Gli strumenti finanziari a disposizione delle aziende esportatrici: buyer e supplier credits. L intervento della banca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli strumenti finanziari a disposizione delle aziende esportatrici: buyer e supplier credits. L intervento della banca"

Transcript

1 Gli strumenti finanziari a disposizione delle aziende esportatrici: buyer e supplier credits. L intervento della banca UniCredit S.p.A. Milano, 23 gennaio 2014 Francesca Beomonte, Head of Structured Trade & Export Finance, Italy

2 L'INTERVENTO DELLE BANCHE CONTESTO NORMATIVO DI RIFERIMENTO BUYER'S CREDIT SUPPLIER'S CREDIT ECA COVERED ASSET FINANCE 2

3 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Quadro Normativo Internazionale Consensus l Unione di Berna Nazionale Delibera CIPE 1999 Decreto 2007 n. 63 Il Supporto pubblico ll Buyer s Credit beneficia in Italia di programmi pubblici di supporto alle esportazioni offerti da due società per azioni controllate indirettamente dallo Stato e preposte al sostegno dell internazionalizzazione delle imprese italiane, quali SACE Spa e SIMEST Spa. Nell ambito del Buyer s Credit : SACE : offre servizi assicurativi per la copertura dei rischi politici e commerciali SIMEST : attraverso un contributo agli interessi permette l applicazione dei tassi CIRR sui finanziamenti concessi dalle banche 3

4 LA NORMATIVA INTERNAZIONALE DI RIFERIMENTO: IL CONSENSUS Accordo tra i Paesi aderenti all OCSE stipulato nel Il principale accordo internazionale che regolamenta le attività pubbliche di sostegno del credito all esportazione è l Arrangement on Guidelines for Officially Supported Export Credit, noto anche come Consensus. Tale accordo stabilito in sede OCSE ha l obiettivo di eliminare, nel contesto del sostegno delle esportazioni, eventuali pratiche non concorrenziali fra gli stati membri dell OCSE ed evitare il deterioramento del credito Contiene LINEE DIRETTRICI IN MATERIA DI CREDITO ALL ESPORTAZIONE e stabiliscono CONDIZIONI UNIFORMI che i paesi membri sono tenuti ad applicare alle operazioni di export credit, tra cui: Quota Anticipata (non inferiore al 15% del valore contrattuale dell operazione) Dilazione da 2 a 10 anni (salvo casi particolari per cui si ammettono durate più lunghe fino a 15 anni) Dilazione fino a 5 anni, estensibile fino a 8,5 anni per i Paesi di 1^ categoria: ad Alto Reddito così definiti dalla Banca Mondiale in base al loro RNL Dilazione fino a 10 anni per i Paesi di 2^ categoria: tutti gli altri paesi Dilazione oltre i 10 anni operazioni riguardanti la costruzione di navi, aerei, centrali elettriche convenzionali e nucleari, project finance e nel settore delle energie rinnovabili e progetti idraulici ) Rimborsi del Credito in rate con cadenza massima semestrale e quota capitale di uguale importo e quota interessi decrescente (deroghe previste per il project finance e altri casi valutati caso per caso) La data di scadenza della prima rata non può superare i sei mesi dal Punto di Partenza del Credito, normalmente la data di accettazione provvisoria degli impianti o dalla data di consegna dei macchinari Tassi di interesse minimi applicabili sono i c.d. CIRR (tassi di interesse di riferimento commerciale). Variano mensilmente e sono comunicati da OCSE. Premi assicurativi premi minimi (dal 1999) Classificazione dei Paesi in 8 categorie (da 0 a 7) Premi minimi dalla categoria 1 alla 7 per copertura di rischi sovrani (minimum premium rates) al di sotto dei quali ciascuna ECA si è impegnata a non scendere 4

5 IL CONSENSUS ACCORDI SETTORIALI All interno del Consensus sono previsti Accordi Settoriali che disciplinano le operazioni in settori specifici Gli Accordi Settoriali sono quattro e prevedono una disciplina che si discosta parzialmente dalle regole generali del Consensus a seconda del tipo di settore che nello specifico sono: Navale Nucleare Aereo (che esclude velivoli militari e simulatori di volo)* Energie rinnovabili e progetti idraulici *nel caso dell accordo relativo al settore aereo (ASU), è prevista l applicazione di CIRR ad hoc 5

6 IL BUYER S CREDIT: Gli Attori ESPORTATORE (SUPPLIER) IMPORTATORE (BUYER) EVENTUALE GARANTE BANCA/BANCHE EROGATRICE/I (talvolta costituite in pool) BANCA AGENTE SACE SIMEST 6

7 IL BUYER S CREDIT : Definizione Il credito acquirente, conosciuto anche con il termine anglosassone "buyer's credit", è un finanziamento a medio/lungo termine normalmente da 2 a 10 anni * accordato da un intermediario finanziario direttamente all'acquirente estero a supporto di un'esportazione italiana. Può essere concesso a: controparti estere sovrane (Stati e organismi statali) enti pubblici esteri non sovrani controparti estere private (corporate o bancarie) per permettere il pagamento all impresa esportatrice dell importo dovuto per: una fornitura di beni (macchinari, impianti etc) servizi, anche collegati alle forniture dei beni l esecuzione di impianti chiavi in mano o esecuzione di lavori Inoltre può essere concesso sia singolarmente sia combinato ad altre forme di finanziamento anche nell ambito di operazioni strutturate. * Durate superiori a 10 anni sono previste in base ai termini del Consensus (es: centrali elettriche convenzionali e nucleari, project finance, energie rinnovabili, ecc.) 7

8 IL BUYER S CREDIT: Tipologie Il Buyer s Credit è uno strumento tailor-made, in quanto strutturato rispetto al profilo e alle caratteristiche di ogni singola operazione commerciale oggetto del finanziamento. Ricordiamo le seguenti tipologie: 1. crediti legati o "TIED, rappresentati da un singolo Loan Agreement, diretti al finanziamento di un singolo specifico contratto commerciale: Il Loan Agreement è il frutto del processo di confronto tra la banca ed il debitore teso a definire tutte le clausole di un contratto di finanziamento, inizialmente basate su standard internazionali (LMA Standard) e successivamente riadattate per riflettere le esigenze delle parti e le specifiche della transazione. 2. crediti aperti "OPEN" o "MULTITIED", utilizzati per finanziare esportazioni verso più compratori destinate ad un determinato Paese ( Framework Agreements ). Con Framework Agreements si intendono i c.d. Accordi Quadro contenenti tutte le previsioni generali che regolano la concessione di un finanziamento e che si applicano a tutti i mini finanziamenti concessi, attraverso l'inclusione nell'accordo quadro per mezzo di uno "Standard Loan Agreement" ("SLA"), a fronte di singoli contratti commerciali. Gli SLA riporteranno i termini specifici/applicabili alle singole operazioni richiamandosi per il resto all Accordo Quadro. 8

9 IL BUYER S CREDIT: Struttura di un Buyer s Credit Multitied o Linea di Credit Open ESPORTATORI Contratto di compravendita Merci e/o Servizi IMPORTATORI Documenti di spedizione Pagamento BORROWER / BANCA Finanziamento Rimborso a scadenza Rifinanziamento ( on-lending ) UniCredit STEF Tasso Agevolato/CIRR (Opzionale) Copertura assicurativa 9

10 IL BUYER S CREDIT: Struttura di un Buyer s Credit Tied Contratto di compravendita Merci e/o Servizi ESPORTATORE DEBITORE GARANTE Documenti di spedizione pagamento UniCredit STEF Rimborso finanziamento Garanzia Tasso Agevolato / CIRR Copertura assicurativa 10

11 CONVENZIONE FINANZIARIA: LE FASI 1. tiraggio o drawdown period : Due periodi temporali: Utilizzo del credito (la richiesta di tiraggio accettata dal debitore viene inviata alla Banca da parte del Debitore o Esportatore) in una o (di solito) più riprese. L importatore/debitore paga solamente gli interessi relativi agli importi utilizzati, mentre l esportatore riesce a reperire la necessaria liquidità per approntare la produzione e completare la commessa Il periodo di utilizzo termina alla data di completamento della fornitura o dell accettazione provvisoria della commessa da parte del debitore estero la durata è direttamente proporzionale alla complessità del bene oggetto della commessa 2. repayment period : il debitore estero rimborsa la quota capitale del finanziamento concesso; la durata del rimborso è in linea con le regole dettate dal Consensus e dall'unione di Berna che stabiliscono durate differenti a seconda della tipologia di fornitura e della categoria Paese a cui appartiene il debitore. 11

12 BUYER S CREDIT Vantaggi per le parti Supporta l offerta commerciale tramite una proposta di finanziamento che risponde alla necessità di un pagamento dilazionato da parte dell importatore estero. Consente all importatore di accedere ad un operazione a M/L termine, a tassi di mercato internazionali, senza ricadute sulle linee di credito accordategli dalle banche locali. Permette di ottenere un pagamento a vista a presentazione dei documenti di spedizione o a fronte di servizi prestati. Rimozione dei rischi di natura politica e commerciale. 12

13 IL SUPPLIER S CREDIT: Gli Attori ESPORTATORE (SUPPLIER) IMPORTATORE (BUYER) EVENTUALE GARANTE/AVALLANTE BANCA SCONTANTE SACE SIMEST 13

14 SUPPLIER S CREDIT : Definizione Il credito fornitore è lo schema contrattuale attraverso il quale il venditore/esportatore del bene concede al compratore di dilazionare il pagamento della fornitura. Diversamente dal credito acquirente, nel credito fornitore la relazione creditizia si instaura tra i due soggetti che sottoscrivono il contratto commerciale. Il credito fornitore soddisfa le esigenze del compratore ma genera le seguenti necessità al venditore: LIQUIDITA e MITIGAZIONE RISCHIO DI CREDITO Ne deriva quindi la necessità da parte del venditore di stipulare, parallelamente al contratto commerciale: un contratto di finanziamento che gli permetta di anticipare i flussi di cassa futuri; e una polizza assicurativa credito fornitore SACE per mitigare il rischio di credito. 14

15 SUPPLIER S CREDIT (con Voltura di Polizza) Schema Merci, servizi, studi e progettazioni COMPRATORE Contratto Commerciale ESPORTATORE Sconto Pro-Soluto UniCredit STEF Cambiali (Promissory Notes/Bills of Exchange) Eventuale Contributo Agevolativo Cambiali (Promissory Notes/Bills of Exchange) 15

16 LO SCONTO PRO-SOLUTO CON VOLTURA DI POLIZZA Requisiti minimali contratto commerciale Requisiti minimali del contratto commerciale richiesti da SACE sono: Incoterms data ultima di spedizione modalità di pagamento Anticipo (Consensus) Elenco cambiali (domicilio) modalità di liberazione degli effetti (deposito fiduciario) entrata in vigore subordinata all'assicurazione SACE dichiarazione di accettazione merce o Acceptance Certificate arbitrato legge che regola il contratto 16

17 SUPPLIER S CREDIT : Vantaggi per l Esportatore Permette di offrire al compratore estero una dilazione dei termini di pagamento che integra l offerta commerciale. Può offrire un vantaggio competitivo rispetto alla concorrenza. Tramite lo smobilizzo del credito, consente l ottenimento di un pagamento cash a fronte di un regolamento dilazionato. Presenta tempi e modalità d istruttoria più leggeri rispetto ad un credito acquirente. E uno strumento particolarmente indicato per le piccole e medie imprese. 17

18 ECA Covered Asset Finance Asset Based Export Credit assistito da una garanzia ECA a copertura dell importo del finanziamento utilizzato normalmente a supporto di forniture relative a specifici settori quali: aircrafts, shipping,ecc PECULIARITA del finanziamento con schema asset based: Il bene finanziato rappresenta la garanzia principale per i finanziatori consentendo di basare la valutazione del profilo di rischio non solo sul merito di credito del debitore ma anche sul pacchetto di garanzie che tale struttura offre e che, di fatto, permette alle banche di detenere, sia pure indirettamente, la proprietà dei beni che viene trasferita all acquirente solo dopo il rimborso integrale del finanziamento. VANTAGGI: La struttura in questione consente pertanto di finanziare anche controparti che, in schemi tradizionali, avrebbero maggiori difficoltà di reperire fonti di finanziamento. 18

19 ECA Covered Asset Finance GLI ATTORI Ad agire nella veste di debitore del Buyer s Credit è una Special Purpose Company ( SPC o Debitore ) che, in qualità di Locatore ( Lessor ) attraverso uno schema di Finance Lease concede in leasing i beni al Locatario ( Lessee ), utilizzatore finale del bene. I PRESUPPOSTI La cessione del contratto di fornitura da parte del compratore al Debitore che quindi acquista la proprietà del bene e contestualmente ne cede il possesso al Locatario attraverso la stipula di un contratto di leasing finanziario. 19

20 Esempio di Security Package copertura assicurativa della ECA; pegno sulle azioni della SPC; ipoteca di primo grado sul bene oggetto del finanziamento; cessione della polizza di assicurazione relativa al bene; cessione della garanzia del produttore (nel contratto commerciale); cessione dei pagamenti e dei diritti derivanti dal contratto di leasing; pegno sul conto corrente del Debitore sul quale vengono accreditati i canoni del leasing; un Remarketing Agreement firmato tra il produttore e la Banca che prevede, in caso di default, l impegno da parte del produttore, su base best effort, a fornire la propria collaborazione alla Banca per l espletamento di tutte le attività e le procedure propedeutiche al recupero del bene, la sua manutenzione e la messa in vendita dello stesso sul mercato secondario al fine di recuperare l importo del credito in essere mediante l incasso del prezzo di vendita del bene (al netto dei costi e delle fees dovute). 20

Università degli Studi di Bergamo

Università degli Studi di Bergamo Università degli Studi di Bergamo Export Finance strumenti di finanziamento delle esportazioni Marco Boido Structured Trade & Export Finance, Italy - Global Transaction Banking Division Unicredit MedioCredito

Dettagli

Carlo de Simone Responsabile Relazioni Istituzionali e Studi

Carlo de Simone Responsabile Relazioni Istituzionali e Studi Il ruolo di SIMEST nelle operazioni di export credit Carlo de Simone Responsabile Relazioni Istituzionali e Studi Milano, 23 gennaio 2014 SIMEST Partner d impresa per la competizione globale Finanziaria

Dettagli

Le opportunità dell export credit Le caratteristiche tipiche del credito fornitore e del credito acquirente

Le opportunità dell export credit Le caratteristiche tipiche del credito fornitore e del credito acquirente Le opportunità dell export credit Le caratteristiche tipiche del credito fornitore e del credito acquirente Milano 23 gennaio 2014 2 Credito Fornitore e Credito Acquirente Un credito all esportazione può

Dettagli

Smobilizzo pro soluto con voltura di polizza SACE

Smobilizzo pro soluto con voltura di polizza SACE Smobilizzo pro soluto con voltura di polizza SACE definizione Lo smobilizzo pro-soluto con voltura di polizza SACE consiste nello sconto pro soluto di effetti cambiari con dilazioni di pagamento dai 2

Dettagli

2. LE BASI DEL SISTEMA DI SOSTEGNO ALL INTERNAZIONALIZZAZIONE

2. LE BASI DEL SISTEMA DI SOSTEGNO ALL INTERNAZIONALIZZAZIONE SOMMARIO 1. DOPO LA CRISI: IL MADE IN ITALY IN UN MERCATO INTERNAZIONALE CHE CAMBIA RAPIDAMENTE 1.1. Introduzione... 3 1.1.1 Le PMI fra definizione e realtà... 3 1.2. Cause e conseguenze della crisi...

Dettagli

Come coprire il rischio di credito con polizze assicurative

Come coprire il rischio di credito con polizze assicurative Come coprire il rischio di credito con polizze assicurative di Giampietro Garioni (*) e Jasmine Zahalka L approfondimento Coprire il rischio di credito nelle esportazioni con pagamento dilazionato (nel

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE A SUPPORTO DELLE IMPRESE

STRUMENTI FINANZIARI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE A SUPPORTO DELLE IMPRESE STRUMENTI FINANZIARI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE A SUPPORTO DELLE IMPRESE Dr. GIANCARLO BIANCHI Trade & Export Finance BANCA POPOLARE DI VICENZA Vicenza, 23 febbraio 2015 Un recente sondaggio ha evidenziato

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di finanziamento Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di finanziamento e di hedging I prestiti sono concessi nell ambito di un predefinito rapporto di fido o di affidamento

Dettagli

Il tuo partner innovativo per l estero

Il tuo partner innovativo per l estero Il tuo partner innovativo per l estero Chi siamo Export Trade Solutions Srl è una società di consulenza che opera in ambito nazionale ed internazionale assistendo le aziende nella loro fase di inserimento

Dettagli

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA LE CONDIZIONI DI SEGUITO PUBBLICIZZATE NON COSTITUISCONO OFFERTA AL PUBBLICO SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione: Iccrea BancaImpresa S.p.A Sede Legale: Via Lucrezia Romana nn. 41/47-00178

Dettagli

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA LE CONDIZIONI DI SEGUITO PUBBLICIZZATE NON COSTITUISCONO OFFERTA AL PUBBLICO SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione: Iccrea BancaImpresa S.p.A Sede Legale: Via Lucrezia Romana nn. 41/47-00178

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Attività e passività finanziarie I prestiti bancari e altre operazioni di finanziamento I prestiti bancari - aspetti generali I prestiti bancari: sono eterogenei

Dettagli

Finanziamento agevolato per la realizzazione di programmi di investimento tramite apertura di strutture all estero in paesi extra UE

Finanziamento agevolato per la realizzazione di programmi di investimento tramite apertura di strutture all estero in paesi extra UE Dott. Sandro Guarnieri Dott. Marco Guarnieri Dott. Corrado Baldini A tutti i sigg.ri Clienti Loro sedi Dott. Cristian Ficarelli Dott.ssa Elisabetta Macchioni Dott.ssa Sara Saccani Dott.ssa Monica Pazzini

Dettagli

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA LE CONDIZIONI DI SEGUITO PUBBLICIZZATE NON COSTITUISCONO OFFERTA AL PUBBLICO SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione: Iccrea BancaImpresa S.p.A Sede Legale: Via Lucrezia Romana n. 41/47-00178

Dettagli

Export e Internazionalizzazione, gli strumenti SACE. 24.06.2011, San Benedetto del Tronto

Export e Internazionalizzazione, gli strumenti SACE. 24.06.2011, San Benedetto del Tronto Export e Internazionalizzazione, gli strumenti SACE 24.06.2011, San Benedetto del Tronto Sosteniamo la competitività delle imprese Offriamo soluzioni per la gestione integrale dei rischi commerciali e

Dettagli

PROFESSIONISTI e IMPRESE VERSO NUOVI MERCATI Focus Emirati Arabi Uniti. Carlo de Simone Responsabile Funzione Relazioni Istituzionali e Studi

PROFESSIONISTI e IMPRESE VERSO NUOVI MERCATI Focus Emirati Arabi Uniti. Carlo de Simone Responsabile Funzione Relazioni Istituzionali e Studi PROFESSIONISTI e IMPRESE VERSO NUOVI MERCATI Focus Emirati Arabi Uniti Carlo de Simone Responsabile Funzione Relazioni Istituzionali e Studi Roma, 14 ottobre 2015 SIMEST Partner d impresa per la competizione

Dettagli

BANCA MPS PER CONFINDUSTRIA LOMBARDIA

BANCA MPS PER CONFINDUSTRIA LOMBARDIA BANCA MPS PER CONFINDUSTRIA LOMBARDIA ASSISTENZA E STRUMENTI PER LA CRESCITA DELL ECONOMIA DEL TERRITORIO Buyer s Credit (Credito Acquirente) Caratteristiche Finanziamento concesso dalla Banca all importatore

Dettagli

Paolo Di Marco Dipartimento Sviluppo & Advisory

Paolo Di Marco Dipartimento Sviluppo & Advisory BUSINESS FOCUS PAESE MAROCCO, UN OPPORTUNITÀ PER LE IMPRESE ITALIANE SALERNO LUNEDÌ 30 MARZO 2015 ORE 15.00 CENTRO CONGRESSI INTERNAZIONALE SALERNO INCONTRA - VIA ROMA, 29 SALERNO INTERTRADE/CAMERA DI

Dettagli

Strumenti di sostegno SIMEST per lo sviluppo sui mercati esteri. Roberto Saporito Referente SIMEST Regione Lazio

Strumenti di sostegno SIMEST per lo sviluppo sui mercati esteri. Roberto Saporito Referente SIMEST Regione Lazio Strumenti di sostegno SIMEST per lo sviluppo sui mercati esteri Roberto Saporito Referente SIMEST Regione Lazio Roma 3 luglio 2014 SIMEST Partner d impresa per la competizione globale Finanziaria controllata

Dettagli

SIMULATORE ETS Manuale d uso per il simulatore virtuale di operazioni di credito fornitore

SIMULATORE ETS Manuale d uso per il simulatore virtuale di operazioni di credito fornitore SIMULATORE ETS Manuale d uso per il simulatore virtuale di operazioni di credito fornitore INDICE 1. COS È IL CREDITO FORNITORE 2 1.1. Le caratteristiche principali di un Credito Fornitore di tipo Corporate

Dettagli

Internazionalizzazione delle PMI Guida pratica all Internazionalizzazione delle PMI. Paolo Di Marco Desk Italia Dipartimento Sviluppo & Advisory

Internazionalizzazione delle PMI Guida pratica all Internazionalizzazione delle PMI. Paolo Di Marco Desk Italia Dipartimento Sviluppo & Advisory Internazionalizzazione delle PMI Guida pratica all Internazionalizzazione delle PMI Paolo Di Marco Desk Italia Dipartimento Sviluppo & Advisory Catania 31 marzo 2014 SIMEST Partner d impresa per la competizione

Dettagli

Il factoring internazionale

Il factoring internazionale Il factoring internazionale Internazionale prefazione Le operazioni di factoring sono in misura crescente effettuate con controparti cedenti e debitrici estere per effetto della crescente internazionalizzazione

Dettagli

Gruppo SACE: strumenti assicurativi e finanziari per l internazionalizzazione delle imprese. Forum d area Asia, 19 giugno 2014

Gruppo SACE: strumenti assicurativi e finanziari per l internazionalizzazione delle imprese. Forum d area Asia, 19 giugno 2014 Gruppo : strumenti assicurativi e finanziari per l internazionalizzazione delle imprese Forum d area Asia, 19 giugno 2014 Gruppo Sosteniamo la competitività delle imprese Credito all esportazione Protezione

Dettagli

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA LE CONDIZIONI DI SEGUITO PUBBLICIZZATE NON COSTITUISCONO OFFERTA AL PUBBLICO SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione: Iccrea BancaImpresa S.p.A Sede Legale: Via Lucrezia Romana n. 41/47-00178

Dettagli

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA LE CONDIZIONI DI SEGUITO PUBBLICIZZATE NON COSTITUISCONO OFFERTA AL PUBBLICO SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione: Iccrea BancaImpresa S.p.A Sede Legale: Via Lucrezia Romana n. 41/47-00178

Dettagli

OGGETTO: SIMEST PARTNER D IMPRESA PER PROGETTI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PROTOCOLLO D INTESA CON CONFIMI INDUSTRIA

OGGETTO: SIMEST PARTNER D IMPRESA PER PROGETTI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PROTOCOLLO D INTESA CON CONFIMI INDUSTRIA OGGETTO: SIMEST PARTNER D IMPRESA PER PROGETTI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PROTOCOLLO D INTESA CON CONFIMI INDUSTRIA COS E Finanziaria che sostiene lo sviluppo delle imprese italiane impegnate a realizzare

Dettagli

LE PMI VERSO I MERCATI ESTERI. Enrica Rubatto Desk Italia. Novara, 10 dicembre 2015

LE PMI VERSO I MERCATI ESTERI. Enrica Rubatto Desk Italia. Novara, 10 dicembre 2015 LE PMI VERSO I MERCATI ESTERI Enrica Rubatto Desk Italia Referente SIMEST per Piemonte e Liguria Novara, 10 dicembre 2015 SIMEST Partner d impresa per la competizione ii globale l Finanziaria controllata

Dettagli

COMITATO DI GESTIONE PER LE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE CIRCOLARE N. 4/2013

COMITATO DI GESTIONE PER LE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE CIRCOLARE N. 4/2013 COMITATO DI GESTIONE PER LE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE CIRCOLARE N. 4/2013 CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SU OPERAZIONI DI CREDITO ALL ESPORTAZIONE AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 31 MARZO

Dettagli

Gli strumenti di SACE a supporto dell internazionalizzazione. Biella, Gennaio 2014 Raoul Ascari, Chief Operating Officer

Gli strumenti di SACE a supporto dell internazionalizzazione. Biella, Gennaio 2014 Raoul Ascari, Chief Operating Officer Gli strumenti di SACE a supporto dell internazionalizzazione Biella, Gennaio 2014 Raoul Ascari, Chief Operating Officer Cosa serve per stare sui mercati globali? 1 Strategia internazionale 2 Solida patrimonializzazione

Dettagli

addossé: un caso pratico

addossé: un caso pratico Il caso pratico 47 di Lara Villani e Pietro Busanelli Busanelli e Associati srl - Reggio Emilia Pianificazione finanziaria L utilizzo del leasing addossé: un caso pratico Analizziamo il caso di un azienda

Dettagli

SCHEDE PRODOTTI SACE S.p.A. 2012

SCHEDE PRODOTTI SACE S.p.A. 2012 SACE Point RISPOSTA IN TEMPO REALE VIA E-MAIL / TELEFONO O SU APPUNTAMENTO INOLTRO RICHIESTE DI INFORMAZIONI E SERVIZI ORGANIZZAZIONE CONGIUNTA DI EVENTI PROMOZIONALI SVILUPPO SINERGIE E NETWORKING CON

Dettagli

FABBISOGNO FINANZIARIO DI GESTIONE Finanziamento BNL Ciclo Produttivo

FABBISOGNO FINANZIARIO DI GESTIONE Finanziamento BNL Ciclo Produttivo FABBISOGNO FINANZIARIO DI GESTIONE Finanziamento BNL Ciclo Produttivo esclusione del settore armamenti, con fatturato annuo fino a 10 Finanziamento a breve termine, con piano di ammortamento e covenant

Dettagli

CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO

CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO GLOSSARIO AFFIDATI (NUMERO) Soggetti (persone fisiche, persone giuridiche, cointestazioni) al nome dei quali siano pervenute, alla data di riferimento, una o più segnalazioni alla Centrale dei rischi a

Dettagli

Assicurazione del credito. Il Pricing to Risk: strumento a supporto delle aziende esportatrici. di Giampietro Garioni (*) e Francesco Lucchese (**)

Assicurazione del credito. Il Pricing to Risk: strumento a supporto delle aziende esportatrici. di Giampietro Garioni (*) e Francesco Lucchese (**) Assicurazione del credito Tecniche Il Pricing to Risk: strumento a supporto delle aziende esportatrici di Giampietro Garioni (*) e Francesco Lucchese (**) Le nostre aziende esportatrici si trovano, oggi,

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI PRATO 11 MAGGIO 2004

CAMERA DI COMMERCIO DI PRATO 11 MAGGIO 2004 CAMERA DI COMMERCIO DI PRATO 11 MAGGIO 2004 S A C E S.p.A. Nata come ente pubblico economico con personalità giuridica, autonomia patrimoniale e di gestione, dal 1 gennaio 2004 si è trasformata in S.p.A.

Dettagli

Fiera Milano 7 maggio 2014. Strumenti di sostegno SIMEST per lo sviluppo sui mercati esteri

Fiera Milano 7 maggio 2014. Strumenti di sostegno SIMEST per lo sviluppo sui mercati esteri IL SISTEMA ITALIA DI SOSTEGNO ALL EXPORT SUI MERCATI EMERGENTI E PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA INDUSTRIALE ITALIANO DELLE RINNOVABILI E DELL EFFICIENZA Fiera Milano 7 maggio 2014 Strumenti di

Dettagli

PROTEGGERE ED INCASSARE I CREDITI VERSO L ESTERO. Reggio Emilia, 25 marzo 2015. Relatore: Rodolfo Baroni

PROTEGGERE ED INCASSARE I CREDITI VERSO L ESTERO. Reggio Emilia, 25 marzo 2015. Relatore: Rodolfo Baroni PROTEGGERE ED INCASSARE I CREDITI VERSO L ESTERO Reggio Emilia, 25 marzo 2015 Relatore: Rodolfo Baroni Export In un contesto domestico con prospettive incerte vendere sui mercati esteri continua ad essere

Dettagli

Enrica Rubatto Dipartimento Sviluppo & Advisory Funzione Desk Italia Torino 10 giugno 2014

Enrica Rubatto Dipartimento Sviluppo & Advisory Funzione Desk Italia Torino 10 giugno 2014 Strumenti di sostegno SIMEST per lo sviluppo sui mercati esteri Enrica Rubatto Dipartimento Sviluppo & Advisory Funzione Desk Italia Torino 10 giugno 2014 MISSIONE SIMEST promuove l internazionalizzazione

Dettagli

SACE Soluzioni assicurative a supporto dell internazionalizzazione focus export credit

SACE Soluzioni assicurative a supporto dell internazionalizzazione focus export credit SACE Soluzioni assicurative a supporto dell internazionalizzazione focus export credit Confindustria Vicenza, 24 ottobre 2013 Paolo Palmieri Senior Account Manager SACE Venice Branch Gruppo SACE SpA Assicurazione

Dettagli

Shipping e Project Finance

Shipping e Project Finance Shipping e Project Finance Operazioni: da semplici a complesse Valutazione rischio controparte (privata o pubblica) Pieno ricorso sull asset Valutazione cash flow Rischi pre e post completion Unsecured

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA LINEE GUIDA AI PRODOTTI CDP PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE E LE ESPORTAZIONI

PROTOCOLLO D INTESA LINEE GUIDA AI PRODOTTI CDP PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE E LE ESPORTAZIONI PROTOCOLLO D INTESA LINEE GUIDA AI PRODOTTI CDP PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE E LE ESPORTAZIONI Associazione Bancaria Italiana, con sede legale in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice Fiscale

Dettagli

CrevalEstero. La tua impresa, senza con ni.

CrevalEstero. La tua impresa, senza con ni. CrevalEstero La tua impresa, senza con ni. 2 CrevalEstero Soluzioni per le imprese globalizzate Indice Il Servizio 4 Le Soluzioni 8 Gli Specialisti 10 3 Il Servizio La globalizzazione delle Piccole e Medie

Dettagli

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA LE CONDIZIONI DI SEGUITO PUBBLICIZZATE NON COSTITUISCONO OFFERTA AL PUBBLICO SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione: Iccrea BancaImpresa S.p.A Sede Legale: Via Lucrezia Romana nn. 41/47-00178

Dettagli

Reagire alla crisi: Credito e Liquidità per Imprese e Famiglie 1 2 3 4 5 7 8 9 LE TUE DOMANDE, LE NOSTRE RISPOSTE

Reagire alla crisi: Credito e Liquidità per Imprese e Famiglie 1 2 3 4 5 7 8 9 LE TUE DOMANDE, LE NOSTRE RISPOSTE Reagire alla crisi: 610 Credito e Liquidità per Imprese e Famiglie 1 2 3 4 5 7 8 9 LE TUE DOMANDE, LE NOSTRE RISPOSTE 10 Reagire alla crisi Se sei un imprenditore e hai bisogno di nuovi finanziamenti o

Dettagli

PACCHETTO INTERNAZIONALIZZAZIONE

PACCHETTO INTERNAZIONALIZZAZIONE AGGIORNATO AL 21 DICMEBRE 2010 PACCHETTO INTERNAZIONALIZZAZIONE Pag. 1. Internazionalizzazione Credit enhancement Finanziamento con garanzia Sace per spese connesse a progetti di espansione sui mercati

Dettagli

Renato Giovannini. Titolo 1. I servizi di finanziamento. Strumenti di finanziamento. Fido e prestiti

Renato Giovannini. Titolo 1. I servizi di finanziamento. Strumenti di finanziamento. Fido e prestiti I servizi di finanziamento 1 Strumenti di finanziamento sterilizzazione attivo securitisation smobilizzo Attivo Imm. mat. Imm. imm. Imm. finan. Mat. Prime Semilav. Prod. finiti Titoli Crediti Cassa Altre

Dettagli

L «Estero»: attività relazionale

L «Estero»: attività relazionale L «Estero»: attività relazionale Consapevoli che l estero si sviluppa sia sul lato domestico, specialmente in una fase iniziale per rafforzare il rapporto banca-cliente, sia sul versante internazionale,

Dettagli

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA LE CONDIZIONI DI SEGUITO PUBBLICIZZATE NON COSTITUISCONO OFFERTA AL PUBBLICO SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione: Iccrea BancaImpresa S.p.A Sede Legale: Via Lucrezia Romana nn. 41/47-00178

Dettagli

FOGLI INFORMATIVI (ai sensi della delibera CICR del 4.3.2003)

FOGLI INFORMATIVI (ai sensi della delibera CICR del 4.3.2003) FOGLI INFORMATIVI (ai sensi della delibera CICR del 4.3.2003) ICCREA BANCAIMPRESA Spa SCONTO PRO-SOLVENDO CON CESSIONE DEI DIRITTI DATI E QUALIFICA DEL SOGGETTO CHE ENTRA IN RAPPORTO CON IL CLIENTE (Banca

Dettagli

Plafond PMI Beni Strumentali (Sabatini bis)

Plafond PMI Beni Strumentali (Sabatini bis) SABATINI BIS 1 SABATINI - BIS Plafond PMI Beni Strumentali (Sabatini bis) Direzione Corporate e Reti Alleate Marzo 2014 2 SABATINI BIS FONTI NORMATIVE Il Plafond PMI - Beni Strumentali si fonda sui seguenti

Dettagli

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A MEDIO-LUNGO TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A MEDIO-LUNGO TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio I FINANZIAMENTI BANCARI A MEDIO-LUNGO TERMINE 1 Finanziamenti Bancari Finanziamenti a breve termine Finanziamenti a medio- lungo termine Operazioni di prestito bancario Operazioni di smobilizzo 2 Definizione

Dettagli

I servizi di finanziamento. Giuseppe G. Santorsola 1

I servizi di finanziamento. Giuseppe G. Santorsola 1 I servizi di finanziamento Giuseppe G. Santorsola 1 Strumenti di finanziamento sterilizzazione attivo securitisation smobilizzo Attivo Imm. mat. Imm. imm. Imm. finan. Mat. Prime Semilav. Prod. finiti Titoli

Dettagli

studio associato zaniboni

studio associato zaniboni N. protocollo: 22/2014 Oggetto: LE MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA PER LA NUOVA SABATINI Le imprese che vogliono accedere al finanziamento e al contributo in conto interessi per l acquisto di beni

Dettagli

SIMEST: Partner d impresa per la competizione globale

SIMEST: Partner d impresa per la competizione globale SIMEST: Partner d impresa per la competizione globale Seminario di preparazione alla Missione Imprenditoriale in Iran Vincenzo Pagano Dipartimento Sviluppo e Advisory Referente SIMEST Area Nord Est Vicenza,

Dettagli

Corporate Presentation SACE BRESCIA 8 luglio 2015. 1 Corporate Presentation

Corporate Presentation SACE BRESCIA 8 luglio 2015. 1 Corporate Presentation Corporate Presentation SACE BRESCIA 8 luglio 2015 1 Corporate Presentation Sosteniamo la competitività delle imprese SACE è una società del Gruppo Cdp attiva nell export credit, nell assicurazione del

Dettagli

STRUMENTO DESCRIZIONE ASPETTI BANCARI ASPETTI FISCALI

STRUMENTO DESCRIZIONE ASPETTI BANCARI ASPETTI FISCALI Mutuo ( a medio/lungo termine, utilizzato per gli investimenti di immobilizzazioni) È un per immobilizzazioni, come l acquisto, la costruzione o la ristrutturazione di immobili, impianti e macchinari.

Dettagli

Anticipo export. 80% del valore della fattura al netto IVA. Può essere in euro o in moneta estera. Fascia A (RT 1-3) 1,50%

Anticipo export. 80% del valore della fattura al netto IVA. Può essere in euro o in moneta estera. Fascia A (RT 1-3) 1,50% Anticipo export L anticipo all esportazione rende disponibili all azienda i mezzi finanziari necessari per la predisposizione della fornitura da vendere all estero, oppure reintegrare i mezzi finanziari

Dettagli

Lo strumento del leasing per il finanziamento delle energie rinnovabili

Lo strumento del leasing per il finanziamento delle energie rinnovabili Lo strumento del leasing per il finanziamento delle energie rinnovabili Marco Martorana, Energy Product Specialist Competence Center for Renewable Energies Roma, 23 Settembre 2010 UNICREDIT LEASING E LE

Dettagli

Corporate Presentation

Corporate Presentation Corporate Presentation SACE Roma, Aprile 2015 1 Corporate Presentation Sosteniamo la competitività delle imprese SACE è una società del Gruppo Cdp attiva nell export credit, nell assicurazione del credito,

Dettagli

3 Export Finance: strumenti per il mercato globale

3 Export Finance: strumenti per il mercato globale 3 Export Finance: strumenti per il mercato globale Il presente lavoro è stato realizzato dal Dott. Domenico Del Sorbo Export Credit Risk Manager Copyright 2007 ASPIN Azienda Speciale Internazionalizzazione

Dettagli

1. Gruppo SACE 3. STRUTTURA. Finanziamenti internazionali alle imprese

1. Gruppo SACE 3. STRUTTURA. Finanziamenti internazionali alle imprese 1. Gruppo SACE SACE è un gruppo assicurativo e finanziario il cui core business si focalizza sull assicurazione del credito, credito all esportazione, protezione degli investimenti, garanzie finanziarie,

Dettagli

COME AFFRONTARE IL NODO DEL RITARDO NEI PAGAMENTI

COME AFFRONTARE IL NODO DEL RITARDO NEI PAGAMENTI VII Panel Osservatorio Legislazione & Mercati SEMPLIFICAZIONE, FISCO, LIQUIDITA : TRE MOSSE PER UNA VERA CRESCITA 1 a sessione COME AFFRONTARE IL NODO DEL RITARDO NEI PAGAMENTI Villa Valmarana Morosini,

Dettagli

Coperture finanziarie a supporto di energie rinnovabili e infrastrutture strategiche

Coperture finanziarie a supporto di energie rinnovabili e infrastrutture strategiche Coperture finanziarie a supporto di energie rinnovabili e infrastrutture strategiche Divisione Nuovi Mercati Rinnovabili e Infrastrutture Strategiche Roma, 15/09/2010 SACE S.p.A è controllata al 100% dal

Dettagli

BNL GRUPPO BNP PARIBAS

BNL GRUPPO BNP PARIBAS BNL GRUPPO BNP PARIBAS Condizioni valide fino al 31 dicembre 2014 SEGMENTO RETAIL (PMI con fatturato < 5 mln e/o aziende prospect di nuova acquisizione BNL fino a 7,5 mln) Linee di credito di breve termine

Dettagli

SCONTO PRO-SOLUTO DEL CREDITO FORNITORE COPERTO DA POLIZZA SACE CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO

SCONTO PRO-SOLUTO DEL CREDITO FORNITORE COPERTO DA POLIZZA SACE CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO Pag. 1 / 6 Foglio Informativo FORNITORE COPERTO DA POLIZZA SACE CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO DESCRIZIONE SERVIZI COLLEGATI E ACCESSORI In generale, lo sconto è un contratto con il quale

Dettagli

BANCA NAZIONALE DEL LAVORO

BANCA NAZIONALE DEL LAVORO BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Segmento Corporate : condizioni indicativamente praticabili per il mese di Novembre 2011 Segmento Retail : condizioni valide dal 01.04.2012 sino al 30.06.2012 SEGMENTO CORPORATE

Dettagli

LE OPPORTUNITA DI BUSINESS OFFERTE DALL ESTERO

LE OPPORTUNITA DI BUSINESS OFFERTE DALL ESTERO LE OPPORTUNITA DI BUSINESS OFFERTE DALL ESTERO 2 Il Credito Cooperativo in Italia 31/12/2013 QM N BCC 385 56,1% Dicembre 2013 N Sportelli 4.454 14% Tot. Dip Credito Coop. 37.000 10,2% Soci 1.173.668 Clienti

Dettagli

Oggetto: LE MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA PER LA NUOVA SABATINI

Oggetto: LE MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA PER LA NUOVA SABATINI Danilo Cortesi A tutti i Clienti Loro sedi Ravenna, 11/04/2014 Circolare informativa n. 7/2014 Oggetto: LE MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA PER LA NUOVA SABATINI Le imprese che vogliono accedere

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo TUTELE DAL RISCHIO DI INSOLVENZA DEI CREDITI EXPORT

Università degli Studi di Bergamo TUTELE DAL RISCHIO DI INSOLVENZA DEI CREDITI EXPORT Università degli Studi di Bergamo lezione 15 TUTELE DAL RISCHIO DI INSOLVENZA DEI CREDITI EXPORT LE GARANZIE BANCARIE 1 L E G A R A N Z I E B A N C A R I E lettere di garanzia (v. lettere di credito):

Dettagli

Operare con l estero: strumenti di riduzione dei rischi e opportunità commerciali

Operare con l estero: strumenti di riduzione dei rischi e opportunità commerciali Operare con l estero: strumenti di riduzione dei rischi e opportunità commerciali Dott. Mario De Luca 27 aprile 2011 COMMERCIO INTERNAZIONALE E RISCHI CONNESSI RISCHI CONNESSI AL COMMERCIO INTERNAZIONALE

Dettagli

Loro sedi. Oggetto: rilevazione dei tassi soglia ai fini anti-usura ex art.207 del Codice Penale

Loro sedi. Oggetto: rilevazione dei tassi soglia ai fini anti-usura ex art.207 del Codice Penale DIVISIONE VIGILANZA Circolare n.43 Spett.li Banche Società Finanziarie Loro sedi San Marino, 18 Maggio 2005 Oggetto: rilevazione dei tassi soglia ai fini anti-usura ex art.207 del Codice Penale Allo scopo

Dettagli

Le attività della SACE a sostegno della internazionalizzazione delle imprese italiane

Le attività della SACE a sostegno della internazionalizzazione delle imprese italiane Le attività della SACE a sostegno della internazionalizzazione delle imprese italiane Forum: dalle Marche alla Croazia un mare di opportunità Ancona (ANCE), 11 febbraio 2011 Antonio Massoli Taddei Divisione

Dettagli

Tavola rotonda Comitato Tecnico Corporate Finance

Tavola rotonda Comitato Tecnico Corporate Finance Tavola rotonda Comitato Tecnico Corporate Finance Mario Gabbrielli Paolo Chiappa Davide D Affronto Lucia Fracassi Mini Bond Principali obiettivi La svolta dei mini bond facilitare e rendere più conveniente

Dettagli

SOLUZIONI PER OPERARE CON L ESTERO

SOLUZIONI PER OPERARE CON L ESTERO SOLUZIONI PER OPERARE CON L ESTERO ORIENTARSI NEL BUSINESS INTERNAZIONALE L attività con l estero rappresenta un area di business di estrema importanza per molte imprese italiane. Operare nei mercati internazionali,

Dettagli

Iccrea BancaImpresa per l Export e l Internazionalizzazione. Settore Agroalimentare

Iccrea BancaImpresa per l Export e l Internazionalizzazione. Settore Agroalimentare Iccrea BancaImpresa per l Export e l Internazionalizzazione Settore Agroalimentare 2 I numeri di Iccrea BancaImpresa Fondata nel 1977 come Agrileasing Banca dal 1999 Dal 10 ottobre 2011 diventa Iccrea

Dettagli

II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI

II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI CONTABILITA GENERALE 16 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 3 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

Corporate Presentation

Corporate Presentation Corporate Presentation SACE BRESCIA 8 luglio 2015 1 Corporate Presentation Sosteniamo la competitività delle imprese SACE è una società del Gruppo Cdp attiva nell export credit, nell assicurazione del

Dettagli

Il prodotto maturity. Factoring around Europe: Italia Espana Brescia, 20-21 settembre 2007

Il prodotto maturity. Factoring around Europe: Italia Espana Brescia, 20-21 settembre 2007 Il prodotto maturity Factoring around Europe: Italia Espana Brescia, 20-21 settembre 2007 Il prodotto maturity: le origini Nella seconda metà degli anni 80, Ifitalia lancia sul mercato italiano il prodotto

Dettagli

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**)

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) PAGINA: 60-64 L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) Nel nuovo contesto derivante dall introduzione di Basilea 2 l analisi dei

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI PER LE IMPRESE ATTIVE SUI MERCATI INTERNAZIONALI

GLI STRUMENTI FINANZIARI PER LE IMPRESE ATTIVE SUI MERCATI INTERNAZIONALI GLI STRUMENTI FINANZIARI PER LE IMPRESE ATTIVE SUI MERCATI INTERNAZIONALI Pag. 2 L internazionalizzazione è una delle priorità principali per le imprese italiane. Alla nostra Banca il compito di supportare

Dettagli

LA GESTIONE FINANZIARIA

LA GESTIONE FINANZIARIA LA GESTIONE FINANZIARIA I finanziamenti sono le fonti delle risorse necessarie all azienda per svolgere la sua attività. Con i finanziamenti le imprese possono procurarsi i fattori della produzione (terra,

Dettagli

Udine, 28 giugno 2012

Udine, 28 giugno 2012 Banca Antonveneta al fianco delle Imprese associate a Confindustria Udine per superare la congiuntura in atto (integrazione ai protocolli d intesa siglati il 22/6/2010 ed il 25/10/2011) Udine, 28 giugno

Dettagli

LE FORME TECNICHE DEI PRESTITI BANCARI. Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia Aziendale, a.a.

LE FORME TECNICHE DEI PRESTITI BANCARI. Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia Aziendale, a.a. LE FORME TECNICHE DEI PRESTITI BANCARI Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia Aziendale, a.a. 2015/2016 LA SCADENZA DEI PRESTITI BANCARI PRESTITI BANCARI A BREVE TERMINE

Dettagli

SACE corporate presentation

SACE corporate presentation SACE corporate presentation Sosteniamo la competitività delle imprese Offriamo soluzioni per la gestione integrale dei rischi commerciali e politici Credito all esportazione e project finance Protezione

Dettagli

I derivati creditizi. Giuseppe Squeo

I derivati creditizi. Giuseppe Squeo I derivati creditizi Giuseppe Squeo 1 Il trasferimento del rischio di credito L attività di impiego, sia sotto forma di prestito che di acquisto obbligazioni, comporta un rischio di credito collegato sia

Dettagli

Gli intermediari finanziari non bancari

Gli intermediari finanziari non bancari Gli intermediari finanziari non bancari Intermediari creditizi non bancari A. Leasing B. Factoring C. Credito al consumo Art. 106 e 107 TUB Le società di leasing Elenco generale presso UIC Condizioni per

Dettagli

FABBISOGNO FINANZIARIO DI GESTIONE Finanziamento BNL Ciclo Produttivo

FABBISOGNO FINANZIARIO DI GESTIONE Finanziamento BNL Ciclo Produttivo FABBISOGNO FINANZIARIO DI GESTIONE Finanziamento BNL Ciclo Produttivo Limiti di importo Impegni commerciali esclusione del settore armamenti, con fatturato annuo fino a 10 Finanziamento a breve termine,

Dettagli

REAL ESTATE FINANCE. Milano, 28 settembre 2013. A cura dell Avv. Stefano Padovani

REAL ESTATE FINANCE. Milano, 28 settembre 2013. A cura dell Avv. Stefano Padovani REAL ESTATE FINANCE Milano, 28 settembre 2013 A cura dell Avv. Stefano Padovani L Operazione Scopo: finanziamento dell acquisizione (l Acquisizione ) di immobili singoli o di portafogli di immobili gli

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 3 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

Misure per il credito alle PMI

Misure per il credito alle PMI Misure per il credito alle Fondo Italiano di Rafforzamento patrimoniale delle Investimento (MEF -SGR) attraverso l ingresso nel capitale da parte del Fondo. Obiettivo: sostenere aziende con piani di sviluppo

Dettagli

Il leasing e il Factoring

Il leasing e il Factoring Il leasing e il Factoring Il leasing Il leasing è giuridicamente un contratto atipico perché non ricade nelle tipologie previste dalla legislazione. Con il contratto di leasing tradizionale, l azienda

Dettagli

XVII LEGISLATURA - DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI - DOCUMENTI - DOC. XXXV-bis, N. 1. Introduzione

XVII LEGISLATURA - DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI - DOCUMENTI - DOC. XXXV-bis, N. 1. Introduzione Senato della Repubblica - 5 - Camera dei deputati Introduzione La gestione degli interventi di sostegno finanziario alle esportazioni e all'internazionalizzazione del sistema produttivo italiano è affidata

Dettagli

SCONTI DI CAMBIALI Sconti Legge 1329/65 Sabatini

SCONTI DI CAMBIALI Sconti Legge 1329/65 Sabatini MEDIOCREDITO TRENTINO ALTO ADIGE S.p.A. Condizioni valide al 1 gennaio 2010 SCONTI DI CAMBIALI Sconti Legge 1329/65 Sabatini INFORMAZIONI SULLA BANCA Mediocredito Trentino Alto Adige S.p.A. Albo Banche

Dettagli

GUIDA AL CREDITO. GLOSSARIO principali voci di un contratto di finanziamento.

GUIDA AL CREDITO. GLOSSARIO principali voci di un contratto di finanziamento. GUIDA AL CREDITO Vogliamo rappresentare un saldo punto di riferimento per la ns. clientela, nell esercizio dell attività finanziaria. Siamo in grado di venire incontro alle esigenze creditizie del cliente

Dettagli

Progetto&Pubblico: Quali strumenti

Progetto&Pubblico: Quali strumenti Competitività e accesso al credito Nell ambito del progetto Internazionalizzazione, OICE ha creato una sinergia di sistema con Sace lo strumento a partecipazione pubblica, che assicura il credito alle

Dettagli

Pro-solvendo CLIENTELA BENEFICIARIA

Pro-solvendo CLIENTELA BENEFICIARIA CLIENTELA BENEFICIARIA Pro-solvendo Imprese con un fatturato indicativamente di almeno 3 mln. Importo fido minimo 500 ml. Fatturato annuo per singolo debitore ceduto di almeno 500 ml. CARATTERISTICHE PRINCIPALI

Dettagli