I Risultati del Progetto ViSiBLE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I Risultati del Progetto ViSiBLE"

Transcript

1 I Risultati del Progetto ViSiBLE

2 I risultati del Progetto ViSiBLE

3 Progetto ViSiBLE Valorisation of Sustainable Alpine Space nearly zero-energy Building and Low-Carbon Experiences Data d avvio del progetto: 01/09/2013 Data di fine del progetto: 30/11/2014 Fondi ERDF: EUR Copyright ViSiBLE Risultati del Progetto ViSiBLE Pubblicazione curata da: ITACA - Istituto per l innovazione e la trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale Via del Viminale, 43 - Roma Finito di stampare nel mese di novembre 2014 Presso Rubbettino s.r.l. viale Rosario Rubbettino 8 Soveria Mannelli (CZ)

4 L efficienza energetica e la sostenibilità ambientale costituiscono l imprescindibile strategia che la Regione Piemonte e nello specifico questo Assessorato alle Politiche Sociali e Social Housing, in collaborazione con l Assessorato alle Politiche Territoriali, intendono sviluppare con il mandato ricevuto dagli elettori. E in questo solco infatti che, in partenariato con sei paesi europei, i progetti CABEE (www.cabee.eu, Capitalizing Alpine Building Evaluation Experiences) e ViSiBLE (www. ViSiBLE.eu, Valorisation of Sustainable Alpine Space nearly zero-energy Building and Low Carbon Experiences), in corso d attuazione presso la Direzione Politiche Territoriali ed Edilizia (Responsabile di Progetto, Giuseppina Franzo), nell ambito del Programma Spazio Alpino concorrono alla capitalizzazione ed armonizzazione delle più significative esperienze europee nell ambito dei sistemi di valutazione della sostenibilità. Ulteriori progetti sono all attenzione della Regione nel quadro della nuova programmazione europea , per favorire non solo la sostenibilità ambientale del patrimonio edilizio pubblico residenziale ma altresì per favorire la competitività tecnica ed economica del nostro tessuto imprenditoriale. Assessore Augusto Ferrari Assessore Alberto Valmaggia RISULTATI DEL PROGETTO ViSiBLE - NOVEMBRE

5 4 RISULTATI DEL PROGETTO ViSiBLE - NOVEMBRE 2014

6 Il progetto ViSiBLE (Valorisation of Sustainable Alpine Space nearly zero-energy Building and Low Carbon Experiences), finanziato per il 76% dall Unione Europea nell ambito del programma ASP (Alpine Space Programme Ambito tematico: Basse emissioni ed efficienza energetica) e per il 24% da fondi nazionali, vede coinvolti quattro paesi europei: Austria, Francia, Germania e Italia. il principale obiettivo del progetto ViSiBLE consiste nel contribuire a influenzare lo sviluppo di politiche in materia di nearly Zero Energy Buildings (nzebs) in una prospettiva integrata a livello regionale, nazionale ed europeo, attraverso l identificazione di esperienze e risultati di progetti sviluppati in area transalpina in materia energetico-ambientale nel settore edilizio, la loro conseguente capitalizzazione e valorizzazione, nonché l elaborazione finale di proposte ed input strategici utili al Programma europeo ASP La Regione Piemonte concorre allo sviluppo del Progetto ViSiBLE avvalendosi della collaborazione di iisbe Italia (international initiative for a Sustainable Built Environment) ed ITACA (Istituto per la Trasparenza degli Appalti e la Sostenibilità Ambientale). La Regione Piemonte, responsabile del Work Pakage relativo all analisi dei principali progetti finanziati dall Unione Europea, ha coordinato l indagine dei risultati di 20 progetti. Tra questi, una particolare attenzione è da riportare nel progetto CLUE, (www.clue-project.eu) della Città di Torino (Assessorato Urbanistica). Il progetto CLUE infatti sottolinea la necessità di ridurre l impatto sul clima della città, al fine di ottenere un distretto urbano neutrale grazie a tecnologie innovative e reti intelligenti. L iniziativa torinese vede un coincidente operato con i progetti europei regionali, verso l individuazione di criteri ed indicatori per la formazione di uno strumento di valutazione ambientale a scala urbana, indispensabile per politiche di sviluppo sostenibile (monitoraggio, premialità, valutazioni, etc). In merito, impegni della Città e della Regione sono già stati assunti per la capitalizzazione delle esperienze e la loro traduzione in atti operativi. CESBA (www.cesba.eu, Common European Sustainable Building Assessment) Nato dalla evoluzione dei progetti ENERBUILD e CABEE ai quali ha partecipato questa Direzione regionale, unitamente al progetto CEC5 (www.cec5.eu), CESBA è una iniziativa europea per l armonizzazione dei protocolli di valutazione energetico-ambientale europei. Veicolato da ViSiBLE su una costruenda piattaforma Wiki, CESBA incamera criteri ed indicatori di valutazione ambientale, volti a fornire il massimo comune denominatore funzionale alla comparazione dei 60 e più sistemi attualmente vigenti in europa. CESBA si propone la creazione di un approccio collettivo e olistico verso un sistema di valutazione a livello europeo mediante indicatori armonizzati, il supporto di iniziative per favorire a livello regionale, nazionale ed europeo, la diffusione di sistemi di incentivazione, leggi e regolamenti facili da applicare. CESBA si propone inoltre di favorire un approccio di massa al mercato sostenibile, tramite sistemi armonizzati e divulgativi a tutti gli utenti coinvolti, tramite certificazioni, formazione, servizi. Il Coordinatore regionale Progetti UE CABEE e ViSiBLE Dario Milone PROGETTO EUROPEO ViSiBLE Valorisation of Sustainable Alpine Space nearly zero-energy Building and Low Carbon Experiences Regione Piemonte Assessore all Assistenza ed Edilizia Sociale, Augusto Ferrari Assessore alle Politiche Territoriali, Alberto Valmaggia Responsabile regionale di Progetto, Giuseppina Franzo Coordinatore regionale di Progetto, Dario Milone Collaboratore regionale di Progetto, Antonio Pezzuto Si ringrazia in particolare per la collaborazione ricevuta: Andrea Moro e Claudio Capitanio (iisbe Italia Partner regionale di progetto), Giuseppe Rizzuto (ITACA Partner regionale di progetto), Noemi Giordano, Tiziana Dell Olmo, Silvia Rizzi e Francesco Nizzo (Regione Piemonte), Maurizio Tomalino (First Level Control ASP) RISULTATI DEL PROGETTO ViSiBLE - NOVEMBRE

7 6 RISULTATI DEL PROGETTO ViSiBLE - NOVEMBRE 2014

8 I cambiamenti climatici e il consumo di risorse sono un grave rischio per l ambiente e la qualità della vita, nell arco alpino e nel resto d Europa. L edilizia è una delle principali cause dell attuale situazione: la costruzione e l uso degli edifici genera il 42% dei consumi energetici e circa il 35% delle emissioni di gas serra, oltre a consumare più del 50% dei materiali vergini e il 30% della nostra acqua. D altro canto, gli edifici sono fondamentali per la qualità della vita, dato che in media passiamo il 90% delle nostre vite al loro interno. Considerando inoltre il fatto che il mercato delle costruzioni costituisce il 10% del PIL europeo, è evidente come questo settore svolga un ruolo chiave nell ottenere gli obiettivi fissati dalla strategia Europe2020 per una crescita intelligente, sostenibile e collettiva. Molte regioni dello Spazio Alpino hanno maturato competenze d eccellenza nel campo dell edilizia sostenibile e dell economia a basse emissioni, arrivando ad essere in grado di contribuire a rendere lo Spazio Alpino un leader sull argomento a livello europeo. Le esperienze dello Spazio Alpino e oltre hanno posto in atto dei processi di armonizzazione legislativa di successo, capaci di contribuire in modo significativo a un ambiente costruito europeo più sostenibile. Il progetto ViSiBLE si è concentrato sullo sviluppo strategico di politiche valide dalla prospettiva dello Spazio Alpino: l obiettivo finale è rendere visibili ai portatori d interesse i risultati ottenuti nei campi dell edilizia sostenibile e della riduzione delle emissioni. Questo documento descrive le attività e i risultati ottenuti dai partner del progetto ViSiBLE nell arco degli ultimi 15 mesi. Buona lettura! Robert Moosbrugger Regional Development Vorarlberg Lead partner RISULTATI DEL PROGETTO ViSiBLE - NOVEMBRE

9 8 RISULTATI DEL PROGETTO ViSiBLE - NOVEMBRE 2014

10 INDICE Risultati del Progetto ViSiBLE 11 Il Progetto 11 Analisi 14 Disseminazione 19 Linee guida e raccomandazioni 24 CESBA 27 Analisi dei risultati dei Progetti Europei 29 ViSiBLE Main Action I Progetti dello Spazio Alpino Il contributo a CESBA dei Progetti dello spazio Alpino 33 Punti di Forza e Criticità 45 Conclusioni. Le difficoltà riscontrate nell attuazione 46 Introduzione a CESBA 47 CESBA - Per la sostenibilità dell ambiente costruito in Europa 49 CESBA - Il valore aggiunto 50 CESBA - Valutazione per gli edifici e i quartieri 51 Il ciclo di CESBA 54 Armonizzazione degli strumenti di valutazione 55 CESBA - Informazione e comunicazione 56 La struttura organizzativa di CESBA 57 CESBA - Documento Programmatico 59 Dalle sfide principali a nuove opportunità 61 La necessità di un approccio integrato e armonico 64 La visione di CESBA 66 Il valore aggiunto di CESBA e la sua metodologia 67 CESBA - una strategia politica europea per lo sviluppo dell edilizia sostenibile 68 CESBA è conforme agli obiettivi e ai metodi dell Unione Europea 69 Iniziativa CESBA: una strategia win win per le autorità locali e regionali 70 Raccomandazioni strategiche per le normative europee sull edilizia 71 Conclusioni 72 RISULTATI DEL PROGETTO ViSiBLE - NOVEMBRE

11 Risultati del Progetto ViSiBLE A cura di: Regionalentwicklung Vorarlberg egen Rhônalpénergie-Environnement RAEE Hochschule Rosenheim EURAC Accademia Europea Bolzano Regione Piemonte Tradotto da: Giulia Barbano (iisbe Italia)

12 Il Progetto I risultati in sintesi Il progetto ViSiBLE è durato poco più di un anno ma ha prodotto svariati esiti degni di nota, che saranno utili e rilevanti ben oltre la fine del progetto. ViSiBLE ha propagato esperienze e competenze europee sull economia a basse emissioni, l efficienza energetica e soprattutto l edilizia sostenibile, identificando punti di forza, debolezze, sfide e opportunità comuni ai progetti finanziati dall EU per rendere più sostenibile l ambiente costruito. I risultati chiave di tali progetti sono stati distribuiti tramite svariati mezzi di comunicazione, così da permettere ai vari portatori d interesse di imparare da esperienze passate e promuovere il trasferimento di competenze. Ma ViSiBLE non si è limitato ai progetti e ai report prodotti: i partner si sono anche concentrati sui programmi di finanziamento a tema, per ipotizzare future possibilità di ulteriore sviluppo, e sul quadro istituzionale dei paesi alpini riguardante l edilizia sostenibile. ViSiBLE ha reso visibili le esperienze a basse emissioni delle Alpi e oltre. Non si può parlare di ViSiBLE senza pensare a CESBA: ViSiBLE ha svolto un ruolo cruciale nello sviluppo e nella promozione di questa iniziativa per la valutazione della sostenibilità degli edifici comune europea. ViSiBLE ha sostenuto lo sviluppo del punto d incontro di CESBA, la CESBA Wiki, e ha contribuito alla presentazione dell iniziativa CESBA da parte di personalità di rilievo nel corso di eventi di importanza internazionale e rivolti ad ampie platee, quali il seminario CESBA a Bruxelles (livello politico) e la Conferenza Internazionale World Sustainable Building di Barcellona (livello professionale). ViSiBLE ha reso CESBA visibile. ViSiBLE sta per Valorizzazione delle Esperienze di Sostenibilità per Edifici a energia quasi zero e a basse emissioni nello Spazio Alpino. Svoltosi in soli 14 mesi e con un partenariato di soli cinque partecipanti, ViSiBLE è riuscito a ottenere in pieno il suo obiettivo centrale: ViSiBLE ha reso visibili CESBA e i risultati dei progetti EU, entrambi sforzi europei verso un ambiente costruito sostenibile. Contesto del progetto Negli ultimi anni, svariati progetti finanziati dall Unione Europea hanno affrontato l argomento dell efficienza energetica, l economia a basse emissioni di CO2 e soprattutto l edilizia sostenibile, sviluppando linee guida e strategie per la pianificazione, creando piattaforme di sostegno e contatto per le PMI, intraprendendo campagne di sensibilizzazione del pubblico, attivando azioni pilota negli ambiti delle energie rinnovabili, dell edilizia sostenibile, della mobilità intelligente, applicando infine i risultati e gli strumenti più utili per supportare un ambiente costruito più sostenibile in Europa. Questi progetti e iniziative sono i benvenuti: i cambiamenti climatici, il consumo di risorse, l inquinamento ambientale e la distruzione degli habitat mettono gravemente a rischio l ambiente che ci circonda. Nel momento in cui si vuole mettere in pratica un ambiente costruito sostenibile a livello europeo, è evidente che gli edifici giocano un ruolo di punta: consumano circa il 42% dell energia e producono circa il 36% delle emissioni di CO2 in Europa. La costruzione e la demolizione, inoltre, contribuiscono a generare rifiuti per circa un terzo del totale EU, e gli edifici sono uno dei principali consumatori di prodotti intermedi quali materiali e composti chimici grezzi. Data quest estrema rilevanza degli edifici nel rendere più sostenibile l ambiente costruito europeo, è evidente il motivo per cui ViSiBLE si è concentrato sul settore dell edilizia sostenibile e sugli edifici a energia quasi zero, senza ignorare ulteriori argomenti connessi quali la mobilità intelligente, l uso oculato delle fonti di energia rinnovabile, la riduzione degli impatti e l adattamento ai cambiamenti climatici, ecc. Sin dall inizio ViSiBLE ha avuto come compito la promozione dell iniziativa transnazionale CESBA, mirata all armonizzazione della valutazione dell ambiente costruito sostenibile in Europa. Per quanto alto sia il numero di iniziative e progetti che promuovono l edilizia sostenibile a livello europeo, è evidente la carenza di un approccio comune e armonizzato alla valutazione degli edifici: questa considerazione ha dato vita a CESBA. I partner del progetto ViSiBLE hanno affrontato la sfida di promuovere e comunicare CESBA a scala più ampia. CESBA è l acronimo di Common European Sustainable Building Assessment (valutazione della sostenibilità degli edifici comune europea). L obiettivo di CESBA è facilitare la diffusione e l adozione dei principi dell ambiente costruito sostenibile da parte di tutti i portatori d interesse nel settore pubblico delle costruzioni, tramite l uso di sistemi di valutazione armonizzati sull intero arco del ciclo di vita dell ambiente costruito. Per mettere in pratica l approccio CESBA, l iniziativa propone strumenti e servizi appropriati a ogni tipo di attore. Data la sua natura di processo mirato a nuovi standard per gli edifici e i quartieri europei, CESBA è open source e segue un approccio di massa, fungendo da punto d incontro tra l approccio dall alto e le iniziative dal basso. RISULTATI DEL PROGETTO ViSiBLE - NOVEMBRE

13 Obiettivi e approccio del progetto Obiettivi Data l assenza di un approccio comune all edilizia sostenibile, l obiettivo principale di ViSiBLE è stato promuovere l armonizzazione e la standardizzazione di una prospettiva integrata verso gli edifici a energia quasi zero, prendendo in considerazione tutti gli ambiti della sostenibilità. ViSiBLE ha così voluto contribuire alla posizione di leader dello Spazio Alpino sul tema a livello europeo. Per ottenere questo obiettivo primario, i partner di ViSiBLE hanno: Identificato i bisogni transnazionali, analizzando i quadri legislativi istituzionali e le capacità dei paesi alpini di promuovere l edilizia sostenibile Mappato i risultati principali dei progetti europei nell ambito tematico dell economia a basse emissioni di CO2 ed efficienza energetica, concentrandosi sull edilizia sostenibile Disseminato i risultati principali dei progetti finanziati dall EU tramite svariati canali Promosso CESBA e sviluppato sinergie, contribuendo così allo sviluppo di politiche transnazionali L intento dei partner del progetto ViSiBLE è stato quello di ancorare per quanto possibile le migliori pratiche e processi ai quadri istituzionali regionali, nazionali ed europei; l iniziativa CESBA s è dimostrata essere il miglior mezzo per questo scopo. Il progetto ViSiBLE aveva come compito il contribuire a stabilire un iniziativa europea comune che proseguirà dopo la fine di ViSiBLE. Approccio L approccio del progetto ViSiBLE può essere visto come tre ingranaggi interconnessi (figura 1) Il modello degli ingranaggi chiarisce che ViSiBLE non è un progetto in cui si sviluppa una parte dopo l altra: i tre ingranaggi interagiscono tra loro e sono stati sempre presenti in ogni momento dell implementazione del progetto. Identificazione dei risultati Questo ingranaggio mette in atto i primi due obiettivi di ViSiBLE: l identificazione dei bisogni transnazionali e delle competenze istituzionali sul tema dell edilizia sostenibile, e il monitoraggio dei principali risultati dei progetti finanziati dall EU nell ambito dell economia a basse emissioni di CO2 ed efficienza energetica, con un focus sull edilizia sostenibile. Gli esiti di quest attività sono l analisi di 20 progetti finanziati dall EU, l analisi del quadro istituzionale per l edilizia sostenibile nello Spazio Alpino e l analisi dei programmi di finanziamento EU per l edilizia sostenibile. Disseminazione dei risultati Questo ingranaggio porta a compimento gli ultimi due obiettivi di ViSiBLE: la disseminazione dei risultati principali e lo sviluppo di sinergie, uniti al contributo allo sviluppo di politiche transazionali tramite la promozione di CESBA. La CESBA Wiki, il CESBA Toolkit e il ViSiBLE Resource Book contribuiscono alla disseminazione degli esiti dei progetti EU. Lo sviluppo delle politiche transnazionali è influenzato in modo significativo dal documento programmatico di CESBA, dall elaborazione delle raccomandazioni per il Programma dello Spazio Alpino e dagli eventi internazionali di alto profilo in cui CESBA è stata presentata. Attività di comunicazione a supporto La presenza costante delle attività di comunicazione è stato un fattore cruciale di ViSiBLE, data la sua natura di progetto di disseminazione. Sono stati utilizzati con successo diversi canali: la CESBA Wiki, la homepage di ViSiBLE e altri siti web, eventi (trans)nazionali, newsletter e comunicati stampa. L uso di CESBA Wiki come mezzo di comunicazione continuerà dopo ViSiBLE. Consolidamento di CESBA e diffusione degli esiti europei I primi due ingranaggi e le attività di comunicazione muovono l ultimo ingranaggio, il consolidamento di CESBA e la disseminazione degli esiti sulla sostenibilità dell ambiente costruito in Europa. L obiettivo a lungo termine di ViSiBLE di consolidare le migliori pratiche nelle regioni europee si compirà tramite la prosecuzione di CESBA. Figura 1: approccio del progetto ViSiBLE 12 RISULTATI DEL PROGETTO ViSiBLE - NOVEMBRE 2014

14 Partenariato di progetto Il consorzio del progetto ViSiBLE è composto da cinque partner da quattro diversi paesi europei. Regionalentwicklung Vorarlberg Il capoprogetto di ViSiBLE è un associazione di comuni e organizzazioni esperte dello stato austriaco del Vorarlberg. L associazione conduce progetti finanziati dall EU dal Regionalentwicklung Vorarlberg ha accumulato un esperienza approfondita come capoprogetto nei progetti dello Spazio Alpino mirati a un economia a basse emissioni tramite i progetti NENA, ENERBUILD, CABEE e ovviamente ViSiBLE. Rhônalpénergie-Environnement RAEE è l Agenzia per l Energia e l Ambiente del Rhône- Alpes. Fondata nel 1978 come organizzazione privata no profit, RAEE ha circa 75 membri, che comprendono il Consiglio Regionale, i Consigli Distrettuali, grandi città, comunità urbane, produttori e fornitori di energia, agenzie per il social housing, organizzazioni no profit, professionisti nel campo dell energia e dell ambiente, ecc. Hochschule Rosenheim Fondata nel 1925, l Università di Scienze Applicate Rosenheim è un istituzione di punta a livello europea nella formazione sulla tecnologia del legno, con un importante tradizione alle spalle. Con circa studenti, 25 corsi di studi contemporanei in 7 facoltà, 140 professori e circa 200 docenti e 175 dipendenti tra i 100 laboratori e l amministrazione, UAS Rosenheim è un istituto in costante crescita, che riesce però a mantenere la sua atmosfera familiare. Nel 2007 l università è stata affiancata dal Dipartimento di Ricerca e Sviluppo, in cui oltre 50 ricercatori associati lavorano su progetti di ricerca nazionali e transnazionali e su progetti industriali in 7 aree tematiche. Accademia Europea Bolzano Creata nel 1992 come centro di ricerca indipendente, EURAC ospita ricercatori da tutta Europa che collaborano su un ampio ventaglio di progetti interdisciplinari. In particolare, l Istituto per le Energie Rinnovabili si occupa di Sistemi Fotovoltaici e Solare Termico, Energia negli Edifici e Strategie e Pianificazione Energetica. EURAC collabora come partner e capoprogetto in svariati progetti finanziati dall EU per risolvere alcuni dei temi cruciali di oggi. Regione Piemonte L Unità di Programmazione e Implementazione degli Interventi di Social Housing fa parte della Direzione Programmazione Strategica, Politiche Territoriali e della Casa della Regione Piemonte. L unità si occupa dello sviluppo delle politiche regionali per la casa e, tramite la valutazione dei bisogni immobiliari, pianifica e implementa programmi di edilizia sociale e di recupero urbano, determinandone l assegnazione di risorse. L unità partecipa a progetti europei focalizzati sull edilizia sostenibile e l efficienza energetica del costruito, con particolare attenzione al trasferimento di conoscenze verso i portatori d interesse del settore delle costruzioni. Figura 2: consorzio di progetto ViSiBLE RISULTATI DEL PROGETTO ViSiBLE - NOVEMBRE

15 Analisi Analisi di 20 progetti finanziati dall EU L analisi di 20 progetti finanziati dall EU è stata la prima attività svolta dall ingranaggio relativo all identificazione dei risultati. In questa attività il progetto ViSiBLE ha raccolto e analizzato i progetti rilevanti nell ambito tematico dell economia a basse emissioni di CO2 ed efficienza energetica focalizzati sull edilizia sostenibile. L obiettivo dello studio era identificare e disseminare i successi principali e le debolezze da affrontare in progetti futuri. A questo scopo sono stati consultati i coordinatori e i partner di progetto essenziali tramite questionari e contatti telefonici. Figura 3: Progetti raccolti e analizzati dal progetto ViSiBLE Come si può vedere in figura 3, i progetti analizzati appartengono a diversi programmi europei di finanziamento: la gran parte dal Programma Spazio Alpino, ma sono presenti anche progetti del Programma Centro Europa, del Settimo Programma Quadro, dal Programma Europa nel Mediterraneo, da Intelligent Energy Europe e dal Programma INTERREG IVC. Alcuni di questi progetti si riferiscono esplicitamente agli argomenti di ViSiBLE, mentre altri si occupano di tematiche analoghe nell ambito della riduzione delle emissioni ma hanno prodotto risultati di potenziale interesse per gli scopi di ViSiBLE. Il sondaggio iniziale era composto di diverse sezioni, la principale focalizzata sull implementazione del progetto: in questa sono state poste domande relative agli obiettivi del progetto, ai risultati, al riconoscimento, la disseminazione e i possibili contributi all approccio CESBA. Da quest ultimo punto il sondaggio ha Figura 4: Risultati potenzialmente rilevanti per CESBA identificato 97 risultati potenzialmente rilevanti per CESBA (figura 4). 55 di questi risultati sono stati selezionati per l analisi e la disseminazione tramite il ViSiBLE Resource Book e la CESBA Wiki. L esito di questa analisi mostra che i progetti studiati costituiscono un chiaro esempio di innovazione tramite l implementazione di azioni pilota. L innovazione unita alla cooperazione transnazionale è stata identificata come punto di forza dei progetti. I progetti analizzati hanno compiuto sforzi significativi per disseminare i propri risultati mirati alla pubblica amministrazione. Essenzialmente la disseminazione si è svolta tramite conferenze, workshop, piattaforme di condivisione della conoscenza, casi studio e progetti pilota. L elaborazione di strategie di disseminazione era un attività principale nella maggior parte dei progetti, ma spesso la disseminazione è stata vista come un punto debole. Le azioni sugli edifici pubblici hanno fatto da riferimento per il settore privato: le più comuni, in particolare, le azioni riguardanti la valutazione e la certificazione della sostenibilità, l analisi degli appalti e la visualizzazione delle migliori pratiche. L armonizzazione di legislazione, strumenti, metodi e strategie tra i paesi europei è un azione affrontata di frequente, ma rimane una necessità essenziale da implementare tramite progetti futuri. Oltre alle pubbliche amministrazioni, le Piccole e Medie Imprese hanno giocato un ruolo importante nell ultimo programma per lo sviluppo dello Spazio Alpino. Erano perciò presenti svariate azioni per aumentarne la capacità d innovare, incoraggiarle al trasferimento di competenze e cooperazione sistemica, incrementarne la competitività stimolando così i mercati regionali. Per concludere, i successi ottenuti da alcuni progetti sono già visibili e tangibili (strumenti, piattaforme, sinergie tra progetti e visibilità delle migliori pratiche). D altro canto, altri sforzi svolti verso l armonizzazione, l innovazione, le azioni pilota e l aumento delle competenze delle PMI richiedono una valutazione a lungo termine per confermarne il successo in quest ultimo periodo di programmazione. 14 RISULTATI DEL PROGETTO ViSiBLE - NOVEMBRE 2014

16 Analisi del quadro istituzionale per gli edifici sostenibili nello Spazio Alpino Lo Spazio Alpino è un area che combina diversi paesi, ciascuno dei quali ha un suo quadro istituzionale, compresa la struttura del processo decisionale per edifici energeticamente efficienti e sostenibili anch essa variabile nei paesi della regione dello Spazio Alpino. Nella maggior parte dei casi, i progetti dello Spazio Alpino sono transnazionali e le differenze summenzionate sono spesso un problema: lavorare con dei partner provenienti da diversi approcci istituzionali e doversi adeguare per gli scopi del progetto può richiedere ricerche aggiuntive sulla struttura istituzionale e il quadro normativo. Queste analisi vengono condotte ex novo in quasi tutti i progetti, che vi dedicano tempo e lavoro che sarebbe stato altrimenti dedicato agli obiettivi specialistiche del progetto. Per semplificare la cooperazione transnazionale nei progetti future, uno dei compiti del progetto ViSiBLE era l analisi del quadro istituzionale per l edilizia sostenibile nei paesi dello Spazio Alpino, e l identificazione degli attori amministrativi chiave e il loro quadro istituzionale di riferimento.. Uno studio preliminare ha fornito le informazioni necessarie a svolgere questo compito tramite interviste alle istituzioni operanti nel campo dell efficienza energetica e dell edilizia sostenibile. Questo approccio è stato preferito allo studio di letteratura, in quanto la conduzione di un sondaggio tra operatori attivi è stata considerata un attività capace di fornire informazioni più aggiornate ed esperienze di prima mano. Il questionario è stato diviso in cinque categorie (Leggi e regole, Supporto alla pianificazione, Finanziamento, Certificazione di un edificio e Certificazione di materiali da costruzione cfr. figura 5). Queste categorie descrivono le fasi tipiche del processo costruttivo. Per identificare in Austria, Germania, Italia e Francia gli attori amministrativi e le loro competenze istituzionali i partecipanti hanno elencato tutte le istituzioni rilevanti rispetto agli edifici energeticamente efficienti e sostenibili nel loro paese. Queste istituzioni sono state poi categorizzate in modo appropriato. Il primo svolgimento del sondaggio ha evidenziato difficoltà nell allocare le istituzioni alle categorie: lo schema è pertanto stato aggiornato con una sottocategoria che associa le istituzioni a CESBA, legandole a 4 ambiti di competenza adattati dal ciclo CESBA. Questi quattro ambiti sono Pianificazione, Implementazione, Commissioning e Monitoraggio. La connessione al ciclo CESBA ha inoltre permesso di integrare più facilmente i risultati del sondaggio nella CESBA Wiki. Risultati Figura 5: Categorie del sondaggio L analisi dei quadri istituzionali di Austria, Germania, Italia e Francia mostra la presenza di una grande varietà di istituzioni pubbliche e private (dalle 16 a 19 per paese) che si occupano di efficienza energetica e sostenbiilità degli edifici. La figura riportata di seguito mostra le istituzioni di ciascun paese secondo le cinque categorie del sondaggio. Gli esiti nella categoria leggi e regole mostrano che in Austria, Italia e Germania è presente una linea guida di base per i requisiti minimi nel settore delle costruzioni, Figura 6: Distribuzione delle istituzioni di ciascun paese nelle cinque categorie del sondaggio RISULTATI DEL PROGETTO ViSiBLE - NOVEMBRE

17 costituita da leggi nazionali e regionali e regolamenti predisposti da istituzioni pubbliche, anche se in Italia è presente un ulteriore istituzione privata. In Francia questi regolamenti sono generalmente pubblici e a livello nazionale. Per quanto riguarda la categoria supporto alla pianificazione, il rapporto tra istituzioni pubbliche e private è molto più bilanciato. In Austria e Germania le istituzioni pubbliche sono a livello regionale, mentre le istituzioni pubbliche francesi e italiane sono principalmente nazionali. Inoltre, ogni paese ha istituzioni private, in gran parte nazionali. Dal punto di vista dei costi per il supporto, le istituzioni pubbliche francesi non richiedono compensazione, mentre in Austria, Germania e Italia la maggior parte degli enti fornisce gratuitamente le informazioni iniziali, per poi fissare costi per ulteriore supporto e certificazione. In questo settore è presente un ampio spettro di strumenti, dalle piattaforme informative fino a servizi di supporto personalizzato per la pianificazione di progetti edilizi. I finanziamenti nei paesi studiati sono distribuiti su base pubblica. I diversi stati implementano programmi speciali di finanziamento per la realizzazione di progetti sostenibili ed efficienti dal punto di vista energetico. Nell ambito della certificazione degli edifici, i requisiti minimi in Austria e Germania sono definiti per legge. La certificazione è svolta da esperti indipendenti o specifiche organizzazioni autorizzate a emettere certificati. Vi sono inoltre organizzazioni che offrono i propri sistemi di certificazione, sulla falsariga dei requisiti normativi. D altro canto, in Francia, la certificazione è condotta da istituzioni private autorizzate a certificare edifici a seconda della destinazione d uso. In Italia la certificazione è di competenza regionale: gli edifici sono valutati secondo sette classi definite dagli Enti Regionali di Certificazione Energetica degli Edifici, con requisiti variabili a seconda della regione. La certificazione dei materiali da costruzione è l unico processo che viene gestito a livello nazionale in tutti I paesi studiati. In alcuni casi l esito è accettato a livello internazionale. Mentre in Austria e in Italia la certificazione dei materiali da costruzione è svolta soprattutto da istituzioni ed enti pubblici, in Francia e Germania è principalmente di competenza privata. CESBA Considerando uno degli obiettivi del progetto ViSiBLE, la conservazione e l accessibilità per il pubblico delle informazioni, risulta appropriato studiare il quadro istituzionale da una prospettiva diversa attraverso il ciclo di vita CESBA. Per semplificare la distribuzione delle istituzioni, le sette fasi del ciclo CESBA sono state ricomprese in 4 ambiti di riferimento: Pianificazione, Implementazione, Commissioning e Monitoraggio. In questo caso, la pianificazione include l intera fase di preparazione e sviluppo di un progetto edilizio, combinando Scopo & Obiettivo, Gara d Appalto e Progettazione. L implementazione unisce Fornitura e Costruzione. La figura sottostante illustra il numero di istituzioni per paese per ciascuno degli ambiti elencati, mostrando come la maggior parte delle istituzioni identificate si occupino delle fasi di pianificazione ed implementazione del processo edilizio. Figura 7: istituzioni assegnate alle fasi del Ciclo di Vita CESBA 16 RISULTATI DEL PROGETTO ViSiBLE - NOVEMBRE 2014

18 Analisi dei programmi EU di finanziamento per l edilizia sostenibile Lo scopo dell analisi è stato identificare i programmi EU più appropriati per la creazione di sinergie e potenziali cooperazioni future nella regione alpina. Nell ambito di questo compito ci si è concentrati sui programmi relativi agli nzeb (Edifici a Energia quasi Zero) nello Spazio Alpino e in altri paesi europei. Quanto segue è un breve sunto dei contenuti principali del report finale, a cui si rimanda per informazioni più approfondite (disponibile in inglese su CESBA Wiki). Il programma quadro Horizon programmi di lavoro pertinenti Figura 8: Horizon Call relative agli nzebs Horizon 2020 è il nuovo programma quadro EU per la ricerca e l innovazione, che erogherà quasi 80 miliardi di euro nell arco di 7 anni. Tramite l incrocio tra ricerca e innovazione, Horizon 2020 vuole valorizzare la scienza d eccellenza, rafforzare la leadership industriale e affrontare le sfide sociali. L obiettivo è garantire all Europa una produzione scientifica di assoluto livello, rimuovendo gli ostacoli all innovazione facilitando la cooperazione tra settore pubblico e privato. Il programma quadro Horizon 2020 consiste di 16 diversi programmi di lavoro, tre dei quali sono connessi alla tematica dell efficienza energetica degli edifici. Leadership nelle tecnologie abilitanti e industriali Call: Edifici Energeticamente Efficienti (EeB) Il programma di lavoro Leadership nelle tecnologie abilitanti e industriali (LEIT) include le parti di Horizon 2020 relative alle nuove opportunità per la leadership industriale nelle Tecnologie Abilitanti Chiave (KETs), Tecnologie dell Informazione e Comunicazione (ICT) e spazio. L attenzione a tecnologie nuove e innovative porterà questo programma a dare slancio alla competitività, creando nuovi posti di lavoro e stabilizzando la crescita. Energia sicura, pulita ed efficiente Call: Efficienza Energetica, A Edifici e consumatori Le attività comprese nel programma di lavoro Energia sicura, pulita ed efficiente si concentrano sulle tre aree Efficienza Energetica, Energia Competitiva a Basse Emissioni e Città e Comunità Intelligenti. Queste attività coprono l intero ciclo dell innovazione, dallo sviluppo dell idea alla ricerca applicata, fino alle dimostrazioni pilota e le misure di trasferimento al mercato. Si avvalgono inoltre di sinergie con altre aree quali le tecnologie per l informazione e la comunicazione. La sfida energetica contribuisce inoltre all ambito della Crescita Blu, ai Partenariati Pubblici-Privati per gli Edifici Energeticamente Efficienti e i Processi Industriali Sostenibili (SPIRE). Questo programma di lavoro promuove le sinergie tra Horizon 2020 e altri finanziamenti dell Unione, quali I Fondi Strutturali d Investimento Europei (ESIF), ampliando la portata e l impatto di entrambi sull eccellenza scientifica e lo sviluppo socio-economico del territorio. Azione per il clima, efficienza delle risorse e materie prime Call: Coltivare un Economia a Basse Emissioni Efficiente nell Uso delle Risorse con un Offerta Sostenibile di Materie Prime Le attività del programma di lavoro Azione per il Clima, Efficienza delle Risorse e Materie Prime contribuiranno all aumento della competitività europea, stabilizzando l approvvigionamento e migliorando la qualità della vita. Allo stesso tempo contribuiranno alla conservazione, la resilienza e la sostenibilità dell ambiente, con l obiettivo di mantenere il riscaldamento globale medio al di sotto dei 2 C permettendo agli ecosistemi e alla società di adattarsi ai mutamenti ambientali e climatici. Programmi macroregionali dell Unione Europea All interno dell Area di Ricerca Europea (ERA) si trovano svariati programmi, attività e strategie. Tra queste l Unione Europea ha sviluppato strategie macroregionali, mirate al coordinamento delle azioni transnazionali intraprese dai partecipanti evitando la creazione di nuove strutture, quadri normativi o programmi di finanziamento. Tramite un controllo efficiente, è possibile utilizzare appieno una serie di strumenti, inclusi i programmi sinergici quali ESIF (Fondo Strutturale e d Investimento Europeo), INTERREG, ENPI (Strumento di Partenariato e Vicinato Europeo). Ad oggi l Unione ha predisposto solo due Strategie macroregionali Europee ufficiali (la Strategia dell Unione Europea per la Regione del Danubio e la RISULTATI DEL PROGETTO ViSiBLE - NOVEMBRE

19 Strategia dell Unione Europea per la Regione del Mar Baltico), ma sono presenti altre grandi macroregioni nel territorio europeo: l area mediterranea, lo Spazio Alpino, la regione dell Adriatico-Ionio, la regione del Mare del Nord e molte altre. Sono solitamente caratterizzate dalla presenza di elementi territoriali quali mari, fiumi, catene montuose. Le macrostrategie attuali e future dell EU sono: EUSBSR Strategia EU Strategy per la Regione del Mar Baltico, Strategia DANUBE REGION (Danubio), Sintesi dei programmi macroregionali Sintesi dei programmi macroregionali Rilevanza Sintesi dei programmi macroregionali Commenti Sì No Forse EUSBSR Strategia EU Strategy Per la Regione Bozza distribuita a settembre X del Mar Baltico Attualmente non son previste call. Strategia DANUBE REGION X Programmazione in corso. Europa Centrale X Progetto Efficienza Energetica in cerca di partner Sud Est Europa X Programmazione in corso. Alpenrhein Bodensee Hochrhein X Programmazione in corso. Austria Repubblica Ceca X Prime call all inizio del Austria Germania (Baviera) X Non presenti le date per la pubblicazione delle prime call. Austria Ungheria X Programmazione in corso. Grecia Bulgaria X Programmazione in corso. Repubblica Ceca Polonia O Informazioni non disponibili in tedesco/inglese. Repubblica Ceca Germania (Sassonia) X Programmazione in corso. Germania (Baviera) Repubblica Ceca X Programmazione in corso. Ungheria Romania X Programmazione in corso. Ungheria Slovacchia O Informazioni non disponibili in tedesco/inglese. Italia Austria X Programmazione in corso. Italia Slovenia X Obiettivi Romania Bulgaria X Programmazione in corso. Slovacchia Repubblica Ceca O Informazioni non disponibili in tedesco/inglese. Slovacchia Austria X Programmazione in corso. Slovacchia Polonia O Informazioni non disponibili in tedesco/inglese. Slovenia Austria X Programmazione in corso. Slovenia Ungheria X Obiettivi INTERREG IVC X Prime call a metà febbraio URBACT II X Prime call a febbraio Programma EPSON X Programmazione in corso. Bulgaria Serbia X Programmazione in corso. Bulgaria Turchia X Programmazione in corso. Bulgaria Ex Repubblica Jugoslava di Macedonia X Programmazione in corso. Ungheria Croazia X Programmazione in corso. Ungheria Serbia X Programmazione in corso. IPA Adriatico O Informazioni non disponibili in tedesco/inglese. Romania Serbia X Programmazione in corso. Slovenia Croazia O Informazioni non disponibili in tedesco/inglese. Bosnia ed Erzegovina Montenegro Croazia Bosnia ed Erzegovina Croazia Montenegro Croazia Serbia Serbia Bosnia ed Erzegovina Serbia Montenegro Tabella 1: Sintesi dei programmi macroregionali ViSiBLE - Risultati del Progetto Novembre 2014, Pagina 12 Programmi non analizzati. Bacino del Mar Nero X Obiettivi Romania Ungheria Slovacchia Ucraina X Obiettivi Romania Moldavia Ucraina X Obiettivi Strategia EU per la Regione Adriatico-Ionio, Strategia EU per la Regione Alpina. La tabella seguente sintetizza gli esiti più rilevanti dello studio, fornendo un utile sguardo d insieme. I programmi sono caratterizzati come rilevanti, non rilevanti e potenzialmente rilevanti: questi ultimi sono i programmi per i quali non erano disponibili informazioni (segnati con un cerchio) o dalla descrizione tanto generica da non permettere una caratterizzazione univoca. Nella maggior parte dei casi è attualmente in corso lo sviluppo dei programmi per il periodo , con la pubblicazione delle prime call all inizio del Regione Adriatica e Ionia X Prime call nella prima metà del Spazio Alpino X Prime call all inizio del Tabella 1: Sintesi dei programmi macroregionali 18 RISULTATI DEL PROGETTO ViSiBLE - NOVEMBRE 2014

20 Disseminazione CESBA Wiki La CESBA Wiki (www.cesba.eu) è la piattaforma transnazionale d incontro per l iniziativa CESBA e raccoglie conoscenze a livello europeo sulla valutazione pubblica della sostenibilità degli edifici e dei quartieri. CESBA Wiki è un risultato congiunto dei progetti CABEE, ViSiBLE (entrambi Programma Spazio Alpino) e CEC5 (Programma Europa Centrale). Tramite ViSiBLE, la Wiki nascente è stata dotata nel corso di un solo anno di contenuti rilevanti tratti da altri progetti EU. L obiettivo di CESBA Wiki è permettere alla pubblica amministrazione e ai partner dei progetti EU di scambiare conoscenze e migliori pratiche, imparando gli uni dagli altri promuovendo così l edilizia sostenibile in Europa. Ma perché la piattaforma al cuore di CESBA è una Wiki e non un normale sito? La ragione si trova nella coerenza dell approccio Wiki con quello CESBA: sia CESBA che la CESBA Wiki sono open source e seguono un approccio dal basso. La cooperazione sugli articoli di CESBA Wiki permette di svilupparli e migliorarli costantemente, mentre l uso di portali, categorie e ricerca nell intero testo rende facile scoprire informazioni su CESBA, trovare i progetti EU e i loro esiti e identificare organizzazioni per future collaborazioni di progetto. I contenuti di CESBA Wiki sono: CESBA Wiki oggi contiene 321 articoli, creati e aggiornati da 28 autori. I contributi a CESBA Wiki arrivano da 7 diversi paesi europei, con 6612 visite registrate da gennaio Nessuno di questi risultati sarebbe stato possibile senza il contributo di ViSiBLE. Tabella 2: CESBA Wiki in numeri (aggiornati al ) Fonte: dati Google, CESBA Wiki Ma lo sviluppo di CESBA Wiki non si ferma qui: sono necessari ulteriori sforzi per migliorarla, per coinvolgere più autori e utenti da più paesi europei, e per mantenerla costantemente aggiornata. CESBA Wiki è una piattaforma innovativa e di grandi potenzialità, che merita di essere sviluppata ben oltre la fine del progetto ViSiBLE. Tutti sono invitati a usufruire di CESBA Wiki e a contribuirne allo sviluppo. Partecipa a CESBA Wiki! CESBA Wiki è partita come contenitore vuoto nella primavera del L attività di sviluppo organico è iniziata nell autunno 2013, con il lancio di ViSiBLE: in seguito all impostazione di una struttura adeguata tramite portali e categorie e la creazione di una pagina principale d impatto, CESBA Wiki è stata popolata di contenuti, seguendo i formati predefiniti per facilitarne la creazione. I collaboratori di CESBA Wiki possono contare su pagine d aiuto e un manuale d uso, e durante il 2 CESBA SPRINT Workshop a Torino hanno seguito sessioni formative dedicate. Un test condotto nella primavera 2014 ha portato a un significativo miglioramento dell aspetto e l usabilità di CESBA Wiki, il cui successo è dimostrato dai numeri in tabella. RISULTATI DEL PROGETTO ViSiBLE - NOVEMBRE

I PRINCIPI DEL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI VALUTAZIONE EUROPEI

I PRINCIPI DEL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI VALUTAZIONE EUROPEI I PRINCIPI DEL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI VALUTAZIONE EUROPEI ANDREA MORO VICE PRESIDENTE CESBA www.cesba.eu Più di 60 sistemi impiegati in Europa 2010 2005 NATURE 2000 1990 1995 www.cesba.eu

Dettagli

Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013

Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013 Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013 La Piattaforma europea dedicata ai professionisti dell edilizia sostenibile Iscriviti ed entra a far parte del nostro network www.construction21.eu Unioncamere del Veneto

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Il Programma MED 2014-2020

Il Programma MED 2014-2020 Il Programma MED 2014-2020 Obiettivo generale Promuovere una crescita sostenibile nel bacino mediterraneo favorendo pratiche innovative e un utilizzo ragionevole delle risorse (energia, acqua, risorse

Dettagli

Esperienze e prospettive di cooperazione territoriale nell arco alpino

Esperienze e prospettive di cooperazione territoriale nell arco alpino Esperienze e prospettive di cooperazione territoriale nell arco alpino UDINE ITALY 15 Settembre 2015 La Strategia Macroregionale Alpina (EUSALP) Roberta Negriolli REGIONE LOMBARDIA Delegazione di Bruxelles

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space Programme 2014-2020

PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space Programme 2014-2020 PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space Programme 2014-2020 La presente scheda ha lo scopo di illustrare sinteticamente i contenuti del Programma di Cooperazione per il periodo 2014-2020, approvato dalla

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 1. Istituzione del gruppo di lavoro Decisione della Conferenza delle Alpi in merito all istituzione del Gruppo di

Dettagli

Tavolo di partenariato dei programmi CTE 2014-2020

Tavolo di partenariato dei programmi CTE 2014-2020 Tavolo di partenariato dei programmi CTE 2014-2020 Primo incontro dedicato ai programmi Cooperazione transfrontaliera Italia - Austria Cooperazione transnazionale Spazio Alpino Cooperazione transnazionale

Dettagli

Il mondo produttivo e la Green Economy

Il mondo produttivo e la Green Economy Bologna Venerdì, 22 ottobre 2010 Verso un nuovo PER: linee di indirizzo per un Piano partecipato Il mondo produttivo e la Green Economy LA POLITICA ENERGETICA EUROPEA, LE GREEN TECHNOLOGIES, IL PIANO ANTICRISI

Dettagli

Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020. Documento in aggiornamento

Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020. Documento in aggiornamento Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Documento in aggiornamento PROGRAMMA ALPINE SPACE Autorità di Gestione: Land Sazburg(A)

Dettagli

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Tiziana Dell Olmo, Regione Piemonte PROGRAMMAZIONE 2014-2020 IN PIEMONTE Programmi regionali

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico

Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico La Provincia di Lucca esercita le competenze in materia energetica assegnatele dalla normativa nazionale e regionale in materia sia nel

Dettagli

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale Risultati della programmazione 2007-2013 in Piemonte

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale Risultati della programmazione 2007-2013 in Piemonte COOPERAZIONE TERRITORIALE EUROPEA I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale Risultati della programmazione 2007-2013 in Piemonte Tiziana Dell Olmo, Regione Piemonte Torino, 19 gennaio

Dettagli

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Le diverse tipologie

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

Presentazione del Progetto MountEE Il servizio di consulenza ai Comuni montani offerto dal progetto MountEE - progetti pilota

Presentazione del Progetto MountEE Il servizio di consulenza ai Comuni montani offerto dal progetto MountEE - progetti pilota Presentazione del Progetto MountEE Il servizio di consulenza ai Comuni montani offerto dal progetto MountEE - progetti pilota Arch. Lorenzo Verbanaz Componente del Gruppo di Lavoro regionale Progetto MountEE

Dettagli

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE I SERVIZI DI ACCOMPAGNAMENTO ALLE IMPRESE PER LA PARTECIPAZIONE AI BANDI Ludovico Monforte EURODESK Brussels

Dettagli

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI?

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Il piano di investimenti per l Europa consisterà in un pacchetto di misure volte a sbloccare almeno 315 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati

Dettagli

LA COOPERAZIONE TRA ITALIA E AUSTRIA Il Programma INTERREG V IT-AT 2014-20. Verso la Strategia dell UE per la Regione Alpina

LA COOPERAZIONE TRA ITALIA E AUSTRIA Il Programma INTERREG V IT-AT 2014-20. Verso la Strategia dell UE per la Regione Alpina LA COOPERAZIONE TRA ITALIA E AUSTRIA Il Programma INTERREG V IT-AT 2014-20 Verso la Strategia dell UE per la Regione Alpina Elisabetta Reja Il Programma Presidenza di cooperazione della Regione transfrontaliera

Dettagli

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini)

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market I LM sono una delle iniziative più importanti per la politica d innovazione e per la competitività dell Unione

Dettagli

THE ISSUE/NEREUS Pubblicazione congiunta

THE ISSUE/NEREUS Pubblicazione congiunta THE ISSUE/NEREUS Pubblicazione congiunta Richiesta contributi Le regioni partner di THE ISSUE Progetto FP7 e Nereus - Rete delle regioni europee utilizzatrici di Tecnologie Spaziali - richiedono contributi

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

Interreg MED 2014-2020

Interreg MED 2014-2020 Interreg MED 2014-2020 http://interreg-med.eu/en/first-call-for-project-proposals/ Lo scorso 23 giugno a Marsiglia si è aperto ufficialmente il programma di cooperazione transnazionale Interreg MED. Queste

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO SULLE MIGLIORI PRATICHE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLE RETI DI TELERISCALDAMENTO GEOTERMICO

CORSO DI AGGIORNAMENTO SULLE MIGLIORI PRATICHE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLE RETI DI TELERISCALDAMENTO GEOTERMICO 25-26 GIUGNO 2014 Dipartimento di Scienze della Terra - Università di Pisa Via S. Maria 53, Pisa CORSO DI AGGIORNAMENTO SULLE MIGLIORI PRATICHE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLE RETI DI TELERISCALDAMENTO

Dettagli

Info Day Horizon SC5 LIFE. Ministero dell ambiente della tutela del territorio e del mare/sogesid Direzione per lo sviluppo sostenibile

Info Day Horizon SC5 LIFE. Ministero dell ambiente della tutela del territorio e del mare/sogesid Direzione per lo sviluppo sostenibile Info Day Horizon SC5 LIFE Ministero dell ambiente della tutela del territorio e del mare/sogesid Direzione per lo sviluppo sostenibile Stefania Betti National Contact Point LIFE Complementarietà I regolamenti

Dettagli

Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie, risorse e strumenti per la pianificazione finanziaria integrata degli interventi

Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie, risorse e strumenti per la pianificazione finanziaria integrata degli interventi Empowerment delle Pubbliche Amministrazioni nella gestione e nell utilizzo di Strumenti innovativi e di ingegneria finanziaria per lo sviluppo economico locale Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie,

Dettagli

Ufficio IV. CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012. Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Ufficio IV. CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012. Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Capo del Dipartimento per l Istruzione SEDE Ai Direttori Generali

Dettagli

OLTRE L INFRASTRUTTURA PER UNA NUOVA CULTURA DELLA MOBILITÀ

OLTRE L INFRASTRUTTURA PER UNA NUOVA CULTURA DELLA MOBILITÀ CONVEGNO VENERDÌ 20 FEBBRAIO 2015 OLTRE L INFRASTRUTTURA PER UNA NUOVA CULTURA DELLA MOBILITÀ e 10 ma edizione dello SWOMM Scientific Workshop on Mountain Mobility and Transport in collaborazione con Ministero

Dettagli

Il programma Europa Creativa. Perché Europa Creativa? Obiettivi generali. Obiettivi specifici

Il programma Europa Creativa. Perché Europa Creativa? Obiettivi generali. Obiettivi specifici EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura Invito a presentare proposte EAC/S16/2013 Progetti di cooperazione europea Scadenza: 5 marzo 2014 Scadenza presentazione all URI 21 febbraio 2014 Il programma

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

Aspetti economici e strutturali del sistema produttivo veneto in relazione agli assi di trasporto europei

Aspetti economici e strutturali del sistema produttivo veneto in relazione agli assi di trasporto europei Il nuovo Piano nazionale della logistica 2011-2020: effetti sul territorio veneto Aspetti economici e strutturali del sistema produttivo veneto in relazione agli assi di trasporto europei Gian Angelo Bellati

Dettagli

Standard di qualità nell attuazione degli interventi raccomandati dal certificato energetico

Standard di qualità nell attuazione degli interventi raccomandati dal certificato energetico WORKSHOP RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Standard di qualità nell attuazione degli interventi raccomandati dal certificato energetico 15 dicembre 2010 ENEA, Sala Conferenze Via Giulio Romano

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Finanziamenti dell Unione europea: fonti di informazione on-line

Finanziamenti dell Unione europea: fonti di informazione on-line Finanziamenti dell Unione europea: fonti di informazione on-line Principali Fonti UE di aggiornamento Eur-Lex Legislazione in vigore e in preparazione a cura dell Ufficio delle pubblicazioni ufficiali

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

La nuova logica di realizzazione dei progetti. Fabio Girotto Regione Lombardia

La nuova logica di realizzazione dei progetti. Fabio Girotto Regione Lombardia La nuova logica di realizzazione dei progetti Fabio Girotto Regione Lombardia LE SCELTE STRATEGICHE DEL NUOVO PROGRAMMA Obiettivo Tematico 1 Priorità d investimento 1b (rapporti tra imprese e mondo della

Dettagli

Rete di regioni europee per un turismo sostenibile e competitivo

Rete di regioni europee per un turismo sostenibile e competitivo Rete di regioni europee per un turismo sostenibile e competitivo Nota per il convegno Palaunania Fondo 23 luglio 2010 1/ Introduzione e contesto Posizione della Commissione europea Nel marzo 2006, la

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

Comenius Regio perché? Le opportunità di un partenariato europeo legato al territorio per il miglioramento delle politiche educative

Comenius Regio perché? Le opportunità di un partenariato europeo legato al territorio per il miglioramento delle politiche educative Comenius Regio perché? Le opportunità di un partenariato europeo legato al territorio per il miglioramento delle politiche educative Elena Bettini Seminario di informazione sulla gestione dei partenariati

Dettagli

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Servizi di connessione Prodotti a supporto del business Per sfruttare al meglio una rete di ricarica per veicoli

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

IL PROGETTO STRATEGICO ALTERENERGY

IL PROGETTO STRATEGICO ALTERENERGY CBC IPA ADRIATICO 2007 2013 IL PROGETTO STRATEGICO ALTERENERGY ALTERENERGY (Energy Sustainability for Adriatic Small Communities) è la nuova sfida per la sostenibilità ambientale che punta a favorire la

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

REGIONE ABRUZZO/ARAEN

REGIONE ABRUZZO/ARAEN / Dott. Ing. Alessandra Santini SEE Sustainable Energy Europe CAMPAGNA ENERGIA SOSTENIBILE PER L EUROPA Energia sostenibile per l'europa è un'iniziativa della Commissione europea varata nel quadro del

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

Women In Development UN MODELLO EUROPEO PER LO SVILUPPO LOCALE GENDER ORIENTED PIANO DI COMUNICAZIONE

Women In Development UN MODELLO EUROPEO PER LO SVILUPPO LOCALE GENDER ORIENTED PIANO DI COMUNICAZIONE Women In Development UN MODELLO EUROPEO PER LO SVILUPPO LOCALE GENDER ORIENTED PIANO DI COMUNICAZIONE Introduzione Il progetto W.In D. (Women In Development) si inserisce nelle attività previste e finanziate

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra Il Comune di Perugia, con sede in Corso Vannucci N. 19 - PERUGIA P.IVA 00218180545 e C.F.00163570542, rappresentato dal Sindaco Wladimiro Boccali, domiciliato per le proprie funzioni

Dettagli

CAPITOLO I: SCOPI E PRINCIPI

CAPITOLO I: SCOPI E PRINCIPI STATUTO RURENER Principi, diritti e doveri dei membri RURENER Disclaimer La responsabilità esclusiva del contenuto di questa pubblicazione è degli autori. Non riflette necessariamente l opinione delle

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Introduzione. Cos è EPIQR? A chi si rivolge EPIQR?

Introduzione. Cos è EPIQR? A chi si rivolge EPIQR? La Comunità Europea presenta EPIQR. Questo software nasce per ripensare e migliorare la gestione degli immobili, sensibilizzando in particolare sugli aspetti energetici e di qualità dell ambiente interno

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA IN FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI): SMALL BUSINESS ACT

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA IN FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI): SMALL BUSINESS ACT LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA IN FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI): SMALL BUSINESS ACT Che cosa è lo Small Business Act? Tenuto conto del contesto globale, caratterizzato da continui mutamenti

Dettagli

La Certificazione di sostenibilità ambientale degli edifici: il Protocollo ITACA e il marchio di qualità ESIT

La Certificazione di sostenibilità ambientale degli edifici: il Protocollo ITACA e il marchio di qualità ESIT 24 GIUGNO 2011, Roma, Città dell Altra Economia - Sala Renato Biagetti La Certificazione di sostenibilità ambientale degli edifici: il Protocollo ITACA e il marchio di qualità ESIT Con il Patrocinio del

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

P.A. in tema di rinnovabili. Franco Colombo Presidente CONFAPI Varese

P.A. in tema di rinnovabili. Franco Colombo Presidente CONFAPI Varese Sinergie i tra aziende private e P.A. in tema di rinnovabili Franco Colombo Presidente CONFAPI Varese La sfida industriale dell energia rinnovabile Tecnologie a basso impatto ambientale ancora poco competitive

Dettagli

MAYORS ADAPT. Promuovere la leadership locale nell adattamento ai cambiamenti climatici

MAYORS ADAPT. Promuovere la leadership locale nell adattamento ai cambiamenti climatici MAYORS ADAPT Promuovere la leadership locale nell adattamento ai cambiamenti climatici Webinar, Pratiche di sostenibilità, 30 Aprile 2014 Karl-Ludwig Schibel, Alleanza per il Clima Italia Indice presentazione

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

Struttura del corso e profilo dei docenti

Struttura del corso e profilo dei docenti Novara 15, 16, 22, 23, 29 maggio 2015 Struttura del corso e profilo dei docenti 1 Gli obiettivi del corso Il si pone l obiettivo di aumentare la capacità professionale a livello territoriale di generare

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

Verso una qualità energetica certificata: L esperienza di SACERT

Verso una qualità energetica certificata: L esperienza di SACERT Verso una qualità energetica certificata: L esperienza di SACERT Dott. Ing. Paolo Cocchi Coordinatore Regione Emilia Romagna per SACERT Ferrara, 27/09/2007 contatto: 349 / 18 68 488 PROBLEMATICHE ENERGETICHE

Dettagli

Lecce, Castello Carlo V 19 gennaio 2016. soges@sogesnetwork.eu www.sogesnetwork.eu

Lecce, Castello Carlo V 19 gennaio 2016. soges@sogesnetwork.eu www.sogesnetwork.eu Lecce, Castello Carlo V 19 gennaio 2016 Politica di coesione 2014-2020 Gli obiettivi di Europa 2020 Crescita intelligente, sostenibile e inclusiva Crescita e occupazione Cambiamenti climatici e sostenibilità

Dettagli

LA SARDEGNA NELL EUROPA 2020

LA SARDEGNA NELL EUROPA 2020 LA SARDEGNA NELL EUROPA 2020 VERSO UN NUOVO MODELLO DI GOVERNANCE Enti Locali e politiche di coesione Smart City Comuni in classe A La Regione Sardegna accompagna i Comuni verso la sostenibilità ambientale,

Dettagli

Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio

Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio Fondi strutturali 2014-2020 Guida pratica Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio State progettando i Programmi Operativi che plasmeranno

Dettagli

Tavola rotonda. 3. Governance e strumenti del Piano innovazione e ricerca. Dr. Francesco Bongiovanni. Roma 10 luglio 2014

Tavola rotonda. 3. Governance e strumenti del Piano innovazione e ricerca. Dr. Francesco Bongiovanni. Roma 10 luglio 2014 Tavola rotonda 3. Governance e strumenti del Piano innovazione e ricerca Roma 10 luglio 2014 Dr. Francesco Bongiovanni Cosa intendiamo con il termine governance? L insieme di azioni che consentono la realizzazione

Dettagli

I Finanziamenti dell Unione Europea nella Programmazione 2014-20: HORIZON 2020 e COSME. Programma Operativo Regione Piemonte FESR (POR FESR)

I Finanziamenti dell Unione Europea nella Programmazione 2014-20: HORIZON 2020 e COSME. Programma Operativo Regione Piemonte FESR (POR FESR) I Finanziamenti dell Unione Europea nella Programmazione 2014-20: HORIZON 2020 e COSME Programma Operativo Regione Piemonte FESR (POR FESR) Torino, 20 novembre 2014 Europa 2020 Europa 2020 è un documento

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Architettura Pianificazione Design

Architettura Pianificazione Design POLITECNICO DI TORINO 31 gennaio - 1 febbraio 2014 Castello del Valentino, Viale Mattioli 39, Torino ingresso libero Architettura Pianificazione Design Per riferimenti: tel. 011 090 6254 orienta@polito.it

Dettagli

LA STRATEGIA OBIETTIVI GENERALI

LA STRATEGIA OBIETTIVI GENERALI LA STRATEGIA La comunicazione di CONCORD ITALIA è finalizzata a sensibilizzare la cittadinanza sulle attività, l impatto e la sostenibilità delle nostre azioni nell ambito degli interventi realizzati dai

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

4 Implenia Development SA. 6 Implenia Impresa Generale SA. 10 Reuss Engineering SA. 12 Sostenibilità

4 Implenia Development SA. 6 Implenia Impresa Generale SA. 10 Reuss Engineering SA. 12 Sostenibilità Implenia Real Estate In qualità di fornitore globale di servizi, vi affianchiamo durante l intero ciclo di vita del vostro bene immobiliare. Con costanza e vicinanza al cliente. 2 4 Implenia Development

Dettagli

Innovations for a MAde Green IN Europe

Innovations for a MAde Green IN Europe PROGETTO IMAGINE Innovations for a MAde Green IN Europe SOGGETTO FINANZIATORE: Unione Europea Linea di finanziamento bandi CIP - EcoInnovation BENEFICIARIO: ASEV - AGENZIA PER LO SVILUPPO EMPOLESE VALDELSA

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC

PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC Finalità: Obiettivo generale Migliorare, attraverso la cooperazione interregionale l efficacia dello sviluppo di politiche regionali nelle aree innovative, l economia della

Dettagli

QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE Step 1 - Decidere come organizzare e pianificare l autovalutazione (AV) 1.1. Assicurare l impegno e il governo del management per avviare il processo. 1.2. Assicurare

Dettagli

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte La Agenda Seoul, obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte è uno dei maggiori

Dettagli

Fare di più con meno Iniziativa nell ambito della Strategia di Lisbona. Direzione generale Energia e trasporti 1

Fare di più con meno Iniziativa nell ambito della Strategia di Lisbona. Direzione generale Energia e trasporti 1 Libro verde sull efficienza energetica Fare di più con meno Iniziativa nell ambito della Strategia di Lisbona Direzione generale Energia e trasporti 1 Il precedente: Il Libro verde sulla sicurezza dell

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO SPAZIO ALPINO 2007-2013

PROGRAMMA OPERATIVO SPAZIO ALPINO 2007-2013 PROGRAMMA OPERATIVO SPAZIO ALPINO 2007-2013 Finalità: Obiettivo generale Accrescere la competitività e l attrattività dell area di cooperazione sviluppando azioni comuni in tutti i campi che richiedono

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme

This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme Obiettivi dell incontro Il percorso Cosa è stato fatto Opportunità di visibilità

Dettagli

Deliverable 5.10 Comunication & Exploitation Plan Piano di comunicazione dei cluster

Deliverable 5.10 Comunication & Exploitation Plan Piano di comunicazione dei cluster Deliverable 5.10 Comunication & Exploitation Plan Piano di comunicazione dei cluster Introduzione La comunicazione nei progetti finanziati dalla Commissione europea svolge sempre un ruolo rilevante in

Dettagli

Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto

Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto Elena Giusta 1 Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto La politica di comunicazione dell Unione Europea La comunicazione dei fondi strutturali Il piano di comunicazione di progetto

Dettagli

D. E. O. R. DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS. Disseminazione e valorizzazione dei risultati

D. E. O. R. DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS. Disseminazione e valorizzazione dei risultati D. E. O. R. DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS Disseminazione e valorizzazione dei risultati La Diffusione e Valorizzazione dei risultati si riferisce all utilizzo e all applicazione pratica dei

Dettagli

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Logo azienda/università I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale

Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale Prot.n.10383 Bari,06.10.2014 Ai dirigenti scolastici della Puglia Ai coordinatori delle scuole paritarie della Puglia Ai docenti di ogni ordine e grado Al personale ATA Ai genitori dei Consigli di Istituto

Dettagli

This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme

This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme Possibilità di finanziamento per le imprese LIFE+ Programma Cip: EIE ICT PSP ENPI

Dettagli