ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DELLA CONSISTENZA DEGLI IMMOBILI URBANI PER LA RILEVAZIONE DEI DATI DELL OSSERVATORIO DEL MERCATO IMMOBILIARE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DELLA CONSISTENZA DEGLI IMMOBILI URBANI PER LA RILEVAZIONE DEI DATI DELL OSSERVATORIO DEL MERCATO IMMOBILIARE"

Transcript

1 ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DELLA CONSISTENZA DEGLI IMMOBILI URBANI PER LA RILEVAZIONE DEI DATI DELL OSSERVATORIO DEL MERCATO IMMOBILIARE 1

2 INDICE INTRODUZIONE CRITERI GENERALI UNITA IMMOBILIARE PARTE DI UN EDIFICIO Superficie commerciale Superficie utile Determinazione del volume INTERO EDIFICIO Superficie commerciale Superficie Utile Determinazione del Volume IMMOBILI A DESTINAZIONE TERZIARIA - DIREZIONALE Superficie commerciale Superficie utile Determinazione del volume IMMOBILE INTERO / UFFICIO STRUTTURATO Superficie commerciale Superficie utile Determinazione del volume AUTORIMESSA Superficie commerciale Superficie utile BOX Superficie commerciale Superficie utile Determinazione del volume POSTO AUTO COPERTO E SCOPERTO STRUTTURE DI TIPO COMMERCIALE Criteri generali Negozi tradizionali ed assimilabili Superficie commerciale Superficie utile Grandi strutture di vendita Superficie commerciale Superficie utile Volume LABORATORIO Criteri generali Superficie commerciale Superficie utile Determinazione del Volume MAGAZZINO Criteri generali Superficie commerciale Superficie utile Determinazione del Volume CAPANNONI Criteri generali Superficie commerciale Superficie utile Determinazione del Volume

3 INTRODUZIONE Nella attività di ricerca delle informazioni di mercato affidata ai rilevatori, uno degli elementi più importanti è la determinazione della superficie commerciale dell immobile, la cui conoscenza concorre alla determinazione dell intervallo dei valori unitari di ciascuna tipologia immobiliare presente nella banca dati OMI. Il calcolo della superficie commerciale, può riguardare parte di un immobile intero (è questo il caso dell abitazione o dello studio professionale facente parte di un fabbricato ad uso promiscuo) ovvero un intero immobile (villa, ufficio strutturato, capannone, centro commerciale ecc.). Poiché le unità immobiliari possono essere composte, come è noto, da superficie principale e da superfici accessorie, per ottenere la superficie commerciale occorre omogeneizzare, con opportuni coefficienti di ragguaglio, le superfici accessorie a quella principale. Se si considera, inoltre, che il calcolo della superficie commerciale può essere determinato con metodi diversi di misurazione e di omogeneizzazione, variabili per ciascuna realtà locale, emerge che tale superficie ponderata rappresenta elemento di grande disomogeneità dei dati economici espressi nelle quotazioni degli osservatori immobiliari. Con la presente istruzione questa Direzione si propone di codificare i criteri di misurazione e di calcolo della superficie delle principali destinazioni immobiliari presenti nella banca dati OMI, affinché i dati economici in essa contenuti, possano costituire su tutto il territorio nazionale elemento di uniformità e di trasparenza del mercato degli immobili. Principio adottato Il principio adottato fa riferimento al D.P.R. 23 marzo 1998, n. 138 che assume metro quadrato di superficie catastale quale unità di misura della consistenza degli immobili urbani a destinazione ordinaria. 3

4 IMMOBILI A DESTINAZIONE RESIDENZIALE 1 CRITERI GENERALI Definiamo le regole per calcolare la superficie di un immobile a destinazione residenziale, ai fini della determinazione del valore venale o del valore di locazione da inserire in Banca Dati OMI, relativamente alla: Superficie commerciale Superficie utile Generalmente un immobile a destinazione residenziale può essere costituito da: Unità immobiliare parte di un edificio (singola abitazione); Edificio di tipo unifamiliare (villa villino); Intero edificio con più unità immobiliari di tipo residenziale, ovvero di uso promiscuo. Destinazione Residenziale Unità immobiliare parte di un edificio Edificio di tipo unifamiliare Intero edificio con più unità immobiliari di tipo residenziale Nell ambito della singola unità immobiliare indicheremo come si determina la: superficie dei vani principali e di quelli a servizio diretto; superficie delle pertinenze esclusive di ornamento, ovvero a servizio indiretto dei vani principali. Unità immobiliare Superficie commerciale Superficie utile Superficie vani principali e accessori diretti + Superficie delle pertinenze esclusive Di ornamento A servizio dell unità Sono da considerarsi pertinenze esclusive di ornamento i balconi, le terrazze, i cortili, i patii, i portici, le tettoie aperte, i giardini ecc. (D.G. Catasto: circ. 40 del ), mentre sono da considerarsi pertinenze esclusive a servizio i locali di uso esclusivo annessi e integrati con l unità immobiliare (cantine, soffitte, locali deposito). 4

5 Le precitate pertinenze accessorie sono distinte in: - comunicanti con i locali principali, se sono ad essi collegate (es. allo stesso livello o se diverso con scala interna); - non comunicanti e non ad essi collegate, se con accesso indipendente ed esterno all unità immobiliare. Non possono considerarsi pertinenze esclusive annesse all unità immobiliare, i locali accessori che per la loro dimensione potrebbero essere economicamente e fisicamente indipendenti dall unità immobiliare. In tal caso saranno da conteggiare autonomamente in relazione alla propria destinazione d uso. Di seguito sono riportate alcune indicazioni valide sia nel caso di determinazione della superficie commerciale che di quella utile. La superficie dei vani principali e degli accessori diretti, ovvero loro porzioni, aventi altezza utile inferiore a m.1,50 non entra nel computo, salvo particolari soluzioni architettoniche che saranno valutate caso per caso. Le rientranze e le sporgenze realizzate per motivi strutturali o estetici e i profili, non sono compresi salvo che la loro superficie non risulti fruibile. Per le unità immobiliari disposte su due o più piani, i collegamenti verticali interni alla stessa devono essere computati in misura pari alla loro proiezione orizzontale, indipendentemente dal numero dei piani collegati. Non devono essere aggiunte alla singola unità immobiliare le quote di superfici relative a: scale, pianerottoli e ballatoi comuni; aree di uso comune (coperte e scoperte) rappresentate da terrazzi di copertura, stenditoi, lavatoi, atri di ingresso; appartamento del portiere (u.i. autonoma) e locali di guardiania; stradine private di accesso all edificio; locali tecnici o locali di deposito comuni; sala riunione condominiale; spazi comuni (area occupata dalla chiostrina, dall ascensore, dai cavedi, ecc) giardini, aree a verde e camminamenti di pertinenza dell edificio. N.B. Gli spazi e le superfici condominiali, in quanto indivisibili sono già considerati nel valore unitario attribuito a ciascun appartamento ed in nessun modo possono essere aggiunte alla superficie dell appartamento. 2 UNITA IMMOBILIARE PARTE DI UN EDIFICIO Trattasi di appartamento, dotato o meno di pertinenze esclusive, compreso in un edificio ad uso residenziale o promiscuo (con presenza cioè anche di unità immobiliari ad uso terziario e/o commerciale). 2.1 Superficie commerciale La superficie commerciale è pari alla somma: della superficie dei vani principali e degli accessori diretti, comprensiva della quota delle superfici 5

6 occupate dai muri interni e perimetrali; della superficie omogeneizzata delle pertinenze di uso esclusivo; Misurazione di ornamento (terrazze, balconi, patii e giardini); di servizio (cantine, posti auto coperti e scoperti, box, etc.). a) vani principali e accessori diretti Si determina misurando la superficie al lordo delle murature interne ed esterne -perimetrali- (queste ultime vanno considerate fino alla mezzeria nei tratti confinanti con le parti di uso comune o con altra unità immobiliare). I muri interni e quelli perimetrali esterni che sono computati per intero, sono da considerare fino ad uno spessore massimo di 50 cm, mentre i muri in comunione vengono computati nella misura massima del 50% e pertanto fino ad uno spessore massimo di cm. 25. La superficie è arrotondata al metro quadrato per difetto o per eccesso (D.P.R. 138/98). In assenza di pertinenze esclusive la superficie coperta corrisponde alla superficie commerciale. Massimo 50 cm UNITA A Massimo 25 cm UNITA B Il pianerottolo comune non deve essere aggiunto Il vano scala non va aggiunto. Se è all interno dell unità immobiliare, si considera la proiezione orizzontale b) Pertinenze esclusive di ornamento dell unità immobiliare - per i balconi, le terrazze e similari la superficie si misura fino al contorno esterno; - per i giardini o le aree scoperte di uso esclusivo dell appartamento la superficie si misura fino al confine della proprietà ovvero, se questa è delimitata da un muro di confine in comunione o da altro manufatto, fino alla mezzeria dello stesso. c) Pertinenze esclusive accessorie a servizio dell unità immobiliare La superficie delle pertinenze esclusive a servizio dell unità principale si misura: - per le cantine, le soffitte o utilizzazioni similari, al lordo dei muri perimetrali esterni e fino alla mezzeria dei muri di divisione con zone di uso comune (corridoi, lavatoi, scale ecc.) ovvero di altra destinazione o proprietà. 6

7 Esempio di misurazione della superficie Linea di mezzeria con altra proprietà Massimo 50 cm Massimo 25 cm Soffitta 1 Soffitta 2 Corridoio condominiale Superficie omogeneizzata Linea di mezzeria con altra proprietà a) Pertinenze esclusive di ornamento dell unità immobiliare Superficie scoperta La superficie utilizzata ad area scoperta o assimilabile è pari: al 10% della superficie, fino alla superficie dell unità immobiliare; al 2% per superfici eccedenti detto limite. Superficie scoperta A + B A B 10% della superficie scoperta, fino alla concorrenza della superficie dell unità principale 2 % per superfici eccedenti il limite di cui al punto A Balconi, terrazzi e similari va computata come di seguito: qualora le pertinenze siano comunicanti con i vani principali e con i vani accessori: - nella misura del 30%, fino a mq. 25; - nella misura del 10%, per la quota eccedente mq. 25; qualora le pertinenze non siano comunicanti con i vani principali e con i vani accessori: - nella misura del 15% della superficie fino a mq. 25; - nella misura del 5% per la quota eccedente mq

8 Pertinenze esclusive di ornamento Comunicanti con i Vani principali Non comunicanti con i vani principali 30% della superficie fino a mq 25 15% della superficie fino a mq 25 10% della superficie oltre mq 25 5% della superficie oltre a mq 25 b) Pertinenze esclusive accessorie a servizio dell unità immobiliare Per quanto concerne la superficie delle pertinenze accessorie, la stessa si computa nella misura: del 50% qualora direttamente comunicanti con i vani principali e/o con i vani accessori; del 25% qualora non comunicanti con i vani principali e/o accessori. Pertinenze esclusive accessorie Comunicanti con i Vani principali Non comunicanti con i vani principali 50% della superficie 25 % della superficie Esempio di misurazione Balcone coperto balcone misurazione 1,40 Massimo 50 cm Giardino esclusivo all unità immobiliare Proiezione orizzontale solo se all interno dell unità immobiliare misurazione 8

Calcolo delle superfici immobiliari: normativa di riferimento. Camera di Commercio

Calcolo delle superfici immobiliari: normativa di riferimento. Camera di Commercio dott. ing. arch. Alberto M. Lunghini, FRICS, AICI, FIABCI Reddy s Group SRL Calcolo delle superfici immobiliari: normativa di riferimento Camera di Commercio Norma UNI 10750:2005 (si veda ora UNI EN 15733)

Dettagli

Esempi pratici di misurazione

Esempi pratici di misurazione Esempi pratici di misurazione Tavola n. 1 Tavola n. 2 Tavola n. 3 Tavola n. 4 Tavola n. 5a Tavola n. 5b Tavola n. 6a Tavola n. 6b Tavola n. 7a Tavola n. 7b Tavola n. 8a Tavola n. 8b Esempio di misurazione

Dettagli

COMUNE DI ORTACESUS Servizio Tecnico

COMUNE DI ORTACESUS Servizio Tecnico COMUNE DI ORTACESUS Servizio Tecnico CONCESIONE IN USO DI UN IMMOBILE COMUNALE IN VIA KENNEDY ADIBITO AD ALBERGO-RISTORANTE RELAZIONE DESCRITTIVA PREMESSO CHE: il Comune di Ortacesus è proprietario di

Dettagli

Tribunale Ordinario di Benevento

Tribunale Ordinario di Benevento Tribunale Ordinario di Benevento Sez. Esecuzione Immobiliari Giudice Dott. D ORSI MARIA LETIZIA Esecuzione immobiliare R.G.Es. 117/2008 Ing. Francesco Calandriello Relazione Il bene oggetto del presente

Dettagli

CONSULTA INTERASSOCIATIVA DEI PROFESSIONISTI DELL IMMOBILIARE

CONSULTA INTERASSOCIATIVA DEI PROFESSIONISTI DELL IMMOBILIARE STANDARD UNICO PROVINCIALE PER LA MISURAZIONE DEL METRO QUADRO COMMERCIALE 1 RESIDENZIALE (categorie catastali da A/1 ad A/9) STANDARD UNICO PROVINCIALE PER LA MISURAZIONE DEL METRO QUADRO COMMERCIALE

Dettagli

Stima di un bene immobile

Stima di un bene immobile Corso di Estimo C Prof. Laura Gabrielli a.a. 2007_08 Stima di un bene immobile Lo scopo dell esercitazione è di applicare ad un concreto caso di stima alcune delle metodologie che lo studente ha appreso

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DELLA CONSISTENZA DEGLI IMMOBILI URBANI PER LA RILEVAZIONE DEI DATI DELL OSSERVATORIO DEL MERCATO IMMOBILIARE

ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DELLA CONSISTENZA DEGLI IMMOBILI URBANI PER LA RILEVAZIONE DEI DATI DELL OSSERVATORIO DEL MERCATO IMMOBILIARE ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DELLA CONSISTENZA DEGLI IMMOBILI URBANI PER LA RILEVAZIONE DEI DATI DELL OSSERVATORIO DEL MERCATO IMMOBILIARE 1 INDICE INTRODUZIONE... 3 1 CRITERI GENERALI... 4 2 UNITA

Dettagli

Catasto fabbricati. Capitolo 1

Catasto fabbricati. Capitolo 1 Catasto fabbricati Capitolo 1 Il catasto dei fabbricati Caratteristiche del Catasto dei Fabbricati (CdF) attualmente in vigore: particellare geometrico a estimo indiretto e diretto non probatorio la particella

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI MILANO II SEZIONE FALLIMENTARE. G.D.: Dott. Lamanna R.G. 402/2011 FALLIMENTO IMMOBILIARE EMPEDOCLE **********

TRIBUNALE CIVILE DI MILANO II SEZIONE FALLIMENTARE. G.D.: Dott. Lamanna R.G. 402/2011 FALLIMENTO IMMOBILIARE EMPEDOCLE ********** TRIBUNALE CIVILE DI MILANO II SEZIONE FALLIMENTARE G.D.: Dott. Lamanna R.G. 402/2011 FALLIMENTO IMMOBILIARE EMPEDOCLE ********** Integrazione alla relazione di stima dei beni immobili ubicati a Milano

Dettagli

Lotto 2. Lotto 3. Descrizione del progetto

Lotto 2. Lotto 3. Descrizione del progetto 4 Vista complesso Lotto 1 UNITÀ A1 - A2 - A3 - A4 Le quattro villette che costituiscono il lotto 1 saranno disposte su tre livelli per una superficie di circa 200 mq e saranno composte da: ingresso, soggiorno

Dettagli

Valutazione estimativa del progetto Corso del prof. Stefano Stanghellini Clasaa.a.2011/12. Schema di perizia

Valutazione estimativa del progetto Corso del prof. Stefano Stanghellini Clasaa.a.2011/12. Schema di perizia Valutazione estimativa del progetto Corso del prof. Stefano Stanghellini Clasaa.a.2011/12 Schema di perizia Schema di una perizia estimativa Sommario 1. PREMESSA 2. DOCUMENTAZIONE DI RIFERIMENTO 3. CARATTERISTICHE

Dettagli

Regolamento Regionale 18/02/2015 n. 2, Art. 141

Regolamento Regionale 18/02/2015 n. 2, Art. 141 COMUNE DI ORVIETO Provincia di Terni UFFICIO EDILIZIA PUBBLICA E PRIVATA UFFICIO SUAPE Regolamento Regionale 18/02/2015 n. 2, Art. 141 DEFINIZIONE NUOVI PARAMETRI IN MATERIA DI CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Ufficio Provinciale di Milano

Ufficio Provinciale di Milano Il sistema di calcolo del valore normale e sue applicazioni Martino Brambilla Agenzia del Territorio Ufficio Provinciale di Milano Valore normale Valore normale Calcolo delle consistenze Calcolo delle

Dettagli

Il Catasto Fabbricati La Planimetria Catastale

Il Catasto Fabbricati La Planimetria Catastale Il Catasto Fabbricati La Planimetria Catastale Introduzione Regole per la redazione di una Planimetria Catastale Rappresentazione dei vani, delle altezze e delle dipendenze di una unità immobiliare urbana

Dettagli

VALUTAZIONI IMMOBILIARI

VALUTAZIONI IMMOBILIARI VALUTAZIONI IMMOBILIARI in applicazione degli standard internazionali Ragusa, 11 Aprile 2015 PREMESSA REGOLARITÀ AMMINISTRATIVA Un immobile è regolare quando è conforme a delle regole urbanistiche e catastali

Dettagli

Tabelle millesimali, cosa sono e come si redigono

Tabelle millesimali, cosa sono e come si redigono Tabelle millesimali, cosa sono e come si redigono Tabelle millesimali: cosa sono e come si redigono. Un esempio su come eseguire il calcolo delle tabelle millesimali per singole unità immobiliari e parti

Dettagli

Regolamento urbanistico e Regolamento edilizio

Regolamento urbanistico e Regolamento edilizio Regolamento urbanistico e Regolamento edilizio TAVOLO DELLE PROFESSIONI TECNICHE PIETRASANTA 18 SETTEMBRE 2014 DISTANZE ART. 4 NTA Distanze tra edifici: 10 mt pareti finestrate (DM 1444/68) Distanze tra

Dettagli

TRIBUNALE DI FORLI' * * * N.21/2013

TRIBUNALE DI FORLI' * * * N.21/2013 TRIBUNALE DI FORLI' * * * CONCORDATO PREVENTIVO N.21/2013 SOCIETÀ SACCHETTI NELLO SRL LOTTO 5 PROPRIETÀ: SACCHETTI NELLO SRL con sede in Macerone di Cesena, via Cesenatico n.5390 CF: 0148420045 Quota di

Dettagli

TABELLE MILLESIMALI. Giorgio Croce

TABELLE MILLESIMALI. Giorgio Croce TABELLE MILLESIMALI Giorgio Croce 3280170805 crocearezzo@live.it www.giorgiocroce.weebly.com DEFINIZIONE DI CONDOMINIO Si ha un condominio quando nello stesso fabbricato vi sono delle parti di proprietà

Dettagli

AL TRIBUNALE DI AREZZO UFFICIO FALLIMENTI Giudice Delegato Dottor Antonio Picardi

AL TRIBUNALE DI AREZZO UFFICIO FALLIMENTI Giudice Delegato Dottor Antonio Picardi AL TRIBUNALE DI AREZZO UFFICIO FALLIMENTI Giudice Delegato Dottor Antonio Picardi 1. PREMESSA In riferimento al concordato preventivo dell Impresa Gellini Giovanni & Figli snc di Gellini ing. Giampiero

Dettagli

ART. 1 DEFINIZIONI... 2 ART. 2 DESTINAZIONI D USO AMMESSE... 3 ART. 3 PARAMETRI E INDICI... 4 ART. 4 PARCHEGGI PRIVATI... 4

ART. 1 DEFINIZIONI... 2 ART. 2 DESTINAZIONI D USO AMMESSE... 3 ART. 3 PARAMETRI E INDICI... 4 ART. 4 PARCHEGGI PRIVATI... 4 INDICE ART. 1 DEFINIZIONI... 2 1.1 DESTINAZIONI... 2 1.2 SLP (mq): SUPERFICIE LORDA DI PAVIMENTO... 2 1.3 V (mc) = VOLUME... 2 1.4 H (m): ALTEZZA MASSIMA DEL FABBRICATO... 2 1.5 IT (mc/mq): INDICE VOLUMETRICO

Dettagli

decentrati, per verificare la situazione in termini di dati sia fiscali che geometrici dell'immobile.

decentrati, per verificare la situazione in termini di dati sia fiscali che geometrici dell'immobile. GLOSSARIO IMMOBILIARE ED INFORMAZIONI GENERALI VISURA CATASTALE E' l'ispezione eseguita presso il Catasto (Agenzia del Territorio) o presso gli sportelli catastali decentrati, per verificare la situazione

Dettagli

CATASTO TERRENI E CATASTO FABBRICATI. (parte seconda)

CATASTO TERRENI E CATASTO FABBRICATI. (parte seconda) Corso di Estimo a.a. 2004/05 CATASTO TERRENI E CATASTO FABBRICATI (parte seconda) LA REVISIONE DEGLI ESTIMI L attuale sistema catastale presenta limiti. L attuale determinazione della Rendita Catastale

Dettagli

CATASTO FABBRICATI CATASTO FABBRICATI

CATASTO FABBRICATI CATASTO FABBRICATI CATASTO FABBRICATI CATASTO FABBRICATI L unità di riferimento del Catasto Fabbricati è l unità immobiliare (UI),definita come una porzione di fabbricato, o un fabbricato, o un insieme di fabbricati ovvero

Dettagli

Oggetto: TRIBUNALE DI LUCERA - CAUSA CIVILE n. 54/09 R.G. Quesito del sig. Giudice: Rediga, il perito, tante relazioni di stima quanti sono i lotti

Oggetto: TRIBUNALE DI LUCERA - CAUSA CIVILE n. 54/09 R.G. Quesito del sig. Giudice: Rediga, il perito, tante relazioni di stima quanti sono i lotti PERIZIA DI STIMA DEL LOTTO UNICO Oggetto: TRIBUNALE DI LUCERA - CAUSA CIVILE n. 54/09 R.G. Quesito del sig. Giudice: Rediga, il perito, tante relazioni di stima quanti sono i lotti individuati, indicando

Dettagli

ART. 85 PARAMETRI, INDICI EDILIZI E DISTANZE

ART. 85 PARAMETRI, INDICI EDILIZI E DISTANZE APPROVATO CON DELIBERA CONSIGLIO COMUNALE n. 20 del 28.03.2007 In vigore dal 16.04.2007 ART. 85 PARAMETRI, INDICI EDILIZI E DISTANZE Il processo edilizio è regolato dai seguenti parametri: 1) SU = SUPERFICIE

Dettagli

Traccia esercitazione i 1

Traccia esercitazione i 1 Corso di Estimo a.a. 2009/2010 Traccia esercitazione i 1 docente: prof. Stefano Stanghellini docente: prof. Stefano Stanghellini collaboratori: arch. Alessandro Mascarello, dott. David Casagrande Esercitazione:

Dettagli

Si definiscono IMMOBILI URBANI i fabbricati e le costruzioni stabili, di qualunque materiali costituiti. Una UNITA IMMOBILIARE è ogni parte di

Si definiscono IMMOBILI URBANI i fabbricati e le costruzioni stabili, di qualunque materiali costituiti. Una UNITA IMMOBILIARE è ogni parte di DOCFA 4.0 IL CATASTO FABBRICATI rappresenta l inventario del patrimonio edilizio nazionale e necessita, pertanto, di continui aggiornamenti sulla base delle nuove costruzioni e/o variazioni. I proprietari

Dettagli

CONCORDATO PREVENTIVO GIRARDI S.p.a. IN LIQUIDAZIONE. n. 23/2010 del Tribunale di VICENZA

CONCORDATO PREVENTIVO GIRARDI S.p.a. IN LIQUIDAZIONE. n. 23/2010 del Tribunale di VICENZA CONCORDATO PREVENTIVO GIRARDI S.p.a. IN LIQUIDAZIONE n. 23/2010 del Tribunale di VICENZA Invito a presentare Manifestazioni di interesse all acquisto dell immobile di cui al sottoindicato Con il presente

Dettagli

PROVINCIA DI VITERBO

PROVINCIA DI VITERBO COMUNE DI VITORCHIANO PROVINCIA DI VITERBO TABELLE PARAMETRICHE PER IL CALCOLO DELLE INCIDENZE DELLE SPESE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA ED IL CALCOLO DEL COSTO DI COSTRUZIONE TABELLE PER URBANIZZAZIONE

Dettagli

Comune di Arcevia - Comune di Barbara - Comune di Serra de' Conti. Provincia di Ancona ufficio unico urbanistica Servizio edilizia privata

Comune di Arcevia - Comune di Barbara - Comune di Serra de' Conti. Provincia di Ancona ufficio unico urbanistica Servizio edilizia privata Provincia di Ancona ufficio unico urbanistica Servizio edilizia privata A - MODALITÀ DI CALCOLO DEL COSTO DI COSTRUZIONE Viene di seguito descritta la modalità di calcolo delle quantità da assoggettare

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI BOLOGNA GIUDICE DELL ESECUZIONE * * * PROCEDIMENTO DI ESECUZIONE IMMOBILIARE * * * PREMESSA

TRIBUNALE CIVILE DI BOLOGNA GIUDICE DELL ESECUZIONE * * * PROCEDIMENTO DI ESECUZIONE IMMOBILIARE * * * PREMESSA GEOMETRA MONTALTI GIANFRANCO Via Fioravanti n. 21 40129 BOLOGNA Tel. 051 364384 - Fax 051 364384 E-mail: gianfranco.montalti@collegiogeometri.bo.it TRIBUNALE CIVILE DI BOLOGNA GIUDICE DELL ESECUZIONE *

Dettagli

COMUNE DI CITTADELLA Provincia di Padova

COMUNE DI CITTADELLA Provincia di Padova COMUNE DI CITTADELLA Provincia di Padova SETTORE - Urbanistica ed Edilizia Privata SCHEMA ANALITICO DELLE SUPERFICI E VOLUMI UTILI PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DOVUTO AI SENSI DEGLI ARTT. 3 - -

Dettagli

LOTTI n. 6-7 Dorsoduro 99

LOTTI n. 6-7 Dorsoduro 99 LOTTI n. 6-7 Dorsoduro 99 LOTTO 6 Prezzo base della trattativa privata: Euro 488.700,00 LOTTO 7 Prezzo base della trattativa privata: Euro 378.000,00 Ubicazione Planimetria sub 2 LOTTO N. 6 Planimetria

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA Provincia di Bologna REGOLAMENTO COMUNALE PER IL RICONVENZIONAMENTO DELLE AREE P.E.E.P.

COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA Provincia di Bologna REGOLAMENTO COMUNALE PER IL RICONVENZIONAMENTO DELLE AREE P.E.E.P. COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA Provincia di Bologna REGOLAMENTO COMUNALE PER IL RICONVENZIONAMENTO DELLE AREE P.E.E.P. - Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 16 del 04.04.2001 - Modificato

Dettagli

DOCFA 4.00.3 LA LEGGE DI STABILITA 2016 IN TEMA DI IMBULLONATI E LA CARATTERIZZAZIONE DELLE UNITA IMMOBILIARI NEL SISTEMA CATASTALE

DOCFA 4.00.3 LA LEGGE DI STABILITA 2016 IN TEMA DI IMBULLONATI E LA CARATTERIZZAZIONE DELLE UNITA IMMOBILIARI NEL SISTEMA CATASTALE DOCFA 4.00.3 LA LEGGE DI STABILITA 2016 IN TEMA DI IMBULLONATI E LA CARATTERIZZAZIONE DELLE UNITA IMMOBILIARI NEL SISTEMA CATASTALE Le Entità Tipologiche: definizioni e esemplificazioni Sala Trilussa CIPAG

Dettagli

PGT Piano di Governo del Territorio

PGT Piano di Governo del Territorio Comune di Torre de Busi (Provincia di Lecco) PGT Piano di Governo del Territorio Variante n 3 ESTRATTO NORME TECNICHE PIANO DELLE REGOLE Il progettista LEO arch. Domenico del T 1 INDICE NORME VARIATE 2.

Dettagli

LOTTO n. 25 Santa Croce 2250

LOTTO n. 25 Santa Croce 2250 LOTTO n. 25 Santa Croce 2250 Ubicazione Planimetria Stato dell immobile Caratteristiche estrinseche: Trattasi di fabbricato, esternamente in stato manutentivo scadente, con struttura portante in muratura,

Dettagli

Circolare informativa 23/2015. ( a cura di Sara Razzi)

Circolare informativa 23/2015. ( a cura di Sara Razzi) Roma, 23 novembre 2015 Circolare informativa 23/2015 ( a cura di Sara Razzi) METRI QUADRI IN VISURA CASTALE Con il comunicato stampa n. 172 del 9 novembre 2015, l Agenzia delle Entrate ha reso noto di

Dettagli

N.T.A. PIANO DELLE REGOLE

N.T.A. PIANO DELLE REGOLE VIGENTE ART. 2 INDICI E PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI St: Superficie territoriale (mq) E la superficie complessiva delle aree necessarie per l'attuazione degli interventi, comprensiva di tutte le aree

Dettagli

TRIBUNALE DI FORLI' * * * N.21/2013

TRIBUNALE DI FORLI' * * * N.21/2013 TRIBUNALE DI FORLI' * * * CONCORDATO PREVENTIVO N.21/2013 SOCIETÀ SACCHETTI NELLO SRL LOTTO 7 PROPRIETÀ: SACCHETTI NELLO SRL con sede in Macerone di Cesena, via Cesenatico n.5390 CF: 0148420045 Quota di

Dettagli

Visura per immobile Visura n.: T30096 Pag: 1 Situazione degli atti informatizzati al 16/11/2015

Visura per immobile Visura n.: T30096 Pag: 1 Situazione degli atti informatizzati al 16/11/2015 Ufficio Provinciale di Bologna - Territorio Servizi Catastali Data: 16/11/2015 - Ora: 09.30.25 Visura per immobile Visura n.: T30096 Pag: 1 Situazione degli atti informatizzati al 16/11/2015 Fine Dati

Dettagli

Estimo Condominiale. Fasi del procedimento

Estimo Condominiale. Fasi del procedimento Estimo Condominiale Primo obbiettivo costruzione della tabella A del condominio PASINI. Secondo obiettivo ripartizione di una spesa condominiale. Procedimento analitico ( basato sull elaborazione dei dati

Dettagli

COMUNE di. CASALECCHIO di RENO. Provincia di Bologna I.C.I.

COMUNE di. CASALECCHIO di RENO. Provincia di Bologna I.C.I. 1 COMUNE di CASALECCHIO di RENO Provincia di Bologna I.C.I. AREE FABBRICABILI DIVISIONE DEL TERRITORIO URBANO IN AREE OMOGENEE PER VALORI IMMOBILIARI BIENNIO 2009/10 Aprile 2009 2 AGGIORNAMENTO DELLA STIMA

Dettagli

Lotto n. 1 Comune di Venezia - Complesso Immobiliare in Via Scarpa 960- Pellestrina

Lotto n. 1 Comune di Venezia - Complesso Immobiliare in Via Scarpa 960- Pellestrina Lotto n. 1 Comune di Venezia - Complesso Immobiliare in Via Scarpa 960- Pellestrina Prezzo base d asta: Euro 3.101.500,00 Ubicazione Planimetrie Sub. 2 Sub. 3 Sub. 7 Composizione subalterni Stato dell

Dettagli

TRIBUNALE DI PRATO CALENZANO - VIA DI PRATO, 53 - Quota di 4/6 di piena proprietà e quota di 2/6 di nuda proprietà a cui si è riunito il diritto di

TRIBUNALE DI PRATO CALENZANO - VIA DI PRATO, 53 - Quota di 4/6 di piena proprietà e quota di 2/6 di nuda proprietà a cui si è riunito il diritto di TRIBUNALE DI PRATO CALENZANO - VIA DI PRATO, 53 - Quota di 4/6 di piena proprietà e quota di 2/6 di nuda proprietà a cui si è riunito il diritto di usufrutto per effetto del decesso dell'usufruttuaria,

Dettagli

10 REPARTO INFRASTRUTTURE

10 REPARTO INFRASTRUTTURE 10 REPARTO INFRASTRUTTURE ViaMetastasio99 80125Napoli RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA ASI ENA 0237 Via Rossetti, 46 Int. 9 Piano Secondo 80125FuorigrottaNapoli 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE

Dettagli

COMUNE DI MONTONE. Tributo Comunale sui Rifiuti e sui Servizi

COMUNE DI MONTONE. Tributo Comunale sui Rifiuti e sui Servizi COMUNE DI MONTONE Tributo Comunale sui Rifiuti e sui Servizi Art.14 del Decreto Legge 6 dicembre 2011, n. 201 (convertito con Legge 22 dicembre 2011, n. 214) ANNO 2013 1 PREMESSA Dal 1 gennaio 2013 la

Dettagli

Via della Spiga 5, Milano (intero fabbricato cielo-terra)

Via della Spiga 5, Milano (intero fabbricato cielo-terra) Via della Spiga 5, Milano (intero fabbricato cielo-terra) Inquadramento territoriale L'immobile è ubicato nel centro di Milano, in Via della Spiga n.5, al centro del quadrilatero della moda, l area più

Dettagli

Manuale di Estimo Vittorio Gallerani, Giacomo Zanni, Davide Viaggi Copyright 2005 The McGraw-Hill Companies srl

Manuale di Estimo Vittorio Gallerani, Giacomo Zanni, Davide Viaggi Copyright 2005 The McGraw-Hill Companies srl Copyright 2005 The Companies srl Caso 13 Stima della tabella millesimale di proprietà in un condominio di 4 piani con appartamenti e negozi nella periferia di Torino 1. Descrizione del fabbricato... 2

Dettagli

CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE AGEVOLAZIONI RELATIVE AI BENI IMMOBILI. Normativa. Preambolo

CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE AGEVOLAZIONI RELATIVE AI BENI IMMOBILI. Normativa. Preambolo Decreto del 02/08/1969. Titolo del provvedimento: Caratteristiche delle abitazioni di lusso. (Pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 218 del 27/08/1969) Preambolo. Preambolo IL MINISTRO PER I LAVORI PUBBLICI

Dettagli

---------------------------------------- RELAZIONE DI STIMA PER VALUTAZIONE IMMOBILE ----------------------------------------

---------------------------------------- RELAZIONE DI STIMA PER VALUTAZIONE IMMOBILE ---------------------------------------- ---------------------------------------- RELAZIONE DI STIMA PER VALUTAZIONE IMMOBILE ---------------------------------------- Immobile di proprietà comunale sito in Via Rosmini n.4 Descritto all Agenzia

Dettagli

LOTTO n. 16 San Polo 1491

LOTTO n. 16 San Polo 1491 LOTTO n. 16 San Polo 1491 Prezzo base della trattativa privata: Euro 347.400,00 Ubicazione Planimetria Stato dell immobile Caratteristiche estrinseche: Trattasi di fabbricato, esternamente in stato manutentivo

Dettagli

Circolare 23/07/1960 n. 1820

Circolare 23/07/1960 n. 1820 MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI Definizioni in materia di costruzioni edilizie Circolare 23/07/1960 n. 1820 Come è noto, in materia di costruzioni edilizie mancano finora criteri generali ed ufficiali per

Dettagli

ALLEGATO 2 B TABELLE DI CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE

ALLEGATO 2 B TABELLE DI CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE ALLEGATO 2 B TABELLE DI CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE Definizioni Superficie di applicazione del contributo Ai sensi dell art.46 del regolamento regionale 18

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone: N. 2007/120811 Disposizioni in materia di individuazione dei criteri utili per la determinazione del valore normale dei fabbricati di cui all articolo 1, comma 307 della legge 27 dicembre 2006, n. 296

Dettagli

COMUNE DI PISTOIA Area SERVIZIO AL TERRITORIO, AMBIENTE E SVILUPPO ECONOMICO Servizio GOVERNO DEL TERRITORIO E EDILIZIA PRIVATA

COMUNE DI PISTOIA Area SERVIZIO AL TERRITORIO, AMBIENTE E SVILUPPO ECONOMICO Servizio GOVERNO DEL TERRITORIO E EDILIZIA PRIVATA COMUNE DI PISTOIA Area SERVIZIO AL TERRITORIO, AMBIENTE E SVILUPPO ECONOMICO Servizio GOVERNO DEL TERRITORIO E EDILIZIA PRIVATA Allegato A SCHEMA PER L AUTODETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI CUI ALL ART.183

Dettagli

Comune di Perugia. 23 ottobre 2012. (dati provvisori) Ufficio Toponomastica Geom. Massimo Crocioni

Comune di Perugia. 23 ottobre 2012. (dati provvisori) Ufficio Toponomastica Geom. Massimo Crocioni Dal Censimento 2011, Perugiaa a confronto Le abitazioni e gli altri tipi di alloggio Ufficio Toponomastica Geom. Massimo Crocioni Perugia a confronto con le città di Cagliari, Firenze, Livorno, Messina

Dettagli

SCHEDA DESCRITTIVA DEGLI IMMOBILI

SCHEDA DESCRITTIVA DEGLI IMMOBILI 1- Via M. Marino n. 2 SCHEDA DESCRITTIVA DEGLI IMMOBILI Allegato a 1 Fgl. P. lla Sub Cat. Consistenza Mq/vani località via civico piano euro 64 2284 4 A/2 224/4,5 + Salerno M. Marino 2 1 64 2284 5 A/2

Dettagli

VALUTAZIONE IMMOBILI DI PROPRIETA PATERLINI & TONOLINI S.p.A. IMMOBILE G - Viale Lombardia 29, Busto Arsizio (VA)

VALUTAZIONE IMMOBILI DI PROPRIETA PATERLINI & TONOLINI S.p.A. IMMOBILE G - Viale Lombardia 29, Busto Arsizio (VA) VALUTAZIONE IMMOBILI DI PROPRIETA PATERLINI & TONOLINI S.p.A. IMMOBILE G - Viale Lombardia 29, Busto Arsizio (VA) G.1 Ubicazione Le unità immobiliari sono ubicate a Busto Arsizio, in viale Lombardia 29

Dettagli

COMUNE DI PIETRASANTA (Provincia di Lucca)

COMUNE DI PIETRASANTA (Provincia di Lucca) COMUNE DI PIETRASANTA (Provincia di Lucca) Regolamento per la definizione dei prezzi massimi di cessione e del canone di locazione degli alloggi relativi ad interventi di edilizia abitativa convenzionata

Dettagli

UBICAZIONE: FIRENZE, Piazza Della Crezia n 5 DESCRIZIONE IMMOBILE

UBICAZIONE: FIRENZE, Piazza Della Crezia n 5 DESCRIZIONE IMMOBILE UBICAZIONE: FIRENZE, Piazza Della Crezia n 5 DESCRIZIONE IMMOBILE Trattasi di fondo commerciale al piano terra della superficie commerciale di circa mq. 24 attualmente locato al Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

STEFANO RAMBALDI CANONE CONCORDATO. CENTRO STUDI FIAIP EMILIA-ROMAGNA Bologna, 27 marzo 2015

STEFANO RAMBALDI CANONE CONCORDATO. CENTRO STUDI FIAIP EMILIA-ROMAGNA Bologna, 27 marzo 2015 STEFANO RAMBALDI CANONE CONCORDATO CENTRO STUDI FIAIP EMILIA-ROMAGNA Bologna, 27 marzo 2015 CANONE CONCORDATO 2 ANDARE AL LINK http://www.comune.bologna.it/casa/servizi/8:6440/ All interno si trova il

Dettagli

ROSÀ UNITÀ IMMOBILIARE NON AD USO ARTIGIANALE, INDUSTRIALE O AGRICOLO

ROSÀ UNITÀ IMMOBILIARE NON AD USO ARTIGIANALE, INDUSTRIALE O AGRICOLO Allo Sportello Unico per L edilizia del Comune di: ROSÀ RISERVATO ALL UFFICIO Id. n - Pratica edilizia n UNITÀ IMMOBILIARE NON AD USO ARTIGIANALE, INDUSTRIALE O AGRICOLO CALCOLO DELLE SUPERFICI E DEI VOLUMI

Dettagli

INAIL ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO

INAIL ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO INAIL ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO DIREZIONE REGIONALE PER IL LAZIO Consulenza Tecnica per l Edilizia Regionale ROMA Via Francesco Frazzi, 13 interno 13 sc. B

Dettagli

FORM IMMOBILE ID N DENOMINAZIONE PROPRIETA' 1. UBICAZIONE 2. DESCRIZIONE SOMMARIA 3. SITUAZIONE GIURIDICA- TITOLARITA' Pagina 1 di 4 COMUNE LOCALITA

FORM IMMOBILE ID N DENOMINAZIONE PROPRIETA' 1. UBICAZIONE 2. DESCRIZIONE SOMMARIA 3. SITUAZIONE GIURIDICA- TITOLARITA' Pagina 1 di 4 COMUNE LOCALITA FORM IMMOBILE ID N DEMINAZIONE PROPRIETA' 1. UBICAZIONE COMUNE LOCALITA INDIRIZZO 2. DESCRIZIONE SOMMARIA N DI FABBRICATI TUENTI IL COMPLESSO N PIANI Fuori Terra Entro Terra N ACCES Pedonali Carrabili

Dettagli

Sezione A - Generalità Dati relativi al titolo

Sezione A - Generalità Dati relativi al titolo Pag. 1 - segue Sezione A - Generalità Dati relativi al titolo Descrizione ATTO NOTARILE PUBBLICO Data 29/10/2008 Numero di repertorio 46415/16079 Notaio GIANNETTA ANTONIO Codice GNN NTN 61C10 A794 Q OSIO

Dettagli

Aggiornamento degli Oneri di Urbanizzazione Primaria e Secondaria COMUNE DI VIMERCATE UFFICIO EDILIZIA PRIVATA E SPORTELLO UNICO DELLE ALLEGATO A

Aggiornamento degli Oneri di Urbanizzazione Primaria e Secondaria COMUNE DI VIMERCATE UFFICIO EDILIZIA PRIVATA E SPORTELLO UNICO DELLE ALLEGATO A COMUNE DI VIMERCATE UFFICIO EDILIZIA PRIVATA E SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE Determinazione degli oneri di urbanizzazione afferenti alle concessioni edilizie in applicazione degli artt. 5 e

Dettagli

STIMA DEL CANONE DI LOCAZIONE PIÙ PROBABILE

STIMA DEL CANONE DI LOCAZIONE PIÙ PROBABILE ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO Consulenza Tecnica per l Edilizia Regionale ANCONA FERMO VIA O. RESPIGHI N. 10 STIMA DEL CANONE DI LOCAZIONE PIÙ PROBABILE Ancona

Dettagli

Immobile n. 1 ex Casello Idraulico di Fucecchio

Immobile n. 1 ex Casello Idraulico di Fucecchio Immobile n. 1 ex Casello Idraulico di Fucecchio Unità immobiliare ubicata nel Comune di Fucecchio (FI), Località Ponte a Cappiano, Viale Cristoforo Colombo n. 183. L immobile è costituito da una unità

Dettagli

N. DATI IDENTIFICATIVI DATI CLASSAMENTO DATI DERIVANTI DA

N. DATI IDENTIFICATIVI DATI CLASSAMENTO DATI DERIVANTI DA Data: 16/11/2015 - Ora: 10.20.34 Visura per immobile Visura n.: T64454 Pag: 1 Situazione degli atti informatizzati al 16/11/2015 Fine Dati della richiesta Comune di CERVIA ( Codice: C553) Provincia di

Dettagli

COMUNE DI NIMIS PROVINCIA DI UDINE PIAZZA XXIX SETTEMBRE N NIMIS (UD) TEL / FAX /

COMUNE DI NIMIS PROVINCIA DI UDINE PIAZZA XXIX SETTEMBRE N NIMIS (UD) TEL / FAX / COMUNE DI NIMIS PROVINCIA DI UDINE PIAZZA XXIX SETTEMBRE N 8 33045 NIMIS (UD) TEL. 0432 / 790045 FAX. 0432 / 790173 ORARIO DI RICEVIMENTO : MARTEDI' DALLE ORE 17:00 ALLE ORE 18:00 GIOVEDI' DALLE ORE 10:00

Dettagli

Il sottoscritto Curatore, procede alla vendita con procedura competitiva ex art. 107 ss L.F., dei seguenti beni immobili:

Il sottoscritto Curatore, procede alla vendita con procedura competitiva ex art. 107 ss L.F., dei seguenti beni immobili: TRIBUNALE DI PADOVA FALLIMENTO n.158n/2010 Giudice Delegato dott.ssa Micol Sabino Curatore dott. Gianfranco Peracin AVVISO DI VENDITA CON PROCEDURA COMPETITIVA Il sottoscritto Curatore, procede alla vendita

Dettagli

NORME TECNICHE SI ATTUAZIONE A.T.R. 1

NORME TECNICHE SI ATTUAZIONE A.T.R. 1 NORME TECNICHE SI ATTUAZIONE A.T.R. 1 Le NTA dell'a.t.r.1 sono conformi alle N.T.A. del Piano di Governo del Territorio che nel loro insieme fanno parte integrante della presente normativa. ART. 1 RIFERIMENTI

Dettagli

CONSULTA INTERASSOCIATIVA DEI PROFESSIONISTI DELL IMMOBILIARE

CONSULTA INTERASSOCIATIVA DEI PROFESSIONISTI DELL IMMOBILIARE STANDARD UNICO PROVINCIALE PER LA MISURAZIONE DEL METRO QUADRO COMMERCIALE 1 Nel novembre 2008 viene costituita la "Consulta Interassociativa dei Professionisti dell'immobiliare" inizialmente per rispondere

Dettagli

Visura storica per immobile Visura n.: T26934 Pag: 1 Situazione degli atti informatizzati dall'impianto meccanografico al 05/01/2016

Visura storica per immobile Visura n.: T26934 Pag: 1 Situazione degli atti informatizzati dall'impianto meccanografico al 05/01/2016 Data: 05/01/2016 - Ora: 09.51.32 Visura storica per immobile Visura n.: T26934 Pag: 1 Situazione degli atti informatizzati dall'impianto meccanografico al 05/01/2016 Segue Dati della richiesta Comune di

Dettagli

COMUNE DI CAPENA (RM) REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DEI MANUFATTI PERTINENZIALI

COMUNE DI CAPENA (RM) REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DEI MANUFATTI PERTINENZIALI COMUNE DI CAPENA (RM) REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DEI MANUFATTI PERTINENZIALI Allegato alla Delibera di Consiglio Comunale n. 15 del 08/04/2014 COMUNE DI CAPENA REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DEI

Dettagli

TRIBUNALE DI PRATO CALENZANO - VIA DI PRATO, 53 - Quota di 4/6 di piena proprietà e quota di 2/6 di nuda proprietà a cui si è riunito il diritto di

TRIBUNALE DI PRATO CALENZANO - VIA DI PRATO, 53 - Quota di 4/6 di piena proprietà e quota di 2/6 di nuda proprietà a cui si è riunito il diritto di TRIBUNALE DI PRATO CALENZANO - VIA DI PRATO, 53 - Quota di 4/6 di piena proprietà e quota di 2/6 di nuda proprietà a cui si è riunito il diritto di usufrutto per effetto del decesso dell'usufruttuaria,di:

Dettagli

PGT ALLEGATO A. Norme Tecniche di Attuazione N.T.A. Lonate Ceppino. PIANO di GOVERNO del TERRITORIO

PGT ALLEGATO A. Norme Tecniche di Attuazione N.T.A. Lonate Ceppino. PIANO di GOVERNO del TERRITORIO Regione Lombardia comune Lonate Ceppino PGT PIANO di GOVERNO del TERRITORIO adottato in data 15 novembre 2012 approvato in data 10 giugno 2013 Norme Tecniche di Attuazione N.T.A. ALLEGATO A MODALITA DI

Dettagli

CAMPI BISENZIO - VIA SAN QUIRICO - APPEZZAMENTO DI TERRENO

CAMPI BISENZIO - VIA SAN QUIRICO - APPEZZAMENTO DI TERRENO TRIBUNALE DI PRATO CAMPI BISENZIO - VIA SAN QUIRICO - APPEZZAMENTO DI TERRENO EDIFICABILE della superficie catastale di mq. 8.860, destinazione urbanistica D1 e D5. Prezzo base Euro 600.000,00. Offerta

Dettagli

MODELLO UNICO INFORMATICO DI AGGIORNAMENTO DEGLI ATTI CATASTALI ACCERTAMENTO DELLA PROPRIETA' IMMOBILIARE URBANA

MODELLO UNICO INFORMATICO DI AGGIORNAMENTO DEGLI ATTI CATASTALI ACCERTAMENTO DELLA PROPRIETA' IMMOBILIARE URBANA MODELLO UNICO INFORMATICO DI AGGIORNAMENTO DEGLI ATTI CATASTALI mod. D1 Quadro B Dichiarazione di variazione presentata ai sensi dell'art. 20 del RDL 13 aprile 1939, n. 652 Tipo Mappale n. 34058 del 18/05/2015

Dettagli

INAIL ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO

INAIL ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO INAIL ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO DIREZIONE REGIONALE PER IL LAZIO Consulenza Tecnica per l Edilizia Regionale ROMA Viale Dei Quattro Venti 96 interno 30 piano

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI DI CUI ALL ART. 167 D.Lgs.42/2004 e LEGGE 308/04

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI DI CUI ALL ART. 167 D.Lgs.42/2004 e LEGGE 308/04 COMUNE DI PITIGLIANO Provincia di Grosseto Allegato alla delibera del C.C. n. 4 del 22.03.2012 Il Segretario Comunale F.to: Dott.ssa Sommovigo Maria Pia REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI DI

Dettagli

di vigevano Aste Giudiziarie

di vigevano Aste Giudiziarie Abbiategrasso (MI) VIA VERBANO, 1 - APPARTAMENTO: al piano primo e secondo, composto da soggiorno, cucina, camera, disimpegno, bagno e tre balconi al piano primo e sottotetto adibito a ripostiglio al piano

Dettagli

RICHIESTA DI CERTIFICATO DI AGIBILITA' artt. 24 comma 3 e 25 comma 1 D.P.R n. 380/2001 e succ.mod. ed int.

RICHIESTA DI CERTIFICATO DI AGIBILITA' artt. 24 comma 3 e 25 comma 1 D.P.R n. 380/2001 e succ.mod. ed int. P.E.... Spazio Riservato all Ufficio Prot.ocollo n.... Del... RICHIESTA DI CERTIFICATO DI AGIBILITA' artt. 24 comma 3 e 25 comma 1 D.P.R. 06.06.2001 n. 380/2001 e succ.mod. ed int. Marca da Bollo 14,62

Dettagli

CALCOLO SUPERFICIE CATASTALE AI FINI TARSU e TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI

CALCOLO SUPERFICIE CATASTALE AI FINI TARSU e TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI CALCOLO SUPERFICIE CATASTALE AI FINI TARSU e TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI La superficie catastale ai fini tarsu non è altro che una superficie fittizia, determinata secondo precisi parametri

Dettagli

Ufficio Patrimonio RELAZIONE LOTTO 4 IMMOBILE IN VIA MARZOCCO N.44

Ufficio Patrimonio RELAZIONE LOTTO 4 IMMOBILE IN VIA MARZOCCO N.44 DIREZIONE FINANZE E PATRIMONIO SERVIZIO GESTIONE PATRIMONIO Ufficio Patrimonio Dirigente: Avv. Massimo Dalle Luche Funzionario Delegato: Ing. Alessandra Mazzei RELAZIONE LOTTO 4 IMMOBILE IN VIA MARZOCCO

Dettagli

PERIZIA TECNICO ESTIMATIVA

PERIZIA TECNICO ESTIMATIVA PERIZIA TECNICO ESTIMATIVA RICHIEDENTE:COMUNE DI LARI - UFFICIO TECNICO; OGGETTO : SCUOLA DI USIGLIANO. ALLEGATI: Estratto di Mappa; Visure Catastali NCT e NCEU; Planimetria indicativa dell immobile. 1

Dettagli

N. 03/2014. 18 Ottobre 2014. RELATORE Avv. Paola Giglio

N. 03/2014. 18 Ottobre 2014. RELATORE Avv. Paola Giglio N. 03/2014 18 Ottobre 2014 RELATORE Avv. Paola Giglio Art. 1117 Codice Civile Legge 220/2012 Modifiche all art. 1117 c.c. Sono oggetto di proprietà comune dei proprietari dei diversi piani o porzioni di

Dettagli

1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE

1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE DIREZIONE GESTIONE RISORSE SEZIONE GESTIONE PATRIMONIO OGGETTO: SCHEDA TECNICA APPARTAMENTO MILANO DUE Segrate, 2 Settembre 2016 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE (LOCALIZZAZIONE E DESTINAZIONE URBANISTICA);

Dettagli

Diaphora 3 - Perizia I021

Diaphora 3 - Perizia I021 A Visure catastali Diaphora 3 - Perizia I021 Studio Marinelli p.45 Diaphora 3 - Perizia I021 Studio Marinelli p.47 Diaphora 3 - Perizia I021 B Quotazioni immobiliari Studio Marinelli p.49 Agenzia Entrate

Dettagli

ACCERTAMENTO DELLA PROPRIETA' IMMOBILIARE URBANA

ACCERTAMENTO DELLA PROPRIETA' IMMOBILIARE URBANA mod. D1 Quadro B Dichiarazione di variazione presentata ai sensi dell'art. 20 del RDL 13 aprile 1939, n. 652 Tipo Mappale n. del Unita' a destinazione ordinaria n. 1 Unita' in soppressione n. speciale

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI BOLOGNA * * * Promosso da: ****************************************************************** contro

TRIBUNALE CIVILE DI BOLOGNA * * * Promosso da: ****************************************************************** contro STUDIO TECNICO ASSOCIATO ARCH. GIANNINI ING. PAONE Via Santo Stefano, 43-40125 BOLOGNA Tel. 051 261359 - Fax 051 261359 E-mail: gianninipaone@libero.it arch.danielagiannini@pec.it TRIBUNALE CIVILE DI BOLOGNA

Dettagli

Dati generali. Villino. n/r. edificio residenziale bifamiliare. privata. utilizzato parzialmente utilizzato non utilizzato. Riferimenti archivistici

Dati generali. Villino. n/r. edificio residenziale bifamiliare. privata. utilizzato parzialmente utilizzato non utilizzato. Riferimenti archivistici Dati generali Denominazione Villino Localizzazione via Gorizia 5 Datazione fra il 1913 ed il 1928 Autore Oggetto Proprietà edificio residenziale bifamiliare privata Proprietari Grado di Utilizzo utilizzato

Dettagli

4. PERIZIA TECNICO ESTIMATIVA. Immobili in Comune di Forlì, località Carpinello Via Del Bosco n 6/I

4. PERIZIA TECNICO ESTIMATIVA. Immobili in Comune di Forlì, località Carpinello Via Del Bosco n 6/I 1 4. PERIZIA TECNICO ESTIMATIVA Immobili in Comune di Forlì, località Carpinello Via Del Bosco n 6/I 2 PERIZIA ESTIMATIVA Il sottoscritto Arch. Umberto Lizza su incarico del Tribunale di Forlì, di redigere

Dettagli

COMUNE DI BARNI Provincia di Como

COMUNE DI BARNI Provincia di Como COMUNE DI BARNI Provincia di Como UFFICIO TRIBUTI Via Luigi Bricchi n.3-22030 BARNI (Como) - Tel. 031.965136 - Fax 031.965645 www.comune.barni.co.it - E-mail: comune.barni@pec.regione.lombardia.it T A

Dettagli

COMUNE DI LAVAGNA CITTA METROPOLITANA DI GENOVA. CALCOLO SUPERFICI PROGETTO Abitanti Equivalenti

COMUNE DI LAVAGNA CITTA METROPOLITANA DI GENOVA. CALCOLO SUPERFICI PROGETTO Abitanti Equivalenti COMUNE DI LAVAGNA CITTA METROPOLITANA DI GENOVA CAVI DI LAVAGNA Lungomare ARENELLE Introduzione di Progetto Speciale: Zona D RIB (B-D) passeggiata a mare e per attrezzature balneari - Spiaggia Attrezzata

Dettagli

RELAZIONE ESTIMATIVA DEI BENI IMMOBILI DI PROPRIETA DELL ASSOCIAZIONE SCUOLA MATERNA SERENA

RELAZIONE ESTIMATIVA DEI BENI IMMOBILI DI PROPRIETA DELL ASSOCIAZIONE SCUOLA MATERNA SERENA S E R V I Z I T E C N I C I C. A. P. 1 0 0 6 0 T e l. 0 1 2 1. 5 9 9 3 3 3 F a x 0 1 2 1. 5 9 9 3 3 4 RELAZIONE ESTIMATIVA DEI BENI IMMOBILI DI PROPRIETA DELL ASSOCIAZIONE SCUOLA MATERNA SERENA Premessa,

Dettagli

oneri di urbanizzazione primaria (residenziale e servizi) 40,00 oneri di urbanizzazione secondaria (residenziale)

oneri di urbanizzazione primaria (residenziale e servizi) 40,00 oneri di urbanizzazione secondaria (residenziale) TABELLA A ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA INCIDENZA ECONOMICA ONERI DI URBANIZZAZIONE PER INSEDIAMENTI RESIDENZIALI E PER SERVIZI (art. 38, commi 1 e 3, regolamento regionale 2/2015) IMPORTO

Dettagli

avvertenze 1. Guida alla lettura dei valori 2Rilevazione dei prezzi degli Immobili sulla piazza della Provincia di Monza e Brianza 2 semestre 2015

avvertenze 1. Guida alla lettura dei valori 2Rilevazione dei prezzi degli Immobili sulla piazza della Provincia di Monza e Brianza 2 semestre 2015 2Rilevazione dei prezzi degli Immobili sulla piazza della Provincia di Monza e Brianza 2 semestre 2015 1. Guida alla lettura dei valori 1.1. Premesse La presente pubblicazione - edita a cura di TEMA S.C.p.A.,

Dettagli