Facoltà di Medicina Veterinaria Corso di laurea magistrale in Medicina Veterinaria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Facoltà di Medicina Veterinaria Corso di laurea magistrale in Medicina Veterinaria"

Transcript

1 Facoltà di Medicina Veterinaria Corso di laurea magistrale in Medicina Veterinaria sede di Matelica via Circonvallazione tel preside prof. Beniamino Tesei rappresentanti degli studenti in corso di elezione Presentazione Il Corso di Laurea in Medicina Veterinaria è un corso di studi specialistico di cinque anni a ciclo unico dell area sanitaria, con accesso a numero programmato. La laurea specialistica in Medicina Veterinaria è titolo accademico riconosciuto a livello europeo e consente l esercizio della professione veterinaria dopo aver superato l esame di abilitazione all esercizio della professione per il quale la sede di Camerino è abilitata. La laurea in Medicina Veterinaria, essendo specialistica, rappresenta già di per sé il livello completo di formazione nell ambito veterinario. In relazione alla riforma universitaria tale titolo consente l accesso al Dottorato di ricerca, ai Master di I e II livello nonché alle Scuole di Specializzazione di area sanitaria veterinaria. Il Corso di Laurea in Medicina Veterinaria è certificato ISO 9001/2000. Obiettivi formativi Il Corso di Laurea specialistico in Medicina Veterinaria ha l obiettivo di fornire allo studente una formazione di livello avanzato per l esercizio di attività di elevata qualificazione in ambiti specifici, caratterizzati dall offerta di basi scientifiche e della preparazione teorico-pratica necessarie all'esercizio della professione medico-veterinaria ed in possesso delle basi metodologiche e culturali necessarie per la pratica della formazione permanente, nonché dei fondamenti metodologici della ricerca scientifica. I laureati specialisti della classe devono possedere: le conoscenze teoriche essenziali che derivano dalle scienze di base; la capacità di rilevare e valutare lo stato di salute, di benessere e di malattia dell'animale singolo ed in allevamento, interpretandoli alla luce delle conoscenze scientifiche di base, della fisiopatologia e delle patologie di organo e di apparato e approntando interventi medici e chirurgici idonei a rimuovere lo stato di malattia; conoscenze di epidemiologia, diagnosi e profilassi delle malattie infettive e parassitarie degli animali; la capacità di rilevare e valutare criticamente lo stato di salubrità, l'igiene, la qualità e le 1

2 eventuali alterazioni degli alimenti di origine animale che possono pregiudicare la salute dell'uomo; deve inoltre conoscere i processi produttivi e di trasformazione degli alimenti di origine animale; le conoscenze di nutrizione e alimentazione animale e delle tecnologie di allevamento; la capacità di rilevare e valutare criticamente l'impatto dell'allevamento animale sull'ambiente. I laureati specialisti della classe in Medicina Veterinaria dovranno approfondire, negli ambiti disciplinari relativi alla formazione di base, gli argomenti di chimica, biochimica, anatomia e fisiologia indispensabili per la comprensione dei fenomeni biologici. La attività formative in ambiti disciplinari caratterizzanti la classe devono essere volte ad una formazione medica veterinaria di base; i laureati specialisti della classe dovranno essere in grado di operare nel campo della patologia, della clinica e della prevenzione delle malattie degli animali, nonché del controllo dell'igiene e della qualità degli alimenti di origine animale. I laureati dovranno, inoltre, avere i fondamenti del miglioramento genetico delle specie a- nimali, delle tecnologie di allevamento, delle produzioni zootecniche, della valutazione biologica degli alimenti per animali e di fattori che ne condizionano la digeribilità e l utilizzazione nonché i concetti relativi alla razione alimentare e ai fabbisogni nutritivi, anche se le discipline afferenti a tale ambito faranno parte delle attività formative affini (come reso possibile dall applicazione dell art. 4, c. 3, del D.M. 28/11/2000). Per quanto riguarda le attività affini o integrative, queste sono finalizzate all approfondimento di tecniche riguardanti la gestione economica dell allevamento, la biologia molecolare, le tematiche legate al rapporto uomo-animale e le biotecnologie. Sbocchi professionali I laureati specialisti della classe in Medicina Veterinaria si occupano della tutela della salute degli animali e dell'uomo che viene a contatto con gli animali e che assume alimenti di origine animale e contribuisce alla tutela dell'ambiente. Oltre ad esercitare un'attività liberoprofessionale, i laureati specialisti operano nel servizio sanitario nazionale, nell'industria pubblica e privata (zootecnica, farmaceutica, mangimistica, di trasformazione degli alimenti di origine animale) e negli enti di ricerca. Le conoscenze richieste per l accesso al Corso di Laurea in Medicina Veterinaria sono, per le materie di base, quelle acquisite nei corsi di Scuola Media Superiore di ogni ordine. Prospetto delle attività formative Nell articolazione e nella distribuzione dei Crediti Formativi Universitari (CFU) ai vari settori scientifico-disciplinari (SSD), si sono tenuti presenti le direttive comunitarie n 78/1026/CEE e n 78/1027/CEE nonché l elevato contenuto pratico-professionale e sperimentale delle attività formative veterinarie. Le attività formative di didattica frontale sono rappresentate da ogni attività organizzata o prevista dall Università al fine di assicurare la formazione culturale e professionale degli studenti, impartite nelle seguenti tipologie: insegnamento frontale, seminari, esercitazioni pratiche o di laboratorio, tutorato e tirocinio pratico applicativo. Per tale motivo i CFU sono stati caratterizzati in due tipologie: 1. Crediti formativi misti destinati alla didattica frontale e allo studio personale e alle attività individuali; 2. CFU destinati unicamente allo studio personale e alle attività individuali. Per le discipline riguardanti le attività formative di base e affini o integrative, ogni CFU equivale a 10 ore di didattica frontale e 15 ore di studio personale ed attività individuali (attività A e C). Per le discipline riguardanti le attività caratterizzanti, ad esclusione dei settori scientificodisciplinari VET/08, VET/09, VET/10, ogni CFU equivale a 12 ore di didattica frontale e 13 ore di studio personale ed attività individuali; per i settori scientifico-disciplinari VET/08, VET/09, 2

3 VET/10, ogni CFU equivale a 14 ore di didattica frontale e 11 ore di studio personale ed attività individuali (attività B). Per le attività formative a scelta dello studente e le attività formative volte all acquisizione di ulteriori conoscenze linguistiche, informatiche, relazionali e tirocinio (attività D e F), le attività formative frontali, espresse in CFU, sono caratterizzate da 10 a 15. Per la prova finale e la lingua straniera, i CFU assegnati equivalgono a 25 ore di studio personale ed attività individuali (attività E). Per tutte le discipline le ore destinate alla didattica frontale sono rappresentate da lezioni teoriche ed esercitazioni nelle strutture per la didattica pratica della Facoltà o in qualificate strutture convenzionate. Alla didattica pratica deve essere dedicato almeno il 30% delle ore a disposizione della didattica frontale. Le attività individuali potranno essere svolte dagli studenti anche nelle strutture della Facoltà o in idonee strutture convenzionate, così come saranno valutabili le competenze pregresse purché opportunamente certificate. I 30 CFU che ogni laureato specialista in Medicina Veterinaria deve acquisire svolgendo un tirocinio pratico, come previsto dal D.M. 28/11/2000, ai fini dell ammissione all esame di stato, appartengono alle attività B, C e F. La prova finale per il conseguimento del titolo consisterà nella discussione di un progetto svolto sotto la guida di un Relatore, documentato mediante relazione scritta e dissertata davanti ad un apposita Commissione e potrà essere svolta anche in un periodo di tirocinio o stage presso un azienda o un ente esterno. La frequenza ai corsi è obbligatoria. Organizzazione della didattica L attività didattica è organizzata in due periodi denominati semestri con il seguente calendario: Inizio delle lezioni: 8 ottobre 2007 Primo semestre: 8 ottobre gennaio 2008 Secondo semestre: 25 febbraio giugno 2008 Corsi di integrazione: al fine di colmare le lacune della specifica disciplina, per le matricole interessate, si terrà un corso di integrazione di Chimica. Tempi e modi verranno resi noti successivamente. Tutorato di supporto: la Facoltà affida ai tutor di supporto specifiche attività di sostegno e di approfondimento quali sostegno allo studente per l'agevolazione dell'apprendimento e dello studio - reperimento materiale didattico e di supporto - predisposizione di materiale didattico in formato elettronico visite guidate alle strutture frequenza ed utilizzo dei laboratori informatici. Appelli esami di profitto: consultare il calendario degli esami di profitto reso pubblico all inizio del mese di ottobre. Calendario esami di laurea: prima sessione:11 luglio 2007, scadenza domande: 21/06/2007 seconda sessione: 10 ottobre 2007, scadenza domande: 20/09/2007 terza sessione: 12 marzo 2008, scadenza domande: 21/02/2008 sessione aggiuntiva: 12 dicembre 2007, scadenza domande: 22/11/2007 3

4 I ANNO Piano degli studi CORSO INTEGRATO / MONODISCIPLINARE MODULI SSD CFU Tipologia attività (1) Propedeuticità (2) Ore e tipologia insegnamento Lz L/A Ore attività individuale ESAMI I SEMESTRE Probabilità e statistica matematica 5 1 (voto) Biomatematica MAT/06 2 Biostatistica SECS-S/01 3 A Chimica e propedeutica biochimica BIO/10 5 A (vedere Biochimica vet.) c/bioch.vet. Economia agraria AGR/01 5 C (voto) Istologia, embriologia e anatomia degli animali domestici Istologia ed embriologia generale e speciale veterinaria Anatomia veterinaria sistematica e comparata 4 II SEMESTRE VET/ (voto) 6 A Anatomia degli animali domestici VET/ (voto) Anatomia degli animali domestici 4 Anatomia vet. sistematica e comparata 4 Anatomia topografica veterinaria 4 4A 8B Biochimica veterinaria BIO/10 6 A (voto) Botanica generale BIO/03 3 A Genetica agraria AGR/07 3 A Zoologia BIO/05 5 A (voto) Altre conoscenze (attività F) 1 25 (Idoneità) Inglese colloquio (Id) Totali 60 6 (1) Tipologia attività formative: A di base; B caratterizzanti, C affini o integrative; D a scelta dello studente; E prova finale e conoscenza lingua inglese; F ulteriori conoscenze linguistiche, abilità informatiche e relazionali, stage, tirocinio, ecc. (2) indicano gli esami che devono essere precedentemente sostenuti (nessun numero = nessuna propedeuticità) Lz = lezioni frontali in aula; L/A = attività pratico-applicativa (esercitazioni in laboratorio/ambulatorio) 4

5 II ANNO CORSO INTEGRATO / MONODISCIPLINARE MODULI I SEMESTRE Fisiologia generale degli animali domestici ed etologia SSD Fisiologia generale veterinaria 4 Etologia veterinaria e benessere animale 4 CFU Tipologia attività (1) Propedeuticità (2) Ore e tipologia insegnamento Lz L/A Ore attività individuale ESAMI VET/ (voto) 6A 2B Metodologie chimiche e biochimiche veterinarie BIO/12 5 C (voto) Microbiologia virologia e immunologia veterinaria VET/05 5 B (voto) Zoocolture AGR/ (voto) Avicoltura C Acquacoltura II SEMESTRE Fisiologia speciale ed endocrinologia degli animali domestici VET/ (voto) Fisiologia speciale veterinaria 5 6A Endocrinologia veterinaria 5 4B Parassitologia degli animali VET/06 4 (*) Parassitologia generale ed elmintologia 2 Protozoologia ed entomologia 2 Zootecnia generale e miglioramento genetico animale B (vedere Malattie parassitarie) AGR/17 5 C (voto) Zootecnia speciale e tecniche di allevamento AGR/19 5 C (voto) Altre conoscenze (attività F) 3 75 (Idoneità) Tirocinio Zootecnia (attività F: 3, attività C: 4) 7 3F-4C (Idoneità) (*) esame al III anno con Malattie parassitarie degli animali Totali 60 7 (1) Tipologia attività formative: A di base; B caratterizzanti, C affini o integrative; D a scelta dello studente; E prova finale e conoscenza lingua inglese; F ulteriori conoscenze linguistiche, abilità informatiche e relazionali, stage, tirocinio, ecc. (2) indicano gli esami che devono essere precedentemente sostenuti (nessun numero = nessuna propedeuticità) Lz = lezioni frontali in aula; L/A = attività pratico-applicativa (esercitazioni in laboratorio/ambulatorio) 5

6 III ANNO CORSO INTEGRATO / MONODISCIPLINARE MODULI SSD CFU Tipologia attività (1) Propedeuticità (2) Ore e tipologia insegnamento Lz L/A Ore attività individuale ESAMI I SEMESTRE Farmacologia e tossicologia VET/ (voto) Farmacologia veterinaria 5 Tossicologia veterinaria 4 B Igiene e tecnologia delle produzioni alimentari VET/ (voto) Igiene degli alimenti 2 Processi di lavorazione e trasformazione d/alimenti nelle industrie di pertinenza veterinaria 5 B Malattie parassitarie degli animali VET/06 5 B (voto) Patologia generale e fisiopatologia VET/ (voto) Patologia generale 5 Fisiopatologia 2 II SEMESTRE B Malattie infettive, profilassi e polizia sanitaria VET/ (voto) Malattie infettive, profilassi e polizia sanitaria I 3 Malattie infettive, profilassi e polizia sanitaria II 3 Metodologie e biotecnologie applicate alle malattie infettive 2 B Nutrizione e alimentazione animale AGR/18 7 C (voto) Patologia aviare e patologia tropicale VET/ (voto) Patologia aviare B 2 Patologia tropicale Anatomia patologica veterinaria VET/03 [14] (**) Anatomia patologica I 5 B (vedere IV anno, II semestre) Tirocinio Clinica medica e profilassi (attività F) (***) Tirocinio Ispezione degli alimenti (attività F) (****) Totali 60 7 (**) esame al IV anno (***) certificazione al V anno (****) certificazione al IV anno (1) Tipologia attività formative: A di base; B caratterizzanti, C affini o integrative; D a scelta dello studente; E prova finale e conoscenza lingua inglese; F ulteriori conoscenze linguistiche, abilità informatiche e relazionali, stage, tirocinio, ecc. (2) indicano gli esami che devono essere precedentemente sostenuti (nessun numero = nessuna propedeuticità) Lz = lezioni frontali in aula; L/A = attività pratico-applicativa (esercitazioni in laboratorio/ambulatorio) 6

7 IV ANNO CORSO INTEGRATO / MONODISCIPLINARE MODULI SSD CFU Tipologia attività (1) Propedeuticità (2) Ore e tipologia insegnamento Lz L/A Ore attività individuale ESAMI I SEMESTRE Anatomia patologica veterinaria VET/03 [14] esame II sem. Anatomia patologica II 5 (vedere II semestre) Andrologia e patologia della riproduzione VET/ (voto) Andrologia 2 Patologia della riproduzione 3 Patologia e semeiotica medica e diagnostica strumentale Patologia, semeiotica e diagnostica I 5 Patologia, semeiotica e diagnostica II 4 Diagnostica di laboratorio 3 II SEMESTRE B VET/ (voto) B Anatomia patologica veterinaria [14] 1 (voto) Autopsie VET/03 4 B Ostetricia e clinica ostetrica [9] (*****) Ostetricia veterinaria VET/10 3 (vedere V anno, I semestre) Ispezione, controllo e certificazione degli alimenti Controllo igienico-sanitario, qualità e legislazione delle carni e dei prodotti ittici freschi Controllo igienico-sanitario, qualità e legislazione del latte, delle uova, del miele e dei prodotti alimentari trasformati Patologia e semeiotica chirurgica, radiologia e medicina operatoria VET/ (voto) B VET/ (voto) Patologia e semeiotica chirurgica B 1 Radiologia e medicina operatoria Tirocinio Ispezione degli alimenti (attività B) (Idoneità) Tirocinio Clinica medica e profilassi (attività F) (***) Tirocinio Clinica chirurgica e ostetrica (attività B) (***) (***) esame al V anno (***) certificazione al V anno Totali 60 5 (1) Tipologia attività formative: A di base; B caratterizzanti, C affini o integrative; D a scelta dello studente; E prova finale e conoscenza lingua inglese; F ulteriori conoscenze linguistiche, abilità informatiche e relazionali, stage, tirocinio, ecc. (2) indicano gli esami che devono essere precedentemente sostenuti (nessun numero = nessuna propedeuticità) Lz = lezioni frontali in aula; L/A = attività pratico-applicativa (esercitazioni in laboratorio/ambulatorio) 7

8 V ANNO CORSO INTEGRATO / MONODISCIPLINARE MODULI I SEMESTRE SSD CFU Tipologia attività (1) Ore e tipologia insegnamento Propedeuticità (2) Lz L/A Ore attività individuale ESAMI Anestesiologia e clinica chirurgica VET/ (voto) Anestesiologia 4 Clinica chirurgica 7 B Clinica medica, terapia e medicina legale VET/ (voto) Clinica medica e terapia B 6 Medicina legale Ostetricia e clinica ostetrica VET/10 [9] 1 (voto) Clinica ostetrica 6 B II SEMESTRE Altre conoscenze (attività D) 15 (1) Tirocinio Clinica chirurgica e ostetrica (attività F) (Idoneità) Tirocinio Clinica medica e profilassi (attività B) (Idoneità) Prova finale (attività E) (voto) Totali 60 4 (1) Tipologia attività formative: A di base; B caratterizzanti, C affini o integrative; D a scelta dello studente; E prova finale e conoscenza lingua inglese; F ulteriori conoscenze linguistiche, abilità informatiche e relazionali, stage, tirocinio, ecc. (2) indicano gli esami che devono essere precedentemente sostenuti (nessun numero = nessuna propedeuticità) Lz = lezioni frontali in aula; L/A = attività pratico-applicativa (esercitazioni in laboratorio/ambulatorio) Corsi Integrati Professionalizzanti (CIP) Per le attività formative a scelta dello studente (attività D), fatta salva la possibilità da parte dello studente di acquisire i CFU del gruppo D nelle forme previste dal Regolamento Didattico del Corso, il Consiglio di Facoltà stabilisce annualmente, sentita la Commissione Didattica, un certo numero di Corsi Integrati Professionalizzanti (CIP) comprendenti insegnamenti diversi, facenti capo a moduli, tra cui lo studente potrà effettuare la sua scelta per il conseguimento dei CFU relativi a questo gruppo di attività. Per l ammissione al CIP, il Consiglio di Facoltà ha deliberato i seguenti passaggi: vengono organizzati incontri pomeridiani per dar modo agli studenti di conoscere i contenuti dei CIP proposti; entro il 30 aprile, gli studenti devono manifestare il loro interesse per un determinato CIP compilando un modulo appositamente predisposto dalla Segreteria di Facoltà; la scelta definitiva del CIP avverrà al momento dell iscrizione al V anno (termine ultimo: 10 ottobre); per l attivazione del CIP la Facoltà terrà conto solo di quelli che risulteranno aver raggiunto un numero minimo di 8-9 studenti interessati. 8

9 Per l anno accademico 2007/2008, la Facoltà ha proposto i seguenti Corsi Integrati Professionalizzanti: CORSO INTEGRATO / MODULI SSD CFU CIP - Controllo igienico-sanitario degli alimenti di origine animale nel contesto europeo Comunità europea e polizia sanitaria nel controllo delle malattie trasmissibili degli animali produttori di alimenti Applicazione e significato della visita ante mortem in animali produttori di carne Visita post mortem e patologia d organo in animali regolarmente macellati Analisi del rischio delle malattie alimentari in ambito UE Controlli ufficiali nell ispezione degli alimenti di o- rigine animale Strategia e metodologia di campionamento dei prodotti di origine animale in ambito comunitario 15 Tipologia attività (1) Ore e tipologia insegnamento Propedeuticità (2) Lz L/A Ore attività individuale VET/ VET/ VET/ D 3 VET/ VET/ VET/04 2 CIP - Diagnostica ed epidemiologia clinica Traumatologia VET/ Diagnostica neurologica VET/ Diagnostica ecografica VET/ Diagnostica video-endoscopica VET/08 3 D Diagnostica in dermatologia VET/ Endoscopia diagnostica in andrologia e ginecologia VET/ Epidemiologia VET/05 2 CIP - L allevamento animale nei paesi in via di sviluppo (PVS) Biologia ed ecologia degli animali esotici BIO/ Interazione genotipo-ambientale in aree sottoposte ad erosione e desertificazione BIO/ Fisiologia dell'adattamento VET/ Economia dello sviluppo agricolo sostenibile AGR/01 2 D Biodiversità e metodi di miglioramento genetico applicabili nei PVS AGR/ Efficienza riproduttiva VET/ Alimentazione animale in sistemi estensivi di produzione AGR/ ESAMI 1 (voto) 1 (voto) 1 (voto) Il Consiglio di Facoltà, con delibera da adottarsi prima dell inizio dell anno accademico, si riserva di rendere operativi uno o più Corsi Integrati Professionalizzanti, a seconda delle indicazioni espresse dagli studenti. 9

10 Propedeuticità Gli esami elencati nella colonna A devono essere sostenuti prima degli esami elencati nella colonna B: Colonna A Istologia, embriologia e anatomia degli animali domestici Chimica e propedeutica biochimica e Biochimica veterinaria Istologia, embriologia e anatomia degli animali domestici Chimica e propedeutica biochimica e Biochimica veterinaria Anatomia degli animali domestici Botanica generale, Genetica agraria e Zoologia Chimica e propedeutica biochimica e Biochimica veterinaria Fisiologia generale degli animali domestici ed etologia Probabilità e statistica matematica Botanica generale, Genetica agraria e Zoologia Fisiologia speciale ed endocrinologia degli animali domestici Zootecnia speciale e tecniche di allevamento Microbiologia virologia e immunologia veterinaria Fisiologia speciale ed endocrinologia degli animali domestici Microbiologia virologia e immunologia veterinaria Botanica generale, Genetica agraria e Zoologia Zoocolture Nutrizione e alimentazione animale Parassitologia e Malattie parassitarie degli animali Igiene e tecnologia delle produzioni alimentari Anatomia patologica veterinaria Malattie infettive, profilassi e polizia sanitaria Andrologia e patologia d/riproduzione Anatomia patologica veterinaria Farmacologia e tossicologia Malattie infettive, profilassi e polizia sanitaria Patologia aviare e patologia tropicale Patologia e semeiotica medica e diagnostica strumentale Anatomia patologica veterinaria Ostetricia e clinica ostetrica Farmacologia e tossicologia Patologia e semeiotica chirurgica, radiologia e medicina operatoria Anatomia patologica veterinaria Colonna B Anatomia degli animali domestici Microbiologia virologia e immunologia veterinaria Fisiologia generale degli animali domestici ed etologia Metodologie chimiche e biochimiche veterinarie Fisiologia speciale ed endocrinologia degli animali domestici Zootecnia generale e miglioramento genetico animale Zootecnia speciale e tecniche di allevamento Nutrizione e alimentazione animale Patologia generale e fisiopatologia Farmacologia e tossicologia Igiene e tecnologia delle produzioni alimentari Parassitologia e Malattie parassitarie degli animali Malattie infettive, profilassi e polizia sanitaria Patologia aviare e patologia tropicale Andrologia e patologia della riproduzione Patologia e semeiotica medica e diagnostica strumentale Anatomia patologica veterinaria Ispezione, controllo e certificazione degli alimenti Patologia e semeiotica chirurgica, radiologia e medicina operatoria Ostetricia e clinica ostetrica Clinica medica, terapia e medicina legale Anestesiologia e clinica chirurgica 10

11 Colonna A Per ogni Corso integrato professionalizzante (CIP) scelto Colonna B Anestesiologia e clinica chirurgica Clinica medica, terapia e medicina legale Ostetricia e clinica ostetrica Gli studenti devono osservare le propedeuticità indicate pena l annullamento d ufficio dell esame. Immatricolazioni Il numero massimo di immatricolazioni al primo anno richiesto al Ministero è di 90 studenti, 3 posti sono riservati per studenti di nazionalità cinese e 2 posti per studenti extracomunitari. Qualora il numero degli aspiranti superi quello dei posti disponibili, l accesso è subordinato al superamento di una prova di selezione. Domanda di ammissione Le domande di ammissione, in carta libera, dirette al Rettore e redatte su appositi moduli disponibili presso la Segreteria Studenti (AGEPROF) (località Le Mosse n. 69, Camerino), vanno presentate, alla stessa Area, dal 15 luglio al 1 settembre Alla domanda devono essere allegati: - autocertificazione relativa al titolo di studio posseduto; - ricevuta del pagamento della tassa di pre-iscrizione di 26,00 euro sul c/c postale intestato all Università degli Studi di Camerino, conto tasse universitarie, con la causale tassa di pre-iscrizione al Corso di Laurea Magistrale in Medicina Veterinaria. Non verranno accettate domande pervenute e protocollate dall AGEPROF successivamente al 1 settembre 2007 o redatte su modulo diverso da quello fornito dallo stesso ufficio. Prova di selezione L esame di ammissione si terrà il 6 settembre 2007 ed avrà valore anche per la prova di conoscenza della lingua italiana per i cittadini extracomunitari. Per ulteriori informazioni sulla prova di selezione si rimanda al relativo bando. Iscrizioni agli anni successivi al primo Le iscrizioni per gli anni successivi al primo devono essere effettuate presso la Segreteria Studenti (AGEPROF) entro il 10 ottobre Oltre tale data gli studenti saranno iscritti fuori corso. Trasferimenti 1. Iscrizioni di laureati e/o studenti provenienti da altro corso di laurea: gli aspiranti dovranno superare il test di ammissione come le matricole, successivamente il Consiglio di Facoltà valuterà i curricula per deliberare eventuali convalide e/o abbreviazioni di corso. 2. Trasferimenti da altre sedi per lo stesso Corso di laurea in Medicina Veterinaria potranno essere accolti in relazione alla disponibilità dei posti riferiti all anno di immatricolazione. Si precisa che, per posti disponibili, si intendono quelli che si liberano a seguito di rinuncia agli studi o per trasferimento ad altra sede e/o altro corso di laurea. Le domande di pre-iscrizione, in carta libera, dovranno essere presentate e protocollate dalla Segreteria Studenti (AGEPROF) entro e non oltre il giorno 1 settembre Non fa fede il timbro postale. 11

12 Alla domanda di pre-iscrizione, necessaria per il trasferimento, dovranno essere allegati: 1. fotocopia del diploma originale di maturità o dichiarazione sostitutiva di certificazione con l indicazione del voto conseguito; 2. un certificato, rilasciato dall Università di provenienza, attestante l anno di immatricolazione, l iscrizione per l anno accademico 2006/07 e gli esami superati; 3. le fotocopie dei programmi ufficiali degli esami superati dei quali si chiede la convalida; Potranno chiedere il trasferimento solamente gli studenti inseriti nell elenco degli ammessi. Il prescritto nulla osta verrà rilasciato dalla Segreteria Studenti entro il 15 settembre I congedi dovranno pervenire all Università di Camerino improrogabilmente entro il 10 ottobre Domande di trasferimento per altre sedi universitarie dovranno essere presentate in Segreteria Studenti (AGEPROF) entro e non oltre il 10 ottobre

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

Lista dei Settori Concorsuali con i relativi settori scientifico disciplinari

Lista dei Settori Concorsuali con i relativi settori scientifico disciplinari Lista dei Settri Cncrsuali cn i relativi settri scientific disciplinari 01/A1 - LOGICA MATEMATICA E MATEMATICHE COMPLEMENTARI MAT/01 MAT/04 01/A2 - GEOMETRIA E ALGEBRA MAT/02 MAT/03 01/A3 - ANALISI MATEMATICA,

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo 1 2 Guida all accesso ai Corsi di Laurea (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo Anno Accademico 2014/2015 3 4 Concept and graphic design: Marketing e Fundraising

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA LAUREE QUADRIENNALI: FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA o ECONOMIA E COMMERCIO media aritmetica dei voti degli esami di profitto con esclusione dei voti delle Teologie e di quelli riguardanti

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile Quante volte l anno si svolgono gli esami di Stato? Sono previste due sessioni d esame

Dettagli

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO STUDENTI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Approvato dal Senato Accademico con delibera del 10 giugno 2008 e modificato con delibera del Senato Accademico del 14 giugno 2011 Decreto rettorale

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Che cos è un Master Universitario? Il Master Universitario è un corso di perfezionamento scientifico e di alta qualificazione formativa, finalizzato

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99)

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99) Mod. 6322/triennale Marca da bollo da 16.00 euro Domanda di laurea Valida per la prova finale dei corsi di studio di primo livello Questo modulo va consegnato alla Segreteria amministrativa del Corso a

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea per Ortottista e Assistente di Oftalmologia

Regolamento didattico del Corso di Laurea per Ortottista e Assistente di Oftalmologia UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Regolamento didattico del Corso di Laurea per Ortottista e Assistente di Oftalmologia ( livello) Presidente: prof. Adriano Magli

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Tecniche della Prevenzione nell Ambiente e nei Luoghi di Lavoro (abilitante alla professione sanitaria

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Tecniche della Prevenzione nell Ambiente e nei Luoghi di Lavoro (abilitante alla professione sanitaria Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Tecniche della Prevenzione nell Ambiente e nei Luoghi di Lavoro (abilitante alla professione sanitaria di Tecnico della prevenzione nell ambiente e nei luoghi

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como Corso di Laurea in Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale Classe L-12 Mediazione Linguistica

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Art. 1 - Attivazione Master di II livello L Istituto di MANAGEMENT ha attivato presso la Scuola Superiore Sant Anna di Pisa, ai sensi dell art. 3 dello

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele

Università Vita~Salute San Raffaele Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4185 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA Articolo 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di nomina dei Cultori della materia e le loro attività. Articolo 2 Funzioni 1.

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

REGOLAMENTO IMMATRICOLAZIONI, ISCRIZIONI, TASSE E CONTRIBUTI PER STUDENTI DI CORSI DI LAUREA, DI LAUREA MAGISTRALE, DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO

REGOLAMENTO IMMATRICOLAZIONI, ISCRIZIONI, TASSE E CONTRIBUTI PER STUDENTI DI CORSI DI LAUREA, DI LAUREA MAGISTRALE, DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO REGOLAMENTO IMMATRICOLAZIONI, ISCRIZIONI, TASSE E CONTRIBUTI PER STUDENTI DI CORSI DI LAUREA, DI LAUREA MAGISTRALE, DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO E CORSI SINGOLI INDICE TITOLO I - IMMATRICOLAZIONI,

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO D. R. 767 del 30/06/2014 MANIFESTO GENERALE DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2014/2015 IL RETTORE VISTA la Legge 19 novembre 1990

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO INTERNO DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE BIOLOGICHE ED AMBIENTALI (D.R. n. 1445 del 30 luglio 2002)

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO INTERNO DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE BIOLOGICHE ED AMBIENTALI (D.R. n. 1445 del 30 luglio 2002) REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO INTERNO DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE BIOLOGICHE ED AMBIENTALI (D.R. n. 1445 del 30 luglio 2002) TITOLO PRIMO CAPO PRIMO Natura e caratteristiche del Dipartimento Articolo 1

Dettagli

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica Il Rettore Decreto n. 122549 (1147) Anno _2012 VISTO l art. 3, comma 9, del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

delle qualifiche professionali in favore dei soggetti provenienti da fuori Regione Piemonte che se

delle qualifiche professionali in favore dei soggetti provenienti da fuori Regione Piemonte che se FAQ REQUISITI PER IL COMMERCIO D: La pratica svolta per 2 anni negli ultimi 5, in qualità di coadiuvante in un attività di commercio al dettaglio di alimentari, può essere riconosciuta valida, ai fini

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144. Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001.

Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144. Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001. Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144 Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001. VISTA la legge 9 maggio 1989, n.168, con la quale è

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Il Progetto Orient@mente

Il Progetto Orient@mente Il Progetto Orient@mente Presentazione, 25 marzo 2015 Marina Marchisio Dipartimento di Matematica G. Peano Orient@mente Progetto di UNITO che ha come scopo la realizzazione di un orientamento in ingresso

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALLEGATO I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Università degli Studi della Tuscia Regolamento per l iscrizione degli studenti a tempo parziale ai corsi di studio dell Università degli Studi della Tuscia (D.R. n. 637/07 del 01.08.2007) REGOLAMENTO

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

..DOMANDA DI ISCRIZIONE ANNI SUCCESSIVI..

..DOMANDA DI ISCRIZIONE ANNI SUCCESSIVI.. Corso di laurea.... C.L. specialistica/magistrale... Curriculum/Indirizzo... Matricola.. Marca da bollo da 16,00 se non assolta in modo virtuale AL MAGNIFICO RETTORE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI G. D ANNUNZIO

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Emanuela Stefani - Fondazione CRUI Vincenzo Zara - Università del Salento

Emanuela Stefani - Fondazione CRUI Vincenzo Zara - Università del Salento Emanuela Stefani - Fondazione CRUI f Vincenzo Zara - Università del Salento LA RIFORMA UNIVERSITARIA LA NORMATIVA NAZIONALE La normativa nazionale Riferimenti normativi Corsi di Laurea Corsi di Laurea

Dettagli

In Edumeter le domande proposte nei questionari possono avere quattro risposte: 2 con valore negativo e 2 con valore positivo.

In Edumeter le domande proposte nei questionari possono avere quattro risposte: 2 con valore negativo e 2 con valore positivo. In Edumeter le domande proposte nei questionari possono avere quattro risposte: 2 con valore negativo e 2 con valore positivo. Le risposte negative vengono memorizzate con i valori 1 e 2. Le risposte positive

Dettagli

IL RETTORE. Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19 novembre 1990, n. 341;

IL RETTORE. Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19 novembre 1990, n. 341; UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DICA IL RETTORE Ii[NyMITÀ DEGLI STUDI MI I ACATANIA Protocollo Generale 0 8 APR. 2014 Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

DIPARTIMENTO 25123 BRESCIA Partita IVA 14/15. iniziato, come. fa specifico. paragrafo 2.2. stesso. valutazione. rispondenza.

DIPARTIMENTO 25123 BRESCIA Partita IVA 14/15. iniziato, come. fa specifico. paragrafo 2.2. stesso. valutazione. rispondenza. REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALLE LAUREE MAGISTRALI IN INGEGNERIA 14/15 (Approvato dal CCSA di ingegneria Industriale del 17/7/2014) 1. PREMESSA E NORME GENERALI 1.1. Norme e principi di riferimento Il

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14)

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Curriculum in Consulente del lavoro PIANO DI STUDIO COORTE DI RIFERIMENTO A.A. 2014-2015 I anno II anno IUS 01 - Istituzioni

Dettagli

l sottoscritt nat a prov. il e residente in Via cap

l sottoscritt nat a prov. il e residente in Via cap ZIONI SOSTITUTIVE DI CERTIFICAZIONI AI SENSI DELL ART. 46 DEL D.P.R. 28 DICEMBRE 2000 N. 445 Requisito 1: Titolo di studio voto finale di laurea l sottoscritt nat a prov. il e residente in Via cap di essere

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli