEGNALAZIONE AL GOVERNO E AL PARLAMENTO

Il Consiglio ATTO DI SEGNALAZIONE AL GOVERNO E AL PARLAMENTO Il Consiglio ATTO DI SEGNALAZIONE AL GOVERNO E AL PARLAMENTO Oggetto: Cooperative sociali e fondazioni. Requisito del capitale sociale di cui all art. 98, comma 1, lett. b) del d.p.r. 21 dicembre 1999,

Dettagli

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0;

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0; Comunicazione n. 0080574 del 15-10-2015 inviata alla società ( ) e allo studio legale ( ) OGGETTO: ( società ) - Quesito in merito all applicazione della disciplina dell offerta pubblica di acquisto obbligatoria

Dettagli

Avv. Daniele Marra. (Membro dell'esecutivo del Movimento Forense di Roma)

Avv. Daniele Marra. (Membro dell'esecutivo del Movimento Forense di Roma) IL SUBAGENTE ASSICURATIVO, L AGENTE ASSICURATIVO ED IL PREPONENTE: UN PERDURANTE VUOTO NORMATIVO IN TEMA DI TUTELA DEL SUBAGENTE IN CASO DI FINE MANDATO. Avv. Daniele Marra (Membro dell'esecutivo del Movimento

Dettagli

Il principio di buona fede nei contratti di franchising

Il principio di buona fede nei contratti di franchising Il principio di buona fede nei contratti di franchising In questo articolo verrà analizzato il principio di buona fede applicato ai contratti di franchising, anche grazie all analisi della giurisprudenza

Dettagli

Le condizioni generali di contratto

Le condizioni generali di contratto Inserire testo Inserire testo Le condizioni generali di contratto Condizioni generali di contratto e clausole vessatorie: in particolare, la riserva di proprietà A cura dell Avv. Simona Cardillo CONDIZIONI

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

VERIFICA DI FATTISPECIE DI INCOMPATIBILITA CON L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI COMMERCIALISTA E DI ESPERTO CONTABILE

VERIFICA DI FATTISPECIE DI INCOMPATIBILITA CON L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI COMMERCIALISTA E DI ESPERTO CONTABILE LINEE GUIDA PER LA VERIFICA DI FATTISPECIE DI INCOMPATIBILITA CON L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI COMMERCIALISTA E DI ESPERTO CONTABILE a cura del Consiglio dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli

Dettagli

Il conferimento di partecipazioni e la riorganizzazione di gruppi societari e familiari

Il conferimento di partecipazioni e la riorganizzazione di gruppi societari e familiari Operazioni straordinarie di Fabio Giommoni * Il conferimento di partecipazioni e la riorganizzazione di gruppi societari e familiari Con la C.M. n.33/e del 17 giugno 2010 l Agenzia delle Entrate ha fornito

Dettagli

RISOLUZIONE N. 366/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 366/E QUESITO RISOLUZIONE N. 366/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 dicembre 2007 OGGETTO: Trattamento fiscale dei piani di stock option Opzioni esercitate anteriormente alla data del 5 luglio 2006

Dettagli

L AVVALIMENTO ALLA LUCE DEL DECRETO CORRETTIVO. di Massimo Gentile

L AVVALIMENTO ALLA LUCE DEL DECRETO CORRETTIVO. di Massimo Gentile L AVVALIMENTO ALLA LUCE DEL DECRETO CORRETTIVO di Massimo Gentile I limiti al subappalto in favore dell impresa ausiliaria La novità di maggiore rilievo contenuta nel D.lgs. 26 gennaio 2007 n. 6 - meglio

Dettagli

IL COLLEGIO DI MILANO. - Avv. Maria Elisabetta Contino Membro designato dalla Banca d'italia

IL COLLEGIO DI MILANO. - Avv. Maria Elisabetta Contino Membro designato dalla Banca d'italia IL COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Avv. Maria Elisabetta Contino Membro designato dalla Banca d'italia - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini Guastalla

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Capitolo Primo INQUADRAMENTO STORICO E SISTEMATICO

INDICE-SOMMARIO. Capitolo Primo INQUADRAMENTO STORICO E SISTEMATICO IX INDICE-SOMMARIO Prefazione... pag. V Elenco delle principali abbreviazioni... pag. XV Capitolo Primo INQUADRAMENTO STORICO E SISTEMATICO 1. Inquadramento storico generale...pag. 1 1.1. La tutela del

Dettagli

IL COLLEGIO DI MILANO

IL COLLEGIO DI MILANO IL COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini Guastalla Membro designato dalla Banca d'italia (Estensore) - Prof. Avv. Mauro

Dettagli

L OGGETTO DEL CONTRATTO DI LOGISTICA

L OGGETTO DEL CONTRATTO DI LOGISTICA SCOPO DEL MIO INTERVENTO Con questo intervento vorrei riuscire a fornirvi dei facili strumenti interpretativi per gestire correttamente gli eventi sinistrosi di qualsiasi natura che possono verificarsi

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

Con l espressione tecnica di comunicazione a distanza si intende fare riferimento a qualunque mezzo che,

Con l espressione tecnica di comunicazione a distanza si intende fare riferimento a qualunque mezzo che, Un peculiare modo di formazione del contratto è quello che caratterizza i c.d. contratti a distanza, definiti dal legislatore come quei contratti, aventi ad oggetto beni o servizi, stipulati tra un professionista

Dettagli

TRIBUNALE DI PISTOIA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Pistoia, sezione lavoro, in persona del dott. Giuseppe De Marzo,

TRIBUNALE DI PISTOIA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Pistoia, sezione lavoro, in persona del dott. Giuseppe De Marzo, TRIBUNALE DI PISTOIA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Pistoia, sezione lavoro, in persona del dott. Giuseppe De Marzo, ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile

Dettagli

il giudice designato letti gli atti del procedimento; a scioglimento della riserva di cui al processo verbale d udienza che precede;

il giudice designato letti gli atti del procedimento; a scioglimento della riserva di cui al processo verbale d udienza che precede; Tribunale di Brescia, Sezione Feriale, collegio Giudicante Dott. Augusto Bitonte, dott.ssa Lucia Cannella, dott.ssa Elda Geraci. Ordinanza ex artt. 669 terdecies c.p.c. del 29.12.2007 n. 14558 Argomento

Dettagli

Collegio di Milano. - Prof.ssa Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d Italia

Collegio di Milano. - Prof.ssa Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d Italia Collegio di Milano composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof.ssa Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d Italia - Prof. Avv. Emanuele Lucchini Guastalla

Dettagli

Buoni postali e comunione legale. Corte App. Catania, sentenza 13 novembre 2014 (Pres. Zappia, est. Rita Russo)

Buoni postali e comunione legale. Corte App. Catania, sentenza 13 novembre 2014 (Pres. Zappia, est. Rita Russo) Buoni postali e comunione legale Corte App. Catania, sentenza 13 novembre 2014 (Pres. Zappia, est. Rita Russo) BUONI POSTALI COMUNIONE LEGALE APPLICABILITÀ DELL ART. 177 COMMA I C.C. - SUSSISTE I buoni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 225/E

RISOLUZIONE N. 225/E RISOLUZIONE N. 225/E Roma, 5 giugno 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 cessione di quote sociali - art. 11 Tariffa

Dettagli

RISOLUZIONE N. 21/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 21/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 21/E f Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 gennaio 2009 Oggetto: Interpello ex articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Fusione concernente società di diversi Stati

Dettagli

01 CONCETTI BASE. Infatti, il concetto di trasferta comporta la sussistenza di due requisiti:

01 CONCETTI BASE. Infatti, il concetto di trasferta comporta la sussistenza di due requisiti: 1.1 TRASFERTA O MISSIONE 01 CONCETTI BASE Si intende per trasferta lo spostamento provvisorio e temporaneo del lavoratore in una sede diversa da quella da cui gerarchicamente e funzionalmente dipende,

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma,

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma, Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione Roma, OGGETTO: Decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, e successive modificazioni - Attività di segnalazione

Dettagli

La competenza funzionale nei giudizi riguardanti l accertamento della natura subordinata del rapporto di lavoro.

La competenza funzionale nei giudizi riguardanti l accertamento della natura subordinata del rapporto di lavoro. La competenza funzionale nei giudizi riguardanti l accertamento della natura subordinata del rapporto di lavoro. Sovente, i lavoratori autonomi (agenti, collaboratori a progetto, consulenti ecc.) che intendono

Dettagli

Onorario avvocato competenza esclusiva del Foro del Consumatore. Suprema Corte di Cassazione. Sezione Terza Civ.

Onorario avvocato competenza esclusiva del Foro del Consumatore. Suprema Corte di Cassazione. Sezione Terza Civ. Pagina 1 di 9 Onorario avvocato competenza esclusiva del Foro del Consumatore Il testo integrale Suprema Corte di Cassazione Sezione Terza Civ. Ordinanza del 09 giugno 2011, n. 12685 1. L avv. ( ) ha ottenuto

Dettagli

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Nota a : Cassazione Civile, 16 Febbraio 2010, n. 3589, sez. III. A cura del Dott. Matteo Smacchi, LL.M. 1 La sentenza della Corte di Cassazione Civile n. 3589

Dettagli

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione.

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione. DOTT. SABRINA PAGANI - PARTNER AVV. ROBERTO RESPINTI - PARTNER Milano, 4 Dicembre 2014 Licenziamenti collettivi e Dirigenti: novità in vigore dal 25.11.2014. (Legge 30 Ottobre 2014 n. 161 che estende l

Dettagli

Le tariffe professionali la normativa attuale e la prassi professionale 16 aprile 2014

Le tariffe professionali la normativa attuale e la prassi professionale 16 aprile 2014 Le tariffe professionali la normativa attuale e la prassi professionale 16 aprile 2014 Dr. Giuseppe Paulato Art. 2233 c.c. Il compenso, se non è convenuto dalle parti e non può essere determinato secondo

Dettagli

L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo

L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo Con la sentenza della Corte di Cassazione Sez. III, del 15 aprile 2011, n. 8733, la Corte di Cassazione si è pronunciata

Dettagli

Risoluzione del 26/08/2009 n. 239 - Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RISOLUZIONE N. 239/E

Risoluzione del 26/08/2009 n. 239 - Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RISOLUZIONE N. 239/E RISOLUZIONE N. 239/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 26 agosto 2009 OGGETTO: Istanza di interpello Regime agevolato per l intrapresa di nuove attività artistiche o professionali ovvero

Dettagli

IVA SULLE GESTIONI PATRIMONIALI

IVA SULLE GESTIONI PATRIMONIALI IVA SULLE GESTIONI PATRIMONIALI Aspetti salienti della sentenza Deutsche Bank. Precedenti pronunce della Amministrazione Finanziaria Italiana in materia di regime IVA applicabile ai servizi finanziari

Dettagli

Convocazione dell Assemblea nelle S.p.A. non quotate della Dott.ssa Roberta De Pirro

Convocazione dell Assemblea nelle S.p.A. non quotate della Dott.ssa Roberta De Pirro Convocazione dell Assemblea nelle S.p.A. non quotate della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio Nazionale del Notariato, nello Studio n. 15-2013/I ha illustrato le modalità di pubblicazione

Dettagli

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo La problematica. L introduzione dell informatica in azienda, in particolare nei processi produttivi modifica i rapporti

Dettagli

IL REGISTRO DEI REVISORI: ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ. Annalisa DE VIVO

IL REGISTRO DEI REVISORI: ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ. Annalisa DE VIVO : ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ Annalisa DE VIVO Diretta 19 aprile 2010 ISTITUZIONE DEL REGISTRO Con il d.lgs. n. 39/2010 è istituito un UNICO REGISTRO DEI REVISORI LEGALI. L autorità pubblica

Dettagli

e, p. c., Ad esclusivo uso interno; è vietata la pubblicazione all esterno.

e, p. c., Ad esclusivo uso interno; è vietata la pubblicazione all esterno. PER POSTA ELETTRONICA Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 luglio 2009 Direzione Centrale Accertamento Alle Direzioni regionali Alle Direzioni provinciali Agli Uffici locali e, p. c., All

Dettagli

CIRCOLARE N. 31/E. Roma, 7 giugno 2010. OGGETTO: Agevolazioni prima casa chiarimenti. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 31/E. Roma, 7 giugno 2010. OGGETTO: Agevolazioni prima casa chiarimenti. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 7 giugno 2010 OGGETTO: Agevolazioni prima casa chiarimenti 2 INDICE PREMESSA...3 1. TRATTAMENTO FISCALE DELLE PERTINENZE DESTINATE A SERVIZIO DI CASE

Dettagli

Il ruolo degli attori istituzionali e sociali nella L. 68/99.

Il ruolo degli attori istituzionali e sociali nella L. 68/99. Il ruolo degli attori istituzionali e sociali nella L. 68/99. La legge n. 68 del 1999, mostra un profondo mutamento nella concezione del collocamento delle persone con disabilità. Si delinea un nuovo metodo

Dettagli

ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI

ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI Segnalazioni Novità Prassi Interpretative ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI La circolare

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria Corte di Giustizia CEE Sezione V Sentenza del 05/02/2004 Massima: L'art.5, punto 1, della Convenzione 27

Servizio di documentazione tributaria Corte di Giustizia CEE Sezione V Sentenza del 05/02/2004 Massima: L'art.5, punto 1, della Convenzione 27 Servizio di documentazione tributaria Corte di Giustizia CEE Sezione V Sentenza del 05/02/2004 Massima: L'art.5, punto 1, della Convenzione 27 settembre 1968, concernente la e commerciale, come modificata

Dettagli

Le nuove società di comodo e le conseguenze Iva a cura di Norberto Villa

Le nuove società di comodo e le conseguenze Iva a cura di Norberto Villa Il Punto sull Iva Le nuove società di comodo e le conseguenze Iva a cura di Norberto Villa L articolo 2, co.36-duodocies del D.L. n.138/11 stabilisce che sono considerati non operativi gli enti e le società

Dettagli

Roma, 25 febbraio 2005

Roma, 25 febbraio 2005 RISOLUZIONE N. 27/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 febbraio 2005 Oggetto: Istanza di interpello. X S.r.l. Deducibilità dei canoni derivanti da un contratto di sale and lease back avente

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... Presidente Avv. Bruno De Carolis Membro designato dalla Banca d'italia Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio Membro designato dalla Banca

Dettagli

OGGETTO:Sanzioni amministrative non tributarie irrogate da AAMS Devoluzione al giudice tributario - Istruzioni operative.

OGGETTO:Sanzioni amministrative non tributarie irrogate da AAMS Devoluzione al giudice tributario - Istruzioni operative. Agli Uffici regionali AAMS Loro Sedi Prot. 198/Strategie/UPN e, p.c. Al Direttore della Direzione per i Giochi c.a. Dott. Antonio Tagliaferri Al Direttore della Direzione per le Accise c.a. Dott. Diego

Dettagli

APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI

APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI 1. Premessa La disciplina antiriciclaggio contenuta, in particolare, nel Decreto Legge 3 maggio 1991,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

i diritti dei membri della famiglia legittima.

i diritti dei membri della famiglia legittima. Secondo il dettato dell art 30 della Costituzione, la legge assicura ai figli nati fuori dal matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, salvo il limite di compatibilità con i diritti dei membri della

Dettagli

Servizi generici B2B. Le circostanze rilevanti

Servizi generici B2B. Le circostanze rilevanti Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 373 16.12.2014 Servizi generici B2B Le circostanze rilevanti Categoria: IVA Sottocategoria: Territorialità Per l applicazione delle regole di

Dettagli

RISOLUZIONE N. 122/E

RISOLUZIONE N. 122/E RISOLUZIONE N. 122/E Roma, 06 maggio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IVA. Art. 4 DPR n. 633 del 1972. Assoggettabilità

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Circolare Informativa n. 10 n. 52 del del 1512 dicembre 2012 Tutela contro i ritardi nei pagamenti delle transazioni commerciali - Nuova disciplina INDICE 1 Premessa... 2 2

Dettagli

RISOLUZIONE N.21/E. OGGETTO: Trattamento tributario ai fini IVA dei buoni acquisto o regalo

RISOLUZIONE N.21/E. OGGETTO: Trattamento tributario ai fini IVA dei buoni acquisto o regalo RISOLUZIONE N.21/E Roma, 22 febbraio 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Trattamento tributario ai fini IVA dei buoni acquisto o regalo Con l istanza di interpello in esame, concernente l interpretazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA LOMBARDIA/730/2009/REG REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Antonio Caruso dott. Giuliano Sala dott. Giancarlo Penco dott.

Dettagli

Generalità del Cliente INTESTATARIO. Residente a.. ( ), in (via, piazza )..., CAP. Domiciliato a...( ), in (via, piazza )..., CAP.

Generalità del Cliente INTESTATARIO. Residente a.. ( ), in (via, piazza )..., CAP. Domiciliato a...( ), in (via, piazza )..., CAP. PROPOSTA DI ADESIONE AL SERVIZIO FUNDSTORE DI BANCA IFIGEST S.p.A a cura della BANCA NON COMPILARE DATA:. TIMBRO E FIRMA PER ACCETTAZIONE Generalità del Cliente INTESTATARIO Residente a.. ( ), in (via,

Dettagli

ISTITUTO LODO ARBITRALE GIUSTIZIA CIVILE A.D.R. & WORLD PROFESSIONAL LANGUAGES FORMAZIONE-INTERPRETARIATO-TRADUZIONI

ISTITUTO LODO ARBITRALE GIUSTIZIA CIVILE A.D.R. & WORLD PROFESSIONAL LANGUAGES FORMAZIONE-INTERPRETARIATO-TRADUZIONI ISTITUTO LODO ARBITRALE GIUSTIZIA CIVILE A.D.R. & WORLD PROFESSIONAL LANGUAGES FORMAZIONE-INTERPRETARIATO-TRADUZIONI CONVENZIONE PER CORSI IN LINGUA INGLESE MODALITÀ E-LEARNING SINCRONA, ASINCRONA E LEZIONI

Dettagli

La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce

La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce PRELIMINARI DI PERMUTA E FALLIMENTO. IPOTESI SPECIFICHE PER LE AREE EDIFICABILI E GLI IMMOBILI DA COSTRUIRE. La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce fattispecie negoziali in

Dettagli

FLAIRTENDER CONDIZIONI DI VENDITA PER IL NOSTRO SHOWROOM ATTREZZATURE

FLAIRTENDER CONDIZIONI DI VENDITA PER IL NOSTRO SHOWROOM ATTREZZATURE FLAIRTENDER CONDIZIONI DI VENDITA PER IL NOSTRO SHOWROOM ATTREZZATURE CONDIZIONI DI VENDITA ISTRUZIONI PER L ACQUISTO: SCEGLI I PRODOTTI DI TUO INTERESSE CON IL CODICE ARTICOLO E RIPORTALI NELLA MAIL DI

Dettagli

INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO

INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO La Corte costituzionale riaffronta il tema delle indagini difensive nel rito abbreviato. Con l ordinanza n. 245 del 2005 la Corte aveva dichiarato manifestamente

Dettagli

RASSEGNA PERIODICA DI LEGISLAZIONE. Gennaio 2008

RASSEGNA PERIODICA DI LEGISLAZIONE. Gennaio 2008 RASSEGNA PERIODICA DI LEGISLAZIONE Gennaio 2008 Comunicato n. 1/2008 ERRATA-CORRIGE Comunicato relativo al decreto-legge 31 dicembre 2007, n. 248, recante: «Proroga di termini previsti da disposizioni

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE. 10 aprile 2014

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE. 10 aprile 2014 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE COMUNICAZIONE IN MATERIA DI INFORMAZIONI DA FORNIRE AL PUBBLICO IN RELAZIONE ALLE INDENNITÀ E BENEFICI RICONOSCIUTI AD AMMINISTRATORI, DIRETTORI GENERALI E ALTRI DIRIGENTI CON

Dettagli

SERVIZI LEGALI E LEGISLATIVI ANNO 2012 pag. 99

SERVIZI LEGALI E LEGISLATIVI ANNO 2012 pag. 99 SERVIZI LEGALI E LEGISLATIVI ANNO 2012 pag. 99 Circolare n. 13 IDR/cg 10 aprile 2012 DIRETTIVA UE N. 2011/83/UE - MODIFI- CHE ALLA DISCIPLINA RELATIVA AI DIRITTI DEI CONSUMATORI Il 25 ottobre 2011 il Parlamento

Dettagli