CDPI Sgr Cassa Depositi e Prestiti Sp ACRI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CDPI Sgr Cassa Depositi e Prestiti Sp ACRI"

Transcript

1 Social Housing

2 Il Social Housing nasce dall esigenza di risolvere il disagio abitativo delle famiglie a reddito medio e medio basso che, pur non rientrando nei piani di edilizia popolare, non riescono ad accedere alla proprietà o alla locazione di abitazioni sul mercato immobiliare. CDPI Sgr è stata costituita il 24 febbraio 2009 per iniziativa di Cassa Depositi e Prestiti SpA, unitamente ad ACRI - Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio SpA e ad ABI - Associazione Bancaria Italiana, con l obiettivo di dare vita ad una piattaforma per il lancio di fondi comuni di investimento immobiliari destinati ad incrementare l offerta di alloggi sociali sul territorio italiano. Il capitale di CDPI Sgr è detenuto da Cassa Depositi e Prestiti per una quota di maggioranza del 70% e dall ACRI e dall ABI per una quota del 15% ciascuna. Il Piano Casa del 2009 ha la finalità di essere il volano per incrementare l offerta di edilizia privata sociale, attraverso gli investimenti del Fondo Investimenti per l Abitare (FIA), Fondo interamente posseduto e gestito da CdP Investimenti SGR.

3 IL SOCIAL HOUSING PARTENARIATO PUBBLICO E PRIVATO PUBBLICO PRIVATO AREA EDIFICABILE DA CEDERE IN DIRITTO DI SUPERFICIE CONTENIMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE CONTRIBUTO PUBBLICO PER GLI ALLOGGI DA DESTINARE ALL AFFITTO SOCIALE E MODERATO SECURITY PACAGE PER GARANTIRE LA BANCABILITA (garanzia sui ricavi da locazione) CAPITALE PROPRIO E DERIVANTE DA FINANZIAMENTI BANCARI CAPACITA IMPRENDITORIALI, PROGETTUALI E PRODUTTIVE, INTERESSE A COSTRUIRE UN BENE DURATURO. CAPACITA GESTIONALI, VOLONTA DI GARANTIRE LA BUONA MANUTENZIONE DELL OPERA. SOCIAL HOUSING

4 PARTENARIATO PUBBLICO E PRIVATO - SOCIAL HOUSING vantaggi e svantaggi per la pubblica amministrazione Riqualificazione aree Scelta nuovi modelli di uso del territorio Le amministrazioni possono utilizzare beni già di loro proprietà, scegliendo i più idonei alla realizzazione degli interventi. queste aree vengono valorizzate e torneranno alla piena disponibilità pubblica. Le amministrazioni dettano le regole di edificabilità, imponendo al privato un consumo del territorio razionale, che preveda aree verdi e servizi. Abbattimento oneri di urbanizzazione Le amministrazioni possono ridurre gli oneri di urbanizzazione, permettendo così una riduzione del prezzo all utente finale; Finanziamento per sostegno affitto Security Package Le amministrazioni concedono una piccola quota di finanziamento, che rende realizzabile l edilizia destinata all affitto a canone moderato e sociale, per le fasce di popolazione più deboli; Le amministrazioni offrono una security package per garantire la bancabilità dell intervento; questa garanzia permette all impresa di ridurre i rischi e di lavorare anche con utili minori.

5 IL SOCIAL HOUSING PARTENARIATO PUBBLICO E PRIVATO L utile dalla gestione dell opera genera la necessità di costruire il bene pensando anche al suo futuro utilizzo I costruttori, dovendo gestire l opera per lunghi periodi, e ricavando gran parte dell utile dai benefici della gestione, mettono in campo le loro migliori capacità progettuali e costruttive, realizzando interventi caratterizzati da soluzioni architettoniche di pregio e dall uso di tecnologiche innovative, che garantiscano l ottimizzazione dell intervento, non solo durante la fase di costruzione, ma anche in quella della successiva gestione. Durabilità dell opera Attenzione alle norme antisismiche Attenzione al contenimento delle spese di manutenzione Risparmio energetico Riduzione delle spese di gestione del riscaldamento Riduzione del consumo idrico Soluzioni architettoniche Dovendo garantire l appetibilità del bene da parte dell utente finale per lunghi periodi, vengono ricercate soluzioni architettoniche di pregio.

6 LA STRUTTURA DEL FONDO CDeP Investimenti SGR ISTITUTRICE DEL FONDO INVESTITORE PRIVATO Pessina Costruzioni tramite l apporto degli interventi: VIA VOLTRI - MILANO PIETRALATA ROMA SOGGETTI INVESTITORI FONDO INVESTIMENTI PER L ABITARE - FIA CDP INVESTIMENTI SGR 40%-60% dell equity ALTRI INVESTITORI che ad oggi hanno mostrato interesse: FONDAZIONE CARIPLO Unicredit Foundation FONDO SOCIAL HOUSING MILANO/ROMA MIL

7 IL PROGETTO DI MILANO - VIA VOLTRI Il progetto di Milano Voltri è localizzato nel quadrante sudest di Milano (zona Barona), a circa 500 m dalla linea 2 della metropolitana, fermata Famagosta. Il progetto è il risultato dell aggiudicazione della gara indetta dal Comune di Milano per la selezione di operatori cui concedere aree di proprietà comunale per la realizzazione di interventi di edilizia sociale (detto bando delle 8 aree). Il progetto prevede la costruzione di 319 appartamenti per una superficie totale pari a mq, dislocati su 6 corpi di fabbrica, con un area a verdi pari a circa 9.000mq

8 IL PROGETTO DI MILANO - VIA VOLTRI - TIMETABLE 1) Firma della convenzione con il Comune 2) Permesso di Costruire- Completamento iter urbanistico 3) Avvio lavori 4) Gli interventi saranno completati in 2 anni 5) Avvio vendite degli alloggi in edilizia Convenzionata 6) Completamento delle vendite 7) Inizio della gestione degli alloggi in locazione

9 IL PROGETTO DI MILANO - VIA VOLTRI - INQUADRAMENTO TERRITORIALE All'interno dei quartiere si trova anche una delle più importanti Aziende Ospedaliere milanesi, l Ospedale San Paolo e ben tre istituti universitari: un distaccamento del polo di Medicina della statale (all'interno del San Paolo) lo IULM e la N.A.B.A. (Nuova Accademia delle Belle Arti), inoltre è presente il Collegio di Milano. Il quartiere può vantare vari campi sportivi, in particolare è presente in via lago di Nemi il Centro Sportivo Lega Nazionale Dilettanti "Franco Bettinelli" che si estende su un'area di oltre metri quadrati. Inoltre in via San Paolino 9 è presente una struttura fornita di un campo da calcio a 11 regolamentare FIGC, un campo da calcetto a 7 e due campi da calcetto a 5, tutti disponibili per coloro che vogliono affittarli. L'impianto è anche sede della squadra A. S. Barona 1971.

10 IL PROGETTO DI MILANO - VIA VOLTRI - caratteristiche architettoniche e impiantistiche ALLOGGI: 57 appartamenti in affitto sociale 56 appartamenti in affitto a canone moderato 13 appartamenti in affitto convenzionato/patto futura vendita 193 appartamenti in vendita convenzionata a 1940 /mq (prezzo 2008, a cui aggiungere rivalutazione ISTAT, adeguamenti sismici, ecc) Ogni appartamento sarà dotato di almeno una loggia o balcone. Gli appartamenti al piano terreno avranno un giardino privato. Gli attici saranno dotati di terrazzi. Ogni appartamento sarà dotato di areazione forzata, oltre a quella naturale. Ogni appartamento è dotato di grandi vetrate nella zona giorno, superando abbondantemente i limiti di illuminazione imposti dalla normativa. Grande importanza è stata data al verde e alla dotazione di servizi: Centro Aggregativo giovanile spazio di circa 680 mq Servizi alla famiglia spazio dedicato 200 mq Servizi per adulti in difficoltà spazio dedicato 120 mq

11 IL PROGETTO DI MILANO - VIA VOLTRI - Le residenze Le residenze Le residenze sono distribuite secondo tre coppie di edifici strategicamente disposte. Le prime due a cessione convenzionata sono poste a nord. Sviluppate secondo la tipologia a torre si distribuiscono su dieci piani con una offerta abitativa variegata. Poste su un basamento con giardini pensili che contiene i parcheggi pertinenziali incanalano il giardino esistente ripartendolo verso sud; inoltre con la loro giacitura allineata a quella degli edifici su via Ovada sembrano volere diluire il passo della cortina edificata all interno del nuovo spazio aperto progettato. La terza coppia di edifici distribuisce le residenze in affitto a canone moderato e quelle a canone sociale. Gli edifici posti sul limite sud seguono la modellazione che asseconda il tracciato tra la via di Rudinì e via Voltri rafforzando l angolo secondo i modi della città per isolati quasi a contenere tutto il progetto. I due edifici racchiudono uno spazio pubblico formato da una leggera colmata a prato con alberi e fiori che, contornata da percorsi pedonali di distribuzione alla residenza, trova continuità di tracciato tra le torri poste a nord-est dell impianto. Questo assetto generale dei volumi di progetto permette una permeabilità spaziale sia nella direzione nord-sud sia in quella trasversale aprendo inedite prospettive e favorendo la percezione e l uso delle fasce a verde del sistema degli spazi aperti. Le residenze in affitto a canone moderato e sociale Il nucleo abitativo che segue la giacitura della curva su via Voltri è costituito da due edifici simmetrici e rovesciati di case a ballatoio che differiscono in alcuni elementi: trattamento del ballatoio e tipologie di alloggio. Nell edificio a canone moderato l uso di questa tipologia non è dovuto al valore di socializzazione che la tradizione attribuisce al ballatoio nelle sue forme canoniche, ma piuttosto apre possibilità distributive per tagli di alloggio differenti. In particolare i percorsi di risalita esterni si dispiegano sulla facciata costruendo uno spessore in cui i ballatoi e la scala giocano un ruolo strategico: il primo, di lunghezza controllata, si trasforma nelle sue parti terminali in balconi delle unità abitative, si allarga per formare piazzole in adiacenza degli ascensori; la seconda intercetta i ballatoi in punti diversi attribuendo loro, oltre che funzione distributiva agli alloggi, quella di pianerottolo per le rampe della scala.

12 IL PROGETTO DI MILANO - VIA VOLTRI - I servizi

13 IL PROGETTO DI MILANO - VIA VOLTRI - DATI ECONOMICI TUTTA EQUITY Fonti ed utilizzi Fonti Equity 84% ,00 Contributo Regionale 13% ,00 Autofinanziamento 3% ,00 Debito 0% - Totale Fonti ,00 Utilizzi Area ,00 Costi di Costruzione ,00 Totale Utilizzi ,00 Sottoscrizione Equity Fondo Investimenti per l'abitare ,00 Pessina Costruzioni ,00 Altri Investitori Istituzionali ,00 Totale equity ,00

14 IL PROGETTO DI MILANO - VIA VOLTRI - DATI ECONOMICI CON 10 MIL DI DEBITO Fonti ed utilizzi Fonti Equity 60% ,00 Contributo Regionale 13% ,00 Autofinanziamento 3% ,00 Debito 24% ,00 Totale Fonti ,00 Utilizzi Area ,00 Costi di Costruzione ,00 Totale Utilizzi ,00 Sottoscrizione Equity Fondo Investimenti per l'abitare ,00 Pessina Costruzioni ,00 Altri Investitori Istituzionali ,00 Totale equity ,00

Fondo Investimenti per l Abitare

Fondo Investimenti per l Abitare Fondo Investimenti per l Abitare Stato di avanzamento Incontro DSC Roma, 18 gennaio 2014 Fondo Investimenti per l Abitare (FIA) Il FIA è stato istituto per realizzare interventi di Edilizia Privata Sociale

Dettagli

Housing Sociale in Friuli Venezia Giulia

Housing Sociale in Friuli Venezia Giulia Fare clic per Housing Sociale in Friuli Venezia Giulia Relatore: Prof. Ing. Edino Valcovich Correlatore: Laureando: Introduzione Premessa Social Housing Housing Sociale Edilizia Residenziale Pubblica (ERP)

Dettagli

Fondo Housing Toscano

Fondo Housing Toscano Fondo Housing Toscano HOUSING SOCIALE_ Definizione Nuova offerta di alloggi e servizi con forte connotazione sociale per coloro che non riescono a soddisfare il proprio bisogno abitativo sul mercato per

Dettagli

Dall edilizia residenziale pubblica al social housing

Dall edilizia residenziale pubblica al social housing Dall edilizia residenziale pubblica al social housing **** Fondi Immobiliari e Housing Sociale FORUM PA 2010 Roma, 20 maggio 2010 1 Premessa Per Social Housing, si intende l insieme delle iniziative e

Dettagli

febbraio 2011 Il sistema dei Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale

febbraio 2011 Il sistema dei Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale Il Sistema Integrato dei Fondi immobiliari per l edilizia privata Sociale FONDI IMMOBILIARI E HOUSING SOCIALE Roberto Brustia CBA Studio Legale e Tributario febbraio 2011 Premessa Per Social Housing si

Dettagli

Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale

Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale IL FONDO INVESTIMENTI PER L ABITARE NEL SISTEMA INTEGRATO DI FONDI Stefano Brancaccio febbraio 2011 Il contesto di riferimento Con

Dettagli

Attività di CDP Investimenti Sgr nell edilizia sociale. Torino, 4 Febbraio 2010

Attività di CDP Investimenti Sgr nell edilizia sociale. Torino, 4 Febbraio 2010 Attività di CDP Investimenti Sgr nell edilizia sociale Torino, 4 Febbraio 2010 Premessa Nel febbraio 2009 Cassa Depositi e Presiti Spa (CDP), ACRI ed ABI hanno costituito CDP Investimenti Sgr S.p.A. (CDPI

Dettagli

Gli esiti del sondaggio sull Housing Sociale nel territorio bassanese Bassano del Grappa, 17 aprile 2015

Gli esiti del sondaggio sull Housing Sociale nel territorio bassanese Bassano del Grappa, 17 aprile 2015 Gli esiti del sondaggio sull Housing Sociale nel territorio bassanese Bassano del Grappa, 17 aprile 2015 Opportunità socioeconomica per rilanciare il settore edile, il mercato immobiliare e quello degli

Dettagli

Il FONDO Housing Sociale Italia Centrale e Palazzo Sgariglia di Ascoli Piceno

Il FONDO Housing Sociale Italia Centrale e Palazzo Sgariglia di Ascoli Piceno Il FONDO Housing Sociale Italia Centrale e Palazzo Sgariglia di Ascoli Piceno Nel 2011 ad iniziativa di Fondazione Tercas e Fondazione CARISAP è stato istituito il Fondo Housing Sociale (HS) Italia Centrale,

Dettagli

NOTA TECNICA SUL PIANO CASA

NOTA TECNICA SUL PIANO CASA NOTA TECNICA SUL PIANO CASA L art. 11 della legge 133/08 ha inteso rilanciare un Piano Casa per realizzare un offerta di alloggi in proprietà e in locazione prima casa nelle aree di bisogno abitativo,

Dettagli

NEL MEZZO DEL CAMMIN : IL SOCIAL HOUSING, A CHE PUNTO SIAMO? Angela Airoldi

NEL MEZZO DEL CAMMIN : IL SOCIAL HOUSING, A CHE PUNTO SIAMO? Angela Airoldi NEL MEZZO DEL CAMMIN : IL SOCIAL HOUSING, A CHE PUNTO SIAMO? Angela Airoldi Responsabile Area Economia Urbana e Immobiliare CERTeT Università L. Bocconi Ricercatore senior Gruppo CLAS 8 giugno 2011, fieramilano

Dettagli

SOCIAL HOUSING E FONDI IMMOBILIARI

SOCIAL HOUSING E FONDI IMMOBILIARI SOCIAL HOUSING E FONDI IMMOBILIARI Milano, 26 Novembre 2010 L intervento pubblico: principi di intervento Nel contesto odierno l intervento pubblico deve essere finalizzato a : Individuare soluzioni per

Dettagli

Livio Cassoli Responsabile Investimenti CDP Investimenti SGR S.p.A. Bologna, 15 Novembre 2012

Livio Cassoli Responsabile Investimenti CDP Investimenti SGR S.p.A. Bologna, 15 Novembre 2012 Il Fondo Investimenti per l Abitare gestito da CDP Investimenti Sgr I criteri seguiti per verificare l ammissibilità delle proposte di investimento nei fondi immobiliari locali Livio Cassoli Responsabile

Dettagli

Evoluzione del mercato immobiliare: fondi immobiliari per l'housing sociale

Evoluzione del mercato immobiliare: fondi immobiliari per l'housing sociale Evoluzione del mercato immobiliare: fondi immobiliari per l'housing sociale 17 Ottobre 2012 Giacomo Morri, Topic Leader Real Estate BAA, Docente SDA Bocconi Paola Delmonte, Dirigente CDP Investimenti SGR,

Dettagli

Veneto Casa. Storia e prospettive future 19/11/2012. Fondo di Investimento Immobiliare Etico per l Housing Sociale.

Veneto Casa. Storia e prospettive future 19/11/2012. Fondo di Investimento Immobiliare Etico per l Housing Sociale. 19/11/2012 Veneto Casa Fondo di Investimento Immobiliare Etico per l Housing Sociale Storia e prospettive future 15 Novembre 2012 I.I. BENI Beni STABILI Stabili Gestioni GESTIONI S.P.A S.P.A. SGR - SGR

Dettagli

L Attività di CDP Investimenti Sgr e del Fondo Investimenti per l Abitare

L Attività di CDP Investimenti Sgr e del Fondo Investimenti per l Abitare CREDITO AL CREDITO: IL MERCATO DEL CREDITO TRA SVILUPPO ECONOMICO ED EQUITÀ SOCIALE L Attività di CDP Investimenti Sgr e del Fondo Investimenti per l Abitare ABI Palazzo Altieri Roma, 24 novembre 2010

Dettagli

IMMOBILIARE & SOCIAL HOUSING

IMMOBILIARE & SOCIAL HOUSING IMMOBILIARE & SOCIAL HOUSING IMMOBILIARE & SOCIAL HOUSING IMMOBILIARE & SOCIAL HOUSING EDILIZIA PRIVATA SOCIALE, LA SFIDA DEI FONDI IMMOBILIARI (AGI) - Palermo, 8 mar. - Si e' svolto oggi presso la Fondazione

Dettagli

che il Comune assume la definizione di alloggio sociale così come previsto dal decreto ministeriale 22 aprile 2008 (G.U. 146 del 24.06.

che il Comune assume la definizione di alloggio sociale così come previsto dal decreto ministeriale 22 aprile 2008 (G.U. 146 del 24.06. CDP Investimenti SGR ACER REGGIO EMILIA Prot. n. 3293 AVVISO PER LA RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI D'INTERESSE PER LA POSSIBILE CESSIONE DI IMMOBILI O INTERVENTI DI EDILIZIA RESIDENZIALE SOCIALE AD UN FONDO

Dettagli

Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale IL FONDO INVESTIMENTI PER L ABITARE NEL SISTEMA INTEGRATO DI FONDI

Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale IL FONDO INVESTIMENTI PER L ABITARE NEL SISTEMA INTEGRATO DI FONDI Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale IL FONDO INVESTIMENTI PER L ABITARE NEL SISTEMA INTEGRATO DI FONDI Stefano Marchettini Marzo 2011 Contenuti del documento Il mercato

Dettagli

CASA INTEGRA - BOCCALEONE UN OPPORTUNITÀ ABITATIVA TRA LA CITTÀ E IL QUARTIERE

CASA INTEGRA - BOCCALEONE UN OPPORTUNITÀ ABITATIVA TRA LA CITTÀ E IL QUARTIERE CASA INTEGRA - BOCCALEONE UN OPPORTUNITÀ ABITATIVA TRA LA CITTÀ E IL QUARTIERE AVVISO PUBBLICO PER LA RACCOLTA DI CANDIDATURE PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE MODERATO E CON PATTO DI

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE MODIFICA DELL'ART. 14 DELLA CONVENZIONE RELATIVA ALLA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA COSTRUTTIVO, CON CRITERI BIO ED ECOSOSTENIBILI, LOCALIZZATO AI SENSI DELL'ART. 51 DELLA LEGGE N. 865/71 IN LOCALITA' BELLOCCHI

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 400 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Promozione del progetto per la costituzione del Fondo di Housing Sociale Trentino

Dettagli

Una risposta alla questione abitativa a Roma: l abitare, non solo case. Conferenza stampa - 27 Aprile 2015

Una risposta alla questione abitativa a Roma: l abitare, non solo case. Conferenza stampa - 27 Aprile 2015 Una risposta alla questione abitativa a Roma: l abitare, non solo case Conferenza stampa - 27 Aprile 2015 Famiglie e abitazioni a Roma 1971 2001 2011 Popolazione 2.781.993 2.546.804 2.617.465 Anziani per

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA STIPULA DEI CONTRATTI DI LOCAZIONE COMUNE DI LIVORNO

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA STIPULA DEI CONTRATTI DI LOCAZIONE COMUNE DI LIVORNO Stipulato in data 14 marzo 2007- Prot. gen. 26339 del 02.04.2007 PROTOCOLLO DI INTESA PER LA STIPULA DEI CONTRATTI DI LOCAZIONE (ex art. 2, comma 3 e art. 5, commi 1, 2 e 3 Legge 09.12.1998 n 431) COMUNE

Dettagli

offrire un abitazione migliore a chi già abita nell immobile da decenni e che costituisce la memoria storica del luogo.

offrire un abitazione migliore a chi già abita nell immobile da decenni e che costituisce la memoria storica del luogo. IL PROGETTO Il progetto Maison du monde è realizzato grazie al Fondo Immobiliare di Lombardia e si propone di recuperare e valorizzare un edificio collocato in Via Padova 36, realizzando e offrendo alloggi

Dettagli

Estimo UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTA DI INGEGNERIA. Income approach. M. Ciuna, M. Simonotti

Estimo UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTA DI INGEGNERIA. Income approach. M. Ciuna, M. Simonotti UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, AMBIENTALE, AEROSPAZIALE E DEI MATERIALI Estimo Anno accademico 2011-2012 Income approach M. Ciuna, M. Simonotti

Dettagli

Cassa depositi e prestiti

Cassa depositi e prestiti Cassa depositi e prestiti Il Gruppo Cassa depositi e prestiti opera a sostegno della crescita del Paese ed impiega le sue risorse, prevalentemente raccolte attraverso il Risparmio Postale (Buoni fruttiferi

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 2128 del 10 novembre 2014 pag. 1/5

ALLEGATOA alla Dgr n. 2128 del 10 novembre 2014 pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2128 del 10 novembre 2014 pag. 1/5 Giunta Regionale AVVISO PER LA RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI D'INTERESSE PER LA POSSIBILE CESSIONE DI IMMOBILI O INTERVENTI

Dettagli

Allegati alle NTA. C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale

Allegati alle NTA. C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale Allegati alle NTA C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale AGGIORNAMENTI: Decreto del Direttore del Settore Pianificazione Territoriale n. 23 del 31.03.2011 Variante n. 232 approvata

Dettagli

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Stato degli atti dopo il Febbraio 2010: Sono state presentate 90 proposte. L estensione complessiva delle

Dettagli

Investimenti deliberati da CDP Investimenti Sgr per conto del Fondo Investimenti per l Abitare (dati aggiornati al 24 settembre 2014)

Investimenti deliberati da CDP Investimenti Sgr per conto del Fondo Investimenti per l Abitare (dati aggiornati al 24 settembre 2014) Investimenti deliberati da CDP Investimenti Sgr per conto del Fondo Investimenti per l Abitare (dati aggiornati al 24 settembre 2014) Il Fia ha finora assunto complessivamente delibere definitive d investimento

Dettagli

SOMMARIO. Il Piano Nazionale di Edilizia Abitativa: a che punto è la sua attuazione? Il SIFI Sistema Integrato di Fondi Immobiliari

SOMMARIO. Il Piano Nazionale di Edilizia Abitativa: a che punto è la sua attuazione? Il SIFI Sistema Integrato di Fondi Immobiliari SOMMARIO Il Piano Nazionale di Edilizia Abitativa: a che punto è la sua attuazione? Il SIFI Sistema Integrato di Fondi Immobiliari Il Piano Coordinato Altre iniziative Accade in ITALIA: rassegna case studies

Dettagli

PATTO PER LA CASA. Azioni realizzate e prospettive di sviluppo. Giugno 2012

PATTO PER LA CASA. Azioni realizzate e prospettive di sviluppo. Giugno 2012 PATTO PER LA CASA Azioni realizzate e prospettive di sviluppo Giugno 2012 OBIETTIVI Rilanciare l impegno pubblico attraverso una progettualita innovativa qualificata e sostenibile per rispondere concretamente

Dettagli

Viale Giusti, 593 55100 - Lucca Tel. +39 0583 955662 Fax +39 0583 91163 www.repartner.it

Viale Giusti, 593 55100 - Lucca Tel. +39 0583 955662 Fax +39 0583 91163 www.repartner.it Viale Giusti, 593 55100 - Lucca Tel. +39 0583 955662 Fax +39 0583 91163 www.repartner.it Loc. Al Poggione - Via del Poggione Diecimo - Borgo a Mozzano (LU) Tel. +39 0583 835140 Fax. +39 0583 835230 www.ciprianocostruzioni.it

Dettagli

ABITARE A MILANO LA CASA COME SERVIZIO VIA GALLARATE VIA APPENNINI

ABITARE A MILANO LA CASA COME SERVIZIO VIA GALLARATE VIA APPENNINI LA CASA COME SERVIZIO VIA GALLARATE VIA APPENNINI VIA GALLARATE VIA APPENNINNI L intervento di via Gallarate L area di 33.860 mq è compresa in una fascia lunga e stretta tra via Gallarate e via Appennini.

Dettagli

LA CASA CHE SOGNI A 2 PASSI DA TE

LA CASA CHE SOGNI A 2 PASSI DA TE SENIGALLIA LA CASA CHE SOGNI A 2 PASSI DA TE RINASCE UN AREA DI SENIGALLIA Si chiama RESIDENZE SAN SEBASTIANO. Un nome che già appartiene all identità cittadina: San Sebastiano è il nome dell antistante

Dettagli

Decreto legge per l emergenza abitativa presentato dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi

Decreto legge per l emergenza abitativa presentato dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi Decreto legge per l emergenza abitativa presentato dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi Roma, 12 marzo 2014 1 miliardo e 741 milioni per Sostegno all affitto a canone concordato

Dettagli

Analisi comparativa costi di costruzione CASA ATTIVA ØØØ

Analisi comparativa costi di costruzione CASA ATTIVA ØØØ Analisi comparativa costi di costruzione CASA ATTIVA ØØØ Il presente articolo ha lo scopo di evidenziare come, attraverso una ottimizzazione e riorganizzazione del modo di costruire tradizionale, sia possibile

Dettagli

CONFERENZA STAMPA 12/02/2015

CONFERENZA STAMPA 12/02/2015 PROTOCOLLO DI INTESA TRA COMUNE DI BERGAMO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO CDP INVESTIMENTI SGR S.P.A. PER LA RIQUALIFICAZIONE E RICONVERSIONE FUNZIONALE DELLA SEDE STORICA DEGLI OSPEDALI RIUNITI DI

Dettagli

VIVERE VICINI IN VIA VOLTRI AVVISO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE SOCIALE NEL COMUNE DI MILANO VIA VOLTRI

VIVERE VICINI IN VIA VOLTRI AVVISO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE SOCIALE NEL COMUNE DI MILANO VIA VOLTRI VIVERE VICINI IN VIA VOLTRI AVVISO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE SOCIALE NEL COMUNE DI MILANO VIA VOLTRI Ai sensi della Convenzione tra Comune di Milano e Pessina Costruzioni S.P.A.

Dettagli

Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino

Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino 13/288 Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino ASSUNZIONE DI UN FINANZIAMENTO FINALIZZATO ALLA RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO RESIDUO CORRELATO ALLA REALIZZAZIONE DEL CENTRO DEL DESIGN

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia)

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO RELATIVO ALL AREA RICOMPRESA TRA LE VIE GRAMSCI, MAZZINI, BANFI, ED IL CONFINE COL TERRITORIO COMUNALE DI CAVA MANARA

Dettagli

La legislazione regionale in tema di fondi immobiliari per l edilizia privata sociale

La legislazione regionale in tema di fondi immobiliari per l edilizia privata sociale La legislazione regionale in tema di fondi immobiliari per l edilizia privata sociale Le iniziative della Regione Emilia- Romagna per l housing sociale Bologna 15 novembre 2012 Caterina Brancaleoni Nucleo

Dettagli

Dal Saggio Il gestore sociale quale garante della sostenibilità negli interventi di Housing Sociale

Dal Saggio Il gestore sociale quale garante della sostenibilità negli interventi di Housing Sociale Dal Saggio Il gestore sociale quale garante della sostenibilità negli interventi di Housing Sociale Maria Luisa Del Gatto Dipartimento BEST, Politecnico di Milano Giordana Ferri Fondazione Housing Sociale

Dettagli

Art. 41 (Immobili uso abitativo)

Art. 41 (Immobili uso abitativo) Articolo 41 (Incremento del patrimonio immobiliare destinato alla locazione di edilizia abitativa) Per incrementare il patrimonio immobiliare destinato alla locazione di edilizia abitativa, con particolare

Dettagli

Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Decreto Casa.

Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Decreto Casa. Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Ministero delle Infrastrutture Decreto Casa. SOSTEGNO ALL AFFITTO 200 MILIONI DI EURO AL FONDO AFFITTO Ai 100 milioni

Dettagli

FIA - Fondo Investimenti per l Abitare. Made Expo 2015. Milano, 20 Marzo 2015. Strettamente Riservato e Confidenziale

FIA - Fondo Investimenti per l Abitare. Made Expo 2015. Milano, 20 Marzo 2015. Strettamente Riservato e Confidenziale FIA - Fondo Investimenti per l Abitare Made Expo 2015 Milano, 20 Marzo 2015 Strettamente Riservato e Confidenziale 1 Il Fondo Investimenti per l Abitare in sintesi Il Fondo Investimenti per l Abitare («FIA»):

Dettagli

Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Giugno 2009 (Laurea Specialistica 4/s)

Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Giugno 2009 (Laurea Specialistica 4/s) Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Giugno 2009 (Laurea Specialistica 4/s) Tema N.1 Il candidato imposti il progetto di un complesso

Dettagli

Manifattura TABACCHI IL CENTRO CHE VIVE

Manifattura TABACCHI IL CENTRO CHE VIVE Manifattura TABACCHI IL CENTRO CHE VIVE photo Daniele Poltronieri MANIFATTURA TABACCHI TRA MEMORIA E INNOVAZIONE IL CENTRO CHE VIVE Un affascinante angolo di Modena ritorna ai modenesi, destinato a diventare

Dettagli

Consegna dei primi alloggi Aler per gli studenti fuori sede dell Università di Milano-Bicocca

Consegna dei primi alloggi Aler per gli studenti fuori sede dell Università di Milano-Bicocca Consegna dei primi alloggi Aler per gli studenti fuori sede dell Università di Milano-Bicocca Firmata oggi la convenzione, alloggi per 30 studenti Firmata la convenzione tra Aler Milano e l Università

Dettagli

Creare una smart community Giordana FERRI

Creare una smart community Giordana FERRI Creare una smart community Giordana FERRI Milano, 21 marzo 2015 VERSO IL CONDOMINIO SMART Madeexpo 2015, Milano Brescia, 25 febbraio 2015 Edilizia Privata Sociale e Alloggio Sociale Che cosa si intende

Dettagli

Fondi immobiliari e housing sociale

Fondi immobiliari e housing sociale 1 - Social Housing: una nuova frontiera delle politiche abitative Cosa intendiamo per Social Housing? Fondi immobiliari e housing sociale Una nuova frontiera delle politiche abitative 14 Febbraio 2013

Dettagli

SCHEDA INTERVENTO n.10.1.1.1- Riqualificazione urbana e residenziale Edilizia sociale: Immobile di edilizia sociale in Via Barbaroux

SCHEDA INTERVENTO n.10.1.1.1- Riqualificazione urbana e residenziale Edilizia sociale: Immobile di edilizia sociale in Via Barbaroux SCHEDA INTERVENTO n.10.1.1.1- Riqualificazione urbana e residenziale Edilizia sociale: Immobile di edilizia sociale in Via Barbaroux QUADRO CONOSCITIVO Breve descrizione dell intervento Gli interventi

Dettagli

STIMA DEL PIU PROBABILE VALORE DI MERCATO DI APPARTAMENTO

STIMA DEL PIU PROBABILE VALORE DI MERCATO DI APPARTAMENTO Direzione Regionale per la Lombardia STIMA DEL PIU PROBABILE VALORE DI MERCATO DI APPARTAMENTO Via dei Pini 7, Pieve Emanuele (MI) scala G, 4 piano, int. 7 Indice ASPETTI GENERALI... 2 Pag.1/7 ESTREMI

Dettagli

I suddetti limiti tengono conto della Sentenza della Corte Costituzionale n 236 del 18/6/1987.

I suddetti limiti tengono conto della Sentenza della Corte Costituzionale n 236 del 18/6/1987. ACCORDO TERRITORIALE PER IL COMUNE DI ROMA ( sottoscritto 04/01/2004, e depositato il 05/02/2004 prot. n. 385/Assessorato alle Politiche abitative) in attuazione delle Legge 9 dicembre 1998 n. 431 e del

Dettagli

CONVEGNO CASA IMMIGRATI.

CONVEGNO CASA IMMIGRATI. CONVEGNO CASA IMMIGRATI. Percorsi possibili Il contesto attuale Nello studio sugli insediamenti degli immigrati nella nostra provincia, si deduce che è avvenuto in modo omogeneo nell intero territorio

Dettagli

Complesso Residenziale Carducci. Viale Carducci 34-36 Abitare la Modernità nel Centro Storico

Complesso Residenziale Carducci. Viale Carducci 34-36 Abitare la Modernità nel Centro Storico Complesso Residenziale Carducci Viale Carducci 34-36 Abitare la Modernità nel Centro Storico Complesso Residenziale Carducci Abitare la Modernità nel Centro storico a Imola il progetto La riqualificazione

Dettagli

30 gennaio 2013. Il Dg Marco Sangiorgio alla Conferenza stampa di presentazione del bando per l assegnazione di 98 appartamenti Parma Social House

30 gennaio 2013. Il Dg Marco Sangiorgio alla Conferenza stampa di presentazione del bando per l assegnazione di 98 appartamenti Parma Social House Dossier Stampa a cura dell Ufficio stampa 30 gennaio 2013 Il Dg Marco Sangiorgio alla Conferenza stampa di presentazione del bando per l assegnazione di 98 appartamenti Parma Social House Parma, Residenza

Dettagli

Piano nazionale di edilizia abitativa

Piano nazionale di edilizia abitativa ALLEGATO Piano nazionale di edilizia abitativa Art. 1 (Linee d intervento) 1. Il piano è articolato in sei linee di intervento, di seguito indicate: a) costituzione di un sistema integrato nazionale e

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE LOMBARDIA I SEM 2013

MERCATO IMMOBILIARE LOMBARDIA I SEM 2013 MERCATO IMMOBILIARE LOMBARDIA I SEM 2013 Nelle province della Lombardia il calo più sensibile dei prezzi si è registrato a Cremona ( 8,2%), a seguire Bergamo ( 7,2%), Lecco ( 6,6%) e Monza ( 6%). Milano

Dettagli

COMUNE DI MONZA PIANO ATTUATIVO. AREA SISTEMA RESIDENZIALE Via della Birona_via Perosi

COMUNE DI MONZA PIANO ATTUATIVO. AREA SISTEMA RESIDENZIALE Via della Birona_via Perosi COMUNE DI MONZA PIANO ATTUATIVO AREA SISTEMA RESIDENZIALE Via della Birona_via Perosi Allegato F Relazione Tecnica Novembre 2014_Gennaio 2015_Luglio 2015 Pietro Giulio Malvezzi Architetto Paola Cambiaghi

Dettagli

APPLICABILE NEL COMUNE DI FIRENZE

APPLICABILE NEL COMUNE DI FIRENZE ACCORDO TERRITORIALE SULLE LOCAZIONI ABITATIVE APPLICABILE NEL COMUNE DI FIRENZE Sottoscritto il 18.05.2009 In attuazione dell art. 2, comma 3 Legge 431/1998 e art. 5 c. 2 L.431/98 Decreto Ministero delle

Dettagli

Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca. Milano - Monza - Cinisello Balsamo

Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca. Milano - Monza - Cinisello Balsamo Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca Milano - Monza - Cinisello Balsamo Residenza Universitaria denominata U10.2 Piazza dell Ateneo Nuovo, 2 Milano Superficie totale Alloggi

Dettagli

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA NOTA ANCAb SUL PIANO CASA Il Piano Casa del Governo, istituito dall art. 11 della legge n 133 del 2008, rivolto all incremento del patrimonio immobiliare ad uso abitativo attraverso l offerta di abitazioni

Dettagli

SOCIAL HOUSING: IL QUADRO NORMATIVO IL NUOVO ANNO INIZIA MALE

SOCIAL HOUSING: IL QUADRO NORMATIVO IL NUOVO ANNO INIZIA MALE SOCIAL HOUSING: IL QUADRO NORMATIVO IL NUOVO ANNO INIZIA MALE E il 3 gennaio 2012, quasi il primo giorno lavorativo del nuovo anno, quando arriva il comunicato della Corte dei Conti. Il Piano Casa non

Dettagli

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo 1. L area disciplinata dal presente Piano Particolareggiato è quella perimetrata nella cartografia del R.U. vigente nel Comune di Colle VE ed identificata

Dettagli

Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1

Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1 Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1 2. DESCRIZIONE E IDENTIFICAZIONE DELL UNITÀ IMMOBILIARE 2.1 Caratteristiche estrinseche dell edificio in cui è ubicata l unità immobiliare L

Dettagli

I BENI DELL ATAC IL CASO DELL EX RIMESSA VITTORIA

I BENI DELL ATAC IL CASO DELL EX RIMESSA VITTORIA Casa dell Architettura - Roma 24 gennaio 2013 USO PUBBLICO DELLE CASERME progetti di città nelle aree militari in dismissione I BENI DELL ATAC IL CASO DELL EX RIMESSA VITTORIA Coordinamento Cittadino Progetto

Dettagli

HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE

HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi F/01_FASCICOLO 1_DESCRIZIONE DELLA RICERCA Indice 1. La ricerca 2. Gli obiettivi

Dettagli

Indici e parametri urbanistici

Indici e parametri urbanistici Collegamento con ciclopedonali esistenti Ambito 14.000 mq Collegamento con via Pertini e la rotonda Indici e parametri urbanistici sup. territoriale 14.158 mq sup. fondiaria totale 6240 mq sup. fondiaria

Dettagli

CROTONE. www.iridegroup.it. Appartamenti tagliati e costruiti... su misura per te

CROTONE. www.iridegroup.it. Appartamenti tagliati e costruiti... su misura per te CROTONE www.iridegroup.it Appartamenti tagliati e costruiti... su misura per te Indice: 01- Il Gruppo 02 - La Filosofia dell Intervento 03 - Il Progetto 04 - La Posizione 05 - Gli Interni 06 - Scheda

Dettagli

attività sociali per gli abitanti della zona.

attività sociali per gli abitanti della zona. L area ove è ubicato l immobile è individuata dal Piano Regolatore Generale del Comune di Firenze quale Zona G sottozona G1: aree destinate ad attrezzature sportive, esistenti. I lavori in oggetto riguardano

Dettagli

02/ complesso polivalente /roma/ ragosta real estate

02/ complesso polivalente /roma/ ragosta real estate 02/ complesso polivalente /roma/ ragosta real estate via tuscolana via casilina complesso polivalente torre spaccata via casilina tor bella monaca via casilina via tuscolana giardinetti tor vergata cinecittà

Dettagli

Il progetto è cofinanziato dal Sif fondo previsto dal Piano casa HOUSING SOCIALE A PARMA LA PRIMA INIZIATIVA A PARTIRE IN ITALIA

Il progetto è cofinanziato dal Sif fondo previsto dal Piano casa HOUSING SOCIALE A PARMA LA PRIMA INIZIATIVA A PARTIRE IN ITALIA HOUSING SOCIALE A PARMA LA PRIMA INIZIATIVA A PARTIRE IN ITALIA Attualità Alloggi 852 Superficie lorda utile 63mila mq Aree della città coinvolte 7 Servizi locali e urbani 1.400 mq Servizi integrativi

Dettagli

ANALISI E PROSPETTIVE DELLA CRISI ABITATIVA A GENOVA

ANALISI E PROSPETTIVE DELLA CRISI ABITATIVA A GENOVA Convegno ANALISI E PROSPETTIVE DELLA CRISI ABITATIVA A GENOVA Genova 5 Marzo 2013 Salone di rappresentanza di Palazzo Tursi INDICE DEGLI ARGOMENTI Introduzione al problema della casa pagina 3 Dati edilizia

Dettagli

Finint ha incaricato quale soggetto che fungerà da Gestore Sociale la Società Consortile C.A.S.A. FVG (di seguito Gestore Sociale )

Finint ha incaricato quale soggetto che fungerà da Gestore Sociale la Società Consortile C.A.S.A. FVG (di seguito Gestore Sociale ) AVVISO PER LA RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE A SPORTELLO Alloggi in locazione nel sito AbitaPordenone Non solo una casa Viale Grigoletti 92-94/A - Pordenone PREMESSA Il Fondo Immobiliare Housing

Dettagli

CASA E LAVORO: LE PRIORITÀ CONDIVISE

CASA E LAVORO: LE PRIORITÀ CONDIVISE La trasparenza nelle Istituzioni: FACCIAMO IL PUNTO SULL ATTIVITÀ DI GOVERNO Aggiornato al 28 agosto 2013 IL GOVERNO LETTA E LA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO: CASA E LAVORO: LE PRIORITÀ CONDIVISE Nelle pagine

Dettagli

Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Decreto Casa.

Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Decreto Casa. Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Ministero delle Infrastrutture Decreto Casa. 200 MILIONI DI EURO AL FONDO AFFITTO Ai 100 milioni di euro già stanziati

Dettagli

COS E UNA COOPERATIVA EDILIZIA?

COS E UNA COOPERATIVA EDILIZIA? COS E UNA COOPERATIVA EDILIZIA? Una cooperativa edilizia di abitazione è una società a responsabilità limitata, alla quale aderiscono dei soci allo scopo principale di realizzare un intervento costruttivo

Dettagli

Piano Regolatore Generale NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ALLEGATO 2. Schede urbanistiche relative alle Unità Minime di Intervento

Piano Regolatore Generale NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ALLEGATO 2. Schede urbanistiche relative alle Unità Minime di Intervento COMUNE DI CESSALTO Provincia di Treviso Piano Regolatore Generale NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ALLEGATO 2 Schede urbanistiche relative alle Unità Minime di Intervento Aggiornamento novembre 2006 N.B.:

Dettagli

Milano Via Besozzi Via Caianello

Milano Via Besozzi Via Caianello Milano Via Besozzi Via Caianello Marzo 2012 i n f o @ d d - i m m o b i l i. c o m w w w. d d - i m m o b i l i. c o m 01 Milano, Via Besozzi Via Caianello Caratteristiche principali Proprietà: Terreno

Dettagli

Il complesso edilizio NEGOZI. Il nuovo segno sul territorio della città di Udine

Il complesso edilizio NEGOZI. Il nuovo segno sul territorio della città di Udine Il complesso edilizio MERIDIANA si compone di 6 piani per un totale di 50 mila metri cubi con tre differenti destinazioni d uso: Spazi commerciali sono disponibili al piano terra e 1 piano Uffici e ambienti

Dettagli

BENVENUTI NEL FUTURO DI ROMA

BENVENUTI NEL FUTURO DI ROMA BENVENUTI NEL FUTURO DI ROMA CITTÀ DEL SOLE È UN INNOVATIVO PROGETTO URBANO ED ARCHITETTONICO NATO CON L INTENTO DI CREARE UN LUOGO CAPACE DI CONCILIARE LA MISURA E LA VIVIBILITÀ DI QUARTIERE CON I CANONI

Dettagli

5. ANALISI SPAZIALE. Distribuzione degli spazi

5. ANALISI SPAZIALE. Distribuzione degli spazi 5. ANALISI SPAZIALE Distribuzione degli spazi L attenzione nella progettazione degli spazi si affianca alla scelta delle tecnologie più evolute per la gestione della qualità ambientale. L edificio è stato

Dettagli

LOCALIZZAZIONE:PIANO DI ZONA B44 TORRESINA 2 ROMA OPERATORE:ROCHESTER UNO CO0PERATIVA EDILIZIA A R.L.

LOCALIZZAZIONE:PIANO DI ZONA B44 TORRESINA 2 ROMA OPERATORE:ROCHESTER UNO CO0PERATIVA EDILIZIA A R.L. LOCALIZZAZIONE:PIANO DI ZONA B44 TORRESINA 2 ROMA OPERATORE:ROCHESTER UNO CO0PERATIVA EDILIZIA A R.L. Andrea Mereu DATI DI PROGETTO: 1. VOLUME FUORI TERRA: MC. 4.760 (calcolato con interpiano di ml.3,20,

Dettagli

DIRITTO ALLO STUDIO E PROMOZIONE DELLE ATTIVITA SPORTIVE

DIRITTO ALLO STUDIO E PROMOZIONE DELLE ATTIVITA SPORTIVE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DIRITTO ALLO STUDIO E PROMOZIONE DELLE ATTIVITA SPORTIVE RIQUALIFICAZIONE ED AMPLIAMENTO DELLE PALESTRE ALL INTERNO DELLE RESIDENZE

Dettagli

Livorno. Via Delle Galere n. 3 Piano 4 int. 10. Sub 450

Livorno. Via Delle Galere n. 3 Piano 4 int. 10. Sub 450 Livorno Via Delle Galere n. 3 Piano 4 int. 10 Sub 450 1. Descrizione e identificazione delle unità immobiliari 2.1 Caratteristiche estrinseche del complesso immobiliare in cui sono ubicate le unità immobiliari

Dettagli

Città di COLOGNO MONZESE. Area Torriani, l ipotesi di progetto per la riqualificazione dell area

Città di COLOGNO MONZESE. Area Torriani, l ipotesi di progetto per la riqualificazione dell area Area Torriani, l ipotesi di progetto per la riqualificazione dell area In questi mesi l Amministrazione ha presentato ai cittadini, nel corso di numerosi incontri pubblici, l ipotesi di riqualificazione

Dettagli

Cassa depositi e prestiti

Cassa depositi e prestiti Cassa depositi e prestiti Cassa depositi e prestiti A sostegno del Paese Cassa depositi e prestiti è l operatore di riferimento per gli Enti pubblici, per lo sviluppo delle opere infrastrutturali, per

Dettagli

Project Financing e confronto con gli altri strumenti di PPP

Project Financing e confronto con gli altri strumenti di PPP PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO PER I SERVIZI DI GESTIONE,VALORIZZAZIONE E RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO DEI COMUNI ROBERTO GIOVANNINI Project Financing e confronto con gli altri strumenti di

Dettagli

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail. Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.com AL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI

Dettagli

ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI -

ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI - ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI - Intervento Manutenzione ordinaria (articolo 6, comma 1, lettera a: articolo 3, comma 1, lettera a) Libero Titolo Eliminazione di barriere architettoniche che

Dettagli

Cenni, una Comunità per Crescere

Cenni, una Comunità per Crescere IL FONDO IMMOBILIARE ETICO PER L EDILIZIA SOCIALE Cenni, una Comunità per Crescere rendering del progetto dello studio Rossi Prodi 1. Cenni, una Comunità per Crescere L intervento di via Cenni, a Milano,

Dettagli

PROFILO ATTIVITA 1946 oggi PAMA Società per Azioni Genova

PROFILO ATTIVITA 1946 oggi PAMA Società per Azioni Genova PROFILO ATTIVITA 1946 oggi PAMA Società per Azioni Genova Palazzo di proprietà e sede sociale in Genova Via Assarotti 17A 1 Sede sociale in Genova via Assarotti 17/A Capitale sociale uro 5.460.000,00 La

Dettagli

1.1. Stato dei luoghi e delle destinazioni d uso. 2.2. Consistenza, destinazioni d uso, conformità alle norme, mobilità

1.1. Stato dei luoghi e delle destinazioni d uso. 2.2. Consistenza, destinazioni d uso, conformità alle norme, mobilità INDICE Premessa 1. Inquadramento dell esistente 1.1. Stato dei luoghi e delle destinazioni d uso 1.2. Aspetti urbanistici 2. Analisi proposta progettuale 2.1. Caratteristiche generali 2.2. Consistenza,

Dettagli

SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E SPORTELLO UNICO PER LE IMPRESE ABBATTIMENTO ALBERI

SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E SPORTELLO UNICO PER LE IMPRESE ABBATTIMENTO ALBERI SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E SPORTELLO UNICO PER LE IMPRESE ABBATTIMENTO ALBERI Deve essere presentata comunicazione relativa all abbattimento degli alberi. Solo nel caso in cui le piante interessate

Dettagli

DOCUMENTO ABI-ANCE PER IL RILANCIO DEL MERCATO IMMOBILIARE

DOCUMENTO ABI-ANCE PER IL RILANCIO DEL MERCATO IMMOBILIARE DOCUMENTO ABI-ANCE PER IL RILANCIO DEL MERCATO IMMOBILIARE Roma, 8 maggio 2013 La crisi che ha colpito il settore delle costruzioni ha avuto effetti particolarmente gravi in alcuni comparti che, tradizionalmente,

Dettagli

MODELLO DI PROGETTO PER : FONDO di INVESTIMENTO IMMOBILIARE. per la RIQUALIFICAZIONE e la COSTRUZIONE. di POLI EDILIZI SCOLASTICI

MODELLO DI PROGETTO PER : FONDO di INVESTIMENTO IMMOBILIARE. per la RIQUALIFICAZIONE e la COSTRUZIONE. di POLI EDILIZI SCOLASTICI MODELLO DI PROGETTO PER : FONDO di INVESTIMENTO IMMOBILIARE per la RIQUALIFICAZIONE e la COSTRUZIONE di POLI EDILIZI SCOLASTICI Partner Scientifico / Professionale POLITECNICO di Milano Dipartimento A

Dettagli

SOCIAL HOUSING: Quadro interpretativo dei metodi e delle esperienze in Italia Torino, 17 maggio 2007

SOCIAL HOUSING: Quadro interpretativo dei metodi e delle esperienze in Italia Torino, 17 maggio 2007 SOCIAL HOUSING: Quadro interpretativo dei metodi e delle esperienze in Italia Torino, 17 maggio 2007 Franco Prizzon Luisa Ingaramo Marco Bagnasacco SOCIAL HOUSING HOUSING Una prima definizione (derivata

Dettagli

Comune di Villaricca Provincia di Napoli. Piano Urbanistico Attuativo zona Social Housing. Norme tecniche di attuazione 1

Comune di Villaricca Provincia di Napoli. Piano Urbanistico Attuativo zona Social Housing. Norme tecniche di attuazione 1 Norme tecniche di attuazione 1 Norme tecniche di attuazione 2 Premessa Le presenti norme sono finalizzate a regolamentare gli interventi edilizi e la realizzazione delle opere di urbanizzazione primaria

Dettagli