marzo - aprile 2014 ub milanon. 19

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "marzo - aprile 2014 ub milanon. 19"

Transcript

1 marzo - aprile 2014 milanon. 19 club Stefano Giovannoni: Posso dire di essermi salvato professionalmente decidendo di evitare di disegnare mobili. Affascinante, ostile e selvaggia, la Terra del Fuoco raccontata attraverso gli scatti del fotografo Filippo Bianchi. La città diventa sempre più eco-friendly, cresce il numero delle realtà milanesi che vendono prodotti alla spina. La soluzione per combattere i malesseri da metropoli? Fuggire per un weekend e andare a lavorare in un ranch. Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - 70% - LO/MI 3,00 euro

2

3 editorial Finalmente l Expo Ora è ufficiale: siamo entrati in pieno regime Expo. Lungi dal vederne i benefici, siano essi temporanei o a lungo termine, per ora ne viviamo gli inevitabili disagi. Per una volta non facciamo gli italiani: se i disagi sono necessari a cambiare il volto di Milano e a renderla più moderna, efficiente e, complessivamente, bella, allora ben vengano. Da italiani ovviamente qualche dubbio rimane, non fosse altro per i ritardi con cui i cantieri sono partiti a macchia di leopardo in città e per la grave carenza di informazione che rende (almeno finora) quest evento un qualcosa di estraneo e lontano dalla cittadinanza, piuttosto che un opportunità di cui essere orgogliosi sentendosi protagonisti. Niente di nuovo sotto il sole, direte voi. Fu così per i Mondiali di calcio del 90 (un disastro) e solo le Olimpiadi invernali furono ben sfruttate da Torino, anche se a caro prezzo. Cosa sarà di Milano lo vedremo. Per ora se lo chiedono le migliaia di automobilisti che ogni mattina trascorrono ore interminabili per attraversare piazza 24 Maggio a causa di una gigantesco cantiere che dovrebbe ridisegnare la Darsena, finora un gioiello di speculazione. Perché questa volta dovrebbe andar meglio? Perché c è l Expo, ovvio, e non possiamo permetterci di sgarrare. C è però da domandarsi perché dobbiamo aspettare un occasione come questa per essere finalmente efficienti e perché prima di procedere con progetti faraonici e straordinari non ci si preoccupi di affrontare opere semplicemente ordinarie, come la sistemazione delle buche (spesso crateri) che rendono le nostre strade un percorso minato non proprio da primo mondo. Vediamo il bicchiere mezzo pieno pensando che solo fino a poche settimane fa l Expo sembrava ancora più lontano e qualche passo avanti effettivamente si sta facendo. A vigilare su tutto il commissario unico dell evento, Giuseppe Sala, speriamo l ultimo dopo un alternarsi sfiancante di volti e nomi più o meno presentabili e, ahinoi, Foody, la mascotte ufficiale dell evento, un raro esempio di bruttezza grafica realizzato da Disney Italia. Se l idea era di creare un immagine usando frutta e verdura allora piuttosto era meglio riesumare le vecchie campagne di Esselunga. Stefano Ampollini 4

4 contents point of view 10 Dove c era l erba ecco un ristorante di Roberto Perrone interview Il Fuorisalone non è l Oktoberfest di Jean Marc Mangiameli 28 inside 12 Brevi dalla città a cura della Redazione di Club Milano outside 14 Brevi dal mondo a cura della Redazione di Club Milano cover story 16 Nemico dei luoghi comuni di Paolo Crespi focus 30 Giardini segreti di Marilena Roncarà portfolio 20 Sud, ultima fermata di Filippo Bianchi interview 32 Ottimista con vanto di Simone Zeni focus 34 I nuovi templi della night life di Camilla Sernagiotto design 38 I segreti che all estero ci invidiano di Marzia Nicolini focus 26 Il futuro è alla spina di Filippo Spreafico 6

5 contents design 40 Dal cucchiaio alla scarpa di Davide Rota wellness 52 Benessere per due di Simona Lovati overseas 54 Riksgränsen Arctic Experience di Stefano Ampollini food 56 Panettone tutto l anno di Filippo Spreafico design 42 La poetica degli oggetti di Alessia Delisi style 44 Blue shadows di Luigi Bruzzone wheels 46 Voitures (plus) en rose di Ilaria Salzano hi tech 48 Real App: non solo domotica di Paolo Crespi weekend 50 Polvere e speroni di Andrea Zappa food 58 Al fresco di Carolina Saporiti club house 62 Una vita da tennista di Enrico S. Benincasa free time 62 Da non perdere di Enrico S. Benincasa fairs 64 Eurocucina 2014 a cura della redazione di Club Milano In copertina Stefano Giovannoni Foto di Matteo Cherubino. 8

6 point of view roberto perrone Giornalista e scrittore dalle radici zeneisi si occupa di sport, enogastronomia e viaggi per Il Corriere della Sera. È appena uscito il suo sesto romanzo La cucina degli amori impossibili edito da Mondadori che coniuga le sue passioni: la Liguria, la cucina, le donne, i viaggi e lo sport. Dove c era l erba ecco un ristorante Milano in macchina una sera che piove. Mentre scrivo, fuori c è una frizzante notte stellata di marzo e Loredana Bertè dovrebbe aggiornarsi: Milano in macchina una sera che fa bello e apre un ristorante. Quella che era la città dell industria ora è la capitale del reame di Masterchef. A pochi giorni l uno dall altro, in piazza XXV aprile hanno alzato il sipario, dirimpettai, il Nuovo Princi con ai fornelli un allievo di Pino Cuttaia, Valentino Russo (Ettore Princi alle pizze con la supervisione di Franco Pepe), e Eataly Milano con tutte le offerte enogastronomiche made in Farinetti e Alice con Viviana Varese al piano di sopra. Mio nipote per Natale mi ha chiesto in regalo un pranzo da Cracco (anche lui ha raddoppiato le offerte). Masterchef fa ascolti, ma anche danni. È la televisione, bellezza. Una volta i bambini volevano fare gli astronauti, ora credono che la luna stia in cucina. Ovviamente, come per l astronauta, anche per il cuoco, prima di avere successo c è tutta la gavetta e forse è più facile sfangarla a Houston che dentro una cucina. Però questo non spaventa: là dove c era l erba, ora c è un ristorante. Milano era famosa per le sue fabbriche, per le sue squadre di calcio (che tristezza), per i suoi grandi sarti. I sarti ci sono ancora, ora si chiamano stilisti, il resto è stato sostituito da ristoranti, trattorie, osterie. Il simbolo dell Expo 2015 è una specie di Arcimboldo nutrizionale. Del resto anch io ho la mia dose di responsabilità. Quando un ragazzo mi dice che vuole fare il giornalista gli do questa risposta: segui la passione, sempre, però io ti consiglio di allevare capre per produrre caprini biologici. La morale di tutto questo? Non è certo sbagliato seguire l onda e sfruttare il grande interesse per il cibo, per la ristorazione, per la cucina. Anche qua, vale sempre l antico detto: è l uomo che conta. Siamo passati da 60 milioni di commissari tecnici della nazionale a 60 milioni di critici enogastronomici. Ormai al ristorante è un circo. Gente che assaggia, degusta, rimanda indietro piatti, vini, e, resa onnipotente dalla rete, stronca tra il primo e il secondo. Come in tutti gli aspetti della vita sono l esperienza, l etica, la responsabilità a fare la differenza. Mai l improvvisazione. Ogni ristorante che apre dà speranza: di vita buona per chi ci lavora, di mangiar sano e gustoso per chi vi entra. Il critico non critica, vigila. Senza preconcetti, attento soprattutto alla qualità dei prodotti utilizzati. E, più che altrove, a Milano la qualità costa. Capisci a me. Roberto Perrone 10

7 INSIDE Un nuovo corner per Etiqueta Negra Etiqueta Negra Polo & Sportswear ha aperto un nuovo corner a Milano, presso COIN di piazza 5 Giornate. Lo spazio occupa una superficie di circa 35 metri quadrati al secondo piano del department store, nell area dedicata allo sportswear maschile ed è stato realizzato seguendo il concept dei flagship store già presenti in Italia e in Europa. Qui è disponibile la linea menswear con gli accessori rivolti all uomo. DESIGN, TECNOLOGIA, SENSAZIONI. Il teatro della gastronomia Il giorno tanto atteso è arrivato: ha aperto il 18 marzo Eataly Smeraldo in piazza XXV Aprile metri quadrati suddivisi tra l area vendita, quella dedicata al cibo 15 punti ristorazione di cui uno gourmet e spazi pensati per didattica ed eventi. Si tratta del 25 Eataly nel mondo e, per rispettare la memoria del luogo dove sorge (un teatro), all ingresso sono stati affissi 20 cartelloni con i volti di chi si è esibito negli anni e sul palco allestito al suo interno, dalle 19 a mezzanotte, si suonerà musica dal vivo. Farinetti promette anche concerti di star, a sorpresa. Nuovo look per Bellavista La cantina Bellavista ha presentato a febbraio, negli spazi del Salumaio di Montenapoleone, la sua nuova immagine, NEW AIR ON WINE, studiata dal creativo Thierry Consigny e fortemente voluta da Francesca Moretti, responsabile dell azienda di Franciacorta. L attualizzazione dell immagine ha tenuto conto dell inifinta attenzione che Bellavista ripone nella cura delle sue vigne, a quasi 40 anni dalla sua fondazione. Essenze d autore Dal 20 al 23 marzo si è svolto Unscent Fragments of the emerging olfactory scene, progetto di Celso Fadelli e Cristiano Seganfreddo, che presenta ogni anno la scena internazionale della profumeria artistica. Quest anno a ospitare la kermesse l Excelsior di Milano, ex cinema ristrutturato da Jean Nouvel. Per la prima volta aperto al grande pubblico, l evento ha ospitato anche un percorso tra opere d arte. Design 3D Durante il Salone del Mobile.exnovo esibirà alcuni dei suoi prodotti realizzati con stampa 3D in due location del Brera Design District. Presso Onwards, in via Varese 12,.exnovo sarà presente insieme ad altre piccole eccellenze del made in Italy; da United Design in via Solferino 27, invece, i prodotti del marchio trentino saranno esposti come complementi d arredo. Linee audaci per una chiara e moderna espressione di status: con il loro innovativo design, i modelli della Linea Citroën DS si muovono su territori inesplorati e aprono nuove prospettive nel mondo delle auto premium. Ispirata da 90 anni di storia e di eccellenza automobilistica, la linea DS si avvale della più straordinaria creatività e tecnologia Citroën. Tutte le vetture della linea DS sono caratterizzate dal design ispirato e da un concetto rivoluzionario e offrono rara eleganza, forti emozioni alla guida e sensazioni di benessere. Il genio visionario di Citroën ha creato un nuovo approccio al mondo delle auto che risveglia i sensi. CRÉATIVE TECHNOLOGIE CITROËN DS3 CABRIO SCOPRITE L UNIVERSO DS IN CITROËN. VI ASPETTIAMO PRESSO I NOSTRI SHOWROOM. CITROËN DS5 Consumo su percorso misto: più basso Citroën DS5 Hybrid4 Airdream 3,3 l/100 Km; più alto Citroën DS3 1.4 VTi 95 GPL Airdream (u so a GPL) 8,2 l/100 Km - (uso a benzina) 5,9 l/100 Km. Emissioni di CO2 su percorso misto: più basse Citroën DS5 Hybrid4 Airdream 85 g/km; più alte Citroën DS4 1.6 THP 160 CA6 178 g/km. Le foto sono inserite a titolo informativo. CITROËN DS4 12 CITROËN ITALIA S.P.A. FILIALE DI MILANO VIA GATTAMELATA 41 - VIALE MONZA 65 TEL

8 outside Gucci museum Il Gucci Museo di Firenze incentra la programmazione 2014 del Contemporary Art Space sulla riscoperta di tre significative protagoniste dell arte del Novecento: l americana Lee Lozano, la polacca Alina Szapocznikow e la belga Evelyne Axell. La collettiva Femminilità radicale, aperta fino al 7 settembre, presenta una selezione di nove opere della Collezione Pinault dove a essere indagato è il corpo femminile. Fidenza Village brings you to Shanghai Al Fidenza Village è sbocciata la primavera più chic che ci sia e fino al 30 aprile si potrà partecipare al concorso Chic goes wild in Shanghai. Spendendo almeno 50 euro nelle boutique, Fidenza Village offre la possibilità di vincere un viaggio per due persone a Shanghai e al Suzhou Village. Presentandosi all ufficio informazioni con gli scontrini si riceverà un codice ogni 50 euro di spesa da giocare online. 14 Willkommen in Berlin Situato nel cuore di Berlino, vicino ad Alexander Platz, il nuovo store Colmar Originals accoglie le collezioni in un ambiente che ne rispecchia la linea grintosa e sportiva. Lo spazio, progettato dallo Studio Giraldi Associati Architetti, rappresenta fedelmente lo stile del marchio, attraverso un design semplice ma mai banale. Questa apertura segna l inizio della collaborazione tra lo studio fiorentino e Colmar Originals per il lancio dei nuovi corner in Italia e all estero. Fashion talents Il contest internazionale dedicato ai futuri talenti del fashion design, RE- MIX, con il supporto di Vogue Italia e Vogue Talents, ha proclamato i vincitori il 5 marzo. Con REMIX l International Fur Federation ha catalizzato l attenzione verso il mondo della pelliccia, fondamento delle tendenze invernali. Il Gold Award è stato vinto dallo stilista giapponese Shohei Ohashi. The New Experience of Shopping F.G ha presentato a gennaio, in occasione di Pitti Uomo a Firenze, il nuovo progetto Re-Hash Shop in Shop: una soluzione espositiva, una formula distributiva, un vero e proprio format Re-Hash, inserito all interno dei maggiori department store italiani e stranieri. Lo shop in shop rispecchierà lo stile e il gusto del brand e racchiuderà in sé il total look. MILAN DESIGN WEEK 8-13 APRIL 2014 At SUPERStUDIO the WORLD IS HERE, the FUtURE IS NOW: SETTINGS, MATERIALS, TENDENCIES, VISIONS FOR THE HOUSE THAT WILL BE - A NEW SECtION! SUPERDESIGN: SENSATIONAL UNIQUE PORPOSEFUL ECO-FRIENDLY REINVENTED FURNITURES AND OBJECTS FROM EVERYWHERE SELECTED BY GIULIO CAPPELLINI ARt-INtERACtION: VIDEOMAPPING, LIGHT INSTALLATIONS, DESIGNERS SCULPTURES, 3D PRINTER PERFORMANCES EXHIBItORS: ALCANTARA ANYTHINGBY ARTIGIANA MARMI AVANTGARDE BEAU&BIEN BEBACK DESIGNSTUDIO/LAB BROTHER BY HENZEL CABBDESIGN CENTIMETER STUDIO COTTO CRJOS DESIGN MILANO DENISE M. HACHINGER DESIGN DIGITAL HABITS EBAY ENGBLAD & CO ERMINI FATBOY FGF INDUSTRY FID FORMAXIOM FRANCE DESIGN FRANCESCO RAIMONDI ART DESIGN GOOGY GREEN VILLAGE HOLE DESIGNSTUDIO IRIS CERAMICA IVANKA KABILJO INC. KUROKAWA DESIGN PRODUCTS LACRIME D ARTE LG HAUSYS LIGHT NYC MAISON 203 MARCHINGENIO MELOGRANOBLU METROCUADRO DESIGN MICHAËL BIHAIN MINDBIKE / 180 DEGREE NAUTILUS NIKARI OY OFFICINA METALLICA ONE OFF MOSAICO PARSON PEOPLE OF THE SUN PORCELANOSA PRODUCT DESIGN MADRID PROGETTO CARMINIO PROSTORIA QUI EST PAUL REX KRALJ RI_USO SUPERORTOPIÙ TAGINA CERAMICHE D ARTE THAILAND S SLOW HAND DESIGN THE CUBE T.MAGPIE T-SCULPT VEZZINI & CHEN DESIGN VITAMIN DESIGN VITRO THANKS TO ASUS Superstudio Più, via Tortona 27, Milan - Superstudio 13, via Forcella 13 and via Bugatti 9, Milan Ph online registration:

9 Cover story Cover story stefano giovannoni NEMICO DEI LUOGHI COMUNI Tra i designer italiani della generazione di mezzo è quello che ha sperimentato di più, bypassando il dio mobile e progettando per tutti i settori, dall oggettistica di grande pregio, all elettronica di consumo, al food. E il più lungimirante nell apertura ai mercati dei paesi emergenti come la Cina. Milanese per scelta (professionale), lontano dall establishment, osserva con disincanto e un filo di tristezza il declino culturale della città e per il futuro pensa alla mobilità, soprattutto elettrica. di Paolo Crespi Foto di Matteo Cherubino Lavorando per il mondo ipercolorato e multiforme del design, Stefano Giovannoni ha scelto invece per sé il comodo ed elegante low-profile della divisa, rigorosamente nera. Cosa ti ha portato qui tanti anni fa e cosa ti impedisce oggi di scappare, oltre naturalmente a questo luogo splendido, che è insieme abitazione e studio e che sembra fatto a tua immagine e somiglianza, con l inclusione di molti pezzi dei tuoi colleghi? Ho studiato a Firenze e per un po ci sono rimasto. All epoca era una città molto interessante per la ricerca, vivevamo in un periodo post-radicale, di grande fermento. Ma per il lavoro dovevi già venire a Milano, perché quel clima funzionale alla sperimentazione diventava sterile quando si parlava di professionalità vera, di rapporto con le aziende. Come definiresti il tuo legame con questa città? Che cosa ami e cosa detesti di Milano? In effetti non l ho mai amata così visceralmente da riuscire a detestarla. Sicuramente di Milano mi piace l aspetto più professionale, essenziale per lavorare. Sul piano dell offerta continua a darti più di altre città, mentre dal punto di vista culturale non vive certo un momento di grande energia... Per l Expo dicono tutti che ci vorrebbe uno scatto d orgoglio. Tu cosa faresti per migliorare la vivibilità di Milano e hinterland? Premesso che da persona libera, che si tiene alla larga dal potere e da tutto ciò che rappresenta, non sono stato né sarò mai coinvolto progettualmente dalle nostre istituzioni (in verità piuttosto a corto di idee, qualità e determinazione), la prima cosa da fare, secondo me, è rilanciare Milano come una delle capitali europee. Dei talenti delle generazioni successive alla mia, non ce n è uno che riesca a sbarcare il lunario nel mondo del design e la colpa è anche di questo clima culturalmente infelice che non aiuta certo i giovani. Viviamo in un mondo che deve veramente resettarsi. Prima arriviamo al livello zero e prima ripartiamo. Piano B: se non facessi questo lavoro, cosa faresti? Mi sarebbe piaciuto fare l artista, forse non è troppo tardi... E poi ci sono le mie passioni: la pesca e la cucina. Com è il tuo rapporto con il cibo? Totalizzante. Amo tutto ciò che riguarda la cultura del cibo, il suo contesto e la sua preparazione. Così nel tempo ho progettato cucine e posate e spesso mi hanno chiesto guide o interviste in tandem con i cuochi. Fare acquisti alimentari è una delle cose che più mi diverte, il sabato mattina. A volte, per trovare il pesce migliore il sushi è una delle mie specialità mi spingo fino all ortomercato. Un piatto nostrano che ti riesce particolarmente bene? I fusilli con il tonno, naturalmente crudo. Preparo un sughettino base e un battuto di tonno, capperi e origano. Dopo averla cotta, ci salto la pasta, guarnendo alla fine con fettine di tonno crudo, frutti di cappero e pan grattato croccante, saltato in un altra padella. Semplice, ma efficace. In tutte le immagini che ti ritraggono sei vestito prevalentemente di nero, in contrasto con il mondo ipercolorato che ti circonda e che tu stesso hai contribuito a creare. Perché? Ho sempre aspirato alla divisa, indossandone per un po persino una alla cinese, con il colletto chiuso. Vestirmi 16 17

10 Cover story Cover story Sul made in Italy si è fatta troppa retorica maldestra, viviamo in un mondo che deve veramente resettarsi, prima arriviamo al livello zero e prima ripartiamo Ottimo cuoco, passa parte del tempo libero a scegliere i prodotti migliori e convertirli in gustosi pranzi per la famiglia e gli amici. La sua specialità: i fusilli con il tonno. la mattina era una cosa che quasi mi infastidiva, così ho scelto un elemento neutro, costante, sul quale non dovermi esprimere o perdere tempo. A cosa pensi all inizio di un nuovo progetto? Quando comincio a ideare un nuovo prodotto mi muovo a 360 gradi, raccogliendo tutti gli input possibili, che naturalmente vengono filtrati dal mio background. Cerco sempre di impostare il lavoro concettualmente, trovando idee forti e facili da comunicare. In particolare punto a dare all oggetto un potenziale espressivo che venga immediatamente recepito dal pubblico. Poi, in base alla mia esperienza nel manovrare idee e concetti, sperimento, per ogni tipologia che devo affrontare, una serie di possibilità alternative, le visualizzo tridimensionalmente, le peso, le valuto con mia moglie e con i miei assistenti e cerco di capirne il grado di appeal sul pubblico, il solo che può decretarne il successo. Dei tanti oggetti iconici che hai realizzato nel corso del tempo, dallo sgabello Bombo al telefono Alessi, a quale sei più legato? Credo, senza paura di smentite, che il primo lavoro per Alessi fosse un progetto veramente forte, importante: il vassoio Girotondo, un icona figurativa che esprimeva un rapporto con la cultura popolare e includeva già tutto ciò che è successo negli anni seguenti con i prodotti in plastica. Un grandissimo successo anche commerciale, con otto lo che avevamo in Italia nel secondo dopoguerra, ma il mercato cinese nel prossimo futuro sarà il Mercato e su quello tutte le aziende saranno costrette a tararsi. La cosa interessante è che lì c è ancora tutto da fare. Le aziende dovranno combinare quantità e qualità e il governo ha capito che il design è una leva fondamentale per elevarle dal ruolo di fornitori al ruolo di brand. La trasformazione in atto porterà a un evoluzione del mercato e sarà determinante anche per il successo di qualsiasi azienda che voglia essere veramente globale. Credo che l alleanza con China Telecom sia l operazione più importante realizzata dalla Apple del dopo Jobs. Ha ancora senso parlare di made in Italy? Su quest espressione si è fatta troppa retorica maldestra. Abbiamo ancora il miglior know how in molte discipline fra cui il design, ma stiamo perdendo colpi. Quando in questo paese le istimilioni di pezzi venduti, che ha cambiato l azienda negli anni Novanta. È da lì che è partito tutto. In seguito hai disegnato veramente di tutto, dalle caramelle, ai gelati, ai telefonini... Posso dire di essermi salvato professionalmente decidendo di evitare di disegnare mobili, a differenza dei miei colleghi che si sono quasi tutti concentrati su questo settore super inflazionato. L averlo bypassato mi ha permesso di acquisire esperienza e professionalità a tutto tondo, sono probabilmente il designer che ha abbracciato l arco più ampio di tipologie, compresi i prodotti elettronici, realizzati per aziende leader come Samsung, Toto, 3M o la cinese ZTE, con cui ho prodotto uno smartphone comprato già da 16 milioni di persone... Sarai anche alla prossima Milano Design Week? Al Salone faccio solo cose che mi capitano, nel senso che non me le vado a cercare. Sarò presente con una nuova edizione del bagno Alessi, una linea molto longeva che si sta evolvendo con nuovi declinazioni di prodotto, tra cui lavabi di grandi dimensioni, oggi molto apprezzati. Ho inoltre disegnato una famiglia di prodotti per esterni per Vondom (divano, poltrona, poltroncina, sedia e tavoli) e una nuova cucina per Veneta Cucine. Infine il primo oggetto di una nuova storia, un tavolo piuttosto eccezionale, in marmo bianco di Carrara, sorta di albero, con le setuzioni si occupano di cultura riescono ogni volta a ribaltare il senso e i valori in campo. È il trionfo del neo-peggio! Nella mostra in Triennale sugli anni Settanta sono riusciti a dimenticarsi di Ettore Sottsass! Come definiresti il tuo rapporto con la musica? Intenso. Mi sarebbe piaciuto suonare e praticare, da giovane. Probabilmente non ero dotato, ma mi è rimasto dentro un amore grandissimo, che oggi si manifesta in un attenzione quasi maniacale per tutto ciò che viene pubblicato: nell era della musica liquida sono probabilmente il consumatore di CD più assiduo della città. Una quantità di dischi perfino difficile da ascoltare. I generi? Praticamente tutti, dall elettronica al jazz. Della produzione odierna apprezzo il livello qualitativo mediamente alto: forse non c è nulla di particolarmente rivoluzionario, come negli anni d oro, ma una qualità diffusa molto interessante. Si sta avverando die a forma di coniglio, esposto in una galleria di Lambrate. Cosa ci riserva il futuro? Considerando anche il mercato cinese, al quale sto cercando di introdurre alcune aziende italiane, spero di riuscire a lavorare sulla mobilità elettrica biciclette, scooter, automobili e su nuovi prodotti elettronici per il pubblico giovane, con nuovi brand creati ad hoc. Oppure su oggetti d arte, pezzi a tiratura limitata. Tutto quello che c è nel mezzo, fra oggetto industriale e opera d arte, mi interessa veramente poco. D altra parte il mondo del design, per come l abbiamo conosciuto nella nostra tradizione, ha i giorni contati. Puoi spiegarti meglio? Beh, è cambiato il mondo ed è cambiata la distribuzione. Il vecchio sistema, dall azienda produttrice, all azienda brand, al negozio, oggi non funziona più, perché tutto deve avvenire al massimo in due step, dal produttore all azienda che commercializza. E il canale Internet diventa sempre più importante. Il potenziale è enorme, anche se ancora nessuna azienda è tarata per il cambiamento. Nel nuovo contesto, il designer potrà occuparsi della vendita dei propri prodotti. Oggi il tuo lavoro si intreccia molto spesso con l Estremo Oriente e in particolare la Cina. Che cosa ci insegnano questi nuovi pubblici e questi nuovi mercati? Sono mercati molto primitivi, con un livello di consumi paragonabile a quelil sogno di un società creativa in cui i musicisti non sono più i venti gruppi top che hanno fatto la storia del rock negli anni Settanta. Un maestro e un allievo a cui sei particolarmente legato? Agli esordi della mia carriera ho seguito Sottsass e Mendini. Ma il mio maestro è stato Remo Buti, un grande personaggio dell architettura radicale fiorentina al quale devo parecchio di quello che so. Non ha realizzato tanto, ma negli anni Ottanta uscivi dalle sue lezioni all università veramente carico, perché era vent anni avanti. Di allievi che mi hanno lasciato per prendere (giustamente) la loro strada ce ne sono stati tanti. Ma tre di loro erano veramente dotati e ora mi mancano: Jerzy Seymour, canadese, impegnato sul versante artistico, Alan De Cecco, capo grafico del grande studio londinese Native, e la giapponese Rumiko Takeda, che ha aperto il proprio studio. Naturalmente a Milano

11 Portfolio Portfolio Cile, Terra del Fuoco, lo yacht a vela Unicornio in esplorazione del braccio ovest del Seno Pia. sud, ultima fermata La Terra del Fuoco, situata all estremità meridionale di Cile e Argentina, è l ultimo lembo di terra del continente americano, il punto d incontro tra oceano Pacifico e Atlantico, un luogo costantemente tormentato da condizioni meteorologiche particolarmente avverse. Una terra al contempo sublime e ostile dove pioggia, vento, grandine, maree, sole e nebbia, si alternano scandendo il ritmo delle giornate. La particolarità del clima è la velocità con cui gli eventi atmosferici si susseguono, venti con raffiche di oltre 60 nodi si alternano a momenti di calma piatta, il sole lascia il posto a pioggia e grandine che nelle ore notturne si trasforma in neve; le correnti, nei punti di unione tra i vari canali, raggiungono una velocità difficile da contrastare anche navigando a motore. Un luogo che rende difficile ogni spostamento per terra e per mare e dove i relitti di ogni epoca sono l unica testimonianza del passaggio dell uomo a queste latitudini. Foto di Filippo Bianchi 20 21

12 Portfolio Portfolio In questa pagina. Alle 3 del mattino una calma insolita garantisce una navigazione tranquilla e una buona visibilità, si riescono così a intravedere i 2488 metri del Monte Darwin, la montagna più alta dell omonima cordigliera. Nella pagina a fianco dall alto. Un iceberg solitario lungo il braccio nordest del canale di Beagle. L Unicornio alla fonda nel braccio est del Seno Pia

13 Portfolio Portfolio In questa pagina. Vista mozzafiato durante un trekking sulla Cordigliera Darwin. Sullo sfondo il ghiacciaio ai piedi del Monte Darwin. Nella pagina a fianco dall alto. Braccio nord-est del canale di Beagle, una delle numerose perturbazioni in avvicinamento. Sculture di ghiaccio su una spiaggia del Seno Pia. filippo bianchi Milanese, classe 1977, ha lavorato come assistente fotografo di Josef Koudelka, Toni Nicolini, Martine Franck ed Enrico Conti. Ha realizzato reportage per Lo Specchio (La Stampa), Alias (Il Manifesto), Slow Food e Terre di Mezzo. I suoi lavori si focalizzano spesso sul cambiamento del paesaggio e l impatto dell uomo sull ambiente

14 FOCUS FOCUS Il futuro è alla spina Si moltiplicano a Milano i negozi che vendono prodotti alla spina: dal vino sfuso alla pasta biologica, ai saponi al taglio. Finisce l era degli imballaggi e inizia quella del consumo sostenibile. di Filippo Spreafico sughi della nonna e sale dal mondo Da Mamma Natura sono in vendita sughi pronti, insaporitori, preparati gastronomici, dadi vegetali e basi per soffritto da acquistare a peso (anche pre-confezionati). Non manca inoltre una selezione speciale di sali da cucina provenienti da tutto il mondo, come il sale dolce dello Utah, il sale affumicato di Cipro o quello blu di Persia, venduto in pietre. 02 indirizzi Vinario 11 via Federico Confalonieri 11 Il Torchio via Gaspare Aselli 33 Negozio Leggero via Augusto Anfossi 13 Ari Ecoidee via Marco d Oggiono angolo corso Genova Ricarica via Giovanni Battista Bertini Da Negozio Leggero non esistono imballaggi: legumi, spezie, ma anche gli spazzolini da denti o i saponi, ad esempio, sono rigorosamente venduti sfusi. Ai più superficiali potrebbe sembrare un ritorno al passato, quando si andava direttamente in cascina a prendere il latte o dal contadino ad acquistare olio e vino. In realtà l aumento di punti vendita destinati al commercio di prodotti sfusi, un trend a cui stiamo assistendo ormai da tempo, ha le proprie radici affondate in una necessità storica attuale, con uno sguardo tutto puntato verso il futuro. Sostenibilità, risparmio, qualità ma anche un ritorno a un idea di vita partecipativa di quartiere di cui si erano perse le tracce negli ultimi decenni: sono un po queste le parole d ordine che stanno alla base di un successo milanese (e non solo) fatto di piccole botteghe dove è possibile reperire tutto il meglio della produzione nazionale e locale in termini di vino, olio, prodotti gastronomici e molto altro, tutto rigorosamente sfuso e alla spina. Il prodotto sfuso viene acquistato dal cliente, raccolto all interno di contenitori portati direttamente da casa e quindi pagato a peso. La conseguenza di tutto questo è ovvia: la mancanza di imballaggi azzera gli sprechi, in quanto la quantità di prodotto acquistato corrisponde all esatta esigenza di consumo. È questo di fatto il concept e l aspirazione di Vinario 11, rivendita di vino sfuso e in bottiglia in zona Isola, ma anche cicchetteria per chi desidera degustare sul momento un piccolo assaggio di vino, tra una chiacchiera e una lettura di giornale. La bottega garantisce una ricerca costante di vini nuovi e si rivolge a tutti i viticoltori che operano in un contesto altro rispetto alla grande distribuzione: in questo modo è possibile valorizzare realmente vini di qualità, offrendo allo stesso tempo un prezzo equo. Si acquista il vino riempiendo la bottiglia usata, la damigiana o la tanica portate direttamente da casa: così è possibile abbattere i costi e soprattutto inquinare di meno. Punto di riferimento in zona Città Studi per la vita di quartiere e per trovare vino buono è il Torchio; il negozio si presenta all avventore con le sue grandi cisterne d acciaio, che cambiano il proprio contenuto a seconda delle stagioni e della qualità degli approvvigionamenti. Il Torchio nasce dalla passione di Rocco, il proprietario, per il mondo vinicolo ma anche dalla volontà di diffondere un tipo di consumo più responsabile, senza sprechi. Questa filosofia consente di proporre vini speciali a prezzi più bassi rispetto alla grande distribuzione: la novità del 2014, ad esempio, è un Gutturnio D.O.C. realizzato con uve biologiche senza solfiti e prodotto esclusivamente per questo punto vendita. Non manca inoltre l olio sfuso, presente in due referenze: Basilicata (proveniente dal frantoio del paese del proprietario) e Sicilia, con fragranze e suggestioni completamente diverse. Ha invece un approccio a 360 Negozio Leggero che, nei suoi punti vendita del Nord e Centro Italia (a Milano si trova in Porta Romana), mette a disposizione una gamma ampia di prodotti alimentari e non, tutti acquistabili rigorosamente alla spina. Da Negozio Leggero si può fare una spesa completa: dalla pasta ai legumi, dai cereali ai biscotti. E ancora vino, tisane, ma anche prodotti cosmetici, come detergenti, shampoo, profumi e olii essenziali, o perfino le pratiche capsule per lavatrice e lavastoviglie: la qualità degli articoli venduti è controllata all origine, l assenza completa di imballaggi e la preferenza per la filiera corta diventano fattori che oltre ad abbassare l impatto ambientale comportano anche una riduzione dei costi. Non lontano da Porta Genova, il negozio Ari Ecoidee ha invece l aspetto della drogheria di una volta: i prodotti sfusi in bella vista contemplano infatti l intera gamma delle esigenze di consumo di un cliente tipo, grazie alla presenza di miscele di caffè, spezie, pasta biologica, marmellate, frutta disidratata, conflakes, birra alla spina da asporto, ma anche crocchette e cibo per cani e gatti, tutti prodotti che devono essere prelevati in negozio con contenitori e flaconi portati da casa. Dedicato invece alla pulizia domestica e a tutto l universo del bucato è Ricarica, piccola bottega in zona Paolo Sarpi specializzata nella vendita di detersivi sfusi e biodegradabili di alta qualità: a disposizione anche fragranze, profumazioni per la casa e saponi al taglio. Questa è la strada verso un consumo sostenibile: riduzione degli imballaggi, acquisto di ciò che realmente serve e azzero degli sprechi. 02. Non solo vino e olio alla spina: da Vinario si trovano in vendita anche bottiglie acquistate direttamente da piccoli produttori del Nord Italia

15 Interview interview gisella borioli IL FUORISALONE NON È L OKTOBERFEST Come si colloca oggi Milano nel panorama del design internazionale? Da primatista assoluta nel mercato del mobile, il rischio di venire scalzata dall emergenza di altri poli internazionali è reale. Ne abbiamo discusso con Gisella Borioli, giornalista e AD di Superstudio Group, azienda pioniera, che è il cuore pulsante di zona Tortona. di Jean Marc Mangiameli Foto di Giovanni Gastel Per il 2014 si è finalmente arrivati a creare il famoso sistema tra fiera e attori esterni, di cui da tanto si parla? È un anno un po storico perché, per la prima volta, ci sarà un tavolo di lavoro comune. Grazie soprattutto all impegno dell assessore Cristina Tajani, si sono aperti dei canali di dialogo tra i diversi distretti del fuorisalone e il CO- SMIT. Il Comune si sta attivando affinché il palinsesto e la comunicazione questa volta avvenga a 360 ; d altronde era assurdo tenere tutti questi attori separati. Speriamo che porti i risultati che merita, valorizzando e tutelando i circuiti ufficiali. Effettivamente negli ultimi anni c è stata un po troppa confusione a Milano... La settimana del design stava vedendo infiltrarsi troppi operatori meno professionali che hanno parcellizzato troppo il calendario degli eventi, minacciando un mercato di professionisti, già sofferente per via della crisi. È difficile tutelare i punti di forza della città se troppi erodono la torta. Qualcuno però potrebbe obbiettare dicendo che la Design Week è un opportunità per tutti. Ma non tutti riescono a fare un discorso veramente professionale. Lo scopo della settimana del design è di portare a Milano gli addetti ai lavori dell industria, gli uomini d affari. A questo, negli ultimi dieci anni, si è aggregato il pubblico generalista dei festaioli che ha fatto gola a troppe imprese collaterali che ne hanno intravisto il business. Il fuorisalone non è l Oktoberfest, serve all economia del design, come le Fashion Week servono alla moda. Parliamo della prossima edizione del Temporary Museum for New Design. Quali novità? Quest anno avrà due anime: una che occuperà il salone centrale con grandi installazioni, momenti emozionali, riflessioni su dove sta andando la cultura, più interazioni con l arte. Un altra si chiamerà Superdesign, curata insieme a Giulio Cappellini (direttore artistico dell evento), e darà visibilità alle produzioni internazionali che più rispondono a ricerca e innovazione. Due temi predominanti: The World is Here per valorizzare le presenze straniere e le diverse aree geografiche e The Future is Now, che raccoglierà gli oggetti che realisticamente useremo nei prossimi anni. Recentemente si sono festeggiati i 30 anni di Superstudio, gli iconici studi fotografici di via Forcella 13, un evento importante per Milano e per il sistema della moda. Un bilancio? Sono contenta di quello che abbiamo fatto nei 30 anni di Superstudio, come anche nei quasi 15 di Superstudio Più, sia come centro della moda sia come polo per attività culturali. È un impresa italiana, nata da una famiglia di creativi che ci ha messo l anima, risparmi e sogni, facendola decollare. Non posso che essere orgogliosa! Se le chiedessi di guardare al futuro? Come traguardo a breve termine, vorrei arrivare all Expo 2015 assieme a tutte le altre eccellenze di questa città, con la speranza che le nostre imprese non diventino solo merce di acquisto delle grandi holding straniere. Al contempo sto anche valutando l espansione dell azienda. Ultimamente ho ricevuto diverse richieste dall estero per ospitare il Temporary Museum for New Design. Il nostro futuro guarderà anche al di fuori dei confini italiani. Giulio Cappellini ha dichiarato che oggi molte aziende italiane invece di fare innovazione si soffermano troppo sul concetto di lifestyle. Non è che anche questo incide negativamente sulla percezione della Design Week? È un po quello che è accaduto con la rivoluzione digitale; oggi tutto si è parcellizzato, ciascuno dà notizie, twitta, e immette informazioni senza il filtro dei giornalisti. Questo ha un lato positivo e uno negativo perché ognuno può mettere in circolo notizie senza fonti, mezze verità; il pubblico fa fatica a distinguere il vero dal falso. Così sta succedendo anche nel design; se si presenta tutto sotto lo stesso tetto qualità, pazzia, gadget il pubblico deve fare un bello sforzo per distinguere il buono dal cattivo. Per fortuna il made in Italy va ancora forte e ci sono i paesi emergenti che hanno sempre fame del design e della creatività italiana. Un posto a Milano che ama particolarmente? La Triennale. Trovo che sia viva, piena di giovani. È un posto aperto, piacevole, nel verde e nel centro di Milano, dove l offerta culturale è per tutti i livelli

16 FOCUS FOCUS Giardini segreti Impensabili fazzoletti di verde nascosti da facciate anonime, insieme a chiostri e cortili gelosamente custoditi dietro muri grigi: anche questa è Milano, piccole oasi di meraviglia da andare a scoprire sfidando qualche rifiuto stizzoso di accesso. La ricompensa è dietro l angolo. di Marilena Roncarà percorsi da scoprire Si moltiplicano in città le iniziative e gli eventi che mirano a far conoscere il meglio Milano: da Cortili Aperti, la manifestazione che apre le porte di chiostri e cortili (l appuntamento per quest anno è il 25 maggio), a Mi Guidi, un occasione perfetta per addentrarsi in svariati percorsi di visite guidate, senza dimenticare Città nascosta, che di Milano vuole svelare le inaccessibili meraviglie. Non sarà che ci stiamo convincendo che Milano è la città più bella del mondo? 01 sul web Ingresso del giardino di Palazzo Bovara, sito in corso Venezia. Costruito nella seconda metà del XVIII secolo, l edificio ospitò nell 800 il giovane Stendhal arrivato a Milano al seguito di Napoleone. Foto di Luisa Oriani per Mi Guidi. Tutta pietra in apparenza e dura, ecco Milano nelle parole dello scrittore Alberto Savinio, che però subito dopo chiosa: In realtà è morbida di giardini interni. In effetti la città è in grado di sorprendere solo se si sa andare oltre le apparenze, magari spingendo più in là qualche portone severo per poi scoprirvi all interno la più impensata delle meraviglie. Non è una leggenda infatti, quella dei fenicotteri rosa e dei pavoni che passeggiano indisturbati nel cortile di Palazzo Invernizzi, nelle vicinanze di Palestro, uno spettacolo della natura in pieno centro città. Già è più difficile, invece, arrivare al mini orto botanico che si nasconde dietro via della Spiga, al numero 1: un tripudio di camelie, aceri, edera e pitosfori. Milano è così, nasconde all interno il suo cuore tenero, come una bella donna che si concede solo quando è certa di essere amata. In più giardini, chiostri e cortili sono anche l eredità di un tempo in cui si dovevano celare le ricchezze ai dominatori stranieri assetati di tasse (e anche questo è indice di un certo spirito italico) e così la città ha finito per godersi in privato le sue preziosità. Tra queste una parola va spesa per il Chiostro di Santa Maria Maddalena che si erge dietro un muro grigio, alle spalle della Basilica di S. Ambrogio, in via Cappuccio al 7. Dichiarato monumento nazionale nel 1923, il chiostro del XV-XVI secolo è composto da un grande porticato con due ordini di colonne, in tutto 34, come avrebbe saputo precisare Stendhal. Si narra infatti che lo scrittore francese, grande appassionato di chiostri e giardini della città, avesse contato le colonne presenti nei cortili milanesi, fino indicarne in tutto circa 20 mila (sarà vero?). Decisamente più accessibili sono i cortili dell Università Statale e della Cattolica. I primi, realizzati su progetto del Filarete, racchiudono al loro interno anche quattro cortili minori quattrocenteschi, tutti da guardare. Altrettanto suggestivi sono i chiostri bramanteschi dell Università Cattolica, che subito trasportano in un altra dimensione spazio temporale. Forse poi non tutti sanno che in Largo Gemelli c è un altro giardino segreto riser- vato alle sole signorine studentesse e per questo detto Il giardino delle vergini, un frondoso angolo di verde in cui trovare riparo anche dal sesso forte. Una curiosità si nasconde pure nel cortile di Palazzo Bagatti Valsecchi, dimora storica sita al 7 e al 10 di via Santo Spirito. Qui, accanto al benvenuto scritto in latino sul pavimento del cortile: Age hospes est tipi amica domus ( salve ospite, questa casa ti è amica ), uno sguardo va senz altro riservato alla Madonna del Ratt, un bassorilievo in terracotta di Madonna con bambino, che dietro le spalle del bambin Gesù vede far capolino per l appunto un topo. Altra meta obbligata è corso San Gottardo, con i portoni che aprono dei mondi dove è tutto un susseguirsi di corridoi, porticati e ringhiere. Al numero 18, oltrepassato l anonimo portoncino di legno, compare un intero borgo, quasi un passaggio segreto che porta sulle case che guardano il naviglio di Ascanio Sforza; mentre al 37 c è un cortile pieno di balconi curati, come se, per dirla con le parole del giornalista e scrittore Filippo Sacchi: Milano avendo così poco spazio per la grazia, sa creare con niente momenti di delicatissima poesia. Il nostro viaggio si conclude infine in via della Moscova 33. Basta varcare il portone, e questa volta è facile grazie alla complicità del custode, per ritrovarsi al centro di quello che un tempo era il quartier generale dei setaioli, ora sede della Banca Popolare Commercio e Industria. Si tratta di un grande cortile coperto, dove a fine Ottocento avveniva il carico-scarico di migliaia di bozzoli, cascami e filati di seta. Oggi, piano terra e balconate, ricostruiti sul modello originario, sono abbelliti da diverse specie di piante, palme comprese. Il risultato è che lo spazio protetto da un alta vetrata si è trasformato in un incredibile giardino d inverno. E mentre ci accomiatiamo da questa meraviglia, subito dopo che il custode ci ha confessato che lui, insieme alla banca, lascerà a breve il cortile segreto per trasferirsi in altro luogo, viene da chiedersi se anche i nuovi proprietari sapranno essere altrettanto prodighi nell aprire le porte di tanta bellezza. 02. Veduta del giardino di Casa degli Atellani, un tempo teatro di ricevimenti, nonché sede della celebre vigna di Leonardo, regalatagli a fine 400 da Ludovico Il Moro e sopravissuta fino a inizio 900. Foto di Isabella Carnaghi per Città Nascosta Milano

17 Interview interview roberto vecchioni ottimista con vanto Alle prese con le date 2014 del suo Io non appartengo più Tour, l inossidabile cantautore milanese ci spiega perché, nonostante il nome della tournée, pensa positivo e crede ancora nei giovani. di Simone Zeni Foto di Paolo De Francesco C è la necessità, esistenziale, di avere punti di riferimento dentro di noi, punti che fatichiamo a trovare fuori, dove tutto scorre senza riflessione, analisi, prospettive, come un tweet Il tuo tour è iniziato a febbraio, come sta andando? Benissimo. È, come sempre, un esperienza emozionante e gratificante: per me, per i musicisti e per chi viene ad ascoltare. Nel date con una media spettatori di oltre 2 mila a sera non sono male per un vecchietto come me. Scherzi a parte, credo che il pubblico abbia compreso perfettamente, sin da subito, l importanza dell ultimo disco e il relativo tour. Posso dire che c è stato un forte senso di appartenenza alla non appartenenza, così il tour è stata l occasione per condividere, con tante persone, i sentimenti e le emozioni che vanno conservate, difese, coccolate. Ora tra marzo e aprile sarà la volta di altri teatri, molti nel sud Italia. Il tour ha preso il nome dall omonimo album. A cosa non appartiene più? Quale sentimento più di altri caratterizza il disco? La difesa dei valori eterni che caratterizzano l uomo e la sua storia. Dentro un epoca incerta e a tratti indecifrabile, dove sinceramente è persino difficile schierarsi o capire esattamente da che parte stare, ho rimesso i valori antichi al centro della mia vita e quindi delle mie canzoni: la famiglia, l amore, le amicizie profonde, i sentimenti che a volte, in certi periodi storici, possiamo dare quasi per scontato, ma che in realtà sono gli unici che abbiamo sempre e comunque al nostro fianco quando, dopo tante lotte, dopo tanti sogni sventolati come bandiere, ci sentiamo traditi e dispersi. Numerosi amanti del cantautorato italiano guardano ancora con serio sospetto il talent show. Lei che opinione ha di questa calata di cantanti sfornati dalla Tv? Capisco i sospetti e la diffidenza, però in questo, come in altre situazioni, si corre il rischio di giudicare da una torre d avorio e di non prendere in considerazione i cambiamenti della società, quindi dei gusti e delle opportunità di comunicazione. Io difendo l idea che è molto più importante essere se stessi e che, rimanendo se stessi, si può andare ovunque: non è il luogo che fa, ma chi si è. Se non avessi avuto questa convinzione non sarei mai andato al Festival di Sanremo, che è molto lontano dalla mia carriera artistica. Ci sono giovani nel panorama italiano che trova interessanti? Certamente. I Negramaro del mio amico Giuliano, con il quale abbiamo scritto un brano contenuto in Io non appartengo più, e sono stato io a chiedergli questa collaborazione perché lo considero il miglior autore giovane d Italia. Poi mi piace l estemporaneità di Caparezza, l ironia con la quale affronta temi seri, oppure Gualazzi, un altra scoperta di un altra mia carissima amica, Caterina Caselli. Attualmente insegna all Università di Pavia e prima ha avuto diverse esperienze in altri atenei. Prof., proprio non riesce a stare lontano dall insegnamento? Stare dentro l insegnamento vuol dire vivere insieme con i ragazzi e questo ti aiuta a stare bene, a tenere la mente sempre aggiornata. Come ho detto più volte, è molto più ciò che i ragazzi hanno dato a me che viceversa. Un magazine su Milano non può che nominare Luci a San Siro, canzone che ha segnato un epoca e un immaginario di Milano ben precisi. Com è cambiata, a suo avviso, la città negli anni? Nelle atmosfere, nell anima della sua gente è cambiata Milano, ma siamo cambiati anche noi, perché i ragazzi che facevano l amore in zona San Siro sono diventati uomini, poi padri, persino nonni, e dunque è cambiata la loro prospettiva di osservazione della vita e quindi della città. Gli anni Sessanta e Settanta a Milano sono stati pazzeschi, stracolmi d impulsi, di vibrazioni, di qualità nella riflessione e persino nel divertimento fine a se stesso. Li ho vissuti e mi godo i ricordi, ma non sono tra quelli che ragionano esclusivamente al passato. C è del buono anche oggi e ce ne sarà ancora di più domani. A settant anni brillo di ottimismo e me ne vanto molto. E se dovesse scrivere una canzone ora, dedicata a Milano, a quale quartiere la dedicherebbe? Alle mie zone, dove sono cresciuto, dove abito, quindi Porta Venezia, Stazione Centrale, Brera, via Solferino. E, senza scrivere una nuova canzone, a tutte loro, e alla gente di questi quartieri, dedicherei Sogna ragazzo sogna: i giovani devono avere la voglia, il coraggio di prendere in mano Milano e non solo

18 FOCUS FOCUS I nuovi templi della night life La nuova tendenza milanese è sorseggiare cocktail al bancone del bar degli alberghi. Dall aperitivo allo Sheraton Diana Majestic all happy hour bio dell Ostello Bello alla serata Pink presso lo Starhotels Rosa Grand, ecco le tappe imperdibili per una vita notturna tutta da gustare. cocktail da calendario Il team del Principe Bar inventa un cocktail per mese. Tra le proposte diventate must si annoverano il Fashion Night di febbraio, la cui paternità spetta al bartender Marco Novelli che ha scientemente miscelato gin e Champagne con succo di limone e zucchero jasmine. A marzo è nato invece il Rabadash, a base di tequila silver e Di Saronno con ananas centrifugato, succo di limone e zucchero al pompelmo. Lo si deve a Luca Mussi. di Camilla Sernagiotto 01 sul web Una serata al H club>diana, il frequentatissimo cocktail bar dello Sheraton Diana Majestic. Oltre le vetrate si intravede il dehors, l amato garden in cui gli avventori amano centillinare miscugli alchemici preparati ad arte dagli esperti bartender. Trascorrere la notte in albergo non significa avere in tasca la chiave di una suite. Almeno a Milano. Proprio qui, infatti, una tendenza dilagante sta attirando tanti amanti della vita notturna verso i banconi cool per eccellenza: quelli del bar degli hotel. Molti dei cinque stelle meneghini si sono tramutati nei nuovi altari sui quali ogni sera viene celebrato il rito più sacro della città, ossia quello dell aperitivo. Sarà merito della scena cult di Jack Nicholson servito in maniera ineccepibile dallo stylish barman dell Overlook Hotel di Shining; sarà per il film Lost in Traslation, che inscena gli incontri tra Bill Murray e Scarlett Johansson nell elegante bar del Hyatt Park Hotel di Tokyo; fatto sta che le cocktail area degli alberghi sono diventate le location più chic in cui darsi appuntamento dal tramonto all alba. Tra le mete predilette per un aperitivo gourmet spicca l H club>diana dello Sheraton Diana Majestic, paradiso enogastronomico in cui l estasi del palato è provocata sia dalla carta dei vini sia dalle fantasie culinarie d accompagnamento. A creare quest ultime è lo chef Paolo Croce, che sapientemente coniuga l arte del Boulanger-Patissier, sfornando squisiti prodotti home made, a quella del cuoco pluristellato in grado di trasformare un piatto di stuzzichini in pura poesia. Un altro asso nella manica dell h club è il giardino, un oasi verde nel cuore di Milano che dalla primavera all autunno permette agli habitué di centellinare un Moscow Mule all aperto, immortalando l aperitivo en plein air su Instagram (l hashtag di riferimento con cui taggare le istantanee è #dianalovesyou). I garden-dehors addicted possono poi migrare tra le fronde dell ombroso vivaio del Caesar s Bar presso l Hotel Hermitage, gettonatissimo il mercoledì sera grazie all appuntamento del cosiddetto Happy Art & Music Hour, sposalizio ideale tra etichette di qualità, musica eccelsa e arte alle pareti. Gli esteti che oltre a cenare la sostanza amano soffermarsi sulla forma, facciano poi una capatina al meraviglioso bar dell Hotel Principe di Savoia, i cui particolari raffinatissimi appagano anche gli occhi oltre che il palato: il bancone incastonato di listelli di vetro di Murano, in pendant con il lampadario realizzato in tre mila pezzi unici di vetro soffiato, progettato dal designer Robert du Grenier; i decollage firmati Mimmo Rotella con locandine de La Dolce Vita e Matrimonio all italiana; l isola in velluto sagomata attorno a un pianoforte a coda antico Di proverbiale dolce vita si può proprio parlare al Bar Principe, il cui team di mastri bartender, capitanato dal manager Daniele Confalonieri, studia un drink nuovo per ogni mese dell anno. Per continuare il mood della Sweet Life dal retrogusto felliniano, lo Starhotels Rosa Grand si presta come migliore location del giovedì, merito della serata Pink dedicata al glamour e alla moda. Trattandosi della capitale del fashion, Milano offre anche nightlife con declinazioni di vera e propria haute couture in due degli alberghi prediletti dai glamaholic: l Hotel Bulgari e la Maison Moschino. Negli elegantissimi bar di entrambi si respira un atmosfera talmente raffinata che l oliva nel Martini vi sembrerà quasi un diamante da dieci carati. Di tutt altra tendenza è invece l happy hour all Ostello Bello, nel senso che al piano terra del quartier generale degli hipster milanesi in via Medici 4 la pasta è integrale e bio. Tra concerti acustici e dj set elettronici, questo è l indirizzo da tatuarsi sull avambraccio se si è under 40, rocker nel midollo e amici della natura, dato che vini, succhi e ogni ingrediente del buffet sono rigorosamente a chilometro zero. I più sofisticati optino invece per la wine zone dello Straf, progettata ad arte dall architetto De Cotiis che ha ripreso i materiali utilizzati nell hotel: cemento per pareti e pavimenti, lamine di ottone brunito e ferro per le superfici. Vera e propria finestra su strada dell hotel di design più originale della città, il bar Straf si affaccia su via San Raffaele e lo popola una clientela che fino a sera inoltrata preferisce di gran lunga sorseggiare un bicchiere di Champagne Perrier Jouët piuttosto che tornare a casa. Alberghi da perdere la testa. Non come l Overlook Hotel di Shining, grazie al cielo, ma di sicuro anche qui vi lascerete ipnotizzare dagli eleganti gesti di barman che nulla hanno da invidiare allo stilosissimo Lloyd. Hotel Sweet Hotel! 02. Il bar Straf, fiore all occhiello dell omonimo design hotel. Ha una clientela affezionata che non sa rinunciare al suo happy hour da godersi metà dentro e metà fuori: la via San Raffaele su cui affaccia è parte integrante della raffinatissima location

19 advertorial design Macan, il SUV compatto dal DNA sportivo Porsche lancia un inedita sfida in un segmento quanto mai competitivo e affollato. La nuova Macan strega e fa impallidire le rivali. Venite a scoprirla nei Centri Porsche di Milano. indirizzi Centro Porsche Milano Nord via Stephenson 53 Centro Porsche Milano Est via Rubattino 94 Strade di montagna, strade costiere o asfalto cittadino, c è solo l imbarazzo della scelta per l ultima nata di casa Porsche. Linee filanti e aggressive sposano un carattere dinamico e potente incoronando la Macan la vettura sport tra i SUV compatti (misura 4,68 metri di lunghezza, 1,92 di larghezza e 1,62 di altezza). Grazie alle sue motorizzazioni e alla dotazione di serie estremamente completa, la Macan definisce nuovi standard di piacere di guida ponendosi al vertice del proprio segmento. Il propulsore top è quello da 3,6 litri della Macan Turbo, con 400 CV di potenza (294 kw). Sulla Macan S, invece, un V6 da 3 litri eroga 340 CV (250 kw). C è poi anche il turbodiesel da 258 CV (190 kw), che assume, fra le tre motorizzazioni, il ruolo di modello trainante con una coppia assai generosa a diversi regimi. Per la prima volta in una nuova gamma di modelli Porsche, tutte le varianti sono dotate di serie del cambio sportivo a doppia frizione Porsche Doppelkupplung (PDK) a 7 marce. I vantaggi sono elevate prestazioni in partenza, un cambio marcia estremamente rapido e preciso in grado di soddisfare i più diversi stili di guida, da quello più rilassato e votato al risparmio o quello più aggressivo. Nel fuoristrada, il sistema PDK mostra i suoi vantaggi soprattutto nelle cambiate effettuate senza interrompere la forza di trazione, oltre che nelle salite e discese ripide. Il tutto supportato dal Porsche Traction Management (PTM), la trazione integrale della Porsche 911 Carrera 4 che entra così nel segmento dei SUV compatti. Risultato? Trazione e stabilità di guida superiori. Con consumi compresi tra 6,1 litri di carburante diesel e 9,2 litri di benzina ogni 100 chilometri (NCPE), i tre modelli sono conformi allo standard Euro 6 sulle emissioni. Se si deve affrontare un percorso sterrato il pilota può scegliere la modalità offroad, attivando un tasto nel tunnel centrale, a una velocità compresa tra 0 e 80 km/h. In questo modo, i sistemi pertinenti vengono attivati. Tutti i modelli sono anche dotati del tasto Sport, posizionato a sinistra della leva selettrice del cambio. Se premuto, il sistema elettronico di gestione motore garantisce una reazione notevolmente più rapida all impulso del pedale dell acceleratore, il limitatore di giri viene impostato su un livello ancora più rigido e la dinamica del motore acquisisce il suo carattere sportivo. Gli pneumatici della Macan sono quelli tipici di una vettura sport e presentano dimensioni diverse tra l asse anteriore e posteriore. Questa soluzione va a vantaggio della dinamica di guida e, per di più, sottolinea l estetica aggressiva della vettura. Come per il look esterno armonioso ed elegante, anche l abitacolo non accetta compromessi di stile. La ricca dotazione di serie può essere personalizzata in vari modi. È disponibile, tra l altro, un sistema audio Burmester che rappresenta un caso unico nel suo segmento. Il cockpit presenta le caratteristiche tipiche di una vettura sportiva Porsche: tre quadranti con contagiri centrale. Ciò che attira però lo sguardo è il volante sportivo multifunzione di serie, il cui design è ripreso da quello della 918 Spyder. Ulteriori pulsanti multifunzione inclusi nella dotazione di serie per telefono, radio e computer di bordo e paddle ergonomici fanno sì che le mani rimangano sul volante e la concentrazione sulla strada. Condizione necessaria per domare un cuore ribelle che raccoglie in sé prestazioni, efficienza ed emozioni. È TEMPO DI DESIGN Dopo la settimana della moda di febbraio, Milano torna a essere l ombelico del mondo in occasione della Design Week che animerà la città dall 8 al 13 aprile. Nel polo fieristico di Rho si terrà il consueto Salone del Mobile, mentre il Fuorisalone si svilupperà come sempre, ma non solo, nei quartieri Tortona, Brera e Lambrate. Il design continua a essere un fiore all occhiello della nostra italianità. Illustrazione di Luca Yety Battaglia 36 37

20 design design I segreti che all estero ci invidiano Un settore sempre più inclusivo e sulpezzista, che resiste all influsso della crisi grazie alla capacità di ospitare tanti orientamenti diversi. A parlarcene Chiara Alessi, un esperta d eccezione, una che il design lo conosce bene e da dietro le quinte. di Marzia Nicolini dopo gli anni zero Uscito a inizio anno per l editore Laterza, Dopo gli anni Zero. Il nuovo design italiano è il libro firmato da Chiara Alessi, un istantanea scattata agli ultimi decenni di progettazione made in Italy, coinvolgendo oltre 200 designer, per lo più under 30, tra neopost, sulpezzisti e integrati, soft pop e retro chic, messaggeri, rizomati, metonimici ed empiristi. Una mappatura critica introdotta da un grande quale Alessandro Mendini, che del libro scrive: è la prima volta che viene compiuta un analisi critica del più recente design italian. Disponibile anche in ebook Con un attesa di 300 mila visitatori provenienti da 160 Paesi internazionali, la 53esima edizione del Salone Internazionale del Mobile porta anche quest anno a Milano tutte le novità in fatto di interior design e arredamento. Un oggetto di design è il frutto dello sforzo comune di molte persone dalle diverse specifiche competenze tecniche, industriali, commerciali, estetiche. Il lavoro del designer è la sintesi espressiva di questo lavoro collettivo. Così il celebre architetto Achille Castiglioni definiva il suo lavoro, quello di designer, progettista, creativo, fucina di idee, artista, a volte anche artigiano. Ma a che punto siamo, oggi, con il design made in Italy? Abbiamo posto la domanda a Chiara Alessi, curatrice e critica di design che, appartenendo a una delle famiglie storiche della tradizione del design nostrano, ha sempre avuto un rapporto complesso, articolato, nonché privilegiato, con esso. Si è sempre trattato di un rapporto contrastato racconta a cavallo tra i luccichii cromati della popolazione di oggetti che tutto il mondo conosce e il dietro le quinte, quello che avviene dietro la tenda del prestigiatore, cioè dove le cose si pensano, si correggono e si fanno accadere. Chiara, che è da poco uscita in libreria Dopo gli anni Zero. Il nuovo design italiano, edito da Universale Laterza, introdotto dal grande Alessandro Mendini, conosce meglio di tutti questo settore, tanto che analizzando oltre 200 designer italiani ha creato una sorta di mappatura, suddividendoli per poetica. Ecco che, allora, tra i designer del dopo 2000, l epifania del design a livello di massa, troviamo i neopost Giulio Iacchetti e Matteo Ragni; i sulpezzisti come Luca Nichetto; gli integrati, come Gomez Paz; i soft pop, un nome a caso Miriam Mirri; i messaggeri, tra cui i Joe Velluto; i rizomati come il duo Zaven; i metonimici, quali i Formafantasma e gli empiristi, tra cui Giorgia Zanellato. Un design italiano, quello dagli anni Zero in avanti, vivace e inclusivo, nonostante tutto, capace di ospitare tanti orientamenti diversi, amante dell ibridazione e in grado di mischiare i riferimenti. Un design che, continua Chiara, si sta orientando sempre più verso quell attitudine che lei definisce sulpezzista, termine decisamente ampio con cui si intende la padronanza a 360 degli strumenti di produzione, dei processi, delle leve di marketing e comunicazione, della forma, della storia e della geografia del progettare. Sperando che con tutta questa attenzione al pezzo non ci si dimentichi però della leggerezza e dell essenzialità, parte stessa del progetto creativo. Certo è che, anche questo settore come tutto, del resto, in Italia è stato fortemente contaminato dalla crisi degli ultimi anni, in particolare nell ambito della microeconomia, rubando ai designer la possibilità di errore e il lusso dello spreco, perché quando le cose si mettono male non ci si può permettere di sbagliare, bisogna essere produttivi ed efficienti e marginalizzare. Tutti aspetti che non sempre fanno nascere le cose migliori. Il nostro design resta però un eccellenza che all estero ci invidiano, tanto che gli stranieri non solo vengono in Italia a farsi produrre gli oggetti (dalle aziende italiane ancora leader del settore) e a presentarli (al Salone del Mobile che, nonostante i detrattori, rimane la vetrina internazionale più importante), ma spesso vengono anche a trovare i segreti che custodiscono alcuni sapienti e non delocalizzabili artigiani e tecnici italiani. Ecco, quindi, che il design italiano diventa un insieme ben assortito di facce e persone che fanno in Italy. Tra i suoi favoriti nella fascia over 30 Chiara sceglie il bergamasco Riccardo Blumer, esempio di designer di una generazione di mezzo, perché non riesce a prescindere dalla dimensione umanistica del design, in senso leonardesco. E se non è stato segnalato nel suo libro, Chiara lo cita perché mi sembra il miglior interprete di questa componente fusa con quella scientifica: un maestro preoccupato degli allievi (attitudine non scontata nel design italiano), della materia, della forma e della scoperta. Un fantasista del design. Ma l invito è a studiare il settore e a lasciarsi guidare dall istinto e dalle forme. L appuntamento a questo punto è Salone del Mobile milanese, sinonimo di pioggia, mal di testa, bricolage, olandesismi, code, calli ai piedi, taxisti lagnosi, giornali stranieri scettici e supponenti, ironizza Chiara, ma anche di quattro o cinque cose imperdibili che ripagano la festa. L occasione per toccare con mano le sfaccettate personalità del design made in Italy. 02. Classe 1981, curatrice e critica di design, nonché figlia d arte, Chiara Alessi ha un blog su Il Fatto Quotidiano, Fatto in Italy. 03. Tra Salone e Fuorisalone, la Design Week è sempre un evento di grande richiamo per gli appassionati, che tra gli stand della Fiera e i numerosi eventi cittadini vengono a contatto con i nuovi trend dell interior

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design

Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design Dove: Principioattivo Via Melzo 34, 20129 Milano Giorni/Orari apertura: 14/19

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

1.Il Ristorante/La Trattoria

1.Il Ristorante/La Trattoria Agli italiani piace andare a mangiare in trattoria. Ma che cos è la trattoria? È un locale tipicamente italiano, che rispecchia il gusto e la mentalità degli italiani. Agli italiani piace mangiare bene,

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Ospitalità stagione sportiva 2014-2015

Ospitalità stagione sportiva 2014-2015 Ospitalità STAGIONE SPORTIVA 2014-2015 BENVENUTI A SAN SIRO Il nuovo modo di vivere la partita Amala e colora un emozione di nero e d azzurro. Inter Corporate 2014-15 è l esclusivo programma di Corporate

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

le più belle ville del Mediterraneo

le più belle ville del Mediterraneo le più belle ville del Mediterraneo le ville più belle del Mediterraneo Istria, Mediterraneo verde Dettaglio della penisola istriana Ricchezza della Tradizione Scoprite gli angoli ancora inesplorati del

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Sono secoli che viviamo del futuro

Sono secoli che viviamo del futuro Sono secoli che viviamo del futuro La Toscana a Expo Milano 2015 LA TOSCANA A EXPO 2015 (1-28 MAGGIO) "Sono secoli che viviamo nel futuro" è questo il claim scelto dalla Toscana per presentarsi ad Expo

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio IL FESTIVAL Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio della Tuscia ma con una forte vocazione internazionale, premiato al Jazzit Awards come

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

L immagine gustativa della tua azienda Divisione Catering Aziendale

L immagine gustativa della tua azienda Divisione Catering Aziendale Catering fieristico e Banqueting per ogni evento di business L immagine gustativa della tua azienda Divisione Catering Aziendale Credo che un buon cibo, preparato con ingredienti di qualità e un equilibrato

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ: 2014-2015 Μάθημα: Ιταλικά Επίπεδο: Ε1 Διάρκεια: 2 ώρες Υπογραφή

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

in evidenza 2013-2014

in evidenza 2013-2014 in evidenza 2013-2014 Liberty of the Seas, la nave più incredibile del Mediterraneo A inaugurare gli imbarchi da Napoli sarà Liberty of the Seas, una nave straordinaria in partenza per la prima volta dall

Dettagli

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo Vi preghiamo di tener presente che le sistemazioni offerte sono in linea con lo spirito del luogo, lontane dal comfort e dagli standard delle strutture ricettive. In particolare, alcune abitazioni hanno

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore VOI esprime sia una dedica ai nostri graditissimi ospiti, destinatari delle nostre attenzioni quotidiane, sia l acronimo di VERA OSPITALITÀ ITALIANA,

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

L impatto della musica nei locali pubblici. L utilizzo della musica è sempre più un aspetto fondamentale per le attività commerciali

L impatto della musica nei locali pubblici. L utilizzo della musica è sempre più un aspetto fondamentale per le attività commerciali L impatto della musica nei locali pubblici L utilizzo della musica è sempre più un aspetto fondamentale per le attività commerciali Le cinque verità 1. Le persone attribuiscono alla musica un enorme importanza.

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

- GIOVEDÌ 9 APRILE DOMENICA 19 APRILE 2015 -

- GIOVEDÌ 9 APRILE DOMENICA 19 APRILE 2015 - COMUNICATO STAMPA PRESENTAZIONE DI UN ECCEZIONALE INSIEME DI CREAZIONI DI JEAN PROUVÉ E DI UNA SELEZIONE DI GIOIELLI E OROLOGI DA COLLEZIONE CHE SARANNO PROPOSTI NELLE PROSSIME ASTE. - GIOVEDÌ 9 APRILE

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

abbonamenti 2015.2016

abbonamenti 2015.2016 abbonamenti 2015.2016 FARE DEL NOSTRO STADIO UNA FORTEZZA Caro Interista, San Siro e piu bello quando ci sei tu, io lo so bene. L ho visto vibrare nelle sue notti piu belle. Ho sentito la spinta, la voglia

Dettagli

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi.

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi. STORIA E TRADIZIONE La Pasticceria Orlandi nasce per volontà di Romano Orlandi che dopo una lunga gavetta nelle più famose pasticcerie milanesi, nel 1952 decide di mettersi in proprio aprendo il suo negozio

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli