UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA CENTRO RICERCHE SULLA GESTIONE DELLA FAUNA SELVATICA FONDAZIONE UNIVERSITARIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA CENTRO RICERCHE SULLA GESTIONE DELLA FAUNA SELVATICA FONDAZIONE UNIVERSITARIA"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA CENTRO RICERCHE SULLA GESTIONE DELLA FAUNA SELVATICA FONDAZIONE UNIVERSITARIA A.A. 2005/ /2007 MASTER DI PRIMO LIVELLO IN: ECOLOGIA E GESTIONE DEI GRANDI MAMMIFERI SELVATICI SULLE ALPI TITOLO TESI Analisi della colonizzazione di un nuovo territorio da parte di un nucleo di cervo Cervus elaphus reintrodotto in Valle Varaita. RELATORE Prof. Pier Giuseppe Meneguz DOCENTE DI RIFERIMENTO Dott. Paolo Tizzani CANDIDATO Dott.ssa Elisa Tosco

2 INDICE 1. Introduzione 2 2. Descrizione dell area di studio 3 3. Materiali e metodi Raccolta delle segnalazioni esistenti ed archiviazione su foglio elettronico Georeferenziazione delle segnalazioni Suddivisione dell area di studio in aree di campionamento (grigliati) 7 con differenti dimensioni; 3.4. Calcolo delle distanze di dispersione negli anni dal punto di rilascio Calcolo della superficie colonizzata negli anni Descrizione dell utilizzo ambientale e valutazione della selezione di habitat Materiali utilizzati Risultati Descrizione delle griglie di campionamento Descrizione dei dati di base Descrizione delle modalità di dispersione Descrizione dell areale colonizzato Descrizione della selezione di habitat Discussioni e conclusione Bibliografia 19 1

3 1. INTRODUZIONE. I documenti storici che testimoniano la presenza del cervo (Cervus elaphus) nelle vallate cuneesi risalgono al periodo storico compreso tra il 1400 ed il In quest epoca le comunità piemontesi si dotano di strumenti legislativi definiti Statuti, contenenti ampie raccolte di norme comportamentali e regolamentazioni dell attività venatoria. In tali documenti il cervo viene elencato tra le specie presenti sul territorio. Notizie successive relative alla presenza del cervo sono contenute nell opera Relazione dello stato presente del Piemonte del Monsignor F.A. della Chiesa. Gli ultimi documenti in cui si testimonia la presenza del cervo in provincia di Cuneo risalgono alla prima metà del 1700; in particolare nel 1734 una ordinanza sulle licenze di caccia nel territorio di Genola permette l esercizio di attività venatoria nei confronti del cervo, in conseguenza del riscontro di danni causati dall animale alle coltivazioni. La specie in seguito declina gradualmente sino ad estinguersi localmente a causa della persecuzione diretta, del disboscamento e dell incremento delle popolazioni umane alpine e pedemontane. Nell ultimo decennio alcune operazioni di reintroduzione nella provincia di Cuneo e in territori contigui hanno permesso alla specie di rioccupare una parte dell antico areale. La ricolonizzazione in Valle Varaita, oggetto del presente lavoro di tesi, è in gran parte dovuta ad una operazione di reintroduzione condotta nel febbraio 2002 dal Comprensorio Alpino CN2 Valle Varaita con la consulenza scientifica del Dipartimento di Produzione Animale, Epidemiologia ed Ecologia dell Università di Medicina Veterinaria di Torino (Meneguz e Dematteis, 2000). Nel corso di tale operazione sono stati rilasciati 40 cervi così suddivisi in classi di sesso ed età: 24 femmine (16 adulte, 2 sottili, 6 vitelle) e 16 maschi (7 adulti, 2 fusoni e 7 vitelli). Si ricorda che per sottili e fusoni si intendono soggetti di un anno di età e per vitelli soggetti sotto l anno. I soggetti, rilasciati nel comune di Bellino località Posterle superiore, provenivano dal comune di Gurktal (Carinthia - Austria). Tutti i soggetti, secondo quanto previsto dalle Linee Guida dell Infs (Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica) sulle immissioni faunistiche, erano sottoposti ad analisi sanitarie per escludere la presenza di malattie infettive quali la brucellosi ed erano controllati dal punto di vista genetico (A.A.V.V., 1997). Al fine di rendere possibile la identificazione individuale dopo il rilascio, a tutti gli animali venivano applicate marche auricolari; cinque femmine erano state inoltre dotate di radiocollare al fine di seguirne gli spostamenti mediante la tecnica di radio-tracking. Il monitoraggio post-rilascio di una popolazione di cervo è una operazione fondamentale, pari per importanza all operazione di rilascio in sé. Un buon monitoraggio permette, infatti, di verificare il successo dell operazione e acquisire dati importanti sulla popolazione immessa (cfr. ad esempio Mattiello et al., 2004). Scopo della presente tesi è stato quello di archiviare ed analizzare i segni di presenza della specie raccolti dal 2002 ad oggi al fine di: verificare il successo del progetto di reintroduzione a 6 anni dalle operazioni di rilascio; verificare l efficacia del monitoraggio condotto in questi anni dagli Enti coinvolti (Comprensorio Alpino CN2 Valle Varaita e Cerigefas); descrivere le modalità di espansione del cervo in Valle Varaita attraverso parametri quali: velocità di espansione annuale ed estensione del territorio progressivamente occupato ; descrivere l influenza delle tipologie ambientali sulla selezione del territorio da parte della specie. 2

4 2. DESCRIZIONE DELL AREA DI STUDIO. L area di studio interessa il territorio dei 14 comuni della Comunità Montana Valle Varaita, una parte del comune di Manta e la porzione montana del comune di Busca, pertinente al bacino orografico del fiume Maira (Figura 1). La struttura di paesaggio prevalente della zona è quella della media montagna; gli ambienti caratteristici dell alta quota sono limitati al gruppo del Viso ed ai versanti nord del Pelvo d Elva e del Mongioia. Lo spartiacque di frontiera separa il bacino del fiume Varaita da quelli dell Ubaye e del Guil. La valle presenta un profilo ad U continuo da Piasco a Brossasco e si alterna, nella parte centrale e superiore della valle, a scorci di profilo a V. La struttura orografica è semplice e ben centrata sull asse del Varaita che, a monte di Casteldelfino, si biforca in due rami,trovando il suo massimo sviluppo nel ramo che scende dall alto vallone di Sustra. Gli apporti laterali sono modesti e danno luogo (nella parte bassa della valle) a valloni secondari e di limitato sviluppo. Lo spartiacque di frontiera unisce la punta Gastaldi al monte Maniglia descrivendo un ampio semicerchio. Le due dorsali che si dipartono dagli estremi di questa catena danno luogo aglii spartiacque Valle Po-Valle Varaita e Valle Varaita-Valle Maira. A partire da Sampeyre e in corrispondenza di Casteldelfino, il versante sinistro si corruga abbondantemente, raggiungendo l orizzonte del piano alpino e subnivale con abbondanti affioramenti rocciosi superficiali, e si innalza gradualmente verso il massiccio del Monviso. Su questo versante si sviluppa il Bosco dell Alevè, la cebreta più vasta delle Alpi, formazione forestale che complessivamente supera i 2000 ha di estensione (circa 800 ha di cembreta pura e 1200 ha in associazione con il larice). Al di sopra del bosco si sviluppa un complesso montuoso che raggiunge il limite altimetrico superiore dell area di studio (Monviso 3841 m. s.l.m.).sullo stesso versante, proseguendo verso Ovest si attraversa il vallone di Vallanta che collega al vasto bacino orografico superiore di Chianale. Sulla destra orografica le prime formazioni rocciose imponenti si trovano oltre l abitato di Casteldelfino con il gruppo dei monti Pelvo e Marchisa; tale versante raggiunge l estremità sud occidentale dell area di studio in corrispondenza del monte Maniglia che sovrasta il bacino sommitale di Bellino. L altezza media della valle è di 1707 m. s.l.m., il 2% del territorio si estende al disopra dei 3000 m. s.l.m., il 33% supera i 2100 m. s.l.m. ed il 57% oltrepassa i 1500 m. s.l.m (Ottonelli, 1979). La complessità della struttura geologica della Valle Varaita contribuisce alla varietà degli ambienti ecologici. Verso la testata della valle (bacini di Chianale e Bellino) il substrato è costituito prevalentemente da calcescisti che danno luogo ad un paesaggio ricco di pascoli e relativamente poco accidentato. La dorsale tra Chianale e Bellino ed il massiccio Pelvo-Marchisa presenta un substrato di rocce silicatiche con formazioni di quarzite grigia. Il gruppo del Monviso ed il territorio posto sulla sinistra orografica presentano una struttura geologica caratterizzata dalla presenza di elementi della serie dei calco-micascisti e di serpentiniti, metabasalti e cloritoscisti. Questa zona è inoltre caratterizzata da imponenti formazioni moreniche e laghi glaciali. La media e bassa valle (comuni di Frassino, Melle e Venasca) è una zona compattamente gneissica con intercalazioni di micascisti. Il fondo valle presenta invece formazioni di micascisti con pochi gneiss minuti,calcari cristallini e pietre verdi. 3

5 Figura 1. Immagine satellitare dell area di studio. In rosso sono indicati i confini del Comprensorio Alpino Cuneo 2. Tra le specie di che partecipano alla costituzione forestale del piano collinare della Valle Varaita ricordiamo la Quercia (Quercus robur) ed il Castagno (Castanea Sativa). Nelle zone ecologicamente favorevoli alle aghifoglie resinose le specie principali sono: l Abete Bianco (Albies Alba) ed il Larice (Larix Europea); tra le troviamo il Faggio (Fagus Procera) e la Betulla (Betulla Alba). La zona subalpina è il regno, oltre che del larice, dei vari pini tra cui primeggia il Pino Cembro (Pinus Cembra) Alle altitudini superiori la vegetazione forestale, scompare e la flora impoverisce rapidamente. Per quanto concerne l uso del suolo, le superfici occupate dalle diverse tipologie (desunte dai Piani Forestali Territoriali) sono riportate in tabella 1. La carta raggruppa tutta l area alpina della Regione Piemonte in 22 tipologie forestali, 6 tipologie pastorali, 5 tipologie agricole, 4 tipologie di formazioni erbacee seminaturali e 6 tipologie che esulano dalle precedenti (43 tipologie totali). Il livello di dettaglio di tale carta è maggiore rispetto a quella del Corine Land Cover (Coordination de l Information sur l Environnement). Il progetto Corine è stato varato nel 1985 dalla Comunità Europea per il mappaggio dell uso del territorio ed è una fonte di dati ampiamente utilizzati per studi ambientali. Il maggior dettaglio dei PFT permette di ottenere dati di uso suolo molto attendibili. Entrambe le mappe sono scaricabili liberamente dal sito cartografico della Regione Piemonte all URL 4

6 Categoria Ettari Abetine 172 Acero-tiglio-frassineti 2084 Acque 116 Alneti planiziali e montani 200 Arbusteti planiziali, collinari, montani 74 Arbusteti subalpini 2455 Aree urbanizzate, infrastrutture 932 Aree verdi urbane Totale 4 Boscaglie pioniere di invasione 1424 Castagneti 6738 Cespuglieti 685 Cespuglieti pascolabili Totale 1 Coltivi abbandonati 20 Faggete 3869 Formazioni legnose riparie 47 Frutteti e vigneti 686 Greti 10 Impianti per arboricoltura da legno 111 Lariceti e cembrete 3685 Pinete di Pino silvestre 69 Praterie 5629 Praterie non utilizzate 7 Praterie rupicole 3595 Prato-pascoli 2791 Querceti di rovere 706 Querceti di roverella Totale 15 Querco-carpineti 36 Rimboschimenti 655 Robinieti 79 Rocce e macereti 8799 Seminativi 1711 Tabella 1 Categorie di uso suolo presenti nel Piano Forestale Territoriale della Regione Piemonte e loro estensione in ettari. 5

7 3. MATERIALI E METODI. Al fine di raggiungere gli obiettivi che ci siamo posti sono state condotte le seguenti operazioni: 3.1. Raccolta delle segnalazioni esistenti ed archiviazione su foglio elettronico. La maggior parte dei dati di presenza della specie provenivano da due enti: Il Comprensorio Alpino CN2 Valle Varaita, titolare e finanziatore del progetto, che ha messo a disposizione il seguente materiale: - segnalazioni dei cacciatori soci del Comprensorio, raccolte durante le attività di censimento mediante le metodiche osservazione diretta su transetto diurno, osservazione su transetti notturni con il faro e censimento in battuta su aree campione (in figura 2 è indicata la rete dei transetti di monitoraggio che raggiunge uno sviluppo di 343 chilometri); - verbali di abbattimento: dal 2005 il Comprensorio Alpino ha autorizzato l attività venatoria alla specie con l obbligo per il cacciatore di segnalare la zona di abbattimento; - segnalazioni di danni da cervo all agricoltura: la L.R. 70/96 prevede un risarcimento per i danni arrecati all agricoltura da fauna selvatica. Il Comprensorio è l ente addetto alla verifica del danno, della specie e della località interessata. I danni attribuiti alla specie cervo sono stati introdotti nel database; - denunce di investimento: sono raccolti i dati relativi ai cervi investiti sulla strada provinciale della Valle Varaita (SP8); - segnalazioni di varia provenienza: sono state infine raccolte tutte le segnalazioni casuali effettuate da persone di comprovata esperienza nel campo faunistico. il Cerigefas (Centro Ricerche sulla Gestione della Fauna Selvatica - Fondazione dell Università degli Studi di Torino) incaricato dal Comprensorio Alpino CN2 di monitorare l evoluzione della popolazione sul lungo periodo; la maggior parte delle segnalazioni dell Ente si rifanno all attività di radiotracking e ad avvistamenti casuali raccolti durante le varie attività di ricerca sul campo. Tutte le segnalazioni sono state archiviate su un foglio elettronico Microsoft Excel. Figura 2. Area del Comprensorio Alpino CN2 (in grigio), con la rete dei transetti di monitoraggio (in rosso). 6

8 3.2. Georeferenziazione delle segnalazioni. Le osservazioni sono state georiferite utilizzando come base cartografica la Carta Tecnica Regionale (CTR) 1: della Regione Piemonte in formato raster (Datum UTM European 1950). La gestione delle CTR e degli shapefile (file vettoriali) contenenti le segnalazioni georiferite è stata effettuata utilizzando software Gis (Geografical Information Sistem) Suddivisione dell area di studio in aree di campionamento (grigliati) con differenti dimensioni; Una delle maggiori difficoltà che si incontrano nel georiferire segnalazioni di varia natura e precisione consiste nel determinare un appropriata unità di campionamento. La scelta di utilizzare differenti scale di osservazione/archiviazione dei dati, può influenzare la descrizione del fenomeno studiato (Graaf et al., 2005). La ricerca bibliografica condotta sull argomento ha evidenziato che la scelta della scala con cui descrivere un fenomeno spaziale è molto variabile tra gli autori (Bizzotto et al,2003; Rigo et al.,2003; Campi,2000). Nella nostra analisi abbiamo dunque deciso di analizzare le osservazioni con un approccio multiscalare (Graaf et al., 2005; Cushman e McGarigal, 2004) valutandone l influenza sui risultati. L espansione del cervo è stata descritta a due livelli: o Livello puntuale (utilizzato come gold standard): ad ogni singola osservazione è stato attribuito un valore di coordinate UTM X e Y. Il livello puntuale rappresenta il livello di massima precisione descrittiva, a cui verranno paragonati i risultati ottenuti con gli altri livelli; o Livello di cella (utilizzato per valutare l approssimazione del dato): l area di studio è stata suddivisa con un grigliato a celle quadrate di tre dimensioni differenti: 250, 500 e 1000 metri. La presenza di una o più osservazioni all interno di una cella portava a considerare questa come unità positiva (la cella diventa l unità campionaria). I grigliati di campionamento sono stati creati con l ausilio dell estensione repeating shape del software ArcView 3.2. La valutazione della dimensione di maglia più adatta per descrivere l espansione del cervo è stata effettuata confrontando attraverso il test di Spearmann il livello puntuale (gold standard) con il livello di cella (approssimazione) Calcolo delle distanze di dispersione negli anni dal punto di rilascio; La dispersione dei cervi è stata calcolata valutando le successive distanze delle osservazioni, suddivise per anno, dal punto di rilascio. A livello puntuale il calcolo è stato effettuato su ogni singola osservazione; a livello di cella è stato fatto calcolando la distanza dal centroide (baricentro) delle celle positive. Le analisi sono state condotte mediante la tecnica denominata spider distance analysis implementata nell estensione Animal Movement Analysis per il software ArcView (Diggle, 1983). L Animal Movement Analysis è un tool sviluppato dall Alska Science Center, provvisto di numerose funzionalità per l analisi spaziale dei movimenti degli animali (Hooge e Eichenlaub, 1997). La distanza di dispersione è stata calcolata come valore medio delle singole dispersioni su base annuale Calcolo della superficie colonizzata negli anni. L estensione della superficie colonizzata è stata valutata in due maniere: - come area di osservazione (numero di celle positive): è stata calcolata la variazione nel numero di celle occupate nel corso degli anni. Da questo primo valore abbiamo calcolato l estensione dell area di osservazione moltiplicando il numero di celle occupate per la loro superficie (cella di 250 metri = 7

9 6,5 ettari; cella di 500 metri = 25 ettari; cella di 1000 metri = 100 ettari), approcciandoci anche in questo caso ad una descrizione multiscalare del fenomeno (Graaf et al., 2005). - come home range occupato: considerando il fenomeno a livello puntuale, ogni segnalazione è stata considerata come centro di attività di un home range medio (dominio vitale). La definizione della estensione di un home range medio si è rivelato un compito particolarmente arduo in quanto il suo valore varia in funzione dei seguenti parametri (Szmethy et al., 2003; Mustoni et al., 2002): caratteristiche ambientali; disponibilità alimentare; periodo dell anno; sesso e età Secondo la letteratura le dimensioni degli home range annuali possono variare da un minimo di 1000 ed un massimo di ettari (Bizzotto et al,2003) Nell isola di Rum (Scozia) sono stati registrati valori di 400 ettari per la femmina e di 800 per il maschio, nel nord-est della Scozia invece le superfici occupate sono sensibilmente maggiori (Mitchell et al., 2002) Per quanto riguarda l ambiente alpino, nelle Alpi bavaresi Georgici (1980) ha riscontrato dimensioni relativamente limitate, con valori medi di ettari; estensioni maggiori sono state rilevate in Italia sia sulle Alpi Occidentali (Luccarini e Mauri,2000) che su quelle Orientali (Chiarenzi et al., 2002). Per Mustoni (2002) il dominio annuale del cervo sulle Alpi varia tra 400 (femmina) e 800 ettari (maschio). Utilizzando i dati bibliografici disponibili e rifacendoci al comportamento dei soggetti radiocollarati monitorati in Valle Varaita, abbiamo utilizzato un valore medio di home range pari a 600 ettari. Ad ogni osservazione è stato quindi applicato un buffer con raggio pari a 1100 metri Descrizione dell utilizzo ambientale e valutazione della selezione di habitat. Descritta la variazione dell estensione degli home range negli anni, abbiamo infine valutato come le caratteristiche ambientali (classi di uso del suolo) abbiano influenzato l espansione della specie. Le classi di uso suolo considerate sono quelle contenute nei Piani Forestali Territoriali della Regione Piemonte. La Regione raggruppa tali categorie in 43 classi di cui 31 presenti nell area distudio. Per semplificare l analisi abbiamo accorpato queste categorie in nove classi: seminativi, frutteti e vigneti, conifere,, arbusti, prato-pascolo, rocce e macereti, acque e urbanizzato, come descritto in tabella 2. 8

10 Categoria desunta dai Piani Forestali Territoriali Abetine Acero-tiglio-frassineti Acque Alneti planiziali e montani Arbusteti planiziali, collinari, montani Arbusteti subalpini Aree urbanizzate, infrastrutture Aree verdi urbane Totale Boscaglie pioniere di invasione Castagneti Cespuglieti Cespuglieti pascolabili Totale Coltivi abbandonati Faggete Formazioni legnose riparie Frutteti e vigneti Greti Impianti per arboricoltura da legno Lariceti e cembrete Pinete di Pino silvestre Praterie Praterie non utilizzate Praterie rupicole Prato-pascoli Querceti di rovere Querceti di roverella Totale Querco-carpineti Rimboschimenti Robinieti Rocce e macereti Seminativi Categorie riclassificate conifere acque arbusti arbusti urbanizzato urbanizzato arbusti arbusti arbusti frutteti e vigneti greti conifere conifere prato-pascoli prato-pascoli prato-pascoli prato-pascoli conifere rocce e macereti seminativi Tabella 2. Accorpamento delle categorie desunte nei Piani Forestali Territoriali della Regione Piemonte in nove classi semplificate. Si sono quindi confrontate le frequenze di utilizzo delle diverse categorie di uso suolo rispetto alla loro disponibilità nell area di studio. Per tali analisi sono stati utilizzati: - Il test del chi quadro: test statistico non parametrico atto a verificare se i valori di frequenza osservati siano diversi in maniera significativa dalle frequenze attese. La soglia di significatività statistica è stata considerata per p < 0,05. - L indice di selezione di Manly (Pennings,. 1990; Heisey 1985): le classi di uso suolo risultate significative al test del chi quadro sono state analizzate con l indice di Manly per valutare in che misura fossero effettivamente selezionate rispetto alle altre. L indice di Manly è un test utilizzato in ecologia per valutare l utilizzo delle risorse in base alla loro disponibilità, secondo la formula: 9

11 α i = (r i /n i )/Σ k j=1 (r j /n j ) dove: - α i è il valore del test - r i: = numero di ettari utilizzati della classe i - n i = numero ettari disponibili della classe i (Chesson, 1983). con valori di i che variano da 1 a k, essendo k il numero delle categorie disponibili. Il valore dell indice varia da 0 a 1; per α uguale a zero la risorsa non è utilizzata, per α uguale a 1 la risorsa è selezionata al massimo della sua disponibilità. Il valore che discrimina la soglia di selezione/non selezione delle risorse è pari a 1/k. Per α minore di 1/k la risorsa non è selezionata; α maggiore di 1/k indica selezione della risorsa; α uguale a 1/k indica che la selezione è casuale ossia la risorsa è selezionata in base alla sua disponibilità Materiali utilizzati: Basi cartografiche: Ctr numerica Regione Piemonte, Datum UTM European 1950; Piani Forestali Territoriali della Regione Piemonte Software: Microsoft Excel. Arcview 3.2 Epinfo 6 Envision software per la visualizzazione tridimensionale di dati spaziali Test statistici: Chi quadro Test non parametrico di Spearman Indice di selezione di Manly 10

12 4. RISULTATI Descrizione delle griglie di campionamento. Le aree di campionamento (figura 3) ottenute suddividendo l area di studio con griglie di differenti dimensioni (figura 4) sono composte rispettivamente da: - Griglia 250 metri: 7936 celle - Griglia 500 metri: 2065 celle; - Griglia 1000 metri: 556 celle; Figura 3. numero di celle di cui sono composte le griglie con maglia di 250, 500, 1000 metri. Figura 4. Suddivisione dell area di studio in aree di campionamento con una griglia di 500 metri di lato. 11

13 4.2. Descrizione dei dati di base. Nel corso dei sei anni di monitoraggio sono state effettuate 401 segnalazioni distribuite su gran parte del territorio della valle Varaita (figura 5), per un totale di 1899 cervi avvistati. Il numero delle osservazioni/anno oscilla da un minimo di 35 (2003) ad un massimo di 65 (2004), con una media di 52,2 osservazioni all anno (figura 6). Discorso a parte deve essere fatto per il 2002, anno in cui risultano 140 segnalazioni; un numero così elevato è dovuto al fatto che nel primo anno postrilascio il monitoraggio è stato particolarmente intensivo, con una elevata pressione di osservazione (incarico del Comprensorio Alpino al Cerigefas per il monitoraggio della specie). Figura 5. Distribuzione delle osservazioni di cervo (in rosso) sul modello digitale di elevazione (DEM) della Valle Varaita Figura 6. Distribuzione del numero di osservazioni negli anni. 12

14 In base alla loro origine, i dati sono stati raggruppati in 11 diverse categorie, come mostrato in tabella 3 e figura 6. Provenienza Numero di Percentuale osservazioni sul totale Monitoraggio e radiotracking ,1 Censimento su transetto diurno 57 14,2 Censimento su transetto notturno con faro 57 14,2 Osservazioni varie 26 6,5 Danni all'agricoltura 11 2,7 Abbattimenti 10 2,5 Ritrovamento palchi 9 2,2 Censimento in battuta 6 1,5 Investiti 6 1,5 Morti per altre cause 4 1,0 Bracconati 2 0,5 Tabella 3. Raggruppamento delle osservazioni in base alla loro provenienza. Ritrovamento palchi Osservazioni Abbattimenti varie Censimento in battuta Censimento su transetto notturno con faro Monitoraggio e radiotracking Censimento su transetto diurno Morti per altre cause Investiti Danni all'agricoltura Bracconati Figura 6. Grafico a torta rappresentante la distribuzione percentuale delle osservazioni per gruppo di provenienza. Ulteriore suddivisione delle osservazioni è stata fatta su base mensile, evidenziando un massimo nel mese di aprile ed un minimo nel mese di luglio (figura 7). 13

15 gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic Figura 7. Distribuzione delle osservazioni di cervo su base mensile Descrizione delle modalità di dispersione. In figura 8 è rappresentata la dispersione post rilascio, calcolata utilizzando differenti scale spaziali (livello puntuale o di cella). La distanza media delle osservazioni dal punto di rilascio, nei cinque anni, risultata essere di metri a livello puntuale, di per le celle di 250 metri, di per le celle di 500 metri e di per le celle di metri. Il test di correlazione di Spearmann evidenzia una correlazione positiva statisticamente significativa tra la dispersioni post-rilascio descritta a livello puntuale e gli anni successivi alla reintroduzione (rho=0,83; p<0,05). Tale correlazione resta significativa anche quando descritta a livello di celle di 250 metri (rho=0,81; p<0,05) mentre perde di significatività a livello di celle di 500 e 1000 metri. Le descrizioni della dispersione a livello puntuale e a livello di celle di 250 metri risultano significativamente correlate (rho=0,90: p<0,05), mentre ciò non accade con le celle di 500 e 100 metri tutti centroidi_250 centroidi_500 centroidi_1000 Figura 8. Tendenza della dispersione post-rilascio dal 2002 al 2007, analizzata a differenti scale di campionamento (livello puntuale e livello di cella). 14

16 4.4. Descrizione dell areale colonizzato. L areale colonizzato, come già indicato nei materiali e metodi, viene indicato sia come areale di osservazione (numero di celle positive per la presenza del cervo), sia come areale occupato (utilizzando il concetto di home range medio della specie). - Areale di osservazione. In figura9 viene indicata la progressiva espansione dell areale di osservazione dal 2002 al Il test di Spearmann ha evidenziato una elevata correlazione tra aumento dell areale ed anni postrilascio sebbene non si raggiunga la soglia della significatività statistica ettari_250 ettari_500 ettari_1000 Figura 9. Espansione dell areale di osservazione dal 2002 al 2007, analizzato a differenti scale di campionamento (celle di 250, 500 e 1000 metri). - Areale occupato. Gli ettari occupati dalla specie passano dai 7977 del 2002 (circa il 16% della superficie dell area di studio) ai del 2007 (41,4% della superficie dell area di studio) con una media di 3273 ettari colonizzati all anno (figura 10). Anche in questo caso la correlazione con gli anni post rilascio è elevata ma non significativa Figura 10. Tendenza dell estensione dell areale del cervo in Valle Varaita dal 2002 al

17 4.5. Descrizione della selezione di habitat. L applicazione del test del chi quadro evidenzia che le categorie dei seminativi, frutteti-vigne, conifere, e prato-pascolo vengono utilizzati a livello statisticamente significativo. Anche l urbanizzato risulta significativamente utilizzato, ma ciò sarebbe dovuto ad un fattore di confondimento, dovuto al fatto che buona parte dei seminativi si trova in prossimità di strade o centri abitati (colinearità del dato). In figura 11 vengono rappresentati i valori di odds ratio relativi alle classi di uso suolo. Tali valori sono rappresentati con e senza l anno 2002, per testare l ipotesi che nel 2002 il sito di rilascio possa avere influito sulla selezione ambientale (nel 2002 le classi di uso suolo disponibili erano differenti rispetto a quelle degli anni successivi). Il confronto tra le due serie di dati, effettuato con il test di Wilcoxon, non ha però evidenziato differenze statisticamente significative arbusti conifere Frutteti e vigneti prato-pascoli Rocce e macereti urbanizzato seminativo con 2002 senza 2002 Figura 11. Valori di odds ratio dell utilizzo delle singole classi di uso suolo con e senza la presenza dell anno L indice di selezione di Manly, pone in evidenza che tra le categorie che risultano significativamente utilizzate in base al test del chi-quadro, sono effettivamente selezionate i seminati ed i frutteti-vigneti. L urbanizzato anche in questo caso risulta selezionato per la sua associazione spaziale con i seminativi (figura 12). 0,25 0,20 0,15 0,10 0,05 0,00 Seminativi Frutteti e vigneti urbanizzato conifere pratopascoli Acque arbusti Rocce e macereti categorie random Figura 12. Valori dell indice di selezione di Manly, in rosso è indicato il valore discriminante 1/k. 16

18 5. DISCUSSIONI E CONCLUSIONE. Per una corretta gestione di una specie animale è importante un suo monitoraggio continuo che ci permetta di conoscere la sua distribuzione spaziale, la struttura di popolazione, i suoi rapporti con le altre specie, con la vegetazione e con le attività antropiche (Bazzotto et al., 2003). In questa accezione la grande mole di dati raccolti a partire dal 2002 indica un forte sforzo gestionale per garantire il buon successo del progetto cervo Valle Varaita. La presenza di soggetti radiocollarati nel gruppo di rilascio, operanti come animali spia, si è dimostrato uno strumento fondamentale per acquisire dati importanti nel primo periodo postrilascio; il 53% dei dati analizzati provengono infatti dalle sessioni di radiotracking. Nel periodo successivo al rilascio (fase di esaurimento dei radiocollari) diventano poi fondamentali le tradizionali attività gestionali (censimento notturno con il faro, censimento in battuta, censimento da transetti diurni) che nel nostro caso rappresentano la seconda fonte di dati (32% delle osservazioni), in virtù della rete di transetti di osservazione diurni e notturni ben distribuiti nell area di studio. Non ultima per importanza ai fini del successo del monitoraggio è stata l attiva collaborazione tra due Enti che si occupano di gestione della fauna selvatica, presenti sul territorio (Comprensorio Alpino CN2 e Cerigefas). La distribuzione mensile delle osservazioni indica come i momenti di maggiore contattabilità della specie siano il periodo primaverile (ricaccio vegetativo nel fondovalle) ed il mese di settembre (periodo degli amori), a differenza di altre aree alpine dove il periodo di massima visibilità risulta essere a cavallo dei mesi di giugno e luglio (Mattiello et al., 2004). Da un punto di vista metodologico, il confronto effettuato tra il livello puntuale ed il livello di cella ai fini della descrizione della colonizzazione dell area di studio, indica come una griglia con lati di 250 metri rappresenti un buon compromesso tra la precisione del livello puntuale e l agilità operativa necessaria ad uno strumento da adottare nella gestione di campo. Si conferma quindi l importanza che un approccio multriscalare può avere nella descrizione di un fenomeno biologico (Graaf et al., 2005). Un grigliato di 250 metri che suddivida il territorio della Valle Varaita in aree di campionamento omogenee, potrà dunque essere utilizzato come strumento per il monitoraggio della popolazione di cervo sul lungo periodo. I dati sulla espansione del cervo in Valle Varaita, valutata sia come distanza dal punto di rilascio sia come aumento dell areale, indicano che dopo sei anni dal rilascio la specie continua ad espandersi e colonizzare via via nuove aree della valle. Come descritto in altri lavori, si può ipotizzare che il cervo abbia colonizzato le aree a maggiore vocazionalità ambientale e stia ora espandendosi in aree subottimali ancora libere (Acevedo et al., 2005) Come evidenziato dall indice di Manly infatti le aree contenenti le categorie di uso suolo maggiormente selezionate (seminativi, frutteti e vigneti) e quindi a maggiore vocazionalità per la specie sono ormai in gran parte colonizzate, mentre sono ancora libere ampie porzioni di territorio. L areale della specie si estende infatti ad oggi su circa il 43,1% dell area di studio. Le conclusioni cui siamo giunti riguardo le categorie di uso suolo maggiormente selezionate nella nostra area di studio (seminativi) concordano con quelle di altri autori (Pandini e Cesaris, 1997) ma differiscono da quelle di altri. Campi (2001) riscontra infatti una forte selezione per le praterie d alta quota e per le faggete mature, mentre Latini e collaboratori (2003) documentano una preferenza per ambienti con buona biodiversità (ambienti di transizione). Questi risultati non fanno altro che confermare che la selezione di habitat, così come già visto per la dimensione degli home range, è fortemente influenzata dalla disponibilità ambientale specifica di ogni zona. 17

19 La velocità media di espansione della popolazione (1,8 chilometri all anno) risulta essere molto maggiore rispetto a quella di altri autori (0,85 chilometri/anno) (Mattiello et al., 2004) ed è anch essa indice di una popolazione in buone condizioni di salute e del successo dell operazione di reintroduzione. La prosecuzione del monitoraggio della popolazione di cervi della Valle Varaita con il livello quali - quantitativo dimostrato in questi anni permetterà di continuare ad acquisire informazioni importanti ai fini di una corretta gestione della specie. 18

20 6. BIBLIOGRAFIA. AA.VV. (1997). Documento sulle immissioni faunistiche: linee guida per le introduzioni, reintroduzioni e ripopolamenti di Uccelli e Mammiferi. In: Spagnesi et al. (eds), Atti del III Convegno Nazionale dei Biologi della Selvaggina. Acevedo P., Delibes-Mateos M., Escudero M. A., Vicente J., Marco J., Gortazar C.(2005). Environmental constraints in the colonization sequence of roe deer (Capreolus capreolus Linnaeus, 1758) across the Iberian Mountains, Spain. Journal of Biogeography, 32: Bizzotto J., Bottazzo M., Busatta S., Cadamuro A., De Bon F., De Stefani G., Facchin G., Filippin D., Luise R., Scussat M., Sommavilla G.(2003). Il Cervo Cervus elaphus nel comprensorio di gestione del Consiglio. Campi C. Tesi di laurea (2000/2001) Uso dell habitat da parte degli ungulati selvatici nell alto Appennino Reggiano Chesson J. (1983). The estimation and analysis of preference and its relationship to foraging models. Ecoligy 64: pp. CHIARENZI B., MACCONI P., CARMIGNOLA G., PEDROTTI L. e MUSTONI A., Studio sulle capacità di spostamento e dispersione del Cervo in Val Venosta. Istituto Oikos, Varese Cushman S.A. and McGarigal K Patterns in the species-environment relationship depend on both scale and choice of response variables. Oikos 105: pp. Diggle P.J. (1983). Statistical analysis of spatial point patterns. Academic Press, New York. GEORGII B., Home range patterns of female red deer (Cervus elaphus) in the Alps. Oecologia, 47: Graf R.F., Bollmann K., Suter W., Bugmann H. (2005). The importance of spatial scale in habitat model: capercailliein the Swiss Alps. Landscape Ecology, 20: Heisey D: H. (1985), Analyzing Selection Experiments with Log-Linear Models. Ecology, 66 (6): pp. Hooge P.N.,Eichenlaub B.(1997). Animal Movement Extension to ArcView ver 1.1. Alaska Science Center Biological Science Office, U.S. Geological Survey, Anchorage, AK, USA. Latini R., Pizzol I., Ferrera G., Kleuser H. (2003) Selezione invernale dell habitat e densità del cervo (Cervus elaphus) e del capriolo (Capreolus capreolus) nel Parco Nazionale d Abruzzo. Hystrix Italian Journal of Mammalogy: 180. LUCCARINI S. e MAURI L., Il cervo in Alta Val di Susa. Comportamento spaziale e uso dell'habitat. Ed. ANANKE s.r.l., Torino. Meneguz P.G., Dematteis A. (2000). Progetto per la reintroduzione del cervo Cervus elaphus L in Valle Varaita. Relazione dell Università degli Studi di Torino: 60 pp. MITCHELL B., STAINES B.W. e WELCH D., Ecology of red deer. A research review relevant to their management in Scotland. Institute of Terrestrial Ecology, Graphic Art (Camb.) Ltd., U.K. Mustoni A., Pedrotti L., Zanon E., Tosi G. (2002). Ungulati delle Alpi: biologia, riconoscimento, gestione. Edizione Nitida Immagine: 538 pp. Ottonelli S. (1979). Guida della Valle Varaita. Centro Studi Valados Usitanos (Ed.), Gaiola (CN): 56 pp. Pandini W. Cesaris C. (1997). Home range and habitat use of roe deer (capreolus capreolue) reare in captivity and released in the wild. Hystrix 9 (1-2) PP. 19

GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA

GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA 0147 Gli Spazi Aperti Spazi aperti e progetti di area vasta Spazi aperti e progetti di area vasta Gli spazi aperti sono qui identificati con quelle

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE Relatore: Michele Carta LA BANCA DATI Insieme di cartografie e dati descrittivi, gestite tramite GIS, di supporto alla modellizzazione

Dettagli

Allegato I tipi forestali. Allegato I TIPI FORESTALI NEL TERRITORIO DELLA COMUNITA MONTANA VALTELLINA DI MORBEGNO

Allegato I tipi forestali. Allegato I TIPI FORESTALI NEL TERRITORIO DELLA COMUNITA MONTANA VALTELLINA DI MORBEGNO Allegato I TIPI FORESTALI NEL TERRITORIO DELLA COMUNITA MONTANA VALTELLINA DI MORBEGNO 2 INDICE QUERCETI... 4 CASTAGNETI SU SUBSTRATI SCIOLTI... 6 CASTAGNETI SU SUBSTRATI SILICATICI... 8 ACERI-FRASSINETI

Dettagli

La Banca Dati georeferenziata del Progetto Regionale Il lupo in Liguria

La Banca Dati georeferenziata del Progetto Regionale Il lupo in Liguria REGIONE LIGURIA Dipartimento Pianificazione Territoriale Giovanni Diviacco e Piero Ferrari La Banca Dati georeferenziata del Progetto Regionale Il lupo in Liguria Genova, Marzo 2009 SETTORE VALUTAZIONE

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano Altri studi condotti dal Parco integrati con il Sitpas U. Ceriani - Direttore del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia di Milano M. Cont - Funzionario Agronomo del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia

Dettagli

UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO

UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO Cosa si intende per giorno con neve al suolo? Se può essere relativamente semplice definirlo per un territorio pianeggiante ampio e distante da

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it 1 Informazioni legali L istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e le persone che agiscono per conto dell Istituto non sono responsabili per l uso che può essere fatto delle

Dettagli

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Endivie 2013-2014 Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Tutto il meglio dell endivia Negli ultimi anni Rijk Zwaan ha realizzato un importante programma di ricerca dedicato all endivia. Si

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari Sistema Regionale ECM Pagina 1 di 7 1 Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari 1. Presentazione: L evento, destinato alle figure professionali di Tecnici

Dettagli

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog.

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. MASSA) Davide Damato, Michele Morelli, Luca Lanteri, Daniele Bormioli, Rocco

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

General Linear Model. Esercizio

General Linear Model. Esercizio Esercizio General Linear Model Una delle molteplici applicazioni del General Linear Model è la Trend Surface Analysis. Questa tecnica cerca di individuare, in un modello di superficie, quale tendenza segue

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

Titolo 1 - DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 01 - Finalità

Titolo 1 - DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 01 - Finalità Legge Regionale 12 gennaio 1994, n. 3 Recepimento della Legge 11 febbraio 1992, n. 157 "Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio". Bollettino Ufficiale n. 4,

Dettagli

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam XVI CONFERENZA NAZIONALE SOCIETÀ ITALIANA DEGLI URBANISTI 9 Maggio 2013 Luca Congedo 1, Silvia Macchi 1, Liana Ricci 1, Giuseppe Faldi 2 1 DICEA - Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale,

Dettagli

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM il nuovo modo di bere Abruzzo Abruzzo DOP Tullum Tullum è il riconoscimento ai produttori di Tollo, cittadina in provincia di Chieti, che vedono premiata la vocazione di un

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Lotta biologica per la difesa fitosanitaria del castagneto

Lotta biologica per la difesa fitosanitaria del castagneto GAL L ALTRA ROMAGNA S. CONS. A R.L. Via Roma, 24 47027 Sarsina (FC) Tel. 0547.698301 Fax 0547.698345 altrarom@tin.it COD. FISC. e P. IVA 02223700408 www.altraromagna.it PSR ASSE 4 Leader MISURA 412 Azione

Dettagli

garantiscono completamente quanto sopra un anno su due, statisticamente.

garantiscono completamente quanto sopra un anno su due, statisticamente. Direzione Ambiente Linee guida per la verifica dei fabbisogni irrigui, la revisione delle concessioni e il calcolo dei riparti in condizioni di magra Quant4 Software di calcolo dei fabbisogni irrigui comprensoriali

Dettagli

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 A S S E 2 : M I G L I O R A M E N T O D E L L A M B I E N T E E D E L L O S P A

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

VALUTAZIONE DEL SISTEMA PAESISTICO AMBIENTALE E PERCETTIVO. Piano Strutturale Comunale

VALUTAZIONE DEL SISTEMA PAESISTICO AMBIENTALE E PERCETTIVO. Piano Strutturale Comunale PSCComune di C a s a l g r a n d e Piano Strutturale Comunale VALUTAZIONE DEL SISTEMA PAESISTICO AMBIENTALE E PERCETTIVO estratto dall analisi sull Ecologia del Paesaggio redatta nell ambito del PSC C

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA

CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA Escursioni di Educazione Ambientale per la Scuola Media Proposte per l A.S. 2014-2015 Itinerari escursionistici disponibili (eco)sistema della Diga di Gurone.

Dettagli

Statistica. Lezione 6

Statistica. Lezione 6 Università degli Studi del Piemonte Orientale Corso di Laurea in Infermieristica Corso integrato in Scienze della Prevenzione e dei Servizi sanitari Statistica Lezione 6 a.a 011-01 Dott.ssa Daniela Ferrante

Dettagli

4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA)

4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA) 4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA) L analisi della varianza è un metodo sviluppato da Fisher, che è fondamentale per l interpretazione statistica di molti dati biologici ed è alla

Dettagli

STUDIO E REALIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI GESTIONE INTEGRATO DEI COLOMBI DI CITTÀ

STUDIO E REALIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI GESTIONE INTEGRATO DEI COLOMBI DI CITTÀ Il 6 e 7 novembre 2014 INFFU organizza a Roma il I corso nazionale di Igiene Urbana: STUDIO E REALIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI GESTIONE INTEGRATO DEI COLOMBI DI CITTÀ Accreditato ECM dall Istituto Zooprofilattico

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

DECRETO N. 20 del 09.07.2013

DECRETO N. 20 del 09.07.2013 L Assessore DECRETO N. 20 del 09.07.2013 Oggetto: Modifiche al Decreto attuativo del Piano straordinario di eradicazione della Peste Suina Africana. Anni 2012 e 2013. VISTO lo Statuto Speciale della Regione

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23)

Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23) Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23) Indicatori congiunturali di settore e previsioni Business Analysis Aprile 2015 Indicatori congiunturali Indice della

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello SISMO Storia sismica di sito di ManOppello Rapporto tecnico per conto del: Dr. Luciano D Alfonso, Sindaco Comune di Pescara (PE) Eseguito da: Umberto Fracassi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Dettagli

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Secondo l Organizzazione Mondiale per il Turismo, le Alpi accolgono ogni anno il 12% circa del turismo mondiale. Parallelamente le Alpi rappresentano anche uno

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

PROCEDURA REGIONALE DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

PROCEDURA REGIONALE DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE PROCEDURA REGIONALE DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE - Figura 2 Scoping SIA e contenuti della documentazione per la valutazione di incidenza, quando necessaria deposito presso l Ufficio VIA e gli EELL

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 RAPPORTI DI LAVORO ATTIVATI (1) NEI MESI GENNAIO-MARZO DEGLI ANNI 2013, 2014 E 2015 A. NUOVI RAPPORTI DI LAVORO A1. Assunzioni a tempo indeterminato gen-mar

Dettagli

APAT. Linee guida per la predisposizione delle reti di monitoraggio della qualità dell aria in Italia

APAT. Linee guida per la predisposizione delle reti di monitoraggio della qualità dell aria in Italia APAT Agenzia per la Protezione dell Ambiente e per i servizi Tecnici Linee guida per la predisposizione delle reti di monitoraggio della qualità dell aria in Italia Eriberto de Munari 1, Ivo Allegrini

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Assessorato Ambiente, Parchi e Aree Protette, Promozione del risparmio energetico Risorse Idriche, Acque Minerali e Termali LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA Con l emanazione

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO ifesa delle oreste Dryocosmus kuriphilus Yat su matsu Hymenoptera Cynipidae Cos è il Cinipide galligeno del castagno? L imenottero cinipide Dryocosmus kuriphilus Yatsumatsu

Dettagli

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3 Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DI LECCE GIOVANNI Indirizzo Via Lancisi, 137 61121 PESARO (PU) - ITALIA - Telefono Casa: 0721201445 cell. 3396173661 E-mail giangidile@libero.it Cittadinanza

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino

LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino L esperienza di lavoro intorno ai fiumi, ed in particolare nel caso

Dettagli

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Gli interventi di ripristino vegetazionale rappresentano la fase conclusiva dei lavori

Dettagli

ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY

ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY Comune di Potenza ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY Task 3.3. Programma di formazione sullo sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili 1 Indice

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA)

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA) COMUNE DI STAZZEMA Medaglia d oro al valor militare PROVINCIA DI LUCCA REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA) RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA Marzo 2013 INDICE 1. LE RAGIONI E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point P. Bonanni*, F.Fornasier*, A. De Marco * ISPRA, ENEA Carico critico Stima quantitativa dell esposizione ad uno o più inquinanti

Dettagli

WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali

WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali Marco Pellegrini Dipartimento TESAF Università degli Studi di Padova marco.pellegrini@unipd.it

Dettagli

Fitopro s.r.l. - Milano. Servizio Fitosanitario Regionaledel Veneto - Bovolino di Buttapietra (VR)

Fitopro s.r.l. - Milano. Servizio Fitosanitario Regionaledel Veneto - Bovolino di Buttapietra (VR) LOTTA ANTIPERONOSPORICA SU VITE IN REGIME DI AGRICOLTURA BIOLOGICA: CONFRONTO TRA STRATEGIA A PROTEZIONE CONTINUA E STRATEGIA SUPPORTATA DAL MODELLO EPI. VENETO, BIENNIO 2007/2008 M. Buccini 1, G. Rho

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli