UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA POLO DI LA SPEZIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA POLO DI LA SPEZIA"

Transcript

1 UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA POLO DI LA SPEZIA Relatore: Dott. Gian Carlo Canese Studente: Daniele Bilotti Matr Correlatore : Dott.ssa Giovanna Rizzo Anno Accademico

2 INDI CE INDICE Ringraziamenti Prefazione Introduzione Pag. 3 Pag. 5 Pag. 6 Capitolo Primo Evoluzione storica delle funzioni infermieristiche e legislazione Pag Evoluzione infermieristica storica Pag Evoluzione legislazione infermieristica Pag Capitolo Secondo Pag. 356 Responsabilità infermieristiche ed errore terapeutico 3. Capitolo terzo Pag. 55 Farmaco e sue somministrazioni 3.1. Farmaco, farmacocinetica ed i loro effetti Pag Assorbimento e vie di somministrazione ( Pag. 64 pregi e difetti) 3.3 La terapia Pag La terapia orale Pag Capitolo Quarto Pag. 81 governo clinico e clinical pathways 4.1 Il Governo clinico. Pag Clinical pathways Pag Capitolo Quinto Pag. 110 Educazione terapeutica nella somministrazione del farmaco Conclusioni Pag. 142 Allegati Bibliografia Pag.147 Pag.159 Sitografia Pag

3 Ringraziamenti Prima di tutti voglio ringraziare Dio. Illuminandomi mi Ha dato l' opportunità di percorrere questo stupendo cammino che oggi, infine, mi ha portato a scrivere e discutere questa Tesi Universitaria. Lo ringrazio per avermi dato l' occasione di entrare nel cuore dei pazienti e Ringrazio perché ognuno di loro sono allo stesso tempo rimasti nel mio cuore. Ringrazio i miei strepitosi genitori Gerardo e Michelina che mi hanno sostenuto con anima, cuore mente ed anche in maniera economica, per far si che completassi gli studi. Ce l' ho messa tutta per non deludervi, essere orgogliosi di me e comunque non sarà solo una vita abbastanza lunga per potervi dire grazie... Ringrazio di cuore il mio Direttore Universitario, nonché Relatore di Tesi: il Dott. Gian Carlo Canese che con cuore di padre ci ha cresciuto, inculcandoci lo spirito della professione infermieristica. Le Tutors : Daniela Corbari e Maria Zermira Monti che con la loro professionalità e simpatia ci hanno stimolato e educato durante tutto il nostro percorso formativo. Soprattutto voglio ringraziare in modo del tutto speciale la mia Tutor, la dott.ssa. Giovanna Rizzo, mi ha insegnato molto trasmettendomi tanta della sua esperienza oltre che della propria professionalità. 3

4 Ringrazio il mio grande amico, l' Ing: Giovanni Bonanini. E tutti i miei Compagni di corso per l amicizia donatomi in questo percorso di studi insieme Grazie a tutti coloro che hanno creduto in me.. PREFAZIONE 4

5 L assistenza è un arte; e, se deve essere realizzata come un arte, richiede una devozione totale ed una dura preparazione, come per qualunque opera di pittore o scultore; con la differenza che non si ha a che fare con una tela o un gelido marmo, ma con il corpo umano, il tempio dello spirito di Dio. E una della belle Arti Anzi, la più bella delle Arti Belle Florence Nightingale INTRODUZIONE 5

6 Uno dei perni centrali che rientrano nella professione Infermieristica è la gestione e somministrazione del farmaco. Lo definisco perno centrale perché è un' attività molto delicata che porta a dei rischi molto seri sia per l operatore che per il paziente coinvolto. Ovvero: uno sbaglio qualsiasi può creare un danno al paziente, o ancora peggio mettere in serio pericolo la vita dello stesso. Come tale, questo errore, fa gravare sul' infermiere durante la somministrazione della terapia, un altissimo grado di responsabilità portando con se tutte le complicanze del caso. Tale grado è ovviamente regolato e disciplinato da norme ben precise che chiariscono in maniera netta la responsabilità che ha l' infermiere sotto gli aspetti di ordine penale, civile e disciplinare in caso di errore durante la somministrazione del farmaco oltre alla gestione anche le relative modalità di conservazione. Infatti il rischio farmacologico, preoccupa a livello sia nazionale che internazionale tutto il personale sanitario. Come rileva un articolo su Medscape 1 dove analizza i dati più recenti e cerca di fare un punto della situazione. Già nel 1999 l Institute of Medicine statunitense aveva pubblicato un 1 Medscape è una risorsa web per i medici e altri professionisti della salute 6

7 rapporto secondo il quale si registrano negli USA circa 7000 decessi l anno per errori di somministrazione dei farmaci. Successivamente il rapporto del 2006 ha mostrato che la situazione non è affatto migliorata da allora 2. In Italia il tema è stato ripetutamente segnalato e monitorato dalla Società Italiana di Farmacia Ospedaliera (SIFO), che all'argomento ha tra l'altro dedicato un convegno lo scorso autunno, durante il quale si è deciso di investire a fondo per garantire una sempre maggiore sicurezza. Per la precisione, non solo in ospedale si verificano episodi di errori di somministrazione dei farmaci, ma a volte gli stessi pazienti sbagliano nella auto-somministrazione del farmaco. Matthew Grissinger 3, esperto in analisi della sicurezza in medicina, 2 Hahn KL. The Top 10 drug errors and how to prevent them. Medscape Matthew Grissinger, RPH, FASCP Direttore, Programmi Segnalazione errori. Matthew Grissinger ha una vasta esperienza in assistenza a lungo termine, di assistenza domiciliare, comunità e farmacia (http://www.ismp.org/about/staff.asp) 7

8 ha identificato i farmaci maggiormente coinvolti in errori da parte dei pazienti, il cui uso errato li porta ogni anno a numerose visite al pronto soccorso. Esempio: insulina, anticoagulanti, amoxicillina, aspirina, trimethoprim-sulfametoxazolo, paracetamolo, ibuprofene, cefalexina e penicillina. Sovradosaggi non intenzionali causano il 40 per cento delle visite al pronto soccorso dovute a errori di assunzione di farmaci, seguiti dagli effetti collaterali e dalle reazioni allergiche. Gli errori più comuni sono: assumere dosaggi sbagliati o in orari sbagliati, dimenticare di prendere il farmaco, interrompere deliberatamente la terapia. Addirittura alcuni sbagliano di netto il farmaco assumendo un farmaco al posto di un' altro o addirittura due volte lo stesso. In ospedale La somministrazione della terapia è effettuata dagli 8

9 Infermieri che sotto prescrizione medica somministrano il farmaco al paziente. Praticamente questi operatori sono il trait d' union che unisce la terapia prescritta dal medico al paziente. Ma non è così semplice come si potrebbe pensare. Infatti spesso i ritmi frenetici della corsia, la troppa burocrazia, i tempi ristretti che si possono creare in seguito ad una emergenza, sempre in agguato in un reparto e la mancanza di personale, ridotto sempre al minimo per ridurre i costi, portano l' infermiere ad uno stato di stress e deconcentrazione che alzano in maniera esponenziale il rischio di errori clinici. Comunque guardiamo più affondo quali sono le medicazioni "incriminate" somministrate in ospedale: insulina, morfina, cloruro di potassio, albuterolo, eparina, vancomicina, cefazolina, paracetamolo, warfarin, furosemide. 9

10 Tra gli errori che vengono commessi in corsia, tra i più comuni possono essere inclusi: lo scambio di farmaci con confezioni simili ( vedi il ckl), confondere farmaci diversi ma con nomi somiglianti, errori nello scrivere e nel leggere le abbreviazioni delle unità di misura delle dosi... Talvolta gli errori possono essere imputabili a prescrizioni scritte a mano con una grafia poco comprensibile, ad etichette ambigue o a personale non adeguatamente preparato. Oltre ai precedenti fattori in grado di aumentare gli errori in corsia, possiamo prendere in esami altri passaggi chiave in cui si può verificare un errore. E sono: acquisizione di informazioni sul paziente e/o su uno specifico farmaco, comunicazione tra operatori sanitari e con i pazienti, confusione creata da etichette, confezioni e nomi dei farmaci, conservazione e distribuzione dei farmaci, somministrazione, eccessiva lunghezza dei turni, competenza dello staff, livello di educazione terapeutica del paziente, qualità dei sistemi di controllo (identificazione degli errori, ed analisi e interventi per ridurli). Esistono anche fattori ambientali che possono incidere e sono: scarsa illuminazione, rumore, interruzioni. In alcuni casi gli errori possono essere evitati con un passaggio in più 10

11 tra la prescrizione e la somministrazione, ad esempio con una richiesta di conferma da parte del farmacista al medico che ha scritto la prescrizione. Una corretta comunicazione è, infatti, un fattore determinante: abbreviazioni, calligrafie illeggibili, ordini verbali e ambigui, problemi in prescrizioni via fax o via computer, o addirittura telefoniche, sono tutte fonti di possibili incomprensioni e quindi di errore. Un altro modo di prevenire possibili errori, secondo l opinione di Henry Cobb 4, è tentare di ridurre il carico di stress dei farmacisti ospedalieri, il cui numero è spesso insufficiente. Identificazione delle fonti di stress, risposte anticipate, sistemi di supervisione e feedback e personale competente e numericamente adeguato possono ridurre il numero di errori dovuti ad accumulo di ordini, confusione e orari non stop. 4 Professore associato del College of Pharmacy della University of Georgia, 11

12 CAPITOLO PRIMO 1.1 evoluzione infermieristica storica. Un popolo che ignora il proprio passato non saprà mai nulla del proprio presente. 5 L' Infermieristica è una disciplina scientifica, che per essere chiamata con l aggettivo scienza, deve rispondere e soddisfare i cinque requisiti che una materia deve avere, proprio per essere nominata scienza. Questi requisiti sono: 1) Campo di studio. 2) Metodo. 3) Scopo, 4) Campo di applicazione. 5) Ragione storica di esistere. Perciò, applicando queste voci alla Materia Infermieristica, si può notare che queste trovano facilmente una risposta. Nello specifico l' infermieristica ha come campo di studio l' Uomo, il metodo si basa sul processo di assistenza, per quanto riguarda lo scopo è rendere la persona autonoma, identificando e soddisfacendo i bisogni della persona mediante un processo educativo. 5 Frase di Indro Montanelli 12

13 Il campo di applicazione è ovviamente l' ambiente di vita e ultimo ma non meno importante è la ragione storica di esistere. Infatti l' infermiere è sempre stato presente nella storia e ha sempre avuto una ragione storica per esistere; anche se non' è del tutto vero che l' infermiere è sempre esistito. Più correttamente è il processo assistenziale che è sempre esistito, fin dai tempi dell' uomo primitivo, 6 dove la donna curava i figli e l' uomo ferito che tornava dalla caccia. Successivamente si parla di assistenza con il popolo egizio che addirittura nella loro cultura medica mettevano in atto ed eseguivano i primi interventi chirurgici che ovviamente venivano erogati solo alle persone più ricche o ai Faraoni, lo stesso valeva per l' assistenza di 6 R. F. Craven, C. J. Hirnle Principi Fondamentali dell assistenza infermieristica Casa ditrice Ambrosiana

14 base 7. L' evoluzione dell'assistenza continua ed arriviamo nell antica Grecia dove esistevano luoghi di cura di gran bellezza naturale, dove erano prestate cure, solo a persone facoltose, in grado di affrontare le spese. Queste cure venivano erogate nelle IATERIA o IATERION 8. Questi, erano luoghi favolosi, costruiti in mezzo alla natura, dove i sacerdoti e i medici, usavano come farmaco filtri di erbe mediche, guarivano le persone ricche liberandole dai demoni che infliggevano loro malanni. Nel concetto greco della malattia è sempre stato rivelato la differenza dall aspetto fisico del corpo e quello spirituale voluto dagli dei. Anche se la nascita del pensiero scientifico si può far risalire alla comparsa delle prime scuole mediche in Italia (Scuola di Crotone e Scuola di Sicilia), è in Grecia che avviene la completa e definitiva 7 G. Armocida B. Zenobio Storia della medicina Biblioteca Masson E. Manzoni Storia e filosofia dell assistenza infermieristica Masson

15 emancipazione del medico sul sacerdote con la costituzione del concetto di "clinica". Nell'antica Grecia la medicina veniva praticata nei Ginnasi 9, nelle Palestre e negli jatreia: il ginnasio era il luogo in cui i giovani venivano formati culturalmente e fisicamente, mentre nella palestra si allenavano gli atleti veri e propri. L'uno e l'altra consentirono un certo sviluppo della chirurgia in seguito alle non infrequenti lesioni in cui gli atleti incorrevano nell'esecuzione degli esercizi fisici 10. Tutti coloro che lavoravano in queste strutture avevano conoscenze abbastanza approfondite di traumatologia e massoterapia; i medici, che solitamente visitavano in strutture pubbliche o private (jatreia), venivano chiamati dal ginnasiarca solo nei casi più gravi. Ora si passa ad un periodo storico molto complicato quanto importante che riguarda il Medioevo. In questo periodo si registrarono importanti segnali di una progressiva specializzazione dell arte medica. Si cominciarono a creare i primi rifugi per derelitti e forestieri chiamati xenodochia e vennero create le prime infermerie chiamate nosocomia nelle quali si prestavano cure agli ammalati. 11 Questi erano i primi abbozzi degli ospedali inizialmente collegati ai monasteri e poi progressivamente diventarono autonomi. Nello stesso periodo nacquero le Misericordie associazioni di 9 G. Armocida B. Zenobio Storia della medicina Biblioteca Masson C. Calamandrei L assistenza infermieristica Storia, teoria, metodi NIS G. Armocida B. Zenobio Storia della medicina 15

16 volontariato di impronta cristiana impegnate nel soccorso dei cittadini. Progressivamente però, si determina una carenza numerica di religiosi: suore e frati, furono richiamati nei monasteri dalle regole rigide del loro ordine. Diventa necessario, ora più che mai, l impiego di personale laico pagato con un misero compenso, quindi vengono reclutati ex carcerati, prostitute e povera gente. L assistenza decade a livelli vergognosi e malati appoggiati su pagliericci sporchi, insieme ad altri, persino di sesso e patologia diversa. I santi riformatori dell assistenza sono i primi a credere che l assistenza, cosi come concepita, non basti più, serve un assistenza specifica: l' assistenza infermeristica. 16

17 Questi santi sono: Giovanni Ciudad nato nel 1495 morto ex soldato di ventura, giocatore, vagabondo è quasi messo a morte con l accusa di rapina. Provo di persona, rinchiuso in un manicomio, quanto fu il degrado organizzativo, e com erano trattati i malati di mente, egli cerco di migliorare l aspetto della gestione organizzativa dell assistenza,facendo dormire i pazienti in letti puliti, migliorando l alimentazione in modo piu appropriato, i modi delle degenza, istituendo corsie e dividendole per patologia e sesso. Miglioro il trattamento nei manicomi, prese il nome di Giovanni di Dio e fondo la confraternita dei Fatebenefratelli. Camillo De Lellis ( ). Anch' esso era un soldato di ventura, manigoldo,attaccabrighe. Fu ferito in battaglia e come esito gli rimase una piaga cronica 12. Nel suo girovagare si rivolse al convento di San Giovanni Rotondo, dove fu curato con molta dedizione e amorevolmente dai frati. Li ringrazio e ritorno alla sua vita di sempre. Torno a Roma, dopo poco tempo la piaga si riaprì, rincontrata 12 E. Manzoni Storia e filosofia dell assistenza infermieristica Masson 17

18 l incuria nell ospedale in cui era ospite,capì quanto lavoro bisognasse fare e quanto fosse importante dedicarsi al malato. Volle far assistenza presso l ospedale San Giacomo degli incurabili per porsi al servizio dei malati per solo amor di Dio. Vincenzo De Paoli ( ). Francese, fu grande innovatore dell assistenza, devoto del Papa, durante un suo viaggio fu ferito e si accorse di quanto degrado ci fosse e di come tristemente erano trattati i malati. Lottò per migliorare le cure, all interno degli ospedali, ma era convinto che bisognasse farlo dando soprattutto rispetto all uomo nel suo ambiente naturale. Sacerdote convinto si dedicò alla carità. Ora si comincia a parlare di assistenza in un periodo storico che parte dal 1700 fino ai giorni nostri dove si nota come l' evoluzione dell' assistenza abbia fatto un passo enorme e come si è capito che l' assistenza infermieristica non debba essere effettuata da persone normali ignoranti in materia, ma che serve una figura specializzata che prenda in mano l' intera assistenza del paziente. Questa figura è l' Infermiere. Nel 700 la popolazione in Europa è 18

19 influenzata da una corrente di pensiero chiamata ILLUMINISMO 13 che si propone di liberare l umanità dal peso delle credenze e abolisce i privilegi del clero, rende piu efficace l amministrazione dello stato. Le concezioni illuministiche investono anche il settore dell assistenza e alla carità cristiana si sostituisce una solidarietà laica fondata sulla ragione. Si da importanza alle esigenze igieniche, si costruiscono ospedali con padiglioni separati, ben illuminati e arieggiati. Gli ospedali grazie ai progressi della medicina diventano luoghi di cura veri e propri. Le infermiere vengono considerate delle domestiche, il compito principale consiste nelle pulizie, tutto viene gestito dalla Capo Infermiera che diventa la padrona di casa; nello stesso tempo esiste la studio da parte dei medici del corpo umano, con sperimentazione sull uomo soprattutto sul malato di mente. Ma negli ospedali regna il caos, personale non qualificato, il disinteresse, il lucro sono sovrani. FLORENCE NIGTHGALE Appartiene ad una famiglia ricchissima inglese, nasce a Firenze, e 13 C. Calamandrei L assistenza infermieristica Storia, teoria, metodi NIS Gilbert Sinoué Titolo: La signora della lampada 19

20 grazie agli insegnamenti del padre ed al suo impegno ottiene un istruzione completa. Animata da una profonda fede religiosa, identifica l assistenza agli ammalati come un modo per rendersi utile al prossimo, fortemente contrastata in questo dalla famiglia e dal proprio ambiente sociale per la cattiva reputazione delle infermiere del tempo. Fond nel 1860 la prima scuola per infermiere al Saint Thomas Hospital. Fonda la concezione della moderna Assistenza infermieristica. L'assistenza infermieristica è l uso adeguato dell aria fresca, della luce, della pulizia, del calore, della tranquillità e della giusta scelta nella somministrazione della dieta. Tutto con la minor spesa di energia da parte dell ammalato 15. Negli USA, fino al 1870 l assistenza era gestita in un modo orribile, i malati vivevano in luoghi malsani, tre in due letti, assistiti da carcerate o da prostitute senza alcuna cognizione d assistenza. Fu questo il motivo che spinse alcune infermiere della scuola Florence Nightingale ad aprire e dirigere scuole di Formazione infermieristiche. Adelaide Nutting 16 fu la prima infermiera chiamata ad insegnare alla Columbia University di New York, mentre Isabella Hampton 17 si dedicò alle scuole di formazione ospedaliere.(norme igiene). In Italia subito dopo l unificazione del Regno, abbiamo una nazione povera, dove la situazione nei grandi ospedali era disastrosa, la preparazione infermieristica era inesistente. 15 Dal libro: Notes on Nursing: What it is and What it is Not di FLORENCE NIGTHGALE

21 L organizzazione seguiva ancora il codice napoleonico oppure le regole dei vari ordini religiosi, che venivano impiegati negli ospedali per consuetudine o per convenienza: le suore costavano molto meno del personale laico ed erano apprezzate per la loro disciplina. Partendo già dall epoca fascista dove la formazione infermieristica viene regolata a livello nazionale. Nel 1959 gli infermieri riescono ad ottenere con una legge dello stato la n l istituzione dei Collegi IP.AS.VI. Enti di diritto a tutela della professione. Negli anni 60' con l arrivo delle tecnologie arrivano anche le specializzazioni. Si promuove la formazione universitaria e nascono le Scuole Speciali per Dirigenti dell Assistenza Infermieristica. Nel 1971 con la legge 124 anche gli uomini possono accedere alla professione, chiusura delle scuole convitto. Nel 1974 D.P.R. 225 Mansionario, eliminato dalla 42/ Con la legge 341/90 gli infermieri hanno ottenuto il D.U. in Scienze Infermieristiche. Anno accademico parte il primo corso di laurea in Infermieristica. Voglio inoltre precisare che l' evoluzione e la ricerca di un' assistenza è maturata sopratutto in campo bellico. 18 Benci L, Aspetti giuridici della professione infermieristica, III ed, Mc Graw Hill,

22 Infatti nei tempi antichi l unico esercito a vantare una vera e propria struttura di soccorso organizzata fu quello romano dove l assistenza ai feriti avveniva direttamente sul campo di battaglia poiché il medico aveva in dotazione anche cassette di Pronto Soccorso contenente bende strumenti chirurgici e linimenti Nel Medioevo. In epoca Napoleonica il Barone Jean Dominique Larrey ebbe l intuizione di organizzare un sistema di ambulanze volanti per permettere il trattamento rapido dei feriti sul campo di battaglia e un loro eventuale trasporto verso gli ospedali da campo. Durante la Prima Guerra Mondiale, ed in seguito nelle guerre di Corea e Vietnam, i medici militari si lamentarono dell inefficacia di evacuazione ed assistenza immediata ai feriti Evoluzione legislazione infermieristica 20 Come abbiamo già citato nel precedente sottocapitolo, l' evoluzione storica assistenziale fa nascere la necessità di attribuire la stessa a personale qualificato e specializzato cioè la figura dell' infermiere (nurse). Per fare ciò, comunque, nasce il bisogno di creare nuove leggi in grado regolamentare la formazione l' assistenza e la tutela sul lavoro infermieristica. 19 E. Manzoni Storia e filosofia dell assistenza infermieristica Masson Benci L, Aspetti giuridici della professione infermieristica, III ed, Mc Graw Hill,

23 Inizialmente abbiamo visto che nel 1959 gli infermieri che prima non erano tutelati da nessuno, riescono ad ottenere con una legge dello stato: la n l istituzione dei Collegi IP.AS.VI. che sono enti di diritto a tutela della professione infermieristica. Nel 1960 arrivano le prime tecnologie e con esse nascono le prime specializzazioni infermieristiche. Inoltre si promuove la formazione universitaria e nascono le Scuole Speciali per Dirigenti dell Assistenza Infermieristica. Nel 1971 con la legge 124 anche gli uomini, possono accedere alla formazione e successivamente praticare la professione. Di conseguenza, quindi, c' è stata la chiusura delle scuole convitto dove erano ammesse solo donne. Esempi di una scuola convitto: fu aperta nell ospedale Santo Spirito una delle sedi della scuola Convitto San Vincenzo De Paoli, con sede provinciale presso il San Camillo e facente capo agli Ospedali Riuniti di Roma. 23

24 Nel 1974 D.P.R. 225 Mansionario, eliminato dalla 42/ Con la legge 341/90 gli infermieri hanno ottenuto il D.U. in Scienze Infermieristiche. Anno accademico parte il primo corso di laurea in Infermieristica. Prima di vedere nel dettaglio ed in ordine, dalla prima alla più recente le grandi leggi che hanno cambiato e disciplinato la professione sanitaria del' infermiere voglio riportare un articolo scritto da Willem Tousjin, 22 nella rivista di diritto delle professioni sanitarie, 4, Riportato anche da Luca Benci nel' L evoluzione dell autonomia e della responsabilità giuridica dell infermiere e dell ostetrica, dove Willem Tousjin ci mette davanti ad una verità che tutti sapiamo ma che abbiamo paura di riconoscere. Scorrendo nelle lettura dell' articolo ci si crea nella mente un' idea generale ma concreta di come l' evoluzione di una professione sanitaria sia stata e lo è ancora oggi molto contrastata. La caratteristica peculiare è la posizione assolutamente dominante assunta sull intero settore dalla professione medica. Nei settori in cui operano le altre professioni intellettuali, come il diritto o l ingegneria-architettura, non esiste nulla di simile alla dominanza che la professione medica ha esercitato, a partire dalla 21 Manuale giuridico professionale per l' esercizio del nursing Luca Benci seconda edizione. 22 Professore Facoltà di Medicina e Chirurgia di Torino Corso di laurea specialistica in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche 24

25 fine dell Ottocento, su un numero crescente e ormai assai elevato di occupazioni sanitarie. Il concetto di dominanza professionale indica appunto la relazione di potere che la professione medica ha instaurato nei confronti delle altre occupazioni sanitarie e che ha assunto varie forme: dominanza gerarchica, nelle grandi organizzazioni sanitarie come gli ospedali, dominanza funzionale, attraverso il controllo delle fasi cruciali del processo di cura (la diagnosi e la scelta della terapia), dominanza scientifica, attraverso il controllo del sapere medico e della stessa definizione di salute e malattia, dominanza istituzionale, attraverso il controllo delle istituzioni-chiave del settore sanitario (Facoltà di medicina, altre scuole sanitarie, organi di governo di vario tipo). 23 La più puntuale sociologia delle professioni ha da tempo analizzato le relazioni tra le professioni sanitarie che si sono intrecciate nel corso della storia. In Italia come nel resto del mondo il termine sanitario ha sempre evocato la figura medica, gli atti medici e gli atti sanitari erano in un qualche modo sinonimi e si era arrivati a confondere la sanità con la medicina. La professione medica era l unica professione sanitaria realmente riconosciuta per secoli o anche millenni. 23 Willem Tousjin, Rivista di diritto delle professioni sanitarie, 4,

26 Basti pensare che il primo documento di carattere storico deontologico riferito alla professione medica Il giuramento di Ippocrate 24 viene fatto risalire dagli storici in un epoca comprendente tra il quarto e il quinto secolo avanti Cristo. Nello scorso secolo il medico è stato affiancato, per alcuni decenni, da due figure professionali importanti: lo speziale (in seguito farmacista) e la levatrice (in seguito ostetrica/o). Al primo era devoluta la preparazione di preparati galenici in un epoca di pre industrializzazione del farmaco e alla seconda era devoluta la competenza presso che assoluta sui parti fisiologici. 25 Queste due figure professionali hanno subito nel corso dei decenni dello scorso secolo, un processo di involuzione professionale che ha portato da un lato, alla trasformazione del farmacista in una figura con caratteristiche prevalentemente commerciali e dall altro l ostetrica ha subito un forte ridimensionamento nella sua autonomia dovuta alla medicalizzazione e alla ospedalizzazione del parto. Il medico è tornato quindi a essere l unico professionista sanitario. Nel 1980 si sono professionalizzati i biologi, nel 1990 gli psicologi. 24 E. Manzoni Storia e filosofia dell assistenza infermieristica Masson Benci L, Aspetti giuridici della professione infermieristica, III ed, Mc Graw Hill,

27 La svolta reale si ha però nel 1999 con l approvazione della legge 42 e l uscita dall alveo della ausiliarietà delle professioni sanitarie ex diplomate con in prima fila infermieri e ostetriche. Le innovazioni normative L esercizio professionale dell infermiere e dell ostetrica e di tutte le professioni sanitarie ex ausiliarie 26 - ha subito importanti modifiche in questi ultimi anni. In ordine cronologico inverso dobbiamo citare le due leggi fondamentali che hanno determinato un cambiamento fondamentale: la legge 10 agosto 2000, n Disciplina delle professioni sanitarie infermieristiche, tecniche, della riabilitazione, della prevenzione, nonché della professione ostetrica e la legge 26 febbraio 1999, n. 42 Disposizioni in materia di professioni sanitarie. La legge 251/2000 verrà con tutta probabilità ricordata come la legge che ha istituito la dirigenza infermieristica e la laurea (domani laurea specialistica), ma contiene norme inerenti anche all esercizio professionale. Al primo comma dell art. 1 infatti si legge testualmente: Gli operatori delle professioni sanitarie dell area delle scienze infermieristiche e della professione ostetrica svolgono con 26 Benci L., Professioni sanitarie non più ausiliarie, Rivista di diritto delle professioni sanitarie, 1, Manuale giuridico professionale per l' esercizio del nursing Luca Benci seconda edizione. 27

28 autonomia professionale attività dirette alla prevenzione, alla cura e salvaguardia della salute individuale e collettiva, espletando le funzioni individuate dalle norme istitutive dei relativi profili professionali nonché dagli specifici codici deontologici e utilizzando metodologie di pianificazione per obiettivi dell assistenza. 28 Alcune di queste norme segnatamente il richiamo al profilo professionale e al codice deontologico sono ripetitive di disposizioni di legge che già indicavano come criteri per l esercizio professionale queste fonti normative, mentre altre sono una novità assoluta. Da un punto di vista generale l affermazione che l infermiere agisce con autonomia professionale riveste un importanza tale che travalica l attribuzione di singoli ambiti. In realtà, a ben vedere, tutto il percorso che il legislatore ha voluto imprimere alla evoluzione infermieristica ed ostetrica era profondamente intriso di autonomia professionale: la formazione universitaria, l abrogazione del mansionario, il richiamo al codice deontologico ecc. Il fatto però che l affermazione sia diretta e contenuta in una legge ordinaria dello Stato ha l effetto di un pieno riconoscimento al percorso fino a qui svolto /2000 riferimento trascritto da 28

29 Altra affermazione nuova o in realtà parzialmente nuova è data dalla previsione legislativa della metodologia di lavoro da adottare nell ambito della professione infermieristica. 29 L infermiere infatti deve utilizzare metodologie di lavoro per obiettivi dell assistenza. E sinceramente strano che all interno di una legge ordinaria si scenda nel dettaglio tipico degli atti regolamentari, strumenti questi ultimi che meglio si prestano, data la loro duttilità e versatilità, a scendere in particolari di carattere professionale (posto che sia giusto e opportuno scendere in questi ambiti da parte del legislatore). Così però è stato e non si può non prendere atto che il legislatore ha voluto mandare un messaggio forte: la classica metodologia di lavoro per compiti deve essere abbandonata e abbracciare quella, che il mondo professionale aveva già in realtà teorizzato da molti anni, di metodologia per obiettivi. Il terzo comma dell art. 1, si riallaccia direttamente al primo comma. Recita testualmente: Il Ministero della sanità, previo parere della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, emana linee guida per: a) l attribuzione in tutte le aziende sanitarie della diretta responsabilità e gestione delle attività di assistenza infermieristica e delle connesse funzioni; 29 Spiegazione tratta da: Benci L, Aspetti giuridici della professione infermieristica, III ed, Mc Graw Hill,

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Lauree triennali ed equipollenza dei titoli di studio pregressi: si sta per chiarire un grande equivoco?

Lauree triennali ed equipollenza dei titoli di studio pregressi: si sta per chiarire un grande equivoco? Lauree triennali ed equipollenza dei titoli di studio pregressi: si sta per chiarire un grande equivoco? Al fine dell iscrizione alle Lauree specialistiche delle professioni sanitarie non è necessario

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DELPIANO Laura Indirizzo Via Torino n. 112 int. 2 10036 SETTIMO TORINESE Telefono 011.898.26.34 Mobile: 333.10.60.176 Fax 011.898.26.34 E-mail laura.delpiano@cespi-centrostudi.it

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI DESTINATARI: INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO INIZIO: 01/01/2012 FINE: 31/12/2012 COSTO: 84,70 (IVA INCLUSA) OBIETTIVI

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Giuseppe Carci La mobilità universitaria tra dispersione e riorientamento Con

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l.

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l. PROVVEDIMENTO 20 luglio 2000. Istituzione dell'elenco delle specialità medicinali erogabili a totale carico del Servizio sanitario nazionale ai sensi della legge 648/96. LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 U.O. : BLOCCO OPERATORIO I.N.R.C.A. Studente Guida di Tirocinio:

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE Prot. n. 21096/II/1 dell 11 giugno 2009 UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE VISTA la Legge 8 luglio 1998, n. 230, recante "Nuove norme in materia di obiezione

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

Stato giuridico del personale delle Unità sanitarie locali

Stato giuridico del personale delle Unità sanitarie locali Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 20 dicembre 1979, n. 761 Gazzetta Ufficiale 15 febbraio 1980, n. 45, S. O. Stato giuridico del personale delle Unità sanitarie

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO TITOLO V CAPO I Articoli 41-42-43

CODICE DEONTOLOGICO TITOLO V CAPO I Articoli 41-42-43 CODICE DEONTOLOGICO TITOLO V CAPO I Articoli 41-42-43 1 Gruppo di Lavoro Ambiti 5 Iseo Sebino e 13 Vallecamonica Hanno prestato il proprio contributo per questa giornata: Bottichio Federica Calvetti Sara

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO Scheda esplicativa per la trattativa decentrata maggio 2009 ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO a cura di Giuseppe Montante e Carlo Palermo componenti la Delegazione trattante nazionale

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli