Colloquio SGSS-SIRGESA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Colloquio SGSS-SIRGESA"

Transcript

1 Colloquio SGSS-SIRGESA Specifiche Tecniche Versione /02/2013 RTI Funzione Nome Redazione Capo progetto RTI (Aruba) Esperto di dominio (Actalis) Capo progetto CMS (Engineering) Esperto architetture (Engineering) Umberto Ferrara, Riccardo Casiraghi Massimo Agostiniani Fabio Bennati Approvazione Capo progetto RTI Regione Toscana Funzione Nome Verifica Approvazione Nome file: CSE-ServiziAggiuntivi_SIRGESA_ST_1-3-1.odt Pag. 1 di 9

2 Indice AGGIORNAMENTI DELLE VERSIONI GENERALITÀ Scopo Riferimenti Definizioni e abbreviazioni Allegati PREREQUISITI/VINCOLI SCENARIO D'USO SPECIFICHE INTERFACCIA Inizializzazione del servizio Esito dell inizializzazione del servizio ESEMPI Form di richiesta inizializzazione servizio Preparazione richiesta inzializzazione servizio Interpretazione risposta inzializzazione servizio... 9 Pag. 2 di 9

3 AGGIORNAMENTI DELLE VERSIONI Versione Data Motivo Modifiche /11/2012 Emissione /11/2012 Integrazione parametri di Aggiornati paragrafi 3.1 e 3.2, eliminato interfaccia paragrafo /11/2012 Revisione prerequisiti/vincoli, Aggiornato capitolo 2, aggiunto capitolo 5 aggiunti esempi 1.2 a 30/11/2012 Corretto timestamp Aggiornati paragrafi 5.1, 5.2, b 18/12/2012 Revisione Rivisti i codici di errore comunicati a SGSS da SIRGESA /01/2013 Revisione Consolidamento correzioni e revisioni /02/2013 Corretti esempi di pseudocodice Aggiornati paragrafi 5.2 e 5.3 Pag. 3 di 9

4 1 GENERALITÀ Nell'ambito della diffusione di servizi aggiuntivi sulla CNS Regione Toscana ha implementato per le CNS di cui è ente emettitore unservizio infrastrutturale utile alla semplificazione dell'inizializzazione dei servizi. Il servizio SIstema Regionale di GEstione dei Servizi Aggiuntivi (SIRGESA) ha il compito di inizializzare il servizio aggiuntivo su richiesta del Sistema di Gestione dello Specifico Servizio (SGSS). Il servizio, una volta inizializzato potrà essere utilizzato da altri sistemi secondo le specifiche del servizio stesso. Il presente documento costituisce l output del processo di definizione delle specifiche tecniche dell interfaccia di colloquio, volto all inizializzazione di un servizio aggiuntivo sulla carta CNS regionale, tra il SIstema Regionale di GEstione dei Servizi Aggiuntivi (SIRGESA) ed il Sistema di Gestione dello Specifico Servizio (SGSS) sulle carte CNS regionali. Il documento descrive: Pre-requisiti Scenario d'uso Indicazione delle specifiche di interfaccia; 1.1 Scopo L obiettivo di questo documento è quello di descrivere l interfaccia e le modalità di interazione tra SIRGESA e SGSS. 1.2 Riferimenti 1.3 Definizioni e abbreviazioni RT Regione Toscana 1.4 Allegati N.A. Pag. 4 di 9

5 2 PREREQUISITI/VINCOLI Di seguito elenchiamo i pre-requisiti necessari all attivazione del colloquio tra SIRGESA e SGSS: SIRGESA ha a disposizione un proprio certificato APP2APP (p12) composto di due chiavi una pubblica ed una privata di seguito indicate con SIRGESA_PK e SIRGESA_SK. SGSS ha a disposizione un proprio certificato APP2APP (p12) composto di due chiavi una pubblica ed una privata di seguito indicate con SGSS_PK e SGSS_SK. SGSS ha definito gli eventuali elementi di sicurezza collegati alle fasi di lettura e scrittura dei dati del servizio sulla carta (certificato o PIN). SGSS è stato definito e censito all interno dell anagrafe dei servizi aggiuntivi regionali comprensivo delle relative sicurezze da attivare (certificato/pin) sulla carta e della sua chiave pubblica SGSS_PK. SGSS ha ricevuto l identificativo SIRGESA associato (nome del servizio) e la chiave pubblica di SIRGESA (SIRGESA_PK) quali elementi necessari alla gestione del colloquio tra i due sistemi SGSS deve essere in grado di recuperare il seriale dalla carta CNS regionale Affinché l'inizializzazione del servizio possa avvenire è necessario che la postazione ove è presente la CNS abbia le seguenti caratteristiche: o installazione di jre 1.6 o superiore o browser con java plugin installato o connettività di rete mentre il sistema SGSS che ne invoca SIRGESA per l'inizializzazione soddisfa i seguenti requisiti: o è una applicazione raggiungibile via rete su protocollo http dalla postazione ove è presente la CNS o gestisce richieste http ovvero http over ssl SGSS richiama la url di inizializzazione del servizio sulla carta solo se ne ha rilevato l assenza. La CNS potrebbe non essere stata attivata nelle sue funzioni di autenticazione in rete Il servizio aggiuntivo potrebbe non richiedere l'inserimento del PIN Pag. 5 di 9

6 3 SCENARIO D'USO Si faccia riferimento a Attivazione servizi aggiuntivi sulla TS-CNS - specifiche generali 4 SPECIFICHE INTERFACCIA 4.1 Inizializzazione del servizio Il SIRGESA espone apposita url a cui SGSS invia il client dell utente per l inizializzazione del servizio sulla carta. Le url da richiamare sono: Ambiente di pre-produzione https://<nome_server_pre-produzione>/sirgesa/inizializzaservizioaggiuntivo Ambiente di produzione https://<nome_server_produzione>/sirgesa/inizializzaservizioaggiuntivo Il sistema SIRGESA sulle indicate url: non prevede l identificazione del client attraverso il parametro verifycheck verifica che i para,etri di chiamata risultano inalterati e forniti da SGSS. Di seguito le caratteristiche di invocazione in termini di parametri passati in POST sulla chiamata: PARAMETRI nomeservizioaggiuntivo transid urlritorno serialnumber timestamp verifycheck DESCRIZIONE Nome del servizio aggiuntivo come censito su SIRGESA Identificativo di transazione nel sistema SGSS url a cui redirigere il client terminata la transazione di inizializzazione del servizio sulla carta Numero seriale della carta Tempo di generazione della richiesta espresso nel formato dd/mm/yyyy-hh:mm:ss (*) Digest secondo l algoritmo SHA-256 della concatenazione dei valori presenti nei parametri precedenti, criptato con la chiave privata di SGSS (SGSS_SK) e codificato in Base64 (**) (*) Verranno prese in considerazione ed elaborate solo le richieste pervenute al SIRGESA entro 100 secondi dal timestamp dichiarato nella chiamata. (**) Encode(Sign(Hash(nomeServizioAggiuntivo+transId+urlRitorno+serialNumber+timestamp, SHA-256), SGSS_SK),BASE64) 4.2 Esito dell inizializzazione del servizio SGSS espone apposita url a cui il sistema SIRGESA re-dirigerà il client dell utente al termine del processo di Pag. 6 di 9

7 inizializzazione. La suddetta url viene comunicata a SIRGESA tramite il parametro di invocazione della richiesta di inizializzazione denominato urlritorno. Di seguito riportiamo le caratteristiche di invocazione in termini di parametri passati in POST sulla chiamata: PARAMETRI nomeservizioaggiuntivo transid serialnumber Esito iverifycheck DESCRIZIONE Nome del servizio aggiuntivo come censito su SIRGESA Identificativo di transazione per SGSS e comunicata a SIRGESA nella invocazione della url di inizializzazione Numero seriale della carta Esito della operazione di inizializzazione del servizio sulla carta: 00 : servizio sulla carta inizializzato correttamente 01 : servizio sulla carta già presente 90 : ip di provenienza della chiamata non conforme 91 : sessione inesistente 92 : carta non valida / non riconosciuta 93 : operazione interrotta dall'utente (Annulla sull'applet) 94 : colloquio sirgesa non validato 95 : sessione scaduta 96 : seriale carta non conforme alla richiesta iniziale 97 : servizio inesistente 98 : richiesta non conforme 99 : errore nell inizializzazione del servizio sulla carta Digest secondo l algoritmo SHA-256 della concatenazione dei valori presenti nei parametri precedenti, criptato con la chiave privata di SIRGESA (SIRGESA_SK) e codificato in Base64 (*) (*) Encode(Sign(Hash(nomeServizioAggiuntivo+transId+serialNumber+eisto, SHA-256), SIRGESA_SK), BASE64) 5 ESEMPI 5.1 Form di richiesta inizializzazione servizio Di seguito riportiamo esempio di form per richiamare la url di inzializzazione servizio su SIRGESA. <form action="https://<nome_server>/sirgesa/inizializzaservizioaggiuntivo" method="post" id="testsirgesaform"> <input type="hidden" name="nomeservizioaggiuntivo" id="nomeservizioaggiuntivo" value="isee" /> <input type="hidden" name="transid" id="transid" value=" " /> <input type="hidden" name="urlritorno" id="urlritorno" value="https://<nome_server_sgss>/sgss/urlritorno" /> <input type="hidden" name="serialnumber" id="serialnumber" value=" " /> <input type="hidden" name="timestamp" id="timestamp" value="30/11/ :30:55 /> <input type="hidden" name="verifycheck" id="verifycheck" value="8dkk1jafvy/w4x1sfbbrcaesxtasu0fif6bq3nzf9ga7ssxn9yg632jxth9odhbwbfnocnrnw8iigai/sod0jw/s9duw2vtznxv+oyzq uvthv9+o49mhdud2skseamxa2j+frxubuk3rqbttd6z7jmunkk6t4lyqib84i1gntkc=" /> <input type="submit" value="test SIRGESA" /> </form> Pag. 7 di 9

8 5.2 Preparazione richiesta inzializzazione servizio Di seguito riportiamo un frammento di codice in linguaggio di alto livello (Java) necessario alla preparazione della richiesta di inzializzazione: //valorizzazione dei parametri di chiamata String nomeservizioaggiuntivo = <nome del servizio aggiuntivo gestito da SGSS>; String transid = <transid interno a SGSS>; String urlritorno = <url a cui SIRGESA inoltra l'esito di inzializzazione>; String serialnumber = <seriale della carta CNS regionale>; String pathtokeystore = <path dove SGSS conserva il proprio keystore JKS>; String aliasp12 = <alias del p12 nel keystore>; String keystorepassword = <password del keystore>; SimpleDateFormat sf = new SimpleDateFormat("dd/MM/yyyy-HH:mm:ss"); String timestamp = sf.format(new Date()); // dato di cui generare il digest secondo l'algoritmo SHA-256 byte[] dato = (nomeservizioaggiuntivo + transid + urlritorno + serialnumber + timestamp).getbytes(); java.security.messagedigest md = MessageDigest.getInstance("SHA-256"); md.update(dato); byte[] digest = md.digest(); // recupero della chiave privata dal keystore JKS dove SGSS ha importato il proprio // p12 APP2APP fornito al servizio aggiuntivo KeyStore ks = KeyStore.getInstance("JKS"); InputStream in = new FileInputStream(pathToKeyStore); ks.load(in, keystorepassword.tochararray()); PrivateKey priv = (PrivateKey) ks.getkey(aliasp12, keystorepassword.tochararray()); // firma del digest con la chiave privata del p12 APP2APP Signature signer = Signature.getInstance("NONEwithRSA"); signer.initsign(priv); signer.update(digest); byte[] digestcrypted = signer.sign(); // encoding in Base64 del digest firmato per generare il valore del parametro // verifycheck da inserire nella request String verifycheck = org.apache.commons.codec.binary.base64.encodebase64string(digestcrypted); Tutte le classi java richiamate laddove non espressamente riportanti il proprio package di appartenenza fanno riferimento ai package java.io, java.text, java.security, java.security.cert. Pag. 8 di 9

9 5.3 Interpretazione risposta inzializzazione servizio Di seguito riportiamo un frammento di codice in linguaggio di alto livello (Java) necessario alla interpretazione della risposta di inzializzazione del servizio: //recupero dei parametri di chiamata String nomeservizioaggiuntivo = request.getparameter( nomeservizioaggiuntivo ); String transid = request.getparameter( transid ); String serialnumber = request.getparameter( serialnumber ); String esito = request.getparameter( esito ); String verifycheck = request.getparameter( verifycheck ); String pathtosirgesacertificate = <path dove SGSS conserva il certificato pubblico di SIRGESA>; //calcolo del digest prodotto dai parametri forniti nella request byte[] datoricevuto = (nomeservizioaggiuntivo + transid + serialnumber + esito).getbytes(); java.security.messagedigest md = MessageDigest.getInstance("SHA-256"); md.update(datoricevuto); byte[] digestricalcolato = md.digest(); //decoding from Base64 del parametro verifycheck byte[] verifycheckcrypted = org.apache.commons.codec.binary.base64.decodebase64(verifycheck); // recupero della chiave pubblica dal certificato FileInputStream fin = new FileInputStream(pathToSirgesaCertificate); CertificateFactory f = CertificateFactory.getInstance("X.509"); X509Certificate certificate = (X509Certificate)f.generateCertificate(fin); PublicKey publickey = certificate.getpublickey(); // verifica del parametro verifycheck rispetto al digest // rigenerato sui parametri forniti utilizzando la chiave pubblica Signature signer = Signature.getInstance("NONEwithRSA"); signer.initverify(publickey); signer.update(digestricalcolato); if(signer.verify(verifycheckcrypted)) { //SUCCESS } else { //FAIL } Tutte le classi java richiamate laddove non espressamente riportanti il proprio package di appartenenza fanno riferimento ai package java.io, java.security, java.security.cert. Pag. 9 di 9

Web Services Dogane LINEE GUIDA

Web Services Dogane LINEE GUIDA Web Services Dogane LINEE GUIDA Pagina 1 di 17 Indice Indice... 2 1. INTRODUZIONE... 3 2. TEST FUNZIONALI SUI WEB SERVICES... 8 3. SICUREZZA... 14 4. FIRMA... 14 5. TRASFORMAZIONE CERTIFICATO DI FIRMA...

Dettagli

Servizio ISEE Invio comandi alla carta

Servizio ISEE Invio comandi alla carta Servizio ISEE Invio comandi alla carta Versione 1.1 04/12/2012 RTI Funzione Nome Redazione Approvazione Capo progetto RTI (Aruba) Esperto di dominio (Actalis) Capo progetto CMS (Engineering) Esperto architetture

Dettagli

GestPay Specifche tecniche sicurezza con OTP

GestPay Specifche tecniche sicurezza con OTP Documento: GestPay - Specifiche tecniche sicurezza con OTP GestPay Specifche tecniche sicurezza con OTP Pagina 1 di 33 Documento: GestPay - Specifiche tecniche sicurezza con OTP Sommario Informazioni documento...

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Autenticazione utente mediante MySQL Jsp [Java]

Laboratorio di Sistemi Autenticazione utente mediante MySQL Jsp [Java] Per la comprensione del presente articolo, occorre aver assimilato i concetti esposti nell'articolo Prototipo autenticazione utente (file autenticazione_2.pdf). (Tratto da Wikipedia, l'enciclopedia libera)

Dettagli

Crittografia in Java

Crittografia in Java Crittografia in Java di Oreste Delitala Progetto di Computer Security 2013-2014 Introduzione La crittografia è un particolare processo grazie al quale, per mezzo di sofisticati algoritmi, è possibile trasformare

Dettagli

Session tracking Session tracking HTTP: è stateless, cioè non permette di associare una sequenza di richieste ad un dato utente. Ciò vuol dire che, in generale, se un browser richiede una specifica pagina

Dettagli

Lezione 5: Socket SSL/ TLS. Corso di Programmazione in Rete Laurea Magistrale in Ing. Informatica Università degli Studi di Salerno

Lezione 5: Socket SSL/ TLS. Corso di Programmazione in Rete Laurea Magistrale in Ing. Informatica Università degli Studi di Salerno Lezione 5: Socket SSL/ TLS Corso di Programmazione in Rete Laurea Magistrale in Ing. Informatica Università degli Studi di Salerno 1 Outline Introduzione Gestione delle chiavi e dei certificati Comunicazione

Dettagli

Casalini Crypto. Documento di protocollo tecnico VRS 2.1

Casalini Crypto. Documento di protocollo tecnico VRS 2.1 Casalini Crypto 10.13 Documento di protocollo tecnico VRS 2.1 Requisiti fondamentali per l utilizzo del servizio: - I file PDF da criptare non devono essere già protetti da password o da altri sistemi

Dettagli

Crittografia e sicurezza informatica. Sistema di voto elettronico

Crittografia e sicurezza informatica. Sistema di voto elettronico Crittografia e sicurezza informatica Sistema di voto elettronico Deliano Perfetti Gabriele Paone Anno 2003 1 indice 1. Specifiche 2 2. Scelte progettuali 2 Schema Server Authority Server di Voto Client

Dettagli

GRUPPO DOMANDE N. 1. Quesito n. 1 Descrivere sinteticamente le finalità e le modalità d uso dei seguenti comandi UNIX / LINUX: LS, KILL, PS.

GRUPPO DOMANDE N. 1. Quesito n. 1 Descrivere sinteticamente le finalità e le modalità d uso dei seguenti comandi UNIX / LINUX: LS, KILL, PS. GRUPPO DOMANDE N. 1 Quesito n. 1 Descrivere sinteticamente le finalità e le modalità d uso dei seguenti comandi UNIX / LINUX: LS, KILL, PS. Quesito n. 2 Descrivere sinteticamente le finalità d impiego

Dettagli

Manuale di riferimento per l integrazione con i Negozi Virtuali

Manuale di riferimento per l integrazione con i Negozi Virtuali Manuale di riferimento per l integrazione con i Negozi Virtuali Opzione Redirect Release n. 1.0.1 Dicembre 2005 SOCIETÀ PER I SERVIZI BANCARI - S.S.B. S.p.A. Sede Sociale e Direzione Generale: Via Faravelli,

Dettagli

PAG. 1 DI 21 MAGGIO 2012 CARD MANAGEMENT SYSTEM GUIDA OPERATORE CMS

PAG. 1 DI 21 MAGGIO 2012 CARD MANAGEMENT SYSTEM GUIDA OPERATORE CMS PAG. 1 DI 21 MAGGIO 2012 CARD MANAGEMENT SYSTEM GUIDA OPERATORE CMS CARD MANAGEMENT SYSTEM GUIDA OPERATORE CMS PAG. 2 DI 21 Indice 1. PREMESSA... 3 2. MODALITÀ OPERATIVE... 4 2.1 AUTENTICAZIONE... 4 2.2

Dettagli

Tecnologie per il Web. Il web: Architettura HTTP HTTP. SSL: Secure Socket Layer

Tecnologie per il Web. Il web: Architettura HTTP HTTP. SSL: Secure Socket Layer Tecnologie per il Web Il web: architettura e tecnologie principali Una analisi delle principali tecnologie per il web Tecnologie di base http, ssl, browser, server, firewall e proxy Tecnologie lato client

Dettagli

Comunicazioni sicure su Internet: https e SSL. Fisica dell Informazione

Comunicazioni sicure su Internet: https e SSL. Fisica dell Informazione Comunicazioni sicure su Internet: https e SSL Fisica dell Informazione Il servizio World Wide Web (WWW) Come funziona nel dettaglio il Web? tre insiemi di regole: Uniform Resource Locator (URL) Hyper Text

Dettagli

GestPay Specifiche tecniche

GestPay Specifiche tecniche GestPay Specifiche tecniche Progetto: GestPay Pagina 1 di 35 Sommario Informazioni documento...3 Informazioni versione...4 1 Introduzione...5 2 Architettura del sistema...6 3 Descrizione fasi del processo...8

Dettagli

Architettura Client-Server

Architettura Client-Server Architettura Client-Server 1. il client manda una richiesta al server 2. il server (in attesa) riceve la richiesta 3. il server esegue il servizio richiesto (generando un thread concorrente) 4. il server

Dettagli

Integrazione di Service Provider e Identity Provider SiRAC e INF3

Integrazione di Service Provider e Identity Provider SiRAC e INF3 Integrazione di Service Provider e Identity Provider SiRAC e INF3 SOMMARIO 1. Introduzione... 4 1.1. Contenuti del Documento... 4 1.2. Distribuzione... 5 1.3. Acronimi... 5 2. Integrazione di Service Provider...

Dettagli

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole i Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole ii Copyright 2005-2015 Link.it srl Guida Utente della PddConsole iii Indice 1 Introduzione 1 2 I protocolli di

Dettagli

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole i Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole ii Copyright 2005-2014 Link.it srl Guida Utente della PddConsole iii Indice 1 Introduzione 1 2 I protocolli di

Dettagli

Applicazioni web. Sommario. Parte 6 Servlet Java. Applicazioni web - Servlet. Alberto Ferrari 1. Servlet Introduzione alle API ed esempi

Applicazioni web. Sommario. Parte 6 Servlet Java. Applicazioni web - Servlet. Alberto Ferrari 1. Servlet Introduzione alle API ed esempi Applicazioni web Parte 6 Java Alberto Ferrari 1 Sommario Introduzione alle API ed esempi Tomcat Server per applicazioni web Alberto Ferrari 2 Alberto Ferrari 1 Java: da applet a servlet In origine Java

Dettagli

Come funziona internet

Come funziona internet Come funziona internet Architettura client server URL/URI Richiesta (Request) Risposta (Response) Pagina url e uri Uno Uniform Resource Identifier (URI, acronimo più generico rispetto ad "URL") è una stringa

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS HTTP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS HTTP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS HTTP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

COMMERCIO ELETTRONICO

COMMERCIO ELETTRONICO Specifiche Tecniche COMMERCIO ELETTRONICO Autorizzazione di Pagamenti su Siti Remoti Versione 3.1 Pag. 1/12 INDICE 1. GENERALITÀ...3 2. SVOLGIMENTO DEL PAGAMENTO...4 3. MODALITÀ OPERATIVE...5 4. NOTIFICA

Dettagli

Introduzione al linguaggio Java: Servlet e JSP

Introduzione al linguaggio Java: Servlet e JSP Introduzione al linguaggio Java: Servlet e JSP Corso di Gestione della Conoscenza d Impresa A. A. 2006/2007 Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Bari 1 Servlet e JSP: il contesto Un applicazione

Dettagli

Secure Simple Budget Manager

Secure Simple Budget Manager Secure Simple Budget Manager Caso di studio Reti di Calcolatori CdL: Informatica e Tecnologie per la Produzione del Software A.A. 2009 2010 Outline Obiettivi e motivazioni Analisi Progettazione dell architettura

Dettagli

Java Security Extensions(J2SE)

Java Security Extensions(J2SE) Università degli Studi di Bologna IIª Facoltà di Ingegneria - Cesena Anno Accademico 2010/2011 OUTLINE Java Security Extensions(J2SE) Prof. Enrico Denti Dipartimento di Elettronica, Informatica e Sistemistica

Dettagli

Caratteristiche e offerta commerciale

Caratteristiche e offerta commerciale Caratteristiche e offerta commerciale INDICE 1. Caratteristiche di sicurezza Pag. 2 2. Ambiente di Back-Office Merchant Pag. 4 3. Caratteristiche comuni Pag. 8 4. Servizi al consumatore Pag. 8 5. Condizioni

Dettagli

ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL

ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL.1. Introduzione Legalmail è un servizio di posta elettronica che garantisce un elevato grado di affidabilità e sicurezza. Esso consente al Cliente

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICE CMS ATTIVAZIONE E REVOCA TS-CNS IN INTEROPERABILITA FRA CARD MANAGEMENT SYSTEM

PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICE CMS ATTIVAZIONE E REVOCA TS-CNS IN INTEROPERABILITA FRA CARD MANAGEMENT SYSTEM PROGETTO TESSERA SANITARIA WEB SERVICE CMS ATTIVAZIONE E REVOCA TS-CNS IN INTEROPERABILITA FRA CARD Pag. 2 di 14 INDICE 1. INTRODUZIONE 4 2. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI RICHIESTA DI ATTIVAZIONE E REVOCA

Dettagli

Sessioni Applicative in Http. Tito Flagella tito@link.it

Sessioni Applicative in Http. Tito Flagella tito@link.it Sessioni Applicative in Http Tito Flagella tito@link.it Perché le sessioni Solitamente le transazioni http sono anonime e indipendenti Le applicazioni hanno bisogno di correlarle tra di loro User1: http://bank.com/prelievo?amount=10000$

Dettagli

Manuale di riferimento per l integrazione con i MERCHANT SYSTEMS

Manuale di riferimento per l integrazione con i MERCHANT SYSTEMS Manuale di riferimento per l integrazione con i MERCHANT SYSTEMS Release n. 1.1.2 Luglio 2007 MANUALE DI RIFERIMENTO PER L INTEGRAZIONE CON I MERCHANT SYSTEMS... 1 RELEASE N. 1.1.2... 1 REVISIONI... 5

Dettagli

2009. STR S.p.A. u.s. Tutti i diritti riservati

2009. STR S.p.A. u.s. Tutti i diritti riservati 2009. STR S.p.A. u.s. Tutti i diritti riservati Sommario COME INSTALLARE STR VISION CPM... 3 Concetti base dell installazione Azienda... 4 Avvio installazione... 4 Scelta del tipo Installazione... 5 INSTALLAZIONE

Dettagli

@CCEDO: Accessibilità, Sicurezza, Architettura

@CCEDO: Accessibilità, Sicurezza, Architettura Rev. 8, agg. Settembre 2014 @CCEDO: Accessibilità, Sicurezza, Architettura 1.1 Il Sistema di Gestione della Sicurezza Per quanto riguarda la gestione della Sicurezza, @ccedo è dotato di un sistema di autenticazione

Dettagli

Vallarino Simone. Corso di sicurezza A.A. 2003/2004 HTTPS

Vallarino Simone. Corso di sicurezza A.A. 2003/2004 HTTPS Vallarino Simone Corso di sicurezza A.A. 2003/2004 HTTPS INTRODUZIONE Per cominciare a parlare di https è necessario aprire la discussione ricordando le caratteristiche dell http: HTTP Nel sistema telematico

Dettagli

Reti di Calcolatori. Esercitazione su: Crittografia & Bet Server. A.A. 2010/2011 Reti di Calcolatori 1 (Es. 6)

Reti di Calcolatori. Esercitazione su: Crittografia & Bet Server. A.A. 2010/2011 Reti di Calcolatori 1 (Es. 6) Reti di Calcolatori Esercitazione su: Crittografia & Bet Server A.A. 2010/2011 Reti di Calcolatori 1 (Es. 6) Si vuole implementare un server che gestisce scommesse sulle corse dei cavalli. Il server riceve

Dettagli

DEL SENDER GUIDA INTEGRATIVA ALL INSTALLAZIONE. Versione N.1.0. Data 11/05/2009. Sender - Guida integrativa alla installazione

DEL SENDER GUIDA INTEGRATIVA ALL INSTALLAZIONE. Versione N.1.0. Data 11/05/2009. Sender - Guida integrativa alla installazione GUIDA INTEGRATIVA ALL INSTALLAZIONE DEL SENDER Versione N.1.0 Data 11/05/2009 Versione 1.0, Data emissione 11/05/2009 Pag. 1 di 15 Revisione Capitolo Modifica Data 1.0 Prima Emissione 11/05/2009 Versione

Dettagli

Il documento è rivolto ai programmatori che sviluppano applicazioni Web destinate all integrazione con sistemi di pagamento elettronico.

Il documento è rivolto ai programmatori che sviluppano applicazioni Web destinate all integrazione con sistemi di pagamento elettronico. PagOnline Imprese SPECIFICHE TECNICHE: WEB SERVICES Ed. 06 del 16/06/2014 PREFAZIONE SCOPO DEL DOCUMENTO Il presente documento si propone di illustrare l utilizzo dei Web Services o delle corrispondenti

Dettagli

Laboratorio di Programmazione di Rete Docente: Novella Bartolini Lezione dell 16 Maggio 2005

Laboratorio di Programmazione di Rete Docente: Novella Bartolini Lezione dell 16 Maggio 2005 Laboratorio di Programmazione di Docente: Novella Bartolini Lezione dell 16 Maggio 2005 Mandare una e-mail da una pagina JSP Esistono numerosi package che fanno al caso nostro Le API JavaMail sono fornite

Dettagli

TEORIA E LABORATORIO MODULO 2 - (IS) LA STRUTTURA E I SERVIZI DI INTERNET MODULO 3 - (AL) PROBLEMI E ALGORITMI. LE STRUTTURE DI CONTROLLO.

TEORIA E LABORATORIO MODULO 2 - (IS) LA STRUTTURA E I SERVIZI DI INTERNET MODULO 3 - (AL) PROBLEMI E ALGORITMI. LE STRUTTURE DI CONTROLLO. PROGRAMMA DI INFORMATICA SVOLTO NELL A.S. 2014/2015 CLASSE II A LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE PROF. DE BENEDETTI MARIANNA LIBRI DI TESTO: Marisa Addomine, Daniele Pons Informatica multimediale -

Dettagli

Esercitazione 8. Basi di dati e web

Esercitazione 8. Basi di dati e web Esercitazione 8 Basi di dati e web Rev. 1 Basi di dati - prof. Silvio Salza - a.a. 2014-2015 E8-1 Basi di dati e web Una modalità tipica di accesso alle basi di dati è tramite interfacce web Esiste una

Dettagli

PHP. A. Lorenzi, R. Giupponi, D. Iovino LINGUAGGI WEB. LATO SERVER E MOBILE COMPUTING Atlas. Copyright Istituto Italiano Edizioni Atlas

PHP. A. Lorenzi, R. Giupponi, D. Iovino LINGUAGGI WEB. LATO SERVER E MOBILE COMPUTING Atlas. Copyright Istituto Italiano Edizioni Atlas PHP A. Lorenzi, R. Giupponi, D. Iovino LINGUAGGI WEB. LATO SERVER E MOBILE COMPUTING Atlas Copyright Istituto Italiano Edizioni Atlas Programmazione lato server PHP è un linguaggio che estende le funzionalità

Dettagli

Servizi Applicativi su Internet SMTP/POP/IMAP. La posta elettronica. Pierluigi Gallo, Domenico Garlisi, Fabrizio Giuliano

Servizi Applicativi su Internet SMTP/POP/IMAP. La posta elettronica. Pierluigi Gallo, Domenico Garlisi, Fabrizio Giuliano Servizi Applicativi su Internet SMTP/POP/IMAP La posta elettronica Pierluigi Gallo, Domenico Garlisi, Fabrizio Giuliano E-mail - Indice 2 Introduzione Formato del messaggio Server Protocolli Comandi SMTP

Dettagli

Documento Tecnico per l Integrazione al servizio BANKPASS Web

Documento Tecnico per l Integrazione al servizio BANKPASS Web Documento Tecnico per l Integrazione al servizio BANKPASS Web WEB Release n. 2.2.5 Data: Aprile 2007 SOCIETÀ PER I SERVIZI BANCARI - S.S.B. S.p.A. Sede Sociale e Direzione Generale: Via Faravelli, 14 20149

Dettagli

Remote Service Solution. Descrizione del Servizio

Remote Service Solution. Descrizione del Servizio Remote Service Solution Descrizione del Servizio Redattore: Alberto Redi Luogo e Data Lugano, 25 Novembre 2008 Status: Finale All attenzione di: Protocollo: Security Lab Sagl ViaGreina 2 - CH 6900 Lugano

Dettagli

ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL

ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL.1. Introduzione Legalmail è il servizio di posta elettronica con valore legale realizzato da InfoCamere. Esso consente al Cliente di disporre di

Dettagli

Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop. Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop

Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop. Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop i Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop ii Copyright 2005-2008 Link.it s.r.l. iii COLLABORATORI TITOLO : Guida alla programmazione e integrazione di servizi in OpenSPCoop AZIONE

Dettagli

Procedura di accreditamento ai servizi di Interoperabilità

Procedura di accreditamento ai servizi di Interoperabilità Procedura di accreditamento ai servizi di Interoperabilità 30/08/2011 Cod. SISTRI-MOF_ACC_INT-001 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Presentazione... 4

Dettagli

Procedura d adesione e utilizzo del servizio

Procedura d adesione e utilizzo del servizio Emesso da: CartaSi S.p.A. Versione: 003 Area ICT - SWeD Emesso il: 20/02/2006 Procedura d adesione e utilizzo del servizio Versione: 003 Pagina 1 di 77 INDICE 1. Modifiche apportate... 4 2. Introduzione...

Dettagli

Indice generale. Prefazione...xiii. Introduzione...xv

Indice generale. Prefazione...xiii. Introduzione...xv Prefazione...xiii Introduzione...xv Destinatari del libro...xvi Prerequisiti...xvi Versioni di Android...xvii Organizzazione del libro...xvii Convenzioni...xviii Ringraziamenti...xix L autore...xix Il

Dettagli

Sistemi informativi e Telemedicina Anno Accademico 2008-2009 Prof. Mauro Giacomini

Sistemi informativi e Telemedicina Anno Accademico 2008-2009 Prof. Mauro Giacomini Sistemi informativi e Telemedicina Anno Accademico 2008-2009 Prof. Mauro Giacomini Concetti di base Tre funzioni fondamentali: Autenticazione: riceve le credenziali, le verifica presso un autorità, se

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE MODALITÀ DI COMUNICAZIONE

DEFINIZIONE DELLE MODALITÀ DI COMUNICAZIONE DEFINIZIONE DELLE MODALITÀ DI COMUNICAZIONE L'utente Operatore [OP] può adottare una delle due seguenti modalità per comunicare con il Gestore del Registro delle Opposizioni [GRO]. Modalità OP_EMAIL_RR

Dettagli

Indice generale. Parte I Anatomia del Web...21. Introduzione...xiii

Indice generale. Parte I Anatomia del Web...21. Introduzione...xiii Indice generale Introduzione...xiii Capitolo 1 La sicurezza nel mondo delle applicazioni web...1 La sicurezza delle informazioni in sintesi... 1 Primi approcci con le soluzioni formali... 2 Introduzione

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA SERVIZI DI COMUNICAZIONE ATTIVAZIONE E REVOCA DELLE TS-CNS

PROGETTO TESSERA SANITARIA SERVIZI DI COMUNICAZIONE ATTIVAZIONE E REVOCA DELLE TS-CNS PROGETTO TESSERA SANITARIA Pag. 2 di 13 INDICE 1. INTRODUZIONE 4 2. CANALI DI COMUNICAZIONE DEI SISTEMI REGIONALI CON IL SISTEMA TS 5 3. SERVIZIO DI COMUNICAZIONE ATTIVAZIONE/REVOCA CNS 6 3.1 DESCRIZIONE

Dettagli

POS VIRTUALE INTERNET. SETEFI S.p.A

POS VIRTUALE INTERNET. SETEFI S.p.A POS VIRTUALE INTERNET SETEFI S.p.A 1 Indice 1. SOLUZIONE PROPOSTA...3 1.1 Fase di autorizzazione...3 1.2 Funzioni di cifratura e decifratura...4 1.2.1 La funzione Rij_Client_CifraNew...4 1.2.2 La funzione

Dettagli

MAIL ORDER E TELEPHONE ORDER Integrazione server to server

MAIL ORDER E TELEPHONE ORDER Integrazione server to server Procedura di adesione e utilizzo del servizio X-Pay - Specifiche Tecniche MAIL ORDER E TELEPHONE ORDER Integrazione server to server Versione 1 Data 04.2012 Pag. 1/13 INDICE 1. GLOSSARIO... 3 2. SCOPO...

Dettagli

Server-side Programming: Java servlets Parte II

Server-side Programming: Java servlets Parte II Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni Corso di Reti di Applicazioni Telematiche a.a. 2009-2010 Server-side Programming:

Dettagli

Il Gestore Eventi di OpenSPCoop i. Il Gestore Eventi di OpenSPCoop

Il Gestore Eventi di OpenSPCoop i. Il Gestore Eventi di OpenSPCoop i Il Gestore Eventi di OpenSPCoop ii Copyright 2005-2011 Link.it srl iii Indice 1 Introduzione 1 2 Configurazione di un Servizio SPCoop come Evento gestito dal GE 2 3 Configurazione di un Pubblicatore

Dettagli

Manuale SDK di OpenSPCoop2 i. Manuale SDK di OpenSPCoop2

Manuale SDK di OpenSPCoop2 i. Manuale SDK di OpenSPCoop2 i Manuale SDK di OpenSPCoop2 ii Copyright 2005-2013 Link.it srl iii Indice 1 Introduzione 1 2 La Personalizzazione del Protocollo di Cooperazione 1 3 Il Software Development Kit 2 3.1 Gestione dei payload.................................................

Dettagli

Università degli Studi di Salerno Ingegneria del Software: Tecniche Avanzate

Università degli Studi di Salerno Ingegneria del Software: Tecniche Avanzate Università degli Studi di Salerno Ingegneria del Software: Tecniche Avanzate Mystic Pizza Gestione Pizzeria Scheda di Progetto Version 1.0 Data 19/03/2007 Indice degli argomenti 1. Introduzione 3 a. Scenario

Dettagli

Android Security Key Management. Roberto Gassirà (r.gassira@mseclab.com) Roberto Piccirillo (r.piccirillo@mseclab.com)

Android Security Key Management. Roberto Gassirà (r.gassira@mseclab.com) Roberto Piccirillo (r.piccirillo@mseclab.com) Roberto Gassirà (r.gassira@mseclab.com) Roberto Piccirillo (r.piccirillo@mseclab.com) Roberto Piccirillo Senior Security Analyst - Mobile Security Lab Vulnerability Assessment (IT, Mobile Application)

Dettagli

Sistema di Registrazione WebRA Manuale Utente Operatore RA

Sistema di Registrazione WebRA Manuale Utente Operatore RA Certification Authority del CNN NOTE: pag. 1 di 91 Notartel S.p.A. Sommario Il presente Manuale contiene le istruzioni per l utilizzo dell applicazione web WebRA (l acronimo sta per Web Registration Authority)

Dettagli

Crittografia & Java Cryptographic. Architecture (JCA) A cura di Franzin Michele. 29-30 Settembre 1 Ottobre 2006. Java User Group Padova

Crittografia & Java Cryptographic. Architecture (JCA) A cura di Franzin Michele. 29-30 Settembre 1 Ottobre 2006. Java User Group Padova Crittografia & Java Cryptographic 29-30 Settembre 1 Ottobre 2006 Architecture (JCA) A cura di Franzin Michele 1 Copyright Quest'opera è protetta dalla licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.5;

Dettagli

Corso di PHP. Prerequisiti. 6.1 PHP e il web 1. Conoscenza HTML Tecnica della programmazione Principi di programmazione web

Corso di PHP. Prerequisiti. 6.1 PHP e il web 1. Conoscenza HTML Tecnica della programmazione Principi di programmazione web Corso di PHP 6.1 PHP e il web 1 1 Prerequisiti Conoscenza HTML Tecnica della programmazione Principi di programmazione web 2 1 Introduzione In questa Unità illustriamo alcuni strumenti di programmazione

Dettagli

SETEFI. Marco Cantarini, Daniele Maccauro, Domenico Marzolla. 19 Aprile 2012

SETEFI. Marco Cantarini, Daniele Maccauro, Domenico Marzolla. 19 Aprile 2012 e VIRTUALCARD 19 Aprile 2012 e VIRTUALCARD Introduzione Il nostro obiettivo é quello di illustrare la struttura e le caratteristiche di fondo che stanno alla base delle transazioni online operate tramite

Dettagli

Prodotti software per l'innovazione e la semplificazione nella P.A.

Prodotti software per l'innovazione e la semplificazione nella P.A. 10/10/2013 Prodotti software per l'innovazione e la semplificazione (BIT) Benzinai in Toscana Architettura del Software Compilato : Tommaso Anzidei (Almaviva) Rivisto : Silvana Ciampi (Almaviva) Autorizzato

Dettagli

MISURAZIONE DEI LIVELLI DI SERVIZIO

MISURAZIONE DEI LIVELLI DI SERVIZIO MISURAZIONE DEI LIVELLI DI SERVIZIO Presentazione Misurazione dei livelli di servizio Il nostro sistema di misurazione dei livelli di servizio è in grado di registrare ed elaborare i tempi di risposta

Dettagli

Manuale d uso - Utente

Manuale d uso - Utente Manuale d uso - Utente Progetto federa Commessa Cliente Capo Progetto Redatto da Verificato da Lepida SpA Regione Emilia-Romagna Vania Corelli Grappadelli Fabio Baroncini Approvato da Data redazione 14/09/2012

Dettagli

SESSION TRACKING DISPENSE

SESSION TRACKING DISPENSE SESSION TRACKING DISPENSE SESSION TRACKING Sessione: In modo generico potremmo dire che una sessione consiste in tutto il tempo in cui un utente, scambiando informazioni con il server, può dire di aver

Dettagli

Manuale Utente del Portale CA. Firma Digitale su CNS/CRS

Manuale Utente del Portale CA. Firma Digitale su CNS/CRS - Carta Regionale dei Servizi e Certificati Qualificati di Firma Digitale Manuale Utente del Portale CA Firma Digitale su CNS/CRS Codice del Documento: CRS-CA-MES#01 Revisione del Documento: 1.0 Data di

Dettagli

Università di Firenze Gestione Presenze Interfaccia grafica

Università di Firenze Gestione Presenze Interfaccia grafica Università di Firenze Gestione Presenze Interfaccia grafica Pagina 1 di 29 Versione Emissione Approvazione Modifiche Apportate Autore Data Autore Data 1 Maggini 01/03/06 - - Prima emissione. Pagina 2 di

Dettagli

Seminari Eucip, Esercizio e Supporto di Sistemi Informativi

Seminari Eucip, Esercizio e Supporto di Sistemi Informativi Seminari Eucip, Esercizio e Supporto di Sistemi Informativi Servizi di Dipartimento di Informtica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Sicurezza su Sicurezza della La Globale La rete è inerentemente

Dettagli

SISTEMA COMPLETO PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA INTEGRATA IN UN BOX

SISTEMA COMPLETO PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA INTEGRATA IN UN BOX S2 NETBOX SISTEMA COMPLETO PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA INTEGRATA IN UN BOX L inizio di una rivoluzione Nasce una rivoluzione nella mondo della sicurezza fisica: il controllo remoto e integrato delle

Dettagli

Manuale Gateway SMS. (Versione Documento 2.1) pagina 1 di 5

Manuale Gateway SMS. (Versione Documento 2.1) pagina 1 di 5 Manuale Gateway SMS (Versione Documento 2.1) pagina 1 di 5 1. Introduzione Questo documento descrive i diversi metodi e l'uso dell'sms center per trasmettere messaggi SMS con metodo HTTP POST o GET. Il

Dettagli

Corso di Informatica. Prerequisiti. Modulo T3 B3 Programmazione lato server. Architettura client/server Conoscenze generali sui database

Corso di Informatica. Prerequisiti. Modulo T3 B3 Programmazione lato server. Architettura client/server Conoscenze generali sui database Corso di Informatica Modulo T3 B3 Programmazione lato server 1 Prerequisiti Architettura client/server Conoscenze generali sui database 2 1 Introduzione Lo scopo di questa Unità è descrivere gli strumenti

Dettagli

Come creare un certificato SSL per IIS utilizzando la CA Privata di W indow s 2 0 0 3 Server

Come creare un certificato SSL per IIS utilizzando la CA Privata di W indow s 2 0 0 3 Server Come creare un certificato SSL per IIS utilizzando la CA Privata di W indow s 2 0 0 3 Server Di Massimiliano Brolli, Roma 24/10/2004 SSL permette di eseguire una connessione criptata tra un Server WEB

Dettagli

Sistema di Registrazione WebRA Manuale Utente Operatore RA

Sistema di Registrazione WebRA Manuale Utente Operatore RA Certification Authority del CNN NOTE: pag. 1 di 93 Notartel S.p.A. Sommario Il presente Manuale contiene le istruzioni per l utilizzo dell applicazione web WebRA (l acronimo sta per Web Registration Authority)

Dettagli

PROGETTO TESSERA SANITARIA SERVIZI DI COMUNICAZIONE ATTIVAZIONE E REVOCA DELLE TS-CNS

PROGETTO TESSERA SANITARIA SERVIZI DI COMUNICAZIONE ATTIVAZIONE E REVOCA DELLE TS-CNS PROGETTO TESSERA SANITARIA Pag. 2 di 20 INDICE 1. INTRODUZIONE 4 1.1 CANALE DI COMUNICAZIONE DEI SISTEMI REGIONALI CON IL SISTEMA TS (FASE PRIMO IMPIANTO) 4 1.2 CANALI DI COMUNICAZIONE DEI SISTEMI REGIONALI

Dettagli

Servlet API. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04

Servlet API. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Servlet API Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Servlet Interfaccia Java che modella il paradigma richiesta/elaborazione/risposta tipico delle applicazioni lato server Presuppone l esistenza

Dettagli

VERIS. Manuale Utente - Verifica Emissibilità, Inquiry Revoche - - Installazione e gestione -

VERIS. Manuale Utente - Verifica Emissibilità, Inquiry Revoche - - Installazione e gestione - Manuale Utente - Verifica Emissibilità, Inquiry Revoche - - Installazione e gestione - Indice 1. Scopo e campo di applicazione...3 2. Riferimenti...3 3. Definizioni e acronimi...3 4. Introduzione...3 5.

Dettagli

La sicurezza nel Web

La sicurezza nel Web La sicurezza nel Web Protezione vs. Sicurezza Protezione: garantire un utente o un sistema della non interazione delle attività che svolgono in unix ad esempio i processi sono protetti nella loro esecuzione

Dettagli

Database & WWW. Basi di dati Architetture e linee di evoluzione P. Atzeni, S. Ceri, P. Fraternali, S. Paraboschi, R. Torlone

Database & WWW. Basi di dati Architetture e linee di evoluzione P. Atzeni, S. Ceri, P. Fraternali, S. Paraboschi, R. Torlone Database & WWW Capitolo 4 Basi di dati Architetture e linee di evoluzione P. Atzeni, S. Ceri, P. Fraternali, S. Paraboschi, R. Torlone 1 Sommario Protocollo HTTP CGI Java Servlet Server-side scripting

Dettagli

AXIS2 ESSENTIAL ADMINISTRATOR GUIDE

AXIS2 ESSENTIAL ADMINISTRATOR GUIDE AXIS2 Administration Pagina 1 Introduzione AXIS2 ESSENTIAL ADMINISTRATOR GUIDE Il documento descrive le nozioni essenziali, o richieste più frequentemente, necessarie per configurare Axis2 su Tomcat all

Dettagli

dopo l'installazione del componente, nei componenti aggiuntivi di Internet Explorer la voce Check Point... dovrà essere attiva

dopo l'installazione del componente, nei componenti aggiuntivi di Internet Explorer la voce Check Point... dovrà essere attiva ULSS n.1 Belluno - collegamento VPN della Ulss n.1 di Belluno (30 agosto 2013) Sintesi prerequisiti per l autenticazione tramite TOKEN (segue elenco dettagliato con tutti i passaggi) 1. Scarico ed installazione

Dettagli

Web Service per importare un adempimento SUAP in. Versione: 1.2 Data: 16/04/12 Autore: InfoCamere Direzione Applicazioni

Web Service per importare un adempimento SUAP in. Versione: 1.2 Data: 16/04/12 Autore: InfoCamere Direzione Applicazioni Web Service per importare un adempimento SUAP in Versione: 1.2 Data: 16/04/12 Autore: InfoCamere Direzione Applicazioni 1. Introduzione al documento...3 1.1 Novità introdotte rispetto alla precedente emissione...3

Dettagli

Restrizioni di accesso alle risorse Web

Restrizioni di accesso alle risorse Web Restrizioni di accesso alle risorse Web IceWarp Server è, tra le altre cose, anche un Server Web con un controllo granulare delle impostazioni di ciascun sito su di esso ospitato. Tra queste impostazioni

Dettagli

Tecnologie di Sviluppo per il Web

Tecnologie di Sviluppo per il Web Tecnologie di Sviluppo per il Web Applicazioni Web J2EE: Struttura dell Applicazione versione 2.4 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima pagina)

Dettagli

Gli XML Web Service. Prof. Mauro Giacomini. Complementi di Informatica Medica 2008/2009 1

Gli XML Web Service. Prof. Mauro Giacomini. Complementi di Informatica Medica 2008/2009 1 Gli XML Web Service Prof. Mauro Giacomini Medica 2008/2009 1 Definizioni i i i Componente.NET che risponde a richieste HTTP formattate tramite la sintassi SOAP. Gestori HTTP che intercettano richieste

Dettagli

Manuale Utente del Portale CA per il Titolare di Carta SISS

Manuale Utente del Portale CA per il Titolare di Carta SISS - Carta SISS Manuale Utente del Portale CA per il Titolare di Carta SISS Codice del Documento: CRS-CA-MES#02 Revisione del Documento: 1.0 Data di Revisione: 05-09-2014 Page 1 of 28 Cronologia delle Revisioni

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica Reti e Sicurezza Informatica

Corso di Laurea in Informatica Reti e Sicurezza Informatica Corso di Laurea in Informatica Reti e Sicurezza Informatica Esercitazione 6 Autenticazione in Tomcat per lo sviluppo di Web Service. In questo documento si presentano i meccanismi fondamentali che consentono

Dettagli

Osservazioni. Laboratorio di Tecnologie Lato Server - V.Della Mea e I.Scagnetto, a.a. 2005/06-1

Osservazioni. Laboratorio di Tecnologie Lato Server - V.Della Mea e I.Scagnetto, a.a. 2005/06-1 Osservazioni Nell esempio della precedente lezione del contatore di accessi persistente il nome del file in cui memorizzare il numero di hit ed il valore iniziale del contatore sono codificati direttamente

Dettagli

La Sicurezza delle Reti. La Sicurezza delle Reti. Il software delle reti. Sistemi e tecnologie per la multimedialità e telematica.

La Sicurezza delle Reti. La Sicurezza delle Reti. Il software delle reti. Sistemi e tecnologie per la multimedialità e telematica. Sistemi e tecnologie per la multimedialità e telematica Fabio Burroni Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Siena burronif@unisi unisi.itit La Sicurezza delle Reti La presentazione

Dettagli

Manuale gestione Porta di Dominio OpenSPCoop 1.1

Manuale gestione Porta di Dominio OpenSPCoop 1.1 i Manuale gestione Porta di Dominio ii Copyright 2005-2008 Link.it srl Questo documento contiene informazioni di proprietà riservata, protette da copyright. Tutti i diritti sono riservati. Non è permesso

Dettagli

Descrizione di un algoritmo

Descrizione di un algoritmo Descrizione di un algoritmo Un algoritmo descrive due tipi fondamentali di oper: calcoli ottenibili tramite le oper primitive su tipi di dato (valutazione di espressioni) che consistono nella modifica

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

Gestione di immagini/file in PostgreSQL e servlet

Gestione di immagini/file in PostgreSQL e servlet Gestione di immagini/file in PostgreSQL e servlet Alberto Sabaini Laboratorio di Basi di Dati Laurea in Informatica Sommario Approcci Oggetti fondamentali Web Application Sommario Installare l esempio

Dettagli

Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it

Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it 1 Il web come architettura di riferimento Architettura di una applicazione web Tecnologie lato server: Script (PHP, Pyton, Perl), Servlet/JSP, ASP Tecnologie lato

Dettagli

Oggetto: MASTER DI ALTA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PROGRAMMATORE JAVA PARTECIPAZIONE GRATUITA

Oggetto: MASTER DI ALTA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PROGRAMMATORE JAVA PARTECIPAZIONE GRATUITA Oggetto: MASTER DI ALTA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PROGRAMMATORE JAVA PARTECIPAZIONE GRATUITA Salerno Formazione, società operante nel settore della didattica, della formazione professionale e certificata

Dettagli

UX model e Architetture di SI web-based. B. Pernici D. Ardagna

UX model e Architetture di SI web-based. B. Pernici D. Ardagna UX model e Architetture di SI web-based B. Pernici D. Ardagna Conallen, cap. 7,9 Bibliografia Modellazione concettuale: UX model Primo passo di analisi UX: user experience Schermate Modellare la navigazione,

Dettagli

Manuale d uso CRS Manager

Manuale d uso CRS Manager Classificazione: pubblico - MES Manuale Esterno - Manuale d uso CRS Manager Codice Documento: CRS-FORM-MES#523 Revisione del Documento: 04 Data revisione: 17-01-2014 Pagina 1 di 68 Cronologia delle Revisioni

Dettagli