Sistemi Distribuiti Multiagente A.A Informatica Magistrale Università di Bari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi Distribuiti Multiagente A.A.2010-11 Informatica Magistrale Università di Bari"

Transcript

1 Java RMI I lucidi che seguono sono stati prodotti sulla base dei seguenti riferimenti: - Sistemi Distribuiti Dip. Informatica (S.Pizzutilo) - Seminario Java RMI di G.Cozzolongo Java RMI: Remote Method Invocation Java Remote Method Invocation (RMI) è l implementazione Java del modello ad oggetti distribuiti E un meccanismo che consente ad un oggetto su un JVM di invocare metodi di oggetti residenti in altre JVM La sintassi per le invocazioni remote è esattamente la stessa di quella delle invocazioni locali Possono essere passati argomenti, calcolati nel contesto della macchina chiamante Possono essere restituiti valori, calcolati nel contesto della macchina remota Gli elementi chiave sono serializzazione e dynamic class loading Remote Method Invocation Perche RMI? L obiettivo è di permettere ad una applicazione in esecuzione su una macchina locale di invocare i metodi di un oggetto in esecuzione su un altro computer. Si definisce client il programma chiamante che ottiene riferimento all oggetto remoto, server il programma che crea gli oggetti remoti. Tali applicazioni sono anche denominate distributed object application Quali vantaggi? miglioramento delle prestazione complessive semplicità nella gestione delle risorse distribuite incremento della potenza operativa es: suddivisione di una computazione pesante in procedure più piccole, eseguite tutte su macchine diverse diminuendo in tal modo il tempo complessivo di esecuzione 1

2 Terminologia di base Semantica invocazioni remote La semantica delle invocazioni remote non è uguale pero a quella delle locali... Infatti, i tipi primitivi (int, float,...) sono sempre passati per valore (semantica Call By Value, CBV) Il chiamato lavora una copia del tipo Gli oggetti remoti sono sempre passati per riferimento (Call By Reference, CBR) Il chiamato riceve un riferimento all oggetto Semantica invocazioni remote 2

3 Interface Definition Language Architettura dell RMI Client (Interfaccia) Server (Implementazione) Stub Skeleton Remote Reference Layer Remote Reference Layer Transport Layer (Connessione TCP/IP) Un client è dotato dell'interfaccia dei metodi disponibili sul server remoto, ma tutta l'implementazione è lasciata sul lato server. Nel programma client i dettagli dell'implementazione dei metodi remoti sono quindi invisibili. Ciò che realmente collega il client e il server in un sistema RMI è una connessione stratificata, trasparente agli sviluppatori, effettuata dal sottosistema RMI delle due macchine virtuali coinvolte. Componenti base dell RMI Stub: proxy locale su cui vengono fatte le invocazioni destinate all oggetto remoto Skeleton: elemento remoto che riceve le invocazioni fatte sullo stub e le realizza effettuando le corrispondenti chiamate sul server (ormai solo per back compatibility) Remote Reference Layer:- -fornisce il supporto alle chiamate inoltrate dallo stub definisce e supporta la semantica dell invocazione e della comunicazione Transport Layer: localizza il server RMI relativo all oggetto remoto richiesto, gestisce le connessioni (TCP/IP, timeout) e le trasmissioni (sequenziali, serializzate), usando Java Remote Method Protocol (JRMP). Registry: servizio di naming che consente al server di pubblicare un servizio e al client di recuperarne il proxy 3

4 The Stub and Skeleton A client invokes a remote method, the call is first forwarded to stub. The stub is responsible for sending the remote call over to the server-side skeleton The stub opening a socket to the remote server, marshaling the object parameters and forwarding the data stream to the skeleton. A skeleton contains a method that receives the remote calls, unmarshals the parameters, and invokes the actual remote object implementation. The General RMI Architecture The server must first bind its name to the registry The client lookup the server name in the registry to establish remote references. The Stub serializing the parameters to skeleton, the skeleton invoking the remote method and serializing the result back to the stub. The General RMI Architecture 4

5 Simulazione locale sul client Remote Reference Layer Architettura di RMI La struttura di un applicazione RMI è organizzata in strati orizzontali sovrapposti Il primo livello di questa connessione stratificata è rappresentato dagli stub (lato RMI Client Java Virtual Machine RMI Server client) e gli skeleton (loto server) ai quali si riferiscono rispettivamente il client e il server senza occuparsi di ulteriori dettagli di più basso Stubs Skeleton livello. Transport Layer Connessione virtuale Connessione fisica Remote Reference Layer Transport Layer Oggetto reale eseguito sul server A loro volta, gli stub e gli skeleton demandano l'esecuzione di ciascuna attività allo strato immediatamente sottostante: il remote reference layer (RRL) che gestisce i riferimenti delle variabili agli oggetti remoti, usando la connessione TCP/IP del Transport layer sottostante. Architettura di RMI Lo strato più alto è costituito da applicazioni (client e server) eseguite dalla Java Virtual Machine. Lo stub e lo skeleton forniscono la rappresentazione dell oggetto remoto: lo stub gestisce la simulazione locale sul client e, agendo come proxy, consente la comunicazione con l oggetto remoto; lo skeleton invece consente l esecuzione dell oggetto remoto sul server. Il client esegue i metodi dell oggetto remoto in modo del tutto analogo alla chiamata locale: ris = OggettoRemoto.nomeMetodo(par1, par2,..) senza preoccuparsi dei dettagli della comunicazione. La serializzazione Marshalling: processo di codifica di argomenti e risultati per la trasmissione. Unmarshalling: processo inverso di decodifica di argomenti e risultati ricevuti. In Java questo problema è risolto usando la serializzazione, che viene fatta in maniera trasparente dal supporto Serializzazione: trasformazione di oggetti complessi in semplici sequenze di byte=> metodo writeobject() su uno stream di output Deserializzazione: decodifica di una sequenza di byte e costruzione di una copia dell oggetto originale=> metodo readobject() da uno stream di inputin Java sono utilizzati in molti casi: per memoria anche esterna trasmissione tra macchine diverse(parametri e valori di ritorno in RMI) Esempio di storage 5

6 La serializzazione Il meccanismo alla base utilizzato da RMI per la trasmissione dei dati fra client e server è quello della serializzazione che permette il flusso di dati complessi all interno di stream (può venir usata indipendentemente da applicazioni RMI) La serializzazione consiste nella trasformazione automatica di oggetti e strutture in sequenze di byte manipolabili coi vari stream del package java.io Gli stream sono associabili sia a socket che a file es: Record record = new Record() ObjectOutputStream oos = new ObjectOutputStream(myos) oos.writeobject(record); La serializzazione Un oggetto è serializzabile se implementa l interfaccia Serializable Si possono serializzare oggetti con struttura e complessità arbitraria, senza particolari differenze, a patto che l oggetto sia serializzabile (implementi cioè l interfaccia Serializable) es: public class Record implements Serializable{ private String Nome; public Record(String Nome){this.Nome = Nome La serializzazione è ricorsiva ( un oggetto serializzabile deve contenere oggetti serializzabili) La maggior parte delle classi del JDK è serializzabile (eccetto alcune che adottano strutture dati binarie dipendenti dalla piattaforma) Passaggio parametri Shallow Copy vs. Deep Copy considerando un grafo di oggetti Passaggio per valore => Serializable Objects Passaggio per riferimento => Remote Objects Oggetti serializzabili: Oggetti la cui locazione non è rilevante per lo stato. Sono passati per valore: ne viene serializzata l istanza che sarà deserializzata a destinazione per crearne una copia locale. Oggetti remoti: Oggetti la cui funzione è strettamente legata alla località in cui eseguono (server) Sono passati per riferimento: ne viene serializzato lo stub, creato automaticamente dal proxy (stub o skeleton) su cui viene fatta la chiamata in cui compaiono come parametri 6

7 Gli stub: quali azioni fanno? stub cliente: <ricerca del servitore> <marshalling argomenti> <send richiesta> <receive risposta> <unmarshallin grisultato> restituisci risultato fine stub cliente; stub servitore: <attesa della richiesta> <unmarshalling argomenti> invoca operazione locale ottieni risultato <marshalling del risultato> restituisci risultato fine stub servitore; In aggiunta, il controllo della operazione ed eventuali azioni di ritrasmissione (entro un tempo di durata massima) Stub e Skeleton Stub e Skeleton sono oggetti generati dal compilatore RMI che gestiscono marshalling/unmarshalling e comunicazione (socket) tra client e server Procedura di comunicazione: 1. Il client ottiene un istanza dello stub 2. Il client chiama metodi sullo stub 3. Lo stub a. crea una connessione con lo skeleton (o ne usa una già esistente) b. marshalling delle informazioni associate alla chiamata (id del metodo e argomenti) c. invia le informazioni allo skeleton 4. Lo skeleton a. unmarshalling dei dati ricevuti b. effettua la chiamata sull oggetto chei mplementa il server c. marshalling del valore di ritorno e invio allo stub 5. lo stub: - unmarshalling del valore di ritorno erestituzione del risultato al client Passaggio di parametri Qualsiasi classe, i cui oggetti devono essere trasmessi con una connessione RMI, deve essere dichiarata come tale indicando che deve implementare l'interfaccia java.io.serializable. Ogni parametro passato o ritornato da un metodo remoto deve essere o un oggetto di una classe primitiva Java, o un tipo di dato primitivo oppure un oggetto che implementa l'interfaccia java.io.serializable. Un client richiede al server un riferimento ad un oggetto usando lo stub sul lato client. Il server ottiene la richiesta dallo skeleton sul lato server. Tra i due c'è il remote reference layer che negozia le richieste convertendo gli oggetti in un formato trasmissibile attraverso la rete. Questa conversione è chiamata marshalling. Se i dati da trasmettere non sono né primitivi né serializzabili, lo stub lancerà un'eccezione MarshalException. 7

8 Il passaggio dei parametri Percorso dei parametri Serializzati dalla Virtual Machine Inviati sotto forma di stream al server Deserializzati del server che li utilizza all interno del corpo del metodo invocato Il risultato segue il percorso inverso fino ad arrivare al client Gli strati RRL e TL Si occupano della gestione a basso livello ( all interno dell architettura RMI) della comunicazione Il Remote Reference Layer (RRL) ha il compito di instaurare un connessione virtuale fra il client e il server ( esegue operazioni di codifica e decodifica dei dati). RRL adotta un protocollo generico e indipendente dal tipo di stub o skeleton utilizzato. Il Transport Layer esegue la connessione vera e propria tra le macchine utilizzando le specifiche standard di networking di Java, e quindi le socket con il protocollo TCP/IP. Il Transport Layer Il TL è responsabile del controllo dello stato delle vari connessioni I dati vengono visti come sequenze di byte da inviare o da leggere IL TL si incarica di localizzare il server RMI relativo all oggetto remoto richiesto Esegue la connessione per mezzo di un socket Programmare con RMI Le classi e i metodi sono contenuti nei package java.rmi e java.rmi.server Si definisce oggetto remoto un oggetto che implementi l interfaccia Remote i cui metodi possono essere eseguiti da un applicazione client posta su un altra macchina virtuale 8

9 Come trasformare un oggetto in un oggetto remoto? public class MyServer{ public String concat (String a, String b){ return a+b; public interface MyServerInterface extend Remote{ public String concat (String a, String b)throws RemoteException; public class MyServerImpl implements MyServerInterface extends UnicastRemoteObject{ public MyServerImpl() throws RemoteException{ public String concat (String a, String b)throws RemoteException{ return a+b; Hello World con RMI: definire l applicazione Di cosa ho bisogno? 1. Scrivere l intefaccia dell oggetto remoto : MessageWriter.java 2. Scrivere il server che implementa l interfaccia e la rende accessibile : MessageWriterImpl.java da cui in seguito generare stub e skeleton 3. Scrivere il codice per la pubblicazione del server HelloServer.java 4. Scrivere il client che richiede l accesso all oggetto remoto : HelloClient.java una volta definite le classi posso passare alla compilazione e posso lanciare la mia applicazione RMI Sistemi distribuiti A.A Informatica specialistica Lanciare l applicazione RMI Una volta definite le classi (interfaccia, server, registrazione e client) posso compilare e lanciare il mio codice RMI. Passi necessari: 5. Compilazione dei file.java 6. Generazione di stub e skeleton tramite il compilatore rmic 7. Avvio dell RMI registry 8. Avvio dell oggetto remoto (server) 9. Avvio del client Sistemi distribuiti A.A Informatica specialistica 9

10 Hello World (1) Scrivere l intefaccia dell oggetto remoto : MessageWriter.java L interfaccia remota deve dichiarare tutti i metodi che si vuole poter richiamare in maniera remota deve essere dichiarata public deve estendere l interfaccia java.rmi.remote ogni metodo deve dichiarare java.rmi.remoteexception nella sezione throws per proteggere l applicazione da anomalie derivanti dall utilizzo di risorse remote //l interfaccia dell oggetto remoto import java.rmi.*; public interface MessageWriter extends Remote { String writemessage(string s) throws RemoteException; Sistemi distribuiti A.A Informatica specialistica Hello World: (2) Scrivere il server (oggetto remoto) MessageWriterImpl.java deve implementare almeno un interfaccia remota deve definire i costruttori dell oggetto remoto deve fornire l implementazione dei metodi invocati da remoto creare e installare il security manager creare una o più istanza dell oggetto Sistemi distribuiti A.A Informatica specialistica Implementare l interfaccia remota public class MessageWriterImpl extends UnicastRemoteObject implements MessageWriter { dichiara che implementa l intefaccia MessageWriter ( con tutti i sui metodi) estende la classe UnicastRemoteObject per consentire la creazione di un oggetto remoto che adotta i protocolli di comunicazione di default di RMI basata sui socket e TCP rimane costantemente attivo 10

11 Definire i costruttori public MessageWriterImpl() throws RemoteException { super(); il metodo super() chiama il costruttore della classe UnicastRemoteObject che esegue le inizializzazioni necessarie per consentire di rimanere in attesa (listen) di richieste remote su una porta e poterle gestire (accept) potrebbe generare l eccezione RemoteException se la connessione non fosse possibile Implementazione dei metodi remoti public String writemessage(string s) throws RemoteException { return (s + " Ho ricevuto la tua stringa"); devono essere implementati tutti i metodi dell interfaccia gli argomenti dei metodi e i risultati restituiti devono essere oggetti serializzabili Implementazione dell oggetto remoto MessageWriterImpl.java import java.rmi.*; import java.rmi.server.*; public class MessageWriterImpl extends UnicastRemoteObject implements MessageWriter { public MessageWriterImpl() throws RemoteException { super(); public String writemessage(string s) throws RemoteException { return (s + " Ho ricevuto la tua stringa"); 11

12 Il security manager Chi garantisce che il codice scaricato da remoto non esegua operazioni pericolose? if(system.getsecuritymanager() == null){ System.setSecurityManager(new RMISecurityManager()); Il metodo main deve creare e installare un security manager, che può essere il RMISecurityManager o definito in altro modo Il S.M. garantisce che le classi che vengono caricate non eseguano operazioni per le quali non siano abilitate se il S.M non è specificato non è permesso nessun caricamento di classi da parte sia del client ( stub ) che del server HelloWorld (3) Scrivere il codice per la pubblicazione del server HelloServer.java import java.rmi.*; public class HelloServer { public static void main (String args[]) throws Exception { MessageWriterImpl messagewriter = new MessageWriterImpl(); Naming.rebind("myservice",messageWriter); //pubblicazione interfaccia Nel metodo main si devono creare una o più istanze dell oggetto che fornisce il servizio (oggetto remoto) Una volta creato, l oggetto è pronto per accettare richieste remote Registrare l oggetto remoto Naming.rebind("myservice",messageWriter); Il client deve poter ottenere un riferimento all oggetto remoto: RMI fornisce un registry degli oggetti per creare un associazione (bind) fra un nome URL-formatted e un oggetto l RMI registry è un name-service che consente ai client di ottenere riferimenti agli oggetti: una volta registrato l oggetto i client possono farne richiesta attraverso il nome e invocarne i metodi nessun protocollo deve essere specificato nel primo argomento la porta di default su cui risponde il RMIregistry è la 1099, ma può essere cambiata 12

13 Registrare l oggetto remoto (2) Un applicazione puo creare un associazione solo sul RMIregistry del host locale I client possono invece eseguire la propria ricerca di oggetti su qualunque host L operazione di registrazione può generare varie eccezioni AlreadyBoundException, se il nome logico è gia utilizzato MalformedURLException, per errori nella sintassi dell URL RemoteException negli altri casi RMI Registry Problema di Bootstrapping: un client in esecuzione su un macchina ha bisogno di localizzare un server a cui vuole connettersi, che è in esecuzione su un altra macchina. Tre possibili soluzioni: - Il client conosce in anticipo dov è il server - L utente dice all applicazone client dov è il server (es. client) - Un servizio standard (naming service) in una locazione ben nota, che il client conosce, funziona come punto di indirezione Java RMI utilizza un naming service: - RMI RegistryMantiene un insieme di coppie {name, reference - Name: stringa arbitraria non interpretata HelloWorld (4) Scrivere il client che richiede l accesso all oggetto remoto : HelloClient.java Deve ottenere un riferimento all oggetto remoto che vuole richiamare dal RMIregistry eseguito sul server, utilizzando un istanza dello stub a cui passare hostname ( ed eventualmente porta) e nome dell oggetto MessageWriter mywriter = (MessageWriter) Naming.lookup("myservice"); Richiama i metodi dell oggetto secondo la sintassi solita String newstring = new String (mywriter.writemessage("hello, world!")); System.out.println(newstring); 13

14 // il client per richiamare l oggetto remoto Hello import java.rmi.naming; import java.rmi.remoteexception; import java.rmi.rmisecuritymanager; import java.rmi.*; public class HelloClient { public static void main(string args[]) throws Exception { MessageWriter mywriter = (MessageWriter) Naming.lookup("myservice"); String newstring = new String (mywriter.writemessage("hello, world!")); System.out.println(newstring); (5) Compilazione Compilare i file.java col javac per creare i file.class. (6) Generazione di stub e skeleton Generare stub e skeleton col comando rmic sul file che contiene l implementazione dell oggetto remoto (HelloImpl.class) rmic hello.messagewriterimpl questo genera i file HelloImpl_Stub.class e HelloImpl_Skel.class NB: skeleton non è più in uso per le versioni della JVM successive alla 1.2 (7) Avvio dell RMI registry Lanciare in background RMIregistry col comando rmiregistry Questo processo utilizza per default la porta 1099 Lanciare il server - java HelloServer (8) Avvio dell oggetto remoto (9) Avvio del client Lanciare il client - Java HelloClient 14

15 Esempio: Calcolatrice con RMI Implementazione dell interfaccia import java.rmi.remote; import java.rmi.remoteexception; public interface CalcolatriceServer extends Remote { int addizione(int a, int b) throws RemoteException; int sottrazione(int a, int b) throws RemoteException; import java.rmi.*; import java.rmi.server.*; Esempio: Calcolatrice con RMI Implementazione dell oggetto remoto public class CalcolatriceServerImpl extends UnicastRemoteObject implements CalcolatriceServer { //implementazione del costruttore public CalcolatriceServerImpl() throws RemoteException{ super(); //implementazione dei metodi public int addizione(int a, int b) throws RemoteException { return a + b; public int sottrazione(int a, int b) throws RemoteException { return a - b; Esempio: Calcolatrice con RMI Registrazione del server import java.rmi.naming; import java.rmi.*; import java.rmi.server.*; public class Registrazione { public static void main(string args[]){ try { CalcolatriceServerImpl obj = new CalcolatriceServerImpl(); Naming.rebind("calcolatrice", obj); catch (Exception e) { e.printstacktrace(); 15

16 Esempio: Calcolatrice con RMI Implementazione del Client import java.rmi.naming; import java.rmi.remoteexception; import java.util.inputmismatchexception; import java.util.scanner; public class CalcolatriceClient { public static void main(string[] arg){ try { CalcolatriceServer obj = (CalcolatriceServer) Naming.lookup("rmi:// /calcolatrice"); int risultato = 0; int scelta = 0; do {scelta = sceltamenu(); switch (scelta) { case 1: System.out.println("addizione"); risultato = obj.addizione(1, 1); System.out.println ("1 + 1 = " + risultato); break; case 2: System.out.println("sottrazione"); risultato = obj.sottrazione(1,1); System.out.println ("1-1 = " + risultato); break; case 0: break; default: System.out.println("Errore, ripeti la scelta");break; //end switch while (scelta!= 0); catch (Exception e) {e.printstacktrace(); public static int sceltamenu(){ boolean valorecorretto = true; int s = 0; do{ Scanner input = new Scanner(System.in); System.out.println("Inserisci la tua scelta"); System.out.println("1 = addizione"); System.out.println("2 = sottrazione"); System.out.println("0 = exit"); try { s=input.nextint(); valorecorretto = false; catch (InputMismatchException inputmismatchexception) {input.nextline(); // discard input so user can try again System.out.println("Scelta non valida. Inserisci un intero.\n"); while (valorecorretto); return s; Esempio:Implementare un Compute Engine Un compute engine è un oggetto remoto che consente ad un server di ricevere dei task dai client, eseguirli e restituire il risultato. Il task viene definito dal client ma viene eseguito sulla macchina del server. Il task può variare indipendentemente dal server, l importante è che rispetti una determinata interfaccia Il compute engine scarica dal client il codice del task e lo esegue all interno della propria Java virtual machine Interfacce utilizzate Per implementare un compute engine servono due interfacce L interfaccia Compute, che consenta ai client di inviare task all engine L interfaccia Task, che consenta all engine di eseguire i task 16

17 Interfaccia Compute package compute; import java.rmi.remote; import java.rmi.remoteexception; public interface Compute extends Remote { Object executetask(task t) throws RemoteException; Questa intefaccia definisce i metodi che possono essere chiamati da altre virtual machine. Gli oggetti che implementano questa interfaccia diventano oggetti remoti. Interfaccia Task package compute; import java.io.serializable; public interface Task extends Serializable { Object execute(); Questa interfaccia è usata come argomento nel metodo executetask dell interfaccia Compute (definito precedentemente) e fornisce al Compute Engine il meccanismo per eseguire il task. Non è un interfaccia remota, quindi non è associata ad oggetti remoti. Il metodo execute deve essere presente in ogni implementazione di questa interfaccia. Implementazione del Compute Engine //oggetto remoto per l esecuzione dei task package engine; import java.rmi.*; import java.rmi.server.*; import compute.*; public class ComputeEngine extends UnicastRemoteObject implements Compute { public ComputeEngine() throws RemoteException { super(); public Object executetask(task t) { return t.execute(); // metodo main 17

18 Metodo main del ComputeEngine public static void main(string[] args) { if (System.getSecurityManager() == null) { System.setSecurityManager(new RMISecurityManager()); String name = "//host/compute"; try { Compute engine = new ComputeEngine(); Naming.rebind(name, engine); System.out.println("ComputeEngine bound"); catch (Exception e) { System.err.println("ComputeEngine exception: + e.getmessage()); Implementazione del client package client; import java.rmi.*; import java.math.*; import compute.*; public class ComputePi { public static void main(string args[]) { if (System.getSecurityManager() == null) { System.setSecurityManager(new RMIS...()); try { String name = "//" + args[0] + "/Compute"; Compute comp = (Compute) Naming.lookup(name); Pi task = new Pi(Integer.parseInt(args[1])); BigDecimal pi = (BigDecimal) (comp.executetask(task)); System.out.println(pi); catch (Exception e) { System.err.println("ComputePi exception: " + e.getmessage()); Implementazione dell interfaccia Task package client; import compute.*; import java.math.*; public class Pi implements Task { /** costante usata nel calcolo di pi */ private static final BigDecimal ZERO = BigDecimal.valueOf(0); /** **/ public Pi(int digits) { this.digits = digits; /*** Calcola pi.*/ //Poiché implementa l interfaccia Task deve esserci questo public Object execute() { return computepi(digits); public static BigDecimal computepi(int digits) {... 18

19 Riassunto degli elementi necessari Due interfacce : compute.java task.java Il server che implementa l interfaccia compute e comprende il metodo main per l esecuzione: ComputeEngine.java L implementazione del task da far eseguire: Pi.java Il client che richiede l esezuzione del task al server: ComputePi.java In più vengono generati i file per lo stub e lo skeleton: ComputeEngine_stub.java ComputeEngine_skel.java Esercizio Provate a svolgere l esercizio precedente (calcolatrice) secondo modello illustrato per un generico Compute Engine Altro esempio interessante dal web 19

20 Oltre a RMI per l esecuzione remota RPC (Remote Procedure Call): rende possibile gestire procedure facenti parte di applicazioni remote rispetto al chiamante utilizzate soprattutto nei sistemi UNIX non si inseriscono nel contesto della programmazione ad oggetti DCOM (estensione di COM di Microsoft ) CORBA (Common Object Request Broker Architecture) 20

Programmazione di rete in Java

Programmazione di rete in Java Programmazione di rete in Java Reti di calcolatori Una rete di calcolatori è un sistema che permette la condivisione di dati informativi e risorse (sia hardware sia software) tra diversi calcolatori. Lo

Dettagli

R.Focardi Laboratorio di Ingegneria del Software 6. 1

R.Focardi Laboratorio di Ingegneria del Software 6. 1 Networking Java permette comunicazioni in rete basate sul concetto di socket, che permette di vedere la comunicazione in termini di flusso (stream), in modo analogo all input-output di file, usando Stream

Dettagli

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof.

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof. Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica Programmazione I - corso B a.a. 009-10 prof. Viviana Bono Blocco 9 Metodi statici: passaggio parametri, variabili locali, record

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final

Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final romina.eramo@univaq.it http://www.di.univaq.it/romina.eramo/tlp Roadmap Definire una classe» Variabili membro» Metodi La parola chiave

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); }

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); } import java.util.*; class coda * Questa classe contiene tutti i metodi per la gestione della coda * @author D'Ambrosio Giovanni Classe 4D I.T.I.S. Grottaminarda * @version 26/02/2010 * VETTORE DINAMICO

Dettagli

1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org

1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org 1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org In questo tutorial studiamo come sfruttare la tecnologia EJB, Enterprise JavaBean, all interno del SAP Netweaver Portal. In breve, EJB è un

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Il modello client/server consente a due processi di condividere risorse e di cooperare per il raggiungimento di un obiettivo.

Il modello client/server consente a due processi di condividere risorse e di cooperare per il raggiungimento di un obiettivo. In una rete di ampie dimensioni, ciascuna sottorete (es. LAN, WAN) è connessa ad altre sottoreti tramite router. Internet è un insieme di reti connesse tra loro. Essenzialmente, in una rete alcune macchine

Dettagli

Classi ed Oggetti in JAVA

Classi ed Oggetti in JAVA Classi ed Oggetti in JAVA Dott. Ing. Leonardo Rigutini Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Via Roma 56 53100 SIENA Uff. 0577233606 rigutini@dii.unisi.it www.dii.unisi.it/~rigutini/

Dettagli

La fase di realizzazione. La fase di realizzazione (cont.) Traduzione in Java del diagramma degli use case

La fase di realizzazione. La fase di realizzazione (cont.) Traduzione in Java del diagramma degli use case Università degli Studi di Roma La Sapienza Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Sede di Latina Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Consorzio Nettuno La fase di realizzazione si occupa

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

! Programmazione strutturata ! TDA. ! Classi, incapsulamento, ! OO. ! Scambio messaggi, eredità, polimorfismo. ! OO in Java

! Programmazione strutturata ! TDA. ! Classi, incapsulamento, ! OO. ! Scambio messaggi, eredità, polimorfismo. ! OO in Java Riassunto Rassegna API - 1 Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro/ mizzaro@uniud.it Programmazione, lezione 17 3 maggio 2015! Programmazione

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL)

Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL) Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL) Corso di Sistemi Distribuiti Stefano

Dettagli

Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java

Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java Fondamenti di Informatica Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Metodi e Sottoprogrammi Mentre in Java tramite le classi e gli oggetti è possibile

Dettagli

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I Programmazione a Oggetti Lezione 3 Il linguaggio Java: aspetti generali e definizione di classi I Sommario Storia e Motivazioni Definizione di Classi Campi e Metodi Istanziazione di oggetti Introduzione

Dettagli

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute DNS: Domain Name System I name DNS Persone: identificatori: CF, nome, Numero di Passaporto Host e router Internet: Indirizzo IP ( bit) - usato per instradare i pacchetti nome, per es., massimotto.diiie.unisa.it

Dettagli

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori Gli array Array e puntatori Laboratorio di Informatica I un array è un insieme di elementi (valori) avente le seguenti caratteristiche: - un array è ordinato: agli elementi dell array è assegnato un ordine

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Finestra.java. static String nomicolonne[] = {"ind.","cognome","nome","telefono","e-mail"}; //nomi delle colonne della tabella

Finestra.java. static String nomicolonne[] = {ind.,cognome,nome,telefono,e-mail}; //nomi delle colonne della tabella import java.awt.*; import java.awt.event.actionevent; import java.awt.event.actionlistener; import java.awt.event.windowevent; import java.awt.event.windowlistener; import java.io.*; import java.util.*;

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Fattoriale di un numero Jsp [Java]

Laboratorio di Sistemi Fattoriale di un numero Jsp [Java] Desideriamo realizzare una applicazione web che ci consenta di calcolare il fattoriale di un numero. L'esercizio in sé non particolarmente difficile, tuttavia esso ci consentirà di affrontare il problema

Dettagli

Creare una applicazione Winsock di base

Creare una applicazione Winsock di base Creare una applicazione Winsock di base Usiamo le API Winsock incluse in Creare un progetto per una Socket Windows (in Dev C++) Selezionare la file New Projects Selezionare Empty Project Salvare

Dettagli

Le caratteristiche di interoperabilità del Terrapack 32 M

Le caratteristiche di interoperabilità del Terrapack 32 M I T P E l e t t r o n i c a Le caratteristiche di interoperabilità del Terrapack 32 M M. Guerriero*, V. Ferrara**, L. de Santis*** * ITP Elettronica ** Dipartimento di Ingegneria Elettronica Univ. La Sapienza

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Fondamenti di Informatica. Dichiarazione, creazione e gestione di array in Java

Fondamenti di Informatica. Dichiarazione, creazione e gestione di array in Java Fondamenti di Informatica Dichiarazione, creazione e gestione di array in Java Array in Java - creazione La creazione fa una inizializzazione implicita: num = new int[10]; con valore 0 per int e double,

Dettagli

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+...

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+... Setup delle ConnessioniTCP Una connessione TCP viene instaurata con le seguenti fasi, che formano il Three-Way Handshake (perchè formato da almeno 3 pacchetti trasmessi): 1) il server si predispone ad

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008. - lezione 14 - Thread in Java

Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008. - lezione 14 - Thread in Java Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008 Alessandro Longheu http://www.diit.unict.it/users/alongheu alessandro.longheu@diit.unict.it - lezione 14 - Thread in Java 1 Cos è un

Dettagli

Abstract Data Type (ADT)

Abstract Data Type (ADT) Abstract Data Type Pag. 1/10 Abstract Data Type (ADT) Iniziamo la nostra trattazione presentando una nozione che ci accompagnerà lungo l intero corso di Laboratorio Algoritmi e Strutture Dati: il Tipo

Dettagli

Elementi di UML (7): Diagrammi dei componenti e di deployment

Elementi di UML (7): Diagrammi dei componenti e di deployment Elementi di UML (7): Diagrammi dei componenti e di deployment Università degli Studi di Bologna Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Scienze di Internet Anno Accademico 2004-2005 Laboratorio

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Pila.h versione 6. class Pila { private: int marker; int * contenuto; public:

Pila.h versione 6. class Pila { private: int marker; int * contenuto; public: 1 Pila.h versione 6 struct Pila { private: int size; int defaultgrowthsize; int marker; int * contenuto; void cresci(int increment); public: Pila(int initialsize) ; Pila(); ~Pila() ; void copy(pila * to)

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI OGGETTI in C++

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI OGGETTI in C++ PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI OGGETTI in C++ Classi ed oggetti. Classi derivate, ereditarietà e polimorfismo. Template Capitoli 12, 13, 14 Luis Joyannes Aguilar. Fondamenti di Programmazione in C++. Algoritmi,

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

AA 2006-07 LA RICORSIONE

AA 2006-07 LA RICORSIONE PROGRAMMAZIONE AA 2006-07 LA RICORSIONE AA 2006-07 Prof.ssa A. Lanza - DIB 1/18 LA RICORSIONE Il concetto di ricorsione nasce dalla matematica Una funzione matematica è definita ricorsivamente quando nella

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Semplici Algoritmi di Ordinamento

Semplici Algoritmi di Ordinamento Fondamenti di Informatica Semplici Algoritmi di Ordinamento Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Ordinamento di una sequenza di elementi Esistono molti algoritmi di ordinamento. Tutti ricevono

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace:

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Overview tecnica Introduzione E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Introduce un architettura ESB nella realtà del cliente Si basa su standard aperti Utilizza un qualsiasi Application

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

Dichiarazioni di import: Introduzione

Dichiarazioni di import: Introduzione Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica Programmazione I - corso B a.a. 2009-10 prof. Viviana Bono Blocco 10 Import di classi e di metodi statici Dichiarazioni di import:

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it UML: Class Diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Class Diagram Forniscono una vista strutturale

Dettagli

Introduzione al linguaggio C Gli array

Introduzione al linguaggio C Gli array Introduzione al linguaggio C Gli array Vettori nome del vettore (tutti gli elementi hanno lo stesso nome, c) Vettore (Array) Gruppo di posizioni (o locazioni di memoria) consecutive Hanno lo stesso nome

Dettagli

esercizi Esercizi / problemi

esercizi Esercizi / problemi Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): esercizi 1 Esercizi / problemi 1. Creare un applicazione che calcoli la media aritmetica dei seguenti valori interi: 35, 117, 23 e ne visualizzi il

Dettagli

Livello applicazione: Protocollo DNS

Livello applicazione: Protocollo DNS Livello applicazione: Protocollo DNS Gaia Maselli Queste slide sono un adattamento delle slide fornite dal libro di testo e pertanto protette da copyright. All material copyright 1996-2007 J.F Kurose and

Dettagli

---------------------------------------------------------------- Puntatori a funzione. In C è possibile utilizzare dei puntatori a funzioni, ovvero

---------------------------------------------------------------- Puntatori a funzione. In C è possibile utilizzare dei puntatori a funzioni, ovvero ---------------------------------------------------------------- Puntatori a funzione. In C è possibile utilizzare dei puntatori a funzioni, ovvero delle variabili a cui possono essere assegnati gli indirizzi

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Un oggetto per la lettura dalla tastiera

Un oggetto per la lettura dalla tastiera Fondamenti di informatica Oggetti e Java ottobre 2012 1 Un oggetto per la lettura dalla tastiera Le API di Java hanno un oggetto System.in che rappresenta la tastiera del calcolatore, ma che non è semplice

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Ambienti di sviluppo integrato

Ambienti di sviluppo integrato Ambienti di sviluppo integrato Un ambiente di sviluppo integrato (IDE - Integrated Development Environment) è un ambiente software che assiste i programmatori nello sviluppo di programmi Esso è normalmente

Dettagli

Il linguaggio Java. Concetti base. I packages

Il linguaggio Java. Concetti base. I packages Il linguaggio Java I packages Concetti base Un package è una collezione di classi ed interfacce correlate che fornisce uno spazio dei nomi ed un controllo sugli accessi Un package facilita il reperimento

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Sottoprogrammi: astrazione procedurale

Sottoprogrammi: astrazione procedurale Sottoprogrammi: astrazione procedurale Incapsulamento di un segmento di programma presente = false; j = 0; while ( (j

Dettagli

Funzioni. Corso di Fondamenti di Informatica

Funzioni. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Funzioni Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti e dei

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY Interfaccia Full Ascii Con questa interfaccia è possibile inviare i dati al Server utilizzando solo caratteri Ascii rappresentabili e solo i valori che cambiano tra un sms e l altro, mantenendo la connessione

Dettagli

Le funzioni in C. I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni.

Le funzioni in C. I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni. Le funzioni in C I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni. Una definizione di funzione ha il seguente formato: tipo-ritornato nome-funzione(lista-parametri) { dichiarazioni

Dettagli

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato Un protocollo è un insieme di regole che permettono di trovare uno standard di comunicazione tra diversi computer attraverso la rete. Quando due o più computer comunicano tra di loro si scambiano una serie

Dettagli

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment Bloodshed Dev-C++ Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio IDE = Integrated Development Environment Gerardo Pelosi 01 Ottobre 2014 Pagina 1 di 8 Dev-C++ - Installazione Potete

Dettagli

Web Conferencing and Collaboration tool

Web Conferencing and Collaboration tool Web Conferencing and Collaboration tool La piattaforma Meetecho Piattaforma di Web Conferencing e Collaborazione on line in tempo reale Caratteristiche generali Soluzione client-server progettata per essere

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONN INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE

REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONN INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE Università degli studi di Catania Facoltà di Ingegneria 26 Gennaio 2009 Sommario 1 Introduzione 2 Middleware Middleware:

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main Paolo Torroni Dipartimento di Elettronica, Informatica e Sistemistica Università degli

Dettagli

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi alternative: function nome { lista-comandi } oppure nome ( ) {

Dettagli

Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007

Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007 Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007 Dott.Davide Di Ruscio Dipartimento di Informatica Università degli Studi di L Aquila Lezione del 08/03/07 Nota Questi lucidi sono tratti

Dettagli

Le Stringhe. Un introduzione operativa. Luigi Palopoli

Le Stringhe. Un introduzione operativa. Luigi Palopoli Le Stringhe p.1/19 Le Stringhe Un introduzione operativa Luigi Palopoli ReTiS Lab - Scuola Superiore S. Anna Viale Rinaldo Piaggio 34 Pontedera - Pisa Tel. 050-883444 Email: palopoli@sssup.it URL: http://feanor.sssup.it/

Dettagli

Scuola Specializzazione Istruzione Superiore. Object Oriented Programming (OOP) Introduzione alla programmazione orientata agli oggetti

Scuola Specializzazione Istruzione Superiore. Object Oriented Programming (OOP) Introduzione alla programmazione orientata agli oggetti Scuola Specializzazione Istruzione Superiore Object Oriented Programming (OOP) Introduzione alla programmazione orientata agli oggetti Michele Batocchi ITC Vittorio Emanuele II Perugia A.S. 2007/2008 Introduzione

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

Gestione dei File in C

Gestione dei File in C Gestione dei File in C Maurizio Palesi DIIT Università di Catania Viale Andrea Doria 6, 95125 Catania mpalesi@diit.unict.it http://www.diit.unict.it/users/mpalesi Sommario In questo documento saranno introdotte

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica

Corso di Fondamenti di Informatica Corso di Fondamenti di Informatica L uso delle funzioni in C++ Claudio De Stefano - Corso di Fondamenti di Informatica 1 Funzioni Nel C++ è possibile scomporre problemi complessi in moduli più semplici

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

MIPS Instruction Set 2

MIPS Instruction Set 2 Laboratorio di Architettura 15 aprile 2011 1 Architettura Mips 2 Chiamata a Funzione 3 Esercitazione Registri MIPS reference card: http://refcards.com/docs/waetzigj/mips/mipsref.pdf 32 registri general

Dettagli

Analisi di massima: L utente dovrà inserire un numero limite, e tramite vari calcoli verrà stampato a video la sequenza.

Analisi di massima: L utente dovrà inserire un numero limite, e tramite vari calcoli verrà stampato a video la sequenza. Relazione tecnica Fibonacci ANDENA GIANMARCO Traccia: Creare un algoritmo che permetta, dato un valore intero e positivo, di stabilire la sequenza utilizzando la regola di fibonacci dei numeri fino al

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

Integrare le MFC con Irrlicht. Sezione 1: Creazione del progetto. by Raffaele White tiger Mancuso

Integrare le MFC con Irrlicht. Sezione 1: Creazione del progetto. by Raffaele White tiger Mancuso Integrare le MFC con Irrlicht by Raffaele White tiger Mancuso In questo topic spiegherò come integrare irrlicht in un documento singolo MFC *(1). Io ho usato il visual c++ 6 ma la procedura dovrebbe essere

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli