QUINTA sez. C S.I.A indirizzo TECNICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "QUINTA sez. C S.I.A indirizzo TECNICO"

Transcript

1 ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE G. LUZZATTO Sezione Tecnica "G.Luzzatto" - Sezione Professionale "L. Einaudi" Via Galilei, Portogruaro (VE) tel /71202 fax C.F.: CORSI PER RAGIONIERI TECNICI AZIENDALI TECNICI TURISTICI OPERATORI SERVIZI SOCIALI - SERALI ECDL - EBCL DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE QUINTA sez. C S.I.A indirizzo TECNICO ANNO SCOLASTICO 2014/15

2 PROFILO PROFESSIONALE FINALITÀ Il ragioniere esperto in problemi di economia aziendale, oltre a possedere una consistente cultura generale accompagnata da buone capacità linguistico - interpretative avrà conoscenze ampie e sistematiche dei processi che caratterizzano la gestione aziendale sotto il profilo economico, giuridico, organizzativo, contabile, fiscale e informatico. In particolare dovrà essere capace di inserirsi in contesti aziendali diversi, tutti caratterizzati dalla presenza di fenomeni complessi e da frequenti mutamenti tecnologici ed organizzativi. Nell articolazione Sistemi informativi aziendali, il profilo si caratterizza per il riferimento sia all ambito della gestione del sistema informativo aziendale sia alla valutazione, alla scelta e all adattamento di software applicativi. Tali attività sono tese a migliorare l efficienza aziendale attraverso la realizzazione di nuove procedure, con particolare riguardo al sistema di archiviazione, all organizzazione della comunicazione in rete e alla sicurezza informatica. CONOSCENZE Conoscere in modo sistematico i processi che caratterizzano la gestione aziendale sotto il profilo economico, giuridico, organizzativo, contabile e fiscale. Conoscere i rapporti tra l azienda e l ambiente in cui opera. Conoscere i più importanti fenomeni storici del Novecento. Conoscere i più importanti fenomeni letterari dell Ottocento e della prima metà del 900. COMPETENZE Usare in modo corretto i linguaggi tecnici delle singole discipline. Usare in modo corretto la lingua italiana sia scritta che orale. Elaborare e collegare, ove sia possibile, autonomamente i contenuti proposti dalle singole discipline. Esprimersi correttamente e in modo scorrevole con proprietà lessicale nelle lingue straniere studiate (inglese). CAPACITA Utilizzare metodi, strumenti contabili ed extracontabili per una corretta rilevazione dei fenomeni gestionali; Documentare adeguatamente il proprio lavoro; Effettuare scelte e prendere decisioni ricercando ed assumendo le informazioni opportune; Partecipare al lavoro organizzato, individuale o di gruppo; Affrontare i cambiamenti aggiornandosi e ristrutturando le proprie conoscenze. L acquisizione di tali capacità deriva anche dall abitudine ad affrontare e risolvere problemi di tipo prevalentemente gestionale, analizzati nelle loro strutture logiche fondamentali con approccio organico ed interdisciplinare.

3 PRESENTAZIONE DELLA CLASSE La classe V sez. C è composta da 13 allievi, 8 femmine e 5 maschi. Di questi due sono ripetenti. Fin dall inizio del triennio la classe si presentava con alunni con un livello di preparazione disomogeneo riconducibile anche al fatto che provenivano da indirizzi di studi diversi. Ciò si è riflesso con 9 non ammissioni alla classe successiva in terza e cinque in quarta.. La maggior parte degli alunni proviene da comuni anche non limitrofi e pertanto possono considerarsi pendolari (con i disagi ed i limiti che ciò comporta. Per quanto riguarda la continuità didattica nel triennio, essa c è stata in tutte le materie ad esclusione di Italiano, Storia ed Inglese Il gruppo, complessivamente considerato, ha dimostrato di essere disponibile al dialogo didattico ed educativo, al quale ognuno ha partecipato secondo il proprio carattere e le proprie capacità. Per quanto riguarda l impegno nello studio esso è risultato non omogeneo, con un gruppo di alunni che si è impegnato in modo serio e costante, mentre i rimanenti non hanno sfruttato pienamente le proprie potenzialità. Pertanto la preparazione finale, tranne che per qualche allievo che si differenzia positivamente, è da reputarsi al limite della sufficienza. Tali esiti risentono di un impegno diversificato e ciò potra essere rilevato dai risultati intermedi. La classe non ha mai evidenziato problemi disciplinari. METODO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Lo svolgimento dei programmi è avvenuto sulla base dei piani di lavoro delle singole discipline.. Gli obiettivi generali (Competenze e Capacità) sono stati in linea di massima raggiunti, pur con esiti diversificati, e i criteri sostanzialmente seguiti da tutti i docenti. Per quanto attiene le prove d esame, sono state effettuate esercitazioni e compiti sulle tipologie previste dalla normativa in italiano e in economia aziendale e due simulazioni di terze prove. Si prevede una simulazione di seconda prova da effettuarsi entro maggio della durata di tre ore e delle simulazioni di prove di colloquio.. ATTIVITA CURRICULARI La classe ha effettuato un approfondimento, come da progetto interno, della lingua tedesca, con un insegnante di madre lingua. Nel corso dell anno scolastico la classe ha partecipato: all attività di orientamento universitario con l Università di Trieste e con il Campus di Portogruaro; ad una rappresentazione teatrale in lingua inglese al Job Orienta svoltosi a Verona; seminario di sei ore organizzato da Venezia Opportunità sulla creazione d impresa; alle celebrazioni della giornata della memoria, del ricordo e del 25 aprile; Visita all Expo di Milano; Giornata della lettura. ATTIVITA EXTRACURRICULARI

4 Gli alunni Brunetti, Marchesan e Longo hanno conseguito la Certificazione ECDL. Gli Alunni Brunetti e Drigo hanno frequentato il corso del FSE Tecné della durata di 120 ore. Gli Alunni Iamandi, Ius, Brunetti e Luisa in classe quarta hanno frequentato il corso FSE avente ad oggetto l alternanza scuola lavoro della durata di 160 ore. CRITERI E STRUMENTI DI VALUTAZIONE Per quanto riguarda i criteri e strumenti di misurazione e di valutazione, tutti i docenti si sono attenuti ai criteri esposti nel POF di cui si allega copia. Per la misurazione e valutazione del profitto, i docenti hanno utilizzato: - Prove oggettive adeguatamente strutturate e calibrate; - Quesiti a risposta aperta; - Colloqui relativi alle singole discipline; - Compiti in classe e prove previste dalla normativa sugli Esami di Stato. CRITERI SEGUITI PER LA SIMULAZIONE DELLA TERZA PROVA Le simulazioni di terza prova sono state due ed hanno interessato a rotazione le altre discipline curriculari. Si è scelta la tipologia di quesiti a risposta aperta con trattazione sintetica degli argomenti. Le materie oggetto della terza prova sono state quattro e per lo svolgimento è stato assegnato un tempo di tre ore. Scheda informativa relativa alle terze prove svolte durante l anno Data Tempo Tipologia Materie Svolgimento Assegnato 25/02/ ore Quesiti a risposta aperta con trattazione sintetica degli argomenti 18/04/ ore Quesiti a risposta aperta con trattazione sintetica degli argomenti Economia Politica, Storia, Inglese ed Informatica. Diritto, Inglese, Informatica E matematica Si allega fotocopia delle tracce di simulazioni di Terza prova assegnate durante l anno. Criteri di valutazione adottati per la terza prova Elementi di valutazione: - Aderenza alle richieste formulate. - Conoscenza dei contenuti. - Coerenza. - Uso del linguaggio specifico. - Correttezza.

5 DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: LAUDANO STEFANIA Obiettivi formativi disciplinari generali e specifici Utilizzare le tecniche e le procedure di calcolo studiate Comprendere il senso dei formalismi matematici introdotti ed utilizzare un linguaggio adeguato Riconoscere un errore e saperlo correggere Saper individuare il dominio delle funzioni studiate Saper verificare e/o risolvere un limite Saper applicare i teoremi di derivazione Saper individuare l equazione degli asintoti e gli intervalli di positività e negatività della funzione Saper trovare i punti d incontro con gli assi Saper collegare ed interpretare i risultati delle diverse operazione fatte sulla funzione Saper tracciare il grafico della funzione Profitto complessivo raggiunto dalla classe La classe, pur avendo delle lacune di base, è riuscita, nel corso dell anno scolastico, ad ottenere una preparazione complessivamente sufficiente, in quanto gran parte degli alunni ha raggiunto l obbiettivo posto di saper tracciare il grafico delle funzioni studiate. All interno della classe si distingue un gruppo di allievi che ha lavorato in maniera costante, sia a casa che in classe, raggiungendo così una discreta preparazione; un altro gruppo che ha invece lavorato in maniera meno assidua, è riuscito ad arrivare alla sola sufficienza ed infine alcuni allievi che non sono riusciti a raggiungere la piena sufficienza in quanto le gravi lacune accumulate nel corso degli anni precedenti hanno reso oltremodo difficoltoso il raggiungimento dell obbiettivo didattico posto. Dal punto di vista disciplinare non si sono riscontrati particolari problemi nel corso dell anno scolastico. Metodologie e strumenti utilizzati Lezioni frontali Problem solving Domande dal posto e alla lavagna Risoluzione guidata di numerosi esercizi Lavagna, calcolatrice Libro di testo adottato: Matematica.rosso vol. 4 di M. Bergamini, a. Trifone, G. Barozzi ed. Zanichelli Attività di recupero e tipologia di verifica Nel corso dell anno scolastico è stato effettuato costantemente il recupero in itinere e lo sportello didattico a richiesta. Le verifiche effettuate sono state scritte con la risoluzione di esercizi ed orali alla lavagna. Programma svolto Ripasso: Disequazioni intere e fratte, sistemi di disequazioni, equazioni di grado superiore al secondo. Definizione di funzione. Definizione e determinazione del dominio. Intervalli e intorni. Concetto e definizione dell operazione di limite. Limiti: Teoremi sui limiti: dell unicità e della permanenza del segno. Teoremi per il calcolo di limiti di funzioni razionali intere e fratte, irrazionali intere e fratte, esponenziali e logaritmiche. Concetto di continuità. Punti di discontinuità.

6 Derivate: Concetto e calcolo del rapporto incrementale e suo significato geometrico. Concetto e calcolo della derivata in un punto e suo significato geometrico. Tangente alla funzione. Calcolo della funzione derivata con l uso dei teoremi di derivazione. Intervalli di crescenza e decrescenza, massimi e minimi relativi e assoluti, flessi. Teoremi di De L Hopital, di Rolle, di Lagrange e di Cauchy. Concavità e convessità di una funzione. Studio di funzioni: Rappresentazione grafica di funzioni razionali intere e fratte, irrazionali intere e fratte, funzioni esponenziali e logaritmiche seguendo lo schema: Dominio, studio del segno, ricerca asintoti, crescenza, decrescenza, massimi e minimi attraverso lo studio della derivata prima, concavità, convessità e flessi attraverso lo studio della derivata seconda, grafico. DISCIPLINA: LINGUA INGLESE DOCENTE: BERTI ROSANNA OBIETTIVI FORMATIVI DISCIPLINARI GENERALI 1. Consolidamento ed ampliamento della competenza comunicativa nella lingua generale. 2. Acquisizione di una capacità di esposizione orale e scritta lineare, ma sufficientemente corretta ed efficace. 3. Arricchimento del linguaggio tecnico. OBIETTIVI FORMATIVI SPECIFICI 1. Padroneggiare in maniera efficace la lingua straniera per scopi comunicativi. 2. Usare il linguaggio settoriale relativo al percorso di studio per interagire nell ambito di indirizzo. PROFITTO COMPLESSIVO RAGGIUNTO DALLA CLASSE La classe, composta da 13 alunni, mi è stata assegnata solo dal corrente anno scolastico; fin dall inizio si è dimostrata disponibile ad instaurare un buon rapporto con la sottoscritta docente. L approccio nei confronti della materia si può definire positivo; al di là dei risultati più o meno soddisfacenti conseguiti dagli alunni, le spiegazioni sono state seguite con interesse e le lezioni si sono svolte in un clima di serenità. La maggior parte degli obiettivi programmati e proposti sono stati mediamente raggiunti da buona parte del gruppo classe, anche se in grado diverso, grazie ad un tipo di studio, però, prevalentemente mnemonico, pur tuttavia con la consapevolezza delle nozioni apprese. I risultati del profitto sono eterogenei e da porre in relazione con l impegno dimostrato durante l anno da ogni singolo studente. Alla data di redazione del presente documento, la quasi totalità degli alunni ha raggiunto una preparazione sufficiente o più che sufficiente, esiguo è il numero di alunni che ancora palesano lacune in questa disciplina. METODOLOGIE Le lezioni sono state frontali e interattive. Le tipologie di attività presentate nel corso dell anno sono state le seguenti: warm up, comprensione e analisi di testi, esercizi di utilizzo del lessico presentato, esercizi di fill in, multiple choice, matching e completamento; produzione di dialoghi su traccia; composizione di lettere commerciali su traccia; composizioni libere su un argomento dato; traduzioni simultanee su elementi noti; questionari orali e scritti. STRUMENTI

7 Gli allievi hanno utilizzato i libri di testo in adozione: In Business di F. Bentini, B. Richardson,V. Vaugham ed. Pearson Longman with CD-ROM New Inside Grammar, di Michael Vince, Grazia Cerulli ed. MacMillan. Fotocopie prese da altre fonti ad integrazione degli argomenti svolti. CDs. Fotocopie del testo teatrale Fame. VERIFICHE E VALUTAZIONE La verifica è stata condotta tramite procedure informali di osservazione sistematica e continua e anche attraverso momenti più formalizzati, con il test periodico e le interrogazioni orali. Le forme di verifica utilizzate sono state varie, di tipo orale e scritto, quali: composizione su traccia di lettere commerciali, traduzione di lettere o frasi, questionari e relazioni riguardanti gli argomenti di teoria e civiltà svolti durante l anno scolastico, simulazioni di terza prova, brevi conversazioni e colloqui. Nella valutazione sommativa si è tenuto conto non solo dei risultati conseguiti ma anche della quantità e qualità dell impegno e della partecipazione, nonché dei progressi fatti rispetto al livello di partenza. Sono state effettuate: due verifiche scritte e due verifiche orali nel 1 trimestre, tre verifiche scritte e orali (colloquio con domande o esposizione libera) nel 2 pentamestre, due simulazioni di terza prova di tipologia B con domande aperte. Ripasso e revisione sono stati costanti durante l anno scolastico in orario curricolare. E' stata applicata la scala in decimi, uniformando la valutazione ai livelli di misurazione deliberati dal Collegio Docenti. CONTENUTI DISCIPLINARI LIBRO DI TESTO: In Business di F. Bentini, B. Richardson,V. Vaugham. Edizioni Pearson Longman with CD-ROM New Inside Grammar, di Michael Vince, Grazia Cerulli ed. MacMillan Fotocopie ad integrazione degli argomenti svolti Business Communication Unit 1 Introducing the business transaction (pagg ); Speaking business Writing business s, Faxes, Letters Lay-out of business letters On the phone: Standard phrases Unit 3 Enquiries and replies (pagg ); Positive and negative replies Lexis Phraseology Listening, speaking, reading, writing On the phone: Standard phrases Unit 4 Offers, Positive and Negative Replies to Offers (pagg ); Lexis Phraseology Listening, speaking, reading, writing On the phone: Standard phrases Unit 5

8 Orders and replies (pagg ); Modification and cancellation of orders Lexis Phraseology Listening, speaking, reading, writing On the phone: Standard phrases Business theory Unit 1 Commerce and e-commerce (pagg ); Commerce and trade Channels of distribution The four factors of production The three sectors of production The chain of production Types of economy The Internet revolution E- commerce - Types of online business activities. Unit 2 Business organization (pagg.28-39); The organization of business: Sole traders, Partnership, Limited companies, Cooperatives, Franchising. The growth of business: Mergers, Takeovers, Acquisitions, Joint ventures. Types of integration. Multinationals. The structure of a company. Unit 3 International trade (pagg ); International trade. The Balance of Payments and the Balance of Trade - Controlling foreign trade -Trading blocs. Documents in international trade: trading documents within the EU - trading documents outside the EU. Looking at documents: Commercial Invoice, Certificate of Origin, Delivery Note. Incoterms: Exw- Fca-Fas-Fob-Cfr-Cif. Civilization Unit 2 (pagg , , ); Land and climate United Kingdom: the climate. The regions of England Scotland, Wales and Northern Ireland. The tourists attractions in the UK Unit 3 People and history (pagg ); Who are the British?: Invasions Immigration. Unit 4 Ireland, from boom to bust (pag356) Unit 5 Government and politics ( pagg , ); The UK Government: The Monarchy Parliament The Prime Minister and the Cabinet Regional and local government. Political Parties UK : Labour Conservatives. The organization of the EU: the European Parliament the Council of the European Union the European Commission the European Court of Jiustice the European Central Bank.

9 What does the European Union do? (pagg ) Unit 6 Society The UK population (pag ) Welfare State :Welfare in the UK - Social security Health care national insurance pensions. Computer Science (fotocopie) Dal testo "Infotech English for computer users " di Santiago Remacha Esteras Ed. Cambridge Unit 1 Computers today What is a computer? What is inside a PC system?: Processing RAM and ROM Buses and cards Input Devices - Output Devices These Mice aren t blind (dal Testo English Tools for Information Technology di M. Ravecca, ed. Minerva Scuola) pag 57 Storing data in the cloud (dal Testo English Tools for Information Technology ) pag 52 Unit 7 Display screens How screen displays work: basic features display technologies. Unit 8 Choosing a printer Types of printers: Dot-matrix, Inkjet, Laser, Plotters. Unit 10 Magnetic storage: floppy disks - hard drives. Unit 11 Optical storage Optical discs and drives: optical discs CDs and DVDs HD-DVD and Blu-ray discs. Unit 12 Flash memory: USB flash drives U3 smart drives Flash memory cards Hybrid hard drives. Dal Testo EUCIP core nell indirizzo Sistemi Informativi Aziendali - Aica: Operating Systems Software Application Software Open Source and proprietary Software development different licensing requirements of proprietary software, open source, free software and freeware. Ripasso dei principali tempi verbali : Simple past - Present perfect - Present perfect continuous - If - Clauses I - II- III tipo - Future tenses - Passive voice - Reported speech. Al 15 Maggio 2015 sono state svolte n. 82 ore effettive di insegnamento. Le ore rimanenti fino al termine dell anno scolastico verranno impiegate per completare l ultimo argomento relativo ai sistemi operativi e per effettuare attività di ripasso. La classe ha partecipato al musical FAME inscenato con arrangiamenti curati dal Palkettostage presso il Teatro Russolo di Portogruaro, nel mese di marzo 2015.

10 DISCIPLINA: ECONOMIA POLITICA DOCENTE: CROCIANI PATRIZIA OBIETTIVI GENERALI E SPECIFICI Lo studio dell Economia politica deve favorire: - la formazione di abilità e conoscenze utili all'attività professionale; - l'acquisizione di codici linguistici specifici per una lettura consapevole delle fonti d'informazione; - una corretta impostazione dei rapporti Stato - cittadino/contribuente. A tal fine si sono individuati i seguenti traguardi specifici: - la conoscenza dei principi regolatori e dei principali strumenti dell'attività finanziaria; - l'utilizzazione corretta della terminologia specifica; - la capacità di analizzare in modo adeguato le relazioni intercorrenti tra i diversi fenomeni economico-finanziari. Gli allievi al termine del quinto anno di corso devono acquisire le seguenti competenze: a) comprendere e analizzare situazioni e argomenti di natura storica, giuridica, politica e finanziaria; b) individuare e accedere alla normativa pubblicistica e fiscale in termini generali e con riferimento all azione dei poteri pubblici di regolamentazione delle attività economiche dei soggetti che agiscono sul mercato; c) comprendere il cambiamento dei sistemi economici e del ruolo del soggetto pubblico in una dimensione diacronica attraverso il confronto tra epoche. PROFITTO COMPLESSIVO RAGGIUNTO DALLA CLASSE La classe ha cercato nel corso dell anno scolastico di superare le iniziali difficoltà di approccio alla materia che esige adeguate capacità di collegamento interdisciplinare e di analisi dei diversi fenomeni economico-finanziari che la realtà contemporanea presenta.. Gli obiettivi suindicati sono stati conseguiti in modo adeguato da un ridotto numero di allievi che hanno partecipato all attività didattica con impegno costante, serietà ed interesse. Un secondo gruppo di allievi presenta, invece, una preparazione più modesta, a causa di alcune difficoltà di collegamento e di una partecipazione prevalentemente recettiva alle attività proposte o di un applicazione non costante. Permangono in più elementi incertezze nell utilizzo del linguaggio specifico e difficoltà espositive. METODOLOGIE Nel corrente anno scolastico, come deciso in sede di riunione per materia, l'insegnamento ha privilegiato la trattazione della parte generale relativa all attività finanziaria dello Stato rispetto alla normativa tributaria. La parte relativa alle entrate è stata comunque affrontata in tutte le sue parti generali. I contenuti disciplinari sono stati accompagnati dagli opportuni e usuali aggiornamenti frequenti in questa disciplina. Si è utilizzata prevalentemente la lezione frontale e si è cercato di favorire l acquisizione da parte degli allievi di una certa capacità di analisi delle fondamentali tematiche della realtà economica nazionale. Costante è stato il recupero in itinere e il ricorso, ove se ne sia ravvisata l'opportunità, a interventi individualizzati per rendere più efficace il metodo di studio. STRUMENTI Come strumenti sono stati utilizzati: il libro di testo: Simone Crocetti-Mauro Cernesi, Economia Pubblica: una questione di scelte, ed. Tramontana; letture di approfondimento tratte da testi specializzati; il testo della Costituzione. VERIFICHE E VALUTAZIONE La verifica dell'apprendimento è stata effettuata con colloqui, finalizzati anche ad accertare

11 l'acquisizione della terminologia specifica, e tre prove scritte, di cui una somministrata come simulazione della Terza prova d esame. E' stata applicata la scala in decimi, uniformando la valutazione ai livelli di misurazione deliberati dal Collegio Docenti. Per la valutazione sommativa si sono, inoltre, presi in considerazione impegno, partecipazione all'attività didattica e progressione nel profitto. CONTENUTI DISCIPLINARI Mod.1 L attività economica pubblica. La presenza del soggetto economico pubblico nel sistema economico: il ruolo dello Stato e della finanza pubblica, settore pubblico dell economia, bisogni e servizi pubblici; la finanza neutrale, sociale, congiunturale e funzionale; le ragioni dell intervento pubblico e la correzione dei fallimenti del mercato, le diverse funzioni e modalità dell intervento pubblico; la proprietà e l impresa pubblica, dicotomia Stato-mercato, la tipologia delle imprese pubbliche e il processo di privatizzazione. Mod.2 La politica della spesa pubblica. Concetto e classificazione della spesa pubblica, l espansione della spesa pubblica e il problema del suo controllo, la politica della spesa pubblica: la manovra sulla spesa pubblica e gli obiettivi dell intervento pubblico, la teoria del moltiplicatore, gli effetti negativi di un eccessiva espansione. Mod.3 La politica delle entrate pubbliche. Classificazione delle entrate pubbliche e loro dimensioni, i tributi in particolare, le entrate pubbliche come strumenti di politica economica, i prezzi e le tariffe, i tributi in particolare, la pressione tributaria e fiscale globale; le imposte: l obbligazione tributaria, i diversi tipi di imposte, presupposto ed elementi dell imposta, i tipi di progressività, i principi giuridici d imposta: universalità e uniformità dell imposizione, la teoria della capacità contributiva e la curva di Laffer, l automazione. Mod.4 La programmazione delle scelte pubbliche. Il bilancio dello Stato: le tipologie di bilancio, i principi del bilancio preventivo, le fasi del processo di bilancio; struttura e gestione del bilancio: classificazione economica e risultati differenziali, il controllo sulla gestione e sulle risultanze di bilancio, la tesoreria dello stato; il bilancio e le scelte di finanza pubblica: le teorie sul bilancio, il debito pubblico e le politiche europee: il ricorso al mercato del risparmio, confronto tra indebitamento e imposizione straordinaria, tipi di prestiti pubblici, emissione e conversione dei prestiti pubblici; la spending review e la politica di bilancio. Al 15-Maggio-2014 state svolte n. 76 ore di insegnamento. Le ore rimanenti fino al termine dell anno scolastico verranno impiegate per completare l ultimo argomento relativo al bilancio dello Stato e per effettuare attività di ripasso. DISCIPLINA: DIRITTO PUBBLICO DOCENTE: CROCIANI PATRIZIA OBIETTIVI GENERALI E SPECIFICI Lo studio del Diritto Pubblico deve: - formare abilità e conoscenze utili all'attività professionale; - favorire un consapevole inserimento nella vita sociale e politica del Paese; - far acquisire padronanza dei linguaggi specifici per una corretta comprensione delle fonti di informazione. A tal fine si sono individuati i seguenti traguardi specifici: - la conoscenza del concetto di Stato, l'organizzazione costituzionale, i principi della P.A. e la sua attività; - l'uso adeguato della terminologia giuridica; - la capacità di consultare il testo della Costituzione e altre fonti. Gli allievi al termine del quinto anno di corso devono acquisire le seguenti competenze:

12 a) comprendere e analizzare situazioni e argomenti di natura storica, giuridica, politica e finanziaria; b) individuare e accedere alla normativa pubblicistica e fiscale in termini generali e con riferimento all azione dei poteri pubblici di regolamentazione delle attività economiche dei soggetti che agiscono sul mercato; c) comprendere il cambiamento dei sistemi economici e del ruolo del soggetto pubblico in una dimensione diacronica attraverso il confronto tra epoche. PROFITTO COMPLESSIVO RAGGIUNTO DALLA CLASSE Gli obiettivi suindicati sono stati raggiunti in modo diversificato dagli allievi: alcuni elementi, grazie ad un certo interesse per la disciplina e ad uno studio costante, ha raggiunto un profitto positivo. Un secondo più consistente gruppo di alunni ha ottenuto, invece, risultati modesti e alterni, a causa di un metodo di lavoro non sempre efficace e non sostenuto da sforzi significativi di rielaborazione personale dei contenuti proposti o di un impegno nello studio superficiale. Permangono in alcuni elementi carenze nel linguaggio specifico e nell esposizione. METODOLOGIE L'insegnamento è stato condotto dedicando particolare attenzione alle nozioni di Diritto costituzionale come deciso in sede di programmazione per materia. La riduzione del monte orario settimanale nella classe quinta SIA a due ore e la trattazione di alcuni imprescindibili istituti di diritto informatico non permettono, infatti, di sviluppare in ugual misura il diritto amministrativo che è stato affrontato nelle nozioni generali relative ai principi regolatori dell attività della P.A. e ai provvedimenti amministrativi. La necessità di stimolare continuamente gli allievi ad un supplemento di riflessione con i necessari aggiornamenti e i collegamenti alla situazione politicoistituzionale del nostro Paese e di ritornare spesso sugli argomenti trattati per recuperare gli elementi più in difficoltà hanno impedito di riprendere e trattare in modo adeguato il modulo relativo all Unione europea: gli argomenti di maggior rilievo ai fini dello svolgimento del programma sono stati inseriti nella presentazioni degli altri contenuti ogniqualvolta ciò si rendeva possibile. Si sono utilizzate lezioni frontali e continui sono stati i raffronti alla realtà contemporanea e il ricorso ad interventi individualizzati per rendere più efficace il metodo di studio. STRUMENTI Come strumenti sono stati utilizzati: - il libro di testo: Zagrebelsky-Oberto-Stalla e Trucco " DIRITTO per il quinto anno ", ed. Le Monnier Scuola; - letture di approfondimento e fotocopie di materiale di diritto informatico; - testo della Costituzione. VERIFICHE E VALUTAZIONE La verifica dell'apprendimento è stata effettuata con colloqui, attraverso i quali è stato possibile accertare il grado di acquisizione della terminologia specifica, e quattro prove scritte, di cui una somministrata come simulazione di Terza prova d esame. Per la misurazione è stata applicata la scala in decimi, uniformandosi ai livelli approvati dal Collegio Docenti. Per la valutazione sommativa si sono, inoltre, presi in considerazione impegno, partecipazione all'attività didattica e progressione nel profitto. CONTENUTI DISCIPLINARI PARTE PRIMA: Diritto Costituzionale

13 Mod.1 Costituzione e forma di governo: proclamazione della Repubblica e assemblea costituente, la Costituzione: genesi, struttura, caratteri e attuazione nei decenni successivi all entrata in vigore; i principi di libertà e di uguaglianza in senso formale e sostanziale, riserva di legge e di giurisdizione, i doveri dei cittadini; l internazionalismo. I caratteri della forma di governo, la separazione dei poteri, il regime parlamentare e il regime dei partiti: natura giuridica, evoluzione storica e ruolo dei partiti politici e loro finanziamento, gruppi di pressione; democrazia diretta e indiretta e altri istituti di democrazia diretta. Mod.2 L organizzazione costituzionale.; Il parlamento: bicameralismo perfetto, composizione, funzioni, diritto di voto, sistemi elettorali, posizione dei parlamentari, organizzazione e funzionamento delle camere, procedimento legislativo, legislazione costituzionale. Il governo: composizione, funzioni, formazione, crisi, i poteri legislativi e regolamentari. I giudici e la funzione giurisdizionale: principi generali relativi alla funzione giurisdizionale, organizzazione e indipendenza della magistratura, CSM, magistratura ordinaria e magistrature speciali. Il presidente della Repubblica: elezione, funzioni, poteri di garanzia e di rappresentanza nazionale, atti, responsabilità e controfirma ministeriale. La corte costituzionale: struttura, funzioni, funzionamento e tipi di sentenze, referendum abrogativo. PARTE SECONDA: Diritto Amministrativo Mod.E La Pubblica amministrazione. Principi e organizzazione: funzione amministrativa, principi di legalità, imparzialità, efficienza ed efficacia; segretezza e trasparenza. Gli organi ausiliari del governo: Consiglio di Stato e Corte dei conti. Gli atti amministrativi: tipologia degli atti amministrativi, requisiti e caratteri dei provvedimenti amministrativi,procedimento amministrativo, discrezionalità amministrativa validità ed efficacia. Le tecnologie dell informazione e della comunicazione, aspetti giuridici relativi all uso delle ITC nella P.A. e l Agenda digitale italiana. Al 15-Maggio-2015 sono state svolte n. 65 ore di insegnamento. Le rimanenti ore dal 16 Maggio al termine dell anno scolastico verranno impiegate per completare l ultimo argomento relativo agli atti amministrativi e per effettuare attività di ripasso. DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA DOCENTE : LORETTA TEMPORIN Obiettivi generali e specifici 1. Considerare il ruolo che la Chiesa ha avuto nella storia e, in particolare, nella storia del Comprendere le varie problematiche relative alla vita umana. Conoscere i documenti della Chiesa sui temi proposti e le leggi italiane a riguardo. Giungere a un esplicitazione della propria sensibilità in merito a scelte responsabili che favoriscano la cultura della vita nella sua accezione più generale. Confrontare la posizione delle religioni in merito ai temi trattati. 3. Conoscere le interpretazioni del rapporto uomo-natura e definire gli atteggiamenti responsabili verso l ambiente. 4. Approfondire la concezione cristiano-cattolica della famiglia e del matrimonio. Il profitto raggiunto dalla classe è mediamente discreto. Programma svolto Mod. 1. IL CRISTIANESIMO E LE SUE RESPONSABILITA STORICHE: QUALE FEDELTA AL VANGELO? - gli errori della Chiesa

14 - crociate e inquisizione - la purificazione della memoria in Giovanni Paolo II - Mod.2: MATRIMONIO E FAMIGLIA - il matrimonio religioso, civile e concordatario - il matrimonio nel diritto canonico - maternità e paternità responsabili - Mod. 3: L ETICA DELLA VITA - bioetica di inizio vita: statuto dell'embrione - inseminazione e fecondazione artificiale - identità e genere - clonazione - aborto - pena di morte - trapianti - eutanasia - violenza sulle donne - confronto sinottico dei temi trattati tra le grandi religioni mondiali Mod. 4: RELIGIONI E DIALOGO: solo cenni - l ambiente e il problema ecologico - le religioni e la salvaguardia del creato - genocidio: significato e evoluzione del concetto Metodologia e strumenti Lezione frontale, schede di lavoro, testi biblici e del Magistero, mappe concettuali, dialoghi di approfondimento, testo in uso: Nuovi Confronti vol. 2 di Cardinali, Contadini, Marcuccini ed. LDC Criteri di valutazione Osservazioni sistematiche circa l interesse, l attenzione e la partecipazione. Valutazioni Per le valutazioni l insegnamento della Religione Cattolica si avvale di un giudizio riguardante l interesse con il quale l alunno segue l insegnamento e il profitto che ne ritrae in base all art.309, c. 4, del DLgs 297/94. In virtù del DPR 275/99, art. 4, c. 4, nelle riunioni di Dipartimento si è deciso per la seguente scala di giudizio: - non sufficiente - sufficiente - discreto - buono - distinto - ottimo

15 DISCIPLINA: EDUCAZIONE FISICA DOCENTE : PAOLO PAOLI Argomenti trattati esercitazioni per il miglioramento della tonificazione muscolare e della mobilità articolare con esercizi attivi e passivi individuali e a coppie; elementi tecnico tattici della pallavolo con conoscenza del regolamento elementi tecnico tattici della pallacanestro, pallamano e del calcetto; elementi di preatletismo finalizzati alla corsa veloce e al salto in lungo e al salto in alto: elementi della ginnastica posturale e di stabilità conoscenza dell apparato locomotore,dei principi nutritivi e fabbisogno energetico, composizione corporea. Attività didattica Lezione frontale Lavori di gruppo Risoluzione di esercizi di diverso livello di difficoltà Mezzi e strumenti Attrezzature presenti in palestra Libro di testo e riviste specializzate Verifiche Test di verifica variamente strutturati Indagini in itinere con verifiche informali Prove pratiche Obiettivi realizzati in termini di competenze Gli alunni possiedono mediamente buone capacità operative ed organizzative e sono in grado di utilizzare autonomamente le conoscenze acquisite; gli alunni hanno acquisito una discreta conoscenza di procedimenti, metodi e teorie a cui riferirsi; gli alunni sanno rispondere a quesiti a risposta multipla. QUADRO DEL PROFITTO DELLA CLASSE

16 partecipazione al dialogo educativo: mediamente discreta attitudine alla disciplina mediamente discreta, per alcuni allievi buona interesse per la disciplina mediamente adeguato metodo di lavoro nel complesso efficiente. METODOLOGIE E STRATEGIE DIDATTICHE PER IL CONSEGUIMENTO DEGLI OBIETTIVI Si è adottata una proposta educativa basata sul principio della gradualità. Con il passaggio da sequenze motorie semplici a quelle più complesse, prima in forma globale ed in seguito analitica. Si è cercato di rispondere alle richieste degli alunni in base ai loro interessi E alle loro esperienze, dando più spazio a taluni argomenti a scapito di altri. Nel corso dello svolgimento di attività pratiche si sono inserite informazioni Sull aspetto teorico del movimento. DISCIPLINA: STORIA DOCENTE : MARTA NADALI Ore settimanali di insegnamento: due. Libro di testo: Fossati, Luppi, Zanette, L'esperienza della storia, vol.3, il Novecento e il mondo contemporaneo; Ed.scolastiche B.Mondadori. Obiettivi raggiunti: Saper utilizzare una terminologia appropriata. Saper individuare le cause e gli effetti dei principali avventimenti storici. Saper collegare fattori diversi( economici, sociali, geo-politici, culturali) in un preciso contesto storico. Saper cogliere gli aspetti fondamentali dei regimi totalitari(fascismo, Nazismo, Stalinismo). Profitto: La maggior parte degli allievi hanno mostrato un interesse attivo e partecipe, evidenziando curiosità, ponendo domande, chiedendo di ricevere delucidazioni per avere maggiore chiarezza possibile in merito agli avvenimenti storici affrontati. Alcuni hanno contribuito in modo attivo ponendo degli approfondimenti personali su alcuni avvenimenti nello specifico. Nel complesso buona parte degli allievi ha raggiunto una preparazione pienamente sufficiente. Una piccola parte del gruppo classe a causa di uno studio frammentario e superficiale manifesta ancora delle incertezza nelle conoscenze di base e nell'orientamento spazio-temporale degli avvenimenti affrontati.

17 L'argomento legato al terrorimo è stato analizzato in maniera pluridisciplinare in storia e dalla docente di IRC. Metodi e procedure didattiche utilizzate: L'andamento della lezione è stato di tipo cronologico e tematico. Si è cercato quanto possibile di fare uso delle fonti. Sono stati potenziati l'uso del lessico specifico e il confronto critico tra tesi differenti. La lezione si articolava nel modo seguente: esposizione frontale con inquadramento geopolitco degli avvenimenti. scansione cronologica di riferimento. presentazione dei materiali di supporto(tesi storiografiche, filmati). momenti di discussione in relazione all'età contemporanea. Contenuti: Modulo 1. Guerra e rivoluzione Il mondo alla vigilia della grande guerra. Inizio secolo e le inquietudini della modernità. La globalizzazione e l'imperialismo; gli effetti della seconda rivouzione industriale. L'Italia giolittiana, la politica estera e la guerra in Libia. Lo scoppio della Grande guerra e l'intervento italiano Il genocidio degli armeni. Il conflitto e la vittoria dell'intesa Modulo 2. Dalla rivoluzione russa ai regimi totalitari. La Rivoluzione di ottobre e la guerra civile L'ascesa al potere di Lenin. Il dopoguerra in Europa e in Italia, il biennio rosso. La pace impossibile. Le radici del problema mediorientale. L'eredità ottomana. Totalitarismi e deomocrazie: il regime fascista. Totalitarismi e deomocrazie: il regime nazista. Totalitarismi e deomocrazie: il regime staliniano. Il mondo e l'europa fra le due guerre: la nuova Asia( India, Giappone e Cina); gli Stati Uniti e l' America latina, l'europa negli anni trenta. Modulo 3. La seconda guerra mondiale e il nuovo assetto dell'europa. Le cause della guerra, I piani di Hitler, il successo iniziale. L'Europa nazista e lo sterminio. L'entrata in guerra dell'italia, la svolta del Le vittorie degli alleati. La Resistenza in Europa e in Italia. La fine della guerra in Italia. Il nuovo assetto geopolitico dell'europa.

18 Modulo 4. La guerra fredda. Est e Ovest negli anni cinquanta-settanta. Il secondo dopoguerra. Il piano Marshall, il bipolarismo. la Guerra fredda il conflitto in Vietnam. La caduta del muro di Berlino. l'italia postbellica(la ricostruzione). Eventuali altre discipline coinvolte: Italiano e IRC. MATERIA : INFORMATICA DOCENTI: TURCHETTO A.M. CAMMARATA V. Obiettivi formativi disciplinari generali e specifici L obiettivo generale dello studio dell informatica per la classe quinta, è di contribuire alla alfabetizzazione informatica degli allievi e quindi di elevare il livello di conoscenza dell uso del computer e delle applicazioni più comuni, per fornire una qualificazione che faciliti l inserimento nel circuito lavorativo. In particolare, l obiettivo finale consiste nella conoscenza piuttosto approfondita di un sistema di elaborazione e nell acquisizione di concetti fondamentali relativi alla gestione di archivi di dati, alle reti e alla realizzazione di pagine web dinamiche e statiche.. La finalità di tutto questo è far capire all allievo come l informatica abbia cambiato il modo di lavorare in azienda, far conoscere alcuni software in uso presso le aziende e saper utilizzare oggetti multimediali. Profitto complessivo raggiunto dalla classe In generale la partecipazione è disomogenea in quanto ad un primo gruppo di alunni discretamente attenti e disciplinati, si affianca un altro gruppo moderatamente corretto ma poco motivato allo studio della disciplina. I risultati ottenuti dalla classe si possono considerare mediamente accettabili. Metodologie e strumenti Per raggiungere gli obiettivi, gli argomenti saranno presentati in forma problematica per suscitare interesse, partecipazione e stimolare l indagine personale e la discussione collettiva. Per stimolare maggiormente gli allievi, per quanto possibile, tutti gli argomenti teorici sono stati Si prevedono pertanto : lezioni frontali ; lavoro individuale e per gruppi, per consolidare nozioni e abilità acquisite; collegamenti e riferimenti con altre discipline per portare l allievo a una visione globale dei temi trattati; Laboratorio di informatica con collegamento Internet Manuali relativi ai programmi utilizzati libro di testo: "Cloud " (quinto anno per Ist. Tec. Settore Economico) di P. Gallo - P. Sirsi, editrice Minerva Scuola Appunti e dispense.

19 Attività di recupero e tipologia di verifica Il recupero è stato svolto in itinere. Per la valutazione è stata applicata la scala in decimi, uniformando la valutazione ai livelli indicati nell'allegato del Documento della classe come deliberato dal Collegio Docenti. Tutti gli argomenti sono stati svolti privilegiando l'aspetto pratico ritenendo di fondamentale importanza far comprendere agli allievi come quanto studiato possa essere utilizzato in applicazioni pratiche inerenti al loro curricolo scolastico. La valutazione si è basata su test scritti e pratici tenendo in considerazione i seguenti criteri: La valutazione dell attività di laboratorio si è basata sulle seguenti voci: interesse, impegno, capacità operative e si è basata su verifiche scritte specifiche. Per quanto più possibile si è cercato di valutare secondo le seguenti categorie tassonometriche: conoscenza, comprensione, rielaborazione, applicazione. Programma svolto gestione archivi SQL : TIPI DI DATO Creazione di tabelle Vincoli d integrità Chiavi Chiavi esterne Cancellazione e modifiche su tabelle Interrogazioni di base (QL) Ricerca di valori in un insieme Confronto tra stringhe di caratteri Ordinamento del risultato di una query Eliminazione dei duplicati Espressioni e funzioni aritmetiche Operatori Aggregati Raggruppamento di tuple NULL nelle clausole WHERE La Clausola HAVING Operazione di JOIN (INNER JOIN) struttura delle basi di dati archivi e applicazioni informatiche la modellazione dei dati analisi e progettazione concettuale (modello E-R) modellazione logica modello relazionale concetto di entità, attributo e relazione chiave primaria e chiave esterna integrità referenziale operazioni relazionali la normalizzazione (prima, seconda e terza FN) le reti aspetti hardware architettura di rete topologia di una rete

20 cenni sui protocolli la posta elettronica Laboratorio Ripasso codice HTML: Struttura di un file HTML Definizione di marcatore ed attributo I tag di formattazione, liste, paragrafi I tag per la gestione delle tabelle, immagini e link Definizione di frame I tag per la creazione di form realizzazione pagine web dinamiche: PHP I tag Le variabili Gli operatori Le istruzioni (if - while - for - foreach) Gli array Le funzioni (count - array_pop - array_shift) I passaggi di variabile (get e post) programmazione lato server Comunicazione tra PHP e MySQL Le funzioni di connessione al DB MySQL La funzione mysql_query() leggere i record di una tabella MySQL Inserire i record in una tabella MySQL aggiornare record in una tabella eliminare record verificare i risultati di una query Utilizzo del programma Filezilla per l'upload di pagine web DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE DOCENTE: FANOTTO MAURIZIO Obiettivi disciplinari La disciplina dovrà tendere a far acquisire agli studenti: - Una visione organica ed interdisciplinare della dinamica aziendale nelle sue problematiche di organizzazione, di gestione ed informativa dei vari tipi di azienda; - Una padronanza dei moderni metodi, strumenti e tecniche contabili ed extracontabili; - La capacità di elaborare, rappresentare ed interpretare i dati e le informazioni in modo da favorire i processi decisionali e cogliere le conseguenze di tali scelte; - La capacità di comprendere le funzioni ed il ruolo svolto dall azienda nell ambiente socio economico di appartenenza nell attuare le sue politiche; - Una conoscenza approfondita dei documenti: contenuto, flusso e finalità; - Consolidamento della capacità di risolvere i complessi problemi dell azienda; - Consolidamento dell esposizione scritta ed orale con linguaggio appropriato ed idonea organizzazione e documentazione della tesi sostenuta.

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Documento del Consiglio di Classe

Documento del Consiglio di Classe Istituto Stat. di Istruzione Secondaria Superiore Giovanni Maria Sforza Palagiano (TA) con sede aggregata di Palagianello Documento del Consiglio di Classe Classe 5 sez. A Palagiano COM GEO X Palagianello

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE S.MARTA G. BRANCA Istituto Professionale per i Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera e Istituto Professionale per i Servizi Commerciali Strada delle Marche,

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. Condizioni di utilizzo aggiuntive di Acrobat.com Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. SERVIZI ONLINE ADOBE RESI DISPONIBILI SU

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli