Ministero Istruzione Università e Ricerca ICS Milano-Spiga MIIC8BD00X Via Santo Spirito MILANO Tel: Fax:

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ministero Istruzione Università e Ricerca ICS Milano-Spiga MIIC8BD00X Via Santo Spirito 21-20121 MILANO Tel: 02 8844 6233 Fax: 02 76005180"

Transcript

1 Titolo progetto GENERAZIONI PER MANO PREMESSA La società civile è sempre più consapevole delle problematiche legate alla vecchiaia: il 2012 Anno europeo dell'invecchiamento attivo e della solidarietà tra le generazioni. Invecchiamento attivo significa dare agli anziani la possibilità di: restare occupati e condividere la loro esperienza continuare a svolgere un ruolo attivo nella società vivere nel modo più sano e gratificante possibile. Solidarietà tra le generazioni significa valorizzare il ruolo degli anziani nella società, considerandoli depositari di valori, conoscenze ed esperienze. Con il presente progetto, L ICS Milano-Spiga, cogliendo la proposta europea, si prefigge lo scopo di contribuire a superare i luoghi comuni e gli stereotipi favorendo il dialogo e la cooperazione fra generazioni. IL PERCORSO \ PROCESSO Attraverso contatti periodici concordati saranno stabilite iniziative comuni con gli ospiti della Casa di Riposo per Musicisti di Milano finalizzate al conseguimento dei seguenti OBIETTIVI GENERALI sviluppare la capacità di interazione sociale in diversi contesti ed ambiti; comprendere la funzione ed il significato dello stare in una comunità sociale; valorizzare le diversità, per un reciproco arricchimento. OBIETTIVI SPECIFICI acquisire e/o potenziare le capacità di socializzazione e cooperazione; porsi in uno stato di disponibilità nei confronti dell'altro; migliorare ed integrare maggiormente i rapporti intra ed inter-generazionali maturare la consapevolezza che le persone anziane sono una risorsa per tutta la società percepire l anziano come depositario di valori, conoscenze, esperienze e tradizioni

2 costruire con l aiuto delle generazioni precedenti la propria identità come presa di coscienza della realtà culturale in cui i bambini vivono cogliere i bisogni materiali e relazionali dell anziano comunicare esperienze, emozioni, stati d'animo in modo efficace e creativo, utilizzando diversi codici espressivi. TAPPE DEL PERCORSO E METODOLOGIA DI LAVORO Per l area individuata sono significative le seguenti tappe: rilevazione dei bisogni, individuazione finalità e obiettivi, selezione obiettivi prioritari, definizione delle azioni, reperimento di risorse, individuazione degli indicatori di qualità, autovalutazione e valutazione del percorso e dei risultati, tesaurizzazione dei risultati, scrittura delle buone pratiche per ricaduta in termini di efficacia nell organizzazione (IC Milano Spiga, in particolare nel Collegio Docenti congiunto Scuola primaria e Scuola secondaria di primo grado, in una logica di alleanza tra segmenti formativi) e per trasferibilità delle esperienze positive, rendicontazione sociale e diffusione dei risultati. MODALITÀ ORGANIZZATIVE DI REALIZZAZIONE DEL PROGETTO Il progetto si svilupperà negli anni scolastici e L avvio del progetto nel anno scolastico servirà per rispondere tempestivamente ad alcune esigenzeemergenze che legittimano il progetto stesso, potendo contare sullo sviluppo nella sua fase compiuta a partire dall a.s , con verifica e valutazione dell efficacia degli interventi per implementarlo negli anni successivi. Nel corso dell anno si svolgeranno alcune azioni, concordate con lo staff, struttura efficace e funzionale alla gestione condivisa della politica scolastica dell I.C. Milano Spiga e volta a garantire l attuazione e rendicontazione del Piano dell Offerta Formativa (POF). Di seguito si riporta lo schema dello staff. A Staff = A DIRIGENTE SCOLASTICO: Armida Sabbatini DOCENTE COLLABORATRICE (vicaria): Irene Locatelli DOCENTI REFERENTI DI PLESSO Plesso primaria Spiga Monica Giovanetti Sonia Mogavero Plesso primaria Bastioni di Porta Nuova Rosella Ciapparelli

3 B C D E Ministero Istruzione Università e Ricerca Via Santo Spirito MILANO Tel: Fax: Plesso secondaria I Santo Spirito Maria Teruzzi Anna Maria De Luca Plesso secondaria I Solferino Stefano Valle Staff allargato = A + B FUNZIONI STRUMENTALI AL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Funzione strumentale Integrazione disabili e bisogni speciali Giuliano Guidone Area 2 e 3 Funzione strumentale Intercultura Silvia Pizzocaro Area 2 e 3 Funzione strumentale Continuità Accoglienza Orientamento Anna Maria Saggin Area 2 e 3 Funzione strumentale Valutazione Anna Maria De Luca Area 2 e 3 Diana Nasini Funzione strumentale Coordinamento Sperimentazioni Scientifiche Pietro Reina Area 2 e 3 REFERENTI COMMISSIONI / GRUPPI DI LAVORO Le commissioni costituite mettono in circolo nuove competenze professionali con tre immediati obiettivi: - diffusione della leadership e aumento deleghe di responsabilità, - crescita del gruppo Docenti, protagonista di scelte condivise, - partecipazione democratica diffusa e attiva del personale alla costruzione, attuazione, monitoraggio, valutazione e - sviluppo del POF, della messa a sistema delle buone pratiche già esistenti e di messa in atto di pratiche innovative PRESIDENTI DI INTERCLASSE SCUOLE PRIMARIE Classe Plesso Spiga Plesso Bastioni di Porta Nuova 1^ Giovanna Zapparoli Susanna De Benedetti 2^ Monica Giovanetti Maria Felicia De Martino 3^ Rosa Fonti Patrizia Lambertenghi 4^ Manuela Leoni Rosella Ciapparelli 5^ Rosanna Bruno Silvia Damiani COORDINATORI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Plesso Santo Spirito Plesso Solferino 1^ A Anna Maria Saggin 1^ B Ilaria Starz 2^ A Iolanda Belperio 2^ B Diana Nasini 3^ A Maria Teruzzi 3^ B Annamaria Trebo 1^ D Giuseppina Conti 1^ E Pietro Reina 1^ F Iride Ceruti 1^ C Irene Locatelli 2^ D Marina Burba 2^ E Anna Maria De Luca 2^ F Flora Macoratti 2^ G Lucia Burgo 3^ D Fabrizio Spaggiari 3^ E Francesca Carmicino 3^ F Gemma Ronchetti 3^ G Irene Locatelli Lo staff è una indispensabile risorsa per una promozione e gestione condivisa dei processi qualificanti la realizzazione del POF. Ciò anche in ragione della opportunità di costruire insieme una complessità di azioni volte a meglio qualificare ciascun segmento formativo dei processi e a instaurare una rete di contatti con l esterno per consentire la piena realizzazione delle tappe individuate. Sarà pertanto necessario seguire con cura anche la fase di diffusione e tesaurizzazione dei risultati, al fine di costituire una struttura efficace per la ripetitività e trasferibilità delle esperienze e la messa a sistema delle buone pratiche esistenti o innovate e promosse. PERCORSO DI LAVORO DEL PROGETTO FINALITÀ - Costituire, nell ottica del raggiungimento del pieno successo formativo, un modello interistituzionale integrato con le risorse presenti nel territorio in grado di: - agire per una graduale riduzione delle variabili che generano i fenomeni del disagio; - rispondere in modo sempre più qualificato ai bisogni specifici e/o a nuovi bisogni emergenti, in una dimensione europea e planetaria;

4 - promuovere benessere psico-fisico, requisito fondamentale per - far crescere gli studenti come cittadini responsabili e per - consentire un apprendimento efficace. OBIETTIVI PRIORITARI \ AZIONI \ ATTIVITÀ 1 Documentare e rendere facilmente fruibili a tutti i soggetti interessati (scolastici Documentazione e conoscenza reciproca per valorizzazione di Esperienze e Progetti sul tema del progetto GENERAZIONI PER MANO in atto nelle Scuole dell IC Milano Spiga. e non) le varie esperienze qualificate in atto nella scuola Visibilità attraverso il sito internet della scuola, il giornale di scuola e altri canali comunicativi. 2 Individuare e implementare strategie di insegnamento-apprendimento per gli alunni 3 Realizzare un azione di studio-ricerca per progettare percorsi formativi didattico\ educativi efficaci, avvalendosi di specifici corsi di formazione\ aggiornamento Metodologie didattiche e curricoli Il presente progetto ha carattere interdisciplinare e riguarda le aree linguistica-espressiva, antropologica, le scienze motorie e le educazioni all affettività e ai valori Il lavoro, della durata dell intero anno scolastico, prevede: attività da far svolgere ai bambini con la sola presenza delle insegnanti attività da svolgersi con la presenza di persone anziane disponibili (per queste attività si intende prendere contatti con la Casa di Riposo per Musicisti G. Verdi di Milano ATTIVITA 1. Produzione di disegni e testi inerenti al mondo degli anziani 2. Ricerca e memorizzazione di canti, filastrocche e proverbi 3. Racconto da parte dei nonni di modi di vita e tradizioni nella loro infanzia 4. Racconto dei nonni di avvenimenti storici di cui sono stati diretti testimoni 5. Raccolta delle testimonianze dei nonni utilizzando le moderne tecnologie 6. Realizzazione di un prodotto multimediale con immagini e suoni utili per lo svolgimento di attività didattiche interattive e lavoro collaborativo. In tal modo, la regia dei docenti consentirà di rendere sempre più motivanti e coinvolgenti le attività programmate e condotte con l arricchimento del confronto tra generazioni 7. Giornata dedicata a giochi tra presente e passato. A conclusione dell intero percorso, sarà allestito uno spettacolo teatrale, ideato e interpretato dai bambini e dai nonni (che cureranno anche la realizzazione delle scenografie e dei costumi) delle classi proponenti il progetto. Per la parte musicale ci si avvarrà della consulenza della Civica Scuola di Musica di Milano, per le coreografie si contatteranno coreografe esterne. Lo spettacolo sarà proposto alle famiglie al termine dell anno scolastico. 4 Integrare il progetto con i vari interventi previsti nel curricolo formativo per farlo rientrare a pieno titolo nell attività didattica-educativa di classe 5 Integrare e ottimizzare, in un ottica territoriale e in continuità con il percorso effettuato, i vari interventi attivabili da parte dei soggetti istituzionali che collaboreranno e di altri Enti, Associazioni, ecc., con l utilizzo integrato delle varie figure professionali individuate e individuabili

5 6 Favorire la conoscenza della specifica letteratura di riferimento e normativa vigente in materia, legata al percorso scolastico delle scuole dell IC Milano Spiga 7 Conoscere nuovi siti internet che si occupano della specifica materia e favorire una navigazione mirata 8 Favorire il raccordo con USRLombardia, UST, Enti Locali, Università e Associazioni varie: Casa di Riposo per Musicisti G. Verdi di Milano e Civica Scuola di Musica di Milano RISORSE Umane Monica Giovanetti per il plesso di via delle Spiga Rosella Ciapparelli per il plesso di Bastioni Porta Nuova Finanziarie - Fondo dell istituzione scolastica per il riconoscimento delle ore di partecipazione agli incontri di Commissione Strutturali - Sito internet della scuola Milano-Spiga - Eventuali link ad altri siti internet dei soggetti partner Indicatori quantitativi Indicatori qualitativi INDICATORI DI QUALITÀ - Numero di docenti coinvolti nella progettualità nelle classi - Numero di contatti con il sito internet di scuola - Numero di partecipanti ai percorsi formativi - Organizzazione di eventuali iniziative culturali rivolte al territorio - Implementazione del processo di conoscenza e documentazione delle esperienze in atto tra i vari soggetti delle partnership attivate, - Documentazione delle esperienze scolastiche dell IC Milano Spiga AUTOVALUTAZIONE 1. - livello di partecipazione ai lavori di gruppo 2. - effettiva realizzazione del percorso progettato 3. - utilità, soddisfazione ed efficacia rilevata dai fruitori 4. - individuazione di punti di forza e di criticità e sulla scorta di questi progettazioni percorsi di miglioramento VALUTAZIONE DEL PERCORSO 1. - questionario interno all istituzione scolastica 2. - questionari di rilevazione soddisfazione corsi formativi realizzati 3. - questionari di valutazione del percorso da parte delle varie componenti 4. - analisi dei dati, interpretazione e restituzione 5. - individuazione di punti di forza e di criticità e sulla scorta di questi progettazioni percorsi di miglioramento PROFILO DI COMPETENZE PROFESSIONALI NECESSARIO ALLA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI PREVISTI Le competenze professionali necessarie alla realizzazione delle attività previste sono le seguenti: COMPETENZE GENERALI Saper mantenere contatti e collegamenti tra docenti che operano nella stessa area.

6 Saper assumere informazioni sulla realtà territoriale. Avere capacità di coordinamento tra realtà interne ed esterne alla scuola. Saper rilevare i bisogni rispetto alle varie aree di intervento. COMPETENZE SPECIFICHE Saper individuare gli elementi di continuità tra i diversi ordini di scuola. Saper formulare proposte di intervento in risposta ai bisogni evidenziati. Saper cogliere i bisogni impliciti nei casi di disagio anche latente. Saper rielaborare il materiale prodotto per la creazione di database. Saper leggere i dati raccolti, analizzarli e documentarli tramite grafici, interpretazioni e report, oltre che brevi schede illustrative da poter utilizzare sia per la comunicazione interna documentazione POF- sia per la comunicazione esterna visibilità dell IC Milano Spiga nel territorio e comunicazione efficace con le famiglie e gli studenti. Saper cogliere le esigenze di formazione. Saper stabilire contatti tra l organizzazione scolastica e le varie agenzie di formazione. MODALITÀ ORGANIZZATIVE FORME DI COORDINAMENTO Verranno attuate forme di collegamento tra: A) Dirigente scolastico e istituzioni: Università, Regione, Comune, Provincia, USRLombardia, UST, oltre che Enti, Associazioni, Centri, Fondazioni, ecc. B) Staff e staff + A C) Staff allargato D) Componenti Staff e Commissione/commissioni di scuola In caso di utilità vi saranno incontri tra le componenti interessate indicate nei sopracitati punti MODALITÀ DI CIRCOLAZIONE DELLE INFORMAZIONI E DELLE COMUNICAZIONI Le informazioni potranno essere diffuse attraverso i seguenti canali: -affissione dei progetti in appositi spazi \ bacheche in ogni istituto -pubblicazione delle esperienze effettuate all interno delle singole aree tematiche, sul sito internet delle scuole -uso della posta elettronica -incontri collegiali periodici (tra le componenti indicati nei punti A,B,C,D,E per la definizione dell avanzamento del progetto in caso ritenuto opportuno o necessario. MODALITÀ DI PRODUZIONE E CIRCOLAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE Per facilitare la diffusione dei lavori si procederà attraverso le seguenti operazioni: -verbali degli incontri -assemblaggio del materiale prodotto sia in formato digitale per la pubblicazione sul sito internet della scuola e sul giornale d istituto, sia in formato cartaceo per l uso individualizzato -eventuale raccolta dei materiali didattico-formativi prodotti da docenti e\o alunni per eventuali partecipazioni a concorsi e utile per l allestimento di mostre didattiche all interno delle scuole.

7 INIZIATIVE PER LA CONDIVISIONE E LA PARTECIPAZIONE COLLEGIALE Verranno realizzati incontri tra le componenti per elaborare le linee di sviluppo e assumere le decisioni finali. Sarà coinvolto il Collegio docenti per le decisioni di competenza e per la diffusione del percorso. Attivati Giunta esecutiva e Consiglio d secondo quanto previsto. RAPPORTI CON L ESTERNO E COLLABORAZIONI Il progetto, nella sua prospettiva di sviluppo, potrà prevedere forme di collaborazione con vari profili professionali, istituzioni e soggetti. Si individueranno di volta in volta le forme più opportune di collaborazione con i seguenti soggetti: USRLombardia Ufficio Scolastico territoriale di Milano Enti Locali Università, Questura, Regione, Provincia, Comune: assessorati competenti Enti Formativi qualificati, Associazioni, Cooperative, Centri e fondazioni,privato sociale Verranno di volta in volta stabilite le più efficaci modalità organizzative. DESTINATARI a cui si rivolge n. alunni n. 70 classi 4 X Scuola primaria via della Spiga X Scuola primaria bastioni di Porta Nuova Scuola secondaria di primo grado via S. Spirito Scuola secondaria di primo grado via Solferino REPERIMENTO DELLE RISORSE Ci si avvarrà di tutte le possibili forme vigenti di reperimento delle risorse finanziarie e strutturali necessarie per la realizzazione dei progetti. Per i costi del progetto si rinvia alla Scheda costi progetto. Lo STAFF Nome Cognome Dirigente scolastico Armida Sabbatini Docente collaboratrice Irene Locatelli Docenti referenti di plesso Plesso primaria Spiga Monica Giovanetti Plesso primaria Bastioni di Porta Sonia Mogavero Nuova Rosella Ciapparelli Plesso secondaria I Santo Spirito Maria Teruzzi Plesso secondaria I Solferino Stefano Valle Anna Maria De Luca Firma Il dirigente scolastico dr.ssa Armida Sabbatini

8 PROGETTO: SCHEDA COSTI SPESE ATTREZZATURE/MATERIALE TIPOLOGIA NUMERO MODALITA (1) COSTO IVA INCLUSA COSTO TOTALE LORDO Notebook acer exstensa 2 acquisto Videoproiettore EPSON EB-X02 acquisto TOTALE 919 (1) Indicare se trattasi di acquisto/noleggio/leasing. PROGETTO: SCHEDA COSTI SPESE ATTREZZATURE/MATERIALE TIPOLOGIA NUMERO MODALITA (1) COSTO IVA INCLUSA (costo unitario) COSTO TOTALE LORDO Materiale di facile consumo: - risme carta A4 80 gr. 5 acquisto risme carta A3 80 gr. 5 acquisto toner 8 acquisto Pc e monitor (cfr. specifiche 4 acquisto base sotto riportate) Notebook acer exstensa acquisto (cfr. specifiche base sotto riportate) Consegna, installazione, 4 acquisto 30 (per macchina) 120 configurazione (per macchina) Estensione geranzia (36 mesi 4 acquisto 80 (per macchina) 320 onsite) Videoproiettore lim 2 acquisto TOTALE (1) Indicare se trattasi di acquisto/noleggio/leasing.

9 SCHEDA MADRE MB ASROCK H55M-LE SKT1156 H55 VGA MATX CPU CPU INTEL CORE I GHZ DMI 2.5GT/S SKT1156 4MB HARD DISK HDD WD 500GB 7200RPM SATA II 16MB CAVIAR BLUE CABINET CASE STARTUP MINI ATX 500W TASTIERA E MOUSE TASTIERA LOGITECH DELUXE 250 PS2 BLACK OEM + TASTIERA MULTIMEDIALE + MOUSE LOGITECH RX250 OPTICAL USB+PS2 BLACK OEM MASTERIZZATORE MASTERIZZATORE DVD LG INTERNO 22X SATA BULK BLACK SCHEDA AUDIO INTEGRATA RAM DDR3 KINGSTON 4GB 1333MHZ NON-ECC CL9 CARD READER CARD READER INTERNO 3,5"USB2. SOFTWARE MICROSOFT WINDOWS 7 PROFESSIONAL 64BIT SP1 OEM ITA SCHEDA VIDEO SVGA ASUS EN8400GT/DI512 SCHEDA RETE INTEGRATA SOFTWARE MICROSOFT WINDOWS 7 PROFESSIONAL 64BIT SP1 OEM ITA MONITOR LCD 20 CARATTERISTICHE: MONITOR ASUS LCD 20" WIDE 5MS 16:9 1600X :1 DSUB 90LM C NOTEBOOK ACER EXSTENSA 5635 CARATTERISTICHE: Tecnologia: Core 2 Duo Velocità di clock: 2,100 GHz RAM Installata: 2 GB Dimensione Totale Supporti: 250 GB Dimensioni: 15,600 " S.O.: Windows 7 Versione S.O.: Professional (anche, Aspire 5750g, con processore i5 e tutto il resto della configurazione in linea con la potenza dell' Hyper Core) o comunque altro notebook con caratteristiche tecniche non inferiori. Alle spese indicate si aggiungono ulteriori voci, non quantificate in questa scheda finanziaria, che si declinano come meglio di seguito specificato: - spese personale che saranno a carico dell IC Milano Spiga nell ambito del FIS (fondo istituzione scolastica) - spese di gestione (escluse le spese per interventi strutturali, di ammortamento, mutui e manutenzione straordinaria) che prevedono assistenza specialistica informatica, manutenzione ordinaria. Il Direttore S.G.A. dr. Antonio Balotta Il Dirigente Scolastico dr.ssa Armida Sabbatini

INTERCULTURA - ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI

INTERCULTURA - ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI INTERCULTURA - ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI PREMESSA L I.C.S. Milano Spiga per adeguarsi alla realtà multiculturale della società, ha dedicato alle specifiche esigenze dell Intercultura una Funzione

Dettagli

Ministero Istruzione Università e Ricerca ICS Milano-Spiga MIIC8BD00X Via Santo Spirito 21-20121 MILANO Tel: 02 8844 6233 Fax: 02 76005180

Ministero Istruzione Università e Ricerca ICS Milano-Spiga MIIC8BD00X Via Santo Spirito 21-20121 MILANO Tel: 02 8844 6233 Fax: 02 76005180 Titolo progetto P.e.r.l.e. a.r.t.i.s.t.i.c.h.e. Spiga, Santo Spirito, Porta Nuova, Solferino Percorsi di progettazione partecipata per bambini della scuola primaria e ragazzi scuola secondaria di primo

Dettagli

Ministero Istruzione Università e Ricerca ICS Milano-Spiga MIIC8BD00X Via Santo Spirito 21-20121 MILANO Tel: 02 8844 6233 Fax: 02 76005180

Ministero Istruzione Università e Ricerca ICS Milano-Spiga MIIC8BD00X Via Santo Spirito 21-20121 MILANO Tel: 02 8844 6233 Fax: 02 76005180 Titolo progetto Quotidiano@classe PREMESSA La legge 170/2010 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico tra le sue finalità a sostegno degli alunni con DSA, vuole

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia PROGETTO CONTINUITÀ Anno scolastico 2015/2016 Docente referente: Franzosi Flavia PREMESSA Motivazione del Progetto La continuità nasce dall'esigenza primaria di garantire il diritto dell'alunno a un percorso

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità Istituto Comprensivo Statale Lorenzo Bartolini di Vaiano Piano dell Offerta Formativa Scheda di progetto Progetto 5 Formazione, discipline e continuità I momenti dedicati all aggiornamento e all autoaggiornamento

Dettagli

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE CENTRO DI ALFABETIZZAZIONE IN ITALIANO L2 Istituto Comprensivo C. Angiolieri Siena Centro di Alfabetizzazione Italiano L2 C. Angiolieri Scuola Secondaria di II grado Scuola Secondaria di I grado Scuola

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO Prof. Paola Perrone PREMESSA Nell attuale contesto storico, che ha acquisito la tematica europea dell orientamento lungo

Dettagli

Progetto. A.S. 2015/2016 Scuola secondaria di primo grado. Sedi di Simaxis, Solarussa, Ollastra, Villaurbana e Zerfaliu

Progetto. A.S. 2015/2016 Scuola secondaria di primo grado. Sedi di Simaxis, Solarussa, Ollastra, Villaurbana e Zerfaliu ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SIMAXIS -VILLAURBANA DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO VIA ROMA, 2-09088 SIMAXIS (OR) - Tel. 0783 405013/Fax 0783 406452 C.F. 80005050952 - E-Mail

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE R. MAGIOTTI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE R. MAGIOTTI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE R. MAGIOTTI Via F.lli Rosselli n. 4-52025 Montevarchi (AR ) e-mail: aric834004@istruzione.it - aric834004@pec.it http://www.magiotti-mv.it/ Tel. e Fax. 055/9102637-055/9102704

Dettagli

Piano annuale dell attività di Aggiornamento e Formazione Personale Docente

Piano annuale dell attività di Aggiornamento e Formazione Personale Docente ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "ANTONIO GRAMSCI" Albano/Pavona ANNO SCOLASTICO 2014/15 Piano annuale dell attività di Aggiornamento e Formazione Personale Docente PREMESSA La formazione e l aggiornamento

Dettagli

Sviluppo del percorso

Sviluppo del percorso Ministero Pubblica Istruzione Titolo sintetico del progetto: I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca SCHEDA DI PROGETTO Regione PIEMONTE NUOVE TECNOLOGIE:

Dettagli

Scheda - progetto. per l elaborazione del POF A) RISORSE UMANE

Scheda - progetto. per l elaborazione del POF A) RISORSE UMANE 1 Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio LICEO SCIENTIFICO STATALE A. LABRIOLA Codice meccanografico - RMPS 010004 Codice Fiscale 80222130587 Scheda -

Dettagli

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000;

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000; PROTOCOLLO D INTESA PROGRAMMA DI ASSISTENZA SPECIALISTICA A SUPPORTO DELL INTEGRAZIONE SCOLASTICA E SOCIALE DEGLI ALUNNI SORDI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA Richiamata la funzione attribuita alla Provincia

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PROGETTARE E VALUTARE PER COMPETENZE. RIFERIMENTI NORMATIVI SU INDICAZIONI E VALUTAZIONE

CORSO DI FORMAZIONE PROGETTARE E VALUTARE PER COMPETENZE. RIFERIMENTI NORMATIVI SU INDICAZIONI E VALUTAZIONE CORSO DI FORMAZIONE PROGETTARE E VALUTARE PER COMPETENZE. RIFERIMENTI NORMATIVI SU INDICAZIONI E VALUTAZIONE DIRETTORE DEL CORSO Dirigente Scolastico Dr.ssa Daniela Oliviero ENTE FORMATORE Istituto Benalba

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Scuola _I.C. NOLE CAN.SE (TO) a.s._2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 Il programma annuale è direttamente raccordato al Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) e traduce, in

Dettagli

PROGETTO ALUNNI IMMIGRATI ANNO SCOLASTICO 2010-2011. AREE A FORTE PROCESSO IMMIGRATORIO Art. 9 CCNL Comparto Scuola 2006/09

PROGETTO ALUNNI IMMIGRATI ANNO SCOLASTICO 2010-2011. AREE A FORTE PROCESSO IMMIGRATORIO Art. 9 CCNL Comparto Scuola 2006/09 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TOSCANINI Piazza Trattati di Roma 1957 n.5-21011 CASORATE SEMPIONE (VA) Tel.0331/296182 Fax 0331/295563 E-mail: comprensivocasoratebesnate@ictoscanini.it PROGETTO ALUNNI IMMIGRATI

Dettagli

LA SCUOLA DELL INFANZIA E LA SCUOLA DELL ACCOGLIENZA, DELLA RELAZIONE, DELLA CURA

LA SCUOLA DELL INFANZIA E LA SCUOLA DELL ACCOGLIENZA, DELLA RELAZIONE, DELLA CURA Mirella Pezzin - Marinella Roviglione LA SCUOLA DELL INFANZIA E LA SCUOLA DELL ACCOGLIENZA, DELLA RELAZIONE, DELLA CURA Nelle Indicazioni per il curricolo del 2007, alla sezione Centralità della persona

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI E TURISTICI "L. EINAUDI"

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI E TURISTICI L. EINAUDI PROPOSTA ATTIVITA A.S. 2008-09 M1/PA08 CURRICOLARE EXTRACURRICOLARE ALTRO Titolo del Progetto Accoglienza- Alfabetizzazione,- Educazione interculturale Responsabile del Progetto Prof. ssa Colombo Lidia

Dettagli

Protocollo D Intesa. Tra. L Ufficio Scolastico Regionale Per L Umbria. Il Conservatorio F. Morlacchi di Perugia

Protocollo D Intesa. Tra. L Ufficio Scolastico Regionale Per L Umbria. Il Conservatorio F. Morlacchi di Perugia Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Direzione Regionale Protocollo D Intesa Tra L Ufficio Scolastico Regionale Per L Umbria E Il Conservatorio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA

ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA PROGETTO INFORMATICA: UNPLUGGED ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA Come è noto, l insegnamento della tecnologia/informatica è entrata a far parte del normale curricolo

Dettagli

Funzione Strumentale Nuove Tecnologie

Funzione Strumentale Nuove Tecnologie Funzione Strumentale Nuove Tecnologie Relazione finale giugno 2015 Paola Arduini Obiettivi Informazione e supporto con sessioni specifiche di formazione ai docenti e alle classi che intendono pubblicare

Dettagli

Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LA DIMENSIONE DEL BISOGNO: COMUNICAZIONE E DIVERSITÀ Motivazione dell idea progettuale Il nostro Istituto

Dettagli

AREA 5. RAPPORTI CON ENTI ESTERNI

AREA 5. RAPPORTI CON ENTI ESTERNI A.S. 2014/2015 AREA 1. REVISIONE E GESTIONE DEL POF REVISIONE E GESTIONE DEL POF ATTIVITA INTERNE PER IL POTENZIAMENTO E AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA AREA 2. SERVIZI AL PERSONALE DOCENTE GESTIONE

Dettagli

Realizzato Dall ins. Guadalupi Francesca

Realizzato Dall ins. Guadalupi Francesca Allegato al PTOF dell I.C. Giuseppe Scelsa Realizzato Dall ins. Guadalupi Francesca Premessa L Animatore Digitale individuato in ogni scuola sarà (rif. Prot. n 17791 del 19/11/2015) destinatario di un

Dettagli

Progetto e Concorso nazionale. Articolo 9 della Costituzione. Edizione a.s. 2014-15 BANDO E REGOLAMENTO

Progetto e Concorso nazionale. Articolo 9 della Costituzione. Edizione a.s. 2014-15 BANDO E REGOLAMENTO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE (P.N.S.D.) per il PIANO TRIENNALE OFFERTA FORMATIVA (P.T.O.F.)

PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE (P.N.S.D.) per il PIANO TRIENNALE OFFERTA FORMATIVA (P.T.O.F.) PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE (P.N.S.D.) per il PIANO TRIENNALE OFFERTA FORMATIVA (P.T.O.F.) RUOLO E COMPITI DELL ANIMATORE DIGITALE L animatore digitale è un docente a tempo indeterminato, individuato

Dettagli

Direzione Didattica Statale G. MAZZINI

Direzione Didattica Statale G. MAZZINI Direzione Didattica Statale G. MAZZINI Progetto A.M.I.C.O. Azioni Metodologiche ed Iniziative per la Cooperazione aa.ss. 2014/2015 Sede/i di realizzazione del progetto: Plessi di scuola primaria della

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca MOTIVAZIONI Educativa Metodologica Esistenziale Sociale Ambientale

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca MOTIVAZIONI Educativa Metodologica Esistenziale Sociale Ambientale Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale C. CARMINATI Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado Via Dante 4 21015 - LONATE POZZOLO (VA) Tel 0331/66.81.62

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015

Anno scolastico 2014-2015 DIREZIONE DIDATTICA STATALE 17 CIRCOLO VIA CASTIGLIONE CAGLIARI POF Anno scolastico 2014-2015 VERIFICA E VALUTAZIONE DELLE ATTIVITA Nella cornice educativa delineata si è inserita la MACROPROGETTUALITÀ

Dettagli

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi Area di Riferimento 1 Gestione POF Riscrittura del POF alla luce delle innovazioni normative e dei bisogni formativi attuali, sia interni che del territorio Monitoraggio in itinere dell attuazione del

Dettagli

PROGETTO "Diversità e inclusione"

PROGETTO Diversità e inclusione MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO CERVARO Corso della Repubblica, 23 (Fr) Tel. 0776/367013 - Fax 0776366759 - e-mail:fric843003@istruzione.it

Dettagli

Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA

Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA ALLEGATO A Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA 1. Titolo del progetto NON DIMENTICHIAMO! 2. Dati della scuola Denominazione: ISTITUTO

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Sub 1

AVVISO PUBBLICO Sub 1 AVVISO PUBBLICO Sub 1 Per l'assegnazione di un contributo agli Istituti di Istruzione Secondaria di 2 grado della provincia di Pordenone per la realizzazione di progetti al supporto di giovani studenti

Dettagli

Piano pluriennale di ricerca-azione della Rete S:O.S. sul Curricolo delle competenze di cittadinanza

Piano pluriennale di ricerca-azione della Rete S:O.S. sul Curricolo delle competenze di cittadinanza www.lecito.org info@lecito.org Piano pluriennale di ricerca-azione della Rete S:O.S. sul Curricolo delle competenze di cittadinanza Il Convegno A scuola di Competenze del 29 ottobre 2013 ha avuto una partecipazione

Dettagli

PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ

PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ QUANDO LE SCUOLE SI INCONTRANO CON IL TERRITORIO VITA QUOTIDIANA E STRATEGIE D INTERVENTO PER GLI ALUNNI DISABILI

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola)

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola) QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola) Docente di: scuola infanzia scuola primaria scuola secondaria I Professionalità dei docenti Programmazione e valutazione

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale

Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale Prot. n. 560 Bari, 25 gennaio 2012 Il Dirigente : Anna Cammalleri BANDO per la selezione di proposte progettuali per attività di ricerca azione in rete verticale tra istituti di istruzione secondaria di

Dettagli

PROGETTI IC MILANO SPIGA: ATTUALIZZATI I MAXI PROGETTI E PRESENTATI I NUOVI

PROGETTI IC MILANO SPIGA: ATTUALIZZATI I MAXI PROGETTI E PRESENTATI I NUOVI PROGETTI IC MILANO SPIGA: ATTUALIZZATI I MAXI PROGETTI E PRESENTATI I NUOVI Sono stati attualizzati con la progettazione partecipata i significativi progetti del nostro IC Milano Spiga. Sono stati messi

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTO. Regione..

SCHEDA DI PROGETTO. Regione.. Ministero Pubblica Istruzione Titolo sintetico del progetto: I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca SCHEDA DI PROGETTO Regione.. Scuola Capofila

Dettagli

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PIAZZA MARCONI - VETRALLA P.

Dettagli

SCHEDA PROGETTO DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA (PTOF)

SCHEDA PROGETTO DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA (PTOF) SCHEDA PROGETTO DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA (PTOF) 1.1 Denominazione progetto Indicare denominazione del progetto Il Progetto, denominato Educare con l arte, si articola in due Sezioni :

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

Progetto. a cura di. Massimo Merulla I

Progetto. a cura di. Massimo Merulla I Progetto Poesia Educativa Apprendimento scolastico e Relazione umana attraverso l espressione di sé Laboratorio Intensivo di Scrittura Poetica Creativa a cura di Massimo Merulla I Introduzione Questo laboratorio

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

PIANO DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE DOCENTE E DEL PERSONALE ATA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

PIANO DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE DOCENTE E DEL PERSONALE ATA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PIANO DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE DOCENTE E DEL PERSONALE ATA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Docente responsabile del supporto al lavoro del docente Vincenza Mittica PIANO FORMAZIONE

Dettagli

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia 8.00-16.00 Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari 8.30-16.30 Dal LUN. al VEN.

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia 8.00-16.00 Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari 8.30-16.30 Dal LUN. al VEN. L I.C. è composto dai seguenti plessi: 1 Scuola dell Infanzia San Francesco 4 Scuole primarie: De Amicis, Pasini, Pertile, Rodari 1 Scuola Secondaria di 1 grado Mainardi Orario scolastico a.s. 2015/16

Dettagli

proporre iniziative comuni per realizzare la continuità attraverso le fasi dell accoglienza e la formazione delle classi iniziali;

proporre iniziative comuni per realizzare la continuità attraverso le fasi dell accoglienza e la formazione delle classi iniziali; CONTINUITA' Il concetto di continuità nella scienza educativa, si riferisce a uno sviluppo e a una crescita dell individuo che si realizza senza macroscopici salti o incidenti. La continuità nasce dall

Dettagli

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA QUESTIONARIO DOCENTI Gentile docente, Le chiediamo di esprimere la sua opinione su alcuni aspetti della vita scolastica e sul funzionamento della scuola nella quale attualmente lavora. Le risposte che

Dettagli

FORMAZIONE in ingresso per i docenti neoassunti Sperimentare un modello innovativo per l anno di prova

FORMAZIONE in ingresso per i docenti neoassunti Sperimentare un modello innovativo per l anno di prova MIUR USR per le Marche Ufficio V, Ambito Territoriale di AP/FM FORMAZIONE in ingresso per i docenti neoassunti Sperimentare un modello innovativo per l anno di prova Primo Incontro 14 aprile 2015 Ufficio

Dettagli

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA N. 19 DEL 4 NOVEMBRE 2009) Il Consiglio regionale

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO Premessa Nel mese di settembre 2015 si è conclusa la fase di autovalutazione di Istituto con la pubblicazione del Rapporto di Autovalutazione consultabile sul sito dell Istituto

Dettagli

LA COMPLESSITA COME FORZA MOTRICE DELLA SCUOLA

LA COMPLESSITA COME FORZA MOTRICE DELLA SCUOLA LA COMPLESSITA COME FORZA MOTRICE DELLA SCUOLA LE RAGIONI DEL CONFLITTO di Giovanna Strano All inizio dell anno scolastico, nella fase di progettazione di scambi con l estero, nasce un conflitto fra due

Dettagli

7 CIRCOLO DIDATTICO - MODENA

7 CIRCOLO DIDATTICO - MODENA 7 CIRCOLO DIDATTICO - MODENA Via San Giovanni Bosco, 171 - Modena tel. 059.223752 / fax 059.4391420 VADEMECUM IMPEGNI DI RECIPROCITA NEI RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA Premessa Dal POF 2009/2010 del 7 Circolo

Dettagli

Bando per progetti innovativi di ricerca-azione o formazione proposti da reti di istituzioni scolastiche e formative del Trentino

Bando per progetti innovativi di ricerca-azione o formazione proposti da reti di istituzioni scolastiche e formative del Trentino Bando per progetti innovativi di ricerca-azione o formazione proposti da reti di istituzioni scolastiche e formative del Trentino budget disponibile: 200.000 euro termine per la presentazione dei progetti

Dettagli

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15 Neoassunti 2015/16 BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale Versione del 09/12/15 Sommario Sommario Sommario... 1 Introduzione... 2 La guida per la compilazione del Bilancio di Competenze... 2 A cosa

Dettagli

PROGETTI DI AMPLEMENTO DELL'OFFERTA DIDATTICA a.s. 2015-16

PROGETTI DI AMPLEMENTO DELL'OFFERTA DIDATTICA a.s. 2015-16 PROGETTI DI AMPLEMENTO DELL'OFFERTA DIDATTICA a.s. 2015-16 Progetto Descrizione Destinatari Valorizzazione della matematica Coinvolge tutto L Istituto; in particolare vede coinvolte le classi V^ della

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA DI ORIENTAMENTO IN INGRESSO ED USCITA A.S. 2012-13

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA DI ORIENTAMENTO IN INGRESSO ED USCITA A.S. 2012-13 PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA DI ORIENTAMENTO IN INGRESSO ED USCITA A.S. 2012-13 L attività di orientamento in ingresso e in uscita nel e dal nostro Istituto coinvolge gli alunni e le famiglie delle classi

Dettagli

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE SICUREZZA E RISPETTO DELLE REGOLE FINALITA e OBIETTIVI DEL PROGETTO Le direttive comunitarie in tema di salute e sicurezza sul luogo di lavoro sottolineano la necessità

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. MAZZARELLA. Scuola dell Infanzia-Primaria-Secondaria I grado. Cerreto Sannita - San Lorenzello

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. MAZZARELLA. Scuola dell Infanzia-Primaria-Secondaria I grado. Cerreto Sannita - San Lorenzello ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. MAZZARELLA Scuola dell Infanzia-Primaria-Secondaria I grado Cerreto Sannita - San Lorenzello PROGETTO CONTINUITA EDUCATIVA REGOLIAMOCI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PREMESSA

Dettagli

ORGANIZZAZIONI di VOLONTARIATO

ORGANIZZAZIONI di VOLONTARIATO ALLEGATO B Direzione Generale Famiglia e Solidarietà Sociale Bandi 2006/2007 ORGANIZZAZIONI di VOLONTARIATO (Legge regionale n. 22/93) SCHEMA DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI N progetto (spazio riservato

Dettagli

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE CURRICOLO Il Curricolo è il complesso organizzato delle esperienze di apprendimento che una scuola intenzionalmente progetta e realizza per gli alunni al fine di conseguire le mete formative desiderate.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. GONZAGA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. GONZAGA ISTITUTO COMPRENSIVO G. GONZAGA Via Caduti di Bruxelles 84025 - EBOLI (SA) tel. 0828 328154 fax 0828 333444 mail: ic8bg00b@istruzione.it sito: icgonzagaeboli.gov.it Crescere insieme progetto continuità

Dettagli

SUCCESSO FORMATIVO. Finalità della nostra progettualità. La nostra progettualità. di OGNI ALUNNO

SUCCESSO FORMATIVO. Finalità della nostra progettualità. La nostra progettualità. di OGNI ALUNNO 1 2 Finalità della nostra progettualità La nostra progettualità opera concretizzando gli obiettivi nazionali promuovendo partecipazione delle famiglie accogliendo gli stimoli del territorio e della società

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

Istituto Comprensivo Via F. BORROMEO VIA F. BORROMEO, 53/57-00168 ROMA TEL./FAX 066281239-066145764. E-Mail: dd25aprile.137circol@libero.

Istituto Comprensivo Via F. BORROMEO VIA F. BORROMEO, 53/57-00168 ROMA TEL./FAX 066281239-066145764. E-Mail: dd25aprile.137circol@libero. Istituto Comprensivo Via F. BORROMEO VIA F. BORROMEO, 53/57-00168 ROMA TEL./FAX 066281239-066145764 E-Mail: dd25aprile.137circol@libero.it Progetto a.s.2013/2014 Funzioni Strumentali Area 3 CONTINUITA

Dettagli

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Istituto Comprensivo Calcedonia

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Istituto Comprensivo Calcedonia Centro Territoriale di Supporto Calcedonia Istituto Comprensivo Calcedonia Via A. Guglielmini, 23 - Salerno Tel: 089792310-089792000/Fax: 089799631 htpp//www.icscuolacalcedoniasalerno.gov.it REGOLAMENTO

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA

ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA VISTO l art. 3 comma 4 del D.P.R. 275/1999 come modificato dall art. 1, comma 14, della Legge

Dettagli

Doveri della famiglia

Doveri della famiglia MINISTERO DELL ISTRUZIONE,UNIVERSITA E RICERCA Via Figurella, 27 Catona 89135 Reggio di Calabria (RC) Telefax 0965302500-0965600920 C.F. 92081350800 C.M. RCIC868003 PEC rcic868003@pec.istruzione.it A.S.

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO Il progetto nasce dall' esigenza di garantire all'alunno un percorso formativo organico e completo, cercando di prevenire eventuali difficoltà che potrebbero insorgere

Dettagli

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22 Al Collegio dei Docenti E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Oggetto : Pubblicazione Atto di Indirizzo del Dirigente Scolastico per la predisposizione

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. Sperimentare un nuovo metodo d insegnamento per un apprendimento integrato di contenuto e lingua.

SCUOLA PRIMARIA. Sperimentare un nuovo metodo d insegnamento per un apprendimento integrato di contenuto e lingua. SCUOLA PRIMARIA Denominazione progetto Priorità cui si riferisce (L.107/2015)e Traguardi di risultato Obiettivo di processo CLIL SCIENCE Sviluppare e potenziare le competenze chiave di cittadinanza. Rispondere

Dettagli

Progetto Educativo d Istituto

Progetto Educativo d Istituto LICEO SCIENTIFICO Paritario LICEO delle SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Paritario ISAAC NEWTON Progetto Educativo d Istituto P.E.I. A.S. 2014/2015 0 INDICE 1. Introduzione. pag. 2 2. Finalità e

Dettagli

Progetto della Federazione Italiana Pallavolo per la Scuola Primaria

Progetto della Federazione Italiana Pallavolo per la Scuola Primaria Progetto della Federazione Italiana Pallavolo per la Scuola Primaria a.s. 2007-2008 1,2,3 Minivolley! IL PROGETTO Il progetto 1,2,3 minivolley si propone di incrementare la pratica delle attività motorie

Dettagli

P i a n A n n u a l e

P i a n A n n u a l e ISTITUTO COMPRENSIVO VADO - MONZUNO P i a n o A n n u a l e dell Inclusività ANNO SCOLASTICO 2015-2016 Quadro di sintesi delle risorse a disposizione della scuola : Risorse di personale : Dirigente Scolastico,

Dettagli

A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta

A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta Accoglienza come riconoscimento delle diverse abilità Accogliere è riconoscere le persone nella loro completezza,

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro RAV Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro fotografia); individuazione dei punti di forza e di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO A. BATTELLI NOVAFELTRIA

ISTITUTO COMPRENSIVO A. BATTELLI NOVAFELTRIA ISTITUTO COMPRENSIVO A. BATTELLI NOVAFELTRIA Scheda progetto prevista dall art. 2 c. 6 D. 44del 01/02/01 Da allegare al Programma Annuale SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

Funzione Strumentale n. 1: P.O.F. / Diffusione della cultura della qualità

Funzione Strumentale n. 1: P.O.F. / Diffusione della cultura della qualità Circolare n. 31 del 24/09/2014 Inoltro telematico a fiis00300c@istruzione.it in data 24/09/2014 Pubblicazione sul sito web (sezione Circolari / Comunicazioni DS) in data 24/09/2014 OGGETTO: Presentazione

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO TINOZZI-PASCOLI PESCARA

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO TINOZZI-PASCOLI PESCARA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO TINOZZI-PASCOLI PESCARA PROGETTO CONTINUITÀ EDUCATIVA E DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2007/2008 1) Cosa significa Continuità educativa e didattica La Continuità è un processo

Dettagli

PROGETTO AULA DIGITALE

PROGETTO AULA DIGITALE ) PROGETTO AULA DIGITALE Egregio Sig. Preside, La scuola italiana vive oggi un momento di grande trasformazione. Molte sono le voci che si levano e che ne chiedono un profondo ammodernamento, una ridefinizione

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini. Una scuola da scoprire e da vivere

PROGETTO CONTINUITÀ. Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini. Una scuola da scoprire e da vivere PROGETTO CONTINUITÀ Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini [Plesso di Arbostella, Plesso di Fuorni, Plesso di Mariconda, Plesso di Mercatello] Una scuola da scoprire e da vivere icritalevimontalcini.gov.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CORTONA 2 SEDE: Via dei Combattenti, TERONTOLA - 52044 - CORTONA (AR) - tel / fax 0575 67519

ISTITUTO COMPRENSIVO CORTONA 2 SEDE: Via dei Combattenti, TERONTOLA - 52044 - CORTONA (AR) - tel / fax 0575 67519 ISTITUTO COMPRENSIVO CORTONA 2 SEDE: Via dei Combattenti, TERONTOLA - 52044 - CORTONA (AR) - tel / fax 0575 67519 CF: 92082410512 - cod. MIUR: ARIC841007 - email: aric841007@istruzione.it pec:aric841007@pec.istruzione.it

Dettagli

SCHEDE PROGETTUALI SCUOLA DELL INFANZIA

SCHEDE PROGETTUALI SCUOLA DELL INFANZIA ALLEGATO 2 PTOF 2016/2019 SCHEDE PROGETTUALI SCUOLA DELL INFANZIA INDICE ACCOGLIENZA CONTINUITÀ SI/SP LINGUA INGLESE ATTIVITA MOTORIA EDUCAZIONE MUSICALE LABORATORIO TEATRALE 1 ACCOGLIENZA Integrazione

Dettagli

PREMESSA. Piano Animatore Digitale per PTOF 2016/2019

PREMESSA. Piano Animatore Digitale per PTOF 2016/2019 La Scuola che cambia Proposta progettuale dell Animatore Digitale Ins. Francesca Cocchi Dirigente Scolastico Rosella Puzzuoli Allegato al POF TRIENNALE 2016/2019 PREMESSA Il Piano Nazionale per la Scuola

Dettagli

Di seguito alcune note:

Di seguito alcune note: Prot.n. 35/2015 Ai Dirigenti Scolastici Al Personale Docente e Non Docente della Scuola L ENGIM NAZIONALE - ENTE NAZIONALE GIUSEPPINI DEL MURIALDO, con decreto n. AOODPIT.852 del 30/7/2015 è stato riconosciuto

Dettagli

PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016

PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2015/2016 MOTIVAZIONE La continuità didattica è parte determinante del processo

Dettagli