CAPITOLATO PER L APPALTO DEI SERVIZI INTEGRATIVI PER IL CENTRO BIBLIOTECA E ARCHIVI DELLA SCUOLA NORMALE SUPERIORE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLATO PER L APPALTO DEI SERVIZI INTEGRATIVI PER IL CENTRO BIBLIOTECA E ARCHIVI DELLA SCUOLA NORMALE SUPERIORE"

Transcript

1 Centro Biblioteca e Archivi CAPITOLATO PER L APPALTO DEI SERVIZI INTEGRATIVI PER IL CENTRO BIBLIOTECA E ARCHIVI DELLA SCUOLA NORMALE SUPERIORE Art. 1 Oggetto dell appalto 1.1 Il presente capitolato speciale ha per oggetto la fornitura dei seguenti servizi di supporto all attività di gestione interna della Biblioteca della Scuola Normale Superiore: 1) ricollocazione del materiale librario preso in consultazione o prestito, e, solo su eventuale richiesta, del materiale rilegato; 2) servizio di accesso e di prestito, in collaborazione con il personale della Biblioteca della Scuola Normale Superiore, presso le postazioni presenti all interno della Biblioteca; 3) supporto alla Biblioteca per l apertura serale e del sabato pomeriggio; Il numero complessivo delle ore richieste per l espletamento dei servizi di cui ai punti 1 e 2 è stimato in ore diurne annue. Il numero complessivo delle ore richieste per l espletamento dei servizi di cui al punto 3 è stimato in ore annue, di cui ore diurne e 215 ore notturne. 1.2 Il presente capitolato speciale prevede anche la fornitura dei servizi di catalogazione effettuati secondo gli standard adottati presso il Centro Biblioteca. L espletamento di tali servizi è fornito esclusivamente a richiesta del Centro Biblioteca ed è remunerato esclusivamente a misura. Il corrispettivo per i servizi in questione è determinato dai prezzi unitari offerti in sede di gara che non saranno oggetto di valutazione secondo quanto previsto dal Disciplinare di gara. Il Centro Biblioteca, prima di decidere l affidamento del servizio in questione, ha la facoltà: 1) di verificare l economicità del prezzo unitario offerto in sede di gara in relazione ai prezzi di mercato vigenti. 2) di verificare le competenze culturali e professionali del personale addetto alla catalogazione. In caso di esito negativo della verifica, anche di una sola condizione, il Centro Biblioteca non procederà all affidamento del servizio. Art. 2 Specifiche tecniche e operative 2.1 I seguenti servizi saranno espletati presso i locali in cui ha sede la Biblioteca della Scuola Normale Superiore: Palazzi della Carovana, della Gherardesca e del Capitano, tutti siti in Pisa. 1) Ricollocazione del materiale librario preso in consultazione e prestito La ricollocazione verrà effettuata quotidianamente nei giorni di apertura della biblioteca.

2 Il monte ore stimato è di ore annue. Il servizio verrà svolto dal lunedì al sabato durante l orario di apertura nelle seguenti fasce orarie, in funzione delle effettive esigenze della Biblioteca della Scuola Normale Superiore: - dalle 8,00 alle 10,00 - dalle 13,00 alle 14,00 (quanto meno per la ricollocazione dei volumi depositati sui carrelli) - dalle 18,30 alle 20,00 in modo da garantire che entro le ore 10,00 del mattino tutto il materiale sia risistemato. Nei giorni di apertura serale il servizio si prolungherà sino alla chiusura della Biblioteca della Scuola Normale Superiore. Il servizio si articola nei seguenti punti: a) ricollocazione giornaliera sugli scaffali, secondo i criteri in vigore presso la Biblioteca, - delle opere consultate dagli utenti e da questi lasciate sui tavoli o in prossimità delle macchine fotocopiatrici o comunque nei locali della Biblioteca; - delle opere rientrate dal prestito; - su richiesta, del materiale rilegato e delle nuove accessioni. b) corretto posizionamento dei volumi sui carrelli utilizzati per il trasporto del materiale; b) allineamento dei volumi e controllo dei sostegni metallici posti sui ripiani; c) ricollocazione delle opere trovate fuori posto; d) su richiesta, ricerca dei libri non trovati sugli scaffali; e) segnalazione al personale addetto di eventuali errori relativi alla segnatura dei volumi indicata sul cartellino, di etichette scolorite o mancanti, delle opere che necessitano di rilegatura; f) segnalazione al personale addetto di eventuali necessità di manutenzione di attrezzature, arredi, infissi, etc., o comunque di ogni anomalia e malfunzionamento; g) su richiesta, riordino di blocchi di materiale, variazione dell altezza dei palchetti degli scaffali; h) su richiesta, scorrimento o spostamento di blocchi di materiale, sotto la guida del personale della Biblioteca; i) su richiesta, ricognizione inventariale del materiale bibliografico, sotto la guida del personale della Biblioteca; j) elaborazione di un prospetto mensile delle ore di ricollocazione effettuate, suddiviso per settori. 2) Servizio di accesso e di prestito, in collaborazione con il personale della Biblioteca della Scuola Normale Superiore, presso le postazioni presenti all interno della Biblioteca Il monte ore stimato è di ore annue. Il servizio comprende: - apertura e chiusura dei locali e attività connesse; - controllo dell accesso secondo le modalità stabilite dalla Biblioteca della Scuola Normale Superiore e attività connesse, affinché nei locali della Biblioteca entrino solo le persone autorizzate, secondo quanto previsto dal Regolamento; - assistenza all accesso da parte di utenti disabili mediante apertura e chiusura degli accessi riservati; - controllo sull uso degli armadietti, assistenza in caso di malfunzionamento, eventuale apertura dietro richiesta motivata, verifica a fine giornata che tutti gli 2

3 armadietti siano stati svuotati e apertura di quelli ancora occupati, recupero e deposito presso la postazione di primo accesso degli oggetti lasciati dagli utenti; - orientamento generale al pubblico; informazioni agli utenti sulla struttura della Biblioteca, sui servizi disponibili e sugli orari, sulla dislocazione del materiale bibliografico e informativo, sulla modulistica; informazioni sull uso del catalogo e degli altri strumenti informativi; assistenza agli utenti nella ricerca bibliografica nel catalogo della Biblioteca, nel Metaopac del Sistema bibliotecario pisano e nelle pagine del sito web della Biblioteca dedicate alle risorse elettroniche, secondo le modalità previste dalle linee guida prodotte dalla Biblioteca della Scuola Normale Superiore; - su richiesta, produzione di avvisi all utenza; - verifica della disponibilità di tutta la modulistica messa a disposizione degli utenti, ed eventuale riproduzione dei moduli mancanti; - predisposizione giornaliera del registro delle presenze; - su richiesta, minimi interventi di ripristino sul materiale librario danneggiato o sottolineato, apertura di libri intonsi; - segnalazione al personale addetto delle necessità di manutenzione di attrezzature, arredi, infissi o comunque di ogni anomalia e malfunzionamento; - segnalazione al personale addetto di reclami e richieste pervenuti dagli utenti; - prestito e attività connesse, secondo le modalità stabilite dalla Biblioteca della Scuola Normale Superiore; - raccolta delle richieste di consultazione del materiale collocato al Magazzino; - ritiro dei pacchi e della posta, incluse le raccomandate, pervenuti tramite corriere o posta interna. Il servizio dovrà svolgersi in modo da garantire l apertura della Biblioteca secondo gli orari stabiliti. Verrà fornito alla Ditta un piano base mensile di massima delle ore da svolgere, che sarà aggiornato settimanalmente sulla base delle esigenze della struttura ed eventualmente modificato per esigenze improvvise e imprevedibili. Nel caso di assenze improvvise del personale appartenente alla Biblioteca della Scuola Normale Superiore impegnato nel servizio di accesso e di prestito, l Appaltatore dovrà garantirne la sostituzione almeno entro 4 ore dalla richiesta. 3) Supporto alla Biblioteca per l apertura serale e del sabato pomeriggio Il servizio serale richiesto alla Ditta riguarda la sorveglianza delle sale unitamente alla ricollocazione dei libri depositati sui carrelli e sui tavoli. Il servizio dovrà essere svolto, a meno di variazioni che dovessero essere apportate all orario di apertura, nei giorni sotto indicati secondo un calendario fornito dalla Biblioteca della Scuola Normale Superiore, fatte salve eventuali esigenze improvvise e imprevedibili: - la sera di martedì fino alle 23,30 (comprese le operazioni di chiusura), con l impiego di n. 2 unità di personale al Palazzo Carovana/Gherardesca; - nelle sere di mercoledì e giovedì fino alle 22,30 (comprese le operazioni di chiusura), con l impiego di n. 2 unità di personale al Palazzo Carovana/Gherardesca; - nella sera di mercoledì fino alle 22,30 (comprese le operazioni di chiusura), con l impiego di n. 1 unità di personale al Palazzo Capitano. Il monte ore richiesto è stimato in 755 ore annue, di cui 540 in orario diurno e 215 in orario notturno. Il servizio del sabato pomeriggio comprende, oltre alla sorveglianza nelle sale, il servizio di accesso presso le postazioni presenti all interno delle Biblioteca come descritto al precedente punto 2 e, per quanto riguarda la sede di Palazzo Carovana/Gherardesca, la risistemazione del materiale librario. 3

4 Il servizio dovrà essere svolto fino alle ore 19,30 (comprese le operazioni di chiusura), con l impiego di n. 3 unità di personale di cui n. 2 al Palazzo Carovana/Gherardesca e n. 1 al Palazzo Capitano. Il monte ore richiesto è stimato in 645 ore annue. Art. 3 Validità e decorrenza dell appalto e importo presunto del contratto 3.1 La durata del presente appalto viene stabilita in anni 3 (tre) decorrenti dalla data del verbale di consegna del servizio. E facoltà del Committente procedere in via d urgenza alla consegna dei servizi appaltati, nelle more della stipulazione del contratto e nei limiti di quanto disposto dall art. 11 del D.Lgs 163/ L importo complessivo dell appalto presunto per l intera durata del contratto ammonta a ,00 al netto dell imposta (di cui ,00 quale importo presunto per il servizio, ed 7.740,00 quali oneri per la sicurezza, inerenti al DUVRI). La determinazione di tale importo per il servizio è stato effettuato utilizzando come unità di misura il costo orario applicato per i servizi in orario diurno feriale pari ad 19,00 al netto dell imposta. 3.3 Il prezzo indicato in sede offerta si intende onnicomprensivo di tutte le voci di costo inerenti e necessarie al servizio articolato nelle sue varie prestazioni ivi inclusi i costi della formazione. 3.4 L importo contrattuale di cui al precedente punto 3.2 potrà variare del quinto, in più o in meno, in relazione alle esigenze organizzative e/o ai vincoli finanziari della Scuola Normale Superiore. L Appaltatore è tenuto ad accettare tali modifiche alle stesse condizioni contrattuali e senza pretese di indennizzo e/o risarcimento alcuno. Art. 4 Personale impiegato nel servizio. Normativa da applicare 4.1 Il personale che l Appaltatore metterà a disposizione sarà in possesso di conoscenze derivanti da formazione specialistica, ovvero apprese e consolidate nella pratica delle tipologie di lavoro precedentemente descritte. In ogni caso, l Appaltatore si farà carico integralmente delle spese e curerà l organizzazione dei corsi di formazione e specializzazione necessari al fine di garantire l esecuzione dei servizi, e di quelli indispensabili per l uso delle moderne tecnologie telematiche per le biblioteche. 4.2 Qualora richiesto dal Committente, il personale che presterà servizio presso la Biblioteca della Scuola Normale Superiore dovrà frequentare iniziative di formazione, specifiche del contesto e dei servizi in cui opera, organizzate dalla Biblioteca stessa. Per tali iniziative il compenso del costo orario degli operatori sarà a carico dell aggiudicatario e la frequenza al corso dovrà avvenire senza interruzione del servizio. 4.3 Il personale opererà con un livello di autonomia riferito alla variabilità prevedibile nell esecuzione delle attività. 4.4 Il personale della Società appaltatrice dovrà essere coordinato da un referente unico contrattuale, dipendente dalla società stessa, che ha la funzione di garantire il buon andamento del servizio. Nessun compenso è dovuto all Appaltatore per le attività di coordinamento. In caso di assenza del referente, l appaltatore provvederà alla sua temporanea sostituzione. In particolare il referente unico contrattuale dovrà: 1. garantire la propria disponibilità a una interazione permanente con il responsabile del servizio; 2. coordinare lo svolgimento delle attività nei tempi e con le modalità concordate con il responsabile del servizio; 3. accertare che il personale della società sia adeguatamente formato per lo svolgimento delle funzioni relative ai servizi oggetto del presente capitolato; 4

5 4. garantire il rispetto da parte del personale della società delle norme di comportamento previste dal regolamento della Biblioteca; 5. garantire, in tempo utile a evitare qualsiasi interruzione di servizio, la pronta sostituzione del personale assente per qualunque ragione, fatta eccezione per il diritto allo sciopero; 6. garantire che i locali, le attrezzature e il materiale di consumo siano utilizzati esclusivamente per motivi di servizio; 7. segnalare tempestivamente al responsabile del servizio e al referente unico contrattuale eventuali cause di forza maggiore che impediscano il regolare svolgimento dei servizi 8. verificare costantemente la casella di posta elettronica e diffondere tra il personale della ditta le comunicazioni inviate via dai referenti della Biblioteca della Scuola Normale Superiore. L Impresa designerà inoltre un coordinatore di servizio, individuato tra il personale impiegato per l appalto, con il compito di interfacciarsi con il Responsabile del Servizio designato dal Direttore della Biblioteca. Anche per questa attività di coordinamento, nessun compenso è dovuto all Appaltatore. 4.5 Il personale addetto ai servizi di cui ai punti 1), 2) e 3) dell art. 2 dovrà: - conoscere i metodi di collocazione standard del materiale librario; - conoscere la struttura, il regolamento interno e le tipologie di utenza dalla Biblioteca della Scuola Normale Superiore; - conoscere il SW Aleph, relativamente alle funzioni del modulo circolazione e alle modalità di ricerca nel catalogo - essere in grado di leggere e interpretare una scheda bibliografica in tutte le sue parti - aver partecipato a corsi antincendio e di primo soccorso - essere in grado di usare la rete telematica e conoscere i servizi online forniti dalla Biblioteca della Scuola Normale Superiore (sito web, OPAC, etc.) - indossare una tessera di riconoscimento della ditta da cui dipende, ai sensi dell art. 6 della legge 123/2007. Entro un mese dall inizio del servizio, il personale dovrà essere formato, a spese della ditta, sulla procedura di sblocco manuale degli ascensori presenti nelle sedi dalla Biblioteca della Scuola Normale Superiore. 4.6 Il personale addetto ai servizi sopra elencati dovrà inoltre avere speciale attitudine ai rapporti con il pubblico ed essere in possesso dei seguenti requisiti minimi: - diploma di scuola media superiore; - documentata esperienza per almeno sei mesi nel triennio antecedente la data di pubblicazione del bando nell ambito delle attività di cui all art. 1 del presente capitolato. 4.7 La Biblioteca della Scuola Normale Superiore si riserva la facoltà di chiedere l esclusione, in qualsiasi momento, del personale (compreso il Referente) che a suo insindacabile giudizio non risultasse in grado di svolgere adeguatamente i servizi richiesti. In sostituzione, l impresa appaltatrice avrà l obbligo di inviare altre persone, i cui nominativi saranno comunicati alla Biblioteca della Scuola Normale Superiore. 4.8 Se richiesto dall Amministrazione appaltante, l Appaltatore dovrà essere in grado in qualsiasi momento di precisare in quale orario e a chi sia stato affidato ogni singolo servizio. 4.9 L Appaltatore si obbliga ad attuare, nei confronti dei lavoratori dipendenti occupati nei servizi costituenti l oggetto dell appalto - ovvero dei prestatori ad essi equiparati e se cooperative anche nei rapporti con i soci - condizioni normative e retributive non inferiori a quelle risultanti dalle norme di settore, dai contratti collettivi e dagli accordi integrativi territoriali di categoria, applicabili alla data dell offerta, alla categoria e nella località in cui si svolgono i servizi, nonché le condizioni risultanti dalle successive modifiche e integrazioni e 5

6 in genere da ogni altro contratto collettivo, applicabile nella località successivamente stipulato per la categoria. Tali obblighi vincolano l Appaltatore anche nel caso che non sia aderente alle associazioni stipulanti o receda da esse e indipendentemente dalla struttura e dimensione dell Appaltatore stesso e da ogni altra qualificazione giuridica, economica o sindacale. L'Appaltatore si obbliga, altresì, a continuare ad applicare i suindicati contratti collettivi anche dopo la loro scadenza e fino alla stipulazione del contratto successivo Il CCNL applicato e il livello di trattamento economico del personale dovranno essere coerenti con l oggetto dell appalto. Il Committente si riserva la facoltà di effettuare verifiche sulla regolarità dei rapporti di lavoro, anche agli effetti contributivi e assicurativi. L Appaltatore si impegna ad esibire la documentazione contabile e amministrativa necessaria per l esecuzione dei controlli L Appaltatore - qualunque sia il CCNL utilizzato - si impegna alla salvaguardia dell occupazione applicando l articolo 4 del CCNL vigente per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati/multiservizi. L Appaltatore dovrà altresì applicare nei confronti degli addetti occupati nelle attività oggetto del servizio tutte le norme vigenti per l assicurazione contro gli infortuni, la previdenza ed ogni altra forma assicurativa prevista dalle vigenti disposizioni di legge o dai contratti collettivi di lavoro ed accordi integrativi previsti per le imprese della categoria L Appaltatore trasmette alla Stazione Appaltante, prima dell inizio del servizio, la documentazione di avvenuta denunzia agli enti previdenziali, assicurativi e antinfortunistici, nonché copia del piano di sicurezza L Impresa aggiudicataria dovrà, prima di iniziare il servizio, comunicare per iscritto all Amministrazione aggiudicatrice i nominativi del personale da impiegare nelle strutture del Committente. Eventuali variazioni dovranno parimenti essere prontamente comunicate. L'espletamento dei servizi deve essere affidato a personale idoneo alla natura e all'entità della prestazione, di piena fiducia, con l'osservanza comunque delle vigenti disposizioni in materia di lavoro dipendente e di tutela e rispetto delle dignità e della libertà dei lavoratori. Il Committente può richiedere l'osservanza di norme comportamentali nell'espletamento del servizio e di criteri di effettuazione degli interventi idonei a garantire una migliore qualità e funzionalità, nel rispetto delle condizioni contrattualmente convenute L'appaltatore dovrà mensilmente fornire certificazione idonea a documentare il numero delle ore complessivamente prestate dal personale dipendente per l'esecuzione del servizio. Il Direttore dell esecuzione del contratto potrà verificare la congruità tra i dati forniti dall'appaltatore e le ore necessarie per l'effettuazione del servizio; il predetto potrà altresì verificare presso i competenti Enti previdenziali le denunce in ordine alle ore effettivamente prestate e dichiarate. L'accertata e reiterata incongruità dei dati forniti o le violazioni di cui sopra comporteranno la risoluzione del contratto e la contestuale denuncia agli organi competenti. Art. 5 Personale Requisiti di comportamento 5.1 L Impresa, nello svolgimento dei servizi previsti dal presente appalto, rispetterà il presente Capitolato integrato con le eventuali prescrizioni del responsabile del servizio. Gli addetti che vengono dall Impresa investiti della facoltà necessaria per la prestazione dei servizi a norma di contratto, devono possedere tutti i requisiti necessari previsti dalla vigente normativa e devono essere in numero necessario al regolare svolgimento dell esercizio. 5.2 L impresa deve fornire i nominativi del personale adibito ai servizi, distinto per tipologia di funzioni, comunicando tempestivamente eventuali variazioni; su motivata richiesta del Centro, l impresa dovrà sostituire il personale inidoneo o colpevole di non aver ottemperato ai doveri di servizio. 6

7 5.3 Il personale dell Impresa ha l obbligo di tenere un comportamento serio e decoroso, improntato alla massima educazione e correttezza, come si conviene alla natura e alle circostanze in cui si svolge il servizio, ed è legato alla riservatezza e al rispetto della vigente normativa sulla privacy. Il personale deve inoltre: - mantenere in stato ottimale di funzionamento e di ordine gli spazi, le macchine e le attrezzature affidategli per l espletamento del servizio - utilizzare i locali, le macchine, le attrezzature, i materiali di consumo, l energia elettrica, le linee telefoniche e di trasmissione dati esclusivamente per le attività oggetto del presente contratto e secondo le modalità concordate con il Direttore della Biblioteca della Scuola Normale Superiore. Art. 6 Responsabilità in caso di infortuni e danni 6.1 L appaltatore assume ogni responsabilità per casi di infortuni e di danni che dovessero arrecarsi al Centro, a persone e a cose in dipendenza di fatti dovuti a manchevolezze, trascuratezze od omissioni dei propri dipendenti nell esecuzione degli adempimenti assunti con il contratto. 6.2 L accertamento dei fatti e la valutazione degli eventuali danni saranno effettuati dal Direttore dell esecuzione del contratto in contraddittorio con l appaltatore. A tale scopo il Direttore dell esecuzione del contratto comunicherà all appaltatore, con sufficiente anticipo, il giorno e l ora dell accertamento in oggetto. In mancanza di soggetti in rappresentanza dell Appaltatore, procederà autonomamente in presenza di 2 testimoni. Dell accertamento suddetto verrà redatto verbale dal Direttore dell esecuzione del contratto e sarà firmato, oltre che dal predetto direttore, dall appaltatore o suo rappresentante, oppure dai testimoni. Il verbale sarà inviato al Responsabile del Procedimento, per gli adempimenti di competenza, con le eventuali osservazioni dell appaltatore. Art.7 Variazioni contrattuali in fase di esecuzione del contratto 7.1 Il Committente si riserva la facoltà di introdurre, nei casi e nei limiti consentiti dalla legge, variazioni quantitative in aumento o in diminuzione di tutte le prestazioni appaltate. Nel caso di riduzione o aumento quantitativo, il compenso dovuto all Appaltatore verrà proporzionalmente ridotto o aumentato nella misura pari al decremento o all incremento delle prestazioni. Art. 8 Garanzie di esecuzione 8.1 L esecutore del contratto è obbligato a costituire una garanzia fideiussoria del 10 per cento dell importo contrattuale. In caso di aggiudicazione con ribasso d asta superiore al 10%, la garanzia fideiussoria è aumentata di tanti punti percentuali quanti sono quelli eccedenti il 10 per cento; ove il ribasso sia superiore al 20 per cento, l aumento è di due punti percentuali per ogni punto di ribasso superiore al 20 per cento. 8.2 La garanzia fideiussoria di cui al precedente comma, prevista con le modalità di cui all art. 75, comma 3, del D.Lgs 163/2006, deve prevedere espressamente la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale, la rinuncia all eccezione di cui all art. 1957, comma 2, del codice civile, nonché l operatività della garanzia medesima entro 15 giorni, a semplice richiesta scritta della Stazione Appaltante. 8.3 La mancata costituzione della garanzia di cui al comma 1 del presente articolo determina la revoca dell affidamento e l acquisizione della cauzione provvisoria di cui all art. 75 del 7

8 D.Lgs 163/2006 da parte della Stazione Appaltante, che aggiudica l appalto al concorrente che segue nella graduatoria. La garanzia di cui al presente articolo copre gli oneri per il mancato o inesatto adempimento e cessa di avere effetto solo alla data di emissione del certificato di regolare esecuzione. Art. 9 Comunicazioni Penali 9.1 L Appaltatore ha l obbligo di comunicare per iscritto, all Amministrazione aggiudicatrice: a) la persona autorizzata a rappresentarlo nei rapporti con l Amministrazione aggiudicatrice per tutte le esigenze connesse con l esecuzione del contratto, ed in particolar modo per interfacciarsi con il Direttore dell esecuzione del contratto; b) il numero di telefono, il numero di fax e l indirizzo di posta elettronica dove il predetto referente può essere rintracciato. Eventuali inadempienze di cui l Appaltatore si dovesse rendere responsabile verranno segnalate con comunicazione idonea del Direttore dell esecuzione del contratto e l Appaltatore dovrà provvedere immediatamente agli adempimenti necessari, presi gli opportuni accordi con il predetto Direttore. 9.2 In particolare, le inadempienze saranno segnalate a mezzo di comunicazione scritta in cui faranno fede esclusivamente la data e l ora di trasmissione dell appaltante. Nella contestazione potrà essere richiesto dalla Stazione appaltante un sopralluogo in loco entro n.12 ore dal momento in cui è stata riscontrata l inadempienza. Di tale sopralluogo sarà redatto apposito verbale, sottoscritto da entrambe le parti, se presenti, oppure, in caso di assenza del rappresentante dell Impresa, dal solo Direttore dell esecuzione del contratto, alla presenza di due testimoni. 9.3 In ogni caso, quale che sia l inadempienza contestata, nella contestazione sarà concesso all Impresa un termine non inferiore a 5 (cinque) giorni per la presentazione di eventuali controdeduzioni; decorso il suddetto termine, l appaltante, qualora non ritenga valide le giustificazioni addotte, non corrisponderà i relativi compensi spettanti secondo il presente capitolato e applicherà una penale pari al doppio del valore delle prestazioni contestate desunto dall offerta economica. In caso di difficoltà a quantificare economicamente il valore dell inadempimento sulla base dell offerta economica, la penale corrispondente sarà applicata discrezionalmente dal Direttore dell esecuzione del contratto a seconda che l inadempimento sia lieve o grave in relazione ai disagi arrecati o alla gravità del mancato adempimento stesso: in caso di inadempimento lieve sarà applicato un semplice richiamo scritto, in caso di inadempimento grave sarà applicata la penale di 1.000,00.=. Qualora nel corso dell esecuzione del contratto fossero contestate n.5 (cinque) inadempienze lievi sarà applicata, una tantum, la penale di 1.000,00.= 9.4 Ferma restando la procedura per l irrogazione delle penali descritta nel presente articolo, tale penale sarà quadruplicata nel caso di inadempienza delle prestazioni previste dall Impresa aggiudicataria nella Proposta migliorativa del servizio. 9.5 A seguito delle inadempienze contrattuali accertate con le modalità indicate nel presente articolo, l Amministrazione aggiudicatrice potrà rivolgersi a un impresa diversa da quella aggiudicataria per l adempimento delle singole prestazioni rimaste inadempiute. La somma spesa dall Amministrazione aggiudicatrice per la prestazione di cui trattasi sarà decurtata dal prezzo complessivo dell appalto stipulato con l appaltatore. 8

9 Art. 10 Clausola risolutiva espressa 10.1 Qualsiasi inadempienza che abbia come conseguenza la chiusura al pubblico della biblioteca comporterà la risoluzione di diritto del contratto ai sensi e per gli effetti dell art del Codice civile. Art. 11 Risoluzione del contratto. Recesso 11.1 La Biblioteca della Scuola Normale Superiore può avvalersi della facoltà riconosciuta dall'art del Codice civile e recedere unilateralmente dal contratto tenendo indenne l'appaltatore delle spese sostenute, dei servizi eseguiti e del mancato guadagno L Impresa può richiedere il recesso del contratto in caso di impossibilità ad eseguire la prestazione per causa non imputabile alla stessa, secondo le disposizioni del Codice Civile (artt. 1218,1256,1463). In tale caso saranno dovuti alla stessa, oltre che il deposito cauzionale, i crediti maturati in relazione alle prestazioni effettivamente rese Ai sensi dell art. 6 comma 8 del DPR n. 207 del 05/10/2010 In caso di ottenimento del documento unico di regolarità contributiva dell affidatario del contratto negativo per due volte consecutive, il responsabile del procedimento, acquisita una relazione particolareggiata predisposta dal direttore dei lavori ovvero dal direttore dell esecuzione, propone, ai sensi dell art. 135, comma 1, del codice, la risoluzione del contratto, previa contestazione degli addebiti e assegnazione di un termine non inferiore a quindi giorni per la presentazione delle controdeduzioni. Art. 12 Fatturazione 12.1 La fatturazione dei servizi svolti dovrà avvenire in via mensile posticipata. Dovrà essere emessa un unica fattura accompagnata da un rendiconto delle ore effettivamente svolte nel corso del mese per ciascun servizio indicato all art.1 del presente capitolato. Art. 13 Obblighi di tracciabilità -Pagamenti 13.1 I pagamenti verranno corrisposti, previa presentazione della fattura, entro 30 giorni dall emissione del certificato di regolare esecuzione del servizio da parte del Direttore dell esecuzione del contratto, ai sensi della normativa vigente in materia e previa acquisizione del Documento Unico di Regolarità Contributiva L appaltatore si assume l obbligo di tracciabilità dei flussi finanziari di cui alla legge 13 agosto 2010 n. 136, come modificato dalla legge 17 dicembre 2010, n I pagamenti saranno effettuati tramite l Istituto Cassiere della Scuola Normale Superiore (Monte dei Paschi di Siena), mediante bonifico bancario sul conto corrente bancario o postale indicato dall Impresa e dedicato, anche in via non esclusiva, alle commesse pubbliche ai sensi dell art. 3 comma 1 della legge 13 agosto 2010, n Ai sensi dell art. 3, comma 7 della legge 13 agosto 2010 n. 136, gli appaltatori, i subappaltatori e i subcontraenti della filiera delle imprese comunicano alla stazione appaltante gli estremi identificativi dei conti correnti dedicati alle commesse pubbliche entro 7 giorni dalla loro accensione, o, nel caso di conti correnti già esistenti, dalla loro prima utilizzazione in operazioni finanziarie relative ad una commessa pubblica, nonché, nello stesso termine, le generalità e il codice fiscale delle persone delegate ad operare su di essi. Gli stessi soggetti provvedono, altresì, a comunicare ogni modifica relativa ai dati trasmessi. L appaltatore, il subappaltatore o il subcontraente che ha notizie dell inadempimento della propria controparte agli obblighi di tracciabilità finanziaria, di cui all art. 3 della legge 9

10 136/2010, ne dà immediatamente comunicazione alla Scuola Normale Superiore, Biblioteca, e alla Prefettura Ufficio territoriale del governo di Pisa. Art. 14 Subappalto e divieto di cessione del contratto 14.1 Per quanto attiene alla disciplina sul subappalto, si rinvia alle disposizioni contenute nell art. 118 del D.Lgs 12 aprile 2006, n Il contratto non può essere ceduto, a pena di nullità, salvo quanto previsto nell art. 116 del D.Lgs 12 aprile 2006, n Art. 15 Privacy 15.1 Ai sensi del D.Lgs. n. 196 del il soggetto aggiudicatario è designato quale Responsabile del trattamento dei dati personali che saranno raccolti in relazione all espletamento del servizio e si obbliga a trattare i dati esclusivamente al fine dell espletamento del servizio. Dichiara di conoscere gli obblighi previsti dalla predetta legge a carico del responsabile del trattamento e si obbliga a rispettarli, nonché a vigilare sull operato degli incaricati del trattamento. Art. 16 Spese di scritturazione e copia 16.1 Sono a completo carico dell'appaltatore tutte le spese di scritturazione, copia, bollo e registrazione, ove richiesta, relative alla formalizzazione dell'appalto. A tal fine, l'appaltatore procede al versamento di una somma stabilita dal Centro a titolo di anticipazione e salvo conguaglio, per le spese contrattuali che vengono liquidate dal Centro con riferimento alle disposizioni vigenti in materia di imposta di bollo e imposta di registro e per le spese di copia e di scritturazione, con riferimento agli importi di cui al D.M. Tesoro (G.U n. 226). Art. 17 Controversie 17.1 Tutte le controversie che dovessero insorgere fra l Amministrazione aggiudicatrice e l esecutore del contratto, comprese quelle riguardanti l interpretazione del presente capitolato, verranno esaminate con spirito di amichevole composizione. Ai sensi dell art. 239 del D.Lgs 163/2006, le controversie relative a diritti soggettivo derivanti dall esecuzione del contratto, potranno essere risolte mediante transazione nel rispetto del codice civile Qualora non fosse possibile raggiungere un accordo sugli eventuali punti di controversia, le parti ricorreranno all Autorità Giudiziaria e sarà competente il Foro di Pisa. Art. 18 Osservanza di norme 18.1 Nell esecuzione dell appalto il contraente affidatario è tenuto alla piena osservanza delle condizioni previste nel presente capitolato. Per quanto non espressamente previsto nel predetto capitolato, si applicano: - le vigenti disposizioni in materia di contratti eseguiti per conto dello Stato o della Pubblica Amministrazione; - il d.lgs. 12 aprile 2006 n. 163 e s.m.i e il relativo regolamento attuativo; - le norme del codice civile in materia di contratti; 10

11 Resta salva l applicazione delle norme imperative di finanza pubblica che dovessero intervenire E allegati al presente capitolato: Art. 19 Documenti allegati al capitolato - All. A Servizio di catalogazione di monografie dell ottocento e del novecento 11

12 ALLEGATO A SERVIZIO DI CATALOGAZIONE DI MONOGRAFIE DELL OTTOCENTO E DEL NOVECENTO SPECIFICHE TECNICHE E OPERATIVE MINIME Il servizio di catalogazione comprende: - compilazione del record catalografico - compilazione del modulo copia - timbratura, magnetizzazione e cartellinatura del volume Compilazione del record catalografico L intervento di catalogazione dovrà tener conto delle seguenti indicazioni: - la catalogazione dovrà avvenire attraverso l esame diretto degli esemplari, con immissione dei dati direttamente nell Opac della Biblioteca della Scuola Normale Superiore. Quando è possibile si richiede la derivazione dei record catalografici. - per la descrizione bibliografica dovranno essere utilizzati: o le Regole italiane di catalogazione per autori RICA/REICAT o gli standard ISBD o il software di catalogazione Aleph 500, o quello eventualmente in uso presso la Biblioteca al momento dell affidamento o lo standard Unimarc o il manuale interno di catalogazione, disponibile sul sito della Biblioteca. o per la classificazione dovrà essere utilizzato lo schema generale di classificazione in uso presso la Biblioteca e disponibile anche sul sito web. Non viene invece richiesta la soggettazione. Dovranno essere compilati tutti i campi, sia standard che proprietari, necessari in base alle caratteristiche dell edizione e dell esemplare. Compilazione del modulo Copie I campi da compilare, quando richiesto dalle caratteristiche dell edizione e dell esemplare, sono i seguenti: - Barcode - *Sottobiblioteca - *Fondo - Numero copia - *Tipo materiale - *Status copia - Tipo collocazione - NUM 1 (A) (VOL) 12

13 - Descrizione - Inventario - Data inventario - Prezzo - *Statistica. I campi preceduti da * possono essere impostati con valori di default per cui non sarà necessario compilarli ogni volta. Timbratura, magnetizzazione e cartellinatura Ogni volume dovrà essere magnetizzato, timbrato, cartellinato e vi dovranno essere apposte le strisce adesive del barcode e dell inventario. Personale impiegato La prestazione dovrà essere svolta da catalogatori in possesso dei seguenti requisiti: competenza specifica nel campo della catalogazione di edizioni moderne, nell uso del software ALEPH e nell uso del formato UNIMARC, documentabile attraverso le esperienze lavorative o assimilabili. 13

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO

COMUNE DI CAMPORGIANO COMUNE DI CAMPORGIANO PROVINCIA DI LUCCA Piazza Roma n. 1 Tel. 0583/618888 Fax. 0583/618433 C.F. 00398710467 E-mail : demografico@comune.camporgiano.lu.it CAPITOLATO D APPALTO AFFIDAMENTO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO AFFIDAMENTO ANNUALE DELLA GESTIONE DELLA CASA FAMIGLIA PER DISABILI ADULTI SITA IN LARGO FRATELLI LUMIERE, 36, NONCHÉ QUELLA DEL CENTRO DIURNO SE FINANZIATO DA ROMA CAPITALE

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CROTONE Prot. n. 25161 del 21/05/2012 BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Fornitura di Prodotti Disinfestanti e Derattizzanti

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate.

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate. Roma, 5 marzo 2010 AREA COORDINAMENTO AFFARI AMMINISTRATIVI Ufficio Affari Amministrativi Contabilità e Bilancio Prot. UAA-AIFA F.3./a.23734/P OGGETTO: Gara d appalto mediante cottimo fiduciario per l

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi.

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi. Allegato alla determinazione n. 42/APPR del 27/11/2014 composto da n. 29 fogli (fronte/retro) Spett.le ditta OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA.

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. CIG: 5066492974 Quesito 1 Domanda: Nel Capitolato Tecnico

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA. PREORDINATA ALL AFFIDAMENTO AI SENSI DEL D. LGS. 163/06 DEI SERVIZI DI PULIZIA DEI LOCALI, DEGLI IMPIANTI SPORTIVI E DELLE ATTREZZATURE PRESSO IL CENTRO SPORTIVO DELLA

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA, SORVEGLIANZA E PULIZIA, NELLE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE COMUNALI TRUZZI E G. RODARI DI GENZANO DI ROMA ANNI SCOLASTICI 2012/2013-2013/2014-2014/2015,

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 17 del 14.02.2011 è indetta trattativa privata per

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE

PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE CAPITOLATO D ONERI PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE 2 PREMESSA Zètema, in virtù del Contratto di Servizio

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24 ALLEGATO 4 SCHEMA DI CONTRATTO PER I SERVIZI DI DISINFESTAZIONE, DISINFEZIONE, DERATTIZZAZIONE, SANIFICAZIONE E CURA DEL VERDE DA EFFETTUARSI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI ROMA. Lotto Allegato 5 Schema

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma SCHEMA DI CONTRATTO L'anno duemila..., il giorno del mese di.....in Roma TRA Lottomatica Group S.p.A. con sede in Roma, Viale del Campo Boario n. 56/d - 00154 Codice Fiscale e Partita IVA n. 08028081001,

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna. Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport

Regione Autonoma della Sardegna. Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport Servizio Spettacolo, Sport, Editoria e Inform azione GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI ATTIV ITA E SERV IZ I PER LA SARDEGNA FILM COMMISSION CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Regione Autonoma della

Dettagli

Contratto pubblico inerente servizio di pulizia della sede di Sardegna IT di Cagliari,

Contratto pubblico inerente servizio di pulizia della sede di Sardegna IT di Cagliari, Contratto pubblico inerente servizio di pulizia della sede di Sardegna IT di Cagliari, Viale dei Giornalisti 6, Edificio E, per una durata di 24 mesi. L anno duemilatredici, il giorno 07 del mese di agosto

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica GARA D APPALTO PER LA STIPULA DI UN CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO DI MOBILIO E ATTREZZATURE IN DOTAZIONE

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento s intendono per: a) "Autorità",

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Task-Force e Servizi Integrati di accompagnamento sulle attività negoziali

Task-Force e Servizi Integrati di accompagnamento sulle attività negoziali Task-Force e Servizi Integrati di accompagnamento sulle attività negoziali FESR-ASSE II- Qualità degli ambienti scolastici (Avviso prot. AOODGAI n. 7667/15-06-2010) MANUALE DELLE PROCEDURE PER L ESECUZIONE

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER I

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER I AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN PAOLO MILANO - Via A. Di Rudinì, 8 U.O. Amministrazione risorse umane/pd BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente STAZIONE UNICA APPALTANTE GUIDA ALLA CONVENZIONE AMBITO DI OPERATIVITA La si occupa dei seguenti appalti: lavori pubblici di importo pari o superiore ad 150.000,00 forniture e servizi di importo pari o

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Art. 1 Definizioni 1.1 Ai fini del presente provvedimento si applicano le seguenti definizioni:

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli