Deliberazione n. 1/2008/Contr.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Deliberazione n. 1/2008/Contr."

Transcript

1 Deliberazione n. 1/2008/Contr. REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI Sezione del controllo per la Regione siciliana nella pubblica Adunanza del 27 novembre 2007, composta dai magistrati: Dott. Maurizio Meloni Presidente Dott. Luciano Pagliaro Consigliere Dott. Ignazio Faso Consigliere Dott. Maurizio Graffeo Consigliere Avv. Antonio Dagnino Consigliere, relatore Avv. Francesco Targia Primo Referendario Avv. Licia Centro Referendario Avv. Laura D Ambrosio Referendario Dott. Stefano Castiglione Referendario ha adottato la seguente DELIBERAZIONE sulla segnalazione ex art. 1, comma 737, della legge 27 dicembre 2006 n. 296, inoltrata a questa Corte dal Ministero dell Economia e delle Finanze-Dipartimento del Tesoro con nota n dell 8 maggio 2007, relativamente ad una operazione di interest rate swap con vendita di opzione cosiddetta digitale, conclusa dal Comune di Marsala (TP) il 28 febbraio 2007 per un valore nominale iniziale di ,83, avente scadenza 30 giugno Visti gli atti del fascicolo d Ufficio; Udito il relatore, Cons. Avv. Antonio Dagnino; Udito, in rappresentanza della convocata Amministrazione comunale di Marsala, il Dott. Nicola Fiocca, Dirigente del settore risorse finanziarie, munito di delega del Sindaco; Considerato in FATTO Con nota n dell 8 maggio 2007 il Ministero dell Economia e delle Finanze- Dipartimento del Tesoro ai sensi dell art. 1, comma 737, della legge 27 dicembre 2006 n. 266 (legge finanziaria 2007) comunicava alla Presidenza della Corte dei Conti, per il seguito di competenza, l esistenza di un operazione di interest rate swap con vendita di opzione digitale, conclusa dal comune di Marsala il 28 febbraio 2007 con una Banca estera per un valore nominale di ,83, avente scadenza 30 giugno 2034, e ne assumeva la non riconducibilità né alle operazioni di copertura del rischio di tasso, né a quelle espressamente elencate dall art. 3, comma 2, del decreto n. 389 del 2003, né ad una combinazione delle stesse. Con nota n. 690/Pres. del 15 maggio 2007 assunta al protocollo di questa Corte il 25 maggio 2007, al n la Presidenza della Corte ritrasmetteva l anzidetta nota ministeriale a questa Sezione del controllo per la Regione siciliana, territorialmente competente. Con nota n. 452 del 28 maggio 2007 questa Corte, per dovere di ufficio, chiedeva al Sindaco del Comune di Marsala di trasmettere copia della documentazione essenziale inerente l operazione ed una dettagliata relazione illustrativa sulla medesima. Con nota n del , pervenuta l 8 agosto 2007, il Dirigente del settore risorse finanziarie del comune di Marsala trasmetteva i richiesti atti essenziali. Con nota della Ragioneria Generale dello Stato-Ispettorato Generale di Finanza n dell 8 agosto 2007, pervenuta il , veniva infine trasmessa una relazione sulla verifica amministrativo-contabile al Comune di Marsala, frattanto eseguita con riguardo all anzidetta operazione finanziaria. Con ordinanza n. 121 dell 8 novembre 2007 il Presidente di questa Sezione del controllo convocava, per la trattazione della vicenda, l odierna pubblica Adunanza, a seguito della quale la questione è stata posta in decisione. Dall esame degli atti emerge (v. deliberazione di Giunta n. 22 del 30

2 gennaio 2007) che l indebitamento complessivo del Comune al febbraio 2007 ammontava complessivamente ad ,85 ed era totalmente rappresentato da 120 mutui concessi dalla Cassa Depositi e Prestiti e da un unico mutuo di ,09 contratto con la Banca Nazionale del Lavoro, con scadenze fino al In sede di verifica, l Ispettorato Generale di Finanza (I.G.F.) ha accertato che il tasso fisso del complessivo indebitamento era mediamente del 4,58% e che l operazione è consistita nel sostituire tale tasso fisso (ritenuto superiore al mercato e, quindi, non vantaggioso) con un tasso variabile pari all Euribor a sei mesi, oltre ad uno spread variabile tra lo 0,250% e lo 0,400%. Il contratto, con durata fino al 30 giugno 2034, ha poi previsto l acquisto di un collar (fascia di oscillazione), con un cap del 6% (il cap garantisce al suo acquirente che il tasso da pagare non sia superiore a quello, massimo, prefissato) ed un floor variabile tra il 2,50% ed il 4,00% (il floor garantisce al suo acquirente un rendimento minimo del capitale), secondo le scadenze rilevabili dall Appendice A dell ISDA Confirmation. Conseguentemente, se il tasso Euribor-6m si dovesse mantenere alla pari o al di sopra del floor rate e l Euribor-6m+spread al di sotto del cap rate, l Ente pagherebbe sull importo nozionale il tasso Euribor- 6m+spread (lo spread potrebbe anche assumere valori negativi). Se l Euribor- 6m+spread quotasse sopra il cap rate, l Ente pagherebbe il 6% (pari al cap rate fissato), mentre se l Euribor-6m quotasse sotto il floor rate l Ente pagherebbe il 6,75%. Quindi, sempre secondo l I.G.F., se l Euribor-6m dovesse quotare sotto il floor rate che, secondo la relativa scadenza, oscilla tra il 2,50% ed il 4,00%, l Ente dovrebbe corrispondere un tasso nettamente più alto e superiore addirittura al cap rate. Il medesimo I.G.F. ha in ultimo osservato che a distanza di pochissimo tempo dalla stipulazione del contratto e con una durata residua di circa 28 anni, i risultati attesi sono variati in maniera significativa [come da allegata tabella sui risultati attesi, n.d.r.], delineando uno scenario completamente differente da quello inizialmente previsto e che l operazione che doveva comportare un risparmio per l Ente, vista l attuale situazione di mercato ed in assenza di interventi correttivi, rischia concretamente di determinare una notevole perdita per l Ente stesso, attualmente quantificabile in ,41. In sede di pubblica adunanza il rappresentante dell Amministrazione di Marsala, specificamente richiesto, ha sostanzialmente dichiarato che l operazione aliunde rappresentata come vantaggiosa - è stata da lui stesso direttamente seguita, e che però (nonostante la dichiarazione contrattualmente resa) egli non aveva e non ha alcuna specifica competenza al riguardo (su ciò, v. peraltro la recentissima direttiva MIFID circa l efficacia giuridica delle dichiarazioni di esperienza in strumenti finanziari solitamente rilasciate dai comuni con clausola di stile ). Il contratto è stato concluso previa consulenza di una società specializzata che ha anche indicato la migliore delle offerte pervenute. Ritenuto in DIRITTO Nella fattispecie, la normativa di principale interesse può sostanzialmente individuarsi negli artt. 1, comma 737, della legge 27 dicembre 2006 n. 296, 1, commi 166, 167 e 168, della legge n. 266 del 23 dicembre 2005, 3, comma 2, del D.M.-Economia n. 389 del 2003 (concertato con il Ministro dell Interno), 41, comma 2, della legge n. 448 del 28 dicembre 2001, 60, comma 5, del D.Lgs. 30 marzo 2001 n. 165, 2 del D.Lgs. 6 maggio 1948 n. 655, nel testo sostituito dal D.Lgs. 18 giugno 1999 n. 200, 3, commi 4, 6 e 12, della legge 14 gennaio 1994 n. 20, e successive modificazioni e, per qualche aspetto, dalla circolare ministeriale esplicativa 27 maggio 2004 (in G.U.R.I. n. 128 del 3 giugno 2004). Preliminarmente la Sezione ritiene di dovere inquadrare la previsione di cui al citato art. 1, comma 737, della legge n. 296/2006 nell ambito delle funzioni e dei poteri della Corte dei conti. Sul punto osserva che in ordine alla fattispecie non sono applicabili le procedure e le pronunzie relative al disposto di cui all art. 1, commi 166, 167 e 168 della legge 23 dicembre 2005 n. 266 (legge finanziaria 2006) perché tali norme: 2

3 a) attribuiscono funzioni d ufficio e non a seguito di specifica comunicazione amministrativa, come pur sulla base di prime considerazioni - sembra voglia disporre la norma in esame; b) richiedono espressamente la preventiva definizione da parte della Corte dei conti - di linee-guida che hanno come destinatari gli organi di revisione economico-finanziaria degli enti locali (peraltro il comma 737 comprende anche le regioni ed ha quindi una portata più estesa); c) le gravi irregolarità contabili e finanziarie di cui al comma 167 sono (per il principio inclusio unius, exclusio alterius ) soltanto quelle in ordine alle quali l amministrazione non abbia adottato le misure correttive segnalate dall organo di revisione (né la sola parola anche, contenuta nel successivo comma 168, può legittimare interpretazioni talmente estensive da attribuire ampi ed autonomi poteri inquisitori sui singoli atti degli enti, estranee al sistema, dovendo piuttosto intendersi che tale parola consenta solo di utilizzare informazioni e dati comunque provenienti dalla stessa amministrazione) e, fra l altro, tali irregolarità non sono riferibili alla stipula, all interpretazione, alla legittimità ed alla convenienza di singoli contratti di natura privatistica; d) prevedono una specifica pronunzia ed una vigilanza sull adozione da parte dell ente locale delle necessarie misure correttive, nella fattispecie non ipotizzabili atteso che la nullità, l annullamento o l inefficacia dei contratti conclusi sono di competenza del giudice ordinario, mentre il recesso unilaterale dai medesimi potrebbe costituire un illecito e legittimare azioni di danno ed esecuzioni forzate; e) non sono richiamate dall anzidetto comma 737 L.F. 2007; f) comunque non sono estensibili per analogia, perché relative all esercizio di pubblici poteri le cui norme di riferimento, com è noto, in quanto invasive dell altrui sfera giuridica, sono di stretta interpretazione. Parimenti non sembra utile il riferimento in senso stretto al comune controllo sulla gestione di cui all art. 3 della legge n. 20 del 1994, perché questo avviene normalmente sulla base di specifici programmi annuali e, di fatto, non appare idoneo ad assicurare la necessaria tempestività di interventi ad hoc. Ciò posto, ritiene il Collegio che la norma de qua vada piuttosto ricondotta alle funzioni generali della Corte dei conti in materia di controllo successivo sulla gestione in senso ampio ed inquadrata in una visione unitaria della finanza pubblica, così come anche riconosciuto, da ultimo, dalla recente sentenza della Corte costituzionale n. 179 del 7 giugno 2007 (peraltro preceduta dalle n. 29 del 27 gennaio 1995 e n. 417 del 9 novembre 2005) che qui si richiama integralmente (v. anche, in senso sostanzialmente conforme, la deliberazione della Sezione del controllo della Lombardia n. 596 del 26 settembre 2007). In altri termini, il nuovo tipo di controllo (finanziario) introdotto dall art. 1, commi , della legge n. 266 del 2005 costituisce soltanto uno degli aspetti del più ampio e generale controllo sulla gestione, che comprende il controllo (in senso stretto) ex art. 3 della legge n. 20 del 1994, l attività di vigilanza sulle misure correttive adottate dalle amministrazioni (attività indispensabile, secondo quanto testualmente affermato dall anzidetta sentenza della Corte costituzionale, per l effettività del controllo stesso), la certificazione della compatibilità finanziaria dei contratti del pubblico impiego, l esame del costo del lavoro pubblico, la verifica dei rendiconti, la valutazione delle irregolarità denunziate ai sensi dell art. 60, comma 5, del D.Lgs. 30 marzo 2001 n. 165, la pronunzia sugli atti di affidamento di consulenze onerose, ecc., e, adesso le funzioni di cui all art. 1, comma 737, della legge n. 296 del 2006, nella fattispecie attivate su comunicazione del Tesoro. Tale controllo risulta peraltro normativamente dettato da esigenze di tutela dell unità economica della Repubblica e di coordinamento della finanza pubblica, comporta un riesame di legalità e regolarità, comprende valutazioni di efficienza efficacia ed economicità ed è finalizzato alla tempestiva segnalazione agli enti interessati, per l adozione delle necessarie misure correttive. Lo stesso, peraltro, è svolto in contraddittorio ed osservando la pubblicità delle adunanze, da un organo magistratuale indipendente ed imparziale a rilevanza costituzionale: posizione, questa, che consente peraltro di escludere la possibilità di lesioni dell autonomia garantita dall art. 114 Cost. - delle Regioni, dei Comuni, delle Province, delle Città metropolitane e dello stesso Stato, stante che la Corte dei Conti è, ormai, un organo di garanzia della Repubblica. Passando all esame del merito, osserva la Sezione, in linea generale, che le più moderne esigenze di copertura del rischio finanziario hanno comportato lo sviluppo dei 3

4 c.d. derivati i quali, com è noto, sono accomunati dalla caratteristica di fondare il loro valore su altri strumenti finanziari di base, sottostanti al contratto derivato stesso (v. D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 e D.Lgs. 1 settembre 1993 n. 385). Tali derivati possono assumere le più svariate configurazioni (swap, future, option, interest rate cap, floor e collar, forward rate agreement, e combinazioni varie di strumenti finanziari) e la loro diffusione nel mondo della finanza e dell economia ne dimostra finalizzazione ad interessi meritevoli di tutela secondo l ordinamento giuridico (v. art cod. civ.) e, quindi, la loro tutelabilità in sede giudiziaria, particolarmente se conclusi con un intermediario finanziario autorizzato (cfr. App. Milano 26 gennaio 1999), in considerazione della causa sottostante, da intendersi quale neutralizzazione di un rischio finanziario o valutario. Tuttavia, proprio il loro collegamento ad un sottostante ne rende normalmente incerta la specifica convenienza e/o l opportunità nel caso concreto, donde l attenzione del Legislatore connessa alla normativa, agli scopi, ai principi ed alle esigenze inerenti la gestione del pubblico denaro. Tali esigenze, però, non vanno sempre e comunque verso un tendenziale disfavore circa il ricorso ai derivati, tanto che, per esempio, l art. 3, comma 1, del D.M.-Economia n. 389 del 2003 (relativo ai bond degli enti locali), nell ipotesi di indebitamento in valuta diversa dall euro fa obbligo di concludere un currency swap al fine di coprire il rischio di cambio. In tal caso, infatti, lo swap, pur potendo poi risultare sfavorevole all ente, dà comunque certezze in ordine ai flussi finanziari pubblici in uscita). Va poi osservato che il medesimo D.M. n. 389/2003 (attuativo della legge n. 448 del 2001), laddove elenca le operazioni derivate consentite non introduce alcuna sanzione (nullità, annullabilità, inefficacia, o altro) nelle ipotesi di conclusione di altre operazioni derivate; né specifiche sanzioni si rinvengono nell art. 41 della legge 28 dicembre 2001, n. 448, costituente l antecedente di tale decreto. Considerato inoltre che gli enti locali territoriali godono (anche rispetto allo Stato e pur per i fini di legge) di piena capacità di disposizione patrimoniale (v. art. 114 Cost.) nonchè di autonomia finanziaria di entrata e di spesa (v. art. 119 Cost.), non può loro negarsi in linea di principio la facoltà di ristrutturare il loro debito a mezzo di strumenti derivati, tranne che questi non comportino in realtà nuovo indebitamento non specificamente finalizzato agli investimenti, come nel caso, per esempio, di mero allungamento del debito o di rimodulazione delle rate di pagamento mediante riduzione di quelle prossime e conseguente aumento di quelle remote (nel qual caso opererebbe il vincolo di cui all art. 119, sesto comma, Cost.). E allora evidente che in presenza di un operazione finanziaria in derivati fatta da un comune non può efficacemente discutersi della sua illegittimità in astratto ma, semmai, della sua illegittimità in concreto, sotto il profilo della sua eventuale irragionevolezza e dell accertato nocumento arrecato, ex ante, alle finanze pubbliche. Ma anche laddove il contratto relativo ai derivati fosse stato stipulato dall ente locale in violazione delle vigenti disposizioni (perché, per esempio, siano stati violati dei vincoli normativi, quali la formula plain vanilla, un up-front superiore all 1%, la sussistenza di leve o altri moltiplicatori, l obbligo di contenimento dei rischi di mercato, l accessorietà rispetto a passività effettivamente dovute, ecc.), tale non rileverebbe sotto il profilo civilistico, ferma restando un ipotetica responsabilità dell agente pubblico che lo ha voluto. Orbene, nel caso di specie sia il master agreement (contratto normativo, accordoquadro) sia la confirmation (clausole specifiche, relative al concreto contenuto economico dell accordo), pur contenendo clausole ipoteticamente pregiudizievoli per il Comune (es., assenza di speculazione, assenza di immunità, assenza di affidamento, registrazione delle dichiarazioni, deroga alla legge ed alla giurisdizione italiana, ecc.) appaiono vincolanti sotto il profilo civilistico. Va peraltro detto che tale contratto è, per comune accordo delle parti, disciplinato (come d uso) dalla legge inglese, assoggettato (come d uso) alla giurisdizione inglese, contiene (come d uso) la rinunzia espressa ed irrevocabile a tutte le immunità derivanti dal principio di sovranità dello Stato italiano ed il prospetto di ammortamento ivi allegato prevede rate decrescenti. Lo stesso, inoltre, è standardizzato I.S.D.A. (International Swaps Dealers Associations Inc.) e, dunque, già ampiamente sperimentato a livello internazionale. Pur non potendosi quindi contestare la validità e vincolatività dell accordo, va precisato che appare probabile che l operazione de qua si risolva alla lunga in una consistente perdita per il comune di Marsala. Infatti il precedente tasso fisso medio del 4,58% era 4

5 contenuto in termini assoluti e dava anche certezze circa i flussi in uscita, mentre il nuovo tasso euribor-6mesi, oltre spread 0,25%-0,40%, ben potrebbe nel periodo intercorrente tra la data di stipula del derivato (febbraio 2007) e l assai lontana scadenza del giugno far crescere le rate, tanto più che il differenziale tra cap e floor è alquanto limitato e quindi potrebbe facilmente rendere operativa l opzione. Tuttavia non vi è alcuna certezza giuridica di ciò ed il Comune medesimo potrebbe anche nel giugno risultare avere complessivamente ottenuto un vantaggio. Quanto sopra è anche avvalorato dalla stessa suindicata Relazione sulla verifica amministrativo-contabile al comune di Marsala eseguita dall Ispettorato Generale di Finanza dal 12 al 15 giugno 2007, dalla quale risulta che: a) la capacità mutuabile dell ente resta elevata nonostante l ultima novella dell art. 204 abbia drasticamente ristretto i vincoli all indebitamento (v. pag. 6); b) la somma dei predetti importi, pari ad ,85, risulta essere sostanzialmente pari all importo nozionale di riferimento dell operazione di swap, pari ad ,85, risultando pertanto rispettata la previsione di cui all art. 3, comma 3, del D.M. 389/2003 (v. pagg ); c) il contratto presenta pertanto un elevato vantaggio iniziale, garantendo nel medio e lungo periodo vantaggi esclusivamente al verificarsi di condizioni molto particolari (v. pag. 1); d) l operazione che doveva comportare un risparmio per l Ente, vista l attuale situazione di mercato ed in assenza di interventi correttivi, rischia concretamente di determinare una notevole perdita per l Ente stesso, attualmente quantificabile in ,41. Sussiste pertanto la necessità che l operazione posta in essere venga continuamente monitorata, al fine di adottare le adeguate azioni volte a ridurre la rischiosità della stessa (v. pag. 21); e) l eventuale risoluzione del contratto comporterebbe comunque conseguenze molto pesanti a carico del soggetto richiedente, valutabili concretamente soltanto in base alle condizioni di mercato presente in tale momento (v. pag. 21). Sotto altro aspetto, poi, neppure potrebbe proficuamente ritenersi che a seguito delle variazioni significative del mercato potrebbero concludersi ulteriori contratti derivati (certamente onerosi) per correggere di volta in volta gli effetti del precedente (cosa, questa, che sarebbe abbastanza costosa e creerebbe una sorta di dipendenza dalle Banche). E dunque la stessa raccomandazione circa un continuo monitoraggio dell operazione conclusa potrebbe risultare non proficua. Ma se dal punto di vista della legittimità astratta le operazioni relative ai derivati - peraltro non costituenti, in sé, atti di indebitamento, come implicitamente riconosciuto dal medesimo D.M. n. 389 e come deciso da Corte Conti-Sez. giurisdiz. Sicilia con sentenza n dei non appaiono normalmente censurabili, invece, sotto il profilo della convenienza, le stesse (nonostante la comune dichiarazione contrattuale di assenza di speculazione, nella fattispecie inserita al punto g) delle Dichiarazioni ) possono in molti casi risultare in concreto sconsigliabili sotto il profilo concreto del rischio e/o della loro non convenienza. Al riguardo osserva il Collegio che i bilanci pubblici richiedono, per loro intrinseca natura e per la natura delle entrate e la destinazione delle spese, certezze di flussi finanziari, senza i quali, peraltro, le relative previsioni sarebbero inattendibili. Le pubbliche amministrazioni, inoltre, in quanto si alimentano normalmente con il prelievo forzoso a carico dei cittadini devono rifuggire il rischio e non devono compiere attività speculative. Si consideri inoltre che spesso le pubbliche amministrazioni non dispongono di proprio personale che sia preparato ed aggiornato in materia di mercati finanziari e di operazioni bancarie assai complesse, in continua evoluzione e spesso disciplinate dal diritto inglese o dalla contrattualistica internazionale, e che sia anche in grado di calcolare attendibilmente probabilità statistico-finanziarie, evoluzione dei mercati dei capitali e complesse formule di matematica finanziaria. Conseguentemente le stesse (come nella fattispecie) sono solitamente costrette ad affidarsi a società esterne di consulenza e advisors che però - e legittimamente - hanno interessi e perseguono fini che nulla hanno a che vedere con quelli pubblici. D altra parte, le operazioni in derivati sono normalmente a somma zero, nel senso che non tenendosi conto dello spread e dei rispettivi vantaggi indiretti se taluno guadagna l altro, corrispondentemente, perde, mentre in esse vengono riversati rischi d impresa che l ente pubblico non dovrebbe, neppure indirettamente, assumere; tanto più che, a differenza di quelli delle imprese, i debiti degli enti territoriali hanno una scadenza normalmente assai più lunga 5

6 che aumenta molto il rischio, non potendosi fare previsioni attendibili a così lungo termine. Occorre inoltre fare delle ulteriori distinzioni. Così, per esempio, il coupon swap, laddove scambia un tasso variabile con uno fisso (e non viceversa) potrebbe assicurare (ma nel breve/medio termine) vantaggi conseguenti alla certezza e regolarità dei flussi in uscita. Rischioso potrebbe invece risultare (specialmente nel lungo termine) il basis rate swap (perché lo scambio avverrebbe tra due tassi variabili), ed ancor più rischioso, e certamente sconsigliabile, il cross-currency interest rate swap (perché sommerebbe il rischio di cambio con quello di tasso). Accettabile, in concreto, potrebbe risultare il rischio in ordine all acquisto (tuttavia oneroso) di una call option (sia di tipo europeo sia di tipo americano) perché l eventuale perdita sarebbe limitata al premio pagato, mentre non accettabile potrebbe risultare il rischio da vendita di una pull option perché potrebbe provocare una esposizione debitoria eccessiva. Per quanto concerne il prestito bullet, se ne ritiene la pericolosità perché occorre particolare scrupolo e regolarità negli accantonamenti periodici, che peraltro dovrebbero confluire in un fondo di ammortamento che investa esclusivamente in titoli obbligazionari di enti e amministrazioni pubbliche nonché di società a partecipazione pubblica di Stati appartenenti all Unione Europea. Per quanto concerne invece le c.d. opzioni esotiche (barrier option, opzioni asiatiche, ladder, opzioni binarie o digitali, Bermudan, ecc.), così chiamate perché aventi caratteristiche diverse da quelle classiche, se ne ritiene la particolare ed ulteriore rischiosità, e quindi la loro sconsigliabilità perché alle option, già rischiose, aggiungono ulteriori elementi di incertezza (underlyng knock-out o knock-in, average strike, average price, superamento del prezzo di esercizio per un certo ammontare, esercizio dell opzione ristretto ad alcune date, ecc.). Per quanto riguarda più in particolare, le opzioni digitali (o binarie) - tra le quali il M.E.F. ha inquadrato l operazione in parola - va detto che queste hanno la caratteristica di non valutare il pay-off in termini differenziali (ovvero come differenza tra il valore di mercato del titolo rappresentativo e lo strike price) ma in misura fissa (come parte di un asset) oppure nulla, in modo da avere titoli che possano assumere solo due valori, come nella numerazione binaria (0,1) (pertanto l opzione è liquidata o zero o 100, e permette di fare trading sul verificarsi o non verificarsi dell evento finanziario). Anche tali opzioni (riconducibili, nel diritto civile italiano, agli artt e 1322 cod. civ.) sono da ritenere ad alto rischio per gli enti locali, tanto più che le stesse sono comunemente strutturate sul breve termine e pur se la perdita massima possibile è nota all apertura della posizione possono assumere valori ben diversi già in tempi ravvicinati (come nel caso di specie). Va poi aggiunto che normalmente le pubbliche amministrazioni non sono neppure in grado di monitorare costantemente i loro derivati e che pertanto restano, di fatto, costantemente soggette ai loro consulenti bancari che (avvantaggiati anche dal lungo termine dell indebitamento) potrebbero proporre loro ripetute ristrutturazioni in relazione all andamento dei mercati, con conseguenti ulteriori esborsi di spread di negoziazione. P.Q.M. la Corte dei conti-sezione del controllo per la Regione siciliana formula le proprie osservazioni nei termini di cui sopra; ORDINA che, a cura del servizio di supporto, copia della presente deliberazione sia comunicata al Sindaco ed al Presidente del Consiglio comunale del Comune di Marsala (TP) al Ministro dell Economia e delle Finanze, al Ragioniere Generale dello Stato ed al Direttore Generale del Tesoro. Così deciso in Palermo, nella camera di consiglio del 27 novembre

7 Il Relatore (Cons. Avv. Antonio Dagnino) Il Presidente (Dott. Maurizio Meloni) Depositata in segreteria il 10 gennaio 2008 Il Direttore della segreteria (dott. Laura Suriano) 7

Deliberazione n. 196 /2008

Deliberazione n. 196 /2008 Deliberazione n. 196 /2008 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: Dott. Nicola Mastropasqua Dott. Giorgio Cancellieri Dott. Giuliano

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO ALLEGATO ALLA RELAZIONE ILLUSTRATIVA AL RENDICONTO DELL ESERCIZIO 2008 NOTA INTEGRATIVA IN MERITO AI CONTRATTI IN STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI AI SENSI DELL ART. 1, C. 383,

Dettagli

Pronuncia n. 77 /2008

Pronuncia n. 77 /2008 Pronuncia n. 77 /2008 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI Sezione Regionale di Controllo per la Liguria Composta dai seguenti magistrati: dott. Antonio SCUDIERI dott. Giuliano GALLANTI dott. Luisa D

Dettagli

della Provincia di Roma sui derivati finanziari

della Provincia di Roma sui derivati finanziari DERIVATI Presentazione del servizio di assistenza della Provincia di Roma sui derivati finanziari Le indagini Istituzionali 2005 Commissione i Finanze della Camera. 2007 Commissione i Finanze della Camera.

Dettagli

Strumenti finanziari derivati ed enti locali

Strumenti finanziari derivati ed enti locali Strumenti finanziari derivati ed enti locali Torino, 17 aprile 2008 Lorenzo Ferreri Pagina 1 di 28 Sommario Definizioni Operatività Tipologie Interest Rate Swap IRS Normativa Classificazione operatori

Dettagli

DELIBERAZIONE n.26/2008

DELIBERAZIONE n.26/2008 Repubblica Italiana la Corte dei Conti Sezione regionale di controllo per il Molise nell adunanza del 21 aprile 2008 *********** composta dai magistrati: dott. Mario Casaccia dott. ssa Patrizia Ferrari

Dettagli

Deliberazione n. 97/2008/G

Deliberazione n. 97/2008/G Deliberazione n. 97/2008/G REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti in Sezione regionale del controllo per l Emilia-Romagna composta dai Magistrati dr. Mario Donno dr. Antonio Libano dr. Massimo Romano dr.ssa

Dettagli

CORTE DEI CONTI. La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 14 settembre

CORTE DEI CONTI. La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 14 settembre CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 114/2011/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 14 settembre 2011 composta dai Magistrati:

Dettagli

Gestione del rischio tasso

Gestione del rischio tasso CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Gestione del rischio tasso Dott. Corso Pecori Giraldi 25 ottobre 2011 - Sala Convegni S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Rischio tasso nei clienti dei PB

Dettagli

PERCORSO FUNZIONALE CREDITO

PERCORSO FUNZIONALE CREDITO MPI PERCORSO FUNZIONALE CREDIO DISPENSA DEI DOCENI MAERIALI INEGRAIVI A SUPPORO DELLE LEZIONI CURAORE: C. ZARA LA GESIONE DEL RISCHIO DI ASSO DI INERESSE Questo materiale è a disposizione esclusiva degli

Dettagli

DELIBERAZIONE n.122/2012/prse. Repubblica Italiana. Corte dei Conti. Sezione regionale di controllo per il Molise. nell adunanza del 4 luglio 2012

DELIBERAZIONE n.122/2012/prse. Repubblica Italiana. Corte dei Conti. Sezione regionale di controllo per il Molise. nell adunanza del 4 luglio 2012 DELIBERAZIONE n.122/2012/prse Repubblica Italiana la Corte dei Conti Sezione regionale di controllo per il Molise nell adunanza del 4 luglio 2012 *********** composta dai magistrati: dott. Giorgio Putti

Dettagli

DELIBERAZIONE n.30/2008

DELIBERAZIONE n.30/2008 Repubblica Italiana la Corte dei Conti Sezione regionale di controllo per il Molise nell adunanza del 30 luglio 2008 *********** composta dai magistrati: dott. Mario Casaccia dott. Gennaro Di Cecilia dott.

Dettagli

Lombardia/31/2009/PRSE

Lombardia/31/2009/PRSE Lombardia/31/2009/PRSE REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Antonio Caruso Consigliere

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT Il Forward Rate Agreement (F.R.A.) è un contratto su tassi di interesse in base al quale due controparti si impegnano a scambiare ad una data futura prestabilita un certo ammontare

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Parere n. 7/Par./2007 La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 27 giugno 2007, composta dai Magistrati: Dott.

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 354/2013/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, composta dai Magistrati: Dott.ssa Enrica LATERZA Presidente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 82/2010/SRCPIE/PRSE La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, composta dai Magistrati: Dott. Gianfranco

Dettagli

SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L UMBRIA. composta dai magistrati:

SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L UMBRIA. composta dai magistrati: Del. n. 23/2008/F SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L UMBRIA composta dai magistrati: Pres. Sez. Gabriele DE SANCTIS Presidente Cons. Mario BUSCEMI Componente Cons. Romano DI GIACOMO Componente - estensore

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. la Corte dei conti in Sezione regionale di controllo per la Puglia. Nella camera di consiglio del 19 maggio 2015 composta da:

REPUBBLICA ITALIANA. la Corte dei conti in Sezione regionale di controllo per la Puglia. Nella camera di consiglio del 19 maggio 2015 composta da: Deliberazione n. 124/PAR/2015 REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti in Sezione regionale di controllo per la Puglia Nella camera di consiglio del 19 maggio 2015 composta da: Presidente di Sezione Agostino

Dettagli

composta dai magistrati: Maria Annunziata RUCIRETA

composta dai magistrati: Maria Annunziata RUCIRETA Del. n. 408/2015/QMIG SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA TOSCANA composta dai magistrati: Roberto TABBITA Maria Annunziata RUCIRETA Paolo PELUFFO Nicola BONTEMPO Emilia TRISCIUOGLIO Laura D AMBROSIO

Dettagli

Lombardia/92/2010/PAR

Lombardia/92/2010/PAR Lombardia/92/2010/PAR REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai Magistrati: dott. Nicola Mastropasqua dott. Antonio Caruso dott. Giuliano Sala dott.

Dettagli

Deliberazione n. 152/2009/Par.

Deliberazione n. 152/2009/Par. Deliberazione n. 152/2009/Par. REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL VENETO Nell adunanza del 9 settembre 2009 composta da: Bruno PROTA Diana CALACIURA Aldo CARLESCHI

Dettagli

RELAZIONE DELL INDAGINE CIRCA IL RICORSO AGLI

RELAZIONE DELL INDAGINE CIRCA IL RICORSO AGLI Sezione Regionale di Controllo per l Umbria RELAZIONE DELL INDAGINE CIRCA IL RICORSO AGLI STRUMENTI DI FINANZA DERIVATA CONDOTTA PER UN CAMPIONE DI ENTI LOCALI DELLA REGIONE UMBRIA (allegata alla deliberazione

Dettagli

Deliberazione n.36/2014/par. REPUBBLICA ITALIANA La Corte dei conti. Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.36/2014/par. REPUBBLICA ITALIANA La Corte dei conti. Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.36/2014/par REPUBBLICA ITALIANA La Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nelle camere di consiglio dell adunanza generale del 18 dicembre 2013 e del 10 marzo 2014;

Dettagli

Decisione N. 2075 del 07 aprile 2014

Decisione N. 2075 del 07 aprile 2014 COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) GRECO Membro designato

Dettagli

RELAZIONE SULL INDAGINE RELATIVA ALLE FORME DI FINANZA INNOVATIVA, CON PARTICOLARE RIGUARDO A STRUMENTI DI FINANZA DERIVATA DELLA REGIONE LOMBARDIA

RELAZIONE SULL INDAGINE RELATIVA ALLE FORME DI FINANZA INNOVATIVA, CON PARTICOLARE RIGUARDO A STRUMENTI DI FINANZA DERIVATA DELLA REGIONE LOMBARDIA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA RELAZIONE SULL INDAGINE RELATIVA ALLE FORME DI FINANZA INNOVATIVA, CON PARTICOLARE RIGUARDO A STRUMENTI DI FINANZA DERIVATA DELLA REGIONE

Dettagli

Deliberazione n. 130/2015/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA. composta dai magistrati:

Deliberazione n. 130/2015/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA. composta dai magistrati: Deliberazione n. 130/2015/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA composta dai magistrati: dott. Antonio De Salvo dott. Massimo Romano dott. Italo Scotti dott.ssa Benedetta Cossu dott.

Dettagli

risultanze dell indagine in tema di operazioni di finanza derivata di cui alla deliberazione n. FVG/283/2009/VSGF del

risultanze dell indagine in tema di operazioni di finanza derivata di cui alla deliberazione n. FVG/283/2009/VSGF del Deliberazione n. FVG/ 348 /2010/VSGF REPUBBLICA ITALIANA la CORTE DEI CONTI Sezione di controllo della regione Friuli Venezia Giulia VI Collegio composto dai seguenti magistrati: CONSIGLIERE: avv. Fabrizio

Dettagli

LOMBARDIA/16/2009/PAR

LOMBARDIA/16/2009/PAR LOMBARDIA/16/2009/PAR REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Antonio Caruso dott. Giorgio

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione regionale di controllo per la Puglia. Nella camera di consiglio del 16 giugno 2014 composta da:

REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione regionale di controllo per la Puglia. Nella camera di consiglio del 16 giugno 2014 composta da: Deliberazione n. 131/PAR/2014 REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione regionale di controllo per la Puglia Nella camera di consiglio del 16 giugno 2014 composta da: Consigliere Luca Fazio Presidente

Dettagli

Deliberazione n. 429/2015/PAR

Deliberazione n. 429/2015/PAR Deliberazione n. 429/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL VENETO Nell adunanza dell 8 settembre 2015, composta da: Dott. Josef Hermann RÖSSLER Presidente

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 248/2011/SRCPIE/PRSE La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, composta dai Magistrati: Dott. ssa Enrica LATERZA Presidente

Dettagli

CORTE DEI CONTI. La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 22 febbraio

CORTE DEI CONTI. La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 22 febbraio CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 21/2012/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 22 febbraio 2012 composta dai Magistrati:

Dettagli

Deliberazione n. 13/2008

Deliberazione n. 13/2008 Deliberazione n. 13/2008 Corte dei Conti Sezione Regionale di Controllo per la Calabria composta dai magistrati: Dott. Silvio AULISI Prof. Dott.Luigi CONDEMI Prof. Dott. Vittorio CIRO CANDIANO Dott.ssa

Dettagli

LOMBARDIA/27/2009/PAR

LOMBARDIA/27/2009/PAR LOMBARDIA/27/2009/PAR REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri Consigliere

Dettagli

Deliberazione n. 6/2008/Par.

Deliberazione n. 6/2008/Par. Deliberazione n. 6/2008/Par. REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LE MARCHE nell adunanza del 30 aprile 2008 composta da: Giuseppe Ranucci Fabio Gaetano Galeffi Andrea

Dettagli

LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a

LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a Deliberazione n. 65 /2013 LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a composta dai seguenti magistrati: Dott. Ennio COLASANTI Dott.ssa Luisa D EVOLI

Dettagli

Lombardia/1134/2009/PAR

Lombardia/1134/2009/PAR Lombardia/1134/2009/PAR REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai Magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Antonio Caruso dott. Giuliano

Dettagli

Delibera n. 66/2011/SRCPIE/PAR

Delibera n. 66/2011/SRCPIE/PAR CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 66/2011/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 22 giugno 2011 composta dai Magistrati:

Dettagli

SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA. nell'adunanza del 26 settembre 2007

SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA. nell'adunanza del 26 settembre 2007 SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA Del/Par n. 12 /2007 nell'adunanza del 26 settembre 2007 Composta dai seguenti magistrati: Pres. di Sezione Mario G. C. Sancetta Presidente Consigliere Francesco

Dettagli

Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati:

Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati: Del. n. 183/2011/PAR Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati: - Pres. Sez. Vittorio GIUSEPPONE Presidente - Cons. Paolo PELUFFO Componente - Cons. Graziella DE CASTELLI Componente

Dettagli

La valutazione dei derivati illiquidi

La valutazione dei derivati illiquidi La valutazione degli attivi illiquidi detenuti dagli intermediari finanziari La valutazione dei derivati illiquidi ROBERTO CONTINI Banca Intermobiliare S.p.A. Milano 12 luglio 2012 S.A.F. SCUOLA DI ALTA

Dettagli

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Corte di Cassazione, sezione terza civile, Sentenza del 7 gennaio 2004,

Dettagli

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano La gestione e la ristrutturazione del debito 1 Evoluzione nella gestione del debito: Dalla semplice amministrazione del rimborso del debito, stabilendo piano ammortamento, quote capitale, interessi passivi,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Deliberazione n. 190/2014/SRCPIE/PAR

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Deliberazione n. 190/2014/SRCPIE/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Deliberazione n. 190/2014/SRCPIE/PAR composta dai Magistrati: Dott. Mario PISCHEDDA Dott. Giuseppe Maria MEZZAPESA

Dettagli

Regione Calabria NOTA INFORMATIVA. Allegata al Rendiconto generale della regione Calabria esercizio finanziario 2011

Regione Calabria NOTA INFORMATIVA. Allegata al Rendiconto generale della regione Calabria esercizio finanziario 2011 Regione Calabria NOTA INFORMATIVA SUGLI ONERI E GLI IMPEGNI DERIVANTI DA CONTRATTI RELATIVI A STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI Allegata al Rendiconto generale della regione Calabria esercizio finanziario

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/113/2011/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai Magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Angelo Ferraro Consigliere

Dettagli

Logo della Repubblica Italiana CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA. nell adunanza del 16 Dicembre 2009

Logo della Repubblica Italiana CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA. nell adunanza del 16 Dicembre 2009 Logo della Repubblica Italiana CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA nell adunanza del 16 Dicembre 2009 Pronuncia n. 20/2010 Composta dai magistrati: Presidente Sez. Mario G. C.

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... Presidente Avv. Bruno De Carolis Membro designato dalla Banca d'italia Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio Membro designato dalla Banca

Dettagli

Protocollo n. 23379 Deliberazione n. 76. Verbale delle deliberazioni della GIUNTA PROVINCIALE. Seduta del 08 maggio 2012 Ore 13,25

Protocollo n. 23379 Deliberazione n. 76. Verbale delle deliberazioni della GIUNTA PROVINCIALE. Seduta del 08 maggio 2012 Ore 13,25 Provincia di Rovigo Protocollo n. 23379 Deliberazione n. 76 Verbale delle deliberazioni della GIUNTA PROVINCIALE Seduta del 08 maggio 2012 Ore 13,25 Oggetto 01: Avvio operazioni di monitoraggio e valutazione

Dettagli

CORTE DEI CONTI. La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nella camera di consiglio del 25

CORTE DEI CONTI. La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nella camera di consiglio del 25 CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 303/2012/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nella camera di consiglio del 25 settembre 2012, composta

Dettagli

Repubblica italiana. Corte dei Conti. La Sezione del controllo per la Regione Sardegna

Repubblica italiana. Corte dei Conti. La Sezione del controllo per la Regione Sardegna Parere n. 4/2008 Repubblica italiana Corte dei Conti La Sezione del controllo per la Regione Sardegna composta dai magistrati: prof. avv. Giuseppe Palumbi dott. Giorgio Longu avv. Prof. Nicola Leone dott.

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 58/E. OGGETTO: Operazioni di asset swap su Obbligazioni Generali 6,5% 2010. Interpello art. 11 legge 27-7-2000, n. 212 XY S.p.A.

RISOLUZIONE N. 58/E. OGGETTO: Operazioni di asset swap su Obbligazioni Generali 6,5% 2010. Interpello art. 11 legge 27-7-2000, n. 212 XY S.p.A. RISOLUZIONE N. 58/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 06 marzo 2003 OGGETTO: Operazioni di asset swap su Obbligazioni Generali 6,5% 2010. Interpello art. 11 legge 27-7-2000, n. 212 XY S.p.A.

Dettagli

Logo della repubblica Italiana CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA

Logo della repubblica Italiana CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA Logo della repubblica Italiana CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA DELIBERAZIONE N. 4 / 2009 nell adunanza pubblica del 5 marzo 2009 composta dai seguenti magistrati: Presidente

Dettagli

Assunzioni categorie protette C.Conti deliberazione n. 168/2012/PAR del 4 maggio 2012 commento e testo

Assunzioni categorie protette C.Conti deliberazione n. 168/2012/PAR del 4 maggio 2012 commento e testo Assunzioni categorie protette C.Conti deliberazione n. 168/2012/PAR del 4 maggio 2012 commento e testo La Corte dei Conti, sezione regionale Lombardia, con la deliberazione n. 168/2012/PAR del 4 maggio

Dettagli

La struttura dell intervento

La struttura dell intervento Gli strumenti derivati: aspetti economicio c Pierpaolo Ferrari Brescia, 10 ottobre 2008 1 La struttura dell intervento 1) La definizione di strumenti derivati 2) Le tipologie di strumenti derivati 3) Le

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani Introduzione al Corporate Financial Risk Management Lorenzo Faccincani 1 Il Corporate Financial Risk Management Il Corporate Financial Risk Management può essere definito come il complesso delle attività

Dettagli

DEPFA BANK PERFORMANCE IN FINANCE

DEPFA BANK PERFORMANCE IN FINANCE DEPFA BANK PERFORMANCE IN FINANCE L IMPATTO DELLA NUOVA NORMATIVA SULLE STRUTTURE IMPLEMENTABILI EXECUTIVE SUMMARY Panoramica sulle strutture consentite dal decreto Swap di tasso di cambio Swap di tasso

Dettagli

CITTÀ DI MODUGNO PROVINCIA DI BARI

CITTÀ DI MODUGNO PROVINCIA DI BARI CITTÀ DI MODUGNO PROVINCIA DI BARI DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE REG. GEN. N. 226 / 2010 RIFERIMENTI 07/04/2010 PROPONENTE SET04/DD/2010/24 OGGETTO Derivati Comune di Modugno Monte dei Paschi di Siena. Estinzione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Deliberazione n. 266/2014/SRCPIE/PAR

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Deliberazione n. 266/2014/SRCPIE/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Deliberazione n. 266/2014/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 2014, composta

Dettagli

Cassa depositi e prestiti società per azioni CIRCOLARE N. 1284

Cassa depositi e prestiti società per azioni CIRCOLARE N. 1284 Cassa depositi e prestiti società per azioni CIRCOLARE N. 1284 Oggetto: Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni, ai sensi

Dettagli

Lombardia/160/2013/PAR

Lombardia/160/2013/PAR Lombardia/160/2013/PAR REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua dott. Giuseppe Zola dott. Gianluca Braghò dott.

Dettagli

Lombardia/52/2009/PAR

Lombardia/52/2009/PAR Lombardia/52/2009/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Giorgio Cancellieri dott. Giuliano Sala dott. Giancarlo Penco

Dettagli

Adunanza dell 11 luglio 2014. Presieduta dal Presidente della Sezione delle autonomie, funzione di coordinamento Mario FALCUCCI

Adunanza dell 11 luglio 2014. Presieduta dal Presidente della Sezione delle autonomie, funzione di coordinamento Mario FALCUCCI Corte dei Conti N. 19/SEZAUT/2014/QMIG Sezione delle autonomie Adunanza dell 11 luglio 2014 Presieduta dal Presidente della Sezione delle autonomie, funzione di coordinamento Mario FALCUCCI Composta dai

Dettagli

I contratti derivati ed il loro trattamento nei bilanci italian Gaap

I contratti derivati ed il loro trattamento nei bilanci italian Gaap I contratti derivati ed il loro trattamento nei bilanci italian Gaap di Giovanni Cugnasca - dottore commercialista e revisore legale e Alessio Ferrandina - dottore commercialista Gli strumenti finanziari

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Alcuni strumenti finanziari particolari Alcuni strumenti proposti nel panorama internazionale Gli strumenti ai quali faremo riferimento sono: i financial

Dettagli

Nella camera di consiglio del 24 settembre 2015 composta da: Referendario Carmelina Addesso Relatore

Nella camera di consiglio del 24 settembre 2015 composta da: Referendario Carmelina Addesso Relatore Deliberazione n. 200/PAR/2015 REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti in Sezione regionale di controllo per la Puglia Nella camera di consiglio del 24 settembre 2015 composta da: Presidente di Sezione Agostino

Dettagli

composta dai magistrati:

composta dai magistrati: Del. n. 29/2015/PRSP SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA TOSCANA composta dai magistrati: Gaetano D AURIA Paolo PELUFFO Emilia TRISCIUOGLIO Laura D AMBROSIO Marco BONCOMPAGNI presidente consigliere,

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi

Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi Prof. Manuela Geranio, Università Bocconi Prof. Giovanna Zanotti, Università Bocconi Assolombarda, 1 Aprile 2008, Milano Agenda I. Obiettivi

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL VENETO

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL VENETO Deliberazione n. 663/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL VENETO Nell adunanza dell 8 ottobre 2014, composta da: Dott. Claudio IAFOLLA Cons. Elena BRANDOLINI

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE. Delibera n. 326/2013/SRCPIE/PRSE

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE. Delibera n. 326/2013/SRCPIE/PRSE CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 326/2013/SRCPIE/PRSE La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, composta dai Magistrati: Dott. Mario PISCHEDDA Presidente

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONI RIUNITE IN SEDE DI CONTROLLO

CORTE DEI CONTI SEZIONI RIUNITE IN SEDE DI CONTROLLO SEZIONI RIUNITE IN SEDE DI CONTROLLO Indagine conoscitiva sull'utilizzo e la diffusione degli strumenti di finanza derivata e delle cartolarizzazioni nelle pubbliche amministrazioni Senato della Repubblica

Dettagli

Deliberazione n. 7/2008

Deliberazione n. 7/2008 Deliberazione n. 7/2008 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua dott. Giancarlo Penco dott. Giuliano Sala

Dettagli

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista.

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. STEFANIA TANSINI INTESA SANPAOLO DIVISIONE CORPORATE E INVESTMENT BANKING UFFICIO SPECIAL

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC

Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC Strumenti OTC per la gestione del rischio di tasso e di cambio Copyright SDA Bocconi 2007 Prof. Michele Rutigliano 1 Strumenti

Dettagli

unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS SDA Bocconi School of Management Danilo

unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS SDA Bocconi School of Management Danilo Danilo unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS Definizione Modalità di utilizzo Elementi di valutazione: valore minimo e valore temporale Relazione di parità Copyright SDA

Dettagli

Lombardia/61/PAR/2009

Lombardia/61/PAR/2009 Lombardia/61/PAR/2009 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua dott. Giorgio Cancellieri dott. Giancarlo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/139/2013/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua dott. Giuseppe Roberto Mario Zola dott.

Dettagli

CORTE DEI CONTI. nell adunanza del 16 ottobre 2008

CORTE DEI CONTI. nell adunanza del 16 ottobre 2008 1 CORTE DEI CONTI nell adunanza del 16 ottobre 2008 Composta dai seguenti magistrati: Pres. Sez. Mario G. C. Sancetta Presidente Cons. Francesco Amabile Cons. Raffaele Del Grosso Cons. Silvano Di Salvo

Dettagli

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it Gli strumenti derivati Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 I FRA (Forward Rate Agreement) Sono contratti con i quali due parti si mettono d accordo sul tasso di interesse da applicare ad un certo

Dettagli

Lombardia/687/2009/PAR

Lombardia/687/2009/PAR Lombardia/687/2009/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua dott. Antonio Caruso dott. Giuliano Sala

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI. Sezione Regionale di controllo per la Liguria

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI. Sezione Regionale di controllo per la Liguria Parere n 6/2008 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI Sezione Regionale di controllo per la Liguria Composta dai seguenti magistrati: dott. Antonio SCUDIERI Presidente f. f. dott. Giuliano GALLANTI Consigliere

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA La Corte dei conti. Sezione di controllo per la Regione siciliana

REPUBBLICA ITALIANA La Corte dei conti. Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.194/2014/par REPUBBLICA ITALIANA La Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio dell adunanza generale del 28 ottobre 2014 visto il T.U. delle

Dettagli

Deliberazione n. 371/2012/PAR

Deliberazione n. 371/2012/PAR Deliberazione n. 371/2012/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA composta dai Magistrati dott. Mario Donno dott. Ugo Marchetti dott.ssa Benedetta Cossu dott. Riccardo Patumi presidente;

Dettagli

Corte dei conti. per l Emilia - Romagna

Corte dei conti. per l Emilia - Romagna Deliberazione n. 721/2009/PRSE REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti in Sezione regionale del controllo per l Emilia - Romagna composta dai Magistrati Dr. Mario Donno Dr. Carlo Coscioni Dr.ssa Rosa Fruguglietti

Dettagli

nell'adunanza del 20 febbraio 2008

nell'adunanza del 20 febbraio 2008 SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA Del/Par n. 3 /2008 nell'adunanza del 20 febbraio 2008 Composta dai seguenti magistrati: Pres. di Sezione Mario G. C. Sancetta Presidente Consigliere Francesco

Dettagli

Diritto di accesso ai documenti. (Risposta a quesito del 5 settembre 2000)

Diritto di accesso ai documenti. (Risposta a quesito del 5 settembre 2000) Diritto di accesso ai documenti. (Risposta a quesito del 5 settembre 2000) Il Consiglio Superiore della Magistratura, nella seduta del 5 settembre 2000, ha adottato la seguente deliberazione:

Dettagli

Il Ministero dell Economia e delle Finanze

Il Ministero dell Economia e delle Finanze Il Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DEL TESORO -DIREZIONE II Circolare 31 gennaio 2007 pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 5/02/2007 n. 29. Legge 27 dicembre 2006, n. 296 recante

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/254/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Andrea Luberti Presidente f.f. (relatore) dott. Paolo Bertozzi

Dettagli

CONTRATTI E TASSI SWAP

CONTRATTI E TASSI SWAP CONTRATTI E TASSI SWAP FLAVIO ANGELINI Sommario. In queste note vengono definite, analizzate e valutate le tipologie più comuni di contratti interest rate swap e si discute l importanza che i tassi swap

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/317/2011/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua dott. Antonio Caruso dott. Gianluca Braghò

Dettagli

FLOOR - INTEREST RATE FLOOR. Opzione su tassi d interesse

FLOOR - INTEREST RATE FLOOR. Opzione su tassi d interesse Scheda Prodotto FLOOR IMPORTANTE: Le caratteristiche del prodotto sotto riportato hanno pura finalità informativa e non riportano né approfondiscono tutti gli elementi di rischiosità connessi al prodotto

Dettagli

Sono comparsi per la parte ricorrente lavv. Pansini e per la parte. convenuta lavv. Lo Guarro in sostituzione del dott. Luca Morabito giusta

Sono comparsi per la parte ricorrente lavv. Pansini e per la parte. convenuta lavv. Lo Guarro in sostituzione del dott. Luca Morabito giusta Udienza del 20/01/2015 Sono comparsi per la parte ricorrente lavv. Pansini e per la parte convenuta lavv. Lo Guarro in sostituzione del dott. Luca Morabito giusta delega che dimette. L avv. Lo Guarro chiede

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 15/2013/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, composta dai Magistrati: Dott.ssa Enrica LATERZA Presidente

Dettagli

ISVAP - Istituto di Diritto Pubblico - Legge 12 Agosto 1982, n. 576

ISVAP - Istituto di Diritto Pubblico - Legge 12 Agosto 1982, n. 576 ASSILEA rileva che la presenza della disgiuntiva o avrebbe esteso il concetto di locali dell intermediario anche ai locali che non costituiscono una dipendenza diretta dell intermediario medesimo. Se così

Dettagli

Deliberazione n. 111/2013/PAR

Deliberazione n. 111/2013/PAR Deliberazione n. 111/2013/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L UMBRIA composta dai magistrati Dott. Salvatore SFRECOLA Presidente Dott. Fulvio Maria LONGAVITA

Dettagli

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni A.A. 2008-2009 20 maggio 2009 Agenda I contratti Swap Definizione Gli Interest Rate Swap Il mercato degli Swap Convenienza economica e finalità Le opzioni

Dettagli