*++$,#!#$$*%*& -%*!$$"%#&.! $$$#!$& + ' %!!/%!!%+4& %!!/!"*5!$5%!! & : )%%!!# ' "! # ( $ %!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "*++$,#!#$$*%*& -%*!$$"%#&.! $$$#!$& + ' 2 3 44 %!!/%!!%+4& %!!/!"*5!$5%!!01+ +67. 89& : )%%!!# '+ 7 0 +49 8 67. 89 "! # ( $ %!"

Transcript

1 ' ' '!" #$%&!$!#$"$("& $$$! )& *++$,#!#$$*%*& -%*!$$"%#&.! $$$#!$& %!/!**$%!!01+ + ' %!!/%!!%+4& %!!/!"*5!$5%!! & : )%%!!# ' * "! # ( $ %! + +4 " 27 $3& 8' ;++49 REGOLAMENTO DIDATTICO FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA INDICE Articolo 1. Definizioni TITOLO I. Corsi di studio, strutture didattiche e commissioni Articolo 2. Titoli e Corsi di studio Articolo 3. Strutture didattiche Articolo 4. Regolamenti didattici e Ordinamenti didattici Articolo 5. La Facoltà e il Consiglio di Facoltà Articolo 6. Il Preside Articolo 7. Convocazione e funzionamento del Consiglio di Facoltà Articolo 8. La Giunta di Facoltà Articolo 9. Le Classi di Corsi di studio e le Giunte di Classe Articolo 10. I Corsi di studio e i Consigli di Corso di studio Articolo 11. Istituzione, attivazione e disattivazione delle Strutture didattiche Articolo 12. Crediti formativi universitari Articolo 13. Requisiti di ammissione ai Corsi di studio, attività formative propedeutiche e integrative Articolo 14. Manifesto degli studi, curricula e piani di studio Articolo 15. Orientamento e tutorato Articolo 16. Commissione Didattica, Orientamento e Tutorato Articolo 17. Nucleo di Valutazione Articolo 18. Consiglio dei Clinici

2 Articolo 19. Commissioni TITOLO II. Tipologia e regolamentazione dei corsi di studio e delle attività didattiche Articolo 20. Corsi di laurea Articolo 21. Corsi di laurea specialistica Articolo 22. Corsi di specializzazione Articolo 23. Master universitari Articolo 24. Trasferimenti, passaggi di Corso e di Facoltà, ammissione a prove singole Articolo 25. Mobilità studentesca e riconoscimento di studi compiuti all estero Articolo 26. Calendario didattico Articolo 27. Tipologia e articolazione degli insegnamenti Articolo 28. Esami e verifiche del profitto Articolo 29. Studenti impegnati a tempo pieno e studenti non frequentanti, studenti fuori corso e ripetenti interruzione degli studi Articolo 30. Doveri didattici dei Docenti e dei Ricercatori Articolo 31. Attività didattiche formative, integrative e di tutorato legate all incentivazione dei Docenti e dei Ricercatori Articolo 32. Promozione e pubblicità dell offerta didattica Articolo 33. Prove finali e conseguimento dei titoli di studio TITOLO III. Diritti e doveri degli studenti Articolo 34. Immatricolazioni e iscrizioni Articolo 35. Certificazioni Articolo 36. Tutela dei diritti degli studenti TITOLO IV. Norme transitorie e finali Articolo 37. Allegati e approvazione del Regolamento didattico di Facoltà Articolo 38. Modifiche del Regolamento didattico di Facoltà Articolo 49. Norme transitorie ARTICOLO 1 Definizioni 1. Ai sensi del presente Regolamento si intende: a) per Regolamento Generale sull Autonomia, il Regolamento recante norme concernenti l Autonomia Didattica degli Atenei di cui al D.M. del 3 novembre 1999, n. 509; b) per Corsi di studio, i Corsi di Laurea, di Laurea specialistica, di Specializzazione e di Master universitario come individuati dall art. 2; c) per titoli di studio, la Laurea, la Laurea specialistica, il Diploma di Specializzazione e il Master, come individuati dall art. 2; d) per Decreti ministeriali, i Decreti emanati ai sensi e secondo le procedure di cui all articolo 17, comma 95, della legge del 15 maggio 1997, n. 127 e successive modifiche, e recanti la definizione delle Classi di appartenenza dei Corsi di studio, dei relativi obiettivi formativi qualificanti, delle attività formative indispensabili per conseguirli e del numero minimo di crediti per attività formativa e per ambito disciplinare; e) per Classi di appartenenza dei Corsi di studio (o più brevemente Classi di Corsi di studio), l insieme dei Corsi di studio, comunque denominati, raggruppati e determinati dai Decreti ministeriali; f) per Regolamenti didattici dei Corsi di studio, i Regolamenti di cui all articolo 11, comma 2, della legge del 19 novembre 1990, n. 341, nonché all art. 12 del Regolamento Generale sull Autonomia; %

3 g) per Ordinamenti didattici dei Corsi di studio, l insieme delle norme che regolano i curricula dei Corsi di studio; h) per settori scientifico-disciplinari, i raggruppamenti di cui al D.M. del 4 ottobre 2000 Rideterminazione e aggiornamento dei settori scientificodisciplinari e definizione delle relative declaratorie, ai sensi dell art.2 del DM 23 dicembre 1999; i) per ambito disciplinare, un insieme di settori scientifico-disciplinari culturalmente e professionalmente affini, definito dai Decreti ministeriali; j) per credito formativo universitario, la misura del volume di lavoro di apprendimento, compreso lo studio individuale, richiesto ad uno studente in possesso di adeguata preparazione iniziale per l acquisizione di conoscenze ed abilità nelle attività formative previste dagli Ordinamenti didattici dei Corsi di studio; k) per obiettivi formativi, l insieme di conoscenze e abilità che caratterizzano il profilo culturale e professionale al conseguimento delle quali il Corso di studio è finalizzato, come precisati dai Decreti ministeriali; l) per attività formativa, ogni attività organizzata o prevista dalle Università al fine di assicurare la formazione culturale e professionale degli studenti, con riferimento, tra l altro, ai corsi di insegnamento, ai seminari, alle esercitazioni pratiche o di laboratorio, alle attività didattiche a piccoli gruppi, al tutorato, all orientamento, ai tirocini, ai progetti, alle tesi, alle attività di studio individuale e di autoapprendimento; m) per curriculum, l insieme delle attività formative universitarie ed extrauniversitarie specificate nel Regolamento didattico del Corso di studio al fine del conseguimento del relativo titolo; n) per Regolamento per l incentivazione dell impegno didattico dei Professori e dei Ricercatori universitari, il Regolamento approvato dall Ateneo ai sensi dell art. 4 della Legge 370 del 19 ottobre TITOLO I Corsi di studio e strutture didattiche ARTICOLO 2 Titoli e Corsi di studio 1.La Facoltà di Medicina e Chirurgia dell Università degli Studi di L Aquila (in seguito UAQ) organizza i Corsi per il conseguimento di titoli di studio di primo livello o Laurea, di secondo livello o Laurea specialistica, nonché Diplomi di Specializzazione e Master universitari. 2. La Laurea, la Laurea specialistica, il Diploma di Specializzazione e il Master universitario sono conseguiti al termine dei rispettivi Corsi di studio, ossia dei Corsi di Laurea, di Laurea specialistica, di Specializzazione e di Master attivati dalla Facoltà in osservanza dei Decreti ministeriali e nell ambito delle Classi di appartenenza in essi individuate. 3. I titoli di studio rilasciati dall UAQ al termine di Corsi di studio appartenenti alla medesima Classe sono sotto tutti gli aspetti giuridici equivalenti. Essi sono tuttavia contrassegnati da denominazioni particolari coincidenti con quella del Corso di studio corrispondente, oltre che dall indicazione numerica della Classe di appartenenza.

4 4. Tipologia, durata, numero dei crediti necessari e criteri generali per l organizzazione strutturale dei diversi Corsi di studio sono determinati dalle disposizioni delle Leggi e dei Decreti ministeriali in vigore e in particolare del Regolamento Generale sull Autonomia e successive modifiche, e sono disciplinati dai relativi Regolamenti didattici, autonomamente approvati dall UAQ in conformità con tali disposizioni. 5 I requisiti di ammissione ai diversi Corsi di studio, l elenco degli insegnamenti e delle altre attività formative, le modalità di conseguimento dei crediti nell ambito dei diversi curricula, nonché le forme di verifica periodica dei crediti acquisiti sono fissati nei rispettivi Regolamenti didattici. 6. Il conseguimento dei titoli di studio avviene secondo le modalità previste dalle Leggi e dai Decreti ministeriali in vigore e viene disciplinato dall art. 34 del presente Regolamento. 7. La Facoltà può attivare, ai sensi delle Leggi in vigore e secondo la disciplina fissata dall art. 13 del presente Regolamento, servizi didattici propedeutici o integrativi finalizzati al completamento della formazione richiesta dai diversi livelli dei Corsi di studio. ARTICOLO 3 Strutture didattiche 1. Le Strutture didattiche che possono essere proposte dalla Facoltà per l attivazione sono, nell ordine: a) le Classi di Corsi di studio; b) i Corsi di studio, articolati in Corsi di Laurea, Corsi di Laurea specialistica, Corsi di Specializzazione, Corsi di Master universitario; c) le eventuali Strutture didattiche speciali che erogano servizi didattici integrativi, ai sensi dell art Le attività delle Strutture didattiche di cui al punto b) sono disciplinate da un relativo ed apposito Regolamento didattico; 3. Ogni Struttura didattica è retta da un Consiglio didattico costituito da una rappresentanza di Professori di prima e seconda fascia, di Ricercatori e di Studenti. L art. 10 del presente Regolamento ne stabilisce la composizione numerica, la durata della carica e le modalità di elezione. 4. I Regolamenti didattici dei relativi Corsi di studi possono prevedere, ove non contemplati dallo Statuto, l istituzione di organi ristretti all interno di ciascuna Struttura, cui demandare lo svolgimento di particolari funzioni. 5. Ai sensi delle leggi vigenti e in base ad appositi accordi possono essere attivate Strutture didattiche interfacoltà e interateneo, a ciascun livello di Corsi di studio. ARTICOLO 4 Regolamenti didattici e Ordinamenti didattici 1. I Regolamenti delle Strutture didattiche attivate nella Facoltà di Medicina e Chirurgia sono emanati dal Rettore, su proposta del Consiglio didattico interessato e su delibera, a maggioranza dei componenti, del Consiglio di ciascuna Struttura didattica superiore interessata e comunque della Facoltà o delle Facoltà interessate. I regolamenti delle Facoltà devono essere approvati )

5 dal Senato Accademico. I Regolamenti delle Strutture didattiche interateneo sono emanati congiuntamente, in base ad accordi stabiliti, dai Rettori degli Atenei interessati, in seguito ad approvazione dei rispettivi Senati Accademici. 2. Nel rispetto di quanto stabilito dallo Statuto e dal presente Regolamento, i Regolamenti delle Strutture didattiche superiori determinano le norme generali cui devono attenersi i Regolamenti delle Strutture didattiche attivate al loro interno. In particolare, nel caso di attivazione di Corsi di studio interfacoltà, i Regolamenti di Facoltà determinano le norme generali cui devono attenersi i Consigli di Corso di Studio cui essi appartengono, in base ad un accordo tra le Facoltà interessate che assicuri il pieno rispetto delle norme generali stabilite da ciascuna di esse. 3. In caso di persistente dissenso tra diverse Facoltà al cui interno sono attivati Corsi di Studio interfacoltà, la questione viene rimessa al Senato Accademico, che decide in modo vincolante. 4. Il Regolamento didattico di ciascun Corso di studio, approvato dal Consiglio di Facoltà e dal Senato Accademico, nel rispetto dei Decreti ministeriali, disciplina fra l altro l Ordinamento didattico relativo, comprensivo della tipologia e dell ordine degli insegnamenti impartiti, dell articolazione strutturale dei curricula e della determinazione dei crediti corrispondenti ad ogni attività formativa in essi prescritta. 5. L insieme degli Ordinamenti didattici dei Corsi di studio attivati all interno di una Facoltà o dei Corsi di studio interfacoltà confluiscono annualmente, entro i tempi stabiliti dal Senato Accademico, nel Manifesto didattico di Facoltà o nei Manifesti delle Facoltà interessate. 6. Ciascun Regolamento didattico dei Corsi di studio, redatto nel rispetto dei Decreti ministeriali, disciplina in particolare: a) la denominazione del Corso di studi, la formulazione degli obiettivi formativi specifici e la Facoltà o le Facoltà di afferenza; b) l elenco delle attività formative istituzionali finalizzate all acquisizione dei crediti che costituiscono i curricula previsti dal Corso, degli insegnamenti (con indicazione dei settori scientifico-disciplinari di riferimento), suddivisi di norma per annualità e con precisazione delle eventuali propedeuticità nonché articolazioni in moduli e tipologie didattiche, delle altre attività formative contemplate dai Decreti ministeriali; c) le modalità di svolgimento delle eventuali attività di laboratorio, pratiche e di tirocinio previste dai curricula; d) l assegnazione dei crediti formativi universitari alle diverse attività formative suddivise di norma per anno di corso; e) l articolazione dei curricula perseguibili nell ambito del corso e l eventuale possibilità da parte dello studente della formulazione di un piano di studi corrispondente ad un curriculum individuale e le relative modalità di presentazione; f) le eventuali obbligatorietà di frequenza e/o le eventuali modalità organizzative di attività sostitutive della frequenza obbligatoria per studenti lavoratori o disabili, con eventuale previsione di supporti formativi integrativi a distanza per studenti non frequentanti o non impegnati a tempo pieno (ai sensi #

6 dell art. 24 del presente regolamento e dell art. 11, comma 7, lett. h) del Regolamento Generale sull Autonomia); g) la regolamentazione della corrispondenza tra i crediti formativi universitari previsti dal Corso e quelli acquisibili presso altre istituzioni universitarie nazionali e della Comunità europea; h) i requisiti di ammissione al Corso di studio e le eventuali disposizioni relative ad attività formative propedeutiche e integrative istituite allo scopo di consentire l assolvimento del debito formativo, ai sensi dell art. 13; i) la tipologia e le modalità formali che regolano la prova finale per il conseguimento del titolo di studio. ARTICOLO 5 Le Facoltà e il Consiglio di Facoltà 1. La Facoltà di Medicina e Chirurgia è, sotto l aspetto didattico, la struttura fondamentale di appartenenza dei Professori di prima e di seconda fascia e dei Ricercatori. 2. La Facoltà è retta da un Consiglio di Facoltà costituito dai Professori di prima e di seconda fascia, dai Ricercatori confermati e da una rappresentanza degli studenti stabilita dallo Statuto vigente. 3. Il Consiglio di Facoltà assicura il coordinamento e l armonia degli obiettivi formativi di tutte le attività didattiche, di tutorato e di orientamento promosse dalla Facoltà medesima e da tutte le Strutture didattiche attivate al suo interno. )8671:< a) sul calendario didattico, da definire sei mesi prima dall inizio delle lezioni, e sull eventuale articolazione dell anno accademico in cicli didattici; b) sulla distribuzione temporale dell impegno didattico dei Professori e dei Ricercatori (entro i termini fissati dalla Legge, dal Senato Accademico e dal Regolamento didattico di Ateneo), in relazione agli Ordinamenti didattici dei Corsi di studio che li vedono coinvolti ed agli impegni didattici da ciascuno complessivamente assunti in tale quadro; c) sulla compilazione del Manifesto didattico di Facoltà, ai sensi dell art. 4, comma 5 e dell art. 11, commi 1 e 2; d) sull istituzione delle Commissioni didattiche di vigilanza, ai sensi dell art. 13; e) sull istituzione e l attivazione dei Corsi di studio, ai sensi dell art. 8, comma 1; f) sull eventuale costituzione della Giunta di Classe; g) sulla valutazione dell attività didattica dei docenti e dei ricercatori. 4. Il Consiglio di Facoltà, su proposta delle Strutture didattiche interne, delibera in merito agli affidamenti ed alle supplenze di insegnamenti e all assegnazione di contratti, e comunque in merito a tutti i punti previsti dall art.12 comma 3 dello Statuto. (

7 ARTICOLO 6 Il Preside 1. Il Consiglio di Facoltà è presieduto dal Preside, eletto in base allo Statuto. 2. Il Preside nomina, tra i professori di prima fascia del Consiglio di Facoltà, un suo sostituto che ne fa le veci ad ogni effetto, nei limiti fissati dalle disposizioni di legge e dai Regolamenti vigenti e, in ogni caso, limitatamente alla ordinaria amministrazione, in tutti i casi di assenza od impedimento per documentati motivi con formale delega. 3. Il Preside ha la possibilità di delegare parte delle sue funzioni a Professori e Ricercatori della Facoltà, tra i quali può altresì nominare suoi rappresentanti nelle Commissioni di Facoltà, nel Nucleo di Valutazione di Facoltà e in altre Commissioni interfacoltà di Ateneo, ove i relativi Regolamenti lo consentano. 4. Il Preside, ove ravvisi inadempienze, da parte di Professori e Ricercatori nello svolgimento del loro impegno didattico e tutoriale, le comunica al Rettore, che assume gli eventuali provvedimenti nei loro confronti. 5. Il Preside può autorizzare le assenze dalle attività didattiche dei Professori e dei Ricercatori, opportunamente motivate, e provvede alla loro eventuale sostituzione per lo svolgimento dell attività didattica d intesa con il Consiglio di Facoltà. 6. Al termine del mandato di presidenza e fino alla nomina del nuovo preside, le funzioni di questo vengono esercitate dal professore di prima fascia a maggiore anzianità di ruolo (a parità, prevale l anzianità anagrafica). Convocazione e funzionamento del Consiglio di Facoltà 1. Il Preside convoca il Consiglio di norma almeno otto giorni prima delle sedute attraverso affissione all albo e comunicazione scritta indirizzata ai membri del Consiglio nella sede abituale di lavoro. La convocazione deve indicare data, ora e sede della convocazione nonché le voci all ordine del giorno, con eventuali note esplicative. 2. Il Preside, qualora ne ravveda la necessità, può convocare il Consiglio di Facoltà in seduta straordinaria, prescindendo dagli otto giorni di tempo richiesti per la convocazione delle sedute ordinarie. 3. Gli argomenti sono posti all ordine del giorno dal Preside, anche su iniziativa della Giunta di Presidenza o di almeno un quinto dei membri del Consiglio. 4. La seduta del Consiglio inizia previa verifica del numero legale, che si intende raggiunto allorché abbiano firmato la metà più uno degli aventi diritto, dedotte le giustificazioni scritte pervenute presso gli uffici di Presidenza entro l ora di inizio della seduta. La giustificazione può essere inviata dall interessato o dal Dipartimento di appartenenza in particolare in caso di assenza autorizzata o nota alla Direzione del Dipartimento. Sono da intendersi giustificati coloro che siano in missione, ferie o congedo. Gli stessi conservano peraltro il diritto a partecipare alle sedute senza dover interrompere formalmente lo stato di esonero temporaneo dal servizio. 5. Chi accede all aula ha l obbligo di apporre la propria firma di presenza. Le firme fanno fede della validità della seduta; tuttavia, è possibile, a richiesta, verificare il numero di coloro che siano effettivamente presenti nell aula; tale verifica non può essere richiesta nel corso di una votazione. 6. Si intendono valide le votazioni nelle quali una proposizione riporti in favore la maggioranza dei votanti, fatta salva la verifica del numero legale. Gli astenuti sono conteggiati come ostativi al raggiungimento del quorum previsto, salvo il caso in cui siano posti in votazione due proposizioni contrapposte, previa delibera del non valore degli astenuti. Le dichiarazioni di voto devono essere formulate prima dell inizio della votazione. 7. Delle riunioni del Consiglio di Facoltà viene redatto un verbale a cura del Segretario, che viene designato dal Preside di volta in volta tra i componenti presenti alla seduta. Un funzionario dell Ufficio della Presidenza coadiuverà il *

8 Segretario nella stesura del verbale. E possibile l uso di apparecchi di registrazione nelle sedute del Consiglio. Gli intervenuti che vogliano una verbalizzazione estesa del loro intervento, devono dettarlo o consegnarlo scritto al Segretario in maiuscolo al momento. Il verbale, da approvarsi nella successiva seduta utile del Consiglio, è reso disponibile per eventuali osservazioni scritte da indirizzarsi al Segretario presso la Presidenza della Facoltà, almeno otto giorni prima della sua approvazione e, comunque, ai fini dell approvazione nella seduta successiva, il verbale viene inviato in visione, per posta elettronica, a tutti i membri del Consiglio; dopo l approvazione, il verbale è reso disponibile su sito internet di Facoltà 8. Il Consiglio di Facoltà può istituire una Giunta presieduta dal Preside, di cui al successivo articolo 8. La Giunta di Facoltà La Giunta di Facoltà coadiuva il Preside nell espletamento delle sue funzioni. Essa è presieduta dal Preside ed è costituita dal Vicepreside, dal Coordinatore dei Presidenti di Consiglio di Corso di Laurea, dal Coordinatore dei Presidenti di Consiglio di Corso di Laurea Specialistica, dal Presidente del Consiglio dei Clinici, dal Presidente del Collegio dei Direttori delle Scuole di Specializzazione, dai Direttori di Dipartimento, dal Docente nominato Segretario verbalizzante nel Consiglio di Facoltà, dai membri del Consiglio di Amministrazione e del Senato Accademico afferenti alla Facoltà di Medicina e Chirurgia, da un rappresentante dei Professori Associati, da un rappresentante dei Ricercatori e da due rappresentanti degli studenti scelti tra i rappresentanti presenti in Consiglio di Facoltà. Per le sole materie che attengono lo stato giuridico dei docenti universitari non è prevista la presenza dei rappresentanti degli studenti. Alla Giunta spettano di norma funzioni istruttorie. Eventuali deleghe per lo svolgimento di particolari funzioni esecutive devono essere preventivamente conferite alla Giunta con apposita delibera del Consiglio di Facoltà. La Giunta viene convocata dal Preside di norma nei dodici giorni che precedono la seduta del Consiglio di Facoltà ed inoltre ogni qualvolta questi ne ravvisi la necessità. Le sedute della Giunta sono valide se presente la maggioranza assoluta degli aventi diritto. = : 9 -+ Le Classi di Corsi di studio e le Giunte di Classe 1. I Decreti ministeriali determinano la denominazione delle Classi nonché gli obiettivi formativi qualificanti comuni ai Corsi di studio appartenenti alla medesima Classe. Le Classi di Corsi di studio istituite all interno della Facoltà di Medicina e Chirurgia, quali raggruppamenti di Corsi di studio, ai sensi dei Decreti ministeriali, sono qui di seguito riportate: - Classe delle lauree specialistiche in Medicina e Chirurgia - Classe delle lauree specialistiche in Odontoiatria e Protesi Dentaria - Classe delle lauree specialistiche in Scienze Infermieristiche e in Scienze Infermieristiche Ostetriche - Classe delle lauree specialistiche in Servizio Sociale - Classe delle lauree in Biotecnologie Mediche, Veterinarie e Farmaceutiche - Classe delle lauree per le Professioni Sanitarie della Riabilitazione - Classe delle lauree per le Professioni Sanitarie Tecniche "

9 2. La Classe di Corso di studio può prevedere una Giunta di Classe che opera per l organizzazione armonica delle attività didattiche relative ai Corsi di studio attivati al loro interno. 3. La Giunta di Classe, ove istituita, è formata da una rappresentanza di Professori di prima e seconda fascia e di Ricercatori afferenti alla Classe, nonché da una rappresentanza degli studenti. La composizione numerica, la durata della carica e le modalità di elezioni sono stabilite dal Consiglio di Facoltà. Nel caso in cui di una Classe facciano parte Corsi di studio interfacoltà (art. 7, comma 3), il Consiglio di Facoltà contempla la presenza nella Giunta di Classe di rappresentanze di Professori e Ricercatori di Facoltà diverse: in tali casi la Classe si intende come struttura didattica afferente a più di una Facoltà. 4 La Giunta di Classe è presieduta da un Coordinatore, eletto tra i Professori di ruolo di prima fascia che lo compongono. Il Coordinatore dura in carica per un triennio ed è rieleggibile senza soluzione di continuità una sola volta. 5. Le Classi di Corsi di studio del medesimo livello e/o di livelli successivi (ossia di Laurea, Laurea specialistica, Specializzazione) individuabili come appartenenti ad una comune area scientifico-culturale possono, su delibera della Facoltà in base a valutazioni di carattere numerico ed organizzativo, essere congiunte in un'unica Giunta di Classe. 6. La Giunta di Classe ha di norma funzioni propositive nei confronti del Consiglio di Facoltà cui afferisce, ed è tenuta a svolgere i seguenti compiti principali: a) proposta di istituzione di Corsi di studio interni alle Classi, ai sensi dell art. 8, comma 1; b) coordinamento dei curricula dei Corsi di studio interni, per la razionale utilizzazione delle risorse; c) coordinamento delle attività didattiche e formative di ogni tipo dei diversi Corsi di studio; d) proposta di attivazione o della relativa disattivazione dei moduli didattici richiesti dai Corsi di studio; e) proposta di progetti di sperimentazione o di innovazione didattica, elaborati dai Consigli di Corsi di studio; f) organizzazione delle attività di tutorato promosse dai Corsi di Studio, ai sensi dell art. 12, comma 4; g) proposta di progetti di attività di orientamento per l accesso all Università e guida alle preiscrizioni, realizzabili in collaborazione con le Scuole secondarie; h) proposta di organizzazione e attivazione di servizi didattici integrativi, progettati dai Consigli di Corsi di studio, ai sensi dell art Nel caso in cui non siano previste Giunte di Classe, le competenze sono demandate al Consiglio di Facoltà. $

10 ARTICOLO 10 I Corsi di studio e i Consigli didattici di Corso di studio %++%8: 4 : : 9 ' Presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell UAQ sono istituiti i Corsi di studio e i relativi Consigli didattici. I Corsi di Studio istituiti presso la Facoltà di Medicina sono qui di seguito riportati: Corsi di Laurea Specialistica - Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - Corso di Laurea Specialistica in Odontoiatria e Protesi Dentaria - Corso di Laurea Specialistica in Scienze Infermieristiche - Corso di Laurea Specialistica in Scienze delle Professioni Sanitarie della Riabilitazione - Corso di Laurea Specialistica in Scienze Sociali Corsi di Laurea - Corso di Laurea in Fisioterapia - Corso di Laurea in Igiene Dentale - Corso di Laurea in Infermieristica - Corso di Laurea in Ortottica e Assistenza in Oftalmologia - Corso di Laurea in Ostetricia - Corso di Laurea in Tecnica della Riabilitazione Psichiatrica - Corso di Laurea in Tecniche della Prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro - Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia - Corso di Laurea in Servizio Sociale Corsi di Scuola di Specializzazione - Allergologia ed Immunologia Clinica - Anatomia Patologica - Anestesia e Rianimazione - Audiologia e Foniatria - Biochimica Clinica - Cardiologia Chirurgia dell Apparato Digerente - Chirurgia Generale - Chirurgia Maxillo-Facciale - Chirurgia Plastica e Ricostruttiva - Chirurgia Toracica - Chirurgia Vascolare - Dermatologia e Venereologia - Ematologia - Endocrinologia e malattie del ricambio - Farmacologia - Fisica Sanitaria - Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva - Geriatria - Ginecologia ed Ostetricia - Igiene e Medicina Preventiva - Medicina del Lavoro - Medicina dello Sport - Medicina fisica e riabilitativa - Medicina Interna!

11 - Neurochirurgia - Neurologia - Neuropsichiatria Infantile - Oftalmologia - Oncologia - Ortognatodonzia - Ortopedia e Traumatologia - Otorinolaringoiatria - Patologia Clinica - Pediatria - Psichiatria - Psicologia clinica - Radiodiagnostica - Radioterapia - Urologia 3. I Corsi di studio possono anche essere attivati mediante accordi tra diverse Facoltà dell UAQ (Corsi di Studio interfacoltà) o accordi tra diversi Atenei (Corsi di Studio interuniversitari) (art. 3, comma 5). I Regolamenti didattici dei Corsi di studio interfacoltà e interuniversitari determinano le particolari norme organizzative che ne regolano il funzionamento sul piano della didattica e della attribuzione degli studenti alle Facoltà ed agli Atenei convenzionati nonché la responsabilità amministrativa. 4. I Corsi di Studio sono retti da un Consiglio didattico di Corso di Studio costituito da una rappresentanza di Professori di prima e seconda fascia, di Ricercatori e di Studenti e dal Coordinatore del tirocinio, ove esistente. La composizione numerica, la durata della carica e le modalità di elezione sono deliberate dal Consiglio di Facoltà. Il Consiglio di Facoltà si pronuncia altresì sulla opportunità che più Corsi di studio possano essere retti da un solo Consiglio didattico. 5. Il Consiglio didattico è presieduto da un Presidente, eletto in base al Regolamento didattico di Corso di studio tra i Professori di ruolo che ne fanno parte. Il Presidente ha la responsabilità del funzionamento del Consiglio, ne convoca le riunioni ordinarie e straordinarie e relaziona nella Giunta di Classe, ove istituita, o nella Facoltà sulle attività didattiche e tutoriali svolte all interno del Corso. 6. I Presidenti dei diversi Corsi di Laurea eleggono al loro interno un Coordinatore. 7. I Presidenti dei diversi Corsi di Laurea Specialistica eleggono al loro interno un Coordinatore. 8. I Presidenti dei diversi Corsi di Specializzazione eleggono al loro interno un Coordinatore. 9. Il Consiglio didattico svolge i seguenti compiti: a) propone il Regolamento Didattico del corso di studio; b) formula gli obiettivi formativi specifici del Corso, indica i percorsi formativi adeguati a conseguirli e assicura la coerenza scientifica ed organizzativa dei vari curricula proposti dall Ordinamento;

12 c) propone i requisiti di ammissione ai Corsi di studio e, ove necessario, ne stabilisce le modalità di verifica; progetta eventualmente attività formative propedeutiche ed integrative finalizzate al relativo recupero, ai sensi dell art. 10; d) cura lo svolgimento delle attività didattiche e tutoriali fissate dal Regolamento; verifica e sovrintende all attività didattica programmata segnalando al Preside eventuali inadempienze da parte del personale docente; e) provvede al coordinamento di eventuali attività didattiche svolte in collaborazione da più di un docente; f) predispone, con la collaborazione dei Dipartimenti, la fruizione da parte degli studenti degli strumenti didattici essenziali per lo svolgimento di determinate attività formative previste dall Ordinamento; g) studia nelle forme adeguate un equilibrata gestione dell offerta didattica, in particolare con un attento controllo della regolamentazione degli orari e della fruizione delle strutture per evitare dannose sovrapposizioni delle lezioni e delle altre attività formative; h) esamina ed approva entro i termini indicati dall Amministrazione i piani di studio proposti dagli studenti entro le normative degli Ordinamenti didattici; i) esamina ed approva nei termini indicati dall Amministrazione le pratiche di trasferimento degli studenti, regolamentazione della mobilità studentesca e riconoscimento degli studi compiuti all estero (ai sensi dell art. 25); j) valuta nei termini indicati dall Amministrazione le domande di iscrizione ad anni di corso successivi al primo ai sensi dell art. 34, comma 4; k) cura la corrispondenza tra la durata legale e quella reale degli studi, assicurando attraverso adeguate attività tutoriali la risposta degli studenti all offerta didattica e controllando l entità del lavoro di apprendimento a carico dello studente in relazione alle finalità formative previste dall Ordinamento; l) verifica i crediti acquisiti dagli studenti al fine di valutarne la non obsolescenza dei contenuti conoscitivi; m) indice almeno una riunione l anno, con tutti gli afferenti, per la programmazione didattica ed almeno una riunione l anno, con tutti gli afferenti, per la valutazione dei risultati degli esami e delle altre prove di verifica e, nel complesso, della produttività della didattica, allo scopo di progettare eventuali interventi di recupero ed assistenza didattica nelle forme previste dall art. 13, comma 3; n) determina le modalità dell eventuale riconoscimento di crediti formativi universitari per attività formative non direttamente dipendenti dall Università, ai sensi dell art. 9, comma Le disposizioni degli Ordinamenti didattici dei Corsi di studio concernenti la coerenza tra i crediti assegnati alle attività formative e gli specifici obiettivi formativi programmati, sono deliberate dai Consigli di Facoltà, acquisito entro il termine imprescindibile di trenta giorni, il parere favorevole delle Commissioni didattiche di vigilanza di cui all art. 16. Qualora il parere non sia favorevole, la deliberazione è rimessa al Senato Accademico (ai sensi del Regolamento Generale sull Autonomia, art. 12, comma 3). %

13 8. In base ad apposite convenzioni tra Università, proposte dai Consigli didattici dei Corsi di studio, ratificate dai Consigli di Facoltà e approvate dal Senato Accademico, i Corsi di studio possono prevedere accordi con Corsi di studio attivati presso altri Atenei per il riconoscimento di crediti universitari ivi acquisiti dagli studenti, allo scopo di realizzare percorsi formativi integrati. ARTICOLO 11 Istituzione, attivazione e disattivazione delle Strutture didattiche 1. L istituzione di un nuovo corso di studio, interno ad una Classe di Corso di studio già attivata nell UAQ è deliberata dai Consigli di Facoltà o dalle Facoltà interessate (nei casi di corsi di studio interfacoltà), nel rispetto dei Decreti Ministeriali e delle vigenti leggi. La proposta, pervenuta attraverso la Giunta di Classe, ove istituita, deve essere corredata da un progetto elaborato da un gruppo di Professori e Ricercatori in numero adeguato e dotato delle competenze specialistiche necessarie. Tale proposta viene sottoposta, sentito il parere del Consiglio di Amministrazione e del Nucleo di Valutazione, ad approvazione da parte del Senato Accademico che ne valuta il significato culturale e il valore formativo. L attivazione di un nuovo Corso di studio (già istituito) avviene tramite decreto rettorale, a seguito di delibera del Senato Accademico, previa approvazione del Nucleo di Valutazione e del Consiglio di Amministrazione, tenuto conto delle risorse disponibili e della richiesta didattica. Alla proposta deve essere allegato il relativo Regolamento Didattico, contenente precise disposizioni in materia di obiettivi formativi qualificanti nonché di corrispondenti attività formative. Il nuovo Corso di studio potrà essere attivato a partire dall inizio dell a.a. successivo alla data di approvazione. Le modifiche degli ordinamenti didattici vigenti vengono proposte dal Consiglio del corso di studio competente e segue la medesima procedura. La disattivazione di un Corso di studio è deliberata dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione, sentito il Consiglio di Facoltà interessato ed il Nucleo di Valutazione. 2. La proposta di istituzione di una nuova Classe di Corsi di studio è deliberata dal Consiglio di Facoltà o delle Facoltà interessate (nel caso di Corsi di studio interfacoltà) ed è subordinata all attivazione di almeno un Corso di studio ad essa appartenente nel rispetto dei Decreti ministeriali. 3. Nel caso di disattivazioni di Corsi di studio, il Consiglio di Facoltà assicura la possibilità per gli studenti già iscritti di concludere gli studi e di conseguire il relativo titolo, disciplinando gli Ordinamenti didattici in tal senso, e la possibilità di optare per il passaggio ad altri Corsi di Studio attivati con il riconoscimento dei crediti fino a quel momento acquisiti. Le attestazioni di frequenza ai corsi verranno comunque acquisite entro la durata corrispondente al ciclo degli studi ed il conseguimento del relativo titolo avverrà in una durata massima pari al doppio della durata del ciclo, a partire dall anno di disattivazione. In caso contrario lo studente si intende decaduto. ARTICOLO 12 Crediti formativi universitari 1. L unità di misura del lavoro richiesto allo studente per l espletamento di ogni attività formativa prescritta dagli Ordinamenti didattici dei Corsi di studio per conseguire un titolo di studio universitario costituisce il credito formativo universitario. 2. Al credito formativo universitario, di seguito denominato credito, corrispondono, a norma dei Decreti ministeriali, 25 ore di lavoro per studente, comprensive di ore di lezione, di esercitazione, di laboratorio, di seminario e di altre attività formative richieste dagli Ordinamenti didattici, oltre le ore di studio e comunque di impegno personale necessarie per completare la

14 formazione per il superamento dell esame oppure per realizzare le attività formative non direttamente subordinate alla didattica universitaria (tesi, progetti, tirocini, competenza linguistica e informatica, ecc.). Ai sensi dell art. 5 comma 1 del Regolamento Generale sull Autonomia, eventuali variazioni in aumento o in diminuzione delle predette ore per singole classi, entro il limite del 20 per cento, sono possibili, su richiesta delle Facoltà, esclusivamente in seguito a Decreto ministeriale. 3. Ai sensi dell art. 5, comma 2 del Regolamento Generale sull Autonomia, la quantità di lavoro medio svolto in un anno da uno studente impegnato a tempo pieno negli studi universitari è fissata in 60 crediti. I Regolamenti didattici dei Corsi di studio stabiliscono i crediti corrispondenti all interno di ogni tipologia di attività formativa contemplata dalla Classe corrispondente (secondo l elencazione esemplificativa contenuta nell art. 10, comma 1 del Regolamento Generale sull Autonomia), tenendo presenti le quantificazioni del numero minimo di crediti che dovrà essere riservato a ciascun tipo di attività (secondo il Regolamento Generale sull Autonomia, art. 10, comma 2) 4. La frazione dell impegno orario complessivo riservata allo studio personale o ad altre attività formative di tipo individuale è determinata per ciascuna attività formativa nel Regolamento didattico del Corso di studio, nel rispetto della normativa vigente. 5. I crediti corrispondenti a ciascuna attività formativa sono acquisiti dallo studente con il superamento dell esame o di altra forma di verifica del profitto stabilita dai Regolamenti dei Corsi di Studio, ferma restando la quantificazione in trentesimi per la votazione degli esami e in centodecimi per la prova finale, con eventuale lode. 6.Il riconoscimento totale o parziale dei crediti acquisiti dagli studenti avverrà con procedure e criteri predeterminati stabiliti dai Regolamenti didattici dei Corsi di studio. 7. I Regolamenti didattici dei Corsi di studio possono stabilire il numero minimo di crediti da acquisire da parte dello studente in tempi determinati al fine di evitare l obsolescenza dei contenuti conoscitivi, e le forme di verifica periodica, in forme diversificate tra studenti impegnati a tempo pieno negli studi e studenti contestualmente impegnati nello svolgimento di altre attività lavorative, ai sensi dell art. 29, comma Il Consiglio di Facoltà può riconoscere, secondo criteri predeterminati e salvo approvazione del competente Consiglio di Corso di Studi, crediti acquisiti dallo studente nel caso di documentata certificazione (nel rispetto della normativa vigente in materia), da parte sua, dell acquisizione di competenze e abilità professionali, nonché di altre competenze e abilità maturate in attività formative di livello post-secondario alla cui progettazione e realizzazione l Università abbia concorso. I crediti relativi alla conoscenza di una lingua dell Unione Europea possono essere riconosciuti, secondo le modalità previste nei Regolamenti didattici dei Corsi di studio, sulla base di certificazioni rilasciati da strutture, interne o esterne all UAQ, specificamente competenti per ciascuna delle lingue. 9. Nel caso di trasferimenti o passaggi di Corso o di Facoltà (ai sensi dell art. 18), il riconoscimento di crediti acquisiti dallo studente in altro Corso di studio dell UAQ, ovvero nello stesso o in altro Corso di studio di altra Università, anche estera (ai sensi dell art. 25), compete al Consiglio del Corso di Studio cui lo studente si iscrive, che valuta l effettivo raggiungimento degli obiettivi formativi qualificanti richiesti dall Ordinamento. )

15 ARTICOLO 13 Requisiti di ammissione ai Corsi di studio, attività formative propedeutiche e integrative 1. I titoli di studio richiesti per l ammissione ai Corsi di Studio e il riconoscimento delle eventuali equipollenze di titoli di studio conseguiti all estero sono determinati dalle Leggi in vigore e dai Decreti ministeriali. 2. I Regolamenti didattici dei Corsi di studio possono richiedere allo studente il possesso o l acquisizione di una adeguata preparazione iniziale, definendo in modo inequivocabile le conoscenze richieste per l accesso e determinandone, ove necessario, le modalità di verifica. Per i Corsi di Laurea tale verifica può avvenire anche a conclusione di attività formative propedeutiche di cui al comma seguente. La mancanza di tali requisiti culturali definiti dai Regolamenti prende il nome di debito formativo. 3. Allo scopo di favorire l assolvimento del debito formativo, i Consigli di Corso di Studio possono prevedere internamente a ciascun Corso di Laurea l istituzione di attività formative propedeutiche. Tali attività propedeutiche possono essere svolte, in determinati periodi dell anno accademico favorevoli al tipo di impegno dello studente, anche in collaborazione con istituti di istruzione secondaria superiore o con altri enti pubblici o privati, sulla base di apposite convenzioni approvate dal Senato Accademico. Attività propedeutiche e attività formative integrative previste dall Ordinamento didattico sempre allo scopo dell assolvimento del debito formativo possono essere anche svolte da Docenti di prima e di seconda fascia o da Ricercatori sulla base anche di un ampliamento dell impegno didattico e tutoriale nelle forme previste dai Regolamenti per l incentivazione dei Docenti (vedi art. 31). Eventuali attività formative propedeutiche possono essere deliberate dal Consiglio di Facoltà in vista dell accesso al primo anno, la partecipazione alle quali, da parte degli studenti immatricolati, sia soltanto consigliata e facoltativa. 4. Se la verifica dell assolvimento del debito formativo, nelle forme previste dal Regolamento del Corso di Laurea, non è positiva, il Consiglio didattico può proporre all approvazione del Consiglio di Facoltà l indicazione di specifici obblighi formativi da soddisfare comunque entro il primo anno di corso. Tali obblighi formativi aggiuntivi possono essere assegnati anche agli studenti dei Corsi di Laurea ad accesso programmato, che siano stati ammessi con una votazione inferiore ad un minimo prefissato. 5. Per l ammissione ai Corsi di studio superiori alla Laurea, i relativi Regolamenti didattici devono indicare i requisiti curriculari e fissano le modalità di adeguatezza della personale preparazione ai fini dell ammissione. L eventuale integrazione curriculare deve essere effettuata prima di tale verifica attraverso l iscrizione a corsi singoli, comunque attivati presso l UAQ o presso altre Università italiane, riconosciuti come apportatori di credito dal Consiglio didattico e con il superamento dei relativi esami; oppure concordando con il Consiglio didattico specifici percorsi formativi da soddisfare prima dell inizio delle verifiche relative al curriculum del nuovo Corso di studio. ARTICOLO 14 Manifesto degli studi, curricula e piani di studio 1. Entro il termine stabilito dallo Statuto, il Consiglio di Facoltà approva annualmente il Manifesto degli studi, risultante dall insieme coordinato dei diversi Manifesti di tutti i Corsi di studio attivi della Facoltà. #

16 2. Il Manifesto degli studi di Facoltà viene pubblicato nella Guida dello Studente della Facoltà, gratuitamente distribuita dagli uffici competenti ad ogni studente iscritto. 3. Nei Corsi di Laurea, di Laurea specialistica e di Specializzazione, lo studente può seguire uno dei curricula fissati nel Manifesto dall Ordinamento del Corso di studi cui è iscritto, oppure, se ne è prevista la possibilità e secondo le modalità ivi indicate, chiedere l approvazione di un curriculum individuale, in entrambi i casi mediante la presentazione del proprio piano di studi alla Segreteria studenti entro i tempi fissati dall Amministrazione. 4. I piani di studio contenenti la richiesta di approvazione di curricula individuali saranno vagliati, sulla base dei criteri indicati dal Regolamento di Corso di studio, da una apposita Commissione istituita dal Consiglio didattico e approvati dal Consiglio stesso. ARTICOLO 15 Orientamento e Tutorato 1. Le attività di Orientamento e Tutorato, previste dall art. 12 del regolamento didattico di Ateneo, sono organizzate e regolamentate dalle strutture didattiche nell ambito della programmazione didattica e deliberate dal Consiglio di Facoltà. Il coinvolgimento dei docenti e dei ricercatori, nella realizzazione effettiva di tale attività, fa parte dei loro compiti istituzionali. 2. Le attività di Orientamento e Tutorato sono organizzate dalla Commissione Didattica Orientamento e Tutotrato di cui all art. 16 che a sua volta recepisce gli indirizzi della Commissione Orientamento e Tutorato di Ateneo. 3. Le attività di Orientamento e Tutorato sono articolate in a) Orientamento rivolto alle Scuole Medie Superiori, b) Tutorato orientativo e di accoglienza rivolto soprattutto alle matricole, c) Tutorato in itinere rivolto agli studenti iscritti ai Corsi di Laurea d) Tutorato rivolto soprattutto ai laureandi e ai neo laureati per orientarli nella continuazione degli studi o nell inserimento nel mondo del lavoro. Le attività di orientamento e tutorato prevedono il coinvolgimento dei docenti universitari, degli studenti senior e dell eventuale consulenza di tecnici esterni. Orientamento rivolto alle Scuole Medie Superiori prevede le seguenti attività: - attività didattiche orientative rivolte soprattutto agli studenti degli ultimi due anni di corso finalizzate prevalentemente alla fase della pre-iscrizione. Tale attività prevedono l accoglienza degli studenti presso le sedi universitarie e la presenza di docenti universitari presso le scuole. Tali attività sono svolte in collaborazione con l Ufficio Diritto allo Studio Orientamento e Tutorato dell Ateneo, con le Scuole Medie Superiori e con la Dirigenza Scolastica Regionale - corso di formazione dei docenti delle Scuole Medie Superiori su temi relativi all orientamento. - consulenza su temi relativi all orientamento intesa come attività formativa, in base alle richieste provenienti dalle scuole Attività di tutorato in itinere rivolto agli studenti universitari: - Tutorato orientativo e di accoglienza rivolto soprattutto alle matricole - Tutorato didattico che prevede attività didattiche integrative con il coinvolgimento dei docenti e degli studenti senior rivolte a studenti fuori corso e con un elevato numero di debiti formativi - Tutorato individualizzato svolto dai docenti nei riguardi di un piccolo numero di studenti seguiti per tutto il corso degli studi (

17 - Tutorato psicologico svolto da personale esperto presso il Servizio Ascolto e Consultazione Studenti (SACS) per affrontare eventuali problemi psicologici - Tutorato pedagogico svolto da personale esperto presso il Servizio Ascolto e Consultazione Studenti (SACS) finalizzato a migliorare il metodo di studio degli studenti - Tutorato per gli studenti disabili svolto da personale specializzato finalizzato a promuovere l inserimento degli studenti nel contesto universitario. Attività di tutorato in uscita e post universitario rivolto ai laureandi e ai neo laureati - La Facoltà può attivare, nell ambito dei servizi didattici integrativi, di cui all art. 31: - attività di orientamento nel mondo del lavoro e delle professioni - corsi di preparazione agli esami di stato - corsi di formazione professionale e di formazione permanente ARTICOLO 16 Commissione Didattica, Orientamento e Tutorato 1. La Facoltà di Medicina e Chirurgia, secondo le Leggi vigenti, istituisce una Commissione Didattica, Orientamento e Tutorato, paritetica, di Facoltà quale osservatorio permanente delle attività didattiche. 2. La Commissione è presieduta dal Preside o da un suo Delegato ed è composta dai Presidenti di Corso di Laurea, dai Presidenti di Corso di Laurea Specialistica e da una rappresentanza paritetica di studenti che tenga conto dell articolazione degli studi. 3. La Commissione paritetica di Facoltà svolge i seguenti compiti: a) effettua valutazioni, verifiche e rilevazioni statistiche sui vari aspetti dell attività didattica, anche attraverso la predisposizione di specifici questionari valutativi da sottoporre agli studenti; b) propone al Consiglio di Facoltà iniziative di vario tipo atte a migliorare l organizzazione della didattica; c) esprime pareri al Consiglio di Facoltà sulla revisione dei Regolamenti didattici dei Corsi di studio e sulla effettiva coerenza tra i crediti assegnati alle varie attività formative e gli specifici obiettivi formativi programmati. d) sottopone al Consiglio di Facoltà il programma delle attività annuali di Orientamento e Tutorato, monitora la realizzazione delle attività programmate ed, infine, stende una relazione conclusiva alla fine dell anno. ARTICOLO 17 Nucleo di Valutazione ' >7 >+:41? Il Nucleo di Valutazione dura in carica tre anni, è presieduto dal Preside o da un suo delegato, ed è costituito dal Coordinatore dei Presidenti di Corso di Laurea, dal Coordinatore dei Presidenti di Corso di Laurea Specialistica, dal Coordinatore dei Direttori di Scuola di Specializzazione, dai Direttori di Dipartimento, da eventuali altri Professori membri della Facoltà nominati dal Preside e da un numero paritario di rappresentanti degli studenti scelti tra i rappresentanti degli studenti in Consiglio di Facoltà, nei Consigli di Corso di Laurea e di Corso di Laurea Specialistica e nei Consigli di Corsi di Specializzazione. Il Nucleo di Valutazione della Facoltà di Medicina e Chirurgia, secondo gli indirizzi concordati con il Nucleo di Valutazione di Ateneo, redige la relazione annuale. *

18 ARTICOLO 18 Consiglio dei Clinici Il Consiglio dei Clinici (CdC) è organo consultivo della Facoltà di Medicina e Chirurgia della università degli Studi di L Aquila relativamente ai problemi assistenziali che riguardano i membri della Facoltà stessa nella loro attività di regime di convenzione con le strutture private convenzionate ed è tenuto ad esprimere pareri al Consiglio di Facoltà, relativamente a tutte le questioni di carattere clinico. Il CdC è composto da Professori, Ricercatori, Assistenti del ruolo ad esaurimento, e personale tecnico che espletano attività assistenziale in regime di convenzione con il SSN o con strutture private convenzionate. Sono organi del CdC il Presidente, il Consiglio e la Giunta: il Consiglio e la Giunta sono convocati dal Presidente o su richiesta rispettivamente di almeno 1/3 dei membri. Il Consiglio si riunisce almeno 4 volte l anno in seduta ordinaria. Il Presidente ha la rappresentanza del CdC. Ne presiede il Consiglio e la Giunta. Il Presidente nomina un vice-presidente vicario tra i membri della Giunta che ne fa le veci in tutti i casi di assistenza o impedimento per documentati motivi del Presidente. Il Presidente del CdC è eletto tra i componenti del Consiglio. La carica di Presidente è compatibile con qualsiasi altra carica. Il Presidente resta in carica 2 anni solari e di norma è immediatamente rieleggibile una sola volta. Eventuali rielezioni consecutive hanno durata annuale e possono avvenire in prima votazione e a maggioranza assoluta degli aventi diritto al voto. Il calendario per lo svolgimento delle votazioni per l elezione viene stabilito dal Presidente e la data della prima votazione deve precedere di almeno trenta giorni la scadenza del mandato del Presidente. Le candidature devono essere presentate in una apposita seduta del Consiglio. L elezione si svolge a scrutinio segreto ed in prima votazione a maggioranza assoluta degli aventi diritto al voto. Per le eventuali votazioni successive è richiesta la maggioranza assoluta dei voti espressi. Ogni elettore può esprimere una sola preferenza. Il seggio elettorale è composto da tre membri nominati dal Consiglio. Del Consiglio fanno parte Professori'+ 97+??4-67 A seguito di invito del Presidente e previo parere favorevole del CdC, possono partecipare alle sedute, senza diritto di voto, per la discussione di argomenti scritti all ordine del giorno, persone che, pur non avendone i titoli, svolgono un attività istituzionale continuativa nell ambito della Facoltà. L ordine del giorno delle riunioni deve essere comunicato per lettera inviata almeno 5 giorni prima della seduta. L inserimento di un argomento non previsto nell ordine del giorno può avvenire solo se richiesto per iscritto al Presidente da almeno 1/3 dei membri del Consiglio. Variazioni alla successione degli argomenti dell ordine del giorno possono essere proposte all inizio della seduta da uno o più membri del Consiglio e vanno approvate dalla maggioranza dei presenti. Il Presidente, quando ne ravveda la necessità, per un proficuo ed ordinato svolgimento dei lavori, può limitare la durata degli interventi. Delle riunioni del Consiglio è redatto verbale a cura di un membro della giunta precedentemente nominato dal Presidente come facente funzioni di Segretario. Qualora fosse necessaria una votazione, questa si può effettuare per appello nominale nei seguenti casi: quando richiesto dal Presidente; su richiesta di almeno 1/3 dei presenti; "

19 su richiesta di un singolo membro limitatamente ad un argomento che riguardi strettamente la sua persona. Una votazione può avvenire a scrutinio segreto da almeno 1/3 dei presenti. La Giunta del CdC coadiuva il Presidente nell esercizio delle sue attribuzioni. Il suo mandato coincide con quello del Presidente. La Giunta è composta da 5 membri nominati direttamente dal Presidente. Su proposta del Presidente, possono essere conferiti alla Giunta compiti istruttori per l esame di argomenti particolari, anche con la partecipazione di membri non appartenenti al CdC. ARTICOLO 19 Commissioni Il Consiglio di Facoltà può istituire delle Commissioni permanenti o di durata limitata per lo svolgimento di particolari compiti che vengono loro assegnati con delibera del Consiglio stesso, sia in sede referente che deliberante. Le Commissioni sono presiedute dal Preside o da un suo Delegato e sono composte da componenti del Consiglio di Facoltà, nominati dal Preside, e da una rappresentanza di studenti. TITOLO II Tipologia e regolamentazione dei corsi di studio e delle attività didattiche ARTICOLO 20 Corsi di Laurea 1. Il Corso di Laurea ha l obiettivo di assicurare allo studente un adeguata padronanza di metodi e contenuti scientifici generali, nonché l acquisizione di specifiche conoscenze professionali. 2. Per essere ammessi ad un Corso di Laurea occorre essere in possesso di un Diploma di Scuola secondaria superiore, o di altro titolo di studio conseguito all estero, riconosciuto idoneo ai sensi delle Leggi vigenti. Altri requisiti formativi e culturali possono essere richiesti per l accesso dai Regolamenti dei Corsi di studio secondo le normative prescritte dall art Per conseguire la Laurea lo studente deve avere acquisito 180 crediti. La durata normale del Corso di Laurea è di tre anni. 4. All atto dell istituzione di un Corso di Laurea, il Regolamento didattico corrispondente stabilisce quali crediti acquisiti saranno riconosciuti validi per l eventuale prosecuzione degli studi universitari in altri Corsi di studio attivati presso l UAQ, nonché, sulla base di specifiche convenzioni, presso altre Università. ARTICOLO 21 Corsi di Laurea specialistica 1. Il Corso di Laurea specialistica ha l obiettivo di fornire allo studente una formazione di livello avanzato per l esercizio di attività di elevata qualificazione in ambiti specifici. 2. Per essere ammessi ad un Corso di Laurea specialistica occorre essere in possesso della Laurea ovvero di altro titolo di studio conseguito all estero, riconosciuto idoneo ai sensi delle Leggi vigenti. Altri requisiti curriculari indicativi di una adeguata preparazione personale possono essere richiesti dai Regolamenti didattici per l accesso ai Corsi di Laurea specialistica, secondo le normative prescritte dall art. 13, comma 5. $

20 3. In deroga al comma 2, i Decreti ministeriali possono prevedere l ammissione ad un Corso di Laurea specialistica con il possesso del Diploma di Scuola secondaria superiore, esclusivamente per Corsi di studio regolati da normative dell Unione Europea che non prevedano per essi titoli universitari di primo livello, fatta salva la verifica dell adeguata preparazione iniziale prevista dagli Ordinamenti didattici ai sensi dell art Salvo le eccezioni previste dal comma 3, per conseguire la Laurea specialistica lo studente deve avere acquisito 300 crediti, ivi compresi quelli già acquisiti con il conseguimento del titolo di Laurea e/o riconosciuti validi ai sensi dell art. 10, comma 5. La durata normale del Corso di Laurea specialistica è di due anni dopo la Laurea. 5. Allo scopo di consentire nei tempi dovuti le iscrizioni al primo anno di Laurea specialistica, il Consiglio di Facoltà può prevedere l ammissione con il riconoscimento temporaneo di un debito formativo da parte dello studente, limitato alla mancanza dei crediti relativi agli esami dell ultimo anno ancora non superati e alla prova finale. Tale debito dovrà comunque essere assolto prima di iniziare le verifiche relative alle attività formative del Corso di Laurea specialistica. 6. La Facoltà può proporre l istituzione di Corsi di Laurea specialistica solo se è già attivato un Corso di Laurea comprendente almeno un curriculum i cui crediti formativi universitari siano integralmente riconosciuti, in base ai Regolamenti didattici, per il Corso di Laurea specialistica, con l eccezione dei Corsi di cui al comma 3, ovvero in seguito al riconoscimento equivalente, sulla base di una specifica convenzione, della validità di un Corso di Laurea attivato presso un'altra Università. ARTICOLO 22 Corsi di Specializzazione 1. Il Corso di Specializzazione ha l obiettivo di fornire allo studente conoscenze e abilità per funzioni richieste nell esercizio di particolari attività professionali e può essere istituito esclusivamente in applicazione di specifiche norme di legge o di direttive dell Unione Europea. 2. Per essere ammessi ad un Corso di Specializzazione occorre essere in possesso almeno della Laurea, ovvero di altro titolo di studio conseguito all estero, riconosciuto idoneo ai sensi delle Leggi vigenti. Altri specifici requisiti di ammissione nonché gli eventuali crediti formativi universitari aggiuntivi rispetto al titolo di studio già conseguito ritenuti necessari per l ammissione sono stabiliti dai Decreti ministeriali e, a norma di essi, dai Regolamenti didattici, ai sensi dell art. 13, comma Per conseguire il Diploma di Specializzazione lo studente deve avere acquisito un numero di crediti, compreso tra 300 e 360, comprensivi di quelli già acquisiti e riconosciuti validi per l ammissione al Corso, numero che viene precisato dai Decreti ministeriali, fatte salve le diverse disposizioni previste da specifiche norme di Legge o da direttive dell Unione Europea. La durata normale dei Corsi di Specializzazione oscilla quindi fra uno e tre anni, e viene stabilita dai rispettivi Regolamenti didattici. 4. Allo scopo di consentire nei tempi dovuti le iscrizioni al primo anno di Specializzazione, il Consiglio di Facoltà, su proposta di Consigli didattici dei Corsi di Studio, può prevedere l ammissione con il riconoscimento temporaneo di un debito formativo da parte dello studente limitato alla mancanza dei crediti relativi agli esami dell ultimo anno ancora non superati e alla prova %!

REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA (Approvato dal Senato Accademico nella seduta del 2 ottobre 2001)

REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA (Approvato dal Senato Accademico nella seduta del 2 ottobre 2001) REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA (Approvato dal Senato Accademico nella seduta del 2 ottobre 2001) INDICE Art.1 Definizioni Art.2 Finalità TITOLO I Corsi di studio e strutture

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - L'AQUILA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - L'AQUILA Repertorio n. 206-2009 Prot n. 5001 IL RETTORE VISTA la Legge 9 maggio 1989 n. 168; VISTO il vigente Statuto dell Università degli Studi dell Aquila, in particolare l art. 53 comma 2; VISTO il Regolamento

Dettagli

U niversità degli Studi di N apoli P arthenope

U niversità degli Studi di N apoli P arthenope U niversità degli Studi di N apoli P arthenope REGOLAMENTO DIDATTICO di ATENEO (emanato con D.R. n. 407 del 20.09.2001 e modificato con DD.RR. nn. 41 del 24.01.2003, 209 del 08.04.2003, 211 del 10.04.2003,

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO DEFINIZIONI E FINALITA TITOLO I 1. Ai sensi del presente Regolamento si intende: ARTICOLO 1 DEFINIZIONI a) per Ministro, o Ministero, il Ministro o il Ministero competente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO (Emanato con D.R. prot. n. 15141 I/3 - rep. D.R. n. 714-2015 del 19.06.2015) I termini relativi a persone che, nel presente Regolamento,

Dettagli

Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali Regolamento di Facoltà

Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali Regolamento di Facoltà Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali Regolamento di Facoltà Tiitolo I Disposizioni generali Articolo 1 Ambito della disciplina 1. Nell esercizio dell autonomia

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO Articolo 1 Definizioni 1.Ai sensi del presente Regolamento si intendono: a) per Regolamento Generale sull Autonomia, il Regolamento recante norme concernenti l Autonomia

Dettagli

SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI ARCHITETTURA INDICE. Titolo I Organi rappresentativi... pag.

SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI ARCHITETTURA INDICE. Titolo I Organi rappresentativi... pag. SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI ARCHITETTURA INDICE Titolo I Organi rappresentativi... pag. 2 art. 1 Organi della Facoltà di Architettura... pag. 2 art.

Dettagli

TABELLA ALLEGATA. Roma - Verona

TABELLA ALLEGATA. Roma - Verona TABELLA ALLEGATA Roma - Verona R O M A " S A P I E N Z A " Allergologia ed immunologia clinica 2 Anatomia patologica 4 Anestesia e rianimazione 35 Borse 1997/98 Borse riservate a cittadini provenienti

Dettagli

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI FISIOTERAPISTA) REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO

Dettagli

Università degli studi di Modena e Reggio Emilia

Università degli studi di Modena e Reggio Emilia Università degli studi di Modena e Reggio Emilia REGOLAMENTO dei Corsi di LAUREA TRIENNALE in: INFERMIERISTICA (sede di Modena) OSTETRICIA FISIOTERAPIA LOGOPEDIA TECNICA DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE E DIDATTICO DELLA FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA. Articolo 1 Autonomia organizzativa e didattica

REGOLAMENTO GENERALE E DIDATTICO DELLA FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA. Articolo 1 Autonomia organizzativa e didattica REGOLAMENTO GENERALE E DIDATTICO DELLA FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA Articolo 1 Autonomia organizzativa e didattica 1. Il presente Regolamento, predisposto ai sensi dei pertinenti articoli dello Statuto

Dettagli

Regolamento Didattico Generale

Regolamento Didattico Generale Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI CATANIA Regolamento Didattico Generale Art. 1. Strutture didattiche 1. Sono strutture

Dettagli

Università degli Studi di Messina

Università degli Studi di Messina Università degli Studi di Messina Regolamento Generale della Facoltà di Scienze Politiche art. 1 (Facoltà di Scienze Politiche). Alla Facoltà di Scienze Politiche di Messina afferiscono i corsi di laurea

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO (In attuazione della L. n. 240/10)

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO (In attuazione della L. n. 240/10) REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO (In attuazione della L. n. 240/10) (Emanato con D.R. n. 227 del 18.02.2013, pubblicato all Albo on line di Ateneo in data 18.02.2013 pubblicato nel B.U. n. 103) - In vigore

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO TITOLO I PARTE GENERALE...3

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO TITOLO I PARTE GENERALE...3 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO TITOLO I PARTE GENERALE...3 CAPO I - DEFINIZIONI...3 ART. 1 DEFINIZIONI...3 CAPO II - OFFERTA DIDATTICA...3 ART. 2 - ATTIVITÀ FORMATIVE...3 ART. 3 - TITOLI E CORSI DI STUDIO...3

Dettagli

Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Moderne Regolamento di Facoltà

Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Moderne Regolamento di Facoltà Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Moderne Regolamento di Facoltà Articolo 1 La Facoltà Articolo 2 Organi e strutture della Facoltà Articolo 3 Il Preside Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE SCUOLE (Strutture di raccordo ex art. 2, comma 2, lett. c) della Legge n. 240/2010)

REGOLAMENTO DELLE SCUOLE (Strutture di raccordo ex art. 2, comma 2, lett. c) della Legge n. 240/2010) REGOLAMENTO DELLE SCUOLE (Strutture di raccordo ex art. 2, comma 2, lett. c) della Legge n. 240/2010) emanato con D.R. n. 192 del 27 febbraio 2014 INDICE Art. 1 Istituzione 2 Pag. Art. 2 Attribuzioni 2

Dettagli

Regolamento didattico dell Università degli Studi Link Campus University

Regolamento didattico dell Università degli Studi Link Campus University Regolamento didattico dell Università degli Studi Link Campus University TITOLO I DEFINIZIONI E FINALITÀ Articolo 1 Autonomia didattica e obiettivi del regolamento 1. Il presente Regolamento dell Università

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina gli aspetti organizzativi e didattici del Corso di laurea in Ingegneria Informatica (classe L-8), in conformità alla normativa vigente in

Dettagli

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN IGIENE DENTALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI IGIENISTA DENTALE) REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA. Art. 2. Organi della Facoltà

REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA. Art. 2. Organi della Facoltà REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA Art. 1. Corsi e titoli di studio 1. La Facoltà è la struttura nella quale, anche in collaborazione con altre strutture dell Università, si svolgono i corsi

Dettagli

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT INDICE Titolo I - Premessa... 2 Art. 1 Finalità... 2 Art. 2 Ambito di applicazione... 2 Art. 3 Definizioni... 2 Titolo II Organi del dipartimento e

Dettagli

Università, Gelmini e Fazio presentano le novità del percorso di studi di Medicina

Università, Gelmini e Fazio presentano le novità del percorso di studi di Medicina Università, Gelmini e Fazio presentano le novità del percorso di studi di Medicina Sono state presentate oggi dal ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Mariastella Gelmini e dal ministro

Dettagli

PROFESSIONI SANITARIE

PROFESSIONI SANITARIE PROFESSIONI SANITARIE Le Professioni Sanitarie e le Arti Ausiliarie riconosciute dal Ministero della Salute. Farmacista Medico chirurgo Odontoiatra Veterinario Altri riferimenti normativi: D. Lgs. 08.08.1991,

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO Università degli studi di Padova Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I Finalità e Ordinamento didattico Art. 1 Premesse e Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 Premesse e finalità 1. Il Corso di laurea magistrale in afferisce alla Classe delle lauree magistrali LM-46 in di cui al D.M. 16 marzo

Dettagli

ITALIAN UNIVERSITY LINE - IUL REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO

ITALIAN UNIVERSITY LINE - IUL REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO ITALIAN UNIVERSITY LINE - IUL REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO 1 Art. 1- Definizioni... 3 Art. 2 Finalità... 4 CAPO I... 4 Titoli e corsi di studio... 4 Art.3 Titoli di studio... 4 Art.4 Corso di Laurea...

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO (D.M. 22 ottobre 2004, n. 270 Riformulazione complessiva approvata dal Senato Accademico nelle sedute del 28 febbraio 2013, 24 giugno 2013 e 24 ottobre 2013) Art. 1 Definizioni

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI AGRARIA E MEDICINA VETERINARIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOTECNOLOGIE PER L ALIMENTAZIONE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI AGRARIA E MEDICINA VETERINARIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOTECNOLOGIE PER L ALIMENTAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI AGRARIA E MEDICINA VETERINARIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOTECNOLOGIE PER L ALIMENTAZIONE REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche

Facoltà di Scienze Politiche Università degli Studi di Siena Facoltà di Scienze Politiche Regolamento didattico di Facoltà (Emanato con Decreto Rettorale n. 1412/2000-01 del 18.09.2001, pubblicato nel Bollettino Ufficiale n. 35 del

Dettagli

ART. 1 Oggetto del Regolamento

ART. 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN DIDATTICA DELL ITALIANO COME LINGUA STRANIERA ART. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina, ai sensi dell articolo 1 comma 3 del Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO

REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO PARTE GENERALE Art. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento didattico di ateneo, in ottemperanza alla normativa vigente ed in particolare all art. 11 del decreto ministeriale

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO. ex DM 22 ottobre 2004 n. 270 e L. 30 dicembre 2010, n.240

REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO. ex DM 22 ottobre 2004 n. 270 e L. 30 dicembre 2010, n.240 REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO ex DM 22 ottobre 2004 n. 270 e L. 30 dicembre 2010, n.240 Parte prima REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO (ex DM 22 ottobre 2004 n. 270 e L. 30 dicembre 2010, n.240) TITOLO I.

Dettagli

IL RETTORE D E C R E T A

IL RETTORE D E C R E T A 678 Ufficio Esami di Stato e Scuole di Specializzazione IL RETTORE VISTO il D.Lgs. n. 368 del 17/08/1999, pubblicato in G.U. n. 250 del 23/10/1999 di attuazione della direttiva n. 93/16/CEE in materia

Dettagli

Libera Università Internazionale degli Studi Sociali LUISS Guido Carli

Libera Università Internazionale degli Studi Sociali LUISS Guido Carli Libera Università Internazionale degli Studi Sociali LUISS Guido Carli Regolamento didattico di Ateneo ai sensi del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270 e decreti successivi dicembre 2007 LUISS viale Pola 12 00198

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA CLINICO-DINAMICA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA CLINICO-DINAMICA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA CLINICO-DINAMICA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 Premesse e finalità

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO PARTE I NORME COMUNI

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO PARTE I NORME COMUNI REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO PARTE I NORME COMUNI Art. 1 Ordinamenti degli Studi 1. Il presente regolamento disciplina l ordinamento dei corsi di studio dell Università degli Studi di Torino, in conformità

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Medicine and Surgery (Classe LM-41 Medicina e Chirurgia)

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Medicine and Surgery (Classe LM-41 Medicina e Chirurgia) Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Medicine and Surgery (Classe LM-41 Medicina e Chirurgia) (dall Anno Accademico 2015-2016) Art. 1 Definizioni Ai fini del presente

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia (Classe 46/S)

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia (Classe 46/S) Regolamento Didattico del Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia (Classe 46/S) Art. 1 - Definizione degli obiettivi formativi E istituito il Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Medicina e Chirurgia CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA REGOLAMENTO DIDATTICO INDICE 1.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Medicina e Chirurgia CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA REGOLAMENTO DIDATTICO INDICE 1. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Medicina e Chirurgia CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA REGOLAMENTO DIDATTICO INDICE 1. Denominazione del Corso e Classe di Appartenenza p. 2 2. Definizione

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA

CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I Finalità e Ordinamento didattico Art. 1 Premesse e Finalità

Dettagli

Regolamento del Corso di Osteopatia. ordinamento Part Time. TITOLO I NORME GENERALI

Regolamento del Corso di Osteopatia. ordinamento Part Time. TITOLO I NORME GENERALI Regolamento del Corso di Osteopatia Ordinamento Part Time TITOLO I NORME GENERALI Art. 1 - Finalità: 1.1 Il presente Regolamento specifica gli aspetti organizzativi del Corso di Osteopatia Ordinamento

Dettagli

MINISTERO DELLA SANITÀ

MINISTERO DELLA SANITÀ DECRETO MINISTERIALE 31 gennaio 1998 MINISTERO DELLA SANITÀ Tabella relativa alle specializzazioni affini previste dalla disciplina concorsuale per il personale dirigenziale del Servizio sanitario nazionale.

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI P. MASCAGNI - LIVORNO REGOLAMENTO DIDATTICO Via G. Galilei, 40 57122 Livorno Tel. 0586 403724 Fax 0586 426089 www.istitutomascagni.it e-mail: segreteria @istitutomascagni.it

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE SCIENZE GIURIDICHE

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE SCIENZE GIURIDICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE SCIENZE GIURIDICHE (Approvato con delibera del CdS e CdF del 03.05.06 e modificato con delibera del CdS del 07.03.07 e del CdF del 04.04.07) Regolamento didattico

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE

REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE SEZIONE I - NORME GENERALI E COMUNI CAPO I - DENOMINAZIONE E ORGANI Art. 1 - Denominazione dei corsi di laurea e classi di riferimento Art.

Dettagli

FACOLTÀ DI MEDICINA, CHIRURGIA E SCIENZE DELLA SALUTE

FACOLTÀ DI MEDICINA, CHIRURGIA E SCIENZE DELLA SALUTE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE AMEDEO AVOGADRO REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN MEDICINA E CHIRURGIA Classe delle Lauree magistrali in Medicina e Chirurgia

Dettagli

Humanitas University

Humanitas University Humanitas University REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO INDICE Art. 1 Definizioni Art. 2 Finalità TITOLO I Organizzazione dell attività didattica: corsi di studio e strutture Art. 3 Titoli e corsi di studio

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN FINANZA E METODI QUANTITATIVI PER L ECONOMIA CLASSI DELLE LAUREE MAGISTRALI LM-1 e LM-83 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 (FIN) (Sede

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Corso di Laurea in Tecnica della Riabilitazione Psichiatrica (Abilitante alla Professione del Tecnico della Riabilitazione Psichiatrica) 1. Aspetti generali e definizione

Dettagli

Consiglio di Facoltà del 19.01.2012-allegato n.5 di 9 pagine

Consiglio di Facoltà del 19.01.2012-allegato n.5 di 9 pagine UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA ENZO FERRARI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA INFORMATICA (CLASSE LM-32 INGEGNERIA INFORMATICA)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

Libera Università Internazionale degli Studi Sociali LUISS Guido Carli

Libera Università Internazionale degli Studi Sociali LUISS Guido Carli Libera Università Internazionale degli Studi Sociali LUISS Guido Carli REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO ai sensi del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270 e decreti successivi con l ultima modifica dell articolo

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 39/36 DEL 10.10.2014

DELIBERAZIONE N. 39/36 DEL 10.10.2014 Oggetto: Contratti di Formazione Specialistica per la frequenza delle Scuole di Specializzazione in discipline mediche delle Facoltà di Medicina e Chirurgia delle Università degli Studi di Cagliari e di

Dettagli

DECRETO RETTORALE N. 6164

DECRETO RETTORALE N. 6164 DECRETO RETTORALE N. 6164 Regolamento dei corsi di dottorato di ricerca e delle scuole di dottorato di ricerca dell Università Cattolica del Sacro Cuore IL RETTORE Visto visto visto vista vista vista lo

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Università, l Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica e per la Ricerca Direzione Generale per l Università, lo studente e il diritto allo studio universitario AVVISO PUBBLICO

Dettagli

SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO

SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SOCIO-SANITARIE Art. 1 FINALITA - Presso l'ateneo

Dettagli

Bilancio di Missione 2007 allegati

Bilancio di Missione 2007 allegati 1 Bilancio di Missione 2007 allegati Policlinico S.Orsola-Malpighi 2 3 indice 1 pag. 5 allegati Discipline cliniche trattate secondo le classi ICD9CM 2 pag. 10 Numero studenti per corso di laurea (medicina

Dettagli

Consiglio di Facoltà del 19.01.2012 allegato n.7 di 10 pagine

Consiglio di Facoltà del 19.01.2012 allegato n.7 di 10 pagine Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina gli aspetti organizzativi e didattici del Corso di laurea magistrale in Ingegneria Meccanica (classe LM-33), in conformità alla normativa

Dettagli

TABELLA B VALEVOLE PER LA VERIFICA E LA VALUTAZIONE DELLE SPECIALIZZAZIONI

TABELLA B VALEVOLE PER LA VERIFICA E LA VALUTAZIONE DELLE SPECIALIZZAZIONI TABELLA RELATIVA ALLE PREVISTE DALLA DISCIPLINA CONCORSUALE PER IL PERSONALE DIRIGENZIALE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - D.Lgs. 502/92 COSI' COME MODIFICATO DAL D.Lgs. 254/2000 (MINISTERO DELLA SALUTE

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO ISTITUZIONI MUSICALI AFAM LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO (Generalità) Il presente regolamento disciplina, ai sensi delle leggi

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA DIPARTIMENTO DI ARTE COREUTICA Indice TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI SULL ORGANIZZAZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI STUDIO CAPO I - Generalità,

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO - Emanato con DR n. 1347. Art. 1 Oggetto del Regolamento

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO - Emanato con DR n. 1347. Art. 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO - Emanato con DR n. 1347 del 23 luglio 2015, pubblicato in data 27 luglio 2015 sull Albo on line ed entrato in vigore il 28 luglio 2015 Art. 1 Oggetto

Dettagli

Facoltà di Lingue e Letterature Straniere. Università degli Studi di Sassari. Regolamento didattico SOMMARIO

Facoltà di Lingue e Letterature Straniere. Università degli Studi di Sassari. Regolamento didattico SOMMARIO Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Università degli Studi di Sassari Regolamento didattico SOMMARIO TITOLO I. Scopo del regolamento e organizzazione generale della Facoltà Art. 1 - Scopo del regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA DI AREZZO

REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA DI AREZZO REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA DI AREZZO (Emanato con Decreto Rettorale n. 1418/2000-01 del 18.09.2001, pubblicato nel Bollettino Ufficiale n. 35 del 30 novembre 2001 e modificato

Dettagli

Regolamento Didattico di Corso di Studio SCIENZE PSICOLOGICHE APPLICATE

Regolamento Didattico di Corso di Studio SCIENZE PSICOLOGICHE APPLICATE Regolamento Didattico di Corso di Studio SCIENZE PSICOLOGICHE APPLICATE CLASSE L-24 DELLE LAUREE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE ARTICOLO 1 Definizione del corso Il presente Regolamento, in linea con

Dettagli

UFFICIO MODIFICHE DI STATUTO REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO IL RETTORE D E C R E T A

UFFICIO MODIFICHE DI STATUTO REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO IL RETTORE D E C R E T A UFFICIO MODIFICHE DI STATUTO REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO IL RETTORE Vista la legge 9 maggio 1989, n. 168 Istituzione del Ministero dell Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica; Vista la

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MESSINA DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA REGOLAMENTO DIDATTICO ART. 1. Oggetto del Regolamento

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MESSINA DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA REGOLAMENTO DIDATTICO ART. 1. Oggetto del Regolamento UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MESSINA DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA REGOLAMENTO DIDATTICO ART. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento disciplina il funzionamento della Facoltà e dei suoi organi,

Dettagli

32 Chirurgia pediatrica Medico chirurgo 33 Chirurgia plastica e ricostruttiva Medico chirurgo 34 Chirurgia toracica Medico chirurgo 35 Chirurgia

32 Chirurgia pediatrica Medico chirurgo 33 Chirurgia plastica e ricostruttiva Medico chirurgo 34 Chirurgia toracica Medico chirurgo 35 Chirurgia ALLEGATO F Codice DA UTILIZZARE Professione 1 Medico chirurgo si 2 Odontoiatra si 3 Farmacista 4 Veterinario 5 Psicologo si 6 Biologo si 7 Chimico si 8 Fisico 9 Assistente sanitario 10 Dietista 11 Educatore

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE, MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE, MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE, MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA FACOLTÀ DI SCIENZE, MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA PIAZZA DELL ATENEO NUOVO, 1 20126 - MILANO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA PIAZZA DELL ATENEO NUOVO, 1 20126 - MILANO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA PIAZZA DELL ATENEO NUOVO, 06 - MILANO VALUTAZIONE DELLA CARRIERA PREGRESSA AI FINI DEL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA IN TERAPIA DELLA NEURO E PSICOMOTRICITÀ DELL ETÀ

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Medicina e Chirurgia CORSO DI LAUREA IN EDUCAZIONE PROFESSIONALE (abilitante alla professione sanitaria di Educatore Professionale) REGOLAMENTO DIDATTICO 1.

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN ASTRONOMIA

CORSO DI LAUREA IN ASTRONOMIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN ASTRONOMIA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I Finalità e Ordinamento Didattico Art. 1 Premesse e Finalità

Dettagli

R E G O L A M E N T O D I D A T T I C O

R E G O L A M E N T O D I D A T T I C O R E G O L A M E N T O D I D A T T I C O TITOLO PRIMO NORME COMUNI E ORGANIZZATIVE CAPO I GENERALITÀ E DEFINIZIONI Art. 1. (Generalità) 1. Il presente regolamento disciplina, ai sensi delle norme di legge,

Dettagli

1. DENOMINAZIONE DEL CORSO E CLASSE DI APPARTENENZA

1. DENOMINAZIONE DEL CORSO E CLASSE DI APPARTENENZA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Medicina e Chirurgia CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA REGOLAMENTO DIDATTICO INDICE 1. Denominazione del Corso e Classe di Appartenenza p. 2 2. Definizione

Dettagli

Dal 1769 REGOLAMENTO DIDATTICO

Dal 1769 REGOLAMENTO DIDATTICO Dal 1769 REGOLAMENTO DIDATTICO Accademia di Belle Arti di Carrara Regolamento didattico Titolo I - Principi generali Art. 1 - Finalità Art. 2 - Corsi di studio e Titoli Art. 3 - Crediti Formativi Accademici

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI DOTTORATO DI RICERCA

REGOLAMENTO IN MATERIA DI DOTTORATO DI RICERCA REGOLAMENTO IN MATERIA DI DOTTORATO DI RICERCA Oggetto ed ambito di applicazione Il presente regolamento disciplina l istituzione ed il funzionamento dei corsi di Dottorato di Ricerca presso l'università

Dettagli

Sentito per le vie brevi MIUR e CUN, per questa tipologia di classi sembrerebbe non applicarsi

Sentito per le vie brevi MIUR e CUN, per questa tipologia di classi sembrerebbe non applicarsi Documento contenente le linee guida per l attivazione dei Corsi di studio delle professioni sanitarie (DM 8 gennaio 2009 e DI 19 febbraio 2009) a partire dall offerta formativa dell a.a. 2011-2012 In attesa

Dettagli

Azienda/Ente Uff./Dip. Nome Cognome. Via N CAP. Comune Provincia. Email* Tel. Cell. Fax

Azienda/Ente Uff./Dip. Nome Cognome. Via N CAP. Comune Provincia. Email* Tel. Cell. Fax Iscrizione Generale Azienda/Ente Uff./Dip. Nome Cognome Via N CAP Comune Provincia Email Tel. Cell. Fax Desidero partecipare alle giornate del 25 26 27 28 Novembre 2014 Iscrizione ECM (L iscrizione è obbligatoria

Dettagli

Iscrizione partecipante (ECM)

Iscrizione partecipante (ECM) Promosso da Iscrizione partecipante (ECM) AUDITORIUM SALA TESTORI palazzo lombardia MILANO 1-3 LUGLIO 2015 Dati Generali Azienda/Ente Uff./Dip. Nome* Cognome* Via* N * CAP* Comune* Provincia* Email* Tel.*

Dettagli

RISULTATI SONDAGGIO SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE RIVOLTO AGLI STUDENTI DEL V E DEL VI ANNO MAGGIO 2014

RISULTATI SONDAGGIO SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE RIVOLTO AGLI STUDENTI DEL V E DEL VI ANNO MAGGIO 2014 RISULTATI SONDAGGIO SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE RIVOLTO AGLI STUDENTI DEL V E DEL VI ANNO MAGGIO 2014 DESTINATARI V ANNO 295 VI ANNO 316 FUORICORSO 501 TOTALE 1112 RISPOSTE V ANNO 100 VI ANNO E FC 217 TOTALE

Dettagli

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER \ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 Art.1 Master universitari REGOLAMENTO MASTER 1. In attuazione dell articolo 1,

Dettagli

Senato Accademico del 30 novembre 2011 ALLEGATO al punto XII EVENTUALI 1. Scuole Dottorali venete - Regolamenti

Senato Accademico del 30 novembre 2011 ALLEGATO al punto XII EVENTUALI 1. Scuole Dottorali venete - Regolamenti Senato Accademico del 30 novembre 2011 ALLEGATO al punto XII EVENTUALI 1. Scuole Dottorali venete - Regolamenti REGOLAMENTO Scuola Superiore di Economia e Management Scuola di dottorato di ricerca interateneo

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA AREA LEGALE E GENERALE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA AREA LEGALE E GENERALE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA AREA LEGALE E GENERALE Pubblicato in albo web 17.7.2015 Decreto n. 5864 I L R E T T O R E Vista la L. del 9.5.1989, n. 168 e s.m.i.; Vista la L. del 30.12.2040, n. 240

Dettagli

Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze della Vita

Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze della Vita Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze della Vita Regolamento didattico del Corso di laurea in Scienze e tecniche psicologiche (L-24 Classe delle Lauree in Scienze e tecniche psicologiche)

Dettagli

Corso di Laurea in CONSULENTE DEL LAVORO REGOLAMENTO

Corso di Laurea in CONSULENTE DEL LAVORO REGOLAMENTO Università degli Studi di Siena Facoltà di Giurisprudenza Corso di Laurea in CONSULENTE DEL LAVORO REGOLAMENTO Art. 1 E istituito presso la Facoltà di Giurisprudenza il Corso di Laurea in Consulente del

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN OSTETRICIA (classe L/SNT1 Professioni sanitarie infermieristiche e professione

Dettagli

UNIVERSITÀ degli STUDI di ROMA LA SAPIENZA

UNIVERSITÀ degli STUDI di ROMA LA SAPIENZA UNIVERSITÀ degli STUDI di ROMA LA SAPIENZA FACOLTÀ di INGEGNERIA REGOLAMENTO DIDATTICO della FACOLTÀ di INGEGNERIA Pag. 1 Pag. 2 PARTE PRIMA Titolo I - Corsi di studio e strutture didattiche Art. 1 Riferimenti

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE. REGOLAMENTO DIDATTICO del. CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERATENEO in FISICA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE. REGOLAMENTO DIDATTICO del. CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERATENEO in FISICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERATENEO in FISICA Classe di Laurea Magistrale LM-17 DM 270/2004, art. 12 R.D.A.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA Regolamento didattico d Ateneo PARTE PRIMA DISPOSIZIONI GENERALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA Regolamento didattico d Ateneo PARTE PRIMA DISPOSIZIONI GENERALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA Regolamento didattico d Ateneo (ai sensi del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270) PARTE PRIMA DISPOSIZIONI GENERALI INDICE Art. 1 Definizioni TITOLO I ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITÀ

Dettagli

FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TELEMATICO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI CLASSE 17

FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TELEMATICO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI CLASSE 17 FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TELEMATICO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI CLASSE 17 1. DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATI VI All interno dell Ateneo

Dettagli

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE - REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO TABELLA "A" TABELLA "A" 1

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE - REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO TABELLA A TABELLA A 1 TABELLA "A" TABELLA "A" 1 a) FACOLTÀ 1) Corsi di laurea e di diploma universitario determinati dai precedenti ordinamenti didattici GIURISPRUDENZA - Corso di laurea in Giurisprudenza SCIENZE POLITICHE

Dettagli

Regolamento Didattico Conservatorio di Musica Bruno Maderna

Regolamento Didattico Conservatorio di Musica Bruno Maderna Regolamento Didattico Conservatorio di Musica Bruno Maderna Deliberato dal Consiglio Accademico nella seduta del 23/11/2010; Approvato dal M.I.U.R. con D.D.G. n 232 del 02/12/2010; Adottato dal Direttore

Dettagli

Mediterraneo in Sanità

Mediterraneo in Sanità Forum 2012 Mediterraneo in Sanità SOSTENIBILITÀ E DIRITTO ALLA SALUTE SICUREZZA EQUITÀ APPROPRIATEZZA 6 7 8 giugno Palermo - Teatro Politeama Piazza Ruggero Settimo, 15 LA PIAZZA DELLA SALUTE Modalità

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

Direttiva 2005/36/CE recepita con D. Lgs. 206/2007

Direttiva 2005/36/CE recepita con D. Lgs. 206/2007 Allegato 6 - Elenco delle principali professioni regolamentate Direttiva 2005/36/CE recepita con D. Lgs. 206/2007 PROFESSIONE ACCONCIATORE ACCOMPAGNATORE TURISTICO Presidenza del Consiglio dei Ministri

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA (CLASSE L/SNT2 PROFESSIONI SANITARIE DELLA RIABILITAZIONE) abilitante

Dettagli