Sistemi Informativi Aziendali I

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi Informativi Aziendali I"

Transcript

1 Modulo 3 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Modulo 3 Costruire i Sistemi Informativi d Impresa: Decidere il Sistema d Impresa; Progettare il Sistema d Impresa; Realizzare e gestire il Sistema d Impresa; Il ruolo delle Persone. 2 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

2 Decidere il Sistema d Impresa Una visione generale delle fasi di costruzione del Sistema d Impresa; La prima fase: preparazione ed approccio al progetto ; Definire missione ed obiettivi progettuali. 3 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Costruire il Sistema Informativo Diversi livelli di obiettivo/opportunità : Integrare ed ammodernare i sistemi esistenti e fornire informazioni più precise e tempestive a dipendenti, clienti e fornitori; Consentire la riprogettazione dei processi chiave di business su nuove basi, fino a ripensare l intera impresa. 4 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

3 E un Processo Complesso Il processo di inserimento di un Sistema Informativo Integrato offre la possibilità di benefici hard, immediatamente raggiungibili, e benefici soft, o potenziali, di maggior valore, che sono abilitati dal nuovo sistema, ma sono raggiungibili solo attraverso una riprogettazione dell Impresa e del suo modo di operare. E il processo massivo, complesso, costoso, spesso traumatico, che chiamiamo implementazione di sistema. 5 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Il System Development Life Cycle Fattibilità Fattibilità Gestione Gestione Analisi Analisi Implementazione Progettazione Progettazione Codifica Codifica 6 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

4 L evoluzione del Ciclo di Sviluppo L approccio su misura ; fatto in casa ; realizzato ad hoc L approccio verticale ; realizzato ad hoc per settore industriale; L approccio package configurabile o ERP; L approccio a modelli d Impresa ed oggetti. 7 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 L approccio su misura E stato, all inizio, l approccio delle grandi aziende che, studiate le proprie specifiche esigenze (analisi) iniziavano, poi, la realizzazione (programmazione) del proprio Sistema Informativo tramite un gruppo interno di specialisti. Piu tardi aziende di minori dimensioni utilizzavano l approccio con specialisti esterni. Teoricamente la migliore risposta, in pratica costi elevatissimi, soprattutto in manutenzione (nessuna economia industriale) e progetti infiniti. 8 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

5 L approccio verticale Aziende specializzate Software House realizzano software in forma di package personalizzabile per il Sistema Informativo di un certo segmento industriale, appunto, verticale. Ad esempio calzaturifici o grande distribuzione. L approccio funziona per alcuni segmenti industriali, in altri la dimensione del segmento non giustifica i costi di uno sviluppo standard, lasciando un ampio spazio, critico, per la personalizzazione, ovvero coprendo solo parzialmente i bisogni. 9 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 L approccio a modelli ed oggetti In fase di ricerca, basato sulle tecnologie software ad oggetti, in corso di consolidamento, potrà fornire parti di modello aziendale tra loro interoperanti e completamente flessibili. E la frontiera, ancora prospettica, di un insieme di moduli software utilizzabili come mattoni elementari ed estremamente configurabili, in grado di adattarsi alla evoluzione continua dell impresa e del suo ambiente. 10 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

6 L approccio Package Configurabile o Enterprise Resource Planning I packages ERP (Enterprise Resource Planning), spesso chiamati, in Italia, Sistemi Informativi Integrati provengono dal filone dei sistemi per l impresa manifatturiera. MRP o Material Requirement Planning per la gestione ottimale dei materiali di produzione a fronte di ordini; MRP II o Manufacturing Resource Planning, in grado di prevedere e gestire anche le risorse produttive; ERP o Enterprise Resource Planning, per gestire il complesso delle risorse aziendali, anche per aziende multistabilimento. 11 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Fasi di Sviluppo di un Sistema d Impresa Preparazione Preparazione Gestione Gestione Pianificazione Pianificazione Transizione Transizione Analisi Analisi e ridisegno ridisegno processi processi Realizzazione Realizzazione 12 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

7 Alcune riflessioni Storicamente il Ciclo di Sviluppo ruotava attorno alla fase di codifica ed, in generale, alla costruzione di software ad hoc; L ampia disponibilità di DataBase e Reti standard ha reso possibili i package ERP; Il fuoco si è spostato sulle fasi di evoluzione organizzativa e di inserimento ottimale del nuovo Sistema Informativo nell organizzazione. 13 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Le fasi di Sviluppo di un Sistema d Impresa Preparazione; Pianificazione; Analisi e Ridisegno Processi; Realizzazione; Transizione; Gestione. 14 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

8 Preparazione E la fase in cui si ipotizzano gli obiettivi di business che guideranno l implementazione del sistema, e si prendono decisioni chiave sui confini del progetto e sulla strategia di implementazione. Queste importanti decisioni sono usualmente documentate nel Project Charter (Atto Costitutivo del Progetto). In particolare si sceglie la metodologia, i fornitori (partner) hardware e software ed i consulenti per le fasi implementative. 15 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Pianificazione E la fase in cui si forma il gruppo di progetto, si stabiliscono e documentano gli obiettivi generali e specifici, si acquisiscono le risorse necessarie e si stabiliscono le metriche progettuali. Grande attenzione alle tempistiche, non troppo strette e non troppo larghe. 16 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

9 Analisi e Ridisegno dei Processi Questa fase include l analisi dell organizzazione e dei processi attuali, riprogettandoli secondo necessità, e la creazione di un mapping tra l organizzazione as-is e l organizzazione to-be. E una fase delicata e complessa, di sintesi tra competenze legate al package scelto, alla storia dell Impresa ed alle sfide che attendono l Impresa stessa nel futuro. 17 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Realizzazione La fase in cui si installa un Sistema Base, ovvero non configurato, lo si parametrizza in funzione dell organizzazione, si progettano, realizzano e verificano (test) eventuali estensioni o personalizzazioni. In questa fase, che passa attraverso diversi prototipi, si procede via, via alla formazione degli utenti sul sistema. 18 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

10 Transizione E la fase di passaggio tra i sistemi informativi precedenti ed il nuovo Sistema Integrato d Impresa. In questa fase si opera la verifica finale dal vivo del funzionamento del sistema. La fase include anche la migrazione dei dati storici ed anagrafici e l interfacciamento del nuovo sistema con eventuali altre applicazioni in uso (es. automazione degli impianti, interfacce EDI/internet, etc.). 19 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Gestione Il Sistema entra nella sua vita utile, dobbiamo tenerne sotto controllo le prestazioni ed assicurarne il regolare funzionamento. Le fasi di formazione e di aggiornamento degli utenti, e di inserimento di funzionalità aggiuntive, proseguono attraverso la vita del sistema. 20 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

11 Fasi di Sviluppo di un Sistema d Impresa Preparazione Preparazione Gestione Gestione Pianificazione Pianificazione Transizione Transizione Analisi Analisi e ridisegno ridisegno processi processi Realizzazione Realizzazione 21 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 La fase di Preparazione Detta anche Fase Pre-Progettuale è critica, deve essere seguita con attenzione e pone le basi per tutto quanto segue; Parte con la definizione del Project Charter, che è il documento che, una volta approvato dall alta direzione, avvia il progetto; Questo viene completato con altre decisioni conseguenti che lo trasformano in un documento di pianificazione di alto livello. 22 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

12 Il Project Charter Missione e scopi fondamentali; Obiettivi e risultati misurabili attesi; Forze esterne e/o interne ed evoluzioni che spingono l impresa a sviluppare il progetto; Fattori critici e barriere che possono mettere a rischio il successo del progetto. Metriche, ovvero misure attraverso le quali l organizzazione misura lo stato di avanzamento del progetto. 23 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Tipi di Implementazione Iniziale (a partire da zero); Inserimento di un sistema in una nuova area di affari o locazione geografica dell impresa (rollout); Miglioramenti incrementali ad un sistema già esistente (upgrade); Allargamenti a nuove aree funzionali o moduli di un sistema base pre-esistente. 24 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

13 Strategie di Implementazione Top-Down (Secondo Schema) Selezionati i processi fondamentali si confronta l as-is dell impresa con il to-be del sistema (o previsto dal management). A quel punto si può, ovviamente, modificare il Sistema o l Impresa. E solitamente più efficace il secondo approccio. Bottom-Up (Guidato dai Dati) Si determinano le entità utilizzate dall impresa e si mappano con quelle gestite nel database del package scelto. Si procede, poi, a generare interfacce software per ottenere le traduzioni tra le entità non conformi. Tende ad essere meno dispendioso e rischioso, usato per sedi periferiche e situazioni più semplici. 25 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Approccio di Implementazione Approccio Big-Bang ( di colpo) Tutti ( o la maggior parte) dei moduli vengono messi in servizio insieme. Il vantaggio è che si sfrutta da subito l integrazione del nuovo sistema, e non si spendono tempo e risorse a definire e costruire interfacce tra il vecchio ed il nuovo. La gestione del progetto è molto complessa. Approccio per fasi ( graduale) Si procede gradualmente, per sito geografico e/o area funzionale. E meno traumatico, però porta spesso a compromessi tra il vecchio ed il nuovo ed a tempistiche più lunghe. Le tempistiche lunghe tendono, a loro volta a diluire la convinzione aziendale sul progetto. 26 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

14 Metodologia di Progetto Solitamente suggerita dal Partner di Package o Implementazione: SAP suggerisce Accelerated-SAP; Intentia suggerisce Implex; Oracle suggerisce Fast-Forward; Baan suggerisce TARGET; Peoplesoft suggerisce Compass. Non è una scelta critica; prescrive la forma della documentazione di progetto, l importante è seguirne con scrupolo una. 27 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Selezione del Package spesso detta package selection è una parte importante della fase preparatoria; Solitamente un sottoinsieme dell analisi as-is viene sottoposta a diversi possibili fornitori (shortlist), preselezionati sulla base del segmento di mercato cui l impresa appartiene e di un esame della documentazione; Ciascun fornitore presenta una possibile realizzazione di una parte di processo basata sul proprio package; Molto importante per la scelta è la verifica, anche sul posto di installazioni di successo del fornitore (le referenze). 28 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

15 Selezione del Partner Implementativo O la Software House che fornisce il package: Migliore conoscenza e possesso del package; Maggiore consonanza di obiettivi con il Cliente; Tipicamente interessata a investire su Clienti Pilota e Grandi Imprese. O una società di consulenza indipendente: Può aiutare anche nella fase di package selection; Migliore conoscenza dei diversi settori di business; Competenza nel Business Process Reengineering, formazione aziendale e tecniche organizzative. In ogni caso è cruciale l esperienza concreta dei consulenti di implementazione! 29 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Selezione di Architettura e Partner Hardware L architettura a più livelli, orientata ad internet è ormai una costante per tutti i package; La spesa per hardware pesa per un 15% circa dell investimento, è opportuno dimensionare generosamente; La integrazione con quanto si possiede è utile, conviene peraltro seguire gli standard. 30 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

16 Facciamo il punto Abbiamo discusso l implementazione di un sistema d Impresa ad un livello d insieme; Anche il metodo di conduzione del progetto e le sue criticità sono cambiate in funzione della tecnologia e dell organizzazione aziendale; Occorre tenere conto che, a differenza di altri progetti IT, il Sistema Integrato cambia l organizzazione; Abbiamo descritto le diverse fasi ed abbiamo approfondito la prima fase di Preparazione. 31 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Progettare il Sistema d Impresa La fase di Pianificazione del Sistema d Impresa; Analisi e Progettazione dei Processi; Le questioni, operazioni e decisioni chiave durante l implementazione. 32 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

17 Fasi di Sviluppo di un Sistema d Impresa Preparazione Preparazione Gestione Gestione Pianificazione Pianificazione Transizione Transizione Analisi Analisi e ridisegno ridisegno processi processi Realizzazione Realizzazione 33 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 E ora? La fase preparatoria ci ha fatto ottenere l approvazione ed il supporto del top management; Molti dettagli devono essere ancora curati prima di parlare di hardware e software; Pianificazione, ovvero creare il gruppo di progetto, definire tempistiche ed obiettivi e prima di finire la pianificazione possiamo lanciare la fase di analisi e progettazione dei processi. 34 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

18 Creare il Gruppo di Progetto Il migliore Project Manager che possiamo mettere a disposizione; Definire ed utilizzare efficaci metodi e strumenti di project management; Garantire al PM l autorità necessaria, conferita direttamente dal Top Management; Sviluppare controlli per identificare e governare i rischi che il progetto può incontrare; I fattori umani e di Change Management sono cruciali per il successo; Prepararsi a mettere in discussione finanche il modello di business dell Azienda. 35 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Le competenze nel Gruppo di Progetto Project Management, metodologie ed esperienza; Conoscenza della soluzione scelta, funzionalità e problemi; Processi di Business e Settore Industriale; Specialisti tecnici di Interfacce, strutture e dati del sistema attuale, tecnologie specifiche di database, reti e software di base utilizzati; Esperti di usi e regole di business nei paesi in cui/con cui si fanno affari; Change Management sia tecnico che organizzativo (BPR) e legato alle persone. 36 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

19 Struttura di Progetto (1) Comitato Guida Sponsor Senior Manager Project Manager Metodologia e Pianificazione Team Leader Tecnico Team Change Management Team Leader Di Processo Team Leader Di Processo Team Leader Di Processo Team Leader Di Processo Team Leader Di Processo Team Leader Di Processo Contabilità e Finanza Controllo Di Gestione Vendite e Marketing Gestione Materiali e Acquisti Produzione e Logistica Organizzazione e Risorse Umane Key Users Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Struttura di Progetto (2) Project Manager Team Leader Tecnico System Administrator Sviluppatore Applicativo Security Administrator Database Administrator Sviluppatore Interfacce Network Administrator Oper. System Administrator 38 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

20 Scopi ed obiettivi del Progetto Un accordo specifico, concordato e scritto sugli obiettivi da perseguire è utile, non solo per tracciare la direzione iniziale; Il progetto attraverserà fasi critiche e necessiterà di verifiche sugli obiettivi da raggiungere e su cambiamenti di rotta o aggiornamenti degli obiettivi stessi; La revisione di questo documento durante il percorso potrà mostrare nuovi benefici per il progetto, individuati, magari, durante lo sviluppo. 39 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Assicurare le risorse per il Progetto Una volta definiti obiettivi e team di progetto, definiamo budget e pianificazione delle risorse. I principali capitoli di investimento sono: Trasferimento di conoscenze (documentazione, formazione); Hardware; Software di base ed applicativo; Personale Interno; Personale Esterno (consulenza, affiancamento ). Le risorse esterne possono essere acquisite nella forma a prezzo fisso o a tempo e materiali. 40 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

21 Le Metriche di Progetto E importante stabilire misure relative al completamento del progetto, o metriche ; Possiamo definirle sia da un punto di vista dello stato di avanzamento e delle tempistiche; A che punto siamo? che da un punto di vista dei miglioramenti sul business; Che obiettivi abbiamo fin qui raggiunto? ; E anche importante rispondere alle domande: Quando avremo finito il progetto? e Quando dichiareremo finita una fase? 41 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Strumenti per il Project Management Work BreakDown Structure - WBS Project Phase I Activity 1 Task 1 Task 2 Task n Activity 2 Activity n Phase II Phase n Activity Task 1 Task 2 Task 3 Diagramma di Gannt Project Phase June, Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

22 Strumenti per il Project Management (2) WBS o Work Breakdown Structure: Elenco, strutturato gerarchicamente delle fasi, sottoprogetti, attività da svolgere con indicazione dei legami (requisito/dipendenza) tra le attività. Diagramma di Gannt: Rappresentazione grafica delle informazioni della WBS che mostra il loro svolgersi e concatenarsi nel tempo. Consente di verificare graficamente le conseguenze di slittamenti e variazioni. 43 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Fasi di Sviluppo di un Sistema d Impresa Preparazione Preparazione Gestione Gestione Pianificazione Pianificazione Transizione Transizione Analisi Analisi e ridisegno ridisegno processi processi Realizzazione Realizzazione 44 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

23 Tre fasi diverse Documentare l As-Is: Analizzare i processi esistenti; Progettare il To-Be: Ridisegnare i processi di business; Analizzare i Gap e progettare il percorso di Change Management. Con le metodologie del BPR o del Miglioramento Continuo (BPI) 45 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 per guidare il cambiamento human technology human technology As is To be organization organization assess design define 46 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

24 I Gap Sono differenze, spazi da colmare, tra i processi e strumenti attuali e quelli ritenuti necessari a regime. Si possono colmare: Modificando il modo di operare attuale dell impresa; Modificando il package ERP; Aggiungendo nuove funzionalità o moduli al package ERP. 47 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Facciamo il punto E importante che tutti gli attori del progetto diano il loro contributo attivo alla fase di pianificazione; La fase di pianificazione da origine ad un piano di dettaglio del progetto; La fase di analisi e ridisegno dei processi analizza la situazione attuale dei processi, detta as-is, definisce la configurazione futura, to-be e progetta il percorso tra le due. 48 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

25 Realizzare e Gestire il Sistema d Impresa Le fasi operative del progetto; Le fasi finali del progetto e le loro criticità ; La fase di messa in servizio, il supporto e le sfide successive alla partenza. 49 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Fasi di Sviluppo di un Sistema d Impresa Preparazione Preparazione Gestione Gestione Pianificazione Pianificazione Transizione Transizione Analisi Analisi e ridisegno ridisegno processi processi Realizzazione Realizzazione 50 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

26 Nella fase realizzativa dai requisiti definiti nelle fasi di analisi e di disegno dei processi si passa alla configurazione o parametrazione; Il sistema di sviluppo viene installato, configurato, sottoposto ad approfonditi test e validato per il successivo test di integrazione; I programmi di interfaccia, di conversione, di stampa e reports, ed eventuali programmi complementari vengono progettati, realizzati e sottoposti a test nell ambiente di sviluppo; Il test finale e la messa in servizio vengono pianificati. 51 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 L installazione I sistemi previsti esistere in parallelo (produzione, test, sviluppo ) descritti nel modulo due, devono essere fisicamente installati, e deve essere caricato il software di base (sistema operativo, rete, database management system, software applicativo, etc.). 52 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

27 La configurazione Configurazione (o parametrazione) è il termine utilizzato per indicare le modifiche ad un sistema originale per consentirgli di supportare un insieme specifico di processi. Si tratta di inserire opportuni parametri in tabelle del database che ne influenzano opportunamente il comportamento. 53 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Interfacce verso i legacy systems Occorre anche, solitamente, realizzare una serie di programmi per prelevare dati dai sistemi esistenti e caricarli nel nuovo ERP e viceversa; Alcuni di questi programmi saranno usati temporaneamente durante le fasi di sviluppo in cui il nuovo convive con il preesistente, altri rimarranno nelle fasi successive, ad esempio per sincronizzare i sistemi di automazione con il nuovo sistema gestionale. 54 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

28 Maschere, stampe, formati e grafici specifici Oltre alle interfacce, occorrerà sviluppare parti di human interface personalizzate: Tracciati di stampa; Maschere video, Formati di stampa per fatture, ordini, etc. Si opera evitando modifiche ai programmi originali, che genererebbero incompatibilità, ma aggiungendo ulteriori programmi; E utile, per la reportistica, realizzare un datawarehouse da cui ricavare informzioni da selezionare e stampare. 55 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Permessi ed autorizzazioni Un ulteriore attività di questa fase è definire la sicurezza del sistema, le chiavi di accesso ed i permessi che saranno utilizzati dagli utenti per accedere alle varie parti del sistema. Per ogni utente e per ogni entità informativa occorre definire se l utente può leggerla, scriverla o modificarla. 56 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

29 Conversione dei dati Prima di avviare il nuovo sistema occorre anche trasferire i dati correnti, talvolta anche una parte di quelli storici, sul nuovo sistema; La conversione include la transcodifica, attraverso tabelle e formule, di dati che hanno significati diversi sui due sistemi; I programmi di conversioni sono normalmente usati solo una volta, spesso il fornitore del package fornisce programmi di utilità per velocizzarne lo sviluppo. 57 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Il test finale Prima della messa in servizio il sistema dovrà essere testato nel suo insieme, con interfacce, definizione della sicurezza, e programmi aggiuntivi; E importante operare il test approfondito anche di una o più chiusure di periodo; Sono spesso eseguiti anche test di stress, test di carico, test di backup e restore per verificare la sicurezza del funzionamento. 58 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

30 Go-Live e Supporto Altre attività della fase finale sono: Assicurazione di qualità; Ottimizzazione e tuning del sistema di produzione; Formazione degli utenti finale; Creazione delle procedure di gestione; Review di progetto; Il passaggio definitivo dal vecchio al nuovo sistema può essere operato in modi diversi, in funzione della situazione e dei rischi. 59 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Approcci alla transizione Passaggio Diretto Vecchio Nuovo Transizione con Parallelo Vecchio Nuovo Transizione per fasi Vecchio Nuovo Transizione con Pilota Nuovo 60 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Vecchio

31 Facciamo il punto Abbiamo discusso le diverse attività della fase realizzativa; Si tratta normalmente della fase più articolata; E iterativa poiché si trovano gli errori e li si deve correggere; Si provvede al training degli utenti finali; Infine il team di sviluppo lascia il posto al team di supporto e mantenimento. 61 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Il Ruolo delle Persone I Ruoli durante il Progetto di Realizzazione; ruoli al di fuori del Progetto; in ottica manageriale ed occupazionale; La funzione Sistemi Informativi. 62 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

32 Osservazioni generali Il mondo del lavoro è in una fase di profonda trasformazione; Il progresso tecnologico crea nuove necessità di lavoro per persone con buona competenza mentre riduce le possibilità per chi è meno qualificato; Il tipo di lavoro e la modalità di contribuire cambiano insieme all ambiente stesso del lavoro; 63 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Osservazioni generali (2) Le analisi rilevano crescita aggressiva della richiesta nelle aree della Salute e nella Information Technology; C è forte richiesta per i lavori più qualificati in genere; Le aziende cercano persone flessibili ed autonome, in grado di assicurare risultati. 64 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

33 Le persone durante il Progetto Come abbiamo già discusso, il progetto e la realizzazione del Sistema Informativo vanno ben oltre l installazione di strumenti tecnologici; Nel corso delle diverse fasi del progetto saranno coinvolte molteplici competenze, interne ed esterne; Il coinvolgimento assicura l apporto di competenza ed anche l acquisizione del Sistema da parte dell organizzazione; Il giusto mix tra persone interne ed esterne all impresa è importante per il progetto. 65 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Le persone dell Azienda Esperti di Processo: il progetto richiede persone competenti di ogni processo di business per ognuno dei moduli funzionali che fanno parte del progetto. Queste persone hanno il compito di analizzare, documentare e proporre l evoluzione dei processi di lavoro di cui si occupano. Sono tipicamente persone di esperienza, oltre che propense all innovazione. Utenti Finali: sono le persone che useranno il sistema per il loro lavoro quotidiano. Normalmente distinguiamo i Key Users o Power Users, che hanno una buona visibilità del processo come viene svolto, dagli End Users che operano all interno delle singole fasi. 66 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

34 Le persone dell Azienda (2) Supporto: Sono le persone, normalmente presenti all interno delle organizzazioni più estese, che curano le eccezioni o i problemi che si possono verificare nello svolgimento del lavoro degli utenti. Dove il ruolo non è presente viene spesso istituito durante il progetto. E chiamato anche Help Desk Esperti IT: Lo staff tecnico presente in Azienda presta la propria opera nel progetto, e provvede ad aggiornare le proprie competenze sulle nuove tecnologie adottate. Database, Reti, Sicurezza, Sviluppo di Software, Sistemisti sono le aree solitamente presenti. Le tecnologie di Internet sono un are sempre più presidiata. 67 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Le competenze dall Esterno Consulenti Organizzativi: Normalmente provenienti dalle Big Five offrono consulenza e studi relativi al settore industriale ed alle problematiche strategiche ed organizzative. La competenza offerta varia molto in funzione delle esperienze personali del consulente. Consulenti Applicativi; Sono conoscitori approfonditi di un settore aziendale (amministrazione, produzione, ecc.) e della parte del package (modulo) che gestisce quel settore organizzativo. Sono le persone che operano (o supportano ) la parametrazione del software a partire dall analisi organizzativa compiuta e dai colloqui con i Key Users interni. 68 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

35 Le competenze dall Esterno (2) Consulenti Tecnici: Fanno il lavoro tradizionalmente compiuto da analisti e programmatori nello sviluppo di software ad hoc e, nelle diverse specializzazioni, forniscono competenza sui meccanismi tecnici (sistemi operativi, dbms, reti, ecc.). Subject Matter Expert: Sono i consulenti di livello superiore per quanto riguarda la conoscenza del processo aziendale e della modalita di approccio e funzionamento del package in quell area. Formatori: Provvedono a costituire nel team di progetto la conoscenza ed un lessico comune sul package utilizzato. Si rivolgono particolarmente a Key User ed End User. 69 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 I Ruoli nel Progetto Project Manager: E un ruolo cruciale, di cui abbiamo già parlato. Coniuga tecnica del project management, esperienza di Business e competenza nel campo dei Sistemi Informativi. Su progetti di maggiore complessità possiamo avere un gruppo di persone che comprende anche alcuni Project Leader. Change Management: Sappiamo che il progetto provocherà cambiamenti negli equilibri organizzativi e specificamente dei poteri. Tipicamente nel gruppo di Project Management può risiedere la competenza di change management che si concretizzerà, tra l altro, nel governare i processi formativi e di informazione e di tenere sotto controllo le criticità organizzative. 70 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

36 L equilibrio tra personale interno ed esterno L inserimento nel gruppo di progetto di personale interno ed esterno richiede di essere gestito con attenzione; Il progetto è anche la fase in cui gli utenti prendono confidenza (e possesso) del sistema, e determinano la forma che i loro strumenti lavorativi assumeranno; L esperienza mostra che nella situazione ottimale responsabilità e scelte restano all interno mentre una parte delle competenze, e delle energie, possono venire dall esterno. 71 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Le persone con un background economico-aziendale e competenze nei S.I. hanno oggi diverse opportunità Presso le società di consulenza: Cercano persone da formare sui moduli di un package per fornire consulenza progettuale ai propri Clienti. Presso Società di Software: Per sviluppo ed evoluzioni del package o assistenza Clienti. Con i nuovi strumenti di sviluppo software si è, infatti, ristretta la necessità di programmatori puri a favore di persone che conoscano il problema. Presso Società di servizi: Per outsourcing, ASP (Application Service Providing) o servizi simili alle aziende Clienti. 72 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 3 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Modulo 3 Costruire i Sistemi Informativi d Impresa: Decidere il Sistema d Impresa; Progettare il Sistema d Impresa;

Dettagli

I sistemi ERP. sistemi ERP 1

I sistemi ERP. sistemi ERP 1 I sistemi ERP sistemi ERP 1 Il portafoglio applicativo delle industrie manifatturiere Pianificazione delle operazioni Analisi strategica, pianificazione annuale, programmazione operativa, scheduling Esecuzione

Dettagli

Lista delle descrizioni dei Profili

Lista delle descrizioni dei Profili Lista delle descrizioni dei Profili La seguente lista dei Profili Professionali ICT è stata definita dal CEN Workshop on ICT Skills nell'ambito del Comitato Europeo di Standardizzazione. I profili fanno

Dettagli

Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica

Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica CAPITOLATO TECNICO PER UN SERVIZIO DI MANUTENZIONE, GESTIONE ED EVOLUZIONE DELLA COMPONENTE AUTOGOVERNO DEL SISTEMA INFORMATIVO

Dettagli

Introduzione ai software gestionali. Corso Gestione dei flussi di informazione

Introduzione ai software gestionali. Corso Gestione dei flussi di informazione Introduzione ai software gestionali Corso Gestione dei flussi di informazione 1 Integrazione informativa nelle aziende Problemi: frammentazione della base informativa aziendale crescente complessità organizzative

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.2 Gestire

Dettagli

PROTEO srl Consulenti di Direzione ed Organizzazione

PROTEO srl Consulenti di Direzione ed Organizzazione La missione Affiancare le aziende clienti nello sviluppo e controllo del loro business Servire il suo Cliente con una offerta illimitata e mirata a risolvere le Sue principali esigenze Selezionare Partners

Dettagli

Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM. 1 Marco Bettucci Gestione della produzione II - LIUC

Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM. 1 Marco Bettucci Gestione della produzione II - LIUC Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM 1 Che cos è un progetto? Una serie complessa di attività in un intervallo temporale definito... finalizzate al raggiungimento di obiettivi

Dettagli

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration COSA FACCIAMO SEMPLIFICHIAMO I PROCESSI DEL TUO BUSINESS CON SOLUZIONI SU MISURA EXTRA supporta lo sviluppo

Dettagli

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale Gestione documentale Gestione documentale Dalla dematerializzazione dei documenti

Dettagli

Gestione Unica Utenti End User Support and Application Management Services

Gestione Unica Utenti End User Support and Application Management Services A COSA SERVE Fornisce supporto a 360 agli Utenti Gestione ottimizzata dell intero «ciclo di vita» degli asset informatici dalla acquisizione alla dismissione, eliminando l impatto della complessità tecnologica

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

NUMERO 1O l esperienza migliora il business

NUMERO 1O l esperienza migliora il business NUMERO 1O l esperienza migliora il business Dal 1986 al vostro fianco NUMERO 1O, a più di vent anni dalla sua nascita, rappresenta il polo di riferimento nell esperienza informatica legata al business.

Dettagli

Processi gestionali. Sistemi Informativi Aziendali. Sistemi Informativi Aziendali. Umberto Nanni. Umberto Nanni

Processi gestionali. Sistemi Informativi Aziendali. Sistemi Informativi Aziendali. Umberto Nanni. Umberto Nanni DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA AUTOMATICA E GESTIONALE ANTONIO RUBERTI Processi gestionali 1 Informatizzazione per Sistemi Informativi 1. Elaborazione Dati, Automazione Industriale supporto EDP

Dettagli

L ICT e l innovazione

L ICT e l innovazione Il valore del Project Management nei Progetti di Innovazione nelle Piccole e Medie Imprese L ICT e l innovazione Milano, 15 dicembre 2006 Enrico Masciadra, PMP emasciadra@libero.it Le cinque forze competitive

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II

Dettagli

Business Consultant & ICT Strategic Partner. Un team di consulenti esperti nei processi e nei sistemi AZIENDALI

Business Consultant & ICT Strategic Partner. Un team di consulenti esperti nei processi e nei sistemi AZIENDALI Consultant & ICT Strategic Partner b e e Un team di consulenti esperti nei processi e nei sistemi AZIENDALI BEE CONSULTING SRL Via Rimassa 70/7 Genova Tel/Fax (+39) 010.582489 Cap.Soc. 20.000,00 i.v. P.Iva

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso INCA CGIL Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione dei

Dettagli

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005 Information Systems Governance e analisi dei rischi con ITIL e COBIT Marco Salvato, KPMG Sessione di studio AIEA, Verona 25 Novembre 2005 1 Information Systems Governance L'Information Systems Governance

Dettagli

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE IL PROJECT MANAGEMENT NEL SERVIZIO SANITARIO L esperienza dell APSS di Trento Bolzano, 8 maggio 2008 Auditorio del Palazzo Provinciale 12 Autore: Ettore

Dettagli

la Società Chi è Tecnoservice

la Società Chi è Tecnoservice brochure 09/04/2009 11.16 Pagina 1 brochure 09/04/2009 11.16 Pagina 2 la Società Chi è Tecnoservice Nata dall incontro di esperienze decennali in diversi campi dell informatica e della comunicazione TsInformatica

Dettagli

ERP Commercio e Servizi

ERP Commercio e Servizi ERP Commercio e Servizi Sistema informativo: una scelta strategica In questi ultimi anni hanno avuto grande affermazione nel mercato mondiale i cosiddetti sistemi software ERP. Tali sistemi sono in grado

Dettagli

ALLEGATO 4 SINTESI DEI CONTRATTI OGGETTO DI MONITORAGGIO

ALLEGATO 4 SINTESI DEI CONTRATTI OGGETTO DI MONITORAGGIO ALLEGATO 4 SINTESI DEI CONTRATTI OGGETTO DI MONITORAGGIO CONDUZIONE, GESTIONE ED EVOLUZIONE TECNOLOGICA DEI SISTEMI E DELLE PIATTAFORME CENTRALI E PERIFERICHE INPDAP L area d intervento comprende le seguenti

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FAGIOLI

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FAGIOLI Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FAGIOLI Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.1 Gestire

Dettagli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli I sistemi informativi Il processo

Dettagli

LA GESTIONE DELLE INFORMAZIONI IN AZIENDA: LA FUNZIONE SISTEMI INFORMATIVI 173 7/001.0

LA GESTIONE DELLE INFORMAZIONI IN AZIENDA: LA FUNZIONE SISTEMI INFORMATIVI 173 7/001.0 LA GESTIONE DELLE INFORMAZIONI IN AZIENDA: LA FUNZIONE SISTEMI INFORMATIVI 173 7/001.0 LA GESTIONE DELLE INFORMAZIONI IN AZIENDA: LA FUNZIONE SISTEMI INFORMATIVI PIANIFICAZIONE STRATEGICA NELL ELABORAZIONE

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 8

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 8 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 8 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici IT

Dettagli

Allegato 2: Prospetto informativo generale

Allegato 2: Prospetto informativo generale Gara a procedura ristretta accelerata per l affidamento, mediante l utilizzo dell Accordo Quadro di cui all art. 59 del D.Lgs. n. 163/2006, di Servizi di Supporto in ambito ICT a InnovaPuglia S.p.A. Allegato

Dettagli

Via F. Bulgherini 1 25020 FLERO (BS) Tel. 030/2563480 Fax. 030/2563470 Via Verdi, 70-20038 SEREGNO (MI) Tel. 0362/237874 P.IVA 03248470175 Cap. Soc.

Via F. Bulgherini 1 25020 FLERO (BS) Tel. 030/2563480 Fax. 030/2563470 Via Verdi, 70-20038 SEREGNO (MI) Tel. 0362/237874 P.IVA 03248470175 Cap. Soc. AS/400 STAMPANTI SERVER WINDOWS WORKSTATIONS MATERIALI DI CONSUMO SERVER LINUX CORSI DI FORMAZIONE CHI SIAMO Solution Line è una società di consulenza composta da professionisti di pluriennale esperienza,

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso ORANGE TIRES

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso ORANGE TIRES Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso ORANGE TIRES Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Il Progetto e il Project Management

Il Progetto e il Project Management Il Progetto e il Project Management Metodologie di Specifica del Software Per contattare il docente Dr. Anna Rita Laurenzi email: annarita.laurenzi@insiel.it cell.+39 3356368206 Agenda Progetto e Project

Dettagli

Reti di INDUSTRIA 4.0

Reti di INDUSTRIA 4.0 DALLA DIGITALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ALLA DIGITALIZZAZIONE DELLA SUPPLY CHAIN LA COMPETITIVITÀ DELLA SUPPLY CHAIN Bologna, 27 novembre 2015 Questa presentazione Imprese e competizione globale Supply Chain,

Dettagli

a management consulting company

a management consulting company a management consulting company a management consulting company La società BF Partners S.r.l., fondata dall Ing. Alessandro Bosio e dall Ing. Federico Franchelli, è specializzata nella gestione di progetti

Dettagli

NEL BUSINESS, ACCANTO A VOI

NEL BUSINESS, ACCANTO A VOI NEL BUSINESS, ACCANTO A VOI Una nuova azienda che, grazie all'esperienza ventennale delle sue Persone, è in grado di presentare soluzioni operative, funzionali e semplici, oltre ad un'alta qualità del

Dettagli

Aggiornato al mese di Novembre 2007. Caso applicativo presentato da Ettore Turra (APSS) al seminario:

Aggiornato al mese di Novembre 2007. Caso applicativo presentato da Ettore Turra (APSS) al seminario: Aggiornato al mese di Novembre 2007 Dr. Enzo Moser Dipartimento di Radiodiagnostica, APSS Caso applicativo presentato da Ettore Turra (APSS) al seminario: IL PROJECT MANAGEMENT NEL SERVIZIO SANITARIO L

Dettagli

piattaforma comune miglioramento del processo adeguamento all anno 2000 sistemi legacy obsoleti visibilità dei dati standardizzazione di più sedi

piattaforma comune miglioramento del processo adeguamento all anno 2000 sistemi legacy obsoleti visibilità dei dati standardizzazione di più sedi AO automazioneoggi Facciamo un po d ordine L approccio ai progetti di implementazione di sistemi ERP è spesso poco strutturato e il processo di implementazione risulta essere frequentemente inefficiente

Dettagli

TED LEWIS ROMA 16-17 APRILE 2007 ROMA 18-19 APRILE 2007 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

TED LEWIS ROMA 16-17 APRILE 2007 ROMA 18-19 APRILE 2007 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA TED LEWIS MANAGEMENT MODELING AND ANALYSIS ROMA 16-17 APRILE 2007 ROMA 18-19 APRILE 2007 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it www.technologytransfer.it

Dettagli

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 LEZIONE LA GESTIONE DEI PROGETTI DOTT. GIUSEPPE IULIANO Indice 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 1.1 La prima fase di impostazione ---------------------------------------------------------------------7

Dettagli

Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING. Ousourcing, origine. Classificazione, due coordinate. Information Technology Outsourcing (ITO)

Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING. Ousourcing, origine. Classificazione, due coordinate. Information Technology Outsourcing (ITO) Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING Paolo Atzeni Dipartimento di Informatica e Automazione Università Roma Tre 15/01/2004 Delega operativa dei servizi connessi all informatica che un Cliente

Dettagli

GRUPPO PARTNERS ASSOCIATES IT GLOBAL INDUSTRY

GRUPPO PARTNERS ASSOCIATES IT GLOBAL INDUSTRY PROFILE 2015 GRUPPO PARTNERS ASSOCIATES IT GLOBAL INDUSTRY PA GROUP> Leader nel settore IT. Dal 1998 fornisce prodotti e soluzioni best in class nei diversi settori di competenza: Finanza, Industria, PA,

Dettagli

METODO_ SOLUZIONI_ DIALOGO_ MANAGEMENT_ COMPETENZE_ ASSISTENZA_ SERVIZI_ MISSION_ TECNOLOGIE_

METODO_ SOLUZIONI_ DIALOGO_ MANAGEMENT_ COMPETENZE_ ASSISTENZA_ SERVIZI_ MISSION_ TECNOLOGIE_ DIALOGO_ METODO_ SOLUZIONI_ COMPETENZE_ MISSION_ TECNOLOGIE_ ASSISTENZA_ MANAGEMENT_ SERVIZI_ GEWIN La combinazione di professionalità e know how tecnologico per la gestione aziendale_ L efficienza per

Dettagli

Sistemi di Gestione dei Dati e dei Processi Aziendali. Sistemi ERP e controlli automatici

Sistemi di Gestione dei Dati e dei Processi Aziendali. Sistemi ERP e controlli automatici Sistemi di Gestione dei Dati e dei Processi Aziendali Sistemi ERP e controlli automatici Obiettivi della sessione Al termine di questa sessione sarete in grado di: Descrivere gli obiettivi di un sistema

Dettagli

AMPLIFON: OTTIMIZZAZIONE DELLE PERFORMANCE DEL NETWORK DI VENDITA ATTRAVERSO LA PIENA INTEGRAZIONE DEI PROCESSI DI BUSSINES

AMPLIFON: OTTIMIZZAZIONE DELLE PERFORMANCE DEL NETWORK DI VENDITA ATTRAVERSO LA PIENA INTEGRAZIONE DEI PROCESSI DI BUSSINES AMPLIFON: OTTIMIZZAZIONE DELLE PERFORMANCE DEL NETWORK DI VENDITA ATTRAVERSO LA PIENA INTEGRAZIONE DEI PROCESSI DI BUSSINES Aggiornare e semplificare le modalità di integrazione tra le diverse piattaforme

Dettagli

Software. Engineering

Software. Engineering Software Engineering Agenda Scenario nel quale matura la necessità di esternalizzare Modalità conrattuali, ambito, livelli di servizio Modalità di governo del contratto e di erogazione dei servizi Metodologia

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO GRUPPO ITALIANO VINI

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO GRUPPO ITALIANO VINI Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO GRUPPO ITALIANO VINI Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso ELETECNO ST

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso ELETECNO ST Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso ELETECNO ST Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione

Dettagli

La ISA nasce nel 1994. Servizi DIGITAL SOLUTION

La ISA nasce nel 1994. Servizi DIGITAL SOLUTION ISA ICT Value Consulting La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi

Dettagli

Direzione Centrale Sistemi Informativi

Direzione Centrale Sistemi Informativi Direzione Centrale Sistemi Informativi Missione Contribuire, in coerenza con le strategie e gli obiettivi aziendali, alla definizione della strategia ICT del Gruppo, con proposta al Chief Operating Officer

Dettagli

non accontentarti dell orizzonte, cerca L INFINITO.

non accontentarti dell orizzonte, cerca L INFINITO. non accontentarti dell orizzonte, cerca L INFINITO. Jim Morrison Società Algol Consulting: il partner per i progetti ERP Fin dall inizio della sua attività, l obiettivo di Algol Consulting è stato quello

Dettagli

Sommario. L'Azienda I Servizi Le Soluzioni I Partner

Sommario. L'Azienda I Servizi Le Soluzioni I Partner 1 Sommario L'Azienda I Servizi Le Soluzioni I Partner 2 L azienda 3 Profilo La Società Essematica nasce nel 1987 da un team di specialisti e ricercatori informatici che, aggregando le esperienze maturate

Dettagli

«management e consulenza indipendente sulla tecnologia della comunicazione e dell informazione»

«management e consulenza indipendente sulla tecnologia della comunicazione e dell informazione» «management e consulenza indipendente sulla tecnologia della comunicazione e dell informazione» pensiero scientifico metrica riservatezza tecnologia per la STARTUP competitiva indipendenza da fornitori

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso ALCEA

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso ALCEA Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso ALCEA Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione dei processi

Dettagli

ERP o pacchetto gestionale? Una

ERP o pacchetto gestionale? Una FEBBRAIO 2012 Quali sono le principali differenze fra una soluzione di Enterprise Resource Planning e un pacchetto gestionale, quali le raccomandazioni per chi deve scegliere un ERP? E quando è arrivato

Dettagli

Gestire il laboratorio in maniera semplice

Gestire il laboratorio in maniera semplice Gestire il laboratorio in maniera semplice Guida al LIMS Software as a Service Eusoft White Paper Introduzione La tecnologia oggi offre alle organizzazioni grandi possibilità di innovazione e trasformazione

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE II ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO UDA 4 IL TEAM DI PROGETTO LEZIONE: IL

Dettagli

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP.

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. INTERVISTA 13 settembre 2012 ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. Intervista ad Ermanno Pappalardo, Lead Solution Consultant HP Software

Dettagli

I valori distintivi della nostra offerta di BPO:

I valori distintivi della nostra offerta di BPO: Business Process Outsourcing Partner 3M Software è il partner di nuova generazione, per la progettazione e la gestione di attività di Business Process Outsourcing, che offre un servizio completo e professionale.

Dettagli

BUSINESS PROGECO. progettazione costruzione impianti. enter >

BUSINESS PROGECO. progettazione costruzione impianti. enter > BUSINESS PROGECO progettazione costruzione impianti enter Controllo costante dell avanzamento dei lavori Pieno rispetto dei tempi di realizzazione preventivati Gestione automatica della documentazione

Dettagli

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!!

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! MISSION La mission di CSR Solution è quella di supportare soluzioni software avanzate nei settori della progettazione e della produzione industriale per le aziende

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO

DISCIPLINARE TECNICO Premessa ALLEGATO A del Capitolato Speciale d Appalto DISCIPLINARE TECNICO L Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro (di seguito anche ), con la presente procedura intende dotarsi di un Sistema

Dettagli

Ricerca di personale interno

Ricerca di personale interno Ricerca di personale interno Diplomati e laureati in Real Estate (RIF RE1) Cerchiamo risorse da inserire presso le Aree Immobiliari nell ambito della funzione Real Estate. Realizzazione e implementazione

Dettagli

STRATEGIE DI ACQUISIZIONE DELLE FORNITURE ICT

STRATEGIE DI ACQUISIZIONE DELLE FORNITURE ICT STRATEGIE DI ACQUISIZIONE DELLE FORNITURE ICT Paolo Atzeni Dipartimento di Informatica e Automazione Università Roma Tre 03/02/2008 (materiale da: Manuali e lucidi su sito CNIPA, in particolare di M. Gentili)

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI. Definizione, classificazioni

SISTEMI INFORMATIVI. Definizione, classificazioni SISTEMI INFORMATIVI Definizione, classificazioni IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE A cosa serve una definizione? a identificare i confini del SI a identificarne le componenti a chiarire le variabili progettuali

Dettagli

La ISA nasce nel 1994 DIGITAL SOLUTION

La ISA nasce nel 1994 DIGITAL SOLUTION La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi IT attraverso l'impiego

Dettagli

IDENTITÀ GIOVANE. Nata nel 2006 con l intento di diventare leader nel settore IT, Easytech cresce con una solida competenza in tre divisioni:

IDENTITÀ GIOVANE. Nata nel 2006 con l intento di diventare leader nel settore IT, Easytech cresce con una solida competenza in tre divisioni: copertina pg. 1 immagine pg. 2 Easytech è un gruppo di giovani professionisti uniti da un obiettivo comune: proporre le migliori soluzioni per rendere le imprese leggere e pronte a sostenere la competizione

Dettagli

Organization Intelligence: Approccio e Tecnologia

Organization Intelligence: Approccio e Tecnologia Organization Intelligence: Approccio e Tecnologia [Knowledge] «In organizations it often becomes embedded not only in documents or repositories but also in organizational routines, processes, practices

Dettagli

Indice strutturato dello studio di fattibilità

Indice strutturato dello studio di fattibilità Indice strutturato dello studio di fattibilità DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 10 Indice 1 2 SPECIFICITÀ DELLO STUDIO DI FATTIBILITÀ IN UN PROGETTO DI RIUSO... 3 INDICE STRUTTURATO DELLO

Dettagli

SACE BT realizza su tecnologia Microsoft la piattaforma di gestione delle polizze

SACE BT realizza su tecnologia Microsoft la piattaforma di gestione delle polizze Caso di successo Microsoft Integration SACE BT SACE BT realizza su tecnologia Microsoft la piattaforma di gestione delle polizze Informazioni generali Settore Istituzioni finanziarie Il Cliente Il Gruppo

Dettagli

Sistemi gestionali integrati (ERP): aspetti organizzativi e tecnologici

Sistemi gestionali integrati (ERP): aspetti organizzativi e tecnologici Sistemi gestionali integrati (ERP): aspetti organizzativi e tecnologici Jennifer Moro Indice L organizzazione: funzioni o processi? Le tecnologie e i cambiamenti organizzativi ERP di cosa stiamo parlando?

Dettagli

Acquisizione di prodotti e servizi Parte 1

Acquisizione di prodotti e servizi Parte 1 Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A5_1 V1.0 Acquisizione di prodotti e servizi Parte 1 Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

La formazione come strumento per facilitare la comunicazione interna e il cambiamento in azienda - Caso DHL Express Italy -

La formazione come strumento per facilitare la comunicazione interna e il cambiamento in azienda - Caso DHL Express Italy - La formazione come strumento per facilitare la comunicazione interna e il cambiamento in azienda - Caso DHL Express Italy - Pasquale Cicchella, HR Training and Development Manager, DHL Express Italy Simonetta

Dettagli

Risorsa N 027220. Corsi su FI (GL - AP - AR - AA), CO-CCA, EURO Auditing, B.P.R., Tecniche di Comunicazione e Change Management

Risorsa N 027220. Corsi su FI (GL - AP - AR - AA), CO-CCA, EURO Auditing, B.P.R., Tecniche di Comunicazione e Change Management Risorsa N 027220 DATI ANAGRAFICI: Nato nel : 1948 Nato e Residente a : Milano FORMAZIONE E CORSI: Corsi su FI (GL - AP - AR - AA), CO-CCA, EURO Auditing, B.P.R., Tecniche di Comunicazione e Change Management

Dettagli

La Certificazione ISO 9001:2008. Il Sistema di Gestione della Qualità

La Certificazione ISO 9001:2008. Il Sistema di Gestione della Qualità Il Sistema di Gestione della Qualità 2015 Summary Chi siamo Il modello operativo di Quality Solutions Introduzione La gestione del progetto Le interfacce La Certificazione 9001:2008 Referenze 2 Chi siamo

Dettagli

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT)

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) CONSIP S.p.A. Allegato 6 Capitolato tecnico Capitolato relativo all affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) Capitolato Tecnico

Dettagli

Integrazione dei processi aziendali Sistemi ERP e CRM. Alice Pavarani

Integrazione dei processi aziendali Sistemi ERP e CRM. Alice Pavarani Integrazione dei processi aziendali Sistemi ERP e CRM Alice Pavarani Un ERP rappresenta la maggiore espressione dell inseparabilità tra business ed information technology: è un mega-package di applicazioni

Dettagli

EMC Documentum Soluzioni per il settore assicurativo

EMC Documentum Soluzioni per il settore assicurativo Funzionalità EMC Documentum per il settore assicurativo La famiglia di prodotti EMC Documentum consente alle compagnie assicurative di gestire tutti i tipi di contenuto per l intera organizzazione. Un

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING)

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) EVOLUZIONE DEFINIZIONI SISTEMI INFORMATIVI E SISTEMI ERP I SISTEMI TRADIZIONALI I SISTEMI AD INTEGRAZIONE DI CICLO I SISTEMI

Dettagli

PROFILO AZIENDALE MISSION & VISION

PROFILO AZIENDALE MISSION & VISION COMPANY PROFILE 2014 PROFILO AZIENDALE Posytron è una società di consulenza tecnologica e gestionale certificata ISO 9001:2008 fondata nel 1999 da Alberto Muritano, attuale CEO, per supportare l'innovazione

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

E-Mail. Scheduling. Modalità d invio. E-Mail

E-Mail. Scheduling. Modalità d invio. E-Mail BI BI Terranova, azienda leader in Italia per le soluzioni Software rivolte al mercato delle Utilities, propone la soluzione Software di Business Intelligence RETIBI, sviluppata per offrire un maggiore

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

Processi di Gestione dei Sistemi ICT

Processi di Gestione dei Sistemi ICT Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A3_1 V1.1 Processi di Gestione dei Sistemi ICT Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA Service Oriented Architecture Ormai tutti, nel mondo dell IT, conoscono i principi di SOA e i benefici che si possono ottenere

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE La Work Breakdown Structure La WBS è uno strumento di pianificazione delle attività progettuali che comporta un lavoro di: 1) suddivisione

Dettagli

L ambito di progetto Rappresenta la definizione del progetto, ovvero cosa deve essere portato a termine Comprende gli elementi:

L ambito di progetto Rappresenta la definizione del progetto, ovvero cosa deve essere portato a termine Comprende gli elementi: Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 6: Ambito di progetto organizzazione della comunicazione Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it folgieri@mtcube.com

Dettagli

PRESENTAZIONE AZIENDALE 2015

PRESENTAZIONE AZIENDALE 2015 PRESENTAZIONE AZIENDALE 2015 setapp.eu Via di Grotte Portella, 28 00044 Frascati (RM) PEC setappsrl@legalmail.it info@setapp.eu +39 06.94.21.533 SETAPP S.R.L. - Sede Legale Via di Grotte Portella 28 -

Dettagli

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI Proposte formative Un team di esperti in progettazione formativa è a disposizione per lo sviluppo di soluzioni personalizzate e la realizzazione di percorsi costruiti intorno alle esigenze di ciascuna

Dettagli

Antonio Gentile entra in Altea a capo della Business Unit INFOR

Antonio Gentile entra in Altea a capo della Business Unit INFOR 7 marzo 2011 Comunicato Stampa Antonio Gentile entra in Altea a capo della Business Unit INFOR Antonio Gentile, ex General Manager di Qurius Italia, è ufficialmente entrato a far parte del team Altea a

Dettagli

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido Starter Package è una versione realizzata su misura per le Piccole Imprese, che garantisce una implementazione più rapida ad un prezzo ridotto. E ideale per le aziende che cercano ben più di un semplice

Dettagli

CONSORZIO SERVIZI BANCARI

CONSORZIO SERVIZI BANCARI CONSORZIO SERVIZI BANCARI CSE Consorzio Servizi Bancari, nato nel 1970 come centro meccanografico, è divenuto nel corso degli anni leader nel campo dell outsourcing bancario. Nel tempo l attività primaria

Dettagli

Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile

Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile Osservatorio Cloud & ICT as a Service Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile Mariano Corso Stefano Mainetti 17 Dicembre 2013 Collaborative Business

Dettagli

Lo Studio di Fattibilità

Lo Studio di Fattibilità Lo Studio di Fattibilità Massimo Mecella Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Definizione Insieme di informazioni considerate necessarie alla decisione sull investimento

Dettagli

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti *oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti significa soprattutto un supporto professionale concreto!

Dettagli

L iniziativa Cloud DT

L iniziativa Cloud DT L iniziativa Cloud DT Francesco Castanò Dipartimento del Tesoro Ufficio per il Coordinamento Informatico Dipartimentale (UCID) Roma, Luglio 2011 Il Cloud Computing Alcune definizioni Il Cloud Computing

Dettagli

La piattaforma CLM di STAR

La piattaforma CLM di STAR La piattaforma CLM di STAR Soluzioni di settore per la Vostra attività di Corporate Language Management STAR Group Your single-source partner for corporate product communication Ogni volo è diverso e tuttavia

Dettagli

WHITE PAPER CRM Novembre 2003

WHITE PAPER CRM Novembre 2003 WHIT E PAPER Novembre 2003 CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT Parlare di CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT significa parlare di come l Azienda gestisce il suo business. Se vogliamo dare una definizione di

Dettagli