Ministero Istruzione Università e Ricerca ICS Milano-Spiga MIIC8BD00X Via Santo Spirito MILANO Tel: Fax:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ministero Istruzione Università e Ricerca ICS Milano-Spiga MIIC8BD00X Via Santo Spirito 21-20121 MILANO Tel: 02 8844 6233 Fax: 02 76005180"

Transcript

1 Titolo progetto GENERAZIONI PER MANO PREMESSA La società civile è sempre più consapevole delle problematiche legate alla vecchiaia: il 2012 Anno europeo dell'invecchiamento attivo e della solidarietà tra le generazioni. Invecchiamento attivo significa dare agli anziani la possibilità di: restare occupati e condividere la loro esperienza continuare a svolgere un ruolo attivo nella società vivere nel modo più sano e gratificante possibile. Solidarietà tra le generazioni significa valorizzare il ruolo degli anziani nella società, considerandoli depositari di valori, conoscenze ed esperienze. Con il presente progetto, L ICS Milano-Spiga, cogliendo la proposta europea, si prefigge lo scopo di contribuire a superare i luoghi comuni e gli stereotipi favorendo il dialogo e la cooperazione fra generazioni. IL PERCORSO \ PROCESSO Attraverso contatti periodici concordati saranno stabilite iniziative comuni con gli ospiti della Casa di Riposo per Musicisti di Milano finalizzate al conseguimento dei seguenti OBIETTIVI GENERALI sviluppare la capacità di interazione sociale in diversi contesti ed ambiti; comprendere la funzione ed il significato dello stare in una comunità sociale; valorizzare le diversità, per un reciproco arricchimento. OBIETTIVI SPECIFICI acquisire e/o potenziare le capacità di socializzazione e cooperazione; porsi in uno stato di disponibilità nei confronti dell'altro; migliorare ed integrare maggiormente i rapporti intra ed inter-generazionali maturare la consapevolezza che le persone anziane sono una risorsa per tutta la società percepire l anziano come depositario di valori, conoscenze, esperienze e tradizioni

2 costruire con l aiuto delle generazioni precedenti la propria identità come presa di coscienza della realtà culturale in cui i bambini vivono cogliere i bisogni materiali e relazionali dell anziano comunicare esperienze, emozioni, stati d'animo in modo efficace e creativo, utilizzando diversi codici espressivi. TAPPE DEL PERCORSO E METODOLOGIA DI LAVORO Per l area individuata sono significative le seguenti tappe: rilevazione dei bisogni, individuazione finalità e obiettivi, selezione obiettivi prioritari, definizione delle azioni, reperimento di risorse, individuazione degli indicatori di qualità, autovalutazione e valutazione del percorso e dei risultati, tesaurizzazione dei risultati, scrittura delle buone pratiche per ricaduta in termini di efficacia nell organizzazione (IC Milano Spiga, in particolare nel Collegio Docenti congiunto Scuola primaria e Scuola secondaria di primo grado, in una logica di alleanza tra segmenti formativi) e per trasferibilità delle esperienze positive, rendicontazione sociale e diffusione dei risultati. MODALITÀ ORGANIZZATIVE DI REALIZZAZIONE DEL PROGETTO Il progetto si svilupperà negli anni scolastici e L avvio del progetto nel anno scolastico servirà per rispondere tempestivamente ad alcune esigenzeemergenze che legittimano il progetto stesso, potendo contare sullo sviluppo nella sua fase compiuta a partire dall a.s , con verifica e valutazione dell efficacia degli interventi per implementarlo negli anni successivi. Nel corso dell anno si svolgeranno alcune azioni, concordate con lo staff, struttura efficace e funzionale alla gestione condivisa della politica scolastica dell I.C. Milano Spiga e volta a garantire l attuazione e rendicontazione del Piano dell Offerta Formativa (POF). Di seguito si riporta lo schema dello staff. A Staff = A DIRIGENTE SCOLASTICO: Armida Sabbatini DOCENTE COLLABORATRICE (vicaria): Irene Locatelli DOCENTI REFERENTI DI PLESSO Plesso primaria Spiga Monica Giovanetti Sonia Mogavero Plesso primaria Bastioni di Porta Nuova Rosella Ciapparelli

3 B C D E Ministero Istruzione Università e Ricerca Via Santo Spirito MILANO Tel: Fax: Plesso secondaria I Santo Spirito Maria Teruzzi Anna Maria De Luca Plesso secondaria I Solferino Stefano Valle Staff allargato = A + B FUNZIONI STRUMENTALI AL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Funzione strumentale Integrazione disabili e bisogni speciali Giuliano Guidone Area 2 e 3 Funzione strumentale Intercultura Silvia Pizzocaro Area 2 e 3 Funzione strumentale Continuità Accoglienza Orientamento Anna Maria Saggin Area 2 e 3 Funzione strumentale Valutazione Anna Maria De Luca Area 2 e 3 Diana Nasini Funzione strumentale Coordinamento Sperimentazioni Scientifiche Pietro Reina Area 2 e 3 REFERENTI COMMISSIONI / GRUPPI DI LAVORO Le commissioni costituite mettono in circolo nuove competenze professionali con tre immediati obiettivi: - diffusione della leadership e aumento deleghe di responsabilità, - crescita del gruppo Docenti, protagonista di scelte condivise, - partecipazione democratica diffusa e attiva del personale alla costruzione, attuazione, monitoraggio, valutazione e - sviluppo del POF, della messa a sistema delle buone pratiche già esistenti e di messa in atto di pratiche innovative PRESIDENTI DI INTERCLASSE SCUOLE PRIMARIE Classe Plesso Spiga Plesso Bastioni di Porta Nuova 1^ Giovanna Zapparoli Susanna De Benedetti 2^ Monica Giovanetti Maria Felicia De Martino 3^ Rosa Fonti Patrizia Lambertenghi 4^ Manuela Leoni Rosella Ciapparelli 5^ Rosanna Bruno Silvia Damiani COORDINATORI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Plesso Santo Spirito Plesso Solferino 1^ A Anna Maria Saggin 1^ B Ilaria Starz 2^ A Iolanda Belperio 2^ B Diana Nasini 3^ A Maria Teruzzi 3^ B Annamaria Trebo 1^ D Giuseppina Conti 1^ E Pietro Reina 1^ F Iride Ceruti 1^ C Irene Locatelli 2^ D Marina Burba 2^ E Anna Maria De Luca 2^ F Flora Macoratti 2^ G Lucia Burgo 3^ D Fabrizio Spaggiari 3^ E Francesca Carmicino 3^ F Gemma Ronchetti 3^ G Irene Locatelli Lo staff è una indispensabile risorsa per una promozione e gestione condivisa dei processi qualificanti la realizzazione del POF. Ciò anche in ragione della opportunità di costruire insieme una complessità di azioni volte a meglio qualificare ciascun segmento formativo dei processi e a instaurare una rete di contatti con l esterno per consentire la piena realizzazione delle tappe individuate. Sarà pertanto necessario seguire con cura anche la fase di diffusione e tesaurizzazione dei risultati, al fine di costituire una struttura efficace per la ripetitività e trasferibilità delle esperienze e la messa a sistema delle buone pratiche esistenti o innovate e promosse. PERCORSO DI LAVORO DEL PROGETTO FINALITÀ - Costituire, nell ottica del raggiungimento del pieno successo formativo, un modello interistituzionale integrato con le risorse presenti nel territorio in grado di: - agire per una graduale riduzione delle variabili che generano i fenomeni del disagio; - rispondere in modo sempre più qualificato ai bisogni specifici e/o a nuovi bisogni emergenti, in una dimensione europea e planetaria;

4 - promuovere benessere psico-fisico, requisito fondamentale per - far crescere gli studenti come cittadini responsabili e per - consentire un apprendimento efficace. OBIETTIVI PRIORITARI \ AZIONI \ ATTIVITÀ 1 Documentare e rendere facilmente fruibili a tutti i soggetti interessati (scolastici Documentazione e conoscenza reciproca per valorizzazione di Esperienze e Progetti sul tema del progetto GENERAZIONI PER MANO in atto nelle Scuole dell IC Milano Spiga. e non) le varie esperienze qualificate in atto nella scuola Visibilità attraverso il sito internet della scuola, il giornale di scuola e altri canali comunicativi. 2 Individuare e implementare strategie di insegnamento-apprendimento per gli alunni 3 Realizzare un azione di studio-ricerca per progettare percorsi formativi didattico\ educativi efficaci, avvalendosi di specifici corsi di formazione\ aggiornamento Metodologie didattiche e curricoli Il presente progetto ha carattere interdisciplinare e riguarda le aree linguistica-espressiva, antropologica, le scienze motorie e le educazioni all affettività e ai valori Il lavoro, della durata dell intero anno scolastico, prevede: attività da far svolgere ai bambini con la sola presenza delle insegnanti attività da svolgersi con la presenza di persone anziane disponibili (per queste attività si intende prendere contatti con la Casa di Riposo per Musicisti G. Verdi di Milano ATTIVITA 1. Produzione di disegni e testi inerenti al mondo degli anziani 2. Ricerca e memorizzazione di canti, filastrocche e proverbi 3. Racconto da parte dei nonni di modi di vita e tradizioni nella loro infanzia 4. Racconto dei nonni di avvenimenti storici di cui sono stati diretti testimoni 5. Raccolta delle testimonianze dei nonni utilizzando le moderne tecnologie 6. Realizzazione di un prodotto multimediale con immagini e suoni utili per lo svolgimento di attività didattiche interattive e lavoro collaborativo. In tal modo, la regia dei docenti consentirà di rendere sempre più motivanti e coinvolgenti le attività programmate e condotte con l arricchimento del confronto tra generazioni 7. Giornata dedicata a giochi tra presente e passato. A conclusione dell intero percorso, sarà allestito uno spettacolo teatrale, ideato e interpretato dai bambini e dai nonni (che cureranno anche la realizzazione delle scenografie e dei costumi) delle classi proponenti il progetto. Per la parte musicale ci si avvarrà della consulenza della Civica Scuola di Musica di Milano, per le coreografie si contatteranno coreografe esterne. Lo spettacolo sarà proposto alle famiglie al termine dell anno scolastico. 4 Integrare il progetto con i vari interventi previsti nel curricolo formativo per farlo rientrare a pieno titolo nell attività didattica-educativa di classe 5 Integrare e ottimizzare, in un ottica territoriale e in continuità con il percorso effettuato, i vari interventi attivabili da parte dei soggetti istituzionali che collaboreranno e di altri Enti, Associazioni, ecc., con l utilizzo integrato delle varie figure professionali individuate e individuabili

5 6 Favorire la conoscenza della specifica letteratura di riferimento e normativa vigente in materia, legata al percorso scolastico delle scuole dell IC Milano Spiga 7 Conoscere nuovi siti internet che si occupano della specifica materia e favorire una navigazione mirata 8 Favorire il raccordo con USRLombardia, UST, Enti Locali, Università e Associazioni varie: Casa di Riposo per Musicisti G. Verdi di Milano e Civica Scuola di Musica di Milano RISORSE Umane Monica Giovanetti per il plesso di via delle Spiga Rosella Ciapparelli per il plesso di Bastioni Porta Nuova Finanziarie - Fondo dell istituzione scolastica per il riconoscimento delle ore di partecipazione agli incontri di Commissione Strutturali - Sito internet della scuola Milano-Spiga - Eventuali link ad altri siti internet dei soggetti partner Indicatori quantitativi Indicatori qualitativi INDICATORI DI QUALITÀ - Numero di docenti coinvolti nella progettualità nelle classi - Numero di contatti con il sito internet di scuola - Numero di partecipanti ai percorsi formativi - Organizzazione di eventuali iniziative culturali rivolte al territorio - Implementazione del processo di conoscenza e documentazione delle esperienze in atto tra i vari soggetti delle partnership attivate, - Documentazione delle esperienze scolastiche dell IC Milano Spiga AUTOVALUTAZIONE 1. - livello di partecipazione ai lavori di gruppo 2. - effettiva realizzazione del percorso progettato 3. - utilità, soddisfazione ed efficacia rilevata dai fruitori 4. - individuazione di punti di forza e di criticità e sulla scorta di questi progettazioni percorsi di miglioramento VALUTAZIONE DEL PERCORSO 1. - questionario interno all istituzione scolastica 2. - questionari di rilevazione soddisfazione corsi formativi realizzati 3. - questionari di valutazione del percorso da parte delle varie componenti 4. - analisi dei dati, interpretazione e restituzione 5. - individuazione di punti di forza e di criticità e sulla scorta di questi progettazioni percorsi di miglioramento PROFILO DI COMPETENZE PROFESSIONALI NECESSARIO ALLA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI PREVISTI Le competenze professionali necessarie alla realizzazione delle attività previste sono le seguenti: COMPETENZE GENERALI Saper mantenere contatti e collegamenti tra docenti che operano nella stessa area.

6 Saper assumere informazioni sulla realtà territoriale. Avere capacità di coordinamento tra realtà interne ed esterne alla scuola. Saper rilevare i bisogni rispetto alle varie aree di intervento. COMPETENZE SPECIFICHE Saper individuare gli elementi di continuità tra i diversi ordini di scuola. Saper formulare proposte di intervento in risposta ai bisogni evidenziati. Saper cogliere i bisogni impliciti nei casi di disagio anche latente. Saper rielaborare il materiale prodotto per la creazione di database. Saper leggere i dati raccolti, analizzarli e documentarli tramite grafici, interpretazioni e report, oltre che brevi schede illustrative da poter utilizzare sia per la comunicazione interna documentazione POF- sia per la comunicazione esterna visibilità dell IC Milano Spiga nel territorio e comunicazione efficace con le famiglie e gli studenti. Saper cogliere le esigenze di formazione. Saper stabilire contatti tra l organizzazione scolastica e le varie agenzie di formazione. MODALITÀ ORGANIZZATIVE FORME DI COORDINAMENTO Verranno attuate forme di collegamento tra: A) Dirigente scolastico e istituzioni: Università, Regione, Comune, Provincia, USRLombardia, UST, oltre che Enti, Associazioni, Centri, Fondazioni, ecc. B) Staff e staff + A C) Staff allargato D) Componenti Staff e Commissione/commissioni di scuola In caso di utilità vi saranno incontri tra le componenti interessate indicate nei sopracitati punti MODALITÀ DI CIRCOLAZIONE DELLE INFORMAZIONI E DELLE COMUNICAZIONI Le informazioni potranno essere diffuse attraverso i seguenti canali: -affissione dei progetti in appositi spazi \ bacheche in ogni istituto -pubblicazione delle esperienze effettuate all interno delle singole aree tematiche, sul sito internet delle scuole -uso della posta elettronica -incontri collegiali periodici (tra le componenti indicati nei punti A,B,C,D,E per la definizione dell avanzamento del progetto in caso ritenuto opportuno o necessario. MODALITÀ DI PRODUZIONE E CIRCOLAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE Per facilitare la diffusione dei lavori si procederà attraverso le seguenti operazioni: -verbali degli incontri -assemblaggio del materiale prodotto sia in formato digitale per la pubblicazione sul sito internet della scuola e sul giornale d istituto, sia in formato cartaceo per l uso individualizzato -eventuale raccolta dei materiali didattico-formativi prodotti da docenti e\o alunni per eventuali partecipazioni a concorsi e utile per l allestimento di mostre didattiche all interno delle scuole.

7 INIZIATIVE PER LA CONDIVISIONE E LA PARTECIPAZIONE COLLEGIALE Verranno realizzati incontri tra le componenti per elaborare le linee di sviluppo e assumere le decisioni finali. Sarà coinvolto il Collegio docenti per le decisioni di competenza e per la diffusione del percorso. Attivati Giunta esecutiva e Consiglio d secondo quanto previsto. RAPPORTI CON L ESTERNO E COLLABORAZIONI Il progetto, nella sua prospettiva di sviluppo, potrà prevedere forme di collaborazione con vari profili professionali, istituzioni e soggetti. Si individueranno di volta in volta le forme più opportune di collaborazione con i seguenti soggetti: USRLombardia Ufficio Scolastico territoriale di Milano Enti Locali Università, Questura, Regione, Provincia, Comune: assessorati competenti Enti Formativi qualificati, Associazioni, Cooperative, Centri e fondazioni,privato sociale Verranno di volta in volta stabilite le più efficaci modalità organizzative. DESTINATARI a cui si rivolge n. alunni n. 70 classi 4 X Scuola primaria via della Spiga X Scuola primaria bastioni di Porta Nuova Scuola secondaria di primo grado via S. Spirito Scuola secondaria di primo grado via Solferino REPERIMENTO DELLE RISORSE Ci si avvarrà di tutte le possibili forme vigenti di reperimento delle risorse finanziarie e strutturali necessarie per la realizzazione dei progetti. Per i costi del progetto si rinvia alla Scheda costi progetto. Lo STAFF Nome Cognome Dirigente scolastico Armida Sabbatini Docente collaboratrice Irene Locatelli Docenti referenti di plesso Plesso primaria Spiga Monica Giovanetti Plesso primaria Bastioni di Porta Sonia Mogavero Nuova Rosella Ciapparelli Plesso secondaria I Santo Spirito Maria Teruzzi Plesso secondaria I Solferino Stefano Valle Anna Maria De Luca Firma Il dirigente scolastico dr.ssa Armida Sabbatini

8 PROGETTO: SCHEDA COSTI SPESE ATTREZZATURE/MATERIALE TIPOLOGIA NUMERO MODALITA (1) COSTO IVA INCLUSA COSTO TOTALE LORDO Notebook acer exstensa 2 acquisto Videoproiettore EPSON EB-X02 acquisto TOTALE 919 (1) Indicare se trattasi di acquisto/noleggio/leasing. PROGETTO: SCHEDA COSTI SPESE ATTREZZATURE/MATERIALE TIPOLOGIA NUMERO MODALITA (1) COSTO IVA INCLUSA (costo unitario) COSTO TOTALE LORDO Materiale di facile consumo: - risme carta A4 80 gr. 5 acquisto risme carta A3 80 gr. 5 acquisto toner 8 acquisto Pc e monitor (cfr. specifiche 4 acquisto base sotto riportate) Notebook acer exstensa acquisto (cfr. specifiche base sotto riportate) Consegna, installazione, 4 acquisto 30 (per macchina) 120 configurazione (per macchina) Estensione geranzia (36 mesi 4 acquisto 80 (per macchina) 320 onsite) Videoproiettore lim 2 acquisto TOTALE (1) Indicare se trattasi di acquisto/noleggio/leasing.

9 SCHEDA MADRE MB ASROCK H55M-LE SKT1156 H55 VGA MATX CPU CPU INTEL CORE I GHZ DMI 2.5GT/S SKT1156 4MB HARD DISK HDD WD 500GB 7200RPM SATA II 16MB CAVIAR BLUE CABINET CASE STARTUP MINI ATX 500W TASTIERA E MOUSE TASTIERA LOGITECH DELUXE 250 PS2 BLACK OEM + TASTIERA MULTIMEDIALE + MOUSE LOGITECH RX250 OPTICAL USB+PS2 BLACK OEM MASTERIZZATORE MASTERIZZATORE DVD LG INTERNO 22X SATA BULK BLACK SCHEDA AUDIO INTEGRATA RAM DDR3 KINGSTON 4GB 1333MHZ NON-ECC CL9 CARD READER CARD READER INTERNO 3,5"USB2. SOFTWARE MICROSOFT WINDOWS 7 PROFESSIONAL 64BIT SP1 OEM ITA SCHEDA VIDEO SVGA ASUS EN8400GT/DI512 SCHEDA RETE INTEGRATA SOFTWARE MICROSOFT WINDOWS 7 PROFESSIONAL 64BIT SP1 OEM ITA MONITOR LCD 20 CARATTERISTICHE: MONITOR ASUS LCD 20" WIDE 5MS 16:9 1600X :1 DSUB 90LM C NOTEBOOK ACER EXSTENSA 5635 CARATTERISTICHE: Tecnologia: Core 2 Duo Velocità di clock: 2,100 GHz RAM Installata: 2 GB Dimensione Totale Supporti: 250 GB Dimensioni: 15,600 " S.O.: Windows 7 Versione S.O.: Professional (anche, Aspire 5750g, con processore i5 e tutto il resto della configurazione in linea con la potenza dell' Hyper Core) o comunque altro notebook con caratteristiche tecniche non inferiori. Alle spese indicate si aggiungono ulteriori voci, non quantificate in questa scheda finanziaria, che si declinano come meglio di seguito specificato: - spese personale che saranno a carico dell IC Milano Spiga nell ambito del FIS (fondo istituzione scolastica) - spese di gestione (escluse le spese per interventi strutturali, di ammortamento, mutui e manutenzione straordinaria) che prevedono assistenza specialistica informatica, manutenzione ordinaria. Il Direttore S.G.A. dr. Antonio Balotta Il Dirigente Scolastico dr.ssa Armida Sabbatini

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 -

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Dal 1 maggio al 31 ottobre 2015 Milano ospiterà l Esposizione Universale dal tema Nutrire il Pianeta, Energia per

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 -

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - L esposizione universale è, per eccellenza, il luogo delle visioni del futuro. Nutrire il pianeta, Energia per la vita è l invito

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci

RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci di Sorbolo-Mezzani a.s. 2013-2014 PREMESSA Essere alfabetizzati nella nostra lingua costituisce un buon indicatore,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Prot. N. 3156/B33 Crema, 24 Novembre 2014

Prot. N. 3156/B33 Crema, 24 Novembre 2014 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Crema Uno Via Borgo S.Pietro 8-26013 Crema (CR) Tel. 0373-256238 Fax 0373-250556 E-mail ufficio: segreteriacircolo1@libero.it

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Mod B (art. 2 c. 6) SCHEDA ILLUSTRATIVA FINANZIARIA Esercizio finanziario 2015. Progetto/attività A A01 Funzionamento amministrativo generale ENTRATE

Mod B (art. 2 c. 6) SCHEDA ILLUSTRATIVA FINANZIARIA Esercizio finanziario 2015. Progetto/attività A A01 Funzionamento amministrativo generale ENTRATE A A01 Funzionamento amministrativo generale Aggr. Voce Sotto voce ENTRATE 01 Avanzo di amministrazione presunto 31.551,42 01 Non vincolato 30.426,92 02 Vincolato 1.124,50 02 Finanziamenti dello Stato 52.872,58

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

1 O. NEURATH, Il viaggio

1 O. NEURATH, Il viaggio ...Siamo come dei marinai che debbono ricostruire la loro nave in mare aperto... Essi possono usare il legname della vecchia struttura per modificare lo scheletro e il fasciame dell'imbarcazione, ma non

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3

FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3 PIANO DI LAVORO FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3 Sostegno agli alunni, accoglienza, obbligo scolastico e obbligo formativo Proff. Francesco Paolo Calvaruso e Rosmery Inzerra A.S. 2013/14 Premessa generale Alle

Dettagli

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI Prot. Nr 11636 Vicenza, 25 settembre 2013 Cat.E8 Ai Sigg. Dirigenti Scolastici degli Istituti Superiori di II grado Statali e Paritari della Provincia di Vicenza e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO 1 INTRODUZIONE Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. Lo schema proposto di seguito è stato sviluppato nell ambito del progetto Miglioramento delle performance

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti. Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico

Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti. Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico Procedura per sottoscrivere la partecipazione Il professionista sanitario che voglia

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Concorso per gli studenti delle scuole dell infanzia e della primaria LE COSE CAMBIANO SE

Concorso per gli studenti delle scuole dell infanzia e della primaria LE COSE CAMBIANO SE Concorso per gli studenti delle scuole dell infanzia e della primaria LE COSE CAMBIANO SE Art. 1 Finalità Il Ministero dell Istruzione, e il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

RELAZIONE a.s. 2009-10

RELAZIONE a.s. 2009-10 per l'innovazione scolastica e l'handicap "Mario Tortello RELAZIONE a.s. 2009-10 a.s. 2009-10 Ampliamento patrimonio librario Aggiornamento sito Seminario Alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli