SPECIFICHE TECNICHE DEL MODELLO STANDARD TIPIZZATO PER LA TRASMISSIONE DEL CONTRATTO DI RETE AL REGISTRO DELLE IMPRESE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SPECIFICHE TECNICHE DEL MODELLO STANDARD TIPIZZATO PER LA TRASMISSIONE DEL CONTRATTO DI RETE AL REGISTRO DELLE IMPRESE"

Transcript

1 SPECIFICHE TECNICHE DEL MODELLO STANDARD TIPIZZATO PER LA TRASMISSIONE DEL CONTRATTO DI RETE AL REGISTRO DELLE IMPRESE Decreto Ministero della Giustizia 122 del 10 Aprile

2 Indice Obiettivi e contenuti del documento... 2 Termini e Definizioni... 2 Termini e acronimi... 3 Riferimenti... 3 Struttura del modello standard tipizzato in formato elaborabile... 4 Schema del modello standard tipizzato in formato elaborabile per la trasmissione del di rete al registro delle imprese... 4 Obiettivi e contenuti del documento Il presente documento descrive le specifiche tecniche del modello standard tipizzato per la trasmissione del di rete al Registro delle Imprese secondo il decreto del Ministero della giustizia 10 Aprile 2014, n. 122, regolamento recante la tipizzazione del modello standard per la trasmissione del di rete al registro delle imprese. Termini e Definizioni Termine Tag XML Namespace Schema Definizione Elemento sintattico con cui si marcano porzioni di un documento nei linguaggi di markup (XML, HTML): i comandi o le istruzioni di formattazione contenuti in un file sono delimitati da un contrassegno convenzionale che solitamente serve per distinguere il testo dal comando stesso es: in HTML un testo inserito tra i tag <B>e</B> viene messo in grassetto. Linguaggio basato sull utilizzo di tag per creare documenti informatici multimediali. Spazio dei Nomi : elemento sintattico del linguaggio XML rappresentato da un identificativo URI (Uniform Resource Identificator) che viene associato a particolari prefissi nel file XML stesso, tramite l uso dell attributo xmlns. Permette di evitare collisioni tra i nomi di elementi e attributi tramite l uso di nomi qualificati, consistenti in un prefisso che indica il namespace cui l elemento appartiene, seguito da un nome locale. Documento XML che utilizza un insieme di tag speciali per definire la struttura di un altro documento XML elencando quali elementi (nome, tipo di dato, attributi) in che ordine e in che gerarchia devono comparire. 2

3 Termini e acronimi Termine/Acronimo XML URI W3C RFC XSD CAdES Titolo extensible Markup Language Uniform Resource Identifier Word Wide Web Consortium Request For Comments XML Schema Definition CMS Advanced Electronic Signatures Riferimenti N Codice Titolo 1 RFC 1341 MIME (Multipurpose Internet Mail Extensions) 2 Decreto 122/2014 del Ministero di Giustizia regolamento recante la tipizzazione del modello standard per la trasmissione del di rete al registro delle imprese contabili 3 XML Schema W3C Architecture Domain XML Schema, Tools Usage Resources Specification and Developments 5 DPCM 10/12/2008 Specifiche tecniche del formato elettronico elaborabile (XBRL) per la presentazione dei bilanci di esercizio e consolidati e di altri atti al registro delle imprese 6 DM 19/11/2009 Modello Comunica Specifiche tecniche per il modello di comunicazione unica 7 DD 18/10/2013 Decreto direttoriale 18 ottobre 2013 Nuova modulistica per Registro delle imprese e Repertorio delle notizie economico- amministrative/rea 8 DD 10/07/2014 Modifica al Decreto direttoriale 18 ottobre 2013 Nuova modulistica per Registro delle imprese e Repertorio delle notizie economico- amministrative/rea 3

4 Struttura del modello standard tipizzato in formato elaborabile Il modello standard tipizzato in formato elaborabile è un file XML firmato con firma digitale ai sensi dell' art. 24 del D. lgs. 82/2005 dai soggetti obbligati alla firma. Il file XML è conforme allo schema XSD che ha lo scopo di descrivere il modello standard tipizzato per la trasmissione al registro delle imprese. Il formato di firma digitale da utilizzare è il formato CAdES. La data dell atto coincide con la data della marca temporale digitale se il file XML firmato dagli obbligati è marcato la data di registrazione dell atto se il file XML firmato dagli obbligati non è marcato Il file XML e la marca temporale digitale devono essere uniti in un unico file secondo lo standard MIME multipart. Il file in formato MIME multipart contiene il file XML, conforme allo schema XSD definito, firmato digitalmente in formato CAdES da parte degli obbligati la marca temporale digitale del file XML firmato Il file che rappresenta il modello standard tipizzato digitale in formato elaborabile da trasmettere al registro delle imprese, firmato ai sensi dell' art. 24 del D. lgs. 82/2005, dai soggetti obbligati alla firma, ha estensione XML.P7M; nel caso in cui sia applicata una marca temporale ha estensione XML.M7M Il modello standard tipizzato in formato elaborabile deve essere trasmesso al registro delle imprese attraverso una pratica di comunicazione unica; nella modulistica del registro delle imprese, che accompagna la pratica, il modello standard tipizzato deve essere indicato come documento con codice B07 e descrizione ATTO XML. Schema del modello standard tipizzato in formato elaborabile per la trasmissione del di rete al registro delle imprese Segue la documentazione dettagliata dei nodi XML (elementi e attributi) del modello standard tipizzato in formato elaborabile per la trasmissione del di rete al registro delle imprese: Padre Nome Nodo Tipo Note Controlli Dichiara il tipo atto Codice identificativo dell atto valorizzare con [estremi]- [ggmmaaaa]- [hhmmss] (esempio VI ) atto info-schema VersioneSchema Contiene le informazioni della versione dello schema, inserire il valore A27 Lunghezza massima 31 atto richiedente Richiedente Richiedente la 4

5 registrazione dell atto atto struttura-atto Struttura Contiene i possibili documenti allegati all atto atto dati-atto DatiAtto Contiene le informazioni dell atto dati-atto ContrattoRete Contiene le informazioni strutturate della sezione del modello tipizzato dati-atto organo-comune OrganoComune Contiene le informazioni strutturate della sezione organo comune del dati-atto fondopatrimoniale FondoPatrimoniale modello tipizzato Contiene le informazioni strutturate della sezione fondo patrimoniale del modello tipizzato Versione dello schema richiedente codice-fiscale CodiceFiscalePersona Codice fiscale del richiedente la registrazione dell atto richiedente nome Nome del richiedente la registrazione dell atto richiedente cognome Cognome del richiedente la registrazione dell atto estremi 80 Estremi dell atto, valorizzare con provincianumero rea di data-attocostituzione Data riferimento Data atto di costituzione, rappresenta la data in cui è stato redatto l atto. La data dell atto è la, pattern (\d+.)?\d+.\d+(- beta)? 5

6 Impresa data della marca temporale se il modello tipizzato è marcato altrimenti è la data di registrazione Contiene le informazioni strutturate diritti-obblighi Diritti e obblighi assunti dai partecipanti del programma di rete Modalità di realizzazione dello scopo comune Regole stabilite per l assunzione delle decisioni di modifica del programma di rete Obiettivi strategici della rete Modalità di misurazione dell avanzamento degli obiettivi strategici Modalità di successiva adesione al Clausole di recesso Regole per l assunzione delle decisioni dei partecipanti impresa durata- Durata del oggettoprogramma-rete Oggetto del programma di rete modalitarealizzazionescopo-comune regolemodificabilitaa-maggioranza obiettivi misurazioneobiettivi successivaadesione clausolerecesso regoleassunzionedecisioni note- Note alla sezione organocomune OrganoComuneMonocratico organocomunemonocratico Contiene le informazioni strutturate, minimo 2 occorrenze se presente organocomune e non 6

7 presente organocomune-collegiale organocomune organocomunecollegiale OrganoComuneCollegiale ComponenteOrganoComune dell organo comune monocratico Contiene le informazioni strutturate dell organo comune collegiale Componente dell organo comune monocratico codice-fiscale CodiceFiscale Codice fiscale del componente dell organo comune Il nome, la ditta, la ragione o la denominazione sociale del soggetto prescelto per svolgere l ufficio di organo comune poteri-gestione Poteri di gestione dell organo comune se presente organocomune e non presente organocomunemonocratico, deve essere presente una sola occorrenza organocomunemonocratico componenteorgano-comune componenteorganocomune componenteorganocomune denominazionecomponente organocomune organocomune poterirappresentanza organocomune descrizionelimitazioni organocomune regolesostituzione organocomune note-organocomune organocomunecollegiale componenteorgano-comune fondopatrimoniale fondo- patrimoniale- ComponenteOrganoComune FondoPatrimonialePresente Poteri di rappresentanza dell organo comune Descrive le limitazioni del potere di rappresentanza dell organo comune Regole per l eventuale sostituzione dell organo comune durante la vigenza del Note relative all organo comune Componenti dell organo comune collegiale Indica la presenza di un, devono essere inserite almeno 2 occorrenze se non presente 7

8 previsto fondopatrimonialenonprevisto fondopatrimoniale fondopatrimonialenonprevisto se non presente fondopatrimonialeprevisto fondopatrimoniale note-fondopatrimoniale denominazionerete FondoPatrimonialeAssente 80 fondo patrimoniale e comporta l obbligo di indicare la denominazione e la sede della rete, l ammontare del fondo, le regole di gestione, la scadenza degli esercizi, i conferimenti Indica l assenza di un fondo patrimoniale Note relative al fondo patrimoniale Denominazione della rete sede-rete Sede della rete ammontare Decimale Ammontare del fondo regole-gestione Regole per la gestione del fondo patrimoniale fondopatrimonialeprevisto fondopatrimonialeprevisto fondopatrimonialeprevisto fondopatrimonialeprevisto fondopatrimonialeprevisto scadenzaesercizi scadenzaesercizi fondopatrimonialeprevisto fondopatrimonialeprevisto fondopatrimonialenonprevisto descrizioneclausole-deroga denominazionerete ScadenzaEsercizi Scadenza degli esercizi Data scadenza degli esercizi nel formato [giorno][mese] ConferimentiFondoPatrimoniale Conferimenti al fondo 80 Descrizione delle clausole di deroga Denominazione della rete, per ogni impresa inserire le informazioni obbligatorie sui conferimenti fondo- sede-rete Sede della rete 8

9 patrimonialenonprevisto struttura-atto descrizione Descrizione nome-file Nome del file documentoallegato documentoallegato documentoallegato documentoallegato impresa contenutoallegato denominazioneimpresa BaseAllegato Allegato all atto, possono essere allegati solo documenti in formato PDF dell allegato allegato PraticaBinaryData Contenuto del file allegato Il nome, la ditta, la ragione o la denominazione sociale del codice-fiscale CodiceFiscale Codice fiscale impresa impresa numero-reasede se presente provinciarea-sede se presente numerorea-sede, esistenza in tabella PRV impresa provincia-reasede Numero intero Indirizzo Numero rea della sede Provincia del numero rea della sede Indirizzo della sede legale pec-impresa Indirizzo Indirizzo PEC stato Stato Stato dell indirizzo Sigla dello stato dell indirizzo provincia Provincia Provincia dell indirizzo Sigla della provincia dell indirizzo impresa indirizzo-sedelegale impresa indirizzosede-legale indirizzosede-legale indirizzosede-legale comune Comune Comune dell indirizzo, esistenza in tabella STA, esistenza in tabella STA se stato ITALIA se stato ITALIA, esistenza in tabella PRV se stato ITALIA, esistenza in tabella 9

10 conferimenti Corso etc ) numero-civico Numero civico dell indirizzo frazione Frazione dell indirizzo Denominazione che effettua il conferimento conferimenti codice-fiscale Codice fiscale che effettua il conferimento conferimenti conferimenti conferimenti conferimenti conferimenti conferimenti conferimenti conferimenti indirizzosede-legale indirizzosede-legale indirizzosede-legale COM citta-straniera 30 Città straniera in caso di stato estero cap Cap dell indirizzo denominazionestradale Indirizzo (Via, Piazza, indirizzosede-legale indirizzosede-legale denominazioneimpresa oggettoconferimentoiniziale valoreconferimento criteriovalutazioneconferimento protocollodeliberaconferimento oggettocontributisuccessivi valorecontributi criteriovalutazionecontributi protocollodeliberacontributi Decimale Decimale Oggetto del conferimento iniziale Valore del conferimento Criterio di valutazione del conferimento Numero di protocollo relativo alla delibera iscritta nel registro delle imprese Oggetto dei contributi successivi Valore dei contributi Criterio di valutazione dei contributi Numero di protocollo relativo alla, se assente indicare SNC (senza numero civico) 10

11 delibera iscritta nel registro delle imprese Le tabelle STA, PRV, COM sono definite nelle specifiche tecniche, approvate dal Ministero dello Sviluppo Economico, per la creazione di programmi informatici finalizzati alla compilazione delle denunce da presentare all ufficio del registro delle imprese, per via telematica o su supporto informatico. Lo schema XSD del modello standard tipizzato in formato elaborabile per la trasmissione del di rete al registro delle imprese è definito come segue: <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <xs:schema xmlns:pd="http://attidigitali-registroimprese.it/schema" xmlns:xs="http://www.w3.org/2001/xmlschema" targetnamespace="http://attidigitali-registroimprese.it/schema" elementformdefault="unqualified" attributeformdefault="unqualified" version="1.0.0"> <xs:element name="atto" type="pd:atto"/> <xs:complextype name="atto"> <xs:element name="info-schema" type="pd:versioneschema"/> <xs:element name="richiedente" type="pd:richiedente" /> <xs:element name="struttura-atto" type="pd:struttura" minoccurs="0"/> <xs:element name="dati-atto" type="pd:datiatto"/> <xs:attribute name="tipo-atto" use="required"> <xs:simpletype> <xs:restriction base="xs:string"> <xs:maxlength value="3"/> </xs:attribute> <xs:attribute name="codice" use="required"> <xs:simpletype> <xs:restriction base="pd:"> <xs:maxlength value="31"/> </xs:attribute> <xs:complextype name="datiatto"> <xs:element name="" type="pd:contrattorete"/> <xs:element name="organo-comune" type="pd:organocomune" minoccurs="0"/> <xs:element name="fondo-patrimoniale" type="pd:fondopatrimoniale"/> <xs:complextype name="contrattorete"> <xs:element name="estremi" type="pd:80"/> <xs:element name="data-atto-costituzione" type="xs:date"/> <xs:element name="impresa-" type="pd:impresa" minoccurs="2" maxoccurs="unbounded"/> <xs:element name="durata-" type="pd:"/> <xs:element name="oggetto-programma-rete" type="pd:"/> 11

12 <xs:element name="diritti-obblighi" type="pd:"/> <xs:element name="modalita-realizzazione-scopo-comune" type="pd:"/> minoccurs="0"/> <xs:element name="regole-modificabilita-a-maggioranza" type="pd:" <xs:element name="obiettivi-" type="pd:"/> <xs:element name="misurazione-obiettivi" type="pd:"/> <xs:element name="successiva-adesione" type="pd:"/> <xs:element name="clausole-recesso" type="pd:" minoccurs="0"/> <xs:element name="regole-assunzione-decisioni" type="pd:"/> <xs:element name="note-" type="pd:" minoccurs="0"/> <xs:complextype name="organocomune"> <xs:choice> <xs:element name="organo-comune-monocratico" type="pd:organocomunemonocratico"/> <xs:element name="organo-comune-collegiale" type="pd:organocomunecollegiale"/> </xs:choice> <xs:element name="poteri-gestione" type="pd:" /> <xs:element name="poteri-rappresentanza" type="pd:" /> <xs:element name="descrizione-limitazioni" type="pd:" minoccurs="0"/> <xs:element name="regole-sostituzione" type="pd:" /> <xs:element name="note-organo-comune" type="pd:" minoccurs="0"/> <xs:complextype name="organocomunemonocratico"> <xs:element name="componente-organo-comune" type="pd:componenteorganocomune"/> <xs:complextype name="organocomunecollegiale"> <xs:element name="componente-organo-comune" type="pd:componenteorganocomune" minoccurs="2" maxoccurs="unbounded"/> <xs:complextype name="fondopatrimoniale"> <xs:choice> <xs:element name="fondo-patrimoniale-previsto" type="pd:fondopatrimonialepresente"/> 12

13 <xs:element name="fondo-patrimoniale-nonprevisto" type="pd:fondopatrimonialeassente"/> </xs:choice> <xs:element name="note-fondo-patrimoniale" type="pd:" minoccurs="0"/> <xs:complextype name="fondopatrimonialepresente"> <xs:element name="denominazione-rete" type="pd:80"/> <xs:element name="sede-rete" type="pd:"/> <xs:element name="ammontare" type="pd:decimale"/> <xs:element name="regole-gestione" type="pd:"/> <xs:element name="scadenza-esercizi" type="pd:scadenzaesercizi"/> <xs:element name="conferimenti" type="pd:conferimentifondopatrimoniale" maxoccurs="unbounded"/> <xs:element name="descrizione-clausole-deroga" type="pd:" minoccurs="0"/> <xs:complextype name="fondopatrimonialeassente"> <xs:element name="denominazione-rete" type="pd:80" minoccurs="0"/> <xs:element name="sede-rete" type="pd:" minoccurs="0"/> <xs:complextype name="scadenzaesercizi"> <xs:simplecontent> <xs:extension base="pd:"> <xs:attribute name="data-scadenza" use="required"> <xs:simpletype> <xs:restriction base="pd:"> <xs:pattern value="[0-3][0-9]/[0-1][0-9]"/> </xs:attribute> </xs:extension> </xs:simplecontent> <xs:complextype name="impresa"> <xs:element name="denominazione-impresa" type="pd:" /> <xs:element name="codice-fiscale" type="pd:codicefiscale"/> <xs:group ref="pd:riferimentisede" minoccurs="0"/> <xs:element name="indirizzo-sede-legale" type="pd:indirizzo" minoccurs="0"/> <xs:element name="pec-impresa" type="pd: indirizzo" minoccurs="0"/> <xs:group name="riferimentisede"> <xs:element name="numero-rea-sede" type="xs:int" /> 13

14 <xs:element name="provincia-rea-sede" type="pd:provincia"/> </xs:group> <xs:complextype name="componenteorganocomune"> <xs:element name="codice-fiscale" type="pd:codicefiscale"/> <xs:element name="denominazione-componente" type="pd:"/> <xs:complextype name="conferimentifondopatrimoniale"> <xs:element name="denominazione-impresa" type="pd:"/> <xs:element name="codice-fiscale" type="pd:codicefiscale"/> <xs:element name="oggetto-conferimento-iniziale" type="pd:"/> <xs:element name="valore-conferimento" type="pd:decimale"/> <xs:element name="criterio-valutazione-conferimento" type="pd:" minoccurs="0"/> <xs:element name="protocollo-delibera-conferimento" type="pd:" minoccurs="0"/> <xs:element name="oggetto-contributi-successivi" type="pd:" minoccurs="0"/> <xs:element name="valore-contributi" type="pd:decimale" minoccurs="0"/> <xs:element name="criterio-valutazione-contributi" type="pd:" minoccurs="0"/> <xs:element name="protocollo-delibera-contributi" type="pd:" minoccurs="0"/> <xs:complextype name="richiedente"> <xs:element name="codice-fiscale" type="pd:codicefiscalepersona"/> <xs:element name="cognome" type="pd:"/> <xs:element name="nome" type="pd:"/> <xs:complextype name="struttura"> <xs:element name="documento-allegato" type="pd:baseallegato" minoccurs="0" maxoccurs="unbounded"> </xs:element> <xs:complextype name="baseallegato"> <xs:element name="descrizione" type="pd:"/> <xs:element name="nome-file" type="pd:nomefile"/> <xs:element name="contenuto-allegato" type="pd:praticabinarydata"/> <xs:simpletype name="praticabinarydata"> <xs:restriction base="xs:base64binary"> 14

15 <xs:minlength value="1"/> <xs:complextype name="versioneschema"> <xs:attribute name="versione" use="required"> <xs:simpletype> <xs:restriction base="xs:string"> <xs:pattern value="(\d+.)?\d+.\d+(-beta)?"/> </xs:attribute> <xs:simpletype name=""> <xs:restriction base="xs:string"> <xs:pattern value="[ -Z\r\n]*"/> <xs:minlength value="1"/> <xs:simpletype name="30"> <xs:restriction base="pd:"> <xs:pattern value="[ -Z\r\n]*"/> <xs:maxlength value="30"/> <xs:simpletype name="80"> <xs:restriction base="pd:"> <xs:pattern value="[ -Z\r\n]*"/> <xs:maxlength value="80"/> <xs:simpletype name="decimale"> <xs:restriction base="xs:decimal"> <xs:pattern value="[\-+]?\d+\.\d{2}"/> <xs:simpletype name="codicefiscale"> <xs:restriction base="xs:string"> <xs:pattern value="[0-9]{11}"/> <xs:pattern value="[a-z]{6}[0-9a-z][0-9lmnpqrstuv][abcdehlmprst][0-9lmnpqrstuv]{2}[a-z][0-9lmnpqrstuv]{3}[a-z]" /> <xs:simpletype name="codicefiscalepersona"> <xs:restriction base="xs:string"> <xs:pattern value="[a-z]{6}[0-9a-z][0-9lmnpqrstuv][abcdehlmprst][0-9lmnpqrstuv]{2}[a-z][0-9lmnpqrstuv]{3}[a-z]" 15

16 /> <xs:complextype name="indirizzo"> <xs:group ref="pd:citta"/> <xs:element name="cap" minoccurs="0" type="pd:cap"> </xs:element> <xs:group ref="pd:datiindirizzo"/> <xs:group name="datiindirizzo"> <xs:element name="denominazione-stradale" type="pd:30"/> <xs:element name="numero-civico" type="pd:"/> <xs:element minoccurs="0" name="frazione" type="pd:"/> </xs:group> <xs:simpletype name="cap"> <xs:restriction base="pd:"> <xs:pattern value="\d{5}"/> <xs:group name="citta"> <xs:element name="stato" type="pd:stato"/> <xs:choice> <xs:group ref="pd:cittaitaliana"> </xs:group> <xs:group ref="pd:cittastraniera"> </xs:group> </xs:choice> </xs:group> <xs:group name="cittaitaliana"> <xs:element name="provincia" type="pd:provincia"/> <xs:element name="comune" type="pd:comune"/> </xs:group> <xs:group name="cittastraniera"> <xs:element name="citta-straniera" type="pd:30"/> </xs:group> <xs:complextype name="stato"> <xs:simplecontent> <xs:extension base="pd:"> <xs:attribute name="sigla" use="required"> <xs:simpletype> <xs:restriction base="pd:"> <xs:pattern value="[a-za-z0-9]{1,4}"/> 16

17 </xs:attribute> </xs:extension> </xs:simplecontent> <xs:complextype name="provincia"> <xs:simplecontent> <xs:extension base="pd:"> <xs:attribute name="sigla" use="required"> <xs:simpletype> <xs:restriction base="pd:"> <xs:pattern value="[a-z]{2}"/> </xs:attribute> </xs:extension> </xs:simplecontent> <xs:complextype name="comune"> <xs:simplecontent> <xs:extension base="pd:30"> </xs:extension> </xs:simplecontent> <xs:simpletype name=" indirizzo"> <xs:restriction base="xs:string"> <xs:pattern value="[\-!#$%&'*+/0-9=?a-z^_a-z{ }~](\.?[\-!#$%&'*+/0-9=?A-Z^_az{ /> <xs:simpletype name="nomefile"> <xs:restriction base="xs:string"> <xs:pattern value="[ -~]+\.[!-~]*"/> <xs:maxlength value="80"/> </xs:schema> Un esempio di file XML del modello standard tipizzato per la trasmissione del di rete al registro delle imprese: <?xml version="1.0" encoding="utf-8" standalone="yes"?> <pd:atto xmlns:pd="http://attidigitali-registroimprese.it/schema" xmlns:xsi="http://www.w3.org/2001/xmlschemainstance" tipo-atto="a27" xsi:schemalocation="http://attidigitali-registroimprese.it/schema DefinizioneXSDAttoDigitaleContrattoRete.xsd" codice="ro "> <info-schema versione="1.0.0" /> <richiedente> <codice-fiscale>rssmra00a01h501c</codice-fiscale> <cognome>rossi</cognome> <nome>mario</nome> 17

18 </richiedente> <dati-atto> <> <estremi>ro </estremi> <data-atto-costituzione> </data-atto-costituzione> <impresa-> <denominazione-impresa>ideal SOFTWARE P-ONE</denominazione-impresa> <codice-fiscale> </codice-fiscale> <numero-rea-sede> </numero-rea-sede> <provincia-rea-sede sigla="ro">rovigo</provincia-rea-sede> <indirizzo-sede-legale> <stato sigla="i">italia</stato> <provincia sigla="ro">rovigo</provincia> <comune>rovigo</comune> <cap>45100</cap> <denominazione-stradale>via ITALIA</denominazione-stradale> <numero-civico>9123</numero-civico> </indirizzo-sede-legale> </impresa-> <impresa-> <denominazione-impresa>cloud SOFTWARE P-TWO</denominazione-impresa> <codice-fiscale> </codice-fiscale> <numero-rea-sede> </numero-rea-sede> <provincia-rea-sede sigla="ro">rovigo</provincia-rea-sede> <indirizzo-sede-legale> <stato sigla="i">italia</stato> <provincia sigla="ro">rovigo</provincia> <comune>rovigo</comune> <cap>45100</cap> <denominazione-stradale>via SORGENTE</denominazione-stradale> <numero-civico>96</numero-civico> </indirizzo-sede-legale> </impresa-> <impresa-> <denominazione-impresa>new SYSTEM P-THREE</denominazione-impresa> <codice-fiscale> </codice-fiscale> <numero-rea-sede> </numero-rea-sede> <provincia-rea-sede sigla="ro">rovigo</provincia-rea-sede> <indirizzo-sede-legale> <stato sigla="i">italia</stato> <provincia sigla="ro">rovigo</provincia> <comune>taglio DI PO</comune> <cap>45019</cap> <denominazione-stradale>via ROMEA</denominazione-stradale> <numero-civico>974</numero-civico> </indirizzo-sede-legale> </impresa-> <durata->il CONTRATTO DI RETE CESSA DI PRODURRE EFFETTI IL 31 DICEMBRE 2024.</durata-> <oggetto-programma-rete>le SOCIETA' COME AVANTI RAPPRESENTATE,CONVENGONO DI STIPULARE UN CONTRATTO DI RETE E, PERTANTO SI IMPEGNANO A DISEGNARE ED IMPLEMENTARE PROGETTI COMUNQUE COMPLESSI NELL'AMBITO DELLA REALIZZAZIONE DI SOLUZIONI TECNOLOGICHE VOLTE ALLA GESTIONE DEL DATO, DALL'INSTALLAZIONE DELL'INFRASTRUTTURA A SUPPORTO, FINO AD ARRIVARE ALLO SVILUPPO DI SOLUZIONI SOFTWARE INERENTI ALLA GESTIONE DOCUMENTALE ED ERP, CON IL CUI FRUTTO ASSUMERA' LA DENOMINAZIONE "COLLABORARE PER COMPETERE", IL TUTTO IN CONFORMITA' A SPECIFICI DISCIPLINARI E REGOLAMENTI PREDEFINITI. 18

19 NEI RAPPORTI CON I TERZI LA RETE FRA IMPRESE COSI' COSTITUITA POTRA' ESSERE PRESENTATA E IDENTIFICATA CON IL NOME ED IL LOGO "COLLABORARE PER COMPETERE".</oggetto-programma-rete> <diritti-obblighi>le IMPRESE SONO OBBLIGATE: - AD UNIFORMARSI AI DISCIPLINARI ED AI REGOLAMENTI ADOTTATI DAL COMITATO DI GESTIONE; - A NON SERVIRSI DI SEGNI DISTINTIVI, MARCHI, DENOMINAZIONI O CONTRASSEGNI DIVERSI DALLA DENOMINAZIONE SOPRA CONVENUTA PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI COMPRENDENTI LA COMPETENZA COMUNE O LA PARTECIPAZIONE DELLE VARIE AZIENDE DEL GRUPPO IN QUALSIASI FASE DI PROPOSTA DELLA SOLUZIONE; - AD ATTENERSI ALLE DECISIONI DEL COMITATO DI GESTIONE AI FINI DELL'UTILIZZO DI TALE DENOMINAZIONE; - A RISPETTARE I TERMINI E GLI OBBLIGHI DERIVANTI DALL'ATTUAZIONE DEI PROGETTI PROMOZIONALI E DI ALTRE INIZIATIVE VOLTE A FAVORIRE LA COMMERCIALIZZAZIONE DELLE SOLUZIONI O PRODOTTI PROPOSTI.</diritti-obblighi> <modalita-realizzazione-scopo-comune>il PROGRAMMA DI RETE CONSISTE: -NELLA PREDISPOSIZIONE DI DISCIPLINARI E REGOLAMENTI RELATIVI AD OGNI FASE DELLA PROGETTAZIONE, PRESENTAZIONE ED IMPLEMENTAZIONE DELLE SOLUZIONI PROPOSTE, IN CONFORMITA' ALLE REGOLE DEL PRESENTE CONTRATTO A CUI OGNI IMPRESA PARTECIPANTE DOVRA' ATTENERSI; -NELLA PARTECIPAZIONE ED ORGANIZZAZIONE A EVENTI NEI QUALI SI REALIZZINO QUELLE INIZIATIVE DI CARATTERE PROMOZIONALE TESE A VALORIZZARE LA PRODUZIONE, L'IMMAGINE, L'ATTIVITA' E LA PROFESSIONALITA' DELLE IMPRESE PARTECIPANTI; -NELLA DEFINIZIONE DI LINEE COMUNI DI MARKETING; -NELL'ORGANIZZAZIONE DI TAVOLI TECNICI E DI SEMINARI DI APPROFONDIMENTO SUI TEMI DELLA FORMAZIONE E DEL MARKETING; -NELLA SALVAGUARDIA DELLA DENOMINAZIONE "COLLABORARE PER COMPETERE" ATTRAVERSO CUI I SERVIZI NONCHE' I PRODOTTI FRUTTO DEL PRESENTE CONTRATTO DI RETE SARANNO RESI.</modalita-realizzazione-scopo-comune> <obiettivi->le PARTI, COME SOPRA RAPPRESENTATE, CONVENGONO E DICHIARANO DI PERSEGUIRE, TRAMITE IL PRESENTE CONTRATTO, L'OBIETTIVO DI ACCRESCERE LA CAPACITA' DI PENETRAZIONE DELLE IMPRESE PARTECIPANTI SUL MERCATO NAZIONALE ED ESTERO MEDIANTE LA CONDIVISIONE DELLE PROPRIE CONOSCENZE E CAPACITA' VERTICALI NEI RELATIVI AMBITI DI COMPETENZA E UN'ADEGUATA COMUNICAZIONE DELLE SUDDETTE QUALITA'. LE MODALITA' DI ESERCIZIO IN COMUNE DELLE ATTIVITA' DESCRITTE DOVRANNO PERTANTO ESSERE FUNZIONALI AL PERSEGUIMENTO DELL'OBIETTIVO CONVENUTO.</obiettivi-> <misurazione-obiettivi>relazione ANNUALE SULLO STATO AVANZAMENTO</misurazioneobiettivi> <successiva-adesione>possono ADERIRE AL CONTRATTO LE IMPRESE CHE SVOLGONO LE ATTIVITA' DI SYSTEM INTEGRATOR NELL'AMBITO DELLE SOLUZIONI OFFERTE DALLA RETE DI IMPRESA A COMPLETAMENTO O AD INTEGRAZIONE DELLE COMPETENZE RICHIESTE DAL MERCATO. CHI INTENDE ADERIRE AL PRESENTE CONTRATTO DI RETE DEVE PRESENTARE, AI SENSI DELL'ART.1332 DEL CODICE CIVILE, AL COMITATO DI GESTIONE APPOSITA DICHIARAZIONE SOTTOSCRITTA DAL TITOLARE O DAL LEGALE RAPPRESENTANTE, CONTENENTE: A. LA DENOMINAZIONE E LA SEDE LEGALE DELL'IMPRESA; B. L'OGGETTO SOCIALE; C. L'ATTIVITA' EFFETTIVAMENTE SVOLTA E LA SEDE NELLA QUALE VIENE ESERCITATA; D. CERTIFICAZIONE ATTESTANTE CHE L'IMPRESA NON E' STATA DICHIARATA FALLITA O ASSOGGETTATA AD ALTRE PROCEDURE CONCORSUALI, O CHE IL TITOLARE NON E' STATO INTERDETTO DALL'ESERCIZIO DI ATTIVITA' IMPRENDITORIALE O DALLA FACOLTA' DI CONTRATTARE CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE; E. LA DICHIARAZIONE DI CONOSCERE ED ACCETTARE INCONDIZIONATAMENTE LE DISPOSIZIONI DEL PRESENTE CONTRATTO. 19

20 PER LE SOCIETA' DEVE ESSERE INOLTRE PRESENTATO: A. COPIA DELLA DELIBERA DELL'ORGANO COMPETENTE DI ADESIONE AL CONTRATTO DI RETE ED IL NOME DEL SOCIO O PERSONA DESIGNATA ED AUTORIZZATA A RAPPRESENTARLA A TUTTI GLI EFFETTI NELLA RETE; B. COPIA DELLO STATUTO E CERTIFICATO DI ISCRIZIONE AL REGISTRO DELLE IMPRESE COMPETENTE. SULLA DOMANDA DI AMMISSIONE DELIBERA IL COMITATO DI GESTIONE NELLA SUA PRIMA RIUNIONE UTILE. IN CASO DI ACCETTAZIONE DELLA PROPOSTA DI ADESIONE, IL RICHIEDENTE DOVRA' CORRISPONDERE UN CONTRIBUTO AL FONDO NELLA MISURA STABILITA ANNUALMENTE IN SEDE DI APPROVAZIONE DEL BILANCIO PREVISIONALE, OLTRE AL CONTRIBUTO ORDINARIO PER L'ANNO SUCCESSIVO E ALL'EVENTUALE CONTRIBUTO STRAORDINARIO.</successiva-adesione> <clausole-recesso>salvo QUANTO PREVISTO NEL PRESENTE CONTRATTO, OGNI PARTECIPANTE PUO' RECEDERE LIBERAMENTE CON DICHIARAZIONE CHE DEVE PERVENIRE AL PRESIDENTE DEL COMITATO DI GESTIONE ENTRO IL TERMINE DEL 30 SETTEMBRE DI OGNI ANNO, CON EFFICACIA DAL 31 DICEMBRE DEL MEDESIMO ANNO. LE DICHIARAZIONI DI RECESSO PERVENUTE SUCCESSIVAMENTE SONO EFFICACI DAL 31 DICEMBRE DELL'ANNO SUCCESSIVO. IN CASO DI RECESSO NON SONO RIPETIBILI I CONTRIBUTI ORDINARI E STRAORDINARI CORRISPOSTI NE' GLI APPORTI AL FONDO COMUNE A QUALSIASI TITOLO ESEGUITI.</clausole-recesso> <regole-assunzione-decisioni>i PARTECIPANTI ALLA RETE DECIDONO, A MAGGIORANZA CALCOLATA PER CAPI: -IN ORDINE ALL'APPROVAZIONE DEL RENDICONTO ANNUALE DELL'ATTIVITA' COMPIUTA CHE DOVRA' ESSERE REDATTO SECONDO LE NORME PREVISTE PER IL BILANCIO DELLA S.P.A. E PRESENTATO DAL COMITATO DI GESTIONE NEL MESE DI MARZO DI OGNI ANNO, CON RIFERIMENTO ALL'ATTIVITA' SVOLTA NELL'ANNO SOLARE PRECEDENTE; -IN ORDINE ALL'APPROVAZIONE DI UN BILANCIO PREVISIONALE, CHE DOVRA ESSERE PRESENTATO ENTRO IL 30 OTTOBRE DI OGNI ANNO E RIFERITO ALL'ATTIVITA CHE IL COMITATO DI GESTIONE INTENDE SVOLGERE NELL'ANNO SOLARE SUCCESSIVO; -IN ORDINE ALLA NOMINA DEI COMPONENTI DEL COMITATO DI GESTIONE. IL PRESIDENTEDOVRA' CONVOCARE TUTTI I PARTECIPANTI ALLA RETE MEDIANTE COMUNICAZIONE SCRITTA INVIATA CON RACCOMANDATA CON RICEVUTA DI RITORNO O CON QUALSIASI ALTRO MEZZO CHE GARANTISCA LA PROVA DELL'AVVENUTO RICEVIMENTO ALMENO GIORNI 15 (QUINDICI) PRIMA DELL'ADUNANZA. L'AVVISO DI CONVOCAZIONE DOVRA' CONTENERE L'INDICAZIONE DEL GIORNO, DELL'ORA E DEL LUOGO DELL'ADUNANZA E L'ELENCO DELLE MATERIE DA TRATTARE.</regole-assunzione-decisioni> <note->il CONTRATTO E' FIRMATO DIGITALMENTE DAI PARTECIPANTI</note-> </> <organo-comune> <organo-comune-collegiale> <componente-organo-comune> <codice-fiscale>rssmra00a01h501c</codice-fiscale> <denominazione-componente>rossi MARIO</denominazione-componente> </componente-organo-comune> <componente-organo-comune> <codice-fiscale>rsslgu00a01h501c</codice-fiscale> <denominazione-componente>rossi LUIGI</denominazione-componente> </componente-organo-comune> <componente-organo-comune> <codice-fiscale>rssgnn00a01h501v</codice-fiscale> <denominazione-componente>rossi GIOVANNI</denominazione-componente> </componente-organo-comune> </organo-comune-collegiale> <poteri-gestione>l'attuazione DEL PROGRAMMA DI RETE E' AFFIDATA AD UN COMITATO DI GESTIONE COSTITUITO DA UN RAPPRESENTANTE DI OGNI IMPRESA PARTECIPANTE, FINO AD UN MASSIMO DI SETTE. QUALORA I PARTECIPANTI ALLA RETE DIVENGANO PIU' DI SETTE, IL 20

CONTRATTO DI RETE D IMPRESE REPUBBLICA ITALIANA

CONTRATTO DI RETE D IMPRESE REPUBBLICA ITALIANA ESEMPIO CONTRATTO DI RETE: Repertorio n.. CONTRATTO DI RETE D IMPRESE REPUBBLICA ITALIANA Raccolta n.. Innanzi a me Dottor xxxxxxxxxxxxxxx, Notaio residente in xxxxxxxxxxx, con studio in via xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

Repertorio n.222 Raccolta n.111 CONTRATTO DI RETE REPUBBLICA ITALIANA

Repertorio n.222 Raccolta n.111 CONTRATTO DI RETE REPUBBLICA ITALIANA Repertorio n.222 Raccolta n.111 CONTRATTO DI RETE REPUBBLICA ITALIANA Nove novembre duemiladieci In Bergamo, nel mio studio alla Via Roma n.1. A vanti a me Dott.Romolo Romani, Notaio in Bergamo, iscritto

Dettagli

Allegato 2 XML-Schema per l alimentazione del ReGIndE TipiBaseReGIndE.xsd

Allegato 2 XML-Schema per l alimentazione del ReGIndE TipiBaseReGIndE.xsd Allegato 2 XML-Schema per l alimentazione del ReGIndE TipiBaseReGIndE.xsd

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone: N. 61273 /2011 protocollo Approvazione delle specifiche tecniche per la trasmissione alle Regioni e alle Province autonome di Trento e Bolzano dei dati relativi alla dichiarazione Irap 2011 e alla Comunicazione

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas Definizione informatica dei singoli tracciati da utilizzare per ciascun scambio informativo individuato dalle Istruzioni Operative allegate alla delibera 185/08

Dettagli

OSSERVATORIO RIFIUTI SOVRAREGIONALE ~ ~ ~ IMPORTAZIONE AUTOMATICA DELLE IMFORMAZIONI SUI RIFIUTI RITIRATI E PRODOTTI DAGLI IMPIANTI.

OSSERVATORIO RIFIUTI SOVRAREGIONALE ~ ~ ~ IMPORTAZIONE AUTOMATICA DELLE IMFORMAZIONI SUI RIFIUTI RITIRATI E PRODOTTI DAGLI IMPIANTI. OSSERVATORIO RIFIUTI SOVRAREGIONALE ~ ~ ~ IMPORTAZIONE AUTOMATICA DELLE IMFORMAZIONI SUI RIFIUTI RITIRATI E PRODOTTI DAGLI IMPIANTI Revisione 106 Omnigate srl Bergamo, luglio 2009 1. Introduzione Il servizio

Dettagli

Manuale di progettazione schemi XML

Manuale di progettazione schemi XML Ministero dell'economia e delle finanze Dipartimento per le politiche fiscali - Ufficio coordinamento tecnologie informatiche Sergio Baldelli Manuale di progettazione schemi XML Conformi alle regole del

Dettagli

Specifiche tecniche di trasmissione per i Comuni

Specifiche tecniche di trasmissione per i Comuni Pag. 1 di 15 Specifiche tecniche di trasmissione per i Comuni versione data Modifiche principali Autore/i 0.1 Redazione specifiche tecniche Dario Piermarini 1/15 Pag. 2 di 15 1 INTRODUZIONE Un Comune che

Dettagli

Sistema DE.PRO.EM. Istruzioni per il caricamento delle informazioni relative ai prodotti tramite file XML. Versione 1.0

Sistema DE.PRO.EM. Istruzioni per il caricamento delle informazioni relative ai prodotti tramite file XML. Versione 1.0 Sistema DE.PRO.EM. Istruzioni per il caricamento delle informazioni relative ai prodotti tramite file XML Versione 1.0 1 Sommario Sommario... 2 1. Istruzioni operative... 3 2. Struttura del file XML...

Dettagli

1 DOMINIO DI APPLICAZIONE DEL SERVIZIO INFORMATICO DI TESORERIA... 3

1 DOMINIO DI APPLICAZIONE DEL SERVIZIO INFORMATICO DI TESORERIA... 3 ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO DIREZIONE GENERALE PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA REGIONALE ALLEGATO SPECIFICHE FUNZIONALI E TECNICHE

Dettagli

PAG. 1 DI 39 20 LUGLIO 2010 PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICES PER LA TRASMISSIONE DEI CERTIFICATI DI MALATTIA ALL INPS VER 1.

PAG. 1 DI 39 20 LUGLIO 2010 PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICES PER LA TRASMISSIONE DEI CERTIFICATI DI MALATTIA ALL INPS VER 1. PAG. 1 DI 39 PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICES PER LA TRASMISSIONE DEI CERTIFICATI DI MALATTIA ALL INPS VER 1.5 DEI CERTIFICATI DI MALATTIA ALL INPS PAG. 2 DI 39 INDICE 1. REVISIONI DEL DOCUMENTO

Dettagli

Il Direttore Generale Nori

Il Direttore Generale Nori Direzione Generale Roma, 07-05-2013 Messaggio n. 7485 Allegati n.2 OGGETTO: Modifica al decreto 26 febbraio 2010, recante: «Definizione delle modalità tecniche per la predisposizione e l invio telematico

Dettagli

Invio Attestati ai Datori di lavoro in formato XML Specifiche Tecniche

Invio Attestati ai Datori di lavoro in formato XML Specifiche Tecniche Allegato 2 Invio Attestati ai Datori di lavoro in formato XML Specifiche Tecniche Il presente documento ha lo scopo di fornire le specifiche tecniche del messaggio contenente la lista degli Attestati,

Dettagli

Flusso informativo delle prestazioni residenziali e semiresidenziali

Flusso informativo delle prestazioni residenziali e semiresidenziali SPECIFICHE FUNZIONALI DEI TRACCIATI FAR Flusso informativo delle prestazioni residenziali e semiresidenziali Luglio 2014 Versione 4.0 FAR Specifiche Funzionali_v4.0 Pag. 1 di 53 Indice 1. Introduzione...

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA

PROGETTO TESSERA SANITARIA PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICES PER LA COMUNICAZIONE DELL AUTORIZZAZIONE CHE UN MEDICO TITOLARE DEVE FORNIRE AL SISTEMA TS AFFINCHE UN MEDICO SUO SOSTITUTO POSSA PRESCRIVERE RICETTE DEMATERIALIZZATE

Dettagli

MiFID - TREM v2.0 per interfaccia locale. 1. Invio di transazioni su strumenti finanziari identificati dal codice alternativo di identificazione (AII)

MiFID - TREM v2.0 per interfaccia locale. 1. Invio di transazioni su strumenti finanziari identificati dal codice alternativo di identificazione (AII) Allegato 1 MiFID - TREM v2.0 per interfaccia locale 1. Invio di transazioni su strumenti finanziari identificati dal codice alternativo di identificazione (AII) Gli strumenti finanziari possono essere

Dettagli

Postedoc - Manuale della Conservazione Sostitutiva

Postedoc - Manuale della Conservazione Sostitutiva ver.: 2.0 del: 02/02/2011 MDCPOSTEDOC20 Documento pubblico Pagina 1 di 20 Copia Archiviata Elettronicamente File: MDCPOSTEDOC20 Copia cartacea Controllata in distribuzione ad enti esterni N : 0 Rilasciata

Dettagli

TECN.PROG.SIST.INF. XML. Roberta Gerboni

TECN.PROG.SIST.INF. XML. Roberta Gerboni Roberta Gerboni Introduzione Lo sviluppo tecnologico relativo alle reti il crescente sviluppo della distribuzione di hardware per la comunicazione hanno reso necessaria Semantic Web significa un Web comprensibile

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. Visto l articolo 121 della Costituzione (come modificato dalla legge costituzionale 22 novembre 1999, n.

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. Visto l articolo 121 della Costituzione (come modificato dalla legge costituzionale 22 novembre 1999, n. REGIONE PIEMONTE BU27S1.09/07/2015 Decreto del Presidente della Giunta Regionale 6 luglio 2015, n. 5/R Regolamento regionale recante: Modello unico regionale per la richiesta di autorizzazione unica ambientale.

Dettagli

Specifiche struttura del file dei rilievi Descrizione e XML Schema

Specifiche struttura del file dei rilievi Descrizione e XML Schema Specifiche struttura del file dei rilievi Descrizione e XML Schema Contenuti CONTENUTI...2 1 INTRODUZIONE...3 2 MODELLO INFORMATIVO...4 3 APPENDICE...7 3.1 APPENDICE A XSD...7 3.1.1 Remark.xsd...7 2 1

Dettagli

Gestione ex Inpdap SISTEMA INFORMATIVO DOMANDE DI PRESTAZIONI PENSIONISTICHE E NON PENSIONISTICHE

Gestione ex Inpdap SISTEMA INFORMATIVO DOMANDE DI PRESTAZIONI PENSIONISTICHE E NON PENSIONISTICHE Allegato_Tecnico Gestione ex Inpdap SISTEMA INFORMATIVO COOPERAZIONE CON GLI ENTI DI PATRONATO PER LA ISTRUTTORIA RELATIVA ALLE DOMANDE DI PRESTAZIONI PENSIONISTICHE E NON PENSIONISTICHE NOTA TECNICA:

Dettagli

Indagini sul personale dipendente Applicazione web per la raccolta dei dati Guida tecnica

Indagini sul personale dipendente Applicazione web per la raccolta dei dati Guida tecnica Indagini sul personale dipendente Applicazione web per la raccolta dei dati Guida tecnica Versione 3.0 Giugno 2015 Sommario 1 I profili di utenza del sistema... 3 2 Accesso al sistema... 3 3 Utente Amministrazione...

Dettagli

MODELLI DEI PACCHETTI DI ARCHIVIAZIONE (AIP)

MODELLI DEI PACCHETTI DI ARCHIVIAZIONE (AIP) MODELLI DEI PACCHETTI DI ARCHIVIAZIONE (AIP) Data 06-10-2014 Codice documento Modelli dei pacchetti di archiviazione Versione 1.0 Il presente documento è rilasciato sotto la licenza Attribuzione-Non commerciale

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA SERVIZI DI COMUNICAZIONE ATTIVAZIONE E REVOCA DELLE TS-CNS

PROGETTO TESSERA SANITARIA SERVIZI DI COMUNICAZIONE ATTIVAZIONE E REVOCA DELLE TS-CNS PROGETTO TESSERA SANITARIA Pag. 2 di 20 INDICE 1. INTRODUZIONE 4 1.1 CANALE DI COMUNICAZIONE DEI SISTEMI REGIONALI CON IL SISTEMA TS (FASE PRIMO IMPIANTO) 4 1.2 CANALI DI COMUNICAZIONE DEI SISTEMI REGIONALI

Dettagli

WEB SERVICES SERVIZI PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI AMBIENTE REALE

WEB SERVICES SERVIZI PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI AMBIENTE REALE Pag. 1 di 11 WEB SERVICES SERVIZI PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI AMBIENTE REALE Pag. 1 di 11 Pag. 2 di 11 1 GENERALITÀ... 3 1.1 CANALI DI COMUNICAZIONE DEI SISTEMI... 3 2 SOA DOMINIO ESTERNO...

Dettagli

Sistema informativo delle prestazioni erogate nell ambito dell assistenza sanitaria in emergenza-urgenza

Sistema informativo delle prestazioni erogate nell ambito dell assistenza sanitaria in emergenza-urgenza SPECIFICHE FUNZIONALI DEI TRACCIATI 118 E PRONTO SOCCORSO Sistema informativo delle prestazioni erogate nell ambito dell assistenza sanitaria in Giugno 2010 Versione 4.0 EMUR_ Specifiche Funzionali_v4.0.doc

Dettagli

Formati di interscambio

Formati di interscambio Università degli Studi di Brescia Elementi di informatica e Programmazione Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Industriale EXCEL Docente: Marco Sechi E-mail: marco.sechi@unibs.it Vers. 11/10/2015 Formati

Dettagli

Tecnologie Web T XML Schema

Tecnologie Web T XML Schema Tecnologie Web T Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/tw/ Versione elettronica: 2.03.XMLSchema.pdf Versione elettronica: 2.03.XMLSchema-2p.pdf 1 Che cos è? È un alternativa ai DTD basata

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche

Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche Indagini sul personale dipendente Applicazione web per la raccolta dei dati Guida tecnica per utente

Dettagli

FATTURA ELETTRONICA {

FATTURA ELETTRONICA { FATTURA ELETTRONICA { NORMATIVA La Finanziaria 2008 ha stabilito che la fatturazione nei confronti dell Amministrazione dello stato debba avvenire esclusivamente in maniera elettronica Il DM 5 aprile 2013

Dettagli

Linguaggi ed Applicazioni mul1mediali

Linguaggi ed Applicazioni mul1mediali Università degli Studi di Urbino "Carlo Bo" Linguaggi ed Applicazioni mul1mediali 06.01- Introduction to mark-up. 06.02- classification 06.03- SGML 06.04- XML Hypertext Maurizio Maffi ISTI Informa1on Science

Dettagli

Gestione ex Inpdap SISTEMA INFORMATIVO COOPERAZIONE CON GLI ENTI DI PATRONATO PER LA ISTRUTTORIA RELATIVA ALLE

Gestione ex Inpdap SISTEMA INFORMATIVO COOPERAZIONE CON GLI ENTI DI PATRONATO PER LA ISTRUTTORIA RELATIVA ALLE Allegato_Tecnico Gestione ex Inpdap SISTEMA INFORMATIVO COOPERAZIONE CON GLI ENTI DI PATRONATO PER LA ISTRUTTORIA RELATIVA ALLE DOMANDE DI PRESTAZIONI PENSIONISTICHE E NON PENSIONISTICHE NOTA TECNICA:

Dettagli

Manuale di Conservazione

Manuale di Conservazione Manuale di Conservazione di AranciaICT S.r.l. per il servizio Conservazione No Problem Versione 2.5 del 20/07/2015 AranciaICT_Manuale_Conservazione 2_5 Manuale di Conservazione di AranciaICT S.r.l. per

Dettagli

Progetto SIRPE De-materializzazione delle prescrizioni. Servizi personalizzati della CIL

Progetto SIRPE De-materializzazione delle prescrizioni. Servizi personalizzati della CIL Pag. 1 di 17 Progetto SIRPE De-materializzazione personalizzati CIL per la cooperazione Versione 1.0 INDICE Pag. 2 di 17 1 INTRODUZIONE 4 1.1 Scopo del documento 4 1.2 Riferimenti 4 2 GENERALITÀ 4 2.1

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento. Prot.2014/146313 Approvazione del modello di dichiarazione dell imposta di bollo assolta in modo virtuale, delle relative istruzioni e delle specifiche tecniche per la trasmissione telematica IL DIRETTORE

Dettagli

Web Service per importare un adempimento SUAP in. Versione: 1.2 Data: 16/04/12 Autore: InfoCamere Direzione Applicazioni

Web Service per importare un adempimento SUAP in. Versione: 1.2 Data: 16/04/12 Autore: InfoCamere Direzione Applicazioni Web Service per importare un adempimento SUAP in Versione: 1.2 Data: 16/04/12 Autore: InfoCamere Direzione Applicazioni 1. Introduzione al documento...3 1.1 Novità introdotte rispetto alla precedente emissione...3

Dettagli

Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito. Direzione Centrale Organizzazione

Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito. Direzione Centrale Organizzazione Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Organizzazione Roma, 07/09/2010 Circolare

Dettagli

Laboratorio XMLSchema

Laboratorio XMLSchema Esercizi Laboratorio XMLSchema Dato il file XML dato, realizzare: 1. Uno schema DTD 2. Uno schema XMLSchema E rispondere alle successive domande Ombretta Gaggi, Matteo Ciman Università di Padova 1 Tecnologie

Dettagli

Comunicazione n. DME/9034169 del 16 aprile 2009

Comunicazione n. DME/9034169 del 16 aprile 2009 Comunicazione n. DME/9034169 del 16 aprile 2009 Aggiornamento della Comunicazione n. DME/8005271 del 21 gennaio 2008 contenente chiarimenti di natura applicativa in merito al Regolamento Consob n. 16191/2007

Dettagli

6. XML E RAPPRESENTAZIONE DEL FORMATO DI RISPOSTA

6. XML E RAPPRESENTAZIONE DEL FORMATO DI RISPOSTA 6. XML E RAPPRESENTAZIONE DEL FORMATO DI RISPOSTA Il permesso di fare copie digitali o fisiche di tutto o parte di questo lavoro per uso di ricerca o didattico è acconsentito senza corrispettivo in danaro,

Dettagli

ALLEGATO A. Specifiche tecniche per la trasmissione telematica Modello IRAP 2012

ALLEGATO A. Specifiche tecniche per la trasmissione telematica Modello IRAP 2012 ALLEGATO A Specifiche tecniche per la trasmissione telematica Modello IRAP 2012 INDICE 1. AVVERTENZE GENERALI... 3 1.1 BREVI CENNI SUL LINGUAGGIO XML... 3 2. CONTENUTO DELLA FORNITURA... 4 2.1 GENERALITÀ...

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE

ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE Interazione con soggetti esterni abilitati per generazione massiva MAV lavoro domestico Release 1.0 del 16/06/2011 Le variazioni previste dalla presente versione

Dettagli

Modelli di presentazione dei documenti XML

Modelli di presentazione dei documenti XML XML Indice 1. 1. Introduzione Cosa è e a cosa serve l'extensible Markup Language (XML) Storia e applicazioni di XML 1. 2. Un po'di storia Storia di XML: dall'ideazione alla standardizzazione del W3C 2.

Dettagli

MANUALE UTENTE SRTY SISTEMA INFORMATIVO SANITARIO SRTY MANUALE UTENTE. Contratto:

MANUALE UTENTE SRTY SISTEMA INFORMATIVO SANITARIO SRTY MANUALE UTENTE. Contratto: Contratto: Contratto del 23/04/2002 (Rep. 6253/Raccolta 1966), per l affidamento dell espletamento dei Servizi Informatici per la progettazione, realizzazione e manutenzione di prodotti software per il

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA. Schema dati spesa sanitaria di cui art. 3 comma 3 D.ls 175/2014

PROGETTO TESSERA SANITARIA. Schema dati spesa sanitaria di cui art. 3 comma 3 D.ls 175/2014 PROGETTO TESSERA SANITARIA Pag. 2 di 23 REVISIONI DEL DOCUMENTO... 3 1. INTRODUZIONE... 4 2. GENERALITA... 5 3. STANDARD TECNICI... 6 4. INVIO DEI DATI DI SPESA... 7 4.1. CARATTERISTICHE... 7 4.2. ACCESSO

Dettagli

Manuale d uso Servizi di accoglienza prescrizioni regionali

Manuale d uso Servizi di accoglienza prescrizioni regionali Manuale d uso Servizi di accoglienza prescrizioni regionali Il presente documento intende fornire la descrizione e le specifiche tecniche necessarie al colloquio fra i sistemi software produttori di prescrizioni

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento. PROT.2014/22906 Approvazione delle specifiche tecniche per la trasmissione dei dati contenuti nel modello di dichiarazione Irap 2014, da utilizzare per la dichiarazione ai fini dell imposta regionale sulle

Dettagli

CIRCOLARE N. 60 DEL 23 GENNAIO 2013

CIRCOLARE N. 60 DEL 23 GENNAIO 2013 CIRCOLARE N. 60 DEL 23 GENNAIO 2013 FORMATO E DEFINIZIONI DEI TIPI DI INFORMAZIONI MINIME ED ACCESSORIE ASSOCIATE AI MESSAGGI SCAMBIATI TRA LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Revisione della Circolare AIPA del

Dettagli

Specifiche tecniche per il controllo e la trasmissione telematica delle pratiche di Comunicazione Unica

Specifiche tecniche per il controllo e la trasmissione telematica delle pratiche di Comunicazione Unica Specifiche tecniche per il controllo e la trasmissione telematica delle pratiche di Comunicazione Unica 1/20 1.1 Modifiche Documento Descrizione Modifica Edizione Data Prima emissione 1 28/07/2008 1.2

Dettagli

EDIZIONE FEBBRAIO 2012

EDIZIONE FEBBRAIO 2012 MISADWEB SERVICE EDIZIONE FEBBRAIO 2012 Operazioni supportate GetAllVehicle Permette di ricevere la lista integrale delle vetture dell impianto. Accetta come parametro un xml contenente le informazioni

Dettagli

Manuale Utente TebeniService 5.0.0

Manuale Utente TebeniService 5.0.0 Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni Manuale Utente TebeniService 5.0.0 Versione doc: 05.00.00 Data Versione: 03/03/15 Descr. modifiche: Motivazioni : Aggiunto

Dettagli

Web Service per il controllo e la trasmissione telematica delle pratiche di Comunicazione Unica

Web Service per il controllo e la trasmissione telematica delle pratiche di Comunicazione Unica Web Service per il controllo e la trasmissione telematica delle pratiche di Comunicazione Unica Versione: 3 Data: 16/10/2014 Autore: InfoCamere 1. Introduzione al documento...3 1.1 Modifiche al documento...

Dettagli

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Il Presidente del Consiglio dei Ministri DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 10 dicembre 2008 Specifiche tecniche del formato elettronico elaborabile (XBRL) per la presentazione dei bilanci di esercizio e consolidati e di altri

Dettagli

Classification of Financial Instrument(CFI)] quotazione si /no indicatore eventuale della quotazione

Classification of Financial Instrument(CFI)] quotazione si /no indicatore eventuale della quotazione Allegato 2 TRACCIATO DATI PER ANAGRAFICHE TITOLI INTERMEDIARI Per uniformare l invio delle informazioni sui titoli trattati presso gli internalizzatori sistematici si propone l invio di un file in formato

Dettagli

PROGETTO DOMINIO ESTERNO WEB SERVICES PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI

PROGETTO DOMINIO ESTERNO WEB SERVICES PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI Pag. 1 di 30 PROGETTO DOMINIO ESTERNO WEB SERVICES PER RICEZIONE ED ELABORAZIONE MESSAGGI Pag. 1 di 30 Pag. 2 di 30 1 GENERALITÀ...3 1.1 CANALI DI COMUNICAZIONE DEI SISTEMI...3 2 SOA DOMINIO ESTERNO...4

Dettagli

XML Schema. Dario Bottazzi Tel. 051 2093541, E-Mail: dario.bottazzi@unibo.it, SkypeID: dariobottazzi

XML Schema. Dario Bottazzi Tel. 051 2093541, E-Mail: dario.bottazzi@unibo.it, SkypeID: dariobottazzi XML Schema Dario Bottazzi Tel. 051 2093541, E-Mail: dario.bottazzi@unibo.it, SkypeID: dariobottazzi XML Schema Definition (XSD)! Alternativa ai DTD basata su XML! Uno XML Schema descrive la struttura di

Dettagli

STATUTO DEL FONDO DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA DELL ARTIGIANATO SAN.ARTI.

STATUTO DEL FONDO DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA DELL ARTIGIANATO SAN.ARTI. STATUTO DEL FONDO DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA DELL ARTIGIANATO SAN.ARTI. ARTICOLO 1 COSTITUZIONE In attuazione dell accordo interconfederale del 21/09/2010 e dei contratti collettivi nazionali

Dettagli

Specifiche di invocazione del sistema di monitoraggio e controllo servizi CART

Specifiche di invocazione del sistema di monitoraggio e controllo servizi CART Regione Toscana Specifiche di invocazione del sistema di monitoraggio e controllo servizi CART Stato del documento Definitiva Versione del documento 1.8 Data 29/05/13 Documento Acronimo del documento Specifiche

Dettagli

Statuto Federazione Regionale Confapi Marche

Statuto Federazione Regionale Confapi Marche Statuto Federazione Regionale Confapi Marche Ancona, 11.04.2011 TITOLO I DEFINIZIONE E SCOPI DELL ASSOCIAZIONE Art. 1 In adempimento alle prescrizioni di cui all'art. 4 dello Statuto della Confederazione

Dettagli

GovPay Porta di Accesso al Nodo dei Pagamenti SPC Manuale Utente

GovPay Porta di Accesso al Nodo dei Pagamenti SPC Manuale Utente GovPay Porta di Accesso al Nodo dei Pagamenti SPC Manuale Utente v1.0b2 Indice 1 Introduzione a GovPay...4 1.1 Glossario...4 1.2 Documentazione...4 2 Il contesto...4 3 Gli scenari di utilizzo...7 3.1 Pagamento

Dettagli

CORSO D ITALIANO PER STRANIERI

CORSO D ITALIANO PER STRANIERI CORSO D ITALIANO PER STRANIERI QUALI CORSI PROPONIAMO Lezioni singole di 2 ore costo 30,00 euro Pacchetto di 7 lezioni a 180,00 euro anziché 210,00 euro Corso intensivo svolto giovedì, venerdì, sabato

Dettagli

1. Premessa 2. 5. Annotazioni 33. 6. Proroga telematica 34

1. Premessa 2. 5. Annotazioni 33. 6. Proroga telematica 34 MODALITÀ DI REDAZIONE DELLA TRANSAZIONE XML NELLE INDAGINI FINANZIARIE (5.4) INDICE pagina 1. Premessa 2 2. Struttura e caratteristiche del documento XML 2 2.1 Gli elementi della testata 3 3. La Richiesta

Dettagli

IL MONDO DELLA SCRITTURA CREATIVA

IL MONDO DELLA SCRITTURA CREATIVA IL MONDO DELLA SCRITTURA CREATIVA Corso teorico e pratico di scrittura creativa e di realizzazione di prodotti giornalistici OBIETTIVI Studieremo i principi fondamentali e le tecniche del linguaggio giornalistico

Dettagli

Disposizioni in materia di rilascio e di uso della casella di posta elettronica certificata assegnata ai cittadini.

Disposizioni in materia di rilascio e di uso della casella di posta elettronica certificata assegnata ai cittadini. D.P.C.M. 6 maggio 2009 1 e 2 Disposizioni in materia di rilascio e di uso della casella di posta elettronica certificata assegnata ai cittadini. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto il decreto

Dettagli

IMPRESA IN UN GIORNO INIZIO DELL ATTIVITÀ 7

IMPRESA IN UN GIORNO INIZIO DELL ATTIVITÀ 7 Impresa in un giorno - 13 IMPRESA IN UN GIORNO INIZIO DELL ATTIVITÀ 7 Le imprese che iniziano l attività di agente o rappresentante di commercio devono presentare la segnalazione certificata di inizio

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL ORGANIZZAZIONE GIUDIZIARIA, DEL PERSONALE E DEI SERVIZI DIREZIONE GENERALE PER I SISTEMI INFORMATIVI AUTOMATIZZATI AREA CIVILE POLISWEB Piano delle verifiche

Dettagli

CONTRATTO DI AFFILIAZIONE

CONTRATTO DI AFFILIAZIONE CONTRATTO DI AFFILIAZIONE Il presente contratto viene stipulato tra DGL Digital, con sede in 5 Finch court, 244 Longfellow road, Worcester park, Surrey, UK KT48AT ( DGL Digital Ltd ) e - l agenzia di viaggio/operatore

Dettagli

SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZAASSICURATIVA (BROKERAGGIOASSICURATIVO) CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO

SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZAASSICURATIVA (BROKERAGGIOASSICURATIVO) CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO Provincia Regionale di Catania Ufficio Provveditorato-Economato (codice fiscale 00397470873) SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZAASSICURATIVA (BROKERAGGIOASSICURATIVO) CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO ART.

Dettagli

APPENDICE L Flussi di scambio R_AR per le immagini tra Equitalia SpA e il Fornitore

APPENDICE L Flussi di scambio R_AR per le immagini tra Equitalia SpA e il Fornitore APPENDICE L Flussi di scambio R_AR per le immagini tra Equitalia SpA e il Fornitore APPENDICE 12L - SCAMBIO IMMAGINI EQUITALIA 20130729 Pagina 1 di 22 Indice 1 PREFAZIONE... 3 1.1 ACRONIMI E DEFINIZIONI...

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE E CONTABILITÀ

REGOLAMENTO DI GESTIONE E CONTABILITÀ Istituto nazionale di statistica REGOLAMENTO DI GESTIONE E CONTABILITÀ Approvato con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 11 novembre 2002, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 95 del 24

Dettagli

CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI TRASLOCO DALL ATTUALE SEDE AIFA IN ROMA - VIA DELLA SIERRA NEVADA N. 60 ALLA NUOVA SEDE IN ROMA - VIA DEL TRITONE N

CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI TRASLOCO DALL ATTUALE SEDE AIFA IN ROMA - VIA DELLA SIERRA NEVADA N. 60 ALLA NUOVA SEDE IN ROMA - VIA DEL TRITONE N CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI TRASLOCO DALL ATTUALE SEDE AIFA IN ROMA - VIA DELLA SIERRA NEVADA N. 60 ALLA NUOVA SEDE IN ROMA - VIA DEL TRITONE N. 181 NONCHÉ PER IL SERVIZIO DI STOCCAGGIO E CUSTODIA DEGLI

Dettagli

BANDO N. 1 PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO PER L A. A. 2014/2015

BANDO N. 1 PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO PER L A. A. 2014/2015 Dipartimento di Scienze Repertorio n. 72/2014 prot n. 1484 del 15/12/2014 (2014-URM3DSC-0001484) BANDO N. 1 PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO PER L A. A. 2014/2015 Visto l art. 23 della

Dettagli

XML e XSD. Tito Flagella tito@link.it Lorenzo Nardi nardi80@gmail.com

XML e XSD. Tito Flagella tito@link.it Lorenzo Nardi nardi80@gmail.com XML e XSD Tito Flagella tito@link.it Lorenzo Nardi nardi80@gmail.com Ordine di Acquisto Servizio: eshop Operazione: ordine di acquisto Dati dell'ordine: prodotti quantità corriere Playstation 2 Controller

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BOLOGNA ED ATC SPA, PER L ACQUISTO DI ABBONAMENTI PERSONALI ANNUALI AGEVOLATI E JOB TICKET PER I

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BOLOGNA ED ATC SPA, PER L ACQUISTO DI ABBONAMENTI PERSONALI ANNUALI AGEVOLATI E JOB TICKET PER I CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BOLOGNA ED ATC SPA, PER L ACQUISTO DI ABBONAMENTI PERSONALI ANNUALI AGEVOLATI E JOB TICKET PER I DIPENDENTI DEL COMUNE DI BOLOGNA Convenzione tra il Comune di Bologna (CF n

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L'IMPRESA E L'INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

Progetto per il corso di Tecnologie Web

Progetto per il corso di Tecnologie Web Progetto per il corso di Tecnologie Web Progetto Tecnologie Web Università degli Studi di Padova 1 Anno 2010 Progetto Tecnologie Web Università degli Studi di Padova 2 Autori Deborah Rizzi 579023 Massimo

Dettagli

XML (extensible Markup Language)

XML (extensible Markup Language) Supporto On Line Allegato FAQ FAQ n.ro MAN-8HVCNU5634 Data ultima modifica 16/06/2011 Prodotto Dichiarazioni fiscali 2011 Modulo Generica DF Oggetto: Modello IRAP 2011 XML - XMLNotepad: Guida all uso e

Dettagli

Azienda Speciale Centro Sicilia Sviluppo STATUTO

Azienda Speciale Centro Sicilia Sviluppo STATUTO Azienda Speciale Centro Sicilia Sviluppo STATUTO Approvato con Delibera di Giunta n.55 del 7 settembre 2011 Art. 1 Denominazione e sede È costituita, ad iniziativa della Camera di Commercio, Industria,

Dettagli

Referti on-line e CRM ReView Service Monitor Specifiche tecniche

Referti on-line e CRM ReView Service Monitor Specifiche tecniche Referti on-line e CRM ReView Service Monitor Specifiche tecniche Versione 1.3 Sommario 1- Introduzione... 3 2 - Modalità di interazione con il servizio... 3 3 - Formato dell output... 3 4 - Modello dei

Dettagli

L Iniziativa egovernment.net per l Italia

L Iniziativa egovernment.net per l Italia L Iniziativa egovernment.net per l Italia Porte di Dominio per la Cooperazione Applicativa Allegato 1 Porta di Dominio.NET Versione 1.0, Aprile 2002 Soluzioni per l Interoperabilità e la Cooperazione Applicativa

Dettagli

CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA

CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA INTESTATARIO 1 (persona fisica) Nome Cognome Codice fiscale Residenza (via e n civico) CAP Località Prov. Telefono fisso fax Tel. Cellulare E-mail documento (Tipo) Num.

Dettagli

Visura ordinaria societa' di capitale

Visura ordinaria societa' di capitale Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di NAPOLI Visura ordinaria societa' di capitale Forma giuridica: SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA Sede legale: NAPOLI (NA) VIA PORZIO cap 80100

Dettagli

CONTRATTO TIPO AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE

CONTRATTO TIPO AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE CONTRATTO TIPO di AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE 1 CONTRATTO DI AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE Il condominio sito in via.. codice fiscale.., nella persona del sig.., delegato alla sottoscrizione del presente

Dettagli

Dirigo! NOTA INFORMATIVA. Mod. 26.137/B - Ed. 12/2005. Pag. 7 di 46

Dirigo! NOTA INFORMATIVA. Mod. 26.137/B - Ed. 12/2005. Pag. 7 di 46 Dirigo! NOTA INFORMATIVA Mod. 26.137/B - Ed. 12/25 Pag. 7 di 46 Nota Informativa La presente Nota Informativa è redatta secondo lo schema predisposto dall ISVAP, ma il suo contenuto non è soggetto alla

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

AVVISO DI PAGAMENTO. Descrizione del documento e schema XML. WebEDI Scambio elettronico documenti. AVVISO DI PAGAMENTO.doc

AVVISO DI PAGAMENTO. Descrizione del documento e schema XML. WebEDI Scambio elettronico documenti. AVVISO DI PAGAMENTO.doc Compilare il profilo:non scrivere qui! 1 10 Sommario SOMMARIO... 2 1 INTRODUZIONE... 3 2 DETTAGLIO DEL DOCUMENTO... 4 3 SCHEMA XML (STANDARD W3C)... 6 4 ESEMPIO DOCUMENTO XML... 9 Compilare il profilo:non

Dettagli

CamMiNo Camera Nazionale Avvocati per la Famiglia e i Minorenni STATUTO TITOLO I (FINALITA')

CamMiNo Camera Nazionale Avvocati per la Famiglia e i Minorenni STATUTO TITOLO I (FINALITA') CamMiNo Camera Nazionale Avvocati per la Famiglia e i Minorenni STATUTO TITOLO I (FINALITA') Art. 1 Art. 1 Denominazione e finalità dell'associazione CamMiNo Camera Nazionale Avvocati per la Famiglia e

Dettagli

BANDO PER LA SELEZIONE DELLE ORGANIZZAZIONI DELLA RETE TERRITORIALE DI ACCOMPAGNAMENTO AI PICCOLI PRESTITI DI EMERGENZA PER LE MICROIMPRESE RETE PEM

BANDO PER LA SELEZIONE DELLE ORGANIZZAZIONI DELLA RETE TERRITORIALE DI ACCOMPAGNAMENTO AI PICCOLI PRESTITI DI EMERGENZA PER LE MICROIMPRESE RETE PEM Allegato A BANDO PER LA SELEZIONE DELLE ORGANIZZAZIONI DELLA RETE TERRITORIALE DI ACCOMPAGNAMENTO AI PICCOLI PRESTITI DI EMERGENZA PER LE MICROIMPRESE RETE PEM Premesse - la Regione Toscana con decisione

Dettagli

Documento di testplan Modulo di Aggregazione Documento di progetto (Codici: A3P13S3)

Documento di testplan Modulo di Aggregazione Documento di progetto (Codici: A3P13S3) Piattaforma tecnologica di Monitoraggio Qualità Servizi Erogati Documento di testplan Modulo di Aggregazione Documento di progetto (Codici: A3P13S3) Riferimento Data Destinatario Gianluca Vannuccini Comune

Dettagli

Sistema di Tracciabilità del Farmaco

Sistema di Tracciabilità del Farmaco SPECIFICHE TECNICHE DEI TRACCIATI XML TRACCIATO PER LE VALORIZZAZIONI DELLA FORNITURA A SSN Sistema di Tracciabilità del Farmaco Fase 1 Fase di prima attuazione 1 gennaio 2006 Versione 1.1 Pag. 1 di 16

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 6 maggio 2009 Disposizioni in materia di rilascio e di uso della casella di posta elettronica certificata assegnata ai cittadini. (09A05855) IL PRESIDENTE

Dettagli

12. Xml e basi di dati internet

12. Xml e basi di dati internet 12. Xml e basi di dati internet Nonostante l'html (HyperText Markup Language) è ampiamente usato per la formattazione e la strutturazione dei documenti Web, non è idoneo per specificare dati strutturati

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA E CONTROLLO DI GESTIONE DELL ATER DI UDINE TITOLO I PRINCIPI GENERALI. ART. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO DI CONTABILITA E CONTROLLO DI GESTIONE DELL ATER DI UDINE TITOLO I PRINCIPI GENERALI. ART. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO DI CONTABILITA E CONTROLLO DI GESTIONE DELL ATER DI UDINE TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 Ambito di applicazione 1. Il presente regolamento disciplina gli aspetti contabili e gestionali dell

Dettagli

Introduzione a XML: Document Type Definition; parser XML; XML-schema; extensible Stylesheet Language. a.a. 2004/05 Tecnologie Web 1

Introduzione a XML: Document Type Definition; parser XML; XML-schema; extensible Stylesheet Language. a.a. 2004/05 Tecnologie Web 1 Introduzione a XML: Document Type Definition; parser XML; XML-schema; extensible Stylesheet Language a.a. 2004/05 Tecnologie Web 1 XML - I XML (exstensible Markup Language): XML è un formato standard,

Dettagli

Circolare N. 88 del 12 Giugno 2015

Circolare N. 88 del 12 Giugno 2015 Circolare N. 88 del 12 Giugno 2015 Contratti di sviluppo nel settore turistico anche con affitto dell attività Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il Ministero dello Sviluppo, con

Dettagli

Integrazione light InfocarWeb2

Integrazione light InfocarWeb2 Integrazione light InfocarWeb2 Quattroruote Professional EDITORIALE DOMUS SpA revise 1.6b SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO 6 1.1 Amministrazione dell Integrazione 6 1.2 Integrazione Standard 8 1.3 Integrazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE (APPROVATO DALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SOCI DEL 17.10.1997)

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE (APPROVATO DALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SOCI DEL 17.10.1997) REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE (APPROVATO DALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SOCI DEL 17.10.1997) REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Art.1 Art.2 Art.3 Oggetto Il presente regolamento

Dettagli

2 caso Presentazione da parte del legale rappresentante o da altri soggetti

2 caso Presentazione da parte del legale rappresentante o da altri soggetti PREDISPOSIZIONE BILANCI ED ELENCHI SOCI APRILE 2015 FORMATO PER LA REDAZIONE DEL BILANCIO Versione tassonomia XBRL Secondo quanto previsto dal DPCM 10.12.2008 art. 5, la tassonomia da utilizzare per la

Dettagli

Regolamento di amministrazione, finanza e contabilità

Regolamento di amministrazione, finanza e contabilità Regolamento di amministrazione, finanza e contabilità INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 - Oggetto Articolo 2 - Finalità Articolo 3 - Competenze dei soggetti preposti all amministrazione, finanza

Dettagli