SPECIFICHE TECNICHE DEL MODELLO STANDARD TIPIZZATO PER LA TRASMISSIONE DEL CONTRATTO DI RETE AL REGISTRO DELLE IMPRESE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SPECIFICHE TECNICHE DEL MODELLO STANDARD TIPIZZATO PER LA TRASMISSIONE DEL CONTRATTO DI RETE AL REGISTRO DELLE IMPRESE"

Transcript

1 SPECIFICHE TECNICHE DEL MODELLO STANDARD TIPIZZATO PER LA TRASMISSIONE DEL CONTRATTO DI RETE AL REGISTRO DELLE IMPRESE Decreto Ministero della Giustizia 122 del 10 Aprile

2 Indice Obiettivi e contenuti del documento... 2 Termini e Definizioni... 2 Termini e acronimi... 3 Riferimenti... 3 Struttura del modello standard tipizzato in formato elaborabile... 4 Schema del modello standard tipizzato in formato elaborabile per la trasmissione del di rete al registro delle imprese... 4 Obiettivi e contenuti del documento Il presente documento descrive le specifiche tecniche del modello standard tipizzato per la trasmissione del di rete al Registro delle Imprese secondo il decreto del Ministero della giustizia 10 Aprile 2014, n. 122, regolamento recante la tipizzazione del modello standard per la trasmissione del di rete al registro delle imprese. Termini e Definizioni Termine Tag XML Namespace Schema Definizione Elemento sintattico con cui si marcano porzioni di un documento nei linguaggi di markup (XML, HTML): i comandi o le istruzioni di formattazione contenuti in un file sono delimitati da un contrassegno convenzionale che solitamente serve per distinguere il testo dal comando stesso es: in HTML un testo inserito tra i tag <B>e</B> viene messo in grassetto. Linguaggio basato sull utilizzo di tag per creare documenti informatici multimediali. Spazio dei Nomi : elemento sintattico del linguaggio XML rappresentato da un identificativo URI (Uniform Resource Identificator) che viene associato a particolari prefissi nel file XML stesso, tramite l uso dell attributo xmlns. Permette di evitare collisioni tra i nomi di elementi e attributi tramite l uso di nomi qualificati, consistenti in un prefisso che indica il namespace cui l elemento appartiene, seguito da un nome locale. Documento XML che utilizza un insieme di tag speciali per definire la struttura di un altro documento XML elencando quali elementi (nome, tipo di dato, attributi) in che ordine e in che gerarchia devono comparire. 2

3 Termini e acronimi Termine/Acronimo XML URI W3C RFC XSD CAdES Titolo extensible Markup Language Uniform Resource Identifier Word Wide Web Consortium Request For Comments XML Schema Definition CMS Advanced Electronic Signatures Riferimenti N Codice Titolo 1 RFC 1341 MIME (Multipurpose Internet Mail Extensions) 2 Decreto 122/2014 del Ministero di Giustizia regolamento recante la tipizzazione del modello standard per la trasmissione del di rete al registro delle imprese contabili 3 XML Schema W3C Architecture Domain XML Schema, Tools Usage Resources Specification and Developments 5 DPCM 10/12/2008 Specifiche tecniche del formato elettronico elaborabile (XBRL) per la presentazione dei bilanci di esercizio e consolidati e di altri atti al registro delle imprese 6 DM 19/11/2009 Modello Comunica Specifiche tecniche per il modello di comunicazione unica 7 DD 18/10/2013 Decreto direttoriale 18 ottobre 2013 Nuova modulistica per Registro delle imprese e Repertorio delle notizie economico- amministrative/rea 8 DD 10/07/2014 Modifica al Decreto direttoriale 18 ottobre 2013 Nuova modulistica per Registro delle imprese e Repertorio delle notizie economico- amministrative/rea 3

4 Struttura del modello standard tipizzato in formato elaborabile Il modello standard tipizzato in formato elaborabile è un file XML firmato con firma digitale ai sensi dell' art. 24 del D. lgs. 82/2005 dai soggetti obbligati alla firma. Il file XML è conforme allo schema XSD che ha lo scopo di descrivere il modello standard tipizzato per la trasmissione al registro delle imprese. Il formato di firma digitale da utilizzare è il formato CAdES. La data dell atto coincide con la data della marca temporale digitale se il file XML firmato dagli obbligati è marcato la data di registrazione dell atto se il file XML firmato dagli obbligati non è marcato Il file XML e la marca temporale digitale devono essere uniti in un unico file secondo lo standard MIME multipart. Il file in formato MIME multipart contiene il file XML, conforme allo schema XSD definito, firmato digitalmente in formato CAdES da parte degli obbligati la marca temporale digitale del file XML firmato Il file che rappresenta il modello standard tipizzato digitale in formato elaborabile da trasmettere al registro delle imprese, firmato ai sensi dell' art. 24 del D. lgs. 82/2005, dai soggetti obbligati alla firma, ha estensione XML.P7M; nel caso in cui sia applicata una marca temporale ha estensione XML.M7M Il modello standard tipizzato in formato elaborabile deve essere trasmesso al registro delle imprese attraverso una pratica di comunicazione unica; nella modulistica del registro delle imprese, che accompagna la pratica, il modello standard tipizzato deve essere indicato come documento con codice B07 e descrizione ATTO XML. Schema del modello standard tipizzato in formato elaborabile per la trasmissione del di rete al registro delle imprese Segue la documentazione dettagliata dei nodi XML (elementi e attributi) del modello standard tipizzato in formato elaborabile per la trasmissione del di rete al registro delle imprese: Padre Nome Nodo Tipo Note Controlli Dichiara il tipo atto Codice identificativo dell atto valorizzare con [estremi]- [ggmmaaaa]- [hhmmss] (esempio VI ) atto info-schema VersioneSchema Contiene le informazioni della versione dello schema, inserire il valore A27 Lunghezza massima 31 atto richiedente Richiedente Richiedente la 4

5 registrazione dell atto atto struttura-atto Struttura Contiene i possibili documenti allegati all atto atto dati-atto DatiAtto Contiene le informazioni dell atto dati-atto ContrattoRete Contiene le informazioni strutturate della sezione del modello tipizzato dati-atto organo-comune OrganoComune Contiene le informazioni strutturate della sezione organo comune del dati-atto fondopatrimoniale FondoPatrimoniale modello tipizzato Contiene le informazioni strutturate della sezione fondo patrimoniale del modello tipizzato Versione dello schema richiedente codice-fiscale CodiceFiscalePersona Codice fiscale del richiedente la registrazione dell atto richiedente nome Nome del richiedente la registrazione dell atto richiedente cognome Cognome del richiedente la registrazione dell atto estremi 80 Estremi dell atto, valorizzare con provincianumero rea di data-attocostituzione Data riferimento Data atto di costituzione, rappresenta la data in cui è stato redatto l atto. La data dell atto è la, pattern (\d+.)?\d+.\d+(- beta)? 5

6 Impresa data della marca temporale se il modello tipizzato è marcato altrimenti è la data di registrazione Contiene le informazioni strutturate diritti-obblighi Diritti e obblighi assunti dai partecipanti del programma di rete Modalità di realizzazione dello scopo comune Regole stabilite per l assunzione delle decisioni di modifica del programma di rete Obiettivi strategici della rete Modalità di misurazione dell avanzamento degli obiettivi strategici Modalità di successiva adesione al Clausole di recesso Regole per l assunzione delle decisioni dei partecipanti impresa durata- Durata del oggettoprogramma-rete Oggetto del programma di rete modalitarealizzazionescopo-comune regolemodificabilitaa-maggioranza obiettivi misurazioneobiettivi successivaadesione clausolerecesso regoleassunzionedecisioni note- Note alla sezione organocomune OrganoComuneMonocratico organocomunemonocratico Contiene le informazioni strutturate, minimo 2 occorrenze se presente organocomune e non 6

7 presente organocomune-collegiale organocomune organocomunecollegiale OrganoComuneCollegiale ComponenteOrganoComune dell organo comune monocratico Contiene le informazioni strutturate dell organo comune collegiale Componente dell organo comune monocratico codice-fiscale CodiceFiscale Codice fiscale del componente dell organo comune Il nome, la ditta, la ragione o la denominazione sociale del soggetto prescelto per svolgere l ufficio di organo comune poteri-gestione Poteri di gestione dell organo comune se presente organocomune e non presente organocomunemonocratico, deve essere presente una sola occorrenza organocomunemonocratico componenteorgano-comune componenteorganocomune componenteorganocomune denominazionecomponente organocomune organocomune poterirappresentanza organocomune descrizionelimitazioni organocomune regolesostituzione organocomune note-organocomune organocomunecollegiale componenteorgano-comune fondopatrimoniale fondo- patrimoniale- ComponenteOrganoComune FondoPatrimonialePresente Poteri di rappresentanza dell organo comune Descrive le limitazioni del potere di rappresentanza dell organo comune Regole per l eventuale sostituzione dell organo comune durante la vigenza del Note relative all organo comune Componenti dell organo comune collegiale Indica la presenza di un, devono essere inserite almeno 2 occorrenze se non presente 7

8 previsto fondopatrimonialenonprevisto fondopatrimoniale fondopatrimonialenonprevisto se non presente fondopatrimonialeprevisto fondopatrimoniale note-fondopatrimoniale denominazionerete FondoPatrimonialeAssente 80 fondo patrimoniale e comporta l obbligo di indicare la denominazione e la sede della rete, l ammontare del fondo, le regole di gestione, la scadenza degli esercizi, i conferimenti Indica l assenza di un fondo patrimoniale Note relative al fondo patrimoniale Denominazione della rete sede-rete Sede della rete ammontare Decimale Ammontare del fondo regole-gestione Regole per la gestione del fondo patrimoniale fondopatrimonialeprevisto fondopatrimonialeprevisto fondopatrimonialeprevisto fondopatrimonialeprevisto fondopatrimonialeprevisto scadenzaesercizi scadenzaesercizi fondopatrimonialeprevisto fondopatrimonialeprevisto fondopatrimonialenonprevisto descrizioneclausole-deroga denominazionerete ScadenzaEsercizi Scadenza degli esercizi Data scadenza degli esercizi nel formato [giorno][mese] ConferimentiFondoPatrimoniale Conferimenti al fondo 80 Descrizione delle clausole di deroga Denominazione della rete, per ogni impresa inserire le informazioni obbligatorie sui conferimenti fondo- sede-rete Sede della rete 8

9 patrimonialenonprevisto struttura-atto descrizione Descrizione nome-file Nome del file documentoallegato documentoallegato documentoallegato documentoallegato impresa contenutoallegato denominazioneimpresa BaseAllegato Allegato all atto, possono essere allegati solo documenti in formato PDF dell allegato allegato PraticaBinaryData Contenuto del file allegato Il nome, la ditta, la ragione o la denominazione sociale del codice-fiscale CodiceFiscale Codice fiscale impresa impresa numero-reasede se presente provinciarea-sede se presente numerorea-sede, esistenza in tabella PRV impresa provincia-reasede Numero intero Indirizzo Numero rea della sede Provincia del numero rea della sede Indirizzo della sede legale pec-impresa Indirizzo Indirizzo PEC stato Stato Stato dell indirizzo Sigla dello stato dell indirizzo provincia Provincia Provincia dell indirizzo Sigla della provincia dell indirizzo impresa indirizzo-sedelegale impresa indirizzosede-legale indirizzosede-legale indirizzosede-legale comune Comune Comune dell indirizzo, esistenza in tabella STA, esistenza in tabella STA se stato ITALIA se stato ITALIA, esistenza in tabella PRV se stato ITALIA, esistenza in tabella 9

10 conferimenti Corso etc ) numero-civico Numero civico dell indirizzo frazione Frazione dell indirizzo Denominazione che effettua il conferimento conferimenti codice-fiscale Codice fiscale che effettua il conferimento conferimenti conferimenti conferimenti conferimenti conferimenti conferimenti conferimenti conferimenti indirizzosede-legale indirizzosede-legale indirizzosede-legale COM citta-straniera 30 Città straniera in caso di stato estero cap Cap dell indirizzo denominazionestradale Indirizzo (Via, Piazza, indirizzosede-legale indirizzosede-legale denominazioneimpresa oggettoconferimentoiniziale valoreconferimento criteriovalutazioneconferimento protocollodeliberaconferimento oggettocontributisuccessivi valorecontributi criteriovalutazionecontributi protocollodeliberacontributi Decimale Decimale Oggetto del conferimento iniziale Valore del conferimento Criterio di valutazione del conferimento Numero di protocollo relativo alla delibera iscritta nel registro delle imprese Oggetto dei contributi successivi Valore dei contributi Criterio di valutazione dei contributi Numero di protocollo relativo alla, se assente indicare SNC (senza numero civico) 10

11 delibera iscritta nel registro delle imprese Le tabelle STA, PRV, COM sono definite nelle specifiche tecniche, approvate dal Ministero dello Sviluppo Economico, per la creazione di programmi informatici finalizzati alla compilazione delle denunce da presentare all ufficio del registro delle imprese, per via telematica o su supporto informatico. Lo schema XSD del modello standard tipizzato in formato elaborabile per la trasmissione del di rete al registro delle imprese è definito come segue: <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <xs:schema xmlns:pd="http://attidigitali-registroimprese.it/schema" xmlns:xs="http://www.w3.org/2001/xmlschema" targetnamespace="http://attidigitali-registroimprese.it/schema" elementformdefault="unqualified" attributeformdefault="unqualified" version="1.0.0"> <xs:element name="atto" type="pd:atto"/> <xs:complextype name="atto"> <xs:element name="info-schema" type="pd:versioneschema"/> <xs:element name="richiedente" type="pd:richiedente" /> <xs:element name="struttura-atto" type="pd:struttura" minoccurs="0"/> <xs:element name="dati-atto" type="pd:datiatto"/> <xs:attribute name="tipo-atto" use="required"> <xs:simpletype> <xs:restriction base="xs:string"> <xs:maxlength value="3"/> </xs:attribute> <xs:attribute name="codice" use="required"> <xs:simpletype> <xs:restriction base="pd:"> <xs:maxlength value="31"/> </xs:attribute> <xs:complextype name="datiatto"> <xs:element name="" type="pd:contrattorete"/> <xs:element name="organo-comune" type="pd:organocomune" minoccurs="0"/> <xs:element name="fondo-patrimoniale" type="pd:fondopatrimoniale"/> <xs:complextype name="contrattorete"> <xs:element name="estremi" type="pd:80"/> <xs:element name="data-atto-costituzione" type="xs:date"/> <xs:element name="impresa-" type="pd:impresa" minoccurs="2" maxoccurs="unbounded"/> <xs:element name="durata-" type="pd:"/> <xs:element name="oggetto-programma-rete" type="pd:"/> 11

12 <xs:element name="diritti-obblighi" type="pd:"/> <xs:element name="modalita-realizzazione-scopo-comune" type="pd:"/> minoccurs="0"/> <xs:element name="regole-modificabilita-a-maggioranza" type="pd:" <xs:element name="obiettivi-" type="pd:"/> <xs:element name="misurazione-obiettivi" type="pd:"/> <xs:element name="successiva-adesione" type="pd:"/> <xs:element name="clausole-recesso" type="pd:" minoccurs="0"/> <xs:element name="regole-assunzione-decisioni" type="pd:"/> <xs:element name="note-" type="pd:" minoccurs="0"/> <xs:complextype name="organocomune"> <xs:choice> <xs:element name="organo-comune-monocratico" type="pd:organocomunemonocratico"/> <xs:element name="organo-comune-collegiale" type="pd:organocomunecollegiale"/> </xs:choice> <xs:element name="poteri-gestione" type="pd:" /> <xs:element name="poteri-rappresentanza" type="pd:" /> <xs:element name="descrizione-limitazioni" type="pd:" minoccurs="0"/> <xs:element name="regole-sostituzione" type="pd:" /> <xs:element name="note-organo-comune" type="pd:" minoccurs="0"/> <xs:complextype name="organocomunemonocratico"> <xs:element name="componente-organo-comune" type="pd:componenteorganocomune"/> <xs:complextype name="organocomunecollegiale"> <xs:element name="componente-organo-comune" type="pd:componenteorganocomune" minoccurs="2" maxoccurs="unbounded"/> <xs:complextype name="fondopatrimoniale"> <xs:choice> <xs:element name="fondo-patrimoniale-previsto" type="pd:fondopatrimonialepresente"/> 12

13 <xs:element name="fondo-patrimoniale-nonprevisto" type="pd:fondopatrimonialeassente"/> </xs:choice> <xs:element name="note-fondo-patrimoniale" type="pd:" minoccurs="0"/> <xs:complextype name="fondopatrimonialepresente"> <xs:element name="denominazione-rete" type="pd:80"/> <xs:element name="sede-rete" type="pd:"/> <xs:element name="ammontare" type="pd:decimale"/> <xs:element name="regole-gestione" type="pd:"/> <xs:element name="scadenza-esercizi" type="pd:scadenzaesercizi"/> <xs:element name="conferimenti" type="pd:conferimentifondopatrimoniale" maxoccurs="unbounded"/> <xs:element name="descrizione-clausole-deroga" type="pd:" minoccurs="0"/> <xs:complextype name="fondopatrimonialeassente"> <xs:element name="denominazione-rete" type="pd:80" minoccurs="0"/> <xs:element name="sede-rete" type="pd:" minoccurs="0"/> <xs:complextype name="scadenzaesercizi"> <xs:simplecontent> <xs:extension base="pd:"> <xs:attribute name="data-scadenza" use="required"> <xs:simpletype> <xs:restriction base="pd:"> <xs:pattern value="[0-3][0-9]/[0-1][0-9]"/> </xs:attribute> </xs:extension> </xs:simplecontent> <xs:complextype name="impresa"> <xs:element name="denominazione-impresa" type="pd:" /> <xs:element name="codice-fiscale" type="pd:codicefiscale"/> <xs:group ref="pd:riferimentisede" minoccurs="0"/> <xs:element name="indirizzo-sede-legale" type="pd:indirizzo" minoccurs="0"/> <xs:element name="pec-impresa" type="pd: indirizzo" minoccurs="0"/> <xs:group name="riferimentisede"> <xs:element name="numero-rea-sede" type="xs:int" /> 13

14 <xs:element name="provincia-rea-sede" type="pd:provincia"/> </xs:group> <xs:complextype name="componenteorganocomune"> <xs:element name="codice-fiscale" type="pd:codicefiscale"/> <xs:element name="denominazione-componente" type="pd:"/> <xs:complextype name="conferimentifondopatrimoniale"> <xs:element name="denominazione-impresa" type="pd:"/> <xs:element name="codice-fiscale" type="pd:codicefiscale"/> <xs:element name="oggetto-conferimento-iniziale" type="pd:"/> <xs:element name="valore-conferimento" type="pd:decimale"/> <xs:element name="criterio-valutazione-conferimento" type="pd:" minoccurs="0"/> <xs:element name="protocollo-delibera-conferimento" type="pd:" minoccurs="0"/> <xs:element name="oggetto-contributi-successivi" type="pd:" minoccurs="0"/> <xs:element name="valore-contributi" type="pd:decimale" minoccurs="0"/> <xs:element name="criterio-valutazione-contributi" type="pd:" minoccurs="0"/> <xs:element name="protocollo-delibera-contributi" type="pd:" minoccurs="0"/> <xs:complextype name="richiedente"> <xs:element name="codice-fiscale" type="pd:codicefiscalepersona"/> <xs:element name="cognome" type="pd:"/> <xs:element name="nome" type="pd:"/> <xs:complextype name="struttura"> <xs:element name="documento-allegato" type="pd:baseallegato" minoccurs="0" maxoccurs="unbounded"> </xs:element> <xs:complextype name="baseallegato"> <xs:element name="descrizione" type="pd:"/> <xs:element name="nome-file" type="pd:nomefile"/> <xs:element name="contenuto-allegato" type="pd:praticabinarydata"/> <xs:simpletype name="praticabinarydata"> <xs:restriction base="xs:base64binary"> 14

15 <xs:minlength value="1"/> <xs:complextype name="versioneschema"> <xs:attribute name="versione" use="required"> <xs:simpletype> <xs:restriction base="xs:string"> <xs:pattern value="(\d+.)?\d+.\d+(-beta)?"/> </xs:attribute> <xs:simpletype name=""> <xs:restriction base="xs:string"> <xs:pattern value="[ -Z\r\n]*"/> <xs:minlength value="1"/> <xs:simpletype name="30"> <xs:restriction base="pd:"> <xs:pattern value="[ -Z\r\n]*"/> <xs:maxlength value="30"/> <xs:simpletype name="80"> <xs:restriction base="pd:"> <xs:pattern value="[ -Z\r\n]*"/> <xs:maxlength value="80"/> <xs:simpletype name="decimale"> <xs:restriction base="xs:decimal"> <xs:pattern value="[\-+]?\d+\.\d{2}"/> <xs:simpletype name="codicefiscale"> <xs:restriction base="xs:string"> <xs:pattern value="[0-9]{11}"/> <xs:pattern value="[a-z]{6}[0-9a-z][0-9lmnpqrstuv][abcdehlmprst][0-9lmnpqrstuv]{2}[a-z][0-9lmnpqrstuv]{3}[a-z]" /> <xs:simpletype name="codicefiscalepersona"> <xs:restriction base="xs:string"> <xs:pattern value="[a-z]{6}[0-9a-z][0-9lmnpqrstuv][abcdehlmprst][0-9lmnpqrstuv]{2}[a-z][0-9lmnpqrstuv]{3}[a-z]" 15

16 /> <xs:complextype name="indirizzo"> <xs:group ref="pd:citta"/> <xs:element name="cap" minoccurs="0" type="pd:cap"> </xs:element> <xs:group ref="pd:datiindirizzo"/> <xs:group name="datiindirizzo"> <xs:element name="denominazione-stradale" type="pd:30"/> <xs:element name="numero-civico" type="pd:"/> <xs:element minoccurs="0" name="frazione" type="pd:"/> </xs:group> <xs:simpletype name="cap"> <xs:restriction base="pd:"> <xs:pattern value="\d{5}"/> <xs:group name="citta"> <xs:element name="stato" type="pd:stato"/> <xs:choice> <xs:group ref="pd:cittaitaliana"> </xs:group> <xs:group ref="pd:cittastraniera"> </xs:group> </xs:choice> </xs:group> <xs:group name="cittaitaliana"> <xs:element name="provincia" type="pd:provincia"/> <xs:element name="comune" type="pd:comune"/> </xs:group> <xs:group name="cittastraniera"> <xs:element name="citta-straniera" type="pd:30"/> </xs:group> <xs:complextype name="stato"> <xs:simplecontent> <xs:extension base="pd:"> <xs:attribute name="sigla" use="required"> <xs:simpletype> <xs:restriction base="pd:"> <xs:pattern value="[a-za-z0-9]{1,4}"/> 16

17 </xs:attribute> </xs:extension> </xs:simplecontent> <xs:complextype name="provincia"> <xs:simplecontent> <xs:extension base="pd:"> <xs:attribute name="sigla" use="required"> <xs:simpletype> <xs:restriction base="pd:"> <xs:pattern value="[a-z]{2}"/> </xs:attribute> </xs:extension> </xs:simplecontent> <xs:complextype name="comune"> <xs:simplecontent> <xs:extension base="pd:30"> </xs:extension> </xs:simplecontent> <xs:simpletype name=" indirizzo"> <xs:restriction base="xs:string"> <xs:pattern value="[\-!#$%&'*+/0-9=?a-z^_a-z{ }~](\.?[\-!#$%&'*+/0-9=?A-Z^_az{ /> <xs:simpletype name="nomefile"> <xs:restriction base="xs:string"> <xs:pattern value="[ -~]+\.[!-~]*"/> <xs:maxlength value="80"/> </xs:schema> Un esempio di file XML del modello standard tipizzato per la trasmissione del di rete al registro delle imprese: <?xml version="1.0" encoding="utf-8" standalone="yes"?> <pd:atto xmlns:pd="http://attidigitali-registroimprese.it/schema" xmlns:xsi="http://www.w3.org/2001/xmlschemainstance" tipo-atto="a27" xsi:schemalocation="http://attidigitali-registroimprese.it/schema DefinizioneXSDAttoDigitaleContrattoRete.xsd" codice="ro "> <info-schema versione="1.0.0" /> <richiedente> <codice-fiscale>rssmra00a01h501c</codice-fiscale> <cognome>rossi</cognome> <nome>mario</nome> 17

18 </richiedente> <dati-atto> <> <estremi>ro </estremi> <data-atto-costituzione> </data-atto-costituzione> <impresa-> <denominazione-impresa>ideal SOFTWARE P-ONE</denominazione-impresa> <codice-fiscale> </codice-fiscale> <numero-rea-sede> </numero-rea-sede> <provincia-rea-sede sigla="ro">rovigo</provincia-rea-sede> <indirizzo-sede-legale> <stato sigla="i">italia</stato> <provincia sigla="ro">rovigo</provincia> <comune>rovigo</comune> <cap>45100</cap> <denominazione-stradale>via ITALIA</denominazione-stradale> <numero-civico>9123</numero-civico> </indirizzo-sede-legale> </impresa-> <impresa-> <denominazione-impresa>cloud SOFTWARE P-TWO</denominazione-impresa> <codice-fiscale> </codice-fiscale> <numero-rea-sede> </numero-rea-sede> <provincia-rea-sede sigla="ro">rovigo</provincia-rea-sede> <indirizzo-sede-legale> <stato sigla="i">italia</stato> <provincia sigla="ro">rovigo</provincia> <comune>rovigo</comune> <cap>45100</cap> <denominazione-stradale>via SORGENTE</denominazione-stradale> <numero-civico>96</numero-civico> </indirizzo-sede-legale> </impresa-> <impresa-> <denominazione-impresa>new SYSTEM P-THREE</denominazione-impresa> <codice-fiscale> </codice-fiscale> <numero-rea-sede> </numero-rea-sede> <provincia-rea-sede sigla="ro">rovigo</provincia-rea-sede> <indirizzo-sede-legale> <stato sigla="i">italia</stato> <provincia sigla="ro">rovigo</provincia> <comune>taglio DI PO</comune> <cap>45019</cap> <denominazione-stradale>via ROMEA</denominazione-stradale> <numero-civico>974</numero-civico> </indirizzo-sede-legale> </impresa-> <durata->il CONTRATTO DI RETE CESSA DI PRODURRE EFFETTI IL 31 DICEMBRE 2024.</durata-> <oggetto-programma-rete>le SOCIETA' COME AVANTI RAPPRESENTATE,CONVENGONO DI STIPULARE UN CONTRATTO DI RETE E, PERTANTO SI IMPEGNANO A DISEGNARE ED IMPLEMENTARE PROGETTI COMUNQUE COMPLESSI NELL'AMBITO DELLA REALIZZAZIONE DI SOLUZIONI TECNOLOGICHE VOLTE ALLA GESTIONE DEL DATO, DALL'INSTALLAZIONE DELL'INFRASTRUTTURA A SUPPORTO, FINO AD ARRIVARE ALLO SVILUPPO DI SOLUZIONI SOFTWARE INERENTI ALLA GESTIONE DOCUMENTALE ED ERP, CON IL CUI FRUTTO ASSUMERA' LA DENOMINAZIONE "COLLABORARE PER COMPETERE", IL TUTTO IN CONFORMITA' A SPECIFICI DISCIPLINARI E REGOLAMENTI PREDEFINITI. 18

19 NEI RAPPORTI CON I TERZI LA RETE FRA IMPRESE COSI' COSTITUITA POTRA' ESSERE PRESENTATA E IDENTIFICATA CON IL NOME ED IL LOGO "COLLABORARE PER COMPETERE".</oggetto-programma-rete> <diritti-obblighi>le IMPRESE SONO OBBLIGATE: - AD UNIFORMARSI AI DISCIPLINARI ED AI REGOLAMENTI ADOTTATI DAL COMITATO DI GESTIONE; - A NON SERVIRSI DI SEGNI DISTINTIVI, MARCHI, DENOMINAZIONI O CONTRASSEGNI DIVERSI DALLA DENOMINAZIONE SOPRA CONVENUTA PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI COMPRENDENTI LA COMPETENZA COMUNE O LA PARTECIPAZIONE DELLE VARIE AZIENDE DEL GRUPPO IN QUALSIASI FASE DI PROPOSTA DELLA SOLUZIONE; - AD ATTENERSI ALLE DECISIONI DEL COMITATO DI GESTIONE AI FINI DELL'UTILIZZO DI TALE DENOMINAZIONE; - A RISPETTARE I TERMINI E GLI OBBLIGHI DERIVANTI DALL'ATTUAZIONE DEI PROGETTI PROMOZIONALI E DI ALTRE INIZIATIVE VOLTE A FAVORIRE LA COMMERCIALIZZAZIONE DELLE SOLUZIONI O PRODOTTI PROPOSTI.</diritti-obblighi> <modalita-realizzazione-scopo-comune>il PROGRAMMA DI RETE CONSISTE: -NELLA PREDISPOSIZIONE DI DISCIPLINARI E REGOLAMENTI RELATIVI AD OGNI FASE DELLA PROGETTAZIONE, PRESENTAZIONE ED IMPLEMENTAZIONE DELLE SOLUZIONI PROPOSTE, IN CONFORMITA' ALLE REGOLE DEL PRESENTE CONTRATTO A CUI OGNI IMPRESA PARTECIPANTE DOVRA' ATTENERSI; -NELLA PARTECIPAZIONE ED ORGANIZZAZIONE A EVENTI NEI QUALI SI REALIZZINO QUELLE INIZIATIVE DI CARATTERE PROMOZIONALE TESE A VALORIZZARE LA PRODUZIONE, L'IMMAGINE, L'ATTIVITA' E LA PROFESSIONALITA' DELLE IMPRESE PARTECIPANTI; -NELLA DEFINIZIONE DI LINEE COMUNI DI MARKETING; -NELL'ORGANIZZAZIONE DI TAVOLI TECNICI E DI SEMINARI DI APPROFONDIMENTO SUI TEMI DELLA FORMAZIONE E DEL MARKETING; -NELLA SALVAGUARDIA DELLA DENOMINAZIONE "COLLABORARE PER COMPETERE" ATTRAVERSO CUI I SERVIZI NONCHE' I PRODOTTI FRUTTO DEL PRESENTE CONTRATTO DI RETE SARANNO RESI.</modalita-realizzazione-scopo-comune> <obiettivi->le PARTI, COME SOPRA RAPPRESENTATE, CONVENGONO E DICHIARANO DI PERSEGUIRE, TRAMITE IL PRESENTE CONTRATTO, L'OBIETTIVO DI ACCRESCERE LA CAPACITA' DI PENETRAZIONE DELLE IMPRESE PARTECIPANTI SUL MERCATO NAZIONALE ED ESTERO MEDIANTE LA CONDIVISIONE DELLE PROPRIE CONOSCENZE E CAPACITA' VERTICALI NEI RELATIVI AMBITI DI COMPETENZA E UN'ADEGUATA COMUNICAZIONE DELLE SUDDETTE QUALITA'. LE MODALITA' DI ESERCIZIO IN COMUNE DELLE ATTIVITA' DESCRITTE DOVRANNO PERTANTO ESSERE FUNZIONALI AL PERSEGUIMENTO DELL'OBIETTIVO CONVENUTO.</obiettivi-> <misurazione-obiettivi>relazione ANNUALE SULLO STATO AVANZAMENTO</misurazioneobiettivi> <successiva-adesione>possono ADERIRE AL CONTRATTO LE IMPRESE CHE SVOLGONO LE ATTIVITA' DI SYSTEM INTEGRATOR NELL'AMBITO DELLE SOLUZIONI OFFERTE DALLA RETE DI IMPRESA A COMPLETAMENTO O AD INTEGRAZIONE DELLE COMPETENZE RICHIESTE DAL MERCATO. CHI INTENDE ADERIRE AL PRESENTE CONTRATTO DI RETE DEVE PRESENTARE, AI SENSI DELL'ART.1332 DEL CODICE CIVILE, AL COMITATO DI GESTIONE APPOSITA DICHIARAZIONE SOTTOSCRITTA DAL TITOLARE O DAL LEGALE RAPPRESENTANTE, CONTENENTE: A. LA DENOMINAZIONE E LA SEDE LEGALE DELL'IMPRESA; B. L'OGGETTO SOCIALE; C. L'ATTIVITA' EFFETTIVAMENTE SVOLTA E LA SEDE NELLA QUALE VIENE ESERCITATA; D. CERTIFICAZIONE ATTESTANTE CHE L'IMPRESA NON E' STATA DICHIARATA FALLITA O ASSOGGETTATA AD ALTRE PROCEDURE CONCORSUALI, O CHE IL TITOLARE NON E' STATO INTERDETTO DALL'ESERCIZIO DI ATTIVITA' IMPRENDITORIALE O DALLA FACOLTA' DI CONTRATTARE CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE; E. LA DICHIARAZIONE DI CONOSCERE ED ACCETTARE INCONDIZIONATAMENTE LE DISPOSIZIONI DEL PRESENTE CONTRATTO. 19

20 PER LE SOCIETA' DEVE ESSERE INOLTRE PRESENTATO: A. COPIA DELLA DELIBERA DELL'ORGANO COMPETENTE DI ADESIONE AL CONTRATTO DI RETE ED IL NOME DEL SOCIO O PERSONA DESIGNATA ED AUTORIZZATA A RAPPRESENTARLA A TUTTI GLI EFFETTI NELLA RETE; B. COPIA DELLO STATUTO E CERTIFICATO DI ISCRIZIONE AL REGISTRO DELLE IMPRESE COMPETENTE. SULLA DOMANDA DI AMMISSIONE DELIBERA IL COMITATO DI GESTIONE NELLA SUA PRIMA RIUNIONE UTILE. IN CASO DI ACCETTAZIONE DELLA PROPOSTA DI ADESIONE, IL RICHIEDENTE DOVRA' CORRISPONDERE UN CONTRIBUTO AL FONDO NELLA MISURA STABILITA ANNUALMENTE IN SEDE DI APPROVAZIONE DEL BILANCIO PREVISIONALE, OLTRE AL CONTRIBUTO ORDINARIO PER L'ANNO SUCCESSIVO E ALL'EVENTUALE CONTRIBUTO STRAORDINARIO.</successiva-adesione> <clausole-recesso>salvo QUANTO PREVISTO NEL PRESENTE CONTRATTO, OGNI PARTECIPANTE PUO' RECEDERE LIBERAMENTE CON DICHIARAZIONE CHE DEVE PERVENIRE AL PRESIDENTE DEL COMITATO DI GESTIONE ENTRO IL TERMINE DEL 30 SETTEMBRE DI OGNI ANNO, CON EFFICACIA DAL 31 DICEMBRE DEL MEDESIMO ANNO. LE DICHIARAZIONI DI RECESSO PERVENUTE SUCCESSIVAMENTE SONO EFFICACI DAL 31 DICEMBRE DELL'ANNO SUCCESSIVO. IN CASO DI RECESSO NON SONO RIPETIBILI I CONTRIBUTI ORDINARI E STRAORDINARI CORRISPOSTI NE' GLI APPORTI AL FONDO COMUNE A QUALSIASI TITOLO ESEGUITI.</clausole-recesso> <regole-assunzione-decisioni>i PARTECIPANTI ALLA RETE DECIDONO, A MAGGIORANZA CALCOLATA PER CAPI: -IN ORDINE ALL'APPROVAZIONE DEL RENDICONTO ANNUALE DELL'ATTIVITA' COMPIUTA CHE DOVRA' ESSERE REDATTO SECONDO LE NORME PREVISTE PER IL BILANCIO DELLA S.P.A. E PRESENTATO DAL COMITATO DI GESTIONE NEL MESE DI MARZO DI OGNI ANNO, CON RIFERIMENTO ALL'ATTIVITA' SVOLTA NELL'ANNO SOLARE PRECEDENTE; -IN ORDINE ALL'APPROVAZIONE DI UN BILANCIO PREVISIONALE, CHE DOVRA ESSERE PRESENTATO ENTRO IL 30 OTTOBRE DI OGNI ANNO E RIFERITO ALL'ATTIVITA CHE IL COMITATO DI GESTIONE INTENDE SVOLGERE NELL'ANNO SOLARE SUCCESSIVO; -IN ORDINE ALLA NOMINA DEI COMPONENTI DEL COMITATO DI GESTIONE. IL PRESIDENTEDOVRA' CONVOCARE TUTTI I PARTECIPANTI ALLA RETE MEDIANTE COMUNICAZIONE SCRITTA INVIATA CON RACCOMANDATA CON RICEVUTA DI RITORNO O CON QUALSIASI ALTRO MEZZO CHE GARANTISCA LA PROVA DELL'AVVENUTO RICEVIMENTO ALMENO GIORNI 15 (QUINDICI) PRIMA DELL'ADUNANZA. L'AVVISO DI CONVOCAZIONE DOVRA' CONTENERE L'INDICAZIONE DEL GIORNO, DELL'ORA E DEL LUOGO DELL'ADUNANZA E L'ELENCO DELLE MATERIE DA TRATTARE.</regole-assunzione-decisioni> <note->il CONTRATTO E' FIRMATO DIGITALMENTE DAI PARTECIPANTI</note-> </> <organo-comune> <organo-comune-collegiale> <componente-organo-comune> <codice-fiscale>rssmra00a01h501c</codice-fiscale> <denominazione-componente>rossi MARIO</denominazione-componente> </componente-organo-comune> <componente-organo-comune> <codice-fiscale>rsslgu00a01h501c</codice-fiscale> <denominazione-componente>rossi LUIGI</denominazione-componente> </componente-organo-comune> <componente-organo-comune> <codice-fiscale>rssgnn00a01h501v</codice-fiscale> <denominazione-componente>rossi GIOVANNI</denominazione-componente> </componente-organo-comune> </organo-comune-collegiale> <poteri-gestione>l'attuazione DEL PROGRAMMA DI RETE E' AFFIDATA AD UN COMITATO DI GESTIONE COSTITUITO DA UN RAPPRESENTANTE DI OGNI IMPRESA PARTECIPANTE, FINO AD UN MASSIMO DI SETTE. QUALORA I PARTECIPANTI ALLA RETE DIVENGANO PIU' DI SETTE, IL 20

Flusso informativo delle prestazioni residenziali e semiresidenziali

Flusso informativo delle prestazioni residenziali e semiresidenziali SPECIFICHE FUNZIONALI DEI TRACCIATI FAR Flusso informativo delle prestazioni residenziali e semiresidenziali Luglio 2014 Versione 4.0 FAR Specifiche Funzionali_v4.0 Pag. 1 di 53 Indice 1. Introduzione...

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Specifiche tecniche per la pubblicazione dei dati ai sensi dell art. 1 comma 32 Legge n. 190/2012

Specifiche tecniche per la pubblicazione dei dati ai sensi dell art. 1 comma 32 Legge n. 190/2012 Specifiche tecniche per la pubblicazione dei dati ai sensi dell art. 1 comma 32 Legge n. 190/2012 Versione 1.0 Maggio 2013 INDICE 1. OBIETTIVI DEL DOCUMENTO 2 1.1 STORIA DEL DOCUMENTO 2 1.2 ACRONIMI E

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

La legge sul Volontariato della Regione Lazio

La legge sul Volontariato della Regione Lazio La legge sul Volontariato della Regione Lazio Legge 29 del 1993 Art. 2 Attività ed organizzazioni di volontariato 1. Ai sensi dell'art. 2 della legge n. 266 del 1991: a) l'attività di volontariato disciplinata

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

le parti concordano e stipulano quanto segue

le parti concordano e stipulano quanto segue Logo Prefettura Logo Ufficio Scolastico Regionale BOZZA PROTOCOLLO DI INTESA tra Il Prefetto di.. nella persona del dott.. e il Direttore dell Ufficio Scolastico Regionale di.,. nella persona del dott....,

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB TITOLO I: IL CLUB DEI MIGLIORI NEGOZI DI OTTICA IN ITALIA. Il Club dei migliori negozi di ottica in Italia è costituito dall insieme delle imprese operanti nel campo del commercio dell ottica selezionate

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Specifiche tecniche per la pubblicazione dei dati ai sensi dell art. 1 comma 32 Legge n. 190/2012

Specifiche tecniche per la pubblicazione dei dati ai sensi dell art. 1 comma 32 Legge n. 190/2012 Specifiche tecniche per la pubblicazione dei dati ai sensi dell art. 1 comma 32 Legge n. 190/2012 Versione 1.1 16 dicembre 2014 INDICE 1.1 ACRONIMI E DEFINIZIONI 2 1.2 RIFERIMENTI 2 1.3 STORIA DEL DOCUMENTO

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

Distinti saluti Il responsabile

Distinti saluti Il responsabile ENTI PUBBLICI Roma, 15/05/2013 Spett.le COMUNE DI MONTAGNAREALE Posizione 000000000000001686 Rif. 2166 del 30/04/2013 Oggetto: Anticipazione di liquidità, ai sensi dell'art. 1, comma 13 del D. L. 8 aprile

Dettagli

Relazione del collegio

Relazione del collegio Relazione del collegio revisori i dei conti RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI SUL RENDICONTO DELL'ESERCIZIO 2013 DEL PARTITO "IL POPOLO DELLA L1BERTA'" Il Collegio dei revisori composto dai

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE.

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. Parte prima Premessa Il presente accordo assume la disciplina generale

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

GLOSSARIO DI ALCUNI TERMINI USATI NELLA PUBBLICAZIONE

GLOSSARIO DI ALCUNI TERMINI USATI NELLA PUBBLICAZIONE GLOSSARIO DI ALCUNI TERMINI USATI NELLA PUBBLICAZIONE Altre forme giuridiche (A.F.) Tipologia che raccoglie tutte le imprese aventi forma giuridica diversa da quelle che rientrano nei seguenti raggruppamenti:

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 Norme sui Consigli degli Ordini e Collegi e sulle Commissioni centrali professionali Pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 98 del 23 Dicembre

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI 1. PREMESSA Il Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE), attraverso la Direzione Generale per la Lotta

Dettagli

Linee guida invio pratica telematica sportello cerc - anno 2013

Linee guida invio pratica telematica sportello cerc - anno 2013 LINEE GUIDA INVIO PRATICA TELEMATICA SPORTELLO CERC - ANNO 2013 1 INDICE 1. FASE PRELIMINARE pag.3 2. PREDISPOSIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE pag.4 3. INVIO DELLA DOMANDA DI CONTRIBUTO pag.4 4. CREA MODELLO

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Regolamento emittenti

Regolamento emittenti E Regolamento emittenti Adottato con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 Allegato 5-bis Calcolo del limite al cumulo degli incarichi di amministrazione e controllo di cui Aggiornato con le modifiche apportate

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 -

SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 - Versione 10/04/15 SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 - Rifiuti dei Beni a base di Polietilene, Piazza di S. Chiara, 49 00186 ROMA) e (facoltativamente) anticipata mezzo fax Il richiedente... In persona del

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020)

LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020) LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020) PREMESSA Per l attuazione delle proprie politiche la Commissione europea finanzia un ampio numero di programmi/strumenti

Dettagli

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Articolo 1 - Costituzione E' costituita una Associazione denominata: Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP)

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata

Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata Pagina 1 di 48 INDICE 1 MODIFICHE DOCUMENTO...4 2 RIFERIMENTI...4 3 TERMINI E DEFINIZIONI...4

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE sede: Casella Postale N.6 C/O Ufficio Postale Rm 161 Via della Fotografia 107 00142 Roma Mail: orti.urbani.tre.fontane@gmail.com REGOLAMENTO INTERNO Art. 1 - Scopo

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Con la presente scrittura tra

Con la presente scrittura tra Accordo per assicurare la liquidità alle imprese creditrici dei Comuni e delle Province della Regione Emilia-Romagna attraverso la cessione pro-soluto dei crediti a favore di banche od intermediari finanziari

Dettagli

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 174 del 22/10/1997,

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 0047 Versione 002 2014) Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA'

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Guida alla trasmissione della richiesta di erogazione della prima quota di contributo

Guida alla trasmissione della richiesta di erogazione della prima quota di contributo Guida alla trasmissione della richiesta di erogazione della prima quota di contributo 1. Credenziali di accesso alla piattaforma Ai fini della trasmissione della richiesta di erogazione della prima quota

Dettagli

ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) Articolo 2 (Sede Legale) Articolo 3 (Finalità e attività) costruzione di un centro

ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) Articolo 2 (Sede Legale) Articolo 3 (Finalità e attività) costruzione di un centro 1 ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) È istituita per opera dei coniugi GASPARINI LUCIANO e PRAVATO CANDIDA, l Associazione UNA NUOVA SPERANZA O.N.L.U.S. con sede in Mirano (VE) Scaltenigo Via

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

L apposizione di firme e informazioni su documenti firmati

L apposizione di firme e informazioni su documenti firmati L apposizione di firme e informazioni su documenti firmati Il presente documento si pone l obiettivo di chiarire alcuni aspetti generali dei formati di firma CAdES (file con estensione p7m) e PAdES (file

Dettagli

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE)

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE) STATUTO DI CONSORZIO DI TUTELA VOLONTARIO OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE) ART. 1 (Denominazione e Sede) E costituito il Consorzio tra produttori di Olio extravergine

Dettagli

SERVIZIO "FATT-PA NAMIRIAL" LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING

SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING SERVIZIO "FATT-PA NAMIRIAL" LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING Versione 1.0 del 23 giugno 2014 Sommario 1. Introduzione... 2 2. Contenuto della Fattura PA... 2 3. Dati obbligatori

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli