ANATOCISMO ED USURA PROF ISTRUZIONI PER L UTILIZZO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANATOCISMO ED USURA PROF ISTRUZIONI PER L UTILIZZO"

Transcript

1 ANATOCISMO ED USURA PROF ISTRUZIONI PER L UTILIZZO Introduzione Il software Anatocismo ed Usura Professional è stato progettato per consentire all utente la massima flessibilità e maneggevolezza nell analisi e ricalcolo dei conti correnti bancari. Il software permette di effettuare una analisi completa del conto corrente (rilevando eventuali illeciti in termini di anatocismo e usura, oltre ad evidenziare i tassi effettivamente applicati) e un accurato ricalcolo dello stesso sulla base di un ampia gamma di parametri e tecniche che l utente potrà liberamente scegliere a sua discrezione. Il software è frutto della collaborazione con svariati utenti esperti nel settore che, con le loro richieste, hanno indirizzato lo sviluppo del prodotto. I risultati dell analisi sono esportabili in Excel ed inoltre è possibile scaricare in formato Word una pre-analisi commentata dell estratto conto e diversi schemi di perizia già pronti ed utilizzabili, corredati di ampio inquadramento normativo nonché della discussione delle tecniche adottate. A chi è rivolto Il software è rivolto a professionisti ed esperti del settore. Le molteplici opzioni per l analisi ed il riconteggio dei conti correnti rendono il software uno strumento indispensabile soprattutto per CTU e CTP, che intendono eseguire calcoli analitici completi e precisi accorciando notevolmente i tempi, dato che si opera sulla base dei dati trimestrali. A che serve Il software Anatocismo ed Usura Professional può essere utilizzato per analizzare gli estratti conto bancari al fine di verificare se l istituto di credito ha applicato interessi ultralegali o anatocistici e se ha addebitato commissioni o spese non dovute. Il software permette inoltre di quantificare le somme indebitamente addebitate dalla banca ai fini di una eventuale richiesta di risarcimento. Come si utilizza L utente dovrà inserire i dati principali riportati negli estratti conto scalari inviati trimestralmente dalla banca. Nello specifico è sufficiente inserire i saldi liquidi di fine trimestre, i numeri debitori e creditori, gli interessi debitori e creditori, la Commissione di Massimo Scoperto (CMS) e le spese (con l eccezione di bolli o tasse, che comunque non vengono riportati nei prospetti di liquidazione trimestrale). Se si vorrà procedere al ricalcolo della CMS l utente dovrà inserire un ulteriore informazione: il valore del picco di massimo scoperto registratosi durante ciascun trimestre. Risultati finali Il software Anatocismo ed Usura Professional restituisce un analisi completa del rapporto bancario, evidenziando i trimestri nei quali la banca ha applicato tassi ultralegali, usurai o oltre la media. Il software inoltre esegue un ricalcolo del conto bancario al fine di evidenziare e quantificare le differenze applicando diverse tecniche e parametri di ricalcolo. Al termine dell'analisi è possibile stampare un report finale in cui sono riportati tutti i dati e la spiegazione dei risultati ottenuti.

2 Struttura del Software Il software è strutturato in due fogli principali: Conto e Riconteggio. Nel foglio Conto sarà possibile indicare i dati generali del conto corrente, impostare le opzioni di riconteggio ed inserire i dati degli estratti conto scalari. Il foglio Riconteggio è di sola visualizzazione e riporta un prospetto con i dati del ricalcolo effettuato sul conto corrente, in base ai parametri inseriti. L inserimento dei dati è quindi possibile solo nel foglio Conto, dove è presente in alto un riquadro che riporta gli avvisi per un corretto inserimento dei dati. Inserimento dei dati Nel foglio Conto è possibile inserire i dati del conto corrente. Di seguito si riporta uno schermata tipo del software. Inserimento dei dati generali del conto corrente Per cominciare l utente dovrà inserire i dati generali del conto corrente, tra cui: 1. Intestatario del conto (persona fisica o società): il dato non è indispensabile, ma serve unicamente per riportare il nominativo nei format word dei risultati (lettera banca, pre-analisi, etc.) 2. Ragione sociale della Banca (è consigliabile inserire la ragione sociale estesa poiché questa verrà inserita in automatico nei documenti word che si generano con il software. Quindi, ad esempio, invece di MPS è consigliabile scrivere Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A..) 3. Numero di conto 4. Tipologia del Conto: l utente dovrà indicare la tipologia del conto corrente, scegliendo dall elenco a discesa presente nella cella. Le opzioni possibili sono Ordinario, Ordinario non affidato e Anticipo. Il variare della tipologia del conto influisce sulle soglie usura stabilite dalla Banca d Italia. In genere la tipologia del conto è ben specificata nel contratto oppure nei singoli estratti conto inviati dalla banca. 5. Data di apertura e chiusura del rapporto. In queste due celle si devono inserire le date di apertura e chiusura del conto corrente. Se non si ha a disposizione questa informazione è possibile riferirsi alle date del primo e dell ultimo estratto conto disponibile. Se il conto è ancora aperto si può inserire come data di

3 chiusura la fine dell ultimo trimestre disponibile come estratto conto. È fondamentale inserire queste date come dati preliminari dell analisi dal momento che il software, in base a queste genera la data valuta della tabella sottostante. N.B. La tabella partirà comunque dal I trimestre dell anno di apertura del conto. Per i trimestri non necessari (o per quelli in cui non si hanno a disposizione i dati) bisogna inserire NO nella colonna SCALARE della tabella. Dati generali del conto Inserimento parametri generali per l analisi ed il ricalcolo del conto corrente I parametri per l analisi del conto corrente, modificabili in ogni momento, consistono in: Opzioni generali per l analisi del conto e il riconteggio 1. CAPITALIZZAZIONE. L utente potrà decidere la capitalizzazione da applicare al ricalcolo tra le opzioni: a. TRIMESTRALE b. ANNUALE c. SEMPLICE d. SEMPLICE-ANNUALE e. SEMPLICE-TRIMESTRALE f. SEMPLICE-TRIMESTRALE-SEMPLICE g. SEMPLICE-ANNUALE-SEMPLICE Se si seleziona una capitalizzazione mista, bisogna compilare anche il campo sottostante, SEMPLICE FINO AL/DAL, indicando la data fino alla quale verrà calcolata la capitalizzazione semplice ed eventualmente la data in cui si riprende con la capitalizzazione semplice. Si noterà infatti che sono state aggiunte due nuove tipologie di capitalizzazione per adeguare il software alle recenti normative, di cui la principale è la legge di stabilità 2014 (l.

4 n. 147, pubblicata in G.U. in data che è intervenuta, con il comma 629, a modificare l art. 120, co. 2, TUB). Il comma 2 è stato quindi modificato in: 2. Il CICR stabilisce modalità e criteri per la produzione di interessi nelle operazioni poste in essere nell esercizio dell attività bancaria, prevedendo in ogni caso che: a) nelle operazioni in conto corrente sia assicurata, nei confronti della clientela, la stessa periodicità nel conteggio degli interessi sia debitori sia creditori; b) gli interessi periodicamente capitalizzati non possano produrre interessi ulteriori che, nelle successive operazioni di capitalizzazione, sono calcolati esclusivamente sulla sorte capitale. La modifica si presta ovviamente a diverse interpretazioni, dal momento che il legislatore non è stato netto e chiaro nella sua disposizione. Ad una prima lettura infatti si direbbe che con questo intervento si voglia definitivamente vietare l anatocismo, ma una interpretazione letterale della norma, soprattutto del punto b), riporta alla luce il problema, dal momento che si parla espressamente di capitalizzazione di interessi. Il software è stato quindi adeguato a questa disposizione, permettendo di riportare il ricalcolo ad una capitalizzazione semplice, anche laddove la capitalizzazione precedente doveva essere Semplice-Trimestrale. Questa situazione può infatti accadere nella seguente situazione: la clausola di reciprocità non è stata inizialmente sottoscritta, pertanto si vuole ricalcolare il conto partendo con una capitalizzazione semplice al fine di recuperare gli interessi anatocistici; successivamente si verifica l accettazione della reciprocità degli interessi da parte del cliente e quindi si ritiene di dover capitalizzare le competenze su base trimestrale a partire dalla data della firma della clausola. Si porrebbe quindi il problema, dal 1 gennaio 2014, di dover tornare alla capitalizzazione semplice. Le opzioni aggiuntive vengono quindi incontro a questa esigenza, consentendo quindi di impostare una modalità di capitalizzazione dapprima semplice, poi trimestrale e poi nuovamente semplice. 2. TASSO DEBITORE USURA: La scelta del tasso di interesse sostitutivo da applicare in riconteggio deve essere fatta per ciascun trimestre, compilando puntualmente la colonna TASSO RICONTEGGIO nel prospetto di inserimento dei dati che si trova nella parte inferiore della struttura. Scegliendo l opzione TASSO TRIMESTRE faranno testo le impostazioni puntuali scelte dall utente in tale prospetto e gli interessi debitori e creditori verranno ricalcolati ai tassi indicati. Selezionando invece AZZERA IL TASSO il software procederà automaticamente a ricalcolare a tasso zero gli interessi debitori limitatamente ai trimestri in cui si rileva usura, mantenendo tuttavia il tasso indicato alla colonna TASSO RICONTEGGIO per il ricalcolo degli interessi a credito. Se si opta per AZZERA TASSO SOGG il software ricalcolerà a tasso zero gli interessi debitori in tutti i trimestri in cui viene rilevato superamento del TEGM (ed ovviamente contestuale superamento della soglia usura), mentre gli interessi creditori saranno ricalcolati al tasso sostitutivo indicato. 3. CLAUSOLA RECIPROCITÀ: L utente dovrà indicare se l intestatario del conto ha sottoscritto o meno la clausola di reciprocità e quindi se considerare questa ipotesi. La scelta non influisce sul riconteggio bensì sulla quantificazione analitica degli interessi anatocistici corrisposti alla banca. Se si seleziona SI, bisogna indicare la data di accettazione della clausola. 4. CONSIDERA RIMESSE SOLUTORIE: L opzione è riferita alla possibilità di considerare le rimesse solutorie ai fini dell individuazione dei termini di prescrizione. Se si vuole procedere in tal senso è necessario indicare l ammontare dell affidamento per ogni trimestre. Il software procederà automaticamente ad individuare gli eventuali versamenti delle rimesse e quindi a stabilire i termini per la prescrizione legale. Detti termini prescrizionali influiscono sul riconteggio del conto corrente e fanno sì che i trimestri caduti in prescrizione

5 vengano esclusi dal ricalcolo del conto. Se si decide di non considerare le rimesse, i termini prescrizionali non vengono modificati e l utente non deve inserire l ammontare dell affidamento per ogni trimestre. 5. SALDO INIZIALE RICONTEGGIO: E possibile far partire il riconteggio da un saldo prestabilito. Questa opzione è utile quando si vuole suddividere l analisi del conto in più progetti separati. Occorre inserire in tale campo del progetto 2 il valore del SALDO FINALE RICALCOLO del progetto 1. Inserire zero o lasciare il campo vuoto se non si vuole sfruttare questa opzione. 6. CALCOLO NUMERI RICONTEGGIO: l opzione si riferisce al metodo di stima dei numeri debitori e creditori nel riconteggio. Le scelte possibili sono: a. SALDO TRIMESTRE: i numeri verranno stimati a partire dal saldo trimestrale, come debitori se il saldo è negativo o come creditori se il saldo è positivo. L applicazione di tale metodo comporta in generale un certo errore di stima in qualsiasi condizione venga impiegato. b. INTERPOLAZIONE: i numeri del riconteggio vengono stimati prendendo come riferimento i numeri debitori e creditori riportati sugli estratti conto scalari, che descrivono l andamento del conto nel trimestre, ed apportando delle correzioni agli stessi in base alle differenze che via si formano tra il saldo reale e quello ricalcolato. Questo metodo di calcolo risulta molto performante e preciso nel caso il tasso di interesse applicato al riconteggio è di tipo legale. Se il tasso del riconteggio è BOT o CONTO, l interpolazione sarà precisa solo nel caso il saldo del riconteggio, nonostante le correzioni, risulta comunque negativo. Un caso classico sono i conti perennemente in negativo, che non riportano in estratto scalare nessun numero creditore. In questi casi l interpolazione dei numeri permette di compiere un riconteggio molto preciso, come quello fatto prendendo in considerazione i singoli movimenti giornalieri del conto. La limitazione del metodo, che comunque impone un errore marginale, sta proprio nell impossibilità di capire quando i numeri debitori, a fronte delle rettifiche dovute alla differenza saldi, divengono creditori, generando quindi interessi attivi. Ricalcolando a tasso legale non vi è differenza tra rettificare in diminuzione i debitori o aumentare i creditori, dal momento che il tasso è reciprocamente uguale tra le parti (a meno di una minima ritenuta fiscale sugli interessi attivi). Se invece si applicano i tassi BOT per il ricalcolo, la differenza tra il tasso passivo e quello attivo può generare un errore nei numeri che da debitori sono diventati creditori, in ragione della rettifica apportata. 7. Ricalcolo CMS: Tale campo consente di scegliere la metodologia da applicare al ricalcolo della Commissione di Massimo Scoperto. In linea generale, per ricalcolare la CMS si deve preventivamente enucleare la stessa nel riconteggio al fine di non incappare nell errore di addebitarne due volte l importo sul conto. Infatti se da una parte non si va a stornare l importo addebitato applicando l enucleazione della CMS, imponendo un ricalcolo della stessa si aggiunge a questa la CMS ricalcolata. Le opzioni selezionabili sono: a. NO: scegliendo questa opzione si opterà per effettuare il ricalcolo della CMS. A questo punto, se la CMS originaria viene enucleata, l importo sarà completamente recuperato ai fini del riconteggio. Se non viene enucleata, rimarrà l addebito sul conto e quindi la CMS non sarà recuperata. b. CONTO: la CMS viene ricalcolata in tutti i trimestri all aliquota rilevata. Il software cioè calcola preventivamente l aliquota di CMS applicata nel trimestre, come semplice divisione tra l importo della CMS e quello del massimo scoperto inseriti. Successivamente si rettifica il massimo scoperto considerando la differenza saldi generata nel riconteggio, con riferimento al trimestre precedente a quello di applicazione. Infine si ricalcola la CMS come prodotto tra il massimo scoperto rettificato e l aliquota rilevata nel trimestre. c. AZZERA USURA: rilevata l aliquota della CMS se ne verifica l usurarietà confrontandola con le relative soglie di legge. In caso di superamento della soglia, evidenziata nel prospetto sottostante,

6 la CMS viene annullata per i trimestri in oggetto. La stessa verrà ricalcolata, come al punto b, nel caso non si verifichi usura. Si ricorda che le soglie usura per la CMS sono in vigore fino al 31/12/2009. d. AZZERA USURA TEGM: la CMS viene ricalcolata con lo stesso meccanismo del punto precedente, con la differenza che si annullano le CMS già in caso di superamento dei valori medi pubblicati dal Ministero del Tesoro. e. AZZERA USURA TEG: la CMS viene annullata in caso di superamento della soglia usura anche solo del TEG. In questo caso, quindi, anche se l aliquota della CMS non supera la soglia usura, potrebbe essere annullata per l usurarietà del tasso di interesse globale applicato. 8. CALCOLO ANATOCISMO: è noto che il calcolo degli interessi anatocistici viene eseguito su una base incrementale, a cui si aggiungono per ogni trimestre quota parte delle competenze che vengono illecitamente capitalizzate. La doppia opzione inserita permette di decidere: a. Quali competenze considerare ai fini della quantificazione dell effetto anatocistico, tenendo presente che gli interessi vengono sommati alla base di calcolo in relazione al tasso debitore (ovvero il TAN rilevato che viene applicato ai numeri debitori per la determinazione degli interessi passivi), come quota parte dovuta alla capitalizzazione della base nei trimestri precedenti. b. Quale modalità di capitalizzazione considerare ai fini dell analisi dell anatocismo. Se si applica la capitalizzazione semplice, la base di calcolo viene incrementata costantemente, anche nell ultimo trimestre dell anno. Se invece si decide per una capitalizzazione annuale, la base non verrà incrementata nell ultimo trimestre in relazione alle competenze scelte al punto precedente. L opzione permette quindi di seguire le due scuole di pensiero in merito. Rimane solo da aggiungere che il calcolo degli interessi anatocistici, come si intuisce dal metodo che si utilizza, rimane puramente virtuale e in alcuni casi, in virtù della metodica iterativa seguita, può portare a risultati numericamente discordanti con i valori in gioco. In ogni caso quindi per valutare l esborso maggiore del correntista dovuto all applicazione dell anatocismo, rimane solo il metodo del ricalcolo completo del conto, che evidenzia correttamente la differenza saldi finale e quindi l eventuale rimborso richiedibile dal correntista. Inserimento saldi trimestrali Nella parte sinistra della tabella l utente dovrà inserire il saldo liquido rilevato dal conto corrente scalare. Fino all anno 2001, compreso l ultimo trimestre, i dati dovranno essere espressi in Lire. Prestare attenzione poiché diverse banche hanno inviato estratti conto in Euro per l ultimo trimestre del 2001, che quindi vanno convertiti in Lire (moltiplicare per 1936,27 i valori del saldo, numeri debitori e creditori, interessi e spese). La colonna dedicata all ammontare dell affidamento è da compilarsi sempre (se possibile), in caso di conti affidati. Ciò consente di individuare con maggiore precisione le soglie usura e le rimesse solutorie ai fini del calcolo dei termini di prescrizione ed è indispensabile qualora si vogliano utilizzare le formule di Banca d Italia per il calcolo del TEG. Si noti che anche nel caso in cui non venga l ammontare affidato il software provvede automaticamente a stimarlo sulla base dei dati inseriti e, a partire da tale stima, procede all opportuna impostazione delle soglie.

7 Saldi trimestrali e affidamento Inserimento dati da conto scalare e riepilogo competenze Nella parte centrale e destra della tabella, sempre con riferimento al trimestre in esame, l utente dovrà inserire i seguenti dati, riportati nell estratto conto scalare (nella valuta originale e sempre con segno positivo): 1. Massimo Scoperto 2. Numeri Creditori e Interessi Attivi 3. Numero Debitori e Interessi Passivi 4. CMS (Commissione di Massimo Scoperto) 5. Spese Anche in questo caso fino al 31/12/2001 i dati vanno espressi in Lire. Prestare la massima attenzione al formato dei Numeri. In alcuni casi, infatti, è necessario moltiplicare i numeri per 100 o per 1000, soprattutto quando il conto è espresso in Lire. E consigliabile quindi inserire i numeri debitori e i relativi interessi e quindi verificare il TEG risultante. Se questo è molto più grande del tasso di interesse applicato bisogna moltiplicare i numeri debitori per 100 o per Si consiglia inoltre di scorrere l estratto conto trimestrale alla ricerca di eventuali spese e commissioni non contabilizzate nel riepilogo competenze. In tal caso queste dovranno essere sommate alle spese di fine trimestre.

8 Conto scalare e riepilogo competenze Presenza del conto scalare La penultima colonna della tabella deve essere compilata dall utente inserendo SI oppure NO a seconda se si è in possesso dell estratto conto scalare oppure no. È importante non tralasciare questo dato dal momento che la mancanza di un estratto conto scalare deve essere considerato durante il riconteggio. Inserendo NO il periodo non verrà riconteggiato ed il saldo di fine trimestre viene riportato al periodo successivo per il quale si ha a disposizione l estratto scalare. Opzioni riconteggio Le opzioni per il riconteggio influiscono sulla metodologia da applicare per il ricalcolo delle competenze e dei saldi ed è possibile selezionarle puntualmente per ciascun trimestre secondo l approccio che si desidererà adottare. TASSO RICONTEGGIO OPZIONI RICONTEGGIO ENUCLEAZIONE ULTERIORI RETTIFICHE LEGALE INT-CMS-SPESE 0,00 BOT INT-SPESE 0,00 CONTO INT-CMS 0,00 ZERO INT 0,00 TASSO RICONTEGGIO: l opzione si riferisce al tasso sostitutivo debitore/creditore da applicare nella fase di riconteggio. Le scelte possibili sono: 1. Tasso Legale in vigore nel trimestre riconteggiato 2. Tasso BOT, riferito a 12 mesi precedenti il trimestre in esame, prendendo come tasso a debito quello minimo e come tasso a credito quello massimo (art. 117 D.Lgs 385/1993 c.d. TUB) 3. Tasso Conto, riferito al TAN medio applicato dalla banca, calcolato come Interesse x 365/DEBITORI, ovviamente escludendo CMS e Spese. Si avranno in generale tassi a debito/credito diversi tra loro, in base a quelli effettivamente praticati dall istituto di credito.

9 4. Tasso Zero, si azzerano sia il tasso debitore che quello creditore. L opzione deve essere selezionata nel caso si decide di non enucleare gli interessi nel riconteggio del trimestre (Opzione NULLA nella colonna ENUCLEAZIONE). Infatti, in caso contrario, si addebiterebbero due volte gli interessi. ENUCLEAZIONE: attraverso questo campo si possono decidere, trimestre per trimestre, le competenze da enucleare nel riconteggio. A seconda dei casi l utente potrà quindi decidere quali competenze andare a stornare e quali riaddebitare nel conto corrente riconteggiato. Prestare attenzione all ipotesi NULLA, poiché in questo caso non si andrebbe a stornare nessuna delle competenze e di conseguenza il tasso del riconteggio deve essere settato su ZERO. In questo modo si evita di addebitare gli interessi due volte. ULTERIORI RETTIFICHE: le rettifiche agiscono nel riconteggio prima del calcolo delle competenze. Il segno deve essere negativo in caso si voglia imporre un addebito ulteriore al conto e positivo qualora si desiderino apportare correzioni in positivo. Si consiglia di sfruttare tale campo nel caso si vogliano collegare due conti per addebitare o stornare competenze e altre spese relative ad un conto separato rispetto a quello sul quale si conduce l analisi. Il campo può essere anche utilizzato per evidenziare determinati calcoli o a piacimento dell utente, una volta che si è compreso bene il meccanismo che si innesta nel riconteggio. Calcolo TEG e soglie Usura Per quanto riguarda il calcolo del TEG, l utente ha a disposizione diverse formule, che vengono evidenziate ed espresse attraverso una legenda che illustra la relazione matematica impiegata. La scelta della formula, ovviamente, andrà a modificare il TEG rilevato e quindi l eventuale sconfinamento oltre soglia. Come è possibile verificare dalla legenda, le formule presenti derivano alcune dalla formula classica di calcolo del TEG, espressa come (INTERESSI e Oneri) x 365 / NUMERI DEBITORI ed altre dalle indicazioni della Banca d Italia del 2006 e Le combinazioni possibili saranno quindi: TEG INCL. CMS: (INT+CMS+SPESE) X 365 / DEBITORI TEG ESCL. CMS: (INT+SPESE) X 365 / DEBITORI B.ITALIA : Fino al 31/12/2009 è B.ITALIA 2006, per i trimestri successivi è B.ITALIA 2009 B.ITALIA 2006: (INT X 365 / DEBITORI) + SPESE / ACCORDATO B.ITALIA 2009: (INT X 365 / DEBITORI) + (SPESE + CMS ANNUI) / ACCORDATO B.ITALIA 2009 CMS INCL.INT. : (INT + CMS) X 365 / DEBITORI + (SPESE ANNUE) / ACCORDATO B.ITALIA 2009 ONERI X 4 : INT X 365 / DEBITORI + (ONERI TRIMESTRE X 4) / ACCORDATO TAEG: ((UTILIZZATO + INT + ONERI)/UTILIZZATO)^(365/GIORNI) -1

10 In tabella verrà quindi evidenziato il TEG risultante, l eventuale superamento della soglia USURA o del TEG MEDIO. Lo stesso verrà fatto per la Commissione di Massimo Scoperto. In ogni caso verrà evidenziato il valore di confronto. N.B. La scelta del valore di confronto, in alcuni casi, è vincolato al valore dell affidamento utilizzato. Tale valore, qualora non venga inserito dall utente, viene automaticamente stimato dal software come affidamento medio del trimestre (NUMERI TOTALI / GIORNI DEL TRIMESTRE). Anatocismo Sommatoria interessi Nella penultima colonna della tabella viene riportata la sommatoria degli interessi anatocistici calcolati fino al trimestre in oggetto. Detti interessi vengono calcolati su una base, che viene riportata ed incrementata per ogni trimestre (vedi CALCOLO ANATOCISMO ). Check Competenze La colonna ha uno scopo puramente utilitario, dal momento che riporta la somma delle competenze inserite (interessi, CMS e spese) al fine di effettuare un rapido controllo dei valori inseriti con l estratto conto alla mano.

11 Risultati del riconteggio I risultati dell analisi del conto corrente vengono riportati in maniera riassuntiva nel foglio CONTO, in alto a destra e in versione estesa nel foglio RICONTEGGIO. In particolare viene evidenziata la differenza tra il saldo attuale della banca e il saldo ricalcolato, che è la cifra di riferimento per quantificare un eventuale rimborso. La stessa viene scomposta nella tabella di destra in modo da evidenziare tutte le componenti che hanno contribuito a formare la differenza. RISULTATI RICONTEGGIO ( ) SCOMPOSIZIONE DIFFERENZA SALDI ( ) SALDO FINALE BANCA 0,00 SALDO INTERESSI ,92 SALDO FINALE RICALCOLO ,21 CMS ,86 SPESE ,43 DIFFERENZA SALDI ,21 RETTIFICHE 0,00 SALDO INIZIALE RICALCOLO 0,00 TOTALE ,21 Risultati Finali del riconteggio La differenza tra il saldo bancario e il saldo ricalcolato sarà data dai seguenti contributi: - ricalcolo degli interessi ad un tasso diverso e su capitali diversi; - ricalcolo della CMS ad un aliquota diversa su un valore di massimo scoperto diverso; - enucleazione delle spese; Inoltre si deve tenere conto di eventuali rettifiche apportate e del saldo iniziale del riconteggio, se diverso da zero. Risultati Analisi Conto Corrente Nella tabella seguente, posizionata in alto a destra del foglio Conto, vengono riassunti i dati più rilevanti dell analisi del conto corrente. In questo caso vengono sommati tutti i valori trimestralmente, a prescindere dalle impostazioni del riconteggio. Quindi, per esempio, le commissioni di massimo scoperto vengono conteggiate per tutti i trimestri, a prescindere se poi sono state riaddebitate nel riconteggio oppure no. Allo stesso modo vengono sommati tutti gli interessi anatocistici, usurari o oltre TEG medio. RISULTATI ANALISI CONTO CORRENTE ( ) INTERESSI ANATOCISTICI ,78 INTERESSI USURA ,83 INTERESSI TEGM ,81 COMMISSIONI ,71 SPESE ,87

12 N.B. La somma dei valori in tabella non può mai essere uguale alla differenza dei saldi banca e riconteggio. Infatti il riconteggio viene eseguito proprio per annullare questi fattori. A seconda dei parametri scelti per il riconteggio si andrà a correggere l andamento del conto, annullando progressivamente i valori evidenziati in tabella. Riconteggio del conto corrente Nel foglio RICONTEGGIO, che è di sola visualizzazione, viene riportato il dettaglio del riconteggio effettuato per ogni trimestre analizzato. Riconteggio Conto Corrente Si noti che per i trimestri per i quali è stato rilevato un tasso di interesse usuraio, il tasso di debito è azzerato. Inoltre è possibile visualizzare la differenza tra il saldo della banca e quello ricalcolato per ogni trimestre. Vengono inoltre riportate nel dettaglio le competenze ricalcolate e quelle capitalizzate sul conto corrente, in relazione alle impostazioni selezionate per il ricalcolo. Scarica risultati Tutti i dati del foglio RICONTEGGIO e del foglio CONTO sono esportabili in formato Excel attraverso la procedura di scaricamento dei risultati. Inoltre è possibile generare un report in formato Word in cui viene presentata una pre-analisi del conto corrente, una lettera preliminare da inviare alla banca e diversi schemi di perizia già pronti, commentati e completi di inquadramento normativo nonché della descrizione delle tecniche impiegate per l analisi e il ricalcolo del conto. I format disponibili sono continuamente aggiornati in relazione all evoluzione delle normative o in caso vengano aggiunte funzionalità nuove al software.

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE

GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE Tutto quello che c è da sapere per comprendere meglio l estratto di conto corrente. In collaborazione con la Banca MPS e le Associazioni dei Consumatori: Acu Adiconsum

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 13 del 02.10.2014 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU 1 B. TASSI

Dettagli

Foglio informativo MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA

Foglio informativo MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA Mod. B-109/MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM aggiornamento n. 29 del 01/01/2014 Foglio informativo MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA MEDIOLANUM S.p.A. Sede legale e Direzione Generale:

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

6.10 Compensazione import/export

6.10 Compensazione import/export 6.10 Compensazione import/export Da inviare a: CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.54122656 / 02.54122680 On line: https://dichiarazioni.conai.org

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

QUANTO PUÒ COSTARE IL FIDO. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto

QUANTO PUÒ COSTARE IL FIDO. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Barlassina Società Cooperativa Via C. Colombo, 1/3 20825 BARLASSINA (MB) Tel.: 036257711 - Fax: 0362564276 Email: info@bccbarlassina.it - Sito internet:

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria)

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via

Dettagli

0,00 EUR Canone mensile. 0,00 EUR Canone/forfait/spese trimestrali. 0,00 EUR Spese annue per conteggio interessi e competenze (*)

0,00 EUR Canone mensile. 0,00 EUR Canone/forfait/spese trimestrali. 0,00 EUR Spese annue per conteggio interessi e competenze (*) CONTO CORRENTE WEBANK L offerta commerciale della Banca contempla prodotti, servizi e attività differenti che si contraddistinguono per specifiche caratteristiche (es. i prodotti contraddistinti dal marchio

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI PESCIA-CREDITO COOPERATIVO SOC.COOP. Via Alberghi n. 26-51012 - PESCIA (PT) Tel. : 0572-45941 - Fax: 0572-451621 Email:

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Il presente modulo, sottoscritto e corredato della documentazione necessaria, può essere: consegnato in un qualunque Ufficio Postale

Dettagli

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. Identità e contatti del finanziatore/ intermediario del credito Finanziatore Indirizzo Telefono Email Fax Sito web Creditis Servizi Finanziari

Dettagli

293,10 Non previsto. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto

293,10 Non previsto. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto Questo conto è particolarmente adatto per chi al momento dell apertura del conto pensa di svolgere un numero bassissimo di operazioni o non può stabilire, nemmeno orientativamente, il tipo o il numero

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

AFFIDAMENTI PER ANTICIPI SU FATTURE E CONTRATTI

AFFIDAMENTI PER ANTICIPI SU FATTURE E CONTRATTI DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI - (Titolo VI Testo Unico Bancario - D. Lgs. 385/1993) FOGLIO INFORMATIVO Il presente Foglio

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO BANCA DEGLI ERNICI di Credito Cooperativo SCpA VIA ROMANA SELVA, SNC - 03039 - SORA (FR) Tel. : 07768520 - Fax: 0776852030 Email:info@bancadegliernici.it

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Regolamento Generale Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit, Carta Gold Credit, Carta Explora e Blu American Express.

Regolamento Generale Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit, Carta Gold Credit, Carta Explora e Blu American Express. Regolamento Generale Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit, Carta Gold Credit, Carta Explora e Blu American Express. Regolamento Generale delle Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit,

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

E ALTRI FINANZIAMENTI

E ALTRI FINANZIAMENTI Normativa sulla Trasparenza Bancaria (T. U. Leggi Bancarie D. Lvo 385/93 e norme di attuazione) E ALTRI FINANZIAMENTI FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA Foglio Informativo

Dettagli

La capitalizzazione semplice trimestrale nel conto corrente bancario Problematiche sulle capitalizzazioni degli interessi e sull anatocismo

La capitalizzazione semplice trimestrale nel conto corrente bancario Problematiche sulle capitalizzazioni degli interessi e sull anatocismo Dott. Adalciso Bruzzone La capitalizzazione semplice trimestrale nel conto corrente bancario Problematiche sulle capitalizzazioni degli interessi e sull anatocismo Dr. Adalciso Bruzzone Quadro Direttivo

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI

GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI DI SMOBILIZZO DEL CREDITO CERTIFICATO CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE AMMINISTRAZIONI DEBITRICI Versione 1.1 del 06/12/2013

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo Agrobresciano Soc. Coop. Piazza Roma, 17-25016 - GHEDI (BS) Tel. : 03090441 - Fax: 0309058501 Email:

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

Gli interessi moratori, il principio della compentenza ed il bilancio di esercizio

Gli interessi moratori, il principio della compentenza ed il bilancio di esercizio Gli interessi moratori, il principio della compentenza ed il bilancio di esercizio di Tiziano Sesana (*) Gli interessi legali di mora ex D.Lgs. n. 231/2002 così come modificato dal D.Lgs. n. 192/2012 sono

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating articolo n. 3 giugno 2014 Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating MASSIMILIANO MARI Responsabile Acquisti, SCANDOLARA s.p.a. Realizzare un sistema di rating costituisce un attività

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Decisione N. 77 del 10 gennaio 2014

Decisione N. 77 del 10 gennaio 2014 IL COLLEGIO DI COORDINAMENTO composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente del Collegio ABF di Roma Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente del Collegio ABF di Milano Presidente Membro effettivo

Dettagli

Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni

Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni Abstract Le fatture emesse mediante

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario!

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Manuale del Trader Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Questo manuale spiega esattamente cosa sono le opzioni binarie, come investire e familiarizzare con il nostro sito web. Se avete delle

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Gamma EVOLUTION. L Evoluzione del Software per la Gestione Aziendale

Gamma EVOLUTION. L Evoluzione del Software per la Gestione Aziendale Gamma EVOLUTION L Evoluzione del Software per la Gestione Aziendale Gamma Evolution Caratteristiche Tecniche Linguaggio di programmazione: ACUCOBOLGT Case di sviluppo: TOTEM Sistema operativo: WINDOWS,

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

Roma, 19 settembre 2014

Roma, 19 settembre 2014 CIRCOLARE N. 27 Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 19 settembre 2014 OGGETTO: Modalità di presentazione delle deleghe di pagamento

Dettagli

Dicembre 2010. Conto 3. Guida pratica alla Fattura.

Dicembre 2010. Conto 3. Guida pratica alla Fattura. Dicembre 200 Conto 3. Guida pratica alla Fattura. La guida pratica alla lettura della fattura contiene informazioni utili sulle principali voci presenti sul conto telefonico. Gentile Cliente, nel ringraziarla

Dettagli

il software per la gestione del programma scientifico SEMTIFIC

il software per la gestione del programma scientifico SEMTIFIC il software per la gestione del programma scientifico SEMTIFIC le principali funzioni 1/2 CARATTERISTICHE DEL CONGRESSO SCIENTIFICO - Possibilità di predefinire le caratteristiche del congresso a supporto

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ).

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). 1 ADESIONE A IOSI 1.1 Possono aderire al Club IoSi (qui di seguito IoSi ) tutti i

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Guida all iscrizione al TOLC Test On Line CISIA

Guida all iscrizione al TOLC Test On Line CISIA Guida all iscrizione al TOLC Test On Line CISIA Modalità di iscrizione al TOLC Per iscriversi al TOLC è necessario compiere le seguenti operazioni: 1. Registrazione nella sezione TOLC del portale CISIA

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO

ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO 1 INDICE 1) ASPETTI GENERALI 2) CONTENUTO DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO 2.1) OPERAZIONI 2.2) RAPPORTI 2.3) LEGAMI TRA SOGGETTI 3) CRITERI

Dettagli

OGGETTO: Articolo 23 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come modificato dal decreto legislativo 19 settembre 2012, n. 169.

OGGETTO: Articolo 23 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come modificato dal decreto legislativo 19 settembre 2012, n. 169. Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione OGGETTO: Articolo 23 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come modificato dal decreto legislativo

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli