Sistemi di computing e storage nel Cloud

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi di computing e storage nel Cloud"

Transcript

1 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica Sistemi di computing e storage nel Cloud Corso di Sistemi Distribuiti e Cloud Computing A.A. 2013/14 Valeria Cardellini MapReduce Modello di programmazione per processare ed elaborare grandi quantità di dati distribuiti su larga scala Anche implementazione di un sistema che esegue i relativi programmi Alcuni esempi di applicazioni: Web indexing Reverse Web-link graph Distributed sort Web access statistics MapReduce fornisce Funzioni definite dall utente Parallelizzazione e distribuzione automatica Tolleranza ai guasti Scheduling dell I/O Monitoraggio Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 1

2 MapReduce: modello Elaborazione in due stadi: Map e Reduce Map e Reduce sono scritte dallo sviluppatore Input ed output: insieme di coppie chiave/valore Map Esegue una funzione su valori individuali di un set di dati per creare una nuova lista di valori map (in_key, in_value) -> list(out_key, intermediate_value) Esempio: square x = x * x map square [1,2,3,4,5] returns [1,4,9,16,25] Reduce Combina valori in un set di dati per creare un nuovo valore reduce (out_key, list(intermediate_value)) -> list(out_value) Esempio: sum = (each elem in arr, total +=) reduce [1,4,9,16,25] returns 55 (la somma degli elementi) Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 2 MapReduce: esempio Contare il numero di occorrenze di ciascuna parola in una grande collezione di documenti (WordCount) Map(String key, String value): // key: document name // value: document contents for each word w in value: EmitIntermediate(w, 1 ); Map emette ciascuna parola con un semplice 1 associato Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 3

3 MapReduce: esempio (2) Reduce (String key, Iterator values): // key: a word // values: a list of counts int result=0 for each v in values: result += ParseInt(v) Emit(AsString(result)) Reduce somma tutti gli 1 emessi per una parola per ottenere il totale Quello mostrato è pseudo-codice; per il codice completo dell esempio vedere papers/mapreduce.html Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 4 MapReduce: schema di implementazione Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 5

4 Hadoop Apache Hadoop provides open-source software for reliable, scalable, distributed computing Includes Hadoop MapReduce for easily writing applications which process vast amounts of data (multi-terabyte datasets) in-parallel on large clusters (thousands of nodes) of commodity hardware in a reliable, fault-tolerant manner See for the WorkCount code Apache Hadoop NextGen MapReduce (YARN): MapReduce 2.0 Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 6 Data storage in the Cloud Various forms of data storage in the Cloud: NoSQL databases (or more generally, data stores) Examples: BigTable, Cassandra, MongoDB, Hbase, SimpleDB, DynamoDB Key-value storage systems Examples: Dynamo, Couchbase Distributed file systems Examples: Google File System (GFS), Hadoop Distributed File System (HDFS) Goals: massive scaling on demand (elasticity) and simplified application development and deployment Some systems offered only as Cloud services either directly (e.g., Amazon SimpleDB) or as part of a programming environment Other systems used only within a particular company (e.g., Dynamo, GFS) Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 7

5 NoSQL data stores NoSQL = Not Only SQL SQL-style querying is not the crucial objective A large number of immensely diverse data stores not based on the relational data model (key-value data stores, document stores, column-family stores, graph databases) Main features of NoSQL data stores Support flexible schema Scale horizontally Provide scalability and high availability by storing and replicating data in distributed systems, often across datacenters Do not typically support ACID properties, but are rather referred as BASE systems Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 8 NoSQL data stores (2) Useful when working with a huge quantity of data when the data s nature does not require a relational model Traditional join operations cannot be used Barriers to NoSQL adoption: No full ACID transaction support Lack of standardized interfaces Huge investments already made in SQL by enterprises Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 9

6 Dynamo Sistema di storage usato da numerosi servizi di base nella piattaforma di Amazon Sistema di storage di tipo chiave-valore altamente disponibile e scalabile Idea di base: gestire i fallimenti è la modalità standard di funzionamento Ad es., per il servizio di shopping cart: Customers should be able to view and add items to their shopping cart even if disks are failing, network routes are flapping, or data centers are being destroyed by tornados Garantire il rispetto di Service Level Agreements Ad es., service guaranteeing that it will provide a response within 300ms for 99.9% of its requests for a peak client load of 500 requests per second. G. DeCandia et al., "Dynamo: Amazon's highly available key-value store", Proc. of ACM SOSP Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 10 Piattaforma di Amazon Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 11

7 Caratteristiche di Dynamo Semplice interfaccia chiave/valore Semplici operazioni di lettura (get) e scrittura (put) su oggetti identificati in modo univoco da una chiave Oggetti di dimensione < 1MB Le operazioni coinvolgono un solo oggetto alla volta Elevata disponibilità con una finestra di consistenza definita (eventual consistency) Proprietà BASE (Basically Available, Soft-state, Eventual consistent) anziché ACID Uso efficiente delle risorse Schema semplice di scale-out per gestire l aumento di dimensione del set di dati o dei tassi di richieste Solo uso interno di Dynamo: ambiente operativo non ostile e quindi no requisiti relativi a sicurezza (ad es. autorizzazione ed autenticazione) Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 12 Principi progettuali di Dynamo Sacrificare la consistenza forte in favore della disponibilità (vedi teorema CAP) Uso di tecniche di replicazione ottimistiche Possono verificarsi aggiornamenti conflittuali che devono essere individuati e risolti: quando e chi risolve i conflitti? Quando: risoluzione dei conflitti eseguita durante operazioni di read anziché di write, ossia always writeable Chi: data store o applicazione; se data store si usa una politica semplice (ad es. last write wins ) Ulteriori principi: Scalabilità incrementale Aggiunta di nodi senza compromettere il funzionamento del sistema Simmetria e decentralizzazione Tecniche dei sistemi P2P Eterogeneità Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 13

8 Interfaccia di sistema di Dynamo Ad ogni oggetto memorizzato è associata una chiave Semplice interfaccia che espone operazioni di get() e put() usata per accedere agli oggetti get(key): individua tutte le repliche dell oggetto associato alla chiave e restituisce un singolo oggetto o un elenco di oggetti con versioni contrastanti insieme a un contesto put(key, context, object): determina dove devono essere memorizzate le repliche dell oggetto in base alla chiave associata e scrive le repliche su disco Il contesto codifica i metadati di sistema, ad esempio la versione dell oggetto Sia la chiave che l oggetto sono trattati come un array di byte opaco Hash MD5 applicato alla chiave per generare un identificatore a 128 bit, usato per determinare i nodi del sistema di storage che sono responsabili per servire quella chiave Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 14 Tecniche usate in Dynamo Problem Technique Advantage Partitioning Consistent hashing Incremental scalability Vector clocks with Version size is decoupled High Availability for writes reconciliation during reads from update rates Handling temporary Sloppy Quorum and Provides high availability failures hinted handoff and durability guarantee when some of the replicas are not available Recovering from permanent failures Membership and failure detection Anti-entropy using Merkle trees Gossip-based membership protocol and failure detection Synchronizes divergent replicas in the background Preserves symmetry and avoids having a centralized registry for storing membership and node liveness information Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 15

9 Partizionamento in Dynamo Consistent hashing: l intervallo di output della funzione di hash viene trattato come uno spazio circolare fisso o anello (in modo simile a Chord) Nodi e chiavi sono mappati sull anello A differenza di Chord: zero-hop DHT Nodi virtuali : ogni nodo fisico può essere responsabile di più di un nodo virtuale Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 16 Replicazione in Dynamo Ogni oggetto è replicato su N nodi N è un parametro configurabile dall applicazione che usa Dynamo Preference list: la lista di nodi che è responsabile per gestire una determinata chiave Contiene più di N nodi per gestire fallimenti In figura: oggetto identificato dalla chiave K replicato sui nodi B, C e D Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 17

10 Tecniche usate in Dynamo Problem Technique Advantage Partitioning Consistent hashing Incremental scalability Vector clocks with Version size is decoupled High availability for writes reconciliation during reads from update rates Handling temporary Sloppy Quorum and Provides high availability failures hinted handoff and durability guarantee when some of the replicas are not available Recovering from permanent failures Membership and failure detection Anti-entropy using Merkle trees Gossip-based membership protocol and failure detection Synchronizes divergent replicas in the background Preserves symmetry and avoids having a centralized registry for storing membership and node liveness information Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 18 Data versioning in Dynamo Una chiamata a put() può ritornare al chiamante prima che l aggiornamento sia stato applicato a tutte le repliche Una chiamata a get() può restituire molteplici versioni dello stesso oggetto Problema: un oggetto può avere diverse versioni, che il sistema dovrà riconciliare Soluzione: uso dei clock vettoriali per catturare la casualità tra diverse versioni dello stesso oggetto Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 19

11 Tecniche usate in Dynamo Problem Technique Advantage Partitioning Consistent hashing Incremental scalability Vector clocks with Version size is decoupled High Availability for writes reconciliation during reads from update rates Handling temporary Sloppy Quorum and Provides high availability failures hinted handoff and durability guarantee when some of the replicas are not available Recovering from permanent failures Membership and failure detection Anti-entropy using Merkle trees Gossip-based membership protocol and failure detection. Synchronizes divergent replicas in the background Preserves symmetry and avoids having a centralized registry for storing membership and node liveness information Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 20 Sloppy quorum in Dynamo R/W è il minimo numero di nodi che devono partecipare ad un operazione di read/write L impostazione di R + W > N determina un sistema quorum-like In questo modello, la latenza di un operazione di get (o put) è determinata dalla replica più lenta tra le R (o W) repliche Per migliorare la latenza, R e W possono essere configurati in modo da essere minori di N Configurazione tipica in Dynamo: (N, R, W) = (3, 2, 2) Sloppy quorum Tutte le operazioni di read/write sono eseguite dai primi N nodi funzionanti presi dalla preference list (non sempre coincidono con i primi N nodi sull anello relativi alla data chiave) Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 21

12 Hinted handoff in Dynamo Sia N = 3; se A è temporaneamente giù o non raggiungibile durante una scrittura, si invia la replica a D D sa che la replica appartiene ad A: gliela inoltrerà appena A torna ad essere funzionante terminato con successo l invio ad A, D cancella la replica Viene applicato anche in questo caso il principio progettuale always writeable Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 22 Caratteristiche di GFS File system distribuito implementato in user space Gestione di file di dimensioni molto grandi (multi GB) File suddiviso in chunk di dimensione fissa (64MB) Chunk memorizzati come normali file sui chunk server Scrittura in modalità append: aggiungendo dati alla fine del file (possibili append concorrenti) Elevata affidabilità, ottenuta mediante replicazione dei chunk No caching dei dati S. Ghemawat, H. Gobioff, S.-T. Leung, "The Google File System", Proc. of ACM SOSP Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 23

13 Due tipi di nodi Master Chunk server Chunk server Memorizzano i chunk Master Nodi in GFS Singolo master: per semplificare l architettura Coordina l accesso ai chunk Non memorizza chunk, ma soltanto metadati relativi ai chunk Gestisce il mantenimento dell opportuno grado di replicazione dei chunk Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 24 Replicazione e tolleranza ai guasti in GFS Ogni chunk è replicato su più chunk server 3+ chunk server per ciascun chunk Grado di replicazione >3 per chunk soggetti ad elevato tasso di richieste Replicazione dei chunk gestita con schema primary-backup Integrità dei dati Checksum di 32B per ogni blocco di 64KB in ciascun chunk Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 25

14 Architettura di GFS In figura: operazione di lettura - Chunk handle ~ file name del chunk - Il client interagisce con il master per aprire e trovare il file - Il client interagisce con il chunk server per i dati Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 26 Architettura di GFS (2) Quale è il punto debole potenziale di questa architettura? Il master singolo! Single point of failure Scalability bottleneck Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 27

15 Master singolo in GFS Soluzioni adottate in GFS per evitare problemi legati al master singolo: Per evitare single point of failure: presenza di più master ombra che forniscono accesso read-only al file system in caso di non disponibilità del master Per evitare scalability bottleneck: minimizzare il coinvolgimento del master Mai dati sul master, ma solo metadati In più caching dei metadati lato client Dimensione grande dei chunk Il master delega la propria autorità alle repliche primarie per gestire le mutazioni dei dati (lease dei chunk) Semplice! Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 28 Interfaccia di GFS I file sono organizzati gerarchicamente in directory e identificati da pathname, ma GFS: Non ha una struttura dati per directory Non supporta alias Operazioni tradizionali su un file system: create, delete, open, close, read, write In più: snapshot: crea una copia di un file o dell albero di una directory record append: appende dati ad un file (supporta append atomiche, concorrenti) Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 29

16 Chunk size Chunk size is 64 MB (much larger than typical block sizes) Large chunk size reduces: number of interactions between client and master network overhead by keeping a persistent TCP connection to the chunk server over an extended period of time size of metadata stored on the master Potential disadvantage: chunks for small files may become hot spots (requires higher replication factor) Each chunk replica is stored as a plain Linux file and is extended as needed Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 30 Metadati in GFS Metadati memorizzati sul master Spazio dei nomi di file e chunk Mapping da file a chunk Posizioni delle repliche di ciascun chunk Metadati memorizzati in memoria (64 B per chunk) Vantaggi: Veloce e facilmente accessibile Limitazione: numero di chunk limitato dalle dimensioni della memoria del master ( The cost of adding extra memory to the master is a small price to pay for the simplicity, reliability, performance, and flexibility gained ) Il master mantiene un log delle operazioni per registrare in modo persistente aggiornamenti critici sui metadati Persistenza su disco locale Replicato Checkpoint per recovery più veloce Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 31

17 Mutazioni in GFS Mutazione = write o append Deve essere applicata ad ogni replica Obiettivo: minimizzare il coinvolgimento del master Meccanismo di lease: Il master sceglie una replica come primaria e le assegna un lease per le mutazioni Il primario definisce un ordine seriale delle mutazioni Tutte le repliche seguono quest ordine Flusso dei dati disaccoppiato del flusso di controllo Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 32 Append atomico in GFS Il client specifica i dati GFS appende i dati al file in modo atomico almeno una volta GFS sceglie l offset Funziona per scrittori concorrenti Molto usato dalle applicazioni di Google Ad es., per file che servono come code molteplici produttori/ singolo consumatore Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 33

18 Modello di consistenza in GFS Modello di consistenza relaxed (eventual consistency) Consistente = tutte le repliche hanno lo stesso valore Definito = la replica riflette la mutazione, consistente Proprietà: Scritture concorrenti lasciano la regione in uno stato consistente, ma eventualmente non definito Il fallimento di scritture lascia la regione in uno stato inconsistente E un modello di consistenza semplice ed efficiente Aggiornamento dello spazio dei nomi atomico e serializzabile Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 34 Compiti del master in GFS Memorizzazione dei metadati Gestione/locking dello spazio dei nomi Comunicazione periodica con i chunk server Invia istruzioni, raccoglie informazioni di stato, controlla lo stato di salute (messaggi di heartbeat) Creazione, re-replicazione, bilanciamento dei chunk Bilancia l utilizzazione dello spazio e la velocità di accesso Distribuisce le repliche tra i rack del cluster per ridurre la probabilità di fallimenti correlati Ri-replica i dati se il grado di replicazione scende sotto la soglia Ri-bilancia i dati per bilanciare il carico sullo storage e delle richieste Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 35

19 Compiti del master in GFS (2) Garbage collection Più semplice ed affidabile del tradizionale delete di file Registra la cancellazione e rinomina il file usando un nome nascosto Cancellazione di repliche vecchie Individua le repliche vecchie usando i numeri di versione dei chunk Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 36 GFS problems GFS was designed (in 2001) with MapReduce in mind But found lots of other applications Designed for batch applications with large files (web crawling and indexing) but wrong for applications like Gmail or YouTube, meant to serve data in near real-time Problems Single master node in charge of chunk servers All metadata about files stored in the master s memory: limits total number of files Problems when storage grew to tens of Pbytes Automatic failover added (but still takes 10 seconds) Designed for high throughput but delivers high latency: not appropriate for latency sensitive applications Delays due to recovering from a failed replica chunkserver delay the client Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 37

20 After GFS: Colossus Colossus (GFS2) Next-generation cluster-level file system at Google Specifically designed for real-time services Automatically sharded metadata layer Data typically written using Reed-Solomon (1.5x) Client-driven replication, encoding and replication Distributed masters Support smaller files: chunks go from 64 MB to 1 MB Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 38 Chubby Servizio di lock a grana grossa Offre un implementazione affidabile e scalabile di un protocollo per il consenso distribuito (Paxos) incapsulata in un API Altri sistemi distribuiti (loosely-coupled) possono usarlo per sincronizzare l accesso a risorse condivise Servizio che fornisce Sincronizzazione (elezione del leader, informazioni condivise) Affidabilità e disponibilità Semantica semplice Alte prestazioni, throughput e capacità di storage solo aspetti secondari M. Burrows, "The Chubby Lock Service for Loosely-Coupled Distributed Systems", Proc. of OSDI Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 39

21 Esempi di utilizzo di Chubby GFS: elezione del master BigTable: elezione del master, discovery client, locking delle tabelle Posizione well-known per il bootstrap di sistemi distribuiti di grandi dimensioni Meccanismo di lock progettato per lock coarsegrained: mantenuti per ore o giorni Minor carico sul lock server I lock sopravvivono a fallimenti del lock server Definizione di lock fine-grained al di sopra di Chubby Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 40 Interfaccia di Chubby Presenta un semplice file system distribuito Insieme ridotto di operazioni su file rispetto ad un tradizionale FS distribuito I client possono eseguire operazioni di open/ close/read/write su file Letture e scritture solo di tipo whole-file Supporto per lock reader/writer di tipo advisory I client possono iscriversi per ricevere notifiche di aggiornamento dei file Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 41

22 Architettura di sistema di Chubby 2 componenti principali: Server (Chubby cell) Client library Comunicazione via RPC Proxy Opzionale All client traffic One Chubby Cell replica Master replica replica replica replica Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 42 Cella di Chubby Cella: insieme di server replica Generalmente 5 server: 1 master e 4 repliche Usa Paxos per eleggere il master Promessa di non eleggere un nuovo master per un certo tempo (lease del master) Il lease del master viene rinnovato periodicamente Mantiene copie di un database semplice Operazioni di write soddisfatte da un quorum di maggioranza Operazioni di read soddisfatte dal solo master Sistema di replacement per repliche fallite Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 43

23 Elezione del master in Chubby L elezione del master è semplice Tutte le repliche cercano di acquisire un lock in scrittura sul file indicato La replica che ottiene il lock è il master Il master può poi scrivere il suo indirizzo nel file Le altre repliche possono leggere questo file per scoprire chi è il master Chubby si comporta come un servizio di naming Valeria Cardellini - SDCC 2013/ File, directory, handle in Chubby Interfaccia simile a file system Es. di nome: /ls/foo/wombat/pouch API specializzata Chubby non: Supporta spostamento di file (move), link hard o simbolici Mantiene semantica dei permessi dipendente dal path della directory Rivela data di modifica delle directory e data di ultimo accesso ai file Nodi (file o directory) Di tipo permanent oppure ephemeral Diversi metadati associati ad ogni nodo Handle Analoghi ai descrittori di file in Unix Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 45

24 Lock e sequencer in Chubby Chubby utilizza un file o una directory come lock lettore-scrittore Un client può tenere il lock in modo esclusivo (writer) Un qualunque numero di client può tenere il lock in modo condiviso (reader) I lock sono di tipo advisory (consultivo) E compito del client comportarsi bene e controllare che il lock non sia tenuto da altri client (in modo analogo ai mutex) Soluzione opposta: lock di tipo mandatory (vincolante) E costoso numerare tutte le interazioni in un SD In Chubby sono numerate solo le interazioni che usano i lock Sequencer: stringa di byte che descrive lo stato del lock dopo l'acquisizione Il possessore di un lock può richiedere il sequencer Un client passa il sequencer al server Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 46 Open() Creazione dell handle API di Chubby Specifica come verrà usato l handle (controllo degli accessi, eventi che devono essere notificati, ) Close() e Poison() Close() per chiudere un handle aperto Poison() per far fallire le operazioni in corso o successive su un handle senza chiudelo Altre chiamate dell API: GetContentsAndStat(), GetStat, SetContents() per leggere contenuto e metadati di un file e scriverne il contenuto Delete() per cancellare un nodo Acquire(), TryAcquire(), Release() per acquisire e rilasciare lock GetSequencer(), SetSequencer(), CheckSequencer() per operazioni su sequencer Valeria Cardellini - SDCC 2013/14 47

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Industry Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Dispositivi utilizzati: - 2 LOGO! 0BA7 (6ED1 052-1MD00-0AB7) - Scalance X-208 LOGO! 0BA7 Client IP: 192.168.0.1 LOGO! 0BA7 Server IP:

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

GARR WS9. OpenSource per l erogazione di servizi in alta disponibilità. Roma 17 giugno 2009

GARR WS9. OpenSource per l erogazione di servizi in alta disponibilità. Roma 17 giugno 2009 GARR WS9 OpenSource per l erogazione di servizi in alta disponibilità Roma 17 giugno 2009 Mario Di Ture Università degli Studi di Cassino Centro di Ateneo per i Servizi Informatici Programma Cluster Linux

Dettagli

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Problemi nei sistemi concorrenti e distribuiti I sistemi concorrenti e distribuiti hanno in comune l ovvio problema di coordinare le varie attività dei differenti

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

DEFT Zero Guida Rapida

DEFT Zero Guida Rapida DEFT Zero Guida Rapida Indice Indice... 1 Premessa... 1 Modalità di avvio... 1 1) GUI mode, RAM preload... 2 2) GUI mode... 2 3) Text mode... 2 Modalità di mount dei dispositivi... 3 Mount di dispositivi

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di

Dettagli

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei secondo il produttore di Storage Qsan Milano, 9 Febbraio 2012 -Active Solution & Systems, società attiva sul mercato dal 1993, e da sempre alla

Dettagli

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A.

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Reti di Calcolatori Livello di applicazione DNS A.A. 2013/2014 1 Livello di applicazione Web e HTTP FTP Posta elettronica SMTP, POP3, IMAP DNS Applicazioni P2P

Dettagli

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi.

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. I modelli di sourcing Il mercato offre una varietà di modelli di sourcing, ispirati

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica Algoritmi e Strutture Dati Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Copyright 2006-2015 by Claudio Salati. Lez. 9a 1 Rappresentazione

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

Intrusion Detection System

Intrusion Detection System Capitolo 12 Intrusion Detection System I meccanismi per la gestione degli attacchi si dividono fra: meccanismi di prevenzione; meccanismi di rilevazione; meccanismi di tolleranza (recovery). In questo

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY Interfaccia Full Ascii Con questa interfaccia è possibile inviare i dati al Server utilizzando solo caratteri Ascii rappresentabili e solo i valori che cambiano tra un sms e l altro, mantenendo la connessione

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti 1 Web conferencing software Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti Arpa Piemonte 2 Che cosa è Big Blue Button? Free, open source, web conferencing software Semplice ed immediato ( Just push

Dettagli

Panoramica delle richieste

Panoramica delle richieste Panoramica delle richieste 1,293 richieste in procinto di essere approvate, il 40% delle quali é previsto aperto alle registrazioni Breakdown dei nuovi gtld per tipo 1,930 1,293 1,293 1,930 453 100% 90%

Dettagli

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi Microsoft licensing in ambienti virtualizzati Luca De Angelis Product marketing manager Luca.deangelis@microsoft.com Acronimi E Operating System Environment ML Management License CAL Client Access License

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Zabbix 4 Dummies Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Relatore Nome: Biografia: Dimitri Bellini Decennale esperienza su sistemi operativi UX based, Storage Area Network, Array Management e tutto

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm 2011 IBM Corporation Cosa si intende per Cloud Computing Cloud è un nuovo modo di utilizzare e di distribuire i servizi IT,

Dettagli

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 Introduzione SmartCard: Carta intelligente Evoluzione della carta magnetica Simile a piccolo computer : contiene memoria (a contatti elettrici)

Dettagli

Web Conferencing and Collaboration tool

Web Conferencing and Collaboration tool Web Conferencing and Collaboration tool La piattaforma Meetecho Piattaforma di Web Conferencing e Collaborazione on line in tempo reale Caratteristiche generali Soluzione client-server progettata per essere

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

Windows Compatibilità

Windows Compatibilità Che novità? Windows Compatibilità CODESOFT 2014 é compatibile con Windows 8.1 e Windows Server 2012 R2 CODESOFT 2014 Compatibilità sistemi operativi: Windows 8 / Windows 8.1 Windows Server 2012 / Windows

Dettagli

Manuale installazione KNOS

Manuale installazione KNOS Manuale installazione KNOS 1. PREREQUISITI... 3 1.1 PIATTAFORME CLIENT... 3 1.2 PIATTAFORME SERVER... 3 1.3 PIATTAFORME DATABASE... 3 1.4 ALTRE APPLICAZIONI LATO SERVER... 3 1.5 ALTRE APPLICAZIONI LATO

Dettagli

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l.

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. Babel S.r.l. - P.zza S. Benedetto da Norcia 33, 00040 Pomezia (RM) www.babel.it

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame.

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. 1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. (a) Da quanti bit è costituito l indirizzo logico? (b) Da quanti bit

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO L articolo 35, comma 5, D.L. n. 223/2006 ha aggiunto il seguente comma all articolo 17, D.P.R. n. 633/72: Le disposizioni di cui al comma precedente si applicano anche alle

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1)

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1) Strutture Strutture e Unioni DD cap.10 pp.379-391, 405-406 KP cap. 9 pp.361-379 Strutture Collezioni di variabili correlate (aggregati) sotto un unico nome Possono contenere variabili con diversi nomi

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

Il linguaggio SQL: transazioni

Il linguaggio SQL: transazioni Il linguaggio SQL: transazioni Sistemi Informativi T Versione elettronica: 4.8.SQL.transazioni.pdf Cos è una transazione? Una transazione è un unità logica di elaborazione che corrisponde a una serie di

Dettagli

Dati importati/esportati

Dati importati/esportati Dati importati/esportati Dati importati Al workspace MATLAB script Dati esportati file 1 File di testo (.txt) Spreadsheet Database Altro Elaborazione dati Grafici File di testo Relazioni Codice Database

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

Pila.h versione 6. class Pila { private: int marker; int * contenuto; public:

Pila.h versione 6. class Pila { private: int marker; int * contenuto; public: 1 Pila.h versione 6 struct Pila { private: int size; int defaultgrowthsize; int marker; int * contenuto; void cresci(int increment); public: Pila(int initialsize) ; Pila(); ~Pila() ; void copy(pila * to)

Dettagli

Architettura degli Elaboratori. Lez. 8 : Il Livello di Sistema Operativo

Architettura degli Elaboratori. Lez. 8 : Il Livello di Sistema Operativo Corso di Laurea Triennale in Informatica Università degli Studi di Bari Aldo Moro Anno Accademico 2012-2013 Lez. 8 : Il Livello di Sistema Operativo Sebastiano Pizzutilo Strutturazione del Sistema Operativo

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli