UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA CENTRO RICERCHE SULLA GESTIONE DELLA FAUNA SELVATICA FONDAZIONE UNIVERSITARIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA CENTRO RICERCHE SULLA GESTIONE DELLA FAUNA SELVATICA FONDAZIONE UNIVERSITARIA"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA CENTRO RICERCHE SULLA GESTIONE DELLA FAUNA SELVATICA FONDAZIONE UNIVERSITARIA A.A. 2005/ /2007 MASTER DI PRIMO LIVELLO IN: ECOLOGIA E GESTIONE DEI GRANDI MAMMIFERI SELVATICI SULLE ALPI TITOLO TESI Analisi della colonizzazione di un nuovo territorio da parte di un nucleo di cervo Cervus elaphus reintrodotto in Valle Varaita. RELATORE Prof. Pier Giuseppe Meneguz DOCENTE DI RIFERIMENTO Dott. Paolo Tizzani CANDIDATO Dott.ssa Elisa Tosco

2 INDICE 1. Introduzione 2 2. Descrizione dell area di studio 3 3. Materiali e metodi Raccolta delle segnalazioni esistenti ed archiviazione su foglio elettronico Georeferenziazione delle segnalazioni Suddivisione dell area di studio in aree di campionamento (grigliati) 7 con differenti dimensioni; 3.4. Calcolo delle distanze di dispersione negli anni dal punto di rilascio Calcolo della superficie colonizzata negli anni Descrizione dell utilizzo ambientale e valutazione della selezione di habitat Materiali utilizzati Risultati Descrizione delle griglie di campionamento Descrizione dei dati di base Descrizione delle modalità di dispersione Descrizione dell areale colonizzato Descrizione della selezione di habitat Discussioni e conclusione Bibliografia 19 1

3 1. INTRODUZIONE. I documenti storici che testimoniano la presenza del cervo (Cervus elaphus) nelle vallate cuneesi risalgono al periodo storico compreso tra il 1400 ed il In quest epoca le comunità piemontesi si dotano di strumenti legislativi definiti Statuti, contenenti ampie raccolte di norme comportamentali e regolamentazioni dell attività venatoria. In tali documenti il cervo viene elencato tra le specie presenti sul territorio. Notizie successive relative alla presenza del cervo sono contenute nell opera Relazione dello stato presente del Piemonte del Monsignor F.A. della Chiesa. Gli ultimi documenti in cui si testimonia la presenza del cervo in provincia di Cuneo risalgono alla prima metà del 1700; in particolare nel 1734 una ordinanza sulle licenze di caccia nel territorio di Genola permette l esercizio di attività venatoria nei confronti del cervo, in conseguenza del riscontro di danni causati dall animale alle coltivazioni. La specie in seguito declina gradualmente sino ad estinguersi localmente a causa della persecuzione diretta, del disboscamento e dell incremento delle popolazioni umane alpine e pedemontane. Nell ultimo decennio alcune operazioni di reintroduzione nella provincia di Cuneo e in territori contigui hanno permesso alla specie di rioccupare una parte dell antico areale. La ricolonizzazione in Valle Varaita, oggetto del presente lavoro di tesi, è in gran parte dovuta ad una operazione di reintroduzione condotta nel febbraio 2002 dal Comprensorio Alpino CN2 Valle Varaita con la consulenza scientifica del Dipartimento di Produzione Animale, Epidemiologia ed Ecologia dell Università di Medicina Veterinaria di Torino (Meneguz e Dematteis, 2000). Nel corso di tale operazione sono stati rilasciati 40 cervi così suddivisi in classi di sesso ed età: 24 femmine (16 adulte, 2 sottili, 6 vitelle) e 16 maschi (7 adulti, 2 fusoni e 7 vitelli). Si ricorda che per sottili e fusoni si intendono soggetti di un anno di età e per vitelli soggetti sotto l anno. I soggetti, rilasciati nel comune di Bellino località Posterle superiore, provenivano dal comune di Gurktal (Carinthia - Austria). Tutti i soggetti, secondo quanto previsto dalle Linee Guida dell Infs (Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica) sulle immissioni faunistiche, erano sottoposti ad analisi sanitarie per escludere la presenza di malattie infettive quali la brucellosi ed erano controllati dal punto di vista genetico (A.A.V.V., 1997). Al fine di rendere possibile la identificazione individuale dopo il rilascio, a tutti gli animali venivano applicate marche auricolari; cinque femmine erano state inoltre dotate di radiocollare al fine di seguirne gli spostamenti mediante la tecnica di radio-tracking. Il monitoraggio post-rilascio di una popolazione di cervo è una operazione fondamentale, pari per importanza all operazione di rilascio in sé. Un buon monitoraggio permette, infatti, di verificare il successo dell operazione e acquisire dati importanti sulla popolazione immessa (cfr. ad esempio Mattiello et al., 2004). Scopo della presente tesi è stato quello di archiviare ed analizzare i segni di presenza della specie raccolti dal 2002 ad oggi al fine di: verificare il successo del progetto di reintroduzione a 6 anni dalle operazioni di rilascio; verificare l efficacia del monitoraggio condotto in questi anni dagli Enti coinvolti (Comprensorio Alpino CN2 Valle Varaita e Cerigefas); descrivere le modalità di espansione del cervo in Valle Varaita attraverso parametri quali: velocità di espansione annuale ed estensione del territorio progressivamente occupato ; descrivere l influenza delle tipologie ambientali sulla selezione del territorio da parte della specie. 2

4 2. DESCRIZIONE DELL AREA DI STUDIO. L area di studio interessa il territorio dei 14 comuni della Comunità Montana Valle Varaita, una parte del comune di Manta e la porzione montana del comune di Busca, pertinente al bacino orografico del fiume Maira (Figura 1). La struttura di paesaggio prevalente della zona è quella della media montagna; gli ambienti caratteristici dell alta quota sono limitati al gruppo del Viso ed ai versanti nord del Pelvo d Elva e del Mongioia. Lo spartiacque di frontiera separa il bacino del fiume Varaita da quelli dell Ubaye e del Guil. La valle presenta un profilo ad U continuo da Piasco a Brossasco e si alterna, nella parte centrale e superiore della valle, a scorci di profilo a V. La struttura orografica è semplice e ben centrata sull asse del Varaita che, a monte di Casteldelfino, si biforca in due rami,trovando il suo massimo sviluppo nel ramo che scende dall alto vallone di Sustra. Gli apporti laterali sono modesti e danno luogo (nella parte bassa della valle) a valloni secondari e di limitato sviluppo. Lo spartiacque di frontiera unisce la punta Gastaldi al monte Maniglia descrivendo un ampio semicerchio. Le due dorsali che si dipartono dagli estremi di questa catena danno luogo aglii spartiacque Valle Po-Valle Varaita e Valle Varaita-Valle Maira. A partire da Sampeyre e in corrispondenza di Casteldelfino, il versante sinistro si corruga abbondantemente, raggiungendo l orizzonte del piano alpino e subnivale con abbondanti affioramenti rocciosi superficiali, e si innalza gradualmente verso il massiccio del Monviso. Su questo versante si sviluppa il Bosco dell Alevè, la cebreta più vasta delle Alpi, formazione forestale che complessivamente supera i 2000 ha di estensione (circa 800 ha di cembreta pura e 1200 ha in associazione con il larice). Al di sopra del bosco si sviluppa un complesso montuoso che raggiunge il limite altimetrico superiore dell area di studio (Monviso 3841 m. s.l.m.).sullo stesso versante, proseguendo verso Ovest si attraversa il vallone di Vallanta che collega al vasto bacino orografico superiore di Chianale. Sulla destra orografica le prime formazioni rocciose imponenti si trovano oltre l abitato di Casteldelfino con il gruppo dei monti Pelvo e Marchisa; tale versante raggiunge l estremità sud occidentale dell area di studio in corrispondenza del monte Maniglia che sovrasta il bacino sommitale di Bellino. L altezza media della valle è di 1707 m. s.l.m., il 2% del territorio si estende al disopra dei 3000 m. s.l.m., il 33% supera i 2100 m. s.l.m. ed il 57% oltrepassa i 1500 m. s.l.m (Ottonelli, 1979). La complessità della struttura geologica della Valle Varaita contribuisce alla varietà degli ambienti ecologici. Verso la testata della valle (bacini di Chianale e Bellino) il substrato è costituito prevalentemente da calcescisti che danno luogo ad un paesaggio ricco di pascoli e relativamente poco accidentato. La dorsale tra Chianale e Bellino ed il massiccio Pelvo-Marchisa presenta un substrato di rocce silicatiche con formazioni di quarzite grigia. Il gruppo del Monviso ed il territorio posto sulla sinistra orografica presentano una struttura geologica caratterizzata dalla presenza di elementi della serie dei calco-micascisti e di serpentiniti, metabasalti e cloritoscisti. Questa zona è inoltre caratterizzata da imponenti formazioni moreniche e laghi glaciali. La media e bassa valle (comuni di Frassino, Melle e Venasca) è una zona compattamente gneissica con intercalazioni di micascisti. Il fondo valle presenta invece formazioni di micascisti con pochi gneiss minuti,calcari cristallini e pietre verdi. 3

5 Figura 1. Immagine satellitare dell area di studio. In rosso sono indicati i confini del Comprensorio Alpino Cuneo 2. Tra le specie di che partecipano alla costituzione forestale del piano collinare della Valle Varaita ricordiamo la Quercia (Quercus robur) ed il Castagno (Castanea Sativa). Nelle zone ecologicamente favorevoli alle aghifoglie resinose le specie principali sono: l Abete Bianco (Albies Alba) ed il Larice (Larix Europea); tra le troviamo il Faggio (Fagus Procera) e la Betulla (Betulla Alba). La zona subalpina è il regno, oltre che del larice, dei vari pini tra cui primeggia il Pino Cembro (Pinus Cembra) Alle altitudini superiori la vegetazione forestale, scompare e la flora impoverisce rapidamente. Per quanto concerne l uso del suolo, le superfici occupate dalle diverse tipologie (desunte dai Piani Forestali Territoriali) sono riportate in tabella 1. La carta raggruppa tutta l area alpina della Regione Piemonte in 22 tipologie forestali, 6 tipologie pastorali, 5 tipologie agricole, 4 tipologie di formazioni erbacee seminaturali e 6 tipologie che esulano dalle precedenti (43 tipologie totali). Il livello di dettaglio di tale carta è maggiore rispetto a quella del Corine Land Cover (Coordination de l Information sur l Environnement). Il progetto Corine è stato varato nel 1985 dalla Comunità Europea per il mappaggio dell uso del territorio ed è una fonte di dati ampiamente utilizzati per studi ambientali. Il maggior dettaglio dei PFT permette di ottenere dati di uso suolo molto attendibili. Entrambe le mappe sono scaricabili liberamente dal sito cartografico della Regione Piemonte all URL 4

6 Categoria Ettari Abetine 172 Acero-tiglio-frassineti 2084 Acque 116 Alneti planiziali e montani 200 Arbusteti planiziali, collinari, montani 74 Arbusteti subalpini 2455 Aree urbanizzate, infrastrutture 932 Aree verdi urbane Totale 4 Boscaglie pioniere di invasione 1424 Castagneti 6738 Cespuglieti 685 Cespuglieti pascolabili Totale 1 Coltivi abbandonati 20 Faggete 3869 Formazioni legnose riparie 47 Frutteti e vigneti 686 Greti 10 Impianti per arboricoltura da legno 111 Lariceti e cembrete 3685 Pinete di Pino silvestre 69 Praterie 5629 Praterie non utilizzate 7 Praterie rupicole 3595 Prato-pascoli 2791 Querceti di rovere 706 Querceti di roverella Totale 15 Querco-carpineti 36 Rimboschimenti 655 Robinieti 79 Rocce e macereti 8799 Seminativi 1711 Tabella 1 Categorie di uso suolo presenti nel Piano Forestale Territoriale della Regione Piemonte e loro estensione in ettari. 5

7 3. MATERIALI E METODI. Al fine di raggiungere gli obiettivi che ci siamo posti sono state condotte le seguenti operazioni: 3.1. Raccolta delle segnalazioni esistenti ed archiviazione su foglio elettronico. La maggior parte dei dati di presenza della specie provenivano da due enti: Il Comprensorio Alpino CN2 Valle Varaita, titolare e finanziatore del progetto, che ha messo a disposizione il seguente materiale: - segnalazioni dei cacciatori soci del Comprensorio, raccolte durante le attività di censimento mediante le metodiche osservazione diretta su transetto diurno, osservazione su transetti notturni con il faro e censimento in battuta su aree campione (in figura 2 è indicata la rete dei transetti di monitoraggio che raggiunge uno sviluppo di 343 chilometri); - verbali di abbattimento: dal 2005 il Comprensorio Alpino ha autorizzato l attività venatoria alla specie con l obbligo per il cacciatore di segnalare la zona di abbattimento; - segnalazioni di danni da cervo all agricoltura: la L.R. 70/96 prevede un risarcimento per i danni arrecati all agricoltura da fauna selvatica. Il Comprensorio è l ente addetto alla verifica del danno, della specie e della località interessata. I danni attribuiti alla specie cervo sono stati introdotti nel database; - denunce di investimento: sono raccolti i dati relativi ai cervi investiti sulla strada provinciale della Valle Varaita (SP8); - segnalazioni di varia provenienza: sono state infine raccolte tutte le segnalazioni casuali effettuate da persone di comprovata esperienza nel campo faunistico. il Cerigefas (Centro Ricerche sulla Gestione della Fauna Selvatica - Fondazione dell Università degli Studi di Torino) incaricato dal Comprensorio Alpino CN2 di monitorare l evoluzione della popolazione sul lungo periodo; la maggior parte delle segnalazioni dell Ente si rifanno all attività di radiotracking e ad avvistamenti casuali raccolti durante le varie attività di ricerca sul campo. Tutte le segnalazioni sono state archiviate su un foglio elettronico Microsoft Excel. Figura 2. Area del Comprensorio Alpino CN2 (in grigio), con la rete dei transetti di monitoraggio (in rosso). 6

8 3.2. Georeferenziazione delle segnalazioni. Le osservazioni sono state georiferite utilizzando come base cartografica la Carta Tecnica Regionale (CTR) 1: della Regione Piemonte in formato raster (Datum UTM European 1950). La gestione delle CTR e degli shapefile (file vettoriali) contenenti le segnalazioni georiferite è stata effettuata utilizzando software Gis (Geografical Information Sistem) Suddivisione dell area di studio in aree di campionamento (grigliati) con differenti dimensioni; Una delle maggiori difficoltà che si incontrano nel georiferire segnalazioni di varia natura e precisione consiste nel determinare un appropriata unità di campionamento. La scelta di utilizzare differenti scale di osservazione/archiviazione dei dati, può influenzare la descrizione del fenomeno studiato (Graaf et al., 2005). La ricerca bibliografica condotta sull argomento ha evidenziato che la scelta della scala con cui descrivere un fenomeno spaziale è molto variabile tra gli autori (Bizzotto et al,2003; Rigo et al.,2003; Campi,2000). Nella nostra analisi abbiamo dunque deciso di analizzare le osservazioni con un approccio multiscalare (Graaf et al., 2005; Cushman e McGarigal, 2004) valutandone l influenza sui risultati. L espansione del cervo è stata descritta a due livelli: o Livello puntuale (utilizzato come gold standard): ad ogni singola osservazione è stato attribuito un valore di coordinate UTM X e Y. Il livello puntuale rappresenta il livello di massima precisione descrittiva, a cui verranno paragonati i risultati ottenuti con gli altri livelli; o Livello di cella (utilizzato per valutare l approssimazione del dato): l area di studio è stata suddivisa con un grigliato a celle quadrate di tre dimensioni differenti: 250, 500 e 1000 metri. La presenza di una o più osservazioni all interno di una cella portava a considerare questa come unità positiva (la cella diventa l unità campionaria). I grigliati di campionamento sono stati creati con l ausilio dell estensione repeating shape del software ArcView 3.2. La valutazione della dimensione di maglia più adatta per descrivere l espansione del cervo è stata effettuata confrontando attraverso il test di Spearmann il livello puntuale (gold standard) con il livello di cella (approssimazione) Calcolo delle distanze di dispersione negli anni dal punto di rilascio; La dispersione dei cervi è stata calcolata valutando le successive distanze delle osservazioni, suddivise per anno, dal punto di rilascio. A livello puntuale il calcolo è stato effettuato su ogni singola osservazione; a livello di cella è stato fatto calcolando la distanza dal centroide (baricentro) delle celle positive. Le analisi sono state condotte mediante la tecnica denominata spider distance analysis implementata nell estensione Animal Movement Analysis per il software ArcView (Diggle, 1983). L Animal Movement Analysis è un tool sviluppato dall Alska Science Center, provvisto di numerose funzionalità per l analisi spaziale dei movimenti degli animali (Hooge e Eichenlaub, 1997). La distanza di dispersione è stata calcolata come valore medio delle singole dispersioni su base annuale Calcolo della superficie colonizzata negli anni. L estensione della superficie colonizzata è stata valutata in due maniere: - come area di osservazione (numero di celle positive): è stata calcolata la variazione nel numero di celle occupate nel corso degli anni. Da questo primo valore abbiamo calcolato l estensione dell area di osservazione moltiplicando il numero di celle occupate per la loro superficie (cella di 250 metri = 7

9 6,5 ettari; cella di 500 metri = 25 ettari; cella di 1000 metri = 100 ettari), approcciandoci anche in questo caso ad una descrizione multiscalare del fenomeno (Graaf et al., 2005). - come home range occupato: considerando il fenomeno a livello puntuale, ogni segnalazione è stata considerata come centro di attività di un home range medio (dominio vitale). La definizione della estensione di un home range medio si è rivelato un compito particolarmente arduo in quanto il suo valore varia in funzione dei seguenti parametri (Szmethy et al., 2003; Mustoni et al., 2002): caratteristiche ambientali; disponibilità alimentare; periodo dell anno; sesso e età Secondo la letteratura le dimensioni degli home range annuali possono variare da un minimo di 1000 ed un massimo di ettari (Bizzotto et al,2003) Nell isola di Rum (Scozia) sono stati registrati valori di 400 ettari per la femmina e di 800 per il maschio, nel nord-est della Scozia invece le superfici occupate sono sensibilmente maggiori (Mitchell et al., 2002) Per quanto riguarda l ambiente alpino, nelle Alpi bavaresi Georgici (1980) ha riscontrato dimensioni relativamente limitate, con valori medi di ettari; estensioni maggiori sono state rilevate in Italia sia sulle Alpi Occidentali (Luccarini e Mauri,2000) che su quelle Orientali (Chiarenzi et al., 2002). Per Mustoni (2002) il dominio annuale del cervo sulle Alpi varia tra 400 (femmina) e 800 ettari (maschio). Utilizzando i dati bibliografici disponibili e rifacendoci al comportamento dei soggetti radiocollarati monitorati in Valle Varaita, abbiamo utilizzato un valore medio di home range pari a 600 ettari. Ad ogni osservazione è stato quindi applicato un buffer con raggio pari a 1100 metri Descrizione dell utilizzo ambientale e valutazione della selezione di habitat. Descritta la variazione dell estensione degli home range negli anni, abbiamo infine valutato come le caratteristiche ambientali (classi di uso del suolo) abbiano influenzato l espansione della specie. Le classi di uso suolo considerate sono quelle contenute nei Piani Forestali Territoriali della Regione Piemonte. La Regione raggruppa tali categorie in 43 classi di cui 31 presenti nell area distudio. Per semplificare l analisi abbiamo accorpato queste categorie in nove classi: seminativi, frutteti e vigneti, conifere,, arbusti, prato-pascolo, rocce e macereti, acque e urbanizzato, come descritto in tabella 2. 8

10 Categoria desunta dai Piani Forestali Territoriali Abetine Acero-tiglio-frassineti Acque Alneti planiziali e montani Arbusteti planiziali, collinari, montani Arbusteti subalpini Aree urbanizzate, infrastrutture Aree verdi urbane Totale Boscaglie pioniere di invasione Castagneti Cespuglieti Cespuglieti pascolabili Totale Coltivi abbandonati Faggete Formazioni legnose riparie Frutteti e vigneti Greti Impianti per arboricoltura da legno Lariceti e cembrete Pinete di Pino silvestre Praterie Praterie non utilizzate Praterie rupicole Prato-pascoli Querceti di rovere Querceti di roverella Totale Querco-carpineti Rimboschimenti Robinieti Rocce e macereti Seminativi Categorie riclassificate conifere acque arbusti arbusti urbanizzato urbanizzato arbusti arbusti arbusti frutteti e vigneti greti conifere conifere prato-pascoli prato-pascoli prato-pascoli prato-pascoli conifere rocce e macereti seminativi Tabella 2. Accorpamento delle categorie desunte nei Piani Forestali Territoriali della Regione Piemonte in nove classi semplificate. Si sono quindi confrontate le frequenze di utilizzo delle diverse categorie di uso suolo rispetto alla loro disponibilità nell area di studio. Per tali analisi sono stati utilizzati: - Il test del chi quadro: test statistico non parametrico atto a verificare se i valori di frequenza osservati siano diversi in maniera significativa dalle frequenze attese. La soglia di significatività statistica è stata considerata per p < 0,05. - L indice di selezione di Manly (Pennings,. 1990; Heisey 1985): le classi di uso suolo risultate significative al test del chi quadro sono state analizzate con l indice di Manly per valutare in che misura fossero effettivamente selezionate rispetto alle altre. L indice di Manly è un test utilizzato in ecologia per valutare l utilizzo delle risorse in base alla loro disponibilità, secondo la formula: 9

11 α i = (r i /n i )/Σ k j=1 (r j /n j ) dove: - α i è il valore del test - r i: = numero di ettari utilizzati della classe i - n i = numero ettari disponibili della classe i (Chesson, 1983). con valori di i che variano da 1 a k, essendo k il numero delle categorie disponibili. Il valore dell indice varia da 0 a 1; per α uguale a zero la risorsa non è utilizzata, per α uguale a 1 la risorsa è selezionata al massimo della sua disponibilità. Il valore che discrimina la soglia di selezione/non selezione delle risorse è pari a 1/k. Per α minore di 1/k la risorsa non è selezionata; α maggiore di 1/k indica selezione della risorsa; α uguale a 1/k indica che la selezione è casuale ossia la risorsa è selezionata in base alla sua disponibilità Materiali utilizzati: Basi cartografiche: Ctr numerica Regione Piemonte, Datum UTM European 1950; Piani Forestali Territoriali della Regione Piemonte Software: Microsoft Excel. Arcview 3.2 Epinfo 6 Envision software per la visualizzazione tridimensionale di dati spaziali Test statistici: Chi quadro Test non parametrico di Spearman Indice di selezione di Manly 10

12 4. RISULTATI Descrizione delle griglie di campionamento. Le aree di campionamento (figura 3) ottenute suddividendo l area di studio con griglie di differenti dimensioni (figura 4) sono composte rispettivamente da: - Griglia 250 metri: 7936 celle - Griglia 500 metri: 2065 celle; - Griglia 1000 metri: 556 celle; Figura 3. numero di celle di cui sono composte le griglie con maglia di 250, 500, 1000 metri. Figura 4. Suddivisione dell area di studio in aree di campionamento con una griglia di 500 metri di lato. 11

13 4.2. Descrizione dei dati di base. Nel corso dei sei anni di monitoraggio sono state effettuate 401 segnalazioni distribuite su gran parte del territorio della valle Varaita (figura 5), per un totale di 1899 cervi avvistati. Il numero delle osservazioni/anno oscilla da un minimo di 35 (2003) ad un massimo di 65 (2004), con una media di 52,2 osservazioni all anno (figura 6). Discorso a parte deve essere fatto per il 2002, anno in cui risultano 140 segnalazioni; un numero così elevato è dovuto al fatto che nel primo anno postrilascio il monitoraggio è stato particolarmente intensivo, con una elevata pressione di osservazione (incarico del Comprensorio Alpino al Cerigefas per il monitoraggio della specie). Figura 5. Distribuzione delle osservazioni di cervo (in rosso) sul modello digitale di elevazione (DEM) della Valle Varaita Figura 6. Distribuzione del numero di osservazioni negli anni. 12

14 In base alla loro origine, i dati sono stati raggruppati in 11 diverse categorie, come mostrato in tabella 3 e figura 6. Provenienza Numero di Percentuale osservazioni sul totale Monitoraggio e radiotracking ,1 Censimento su transetto diurno 57 14,2 Censimento su transetto notturno con faro 57 14,2 Osservazioni varie 26 6,5 Danni all'agricoltura 11 2,7 Abbattimenti 10 2,5 Ritrovamento palchi 9 2,2 Censimento in battuta 6 1,5 Investiti 6 1,5 Morti per altre cause 4 1,0 Bracconati 2 0,5 Tabella 3. Raggruppamento delle osservazioni in base alla loro provenienza. Ritrovamento palchi Osservazioni Abbattimenti varie Censimento in battuta Censimento su transetto notturno con faro Monitoraggio e radiotracking Censimento su transetto diurno Morti per altre cause Investiti Danni all'agricoltura Bracconati Figura 6. Grafico a torta rappresentante la distribuzione percentuale delle osservazioni per gruppo di provenienza. Ulteriore suddivisione delle osservazioni è stata fatta su base mensile, evidenziando un massimo nel mese di aprile ed un minimo nel mese di luglio (figura 7). 13

15 gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic Figura 7. Distribuzione delle osservazioni di cervo su base mensile Descrizione delle modalità di dispersione. In figura 8 è rappresentata la dispersione post rilascio, calcolata utilizzando differenti scale spaziali (livello puntuale o di cella). La distanza media delle osservazioni dal punto di rilascio, nei cinque anni, risultata essere di metri a livello puntuale, di per le celle di 250 metri, di per le celle di 500 metri e di per le celle di metri. Il test di correlazione di Spearmann evidenzia una correlazione positiva statisticamente significativa tra la dispersioni post-rilascio descritta a livello puntuale e gli anni successivi alla reintroduzione (rho=0,83; p<0,05). Tale correlazione resta significativa anche quando descritta a livello di celle di 250 metri (rho=0,81; p<0,05) mentre perde di significatività a livello di celle di 500 e 1000 metri. Le descrizioni della dispersione a livello puntuale e a livello di celle di 250 metri risultano significativamente correlate (rho=0,90: p<0,05), mentre ciò non accade con le celle di 500 e 100 metri tutti centroidi_250 centroidi_500 centroidi_1000 Figura 8. Tendenza della dispersione post-rilascio dal 2002 al 2007, analizzata a differenti scale di campionamento (livello puntuale e livello di cella). 14

16 4.4. Descrizione dell areale colonizzato. L areale colonizzato, come già indicato nei materiali e metodi, viene indicato sia come areale di osservazione (numero di celle positive per la presenza del cervo), sia come areale occupato (utilizzando il concetto di home range medio della specie). - Areale di osservazione. In figura9 viene indicata la progressiva espansione dell areale di osservazione dal 2002 al Il test di Spearmann ha evidenziato una elevata correlazione tra aumento dell areale ed anni postrilascio sebbene non si raggiunga la soglia della significatività statistica ettari_250 ettari_500 ettari_1000 Figura 9. Espansione dell areale di osservazione dal 2002 al 2007, analizzato a differenti scale di campionamento (celle di 250, 500 e 1000 metri). - Areale occupato. Gli ettari occupati dalla specie passano dai 7977 del 2002 (circa il 16% della superficie dell area di studio) ai del 2007 (41,4% della superficie dell area di studio) con una media di 3273 ettari colonizzati all anno (figura 10). Anche in questo caso la correlazione con gli anni post rilascio è elevata ma non significativa Figura 10. Tendenza dell estensione dell areale del cervo in Valle Varaita dal 2002 al

17 4.5. Descrizione della selezione di habitat. L applicazione del test del chi quadro evidenzia che le categorie dei seminativi, frutteti-vigne, conifere, e prato-pascolo vengono utilizzati a livello statisticamente significativo. Anche l urbanizzato risulta significativamente utilizzato, ma ciò sarebbe dovuto ad un fattore di confondimento, dovuto al fatto che buona parte dei seminativi si trova in prossimità di strade o centri abitati (colinearità del dato). In figura 11 vengono rappresentati i valori di odds ratio relativi alle classi di uso suolo. Tali valori sono rappresentati con e senza l anno 2002, per testare l ipotesi che nel 2002 il sito di rilascio possa avere influito sulla selezione ambientale (nel 2002 le classi di uso suolo disponibili erano differenti rispetto a quelle degli anni successivi). Il confronto tra le due serie di dati, effettuato con il test di Wilcoxon, non ha però evidenziato differenze statisticamente significative arbusti conifere Frutteti e vigneti prato-pascoli Rocce e macereti urbanizzato seminativo con 2002 senza 2002 Figura 11. Valori di odds ratio dell utilizzo delle singole classi di uso suolo con e senza la presenza dell anno L indice di selezione di Manly, pone in evidenza che tra le categorie che risultano significativamente utilizzate in base al test del chi-quadro, sono effettivamente selezionate i seminati ed i frutteti-vigneti. L urbanizzato anche in questo caso risulta selezionato per la sua associazione spaziale con i seminativi (figura 12). 0,25 0,20 0,15 0,10 0,05 0,00 Seminativi Frutteti e vigneti urbanizzato conifere pratopascoli Acque arbusti Rocce e macereti categorie random Figura 12. Valori dell indice di selezione di Manly, in rosso è indicato il valore discriminante 1/k. 16

18 5. DISCUSSIONI E CONCLUSIONE. Per una corretta gestione di una specie animale è importante un suo monitoraggio continuo che ci permetta di conoscere la sua distribuzione spaziale, la struttura di popolazione, i suoi rapporti con le altre specie, con la vegetazione e con le attività antropiche (Bazzotto et al., 2003). In questa accezione la grande mole di dati raccolti a partire dal 2002 indica un forte sforzo gestionale per garantire il buon successo del progetto cervo Valle Varaita. La presenza di soggetti radiocollarati nel gruppo di rilascio, operanti come animali spia, si è dimostrato uno strumento fondamentale per acquisire dati importanti nel primo periodo postrilascio; il 53% dei dati analizzati provengono infatti dalle sessioni di radiotracking. Nel periodo successivo al rilascio (fase di esaurimento dei radiocollari) diventano poi fondamentali le tradizionali attività gestionali (censimento notturno con il faro, censimento in battuta, censimento da transetti diurni) che nel nostro caso rappresentano la seconda fonte di dati (32% delle osservazioni), in virtù della rete di transetti di osservazione diurni e notturni ben distribuiti nell area di studio. Non ultima per importanza ai fini del successo del monitoraggio è stata l attiva collaborazione tra due Enti che si occupano di gestione della fauna selvatica, presenti sul territorio (Comprensorio Alpino CN2 e Cerigefas). La distribuzione mensile delle osservazioni indica come i momenti di maggiore contattabilità della specie siano il periodo primaverile (ricaccio vegetativo nel fondovalle) ed il mese di settembre (periodo degli amori), a differenza di altre aree alpine dove il periodo di massima visibilità risulta essere a cavallo dei mesi di giugno e luglio (Mattiello et al., 2004). Da un punto di vista metodologico, il confronto effettuato tra il livello puntuale ed il livello di cella ai fini della descrizione della colonizzazione dell area di studio, indica come una griglia con lati di 250 metri rappresenti un buon compromesso tra la precisione del livello puntuale e l agilità operativa necessaria ad uno strumento da adottare nella gestione di campo. Si conferma quindi l importanza che un approccio multriscalare può avere nella descrizione di un fenomeno biologico (Graaf et al., 2005). Un grigliato di 250 metri che suddivida il territorio della Valle Varaita in aree di campionamento omogenee, potrà dunque essere utilizzato come strumento per il monitoraggio della popolazione di cervo sul lungo periodo. I dati sulla espansione del cervo in Valle Varaita, valutata sia come distanza dal punto di rilascio sia come aumento dell areale, indicano che dopo sei anni dal rilascio la specie continua ad espandersi e colonizzare via via nuove aree della valle. Come descritto in altri lavori, si può ipotizzare che il cervo abbia colonizzato le aree a maggiore vocazionalità ambientale e stia ora espandendosi in aree subottimali ancora libere (Acevedo et al., 2005) Come evidenziato dall indice di Manly infatti le aree contenenti le categorie di uso suolo maggiormente selezionate (seminativi, frutteti e vigneti) e quindi a maggiore vocazionalità per la specie sono ormai in gran parte colonizzate, mentre sono ancora libere ampie porzioni di territorio. L areale della specie si estende infatti ad oggi su circa il 43,1% dell area di studio. Le conclusioni cui siamo giunti riguardo le categorie di uso suolo maggiormente selezionate nella nostra area di studio (seminativi) concordano con quelle di altri autori (Pandini e Cesaris, 1997) ma differiscono da quelle di altri. Campi (2001) riscontra infatti una forte selezione per le praterie d alta quota e per le faggete mature, mentre Latini e collaboratori (2003) documentano una preferenza per ambienti con buona biodiversità (ambienti di transizione). Questi risultati non fanno altro che confermare che la selezione di habitat, così come già visto per la dimensione degli home range, è fortemente influenzata dalla disponibilità ambientale specifica di ogni zona. 17

19 La velocità media di espansione della popolazione (1,8 chilometri all anno) risulta essere molto maggiore rispetto a quella di altri autori (0,85 chilometri/anno) (Mattiello et al., 2004) ed è anch essa indice di una popolazione in buone condizioni di salute e del successo dell operazione di reintroduzione. La prosecuzione del monitoraggio della popolazione di cervi della Valle Varaita con il livello quali - quantitativo dimostrato in questi anni permetterà di continuare ad acquisire informazioni importanti ai fini di una corretta gestione della specie. 18

20 6. BIBLIOGRAFIA. AA.VV. (1997). Documento sulle immissioni faunistiche: linee guida per le introduzioni, reintroduzioni e ripopolamenti di Uccelli e Mammiferi. In: Spagnesi et al. (eds), Atti del III Convegno Nazionale dei Biologi della Selvaggina. Acevedo P., Delibes-Mateos M., Escudero M. A., Vicente J., Marco J., Gortazar C.(2005). Environmental constraints in the colonization sequence of roe deer (Capreolus capreolus Linnaeus, 1758) across the Iberian Mountains, Spain. Journal of Biogeography, 32: Bizzotto J., Bottazzo M., Busatta S., Cadamuro A., De Bon F., De Stefani G., Facchin G., Filippin D., Luise R., Scussat M., Sommavilla G.(2003). Il Cervo Cervus elaphus nel comprensorio di gestione del Consiglio. Campi C. Tesi di laurea (2000/2001) Uso dell habitat da parte degli ungulati selvatici nell alto Appennino Reggiano Chesson J. (1983). The estimation and analysis of preference and its relationship to foraging models. Ecoligy 64: pp. CHIARENZI B., MACCONI P., CARMIGNOLA G., PEDROTTI L. e MUSTONI A., Studio sulle capacità di spostamento e dispersione del Cervo in Val Venosta. Istituto Oikos, Varese Cushman S.A. and McGarigal K Patterns in the species-environment relationship depend on both scale and choice of response variables. Oikos 105: pp. Diggle P.J. (1983). Statistical analysis of spatial point patterns. Academic Press, New York. GEORGII B., Home range patterns of female red deer (Cervus elaphus) in the Alps. Oecologia, 47: Graf R.F., Bollmann K., Suter W., Bugmann H. (2005). The importance of spatial scale in habitat model: capercailliein the Swiss Alps. Landscape Ecology, 20: Heisey D: H. (1985), Analyzing Selection Experiments with Log-Linear Models. Ecology, 66 (6): pp. Hooge P.N.,Eichenlaub B.(1997). Animal Movement Extension to ArcView ver 1.1. Alaska Science Center Biological Science Office, U.S. Geological Survey, Anchorage, AK, USA. Latini R., Pizzol I., Ferrera G., Kleuser H. (2003) Selezione invernale dell habitat e densità del cervo (Cervus elaphus) e del capriolo (Capreolus capreolus) nel Parco Nazionale d Abruzzo. Hystrix Italian Journal of Mammalogy: 180. LUCCARINI S. e MAURI L., Il cervo in Alta Val di Susa. Comportamento spaziale e uso dell'habitat. Ed. ANANKE s.r.l., Torino. Meneguz P.G., Dematteis A. (2000). Progetto per la reintroduzione del cervo Cervus elaphus L in Valle Varaita. Relazione dell Università degli Studi di Torino: 60 pp. MITCHELL B., STAINES B.W. e WELCH D., Ecology of red deer. A research review relevant to their management in Scotland. Institute of Terrestrial Ecology, Graphic Art (Camb.) Ltd., U.K. Mustoni A., Pedrotti L., Zanon E., Tosi G. (2002). Ungulati delle Alpi: biologia, riconoscimento, gestione. Edizione Nitida Immagine: 538 pp. Ottonelli S. (1979). Guida della Valle Varaita. Centro Studi Valados Usitanos (Ed.), Gaiola (CN): 56 pp. Pandini W. Cesaris C. (1997). Home range and habitat use of roe deer (capreolus capreolue) reare in captivity and released in the wild. Hystrix 9 (1-2) PP. 19

RILEVAMENTI ED ANALISI DEI DATI FAUNISTICI ED AMBIENTALI

RILEVAMENTI ED ANALISI DEI DATI FAUNISTICI ED AMBIENTALI RILEVAMENTI ED ANALISI DEI DATI FAUNISTICI ED AMBIENTALI Riferimenti normativi e tecnici. Gli INDIRIZZI REGIONALI PER LA PIANIFICAZIONE FAUNISTICO VENATORIA PROVINCIALE (allegato 6 INDIRIZZI PER LA GESTIONE

Dettagli

Monitoraggio del lupo Slavc in ambiente GRASS GIS

Monitoraggio del lupo Slavc in ambiente GRASS GIS Monitoraggio del lupo Slavc in ambiente GRASS GIS Alfredo Altobelli, Katja Mignozzi, Rossella Napolitano Dipartimento di Scienze della Vita Università di Trieste XIV meeting degli utenti italiani GRASS

Dettagli

La vegetazione dei Monti Simbruini APPUNTI

La vegetazione dei Monti Simbruini APPUNTI La vegetazione dei Monti Simbruini FOTO VEGETAZIONE MONTI SIMBRUINI APPUNTI Il massiccio calcareo dei Monti Simbruini presenta una ben conservata copertura forestale, che occupa il 75% dell intero areale

Dettagli

REGIONE LIGURIA Protezione Civile

REGIONE LIGURIA Protezione Civile ALLEGATO 2 REGIONE LIGURIA Protezione Civile INCENDIO DELLE ZONE DI INTERFACCIA DEFINIZIONE SCENARI Febbraio 2007 2 DEFINIZIONE SCENARIO DI INCENDI DI INTERFACCIA Per valutare il rischio conseguente agli

Dettagli

IL LABORATORIO NATURALE GESTALP

IL LABORATORIO NATURALE GESTALP Un caso di gestione delle risorse rinnovabili: IL LABORATORIO NATURALE GESTALP La ricerca di un modello di gestione delle risorse naturali che consenta lo sviluppo di un sistema socio-economico sostenibile

Dettagli

FAUNA SELVATICA E INFRASTRUTTURE LINEARI

FAUNA SELVATICA E INFRASTRUTTURE LINEARI AREA: 4 DENOMINAZIONE: AMAZAS 2 (CARTA 6) DESCRIZIONE: La S.S. 24 separa una pineta di pino silvestre a monte da una fascia di arbusteto montano a valle entro cui scorre la Dora Riparia. Sopra la pineta,

Dettagli

COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita. RISULTATI CENSIMENTI ALLE SPECIE CAMOSCIO E MUFLONE s.v. 2012/2013

COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita. RISULTATI CENSIMENTI ALLE SPECIE CAMOSCIO E MUFLONE s.v. 2012/2013 COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita RISULTATI CENSIMENTI ALLE SPECIE CAMOSCIO E MUFLONE s.v. 2012/2013 - RELAZIONE TECNICA - A cura di Omar Giordano Giorgio Ficetto Tecnici faunistici C.A. CN2 PREMESSA

Dettagli

82. Boschi e loro tipologia ORAZIO CIANCIO*

82. Boschi e loro tipologia ORAZIO CIANCIO* 82. Boschi e loro tipologia ORAZIO CIANCIO* Università degli Studi di Firenze Quadro 1 - F. 276 Sez. I - Passo della Consuma - Serie 25 La superficie coperta da boschi, secondo l Inventario Forestale Nazionale

Dettagli

LA/IL TECNICO FAUNISTICO

LA/IL TECNICO FAUNISTICO LA/IL TECNICO FAUNISTICO 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE... 7 Quali competenze sono necessarie?... 7 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti lavorativi...

Dettagli

Direzione Ambiente. Guida tecnica

Direzione Ambiente. Guida tecnica Direzione Ambiente Guida tecnica Procedimento di verifica di assoggettabilita alla VAS dei Programmi di interventi di sistemazione idrogeologica e manutenzione montana (PISIMM) ( art. 12 d. lgs. 152/2006

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

1 *( Reg.Ce 1750/99 rececepito con D.M.19.04.99 / Indicazioni della Dir. Reg. Agricoltura PSR ABRUZZO 2000-2006 Misure E e F)

1 *( Reg.Ce 1750/99 rececepito con D.M.19.04.99 / Indicazioni della Dir. Reg. Agricoltura PSR ABRUZZO 2000-2006 Misure E e F) REGOLAMENTO PER L INDENNIZZO DEI DANNI RICONDUCIBILI A FAUNA SELVATICA CINGHIALE (Sus scrofa L.); CAPRIOLO (Capreolus capreolus L);CERVO (Cervus elaphus L). ARRECATI AL PATRIMONIO AGRICOLO NEL TERRITORIO

Dettagli

Regione Piemonte. Direzione Pianificazione e Gestione Urbanistica

Regione Piemonte. Direzione Pianificazione e Gestione Urbanistica Regione Piemonte Direzione Pianificazione e Gestione Urbanistica Settore Cartografico Regione Piemonte C.so Orbassano 336 (Centro NADIM) Torino tel. 011-4326466 - fax 011-4326462 - e-mail: cartografico@regione.piemonte.it

Dettagli

GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA

GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA 0147 Gli Spazi Aperti Spazi aperti e progetti di area vasta Spazi aperti e progetti di area vasta Gli spazi aperti sono qui identificati con quelle

Dettagli

Cartografia della copertura ed uso del suolo Cartografia della vegetazione

Cartografia della copertura ed uso del suolo Cartografia della vegetazione Che cosa è una carta? Cartografia della copertura ed uso del suolo Cartografia della vegetazione E un elaborato grafico attraverso cui una determinata porzione della superficie terrestre viene rappresentata

Dettagli

VORREI TAGLIARE IL MIO BOSCO COSA DEVO FARE? Guida ai tagli boschivi secondo il nuovo regolamento forestale regionale

VORREI TAGLIARE IL MIO BOSCO COSA DEVO FARE? Guida ai tagli boschivi secondo il nuovo regolamento forestale regionale VORREI TAGLIARE IL MIO BOSCO COSA DEVO FARE? Guida ai tagli boschivi secondo il nuovo regolamento forestale regionale 1 1. COME SI CONSULTA QUESTA GUIDA Il Regolamento approvato dalla Giunta regionale

Dettagli

Parco Naturale delle Capanne di Marcarolo

Parco Naturale delle Capanne di Marcarolo Regione Piemonte Parco Naturale delle Capanne di Marcarolo Relazione illustrativa delle attività di gestione della specie cinghiale: Programmi di ricerca e monitoraggio della specie Attuazione del Piano

Dettagli

Telefono cell. 349 1904388 E-mail franco.milani1@unimi.it ; milani.franco@gmail.com Nazionalità Italiana Data di nascita 17/07/1973

Telefono cell. 349 1904388 E-mail franco.milani1@unimi.it ; milani.franco@gmail.com Nazionalità Italiana Data di nascita 17/07/1973 C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo MILANI FRANCO VIA A. TONELLI 26/D PASTURAGO DI VERNATE 20800 MILANO Telefono cell. 349 1904388 E-mail franco.milani1@unimi.it ; milani.franco@gmail.com

Dettagli

Provincia dell'ogliastra Assessorato All Ambiente Servizio Protezione Civile, Caccia, Pesca e Sicurezza

Provincia dell'ogliastra Assessorato All Ambiente Servizio Protezione Civile, Caccia, Pesca e Sicurezza Provincia dell'ogliastra Assessorato All Ambiente Servizio Protezione Civile, Caccia, Pesca e Sicurezza DISCIPLINARE PER L ATTIVAZIONE DEI CORSI DI FORMAZIONE PER: COADIUTORI NELL ATTIVITA DI CONTROLLO

Dettagli

CAPITOLO I Principi generali. Art.1

CAPITOLO I Principi generali. Art.1 REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA PREVENZIONE, L ACCERTAMENTO ED IL RISARCIMENTO DEI DANNI CAUSATI ALLE OPERE ED ALLE COLTURE AGRICOLE E FORESTALI DALLA FAUNA SELVATICA E DALL ATTIVITÀ VENATORIA CAPITOLO

Dettagli

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE Relatore: Michele Carta LA BANCA DATI Insieme di cartografie e dati descrittivi, gestite tramite GIS, di supporto alla modellizzazione

Dettagli

Uso del suolo 2003 Documentazione. a cura di E. Campiani, S. Corticelli, M.L. Garberi, B. Guandalini, M.C. Mariani, S. Masi

Uso del suolo 2003 Documentazione. a cura di E. Campiani, S. Corticelli, M.L. Garberi, B. Guandalini, M.C. Mariani, S. Masi Uso del suolo 2003 Documentazione a cura di E. Campiani, S. Corticelli, M.L. Garberi, B. Guandalini, M.C. Mariani, S. Masi Edizione maggio 2011 1 Sommario Scheda riepilogativa database uso del suolo 2003...3

Dettagli

Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Titolo dello studio: Atti del Convegno-Seravella 2.3.2001 sulla biodiversità coltivata Titolo dello studio: Indagine sui popolamenti ittici dei corsi d acqua nel territorio

Dettagli

APPLICAZIONI E MODELLI GIS IN CAMPO ECOLOGICO

APPLICAZIONI E MODELLI GIS IN CAMPO ECOLOGICO APPLICAZIONI E MODELLI IN CAMPO ECOLOGICO Marcella ALIBRANDO (*), Massimiliano CARRINO (*), Luciano CRUA (**), Massimiliano FERRARATO (**), Barbara LORUSSO (*), Davide VIETTI (**) (*) ARPA Piemonte Centro

Dettagli

PIANO ATTUATIVO Atr2 AMBITO DI TRASFORMAZIONE RESIDENZIALE

PIANO ATTUATIVO Atr2 AMBITO DI TRASFORMAZIONE RESIDENZIALE CITTA' DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII Provincia di Bergamo Committenti: Avv. Gabriele Terzi Gestimont srl Ghisleni Alberto e Belotti Emanuela Costruzioni Agazzi srl Rossi Luca Opera Diocesana San Narno

Dettagli

Ortofoto digitali a colori programma IT2000 CGR

Ortofoto digitali a colori programma IT2000 CGR Ortofoto digitali a colori programma IT2000 CGR Ortofoto digitali a colori programma IT2000 CGR Ortofoto digitali a colori programma IT2000 CGR Ortofoto digitali a colori programma IT2000 CGR Modelli digitali

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo FRANCESCHINA JESSICA VIA SANTELLONE 7, CAP 23032 BORMIO (SONDRIO) Telefono 349-3984744 Fax E-mail

Dettagli

Allegato I tipi forestali. Allegato I TIPI FORESTALI NEL TERRITORIO DELLA COMUNITA MONTANA VALTELLINA DI MORBEGNO

Allegato I tipi forestali. Allegato I TIPI FORESTALI NEL TERRITORIO DELLA COMUNITA MONTANA VALTELLINA DI MORBEGNO Allegato I TIPI FORESTALI NEL TERRITORIO DELLA COMUNITA MONTANA VALTELLINA DI MORBEGNO 2 INDICE QUERCETI... 4 CASTAGNETI SU SUBSTRATI SCIOLTI... 6 CASTAGNETI SU SUBSTRATI SILICATICI... 8 ACERI-FRASSINETI

Dettagli

La Carta Forestale è stata realizzata dall INEA in stretto collegamento con l Ufficio

La Carta Forestale è stata realizzata dall INEA in stretto collegamento con l Ufficio 2 METODOLOGIA DI INDAGINE La Carta Forestale è stata realizzata dall INEA in stretto collegamento con l Ufficio Foreste e Tutela del Territorio, del Dipartimento Ambiente, Territorio, Politiche della Sostenibilità.

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Sanna Stefania Indirizzo Strada Campi s.n.c. Tito (Pz) 85050 Telefono 0971 794481 Cell. 3490919505 E-mail

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Analisi ecologica territoriale

Analisi ecologica territoriale Come si distribuiscono gli ecosistemi nello spazio e come si possono delimitare? GEOGRAFIA DEGLI ECOSISTEMI ed ECOLOGIA DEL PAESAGGIO Sono tra le scienze che analizzano la distribuzione spaziale degli

Dettagli

oltre i confini L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Nino Martino Direttore del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

oltre i confini L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Nino Martino Direttore del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Workshop AIDAP: Classificare per Innovare la Gestione delle Aree Protette Torino 19 Maggio 2008 Nino Martino Direttore del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Andare oltre i confini L esperienza del Parco

Dettagli

Piano d'azione per l'ambiente roccioso montano, collinare e insulare

Piano d'azione per l'ambiente roccioso montano, collinare e insulare Piano d'azione della per la biodiversità Piano d'azione per l'ambiente roccioso montano, collinare e insulare Descrizione Gli habitat rocciosi a causa dell'acclività, di elementi e fattori climatici proibitivi,

Dettagli

CREAZIONE DI UN DATABASE ED ELABORAZIONE GEOSTATISTICA DEI

CREAZIONE DI UN DATABASE ED ELABORAZIONE GEOSTATISTICA DEI CREAZIONE DI UN DATABASE ED ELABORAZIONE GEOSTATISTICA DEI DATI Gestione dei dati ambientali mediante strumenti GIS ed applicazione di tecniche geostatistiche per l elaborazione dei dati Maria Elena Piccione

Dettagli

L AMERICA ANGLOSASSONE

L AMERICA ANGLOSASSONE L AMERICA ANGLOSASSONE Scuola Media Pio X Artigianelli - Classe III A L America anglosassone si estende per migliaia di Km dal Mar Glaciale Artico fino al confine con il Messico. Questa porzione di continente

Dettagli

Venerdì 25 GIUGNO 2010

Venerdì 25 GIUGNO 2010 di Antonello Cedrone Consulente in Risorse Energetiche e Ambientali Venerdì 25 GIUGNO 2010 Conferenze dedicate alla biodivertità al fine di individuare misure di tutela e conservazione INDICE Il presente

Dettagli

LEPRE Il modello di gestione in uso in Emilia-Romagna: presente e prospettive Criticità, elementi di conflitto, fattori limitanti

LEPRE Il modello di gestione in uso in Emilia-Romagna: presente e prospettive Criticità, elementi di conflitto, fattori limitanti LEPRE Il modello di gestione in uso in Emilia-Romagna: presente e prospettive Criticità, elementi di conflitto, fattori limitanti Le ultime due stagioni Il modello gestionale in uso LEPRE E ZRC Provenienza

Dettagli

scaricato da www.risorsedidattiche.net

scaricato da www.risorsedidattiche.net Verifica di Geografia (Il Piemonte) Nome e cognome Classe Data 1. Da che cosa deriva il nome Piemonte? 2. Con quali stati e regioni confina? 3. Il Piemonte è una delle regioni italiane che: ha uno sbocco

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI ASSICURATIVI RELATIVI AI BENI ED ALL ATTIVITÀ ISTITUZIONALE DELLA REGIONE SARDEGNA

PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI ASSICURATIVI RELATIVI AI BENI ED ALL ATTIVITÀ ISTITUZIONALE DELLA REGIONE SARDEGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato Enti Locali, Finanze e Urbanistica Direzione generale enti locali e finanze Servizio provveditorato PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI ASSICURATIVI

Dettagli

GRANDI CARNIVORI IN LOMBARDIA

GRANDI CARNIVORI IN LOMBARDIA GRANDI CARNIVORI IN LOMBARDIA Meriggi A., Milanesi P., Crotti C., Mazzoleni L. Dipartimento di Biologia Animale Università degli Studi Pavia Classe: Mammiferi Ordine: Carnivori Famiglia Canidi Ursidi Felidi

Dettagli

Ciampi C.*, Giusti B.*, Corongiu M.**, Lucchesi F.*, Sassoli U.***

Ciampi C.*, Giusti B.*, Corongiu M.**, Lucchesi F.*, Sassoli U.*** Ciampi C.*, Giusti B.*, Corongiu M.**, Lucchesi F.*, Sassoli U.*** * Dipartimento di Architettura, Laboratorio di Cartografia, Università di Firenze ** LaMMA, Laboratorio di Monitoraggio e Modellistica

Dettagli

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA LA DIVERSITÀ BIOLOGICA Partiamo da noi Cosa conosco di questo argomento? Cosa si intende con biodiversità? Ma quante sono le specie viventi sul pianeta? ancora domande Come mai esistono tante diverse specie

Dettagli

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI Indice 1. Introduzione... 2 2. Metodologia... 3 3. Temperatura... 3 4. Vento... 10 5. Installazione stazione portatile e campagna di misura... 11 6. Elaborazione dati

Dettagli

INDICATORI E MONITORAGGIO

INDICATORI E MONITORAGGIO COMUNI DI AZZIO, BEDERO VALCUVIA, BRINZIO, CASALZUIGNO, CASSANO VALCUVIA, DUNO, FERRERA DI VARESE, MASCIAGO PRIMO, ORINO, RANCIO VALCUVIA Provincia di Varese INDICATORI E MONITORAGGIO VALUTAZIONE AMBIENTALE

Dettagli

La vettorializzazione della Carta Forestale del Regno d'italia del 1936

La vettorializzazione della Carta Forestale del Regno d'italia del 1936 La vettorializzazione della Carta Forestale del Regno d'italia del 1936 Sboarina C. - Ciolli M. - Ferretti F. Pompei E. - Vitti A. - Zatelli P. marco.ciolli@ing.unitn.it Università di Trento Dipartimento

Dettagli

CINGHIALE ED AREE PROTETTE IN ITALIA - IL CASO DEL PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI

CINGHIALE ED AREE PROTETTE IN ITALIA - IL CASO DEL PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAMERINO FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali Dipartimento di Scienze Veterinarie TESI DI LAUREA IN AGR/19 ZOOTECNIA

Dettagli

Relazione finale. 1) Obiettivi della scheda di ricerca

Relazione finale. 1) Obiettivi della scheda di ricerca Ri.Selv.Italia Sottoprogetto 1.1 Biodiversità e produzione di materiale forestale di propagazione Responsabile scientifico Fulvio Ducci (CRA Centro di Ricerca per la Selvicoltura fulvio.ducci@entecra.it)

Dettagli

Il mercato fondiario in Italia

Il mercato fondiario in Italia FEDERAZIONE NAZIONALE DELLA PROPRIETA FONDIARIA ASSEMBLEA GENERALE - CICA - Confederazione Internazionale di Credito Agricolo RELAZIONE Il mercato fondiario in Italia Québec, 29-30 settembre 2006 PRESENTAZIONE

Dettagli

MOSYSS OSSERVATORIO REG. SUOLI. (MOnitoring SYstem of Soils at multi-scale) Dr. Mauro Tiberi Dr. Giovanni Ciabocco Dr.ssa Cristina Bernacconi

MOSYSS OSSERVATORIO REG. SUOLI. (MOnitoring SYstem of Soils at multi-scale) Dr. Mauro Tiberi Dr. Giovanni Ciabocco Dr.ssa Cristina Bernacconi MOSYSS (MOnitoring SYstem of Soils at multi-scale) Dr. Mauro Tiberi Dr. Giovanni Ciabocco Dr.ssa Cristina Bernacconi Osservatorio Regionale Suoli Servizio Agricoltura Regione Marche PSR 2007-2013 Marche

Dettagli

Appendice 18. Impatto paesaggistico delle strutture offshore

Appendice 18. Impatto paesaggistico delle strutture offshore Pagina 1 di 16 Impatto paesaggistico delle strutture offshore Pagina 2 di 16 Pagina 3 di 16 INDICE 1 CONSIDERAZIONI GENERALI 5 2 ANALISI DELLA VISIBILITÀ DELL OPERA 6 2.1 DETERMINAZIONE DELLA MASSIMA DISTANZA

Dettagli

La Banca Dati georeferenziata del Progetto Regionale Il lupo in Liguria

La Banca Dati georeferenziata del Progetto Regionale Il lupo in Liguria REGIONE LIGURIA Dipartimento Pianificazione Territoriale Giovanni Diviacco e Piero Ferrari La Banca Dati georeferenziata del Progetto Regionale Il lupo in Liguria Genova, Marzo 2009 SETTORE VALUTAZIONE

Dettagli

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2012-2013 Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Introduzione ai GIS Le attività dell uomo...... hanno sempre un

Dettagli

Italiana. ID Skype: enrica_11. Qualifiche

Italiana. ID Skype: enrica_11. Qualifiche ENRICA COPPO CURRICULUM VITAE Cognome Nome Indirizzo Paese Telefono E-mail Skype ID Data e luogo di nascita Nationalità Sesso Coppo Enrica Via Cigliano, 14-13040 Moncrivello (VC) Italia Cellulare: +39

Dettagli

IN COLLABORAZIONE CON. www.regione.lombardia.it. Uso del suolo in Regione Lombardia I dati Dusaf

IN COLLABORAZIONE CON. www.regione.lombardia.it. Uso del suolo in Regione Lombardia I dati Dusaf IN COLLABORAZIONE CON www.regione.lombardia.it Uso del suolo in Regione Lombardia I dati Dusaf Edizione 2010 Coordinamento generale: Regione Lombardia - Direzione Generale Territorio ed Urbanistica Mario

Dettagli

Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano

Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano Variante parziale al vigente PRG ai sensi dell art. 26 della L.R. 34/92 e s.m.i. relativa al comparto edificatorio

Dettagli

ALLEGATO D ANALISI STATISTICA DEI DATI METEOROLOGICI

ALLEGATO D ANALISI STATISTICA DEI DATI METEOROLOGICI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PROVINCIALE PER LA PROTEZIONE DELL'AMBIENTE U.O. Tutela dell aria ed agenti fisici PIANO PROVINCIALE DI TUTELA DELLA QUALITÀ DELL ARIA ALLEGATO D ANALISI STATISTICA

Dettagli

PARTE II. ANALISI DELLE POTENZIALITA DEI SISTEMI SOLARI FOTOVOLTAICI O SOLARI TERMICI INTEGRATI NELLE COPERTURE DEGLI EDIFICI

PARTE II. ANALISI DELLE POTENZIALITA DEI SISTEMI SOLARI FOTOVOLTAICI O SOLARI TERMICI INTEGRATI NELLE COPERTURE DEGLI EDIFICI PARTE II. ANALISI DELLE POTENZIALITA DEI SISTEMI SOLARI FOTOVOLTAICI O SOLARI TERMICI INTEGRATI NELLE COPERTURE DEGLI EDIFICI Per creare la mappa del soleggiamento è stato utilizzato il software GRASS

Dettagli

Riserva Naturale Zompo lo Schioppo CORSI DI APPROCCIO E AGGIORNAMENTO ANNO 2011

Riserva Naturale Zompo lo Schioppo CORSI DI APPROCCIO E AGGIORNAMENTO ANNO 2011 RISERVA NATURALE ZOMPO LO SCHIOPPO MORINO (AQ) TEL 0863.978809 FAX 0863.970909 e-mail info@schioppo.aq.it Riserva Naturale Zompo lo Schioppo CORSI DI APPROCCIO E AGGIORNAMENTO ANNO 2011 IL TERRITORIO Una

Dettagli

METODI E TECNICHE PER LA RICERCA ARCHEOLOGICA

METODI E TECNICHE PER LA RICERCA ARCHEOLOGICA Dipartimento di Studi Umanistici METODI E TECNICHE PER LA RICERCA ARCHEOLOGICA Dott.ssa Federica Fontana A.A. 2013-2014 Lezione 2 - Ricognizioni di superficie e aeree La scoperta Siti visibili, la cui

Dettagli

ORIGINE ED EVOLUZIONE DI

ORIGINE ED EVOLUZIONE DI UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE Facoltà di Agraria Corso di Laurea in Scienze Forestali ed Ambientali (L) ORIGINE ED EVOLUZIONE DI RIMBOSCHIMENTI DI CONIFERE NEL SETTORE ORIENTALE DEL PARCO NAZIONALE

Dettagli

La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna. Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali

La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna. Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna Bologna 17 giugno 2014 Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali I NUMERI DELLE AREE PROTETTE 14 PARCHI

Dettagli

Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS

Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS Buone pratiche di gestione e conservazione degli habitat agricoli Stefania Mandrone ISPRA Settore Gestione Agroecosistemi Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS L Aquila 7 Marzo

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO Allegato A2.11 ANALISI DELLE POTENZIALITA DI SVILUPPO DI PRODUZIONE EOLICA Riferimento al capitolo 3.3 della Relazione di sintesi PEAP GR A cura

Dettagli

Regolamento per la gestione ed il prelievo venatorio degli ungulati nella Provincia di Firenze.

Regolamento per la gestione ed il prelievo venatorio degli ungulati nella Provincia di Firenze. Regolamento per la gestione ed il prelievo venatorio degli ungulati nella Provincia di Firenze. TITOLO I - Principi generali Art. 1 Finalità Art. 2 Vocazione del territorio Art. 3 Unità di gestione Art.

Dettagli

Piano di gestione della popolazione di Cinghiale (Sus scrofa) nel Parco Naturale Regionale del Conero

Piano di gestione della popolazione di Cinghiale (Sus scrofa) nel Parco Naturale Regionale del Conero Abbadia di Fiastra 2. 62010 URBISAGLIA (MC) Piano di gestione della popolazione di Cinghiale (Sus scrofa) nel Parco Naturale Regionale del Conero ANNO 2012-2013 Redazione Data: Ottobre 2011 Paolo Perna

Dettagli

CAPITOLO 6 IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA BASILICATA

CAPITOLO 6 IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA BASILICATA CAPITOLO 6 IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA BASILICATA 189 IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA BASILICATA 6.1 Premessa Il Sistema Informativo

Dettagli

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Si prega di compilare il seguente questionario, costituente parte integrante dell iter per l attribuzione del

Dettagli

Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni. Allegato 5

Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni. Allegato 5 Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Art. 7 della Direttiva 2007/60/CE e del D.lgs. n. 49 del 23.02.2010 Allegato 5 Quadro dei processi alluvionali prevalenti

Dettagli

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE ASSESSORATO ENTI LOCALI FINANZE ED URBANISTICA Direzione generale della pianificazione territoriale urbanistica e della vigilanza edilizia S E T T O R E SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

Dettagli

Sottoprogetto 3.2 - Selvicoltura, funzionalità e gestione sostenibile dei cedui nell area appenninica e mediterranea.

Sottoprogetto 3.2 - Selvicoltura, funzionalità e gestione sostenibile dei cedui nell area appenninica e mediterranea. PROGETTO RI.SELV.ITALIA Sottoprogetto 3.2 - Selvicoltura, funzionalità e gestione sostenibile dei cedui nell area appenninica e mediterranea. Ricerca 3.2.7 - Individuazione di mezzi di lavoro, anche innovativi,

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 3 - Mercoledì 18 gennaio 2012

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 3 - Mercoledì 18 gennaio 2012 Bollettino Ufficiale 15 D.G. Sistemi verdi e paesaggio Comunicato regionale 9 gennaio 2012 - n. 1 Testo coordinato della d.g.r. 675/2005 con le modifiche ed integrazioni apportate dalla d.g.r. 2848/2011

Dettagli

L INFORMAZIONE GEOGRAFICA NELLA RILEVAZIONE DEI NUMERI CIVICI

L INFORMAZIONE GEOGRAFICA NELLA RILEVAZIONE DEI NUMERI CIVICI XXXIII CONFERENZA ITALIANA DI SCIENZE REGIONALI L INFORMAZIONE GEOGRAFICA NELLA RILEVAZIONE DEI NUMERI CIVICI Marina BERTOLLINI 1, Antonietta ZULLO 2, SOMMARIO Il largo impiego delle informazioni geografiche

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

Manuale Utente Operatore per l applicazione MAPEL

Manuale Utente Operatore per l applicazione MAPEL Manuale Utente Operatore per l applicazione MAPEL Versione 1.1 luglio 2013 Pagina 1 di 22 Indice 1.0 INTRODUZIONE 3 2.0 ACRONIMI UTILIZZATI 3 3.0 UTENTI UTILIZZATORI 3 4.0 AUTENTICAZIONE E COMPLETAMENTO

Dettagli

Il progetto LIFE+ MGN: dal Modello alla Governance

Il progetto LIFE+ MGN: dal Modello alla Governance CONVEGNO INTERNAZIONALE DARE VALORE ALLA NATURA I Servizi ecosistemici per nutrire il pianeta venerdì 12 giugno 2015 EXPO 2015 - MILANO Il progetto LIFE+ MGN: dal Modello alla Governance Prof. GIUSEPPE

Dettagli

Ente per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale Misure Specifiche di Conservazione - Piani di Gestione

Ente per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale Misure Specifiche di Conservazione - Piani di Gestione Misura 323 Sottomisura 2 del P.S.R. 2007-2013 Ente per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale Problematiche generali e prime indicazioni David Bianco - Luglio 2012 Presentazione Documento preliminare

Dettagli

L inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo della Val di Cembra

L inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo della Val di Cembra L inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo della Val di Cembra Segonzano 25 novembre 2014 Michele Caldonazzi ALBATROS S.r.l. 1. Recupero

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA. Settore Governo e Sviluppo del Territorio e dell Economia U.O. Pianificazione Urbanistica. Variante al PRG

COMUNE DI PERUGIA. Settore Governo e Sviluppo del Territorio e dell Economia U.O. Pianificazione Urbanistica. Variante al PRG COMUNE DI PERUGIA Settore Governo e Sviluppo del Territorio e dell Economia U.O. Pianificazione Urbanistica Variante al PRG di adeguamento ai contenuti paesaggistici del PTCP, e ai contenuti degli art.

Dettagli

28 marzo 2014. A cura di

28 marzo 2014. A cura di PROGRAMMA ANNUALE DELLE ATTIVITA DELL ATC PS1 L.R. 7/95 art. 19 comma 3 28 marzo 2014 A cura di Premessa Seppure non sia stato ancora approvato il nuovo Piano Faunistico-Venatorio provinciale e quindi

Dettagli

CARTA DELL USO DEL SUOLO

CARTA DELL USO DEL SUOLO \ Comune di Perugia Settore Governo e Sviluppo del Territorio e dell Economia U.O. Ambiente e Protezione Civile CARTA DELL USO DEL SUOLO NOTE ILLUSTRATIVE Perugia, settembre 2008 Coordinatrice: Dott. Geol.G.Antonini

Dettagli

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette Piano di gestione dei bacini idrografici delle Alpi Orientali Bacino del fiume Lemene Capitolo 3 Bacino del fiume Lemene INDICE 3. CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE PROTETTE... 1 3.1. AREE PER L ESTRAZIONE

Dettagli

SIFOR Sistema Informativo FOrestale Regionale

SIFOR Sistema Informativo FOrestale Regionale SEMINARIO INFORMATIVO SUGLI OPEN DATA Servizi cartografici e banche dati disponibili per il lavoro professionale SIFOR Sistema Informativo FOrestale Regionale Elisa Guiot Regione Piemonte, Direzione Opere

Dettagli

5.3.2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli

5.3.2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli 5.3.2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (b) (i) e 43 del Reg. (CE) N 1698/2005 Articolo 31 e punto 5.3.2.2.1. dell Allegato II del Reg. (CE)

Dettagli

Cooperazione transfrontaliera INTERREG Italia / Francia

Cooperazione transfrontaliera INTERREG Italia / Francia Cooperazione transfrontaliera INTERREG Italia / Francia Contesto storico Il Programma ALCOTRA 2007-2013 Nell'ambito dell'obiettivo Cooperazione Territoriale 2007-2013 la Commissione europea ha approvato,

Dettagli

I Biomi. Corso di Ecologia Applicata - Prof. Simona Castaldi Dipartimento di Scienze Ambientali - SUN

I Biomi. Corso di Ecologia Applicata - Prof. Simona Castaldi Dipartimento di Scienze Ambientali - SUN I Biomi Corso di Ecologia Applicata - Prof. Simona Castaldi Dipartimento di Scienze Ambientali - SUN La vita delle piante e degli animali delle comunità naturali è determinata principalmente dal clima

Dettagli

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione Individuazione delle misure di conservazione per i siti protetti della Rete Natura 2000 Indicazioni sulla gestione degli habitat e delle specie

Dettagli

NOME COMMERCIALE: Pino comune NOMI BOTANICI: Pinus linneo, pinus sylvestris, pinus mugo, pinus cembra, pinus edulis, pinus strobus.

NOME COMMERCIALE: Pino comune NOMI BOTANICI: Pinus linneo, pinus sylvestris, pinus mugo, pinus cembra, pinus edulis, pinus strobus. NOME COMMERCIALE: Pino comune NOMI BOTANICI: Pinus linneo, pinus sylvestris, pinus mugo, pinus cembra, pinus edulis, pinus strobus. PROVENIENZA: si è naturalizzato in Africa meridionale dov è considerata

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore)

CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore) CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore) PROGETITO FORMATIVO MODULO 1 PRESENTAZIONE DEI PARCHI ED AREE PROTETTE (8 ore) Definizione dei concetti di Parco,

Dettagli

Una sintesi del secondo Rapporto della CIPRA sullo Stato delle Alpi

Una sintesi del secondo Rapporto della CIPRA sullo Stato delle Alpi Una sintesi del secondo Rapporto della CIPRA sullo Stato delle Alpi La vita nelle Alpi : non poteva che iniziare con una parte dedicata all uomo e alle prospettive di sviluppo della società alpina il secondo

Dettagli

Rapporto sullo stato di conservazione della biodiversità in Sardegna: dalla conoscenza alla programmazione

Rapporto sullo stato di conservazione della biodiversità in Sardegna: dalla conoscenza alla programmazione Rapporto sullo stato di conservazione della biodiversità in Sardegna: dalla conoscenza alla programmazione Servizio Tutela della Natura Assessorato Difesa Ambiente Roma, 28 febbraio 2014 SOMMARIO: Il monitoraggio

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

CHI SIAMO. Agriturismo del Cimone LA PALAZZA. Indirizzo Via di Calvanella 710. Località Canevare Fanano (MO) Contatti tel. 0536 69311. Fax.

CHI SIAMO. Agriturismo del Cimone LA PALAZZA. Indirizzo Via di Calvanella 710. Località Canevare Fanano (MO) Contatti tel. 0536 69311. Fax. CHI SIAMO Agriturismo del Cimone LA PALAZZA Indirizzo Via di Calvanella 710 Località Canevare Fanano (MO) Contatti tel. 0536 69311 Fax. 0536 66631 Cell. 335 6266972 info@agriturismodelcimone.it www.agriturismodelcimone.it

Dettagli

Allegato B alla deliberazione consiliare n 27 del 29 giugno 2009

Allegato B alla deliberazione consiliare n 27 del 29 giugno 2009 Allegato B alla deliberazione consiliare n 27 del 29 giugno 2009 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEGLI ESAMI PER IL CONSEGUIMENTO DELL ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO VENATORIO PRESSO L AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE

Dettagli

Approccio a più livelli per la protezione dalle frodi per una banca virtuale. Sicurezza IT Roma, 13/05/2014

Approccio a più livelli per la protezione dalle frodi per una banca virtuale. Sicurezza IT Roma, 13/05/2014 Approccio a più livelli per la protezione dalle frodi per una banca virtuale Sicurezza IT Roma, 13/05/2014 Agenda 1. Conoscenza del fenomeno 2. Approccio organizzativo 3. Approccio tecnologico 4. Cura

Dettagli

La Cartografia e l'uso di G.P.S. nella Protezione Civile

La Cartografia e l'uso di G.P.S. nella Protezione Civile La Cartografia e l'uso di G.P.S. nella Protezione Civile Obiettivi Introdurre il concetto di carta come rappresentazione dello spazio che ci circonda; Familiarizzare con le caratteristiche costitutive

Dettagli

PROGETTO PILOTA DI PREVENZIONE DEI DANNI

PROGETTO PILOTA DI PREVENZIONE DEI DANNI RISERVA DI CACCIA DI TRAVESIO PROGETTO PILOTA DI PREVENZIONE DEI DANNI PROVOCATI DAL CINGHIALE ALLE COLTURE AGRICOLE ED ALLA CIRCOLAZIONE STRADALE Sulla base delle linee guida redatte in attuazione dei

Dettagli

L analisi spaziale. Indici statistici geospaziali

L analisi spaziale. Indici statistici geospaziali L analisi spaziale Uno degli scopi principali dei GIS e quello di offrire strumenti concettuali e metodologici per studiare analiticamente le relazioni nello spazio L analisi spaziale ha come obbiettivo

Dettagli

I MARMI DI ROCCA BIANCA

I MARMI DI ROCCA BIANCA I MARMI DI ROA BIANA SE Rocca Bianca Risalendo la Val Germanasca, fin dai primi chilometri, è possibile vedere davanti a sé FAGLIA MIASISTO A GRANATO (guardando quindi verso S), la parete nord-orientale

Dettagli

Sfruttamento delle risorse agroforestali in una comunità indigena Maya dell altopiano centrale del Guatemala

Sfruttamento delle risorse agroforestali in una comunità indigena Maya dell altopiano centrale del Guatemala Sfruttamento delle risorse agroforestali in una comunità indigena Maya dell altopiano centrale del Guatemala Guatemala: il contesto forestale nazionale Guatemala Copertura forestale: 3.866.383 ha 35,5%

Dettagli