2 lezione 22 settembre Comunicazione Pubblica e Sociale Rossella Sobrero

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2 lezione 22 settembre 2011. Comunicazione Pubblica e Sociale Rossella Sobrero"

Transcript

1 La pubblicità: informazioni, storia, personaggi Definizione di pubblicità Le principali tappe e date storiche Alcuni personaggi celebri Alcuni creativi famosi in Europa e in Italia 2 lezione 22 settembre 2011

2 Definizione di pubblicità

3 Definizione di pubblicità Il termine pubblicità nella lingua italiana deriva da "pubblico" ed assume quindi il semplice significato di "rendere noto" ciò che fino a quel momento non lo era. Il corrispondente termine inglese advertising (da to advertise: avvertire) privilegia il processo (di natura commerciale) finalizzato al raggiungimento del destinatario del messaggio. Il termine francese réclame (richiamo) mette in evidenza l'aspetto di richiamo ad un'azione insito nel messaggio.

4 Definizione di pubblicità Con il termine pubblicità si intende quella forma di comunicazione a pagamento, diffusa su iniziativa di operatori economici (attraverso mezzi come la televisione, la radio, i giornali, le affissioni, la posta, Internet), che tende in modo intenzionale e sistematico a influenzare gli atteggiamenti e le scelte degli individui in relazione al consumo di beni e all utilizzo di servizi. Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Si definisce come pubblicità qualunque forma di messaggio che sia diffuso, nell esercizio di una attività economica, allo scopo di promuovere la vendita o il trasferimento di beni mobili o immobili, oppure la prestazione di opere e servizi. Dal decreto legislativo n. 145/2007

5 Definizione di pubblicità Qualsiasi forma a pagamento di presentazione e promozione non personale di idee, beni e servizi da parte di un promotore ben identificato. Philip Kotler - Trecento risposte sul marketing, 2005 Una forma di comunicazione unilaterale, in cui è (o dovrebbe essere) sempre individuabile chi la promuove, generalmente veicolata dai grandi mezzi di comunicazione di massa rivolta a stimolare la propensione al consumo. Giampaolo Fabris - La pubblicità, teorie e prassi, 1992

6 Le principali tappe e date storiche

7 1868 Nasce in America la prima agenzia di pubblicità: è la Thompson. La società, che era stata fondata a New York da William James Carlton nel 1864, viene acquistata da James Walter Thompson che la trasforma in agenzia Sempre in America, viene creata l Advertising Association of Advertising Agencies, la prima associazione del settore che conta, al momento della fondazione, 111 membri iscritti In Italia viene costituita la SIPRA, Società Italiana Pubblicità Radiofonica Anonima.

8 Le principali tappe e date storiche 1928 L estro e la creatività di un artista al servizio del marketing e della pubblicità. Inizia la collaborazione di Fortunato Depero con Campari. Dopo aver disegnato la bottiglietta del Campari Soda, l artista produrrà una serie di manifesti pubblicitari ancora oggi celebri Negli USA, per promuovere i propri prodotti la Procter&Gamble produce e sponsorizza le prime soap opera per la radio. Negli anni successivi vengono prodotte soap opera anche per la televisione.

9 Le principali tappe e date storiche 1934 In Italia la radio inizia ad essere usata per la pubblicità: grande successo riscuote il programma I Quattro Moschettieri di Buitoni Perugina A Roma viene fondata Cinecittà In Italia, Dino Villani lancia in radio il concorso 5000 lire per un sorriso per il dentifricio GI.Vi.Emme. Il concorso di trasformerà poi in Miss Italia.

10 Le principali tappe e date storiche 1945 Nasce l UPA, Utenti Pubblicitari Associati, organizzazione che rappresenta le aziende che investono in pubblicità. Ancora oggi UPA rappresenta le maggiori imprese che utilizzano i mass media classici per comunicare con il pubblico Nasce l AssAP, Associazione Agenzie e Studi Tecnici di Pubblicità che rappresenta le agenzie che forniscono al mercato servizi nell area della comunicazione Negli USA la rivista LIFE ha un fatturato pubblicitario annuo di oltre 100 milioni di dollari.

11 Le principali tappe e date storiche 1954 Si svolge a Cannes, in Francia, la prima edizione del Festival Internazionale del film pubblicitario. In Italia, il 3 gennaio alle 11 ha inizio il servizio televisivo sul Programma Nazionale Negli Usa va in onda The Marlboro Man, la prima campagna per promuovere le sigarette Marlboro. In Italia viene costituita la SACIS, società di commercializzazione dei programmi RAI e di controllo della pubblicità radiofonica e televisiva.

12 Le principali tappe e date storiche 1957 Negli USA Vance Packard pubblica I persuasori occulti, volume che farà molto discutere. In Italia nasce Carosello A Carosello si affiancano due nuove rubriche con spazi pubblicitari da 30 : si tratta di GONG e TIC TAC Negli USA Bill Bernbach inventa il team creativo composto da art director e copywriter.

13 Le principali tappe e date storiche 1961 Iniziano le trasmissioni del secondo programma RAI e inizia una nuova rubrica pubblicitaria: Arcobaleno Negli USA David Ogilvy pubblica il famoso libro Confessioni di un pubblicitario L Olimpiade di Tokio è il primo evento televisivo trasmesso via satellite In Italia, a Milano, nasce l Art Director s Club, con una mostra e un Annual.

14 Le principali tappe e date storiche 1970 A Londra i fratelli Saatchi fondano la loro agenzia. A Parigi Jacques Séguéla crea la Roux Séguéla. Sempre a Parigi nasce la TBWA, la prima agenzia europea In Italia nasce Pubblicità Progresso. Sempre in Italia, Telebiella, la prima televisione libera via cavo, inizia le sue trasmissioni. Negli USA viene messa al bando la pubblicità televisiva delle sigarette.

15 Le principali tappe e date storiche 1972 Nasce l agenzia Italia formata da Emanuele Pirella, Gianni Muccini, Michele Goettsche. Le altre agenzie italiane sono Testa, B Communications e ODG In Italia viene vietata la campagna Non avrai altri jeans all infuori di me realizzata da Oliviero Toscani e giudicata un offesa per il buon costume e vilipendio della religione In Italia va in onda l ultima puntata di Carosello. Nello stesso anno la Corte Costituzionale ammette le trasmissioni via etere.

16 Le principali tappe e date storiche 1979 Iniziano le trasmissioni in Italia del terzo canale che ha solo diffusione locale Berlusconi compra TeleMilano che diventa la capofila del network nazionale Canale 5 e fonda con Marcello Dell Utri la concessionaria pubblicitaria Publitalia In Italia viene fondata la società Auditel per la rilevazione dell ascolto televisivo.

17 Le principali tappe e date storiche 1990 La legge Mammì disciplina il sistema radiotelevisivo pubblico e privato in Italia a seguito della direttiva comunitaria dell anno precedente In Italia viene istituita l Autorità Garante delle telecomunicazioni Viene approvata la legge Gasparri che dovrebbe garantire il pluralismo dei mezzi di comunicazione radiotelevisivi e la libertà del mercato in Italia.

18 Alcuni personaggi celebri nel mondo

19 Alcuni personaggi celebri nel mondo Come era prevedibile, sono americani non solo i padri fondatori ma anche i personaggi più celebri che hanno fatto la storia della pubblicità. Ne ricordiamo alcuni.

20 Claude Hopkins ( ) Figura leggendaria, Claude Hopkins ha inventato, teorizzato e messo in pratica numerosi generi pubblicitari. La sua esperienza di venditore porta a porta gli è utile quando inizia a scrivere annunci per promuovere prodotti sulla stampa. Inventa alcuni meccanismi diventati importanti: omaggi al trade (regalava una spazzola a ogni commerciante che esponeva in vetrina materiale pubblicitario); eventi sul punto vendita (aveva creato la torta più grande del mondo per l inaugurazione di un grande magazzino); campioni omaggio (con la promessa soddisfatti o rimborsati). E l inventore di un nuovo approccio al prodotto: non più un invito pressante a provarlo ma una presentazione attraverso testi discreti e argomentativi. Claude Hopkins è ricordato anche per aver scritto Scientific Advertising, il primo libro sulla pubblicità.

21 John Caples ( ) John Caples, tra i fondatori della BBDO ove rimase per 56 anni, scrive Tested Advertising Methodos dove vengono presentati 129 modi per scrivere una headline, 32 modi di sollecitare, promuovere, stimolare l interesse di chi legge e tanti altri suggerimenti per vendere qualcosa attraverso un testo scritto. In quegli anni la pubblicità utilizzava prevalentemente il direct marketing e gli annunci con coupon: si capisce quindi l importanza data al testo scritto. Secondo Caples, la migliore headline è quella che fa appello all amor proprio del lettore.

22 Bill Bernbach ( ) A Bill Bernbach si attribuisce il merito di aver inventato la coppia creativa: fu lui infatti il primo a far lavorare sistematicamente insieme un copy writer e un art director. E diventato famoso anche per la sua capacità di sovvertire le regole, rimuovere usanze e conformismi tipici della mentalità americana provando a ribaltare alcuni concetti. Trasformare quelli che venivano considerati minus in plus o per lo meno in qualcosa di accettabile che valesse la pena di provare: questa la forza dirompente di alcune sue famose campagne.

23 David Ogilvy ( ) Inglese di nascita, David Ogilvy si trasferisce nel 1938 negli USA dove fonda, con Anderson Hewitt, una nuova agenzia. La sua esperienza parte dal mondo delle ricerche (lavora inizialmente per l Istituto Gallup) e si sviluppa in modo molto particolare. Lo stile delle sue campagne, apparentemente frivolo e snob, ha lo scopo di dare al prodotto una personalità unica e distintiva (brand image) più importante delle qualità intrinseche del prodotto stesso. Il suo libro Confessioni di un pubblicitario del 1963 resta ancora oggi uno dei testi più letti sulla pubblicità.

24 Leo Burnett ( ) Famoso per aver creato alcune icone pubblicitarie (tra tutte, il mitico cow boy per Marlboro), è ricordato per la capacità di cambiare nel consumatore la percezione del prodotto. Un esempio ricordato è quelle della campagna per le sigarette con filtro prodotto dalla Marlboro considerate adatte prevalentemente a un pubblico femminile: Leo Burnett posizionò il prodotto come adatto a un uomo forte e virile attraverso una campagna di successo.

25 Alcuni creativi famosi in Europa e in Italia

26 Jacques Séguéla (1934) Jaques Séguéla è il creativo francese più famoso. E diventato celebre anche per aver contribuito alla vittoria di Francois Mitterrand con la campagna La forza tranquilla alle elezioni per la presidenza nel 1981.

27 Charles e Maurice Saatchi (1943 e 1946) Con i fratelli Saatchi inizia un importante periodo per la pubblicità inglese e un nuovo modo di intendere il ruolo dell agenzia che diventa non solo un centro di creatività ma anche un soggetto economico importante. Famosa la loro campagna dell uomo incinto e il loro ruolo nella comunicazione sociale (è tra le prime a dedicarsi alla creazione di campagne per il non profit).

28 Armando Testa ( ) E il più famoso pubblicitario italiano, un artista conosciuto in tutto il mondo. Il fondatore dello Studio Testa (poi agenzia Armando Testa) deve molto della sua fama ad alcuni suoi personaggi e alla realizzazione di importanti campagne televisive. Tra le altre, per Punt e Mes, Antonetto, AVA (Calimero), Lines (Ippopotamo Pippo), Lavazza etc.

29 Emanuele Pirella ( ) Famoso non solo nel mondo pubblicitario, Pirella è ricordato anche per la striscia domenicale Tutti da Fulvia il sabato sera che per quasi quaranta anni viene pubblicata su Repubblica. Tra le sue campagne più note, quella per i jeans Jesus, per Chiquita, per Henkel (Perlana) etc.

30 Pasquale Barbella (1941) Dopo alcuni anni passati in grandi agenzie come copywriter e direttore creativo, fonda nel 1989 una sua agenzia (la BGS con Piero Gagliardi e Silvio Saffirio) considerata da molte importanti aziende una vera e propria boutique creativa. Per due volte presidente dell Art Director s Club, assume importanti ruoli nel mondo della pubblicità non solo italiana. Oggi insegna e scrive libri.

Approfondimento L interazione tra mercato e impresa

Approfondimento L interazione tra mercato e impresa Approfondimento L interazione tra mercato e impresa Glossario di marketing Accettazione: pubblico. misura l accoglimento di un annuncio pubblicitario da parte del Account: figura professionale che svolge

Dettagli

Cosa si intende per pubblicità

Cosa si intende per pubblicità Cosa si intende per pubblicità ADV: creare un messaggio ed inviarlo a qualcuno che a sua volta avrà una reazione. SOGGETTTO MEDIATICO A PAGAMENTO!!! Advertising: TV, RADIO, CARTA STAMPATA, MURALES INTERNET!!

Dettagli

Modulo Il piano di comunicazione di un organizzazione non profit

Modulo Il piano di comunicazione di un organizzazione non profit Modulo Il piano di comunicazione di un organizzazione non profit Materiale didattico a cura di ALFONSO SIANO Università degli Studi di Salerno sianoalf@unisa.it 2010 1 Piano di comunicazione MARKETING

Dettagli

Regolamento in materia di sponsorizzazioni di programmi radiotelevisivi e offerte al pubblico

Regolamento in materia di sponsorizzazioni di programmi radiotelevisivi e offerte al pubblico Decreto Ministro Poste e Telecomunicazioni 9 dicembre 1993, n. 581 Regolamento in materia di sponsorizzazioni di programmi radiotelevisivi e offerte al pubblico (G.U. n.8 del 12.1.1994) IL MINISTRO DELLE

Dettagli

LA CAMPAGNA PUBBLICITARIA COPY STRATEGY

LA CAMPAGNA PUBBLICITARIA COPY STRATEGY LA CAMPAGNA PUBBLICITARIA COPY STRATEGY SVILUPPO DELLA CAMPAGNA Prima fase: IL BRIEFING scambio di informazioni fondamentale per lo sviluppo della campagna. Il brief contiene molteplici informazioni su:

Dettagli

Glossario di Marketing

Glossario di Marketing Viale Atlantici, 65/a - 82100 Benevento Tel: +39.0824.334189 Fax: +39.06.23318693 www. info@ www. Glossario di Marketing Advertising O pubblicità. E il termine che indica le forme e i servizi di comunicazione

Dettagli

Pianificazione e controllo della Comunicazione (Media Planning) LUMSA - Media Planning

Pianificazione e controllo della Comunicazione (Media Planning) LUMSA - Media Planning 1 Pianificazione e controllo della Comunicazione (Media Planning) LUMSA - Media Planning 2 Professione Media Il Reparto Media 3 Media (o reparto media) è la funzione interna (in agenzia o presso il cliente)

Dettagli

Lorenzo De Tomasi. Nuove idee per un nuovo diritto d autore

Lorenzo De Tomasi. Nuove idee per un nuovo diritto d autore Lorenzo De Tomasi Nuove idee per un nuovo diritto d autore Lorenzo De Tomasi Nuove idee per un nuovo diritto d autore La comunione della conoscenza. I diritti degli autori e il processo creativo. L editoria

Dettagli

Conferenza stampa di presentazione delle linee guida della comunicazione e degli eventi 2011: presentazione negrinievaretto

Conferenza stampa di presentazione delle linee guida della comunicazione e degli eventi 2011: presentazione negrinievaretto Centro Commerciale Il Borgogioioso Conferenza stampa di presentazione delle linee guida della comunicazione e degli eventi 2011: presentazione negrinievaretto Carpi, 15.12.2010 Marketing is a set of processes

Dettagli

Le forme di promozione nei mercati esteri. Michela Floris micfloris@unica.it

Le forme di promozione nei mercati esteri. Michela Floris micfloris@unica.it Le forme di promozione nei mercati esteri Michela Floris micfloris@unica.it Cos è la promozione La promozione riguarda tutto quanto può informare il potenziale compratore circa il prodotto e può indurlo

Dettagli

RACCONTIDICITTÀ. Indice 1. presentazione 2. programma delle lezioni 3. scheda tecnica

RACCONTIDICITTÀ. Indice 1. presentazione 2. programma delle lezioni 3. scheda tecnica RACCONTIDICITTÀ Rilassatevi. Nessun corso di "scrittura creativa" nemmeno se a tenerlo fossero Omero, Shakespeare, Cechov o Bulgakov può trasformare un partecipante in uno "scrittore". Indice 1. presentazione

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA 2 PUBBLICITA DEGLI ENTI PUBBLICI COMUNICAZIONI AL GARANTE PER LA RADIODIFFUSIONE E L EDITORIA

NOTA ESPLICATIVA 2 PUBBLICITA DEGLI ENTI PUBBLICI COMUNICAZIONI AL GARANTE PER LA RADIODIFFUSIONE E L EDITORIA NOTA ESPLICATIVA 2 PUBBLICITA DEGLI ENTI PUBBLICI COMUNICAZIONI AL GARANTE PER LA RADIODIFFUSIONE E L EDITORIA 1. Premessa Il Garante per la radiodiffusione e l editoria determina con propri provvedimenti

Dettagli

L area grande. Emanuele Gabardi

L area grande. Emanuele Gabardi L area grande Emanuele Gabardi L area grande q L area grande, o area allargata, o below-the-line comprende tutte le forme di comunicazione, con l esclusione della pubblicità, le principali delle quali

Dettagli

Via della Maglianella 65/r - 00166 Roma Tel. 06/4040086 Fax 06/45220698

Via della Maglianella 65/r - 00166 Roma Tel. 06/4040086 Fax 06/45220698 Tutte le richieste di valutazione riguardanti le seguenti tipologie di attività dovranno pervenire a mezzo mail all indirizzo marketingpdv@goldbet.it e valutate dall area Retail Marketing nell arco dei

Dettagli

Il servizio pubblico Informazioni per gli insegnanti

Il servizio pubblico Informazioni per gli insegnanti Informazioni per gli insegnanti 1/8 Compito Per guardare la TV e ascoltare la radio bisogna pagare. Svolgendo una serie di compiti diversi gli alunni imparano che cosa si intende con il termine «servizio

Dettagli

Communication mix - Advertising

Communication mix - Advertising Economia e Tecnica della Comunicazione Aziendale Communication mix - Advertising Lezione 11 Pubblicità Qualunque forma di presentazione e promozione non personale di idee, beni o servizi svolta dietro

Dettagli

L emozione e la Regola.

L emozione e la Regola. L emozione e la Regola. Corso di Art direction e comunicazione visiva. P rogramma del corso Lezione 1 Sabato 16 Gennaio 2010 Marchio e Logotipo. (3,5 ore mattino) Il segno di un idea. Come progettare un

Dettagli

I MODELLI DI BUSINESS DEL MERCATO TELEVISIVO

I MODELLI DI BUSINESS DEL MERCATO TELEVISIVO I MODELLI DI BUSINESS DEL MERCATO TELEVISIVO I modelli di business nel sistema televisivo vengono definiti in base ai soggetti che finanziano le azioni di produzione e ed erogazione del servizio offerto.

Dettagli

La cultura globalizzata. Chiedigli la marca.

La cultura globalizzata. Chiedigli la marca. La cultura globalizzata. Chiedigli la marca. Uno degli aspetti più evidenti della cosiddetta globalizzazione è la diffusione di culture, mode, modi di vivere e pensare, oggetti uguali in tutto il mondo.

Dettagli

Global Communication DOVE NASCONO LE IDEE

Global Communication DOVE NASCONO LE IDEE Global Communication DOVE NASCONO LE IDEE Global Communication opera nel settore della comunicazione integrata. Le specializzazioni acquisite nei mercati italiani ed esteri, nel settore del marketing

Dettagli

COME NASCE UNA CAMPAGNA PUBBLICITARIA. IL MARKETING E LA COMUNICAZIONE L agenzia e l azienda

COME NASCE UNA CAMPAGNA PUBBLICITARIA. IL MARKETING E LA COMUNICAZIONE L agenzia e l azienda COME NASCE UNA CAMPAGNA PUBBLICITARIA IL MARKETING E LA COMUNICAZIONE L agenzia e l azienda La strategia comunicativa è innanzitutto strategia MARKETING Per un azienda essere Marketing oriented, orientata

Dettagli

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN 1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN Aprile 2013 ESAME FINALE LIVELLO 3 Nome: Cognome: E-mail & numero di telefono: Numero tessera: 1 2 1. Perché Maria ha bisogno di un lavoro? PROVA DI ASCOLTO

Dettagli

REGIONE SICILIANA Assessorato Infrastrutture e Mobilità Dipartimento Infrastrutture Mobilità e Trasporti SERVIZIO XXIII

REGIONE SICILIANA Assessorato Infrastrutture e Mobilità Dipartimento Infrastrutture Mobilità e Trasporti SERVIZIO XXIII REGIONE SICILIANA Assessorato Infrastrutture e Mobilità Dipartimento Infrastrutture Mobilità e Trasporti SERVIZIO XXIII PROCEDURA APERTA AI SENSI DEL D.Lgs N. 163/2006 E S.M.I. PER L AFFIDAMENTO DEL Servizio

Dettagli

La televisione figlia della radio: le prime sperimentazioni

La televisione figlia della radio: le prime sperimentazioni La televisione Germania - 1935 La televisione figlia della radio: le prime sperimentazioni primo programma trasmesso 4 ore e mezza alla settimana, nello stesso anno vennero trasmesse per 8 ore al giorno

Dettagli

Etica della comunicazione pubblicitaria

Etica della comunicazione pubblicitaria La pubblicità Mira a influenzare pensieri e comportamenti L etimologia deriva dal latino pubblicare = far conoscere E diretta a informare e persuadere anche attraverso l esibizione di contenuti simbolici

Dettagli

Progettazione Multimediale PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DELLA COMUNICAZIONE MULTIMEDIALE. Parte 1. Le figure professionali. Prof. Gianfranco Ciaschetti

Progettazione Multimediale PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DELLA COMUNICAZIONE MULTIMEDIALE. Parte 1. Le figure professionali. Prof. Gianfranco Ciaschetti Progettazione Multimediale PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DELLA COMUNICAZIONE MULTIMEDIALE Parte 1 Le figure professionali Prof. Gianfranco Ciaschetti Prima della multimedialità Prima dell avvento dell era

Dettagli

TECNICHE PROFESSIONALI PER IL COMMERCIO E LA GRAFICA PUBBLICITARIA

TECNICHE PROFESSIONALI PER IL COMMERCIO E LA GRAFICA PUBBLICITARIA TECNICHE PROFESSIONALI PER IL COMMERCIO E LA GRAFICA PUBBLICITARIA TERZO ANNO U.D.A.: 01 LA MULTIMEDIALITÀ Individuare ed utilizzare le moderne forme di comunicazione visiva e multimediale, anche con riferimento

Dettagli

Laura Minestroni, La pubblicità nonostante i mass media. Verso una comunicazione integrata di marca, Mondadori Università, 2012.

Laura Minestroni, La pubblicità nonostante i mass media. Verso una comunicazione integrata di marca, Mondadori Università, 2012. Laura Minestroni, La pubblicità nonostante i mass media. Verso una comunicazione integrata di marca, Mondadori Università, 2012. Anni 50 Bill Bernbach mette art director e copywriter a lavorare insieme.

Dettagli

ENRICO MARIA PORRO ART DIRECTOR

ENRICO MARIA PORRO ART DIRECTOR ENRICO MARIA PORRO ART DIRECTOR AUTORITRATTO Sono nato il 19 marzo del 1963. I primi sette anni della mia vita li ho passati in Spagna (Barcellona e San Sebastian), anche se avrei preferito trascorrervi

Dettagli

7mas ti aiuta a entrare nel mondo della grafica PASSO DOPO PASSO!

7mas ti aiuta a entrare nel mondo della grafica PASSO DOPO PASSO! MONDO GRAFICA 7mas ti aiuta a entrare nel mondo della grafica PASSO DOPO PASSO! IL MATTONE di ogni comunicazione Grafica La pubblicità è quella forma di comunicazione che raggruppa la diffusione di messaggi

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG82U ATTIVITÀ 70.21.00 PUBBLICHE RELAZIONI E COMUNICAZIONE ATTIVITÀ 73.11.01 IDEAZIONE DI CAMPAGNE PUBBLICITARIE

STUDIO DI SETTORE UG82U ATTIVITÀ 70.21.00 PUBBLICHE RELAZIONI E COMUNICAZIONE ATTIVITÀ 73.11.01 IDEAZIONE DI CAMPAGNE PUBBLICITARIE STUDIO DI SETTORE UG82U ATTIVITÀ 70.21.00 PUBBLICHE RELAZIONI E COMUNICAZIONE ATTIVITÀ 73.11.01 IDEAZIONE DI CAMPAGNE PUBBLICITARIE Aprile 2009 PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore TG82U Studi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA SETTORE ORIENTAMENTO - Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA SETTORE ORIENTAMENTO - Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio Corsi di laurea in: UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA FACOLTÀ DI SCIENZE MM.FF.NN. VARESE Scienze della Comunicazione SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE - triennale (Classe n. 14 Scienze della Comunicazione)

Dettagli

Lezione 15: i mestieri della comunicazione Stella Romagnoli

Lezione 15: i mestieri della comunicazione Stella Romagnoli Lezione 15: i mestieri della comunicazione Stella Romagnoli } I mestieri della comunicazione In azienda Brand e Corporate Image Pubblicità (above the line) Below-the-line Media Eventi Sponsorizzazioni

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 COPYWRITER

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 COPYWRITER COPYWRITER 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Parte IV Il communication mix

Parte IV Il communication mix Parte IV Il communication mix Cap.11 Advertising Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2012-2013 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cos è la pubblicità Storicamente rappresenta l industrializzazione

Dettagli

L'Emozione e la Regola

L'Emozione e la Regola L'Emozione e la Regola Corso di Art Direction e Comunicazione Visiva Obiettivi specifici Un corso teorico-pratico con l obiettivo di formare esperti di immagine. Trasmetterà le nozioni per decodificare

Dettagli

HOTEL INTERNATIONAL MARKETING

HOTEL INTERNATIONAL MARKETING HOTEL INTERNATIONAL MARKETING Marketing non è solo pubblicità. Marketing è un processo finalizzato a creare, distribuire, prezzare e promuovere con strategia il proprio prodotto. Scegliere Hotel International

Dettagli

Pari opportunità nei media

Pari opportunità nei media Immagine Comune di Ravenna Pari opportunità nei media Mussi bollini Presidente Commissione Pari Opportunità RAI Vice Direttore RAI Ragazzi La comunicazione televisiva può influenzare ciò che accade nella

Dettagli

Risultati della Sedicesima edizione di Studi NetObserver Europe:

Risultati della Sedicesima edizione di Studi NetObserver Europe: NetObserver Europa PER SAPERE TUTTO SUI NAVIGATORI Comunicato stampa Parigi, Marzo 2008 Risultati della Sedicesima edizione di Studi NetObserver Europe: Differenze nell utilizzo dei media fra generazioni

Dettagli

DELIBERA N. 538/01/CSP. Regolamento in materia di pubblicità radiotelevisiva e televendite L AUTORITA

DELIBERA N. 538/01/CSP. Regolamento in materia di pubblicità radiotelevisiva e televendite L AUTORITA DELIBERA N. 538/01/CSP Regolamento in materia di pubblicità radiotelevisiva e televendite L AUTORITA NELLA riunione della Commissione per i servizi e i prodotti del 25 luglio 2001 e in particolare nella

Dettagli

SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing

SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing Il processo di comunicazione (1) Fonte: chi emette il messaggio nei confronti di un altro soggetto

Dettagli

IL PROGETTO PUBBLICITARIO

IL PROGETTO PUBBLICITARIO IL PROGETTO PUBBLICITARIO Teoria del Progetto Flusso di lavoro in agenzia Sviluppo del progetto Modellizzazione del progetto Teoria del Progetto L AGENZIA DI PUBBLICITA L agenzia di pubblicità è l impresa

Dettagli

LABORATORIO DI PSICOLOGIA COGNITIVA LA PERSUASIONE 3. Gaia Vicenzi - Laboratorio di psicologia cognitiva - a.a. 2004-05

LABORATORIO DI PSICOLOGIA COGNITIVA LA PERSUASIONE 3. Gaia Vicenzi - Laboratorio di psicologia cognitiva - a.a. 2004-05 LABORATORIO DI PSICOLOGIA COGNITIVA LA PERSUASIONE 3 1 LA FONTE 2 LA FONTE Fabris (1992) identifica tre principali tipi di fonte che possono interferire sul messaggio che comunicano: 1) l impresa 2) il

Dettagli

PUBBLICITÀ E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE INTEGRATA

PUBBLICITÀ E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE INTEGRATA PUBBLICITÀ E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE INTEGRATA 5 novembre 2013 Prof.ssa Paola Panarese Alcune indicazioni Questioni di metodo Non saltate le tappe Non trascurate la strategia 1 La strategia Cos è? Strategia

Dettagli

Premiazione dei manager e creativi che hanno raggiunto l eccellenza nelle strategie di marketing nel corso del 2010

Premiazione dei manager e creativi che hanno raggiunto l eccellenza nelle strategie di marketing nel corso del 2010 Premiazione dei manager e creativi che hanno raggiunto l eccellenza nelle strategie di marketing nel corso del 2010 La sezione Marketing Oggi L unico quotidiano dedicato al mondo della comunicazione Dal

Dettagli

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Direttiva del 28 settembre 2009 Indirizzi interpretativi ed applicativi in materia di destinazione delle spese per l acquisto di spazi pubblicitari da parte delle Amministrazioni dello Stato ai sensi dell

Dettagli

Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale MARKETING DEL TURISMO. Lezione 16 12 maggio 2010

Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale MARKETING DEL TURISMO. Lezione 16 12 maggio 2010 Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale MARKETING DEL TURISMO Lezione 16 12 maggio 2010 . IMBUTO PROMOZIONALE informazioni PUBBLICHE RELAZIONI No vendita, ma modificazione atteggiamento,

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE FINALITA far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne il valore percepito (significati simbolici, segnali di valore) La differenziazione

Dettagli

Fratelli Carli, innovazione e amore per la tradizione

Fratelli Carli, innovazione e amore per la tradizione Customer case study / Food and Beverage Fratelli Carli, innovazione e amore per la tradizione Fratelli Carli, l azienda che dal 1911 produce e vende olio d oliva e prodotti derivati, comunica il restyling

Dettagli

Il nuovo indirizzo della comunicazione. Nuovo nome Nuovi azionisti Nuova sede Nuovo ufficio a Milano Nuovo staff Nuova società partecipata

Il nuovo indirizzo della comunicazione. Nuovo nome Nuovi azionisti Nuova sede Nuovo ufficio a Milano Nuovo staff Nuova società partecipata Settembre 2010 Il nuovo indirizzo della comunicazione. Nuovo nome Nuovi azionisti Nuova sede Nuovo ufficio a Milano Nuovo staff Nuova società partecipata Molte discipline, un unico gruppo. Martini6 non

Dettagli

Progettazione e realizzazione di un annuncio pubblicitario a mezzo stampa (annunci in giornali o riviste).

Progettazione e realizzazione di un annuncio pubblicitario a mezzo stampa (annunci in giornali o riviste). Progettazione e realizzazione di un annuncio pubblicitario a mezzo stampa (annunci in giornali o riviste). campagna pubblicitaria Serie di messaggi pubblicitari che, attraverso uno o più media, mirano

Dettagli

Strumenti e tecniche per il sociale

Strumenti e tecniche per il sociale Strumenti e tecniche per il sociale Il Cause Related Marketing Le Relazioni Pubbliche 9 lezione - 7 ottobre 2011 Il Cause Related Marketing Cause Related Marketing: definizione Il Cause Related Marketing,

Dettagli

TEORIE E FONDAMENTI DEL MARKETING

TEORIE E FONDAMENTI DEL MARKETING PROGRAMMAZIONE + COMPETENZE TEORICHE TEORIE E FONDAMENTI DEL MARKETING StudiAssociati 2013 PARLEREMO DI: Cos è il marketing Definizioni e termini fondamentali La customer satisfaction Oltre a questi argomenti

Dettagli

WEB MARKETING 2.0. La nuova proposta di implementazione di un progetto Marketing 2.0

WEB MARKETING 2.0. La nuova proposta di implementazione di un progetto Marketing 2.0 WEB MARKETING 2.0 La nuova proposta di implementazione di un progetto Marketing 2.0 È un stato di evoluzione del Web, caratterizzato da strumenti e piattaforme che enfatizzano la collaborazione e la condivisione

Dettagli

Page 1 COMUNICAZIONE INTEGRATA, PUBBLICITÀ, PROMOZIONE E RELAZIONI PUBBLICHE, SALES MANAGEMENT, MARKETING ON LINE (CAP.

Page 1 COMUNICAZIONE INTEGRATA, PUBBLICITÀ, PROMOZIONE E RELAZIONI PUBBLICHE, SALES MANAGEMENT, MARKETING ON LINE (CAP. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2015/2016 COMUNICAZIONE INTEGRATA, PUBBLICITÀ, PROMOZIONE E RELAZIONI PUBBLICHE, SALES MANAGEMENT, MARKETING ON LINE (CAP. 19, 20, 21, 22) Unit 12 Slide 12.2.1 SODDISFARE

Dettagli

ISTRUZIONE. Emanuela Negro-Ferrero. www.emanuelanegroferrero.com CURRICULUM VITAE 2012/13

ISTRUZIONE. Emanuela Negro-Ferrero. www.emanuelanegroferrero.com CURRICULUM VITAE 2012/13 Emanuela Negro-Ferrero www.emanuelanegroferrero.com CURRICULUM VITAE ISTRUZIONE 2012/13 Master Board Academy Deloitte per i Consigli d Amministrazione 1988 Master Comunicazione d Impresa Unione Industriale

Dettagli

A.S. 2014/2015. 1. I docenti prevedono un congruo numero di ore per il recupero in itinere e una verifica

A.S. 2014/2015. 1. I docenti prevedono un congruo numero di ore per il recupero in itinere e una verifica A.S. 2014/2015 AMBITO: STORIA MATERIA: TECNICHE DI COMUNICAZIONE L AMBITO DISCIPLINARE STABILISCE CHE: 1. I docenti prevedono un congruo numero di ore per il recupero in itinere e una verifica finale che

Dettagli

LE DEFINIZIONI MEDIA

LE DEFINIZIONI MEDIA DEFINIZIONI MEDIA LE DEFINIZIONI MEDIA Copertura Netta o Net Reach Frequenza Media / OTS GRP s Copertura Efficace o Effective Reach Distribuzione di frequenza Share Indici di Concentrazione COPERTURA NETTA

Dettagli

LE PAROLE DELLA PUBBLICITÀ. La comunicazione per la salute: stili e strategie. Intervento a cura di Giulia Calaprice 27 novembre 2014

LE PAROLE DELLA PUBBLICITÀ. La comunicazione per la salute: stili e strategie. Intervento a cura di Giulia Calaprice 27 novembre 2014 LE PAROLE DELLA PUBBLICITÀ. La comunicazione per la salute: stili e strategie. Intervento a cura di Giulia Calaprice 27 novembre 2014 A CHE CI SERVE LA PUBBLICITÀ? Oltre a interrompere un film, la pubblicità

Dettagli

Economia e tecnica della pubblicità

Economia e tecnica della pubblicità Si fa presto a dire pubblicità * * Pubblicità - s.f. (franc. Publicité): notorietà pubblica//carattere di ciò che è fatto in presenza del pubblico//insieme dei mezzi utilizzati per far conoscere prodotti

Dettagli

Company Prof.ile. Il chi. Il come. Il perché.

Company Prof.ile. Il chi. Il come. Il perché. Company Prof.ile Il chi. Il come. Il perché. Sommario Introduzione Presentazione Approccio I plus La rete di progetti Servizi Perché scegliere Toast? Clienti Contatti Introduzione Il ruolo delle agenzie

Dettagli

Che cosa è il marketing

Che cosa è il marketing Che cosa è il marketing Molti pensano che il marketing sia nato in America. Secondo lo studioso Peter Duckeril marketing nasce in Giappone nel 1600 ad opera del mercante Mitsui Mitsui aveva una sorta di

Dettagli

Un giornale può essere di carattere politico, economico, scientifico, sportivo, di attualità, di moda e di vita femminile, di costume ed altro.

Un giornale può essere di carattere politico, economico, scientifico, sportivo, di attualità, di moda e di vita femminile, di costume ed altro. Normalmente si usa la parola giornale per una pubblicazione quotidiana dove si trovano le notizie del giorno. In un senso più largo però, questa parola si usa anche per pubblicazioni settimanali, quindicinali

Dettagli

Workshop NEW INTERNATIONAL SPORT TELEVISION MARKET TRENDS

Workshop NEW INTERNATIONAL SPORT TELEVISION MARKET TRENDS Workshop NEW INTERNATIONAL SPORT TELEVISION MARKET TRENDS Report del PROF. FRANCO B. ASCANI - Presidente Federation Internationale Cinema Television Sportifs - Membro della Commissione Cultura ed Educazione

Dettagli

COME VIENE REALIZZATA UNA CAMPAGNA PUBBLICITARIA O PROMOZIONALE?

COME VIENE REALIZZATA UNA CAMPAGNA PUBBLICITARIA O PROMOZIONALE? COME VIENE REALIZZATA UNA PUBBLICITARIA O PROMOZIONALE? A B - INPUT C Descrizione dell attività D RISULTATO E - SISTEMA PROFESSIONALE DOMANDA ESPRESSA DAL CLIENTE L input del processo è costituito dalla

Dettagli

USI IN TEMA DI PUBBLICITÀ

USI IN TEMA DI PUBBLICITÀ USI IN TEMA DI PUBBLICITÀ Sommario PUBBLICITÀ Nozione ed ambito di applicazione.............................. Art. 1 Soggetti..................................................» 2 Autodisciplina.............................................»

Dettagli

FASHION COMMUNICATION

FASHION COMMUNICATION FASHION COMMUNICATION OBIETTIVI DI COMUNICAZIONE Aumentare presso tutti i pubblici di riferimento la brand awarness Aumentare la visibilità presso il pubblico finale per le prossime collezioni Ottenere

Dettagli

BANDO ANNUAL DELLA COMUNICAZIONE DIGITALE 2012. La migliore comunicazione digitale PRIMA EDIZIONE L INIZIATIVA

BANDO ANNUAL DELLA COMUNICAZIONE DIGITALE 2012. La migliore comunicazione digitale PRIMA EDIZIONE L INIZIATIVA BANDO ANNUAL DELLA COMUNICAZIONE DIGITALE 2012 NC Digital Awards La migliore comunicazione digitale PRIMA EDIZIONE L INIZIATIVA ADC Group, la casa editrice delle più autorevoli pubblicazioni specializzate

Dettagli

BANDO PER IL CONCORSO DI IDEE NEL SETTORE DELLA COMUNICAZIONE CREATIVA E DELLA MULTIMEDIALITA FINALIZZATO A UN PERCORSO DI MENTORING DELLA DURATA

BANDO PER IL CONCORSO DI IDEE NEL SETTORE DELLA COMUNICAZIONE CREATIVA E DELLA MULTIMEDIALITA FINALIZZATO A UN PERCORSO DI MENTORING DELLA DURATA BANDO PER IL CONCORSO DI IDEE NEL SETTORE DELLA COMUNICAZIONE CREATIVA E DELLA MULTIMEDIALITA FINALIZZATO A UN PERCORSO DI MENTORING DELLA DURATA DI 11 MESI PER LO SVILUPPO DI AUTOIMPRENDITORIALITA Premesso

Dettagli

Il flusso di lavoro in un agenzia media

Il flusso di lavoro in un agenzia media Il flusso di lavoro in un agenzia media Il flusso di lavoro in un agenzia media Il Brief del Cliente Il planning strategico Analisi della concorrenza Analisi e costruzione del target Gli obiettivi di comunicazione

Dettagli

BANDO ANNUAL DELLA COMUNICAZIONE DIGITALE 2013. La migliore comunicazione digitale SECONDA EDIZIONE L INIZIATIVA

BANDO ANNUAL DELLA COMUNICAZIONE DIGITALE 2013. La migliore comunicazione digitale SECONDA EDIZIONE L INIZIATIVA BANDO ANNUAL DELLA COMUNICAZIONE DIGITALE 2013 NC Digital Awards La migliore comunicazione digitale SECONDA EDIZIONE L INIZIATIVA ADC Group, la casa editrice delle più autorevoli pubblicazioni specializzate

Dettagli

www.albertorabagliati.com Archivio delle Notizie Novembre 2011 ***

www.albertorabagliati.com Archivio delle Notizie Novembre 2011 *** www.albertorabagliati.com Archivio delle Notizie Novembre 2011 *** Sono vietati l uso e la riproduzione di testi e immagini presenti in questo documento senza la nostra esplicita autorizzazione. Contattateci

Dettagli

Promozione e commercializzazione

Promozione e commercializzazione Relazione per il Gruppo di lavoro: Promozione e commercializzazione Brand, strumenti, compiti del pubblico e del privato Redatto da: Elisa Capozzi 1 anni 80: Disney cerca un luogo per un parco tematico

Dettagli

La Campagna SMS solidale. copyright Atlantis Company Srl

La Campagna SMS solidale. copyright Atlantis Company Srl La Campagna SMS solidale copyright Atlantis Company Srl SMS Solidale L SMS solidale è un prezioso strumento di comunicazione e di raccolta fondi a disposizione delle ONP L ONP deve disporre, per un periodo

Dettagli

Gestione risorse in editoria, bilanci, pubblicità

Gestione risorse in editoria, bilanci, pubblicità Giornalismo 3.0 e Pensiero Critico Gestione risorse in editoria, bilanci, pubblicità Pasquale D Innella Capano a cura di Diego Miluzzi e Giulia Tosti Giornalismo 3.0 e Pensiero Critico Cosa significa gestire

Dettagli

DISCIPLINE GRAFICHE Secondo Biennio

DISCIPLINE GRAFICHE Secondo Biennio DISCIPLINE GRAFICHE Secondo Biennio COMPETENZE PECUP COMPETENZE DISCIPLINA CONOSCENZE CONTENUTI TEMPI 1 Conoscere e saper applicare i principi della percezione e della composizione Sviluppare le capacità

Dettagli

Strategia. Strategia di rilancio. Strategie del ciclo di vita. Strategie di sell-in e sell-out. Strategie di sell-out PUBBLICITÀ E STRATEGIE

Strategia. Strategia di rilancio. Strategie del ciclo di vita. Strategie di sell-in e sell-out. Strategie di sell-out PUBBLICITÀ E STRATEGIE PUBBLICITÀ E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE INTEGRATA Strategia Esistono diversi tipi di strategia di marketing, da cui discendono diversi tipi di strategia di comunicazione: di posizionamento corporate/di

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 3694 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa del senatore DE LUCA Athos COMUNICATO ALLA PRESIDENZA L 11 DICEMBRE 1998 Norme per l

Dettagli

SEGRETERIA TECNICA DI GRUPPO E RELAZIONI ESTERNE

SEGRETERIA TECNICA DI GRUPPO E RELAZIONI ESTERNE SEGRETERIA TECNICA DI GRUPPO E RELAZIONI ESTERNE Con riferimento agli Ordini di Servizio n. 6 e 7 del 02.02.2015, si comunica che, con effetto immediato, le attività relative agli affari legislativi, precedentemente

Dettagli

Le fasi evolutive delle modalità di comunicare dello Stato e la nascita della comunicazione di pubblica utilità. Emanuele Gabardi

Le fasi evolutive delle modalità di comunicare dello Stato e la nascita della comunicazione di pubblica utilità. Emanuele Gabardi Le fasi evolutive delle modalità di comunicare dello Stato e la nascita della comunicazione di pubblica utilità Emanuele Gabardi Le fasi evolutive delle modalità di comunicare dello Stato secondo Sebastiano

Dettagli

Comunicare per crescere Corso di formazione su comunicazione e il marketing sociale

Comunicare per crescere Corso di formazione su comunicazione e il marketing sociale Comunicare per crescere Corso di formazione su comunicazione e il marketing sociale In collaborazione con 15 e 22 aprile 2015 Programma 15 aprile 2015 Tecniche e strumenti di marketing e comunicazione

Dettagli

STRUMENTI PER UNA COMUNICAZIONE INTEGRATA

STRUMENTI PER UNA COMUNICAZIONE INTEGRATA STRUMENTI PER UNA COMUNICAZIONE INTEGRATA dal 1980 NE NW W SW SE S E Lo scopo principale di una strategia di comunicazione è quello di consentire alla tua azienda di raggiungere in modo più efficiente

Dettagli

«WEBDESI PROJECT» www.esserelite.com

«WEBDESI PROJECT» www.esserelite.com «WEBDESI PROJECT» ADVERTISING» www.esserelite.com About ESSERE ELITE S.r.l. Professionisti della comunicazione dal 1989. SUL MERCATO DA PIÙ DI 20 ANNI Essere Elite è un agenzia di comunicazione che offre

Dettagli

Charity Stamp. NEW ETHICAL FORMAT w w w. c h a r i t y s t a m p s. o r g. il format. Stamps

Charity Stamp. NEW ETHICAL FORMAT w w w. c h a r i t y s t a m p s. o r g. il format. Stamps il format Charity s Il contesto 55 miliardi e-mail scambiate nel 2001, in Italia. 165 miliardi nel 2004. 90% La quota di navigatori italiani che usa Internet esclusivamente per i servizi di posta elettronica.

Dettagli

MASTER IN MANAGEMENT DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA E ISTITUZIONALE LEGGE 150/2000

MASTER IN MANAGEMENT DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA E ISTITUZIONALE LEGGE 150/2000 MASTER IN MANAGEMENT DELLA COMUNICAZIONE Eidos Communication Via G. Savonarola, 31 00195 Roma T. 06. 45.55.54.52. F. 06. 45.55.55.44. E. info@eidos.co.it W. www.eidos.co.it INFORMAZIONI GENERALI OBIETTIVI

Dettagli

(1968), e i ritratti delle nuove mode e dei nuovi comportamenti

(1968), e i ritratti delle nuove mode e dei nuovi comportamenti Conosciuto internazionalmente come pubblicitario dietro i più famosi giornali e marchi del mondo, creatore di immagini corporate e campagne pubblicitarie per Esprit, Chanel, Fiorucci, Prénatal. Come fotografo

Dettagli

LISTA DI ATTIVATORI MENTALI

LISTA DI ATTIVATORI MENTALI Pillola formativa time management LISTA DI ATTIVATORI MENTALI OBIETTIVO questo esercizio ti aiuterà a svuotare la mente da tutte le attività irrisolte e non processate. Di seguito è riportata una lista

Dettagli

PILLOLE DI PAR CONDICIO

PILLOLE DI PAR CONDICIO PILLOLE DI PAR CONDICIO PROGRAMMI DI INFORMAZIONE I telegiornali, i giornali radio, i notiziari e ogni altro programma di contenuto informativo a rilevante presentazione giornalistica devono garantire

Dettagli

DELIBERA N. 722/13/CONS

DELIBERA N. 722/13/CONS DELIBERA N. PROVVEDIMENTO DI ACCOGLIMENTO DELLA RICHIESTA DI DEROGA AGLI OBBLIGHI DI INVESTIMENTO IN OPERE CINEMATOGRAFICHE DI ESPRESSIONE ORIGINALE ITALIANA E DI TRASMISSIONE DI OPERE EUROPEE SPECIFICAMENTE

Dettagli

BANDO PER IL CONCORSO DI IDEE NEL SETTORE DELLA COMUNICAZIONE CREATIVA

BANDO PER IL CONCORSO DI IDEE NEL SETTORE DELLA COMUNICAZIONE CREATIVA BANDO PER IL CONCORSO DI IDEE NEL SETTORE DELLA COMUNICAZIONE CREATIVA E DELLA MULTIMEDIALITA FINALIZZATO A UN PERCORSO DI MENTORING DELLA DURATA DI 11 MESI PER LO SVILUPPO DI AUTOIMPRENDITORIALITA Premesso

Dettagli

IL PIANO DI COMUNICAZIONE

IL PIANO DI COMUNICAZIONE Roma, 23 giugno 2011 Sala Liri Regione Lazio IL PIANO DI COMUNICAZIONE POR FESR Lazio 2007/2013 Anna Schiavone Responsabile Comunicazione POR FESR Lazio 2007/2013 Presupposti Trasparenza (informazioni

Dettagli

Le radio e le tv sul web: F.A.Q.

Le radio e le tv sul web: F.A.Q. Le radio e le tv sul web: FAQ L Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, sulla base delle competenze ad essa assegnate dal decreto legislativo n. 44 del 2010 (cosiddetto decreto Romani, di seguito

Dettagli

2.1. Amministrazioni alle quali è rivolta la proposta. 2.2. Profilo dei destinatari e requisiti di ammissione dei partecipanti

2.1. Amministrazioni alle quali è rivolta la proposta. 2.2. Profilo dei destinatari e requisiti di ammissione dei partecipanti 2. DESTINATARI DEL MASTER 2.1. Amministrazioni alle quali è rivolta la proposta Il Master è rivolto alle Amministrazioni dello Stato, anche a ordinamento autonomo, agli Enti pubblici non economici, alle

Dettagli

GIOVANI E CROSSMEDIALITÀ: UNA RICERCA SUL TERRITORIO VENETO. A cura di Università degli Studi di Padova - Dipartimento di Ingegneria Industriale

GIOVANI E CROSSMEDIALITÀ: UNA RICERCA SUL TERRITORIO VENETO. A cura di Università degli Studi di Padova - Dipartimento di Ingegneria Industriale GIOVANI E CROSSMEDIALITÀ: UNA RICERCA SUL TERRITORIO VENETO A cura di Università degli Studi di Padova - Dipartimento di Ingegneria Industriale OBIETTIVI GENERALI DELLA RICERCA Produrre strumenti utili

Dettagli

AREA DI INDIRIZZO INDIRIZZO GRAFICA

AREA DI INDIRIZZO INDIRIZZO GRAFICA 1 Competenze chiave AREA DI INDIRIZZO Quinto anno Competenze Abilità/Capacità Conoscenze Discipline IMPARARE AD IMPARARE CONSAPEVO LEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE I1 Conoscere la storia della produzione

Dettagli

SESTA EDIZIONE DEL CONCORSO DI IDEE. Regolamento Piccoli e grandi inventori crescono

SESTA EDIZIONE DEL CONCORSO DI IDEE. Regolamento Piccoli e grandi inventori crescono SESTA EDIZIONE DEL CONCORSO DI IDEE Regolamento Piccoli e grandi inventori crescono Art.1 Premesse e finalità Il premio è rivolto agli studenti degli ultimi due anni del ciclo di studi delle scuole primarie

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1 LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE Prof. Giancarlo Ferrero 1 FINALITA Le politiche di comunicazione sono principalmente rivolte a: far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne

Dettagli

Classe 35 Classificazione di Nizza - Pubblicità, servizi di vendita

Classe 35 Classificazione di Nizza - Pubblicità, servizi di vendita Classe 35 Classificazione di Nizza - Pubblicità, servizi di vendita Classe 35 Classificazione di Nizza Pubblicità, servizi di vendita Pubblicità; gestione di affari commerciali; amministrazione commerciale;

Dettagli

INDIRIZZO A.F.M. MANAGEMENT DELLO SPORT

INDIRIZZO A.F.M. MANAGEMENT DELLO SPORT INDIRIZZO A.F.M. MANAGEMENT DELLO SPORT Lo sport in Italia, è uno dei pochi settori in crescita costante che richiede nuovi professionisti in grado di affiancare alla passione le conoscenze tecniche e

Dettagli

Macroarea: Denominazione: GIORNALE SCOLASTICO. Responsabile del Progetto: Prof.ssa IMMACOLATA ANZEVINO. Docente Collaboratore. Prof.

Macroarea: Denominazione: GIORNALE SCOLASTICO. Responsabile del Progetto: Prof.ssa IMMACOLATA ANZEVINO. Docente Collaboratore. Prof. Denominazione: GIORNALE SCOLASTICO Macroarea: A Responsabile del Progetto: Prof.ssa IMMACOLATA ANZEVINO Docente Collaboratore Prof.ssa SERENA PANTI 2. Finalità: Contribuire alla formazione di cittadini

Dettagli