Allegato Tecnico Al Capitolato PON 901/2003

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Allegato Tecnico Al Capitolato PON 901/2003"

Transcript

1 Allegato Tecnico Al Capitolato PON 901/2003

2 Indice 1 Premessa 4 2 Oggetto della gara e scopo della realizzazione 5 3 Conformità agli standard internazionali e certificazioni richieste 7 4 Requisiti tecnologici 8 5 Caratteristiche del Cablaggio strutturato Definizioni Schema di principio Dorsale Dati Cablaggio orizzontale Canalizzazioni Impiantistica elettrica Armadi di permutazione Palazzina Rettorato Plesso edilizio ex-enaoli Infrastrutture presenti Architettura richiesta per il plesso Potenza Interventi Modalità Elementi Dimensionamento quantitativi di minimali Copertura degli sull infrastruttura - wireless Armadi Access rack Point 31 Plesso e di apparati rete ex ENAOLI dettaglio attivi per ogni edificio Punto Calcolo Studenti Infrastrutture presenti Architettura Modalità Interventi Riepilogo di minimali degli Copertura del richiesta Apparati sistema sull infrastruttura per wireless Attivi il esercizio 33 Campus Installati Complesso di di Macchia rete 34 presso di Macchia Romana 33 il Campus di Macchia 34 Romana Dimensionamento Componente IP PBX 41 Voice Phone 41 Fax del GateWay 41 Sistema Gateway 41 di Telefonia su IP 41 PON 901 Allegato Tecnico Modalità di installazione e messa in opera del cablaggio 25 6 Rete di Ateneo - Generalità Routing e Firewall, situazione attuale 27 7 Progetto sedi di - Potenza Edifici interessati al progetto Sede di Via N. Sauro Edifici interessati al progetto -Campus di Macchia Romana 32 8 Progetto sedi Matera Realizzazione del link tra le sedi in tecnologia wireless Hiperlan Sistema di management Architettura del sistema di telefonia su IP Modalità di Copertura wireless Sedi di Matera 41

3 Infrastrutture Architettura richiesta presenti Quadro Infrastrutture di sintesi presenti 43 delle per forniture la sede minime di Via S. richieste 42 Rocco Architettura Quadro di sintesi richiesta delle per forniture la sede minime di Via Lazazzera 43 richieste Interfacce Protocolli Centro stella e in Standard 50 Gigabit di edificio Ethernet 50 tipo A e B Caratteristiche IDS (Intrusion Detection minimali dei System) 56 Firewall 55 Caratteristiche Servizi di Utente 62 Amministrazione 63 Desiderabili 61 Richieste 59 Caratteristiche tecniche minime Edifici interessati al progetto Sede di Via S. Rocco Edifici interessati al progetto Sede di Via Lazazzera 43 9 Servizi di rete centralizzati Network Management Sistema di Autenticazione, Autorizzazione, Accounting Sistema di Accesso Remoto tramite NAS (Network Access Server) Specifiche tecniche per gli apparati attivi Caratteristiche comuni a tutti gli Switch Switch di distribuzione Tipo C Centro stella di Campus Switch di tipo D Access Point Apparato Radio HiperLan IP PBX Caratteristiche comuni ai Telefoni IP Adattatori per Fax Analogici Voice Gateway Installazione Documentazione d impianto Garanzia e Assistenza Tempi di realizzazione (Cronoprogramma) Allegato Allegato 2 71 PON 901 Allegato Tecnico 3

4 1 Premessa Il presente documento costituisce l Allegato Tecnico al Capitolato Speciale di Appalto in cui vengono indicate le linee guida e i requisiti minimi per la realizzazione, il potenziamento e la gestione della nuova Infrastruttura di ICT (Information & Communication Technology) a servizio dell Università degli Studi della Basilicata, per le sedi di Potenza e Matera. Nel documento si definisce il quadro generale dell infrastruttura di rete dell Ateneo, si individuano i livelli di priorità e gli interventi minimali effettuabili. E opportuno premettere che l infrastruttura di rete è un elemento essenziale per il corretto svolgimento delle attività gestionali, didattiche e di ricerca di una struttura universitaria. Infatti: le tecnologie di rete forniscono il principale mezzo di comunicazione e scambio dati in ambito scientifico (accesso a banche dati, consultazione di biblioteche virtuali, scambio di informazioni, diffusione di risultati, creazione e mantenimento di connessioni con altri enti di ricerca nazionali ed internazionali, etc.); internet è un supporto, spesso indispensabile, alla elaborazione, sottomissione e valutazione di progetti di ricerca, nonché allo sviluppo di reti di eccellenza e consorzi di ricerca; la rete svolge un ruolo centrale nelle iniziative di didattica avanzata (didattica assistita al calcolatore, teledidattica) e di formazione di alto livello (master, dottorati e scuole di specializzazione); la rete rappresenta il substrato delle attività giornaliere di tutte le strutture di un dipartimento (si pensi, ad esempio, alle procedure amministrative di ogni tipo ed alla diramazione di avvisi e convocazioni). E pertanto naturale considerare l evoluzione della rete di Ateneo in funzione degli aspetti rilevanti sopra menzionati. In tale ottica, un attenta valutazione dell attuale livello di servizio offerto dall infrastruttura di rete dell Ateneo evidenzia limiti strutturali e funzionali enfatizzati dalla: crescita numerica delle utenze servite; costante incremento dello sfruttamento delle potenzialità dell infrastruttura (complessità e quantità delle informazioni scambiate); diffusione di minacce esterne (virus, worms, spyware, etc.); integrità dei dati e dei sistemi; necessità di soddisfare un utenza sempre più evoluta ed attenta agli sviluppi tecnologici. PON 901 Allegato Tecnico 4

5 2 Oggetto della gara e scopo della realizzazione Scopo dell infrastruttura di rete da realizzare è quella di consentire agli utenti del nostro Ateneo connessioni sia wired che wireless ad alte prestazioni con protocollo TCP/IP, secondo gli standard più diffusi sul mercato, attraverso un infrastruttura di cablaggio strutturato multiservizio ed una copertura wireless hot-spot realizzate all occorrenza. Con il presente intervento si vuole incidere, quindi, sul cablaggio, sulle apparecchiature attive e sugli apparati per la sicurezza informatica e telematica. Le componenti impiegate, dovranno avere caratteristiche uguali o superiori rispetto ai requisiti minimi imposti dallo standard di riferimento. E opportuno che l impianto nel suo complesso, e l infrastruttura di rete in particolare, offrano le massime garanzie d espandibilità sia in termini di prestazioni sia d aumento del numero di postazioni utente collegabili. Si dovrà cercare pertanto di soddisfare i più ampi requisiti di funzionalità e flessibilità sia nei confronti delle tecnologie affermate che di quelle emergenti e più promettenti, mirando ad ottenere una struttura aperta a soluzioni informatiche multiprotocol, ma con l adozione d architetture di rete consolidate. L infrastruttura ICT che si vuole realizzare include la rete LAN (componenti passivi e apparati attivi, firewall) ed il software necessario per l erogazione dei servizi di Autenticazione Centralizzata e di Management. La struttura portante della rete di comunicazione dovrà possedere una potenzialità di utilizzo compatibile con le evoluzioni future dei protocolli di trasmissione, in modo da assicurare nel tempo l'investimento effettuato. Devono essere previsti interventi di tipo: 1. strutturali. In tale classe si comprendono gli interventi destinati al potenziamento dell attuale infrastruttura informatica di rete, a supporto sia delle attività di routine dell Ateneo che delle attività volte allo sviluppo di iniziative di elevato impatto scientifico (supercalcolo, database multimediali distribuiti, manipolazione e trasmissione di immagini satellitari, teledidattica, didattica assistita al calcolatore). In dettaglio essi prevedono: il potenziamento delle componenti passive e attive (armadi, etc.) e dei supporti fisici con la revisione dei cablaggi in alcune zone; l introduzione di ridondanza funzionale degli apparati attivi critici dell infrastruttura; la razionalizzazione della segmentazione della rete. 2. relativi alla sicurezza e alla protezione dei dati. In questa classe vanno inseriti gli interventi volti all adozione di tecnologie avanzate per: il riconoscimento e l individuazione di utenze non autorizzate e/o di attività pericolose per la sicurezza e l integrità dei dati; PON 901 Allegato Tecnico 5 la realizzazione di servizi anti-virus ed anti-spamming; la sperimentazione di tecnologie innovative legate all adozione della firma digitale (come, ad esempio, l introduzione di smart card per le utenze istituzionali).

6 3. a supporto delle attività di didattica avanzata e ricerca. In tale ambito si includono gli interventi volti a creare il supporto telepatico necessario alla realizzazione di iniziative innovative in ambito didattico e di ricerca, quali: la realizzazione di isole wireless a supporto di aule didattiche itineranti basate sull uso di terminali mobili connessi in rete wireless; aule per conferenze attrezzate con access point wireless; supporto alla diffusione e all uso di PDA connessi su rete wireless; realizzazione di servizi di teledidattica su LAN; realizzazione di connessioni veloci per lo sviluppo di applicazioni avanzate di calcolo scientifico e di database multimediali distribuiti. La progettazione di dettaglio dell infrastruttura proposta dovrà essere svolta dalla Ditta aggiudicataria in base ai requisiti esposti nel presente capitolato. PON 901 Allegato Tecnico 6

7 3 Conformità agli standard internazionali e certificazioni richieste L infrastruttura della LAN dovrà essere realizzata in conformità agli standard internazionali, supportando le attuali esigenze di comunicazione consentendo anche le necessarie flessibilità di utilizzo e modularità di crescita, secondo le tecnologie previste dagli standard di riferimento attuali e, per quanto possibile, futuri. I requisiti generali che il sistema di comunicazione dovrà soddisfare sono i seguenti: conformità alle raccomandazioni internazionali e nazionali, riguardanti il materiale impiegato e le procedure di installazione e di collaudo; prestazioni in termini di velocità di comunicazione adeguate alle esigenze attuali e future; possibilità di implementare le evoluzioni tecnologiche; facilità di gestione e di espansione della rete in caso di spostamenti, interruzioni o malfunzionamenti; possibilità di aggiornare e/o cambiare le applicazioni supportate senza modificare l'infrastruttura; Il sistema nel suo complesso dovrà rispettare inoltre gli standard d'interconnessione emanati dagli organismi di maggior riferimento, quali: ANSI - America National Standard Institute ISO - International Standard Organization ISO.IEC- International Standard Organization/Electrotecnical Commission IEEE- Institute of Electrical and Electronical Engineers ITU- T - International Telecommunications Standards Institute ETSI- European Telecommunication s Standards Institute EN- European Norm CEI- Comitato Elettrotecnico Italiano. Per quanto sopra specificato l impianto dovrà essere realizzato in ossequio alle Norme, Leggi, Decreti e Circolari Ministeriali Integrative vigenti in materia. Tutti i materiali dovranno essere di primaria marca e, qualora richiesto debbono essere conformi alle Norme vigenti, provvisti del marchio IMQ. Tutti i componenti impiegati dovranno rispettare le direttive emesse dalla Comunità Europea in termini di Compatibilità Elettromagnetica [normative CEI EN , EN: (CEI 110-8), EN 55022, EN 55024]. PON 901 Allegato Tecnico 7 Tutti i componenti impiegati dovranno essere prodotti da ditte in possesso della certificazione ISO9001. Per tutti gli aspetti non esplicitamente citati, si richiede che sia rispettata l aderenza a tutte le direttive comunitarie europee in vigore, anche se non ancora recepite e/o perfezionate nelle normative nazionali (Circolare Funzione Pubblica n del 21 Maggio 1990).

8 4 Requisiti tecnologici Le infrastrutture da realizzare saranno costituite da una componente wired (distribuzioni orizzontali in rame UTP cat. 6 e verticali in fibra ottica multimodale 50/125µm) ed una wireless nell ambito delle aree ove è necessaria questa funzionalità come ad esempio nelle aule e/o sale riunioni o aula magna. La tecnologia portante di rete sarà Ethernet nelle sue varianti Gigabit (802.3z/1000baseSX o 1000baseLX) a livello di dorsale e Fast/Gigabit (802.3u 10/100baseTX o 802.3ab 1000baseT) a livello di accesso. La tecnologia designata per la componente wireless sarà b/g (Wi- Fi). Le apparecchiature attive di rete dovranno essere in grado di garantire l integrazione della tecnologia Voice-Over-IP sulla dorsale. Dovrà inoltre essere assicurata la piena compatibilità con gli oggetti di rete già esistenti (Ex Enaoli) e la sostituzione di tutti gli oggetti di rete in tecnologia ATM. Per quanto riguarda i requisiti basilari circa le nuove realizzazioni, sulla base di quelli che sono i fabbisogni tecnologici fondamentali delle strutture presenti all interno degli edifici collegati, si rende necessario: Garantire il più possibile, anche nel corso dell espletamento dei lavori la continuità del servizio dell infrastruttura esistente, attualmente sfruttata da numerose applicazioni di carattere gestionale (contabilità nei Dipartimenti). Prevedere, a regime, la diffusione capillare della rete di accesso in tutti gli edifici raggiunti dalla dorsale di campus attraverso la predisposizione delle opportune risorse di connettività, in termini di disponibilità di interfacce a livello di apparecchiature attive, per la distribuzione della rete sui piani degli stessi. Assicurare la salvaguardia degli investimenti nel tempo e l'ottimizzazione dei costi fissi di gestione attraverso l'utilizzazione di componenti di rete attive e passivi ad elevato standard di qualità, alta affidabilità e perfetta compatibilità ed adeguatezza agli standard tecnologici. Garantire una disponibilità adeguata di banda a livello di dorsale; a tale proposito è da considerarsi obbligatorio l utilizzo della tecnologia Gigabit Ethernet (802.3ab/802.3z), prevedendo eventualmente l aggregazione, in modalità Etherchannel/Port trunking, di più portanti Gigabit Ethernet paralleli, al fine di assicurare a tutte le strutture localizzate su più piani una connettività interna anche a 1Gbps. L utilizzo obbligatorio della tecnologia Multilayer Switching (fino al layer 3) sulle sole apparecchiature attive di centro stella di edificio (se realizzati presso i corpi distaccati) per combinare le prestazioni wire speed dello Switching puro con i livelli di sicurezza, qualità del servizio ed i meccanismi di filtraggio e controllo di traffico propri del routing. Ciò si rende necessario essenzialmente per garantire l applicabilità delle politiche di sicurezza richieste dall utenza. PON 901 Allegato Tecnico 8 La possibilità di realizzare topologie di reti virtuali complesse, anche raggruppando porte attestate su apparecchiature distinte, per far fronte alle particolari caratteristiche topologico/organizzative della struttura e segmentare le utenze secondo logiche di traffico e sicurezze locali che non tengano conto della locazione fisica degli utenti.

9 A latere di tale requisito di base, la possibilità di applicare criteri avanzati di sicurezza/protezione (VPN) sulle VLAN stesse, costituisce un elemento preferenziale nella valutazione dell architettura proposta La piena gestibilità e configurabilità, sia attraverso le principali facility di network management (SNMP/RMON), nonché tramite interfaccia user-friendly GUI-based e tramite linea di comando (CLI), accessibile da remoto via telnet. Pertanto, nel contesto della realizzazione delle dorsali di edificio (Campus di Macchia Romana), i punti di concentrazione individuati a livello dei singoli piani/aree dovranno essere raccordati direttamente ai centri stella esistenti. A livello dei corpi distaccati potranno essere realizzati, se le dimensioni lo rendono necessario e conveniente, nuovi centri stella di edificio secondari ove confluiranno i concentratori relativi ai singoli piani/aree dell edificio, che andranno a loro volta raccordati al preesistente centro stella di edificio ed attraverso di esso alla dorsale di campus. Le infrastrutture di rete realizzate a livello di ciascun edificio dovranno essere totalmente Switched in topologia stellare, eventualmente multicentrica e pienamente conformi alle normative internazionali in termini di cablaggio strutturato degli edifici pubblici. Il collegamento alle preesistenti apparecchiature attive di centro stella dovrà essere garantito equipaggiando tali apparecchiature con moduli di interfaccia dotati del numero di porte necessarie a collegare tutti i nuovi punti di distribuzione realizzati. I dettagli circa la dotazione attuale dei centri stella esistenti e degli switch in ogni edificio sono riportati nella successiva sezione Apparecchiature Attive. La suite di protocolli che si prevede di utilizzare più diffusamente sulla rete intranet è TCP/IP; altri protocolli, come AppleTalk e Novell/IPX, pur avendo una minore diffusione, dovranno essere ugualmente supportati. PON 901 Allegato Tecnico 9

10 5 Caratteristiche del Cablaggio strutturato Per quanto riguarda la cablatura, si lascia la massima liberta all azienda concorrente di proporre la soluzione ritenuta più valida dal punto di vista tecnologico, e l aggiornamento dell infrastruttura agli standard di mercato. In ogni caso è consentito il recupero dell infrastruttura già esistente, opportunamente ampliata con l aggiunta, all occorrenza, di altri cavi in fibra ottica e di altre prese RJ Definizioni Il cablaggio dovrà essere articolato, come prevedono gli standard TIA/EIA 568B ed ISO/IEC11801, in: Cablaggio di dorsale che collega i locali tecnici di edificio di un comprensorio (dorsale di campus, vedi C nella figura) o i locali tecnici di piano (dorsale di edificio, vedi A e B nella figura). Dorsale di campus: il cablaggio di una dorsale di campus o comprensorio si estende dal centro stella di comprensorio (CD) ai centri stella di edificio (BD) situati in ciascuno degli edifici serviti. Quando è presente questo tipo di cablaggio il collegamento va terminato ad un permutatore sia dal lato (CD) che dal lato (BD). Dorsale di edificio: il cablaggio di dorsale dell edificio si estende dal locale tecnico/armadio principale di edificio (BD) agli armadi di piano (FD). Il sottosistema include i cavi di dorsale dell edificio e la loro terminazione. Non ci devono essere più di due livelli gerarchici di permutazione nel cablaggio di dorsale per limitare la degradazione del segnale per i sistemi passivi e per semplificare la gestione dei cavi e delle connessioni. Non ci può essere più di un BD tra un CD e un FD PON 901 Allegato Tecnico 10 Il cablaggio di dorsale si suddivide in: dorsale dati (fibra ottica) e dorsale fonia (cavi

11 multicoppia in rame). Cablaggio di distribuzione orizzontale che partendo dall armadio o locale tecnico di piano raggiunge il posto lavoro; La distribuzione orizzontale identifica quella parte di cablaggio, con cavo in rame a 4coppie che collega i permutatori di piano alla postazione utente su connettori modulari tipo RJ45 per il rame. Le normative stabiliscono che il cablaggio orizzontale, denominato anche cablaggio di piano, risponda ai seguenti requisiti: 90 m di distanza massima ammessa tra l armadio di distribuzione ed il posto lavoro; 10 m massimo per le bretelle di permutazione. Tutti i componenti passivi, quali: cavi di distribuzione orizzontale UTP (Unshielded twisted pair) 4 coppie bilanciate non schermate bretelle di permutazione connettori pannelli di permutazione, devono avere, per quest impianto, caratteristiche in Categoria 6 secondo le ultime definizioni dello standard EIA/TIA 568-B.2-1 sul quale vengono riportate le specifiche dei singoli componenti in Categoria 6. PON 901 Allegato Tecnico 11

12 5.2 Schema di principio Il punto di concentrazione primario (CD/BD/FD) Punti di concentrazione per servire ciascuna struttura sarà il centro stella di edificio. Ad esso dovrà fare capo, tramite apposite canalizzazioni, la dorsale di edificio che collegherà tutti gli armadi di piano attraverso la distribuzione verticale. Cavo Fibra UTP ottica Tenendo conto delle dimensioni e della struttura degli edifici da cablare, i punti di concentrazione per il cablaggio orizzontale (distributori di piano FD) dovranno essere realizzati individuando precisamente la loro posizione, possibilmente baricentrica rispetto alla superficie servita, così da distribuire il cablaggio in modo equilibrato, e ognuno di essi supporterà le prese necessarie a cablare in modo strutturato ogni singolo piano. 5.3 Dorsale Dati Le dorsali dati dovranno essere realizzate, solo ed esclusivamente, con cavi in fibra ottica multiconduttori. Questi dovranno avere un numero di fibre adeguato a garantire tutti i collegamenti previsti dalle architetture logiche adottate (stellare e/o a matrice), tenendo inoltre conto degli sviluppi futuri e delle necessarie fibre di scorta, per singola tratta. Inoltre si dovranno studiare percorsi fisici appropriati al fine di garantire un adeguata ridondanza dell intero impianto. Il cavo ottico da utilizzare deve essere di tipo: multimodale 50/125 micron, tipo tight, LSZH, per applicazioni intra-edificio monomodale 9/125 micron, tipo loose tube, armatura dielettrica, guaina in PE (per installazione esterna) per applicazioni inter-edificio Per questo progetto è richiesta une serie di collegamenti di dorsale di edificio (intrabuilding backbone) con cavo in fibra ottica multimodale da almeno 12 fibre 50/125 micron. Viene inoltre richiesta una serie di collegamenti ad estensione della dorsale di campus (interbuilding backbone) con cavo in fibra ottica monomodale da almeno 12 fibre 9/125 micron per raccordare ai preesistenti centri stella, eventuali corpi distaccati non serviti. PON 901 Allegato Tecnico 12 Caratteristiche tipo della fibra ottica monomodale 9/125micron:

13 I patch panel, in funzione del tipo di cavo utilizzato, ospiteranno moduli con bussole SC (come raccomandato dagli standard EIA/TIA 568B e ISO/IEC 11801). L attestazione dei cavi ottici di dorsale deve avvenire su pannelli ottici adatti al montaggio su rack 19 (1U o superiore). Il permutatore utilizzato avrà una struttura componibile che permette la massima flessibilità d impiego. I moduli con le bussole ottiche avranno una modularità di 6 connettori SC ogni modulo con la possibilità di inserimento ed estrazione dal fronte del pannello; il cassetto estraibile darà la possibilità di accedere frontalmente alla parte interna. Il pannello di attestazione per fibra ottica sarà utilizzato all interno degli armadi per l attestazione della fibra di dorsale. Le interconnessioni saranno realizzate utilizzando bretelle di permutazione di tipologia omogenea alla fibra installata, collegate agli apparati attivi e/o altre tratte di dorsale e/o postazioni di lavoro. Sulla parte frontale del pannello, in corrispondenza di ogni bussola sarà posizionata un etichetta identificativa della fibra connettorizzata. Pannello ottico e adattatori Al fine di ottimizzare i tempi di installazione e la qualità del risultato, si richiede l uso di connettori ottici installabili in campo. Caratteristiche dei connettori ottici installabili in campo: PON 901 Allegato Tecnico 13 FERULE IN CERAMICA: la tecnologia impiegata deve usare ferule in ceramica di precisione per garantire durata, stabilità termica e resistenza ai graffi. TERMINAZIONE REALIZZATA IN FABBRICA: in condizioni di produzione controllate, la tecnologia usata per i connettori deve realizzare una finitura di precisione sulla terminazione di ogni connettore, con un ottima geometria per offrire le massime prestazioni. Ciò a tutela di un eccellente

14 trasmissione ottica che elimina il rischio di errori risultanti da una lucidatura manuale in campo. Le ispezioni interferometriche effettuate sulla superficie di terminazione devono garantire che l apice, il raggio di curvatura e la protrusione soddisfino le esatte tolleranze richieste per ottenere un ottima prestazione, bassa perdita e minima riflessione. Le bretelle di raccordo agli apparati attivi dovranno essere del tipo bifibra multimodale 50/125 o monomodale 9/125 micron e dotate ai due estremi di opportuni connettori ceramici, di tipo SC, rispettando, nel collegamento agli apparati, la polarizzazione delle fibre. La lunghezza della bretella dovrà essere finalizzata in dipendenza delle distanze medie di permutazione, con lunghezza minima 1 metro. I Ciascuna fibra della bretella, dovrà essere singolarmente protetta con rivestimento di tipo Tight, costituito da filo aramidico e guaina termoplastica ed avrà le stesse caratteristiche ottiche del cavo installato. 5.4 Cablaggio orizzontale Il cablaggio orizzontale da realizzare dovrà essere di tipo strutturato con topologia a stella. concentratore FD Max 90 m TR stazione di lavoro Patch cod postazione di lavoro PON 901 Allegato Tecnico 14 cavo di apparato + patch cord nell FD +patch cord postazione di lavoro 10 m Particolari del cablaggio orizzontale Il punto di utenza, denominato Pdl, deve essere realizzato su scatola tipo 503 conforme alla normativa. L identificazione del link dovrà essere riportata anche sui due estremi del cavo, sul patch

15 panel all interno dell armadio e riportata sul libro delle permutazioni (cartaceo e informatico); la distanza tra il patch panel all interno dell armadio di piano e la postazione di lavoro dovrà essere al massimo di 90 metri. Le prese RJ45 dovranno essere di tipo modulare e provviste di icone colorate asportabili per l identificazione esterna del servizio dati/fonia ad esse collegato. L attestazione delle coppie su ciascuna presa o connettore dovrà rispettare lo standard EIA/TIA secondo la sequenza riportata di seguito : COPPIA COLORE CAVO PIN 1 Bianco/Blu 5 1 Blu 4 2 Bianco / Arancio 1 2 Arancio 2 3 Bianco/Verde 3 3 Verde 6 4 Bianco/Marrone 7 4 Marrone 8 TABELLA DELLE TIPOLOGIE DEI CAVI E DEL LORO UTILIZZO Su tutti i PDL sarà previsto l uso di prese RJ45, come sistema di terminazione dei cavi UTP lato utente; tali prese dovranno avere le seguenti caratteristiche tecniche : Presa non schermata (UTP) RJ45 a 8 fili Conformità alla Categoria 6 secondo specifiche di componente EIA/TIA 568-B.2-1 Sistema di connessione a perforazione d isolante (T568A/T568B). Le suddette prese dovranno essere montate su appositi faceplate, facenti parte di un sistema completo. Ogni postazione di lavoro dovrà essere equipaggiata con prese modulari tipo RJ45 con sistema di connessione delle coppie del cavo di posa orizzontale in tecnica IDC (Insulation Displacement Contact); la sequenza di attestazione potrà essere quella di tipo T568A o T568B, riportata sul frutto con codice colore per entrambe le tipologie. Connettore RJ45 Le prese RJ45 dovranno avere la possibilità di essere estratte dal fronte della placca senza smontare la medesima, al fine di facilitarne l installazione e l eventuale futura manutenzione. PON 901 Allegato Tecnico 15

16 A completamento della presa telematica il collegamento tra i connettori posti sulla placca e il terminale d utente, dovrà essere costituito da una bretella di raccordo (Patch Cord) di lunghezza di 3 metri. Patch cord RJ45-RJ45 La bretella dovrà essere costituita da un cavo a 4cp UTP con impedenza caratteristica 100, in rame a filamenti 24-AWG e rispondente alla Categoria 6 con guaina di protezione ritardante la fiamma (PVC). Le bretelle RJ45-RJ45 saranno dotati alle due estremità di connettori RJ45 Cat. 6 per la completa connettorizzazione delle 4cp; la tecnologia utilizzata dal costruttore del sistema passivo permette l ottimizzazione dell attestazione del cavo di patch sul plug, mantenendo separate le coppie fino al punto di attestazione e riducendo al minimo l effetto della diafonia tra le coppie, così da rispettare, per i componenti in Categoria 6 le specifiche richieste dello standard EIA/TIA 568-B.2-1. Il plug dovrebbe essere possibilmente iconabile al fine di identificare il servizio ad esso collegato. Pannelli di permutazione Tutti i cavi, facenti parte del cablaggio orizzontale, andranno sempre terminati, lato armadio passivo, su sistemi di permutazione di Categoria 6. PON 901 Allegato Tecnico 16 Pannelli di permutazione RJ45

17 Il pannello di permutazione orizzontale (patch panel) dovrà essere utilizzato all interno degli armadi per l attestazione di cavi UTP e la relativa permutazione tramite bretelle (patch cord) verso apparati e/o altre tratte di cavo. Il permutatore avrà una struttura in lamiera metallica verniciata di spessore 10/10mm, parte frontale provvista di supporto per rack 19, altezza 1U con 24 prese RJ45 di Categoria 6 conformi alla normativa di riferimento EIA/TIA 568-B.2-1. Le prese RJ45 dovranno avere la possibilità di ospitare icone colorate asportabili per l identificazione esterna del servizio dati/fonia ad esse collegato. In alternativa alle icone potranno essere utilizzati sportellini colorati antipolvere, anch essi asportabili e con l identificativo del servizio dati/fonia connesso alla presa. Le prese RJ45 dovranno essere provviste di sistema di connessione delle coppie in tecnica IDC (Insulation Displacement Contact), con etichettatura anteriore e posteriore (opzionale) per l identificazione della postazione di lavoro connesse. Posteriormente i pannelli dovranno avere una barra di fissaggio per i cavi collegati, che garantisca il corretto supporto e il rispetto dei raggi di curvatura richiesti dagli standard. Sistemi di gestione del cablaggio Nei sistemi di permutazione con connettori RJ45, dovranno essere fornite bretelle di permutazione, realizzate dal fornitore del cablaggio, con cavi UTP Cat.6 di tipo stranded, intestate da entrambi i lati su Plug RJ45. Le lunghezze, che dovranno essere standard, saranno scelte in modo adeguato a garantire un organizzazione ordinata dell armadio di permutazione. Per tutte le bretelle di permutazione è richiesta la certificazione di rispondenza alla categoria prodotta dal costruttore, in questo caso secondo EIA/TIA 568-B.2-1 per la categoria 6. La bretella dovrà essere costituita da un cavo a 4cp UTP con impedenza caratteristica 100, in rame a filamenti 24-AWG e rispondente alla Categoria 6, con guaina di protezione ritardante la fiamma (PVC). Le bretelle RJ45-RJ45 dovranno essere dotate inoltre alle due estremità di connettori RJ45 Cat. 6 per la completa connettorizzazione delle 4cp, con tecnologia che permetta l ottimizzazione dell attestazione del cavo di patch sul plug, così da rispettare, per i componenti in Categoria 6 le specifiche richieste dello standard EIA/TIA 568-B.2-1. I connettori RJ45 dovranno essere inoltre dotati di cappucci plastici possibilmente colorati che permettano l iconabilità della bretella e la separazione tra le coppie fino al punto di attestazione sul plug RJ45. PON 901 Allegato Tecnico 17

INDICE 1. PREMESSA 1 2. SITUAZIONE ESISTENTE 2 3. INTERVENTI E DOTAZIONI 3 4. CABLAGGIO STRUTTURATO E TELEFONIA 4 5. PRESE TELEMATICHE RJ45 5

INDICE 1. PREMESSA 1 2. SITUAZIONE ESISTENTE 2 3. INTERVENTI E DOTAZIONI 3 4. CABLAGGIO STRUTTURATO E TELEFONIA 4 5. PRESE TELEMATICHE RJ45 5 INDICE pagina 1. PREMESSA 1 2. SITUAZIONE ESISTENTE 2 3. INTERVENTI E DOTAZIONI 3 4. CABLAGGIO STRUTTURATO E TELEFONIA 4 5. PRESE TELEMATICHE RJ45 5 6. DISTRIBUZIONE ORIZZONTALE 5 7. NODI DI RETE NUOVO

Dettagli

LAVORI DI REALIZZAZIONE DEL PIANO INTERMEDIO EDIFICIO C PLESSO CENTRALE RELAZIONE TECNICA IMPIANTO CABLAGGIO STRUTTURATO

LAVORI DI REALIZZAZIONE DEL PIANO INTERMEDIO EDIFICIO C PLESSO CENTRALE RELAZIONE TECNICA IMPIANTO CABLAGGIO STRUTTURATO Sommario 1. PREMESSA... 2 2. NORMATIVE DI RIFERIMENTO... 3 3. DESCRIZIONE DELL IMPIANTO... 5 a) Armadio rack... b) Cablaggio fibra ottica... c) Postazioni di lavoro... Pagina 1 di 10 1. Premessa Il presente

Dettagli

OBIETTIVI DELLA SEZIONE. II. Ricordare e tracciare la configurazione pin-coppia per il connettore a 8 posizioni (RJ45).

OBIETTIVI DELLA SEZIONE. II. Ricordare e tracciare la configurazione pin-coppia per il connettore a 8 posizioni (RJ45). OBIETTIVI DELLA SEZIONE Dopo aver completato la presente sezione sulla postazione di lavoro, lo studente sarà in grado di: I. Definire i criteri della postazione di lavoro per il Sistema di cablaggio Siemon

Dettagli

PREMESSA IMPIANTI ELETTRICI E DI TRASMISSIONE DATI

PREMESSA IMPIANTI ELETTRICI E DI TRASMISSIONE DATI IMPIANTI ELETTRICI E DI TRASMISSIONE DATI PREMESSA La presente relazione riguarda la realizzazione dell impianto elettrico e di trasmissione dati per l allestimento dell aula informatica della scuola G.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.B. NICCOLINI SAN GIULIANO TERME. piic83600a@istruzione.it piic83600a@pec.istruzione.it

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.B. NICCOLINI SAN GIULIANO TERME. piic83600a@istruzione.it piic83600a@pec.istruzione.it ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.B. NICCOLINI SAN GIULIANO TERME Piazza Gramsci, 3 050/815311 piic83600a@istruzione.it piic83600a@pec.istruzione.it CUP: D16J15000600007 - CIG: ZB0188D518 Capitolato Tecnico

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA - Complesso Biotecnologico - Istituti Biologici COMPLETAMENTO PALAZZINE D e E Nr. PREZZIARIO CODICE DESCRIZIONE U. M. Prezzo % Incid. Man.

Dettagli

ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA

ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA Oggetto della presente relazione è la progettazione relativa all illuminazione di servizio e di emergenza della zona tecnica della piscina

Dettagli

Prescrizioni speciali per impianti di cablaggio strutturato Versione 2 del 19 Novembre 2012 pagina 1 di 5

Prescrizioni speciali per impianti di cablaggio strutturato Versione 2 del 19 Novembre 2012 pagina 1 di 5 pagina 1 di 5 1. Informazione importante Le seguenti prescrizioni speciali fanno parte integrante del capitolato di appalto e devono essere completate, dove richiesto, da parte dell Assuntore. E compito

Dettagli

Provincia autonoma di Trento. ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network)

Provincia autonoma di Trento. ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network) Provincia autonoma di Trento Servizio Semplificazione e Sistemi Informativi ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network) Pagina 1 di 11 INDICE 1 PREMESSA 2 LE COMPONENTI

Dettagli

Impianti Tecnologici. Premessa. Cablaggi Strutturati. Videosorveglianza. Networking. Allestimenti Locali Tecnici

Impianti Tecnologici. Premessa. Cablaggi Strutturati. Videosorveglianza. Networking. Allestimenti Locali Tecnici Impianti Tecnologici Premessa Cablaggi Strutturati Videosorveglianza Networking Allestimenti Locali Tecnici 30 Premessa All interno della Project Milano è nata nel 2005 una divisione per promuovere sul

Dettagli

DATA. SYSTEM 5e. Data System 5e Sistema di permutazione Pannelli di permutazione (Patch-Panel) Cavi di permutazione (Patch Cord)

DATA. SYSTEM 5e. Data System 5e Sistema di permutazione Pannelli di permutazione (Patch-Panel) Cavi di permutazione (Patch Cord) DATA SYSTEM 5e Data System 5e Sistema di permutazione Pannelli di permutazione (Patch-Panel) Cavi di permutazione (Patch Cord) DATA SYSTEM 5e SISTEMA DI PERMUTAZIONE 23700 CARATTERISTICHE GENERALI I sistemi

Dettagli

Disciplinare descrittivo e prestazionale

Disciplinare descrittivo e prestazionale Disciplinare descrittivo e prestazionale Sommario PREMESSA... 1 OGGETTO DELL APPALTO... 1 REQUISITI DI RISPONDENZA A NORME, LEGGI E REGOLAMENTI... 1 ILLUMINAZIONE PUBBLICA, QUADRI E LINEE ELETTRICHE...

Dettagli

ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO. Fornitura e posa apparati di rete dati comprensiva di integrazione cablaggi dell'edificio 8.

ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO. Fornitura e posa apparati di rete dati comprensiva di integrazione cablaggi dell'edificio 8. Pag 1 di 6 Pag 2 di 6 Descrizione Generale L impianto prevede la fornitura, installazione, messa in esercizio e collaudo di una rete dati e per il collegamento di un edificio nuovo, denominato Edificio

Dettagli

Apparati Attivi 047 a corpo HP ProCurve Switch 5400zl 24 porte Mini-GBIC Module Unità 1 3.179,00 3.179,00

Apparati Attivi 047 a corpo HP ProCurve Switch 5400zl 24 porte Mini-GBIC Module Unità 1 3.179,00 3.179,00 ASL TO 1 PROGETTO ADEGUAMENTO INFRATTURE DI RETE - Computo metrico OSPEDALE MARTINI TOTALE MARTINI 100.483,20 REPARTI COINVOLTI Ambulatori Piano Terra lato Via Tofane Farmacia Piano Interrato Pronto Soccorso

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO RIORDINO CABLAGGIO HARDWARE RETI INFORMATICHE E WI-FI DIDATTICA E SEGRETERIA

CAPITOLATO TECNICO RIORDINO CABLAGGIO HARDWARE RETI INFORMATICHE E WI-FI DIDATTICA E SEGRETERIA CAPITOLATO TECNICO RIORDINO CABLAGGIO HARDWARE RETI INFORMATICHE E WI-FI DIDATTICA E SEGRETERIA GENERALITA Per la formulazione delle quotazioni relative alle forniture ed opere riportate a seguire è indispensabile

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Lavori di adeguamento alle norme di igiene e sicurezza e realizzazione di dotazioni impiantistiche presso il Sant

Dettagli

Patch Panel SMARTen 24 STP

Patch Panel SMARTen 24 STP Patch Panel SMARTen 24 STP Caratteristiche Alta densità, 24 porte per 1U Alte prestazioni, supporta una larghezza di banda fino a 500MHz secondo lo standard IEEE 802.3an 10Gbps Speciale design del pannello

Dettagli

Il cablaggio strutturato

Il cablaggio strutturato Il cablaggio strutturato Pubblicato il: 21/09/2003 Aggiornato al: 21/09/2003 di Gianluigi Saveri 1. Generalità La necessità di comunicare e di trasmettere informazioni in modo razionale e affidabile ha

Dettagli

SERIE 90 EIB. Apparecchi per la domotica

SERIE 90 EIB. Apparecchi per la domotica Apparecchi per la domotica 179 IL SISTEMA BUS KNX/ E LA SUA ARCHITETTURA I sistemi BUS costituiscono una moderna tecnologia per la realizzazione degli impianti negli edifici residenziali, in quelli dedicati

Dettagli

PARCO MULTIMEDIALE PER LA RICERCA DOCUMENTALE CONNESSA ALLA STORIA DEL VINO E DEL GUSTO CENTRO MULTIMEDIALE CABLAGGIO STRUTTURATO

PARCO MULTIMEDIALE PER LA RICERCA DOCUMENTALE CONNESSA ALLA STORIA DEL VINO E DEL GUSTO CENTRO MULTIMEDIALE CABLAGGIO STRUTTURATO SETTORE LAVORII PUBBLIICII E MANUTENZIIONE DEL PATRIIMONIIO PARCO MULTIMEDIALE PER LA RICERCA DOCUMENTALE CONNESSA ALLA STORIA DEL VINO E DEL GUSTO CENTRO MULTIMEDIALE CABLAGGIO STRUTTURATO (articolo 37

Dettagli

LO STANDARD EIA/TIA 569

LO STANDARD EIA/TIA 569 LO STANDARD EIA/TIA 569 Pier Luca Montessoro www.montessoro.it Pietro Nicoletti www.studioreti.it ET569-1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO del DISCIPLINARE DI GARA

CAPITOLATO TECNICO del DISCIPLINARE DI GARA ISTITUTO SECONDARIO DI PRIMO GRADO PIERO CALAMANDREI Corso Benedetto Croce 17 10135 Torino Codice Fiscale 80095890010 codice Meccanografico TOMM26100N Tel. 011613607 3173292 email: tomm26100@istruzione.it

Dettagli

Caratteristiche tecniche per la realizzazione di un aula multimediale

Caratteristiche tecniche per la realizzazione di un aula multimediale Allegato A- Parte C Caratteristiche tecniche per la realizzazione di un aula multimediale Parte C: Impianti Via Torino, 137 96100 INDICE OGGETTO DELLA FORNITURA... 3 REGOLAMENTO... 3 DESCRIZIONE DELLE

Dettagli

Dati Generali IMPORTO UNITARIO RIFERIMENTO ELENCO PREZZI UNITARI ARTICOLO QUANTITA' IMPORTO TOTALE NOTE. Comune di VENEZIA

Dati Generali IMPORTO UNITARIO RIFERIMENTO ELENCO PREZZI UNITARI ARTICOLO QUANTITA' IMPORTO TOTALE NOTE. Comune di VENEZIA Dati Generali Comune Comune di VENEZIA Provincia Provincia di VENEZIA Oggetto Rete esazione Committente CAV con sede in Venezia Casello VE-MESTRE Revisione 0 ARTICOLO SITE PREPARATION 2.0 DISTRIBUZIONE

Dettagli

MEZZI TRASMISSIVI 1. Il doppino 2. Il cavo coassiale 3. La fibra ottica 5. Wireless LAN 7

MEZZI TRASMISSIVI 1. Il doppino 2. Il cavo coassiale 3. La fibra ottica 5. Wireless LAN 7 MEZZI TRASMISSIVI 1 Il doppino 2 Il cavo coassiale 3 La fibra ottica 5 Wireless LAN 7 Mezzi trasmissivi La scelta del mezzo trasmissivo dipende dalle prestazioni che si vogliono ottenere, da poche centinaia

Dettagli

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT).

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT). ndividuazione degli impianti Gli impianti oggetto del progetto sono previsti all interno di una struttura scolastica. Gli impianti esistenti sono sprovvisti di Dichiarazione di Conformità, pertanto saranno

Dettagli

Riscontri a richieste di chiarimento/informazioni pervenute alla data del 31 marzo 2011 sulla proceduta di gara sopra indicata

Riscontri a richieste di chiarimento/informazioni pervenute alla data del 31 marzo 2011 sulla proceduta di gara sopra indicata Riscontri a richieste di chiarimento/informazioni pervenute alla data del 31 marzo 2011 sulla proceduta di gara sopra indicata Le risposte sono riportate di seguito a ciascun quesito QUESITI RELATIVI AL

Dettagli

Il progetto sarà sviluppato in modo tale da rendere gli impianti perfettamente rispondenti alle normative vigenti.

Il progetto sarà sviluppato in modo tale da rendere gli impianti perfettamente rispondenti alle normative vigenti. INTRODUZIONE La scelta progettuale adottata è vincolata dalla particolarità degli interventi, essenzialmente previsti nell adeguamento e ampliamento della rete già esistente. Il progetto sarà sviluppato

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB)

IMPIANTO ELETTRICO RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB) RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB) 1. INTRODUZIONE Il bivacco di Pian Vadà è costituito da un edificio a due piani, ciascuno di superficie

Dettagli

Specifiche caratteristiche richieste

Specifiche caratteristiche richieste Specifiche caratteristiche richieste TERMINI DI CONSEGNA L immobile dovrà essere consegnato entro il 1/12/2013. Il canone di locazione verrà, in ogni caso, corrisposto a far data dal primo giorno del mese

Dettagli

Specifiche tecniche dei rack per apparati elettronici PRASE Engineering. IMnet 620. Tavola dei contenuti

Specifiche tecniche dei rack per apparati elettronici PRASE Engineering. IMnet 620. Tavola dei contenuti IMnet 620 APW Electronics Srl Anno 2003 Rev. 0-0 Tavola dei contenuti Sezioni Pag. Sez.I Specifiche tecniche generali.... 2 Descrizione dei telai...3 Composizione della struttura..4 Dimensioni.......5

Dettagli

Slim. Armadi elettrici per il settore civile, terziario e industriale fino a 630 A

Slim. Armadi elettrici per il settore civile, terziario e industriale fino a 630 A Slim Armadi elettrici per il settore civile, terziario e industriale fino a 630 A Slim Armadi elettrici per il settore civile, terziario e industriale fino a 630 A Nuovissima serie di armadi progettata

Dettagli

IMRAK 610 Armadio per piccole e medie installazioni

IMRAK 610 Armadio per piccole e medie installazioni Armadio per piccole e medie installazioni 1 2 Sommario Specifiche materiali Copertura superiore: acciaio 1.2 mm Copertura inferiore: acciaio 1.2 mm Chiusura passaggio cavi: acciaio 1.2 mm Porta in vetro:

Dettagli

IMAGE Armadio versatile e multiapplicazione

IMAGE Armadio versatile e multiapplicazione Armadio versatile e multiapplicazione 1 2 Sommario Specifiche materiali Corpo Principale Struttura: completamente assemblato Materiale: acciaio ferritico Verniciatura: polvere epossidica Porta Vetro Vetro:

Dettagli

ASSESSORATO ALL UNIVERSITA E RICERCA SCIENTIFICA, INNOVAZIONE TECNOLOGICA E NUOVA ECONOMIA, SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICA, MUSEI E BIBLIOTECHE

ASSESSORATO ALL UNIVERSITA E RICERCA SCIENTIFICA, INNOVAZIONE TECNOLOGICA E NUOVA ECONOMIA, SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICA, MUSEI E BIBLIOTECHE ASSESSORATO ALL UNIVERSITA E RICERCA SCIENTIFICA, INNOVAZIONE TECNOLOGICA E NUOVA ECONOMIA, SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICA, MUSEI E BIBLIOTECHE AREA GENERALE DI COORDINAMENTO RICERCA SCIENTIFICA, STATISTICA,

Dettagli

22 per l applicazione della Legge 11 novembre 2014, n 164.

22 per l applicazione della Legge 11 novembre 2014, n 164. Guida CEI: 306-22 22 per l applicazione della Legge 11 novembre 2014, n 164. Esempio schematico di predisposizione di un infrastruttura un infrastruttura multiservizio in edifici multi-unità multi immobiliari

Dettagli

Patch Panel e accessori

Patch Panel e accessori Patch Panel e accessori I n d i c e I n t roduzione - Sistema universale Multiplus...................... 3 2 Patch panel Multiplus per applicazioni rame e fonia...........................................

Dettagli

Soluzioni Delta8. Unità centrale Delta 8. Splitter tripolare

Soluzioni Delta8. Unità centrale Delta 8. Splitter tripolare Sommario Soluzioni Introduzione - Delta 8: il sistema rivoluzionario..................... pagina 84 Sistema Delta 8.............................................. pagina 86 Sistema Minirep..............................................

Dettagli

Esame di INFORMATICA

Esame di INFORMATICA Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 AVVISO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO ALLA REALIZZAZIONE DI MODELLI PER LA DIMINUIZIONE DEI CONSUMI NEGLI USI

Dettagli

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA Comune di Livorno UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA OGGETTO: NUOVA SEDE SCUOLA MATERNA PESTALOZZI IMPIANTI ELETTRICI

Dettagli

BLADE S-MAX Armadio per alloggiamento di Server Blade

BLADE S-MAX Armadio per alloggiamento di Server Blade Armadio per alloggiamento di Server Blade Sommario Specifiche materiali Profilati verticali: acciaio 1.5 mm Intelaiature terminali: acciaio 1.5 mm Montanti 19 : acciaio 2.0 mm Supporti laterali per montanti:

Dettagli

SOLUZIONE AL TEMA DI SISTEMI PER L INDIRIZZO INFORMATICO (SPERIMENTAZIONE ABACUS)

SOLUZIONE AL TEMA DI SISTEMI PER L INDIRIZZO INFORMATICO (SPERIMENTAZIONE ABACUS) SOLUZIONE AL TEMA DI SISTEMI PER L INDIRIZZO INFORMATICO (SPERIMENTAZIONE ABACUS) Dovendo procedere alla realizzazione di un progetto di rete locale risulta indispensabile partire dall analisi della situazione

Dettagli

ALLEGATO TECNICO AL CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

ALLEGATO TECNICO AL CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO INAF-ISTITUTO NAZIONALE DI ASTROFISICA OSSERVATORIO ASTRONOMICO DI CAPODIMONTE Per chiarimenti tecnici sulla presente gara: tel 081-5575586 ing. d Ambrosio Luigi Per chiarimenti amministrativi sulla presente

Dettagli

Indicazioni sulle caratteristiche del cablaggio telematico degli edifici regionali redatte da INSIEL spa

Indicazioni sulle caratteristiche del cablaggio telematico degli edifici regionali redatte da INSIEL spa Allegato 2 Indicazioni sulle caratteristiche del cablaggio telematico degli edifici regionali redatte da INSIEL spa 1. Introduzione 1.1. Abbreviazioni BD: CD: FD: FR: Building Distributor. Campus Distributor.

Dettagli

Computo metrico impianto elettrico

Computo metrico impianto elettrico Documento: Computo metrico impianto elettrico Oggetto: Progetto impianti elettrici locale CED piano interrato, bagni disabili piano terra e primo, ampliamento ufficio polizia locale piano terra, impianti

Dettagli

Specifiche caratteristiche richieste

Specifiche caratteristiche richieste Specifiche caratteristiche richieste TERMINI DI CONSEGNA L immobile dovrà essere consegnato entro il 1/12/2013. Il canone di locazione verrà in ogni caso corrisposto a far data dal primo giorno del mese

Dettagli

COMUNE DI PIETRAMELARA PROVINCIA DI CASERTA

COMUNE DI PIETRAMELARA PROVINCIA DI CASERTA COMUNE DI PIETRAMELARA PROVINCIA DI CASERTA PROGETTO/DIMENSIONAMENTO E VERIFICA IMPIANTO ELETTRICO A SERVIZIO DELL EDIFICIO COMUNALE DA DESTINARE AD ASILO NIDO -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

LISTINO I.E. IMPIANTI ELETTRICI ASCENSORI

LISTINO I.E. IMPIANTI ELETTRICI ASCENSORI CITTÀ DI IMOLA SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE PREZZIARIO DEL COMUNE DI IMOLA (ai sensi dell art. 133 D.Lgs. 163/2006) LISTINO I.E. IMPIANTI ELETTRICI ASCENSORI Anno 2013 *** INDICE ***

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata

Università degli Studi della Basilicata Università degli Studi della Basilicata SERVIZIO DI ASSISTENZA MANUTENTIVA DEI SISTEMI COSTITUENTI LA RETE DATI DI ATENEO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO Allegato Tecnico 2 1 Descrizione generale della

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO ILLUMINAZIONE PUBBLICA STRADE DI LOTTIZZAZIONE

IMPIANTO ELETTRICO ILLUMINAZIONE PUBBLICA STRADE DI LOTTIZZAZIONE OGGETTO Variante al piano attuativo di iniziativa privata ai sensi della L.R. 11/2005 autorizzato con delibera del C.C. n. 125 del 21/12/2005 S. Angelo di Celle - Deruta (Perugia) COMMITTENTE Novatecno

Dettagli

Serie EASYBOX. Quadri di distribuzione stagni

Serie EASYBOX. Quadri di distribuzione stagni Serie EASYBOX Quadri di distribuzione stagni Serie EASYBOX QUADRI DI DISTRIBUZIONE STAGNI IP65 NORME DI RIFERIMENTO CEI 2348 (prima edizione 995) conforme alla IEC 60 670 (989) più la Modifica (994) Involucri

Dettagli

VERAK S-MAX Armadio standard 19 per alloggiamento server

VERAK S-MAX Armadio standard 19 per alloggiamento server Armadio standard 19 per alloggiamento server 1 2 Sommario Specifiche materiali Profilati verticali: acciaio 1.5 mm Intelaiature terminali: acciaio 1.5 mm Montanti 19 : acciaio 2.0 mm Supporti laterali

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO GALILEO GALILEI Scientifico, Scienze Applicate, Linguistico, Scienze Umane PER GLI OPERATORI ECONOMICI CAPITOLATO TECNICO.

LICEO SCIENTIFICO GALILEO GALILEI Scientifico, Scienze Applicate, Linguistico, Scienze Umane PER GLI OPERATORI ECONOMICI CAPITOLATO TECNICO. ALLEGATO 1 PER GLI OPERATORI ECONOMICI CAPITOLATO TECNICO. Progetto Wireless nelle Scuole D.M. 804 del 9.10.2013 e successivo Avviso della DGSSSI n. 2800 del 12 novembre 2013 RIFERIMENTO DETERMINA DIRIGENZIALE

Dettagli

RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO. Trattasi di un impianto elettrico da installarsi per il completamento del Recupero

RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO. Trattasi di un impianto elettrico da installarsi per il completamento del Recupero RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO Trattasi di un impianto elettrico da installarsi per il completamento del Recupero dell ex Convento San Domenico in Martina Franca, in Corso Umberto Via Metastasio, inteso

Dettagli

Direzione regionale della Lombardia

Direzione regionale della Lombardia Direzione regionale della Lombardia Allegato 1 REQUISITI DEGLI IMMOBILI DELL AGENZIA ENTRATE DOTAZIONE SPAZI FUNZIONALE E RELATIVE DIMENSIONI Gli immobili da destinare a sede dell Agenzia delle Entrate

Dettagli

Specifiche tecniche per la connessione al MIX

Specifiche tecniche per la connessione al MIX Specifiche tecniche per la connessione al MIX Pag. 1 di 9 CODICE DOCUMENTO : MIX-302 VERSIONE : 3.1 REPARTO : UFFICIO TECNICO STATO : DEFINITIVO DATA DEL DOCUMENTO : 03/03/11 NUMERO DI PAGINE : 9 RILASCIATO

Dettagli

Lafer@ck. Armadi e armadietti elettrici per server e reti lan

Lafer@ck. Armadi e armadietti elettrici per server e reti lan Lafer. Around you Lafer@ck Armadi e armadietti elettrici per server e reti lan Il Partner Ideale esiste. Lafer. Un azienda in grado di innovare, evolversi e, con un istinto naturale, guardare al futuro.

Dettagli

MAS. Semplicemente tutta la potenza che vuoi

MAS. Semplicemente tutta la potenza che vuoi MAS LE NOVITÀ 246 Semplicemente tutta la potenza che vuoi INDICE DI SEZIONE 248 Caratteristiche generali 257 MAS160 265 MAS400 291 MAS800 321 MAS4000 SISTEMA MAS MAS160 NEW 247 CATALOGO GENERALE DISTRIBUZIONE

Dettagli

Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4

Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4 Relazione di calcolo illuminotecnico Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4 PREMESSA Oggetto del seguente lavoro è il calcolo illuminotecnico da effettuarsi nel

Dettagli

S016 Raccolta di Norme fondamentali per impianti elettrici

S016 Raccolta di Norme fondamentali per impianti elettrici 6578 CEI 0-2 0 120 Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici 6366 CEI 0-10 0 110 Guida alla manutenzione degli impianti elettrici 6613 CEI 0-11 0 75 Guida alla

Dettagli

REALIZZAZIONE CABLAGGIO STRUTTURATO RETE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE TITO SARROCCHI DI SIENA

REALIZZAZIONE CABLAGGIO STRUTTURATO RETE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE TITO SARROCCHI DI SIENA REALIZZAZIONE CABLAGGIO STRUTTURATO RETE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE TITO SARROCCHI DI SIENA PROGETTO REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DETERMINANTE DELLA FONDAZIONE MONTE DEI PASCHI DI SIENA SOMMARIO

Dettagli

Lo scopo del presente progetto è quello definire l architettura di una rete che consenta l accesso ai servizi

Lo scopo del presente progetto è quello definire l architettura di una rete che consenta l accesso ai servizi DESCRIZIONE DEL PROGETTO Lo scopo del presente progetto è quello definire l architettura di una rete che consenta l accesso ai servizi on-line, al materiale didattico ed a tutti i nuovi servizi per la

Dettagli

IL CABLAGGIO STRUTTURATO. Copyright: si veda nota a pag. 2

IL CABLAGGIO STRUTTURATO. Copyright: si veda nota a pag. 2 IL CABLAGGIO STRUTTURATO Copyright: si veda nota a pag. 2 Cos è il cablaggio Il cablaggio è un insieme di componenti passivi posati in opera: cavi, connettori, prese, permutatori, ecc. opportunamente installati

Dettagli

Area di lavoro. Area di lavoro. 10/07 102588IT Cablaggio Strutturato TrueNet. Prese modulari... 6.16. Scatole di distribuzione... 6.

Area di lavoro. Area di lavoro. 10/07 102588IT Cablaggio Strutturato TrueNet. Prese modulari... 6.16. Scatole di distribuzione... 6. Prese modulari... 6.16 Scatole di distribuzione... 6.18 Piastrine pre-caricate... 6.19 Patch cord... 6.21 6.15 Prese modulari Presa UTP RJ-45 TrueNet CopperTen TM e presa modulare Keystone STP La presa

Dettagli

Allegato DP 8 Immobile per Direzione provinciale di Brescia (Ufficio territoriale e Ufficio provinciale di Brescia)

Allegato DP 8 Immobile per Direzione provinciale di Brescia (Ufficio territoriale e Ufficio provinciale di Brescia) Direzione regionale della Lombardia Allegato DP 8 Immobile per Direzione provinciale di Brescia (Ufficio territoriale e Ufficio provinciale di Brescia) Protocollo n. 58662 del 4 aprile 2016 REQUISITI DEGLI

Dettagli

Premessa 1. CARATTERISTICHE GENERALI DI PROGETTO. - Sistema di fornitura: corrente alternata trifase frequenza nominale pari a 50 Hz

Premessa 1. CARATTERISTICHE GENERALI DI PROGETTO. - Sistema di fornitura: corrente alternata trifase frequenza nominale pari a 50 Hz Premessa L impianto in questione è relativo ad un progetto per la realizzazione di un campo polivalente coperto e di un immobile adibito a spogliatoio presso la zona PIP. La documentazione di progetto

Dettagli

i nodi i concentratori le dorsali

i nodi i concentratori le dorsali RETI LOCALI Reti di computer collegati direttamente tra di loro in un ufficio, un azienda etc. sono dette LAN (Local Area Network). Gli utenti di una LAN possono condividere fra di loro le risorse quali

Dettagli

Architettura degli Elaboratori 2. Esempio di progetto (2) progettazione di una LAN. Esempio di progetto (3) 4 4 4 4 4 10. Esempio di progetto (4)

Architettura degli Elaboratori 2. Esempio di progetto (2) progettazione di una LAN. Esempio di progetto (3) 4 4 4 4 4 10. Esempio di progetto (4) Architettura degli Elaboratori 2 Esercitazioni 4 progettazione reti LAN Esempio di progetto (2) Al terra sono presenti 4 laboratori per studenti ed un locale attrezzato per la gestione della. Ogni laboratorio

Dettagli

Studio Tecnico Dott. Ing. Paolo Caruana La Spezia

Studio Tecnico Dott. Ing. Paolo Caruana La Spezia 1. PREMESSA Nella presente relazione sono illustrati i criteri di scelta delle soluzioni progettuali adottate, in relazione alla classificazione dei luoghi ed in ottemperanza alle norme tecniche di riferimento.

Dettagli

Descrizione tecnica armadi rack 19" serie FR IP

Descrizione tecnica armadi rack 19 serie FR IP ATP Descrizione tecnica armadi rack 19" serie FR IP SERIE FR-40x e 45x 1. SCOPO Descrivere le caratteristiche meccaniche e costruttive degli armadi rack 19 della serie FR-40x e FR-45x per equipaggiamento

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO PROVINCIA DI LECCE Importo Progetto 1.000.000,00 RELAZIONE TECNICA 1. Premessai Dal sopralluogo effettuato si è stabilito che l'impianto elettrico del piano primo risulta di recente rifacimento ed a norma,

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI

INFORMAZIONI GENERALI TERMINI DI CONSEGNA L immobile dovrà essere consegnato entro il 31/10/2015. Il canone di locazione verrà corrisposto a far data dal giorno successivo alla consegna. INFORMAZIONI GENERALI Il presente documento

Dettagli

Cavi fibra ottica CAVI FO

Cavi fibra ottica CAVI FO CAVI FO Cavi fibra ottica Il primo componente dei sistemi di cablaggio ottico è il cavo. La scelta del tipo di cavo è fondamentale e va effettuata considerando le caratteristiche di costruzione l applicazione

Dettagli

COMPUTO METRICO LOTTO 2 REALIZZAZIONI DA ESEGUIRE NEL 2010

COMPUTO METRICO LOTTO 2 REALIZZAZIONI DA ESEGUIRE NEL 2010 COMPUTO METRICO LOTTO 2 REALIZZAZIONI DA ESEGUIRE NEL 2010 EX ASL 2 SEDE MONGINEVRO 130 selta TOTALE MONGINEVRO 71.197,40 La sede di VIa MONGINEVRO necessita di un completo cablaggio in sostituzione di

Dettagli

SOLUZIONI CASA & UFFICIO 2003/04

SOLUZIONI CASA & UFFICIO 2003/04 SOLUZIONI CASA & UFFICIO 2003/04 www.legrand.it CANALIZZAZIONI PLASTICHE SISTEMA DLP DISTRIBUZIONE A PAVIMENTO DL Pass Pag. 238 Passerella tecnica per distribuzione sotto pavimento Pag. 239 Esempio di

Dettagli

Sistemi a braccio portante e contenitori di comando

Sistemi a braccio portante e contenitori di comando Sistemi a braccio portante e contenitori di comando 2 Sistemi a braccio portante e contenitori di comando Rittal The System. Un insieme non è solo la somma delle singole parti. Sulla scorta di questo concetto,

Dettagli

S028 Impianti tecnologici per edifici (cablaggio, impianti TV, automazione, allarme)

S028 Impianti tecnologici per edifici (cablaggio, impianti TV, automazione, allarme) 8092 CEI-UNEL 36760 46 9 Cavi, cordoni e fili per tele a bassa frequenza, isolati con PVC, con guaina LSOH Cavi per impianti interni Cavi a coppie non propaganti l incendio ed a ridotta emissione di gas

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI 1. premessa Il complesso immobiliare oggetto dell intervento consta di due edifici, CENTRO DI AGGREGAZIONE GIOVANILE PER L ARTE E LA CULTURA e OSTELLO DELLA GIOVENTU

Dettagli

Tecno SuperServer TOP DATA CENTER PERFORMANCES. Copyright 2008 Tecnosteel SRL All rights reserved

Tecno SuperServer TOP DATA CENTER PERFORMANCES. Copyright 2008 Tecnosteel SRL All rights reserved TOP DATA CENTER PERFORMANCES Ventole ad alta portata ed ingressi cavi indipendenti La soluzione Tecnosteel per soddisfare le esigenze specifiche dei nuovi Data-Center. Tra le principali caratteristiche

Dettagli

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO RELAZIONE OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO L impianto in progetto presenta le seguenti caratteristiche

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO NORMATIVA DI RIFERIMENTO Le normativa base di riferimento per l elaborazione del progetto è la seguente: L. 1086 /1971 L. 64/1974 DM 9.01.1996 del Min. LL.PP. Norme tecniche per il calcolo, l esecuzione

Dettagli

GUIDA PROGETTUALE DELL IMPIANTO CIVILE

GUIDA PROGETTUALE DELL IMPIANTO CIVILE GUIDA PROGETTUALE DELL IMPIANTO CIVILE 1) CONFORMITA ALLE NORME Tutti i componenti elettrici utilizzati devono essere a regola d arte ed idonei all ambiente di installazione. Il materiale elettrico soggetto

Dettagli

Esame di INFORMATICA Lezione 6

Esame di INFORMATICA Lezione 6 Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI

1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI 1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI 1.1 ELENCO DEGLI IMPIANTI Saranno realizzati i seguenti impianti elettrici e speciali: - modifica al quadro generale di distribuzione esistente (QOO1) esistente - alimentazione

Dettagli

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE Università degli Studi di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA A.A. 2008/09 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite

Dettagli

Gli standard della famiglia EIA 568 Analisi dello standard

Gli standard della famiglia EIA 568 Analisi dello standard Reti di Telecomunicazioni R. Bolla, L. Caviglione, F. Davoli Introduzione Gli standard della famiglia EIA 568 Analisi dello standard 12.2 Lo standard analizzato è l EIA/TIA 568. È uno standard sviluppato

Dettagli

New Dedalo parete divisoria

New Dedalo parete divisoria New Dedalo parete divisoria Modulo standard cieco L 100 P 10 da 104 al mq. (esclusa posa) PRONTA CONSEGNA Finiture arredi e pareti CARATTERISTICHE TECNICHE Struttura portante La struttura interna della

Dettagli

VARIANTE IN CORSO D OPERA RELAZIONE TECNICA

VARIANTE IN CORSO D OPERA RELAZIONE TECNICA CAPO 1 DESCRIZIONE GENERALE DELL APPALTO...2 Art. 1 - Oggetto dell appalto...2 Art. 2 Descrizione sommaria delle opere in variante...2 CAPO 2 CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DA REALIZZARE...2

Dettagli

Impianto fotovoltaico non integrato 1,5

Impianto fotovoltaico non integrato 1,5 Impianto fotovoltaico non integrato 1,5 kw Fornitura materiale per un sistema fotovoltaico monofase, completo di ogni accessorio, con potenza di picco pari a 1,52kWp. Costruito con numero 1 stringa di

Dettagli

CABLAGGIO STRUTTURATO

CABLAGGIO STRUTTURATO CABLAGGIO STRUTTURATO L esigenza di poter comunicare in modo sempre più rapido ed affidabile, attribuisce al settore delle comunicazioni un ruolo primario nel panorama socio-economico. Il continuo e repentino

Dettagli

Prezzo, Iva esclusa, comprensivo della parte relativa alla sicurezza ( A ) Costo relativo alla sicurezza (parte del prezzo A) Quantità Stimata ( K )

Prezzo, Iva esclusa, comprensivo della parte relativa alla sicurezza ( A ) Costo relativo alla sicurezza (parte del prezzo A) Quantità Stimata ( K ) Codice Voce Descrizione Prezzo, Iva esclusa, comprensivo della parte relativa alla sicurezza ( A ) Costo relativo alla sicurezza (parte del prezzo A) Quantità Stimata ( K ) Totale in Iva esclusa = A x

Dettagli

S016 Raccolta di Norme fondamentali per impianti elettrici

S016 Raccolta di Norme fondamentali per impianti elettrici 6578 CEI 0-2 0 120 Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici 6366 CEI 0-10 0 110 Guida alla manutenzione degli impianti elettrici 6613 CEI 0-11 0 75 Guida alla

Dettagli

RELAZIONE GENERALE. 1. Descrizione dell intervento da realizzare

RELAZIONE GENERALE. 1. Descrizione dell intervento da realizzare RELAZIONE GENERALE 1. Descrizione dell intervento da realizzare 1.1 Ubicazione dell intervento L intervento prevede la realizzazione di laboratori scientifici eterogenei: laboratorio di chimica ambientale,

Dettagli

S.P.T. spa via A. Moro n 23 - Como -

S.P.T. spa via A. Moro n 23 - Como - S.P.T. spa via A. Moro n 23 - Como - PROGETTO PER REALIZZAZIONE NUOVI UFFICI in via Anzani n 37 - COMO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO OPERE ELETTRICHE E CABLAGGI Il progettista Agosto 2011 1 1 QUADRI ELETTRICI

Dettagli

[ARCHITETTURA DI RETE ITIS TERAMO]

[ARCHITETTURA DI RETE ITIS TERAMO] Scuol@2.0 ITIS Teramo [ARCHITETTURA DI RETE ITIS TERAMO] Progetto di massima della rete che si vuole realizzare per implementare il progetto "Patto per la Scuol@2.0" Prof.Mauro De Berardis Progetto della

Dettagli

Realizzazione, ampliamento o adeguamento delle infrastrutture di rete LAN/WLAN

Realizzazione, ampliamento o adeguamento delle infrastrutture di rete LAN/WLAN Progetto Scuola Digitale PON Per la scuola - Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) Realizzazione, ampliamento o adeguamento delle infrastrutture di rete LAN/WLAN Introduzione Dal giorno 7 Settembre

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-NORMATIVA IMPIANTI ELETTRICI

RELAZIONE TECNICO-NORMATIVA IMPIANTI ELETTRICI REGIONE CALABRIA COMUNE DI SANT ANDREA SULLO IONIO PROVINCIA DI CATANZARO COMPLETAMENTO DEGLI INTERVENTI DI RESTAURO DI BENI STORICO- ARTISTICI DELLA CHIESA DI SANT ANDREA APOSTOLO (POR CALABRIA 2007/2013

Dettagli

Guida all installazione per VDSL

Guida all installazione per VDSL Sommario 1 Introduzione... 2 2 Aree di connessione... 3 2.1 Qualità dei cavi... 4 3 Trasformazioni... 4 3.1 Zona salita e area di connessione... 4 3.2 Installazione BB internet (DSL)... 4 4 Legenda abbreviazioni...

Dettagli