Sistemi Informativi Aziendali I

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi Informativi Aziendali I"

Transcript

1 Modulo 3 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Modulo 3 Costruire i Sistemi Informativi d Impresa: Decidere il Sistema d Impresa; Progettare il Sistema d Impresa; Realizzare e gestire il Sistema d Impresa; Il ruolo delle Persone. 2 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

2 Decidere il Sistema d Impresa Una visione generale delle fasi di costruzione del Sistema d Impresa; La prima fase: preparazione ed approccio al progetto ; Definire missione ed obiettivi progettuali. 3 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Costruire il Sistema Informativo Diversi livelli di obiettivo/opportunità : Integrare ed ammodernare i sistemi esistenti e fornire informazioni più precise e tempestive a dipendenti, clienti e fornitori; Consentire la riprogettazione dei processi chiave di business su nuove basi, fino a ripensare l intera impresa. 4 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

3 E un Processo Complesso Il processo di inserimento di un Sistema Informativo Integrato offre la possibilità di benefici hard, immediatamente raggiungibili, e benefici soft, o potenziali, di maggior valore, che sono abilitati dal nuovo sistema, ma sono raggiungibili solo attraverso una riprogettazione dell Impresa e del suo modo di operare. E il processo massivo, complesso, costoso, spesso traumatico, che chiamiamo implementazione di sistema. 5 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Il System Development Life Cycle Fattibilità Fattibilità Gestione Gestione Analisi Analisi Implementazione Progettazione Progettazione Codifica Codifica 6 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

4 L evoluzione del Ciclo di Sviluppo L approccio su misura ; fatto in casa ; realizzato ad hoc L approccio verticale ; realizzato ad hoc per settore industriale; L approccio package configurabile o ERP; L approccio a modelli d Impresa ed oggetti. 7 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 L approccio su misura E stato, all inizio, l approccio delle grandi aziende che, studiate le proprie specifiche esigenze (analisi) iniziavano, poi, la realizzazione (programmazione) del proprio Sistema Informativo tramite un gruppo interno di specialisti. Piu tardi aziende di minori dimensioni utilizzavano l approccio con specialisti esterni. Teoricamente la migliore risposta, in pratica costi elevatissimi, soprattutto in manutenzione (nessuna economia industriale) e progetti infiniti. 8 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

5 L approccio verticale Aziende specializzate Software House realizzano software in forma di package personalizzabile per il Sistema Informativo di un certo segmento industriale, appunto, verticale. Ad esempio calzaturifici o grande distribuzione. L approccio funziona per alcuni segmenti industriali, in altri la dimensione del segmento non giustifica i costi di uno sviluppo standard, lasciando un ampio spazio, critico, per la personalizzazione, ovvero coprendo solo parzialmente i bisogni. 9 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 L approccio a modelli ed oggetti In fase di ricerca, basato sulle tecnologie software ad oggetti, in corso di consolidamento, potrà fornire parti di modello aziendale tra loro interoperanti e completamente flessibili. E la frontiera, ancora prospettica, di un insieme di moduli software utilizzabili come mattoni elementari ed estremamente configurabili, in grado di adattarsi alla evoluzione continua dell impresa e del suo ambiente. 10 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

6 L approccio Package Configurabile o Enterprise Resource Planning I packages ERP (Enterprise Resource Planning), spesso chiamati, in Italia, Sistemi Informativi Integrati provengono dal filone dei sistemi per l impresa manifatturiera. MRP o Material Requirement Planning per la gestione ottimale dei materiali di produzione a fronte di ordini; MRP II o Manufacturing Resource Planning, in grado di prevedere e gestire anche le risorse produttive; ERP o Enterprise Resource Planning, per gestire il complesso delle risorse aziendali, anche per aziende multistabilimento. 11 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Fasi di Sviluppo di un Sistema d Impresa Preparazione Preparazione Gestione Gestione Pianificazione Pianificazione Transizione Transizione Analisi Analisi e ridisegno ridisegno processi processi Realizzazione Realizzazione 12 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

7 Alcune riflessioni Storicamente il Ciclo di Sviluppo ruotava attorno alla fase di codifica ed, in generale, alla costruzione di software ad hoc; L ampia disponibilità di DataBase e Reti standard ha reso possibili i package ERP; Il fuoco si è spostato sulle fasi di evoluzione organizzativa e di inserimento ottimale del nuovo Sistema Informativo nell organizzazione. 13 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Le fasi di Sviluppo di un Sistema d Impresa Preparazione; Pianificazione; Analisi e Ridisegno Processi; Realizzazione; Transizione; Gestione. 14 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

8 Preparazione E la fase in cui si ipotizzano gli obiettivi di business che guideranno l implementazione del sistema, e si prendono decisioni chiave sui confini del progetto e sulla strategia di implementazione. Queste importanti decisioni sono usualmente documentate nel Project Charter (Atto Costitutivo del Progetto). In particolare si sceglie la metodologia, i fornitori (partner) hardware e software ed i consulenti per le fasi implementative. 15 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Pianificazione E la fase in cui si forma il gruppo di progetto, si stabiliscono e documentano gli obiettivi generali e specifici, si acquisiscono le risorse necessarie e si stabiliscono le metriche progettuali. Grande attenzione alle tempistiche, non troppo strette e non troppo larghe. 16 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

9 Analisi e Ridisegno dei Processi Questa fase include l analisi dell organizzazione e dei processi attuali, riprogettandoli secondo necessità, e la creazione di un mapping tra l organizzazione as-is e l organizzazione to-be. E una fase delicata e complessa, di sintesi tra competenze legate al package scelto, alla storia dell Impresa ed alle sfide che attendono l Impresa stessa nel futuro. 17 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Realizzazione La fase in cui si installa un Sistema Base, ovvero non configurato, lo si parametrizza in funzione dell organizzazione, si progettano, realizzano e verificano (test) eventuali estensioni o personalizzazioni. In questa fase, che passa attraverso diversi prototipi, si procede via, via alla formazione degli utenti sul sistema. 18 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

10 Transizione E la fase di passaggio tra i sistemi informativi precedenti ed il nuovo Sistema Integrato d Impresa. In questa fase si opera la verifica finale dal vivo del funzionamento del sistema. La fase include anche la migrazione dei dati storici ed anagrafici e l interfacciamento del nuovo sistema con eventuali altre applicazioni in uso (es. automazione degli impianti, interfacce EDI/internet, etc.). 19 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Gestione Il Sistema entra nella sua vita utile, dobbiamo tenerne sotto controllo le prestazioni ed assicurarne il regolare funzionamento. Le fasi di formazione e di aggiornamento degli utenti, e di inserimento di funzionalità aggiuntive, proseguono attraverso la vita del sistema. 20 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

11 Fasi di Sviluppo di un Sistema d Impresa Preparazione Preparazione Gestione Gestione Pianificazione Pianificazione Transizione Transizione Analisi Analisi e ridisegno ridisegno processi processi Realizzazione Realizzazione 21 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 La fase di Preparazione Detta anche Fase Pre-Progettuale è critica, deve essere seguita con attenzione e pone le basi per tutto quanto segue; Parte con la definizione del Project Charter, che è il documento che, una volta approvato dall alta direzione, avvia il progetto; Questo viene completato con altre decisioni conseguenti che lo trasformano in un documento di pianificazione di alto livello. 22 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

12 Il Project Charter Missione e scopi fondamentali; Obiettivi e risultati misurabili attesi; Forze esterne e/o interne ed evoluzioni che spingono l impresa a sviluppare il progetto; Fattori critici e barriere che possono mettere a rischio il successo del progetto. Metriche, ovvero misure attraverso le quali l organizzazione misura lo stato di avanzamento del progetto. 23 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Tipi di Implementazione Iniziale (a partire da zero); Inserimento di un sistema in una nuova area di affari o locazione geografica dell impresa (rollout); Miglioramenti incrementali ad un sistema già esistente (upgrade); Allargamenti a nuove aree funzionali o moduli di un sistema base pre-esistente. 24 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

13 Strategie di Implementazione Top-Down (Secondo Schema) Selezionati i processi fondamentali si confronta l as-is dell impresa con il to-be del sistema (o previsto dal management). A quel punto si può, ovviamente, modificare il Sistema o l Impresa. E solitamente più efficace il secondo approccio. Bottom-Up (Guidato dai Dati) Si determinano le entità utilizzate dall impresa e si mappano con quelle gestite nel database del package scelto. Si procede, poi, a generare interfacce software per ottenere le traduzioni tra le entità non conformi. Tende ad essere meno dispendioso e rischioso, usato per sedi periferiche e situazioni più semplici. 25 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Approccio di Implementazione Approccio Big-Bang ( di colpo) Tutti ( o la maggior parte) dei moduli vengono messi in servizio insieme. Il vantaggio è che si sfrutta da subito l integrazione del nuovo sistema, e non si spendono tempo e risorse a definire e costruire interfacce tra il vecchio ed il nuovo. La gestione del progetto è molto complessa. Approccio per fasi ( graduale) Si procede gradualmente, per sito geografico e/o area funzionale. E meno traumatico, però porta spesso a compromessi tra il vecchio ed il nuovo ed a tempistiche più lunghe. Le tempistiche lunghe tendono, a loro volta a diluire la convinzione aziendale sul progetto. 26 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

14 Metodologia di Progetto Solitamente suggerita dal Partner di Package o Implementazione: SAP suggerisce Accelerated-SAP; Intentia suggerisce Implex; Oracle suggerisce Fast-Forward; Baan suggerisce TARGET; Peoplesoft suggerisce Compass. Non è una scelta critica; prescrive la forma della documentazione di progetto, l importante è seguirne con scrupolo una. 27 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Selezione del Package spesso detta package selection è una parte importante della fase preparatoria; Solitamente un sottoinsieme dell analisi as-is viene sottoposta a diversi possibili fornitori (shortlist), preselezionati sulla base del segmento di mercato cui l impresa appartiene e di un esame della documentazione; Ciascun fornitore presenta una possibile realizzazione di una parte di processo basata sul proprio package; Molto importante per la scelta è la verifica, anche sul posto di installazioni di successo del fornitore (le referenze). 28 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

15 Selezione del Partner Implementativo O la Software House che fornisce il package: Migliore conoscenza e possesso del package; Maggiore consonanza di obiettivi con il Cliente; Tipicamente interessata a investire su Clienti Pilota e Grandi Imprese. O una società di consulenza indipendente: Può aiutare anche nella fase di package selection; Migliore conoscenza dei diversi settori di business; Competenza nel Business Process Reengineering, formazione aziendale e tecniche organizzative. In ogni caso è cruciale l esperienza concreta dei consulenti di implementazione! 29 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Selezione di Architettura e Partner Hardware L architettura a più livelli, orientata ad internet è ormai una costante per tutti i package; La spesa per hardware pesa per un 15% circa dell investimento, è opportuno dimensionare generosamente; La integrazione con quanto si possiede è utile, conviene peraltro seguire gli standard. 30 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

16 Facciamo il punto Abbiamo discusso l implementazione di un sistema d Impresa ad un livello d insieme; Anche il metodo di conduzione del progetto e le sue criticità sono cambiate in funzione della tecnologia e dell organizzazione aziendale; Occorre tenere conto che, a differenza di altri progetti IT, il Sistema Integrato cambia l organizzazione; Abbiamo descritto le diverse fasi ed abbiamo approfondito la prima fase di Preparazione. 31 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Progettare il Sistema d Impresa La fase di Pianificazione del Sistema d Impresa; Analisi e Progettazione dei Processi; Le questioni, operazioni e decisioni chiave durante l implementazione. 32 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

17 Fasi di Sviluppo di un Sistema d Impresa Preparazione Preparazione Gestione Gestione Pianificazione Pianificazione Transizione Transizione Analisi Analisi e ridisegno ridisegno processi processi Realizzazione Realizzazione 33 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 E ora? La fase preparatoria ci ha fatto ottenere l approvazione ed il supporto del top management; Molti dettagli devono essere ancora curati prima di parlare di hardware e software; Pianificazione, ovvero creare il gruppo di progetto, definire tempistiche ed obiettivi e prima di finire la pianificazione possiamo lanciare la fase di analisi e progettazione dei processi. 34 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

18 Creare il Gruppo di Progetto Il migliore Project Manager che possiamo mettere a disposizione; Definire ed utilizzare efficaci metodi e strumenti di project management; Garantire al PM l autorità necessaria, conferita direttamente dal Top Management; Sviluppare controlli per identificare e governare i rischi che il progetto può incontrare; I fattori umani e di Change Management sono cruciali per il successo; Prepararsi a mettere in discussione finanche il modello di business dell Azienda. 35 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Le competenze nel Gruppo di Progetto Project Management, metodologie ed esperienza; Conoscenza della soluzione scelta, funzionalità e problemi; Processi di Business e Settore Industriale; Specialisti tecnici di Interfacce, strutture e dati del sistema attuale, tecnologie specifiche di database, reti e software di base utilizzati; Esperti di usi e regole di business nei paesi in cui/con cui si fanno affari; Change Management sia tecnico che organizzativo (BPR) e legato alle persone. 36 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

19 Struttura di Progetto (1) Comitato Guida Sponsor Senior Manager Project Manager Metodologia e Pianificazione Team Leader Tecnico Team Change Management Team Leader Di Processo Team Leader Di Processo Team Leader Di Processo Team Leader Di Processo Team Leader Di Processo Team Leader Di Processo Contabilità e Finanza Controllo Di Gestione Vendite e Marketing Gestione Materiali e Acquisti Produzione e Logistica Organizzazione e Risorse Umane Key Users Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Struttura di Progetto (2) Project Manager Team Leader Tecnico System Administrator Sviluppatore Applicativo Security Administrator Database Administrator Sviluppatore Interfacce Network Administrator Oper. System Administrator 38 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

20 Scopi ed obiettivi del Progetto Un accordo specifico, concordato e scritto sugli obiettivi da perseguire è utile, non solo per tracciare la direzione iniziale; Il progetto attraverserà fasi critiche e necessiterà di verifiche sugli obiettivi da raggiungere e su cambiamenti di rotta o aggiornamenti degli obiettivi stessi; La revisione di questo documento durante il percorso potrà mostrare nuovi benefici per il progetto, individuati, magari, durante lo sviluppo. 39 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Assicurare le risorse per il Progetto Una volta definiti obiettivi e team di progetto, definiamo budget e pianificazione delle risorse. I principali capitoli di investimento sono: Trasferimento di conoscenze (documentazione, formazione); Hardware; Software di base ed applicativo; Personale Interno; Personale Esterno (consulenza, affiancamento ). Le risorse esterne possono essere acquisite nella forma a prezzo fisso o a tempo e materiali. 40 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

21 Le Metriche di Progetto E importante stabilire misure relative al completamento del progetto, o metriche ; Possiamo definirle sia da un punto di vista dello stato di avanzamento e delle tempistiche; A che punto siamo? che da un punto di vista dei miglioramenti sul business; Che obiettivi abbiamo fin qui raggiunto? ; E anche importante rispondere alle domande: Quando avremo finito il progetto? e Quando dichiareremo finita una fase? 41 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Strumenti per il Project Management Work BreakDown Structure - WBS Project Phase I Activity 1 Task 1 Task 2 Task n Activity 2 Activity n Phase II Phase n Activity Task 1 Task 2 Task 3 Diagramma di Gannt Project Phase June, Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

22 Strumenti per il Project Management (2) WBS o Work Breakdown Structure: Elenco, strutturato gerarchicamente delle fasi, sottoprogetti, attività da svolgere con indicazione dei legami (requisito/dipendenza) tra le attività. Diagramma di Gannt: Rappresentazione grafica delle informazioni della WBS che mostra il loro svolgersi e concatenarsi nel tempo. Consente di verificare graficamente le conseguenze di slittamenti e variazioni. 43 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Fasi di Sviluppo di un Sistema d Impresa Preparazione Preparazione Gestione Gestione Pianificazione Pianificazione Transizione Transizione Analisi Analisi e ridisegno ridisegno processi processi Realizzazione Realizzazione 44 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

23 Tre fasi diverse Documentare l As-Is: Analizzare i processi esistenti; Progettare il To-Be: Ridisegnare i processi di business; Analizzare i Gap e progettare il percorso di Change Management. Con le metodologie del BPR o del Miglioramento Continuo (BPI) 45 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 per guidare il cambiamento human technology human technology As is To be organization organization assess design define 46 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

24 I Gap Sono differenze, spazi da colmare, tra i processi e strumenti attuali e quelli ritenuti necessari a regime. Si possono colmare: Modificando il modo di operare attuale dell impresa; Modificando il package ERP; Aggiungendo nuove funzionalità o moduli al package ERP. 47 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Facciamo il punto E importante che tutti gli attori del progetto diano il loro contributo attivo alla fase di pianificazione; La fase di pianificazione da origine ad un piano di dettaglio del progetto; La fase di analisi e ridisegno dei processi analizza la situazione attuale dei processi, detta as-is, definisce la configurazione futura, to-be e progetta il percorso tra le due. 48 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

25 Realizzare e Gestire il Sistema d Impresa Le fasi operative del progetto; Le fasi finali del progetto e le loro criticità ; La fase di messa in servizio, il supporto e le sfide successive alla partenza. 49 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Fasi di Sviluppo di un Sistema d Impresa Preparazione Preparazione Gestione Gestione Pianificazione Pianificazione Transizione Transizione Analisi Analisi e ridisegno ridisegno processi processi Realizzazione Realizzazione 50 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

26 Nella fase realizzativa dai requisiti definiti nelle fasi di analisi e di disegno dei processi si passa alla configurazione o parametrazione; Il sistema di sviluppo viene installato, configurato, sottoposto ad approfonditi test e validato per il successivo test di integrazione; I programmi di interfaccia, di conversione, di stampa e reports, ed eventuali programmi complementari vengono progettati, realizzati e sottoposti a test nell ambiente di sviluppo; Il test finale e la messa in servizio vengono pianificati. 51 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 L installazione I sistemi previsti esistere in parallelo (produzione, test, sviluppo ) descritti nel modulo due, devono essere fisicamente installati, e deve essere caricato il software di base (sistema operativo, rete, database management system, software applicativo, etc.). 52 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

27 La configurazione Configurazione (o parametrazione) è il termine utilizzato per indicare le modifiche ad un sistema originale per consentirgli di supportare un insieme specifico di processi. Si tratta di inserire opportuni parametri in tabelle del database che ne influenzano opportunamente il comportamento. 53 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Interfacce verso i legacy systems Occorre anche, solitamente, realizzare una serie di programmi per prelevare dati dai sistemi esistenti e caricarli nel nuovo ERP e viceversa; Alcuni di questi programmi saranno usati temporaneamente durante le fasi di sviluppo in cui il nuovo convive con il preesistente, altri rimarranno nelle fasi successive, ad esempio per sincronizzare i sistemi di automazione con il nuovo sistema gestionale. 54 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

28 Maschere, stampe, formati e grafici specifici Oltre alle interfacce, occorrerà sviluppare parti di human interface personalizzate: Tracciati di stampa; Maschere video, Formati di stampa per fatture, ordini, etc. Si opera evitando modifiche ai programmi originali, che genererebbero incompatibilità, ma aggiungendo ulteriori programmi; E utile, per la reportistica, realizzare un datawarehouse da cui ricavare informzioni da selezionare e stampare. 55 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Permessi ed autorizzazioni Un ulteriore attività di questa fase è definire la sicurezza del sistema, le chiavi di accesso ed i permessi che saranno utilizzati dagli utenti per accedere alle varie parti del sistema. Per ogni utente e per ogni entità informativa occorre definire se l utente può leggerla, scriverla o modificarla. 56 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

29 Conversione dei dati Prima di avviare il nuovo sistema occorre anche trasferire i dati correnti, talvolta anche una parte di quelli storici, sul nuovo sistema; La conversione include la transcodifica, attraverso tabelle e formule, di dati che hanno significati diversi sui due sistemi; I programmi di conversioni sono normalmente usati solo una volta, spesso il fornitore del package fornisce programmi di utilità per velocizzarne lo sviluppo. 57 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Il test finale Prima della messa in servizio il sistema dovrà essere testato nel suo insieme, con interfacce, definizione della sicurezza, e programmi aggiuntivi; E importante operare il test approfondito anche di una o più chiusure di periodo; Sono spesso eseguiti anche test di stress, test di carico, test di backup e restore per verificare la sicurezza del funzionamento. 58 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

30 Go-Live e Supporto Altre attività della fase finale sono: Assicurazione di qualità; Ottimizzazione e tuning del sistema di produzione; Formazione degli utenti finale; Creazione delle procedure di gestione; Review di progetto; Il passaggio definitivo dal vecchio al nuovo sistema può essere operato in modi diversi, in funzione della situazione e dei rischi. 59 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Approcci alla transizione Passaggio Diretto Vecchio Nuovo Transizione con Parallelo Vecchio Nuovo Transizione per fasi Vecchio Nuovo Transizione con Pilota Nuovo 60 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Vecchio

31 Facciamo il punto Abbiamo discusso le diverse attività della fase realizzativa; Si tratta normalmente della fase più articolata; E iterativa poiché si trovano gli errori e li si deve correggere; Si provvede al training degli utenti finali; Infine il team di sviluppo lascia il posto al team di supporto e mantenimento. 61 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Il Ruolo delle Persone I Ruoli durante il Progetto di Realizzazione; ruoli al di fuori del Progetto; in ottica manageriale ed occupazionale; La funzione Sistemi Informativi. 62 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

32 Osservazioni generali Il mondo del lavoro è in una fase di profonda trasformazione; Il progresso tecnologico crea nuove necessità di lavoro per persone con buona competenza mentre riduce le possibilità per chi è meno qualificato; Il tipo di lavoro e la modalità di contribuire cambiano insieme all ambiente stesso del lavoro; 63 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Osservazioni generali (2) Le analisi rilevano crescita aggressiva della richiesta nelle aree della Salute e nella Information Technology; C è forte richiesta per i lavori più qualificati in genere; Le aziende cercano persone flessibili ed autonome, in grado di assicurare risultati. 64 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

33 Le persone durante il Progetto Come abbiamo già discusso, il progetto e la realizzazione del Sistema Informativo vanno ben oltre l installazione di strumenti tecnologici; Nel corso delle diverse fasi del progetto saranno coinvolte molteplici competenze, interne ed esterne; Il coinvolgimento assicura l apporto di competenza ed anche l acquisizione del Sistema da parte dell organizzazione; Il giusto mix tra persone interne ed esterne all impresa è importante per il progetto. 65 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Le persone dell Azienda Esperti di Processo: il progetto richiede persone competenti di ogni processo di business per ognuno dei moduli funzionali che fanno parte del progetto. Queste persone hanno il compito di analizzare, documentare e proporre l evoluzione dei processi di lavoro di cui si occupano. Sono tipicamente persone di esperienza, oltre che propense all innovazione. Utenti Finali: sono le persone che useranno il sistema per il loro lavoro quotidiano. Normalmente distinguiamo i Key Users o Power Users, che hanno una buona visibilità del processo come viene svolto, dagli End Users che operano all interno delle singole fasi. 66 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

34 Le persone dell Azienda (2) Supporto: Sono le persone, normalmente presenti all interno delle organizzazioni più estese, che curano le eccezioni o i problemi che si possono verificare nello svolgimento del lavoro degli utenti. Dove il ruolo non è presente viene spesso istituito durante il progetto. E chiamato anche Help Desk Esperti IT: Lo staff tecnico presente in Azienda presta la propria opera nel progetto, e provvede ad aggiornare le proprie competenze sulle nuove tecnologie adottate. Database, Reti, Sicurezza, Sviluppo di Software, Sistemisti sono le aree solitamente presenti. Le tecnologie di Internet sono un are sempre più presidiata. 67 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Le competenze dall Esterno Consulenti Organizzativi: Normalmente provenienti dalle Big Five offrono consulenza e studi relativi al settore industriale ed alle problematiche strategiche ed organizzative. La competenza offerta varia molto in funzione delle esperienze personali del consulente. Consulenti Applicativi; Sono conoscitori approfonditi di un settore aziendale (amministrazione, produzione, ecc.) e della parte del package (modulo) che gestisce quel settore organizzativo. Sono le persone che operano (o supportano ) la parametrazione del software a partire dall analisi organizzativa compiuta e dai colloqui con i Key Users interni. 68 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

35 Le competenze dall Esterno (2) Consulenti Tecnici: Fanno il lavoro tradizionalmente compiuto da analisti e programmatori nello sviluppo di software ad hoc e, nelle diverse specializzazioni, forniscono competenza sui meccanismi tecnici (sistemi operativi, dbms, reti, ecc.). Subject Matter Expert: Sono i consulenti di livello superiore per quanto riguarda la conoscenza del processo aziendale e della modalita di approccio e funzionamento del package in quell area. Formatori: Provvedono a costituire nel team di progetto la conoscenza ed un lessico comune sul package utilizzato. Si rivolgono particolarmente a Key User ed End User. 69 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 I Ruoli nel Progetto Project Manager: E un ruolo cruciale, di cui abbiamo già parlato. Coniuga tecnica del project management, esperienza di Business e competenza nel campo dei Sistemi Informativi. Su progetti di maggiore complessità possiamo avere un gruppo di persone che comprende anche alcuni Project Leader. Change Management: Sappiamo che il progetto provocherà cambiamenti negli equilibri organizzativi e specificamente dei poteri. Tipicamente nel gruppo di Project Management può risiedere la competenza di change management che si concretizzerà, tra l altro, nel governare i processi formativi e di informazione e di tenere sotto controllo le criticità organizzative. 70 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

36 L equilibrio tra personale interno ed esterno L inserimento nel gruppo di progetto di personale interno ed esterno richiede di essere gestito con attenzione; Il progetto è anche la fase in cui gli utenti prendono confidenza (e possesso) del sistema, e determinano la forma che i loro strumenti lavorativi assumeranno; L esperienza mostra che nella situazione ottimale responsabilità e scelte restano all interno mentre una parte delle competenze, e delle energie, possono venire dall esterno. 71 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Le persone con un background economico-aziendale e competenze nei S.I. hanno oggi diverse opportunità Presso le società di consulenza: Cercano persone da formare sui moduli di un package per fornire consulenza progettuale ai propri Clienti. Presso Società di Software: Per sviluppo ed evoluzioni del package o assistenza Clienti. Con i nuovi strumenti di sviluppo software si è, infatti, ristretta la necessità di programmatori puri a favore di persone che conoscano il problema. Presso Società di servizi: Per outsourcing, ASP (Application Service Providing) o servizi simili alle aziende Clienti. 72 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP Storia ed evoluzione dei sistemi ERP In questo breve estratto della tesi si parlerà dei sistemi ERP (Enterprise Resource Planning) utilizzabili per la gestione delle commesse; questi sistemi utilizzano

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET

LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET Internet una finestra sul mondo... Un azienda moderna non puo negarsi ad Internet, ma.. Per attivare un reale business con transazioni commerciali via Internet

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Technology. Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it. Technology

SALARY SURVEY 2015. Technology. Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it. Technology SALARY SURVEY 2015 Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2015. Michael

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso UMB Power Day 15-11-2012 Lugano-Paradiso Mission Competenza e flessibilità al fianco delle imprese che necessitano di esperienza nel gestire il cambiamento. Soluzioni specifiche, studiate per migliorare

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

Business Intelligence: dell impresa

Business Intelligence: dell impresa Architetture Business Intelligence: dell impresa Silvana Bortolin Come organizzare la complessità e porla al servizio dell impresa attraverso i sistemi di Business Intelligence, per creare processi organizzativi

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

Integrazione tra sistemi MES e ERP

Integrazione tra sistemi MES e ERP ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA SEDE DI CESENA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Informatiche Integrazione tra sistemi MES e ERP Relazione

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Agata Landi Convegno ANIMP 11 Aprile 2014 IL GRUPPO ALSTOM Project management in IS&T L esperienza Alstom 11/4/2014 P 2 Il gruppo Alstom Alstom Thermal

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED

OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED L'ingegneria di Elocal Roberto Boccadoro / Luca Zucchelli OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED ELOCAL GROUP SRL Chi siamo Giorgio Dosi Lorenzo Gatti Luca Zucchelli Ha iniziato il suo percorso lavorativo in

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict

www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict 01NET NETWORK www.01net.it Pag 2 Dati di traffico 01net Network Totale

Dettagli

un occhio al passato per il tuo business futuro

un occhio al passato per il tuo business futuro 2 3 5 7 11 13 17 19 23 29 31 37 41 43 47 53 59 61 un occhio al passato per il tuo business futuro BUSINESS DISCOVERY Processi ed analisi per aziende virtuose Che cos è La Business Discovery è un insieme

Dettagli

Sistemi ERP e i sistemi di BI

Sistemi ERP e i sistemi di BI Sistemi ERP e i sistemi di BI 1 Concetti Preliminari Cos è un ERP: In prima approssimazione: la strumento, rappresentato da uno o più applicazioni SW in grado di raccogliere e organizzare le informazioni

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli