Risk Italia. Sondaggio esclusivo I migliori operatori in derivati sul mercato italiano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Risk Italia. Sondaggio esclusivo I migliori operatori in derivati sul mercato italiano"

Transcript

1 MAGGIO 23 Risk Italia CURRENCIES INTEREST RATES EQUITIES COMMODITIES CREDIT Sondaggio eslusivo I migliori oeratori in derivati sul merato italiano L'esordio di Cofiri nel settore dell'investment banking italiano Bana Intesa affronta le sfide del rishio oerativo I governi euroei e la oertura del debito ubblio Tavola rotonda: il futuro delle artolarizzazioni La risosta di BNL alla risi argentina La vulnerabilità della oula Il alolo delle erdite di ortafoglio

2 Rishio di ontroarte l Arofondimenti Coule e derivati vulnerabili Umberto Cherubini ed Elisa Luiano muovono dalla onsiderazione he i modelli esistenti di valutazione dei derivati soggetti a rishio di ontroarte non atturano on suffiiente flessibilitá i legami tra valore di merato e rishio di fallimento della ontroarte stessa. Utilizzano le funzioni oula er ovviare a tale inonveniente, a livello sia di riing sia di oertura. Il aso di risi finanziaria e banarotta di Enron, l imresa del merato dell energia fortemente oinvolta nella negoziazione di ower derivative, ha ortato l attenzione sul rishio di ontroarte nelle transazioni in rodotti derivati, ed in artiolare sulla tematia delle orrelazioni tra l esosizione in derivati ed il business riniale della ontroarte. È oortuno aquistare ozioni sritte su un attività sottostante da ontroarti he, strutturalmente, detengono in essa una forte esosizione? Sì da un lato, erhè onosono il business meglio di altri, no dall altro, erhè la loro esosizione verso il merato del sottostante otrebbe imedire loro di ademiere all obbligazione ontratta in derivati. Per esemio, l aquisto di un ozione ut su un derivato sull energia da una ontroarte la ui roduzione otrebbe essere severamente omromessa da una diminuizione dei rezzi dell elettriità lasia la osizione lunga del ontratto esosta al rishio di fallimento della ontroarte. La osizione lunga origina erdite al diminuire dei rezzi dell elettriità, rorio l evento verso il quale, inizialmente, i si voleva roteggere. Per lo stesso motivo, l aquisto di rotezione in aso di default di un obbligazione Argentina da una bana Argentina otrebbe non essere la maniera migliore er ridurre il rishio di redito! La valutazione dei derivati vulnerabili, ovvero dei derivati esosti al rishio di fallimento della ontroarte, è stata oggetto di una vasta letteratura. Quest ultima si è foalizzata su seifii aroi di valutazione. Sesso ad esemio si utilizza un modello à la Blak e Sholes er l attività sottostante e un modello in forma strutturale o ridotta er la robabilità di fallimento della ontroarte. Per quanto riguarda la modellizzazione dell attività sottostante, è noto he le tenihe di valutazione delle ozioni attualmente utilizzate sono ben iù omlesse delle lassihe formule di Blak e Sholes: esse tentano di tenere in onto gli effetti non solo dello smile e della struttura a termine della volatilità, ma anhe della liquidità di merato. Quest ultimo roblema è artiolarmente rilevante nelle transazioni he avvengono su merati over-the-ounter (OTC), ed è rorio er queste he il rishio di ontroarte è rilevante. Per quanto onerne il rishio di redito, è noto he i modelli utilizzati nelle banhe sono molto iù artiolati degli aroi strutturali ed in forma ridotta disonibili in letteratura. Di onseguenza, i modelli di valutazione er i derivati vulnerabili sono di solito basati su iotesi semlifiate, ed i rezzi non ossono essere direttamente onfrontati on quelli dei derivati sulla stessa attività non soggetti al rishio di default. Ciò he sarebbe utile è un modello di valutazione er i derivati vulnerabili, in grado di integrare i modelli di riing sofistiati utilizzati er derivati rivi di rishio di default on i modelli sul rishio di redito, utilizzati dal risk management della bana nel suo omlesso. In questo lavoro dimostriamo he un modello basato sulle oule, l ultima tendenza in finanza, è in grado di svolgere questo ruolo. Il modello usa le oule er aoiare i modelli di asset riing e quelli di rishio di redito. La valutazione dei derivati vulnerabili è di er se un roblema bivariato, in quanto il ayoff diende dal fatto he l ozione termini in-the-money e l emittente sia soravvissuto fino alla data d eserizio. Quello he è rilevante ai fini della valutazione è la robabilità ongiunta di questi due eventi, ed è noto he le oule offrono uno strumento estremamente flessibile er raresentarla. Sulla base di questa idea, mostreremo ome si ottiene un riing kernel vulnerabile, he uò essere usato er rezzare derivati vulnerabili esattamente ome si fa er i derivati rivi di rishio di default. Il modello qui resentato è ostruito sotto l iotesi he i merati siano omleti, sebbene Cherubini e Luiano (21, 22) resentino risultati analoghi er il aso di merati inomleti. Cosa sono le Coule Una oula è semliemente un modo er raresentare robabilità ongiunte, in artiolare funzioni di riartizione ongiunte, attraverso le orrisondenti funzioni marginali. Date due variabili aleatorie X e Y, si denoti on F(x, y) la loro funzione di riartizione ongiunta, F(x, y) = Pr (X x, Y y), e on 1 Q(x) e 1 G(y) le marginali orrisondenti. Esiste semre una oula C ~ (1 Q, 1 G) tale he, al osto di F(x, y), si uò srivere C ~ (1 Q(x), 1 G(y)). Analogamente, se si desidera la funzione di soravvivenza ongiunta, F _ (x, y) = Pr(X > x, Y > y), esiste semre una oula C he ermette di sriverla in termini delle funzioni di soravvivenza marginali: F _ (x, y) = C(Q(x), G(y)) (er una dimostrazione, e er una disussione delle rorietà fondamentali delle oule, si veda Nelsen (1999). Diversamente da quanto aade er la funzione F, la oula C raresenta uniamente la diendenza: il omortamento marginale è omletamente desritto dalle funzioni univariate Q e G. Le oule devono restare tra i limiti di Fréhet C = max(q + G 1, ) la osiddetta oula minima, e C + = min(q, G), la osiddetta oula massima, he orrisondono risettivamente alla erfetta diendenza (non lineare) negativa e ositiva. Inoltre, X e Y sono indiendenti se e solo se la loro oula è la osiddetta oula rodotto, C = QG. Riordiamo alune rorietà molto semlii delle oule, he verranno utilizzate in seguito er affrontare i roblemi di valutazione delle ozioni. Sia C(Q, G) = C HH (Q, G) una oula, he ostituise er Q = Q(x) e G = G(y) la robabilità di soravvivenza di X e Y oltre x e y ioè la robabilità he X e Y eedano risettivamente x ed y. Allora le funzioni C HL (Q, 1 G) = Q C HH (Q, G), C LH (1 Q, G) = G C HH (Q, G) e C LL (1 Q, 1 G) = 1 Q G + C HH (Q, G) sono anh esse oule. Per Q = Q(x), G = G(y), esse raresentano, risettivamente, Pr(X x, Y < y), Pr(X < x, Y y), Pr(X < x, Y < y). Useremo questo risultato nel modo seguente: se C HH (Q,G) india la robabilità he un ozione termini in- the-money e la ontroarte soravviva, allora C HL (Q, 1 G) = Q C HH (Q,G) india la robabilità he un ozione termini in-the-money e la ontroarte fallisa. Nel seguito, er semliità, iotizzeremo semre he X e Y siano numeri aleatori ontinui. Ozioni digitali vulnerabili Utilizzando le rorietà fondamentali sora riortate, ossiamo agevolmente determinare il riing kernel vulnerabile. Saiamo he in un mondo nel quale non vi è rishio di fallimento il riing kernel è raresentato da un ozione digitale, he a sua volta è il limite di uno sread vertiale. Infatti uno sread vertiale rialzista onverge al limite ad un ozione digitale all (o rialzista), he aga un ammontare refissato qui normalizzato ad uno se e solo se il sottostante si trova al di sora dello strike a sadenza. Analogamente, MAGGIO 23 RIS ITALIA 39

3 Arofondimenti l Rishio di ontroarte 1. Rishio di ontroarte delle all digitali Moneyness = 1. Moneyness = 1.2 Moneyness = 15 uno sread vertiale ribassista onverge al limite ad un ozione digitale ut (o ribassista), he aga un ammontare unitario se e solo se il sottostante si trova al di sotto o in orrisondenza dello strike a sadenza. Noto il valore delle ozioni digitali è dunque ossibile alolare il valore di un ozione all euroea integrando l ozione digitale rialzista tra lo strike e il massimo valore assunto dal sottostante; allo stesso modo, l ozione ut uò essere valutata integrando l ozione ut digitale tra zero e lo strike. La stessa idea uò essere aliata ai derivati vulnerabili, doo aver individuato un modo er determinare il riing kernel he tenga onto dell evento di default : ertanto, iniziamo ad esaminare le ozioni digitali vulnerabili. Tali ozioni agano una somma unitaria in aso di eserizio e di soravvivenza della ontroarte, il tasso di reuero (dell emittente) in aso di eserizio dell ozione e di fallimento della ontroarte, e zero altrimenti. Si onsideri un ozione vulnerabile all euroea, he indihiamo on VD H, sritta su un sottostante S er una data sadenza T ed uno strike. Si denoti on Q() la robabilità neutrale al rishio he l ozione sada in-the-money, ossia he S(T) >, e on G la robabilità he la ontroarte soravviva fino all eoa T. Per semliità, si iotizzi he sia il tasso di reuero in aso di fallimento, R, sia il fattore di sonto rivo di rishio, B, siano noti. Sotto le normali ondizioni di non arbitraggio e merati omleti, esiste una (unia) misura neutrale al rishio sotto la quale il valore dell ozione digitale rialzista vulnerabile è VDH = B CHH( Q, G)+ RCHL( Q,1 G) dove C HH (Q, G) india la robabilità he l ozione sada in-the-money e la ontroarte soravviva, mentre C HL (Q, 1 G) è la robabilità he l ozione termini in-the-money e la ontroarte fallisa. Le estensioni del modello he rilassano le iotesi sul tasso di reuero e sul fattore di sonto rivo di rishio meritano una disussione a arte. Al fine di ontemlare un tasso di reuero stoastio, l aroio naturale è ondizionare il modello a uno seifio valore del tasso di reuero, er oi ottenere il rezzo desiderato integrando risetto alla funzione di densità di robabilità del tasso stesso (se ontinuo). Analogamente, nel aso di tassi d interesse stoastii, l estensione del modello è immediata se si lavora sotto la misura martingala forward, la quale ermette di fattorizzare il fattore di sonto ed il ayoff non sontato esattamente ome riortato nell equazione reedente. Se sostituiamo il risultato rihiamato in reedenza, C HH (Q, G) = Q C HL (Q, 1 G), ossiamo risrivere il rezzo VD H ome VD = BQ B 1 R C Q, 1 G H Moneyness = 1.5 Moneyness =.5 Moneyness = endall's tau ( ) ( ) Si noti he BQ he ossiamo indiare ome D H () sarebbe il HL rezzo dell ozione in assenza di ossibilità di fallimento. L ozione digitale vulnerabile è dunque uguale ad un ozione digitale ordinaria meno un termine he raresenta il rishio di ontroarte. Quest ultimo è il valore sontato della osiddetta loss given default, 1 R, er la robabilità ongiunta degli eventi di eserizio dell ozione e di fallimento della ontroarte, C HL (Q, 1 G). Tramite la stessa tenia, ossiamo alolare il rezzo dell ozione digitale ut vulnerabile, he aga un ammontare unitario se il rezzo dell attività sottostante è minore o uguale a al temo T. Se denotiamo on VD L l ozione digitale ribassista, otteniamo VD = B( 1 Q) B( 1 R) C ( 1 Q, 1 G) Possiamo utilizzare i risultati ottenuti alla fine del aragrafo reedente er determinare la seguente relazione tra ozioni rialziste e ribassiste: VDL = B( 1 Q) B( 1 R) 1 G CHL( Q, 1 G) = B VD B 1 R 1 G Questa relazione assiura eraltro he i rezzi delle due ozioni esludono oortunità d arbitraggio. Si suonga infatti di omrare dalla stessa ontroarte un ozione rialzista ed una ribassista. Si suonga inoltre di aquistare, al rezzo P D, uno zero-ouon esosto a default emesso dalla stessa ontroarte e aratterizzato dalla stessa sadenza T. È noto he tale rezzo uò essere sritto ome P D = B B (1 R) (1 G). È agevole verifiare he le due ozioni danno a sadenza lo stesso ayoff dello zero-ouon. Ne segue he, ome già ottenuto oo sora: VD + VD = B B( 1 R) ( 1 G)= P Utilizzando il linguaggio del rishio di redito, ossiamo definire la erdita attesa sontata sullo zero-ouon emesso dalla ontroarte, la osiddetta disounted exeted loss, ome Del = B P = B( 1 R) ( 1 G)= B Lgd D dove Lgd = 1 R è la loss given default e D = 1 G è la robabilità di default. Tutte le formule sora riortate ossono essere risritte on tale linguaggio. Per esemio, l ozione digitale vulnerabile rialzista uò essere sritta ome VD = B 1 Q Del B Lgd C Q, D L L H H L D D ( )( ) ( ) + ( ) Ciò mostra he il nostro aroio è del tutto generale ed è in grado di ositare ogni seifiazione del riing kernel rivo di rishio di redito, della robabilità di default e della loss given default roveniente dal modello er il rishio di redito utilizzato nella roria istituzione. Doo he è stata selta una seifia oula C HL (.,.), il modello uò essere omletamente alibrato utilizzando le rorie routine di valutazione delle ozioni e di rishio di redito. Il riing kernel VD H è quello dell eonomia senza rishio di default, D H, meno il termine B(1 R)C HL, he raresenta ertanto il rishio di ontroarte e he è seifiato utilizzando le oule. Ad esemio, la figura 1 mostra il omortamento di questo termine, er una seifia selta della oula, la osiddetta oula mistura. Questa oula, he verrà trattata in maggior dettaglio nel seguito, è semliemente una ombinazione lineare del aso di erfetta diendenza ositiva (o negativa) on quello di indiendenza e ermette di alibrare qualsiasi valore di diendenza imerfetta ositiva (o negativa). Nella figura 1 il valore del rishio di ontroarte è riortato in funzione della diendenza tra gli eventi di eserizio e di fallimento della ontroarte, misurato dalla statistia τ di endall. L attività sottostante è lognormale on volatilità ari al 2% e la sadenza è un anno (l iotesi di lognormalità è usata er semliità, ma ogni altra selta è leita). Il tasso d interesse è osto uguale a zero. Si suone he la ontroarte abbia rating Baa3 e he il redito sia senior seured. Utilizzando i dati di Moody s, si one la erdita attesa (Lgd D) ari a.231% ed il tasso di reuero al 55%. Il valore del LL HL 4 RIS ITALIA MAGGIO 23

4 rishio di ontroarte è riortato er numerosi livelli di moneyness dell ozione. Come i si oteva asettare, il rishio rese non solo on la diendenza, ma anhe on la moneyness: le ozioni fortemente out-ofthe-money hanno rishio nullo, mentre quelle molto in-the-money hanno rishio ari alla erdita attesa sontata della ontroarte, er ogni livello di diendenza. Il livello di moneyness neessario a onseguire quest ultimo risultato è omunque molto elevato. Ozioni all e ut vulnerabili Utilizziamo ora l argomentazione di Breeden e Litzenberger (1978) er alolare i rezzi delle ozioni all e ut vulnerabili dal riing kernel vulnerabile. Riordiamo he il rezzo di un ozione all Euroea riva di rishio di default O uò essere sritto ome integrale, nel modo seguente: dove D H (u) è il rezzo dell ozione digitale rialzista riva di rishio di fallimento, on strike u e stessa sadenza di O ; tale rezzo, ome osservato in reedenza, equivale a BQ(u). Aliando lo stesso riniio all ozione digitale rialzista vulnerabile, il suo valore VO, uò essere alolato integrando quello delle ozioni all digitali vulnerabili, al variare dello strike oltre : Così ome er le ozioni digitali, la differenza tra il rezzo della all vulnerabile, VO, e quello della all riva di default, O, misura il rishio di ontroarte. Analogamente, il valore delle ozioni ut vulnerabili, VO, è VO VD u du O Del B Lgd C Q u, D du VO VD u du O B Lgd C Q u D du O D u du B Q u du = H( ) = ( ) H HL, = ( ) = ( ( ) ) = ( ) = + HL( ( ) ) L dove O denota l ozione ut riva di rishio di default. Utilizzando la relazione di non arbitraggio tra le ozioni digitali rialziste e ribassiste sora ottenute è agevole alolare una versione della arità tra ut e all vulnerabili he vale in tutta generalità: + = + + ( ( ) ) VO S VO P B Lgd C Q u, D du D HL dove S iè il sottostante. Risetto alla arità tra ozioni ut e all non soggette a default, oorre notare he il rezzo d eserizio è sontato utilizzando il rezzo del bond esosto al fallimento, P D, e non il fattore di sonto rivo di rishio B, e he omare un termine integrale he tiene onto del rishio di ontroarte. Vi sono tre asi imortanti nei quali il rezzo di un ozione vulnerabile uò essere sritto in forma hiusa. Il rimo è il aso di indiendenza tra gli eventi di eserizio dell ozione e di fallimento della ontroarte. La robabilità dei due eventi uò essere fattorizzata e, ome rihiamato nel breve aragrafo tenio sora, C HL (Q, D) = C (Q, D) = Q D. Si denotino i rezzi delle ozioni vulnerabili nel aso di indiendenza on VO e VO : si uò dimostrare failmente he VO = O O D Lgd and VO = O O D Lgd. Il seondo aso è quello di erfetta diendenza ositiva, er ui C HL (Q, D) = C + (Q, D) = min(q, D). Anhe in questo aso il rezzo delle ozioni vulnerabili uò essere alolato in forma hiusa. Per l ozione all si ha infatti ( )+ ( ( ) ) VO + = O * * Del max, Lgd O S, t;max,, T 2. Rishio di ontroarte delle all vulnerabili =.6 =.8 = 1. = 1.2 = endall's tau dove O (S, t; max (*, ), T) è il rezzo di una all on sottostante S e sadenza T, la stessa dell ozione vulnerabile, e strike ari al massimo tra * e. Lo strike *. a sua volta è tale he Q(*) = D: in altri termini, è il rezzo d eserizio tale er ui la robabilità d eserizio della all riva di default eguaglia la robabilità di fallimento della ontroarte. Analogamente, in aso di erfetta diendenza ositiva, il rezzo di un ozione ut uò essere osì alolato: VO + = O ** ** Del max, Lgd O S, t;min,, T dove ** è tale er ui Q(**) = 1 D. Pertanto, ** è il rezzo d eserizio tale er ui la robabilità d eserizio di un ozione all eguaglia la robabilità di soravvivenza della ontroarte. Si noti he in entrambi i asi la valutazione del derivato vulnerabile rihiede uniamente la onosenza della erdita attesa sontata, della loss given default e delle formule di valutazione er i orrisondenti rodotti rivi di rishio di default. Inoltre, in aso di erfetta diendenza ositiva il rishio di ontroarte è raresentato da una osizione orta sullo sread B P D = Del, he uò essere sambiata sul merato utilizzando un derivato di redito, iù reisamente una default ut, e da una osizione orta su un ozione riva di default. Ciò suggerise in maniera immediata una strategia di relia o suer-relia er le ozioni vulnerabili. In aso di erfetta diendenza ositiva, il rishio di ontroarte di un ozione all uò essere oerto assumendo una osizione lunga su ozioni default ut er un ammontare ari a max (*, ) e omrando Lgd ozioni all non vulnerabili on strike max(, *). Allo stesso modo, la strategia di oertura er le ozioni ut omorta osizioni lunghe in max( **, ) default ut ed in Lgd ozioni ut non vulnerabili on strike min(, **). Nella maggior arte delle aliazioni lo strike è omreso tra ** e *, sihè max(*, ) = * e min(**, ) = **. Inoltre, sia l ozione all on strike * sie l ozione ut on strike ** sono largamente out-of-the-money. Possiamo dunque arossimare i rezzi delle vulnerabili nel aso di erfetta diendenza ositiva ome segue: + VO O Del max, + ( )+ ( ( ) ) VO O Del max, * ( ) ** ( ) e la strategia di relia uò essere effettivamente imlementata utilizzando uniamente il derivato reditizio. Si uò dimostrare infine he ossiamo alolare soluzioni in forma hiusa anhe nel aso di erfetta diendenza negativa tra l eserizio dell ozione ed il fallimento MAGGIO 23 RIS ITALIA 41

5 Arofondimenti l Rishio di ontroarte Tavola 1. Il rishio di ontroarte ome erentuale del valore dell ozione senza rishio di redito (at-the-money all) endall τ AAA Aaa3 A3 Baa3 Ba3 B3 Caa della ontroarte. Saiamo he in questo aso C HL (Q, D) = C (Q, D) = max(q + D 1, ). Possiamo alolare analitiamente VO ome ** ( 1 Lgd) O + Lgd O ( S,;max t (, ), T ) max, B Lgd Del e VO ome ( )[ ** ] ( ) ( )[ ] * ( 1 Lgd) O + Lgd O S, t;min (, ), T * max, B Lgd Del Dato he, ome osservato in reedenza, er un amia gamma di rezzi d eserizio * **, in questi asi troviamo un rishio di ontroarte nullo e VO = O VO = O La famiglia delle oule di Fréhet I risultati reedenti sono artiolarmente rilevanti non solo erhé offrono rezzi in forma hiusa nei asi estremi di diendenza, ma anhe erhé ermettono la valutazione e la oertura anora in forma hiusa er ogni aso intermedio di diendenza, sotto una artiolare lasse funzioni oula. Una strada molto semlie er generare una funzione oula onsiste nel onsiderare una ombinazione lineare delle oule minima, massima e rodotto. In ratia, si definisa CHL = β max ( Q + D 1, )+( 1 α β) Q D + α min ( Q, D ) Searman e il τ di endall. In artiolare, abbiamo ( )( + + ) β α 2 β α ρ= α β τ = 3 Un aso artiolare della famiglia delle oule di Fréhet è quello della osiddetta oula mistura, utilizzata da Li (2) e già itata in reedenza. Essa utilizza una ombinazione di indiendenza e diendenza erfetta ositiva (1 α e β = ) er raresentare diendenza ositiva, ed una ombinazione di indiendenza e diendenza erfetta negativa (1 β e α = ) er raresentare diendenza negativa. Si ha quindi ( ) C C CHL = 1+ α α α + αc + ( 1 α) C α Utilizzando oule mistura, e er semliità il modello di Blak e Sholes er il riing dei rodotti non vulnerabili, ossiamo alolare il rishio di ontroarte er differenti livelli di diendenza, misurata ad esemio dal τ di endall. La relazione tra il rishio di ontroarte e la statistia di diendenza er un ozione all è desritta in figura 2, er differenti livelli di moneyness. Si iotizza nuovamente he la ontroarte abbia rating Baa3. Infine, er avere un idea dell effetto della diendenza er diverse lassi di rating della ontroarte riortiamo, in tabella 1, il valore del rishio di ontroarte ome erentuale del valore dell ozione all riva di default orrisondente. Si assume he l ozione sia at-the-money, on un anno di vita residua e on un arametro di volatilità ari al 2%. BIBLIOGRAPHIA on α, β 1 and α + β 1. Per ostruzione, le funzioni oula in questa famiglia, nota ome famiglia di Fréhet, orono tutti i asi estremi di diendenza. Risulta hiaro he er tutte queste oule ritroviamo una soluzione in forma hiusa er i rezzi (e di onseguenza er i ortafogli di relia) di ozioni ut e all vulnerabili. In maniera iù esliita, abbiamo + VO = βvo + ( 1 α β) VO + αvo + VO = βvo + 1 α β VO αvo ( ) + e le strategie di suer-relia illustrate nel aragrafo reedente ossono essere oortunamente utilizzate er ostruire le strartegie di relia orrisondenti a un reiso grado di diendenza. I arametri α e β sono in relazione on il livello di diendenza, he otrebbe essere misurato tramite indii non arametrii ome il ρ di Breeden D e R Litzenberger, 1978 Pries of state ontingent laims imliit in otion ries Journal of Business 51, Cherubini U e E Luiano, 21 Priing vulnerable otions with oulas disonibile al sito Cherubini U e E Luiano, 22 Bivariate otion riing with oulas Alied Mathematial Finane 9, Durrleman V, A Nikeghbali e T Ronalli, 2 Whih oula is the right one? Working aer, Crédit Lyonnais Frees E e E Valdez, 1998 Understanding relationshis using oulas North Amerian Atuarial Journal 2, 1 25 Li D, 2 On default orrelation: a oula funtion aroah Journal of Fixed Inome, marzo, Nelsen R, 1999 Introdution to oulas Berlin, Sringer Verlag Rosenberg Y, 21 Nonarametri riing of multivariate ontingent laims Working aer, New York University, Stern Shool of Business 42 RIS ITALIA MAGGIO 23

6 Calibrazione ai dati di merato Illustriamo brevemente una semlie strategia er alibrare il modello ai dati di merato. Il vantaggio derivante dall uso dell aroio basato sulle oule onsiste ovviamente nel searare la seifiazione delle distribuzioni marginali dalla struttura di diendenza. Per iò he riguarda la seifiazione delle distribuzioni marginali, la letteratura è amia. La robabilità risk neutral d eserizio dell ozione è riavata dalla derivata del rezzo dell ozione risetto allo strike. La robabilità di fallimento della ontroarte anh essa aggiustata er il rishio uò essere riavata da informazioni sul valore di merato del suo aitale, ome suggerito dai modelli strutturali, o dalle urve di redit sread o di redit default swa, ome indiato nei modelli in forma ridotta. A fini aliativi, è artiolarmente onsigliabile utilizzare informazione seifia sulla ontroarte er valutarne il rishio di fallimento, singendo l analisi oltre l informazione ontenuta nel rating: infatti, ontroarti differenti on lo stesso rating otrebbero rivelare gradi di diendenza differenti risetto ad una determinata attività finanziaria sottostante l ozione vulnerabile. Per iò he onerne invee la diendenza, le serie storihe della robabilità d eserizio dell ozione, ottenuta dai rezzi di merato delle ozioni, e della robabilità di fallimento della ontroarte, riavata rinialmente dai rezzi delle sue azioni e dai redit default swa, ossono essere utilizzate er alibrare la funzione oula. La roedura di alibrazione uò essere artiolarmente semlie er funzioni oula aratterizzate da un solo arametro. In questo aso, l informazione storia sulle robabilità marginali uò essere usata er stimare la loro struttura di diendenza, alolando il oeffiiente di orrelazione lineare o il τ di endall. Una ritia ovvia verso questo aroio molto semlie è he l informazione delle serie storihe ermette di seifiare la struttura di diendenza sotto la misura di robabilità oggettiva, he in linea di riniio otrebbe differire da quella riavata sotto la misura neutrale al rishio. Rosenberg (21) fornise alune ondizioni sotto le quali la oula ottenuta on la robabilità oggettiva onserva validità sotto la misura neutrale al rishio. L uso di questo aroio misto, ovvero imliito e storio, ermette inoltre di affrontare il roblema della selta di una funzione oula seifia. Ad esemio, se si seglie di utilizzare una funzione oula tra quelle inluse nella osiddetta lasse Arhimedea, Frees e Valdez (1998) roongono un aroio di tio QQ lot molto semlie er selezionare la oula giusta (si veda anhe Durrleman, Nikeghbali e Ronalli, 2, er una trattazione iù generale di questo argomento). Conlusioni e sunti di riera futura Abbiamo mostrato he le funzioni oula, utilizzate a lungo in statistia er trasformare distribuzioni marginali in una distribuzione ongiunta, otrebbero ostituire uno strumento effiae in finanza er aoiare modelli di valutazione. In artiolare, aoiando un modello di valutazione delle ozioni on uno di rishio di redito, è stato ottenuto un metodo flessibile er valutare e orire ozioni vulnerabili, ovvero ozioni on rishio di ontroarte. Ovviamente vi sono diversi svilui ossibili lungo questo erorso. In rimo luogo, la stessa strategia di modellizzazione seguita er l ozione vulnerabile uò essere estesa ed aliata ad altri roblemi di valutazione, mettendo a disosizione soluzioni a stadi er roblemi multivariati omlessi. Lungo questo sentiero, lo sviluo naturale del nostro lavoro onsiste nell estendere l aroio a rodotti iù sofistiati: ad esemio, si otrebbe estendere ai rodotti Ameriani o di tio Bermuda, er i quali il roblema di valutazione è reso iù artiolato dalla robabilità di eserizio antiiato, oure alle ozioni on barriera, he omortano il alolo della robabilità ongiunta he l ozione termini in-the-money e he la barriera sia raggiunta rima della sadenza dell ozione stessa. Da un unto di vista emirio, la riniale sfida aerta onsiste nel rogettare strumenti atti a selezionare la funzione oula adeguata er ogni roblema di valutazione. Come ha sottolineato un referee, la lasse delle oule mistura sora utilizzata è robabilmente troo limitata er fornire una buona alibrazione dei dati. Per una migliore alibrazione oorrerà robabilmente rinuniare alla valutazione in forma hiusa e alle strategie esliite di relia disonibili er questa lasse e sarà neessario riorrere ad altre famiglie, anhe se iò imliherà l utilizzo di tenihe di integrazione numeria. Umberto Cherubini è rofessore assoiato di Metodi Matematii dell Eonomia e delle Sienze Attuariali e Finanziarie resso l Università di Bologna e artner di Polyhedron Comutational Finane. Elisa Luiano è rofessore ordinario di Metodi Matematii dell Eonomia e delle Sienze Attuariali e Finanziarie resso l Università di Torino e fellow di ICER (International Centre for Eonomi Researh) MAGGIO 23 RIS ITALIA 43

NUMERI RAZIONALI E REALI

NUMERI RAZIONALI E REALI NUMERI RAZIONALI E REALI CARLANGELO LIVERANI. Numeri Razionali Tutti sanno che i numeri razionali sono numeri del tio q con N e q N. Purtuttavia molte frazioni ossono corrisondere allo stesso numero, er

Dettagli

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i DISTRIBUZIONE di PROBABILITA Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che uò assumere i valori: ; ;, n al verificarsi degli eventi incomatibili e comlementari: E ; E ;..;

Dettagli

Dispensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1

Dispensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1 Disensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1 (a cura di L. Pisani) C.d.L. in Matematica Università degli Studi di Bari a.a. 2003/04 i Indice Notazioni iii 1 Princii di sostituzione 1 1.1 Funzioni equivalenti

Dettagli

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p =

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p = 5. Rette e piani in R 3 ; sfere. In questo paragrafo studiamo le rette, i piani e le sfere in R 3. Ci sono due modi per desrivere piani e rette in R 3 : mediante equazioni artesiane oppure mediante equazioni

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 Controlli Digitali Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica CONTROLLORI PID Tel. 0522 522235 e-mail: secchi.cristian@unimore.it Introduzione regolatore Proorzionale, Integrale, Derivativo PID regolatori

Dettagli

STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI

STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI Quando un sistema fisico inizialmente in quiete viene sottoosto ad un ingresso di durata finita o di amiezza limitata, l uscita del sistema dovrebbe stabilizzarsi a un certo

Dettagli

5 LAVORO ED ENERGIA. 5.1 Lavoro di una forza

5 LAVORO ED ENERGIA. 5.1 Lavoro di una forza 5 LAVR ED ENERGIA La valutazione dell equazione del moto di una articella a artire dalla forza agente su di essa risulta articolarmente semlice qualora la forza è costante; in tal caso è ossibile stabilire

Dettagli

Capitolo Ventitrè. Offerta nel breve. Offerta dell industria. Offerta di un industria concorrenziale Offerta impresa 1 Offerta impresa 2 p

Capitolo Ventitrè. Offerta nel breve. Offerta dell industria. Offerta di un industria concorrenziale Offerta impresa 1 Offerta impresa 2 p Caitolo Ventitrè Offerta dell industria Offerta dell industria concorrenziale Come si combinano le decisioni di offerta di molte imrese singole in un industria concorrenziale er costituire l offerta di

Dettagli

1 2-6 7-74 Commento * Continuazione riga! Viene ignorato tutto quello che viene scritto dopo questo carattere [etichett a]

1 2-6 7-74 Commento * Continuazione riga! Viene ignorato tutto quello che viene scritto dopo questo carattere [etichett a] La programmazione è l'arte di far ompiere al omputer una suessione di operazioni atte ad ottenere il risultato voluto. Srivere un programma è un po' ome dialogare ol omputer, dobbiamo fornirgli delle informazioni

Dettagli

Controllo di Gestione (CdG)

Controllo di Gestione (CdG) Controllo di Gestione (CdG) Controllo di gestione (CdG) Controllo dei risultati a. Condizioni di fattiilità ed effiaia. Elementi. Grado di rigidità d. Potenzialità e. Svantaggi f. Profili istituzionali

Dettagli

Figura 2.1. A sottoinsieme di B

Figura 2.1. A sottoinsieme di B G Sammito, ernardo, Formulario di matematia Insiemi F Cimolin, L arletta, L Lussardi Insiemi Generalità Un insieme è una ollezione distinguibile di oggetti, detti elementi dell'insieme Quando un elemento

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

GUIDA DELL UTENTE CARATTERISTICHE PRINCIPALI DORO Analisi e verifia di sezioni in.a., preompresso/post-teso e miste aiaio-alestruzzo v. 3.01.29 del 17 marzo 2015 dott. ing. FERRARI Alberto www.ferrarialberto.it GUIDA DELL UTENTE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

Dettagli

Introduzione alla trigonometria

Introduzione alla trigonometria Introduzione alla trigonometria Angoli e loro misure In questa unità introdurremo e studieremo una classe di funzioni che non hai ancora incontrato, le funzioni goniometriche. Esse sono imortanti sorattutto

Dettagli

MERCATI NON CONCORRENZIALI. 2. grande numero di produttori e consumatori in ciascun mercato; 3. omogeneità del bene prodotto/venduto in ogni mercato

MERCATI NON CONCORRENZIALI. 2. grande numero di produttori e consumatori in ciascun mercato; 3. omogeneità del bene prodotto/venduto in ogni mercato MERCATI NON CONCORRENZIALI Le iotesi che sorreono lo schema di concorrenza eretta sono: 1. inormazione eretta e comleta er tutti li aenti; 2. rande numero di roduttori e consumatori in ciascun mercato;

Dettagli

Consideriamo un gas ideale in equilibrio termodinamico alla pressione p 1. , contenuto in un volume V

Consideriamo un gas ideale in equilibrio termodinamico alla pressione p 1. , contenuto in un volume V LEGGI DEI GS Per gas si intende un fluido rivo di forma o volume rorio e facilmente comrimibile in modo da conseguire notevoli variazioni di ressione e densità. Le variabili termodinamiche iù aroriate

Dettagli

Il linguaggio Pascal. Piero Gallo Fabio Salerno

Il linguaggio Pascal. Piero Gallo Fabio Salerno Il linguaggio Pasal Piero Gallo Fabio Salerno Introduzione alla programmazione in Pasal In ogni momento della nostra vita siamo hiamati a risolvere dei problemi. A volte operiamo senza riflettere, spinti

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE

CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE RRISIH D SOIZIO bbiamo visto che la trave uò essere definita come un solido generato da una figura iana S (detta seione retta o seione ortogonale) che si muove nello saio mantenendosi semre ortogonale

Dettagli

Analisi funzionale. Riccarda Rossi Lezione 9

Analisi funzionale. Riccarda Rossi Lezione 9 Riarda Rossi Lezione 9 Caratterizzazione della onvergenza debole in L p (Ω) Siano 1 < p < e {f n}, f L p (Ω): allora f n f in L p (Ω) Teorema di ompattezza debole in L p (Ω) Teorema Siano 1 < p < e {f

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROVA DI AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA E DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO DIRETTAMENTE FINALIZZATI ALLA FORMAZIONE DI ARCHITETTO Anno Accademico

Dettagli

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa?

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa? Verifica d Iotesi Se ivece che chiederci quale è il valore ua mea i ua oolazioe (stima utuale Se ivece e itervallo che chiederci cofideza) quale è il avessimo valore u idea ua mea su quello i ua che oolazioe

Dettagli

Uso delle costanti di tempo nella tecnica fonometrica.-

Uso delle costanti di tempo nella tecnica fonometrica.- Aunti di acustica ratica N 10.- 0140114 Uso delle costanti di temo nella tecnica fonometrica.- B.Abrami bruno.abrami@tin.it 1.- Premessa generale.- Nell estate del 010, avendo litigato con la fidanzata,

Dettagli

RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO

RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Agenzia Nazionale er le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluo Economico Sostenibile RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Studio comarativo tra fabbisogni energetici netti, lato edificio, sia er la climatizzazione

Dettagli

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit.

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. http://www.borsaitaliana.it/borsa/azioni/scheda.html?isin=it0004781412&lang=en http://www.borsaitaliana.it/borsa/derivati/idem-stock-futures/lista.html?underlyingid=ucg&lang=en

Dettagli

6 Collegamento cerniera con piastra d anima (Fin Plate)

6 Collegamento cerniera con piastra d anima (Fin Plate) 6 Collegamento cerniera con iastra d anima (in Plate) 6. Generalità e caratteristiche del collegamento Il collegamento a cerniera con iastra d anima si realizza saldando in oicina una iastra all elemento

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

Titolo della lezione. Analisi dell associazione tra due caratteri: indipendenza e dipendenza

Titolo della lezione. Analisi dell associazione tra due caratteri: indipendenza e dipendenza Titolo della lezione Analisi dell associazione tra due caratteri: indipendenza e dipendenza Introduzione Analisi univariata, bivariata, multivariata Analizzare le relazioni tra i caratteri, per cercare

Dettagli

Ridefiniamo l Integrazione Verticale

Ridefiniamo l Integrazione Verticale Certifiazioni Ridefiniamo l Integrazione Vertiale Siliio Cristallino Siliio di prima selta garantise la qualità superiore dei prodotti finiti Certifiazioni Internazionali per la Siurezza del Prodotto Oggi

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati 1.1.1. I titoli di capitale Acquistando titoli di capitale

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE G. Smmito, A. Bernrdo, Formulrio di mtemti Equzioni lgerihe F. Cimolin, L. Brlett, L. Lussrdi. EQUAZIONI ALGEBRICHE. Prinipi di equivlenz Si die identità un'uguglinz tr due espressioni ontenenti un o più

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1 M.Blconi e R.Fontn, Disense di conomi: 3) quilirio del consumtore L scelt di equilirio del consumtore ntegrzione del C. 21 del testo di Mnkiw 1 Prte 1 l vincolo di ilncio Suonimo che il reddito di un consumtore

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

VARIABILI ALEATORIE CONTINUE

VARIABILI ALEATORIE CONTINUE VARIABILI ALEATORIE CONTINUE Se X è una variabile aleatoria continua, la probabilità che X assuma un certo valore x fissato è in generale zero, quindi non ha senso definire una distribuzione di probabilità

Dettagli

Momento di una forza rispettto ad un punto

Momento di una forza rispettto ad un punto Momento di un fo ispettto d un punto Rihimimo lune delle definiioni e popietà sui vettoi già disusse ll iniio del oso Podotto vettoile: ϑ ϑ sin sin θ Il vettoe è dietto lungo l pependiole l pino individuto

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

La funzione è continua nel suo dominio perchè y = f(x) è composizione di funzioni continue. Il punto x = 0 è un punto isolato per D f.

La funzione è continua nel suo dominio perchè y = f(x) è composizione di funzioni continue. Il punto x = 0 è un punto isolato per D f. FUNZIONI CONTINUE - ALCUNI ESERCIZI SVOLTI SIMONE ALGHISI 1. Continuità di una funzione Dati un insieme D R, una funzione f : D R e x 0 R, si è detto che f è continua in x 0 se sono soddisfatte le seguenti

Dettagli

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

Rapporto sull Impatto della Sanità d Iniziativa. Valentina Barletta Paolo Francesconi Francesco Profili Laura Policardo

Rapporto sull Impatto della Sanità d Iniziativa. Valentina Barletta Paolo Francesconi Francesco Profili Laura Policardo Raorto sull Imatto della Sanità d Iniziativa Valentina Barletta Paolo Francesconi Francesco Profili Laura Policardo Novembre 2013 Indice 1 Storia e sviluo del rogetto sanità d iniziativa in Regione Toscana

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI Dipartimeto di Sieze Eoomihe Uiversità di Veroa VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE Lezioi di Matematia per

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Le agenzie di rating e la crisi finanziaria

Le agenzie di rating e la crisi finanziaria Facoltà di Economia Corso di Laurea in Mercati e intermediari finanziari Le agenzie di rating e la crisi finanziaria RELATORE Prof. Claudio Boido CANDIDATO Greta Di Fabio ANNO ACCADEMICO 2008/2009 Indice

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

MACCHINE ELETTRICHE. Stefano Pastore. Macchine in Corrente Continua

MACCHINE ELETTRICHE. Stefano Pastore. Macchine in Corrente Continua MACCHINE ELETTRICHE Mahine in Corrente Continua Stefano Pastore Dipartiento di Ingegneria e Arhitettura Corso di Elettrotenia (IN 043) a.a. 2012-13 Statore Sistea induttore (Statore): anello in ghisa o

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

10 ESEMPIO DI VALUTAZIONE IN BILANCIO DI UN OPZIONE

10 ESEMPIO DI VALUTAZIONE IN BILANCIO DI UN OPZIONE SOMMARIO 1 INTRODUZIONE ALLE OPZIONI 1.1 Teoria delle opzioni 1.2 Specifiche contrattuali delle opzioni su azioni 2 FORMALIZZAZIONI 3 PROPRIETA FONDAMENTALI DELLE OPZIONI SU AZIONI 3.1 Put-Call Parity

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA Stefania Naddeo (anno accademico 4/5) INDICE PARTE PRIMA: STATISTICA DESCRITTIVA. DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA E FUNZIONE DI RIPARTIZIONE. VALORI CARATTERISTICI

Dettagli

APPUNTI PER UN VIAGGIO SULLA TERRA D'AMERICA

APPUNTI PER UN VIAGGIO SULLA TERRA D'AMERICA APPUNTI PER UN VIAGGIO SULLA TERRA D'AMERICA 1. Forse è meglio osì azione arbitraria dominio della nona asa nell'in/ontro on/torto tra/verso e fortuito Ameria sulla via delle Indie nasere vibrazioni-vapore

Dettagli

COMUNE DI CALVELLO PROVINCIA DI POTENZA AREA: SETTORE AMMINISTRATIVO. DETERMINAZIONE DSG N 00954/2014 del 09/12/2014

COMUNE DI CALVELLO PROVINCIA DI POTENZA AREA: SETTORE AMMINISTRATIVO. DETERMINAZIONE DSG N 00954/2014 del 09/12/2014 N PAP-01410-2014 Si attesta che il resente atto è stato affisso all'albo Pretorio on-line dal 09/12/2014 al 24/12/2014 L'incaricato della ubblicazione GENNARO COLASURDO COMUNE DI CALVELLO PROVINCIA DI

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Manuale di riferimento

Manuale di riferimento Manuale di riferimento Copyright 2011 2014 JetLab S.r.l. Tutti i diritti riservati è un marhio di JetLab S.r.l. Mirosoft, Windows, Windows NT, Windows XP, Windows Vista, Windows 7 e il logo di Windows

Dettagli

4. FLUIDI AERIFORMI NEI CONDOTTI

4. FLUIDI AERIFORMI NEI CONDOTTI Politenio di oino Lauea a Distanza in Ingegneia Meania Coso di Mahine 4 FLUIDI AERIFORMI NEI CONDOI Nello studio delle ahine si one il oblea di deteinae la onfoazione dei ondotti in odo he il fluido subisa

Dettagli

TECNICHE DI SIMULAZIONE

TECNICHE DI SIMULAZIONE TECNICHE DI SIMULAZIONE MODELLI STATISTICI NELLA SIMULAZIONE Francesca Mazzia Dipartimento di Matematica Università di Bari a.a. 2004/2005 TECNICHE DI SIMULAZIONE p. 1 Modelli statistici nella simulazione

Dettagli

Un introduzione al rischio di credito

Un introduzione al rischio di credito UNIVERSITÀ CA FOSCARI DI VENEZIA DIPARTIMENTO DI MATEMATICA APPLICATA Martina Nardon Un introduzione al rischio di credito n. 123/2004 Un introduzione al rischio di credito Martina Nardon Dipartimento

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

L approccio parametrico o delle varianze-covarianze

L approccio parametrico o delle varianze-covarianze L approccio parametrico o delle varianze-covarianze Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione Egea, 2008 AGENDA Il VaR nell ipotesi di

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

Raffinamenti dell equilibrio di Nash

Raffinamenti dell equilibrio di Nash Raffinamenti dell equilibrio di Nah equilibri perfetti nei ottogiohi (SPE) ed altro Appunti a ura di Fioravante PATRONE verione del: maggio ndie Equilibri perfetti nei ottogiohi (SPE) SPE problematii 4

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore I principali prodotti derivati Elementi informativi di base Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice I - Premessa 3 II - Cosa sono i prodotti derivati 4 III - I principali prodotti

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATIVI

DOCUMENTI INFORMATIVI Sede sociale: Cortona, Via Guelfa, 4 Iscritta all albo delle Banche al n. matr. 506.6.0 Capitale sociale e riserve al 31/12/2013 32.044.372,37 i.v. Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di AREZZO

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE 1 GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE Ing. Enrico Perfler Eudax s.r.l. Milano, 23 Gennaio 2014 Indice 2 Il concetto di rischio nei dispositivi medici

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Rimini, 26 aprile 2006 1 The Inter temporal Effects of International Trade Valore in $ del consumo di beni oggi G D F H 1/(1+r) G Valore

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge ( www.economia.unimi.it/lda/adamss ) Facoltàdi Scienze, Università degli Studi di Milano 10 febbraio 2006 Coordinatore: Davide La Torre (Professore

Dettagli

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni OPZIONI FORMAZIONE INDICE Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni 3 5 6 8 9 10 16 ATTENZIONE AI RISCHI: Prima di

Dettagli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari. Operativitàin derivati. Marialaura Napoli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari. Operativitàin derivati. Marialaura Napoli Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari Operativitàin derivati Marialaura Napoli 2 Agenda I contratti derivati nell attuale quadro normativo Novità introdotte dalla Dir. 2004/39 Le sedi

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Errori di misura. è ragionevole assumere che una buona stima del valore vero sia la media

Errori di misura. è ragionevole assumere che una buona stima del valore vero sia la media Errori di miura Se lo trumento di miura è abbatanza enibile, la miura rietuta della tea grandezza fiica darà riultati diveri fra loro e fluttuanti in modo caratteritico. E l effetto di errori cauali, o

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo Luca Cappellina GRETA, Venezia Che cosa sono i futures. Il futures è un contratto che impegna ad acquistare o vendere, ad una data futura,

Dettagli

Il futuro del controllo degli insetti dannosi è già qui: semplice ed efficace.

Il futuro del controllo degli insetti dannosi è già qui: semplice ed efficace. Il futuro del controllo degli insetti dannosi è già qui: semplice ed efficace. er ulteriori informazioni www.suterra.com 1. os è il uffer? uffer è una tecnologia sviluppata in esclusiva da Suterra costituita

Dettagli

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine Dall atomo di Bohr alla ostate di struttura fie. INFORMAZIONI SPETTROSCOPICHE SUGLI ATOMI E be oto he ogi sostaza opportuamete eitata emette radiazioi elettromagetihe. Co uo spettrosopio, o strumeti aaloghi,

Dettagli

Limiti e continuità di funzioni reali di una variabile

Limiti e continuità di funzioni reali di una variabile di funzioni reali di una variabile Corso di Analisi Matematica - capitolo VI Facoltà di Economia, UER Maria Caterina Bramati Université Libre de Bruxelles ECARES 22 Novembre 2006 Intuizione di ite di funzione

Dettagli