Le cambiali più utilizzate in campo internazionale sono di due tipi: le cambiali- pagherò e le cambiali-tratte.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le cambiali più utilizzate in campo internazionale sono di due tipi: le cambiali- pagherò e le cambiali-tratte."

Transcript

1 CAPITOLO QUINTO LA METODOLOGIA DI APPLICAZIONE 5.1. Lo smobilizzo del credito Il credito è rappresentato da titoli cambiari. Le modalità di concessione di un credito assumono un preciso rilievo e perciò debbono trovare una loro precisa collocazione nel testo contrattuale, unico per la fornitura e il credito. Qualora queste clausole dovessero mancare, non essendoci di fatto alcun riferimento esplicito alla normativa internazionale in vigore in materia, le condizioni di praticabilità del credito all'esportazione sarebbero del tutto inesistenti, e di fatto, sarebbe pressoché impossibile acquisire il sussidio governativo agli interessi. Di norma alle clausole contrattuali che regolamentano l'accesso al credito vanno a aggiungersi quelle riguardanti la tutela del credito, la sua bancabilità ed il sostegno governativo ai sensi della ex legge 227/77. Le cambiali più utilizzate in campo internazionale sono di due tipi: le cambiali- pagherò e le cambiali-tratte. Queste ultime esprimono l'impegno dell'importatore in qualità di obbligato principale (o trassato) a pagare il loro valore facciale, sempre ché da questi sottoscritte per accettazione. Sono emesse dall'esportatore in favore di se stesso, in qualità di primo beneficiario, e accettate dal trassato (vedi.tav.8). 64

2 Tavola 8 La cambiale-tratta..(place) (1) (dated) amount in foreign currency (2). On/at..(expiry date) (3).For value received, pay against this bill of exchange for the order of.. (exporter) (4).. the sum of.(5). effective payment to be made in (currency).without deduction for and free of any taxes, impost,levies or duties present or future of any nature. This BILL OF EXCHANGE is payable at (collecting bank) (6).. Drawn on..(7)......for acceptance (10).. Per aval for account of the drawee (9).. Acceptance signature(s) verified (11).. (8) (drawer s signature) 1) Luogo e data di emissione 7) Nome e indirizzo del trassato 2) Divisa e importo in cifre 8) Firma e timbro del traente 3) Data di scadenza 9) Timbro dell ente che firma per avallo 4) Nome del beneficiario 10) Timbro e firma di accettazione del trassato 5) Divisa e importo in lettere 11) Verifica bancaria della firma del debitore 65

3 Viceversa le cambiali-pagherò esprimono la promessa di pagare dell importatore in qualità di obbligato principale il loro valore facciale alle debite scadenze. Sono emesse dall'importatore direttamente in favore dell'esportatore (vedi.tav.9). Le cambiali, una volta che sono state debitamente compilate e sottoscritte dall'obbligato principale, dovranno essere consegnate all'esportatore in accordo ad un piano di rilascio che dovrà essere concordato tra le parti contraenti e che dovrà tenere conto dello svolgimento nel tempo della fornitura. Di solito la consegna delle cambiali all'esportatore avviene per il tramite di una banca fiduciaria ("trustee bank") la quale sarà, a seconda dei casi, la banca finanziatrice italiana o se banca estera la sua filiale italiana oppure la sua corrispondente italiana. Questa banca sulla base di quanto dispone una lettera di istruzioni irrevocabili, emessa dall'importatore nello stesso momento in cui firma il contratto di fornitura o, solo pochi giorni dopo la firma, rilascerà i titoli cambiari all'esportatore pro-rata espletamento della fornitura (vedi. tav.10). 66

4 Tavola 9 La cambiale-pagherò..(place) (1) (dated) amount in foreign currency (2). On/at..(expiry date) (3).For value received, pay against this PROMISSORY NOTE for the order of..(exporter) (4)..The sum of (5). effective payment to be made in (currency).without deduction for and free of any taxes, impost,levies or duties present or future of any nature. This promissory note is payable at (collecting bank) (6)....(7) Debtor s full address......for acceptance (10) Per aval (9) Debtor s signature(s) verified (10) (8) (debtor s signature) 1) Luogo e data di emissione 6) Domicilio di pagamento (banca presentatrice) 2) Divisa e importo in cifre 7) Nome e indirizzo del trassato (debitore) 3) Data di scadenza 8) Firma e timbro del trassato(debitore) 4) Nome del beneficiario 9) Timbro dell ente che firma per avallo 5) Divisa e importo in lettere 10) Verifica bancaria della firma del debitore 67

5 Tavola 10 - La lettera di istruzioni irrevocabili di rilascio delle cambiali indirizzata dal committente estero alla trustee bank. PIZANO SA P Bogotà, March 30th, 1982 BANQUE DE PARIS ET DES PAYS BAS Via dell'annunciata, Milano - Italy Dear Sirs, We Pizano SA, taking into account the supply contract between us and Technipetrol S.p.A., signed on August 18th,1981, give you irrevocable instructions to release to Technipetrol S.p.A. each of the following twenty (20) bills of exchange in your safe custody in the order of their maturity: A) FIRST SERIE: N.o of bills of Exchange Place and date of issue Maturity date Total Amount US$ 1 Rome, february 25th, /9/ Rome, february 25th, /3/ Rome, february 25th, /9/ Rome, february 25th, /3/ Rome, february 25th, /9/ Rome, february 25th, /3/ Rome, february 25th, /9/ Rome, february 25th, /3/ Rome, february 25th, /9/ Rome, february 25th, /3/

6 B) SECOND SERIE Place and Maturity Total N.o of bills of date of issue date Amount Exchange US$ 1 Rome, february 25th, /9/ Rome, february 25th, /3/ Rome, february 25th, /9/ Rome, february 25th, /3/ Rome, february 25th, /9/ Rome, february 25th, /3/ Rome, february 25th, /9/ Rome, february 25th, /3/ Rome, february 25th, /9/ Rome, february 25th, /3/ Each bill of exchange will be released against presentation by Technipetrol S.p.A. of the relevant invoice, according to the following program of payments, as provided for in the Clausula Segunda of the Otrosi n.1 to the above mentioned contract, signed between us and Technipetrol S.p.A. on March 4th, 1982: Month,starting from August 18th,1981 No. Of bills of exchange Amount of Principal in US$

7 These bills of exchange, when released to Technipetrol S.p.A. constitute unconditional and irrevocable obligation of payment when they fall due. Upon payment by us at the maturity date, the corresponding bill of exchange shall be returned immediately to us, Yours truly PIZANO SA 70

8 Spesso succede che la banca fiduciaria assuma anche il ruolo di banca domiciliataria dell'operazione di esportazione cioè di banca per il tramite della quale avviene la movimentazione del denaro da e per l'estero. Inoltre le cambiali dovranno essere negoziabili e rispondere ai requisiti ed alle condizioni internazionali di negoziabilità richieste dal mercato dei capitali, dal luogo di domiciliazione e di pagamento. Alle loro rispettive scadenze, il pagamento delle cambiali dovrà essere irrevocabile ed incondizionale per cui il loro pagamento non potrà e non dovrà essere né ritardato né rifiutato per una qualsivoglia ragione. Il numero delle cambiali dovrà essere pari al numero delle rate di credito da rimborsare mentre la loro data di emissione dovrà essere unica e coincidere con la data di completamento della fornitura. La quota capitale di ciascuna cambiale é costante e pari a 1/n dell importo del credito in quota capitale; dunque il suo valore facciale sarà dato da una quota capitale costante più una quota interessi variabile (decrescente). La data di scadenza della prima cambiale dovrà coincidere con la scadenza del sesto mese a decorrere dal punto di partenza del credito mentre la data di scadenza di ogni cambiale, successiva alla prima, coinciderà con la data di scadenza di un periodo di sei mesi a decorrere dalla data di scadenza della precedente cambiale. Lo smobilizzo del credito può avvenire in due modi: a) in "rischio pro-solvendo, quando il rischio di non pagamento delle cambiali resta a carico dell esportatore o quando la banca finanziatrice non assume il rischio dell operazione di sconto; b) in "rischio pro-soluto, quando l'esportatore vende simultaneamente ad una banca finanziatrice sia il credito, rappresentato dalle cambiali, sia i rischi legati al credito che sono impliciti nell operazione di sconto. 71

9 La banca finanziatrice può essere una banca italiana residente in Italia o all estero, una banca straniera oppure una società finanziaria di forfetizzazione. La ragione di essere di un operazione di sconto delle cambiali in rischio pro-soluto risiede nella totale e contemporanea fiducia che la banca finanziatrice nutre, allo stesso modo, nei confronti sia del committente estero (obbligato principale) di essere solvibile cioè nella sua capacità di rimborsare il debito, sia del paese di destinazione della fornitura che offre le più ampie assicurazioni per quanto riguarda il non verificarsi di eventi politici o di atti del principe che potrebbero impedire o ostacolare gli adempimenti contrattuali. Proprio per questo motivo, ad una simile operazione non si accompagna quasi mai una garanzia assicurativa Isace a copertura del rischio di insolvenza! Tuttavia Il Comitato Isace, in una sua recente delibera, ha autorizzato la garanzia assicurativa Isace anche nel caso di rischio pro-soluto. Questa nuova copertura va nella direzione di un ulteriore rafforzamento delle probabilità che la banca non incorra nel rischio di un mancato rimborso del credito da parte del prenditore di denaro. Per cui l'intervento di una società di forfetizzazione é praticamente molto più agevole. La tavola 11 rappresenta, per l'appunto, lo schema di funzionamento di un'operazione di sconto pro-soluto quando interviene la garanzia Isace. La stessa cosa non si può dire di un operazione di sconto in rischio pro-solvendo. In questo caso la banca finanziatrice dovrà affidare il richiedente, dovrà valutare quale é la sua capacità di essere solvibile ed accertarsi che il denaro anticipato le verrà restituito. Anzi, contrariamente a quanto accade nel caso di rischio pro-soluto, la copertura assicurativa Isace del rischio di insolvenza costituisce l aspetto cardine di questa operazione, é l elemento che attribuisce solidità e credibilità alla richiesta di sconto dell esportatore per la ragione che la polizza Isace, essendo garantita dallo Stato italiano, esprime certezza di pagamento del debito. 72

10 Due sono le modalità di realizzo di uno sconto pro-solvendo: l impegno bancario a scontare gli effetti cambiari o l anticipazione a tasso variabile. Nel primo caso, all'atto del rilascio dell'impegno a scontare gli effetti cambiari, la banca finanziatrice (o forfaiter ) si limita a definire l'entità del margine da applicare, rinviando l esatta determinazione del fattore di sconto in un momento successivo. Il tasso variabile è il "libor a sei mesi. Esso varia al variare delle date in cui si effettuano le operazioni di sconto. Il fattore di sconto si calcola sommando il margine al "libor ". Di fatto i fattori di sconto sono tanti quanti sono le operazioni di sconto da effettuare. L anticipazione a tasso variabile é un vero accordo di prestito stipulato tra la banca finanziatrice e l'esportatore per mezzo del quale la banca finanziatrice anticipa il denaro e si fa pagare gli interessi di avvenuta anticipazione dei fondi dall esportatore. Per una rappresentazione grafica di come funziona lo smobilizzo in rischio prosolvendo si rinvia alla tavola

11 Tavola 11 - Lo smobilizzo di un credito-fornitore in rischio pro-soluto Mincomes Committente estero (pubblico o privato) Richiesta e ottenimento autorizzazione merceologica e/o valutaria Isace Domanda assicurativa (2) Concessione garanzia assicurativa (3) Ordine di fornitura (1) Esportazione (4) Esportatore italiano Domanda di finanziamento (2) Finanziamento del credito capitale (7) Titoli di credito(5) Cessione garanzia ISACE cambiali tratte (6) Rimborso interessi (9) Pagamenti alla scadenza di ogni singola rata di credito capitale interessi (10) Simest SpA Banca italiana Contributo (8) 74

12 Tavola 12 - Lo smobilizzo di un credito-fornitore in rischio pro-solvendo. Mincomes Richiesta e ottenimento autorizzazione merceologica e/o valutaria Isace Domanda assicurativa (2) Committente estero (pubblico o privato) Ordine di fornitura (1) Esportazione (4) Esportatore italiano Titoli di credito (5) Pagamenti alla scadenza di ogni singola rata di credito capitale interessi (10) Contributo agli interessi (8) Concessione garanzia assicurativa (3) Domanda di finanziamento (2) Finanziamento del credito capitale (7) Cessione garanzia ISACE (6) Rimborso interessi (9) Simest SpA Banca italiana 75

13 Un'ulteriore aspetto da non trascurare é la quantità di denaro che può essere effettivamente anticipata dalla banca finanziatrice. Tanto più positiva sarà la valutazione della banca finanziatrice del grado di solvibilità dell'esportatore tanto più questi sarà affidato dal punto di vista del credito. E tanto più significativa sarà la presenza di eventuali garanzie ("security package") a supporto dei futuri rimborsi del prestito, tanto più consistenti saranno le somme che verranno messe a disposizione del fornitore italiano. Riguardo all'agevolazione finanziaria, nel caso di sconto pro-solvendo, l'entità del sussidio governativo agli interessi non potrà mai raggiungere il suo limite massimo (2%) previsto dalla normativa in vigore. L'entità del sussidio si aggirerà piuttosto al disotto del suo limite massimo, avrà un valore più correlato alla qualità del rischio che é presente nell'operazione di sconto. Di fatto, in questo caso, poiché sussiste la garanzia di rimborso dello Stato italiano a copertura della quasi totalità del credito, il rischio e quindi la sua misura é correlata al rischio d'insolvenza "Italia"; invece nel caso di sconto pro-soluto, mancando la copertura assicurativa Isace, il sussidio governativo agli interessi potrebbe raggiungere il 2%. Nello sconto pro-solvendo l'incombenza di acquisire il contributo agli interessi da parte della Simest spetta all'esportatore mentre nel caso di un sconto pro-soluto spetta invece alla banca finanziatrice Lo sconto pro-soluto La forfetizzazione o sconto pro-soluto, come si é visto, é uno strumento di finanziamento a lungo termine di un'operazione di esportazione. Il forfetizzatore é di norma una società finanziaria specializzata o una banca finanziatrice. Questi istituti acquistano i crediti da forfetizzare direttamente dalle imprese esportatrici, in parte per conto proprio, in parte in qualità di intemediario. Esiste, in effetti, un vero mercato secondario nel quale vengono trattati e ceduti tra banche e società finanziarie crediti forfetizzati. 76

14 Capita anche che enti pubblici o privati acquistino crediti di questo genere a titolo di investimento. La società finanziaria specializzata o la banca finanziatrice acquista "senza regresso" dal venditore il credito che egli vanta nei confronti del compratore estero e che gli deriva dall'avergli fornito i beni. In virtù di questo strumento, l'istituto che provvede alla forfetizzazione assume pertanto tutti i rischi politici ed economici che sono insiti nell'operazione di sconto e versa al venditore l'importo relativo al credito della sua fornitura previa deduzione dei costi della forfetizzazione. Il venditore procede dunque ad un'operazione per contanti ". Da una parte egli ha esaudito l'esigenza del compratore estero nel concedergli un credito per il pagamento della fornitura e, dall'altra parte ha esaudito se stesso nell'ottenere, per il tramite della forfetizzazione, la monetizzazione del suo credito, il denaro che gli serve per approntare la fornitura. a) il rapporto contrattuale. Questo rapporto si divide in due parti: il rapporto tra il venditore e il forfetizzatore e quello tra il forfetizzatore e il compratore estero. Nel primo rapporto, il venditore si impegna a cedere al forfetizzatore il suo credito a lungo termine verso il compratore estero non appena questo credito é formalmente maturato. Di regola, quando la vendita ha per oggetto beni strumentali, si verifica a fornitura avvenuta mentre quando si tratta di vendita di un impianto, la disponibilità del credito matura in maniera progressiva all'evolversi della fornitura. Mentre la società finanziaria o la banca che forfetizza si impegna ad accettare il credito senza regresso, alle condizioni pattuite e contro i documenti previsti che dovranno essere incondizionati cioè indipendenti e senza riferimento ai termini contrattuali della fornitura, il fornitore italiano rimane comunque responsabile per i difetti dei beni forniti o dell'impianto costruito. 77

15 L'esborso netto all'esportatore avviene quando il credito é costituito in modo incondizionato e privo di eccezioni ed obiezioni e quando la documentazione prevista nel contratto di finanziamento é completa. A seguito della cessione del credito dal venditore al forfetizzatore si realizza, sorge il rapporto diretto tra il compratore e il forfetizzatore. b) la natura del credito La validità di una transazione di forfetizzazione ha origine dallo standing creditizio dell'esportatore cioè dalla sua capacità di adempiere agli obblighi contrattuali derivanti dal contratto di vendita e dalla qualità dei suoi prodotti esportati o, nel caso di impianti, dalla sua capacità di garantire la "perfomance" di produzione per quale un impianto é stato venduto. Succede di frequente che i rimborsi dei crediti incontrino delle difficoltà, in primo luogo, perché le macchine fornite o l'impianto non funziona correttamente, secondariamente perché i prodotti venduti non corrispondono alle esigenze di qualità indicate dal compratore estero. Per superare questo inconveniente é stato pattuito che il credito debba possedere il requisito della incondizionalità cioè esso deve essere staccato e completamente indipendente dall'operazione commerciale, di base, affinché non siano possibili obiezioni di alcun genere derivanti dalla vendita sottostante. Esso deve essere inoltre liberamente trasferibile: una regola essenziale per poter permettere al forfetizzatore di collocare parte o l'intero credito nel corso della sua durata. Di regola il credito é assistito da una garanzia bancaria incondizionata che dovrà essere emessa da parte di una primaria banca del paese dell'importatore; tuttavia l'operazione di sconto é comunque possibile anche senza garanzia a condizione però che il compratore sia di primo ordine e che il paese di destinazione della fornitura sia un paese rassicurante sotto il profilo politico ed economico. 78

16 Nell'eventualità che il compratore sia considerato un buon debitore ma non di primo ordine, la forfetizzazione all'occorrenza é possibile, sempre ché vi sia una polizza assicurativa Isace che copra il rischio del credito e sia accertata la solvibilità del debitore. I crediti forfetizzati sono in genere rappresentati da "pagherò" o da "accettazioni cambiarie". Entrambe le cambiali sono girate senza regresso dal beneficiario in favore del forfetizzatore. In sostituzione dell'avallo bancario sulle cambiali, a tutela del pagamento, può essere stipulata una garanzia separata la quale, una volta che la fornitura é avvenuta, dovrà essere sostituita dalla banca garante cioé dovrà essere resa indipendente dall'operazione commerciale sottostante. Mentre le cambiali sono cedute mediante girata, la garanzia separata é ceduta al forfetizzatore con dichiarazione scritta di cessione. c) l termini di un'operazione di forfetizzazione. Nella generalità dei casi le operazioni di sconto hanno una durata da tre a cinque anni con rimborsi semestrali. Tuttavia é possibile che in relazione al paese di destinazione della fornitura o alla consistenza degli importi da scontare, la durata possa essere più lunga o più corta, a seconda dei casi. Nulla é definito riguardo agli importi da forfetizzare. Gli importi massimi sono stabiliti in funzione di come è composta l'operazione: rischio paese, durata, garanzie, periodo di attesa, ecc., nonché della possibilità che il forfetizzatore ha di rifinanziarsi. Per transazioni per le quali non é previsto il rilascio di alcuna garanzia bancaria, gli istituti finanziatori di solito accettano come limite minimo non più di dollari usa o il suo controvalore per ogni singola scadenza; mentre non esistono limiti per le transazioni che sono garantite da fideiussione bancaria. 79

17 Quando gli importi, ad ogni singola scadenza, superano anche parecchi milioni di dollari usa, che un istituto da solo non é in grado di assorbire, si costituisce un sindacato ad hoc con altri forfetizzatori. Precedentemente, si é visto, che il credito da forfettizzare nasce nel momento della fornitura dei beni o pro-rata espletamento della fornitura quando si tratta della vendita di un impianto. Tuttavia tra la conclusione del contratto di vendita e la concretizzazione del credito trascorre spesso molto tempo, addirittura diversi mesi in dipendenza del termine di consegna, durante il quale il fornitore ha la possibilità di concludere un contratto di finanziamento con il forfetizzatore. Il periodo di tempo che intercorre tra la conclusione del contratto di finanziamento e il perfezionamento del credito cioè il momento in cui sono resi disponibili i documenti necessari per la forfetizzazione é chiamato "periodo di attesa". Le offerte di forfetizzazione possono contemplare periodi di attesa che raggiungono anche due anni a tassi di sconto con clausola variabile (legata ai tassi di interesse dell'euromercato nella valuta estera in cui é espresso il credito) o a tassi di sconto fissi. E' evidente che mentre a tasso di sconto fisso l'intero rischio dell'interesse a partire dalla conclusione del contratto di finanziamento resta a carico della società o banca finanziatrice, nel caso di contratto di finanziamento con tasso di sconto a clausola variabile, il rischio dovuto ad eventuali variazioni dell'interesse é unicamente a carico del fornitore fino a due giorni prima dell'esborso. Solamente, a partire da questo momento, in corrispondenza del quale sarà fissato il tasso di sconto, il tasso applicato resterà tale per l'intero periodo dell'operazione. Nel caso di mancata presentazione dei documenti per lo sconto cioè in caso di non adempimento unilaterale del contratto da parte del venditore, questi sarà soggetto ad una penale che di norma é del 2% "flat". 80

18 Le operazioni di forfetizzazione sono conteggiate con il sistema dello sconto o deduzione anticipata cioè viene pagato il ricavo dedotto l'importo dello sconto per l'intera durata della transazione. Per definire le modalità del contratto di fornitura e giungere così alla sua firma spesso succede che il venditore si rivolga, a priori, alla banca finanziatrice per chiedergli il rilascio di un impegno fermo a scontare le cambiali. In genere, i finanziatori, proprio per permettere al fornitore di concludere l'affare col compratore ed essere certo di essersi assicurato la forfetizzazione, dispongono di concedere un'opzione per un periodo di uno o più mesi dietro pagamento di una commissione. Questa commissione é di fatto più onerosa della commissione di messa a disposizione perché viene offerta al fornitore la possibilità di rinunciare unilateralmente al contratto di finanziamento cioè il contratto diventa operante solo nel caso in cui il fornitore fa valere la sua opzione. d) i documenti necessari per la forfetizzazione. Di solito, la società di forfetizzazione chiede la conferma ad una banca del paese debitore, la banca garante, che tutte le autorizzazioni per l'importazione, il pagamento ed il trasferimento all'estero delle somme spettanti siano state ottenute e che i pagamenti alla scadenza siano effettuati senza deduzione di qualsiasi genere, di qualsiasi imposta, tassa, diritto o contributo, presente o futuro, che possa avere origine nel paese di destinazione della fornitura; oltre a ciò, alla banca garante é altresì richiesto di confermare l'autenticità delle firme del debitore sulle cambiali. Mentre le firme della banca garante sono controllate da una diversa banca, quelle del fornitore sono controllate mediante l'elenco firme. Quando un'operazione di forfetizzazione é coperta da garanzia bancaria di pagamento, essa dovrà essere emessa da una primaria banca domestica, in maniera irrevocabile, incondizionata e liberamente trasferibile. 81

19 Normalmente il compratore estero è solito ricevere dalla sua banca, alla conclusione del contratto di fornitura, una garanzia di "performance" che é condizionata all'esecuzione conforme del contratto da parte del venditore. A consegna avvenuta cioè ad adempimento del contratto da parte del venditore, succede spesso che al fine di garantire al forfetizzatore il rimborso del suo credito, l'esportatore anziché richiedere indietro dal compratore estero la garanzia di buona esecuzione del contratto, dia invece istruzioni alla stessa banca di convertirla in una garanzia irrevocabile, incondizionata e trasferibile e di rilasciarla a favore della società di forfetizzazione, in considerazione del fatto che la garanzia bancaria, quando é prevista, deve ottenere la sua validità in maniera separata ed indipendente dall'affare sottostante. Inoltre il fornitore ha l'obbligo di cedere con una dichiarazione separata tutti i diritti e le pretese verso il debitore estero, derivanti dal suo credito per la fornitura come pure ha l'obbligo di notificare al debitore ed al garante estero la cessione alla società di forfetizzazione di tutti i suoi crediti e diritti I costi di un'operazione di credito fornitore. A fronte del credito concesso, il committente estero pagherà all'esportatore gli interessi dovuti durante tutto il periodo che va dal momento in cui i fondi sono stati erogati dalla banca finanziatrice fino al momento della loro restituzione cioè i cosiddetti " interessi attivi". Questo periodo si compone di un periodo di pre-ammortamento del debito (o periodo di grazia) e di un periodo di rimborso del credito. Il periodo di grazia corrisponde, di norma, al periodo di erogazione del denaro o a quello di completamento della fornitura o di costruzione dell impianto. In genere gli interessi di pre-ammortamento sono calcolati per semestri, e in via posticipata, sull'ammontare di ciascuna erogazione, per il periodo che va dalla data di effettiva 82

20 erogazione dei fondi da parte della banca finanziatrice fino alla data di partenza del credito, al tasso di interesse Cirr, in vigore alla firma del contratto di fornitura, sulla base del numero esatto di giorni diviso per un anno di 360 giorni. Il tasso Cirr é il tasso di interesse stabilito in ambito Ocse dall intesa Consensus e, dunque beneficia di agevolazione creditizia governativa. E' determinato con cadenza mensile, e una volta applicato, resta fisso per tutto il periodo di rimborso. Gli interessi di ammortamento del debito sono invece calcolati con le stesse modalità di cui sopra, per il periodo che va dalla data di partenza del credito fino alla data di scadenza del periodo di rimborso, sul debito residuo cioè sulla quota capitale del prestito che resta ancora da pagare, sulla base del numero esatto di giorni diviso per un anno di 360 giorni. Entrambi gli interessi dovranno essere pagati dal debitore nella valuta contrattuale. A fronte dell'operazione di sconto, l esportatore pagherà, a sua volta, alla banca finanziatrice o al "forfaiter" gli interessi per avvenuta anticipazione dei fondi i quali, in un ipotetico conto economico dell'esportatore, sono considerati come "interessi passivi". Generalmente essi sono calcolati per semestri, e in via anticipata, sull'ammontare di ciascuna anticipazione per il periodo che va dalla data di effettiva anticipazione dei fondi fino alla data di rimborso del corrispondente importo, sulla base del numero esatto di giorni diviso per un anno di 360 giorni, al tasso d'interesse di mercato praticato dalla banca finanziatrice. Nella realtà l'esportatore é addebitato soltanto della quota di interessi che non sarà né rimborsata dal cliente né tantomeno rimborsata dal Governo come sussidio agli interessi. Ciò succede quando lo schema di "security package" che è stato contemplato per l'operazione di sconto non é sufficiente a garantire alla banca finanziatrice l'assoluta certezza di essere rimborsata per cui l'intervento bancario ha ragione di costare più di quanto il Governo Italiano abbia deciso di riconoscere come congruo. 83

21 Come può succedere che il Governo riconosca esattamente la differenza che esiste tra il tasso debitore, pagato dal cliente estero, ed il costo della provvista bancaria dei fondi, per cui l'esportatore non si vedrà aggravato di alcun onere aggiuntivo in tema di interessi, perché paga tanto quanto riceve. Di norma, in un operazione di sconto, al pagamento degli interessi si accompagna quasi sempre il pagamento di altre commissioni e/o oneri, somme più direttamente legate all operazione come sconto in sé, le quali insieme agli interessi concorrono a determinare la "fee" che remunera il servizio prestato dall'istituto finanziatore. Vedremo più avanti quale é la loro natura e come si calcolano quando esamineremo dei case studies. Un'ulteriore costo per l'esportatore ha origine dal fatto di dover gestire direttamente il credito. Si é visto che il credito fornitore di fatto attribuisce al venditore la gestione del credito. Nella circostanza questi potrebbe trovarsi impreparato sia perché non possiede nella sua struttura organizzativa un servizio adeguato a svolgere questa attività - ciò é tanto vero quando si tratta di una PMI - sia perché la gestione del credito non rientra tra le sue principali attività. Malgrado ciò dovendo procedere lungo la strada intrapresa, egli dovrà provvedervi in una qualche maniera, acquisendo dall'esterno ex novo uno specialista oppure riconvertendo del suo personale ma, sia nell'uno che nell'altro caso, egli si troverà a dover affrontare dei costi aggiuntivi. Nell eventualità che l'esportatore avesse forza negoziale potrebbe anche tentare e riuscire di farsi riconoscere dal committente estero una commissione di agenzia ("agent fee") per il lavoro svolto e da svolgere cioè una sorta di compenso che riconosca lo sforzo fatto per aver finalizzato positivamente il finanziamento! 84

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO ------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO Gli Stati firmatari della presente convenzione, coscienti della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

Distinti saluti Il responsabile

Distinti saluti Il responsabile ENTI PUBBLICI Roma, 15/05/2013 Spett.le COMUNE DI MONTAGNAREALE Posizione 000000000000001686 Rif. 2166 del 30/04/2013 Oggetto: Anticipazione di liquidità, ai sensi dell'art. 1, comma 13 del D. L. 8 aprile

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

di Antonio Di Meo Estero >> Commercio internazionale

di Antonio Di Meo Estero >> Commercio internazionale TERMINI TECNICI PER DEFINIRE LA CONDIZIONE DI PAGAMENTO di Antonio Di Meo Estero >> Commercio internazionale Una delle più grosse problematiche che gli operatori devono affrontare nelle vendite all estero

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO BANCA DEGLI ERNICI di Credito Cooperativo SCpA VIA ROMANA SELVA, SNC - 03039 - SORA (FR) Tel. : 07768520 - Fax: 0776852030 Email:info@bancadegliernici.it

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Fideiussione Corporate (la "Garanzia")

Fideiussione Corporate (la Garanzia) Fideiussione Corporate (la "Garanzia") OGGETTO: A ciascun detentore di obbligazioni convertibili in azioni della società Sacom S.p.A. denominati "Sacom 2013 2018 Obbligazioni Convertibili" (ciascun Obbligazionista,

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

tra Artigiancassa S.p.A

tra Artigiancassa S.p.A Contratto "tipo" di finanziamento di quota di capitale di rischio di impresa italiana in impresa mista in paese in via di sviluppo, ai sensi dell'articolo 7 della legge 26.2.1987, n. 49 INDICE tra Artigiancassa

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

AFFIDAMENTI PER ANTICIPI SU FATTURE E CONTRATTI

AFFIDAMENTI PER ANTICIPI SU FATTURE E CONTRATTI DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI - (Titolo VI Testo Unico Bancario - D. Lgs. 385/1993) FOGLIO INFORMATIVO Il presente Foglio

Dettagli

Re: Cessione di crediti pubblici assistiti da garanzia dello Stato

Re: Cessione di crediti pubblici assistiti da garanzia dello Stato ORRICK, HERRINGTON & SUTCLIFFE CORSO MATTEOTTI, 10 20121 MILANO, ITALIA TEL +39 02 45 41 3800 FAX +39 02 45 41 3801 PIAZZA DELLA CROCE ROSSA, 2 00161 ROMA, ITALIA TEL +39 06 45 21 3900 FAX +39 06 68 19

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI PESCIA-CREDITO COOPERATIVO SOC.COOP. Via Alberghi n. 26-51012 - PESCIA (PT) Tel. : 0572-45941 - Fax: 0572-451621 Email:

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete CG di BKW I per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

CREDITO AI CONSUMATORI

CREDITO AI CONSUMATORI CREDITO AI CONSUMATORI DOMANDE E RISPOSTE con la collaborazione scientifica di 1 L utente di queste FAQ è inteso essere il consumatore medio, con una competenza finanziaria ridotta (molto spesso aggravata

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo Agrobresciano Soc. Coop. Piazza Roma, 17-25016 - GHEDI (BS) Tel. : 03090441 - Fax: 0309058501 Email:

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

OPERATIVITA' ESTERO E ORDINARI IN DIVISA

OPERATIVITA' ESTERO E ORDINARI IN DIVISA Foglio N. 6.07.0 informativo Codice Prodotto Redatto in ottemperanza al D.Lgs. 385 del 1 settembre 1993 Testo Unico delle leggi in materia bancarie creditizia (e successive modifiche ed integrazioni) e

Dettagli

Allianz S.p.A. Divisione Allianz Subalpina Società appartenente al gruppo Allianz SE A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI GLOBAL FUTURO PIU

Allianz S.p.A. Divisione Allianz Subalpina Società appartenente al gruppo Allianz SE A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI GLOBAL FUTURO PIU Allianz S.p.A. Divisione Allianz Subalpina Società appartenente al gruppo Allianz SE CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI GLOBAL FUTURO PIU IL PRESENTE FASCICOLO

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria)

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via

Dettagli

Tavola VI NORME UNIFORMI RELATIVE AGLI INCASSI. Articolo 1 - Ambito di applicazione delle norme

Tavola VI NORME UNIFORMI RELATIVE AGLI INCASSI. Articolo 1 - Ambito di applicazione delle norme Tavola VI NORME UNIFORMI RELATIVE AGLI INCASSI A. DISPOSIZIONI GENERALI E DEFINIZIONI Articolo 1 - Ambito di applicazione delle norme a) Le norme uniformi relative agli incassi, revisione 1995, pubbl.

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Con la presente scrittura tra

Con la presente scrittura tra Accordo per assicurare la liquidità alle imprese creditrici dei Comuni e delle Province della Regione Emilia-Romagna attraverso la cessione pro-soluto dei crediti a favore di banche od intermediari finanziari

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

I PAGAMENTI INTERNAZIONALI IN UN OTTICA LEGALE E CONTRATTUALE

I PAGAMENTI INTERNAZIONALI IN UN OTTICA LEGALE E CONTRATTUALE I PAGAMENTI INTERNAZIONALI IN UN OTTICA LEGALE E CONTRATTUALE Una delle maggiori difficoltà che devono affrontare gli imprenditori che operano con l estero è l individuazione delle condizioni di pagamento

Dettagli

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Il presente modulo, sottoscritto e corredato della documentazione necessaria, può essere: consegnato in un qualunque Ufficio Postale

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Ordini di pagamento a favore di terzi Italia (Bonifici Assegni di traenza Assegni circolari)

Ordini di pagamento a favore di terzi Italia (Bonifici Assegni di traenza Assegni circolari) FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Informazioni sulla Banca Ordini di

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO Gli Stati contraenti della presente convenzione, desiderosi di promuovere gli scambi e gli investimenti internazionali attraverso una migliore cooperazione

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli