Informatica di base per le seconde classi. Modulo 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Informatica di base per le seconde classi. Modulo 1"

Transcript

1 Informatica di base per le seconde classi Modulo 1 COS È UN COMPUTER? La prima risposta che possiamo dare è che un computer è uno strumento per elaborare informazione. Il computer lavora dunque partendo da informazione in ingresso (l input del processo di elaborazione), la elabora in base a una serie di regole (un programma), e restituisce informazione in uscita (l output del processo). La quasi totalità computer oggi utilizzati è digitale, lavora cioè con informazione convertita in numeri', ovvero informazione in formato digitale. Prima di approfondire questo aspetto prima cioè di vedere in che modo l informazione viene acquisita, elaborata e restituita da un computer esaminiamo però le componenti fisiche di un computer, il cosiddetto hardware. Dentro il CASE (o cabinet) La prima componente che incontriamo guardando un computer è la sua scatola esterna, detta anche cabinet. In effetti, il paragone con una scatola non è affatto sbagliato: si tratta appunto di un contenitore, al cui interno si trovano le componenti fondamentali del computer. Il cabinet di un computer è studiato e prodotto secondo degli standard i quali consentono l installazione delle componenti interne con metodi universali. Una delle caratteristiche principali è l accessibilità per aggiungere o sostituire delle componenti. La maggior parte dei cabinet si apre svitando poche viti; alcuni sfruttano addirittura un semplice sistema a incastro, e per aprirli non serve svitare nulla. Sono solitamente provvisti di vani appositi, anche essi standard. Per esempio, i lettori ottici hanno una dimensione di 5 ¼, i floppy drive da 3" ½ così come gli hard disk. E provvisto di un alimentatore di switching con una potenza compresa tra i 300W e i 500W. La scheda madre e la CPU All interno del cabinet, la prima componente che dovrebbe attirare la nostra attenzione è una vasta scheda piena di componenti elettroniche. Si tratta della cosiddetta scheda madre, la scheda che raccoglie in maniera efficiente e compatta la maggior parte delle componenti fondamentali di ogni computer: il microprocessore (CPU), che costituisce il vero cervello del computer, e poi la memoria, le porte di comunicazione, e così via. Per capire come è fatta una scheda madre, possiamo aiutarci con le figure seguenti (che rappresentano una tipica scheda madre del 1999) Figura 1 - una scheda madre Rev. 1.1 ott 2009 Pag 1 di 27

2 Figura 2 - la struttura interna di una scheda madre La prima e più importante componente della scheda madre è il microprocessore, ovvero la cosiddetta CPU (Central Processing Unit). Per essere esatti, microprocessore e CPU non sono proprio la stessa cosa: parliamo di microprocessore quando ci riferiamo all oggetto fisico che si trova nel nostro computer (e ormai anche in moltissimi altri dispositivi, dalle automobili ai televisori, dalle macchine fotografiche agli impianti HI- FI ), mentre quello di CPU, ovvero di unità di elaborazione centrale, è soprattutto un concetto logico-funzionale. Concretamente, comunque, la CPU è per così dire incarnata dentro un microprocessore (magari insieme ad alcune componenti aggiuntive), e nella maggior parte dei contesti i due termini possono essere usati in maniera quasi intercambiabile. Ma cosa fa la CPU? La CPU corrisponde un po alla fabbrica che lavora sulle informazioni, o meglio, alla catena di montaggio di questa fabbrica. Essa infatti lavora per lo più trasferendo (copiando) informazioni in formato digitale dalla memoria del computer a dei piccoli scaffali di lavoro disponibili al suo interno, i cosiddetti registri; leggendo quindi i valori che trova nei registri, modificandoli se necessario in base alle regole previste dal programma che sta eseguendo, e quindi trasferendo nuovamente nella memoria i valori eventualmente modificati. Fra i registri dei quali dispone la CPU, ve ne saranno alcuni destinati a contenere i dati sui quali il processore sta lavorando, altri che conterranno - sempre in forma codificata - le istruzioni che il processore deve eseguire, mentre un registro contatore si occuperà di controllare l ordine con il quale vengono eseguite le istruzioni del programma, tenendo nota di quale istruzione il processore sta eseguendo in quel determinato momento. Molte istruzioni di programma richiedono l intervento di una componente particolarmente importante della CPU, l Unità Aritmetico-Logica o ALU: come dice il suo nome, la ALU compie le principali operazioni aritmetiche e logiche (ad esempio, somma numeri binari, confronta due valori, o controlla se alcune condizioni previste dal programma siano o no soddisfatte). Abbiamo accennato alla necessità di disporre di registri per i dati, e di registri per le istruzioni e per il contatore (questi ultimi faranno parte della cosiddetta unità di controllo, il sottosistema della CPU che deve identificare e controllare l esecuzione di un istruzione). Abbiamo parlato anche della unità aritmetico-logica, la ALU. Resta da ricordare che i bit che vanno avanti e indietro dai registri e sui quali lavorano l unità di controllo e la ALU hanno naturalmente bisogno di canali attraverso cui viaggiare: si tratta dei cosiddetti Rev. 1.1 ott 2009 Pag 2 di 27

3 bus; l architettura di un computer dovrà naturalmente prevedere diversi tipi di bus per lo scambio di dati: alcuni interni alla CPU, altri fra la CPU e le altre componenti del computer. I bus di dati sono strade di comunicazione assai trafficate, e l efficienza e la velocità di un computer dipenderanno anche dalla loro portata : un numero maggiore di corsie permetterà di far viaggiare contemporaneamente più bit, e migliorerà la velocità del sistema. Quanto abbiamo detto finora non basta certo a dare una rappresentazione completa e rigorosa del lavoro interno alla CPU, ma speriamo possa fornirne almeno un idea: nel cuore del nostro computer lavora un attivissima fabbrica impegnata nella continua elaborazione di dati in formato binario (rappresentati cioè da lunghe catene di 0 e 1 ); attraverso le vie di comunicazione costituite dai bus, la materia prima arriva dall esterno sotto forma di dati binari in entrata; viene poi lavorata in accordo con le istruzioni del programma, e viene infine nuovamente spedita verso l esterno. Resta da dire che i ritmi di lavoro della fabbrica sono scanditi dall orologio della CPU (più veloce è questo orologio, più rapidamente vengono eseguiti i compiti richiesti), e che le capacità di elaborazione della fabbrica dipendono direttamente dall insieme di istruzioni che il processore può riconoscere ed eseguire: ogni programma costruito per essere eseguito da un particolare processore deve essere basato su comandi tratti dal relativo set di istruzioni. Figura 3 - Una CPU, inserita all'interno dello slot verticale che la ospita nella scheda madre. Anche chi non utilizza normalmente un computer sa probabilmente che per identificare le caratteristiche di questa o di quella macchina si utilizzano spesso e volentieri sigle: Pentium III 800, Celeron 600, PowerPC G3. Ebbene, non di rado le sigle che trovate associate ai diversi computer indicano, oltre al nome del processore, la sua frequenza di clock, ovvero la sua velocità, espressa in megahertz. Il processore al momento più diffuso è il Pentium della Intel. Nel corso del tempo, la frequenza di clock dei processori è andata continuamente aumentando: pensate che i processori dei primi personal computer IBM avevano una frequenza di clock di poco superiore a 4 megahertz, mentre oggi non è infrequente trovare processori con frequenza di clock superiore a 3 Gigahertz. L aumento delle frequenza è ormai prossimo alla fine determinato dall impossibilità di ridurre ulteriormente le dimensioni dei transistor e quindi si sta procedendo verso l uso in parallelo di più processori. Da questa nuova filosofia nascono i processori definiti DUO, i quali implementano al loro interno 2 unità elaborative, in un futuro prossimo si salirà a 4. Naturalmente, il fatto che la CPU lavori così velocemente porta anche dei problemi: ad esempio, le CPU di oggi, lavorando a una frequenza molto alta ( molto velocemente ), sviluppano anche molto calore. Ed ecco che diventa essenziale raffreddare le CPU; un sistema spesso usato è quello della sovrapposizione alla CPU stessa di una piccola ventola a motore. Altrimenti? Altrimenti, surriscaldata, la CPU potrebbe lavorare male, o guastarsi del tutto. Oggi tutte le CPU implementano una protezione dal surriscaldamento la quale riduce la frequenza di clock o nei casi peggiori spegne il PC salvaguardando così l integrità. Rev. 1.1 ott 2009 Pag 3 di 27

4 Abbiamo parlato della frequenza di clock come di uno degli indici della velocità di un processore. Ma ricordiamo che la potenza effettiva di un processore non dipende solo dalla sua frequenza di clock. Dipende anche dal numero e dal tipo di istruzioni che il processore è in grado di eseguire. La CPU è la più importante fra le componenti che troviamo sulla scheda madre. Ma dove si trova la CPU? Nella scheda madre rappresentata dalla Figura 2, essa viene inserita nella fessura (slot) situata in alto a destra e marcata come slot one. In altre piastre madri, la CPU può essere invece inserita in un apposito alloggiamento (socket) orizzontale, in genere di forma quadrata. Alcune schede madri permettono di alloggiare due CPU, che si divideranno il lavoro migliorando le prestazioni del computer. Il fatto che la CPU non sia saldata alla scheda madre, ma inserita in un apposito slot permette all occorrenza di sostituirla, magari con un modello più recente (che in questo caso dovrà però essere progettato in modo da adattarsi allo slot già esistente). Gli zoccoli adottati dai produttori nell ultimo decennio sono: Intel: lo Slot 1 per i Pentium II e Pentium III, il Socket 370 per i Celeron, il Socket 370 FC-PGA per i Pentium III, il Socket 478 per i Pentium4 1 generazione, il Socket 775 per i Pentium4 2 generazione AMD: lo Slot A per gli AMD Athlon, e successivamente il Socket 754, il 939, il 940 e infine il Socket AM2 BIOS La sigla BIOS sta per Basic Input/Output System e costituisce il livello più basso di software funzionante su un PC. Il BIOS è un insieme d'istruzioni di configurazione contenuto in un piccolo integrato posto sulla scheda madre, che il PC interpreta ed aziona per verificare il corretto funzionamento e la configurazione dell'hardware di base. Il bios svolge alcune funzioni di basso livello, primarie ma fondamentali per una corretta attività della macchina. Esso contiene tutte le istruzioni necessarie affinché la CPU possa comunicare con la tastiera, con il mouse, il monitor, il disco fisso e i dispositivi di comunicazione. All'avvio del computer, il BIOS si occupa di caricare, da uno dei dischi, il sistema operativo e svolge funzioni di configurazione e controllo delle varie componenti, fino a portare il PC nelle condizioni di essere pienamente operativo. Tale processo prende il nome di POST (Power On Self-Test). Poiché il BIOS è di fatto un programma, normalmente memorizzato su una ROM riscrivibile (EEPROM) di tipo Flash, è possibile aggiornarlo ("flashare il BIOS") tramite appositi programmi reperibili sul sito Web del produttore della scheda madre. CMOS Il CMOS è un piccolo chip di memoria che registra alcuni dati essenziali della configurazione del PC. Infatti il BIOS, per eseguire le sue funzioni, ha bisogno di conoscere le caratteristiche dell'hardware presente nel computer: tali parametri sono permanentemente salvati in una memoria chiamata CMOS RAM. Una piccola batteria permette di non perdere le informazioni anche a computer spento. I moderni chip CMOS hanno una memoria di 2MB. APPROFONDIMENTO BIOS/CMOS Codici di errore del BIOS (Beep Code) Durante la fase di POST il BIOS chiama tutte le periferiche conosciute o in esso configurate e in caso di risposta positiva emette, generlmente un singolo beep Rev. 1.1 ott 2009 Pag 4 di 27

5 e quindi esegue le istruzioni nel MBR (Master Boot Record) del primo disco rigido (HD0 master). In caso di errori, cioè in caso di periferiche che non rispondono o restituiscono un codice di errore a loro volta, il BIOS emette una sequenza di beep codificata secondo certi standard. Qualora l errore trovato non è critico prosegue con l avvio del pc, altrimenti si arresta mostrando alle volte un codice numerico, o un messaggio di testo. In caso di errore critico che interessa CPU, RAM o scheda Video dopo l emissione del beep code il pc si blocca e non emette alcun segnale video. Beep Code più diffusi (BIOS AWARD) 1 beep corto Nessun errore 1 beep lungo, 2 beep corti Scheda Video guasta 1 beep lungo, 3 beep corti Scheda video con RAM guasta 1 beep lungo continuo RAM guasta 1 beep corto alta frequenza Surriscaldamento CPU CMOS Aggiornamento del BIOS ChipSet Aggiornare il BIOS è un operazione che comporta dei rischi. Infatti, a meno che la vostra scheda madre non disponga di misure di prevenzione particolari, la mancanza di corrente elettrica durante l'operazione di aggiornamento porterebbe al danneggiamento dei dati all interno del BIOS cosa che comporterebbe quindi la necessità di una sua sostituzione. In questi casi il costo di una sostituzione o riprogrammazione presso ditte specializzate ha, spesso, un costo superiore all acquisto di una nuova scheda madre. La domanda che sorge comunque spontanea è: perché aggiornare il BIOS? I motivi sono semplici: per migliorare o aggiungere il supporto a determinate periferiche o dispositivi, per ovviare a delle mancanze di stabilità del sistema, per aggiungere delle nuove opzioni, e soprattutto a riconoscere i nuovi processori e quindi supportarne la piena funzionalità. Alcuni produttori di schede madri, hanno sviluppato dei software che permettono di aggiornare il BIOS direttamente da ambiente Windows semplicemente selezionando il file del nuovo BIOS tramite un' interfaccia grafica. Altri ancora hanno integrato l'utility direttamente sulla scheda madre di modo che, all'avvio, potete accedervi semplicemente premendo una data combinazione di tasti. È composto da uno o più circuiti integrati ("chip") che hanno il compito di mettere in comunicazione i componenti presenti sulla scheda madre e di coordinarne le attività. In sostanza, il chipset del sistema è un gruppo di circuiti integrati, ciascuno dei quali è costruito per assolvere una data funzione e che un tempo risiedevano su chip separati tra loro. Il chipset, invece, consente un risparmio di spazio e il contenimento dei costi.. Le funzioni svolte da tali chip set vengono solitamente ripartite in due dispositivi. Uno fornisce l interfaccia che collega la CPU alla memoria, mentre l altro fornisce i controlli per i connettori IDE, ISA, PCI e USB (vedi sotto). Rev. 1.1 ott 2009 Pag 5 di 27

6 BUS Canale di comunicazione che permette lo scambio dei dati tra due o più componenti del computer, come memoria, processore, schede video, audio e di rete, periferiche esterne. È costituito da un insieme di linee elettriche, che trasportano i dati, e da un controller, che ha il compito di temporizzare l'invio dei segnali elettrici. L'ampiezza di un bus indica il numero di bit che il canale di comunicazione può trasportare contemporaneamente. Un bus composto da una sola linea elettrica capace di trasportare un unico bit alla volta, è detto seriale, mentre un bus con più linee elettriche (che trasportano tanti bit quante sono le linee attive) è detto parallelo. La frequenza indica invece il numero di volte in un secondo in cui i dati possono essere inviati. Un bus a 8 bit e 10 MHz, per esempio, può trasportare 8 bit alla volta per 10 milioni di volte al secondo, per una banda passante di circa 10 MB/sec APPROFONDIMENTO BUS Connettori primari Sono i connettori per : Alimentazione È un connettore a 20 pin che accetta la spina dall alimentatore. Questa spina porta corrente elettrica continua (AD) a tutti i circuiti presenti sulla scheda madre. Tastiera È il piccolo connettore a 6 pin di forma circolare che si trova nel retro della scheda madre e serve per collegare il cavo della tastiera. Mouse - È il piccolo connettore a 6 pin di forma circolare (PS/2) che si trova accanto al connettore per la tastiera e serve a collegare il cavo del mouse. Display Questo connettore non è integrato nella scheda madre, ma lo abbiano inserito in questo elenco perché la sua funzione è indispensabile. È un connettore a 15-pin, a forma di D che si trova sulla scheda video e che si inserisce nel connettore AGP della scheda madre. IDE È l acronimo di Integrated Drive Electronics. Si tratta di connettori a 40 pin che forniscono il luogo per collegare i cavi a forma di nastro (BUS) derivanti dai dischi (fisso e CD/DVD). Tutti i dati che vanno dalla scheda madre e i dischi viaggiano attraverso questi cavi. Non è possibile accedere ad essi a meno che non si apra il case del PC. Il nome della specifica che definisce l'interfaccia IDE si chiama ATA. I due termini sono in realtà usati come sinonimi. ATA-2 (o Fast ATA) supporta dischi di alcuni GB, una velocità fino a 11 MB/s e aggiunge il trasferimento DMA (un canale di comunicazione diretto fra la periferica e la memoria centrale) e il Plug and Play. La sua implementazione è l'interfaccia EIDE. ATA-3 è un ulteriore miglioramento (fino a 8,4 GB e 22 MB/sec), che aggiunge anche le funzioni "Smart" per il controllo dello stato del disco. Le versioni attualmente più avanzate sono Ultra ATA (anche detta Ultra DMA 5), che arriva a 100 MB/s, e Ultra ATA/133 (o Ultra DMA 6), che arriva a 133 MB/s. EIDE - Acronimo di Enhanced IDE (IDE potenziata). Versione migliorata dell'interfaccia IDE per la connessione dei dischi fissi, è l'implementazione delle specifiche ATA-2 e delle versioni potenziate. Il controller EIDE permette la connessione di quattro periferiche e la sua velocità di trasferimento raggiunge, nelle implementazioni più recenti, i 133 MByte al Rev. 1.1 ott 2009 Pag 6 di 27

7 secondo. SATA - Il Serial ATA (SATA) è una interfaccia per computer generalmente utilizzata per connettere un hard disk nell'ambito di un computer. È l'evoluzione dell'ata (più conosciuto come IDE). I vantaggi principali sono tre: la velocità, la gestione dei cavi e la funzione di hot swap. L'interfaccia ATA è stata rinominata a Parallel ATA (PATA), per evitare confusione. La prima versione del Serial ATA supporta una velocità di trasmissione dei dati pari a 1.5 Gigabit al secondo. Sono tuttavia già presenti controller SATA di seconda generazione (detti SATA/300 o SATA 2) in grado di trasferire 3Gbit/Sec e si prevede una terza generazione di controller da 6 Gigabit al secondo per il Connettore FDD Ha una funzione simile a quella del connettore IDE. È un connettore BUS a 34 pin che trasporta i dati dalla scheda madre a ciascun lettore di floppy installato nel PC. Non vi si può accedere a meno di non aprire il case del PC. Connettore DRAM I connettori Dynamic Random Access Memory sono connettori per i moduli di memoria di tipo SIMM e DIMM. Non è accessibile a meno di non aprire il case del PC. Connettori seriali o o Connettore Seriale Standard Originariamente era messo su schede del tipo espansione ISA. Oggigiorno, invece, è parte integrante delle schede madri più moderne. Si tratta di un connettore a 9- pin, a forma di D e serve a collegare al PC qualsiasi dispositivo con porte seriali. È in grado di sopportare una velocità massima di 115 KB/s. USB - Universal Serial Bus Si tratta di un bus seriale relativamente nuovo. Originariamente sopportava basse velocità (1.2 Mb/s), ma fu migliorato fino a sostenere 12Mb/s. L ultima sua versione, la 2.0, riesce a sopportare velocità fino a 400 MB/s. I connettori USB sostituiranno completamente i connettori seriali standard e gia oggi esso è un connettore standard di tutte le nuove schede madri. Diversamente dalle porte seriali e parallele, la porta USB è progettata per fornire alimentazione ai dispositivi che ad essa sono collegati. Ogni porta deve garantire una erogazione di 0,5 A. Connettori paralleli o o Centronix o Connettore Parallelo Standard - Questo connettore esiste fin dalla prima comparsa del PC. Possiede 37-pins e ora viene integrato nella scheda madre. Serve solitamente a collegare la stampante al PC e trasporta dati a una velocità di circa 1MB/s. SCSI È l acronimo di Small Computer System Interface e trasporta dati fino ad una velocità massima di 80Mb/s. Solitamente non è integrato nella scheda madre del PC, ma può essere aggiunto al PC come connettore per scheda di espansione. Alcune stampanti e dischi fissi utilizzano l interfaccia SCSI. Connettori per schede di espansione La CPU collega i connettori delle schede di espansione mediante i singoli circuiti Rev. 1.1 ott 2009 Pag 7 di 27

8 integrati (IC) del chipset descritto in precedenza. Essi si trovano sulla scheda madre sul retro del PC. Questi connettori consentono alle schede di espansione adibite a particolari funzioni di essere inserite nel PC e operare in esso. Prima che i connettori seriali e centronix venissero integrati nelle schede madri, tali connettori si trovavano sulle schede si espansione che, a loro volta, venivano inserite negli slot ISA. Attualmente esistono almeno tre diversi tipi di connettori per schede di espansione: o o o o o ISA Acronimo di Industry Standard Architecture è un connettore che risale al 1980 e fece la prima volta la sua comparsa nel PC IBM XT. È un connettore ormai datato e in disuso e non più in produzione nei nuovi PC. Tuttavia lo si può ancora trovare su alcune nuove schede madri cosi che vecchie schede di espansione possano ancora essere utilizzate. (Il connettore è sempre di colore nero). La frequenza di tale bus è di 8/10MHz con 16bit. Tale standard è di fatto ABBANDONATO dal PCI È l acronimo di Peripheral Component Interconnect. Si tratta del connettore più comune, più recente e più veloce. Può accettare una varietà di diverse periferiche come schede video, schede audio, modem, schede SCSI, schede addizionali purché abbiamo interfaccia PCI. (Il connettore è sempre di colore bianco). La frequenza di tale bus è di 33MHz con 32bit. AGP - Accelerated Graphics Port è il connettore riservato alle schede video di più nuova concezione (nelle versioni 2x e 4x). Il monitor del PC viene collegato attraverso questo connettore cosi da poter essere controllato da tali schede video. (Il connettore è sempre di colore marrone). La frequenza di tale bus è di 66MHz con 32bit. PCI-X - Il PCI X è un'interfaccia sviluppata per collegare al computer le più svariate periferiche. Il progetto del PCI X (1999)è nato dalla necessità di sviluppare un successore del bus PCI che sopperendo alle sue mancanze permettesse, nel contempo, di conservare il patrimonio di lavoro e di conoscenze sviluppato su di esso. (Il connettore è sempre di colore marrone ma ben più lungo di quello dell AGP). La frequenza di tale bus è di 66MHz con 64bit nella versione PCI-X66. PCI-E - PCI Express, ufficialmente abbreviato in PCI-E o PCIe è un interfaccia di espansione introdotto dalla Intel nel Progettata per sostituire il PCI ormai obsoleto, l AGP delle schede grafiche e il recente PCI-X che non si è affermato come sostituto del PCI. Ha prestazioni notevolmente superiori al vetusto PCI e nelle versioni 2.0 raddoppia la banda passante. Rev. 1.1 ott 2009 Pag 8 di 27

9 La memoria RAM Un altra componente fondamentale della scheda madre sulla quale vale la pena di soffermarsi è la memoria. La CPU ha bisogno di memoria esterna, di molta memoria esterna sulla quale conservare i dati di lavoro, le istruzioni dei programmi che sta eseguendo, e così via. La memoria utilizzata dalla CPU può essere di vari tipi: memoria a portata di mano, disponibile sulla scheda madre, e alla quale è dunque possibile accedere, in lettura e scrittura, in maniera molto veloce, e memoria esterna alla scheda madre, sotto forma di dispositivi di memoria di massa come i floppy disk, i dischi rigidi, i CD-ROM, i DVD ecc. Ci soffermeremo più avanti sulla memoria esterna ; per ora concentriamoci su quella direttamente innestata nella scheda madre. A sua volta, essa può essere di vari tipi; il deposito più capiente è quello rappresentato dalla cosiddetta RAM (Random Access Memory), dove mentre usiamo il computer viene conservata, momento per momento, la gran parte dei dati sui quali stiamo lavorando e delle istruzioni relative ai programmi che stiamo usando. Se ad esempio stiamo utilizzando un programma di videoscrittura, la RAM conterrà il testo che stiamo scrivendo (o una larga parte di esso) e i moduli fondamentali del programma che stiamo usando per scriverlo. La RAM è una memoria volatile: i dati vengono conservati sotto forma di potenziali elettrici, e se spegniamo la spina (o se va via la corrente) vanno persi. Nello schema della Figura 2, la RAM viene inserita negli alloggiamenti (sockets) in basso a destra, subito sopra i connettori per disco rigido e lettore di floppy disk. E necessario però che sulla scheda madre sia presente, a disposizione della CPU, anche una parte di memoria non volatile, contenente una serie di informazioni fondamentali per il funzionamento del computer. Ad esempio, le informazioni su quali siano i dispositivi presenti sulla scheda madre, e su come comunicare con essi. Queste informazioni non possono essere date dall esterno, perché senza di esse la stessa comunicazione con l esterno è impossibile. Non possono nemmeno essere volatili, perché se lo fossero scomparirebbero al momento di spegnere il computer, e alla successiva riaccensione non sapremmo più come reinserirle, dato che il computer stesso non ricorderebbe più come fare per comunicare con l esterno. Dopo alcuni anni dove sono coesistiti diversi standard di ram oggi il mercato su questi prodotti è molto più semplice. Praticamente tutti i computer prodotti sino ad oggi montano ram DDR e DDR2 già da ora però è possibile acquistare un sistema equipaggiato con memorie DDR3 che i futuro dovrebbero diventare lo standard da seguire. Rev. 1.1 ott 2009 Pag 9 di 27

10 APPROFONDIMENTO RAM Quanta ne serve? Più il computer ha ram a disposizione e meglio funzionerà, quasi sempre infatti il problema dei computer vecchi e lenti è la scarsa disponibilità di memoria ram. Con i sistemi operativi di oggi ed i programmi presenti il minimo indispensabile sono 256Mb (Win9x); tuttavia si consiglia di partire con 512Mb (Win XP) quando si costruisce un computer nuovo, a meno che non sia veramente molto economico e che non ci si aspettino prestazioni estreme. Chi invece vuole permettersi di usare molti programmi contemporaneamente, magari grafica, elaborazione video e altre attività avide di risorse potreste optare per 1024Mb (1Gb) di ram. Con S.O. come Windows Vista 1GB di RAM è la condizione minima di partenza a causa della mostruosa richiesta di risorse di questo S.O. La frequenza delle memorie DDR/DDR2 Ogni banco di ram può funzionare sino ad una frequenza massima, ovviamente più questa è alta e più il componente sarà costoso. Il valore è indicato quasi sempre con una sigla PCxxxx, ognuna di queste corrisponde ad una velocità massima, a volte viene indicato il valore doppio perché appunto essendo DDR lavora a velocià doppia. Ecco una tabella riassuntiva MHz : DDR266/PC2100, 2.1 GB/s MHz : DDR333/PC2700, 2.7 GB/s MHz : DDR400/PC3200, 3.2 GB/s MHz : DDR2-400/PC2-3200, 3.2 GB/s MHz : DDR2-533/PC2-4200, 4.2 GB/s MHz : DDR2-667/PC2-5400, 5.4 GB/s MHz : DDR2-800/PC2-6400, 6.4 GB/s MHz : DDR2-1066/PC2-8500, 8.5 GB/s Ovviamente è inutile comprare delle ram costosissime come le PC8500 visto che se venissero montate su un computer la cui scheda madre opera a 200MHz non avrebbero nessun effetto positivo. Infatti le memorie funzionano alla velocità che gli viene imposta dalla scheda madre. Rev. 1.1 ott 2009 Pag 10 di 27

11 Formati e Tecnologia delle RAM Le memorie DDR3 sono un'evoluzione delle precedenti DDR2. Ancora una volta i dati vengono trasferiti su entrambi i fronti del segnale (salita e discesa) ottenendo così una duplicazione della velocità di trasferimento che nelle DDR3 varia tra gli 800 Mbits/s e gli 1,5 GBits/s. Ecco una tabella per riconoscere la ram che monta il vostro computer. SDR, chiamata anche Dimm, disponibile in versioni da 66 a 133Mhz, ora in disuso DDR, disponibile in versioni da 133 Mhz in su è cresciuta da 200/333/400Mhz. Il trasferimento dati avviene solamente su singolo fronte. DDR2, introduce il trasferimento dei dati su entrambi i fronti raddoppiando la banda passante. Sostituiranno la DDR dal 2007 in poi. DDR3, come le DDR2 i dati vengono trasferiti su entrambi i fronti ma con maggiore frequenza operativa. SDR per portatili DDR per portatili. DDR2 per portatili. Rev. 1.1 ott 2009 Pag 11 di 27

12 Schema di funzionamento delle SDRAM DDR3 a confronto con i precedenti moduli DDR2 Memoria Standard Clock Frequenza I/O Velocità trasferimento dati Banda per canale Banda dual channel DDR2 667 PC MHz 333 MHz 667 MT/s 5,3 GB/s 10,6 GB/s DDR2 800 PC MHz 400 MHz 800 MT/s 6,4 GB/s 12,8 GB/s DDR3 800 PC MHz 400 MHz 800 MT/s 6,4 GB/s 12,8 GB/s DDR PC MHz 533 MHz 1066 MT/s 8,5 GB/s 17,0 GB/s DDR PC MHz 533 MHz 1066 MT/s 8,5 GB/s 17,0 GB/s DDR PC MHz 667 MHz 1333 MT/s 10,6 GB/s 21,2 GB/s DDR PC MHz 800 MHz 1600 MT/s 12,8 GB/s 25,6 GB/s Rev. 1.1 ott 2009 Pag 12 di 27

13 CL2, CL2.5 o CL3? Ogni tanto a fianco del nome si trova una scritta simile a CL2, CL2.5 oppure CL3. Questo dato indicata quale è il minor valore di Cas Latency impostabile senza che presentino malfunzionamenti. Più questo numero è basso e più la memoria avrà prestazioni alte velocizzando il computer. In ogni caso questo parametro non influisce molto sul funzionamento del computer per cui potete rimanere tranquilli anche acquistando comuni banchi CL3 senza dover cercare modelli più costosi. Rev. 1.1 ott 2009 Pag 13 di 27

14 Misurare la memoria Abbiamo parlato di memoria. Ma come si misura, la memoria di un computer? L unità di misura fondamentale dell informazione è il bit, che corrisponde alla quantità di informazione convogliata dalla scelta fra due sole alternative. Con un solo bit di memoria possiamo rappresentare, ad esempio, lo stato di un singolo interruttore (acceso o spento), o un carattere di un linguaggio composto da due soli simboli. Per fare cose un po più interessanti serve molta più memoria! Il passo successivo è il byte, che corrisponde a una parola composta da otto bit. Un byte può informarci sulla scelta fra 2 8 = 256 diverse alternative. Può quindi rappresentare ad esempio un carattere scelto da un alfabeto di 256 simboli, un numero intero compreso fra 0 e 255, un colore scelto da una tavolozza di 256 colori diversi, e così via. Le tabelle più diffuse di codifica dei caratteri, come la tabella Iso Latin 1, utilizzano proprio un byte per codificare un carattere. Un carattere di testo, dunque, pesa normalmente un byte. Quanto peserà, allora, una cartella di testo? Se supponiamo che la cartella comprenda circa 2000 battute, essa peserà circa 2000 byte. Bit e byte sono unità di misura della quantità di informazione, e dato che la capacità di una memoria corrisponde appunto alla quantità di informazione che in essa può essere immagazzinata, bit e byte sono anche le unità di misura di base per esprimere la capacità di immagazzinamento (la dimensione ) di una memoria. Man mano che le dimensioni delle memorie (e della quantità di informazione che vogliamo immagazzinarvi) crescono, tuttavia, diventa scomodo continuare a parlare utilizzando solo unità di misura piccole come il bit e il byte. Ecco allora che, proprio come accade per altre familiari unità di misura, anche in questo caso si fa ricorso a nomi specifici per indicare i principali multipli delle nostre familiari unità di base. A differenza di quanto accade ad esempio nel caso della lunghezza o del peso, tuttavia, nel caso della quantità di informazione non si usa, per la costruzione di queste unità di misura di livello superiore, il sistema decimale. Abbiamo visto infatti che nel campo del digitale è la numerazione binaria, non quella decimale, a fare da padrona. Ecco allora che il Kilobyte (abbreviato come Kb) non corrisponde a 1000 byte ma a 2 10 = 1024 byte. 2 Kb di testo corrispondono dunque non a 2000, ma a 2048 caratteri (siamo comunque sempre vicini alle dimensioni di una cartella standard). Proseguendo nella scala, troviamo il Megabyte (Mb), che corrisponde a 1024 Kilobyte), e il Gigabyte (Gb), che corrisponde a 1024 Megabyte. Dispositivi di memoria di massa La memoria RAM interna al computer diventa sempre più ampia, ma come abbiamo accennato si tratta di una memoria volatile, che non è dunque in grado di conservare in maniera permanente dati e programmi. Per quest ultimo scopo, è bene disporre di depositi di memoria ancor più grandi, dato che vogliamo conservarvi tutti i programmi e tutti i dati che desideriamo avere a nostra disposizione, e non solo quelli che utilizziamo in un dato momento. A questa esigenza rispondono i cosiddetti dispositivi di memoria di massa: disco rigido, floppy disk, CD-ROM, DVD, nastri e cartucce di vario tipo. I floppy disk, ovvero i normali dischetti da computer, sono oggi in disuso sia per l esigua capienza sia per un preciso volere dei produttori i quali hanno stabilito nuovi standard per i PC eliminando questo dispositivo. I floppy disk sono dei piccoli dischi di materiale magnetico inseriti all interno di un rivestimento di plastica, che all inizio era flessibile (da qui la caratterizzazione floppy ) ma che successivamente è stato reso rigido diminuendone al contempo le dimensioni (da 5 ¼ a 3 ½). La capienza massima raggiunta dai floppy disk attuali, nella versione più diffusa, 1.44 Mb di dati. Rev. 1.1 ott 2009 Pag 14 di 27

15 Figura 7 - un floppy disk La sopravvivenza di supporti simili ai floppy disk può dunque essere legata solo alla realizzazione di dischetti molto più capienti; in effetti, hanno conosciuto una certa fortuna supporti che possono essere considerati dei discendenti evoluti dei floppy disk (pur se basati in realtà su tecnologie parzialmente diverse). Fra i più diffusi ricordiamo ad esempio le cartucce ZIP (da 100 Mb) e JAZZ (da 1 Gb) prodotte dalla Iomega, e le cartucce e i nastri prodotti dalla Sysquest. Oggi anche questi supporti sono caduti in disuso dall avvento delle memorie flash con cui si costruiscono le USB Pen Drive. Una categoria ormai diffusissima è quella rappresentata dai CD-ROM; a differenza dei floppy disk e dei nastri, l informazione è scritta e conservata su un CD-ROM sfruttando non un supporto magnetico, ma un supporto ottico: possiamo pensare a minuscole tacche incise sulla superficie del disco da un raggio laser (quello dell apparato di scrittura, o masterizzatore), tacche che vengono in seguito lette dal raggio laser del lettore. Si tratta di una procedura del tutto analoga a quella usata nel caso dei Compact Disk musicali. Una volta scritti, i normali CD-ROM sono, come suggerisce il nome, supporti di sola lettura (la sigla ROM sta per Read Only Memory). A differenza dei supporti magnetici, non possono dunque essere sovrascritti con nuovi dati. Da alcuni anni esistono tuttavia anche CD-ROM riscrivibili; Figura 8 - CD-ROM La capacità di un CD-ROM non è indifferente: circa 630 Mb di dati, equivalenti a oltre 400 dei tradizionali dischetti floppy. Eppure, se vogliamo usare il CD-ROM come supporto per informazione sonora o visiva (in particolare filmata), questa capacità è ancora poca. Ecco allora che sono nati i DVD (Digital Versatile Disk), apparentemente simili ai CD-ROM ma capaci di contenere quantità ancor maggiori di dati. Il lettore DVD è progettato per poter accedere ai dati immagazzinati otticamente in un disco DVD. Come nel caso del lettore CD, anche il lettore DVD è dotato di un laser posto all estremità di un braccio meccanico che si muove avanti e indietro appena sopra la superficie del disco DVD e accede ai dati in esso conservati ad una velocità molto elevata. Il lettore DVD riceve la corrente necessaria per operare tramite un cavo a 4-pin proveniente dall alimentatore del PC. I dati tra il lettore DVD e la scheda madre vendono trasportati attraverso in cavo IDE a 40- pin. Esistono due tipi di lettori DVD. Rev. 1.1 ott 2009 Pag 15 di 27

16 DVD-ROM (Read Only Memory) che è in grado di leggere i dischi DVD e i CD DVD-RAM (Random Access Memory) che non solo è in grado di leggere i dischi DVD e i CD, ma anche di scrivere su dischi DVD. Comunemente tali dispositivi vengono chiamati Masterizzatori DVD. Un disco DVD standard è in grado di immagazzinare fino a 4.7 GB su un lato del disco. Un disco DVD può contenere interi film cinematografici registrati in maniera digitale in formato MPEG-2. I dischi Dual Layer (DL) hanno di entrambi i lati disponibili per i dati, pertanto la capacità è così raddoppiata a discapito dell impossibilità di etichettare un lato. Il disco fisso (HARD DISK) è un componente fondamentale del computer, poichè stabilisce i tempi di accesso alle applicazioni e quindi la capacità di risposta del sistema operativo. In esso vengono "fisicamente" archiviati i dati preposti al funzionamento del sistema operativo ed i dati utente. Spesso si confonde la capienza (spazio a disposizione misurato in Gb e sottomultipli) di un disco rigido (spazio su disco) con la memoria del proprio PC. Nulla di più errato, visto che la memoria è rappresentata dalla RAM (Random Access Memory) e... d'altra cosa si tratta. Gli ultimi modelli si contraddistinguono per l'interfaccia di collegamento alla scheda madre conforme allo standard ATA 133 (su porta parallela) ed ATA 166 (su porta seriale), che supportano le modalità di trasferimento veloce denominate Ultra Dma mode 6 e Ultra Dma mode 7. Quando il bios della scheda madre del computer, i cavi di collegamento dei dischi ed il drivers (Windows XP è predisposto per i dischi serial ATA, ad esempio ma non ne possiede i drivers) sono compatibili con queste modalità, le prestazioni aumentano sensibilmente: infatti il disco trasferisce i dati con brevi "raffiche" a Mb/sec, il che impegna pochissimo il processore. I modelli attuali ad alte prestazioni raggiungono i giri al minuto, quelli standard funzionano a g/m. I dischi su standard SCSI superano abbondantemente i giri/min. La memoria cache (memoria tampone) varia tra i 2 e gli 16 Mb. La caratteristica principale degli hard disk è la capienza: una quindicina d anni fa, un hard disk da 20 Mb era considerato un lusso, oggi un hard disk sotto i 200 Gb è considerato piccolo, e i tagli da 300 o 500 Gb sono sempre più diffusi. Il disco fisso (HDD) viene inserito in uno degli scomparti da 3,5 pollici disponibili nel PC e viene fissato mediante delle viti apposite. Viene alimentato da un cavo a 4 conduttori proveniente dall alimentatore (PATA Parallel ATA). I dati da e verso la scheda madre vengono trasportati mediante un cavo IDE a 40-pin (dischi PATA). I dati vengono immagazzinati magneticamente su più dischi fissi disposti a pila uno sull altro. Piccoli bracci con testine magnetiche si muovono rapidamente avanti e Rev. 1.1 ott 2009 Pag 16 di 27

17 indietro su entrambe le superfici di ciascun disco. I sensori si trovano a pochi micron sopra le superficie del disco rotante e sono in grado di leggere e scrivere dati a velocità molto elevate. La maggior parte dei dischi fissi comunemente in commercio ruotano a 5400 o a 7200 RPM (rivoluzioni per minuto) che si traduce in 90 o 120 rivoluzioni al secondo, rispettivamente. La velocità di trasferimento dei dati dal disco alla scheda madre è di 33 MB/sec e avviene in pacchetti di dati. Dischi fissi più moderni sono in grado di trasferire dati a velocità anche più elevate, fino a 133 MB/sec. Per utilizzare un disco fisso cosi veloce, però, il PC deve essere dotato di una interfaccia ATA/133 (vedi IDE) in grado di sostenere una tale velocità. Advanced Technology Attachment o, come comunemente abbreviato, ATA, consiste in un'interfaccia standard per la connessione di dispositivi di memorizzazione quali hard disk e unità CD-ROM all'interno dei personal computer. Sono molti i termini utilizzati per designare tale standard, comprese abbreviazioni e acronimi quali IDE, EIDE, ATAPI, UDMA ed il più recente PATA per differenziarsi dallo standard SATA. Gli standard ATA permettono collegamenti con lunghezze di cavo comprese tra 45 e 90 cm, quindi l'utilizzo prevalente per tale tecnologia è per le memorie di massa all'interno dei personal computer. Tale soluzione rappresenta nelle implementazioni dei personal computer esistenti fino al 2004 l'interfaccia più comune e la meno costosa per tale applicazione. Il Serial ATA (SATA) è una interfaccia per computer generalmente utilizzata per connettere un hard disk nell'ambito di un computer. È l'evoluzione dell'ata (più conosciuto come IDE). I vantaggi principali sono tre: la velocità, la gestione dei cavi e la funzione di hot swap. L'interfaccia ATA è stata rinominata a Parallel ATA (PATA), per evitare confusione. Dal punto di vista tecnico, il più grande cambiamento è costituito dai cavi utilizzati. I dati viaggiano su un cavo flessibile con 7 contatti, le cui estremità sono larghe 8 millimetri, con i contatti disposti su due file. Rispetto ai corti (tra 45 e 90 cm) e larghi cavi da 40 o 80 contatti dell'interfaccia ATA, sono sicuramente più pratici. Essendo molto più stretti, e quindi meno ingombranti, facilitano inoltre il passaggio dell'aria all'interno del case, migliorando la ventilazione dei componenti. Il concetto di master e slave, presente con i cavi ATA, è stato abolito a favore di un singolo cavo per hard disk. I connettori hanno una sagoma asimmetrica, e non possono quindi essere inseriti in posizione errata. APPROFONDIMENTO HARD DISK Tracce e settori di un hard disk: Il processo di formattazione fisica di un disco definisce i settori che sono l'unità minima leggibile o scrivibile su disco (in pratica però per ragioni di efficienza l'unità minima è il cluster, descritto successivamente). I settori sono posti lungo le tracce e sono rappresentati da un'intestazione contenente il numero che identifica ciascun settore. Senza la presenza delle tracce e dei settori, l'hard disk non sarebbe che una pila di piatti ricoperti da uno strato magnetico, privi di ogni riferimento. Le tracce sono invisibili piste concentriche (non a spirale) dove la testina dell'hard disk (vd. immagine a lato) si posiziona per le operazioni di lettura e di scrittura nei settori. Per esempio la superficie di un piatto può avere 2000 tracce, e su ogni traccia possono essere definiti 32 o più settori. Rev. 1.1 ott 2009 Pag 17 di 27

18 Per velocizzare il trasferimento dei dati tra memoria RAM e memoria di massa si raggruppano i settori in blocchi. Un blocco quindi può fare da riferimento per molti settori. Se si utilizzano più hard disk, per accedere alle informazioni presenti su un blocco, il file system deve conoscere a quale drive appartiene, a quale superficie, a quale traccia e in quale settore inizia quel blocco. Il cluster è un raggruppamento dei settori fisici (a volte anche di blocchi). Questo tipo di raggruppamento è logico, ossia definito dal file system e non a basso livello dall'hard disk. Il vantaggio per il file system di effettuare le operazione di scrittura e lettura su queste unità è quello di ridurre il numero di puntatori ai blocchi, lo spazio di allocazione dei blocchi, il numero di posizionamenti della testina del HD e la lista dei blocchi liberi. I cluster vengono chiamati da Microsoft anche con il nome di Unità di Allocazione. (fonte Wikipedia). Rev. 1.1 ott 2009 Pag 18 di 27

19 Dispositivi di input-output Per prima cosa, può essere forse utile fare alcuni esempi. Un tipico dispositivo di input è la tastiera: alla pressione dei tasti corrisponde l invio verso l unità di elaborazione dei caratteri corrispondenti (o meglio, della codifica digitale dei caratteri corrispondenti). Anche il mouse è un dispositivo di input: attraverso appositi sensori, il computer riceve informazioni (naturalmente, in formato digitale!) sullo spostamento della pallina collocata alla base del mouse stesso, e le interpreta come spostamenti da far eseguire al cursore sullo schermo; analogamente, il click del mouse (la pressione di uno dei suoi tasti) viene ricevuto e interpretato in accordo con le istruzioni fornite dal programma che si sta utilizzando. Figura 9 - Dispositivi di input: il mouse Altri dispositivi di input sono ad esempio uno scanner (attraverso di esso il computer riceve immagini tradotte in formato digitale; ne parleremo in dettaglio tra breve) o una scheda di acquisizione sonora. Quanto ai dispositivi di output, vengono subito in mente la stampante e lo schermo; uno schermo sensibile al tatto, o touch screen, come quelli disponibili nelle biglietterie ferroviarie, è naturalmente sia un dispositivo di input sia un dispositivo di output. Figura 10 - Dispositivi di output: la stampante Figura 11 - Dispositivi di input-output: lo schermo touch screen di un punto informativo Vi è poi una classe di dispositivi un po particolare, quella rappresentata dagli strumenti che permettono al computer di leggere (e dunque ricevere) e di scrivere (e dunque Rev. 1.1 ott 2009 Pag 19 di 27

20 inviare) dati le nostre lunghe catene di 0 e 1 - da e verso un supporto in grado di conservarli anche quando il computer è spento. Si tratta delle cosiddette memorie di massa, come i floppy disk e i dischi rigidi: ne abbiamo già parlato nella prima dispensa. Spesso le memorie di massa non vengono considerate dispositivi di input e output, perché i dati che vi vengono conservati sono comunque in formato digitale: in un certo senso, sono dati che il computer conserva nel suo linguaggio, dunque questi dispositivi di memorizzazione non servono direttamente a noi per comunicare nel nostro linguaggio - con il computer. D altro canto, è indubbio che i dispositivi di memoria di massa vengano usati dal computer per ricevere informazione in entrata, e inviare informazione in uscita: da questo punto di vista, anch essi potrebbero essere visti come dispositivi di input e output. Abbiamo fornito qualche esempio di dispositivi di input e output. Vogliamo provare a riepilogarne in maniera un po più sistematica le caratteristiche? La tastiera è il dispositivo di input probabilmente più importante. Serve a immettere nel computer testo e numeri (per velocizzare quest ultima operazione, le tastiere includono di norma un particolare tastierino numerico), ma anche a guidare, attraverso la pressione dei tasti opportuni, lo svolgimento dei programmi. Figura 12 - Dispositivi di input per eccellenza: la tastiera Per quest ultimo scopo, alcuni tasti hanno una particolare importanza: innanzitutto le frecce, tasti direzionali che controllano di norma lo spostamento del cursore sullo schermo (il cursore è un oggetto virtuale e non fisico, e compare nelle schermate di lavoro di molti programmi - ad es. programmi di videoscrittura - ad indicare il punto del testo sul quale si sta al momento operando). E poi i tasti funzione, presenti di norma nell area superiore o in quella laterale della tastiera: si tratta di tasti la cui funzione varia da programma a programma, e che vengono in genere fatti corrispondere ai comandi più frequentemente usati. Una convenzione piuttosto diffusa collega il primo tasto funzione (F1) all attivazione dell aiuto in linea (help) del programma. Il mouse affianca la tastiera come dispositivo di input, in particolare quando si lavora all interno di ambienti o sistemi operativi ad icone (ne parleremo più diffusamente in seguito). Al movimento del mouse su un piano (molto spesso quello del tappetino o mousepad) viene fatto corrispondere il movimento del puntatore nello schermo. Il puntatore del mouse costituisce un altro familiare oggetto virtuale che ci aiuta a selezionare aree e oggetti nello schermo; anche sulla funzione del cursore, che rappresenta un po il nostro alter ego nello spazio virtuale aperto da un programma, avremo modo di soffermarci in seguito. Il movimento del mouse viene comunicato al computer attraverso i segnali inviati da sensori collocati intorno alla pallina posta sulla superficie inferiore del mouse stesso. Il mouse ha sulla superficie superiore uno o più tasti, alla cui pressione il programma fa corrispondere azioni sugli oggetti situati nell area dello schermo indicata dal puntatore. Rev. 1.1 ott 2009 Pag 20 di 27

Architettura di un sistema di elaborazione dei dati

Architettura di un sistema di elaborazione dei dati Architettura di un sistema di elaborazione dei dati Questo modelio è stato proposto nei tardi anni 40 dall Institute for Advanced Study di Princeton e prende il nome di modello Von Neumann. E` costituito

Dettagli

Hardware interno. Docenti: Dott. Stefano Bordoni Dott. Francesco Guerra. Facoltà di Economia, Università di Modena e Reggio Emilia

Hardware interno. Docenti: Dott. Stefano Bordoni Dott. Francesco Guerra. Facoltà di Economia, Università di Modena e Reggio Emilia Hardware interno Docenti: Dott. Stefano Bordoni Dott. Francesco Guerra Facoltà di Economia, Università di Modena e Reggio Emilia Hardware A prima vista... Alimentazione PC e Monitor Lettore DVD Porte Ps/2

Dettagli

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI Il CASE o CABINET è il contenitore in cui vengono montati la scheda scheda madre, uno o più dischi rigidi, la scheda video, la scheda audio e tutti gli altri dispositivi hardware necessari per il funzionamento.

Dettagli

I dischi magnetici floppy disk

I dischi magnetici floppy disk I dischi magnetici floppy disk I floppy disk (dischetti flessibili) sono supporti rimovibili Ogni elaboratore è dotato di almeno una unità di lettura-scrittura detta drive, all'interno della quale l'utente

Dettagli

APPUNTI CONCETTI DI BASE

APPUNTI CONCETTI DI BASE www.informarsi.net APPUNTI CONCETTI DI BASE Struttura di un elaboratore Un computer è paragonabile a una grande scatola in cui sono immessi dei dati, i quali, una volta immagazzinati, elaborati e processati,

Dettagli

I dischi ottici. Fondamenti di Informatica -- Rossano Gaeta 43

I dischi ottici. Fondamenti di Informatica -- Rossano Gaeta 43 I dischi ottici Le tecnologie dei dischi ottici sono completamente differenti e sono basate sull'uso di raggi laser Il raggio laser è un particolare tipo di raggio luminoso estremamente focalizzato che

Dettagli

Architettura di un PC

Architettura di un PC Architettura di un PC Hardware Insieme di circuiti elettronici ed elettromeccanici che costituiscono un calcolatore Architettura Combinazione delle funzionalità operative delle singole unità hardware del

Dettagli

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer MONIA MONTANARI Appunti di Trattamento Testi Capitolo 1 Il Computer 1. Introduzione La parola informatica indica la scienza che rileva ed elabora l informazione, infatti : Informatica Informazione Automatica

Dettagli

Corso: Informatica+ Andrea Cremonini. Lezione del 20/10/2014

Corso: Informatica+ Andrea Cremonini. Lezione del 20/10/2014 Corso: Informatica+ Andrea Cremonini Lezione del 20/10/2014 1 Cosa è un computer? Un elaboratore di dati e immagini Uno smartphone Il decoder di Sky Una console di gioco siamo circondati! andrea.cremon

Dettagli

Il Personal Computer

Il Personal Computer Il Personal Computer Il case Il case (termine di origine inglese), anche chiamato cabinet (sempre dall'inglese, è il telaio metallico all'interno del quale sono assemblati i componenti principali di un

Dettagli

Componenti principali di un computer

Componenti principali di un computer Componenti principali di un computer Unità centrale Processore Controller Memoria principale (centrale) Bus Stampante Terminale Periferiche di input/output Memorie di massa (secondarie) 1 COMPONENTI DI

Dettagli

L hardware. del Personal computer. Il Personal computer. Il Personal computer. Il Personal computer. Il Personal computer.

L hardware. del Personal computer. Il Personal computer. Il Personal computer. Il Personal computer. Il Personal computer. Il Personal computer L hardware del Personal computer 2004 Roberto Bisceglia http://www.itchiavari.org/ict Il personal computer è una macchina, costituita principalmente da circuiti elettronici, in grado

Dettagli

03 L architettura del computer e la CPU (parte 2) Dott.ssa Ramona Congiu

03 L architettura del computer e la CPU (parte 2) Dott.ssa Ramona Congiu 03 L architettura del computer e la CPU (parte 2) Dott.ssa Ramona Congiu 1 Anatomia del computer Dott.ssa Ramona Congiu 2 L Unità centrale 3 Anatomia del computer 4 La scheda madre All interno del computer

Dettagli

Il termine informatica deriva dall unione di due parole: informazione e automatica. Il P.C.

Il termine informatica deriva dall unione di due parole: informazione e automatica. Il P.C. Il termine informatica deriva dall unione di due parole: informazione e automatica. Il P.C. Hardware: parte fisica, cioè l insieme di tutte le componenti fisiche, meccaniche, elettriche e ottiche, necessarie

Dettagli

Elementi hardware di un personal computer desktop 2012

Elementi hardware di un personal computer desktop 2012 IIS Bonfantini Novara -Laboratorio di informatica 2012 Pagina 1 PERSONAL COMPUTER I personal computer sono quelli usati per lavoro d'ufficio o in ambito domestico da un solo utente per volta. Un ulteriore

Dettagli

Cosa c è dentro un computer?

Cosa c è dentro un computer? Lez. 13 Cosa c è dentro un computer? Apriamo la scatola magica 13/11/09 Dentro il computer La scheda madre È la base di tutta la componentistica Si fissa sul case del pc, un po come la pasta per la pizza

Dettagli

Esempio di Motherboard (Scheda Madre)

Esempio di Motherboard (Scheda Madre) 1:ISA slot 2:PCI slot 3:AGP slot 4:ATX power connector 5:Chipset 6:CPU socket 7:RAM slot 8:IDE connector 9:Floppy disk connector 10:Batteria 11:BIOS chip Esempio di Motherboard (Scheda Madre) La memoria

Dettagli

Modulo 1. Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.2)

Modulo 1. Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.2) Modulo 1 Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.2) Prof. Valerio Vaglio Gallipoli Rielaborazione: prof. Claudio Pellegrini - Sondrio LA CPU Central Processing Unit Detto anche processore,,

Dettagli

CRIAD 1. Corso di Introduzione all Informatica v v v v. Contenuti del Modulo 1. Hardware e Software. Hardware

CRIAD 1. Corso di Introduzione all Informatica v v v v. Contenuti del Modulo 1. Hardware e Software. Hardware Corso di Introduzione all Informatica v v v v Contenuti del Modulo 1 Concetti generali Hardware Software Dispositivi di memoria CRIAD 1 CRIAD 2 Hardware e Software Hardware vil funzionamento di un computer,

Dettagli

Lo schema funzionale di un PC corrisponde ancora oggi a quello della macchina di Von Neumann

Lo schema funzionale di un PC corrisponde ancora oggi a quello della macchina di Von Neumann Lo schema funzionale di un PC corrisponde ancora oggi a quello della macchina di Von Neumann MA lo sviluppo della tecnologia e del software ha permesso la realizzazione di computer sempre più veloci e

Dettagli

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale MODULO 1 1.1 Il personal computer ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale 1.1 Il personal computer Il PC Hardware e software Classificazioni del software Relazione tra

Dettagli

Collegamento al sistema

Collegamento al sistema Collegamento al sistema Chi comanda il movimento della testina? Chi comanda la generazione del raggio laser? Chi si occupa di trasferire i dati letti in memoria centrale? Chi comanda la rotazione dei dischi?

Dettagli

MODULO 01. Come è fatto un computer

MODULO 01. Come è fatto un computer MODULO 01 Come è fatto un computer MODULO 01 Unità didattica 02 Guardiamo dentro alla scatola: l hardware In questa lezione impareremo: a conoscere le parti che permettono a un computer di elaborare e

Dettagli

MEMORIE MAGNETO- OTTICHE

MEMORIE MAGNETO- OTTICHE MEMORIE SECONDARIE I dati e i programmi devono essere conservati su memorie non volatili, di adeguate dimensioni e di costo contenuto. Occorre utilizzare dispositivi di memoria di massa quali ad esempio

Dettagli

Il Computer. Per capire che cosa è il computer, occorre partire dal concetto di:

Il Computer. Per capire che cosa è il computer, occorre partire dal concetto di: Il Computer Cos'è il computer? Per capire che cosa è il computer, occorre partire dal concetto di: INFORMATICA = INFORmazione automatica E' la scienza che si occupa del trattamento automatico delle informazioni.

Dettagli

Termini che è necessario capire:

Termini che è necessario capire: Per iniziare 1........................................ Termini che è necessario capire: Hardware Software Information Technology (IT) Mainframe Laptop computer Unità centrale di elaborazione (CPU) Hard

Dettagli

Il computer e i suoi sottosistemi

Il computer e i suoi sottosistemi pag.1 Il primo approccio al COMPUTER è 'a scatola nera'. Individuiamo quindi: SCOPO Elaborare informazioni. Eseguire istruzioni INGRESSI Dati da elaborare. Istruzioni USCITE Dati elaborati SCHEMA A BLOCCHI:

Dettagli

Componenti di base di un computer

Componenti di base di un computer Componenti di base di un computer Architettura Von Neumann, 1952 Unità di INPUT UNITA CENTRALE DI ELABORAZIONE (CPU) MEMORIA CENTRALE Unità di OUTPUT MEMORIE DI MASSA PERIFERICHE DI INPUT/OUTPUT (I/O)

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Architettura del calcolatore (seconda parte) Sotto-sistema di memoria! Due necessità contrastanti: 1. Elevata velocità di accesso 2. Elevata capacità (dimensioni)!

Dettagli

Informatica per l Ingegneria Industriale. Introduzione ai calcolatori

Informatica per l Ingegneria Industriale. Introduzione ai calcolatori Informatica per l Ingegneria Industriale Introduzione ai calcolatori Gualtiero Volpe gualtiero.volpe@unige.it 1. Struttura del calcolatore 1 Che cosa è un computer? A prescindere dalle dimensioni e dal

Dettagli

Informatica in pillole. conoscere l informatica

Informatica in pillole. conoscere l informatica Informatica in pillole conoscere l informatica Intro La macchina Interazione uomo-macchina brevi cenni: il computer Funzionamento e differenze delle memorie (DVD/USB/HardDisk) Masterizzazione, formattazione

Dettagli

Informatica. Nozioni di hardware. Componenti essenziali della struttura interna di un PC. docente: Ilaria Venturini. Disco rigido.

Informatica. Nozioni di hardware. Componenti essenziali della struttura interna di un PC. docente: Ilaria Venturini. Disco rigido. Informatica II Nozioni di hardware docente: Ilaria Venturini Componenti essenziali della struttura interna di un PC Porte Disco rigido CPU scheda video memorie scheda audio bus 1 Struttura hardware dell

Dettagli

CAD B condotto da Daniela Sidari 05.11.2012

CAD B condotto da Daniela Sidari 05.11.2012 CAD B condotto da Daniela Sidari 05.11.2012 COS È L INFORMATICA? Il termine informatica proviene dalla lingua francese, esattamente da INFORmation electronique ou automatique ; tale termine intende che

Dettagli

Informatica di Base - 6 c.f.u.

Informatica di Base - 6 c.f.u. Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica Informatica di Base - 6 c.f.u. Anno Accademico 2007/2008 Docente: ing. Salvatore Sorce Architettura dei calcolatori I parte Introduzione,

Dettagli

Appunti di Sistemi e Automazione

Appunti di Sistemi e Automazione Appunti di Sistemi e Automazione Il modello o macchina di Von Neumann rappresenta un computer con i suoi componenti principali e la sua organizzazione logico-funzionale. Tale progetto risale al 1945/1946.

Dettagli

INFORMATION TECNOLOGY. a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it

INFORMATION TECNOLOGY. a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it INFORMATION TECNOLOGY 1 a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it 1 IT, HARDWARE E SOFTWARE Information Tecnology (o Informazione automatica): tecnologia hadware e software utilizzata per la progettazione

Dettagli

Organizzazione della memoria

Organizzazione della memoria Memorizzazione dati La fase di codifica permette di esprimere qualsiasi informazione (numeri, testo, immagini, ecc) come stringhe di bit: Es: di immagine 00001001100110010010001100110010011001010010100010

Dettagli

Architettura dei calcolatori

Architettura dei calcolatori Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica C.I. 3 Modulo Informatica 2 c.f.u. Anno Accademico 2009/2010 Docente: ing. Salvatore Sorce Architettura dei calcolatori II parte

Dettagli

COMPUTER ESSENTIAL 1.1. Esperto Emilia Desiderio

COMPUTER ESSENTIAL 1.1. Esperto Emilia Desiderio COMPUTER ESSENTIAL 1.1 Esperto Emilia Desiderio INFORMATICA Definizione: disciplinain continua evoluzione che cerca di riprodurre le capacità del cervello umano. lostudio sistemico di algoritmi che descrivono

Dettagli

IL COMPUTER APPUNTI PER LEZIONI NELLE 3 CLASSI LA MACCHINA DELLA 3 RIVOLUZIONE INDUSTRIALE. A CURA DEL Prof. Giuseppe Capuano

IL COMPUTER APPUNTI PER LEZIONI NELLE 3 CLASSI LA MACCHINA DELLA 3 RIVOLUZIONE INDUSTRIALE. A CURA DEL Prof. Giuseppe Capuano IL COMPUTER LA MACCHINA DELLA 3 RIVOLUZIONE INDUSTRIALE APPUNTI PER LEZIONI NELLE 3 CLASSI A CURA DEL Prof. Giuseppe Capuano LA TRASMISSIONE IN BINARIO I computer hanno un loro modo di rappresentare i

Dettagli

MODULO 01. Come è fatto un computer

MODULO 01. Come è fatto un computer MODULO 01 Come è fatto un computer MODULO 01 Unità didattica 02 Guardiamo dentro alla scatola: l hardware In questa lezione impareremo: a conoscere le parti che permettono a un computer di elaborare e

Dettagli

All interno del computer si possono individuare 5 componenti principali: SCHEDA MADRE. MICROPROCESSORE che contiene la CPU MEMORIA RAM MEMORIA ROM

All interno del computer si possono individuare 5 componenti principali: SCHEDA MADRE. MICROPROCESSORE che contiene la CPU MEMORIA RAM MEMORIA ROM Il computer è un apparecchio elettronico che riceve dati di ingresso (input), li memorizza e gli elabora e fornisce in uscita i risultati (output). Il computer è quindi un sistema per elaborare informazioni

Dettagli

Informatica 1. 6 Sistemi operativi e software. ing. Luigi Puzone

Informatica 1. 6 Sistemi operativi e software. ing. Luigi Puzone Informatica 1 6 Sistemi operativi e software ing. Luigi Puzone Windows caratteristiche principali: Windows è un Sistema Operativo Con Interfaccia Grafica Multiutente Multitasking Multithreading Multiprocessing

Dettagli

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Programma del corso Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Architettura di Von Neumann Memorie secondarie Dette anche Memoria

Dettagli

ARCHITETTURA DEL CALCOLATORE

ARCHITETTURA DEL CALCOLATORE Orologio di sistema (Clock) UNITÀ UNITÀ DI DI INGRESSO Schema a blocchi di un calcolatore REGISTRI CONTROLLO BUS DEL SISTEMA MEMORIA DI DI MASSA Hard Hard Disk Disk MEMORIA CENTRALE Ram Ram ALU CPU UNITÀ

Dettagli

Elaboratore elettronico

Elaboratore elettronico Corso di Informatica L architettura di un Calcolatore Elaboratore elettronico Un calcolatore o computer è un dispositivo elettronico in grado di ricevere una sequenza di istruzioni (programma) ed eseguirla

Dettagli

INFORMATICA, IT e ICT

INFORMATICA, IT e ICT INFORMATICA, IT e ICT Informatica Informazione automatica IT Information Technology ICT Information and Communication Technology Computer Mini Computer Mainframe Super Computer Palmare Laptop o Portatile

Dettagli

Dispositivi di ingresso/uscita (I/O)

Dispositivi di ingresso/uscita (I/O) Dispositivi di ingresso/uscita (I/O) Possono essere i piu svariati: mouse, tastiera, monitor, altoparlanti, stampanti, ecc. Tra essi rivestono un importanza particolare i dispositivi di memorizzazione

Dettagli

Le Memorie. Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16

Le Memorie. Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Le Memorie Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Memorie Memoria Principale (centrale) Si accede direttamente dalla CPU non permanente Memoria Secondaria (di massa) Si accede tramite il sottosistema di input/output

Dettagli

Ferrante Patrizia Ghezzi Nuccia Pagano Salvatore Previtali Ferruccio Russo Francesco. Computer

Ferrante Patrizia Ghezzi Nuccia Pagano Salvatore Previtali Ferruccio Russo Francesco. Computer Computer Il computer, o elaboratore elettronico, è la macchina per la gestione automatica delle informazioni Componenti: Hardware (la parte fisica del computer) Software (la parte intangibile, insieme

Dettagli

Componenti del Sistema di Elaborazione

Componenti del Sistema di Elaborazione Componenti del Sistema di Elaborazione Il Sistema di Elaborazione Monitor Tastiera Processore Memoria Centrale (Programmi + Dati) Memorie di massa Altre periferiche Rete Rete a.a. 2002-03 L. Borrelli 2

Dettagli

Le unità di ingresso/uscita (Input/Output)

Le unità di ingresso/uscita (Input/Output) Le unità di ingresso/uscita (Input/Output) Le unità di ingresso/uscita (anche dette periferiche), permettono di realizzare l'interazione tra il computer e l'ambiente (compreso l'utente umano) La loro funzione

Dettagli

Concetti base del computer

Concetti base del computer Concetti base del computer Test VERO o FALSO (se FALSO giustifica la risposta) 1) La memoria centrale è costituita dal disco fisso VERO/FALSO 2) Allo spegnimento del PC la RAM perde il suo contenuto VERO/FALSO

Dettagli

Concetti fondamentali della Tecnologia Dell informazione Parte prima

Concetti fondamentali della Tecnologia Dell informazione Parte prima Concetti fondamentali della Tecnologia Dell informazione Parte prima 1 Concetti di base della tecnologia dell Informazione Nel corso degli ultimi anni la diffusione dell Information and Communication Technology

Dettagli

Introduzione all uso del Personal Computer

Introduzione all uso del Personal Computer Introduzione all uso del Personal Computer Cenni di storia dei calcolatori Il Personal Computer: Processo di avvio del computer Sistemi Operativi Il computer, invece, è composto da piccoli rettangoli

Dettagli

Architettura hardware

Architettura hardware Ricapitolando Architettura hardware la parte che si può prendere a calci Il funzionamento di un elaboratore dipende da due fattori principali 1) dalla capacità di memorizzare i programmi e i dati 2) dalla

Dettagli

Input Elaborazione Output. Output. Componenti di elaborazione. Periferiche di. Periferiche di Input

Input Elaborazione Output. Output. Componenti di elaborazione. Periferiche di. Periferiche di Input Hardware e Software Hardware: : Tutti i componenti fisici del sistema di elaborazione (tutto ciò che si può toccare) Software: : Tutti i programmi installati nel nostro sistema di elaborazione Fasi di

Dettagli

Esame di INFORMATICA LE PERIFERICHE DI INPUT/OUTPUT. Lezione 5 PERIFERICHE DI OUTPUT LA STAMPANTE (2/2) LE PERIFERICHE DI OUTPUT LA STAMPANTE

Esame di INFORMATICA LE PERIFERICHE DI INPUT/OUTPUT. Lezione 5 PERIFERICHE DI OUTPUT LA STAMPANTE (2/2) LE PERIFERICHE DI OUTPUT LA STAMPANTE Università degli Studi di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA A.A. 2008/09 Lezione 5 LE PERIFERICHE DI INPUT/OUTPUT Permettono lo scambio dei dati tra l utente ed il calcolatore. Controllati

Dettagli

I dischi ottici. Informatica di Base -- R.Gaeta 18

I dischi ottici. Informatica di Base -- R.Gaeta 18 I dischi ottici Le tecnologie dei dischi ottici sono completamente differenti e sono basate sull'uso di raggi laser Il raggio laser è un particolare tipo di raggio luminoso estremamente focalizzato che

Dettagli

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore Dispensa di Fondamenti di Informatica Architettura di un calcolatore Hardware e software La prima decomposizione di un calcolatore è relativa ai seguenti macro-componenti hardware la struttura fisica del

Dettagli

1 - Case. 2 - Alimentatore:

1 - Case. 2 - Alimentatore: 1 - Case Case: è il guscio esterno composto prevalentemente di metallo e plastica. La sua funzione principale è contenere e proteggere tutte le componenti del nostro computer. Ne esistono di vari tipi

Dettagli

Informatica di base. Hardware: CPU SCHEDA MADRE. Informatica Hardware di un PC Prof. Corrado Lai

Informatica di base. Hardware: CPU SCHEDA MADRE. Informatica Hardware di un PC Prof. Corrado Lai Informatica di base Hardware: CPU SCHEDA MADRE HARDWARE DI UN PC 2 Hardware (parti fisiche) Sono le parti fisiche di un Personal Computer (processore, scheda madre, tastiera, mouse, monitor, memorie,..).

Dettagli

CAPITOLO 1 - INTRODUZIONE ALL INFORMATICA

CAPITOLO 1 - INTRODUZIONE ALL INFORMATICA Da sempre l uomo ha bisogno di rappresentare, trasmettere ed elaborare informazioni di varia natura, ad esempio numeri, frasi, immagini, suoni, concetti o addirittura sensazioni. Tutte le nostre attività

Dettagli

Esame di INFORMATICA Lezione 5

Esame di INFORMATICA Lezione 5 Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 5 LE PERIFERICHE DI INPUT/OUTPUT Permettono lo scambio dei dati tra l utente ed il calcolatore. Controllati dalla CPU Master

Dettagli

Architettura di un calcolatore

Architettura di un calcolatore Architettura di un calcolatore Appunti di Antonio BERNARDO Corso di Informatica di base A. Bernardo, Informatica di base 1 1 Compiti del computer Elaborazione di dati Memorizzazione di dati Scambio di

Dettagli

Memoria Secondaria o di Massa

Memoria Secondaria o di Massa .. Pacman ha una velocità che dipende dal processore...quindi cambiando computer va più velocemente..sarà poi vero? Memoria Secondaria o di Massa dischi fissi (hard disk), floppy disk, nastri magnetici,

Dettagli

Le Memorie interne: RAM, ROM, cache. Appunti per la cl. IV sez. D a cura del prof. Ing. Mario Catalano

Le Memorie interne: RAM, ROM, cache. Appunti per la cl. IV sez. D a cura del prof. Ing. Mario Catalano Le Memorie interne: RAM, ROM, cache Appunti per la cl. IV sez. D a cura del prof. Ing. Mario Catalano 1 Le memorie Cosa vorremmo : una memoria veloce abbastanza grande da contenere tutti i dati e i programmi

Dettagli

I dispositivi di Input e Output

I dispositivi di Input e Output Input - Output I dispositivi di Input e Output La comunicazione tra il calcolatore e l ambiente in cui esso è immerso avviene attraverso dispositivi che traducono i dati digitali in segnali compatibili

Dettagli

Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica. Corso propedeutico di Matematica e Informatica

Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica. Corso propedeutico di Matematica e Informatica Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica a.a. 2006/2007 Docente Ing. Andrea Ghedi IL FUNZIONAMENTO BASE DI UN COMPUTER HW e SW Lezione 1 1 Il

Dettagli

Tecnologia dell Informazione

Tecnologia dell Informazione Tecnologia dell Informazione Concetti di base della tecnologia dell informazione Materiale Didattico a cura di Marco Musolesi Università degli Studi di Bologna Sede di Ravenna Facoltà di Giurisprudenza

Dettagli

Centro Iniziative Sociali Municipio III

Centro Iniziative Sociali Municipio III Centro Iniziative Sociali Municipio III C.I.S Municipio III Corso di informatca Roberto Borgheresi C ORSO BASE DI I NFORMATICA Centro Iniziative Sociali Municipio III Coordinatore: Roberto Borgheresi Insegnanti:

Dettagli

Le infrastrutture Hardware: architettura

Le infrastrutture Hardware: architettura Le infrastrutture Hardware: architettura Corso di Informatica CdL: Chimica Claudia d'amato claudia.damato@di.uniba.it Il calcolatore: modello concettuale 1. Elaborazione 2. Memorizzazione Interconnessione

Dettagli

Tecnologie Informatiche n 3 LE MEMORIE

Tecnologie Informatiche n 3 LE MEMORIE LE MEMORIE La memoria è la parte del computer destinata a conservare informazioni per un certo periodo di tempo. Le memorie si dividono in Memorie principali o centrali Sono anche dette memorie veloci

Dettagli

L architettura del calcolatore (Terza parte)

L architettura del calcolatore (Terza parte) L architettura del calcolatore (Terza parte) Ingegneria Meccanica e dei Materiali Università degli Studi di Brescia Prof. Massimiliano Giacomin I dispositivi periferici periferia parte centrale sottosistema

Dettagli

Abilità Informatiche. Architettura di un elaboratore. Lezione 1

Abilità Informatiche. Architettura di un elaboratore. Lezione 1 Abilità Informatiche Architettura di un elaboratore Lezione 1 Computer, un po di storia. Gli albori dell'era informatica (anni quaranta) una specie di macchina per fare i conti superveloce, la naturale

Dettagli

L HARDWARE parte 1 ICTECFOP@GMAIL.COM

L HARDWARE parte 1 ICTECFOP@GMAIL.COM L HARDWARE parte 1 COMPUTER E CORPO UMANO INPUT E OUTPUT, PERIFERICHE UNITA DI SISTEMA: ELENCO COMPONENTI COMPONENTI NEL DETTAGLIO: SCHEDA MADRE (SOCKET, SLOT) CPU MEMORIA RAM MEMORIE DI MASSA USB E FIREWIRE

Dettagli

Introduzione all INFORMATICA

Introduzione all INFORMATICA Introduzione all INFORMATICA dott.ssa Aurelia Apice Email: aureliarossa@libero.it informazioni 1 Informatica Cos era? Calcoli matematici impensabili a mano per scopi scientifici e militari Cos è? Automazione

Dettagli

IL PERSONAL COMPUTER. Prof. Rosario Berardi. Tastiera

IL PERSONAL COMPUTER. Prof. Rosario Berardi. Tastiera . 1 IL PERSONAL COMPUTER Prof. Rosario Berardi 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10. Monitor (lcd crt): Periferica di output principale. Motherboard (intel amd): Piastra di silicio e chip per tutti gli altri

Dettagli

Per definizione l hardware di un computer è l insieme dei pezzi materiali che lo compongono.

Per definizione l hardware di un computer è l insieme dei pezzi materiali che lo compongono. Lezione 3 Hardware Hardware Per definizione l hardware di un computer è l insieme dei pezzi materiali che lo compongono. Esistono vari tipi di computer: Notebook: sono i computer portatili. Mainframe:

Dettagli

Informatica. Modulo 1: Hardware

Informatica. Modulo 1: Hardware Informatica l'insieme dei processi e delle tecnologie che rendono possibile la creazione, raccolta, elaborazione, immagazzinamento e la diffusione delle informazioni 4 Società dell Informazione La società

Dettagli

Informatica 1 Lezione 1

Informatica 1 Lezione 1 Informatica 1 Lezione 1 Concetti base: Hardware È l insieme delle parti fisiche, elettroniche e meccaniche che compongono il computer, quali il chip, il mouse, il lettore CDROM, il monitor, le schede,

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Struttura e componenti di un moderno computer

Struttura e componenti di un moderno computer Struttura e componenti di un moderno computer Facciamo ora un semplice elenco di queli che sono i componenti tipici di cui ogni computer ha bisogno per funzionare e spieghiamone il ruolo. Elementi essenziali:

Dettagli

Architettura dei calcolatori I parte Introduzione, CPU

Architettura dei calcolatori I parte Introduzione, CPU Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica C.I. 1 Informatica ed Elementi di Statistica 2 c.f.u. Anno Accademico 2009/2010 Docente: ing. Salvatore Sorce Architettura dei calcolatori

Dettagli

Termini che è necessario capire:

Termini che è necessario capire: 1........................................ Termini che è necessario capire: Hardware Software Information Technology (IT) Mainframe Laptop computer Unità centrale di elaborazione (CPU) Hard disk Supporti

Dettagli

MEMORIE DI MASSA E PERIFERICHE

MEMORIE DI MASSA E PERIFERICHE MEMORIE DI MASSA E PERIFERICHE Tecnologie Informatiche 1 Il computer» È una macchina elettronica con lo scopo di elaborare dati in modo automatico, veloce, sicuro ed efficiente.» E formato dall hardware

Dettagli

Memoria secondaria. Memoria secondaria

Memoria secondaria. Memoria secondaria Memoria secondaria La CPU opera su programmi e dati presenti nella RAM, ma questa da sola non basta a contenere tutti i programmi e i dati presenti sull elaboratore. Per questo motivo i dati e i programmi

Dettagli

Lez. 6 Memorie Secondarie. Prof. Pasquale De Michele (Gruppo 2) e Raffaele Farina (Gruppo 1) 1

Lez. 6 Memorie Secondarie. Prof. Pasquale De Michele (Gruppo 2) e Raffaele Farina (Gruppo 1) 1 Lez. 6 Memorie Secondarie Prof. Pasquale De Michele (Gruppo 2) e Raffaele Farina (Gruppo 1) 1 Dott. Pasquale De Michele Dott. Raffaele Farina Dipartimento di Matematica e Applicazioni Università di Napoli

Dettagli

Il Computer (Sistema per l Elaborazione delle Informazioni o calcolatore elettronico) è un

Il Computer (Sistema per l Elaborazione delle Informazioni o calcolatore elettronico) è un Pagina 18 di 47 2. Analisi delle componenti hardware di un computer 2.1 L hardware 2.1.1 Componenti principali di un computer L Informatica (da Informazione + Automatica) è la disciplina che studia la

Dettagli

Periferiche di I/O. Architettura di Von Neumann. 02 novembre 2006 BUS. Schema generale di tipo funzionale del calcolatore.

Periferiche di I/O. Architettura di Von Neumann. 02 novembre 2006 BUS. Schema generale di tipo funzionale del calcolatore. Periferiche di I/O 02 novembre 2006 Architettura di Von Neumann Schema generale di tipo funzionale del calcolatore Unità Centrale Memoria Centrale Interfacce delle Periferiche BUS DATI BUS BUS CONTROLLO

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado Anna Frank Nome Cognome classe anno sc. 2008/09 INFORMATICA

Scuola Secondaria di Primo Grado Anna Frank Nome Cognome classe anno sc. 2008/09 INFORMATICA Scuola Secondaria di Primo Grado Anna Frank Nome Cognome classe anno sc. 2008/09 INFORMATICA Il termine informatica riassume due parole, informazione automatica, e si occupa dei sistemi per l elaborazione

Dettagli

Le memorie di massa. Il disco floppy 1

Le memorie di massa. Il disco floppy 1 Le memorie di massa Tutti i sistemi di elaborazione dispongono di alcuni supporti per memorizzare permanentemente le informazioni: le memorie di massa Dischetti o floppy disk Dischi fissi o hard disk CD

Dettagli

Zoccolo (slot o socket) per il processore. Slot per le memorie RAM. Slot per le schede di espansione con bus ISA (superato),

Zoccolo (slot o socket) per il processore. Slot per le memorie RAM. Slot per le schede di espansione con bus ISA (superato), DENTRO IL COMPUTER Nei lucidi che seguono esamineremo i principali componenti di un PC. La maggior parte dei PC ha una struttura modulare: sono permesse numerose configurazioni utilizzando componenti di

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica L elaboratore elettronico (ovvero, il computer ) Monitor Unità centrale Casse acustiche Mouse Tastiera PREMESSA Insegnare con l'ausilio dei multimedia è una tecnica che giunge agli

Dettagli

Linguaggio e Architettura

Linguaggio e Architettura Parte 1 Linguaggio e Architettura IL LINGUAGGIO DELL INFORMATICA 1.1 1 Importante imparare il linguaggio dell informatica L uso Lusodella terminologia giusta è basilare per imparare una nuova disciplina

Dettagli

LA COSTITUZIONE DI UN COMPUTER

LA COSTITUZIONE DI UN COMPUTER LA COSTITUZIONE DI UN COMPUTER Elementi essenziali: Scheda madre o Motherboard Processore centrale o CPU Alimentatore di corrente Memoria RAM Hard disk o disco rigido Scheda Video Periferiche di interfacciamento

Dettagli

Lezione 3 ARCHITETTURA: JOHN VON NEUMANN (1946) INPUT OUTPUT MEMORIA CPU MEMORIE

Lezione 3 ARCHITETTURA: JOHN VON NEUMANN (1946) INPUT OUTPUT MEMORIA CPU MEMORIE Lezione 3 ARCHITETTURA: JOHN VON NEUMANN (1946) INPUT OUTPUT MEMORIA CPU Bus MEMORIE RAM (Random Access Memory). Memoria Centrale, Memoria di Lavoro, Memoria principale. Consiste in una matrice di celle

Dettagli

HARDWARE. Relazione di Informatica

HARDWARE. Relazione di Informatica Michele Venditti 2 D 05/12/11 Relazione di Informatica HARDWARE Con Hardware s intende l insieme delle parti solide o ( materiali ) del computer, per esempio : monitor, tastiera, mouse, scheda madre. -

Dettagli

Hardware. 1) Unità centrale (CPU)

Hardware. 1) Unità centrale (CPU) Hardware In informatica il termine hardware indica le componenti fisiche, elettriche, elettroniche, ottiche e meccaniche di un elaboratore. In un computer digitale si possono distinguere cinque categorie

Dettagli