Swisscodes 2003 Corso di postformazione SUP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Swisscodes 2003 Corso di postformazione SUP"

Transcript

1 Swisscoes 2003 Corso i postformazione SUP SIA 267 Geotecnica Basi e concetto i imensionamento 23/01/2014 Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 1 Basi e concetti i imensionamento 1. Introuzione, nuovi concetti, basi 2. Principi i imensionamento moello i imensionamento concettuale paragone el imensionamento prima aesso 3. Analisi strutturale e imensionamento secono gli Swisscoes fattori principali influsso stati limite parametri el terreno 4. Esempio i imensionamento con ifferenziazione vecchio - nuovo stabilità i una scarpata: stato limite tipo 3 23/01/2014 Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 2

2 1.1 Perché abbiamo bisogno i nuove norme? Gli Eurocoici sono stati sviluppati una ventina i anni fa per tutta l Europa (non solo per l UE) e perseguono i seguenti obiettivi: armonizzazione e comprensione internazionale introuzione i un nuovo e ifferenziato concetto i sicurezza per tutta l Europa concetto unitario i sicurezza e i imensionamento per tutti i materiali e settori parziali: sia per il cls che l acciaio, il legno il terreno, ecc. La Svizzera ha ovuto collaborare (i politici l avevano già a tempo eciso). Con l introuzione egli Swisscoes, la Svizzera ha sorpassato nella fase finale gli EUROCODICI. 23/01/2014 Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica Dimensionamento geotecnico Inicazioni sul imensionamento geotecnico si trovano in tre iverse norme SIA: SIA 260 SIA 261 fino a oggi SIA 160 SIA 267 Nuova norma geotecnica 23/01/2014 Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 4

3 SIA 160 finora SIA 260: basi SIA 261: azioni SIA 260: norma inipenente ai materiali ocumento strategico che regola i principi e le esigenze i: Sicurezza strutturale Efficienza funzionale Durabilità La SIA 260 vale in collegamento con le altre norme alla 261 alla 267 La SIA 261 regola la presa in consierazione ella spinta elle terre e le pressioni ell acqua. La SIA 267 è una nuova norma. In Svizzera non è mai esistito niente i simile. 23/01/2014 Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica Nuovi concetti nelle nuove norme SIA I più importanti sono: valori caratteristici valori i imensionamento fattori parziali e coefficienti i carico convenzione utilizzazione base i progetto azioni / effetto elle azioni Sostituiscono il piano utilizzazione e sicurezza Le nuove norme SIA sono entrate in vigore il 1. luglio 2004 e sono vincolanti per il imensionamento i tutte le costruzioni. Valgono quali regole ell arte riconosciute. 23/01/2014 Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 6

4 2.1 Principi ella progettazione Secono le inicazioni egli EUROCODICI e elle nuove norme SIA, per tutti i settori anche in geotecnica - vale solo il concetto i fattori parziali Vale a ire la sicurezza strutturale (p. es. La capaità portante elle fonazioni) non sarà ipenente a un fattore globale i sicurezza p. es. F = 3, ma sarà assicurata con l applicazione i fattori parziali e coefficienti i carico applicati a specifiche insicurezze. Questo è valio per tutti i settori ella costruzione 23/01/2014 Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica Principi ella progettazione Per la progettazione si istinguono 2 stati limite: 1. Sicurezza strutturale concerne lo stato i rottura e la sicurezza elle persone nell ambiente elle costruzioni l analisi ella sicurezza strutturale viene eseguita con i valori i imensionamento 2. Efficienza funzionale concerne la capacità i funzionamento ella struttura in conizioni i tilizzazioni meie. Deformazioni, fessure, comfort, estetica, ecc. evono essere assicurati per tutta la urata i vita ella struttura in un moo accettabile. Durabilità ev essere garantita con misure appropriate 23/01/2014 Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 8

5 2.3 Principi i imensionamento carico = azione F Livelli i sicurezza stabiliti nelle norme resistenza R Moello i calcolo 23/01/2014 Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica Principi i imensionamento Un progetto i imensionamento può essere suiviso nei 4 punti seguenti: azioni, carichi caratteristiche ei materiali moello i carico utilizzato livello i sicurezza Sono introotte le insicurezze È stabilito per tutti i materiali in moo univoco e vincolante negli Swisscoes Azione F: forze / carichi che agiscono sulla struttura Effetto ell azione E: risposta ella struttura all azione Resistenza R: resistenza fornita al materiale (terreno, cls, ) corrisponente al moello i calcolo 23/01/2014 Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 10

6 3.2 Stati limite I ue stati limite rilevanti per il imensionamento sono : Efficienza funzionale Sicurezza strutturale Efficienza funzionale Criterio i imensionamento E C C = limiti utilizzazzione come assestamenti ammissibili, spostamenti, rotazioni, vibrazioni, Per ogni esigenza efinita nella base i progetto, bisogna eseguire una verifica ell efficienza funzionale. 23/01/2014 Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica Stati limite ella sicurezza strutturale Gli stati limite per la verifica ella sicurezza strutturale sono: 1. Stato limite tipo 1: stabilità generale 2. Stato limite tipo 2: collasso i perte ell opera 3. Stato limite tipo 3: rottura el terreno 4. Stato limite tipo 4: fatica 23/01/2014 Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 12

7 Stato limite tipo 1: stabilità generale (equilibrio statico) Ribaltamento sollevamento (spinta Archimee) sifonamento (rottura i fono) E, st E, stb 23/01/2014 Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 13 Stato limite tipo 2: collasso ella struttura Collasso ovuto a rottura Resistenza E R 23/01/2014 Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 14

8 Stato limite tipo 3: rottura el terreno Frana Stabilità elle scarpate E R R 23/01/2014 Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 15 Determinazione ei parametri el terreno Per fissare i parametri el terreno x bisogna partire alle proprietà caratteristiche el terreno x k. Per far questo, si riuce il valore caratteristico x k tramite un fattore parziale. ove: x = valore i imensionamento x k = valore caratteristico = valore probabile pruente m = fattore parziale, secono la tabella seguente x 1 m x k 23/01/2014 Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 16

9 Fattori parziali Parametro el terreno m Peso volumico e,k = 1.0 Tangente ell angolo attrito interno tan ' k =1.2 coesione c' k c =1.5 23/01/2014 Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 17 Determinazione elle imensioni geometriche a A ifferenza el valore caratteristico el terreno x k, che corrispone p. es. a un valore probabile stimato in moo pruente (valore meio) lungo una linea i rottura, per una imensione geometrica (p.es. livello ella fala) si consiera il valore minimo o massimo per il perioo i riferimento eterminante (cifra 4.2 ella norma SIA 267). Questa ifferenza è importante 23/01/2014 Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 18

10 Determinazione elle azioni F, ell effetto elle azioni E E E F, x, a F F rep con: x = valore i imensionamento a = valore i imensionamento i una granezza geometrica secono la cifra ella SIA 260 F k = valore caratteristico i un azione F F F k I valori i F sono contenuti nella tabella 1 ella norma SIA 260, e riassunti nella tabella seguente. 23/01/2014 Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 19 Fattori parziali e fattori i carico azioni F parametri el terreno m stato limite permanente favorevole variabile sfavorevole sfavorevole e tan` c` c u q u tipo 1: ribaltamento, sollevamento tipo 2: parti ella costruzione tipo 3: stabilità, etc /01/2014 Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 20

11 Azioni ovute all acqua e al terreno Le azioni el terreno sono classificate nel moo seguente, in funzione ella loro variabilità, ella loro urata, così come ella loro probabilità i apparizione: azioni permanenti azioni variabili azioni accientali 23/01/2014 Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 21 Azioni ovute all acqua e al terreno Azioni permanenti = azioni agenti a lungo e con una variabilità riotta. Sono azioni permanenti: o carichi el terra / peso proprio el terreno o spinta elle terre ovuta al peso proprio el terreno o spinta elle terre ovuta a carichi/forze esterne permanenti o pressione irostatica, forze i percolazione con variabilità riotta o eformazioni che si avvicinano a un valore limitefissato 23/01/2014 Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 22

12 Azioni ovute all acqua e al terreno Azioni variabili = azioni i corta urata o con una variabilità elevata, quali: o spinta el terreno risultante a sovraccarichi esterni variabili (carichi o sforzi) o pressioni irostatiche e iroinamiche i forte variabilità o eformazioni che non tenono verso alcun valore limite 23/01/2014 Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 23 Azioni ovute all acqua e al terreno Azioni accientali = sono azioni caratterizzate a una grane intensità e una ebole probabilità i apparizione, come per esempio: o piena eccezionale (p.es. Rottura i una iga) o pressione iraulica estrema (p.es. Rottura i una conotta) 23/01/2014 Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 24

13 Azioni ovute all acqua e al terreno Le azioni el terreno comprenono la spinta el terreno, le pressioni irauliche, gli sforzi i taglio così come le eformazioni el suolo. In linea generale, queste azioni sono consierate come elle azioni permanenti. 23/01/2014 Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 25 4 Esempio i imensionamento: scarpata 5.0 m 5.0 m Superficie ella frana = 12.5 m m Superficie i rottura scelta Lunghezza L = 11.2 m 5 campioni per prove in laboratorio Fattore i sicurezza globale richiesto FS global = /01/2014 Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 26

14 Norma SIA 267: Geotecnica Calcoli i stabilità Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 1 2. Calcoli i stabilità 2.1 Basi teoriche Esempio i calcolo Esercizio i imensionamento per i partecipanti e iscussione 45 Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 2

15 2.1 Basi teoriche Verifica ella sicurezza strutturale Verifica ella rottura el terreno (SL tipo 3) Dimensionamento Metoi Situazioni i rottura eterminanti Verifica ella stabilità Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica Verifica ella sicurezza strutturale SIA 267, Cifra : La verifica ella sicurezza strutturale (rottura el terreno) è a effettuare secono lo Stato limite tipo 3 Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 4

16 2.1.2 Verifica ella rottura el terreno SL tipo 3 SIA 267, cifra : E R + R (267.19) E : somma ei valori i imensionamento elle forze i taglio agenti nel terreno Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica Verifica ella rottura el terreno SL tipo 3 SIA 267, cifra : E R + R (267.19) R : somma ei valori i imensionamento ella resistenza mobilizzabile nel terreno Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 6

17 2.1.2 Verifica ella rottura el terreno SL tipo 3 SIA 267, cifra : E R + R (267.19) R : somma ei valori i imensionamento i resistenze attrito introotte nel terreno a elementi resistenti Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica Verifica ella rottura el terreno SL tipo 3 SIA 267, cifra : Imprecisioni el moello i calcolo sono consierate con l introuzione el fattore parziale R. Stato limite tipo 3: R = => R 1 R F, X a R,, R Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 8

18 2.1.3 Dimensionamento: valori el terreno SIA 267, cifra : I valori caratteristici el terreno sono a consierare con il fattore parziale m. 1 X X m k Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica Dimensionamento: valori geometrici SIA 267, cifra : Il valore i imensionamento corrispone generalmente al valore caratteristico. Nei lavori i sterro sono possibili variazioni che possono essere consierate con un aumento o una riuzione ella misura geometrica a = a k ± a Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 10

19 2.1.3 Dimensionamento: carichi SIA 260, cifra : Alcune azioni possono aumentare le forze i taglio nel terreno. Queste sono a moltiplicare con il fattore parziale F. F = F F rep Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica Dimensionamento: effetti elle azioni SIA 267, cifra : Queste forze i taglio (= effetti elle azioni) sono a consierare con le caratteristiche el terreno, i valori geometrici e le azioni: E = E { F F rep, X, a } Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 12

20 2.1.3 Dimensionamento: resistenza el terreno SIA 267, cifra : La resistenza al taglio si compone elle azioni, elle resistenze supplementari (ancoraggi), ei ati geometrici e ei valori caratteristici el terreno 1 R R F, X, a R, Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica Dimensionamento: metoo i Fellenius Resistenze: R: somma ei momenti ovuti alla resistenza al taglio mobilizzabile Effetto elle azioni: E: somma ei momenti ovuti alle forze i taglio introotte Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 14

21 2.1.4 Dimensionamento: metoo i Fellenius Sono a consierare: Carichi el terreno Sovraccarichi (orizzontali e verticali) Forze i percolazione, risp. pressioni interstiziali Forze i sostegno come ancoraggi o chioi Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica Dimensionamento: metoo i Fellenius x T V S T G'+V H S S N N r G' N T S R E R G' V sin S cos c' l r H a G ' V cos S sin tan' r Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 16

22 2.2 Esempio i calcolo Presentazione el problema Verifica ei singoli conci (lamelle) Verifica el cerchio i rottura Ancoraggi Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica Presentazione el problema P 1 H a P 1 b r = 8.50 m Schicht P 2 A 10 Schicht Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 18

23 2.2.1 Presentazione el problema: caratteristiche el terreno strato 1: strato 2: e,k = 20 kn/m ' K = 28 c' K = 5 kn/m 2 e,k = 20 kn/m ' K = 32 c' K = 0 kn/m 2 Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica Presentazione el problema fattori parziali Parametro el terreno Peso volumico e,k = 1.0 Tangente ell angolo attrito interno tan ' k =1.2 coesione c' k c =1.5 m Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 20

24 2.2.1 Presentazione el problema: azioni Azioni Azioni permanenti, agenti sfavorevolmente F P 1G P 2G G = 1.0 Azioni variabili P 1Q H Q Q = 1.3 Carico el terreno, agente sfavorevolmente G G,Q = 1.0 Carico el terreno, agente favorevolmente G G,Q = 1.0 Forze i percolazione S G G = 1.0 (forze i percolazione variabili) (S Q ) Q = 1.3) Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica Verifica: peso proprio G N N G R T Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 22

25 2.2.2 Verifica: carichi T V V N N R Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica Verifica: forze i percolazione z 1 S G' T S T S N z 2 S G' N N R Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 24

26 2.2.2 Verifica: ancoraggi 10 A T A N A A N A A T Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica Verifica: cerchi i scivolamento Concio z z 1 z 2 x G G m m m m kn/m kn/m Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 26

27 2.2.3 Rottura el terreno senza ancoraggio E n i 1 G ' V sin S cos i i i i i i H a r R c x1 cosα 1 n G1 V1 cosα1 tan,1 G' i Vi cosαi Si sinα i βi tan,2 i2 Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica Rottura el terreno con ancoraggio E (A) E E (A) E A sin R (A) R R (A) R A cos tan Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 28

28 2.2.3 Rottura el terreno con e senza ancoraggio Gleitkreise nach er Methoe Fellenius, effektive Spannungen un Strömungsruck Lamelle Schichtstärke Auflast Horizontallast Anker Boen Ström ung Nachweise Breite x Neigung er Gleitfläche Schicht 1 Schicht 2 Vertikallast V (stänig) Vertikallast V G Vertikallast V (veränerlich) Vertikallast V Q Horizontallast H a/r Horizontallast H Q Ankerkraft A = P 0 Wichte G,Q Faktoren c R, R mo Wichte Einheit m m m kn/m kn/m kn/m kn/m kn/m - kn/m kn/m kn/m 2 kn/m 2 m kn/m 2 kn/m 2 kn/m 2 kn/m kn/m kn/m kn/m Lamelle Lamelle Lamelle Lamelle Lamelle Lamelle Lamelle Lamelle Lamelle Lamelle Tragfähigkeitsnachw eis mit Partialsicherheiten ohne Anker nicht erfüllt Tragfähigkeitsnachw eis mit Partialsicherheiten mit Anker erfüllt Neigungswinkel Kohäsion c' Reibungswinkel ' Kohäsion c' k Reibungswinkel ' k Neigung es GWSp Höhe es GWSp z Strömungsruck S Strömungsruck S N Strömungsruck S T E ohne Anker R ohne Anker E mit Anker R mit Anker Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica Rottura el terreno con e senza ancoraggio Nachw e is e E ohne Anker R ohne Anker E mit Anker R mit Anker kn/m kn/m kn/m kn/m Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 30

29 2.2.4 Ancoraggio Cfr. Le annotazioni sugli ancoraggi L ancoraggio necessario sarà teso con una forza corrisponente a P 0 Questa forza risulta alla seguente premessa: A = R = ( ) P 0 (SIA 267, cifra ) Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 31 Stabilità => esercizio i imensionamento Dati i partenza SIA SIA Fellenius: R c' l E R R R 1 R R F, X, a R, G ' V cos S sin Ancoraggio: R A r cos tan Con la SIA : A A P0 tan' r Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 32

30 Esercizio i imensionamento Come ev essere consierato R nel calcolo i stabilità? Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 33 Esercizio i imensionamento Affermazione 1: attraverso una riuzione ella resistenza R in ogni lamella? giusto falso a) alla parte sicura b) alla parte insicura Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 34

31 Esercizio i imensionamento Affermazione 2: attraverso la riuzione ell angolo attrito interno relativo? tan rep arctan R giusto falso a) alla parte sicura b) alla parte insicura Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 35 Esercizio i imensionamento Affermazione 3: attraverso l aumento i tutte le azioni con un fattore R? F giusto rep F R falso a) alla parte sicura b) alla parte insicura Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 36

32 Esercizio i imensionamento Affermazione 4: attraverso l aumento ella forza ancoraggio necessaria con un fattore R? A giusto erf A R falso a) alla parte sicura b) alla parte insicura Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 37 Esercizio i imensionamento Affermazione 5: attraverso la riuzione con R el braccio i leva r relativo alla resistenza R? r rrep R giusto falso a) alla parte sicura b) alla parte insicura Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 38

33 Esercizio i imensionamento soluzione: passo 1 passo 2 passo 3 passo 4 R 1 R R R R oer c' 1 c ', ', s r R c' R l ' s R c' R G ' V cos S sin, R ', c', ', s R s r R,, r R R r tan' r Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 39 Esercizio i imensionamento Affermazione 1 attraverso una riuzione ella resistenza R in ogni lamella? giusto falso a) alla parte sicura b) alla parte insicura Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 40

34 Esercizio i imensionamento Affermazione 2 attraverso la riuzione ell angolo attrito interno relativo? tan rep arctan R giusto falso a) alla parte sicura b) alla parte insicura Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 41 Esercizio i imensionamento Affermazione 3 attraverso l aumento i tutte le azioni con un fattore R? F rep F R giusto falso a) alla parte sicura b) alla parte insicura Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 42

35 Esercizio i imensionamento Affermazione 4 attraverso l aumento ella forza ancoraggio necessaria con un fattore R? A giusto erf A R falso a) alla parte sicura b) alla parte insicura Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 43 Esercizio i imensionamento Affermazione 5 attraverso la riuzione con R el braccio i leva r relativo alla resistenza R? r rrep giusto R falso a) alla parte sicura b) alla parte insicura Corso i applicazione ella norma SIA Geotecnica 44

36 Corso i postformazione SUPSI / SIA, Manno Corso introuzione sulla nuova norma SIA 267 Geotecnica Capitolo pareti i sostegno: Pareti a elementi verticali: esempio i targonata Pareti continue: esempio i palancolata Norma SIA 267 Geotecnica 1 Corso i postformazione SUPSI / SIA, Manno Contenuto Nuove efinizioni ella norma SIA 267 Ripetizione i alcune basi teoriche Esempio i targonata e esempio A i palancolata - Geometria - Moello el terreno con fala - Sifonamento (rottura i fono) - Distribuzione ei carichi - Calcolo e risultati Norma SIA 267 Geotecnica 2

37 Corso i postformazione SUPSI / SIA, Manno Nuove efinizioni ella norma SIA 267: valori caratteristici e i imensionamento I valori caratteristici possono essere efiniti, in moo semplificato, come valori probabili pruenti: quano p. es. esistono iversi valori i laboratorio ell angolo attrito compresi tra 30 e 33, il valore caratteristico è ca. 30 : φ k = 30 Valori i imensionamento sono: - valori moltiplicati con un fattore i carico γ Q, γ F, ecc. oppure - valori ivisi a un fattore i sicurezza γ M Norma SIA 267 Geotecnica 3 Corso i postformazione SUPSI / SIA, Manno Nuove efinizioni ella norma SIA 267: valori caratteristici e i imensionamento Secono le regole i imensionamento = stati limite, è possibile che - i parametri caratteristici el terreno, p. es. tan φ k = 30, siano ivisi per il fattore i sicurezza (stato limite tipo 3), oppure - la resistenza ultima sia calcolata con i valori caratteristici e in seguito la resistenza totale venga riotta (stato limite tipo 2) - che si moltiplichi o si ivia con un fattore 1, p. es. per la verifica ell efficienza funzionale. Tutti i valori i imensionamento portano l inice : p. es. φ Norma SIA 267 Geotecnica 4

38 Corso i postformazione SUPSI / SIA, Manno Nuove efinizioni ella norma SIA 267: Stati limite Per il calcolo i una parete i sostegno, secono la norma SIA 267, sono a verificare i seguenti stati limite: per la sicurezza al sifonamento, rispettivamente sollevamento: stato limite tipo 1 per il imensionamento ella parete: stato limite tipo 2 per la stabilità ella parete: stato limite tipo 3 efficienza funzionale Norma SIA 267 Geotecnica 5 Corso i postformazione SUPSI / SIA, Manno G sup S k Stato limite tipo 1 Per il sifonamento : G' (SIA 267 cifra e segg.) con: G EK = peso proprio caratteristico el terreno sotto la spinta Archimee S k = forza i percolazione caratteristica (pressione iroinamica) per terreni limosi e i sabbie fini: G,sup =1.6 per tutti gli altri terreni soggetti a sifonamento: G,sup =1.4 per tutti i terreni: G,inf = 0.9 G inf Norma SIA 267 Geotecnica 6

39 Corso i postformazione SUPSI / SIA, Manno Stato limite tipo 2 Per il imensionamento ella parete: E R (SIA 267 cifre e segg.) con: spinta passiva e attiva calcolata con i valori caratteristici ei paramentri el terreno. (SIA 267 cifre e segg.) E = valore i imensionamento i un effetto ell azione: spinta attiva al i sopra el fono ello scavo aumentata con γ Q = 1.35 (SIA 260 cifra ) e pressione ell acqua aumentata con γ F = 1.2 (SIA ) R = valore i imensionamento i una resistenza, p. es. momento plastico riotto con un coefficiente i γ M = 1.4 (SIA 267 cifre e segg.) Norma SIA 267 Geotecnica 7 Corso i postformazione SUPSI / SIA, Manno Stato limite tipo 3 Per una verifica ella stabilità: E R R (SIA 267 cifra 5.4.4) con: i valori caratteristici ei parametri el terreno sono riotti con il fattore parziale m secono la cifra il fattore parziale R varia a 1.0 a 1.2 (i regola 1.1) E = valore i imensionamento elle forze i taglio nel terreno R = valore i imensionamento ella resistenza al taglio el terreno R = somma ei valori i imensionamento i resistenza el terreno provocati a elementi resistenti (cifra ) Norma SIA 267 Geotecnica 8

40 Corso i postformazione SUPSI / SIA, Manno Efficienza funzionale Per l efficienza funzionale vale: E C (SIA 267 cifre 5.5 e e segg.) con: E = valore i imensionamento ell effetto i un azione C = valore limite i servizio Norma SIA 267 Geotecnica 9 Corso i postformazione SUPSI / SIA, Manno Nuove efinizioni ella norma SIA 267: azioni e effetto elle azioni azioni effetto elle azioni azioni livello i imensionamento sul terreno: nel terreno: sulla parete: (valori car.) (valori car.) (valori car.) (valori i im.) carichi peso proprio el terreno e ell acqua spinta elle terre pressione irost. carico come azione iretta spinta elle terre pressione irost. Q Carico Q spinta elle terre F pressione irost Norma SIA 267 Geotecnica 10

41 Corso i postformazione SUPSI / SIA, Manno Nuove efinizioni ella norma SIA 267: - valori i imensionamento ella resistenza - isequazione i verifica lato resistenza livello i imensionamento Valori i imensionemaneto ella reistenza R valori car.: carichi peso proprio el terreno resistenza el terreno Valori im.: 1/ M resistenza el terreno isequazione i verifica E R Norma SIA 267 Geotecnica 11 Corso i postformazione SUPSI / SIA, Manno Spinta elle terre su una palancolata (parte ell attrito) Spinta attiva secono Coulomb con k ah : triangolare trasformazione fino alla quota fono scavo con valori car. con un fattore i carico F Resistenza el terreno secono Caquot Kérisel con k ph : triangolare riurre con M con valori car Norma SIA 267 Geotecnica 12

42 Corso i postformazione SUPSI / SIA, Manno Spinta elle terre su una targonata (parte ell attrito) Spinta ativa secono Coulomb con k ah : fino alla quota el triangolare trasformazione fono scavo con un con valori car. fattore i carico F Resistenza secono Weissenbach o Streck con ω ph : triangolare con riurre con M valori car Norma SIA 267 Geotecnica 13 Corso i postformazione SUPSI / SIA, Manno Spinta attiva ovuta alla coesione e ah, k 2 c k ah e ahk trasformato e ah strato 1 c 1 = 0 strato 2 c 2 0 Q e ahk strato 3 c Norma SIA 267 Geotecnica 14

43 Corso i postformazione SUPSI / SIA, Manno Erruck infolge einer Auflast q v h = e ah,k e ah,k trasformato e ah, strato 1 q q k ah1 strato 2 q q k ah2 Q e ah,k strato 3 q q k ah Norma SIA 267 Geotecnica 15 Corso i postformazione SUPSI / SIA, Manno Flusso isotropo sotto una palancolata Linea i flusso: lo sviluppo completo ella palancola Potenziale: ifferenza i livello H H Caente piezometrico: i = H / L = piccolo L Forze i percolazione S: S = i W V = piccolo Norma SIA 267 Geotecnica 16

44 Corso i postformazione SUPSI / SIA, Manno Flusso anisotropo sotto una palancolata Linea i flusso : lo sviluppo ella palancola al lato scavo L int Potenziale: ifferenza i livello H H Caente piezometrico : i = H / L = piccolo Forze i percolazione S: S = i W V = grane L int Norma SIA 267 Geotecnica 17 Corso i postformazione SUPSI / SIA, Manno Flusso sotto una targonata La parete è aperta e può essere eseguita solo se la fala è abbassata Le forze i percolazione agiscono praticamente orizzantali e sono molto piccole. Bisogna consierare in ogni caso la spinta Archimee Norma SIA 267 Geotecnica 18

45 Corso i postformazione SUPSI / SIA, Manno Esempio i targonata Inicazioni generali Presentazione el problema Geometria Moello el terreno con fala Sifonamento (rottura i fono) Calcolo ella istribuzione ei carichi Calcolo e risultati Norma SIA 267 Geotecnica 19 Corso i postformazione SUPSI / SIA, Manno Inicazioni generali Nell esempio i targonata presentato sono stati verificati secono la norma SIA 267: Il caso i scavo completo Per il imensionamento ella parete: stato limite tipo 2 Per la verifica ell efficienza funzionale: la eformazione ella parete. Siccome la soluzione copre solo una fase i scavo, non bisogna consierare questa verifica come completa Norma SIA 267 Geotecnica 20

46 Corso i postformazione SUPSI / SIA, Manno Presentazione el problema: 2 strati con coesione con la fala H ancoraggi o p k =10 kn/m 2 (carico i terreno) limo 1 Ricercati: Lunghezza infissione Profilo (Deformazioni e sforzi) Forza ancoraggio A GWSP (int) t -? GWSP (est) sabbi a Norma SIA 267 Geotecnica 21 Corso i postformazione SUPSI / SIA, Manno Geometria e carichi p k =10 kn/m 2 (carico i terreno) carico 10 kn/m 2 H ancoraggi o limo 1 fono scavo a 6 m puntellazione a 2 m lunghezza stimata L = 8 m GWSP (aussen) GWSP (int.) t -? sabbia 2 Profilo stimato: HEA 300, battuto, ogni 2 m un montante E = kn/m 2 I = ½ m Norma SIA 267 Geotecnica 22

47 Corso i postformazione SUPSI / SIA, Manno Moello el terreno: strato 1 H GWSP (innen) t Anker ? p k =10 kn/m 2 (Erauflast) Siltig GWSP (aussen) San 1 2 Strato superficiale limoso spessore: 1 = 4 m pesi volumici: 1 = 19kN/m 3 1g = 20 kn/m 3 1 = 10kN/m 3 angolo attrito: 1 = 25 coesione: c 1 = 5 kn/m 2 coefficiente i spinta attiva per: = 2/3 : k 1ah =0.35 (Coulomb) permeabilità: k 1 =10-5 m/s Norma SIA 267 Geotecnica 23 Corso i postformazione SUPSI / SIA, Manno Moello el terreno: strato 2 H GWSP (innen) t Anker ? p k =10 kn/m 2 (Erauflast) GWSP (aussen) Siltig San 1 2 Sabbia: spessore : 2 = 10 m pesi volumici : 2 = 20 kn/m 3 2g = 21 kn/m 3 2 =8kN/m 3 angolo attrito : 2 = 30 coesione : c 2 = 0 kn/m 2 coefficiente i spinta attiva per : = 2/3: k 2ah =0.278 (Coulomb) coefficiente i spinta passiva per =-1/2 : ω 2ph =2.16 (Weissenbach) permeabilità : k 2 =10-3 m/s Norma SIA 267 Geotecnica 24

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

Catalogo isoweld Il sistema di fissaggio ad induzione. Nuovo

Catalogo isoweld Il sistema di fissaggio ad induzione. Nuovo Catalogo isowel Il sistema i fissaggio a inuzione Nuovo isowel l innovativo sistema i fissaggio a inuzione i SFS intec Il nuovo sistema isowel TM i SFS intec è un sistema i fissaggio a inuzione innovativo

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

OPERE DI SOSTEGNO determinare le azioni esercitate dal terreno sulla struttura di sostegno;

OPERE DI SOSTEGNO determinare le azioni esercitate dal terreno sulla struttura di sostegno; OPERE DI SOSTEGNO Occorre: determinare le azioni esercitate dal terreno sulla struttura di sostegno; regolare il regime delle acque a tergo del muro; determinare le azioni esercitate in fondazione; verificare

Dettagli

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni 1/58 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Corso di aggiornamento professionale Dott. Ing. Giulio Pandini IX Corso Università degli Studi di Bergamo - Facoltà di Ingegneria Dalmine 21 novembre

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A.

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. 10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. Il capitolo fa riferimento alla versione definitiva dell'eurocodice 2, parte 1.1, UNI EN 1992-1-1, recepito e reso applicabile in Italia dal DM del

Dettagli

SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO

SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO 1 (Ridis. con modifiche da M. De Stefano, 2009) 2 3 Concetto di duttilità 4 5 6 7 E necessario avere i valori di q dallo strutturista ( ma anche qo). Per

Dettagli

Montaggio su tetto piano

Montaggio su tetto piano Montaggio su tetto piano Avvertenze generali Con la crescente diffusione dei sistemi fotovoltaici, oltre a dimensioni elettriche, durata, tempi di garanzia ecc., anche i dettagli di montaggio assumono

Dettagli

175 CAPITOLO 14: ANALISI DEI PROBLEMI GEOTECNICI IN CONDIZIONI LIMITE

175 CAPITOLO 14: ANALISI DEI PROBLEMI GEOTECNICI IN CONDIZIONI LIMITE 175 ntroduzione all analisi dei problemi di collasso. L analisi del comportamento del terreno potrebbe essere fatta attraverso dei modelli di comportamento elasto plastici, ma questo tipo di analisi richiede

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Keywords: dighe a gravità in calcestruzzo, verifica sismica, metodi semplificati, programmi di calcolo. Autore: L. Furgoni, Relatore: Prof. C. Nuti,

Dettagli

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura Premessa Fra le strutture di legno, le capriate reticolari costituiscono un tipo di costruzione diffuso che sfruttano pienamente i vantaggi potenziali

Dettagli

Stefano Falorsi. di seconda e quinta elementare rispettivamente di numerosità e N. I test somministrati alle

Stefano Falorsi. di seconda e quinta elementare rispettivamente di numerosità e N. I test somministrati alle Nota metooogica sua strategia i campionamento e sistema nazionae i vautazione ee competenze per e cassi secona e quinta e primo cico ea scuoa primaria Stefano Faorsi. Obiettivi I Sistema Nazionae i Vautazione

Dettagli

Calcolo semplificato agli stati limite

Calcolo semplificato agli stati limite CARLO SIGMUND Calcolo semplificato agli stati limite PER STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO ACCIAIO LEGNO MURATURA @ SERVIZI GRATUITI ON LINE Questo libro dispone dei seguenti servizi gratuiti disponibili on

Dettagli

Corso di Laurea a ciclo Unico in Ingegneria Edile Architettura. Geotecnica e Laboratorio. Opere di sostegno

Corso di Laurea a ciclo Unico in Ingegneria Edile Architettura. Geotecnica e Laboratorio. Opere di sostegno Corso di Laurea a ciclo Unico in Ingegneria Edile Architettura Geotecnica e Laboratorio Opere di sostegno Prof. Ing. Marco Favaretti e mail: marco.favaretti@unipd.it website: www.marcofavaretti.net OBIETTIVI

Dettagli

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 Piano di manutenzione della parte strutturale dell opera Pag. 1 SOMMARIO 1 MANUALE D USO...3 1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 2 MANUALE DI MANUTENZIONE...3

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali

BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali Lezione n. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tenioni normali Determinazione elle configurazioni i rottura per la ezione Una volta introotti i legami cotitutivi, è poibile eterminare

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

Guide a sfere su rotaia

Guide a sfere su rotaia Guide a sfere su rotaia RI 82 202/2003-04 The Drive & Control Company Rexroth Tecnica del movimento lineare Guide a sfere su rotaia Guide a rulli su rotaia Guide lineari con manicotti a sfere Guide a sfere

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

INDAGINI IN SITO CAPITOLO 12. 12.1 Programmazione delle indagini

INDAGINI IN SITO CAPITOLO 12. 12.1 Programmazione delle indagini CAPITOLO 12 12.1 Programmazione delle indagini Ogni opera di ingegneria civile interagisce con una parte del sottosuolo, detta volume significativo. Il comportamento dell opera dipende, oltre che dai carichi

Dettagli

Calettatori per attrito SIT-LOCK

Calettatori per attrito SIT-LOCK Calettatori per attrito INDICE Calettatori per attrito Pag. Vantaggi e prestazioni dei 107 Procedura di calcolo dei calettatori 107 Gamma disponibile dei calettatori Calettatori 1 - Non autocentranti 108-109

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C Informazione tecnica Indice Caratteristiche 2 Vantaggi dei cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C 2 Tenuta e lubrificazione 2 Temperatura

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

Soluzioni Esercitazione VIII. p(t)dt = R

Soluzioni Esercitazione VIII. p(t)dt = R S. a Si ha Soluioni Esercitaione VIII PT > + ptt ptt perché pt per t u + perché

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05 NORME TECNICHE PER IL PROGETTO, LA VALUTAZIONE E L ADEGUAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI 1 OGGETTO DELLE NORME...7 2 REQUISITI DI SICUREZZA E CRITERI DI VERIFICA...8 2.1 SICUREZZA NEI CONFRONTI DELLA STABILITÀ

Dettagli

Riferimenti Iconografici

Riferimenti Iconografici Corso di Aggiornamento per Geometri su Problematiche Strutturali Calcolo agli Stati Limite Aspetti Generali 18 novembre 005 Dr. Daniele Zonta Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Strutturale Università

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

I NUMERI DECIMALI A. Osserva il bruco: è formato da 10 parti. Colora l intero bruco, 1 bruco.

I NUMERI DECIMALI A. Osserva il bruco: è formato da 10 parti. Colora l intero bruco, 1 bruco. I NUMERI DECIMALI A.Osserva il brco: è formato a parti. Colora l intero brco, 1 brco. Hai colorato s parti el brco, ieci ecimi el brco, cioè 1 brco. Ne poi colorare meno i no? Prova! B.Colora 2/ el brco.

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

Sommario. vengono riconosciuti. duttili. In. pareti, solai. applicazioni

Sommario. vengono riconosciuti. duttili. In. pareti, solai. applicazioni APPLICAZIONI INNOVATIVE CON MICROCA ALCESTRUZZI DUTTILI PER RINFORZII ED ADEGUAMENTI SISMICI Dario Rosignoli Stefano Maringoni Tecnochem Italiana S.p.A. Sommario Con gli acronimi HPFRC High Performancee

Dettagli

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA 1. La Forza Exercise 1. Se un chilogrammo campione subisce un accelerazione di 2.00 m/s 2 nella direzione dell angolo formante

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

dell affidabilità strutturale

dell affidabilità strutturale Metodiprobabilisticiper per lavalutazione dell affidabilità strutturale Obiettivo dell esercitazione: acquisire le conoscenze necessarie per applicare i metodi probabilistici (livello III, II e semi probabilistico)

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A.

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A. Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270 Relazione di fine tirocinio A.A. 2013-2014 Analisi Strutturale tramite il Metodo agli Elementi Discreti Relatore:

Dettagli

Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M.

Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M. Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M. 14 gennaio 2008 Con decreto ministeriale 14 gennaio 2008, pubblicato nella

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

Capitolo 7 TRAVI COMPOSTE ACCIAIO-CALCESTRUZZO 7 COSTRUZIONI IN ACCIAIO-CALCESTRUZZO. 7.1 Principi generali. 7.1.1 Premessa BOZZA

Capitolo 7 TRAVI COMPOSTE ACCIAIO-CALCESTRUZZO 7 COSTRUZIONI IN ACCIAIO-CALCESTRUZZO. 7.1 Principi generali. 7.1.1 Premessa BOZZA BOZZA Capitolo 7 TRAVI COMPOSTE ACCIAIO-CALCESTRUZZO 7 COSTRUZIONI IN ACCIAIO-CALCESTRUZZO 7.1 Principi generali 7.1.1 Premessa Con il nome di strutture composte acciaio-calcestruzzo vengono indicate usualmente

Dettagli

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE 7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove opere soggette anche all azione sismica. Le sue indicazioni sono da considerare aggiuntive

Dettagli

John Ruskin (1819-1900) 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042. A1foro.

John Ruskin (1819-1900) 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042. A1foro. 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042 TRASPORTATORI LEGGERI Non è saggio pagare troppo. Ma pagare troppo poco è peggio. Quando si paga troppo si

Dettagli

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ]

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ] ezione n. 6 e strutture in acciaio Verifica di elementi strutturali in acciaio Il problema della stabilità dell equilibrio Uno degli aspetti principali da tenere ben presente nella progettazione delle

Dettagli

Valore caratteristico EC7

Valore caratteristico EC7 Procedura da adottare - Azioni (E) Valore caratteristico EC7 Per le combinazioni delle azioni si rimanda a quanto detto ampiamente in precedenza. Resistenze (Rd) del sistema geotecnico Il valore di progetto

Dettagli

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti Convegno CRITICITÀ DELLA PROGETTAZIONE TERMICA E ACUSTICA DEGLI EDIFICI IN RAPPORTO ALLE PRESCRIZIONI STRUTTURALI ANTISISMICHE Saie 2009, Sala Topazio, Sabato 31 ottobre ore 9.00 PRESCRIZIONI ANTISISMICHE

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE TOP SOL TOP BRIDGE E S S E D I V I S I O N E INFRASTRUTTURE E D INF IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI giulianedmp SOLUZIONI COSTRUTTIVE PER L EDILIZIA giulianedmp TOP SOL / TOP BRIDGE Impalcati

Dettagli

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto.

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto. Esercizio 1 Una pietra viene lanciata con una velocità iniziale di 20.0 m/s contro una pigna all'altezza di 5.0 m rispetto al punto di lancio. Trascurando ogni resistenza, calcolare la velocità della pietra

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003

ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003 ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003 Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per

Dettagli

Edifici in muratura in zona sismica

Edifici in muratura in zona sismica Collegio dei Geometri e dei Geometri Laureati Reggio Emilia - 26 novembre 2010 Edifici in muratura in zona sismica Dott. Ing. Nicola GAMBETTI, Libero Professionista EDIFICI IN MURATURA IN ZONA SISMICA

Dettagli

Sistema FS Uno Istruzione di montaggio. 1 Generalità 2. 2 Palificazione 3. 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4. 4 Elenco dei componenti 6

Sistema FS Uno Istruzione di montaggio. 1 Generalità 2. 2 Palificazione 3. 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4. 4 Elenco dei componenti 6 Sistema FS Uno Istruzione di montaggio CONTENUTO Pagina 1 Generalità 2 2 Palificazione 3 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4 4 Elenco dei componenti 6 5 Rappresentazione esplosa del sistema

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4

Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4 1. Descrizione della struttura portante Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4 terrazzamenti delimitati da preesistenti muri di sostegno. L edificio è suddiviso

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

[MURI DI SOSTEGNO E STRUTTURE MISTE]

[MURI DI SOSTEGNO E STRUTTURE MISTE] I Quaderni Commissione Interregionale NTC Revisione scientifica: Prof. Eros Aiello Con il patrocinio del Consiglio Nazionale dei Geologi L. Bonioli U. De la Pierre [MURI DI SOSTEGNO E STRUTTURE MISTE]

Dettagli

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 ISOLATORI ELASTOMERICI ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 INTRODUZIONE CERTIFICAZIONI Nel 1992 FIP Industriale ha ottenuto la certificazione CISQ-ICIM per il Sistema di Assicurazione Qualità in conformità

Dettagli

CAPI P T I O T L O O 1. OGGETTO

CAPI P T I O T L O O 1. OGGETTO CAPITOLO 1. OGGETTO 2 CAPITOLO 1 1. OGGETTO Le presenti Norme tecniche per le costruzioni definiscono i principi per il progetto, l esecuzione e il collaudo delle costruzioni, nei riguardi delle prestazioni

Dettagli

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica 1 Ambito operativo e inquadramento normativo Tenuto conto del rilevante impatto che gli eventi sismici,

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA ISTITUTO DI EDILIZIA ISTITUTO DI SCIENZA E TECNICA DELLE COSTRUZIONI TESI

Dettagli

www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche

www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche ANALISI CINEMATICA DEI CORPI RIGIDI 8.7.1 COSTRUZIONI IN MURATURA (D.M. 14/01/2008) Nelle costruzioni

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE N NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI elastico e resistenza a trazione, per il riempimento degli scavi effettuati nel

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

Sistema per il Ripristino delle Strutture Interrate PRODOTTI PER IMPERMEABILIZZARE

Sistema per il Ripristino delle Strutture Interrate PRODOTTI PER IMPERMEABILIZZARE Sistema per il Ripristino delle Strutture Interrate PRODOTTI PER IMPERMEABILIZZARE Il Ripristino DELLE Strutture Interrate NIDI DI GHIAIA E DISTANZIATORI PLASTICI RIPRESE DI GETTO Strutture Interrate RIPRESE

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

Resistenza a compressione (EN 196-1) 80 N/mm 2 Resistenza a flessione (EN 196-1) 17 N/mm 2 Densità 1,65 Kg/dm 2

Resistenza a compressione (EN 196-1) 80 N/mm 2 Resistenza a flessione (EN 196-1) 17 N/mm 2 Densità 1,65 Kg/dm 2 MIT-SE Plus 300 e 400 Ancorante Chimico Strutturale Vinilestere/Epossiacrilato certificato ETA/CE DESCRIZIONE Mungo MIT-SE Plus è un ancorante chimico strutturale ad alte prestazioni e rapido indurimento,

Dettagli

Progetto di un edificio in muratura con alcuni elementi portanti in c.a. per civile abitazione

Progetto di un edificio in muratura con alcuni elementi portanti in c.a. per civile abitazione DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA MECCANICA E STRUTTURALE FACOLTÀ DI INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GEOMETRI SU PROBLEMATICHE STRUTTURALI Verona, Novembre Dicembre 2005

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA

INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA OPERE PROVVISIONALI CRITERI GENERALI Le opere di pronto intervento hanno lo scopo di garantire condizioni di sicurezza nelle strutture oggetto

Dettagli

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A.

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A. Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. SRZO n. ata la travatura reticolare piana triangolata semplice illustrata in Figura, determinare gli sforzi normali nelle

Dettagli

Costruzioni in c.a. Progettazione e adeguamento delle strutture

Costruzioni in c.a. Progettazione e adeguamento delle strutture Corso di formazione in INGEGNERIA SISMICA Verres, 11 Novembre 16 Dicembre, 2011 Costruzioni in c.a. Progettazione e adeguamento delle strutture Alessandro P. Fantilli alessandro.fantilli@polito.it Verres,

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne DESCRIZIONE DI-CLASS è un sistema composito a base resina caratterizzato da elevata flessibilità di intervento ed

Dettagli

Barriere flessibili contro le frane superficiali di versante: la soluzione vantaggiosa contro i pericoli naturali.

Barriere flessibili contro le frane superficiali di versante: la soluzione vantaggiosa contro i pericoli naturali. Barriere flessibili contro le frane superficiali di versante: la soluzione vantaggiosa contro i pericoli naturali. Barriere flessibili di protezione contro le frane superficiali in pendii instabili: -

Dettagli

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER ANALISI PUSHOVER - Analisi sismica Statica Lineare - Analisi sismica Dinamica Lineare - Analisi sismica Statica Non Lineare - Analisi sismica Dinamica Non Lineare Con il nome di analisi PUSH-OVER si indica

Dettagli

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi www.metrawindows.it THEATRON Linea GLASS Sistemi per Balconi METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli